Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE. N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE. N."

Transcript

1 Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE N. Colacurci EPIDEMIOLOGIA Coll. Of Obstet and Gyn., ACOG, 1998 Norwitz et Al, Semin Perinatol, 2005 Scaricato da 1

2 EPIDEMIOLOGIA W.et Al. Clin Perinatol, 2000 ISTAT 2002 EPIDEMIOLOGIA -1/3 dei gemelli sono monozitoti -2/3 dei gemelli sono dizigoti -1/3 monozigoti sono bicoriali - tutti i gemelli dizigoti sono bicoriali -100% dei monocoriali sono monozigoti -90% dei bicoriali sono dizigoti Scaricato da 2

3 EPIDEMIOLOGIA Un terzo circa delle gravidanze gemellari sono monozigotiche. Di queste il 33% sono anche dicoriali in quanto la separazione avviene entro 3 giorni dalla formazione dello zigote MANAGEMENT Scaricato da 3

4 SORVEGLIANZA PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA NELLE GRAVIDANZE GEMELLARI? Mancanza di dati oggettivi e basati sull evidenza che indichino le modalità e gli intervalli di sorveglianza da preferire nelle gravidanze Gemellari Dati clinici di studi di coorte non randomizzati suggeriscono un miglioramento degli esiti perinatali se antenatal care in Ambulatori dedicati Sherer, Ultras Obstet Gynecol 2000 Dodd, Best Practice 2005 AMBULATORIO SPECIFICO? PERCHÈ UN AMBULATORIO SPECIFICO PER LE GRAVIDANZE GEMELLARI? Identificazione precoce della corionicità Identificazione precoce di condizioni a rischio Informazioni adeguate sulla Diagnosi prenatale e lo screening Personalizzazione dell antenatal care Informazione sui rischi della gravidanza gemellare e supporto alle pazienti Scaricato da 4

5 VALUTAZIONE INIZIALE Valutazione iniziale W Esame ecografico: Identificazione e counceling nelle gravidanze multiple Conferma di epoca gestazionale Corionicità NT Counceling in merito a DP invasiva CORIONICITA Scaricato da 5

6 DIAGNOSI DI MONO/DI-CORIALITA BICORIALE: 2 sacchi gestazionali Placente nettamente separate Lambda sign Membrana (spessore > 1,5-2mm) MONOCORIALE: Sacco gestazionale unico T sign Membrana M b (spessore 152 1,5-2mm) DATAZIONE 1) SE C È DISCREPANZA QUALE DATAZIONE SEGUIRE? 2) LA DISCREPANZA AUMENTA IL RISCHIO DI DIFETTI CROMOSOMICI? Se CRL < 9.8 mm (95 centile) basso rischio di discordanza di crescita e di outcome sfavorevole datazione sulla base del CLR del più piccolo Salomon, UOG 2005 Se CRL > 9.8 mm rischio aumentato di severo ritardo di crescita correlato ad aneuploidie La datazione è opportuno farla sulla base del CRL del gemello più grande A discrepancy in CRL that greatly exceeds the 95th percentile is likely to reflect major growth delay in one twin, which is often aneuploid Salomon, UOG 2005 Scaricato da 6

7 Screening biochimico II trimestre non utile:sensibilità < 15% singole NT SCREENING ANOMALIE CROMOSOMICHE BICORIALI sensibilità 80% falsi positivi 5% MONOCORIALI > falsi positivi NT AUMENTATO NELLA MCBA ANOMALIA CROMOSOMICA MALFORMAZIONE CARDIACA TTTS PRECOCE MANAGEMENT PERCORSI DIVERSI MONOCORIALE BICORIALE Scaricato da 7

8 MANAGEMENT GRAVIDANZE BICORIALI W - VALUTAZIONE BIOMETRICA - VELOCIMETRIA DOPPLER OMBELICALE(?) -US CERVICE W - BIOMETRIA - VELOCIMETRIA DOPPLER OMBELICALE(?) - TIMING E MODALITÀ PARTO MANAGEMENT GRAVIDANZE BICORIALI W - VALUTAZIONE MORFOLOGICA E BIOMETRICA - VELOCIMETRIA DOPPLER OMBELICALE(?) -US CERVICE W - VITALITÀ - VELOCIMETRIA DOPPLER UTERINE, OMBELICALE(?) -US CERVICE Scaricato da 8

9 MANAGEMENT GRAVIDANZE MONOCORIALI W OGNI 2 SETTIMANE FINO A 26 POI OGNI 4 SE TUTTO OK AFI E VESCICHE FETALI VALUTAZIONE MORFOLOGICA E BIOMETRICA (MENSILE) ECOCARDIOGRAFIA FETALE (20-21 W) VELOCIMETRIA DOPPLER ARTERIE UTERINE/OMBELICALE US CERVICE ULTIMO CONTROLLO 34 W CONTROLLO PRESENTAZIONE- AFI- DOPPLER OMBELICALE DISCUSSIONE TIMING E MODALITÀ DEL PARTO MANAGEMENT COMPLICANZE COMUNI: PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI IUGR/ DISCORDANZA DI CRESCITA IUGR/ DISCORDANZA DI CRESCITA CURVE DOPPLER DD TTS NELLE MONOCORIALI PARTO PRETERMINE Scaricato da 9

10 ARTERIE UTERINE E GRAVIDANZA GEMELLARE DOPPLER OMBELICALE E GRAVIDANZA GEMELLARE IN GENERE Scaricato da 10

11 GRAVIDANZA GEMELLARE: QUALI I RISCHI? GRAVIDANZA GEMELLARE: QUALI RISCHI RISCHI MATERNI: DIABETE GESTAZIONALE IPERTENSIONE INDOTTA DALLA GRAVIDANZA TAGLIO CESAREO RISCHI FETALI: ABORTO SPONTANEO RITARDO DI CRESCITA INTRAUTERINA PARTO PRETERMINE La gravidanza monocoriale biamniotica ha un maggior rischio vs alla bicoriale di: (ovvero discordanza tra i due feti di più del 20-25% del peso stimato) nel 25% circa dei casi nel 15% dei casi, soprattutto cardiache. Per questo a tutti i gemelli monocoriali è bene chiedere l ecocardiografia fetale. Scaricato da 11

12 RISCHI FETALI ABORTO SPONTANEO DI UN SOLO EMBRIONE -Più frequentemente nel corso delle prime settimane di gestazione - Vanishing twin riassorbimento della camera gestazionale con il piccolo embrione - Solitamente la gravidanza continua come singola sia nel caso di gemelli mono che bicoriali MORTE DI UN GEMELLO MONOCORIALE NEL II-III TRIMESTRE -Il gemello restante t può andare incontro a una emorragia acuta, che comporta in circa la metà dei casi morte o danno cerebrale da ipovolemia per sequestro di sangue verso il suo territorio placentare del gemello morto. - Nella restante metà dei casi il secondo gemello sopravvive senza complicanze neurologiche. - Una delle cause principali di morte in utero nelle gravidanze monocoriali è rappresentata dalla sindrome della trasfusione feto-fetale. RISCHI FETALI MORTE DI UN GEMELLO BICORIALE NEL II-III TRIMESTRE Nelle gravidanze bicoriali, il problema dell'emorragia non esiste, infatti ogni gemello ha il suo territorio placentare. Possibili rischi legati alla morte in utero di un gemello nella gravidanza bicoriale sono dovuti principalmente alla prematurità: infatti la presenza di tessuto fetale e placentare in necrosi, determina il rilascio di sostanze che attivano le contrazioni uterine. E' importante poi ricordare che la letteratura attualmente disponibile ci dice che la morte di uno dei feti non è un'indicazione ad anticipare il parto. RITARDO DI CRESCITA I casi di ritardo di crescita vengono gestiti solitamente mediante un monitoraggio ecografico più frequente, allo scopo di identificare le situazioni maggiormente a rischio, che richiedano un anticipo del parto o altri tipi di interventi Scaricato da 12

13 La TTTS (Twin to Twin Trasfusion Syndrome) Complica il 10-15% delle gravidanze monocoriali per trasfusione non bilanciata di sangue tra i due gemelli attraverso anastomosi vascolari placentari. GEMELLO DONATORE: Anemico Minor produzione di urina, vescica scarsamente evidenziabile Oligoidramnios Aspetto Stucked, cioè schiacciato contro la parete uterina Minor peso fetale stimato GEMELLO RICEVENTE: Pletorico Maggior produzione di urina, con una vescica di dimensioni aumentate Polidramnios Maggior peso fetale stimato La TTTS (Twin to Twin Trasfusion Syndrome) POSSOBILI CONSEGUENZE DELLA TTTS: Aumento eccessivo del liquido amniotico con sovradistensione uterina, che può provocare attività contrattile RISCHIO DI PARTO PRETERMINE Aumento del volume sanguigno nel ricevente Affaticamento cardiaco, specialmente nei casi cronici ed a insorgenza più precoce Quantità di sangue inferiore alla norma nel donatore Ritardo di crescita Scaricato da 13

14 La TTTS (Twin to Twin Trasfusion Syndrome) POSSIBILITÀ TERAPEUTICHE: - AMNIORIDUZIONE - COAGULAZIONE LASER DELLE ANASTOMOSI PLACENTARI La scelta della terapia dipende dall'epoca di insorgenza (più è precoce, più è grave), e dallo stadio della malattia, classificato dal gruppo di Quintero di Miami: stadio I II III IV anomalia riscontrata Polidramnios nel ricevente, oligoidramnios nel donatore Vescica non visualizzata nel donatore Alterazioni flussimetriche Idrope (eccesso di liquidi nei tessuti fetali) E' molto importante quindi la diagnosi precoce, che viene effettuata mediante controlli ecografici più frequenti rispetto a quelli richiesti per una gravidanza gemellare bicoriale: identificare i casi a maggior rischio è utile non solo per la scelta del tipo di terapia, ma anche per definire la prognosi nei singoli casi. COMPLICANZE PIU FREQUENTI Dodd JM, et Al. Best Pract Res Clin Obstet Gynaecol, 2005 Scaricato da 14

15 PARTO PRETERMINE ADATTAMENTI MATERNI: DOPPIO LAVORO? Nel corso della gestazione il feto modula, attraverso segnali ormonali mediati dalla placenta, i meccanismi omeostatici della madre al fine di creare un ambiente interno ottimale per il proprio sviluppo. La presenza di più feti e la maggiore superficie placentare comportano modificazioni più importanti per l organismo materno mettendo in stato di stress molti organi e apparati. I meccanismi coinvolti nelle gravidanze multiple rappresentano una circostanza del tutto unica della gravidanza e non solo l accentuazione dei meccanismi fisiologici Scaricato da 15

16 RISCHI MATERNI LA GEMELLARITA : FATTORE DI RISCHIO OSTETRICO? Le gestazioni multiple sono gravate da un aumentato rischio di morbidità materna legata a una maggiore incidenza di complicanze cardiache, tromboemboliche, preeclampsia, p diabete gestazionale, colestasi e dermatologiche. Mortalità materna aumentata di tre volte La necessità di ricorrere a terapia intensiva è doppia rispetto a quella delle gravidanze singole. Scaricato da 16

17 VOLUME PLASMATICO ED EMATOCRITO AUMENTO DEL VOLUME PLASMATICO: 51% quindi di ~ 2 l nella gravidanza multipla vs 48% di ~1600 ml nella gravidanza singola INCREMENTO DELLA MASSA ERITROCITARIA MATERNA : più tardivo e meno pronunciato rispetto a quello della componente plasmatica. Più importante nelle gestanti con più feti L EMATOCRITO E LA CONCENTRAZIONE EMOGLOBINEMICA TENDONO A DIMINUIRE 10-10,5 G/100 ML VERSO LE 32-34SETTIMANE. ANEMIA MATERNA Nelle gravidanze multiple è significativamente maggiore rispetto a quelle con singolo feto Dall 8.8% al 21,5% nelle gravidanze gemellari Chittacharoen A. 2006, Ghazawi AH Hruby E 2007 Al 16,7% nelle gravidanze trigemine Wen SW 2004 Anemia materna e rischio di emorragia nel postpartum è maggiore sia nel parto vaginale che nel cesareo e correlato alla più frequente incidenza di atonia uterina e di distocia Suzuky et al Anemia materna e rischio di parto pretermine: Although not statistically significant, we detected an elevated risk for stillbirth among anaemic women (20-30%) Shumpert et al. Impact of maternal anaemia on birth outcomes of teen twin pregnancies: a comparative analysis with mature young mothers. J Obstet Gynaecol Scaricato da 17

18 ANEMIA MATERNA QUANDO INIZIARE IL TRATTAMENTO? QUAL È LA MIGLIORE TERAPIA? GESTIONE CLINICA: NON È NECESSARIA UNA SORVEGLIANZA EMATOLOGICA PIÙ ASSIDUA RISPETTO ALLE GRAVIDANZE SINGOLE E CONSIGLIABILE AUMENTARE L APPORTO DI FERRO CON LA DIETA SIN DAL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA. ACCANTO AD UNA DIETA EQUILIBRATA È NECESSARIA UNA SUPPLEMENTAZIONE PROFILATTICA DI FERRO (30 MG/DIE) E ACIDO FOLICO (1,0 MG PER FETO) Clin Obstet Gynecol 1998 EDEMA POLMONARE ACUTO LE GRAVIDENZE MULTIFETALI HANNO UN MAGGIOR RISCHIO DI SVILUPPARE EDEMA POLMONARE ACUTO Anthony C. OBSTETRICS & GYNECOLOGY; MARCH 2003 Findik S. Int Gynecol Obstet, 2007 Scaricato da 18

19 TROMBOEMBOLISMO VENOSO Ed EMBOLIA POLMONARE GDM PIU FREQUENTE NELLE GRAVIDANZE GEMELLARI? Aust NZ Obstet Gynaecol, 1998 Gestational diabetes mellitus was increased in twins (7.7% 7% vs 4.1%; P <0.05). Schwartz DB, Am J Obstet Gynecol, 1999 Using American Diabetes Association criteria, this study showed an 8.6% (12/140) incidence of gestational diabetes in multifetal pregnancy compared with 2.8% (4/140) in singletons. The difference was statistically significant (P < 0.05). Saltzman, J of Maternal Fetal Inv, 1997 Scaricato da 19

20 GDM PIU FREQUENTE NELLE GRAVIDANZE GEMELLARI? LE DONNE TRA I 30 E 34 ANNI HANNO IL DOPPIO DI PROBABILITÀ DI AVERE UNA GRAVIDANZA DIZIGOTE RISPETTO ALLE DONNE DI ETÀ INFERIORE AI 20 ANNI ADULT-ONSET DISEASE: DIABETE, IPERTENSIONE, PARTO PRETERMINE, TAGLIO CESAREO MAGGIORE E IL NUMERO DI DONNE CHE SI SOTTOPONE CON SUCCESSO ALLE TECNICHE DI PROCREAZIONE ASSISTITA GDM E GRAVIDANZE MULTIPLE Scaricato da 20

21 GDM E GRAVIDANZE MULTIPLE IPERTENSIONE E PREECLAMPSIA Preeclampsia twin gestations X 2.6 times of singleton gestations triplet gestations twin gestations Significantly more likely to occur earlier and to be severe <35wks : gestational hypertension (12.4times in twin) preeclampsia (6.7times in twin) hypertension with diastolic BP >110 (2.2 times in twin) Multiple gestations by ART : greater risk of develop in hypertensive complications than spontaneous multiple gestations (unknown) High-order multiple gestations: more likely to develop atypical preeclampsia p - hypertension (50%) edema (38%) proteinuria (19%) epigastric pain (60%) HELLP : hemolysis, elevated liver enzymes, low PLT (56%) Multifetal reduction : may decrease the risk of preeclampsia Management of hypertension complications in high-order multiple gestations has not been studied prospectively Placental abruption :8.2times Scaricato da 21

22 COLESTASI INTRAEPATICA GRAVIDICA LA PREVALENZA DELLA ICP È SIGNIFICATIVAMENTE MAGGIORE NELLE GRAVIDANZE GEMELLARI RISPETTO A QUELLE SINGOLE (20,9% VS 4,7%) Gonzalez MC. Et al. J Hepatolo Jul: AFLP: ACUTE FATTY LIVER OF PREGNANCY Scaricato da 22

23 TRATTO GENITO-URINARIO IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE Scaricato da 23

24 EPOCA E MODALITA DI PARTO GRAVIDANZA GEMELLARE PROBLEMATICHE LEGATE AL PARTO: Scaricato da 24

25 EPOCA DEL PARTO PROBLEMI: POCHI TRIALS RANDOMIZZATI NON VI SONO EVIDENZE SU QUALE SIA L EPOCA MIGLIORE PER INDURRE IL PARTO TEMPI E MODALITÀ DI PARTO DEVONO TENER CONTO NON SOLTANTO DELLA PRESENTAZIONE FETALE IN TRAVAGLIO DI PARTO MA ANCHE DELLA TIPOLOGIA DELLA GRAVIDANZA GEMELLARE (CORIONICITÀ E AMNIONICITÀ ) EPOCA DEL PARTO CORIONICITÀ E AMNIONICITÀ : rischio aumentato t di cord entanglement, t conmortalità 30-50% che però diminuisce con l e.g. Indicazione a TC elettivo, epoca variabile negli studi tra 32 e 36 settimane : rischio aumentato di TTTS acuta anche nel III trimestre, 1,5-4,5%, e anche durante il travaglio di parto. Con storia di TTTS è indicato il TC elettivo a 32 settimane. In assenza di TTTS PV con le stesse indicazioni della bicoriale biamniotica Scaricato da 25

26 EPOCA DEL PARTO BICORIALE-BIAMNIOTICA: INDUZIONE DEL PARTO A SETTIMANE Sulla base degli studi analizzati si possono trarre le seguenti conclusioni: Si ritiene opportuno programmare il parto sulla base della corionicità: Si ritiene dunque che dopo tali epoche la gravidanza gemellare va considerata oltre il termine e come tale va monitorata MODALITA DEL PARTO CONSIDERAZIONI Le modalità di parto non possono prescindere dalla corionicità e dall epoca gestazionale Il secondo gemello è sempre più svantaggiato qualunque sia la modalità di parto, se tuttavia la modalità di parto è il taglio cesareo si riduce in modo significativo il rischio di anossia intraparto e gli outcome sono migliori 1. Armson BA, O Connell C, Persad V, Joseph KS, Young DC, Baskett TF Determinants of perinatal mortality and serious neonatal morbility in the second twin Obstetrics and Gynecology, Smith GCS, Shah I, White IR, Pell JP, Dobbie R Mode of delivery-related perinatal death among twins at term: a retrospective cohort study of 8073 births, BJOG, 2005 Scaricato da 26

27 MODALITA DEL PARTO MODALITA DEL PARTO CONSIDERAZIONI SUL RISCHIO DEL PARTO VAGINALE Il secondo gemello è sempre più svantaggiato qualunque sia la presentazione, la corionicità o il sesso del neonato, ed a qualunque epoca gestazionale con un rischio complessivo 3 volte superiore (1542 coppie di gemelli). Fattori che aumentano il rischio di outcome sfavorevoli sono il parto vaginale programmato, la discordanza di peso, ed un intervallo prolungato tra la nascita del I e del II gemello. Il numero di TC necessari per prevenire un evento sfavorevole in questo studio (NNT) è 33 Armson BA, O Connell C, Persad V, Joseph KS, Young DC, Baskett TF Determinants of perinatal mortality and serious neonatal morbility in the second twin Obstetrics and Gynecology, 2006 Scaricato da 27

28 MODALITA DEL PARTO CONSIDERAZIONI SUL RISCHIO DEL PARTO VAGINALE CON PRESENTAZIONE PODALICA Popolazione studiata: gemelli nati in Svezia tra il 1991 e il RISULTATI: 1 gemello podalico: la mortalità perinatale ha un OR = 5,6. 2 gemello podalico: la mortalità perinatale ha un OR = 1,85. CONCLUSIONI: vi è una aumentata mortalità perinatale se uno dei gemelli è podalico. Rydhstroem H. Should all twins be delivered by cesarean section? A preliminary report Twin Research 2001, 4(3): MODALITA DEL PARTO MODALITA DI PARTO IN BASE ALLA PRESENTAZIONE VERTICE-VERTICE (40% circa): parto vaginale VERTICE-NON VERTICE (40% circa): se situazione è trasversa si deve tentare il rivolgimento interno e quindi optare per il parto vaginale; se la presentazione è podalica si deve propendere per il parto vaginale solo se l operatore è esperto e le condizioni i i locali li della donna favorevoli NON VERTICE-ALTRO (20% circa): taglio cesareo elettivo Scaricato da 28

29 MODALITA DEL PARTO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO ASSOLUTE: GRAVIDANZA GEMELLARE MONOCORIALE MONOAMNIOTICA GEMELLI CONGIUNTI INDICAZIONI ASSOLUTE CHE VALGONO ANCHE PER LE GRAVIDANZE SINGOLE (PLACENTA PREVIA ECC.) RELATIVE: PRIMO GEMELLO IN PRESENTAZIONE DIVERSA DA QUELLA CEFALICA GRAVIDANZA GEMELLARE COMPLICATA (TTTS ECC.) Best Practice and Research Clinical Obstetrics and Gynecology, 2002 MODALITA DEL PARTO QUALI SONO LE DIFFERENZE DEL MANAGEMENT RISPETTO AD UN PARTO IN UNA GRAVIDANZA SINGOLA? Ecografo in sala parto (possibilità che il II gemello modifichi la presentazione nel 20% dei casi) Sala operatoria disponibile Monitoraggio CTG in continua per entrambi i gemelli No Kristeller sul primo gemello Perfusione con ossitocina L anestesia peridurale può essere utile Attenzione ad atonia uterina e prolasso del funicolo soprattutto dopo la nascita del primo gemello Scaricato da 29

30 MODALITA DEL PARTO QUANTO TEMPO DEVE PASSARE TRA L ESPULSIONE DEL PRIMO E DEL SECONDO GEMELLO? In letteratura, al di là di casi aneddotici, vi è accordo nel sostenere che un tempo ragionevole di attesa equivale a 30 minuti, durante i quali il monitoraggio CTG del secondo gemello deve essere accurato e continuo. Trascorsi i trenta minuti è bene accelerare i tempi di espulsione anche ricorrendo ad un parto operativo vaginale o a taglio cesareo IL RISCHIO DI OUTCOME SFAVOREVOLE PER IL II GEMELLO AUMENTA CON INTERVALLI SUPERIORI A 15 MINUTI! Armson BA, et al. Determinants of perinatal mortality and serious neonatal morbility in the second twin Obstetrics and Gynecology, 2006 MODALITA DEL PARTO Parto vaginale del II gemello: punti controversi Quale è il modo migliore di partorire quando il secondo gemello non è di vertice? Possibilità che il II gemello modifichi la presentazione dopo la nascita del I nel 20% dei casi: è meglio la versione cefalica esterna o l estrazione podalica? E utile l applicazione di ventosa? Quale differenza di peso tra i due gemelli rende sconsigliabile il parto vaginale? Scaricato da 30

31 MODALITA DEL PARTO COMUNICAZIONE ALLA PAZIENTE DEL CONCETTO DI RISCHIO Rischio relativo (RR), rischio assoluto (RA) o NNT (number needed to treat) RR di morte del II gemello (vertex-non vertex) è 2,3:1 nel parto vaginale (PV) rispetto al taglio cesareo (TC); aumenta a 3,2:1 se TC sul II gemello (PV/TC) RA però è 8/1000 (TC) vs 15/1000 (PV) vs 20/1000 (PV/TC) NNT, 1222 TC per prevenire 1 morte del II gemello, 97 TC per prevenire un outcome sfavorevole del II gemello Meyer MC. Translating data to dialogue: how to discuss mode of delivery with your patient with twins AJOG, 2006 Center for Disease Control: AJOG, 2004, 2004, 2005 MODALITA DEL PARTO COMUNICAZIONE ALLA PAZIENTE DEL CONCETTO DI RISCHIO Quale è il rischio accettabile per il feto? NNT per prevenire - 1 morte da travaglio dopo precedente TC = rottura d utero da travaglio dopo precedente TC = evento sfavorevole dopo parto podalico = evento sfavorevole dopo PV nel II gemello = 97 Meyer MC. Translating data to dialogue: how to discuss mode of delivery with your patient with twins AJOG, 2006 Scaricato da 31

32 MODALITA DEL PARTO COMUNICAZIONE ALLA PAZIENTE DEL CONCETTO DI RISCHIO Meyer MC. Translating data to dialogue: how to discuss mode of delivery with your patient with twins AJOG, 2006 CONCLUSIONI GRAVIDANZA MULTIPLA = FATTORE DI RISCHIO PER MORBILITÀ E MORTALITÀ MATERNA E OPPORTUNO DELINEARE SPECIFICI PERCORSI MULTIDISCIPLINARI PER RIUSCIRE A GESTIRE IN MANIERA CORRETTA QUESTE GRAVIDANZE E INTERVENIRE TEMPESTIVAMENTE NEL CASO DI BISOGNO. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008 Issue 1 Copyright 2008 The Cochrane Collaboration. Published by John Wiley & Sons, Ltd. EVITARE UNA PROLUNGATA E A VOLTE INUTILE OSPEDALIZZAZIONE SIA PER NON CREARE ULTERIORI STRESS ALLA GESTANTE SIA PER ALLEVIARE I COSTI SOCIALI LEGATI A QUESTE GRAVIDANZE Scaricato da 32

33 CONCLUSIONI UN ADEGUATA INFORMAZIONE SUI POSSIBILI RISCHI DOVREBBE ESSERE FORNITA ALLE DONNE CHE AFFRONTANO UNA GRAVIDANZA GEMELLARE IN PARTICOLAR MODO A QUELLE DONNE CHE HANNO INTENZIONE DI SOTTOPORSI A TRATTAMENTI DI PROCREAZIONE ASSISTITA DATA L ELEVATA INCIDENZA DI GEMELLARITÀ IN QUESTI CASI. Scaricato da 33

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE DIAGNOSI DI GRAVIDANZA GEMELLARE: L'IMPORTANZA DELL'ECOGRAFIA NEL I TRIMESTRE Carla Verrotti U.O. Salute Donna Dipartimento Cure Primarie Distretto di Parma Azienda USL di Parma zigosità corionicità amnioticità

Dettagli

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara La plurifecondazione umana con lo sviluppo di più feti e la fecondazione unica con sdoppiamento e sviluppo dei due feti costituiscono

Dettagli

TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO

TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO Un taglio cesareo (TC) è detto elettivo quando è stato deciso a priori ed è effettuato in situazioni non di urgenza. Elettivo è sinonimo di scelto

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Le complicazioni mediche non ipertensive della madre nella. multipla

Le complicazioni mediche non ipertensive della madre nella. multipla Le complicazioni mediche non ipertensive della madre nella gravidanza multipla Andrea L. Tranquilli, Paola Vitali Istituto di Scienze Materne e Infantili Scuola di Specializzazione in Ginecologia ed Ostetricia

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Trasfusioni fetali Anemia Alloimmunizzazione Rh Anemia da parvovirus B19 Anemia da

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof.

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Corso di Laurea in OSTETRICIA Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Fabio GHEZZI Programma: Il monitoraggio della gravidanza fisiologica

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Diabete gestazionale

Diabete gestazionale Diabete gestazionale Obiettivi terapeutici Raffaele Volpe U.O.Endocrinologia A.O.R.N. A.Cardarelli Napoli International Association of Diabetes and Pregnancy Study Groups Recommendations on the Diagnosis

Dettagli

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP)

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) DIAGNOSI PRENATALE SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) offrire ai genitori e al medico le migliori informazioni possibili sui rischi di dare alla luce un bambino affetto da un'anomalia congenita o da una

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Tullia Todros Unità di Medicina Materno-Fetale Università di Torino

Tullia Todros Unità di Medicina Materno-Fetale Università di Torino EPIDEMIOLOGIA DELLE GRAVIDANZE MULTIPLE Tullia Todros Unità di Medicina Materno-Fetale Università di Torino Incidenza nel tempo Fattori predisponenti PMA Malformazioni ANDAMENTO TEMPORALE Numero di parti

Dettagli

L a G a t s ros o c s h c i h si D tt t. t ssa a A. De D e La L zzari

L a G a t s ros o c s h c i h si D tt t. t ssa a A. De D e La L zzari Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli La Gastroschisi

Dettagli

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia DEFINIZIONE PROM Per premature rupture of membranes (PROM) si intende

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli Inserzione

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PREMATURITA La WHO definisce il parto pretermine come il parto che avviene prima delle 37 settimane di gravidanza 6-10% dei parti sono pretermine ma di questi 50% > 35 settimane.

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM)

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) Dr.ssa Donatella Zavaroni Il diabete gestazionale ( GDM ) è un alterazione del metabolismo glucidico che compare in gravidanza.e tra le

Dettagli

! i.pozzi@ospedale.lecco.it

! i.pozzi@ospedale.lecco.it CURRICULUM VITAE Dr.ssa Ilaria POZZI! i.pozzi@ospedale.lecco.it PROFILO E COMPETENZE Medico Specialista in Ginecologia e Ostetricia, titolo conseguito il 13 Dicembre 2013 con votazione di 70/70, laureata

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS Fase del compenso 1 Il dotto venoso, nel proseguo della gravidanza fisiologica tende a ridurre la sua portata, passando dal 70% fino

Dettagli

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OTTOBRE 2011 3 LU 4 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - FECONDAZIONE PLACENTAZIONE D'ANTONA 5 ME dalle 12.30 alle 13.15 FUNZIONI PLACENTARI - MODIFICAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA D'ANTONA dalle 13.30

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO

COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO 11 COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO (630-677) Le condizioni che influenzano l evoluzione della gravidanza, del parto e del puerperio sono classificate da 630 a 677, nell ambito

Dettagli

Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato

Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato Sofia Sollazzi, Giovanni Centini, Lucia Rosignoli, Felice

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI

GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI Taormina 15-16 aprile 2011 GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI Claudio Pozzi Ospedale Bassini ICP Milano Bibliografia ricca negli anni 80 e 90 Hayslett JP, Kidney Int 1984 Surian M et al, Nephron 1984 Katz AI

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Meno invasiva Più precoce ? Fattori particolari di rischio per la diagnosi prenatale Sono fattori che possono Fibromi

Dettagli

ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI

ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI Ferrara, 21 Marzo 2014 ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI Dott.ssa Elena Mossuto Nel 1990 INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA Nel 2009 kg 12.5-18 11.5-16 7-11.5 5-9 Weight

Dettagli

Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio

Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio Dott.ssa Paola Pileri 20 aprile 2015, Conegliano La conta piastrinica in gravidanza: nel 90% rimane invariata La trombocitopenia è il secondo disordine (712%delle

Dettagli

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Ostetrica e ultrasuoni: Il ruolo dell Ostetrica alla luce delle nuove normative VI CORSO GALLURESE DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OLBIA

Dettagli

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base.

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Frusca, T., Soregaroli, M., Lojacono A., Enterri, L., Platto, C., Bianchi U.A.

Dettagli

Responsabile - S.C. Ostetricia e Ginecologia.

Responsabile - S.C. Ostetricia e Ginecologia. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Meir Yoram Jacob Data di nascita 01/12/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico ASL DI BASSANO D. GRAPPA Responsabile

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

L ecografia ostetrica é la tecnica più usata nello studio del benessere fetale e nel 2004, a livello nazionale, sono state effettuate in media

L ecografia ostetrica é la tecnica più usata nello studio del benessere fetale e nel 2004, a livello nazionale, sono state effettuate in media Fonte: Analisi del evento nascita. Ministero dela Salute. Dipartimento dela Qualità. Direzione Generale Sistema Informativo. Ufficio di Direzione Statistica. GENNAIO 2007 Indagini diagnostiche in gravidanza

Dettagli

ultrascreen villocentesi amniocentesi

ultrascreen villocentesi amniocentesi CORSO TEORICO PRATICO DI ECOGRAFIA PER OSTETRICHE Conegliano, 10-12 giugno 2010 Ruolo dell ostetrica nella diagnosi prenatale e nel counselling della diagnosi prenatale: ultrascreen villocentesi amniocentesi

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

"CORSO TREVISO" VI 2012/2013 DECRETO D'AREA

CORSO TREVISO VI 2012/2013 DECRETO D'AREA OTTOBRE 2012 LEZIONI OSTETRICIA e GINECOLOGIA "CORSO TREVISO" VI anno, Primo semestre a.a. 2012/2013 1 LU 2 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - AMBROSINI 3 ME dalle 12.30 alle 13.15 FECONDAZIONE PLACENTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Scienze Ostetriche e Ginecologiche Ciclo XXI LO SCREENING DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE NELLA PRATICA CLINICA MEDIANTE

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO Introduzione al Progetto La salute materno infantile è un indicatore importante del livello di sviluppo

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

Infertilità e fattore età

Infertilità e fattore età Infertilità e fattore età F. Iannotti, GB. La Sala Struttura Complessa di Ostetricia Ginecologia Arcispedale S. Maria Nuova Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia La fertilità, definita come capacità di

Dettagli

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara Sorveglianza prenatale n E la sistematica e attenta valutazione della donna gravida con lo scopo di

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA PROF. ALESSANDRO CARUSO Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Una nutrizione corretta determina condizioni ottimali di salute materne,

Dettagli

IL NATO PRETERMINE DA PROCREAZIONE ASSISTITA E NON: L INFORMAZIONE DEI GENITORI

IL NATO PRETERMINE DA PROCREAZIONE ASSISTITA E NON: L INFORMAZIONE DEI GENITORI IL NATO PRETERMINE DA PROCREAZIONE ASSISTITA E NON: L INFORMAZIONE DEI GENITORI Laura Gioira, Dott. Luca Antonio Ramenghi, Ostetrica Paola Agnese Mauri INTRODUZIONE Affrontando il tirocinio clinico presso

Dettagli

Diagnosi prenatale diretta: riconsideriamo i rischi. Luigi Filippo Orsini

Diagnosi prenatale diretta: riconsideriamo i rischi. Luigi Filippo Orsini Diagnosi prenatale diretta: riconsideriamo i rischi Luigi Filippo Orsini Elementi del counselling prima della diagnosi prenatale Indicazioni Possibilità delle indagini Descrizione della tecnica Rischi

Dettagli

L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini

L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini Modena 29 marzo 2012 Ecografia del I trimestre: 11-14 w Ecografia nel I trimestre

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

La misura della translucenza nucale (Rassegna)

La misura della translucenza nucale (Rassegna) La misura della translucenza nucale (Rassegna) Clara Sacchini Azienda USL di Parma LA MISURA DELLA TRANSLUCENZA NUCALE Nel 1866 Langdon Down descriveva i soggetti affetti da trisomia 21, detta anche sindrome

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

5 Epidemiologia degli eventi avversi

5 Epidemiologia degli eventi avversi 5 Epidemiologia degli eventi avversi EPIDEMIOLOGIA DEGLI EVENTI AVVERSI In epidemiologia, i fattori sociodemografici sono spesso considerati indici di rischio più che fattori di rischio. Mentre i fattori

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE

PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL DIABETE GESTAZIONALE Il Percorso per l assistenza alle donne affette da diabete gestazionale è stato elaborato in ambito interdisciplinare, con il coinvolgimento della SSD

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale Bertinoro, 19 Ottobre 2013 Eva Pompilii eva_pompilii@yahoo.it Limiti attuali del Non invasive Prenatal Testing/ Non Invasive Prenatal

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RODOLFI MARINA TERESA Indirizzo 23017 MORBEGNO (SO) VIA VANONI 53 Telefono 0342 613 990 339 3311581 Fax E-mail

Dettagli

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 4 RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 1 2 Premessa In questo fascicolo sono presentati i risultati della attività di PMA svolta dal 1985 al 2012 in Italia dalla

Dettagli

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO UPDATE Diabete in Gravidanza Cesena 10 Aprile 2010 DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO Dott.ssa Mirella Guazzarini CLASSIFICAZIONE W.H.O. (World Health Oraganization) DIABETE Pregravidico DIABETE Gestazionale

Dettagli

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI CORSO 1 SIMP SIEOG Diagnosi e counselling delle malformazioni cardiache feto-neonatali Screening ecografico in utero Di Luzio

Dettagli

I test di screening della. una visione d insieme. M.C. Galassi

I test di screening della. una visione d insieme. M.C. Galassi I test di screening della aneuploidie cromosomiche: una visione d insieme M.C. Galassi Indagini prenatali delle aneuploidie La cariotipizzazione è considerata l indagine gold standard per la diagnosi della

Dettagli

Tranquility. Il più Accurato Test Prenatale Non Invasivo per le Trisomie Evita l amniocentesi quando non è necessario

Tranquility. Il più Accurato Test Prenatale Non Invasivo per le Trisomie Evita l amniocentesi quando non è necessario Tranquility Il più Accurato Test Prenatale Non Invasivo per le Trisomie Evita l amniocentesi quando non è necessario Un test del sangue semplice, sicuro e sensibile, dalle elevate performance predittive

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA ECOGRAFIA DEL I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA L'ecografia del I trimestre fornisce informazioni molto importanti ai fini del regolare decorso della gravidanza: consente di accertare la regolare sede intrauterina

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Un centro medico innovatore e completo per la donna di oggi proiettato internazionalmente

Un centro medico innovatore e completo per la donna di oggi proiettato internazionalmente Un centro medico innovatore e completo per la donna di oggi proiettato internazionalmente Ref. 120 / Març 2008 Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Riproduzione Gran Via Carles III 71-75 08028 Barcelona,

Dettagli

COME ASSISTERE IL NEONATO PREMATURO AI LIMITI DELLA CAPACITÀ DI SOPRAVVIVENZA

COME ASSISTERE IL NEONATO PREMATURO AI LIMITI DELLA CAPACITÀ DI SOPRAVVIVENZA COME ASSISTERE IL NEONATO PREMATURO AI LIMITI DELLA CAPACITÀ DI SOPRAVVIVENZA Relazione tenuta dal dott. Hubert Messner l 11 novembre 2003 a Merano PREMESSA Negli ultimi anni, i progressi compiuti dalla

Dettagli

Update diabete in gravidanza Rischi ostetrici e fetali della gravidanza diabetica. U.O. Ostetricia Ginecologia

Update diabete in gravidanza Rischi ostetrici e fetali della gravidanza diabetica. U.O. Ostetricia Ginecologia Update diabete in gravidanza Rischi ostetrici e fetali della gravidanza diabetica Marinella Lenzi Giovanna Todarello U.O. Ostetricia Ginecologia Cesena 10 aprile 2010 Diabete e gravidanza Diabete 1 Diabete

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Corso di formazione e aggiornamento VERONA 20 OTTOBRE 2012. ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE: pprom

Corso di formazione e aggiornamento VERONA 20 OTTOBRE 2012. ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE: pprom Corso di formazione e aggiornamento VERONA 2 OTTOBRE 212 ROTTURA PREMATURA DELLE MEMBRANE: pprom Incidenza e importanza clinica di questa patologia Overview delle complicanze materno-fetali Casistica e

Dettagli

INDICAZIONI PER IL TAGLIO CESAREO

INDICAZIONI PER IL TAGLIO CESAREO Regione Campania Deliberazione N. 118 del 2 febbraio 2005 Approvazione "Indicazioni per la riduzione della incidenza del taglio cesareo in Regione Campania"con allegati. Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli