Rassegna Stampa. Giovedì 01 gennaio 1970

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Giovedì 01 gennaio 1970"

Transcript

1 Rassegna Stampa Giovedì 01 gennaio 1970 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende Milano Via Mameli, 11 Tel Fax

2 Rassegna del 01 gennaio 1970 ASL BRESCIA Il Giorno 1, 3 FAVELA IN CITTÀ Beatrice Raspa 1 Bergamo_brescia Corriere Della Sera (bs) 4 GRIFFE FALSE E FOGNE ROTTE, SIGILLI ALLA CASA DEGRADATA 4 Il Giornale Di Brescia 1, 9 BLIRZ NEL BAZAR DEL TAROCCO Daniela Zorat 5 Il Giornale Di Brescia 21 L'UCID TENDE LA MANO A BANDA E PROTEZIONE CIVILE 8 Bresciaoggi 1, 10 SEQUESTRATO IN VIA MILANO IL CONDOMINIO DELLE FALSE GRIFFE Mario Pari 9 Bresciaoggi 12 L'INFLUENZA METTE A LETTO 4MILA BRESCIANI Lisa Cesco 12 Bresciaoggi 12 IL GIN PENT E LA CURA DELLA NATURA Ma.b. 14 Bresciaoggi 12 LA MALATTIA TRA FEBBRE E DOLORI MUSCOLARI Lisa Cesco 15

3 Sfc ttordici furgoni. pieni di merce seques All'interno dello stabile c'era una enorme quantità di capi di marca contraffatti -^ (Fcftolive) RASPA a A pagina 3 Blitz nel condominio della vergogna tra abusivi, capi taroccati e criminalità Brescia, in via Milano interviene la forza pubblica. Condizioni allucinanti di BEATRICE RASPA - BRESCIA - UNA IMMENSA favela, con pareti scrostate, calcinacci caduti, muri devastati dagli scarabocchi, fognature rotte, perdite di gas, muffa. E poi cumuli di merce contraffatta accatastata ovunque, in mezzo alla sporcizia. Alle porte del centro di Brescia. E' quello che hanno scoperto ieri mattina gli agenti della Polizia municipale, supportati dalla Guardia di Finanza, dai vigili del fuoco e dai tecnici dell'asl in uno stabile di via Milano 140/B. Il blitz, scattato alle 6.30 su indicazione del sostituto procuratore Federico Bisceglia, ha portato alla lu- ASL BRESCIA Pag. 1

4 AL CIVICO UO/B All'interno 14 clandestini e un mega magazzino di merce contraffatta e rubata ce un piccolo terzo mondo incuneato tra i palazzi popolari. Un condominio con 25 appartamenti in stato di avanzato degrado, rifugio pressoché esclusivo di immigrati clandestini. Nove alloggi sono risultati adibiti a magazzini per una grande quantità di merce contraffatta, anzitutto abbigliamento e accessori griffati "tarocchi", ma non solo. Piumini, borse, giubbotti erano mescolati a materassi, sacchi, scatoloni e valigie, mentre in cucina facevano bella mostra di sé montagne di pentole mai lavate abbandonate per terra. LA PERQUISIZIONE, cui hanno collaborato anche cani 007, ha portato alla luce molto altro. Lunga la lista del "bottino": un serie di carte di credito clonate, numerosi scooter e motorini - sono in corso indagini per capirne la provenienza, ma si ipotizza si tratti di merce rubata - televisori, macchine da cucire. E ancora: alcune dosi di hashish. Per liberare gli appartamenti in questione 14 furgoni della Polizia municipale hanno lasciato lo stabile completamente carichi. A preoccupare, anche le condizioni igieniche disastrose. Le stanze erano alle merce' di fughe di gas, infiltrazioni d'acqua, scoli di fognatura liberi nei garage. Nessuno degli impianti era a norma, dunque in via precauzionale il palazzo è stato dichiarato inagibile ed è stato sigillato. L'immobile era stato trasformato in enclave di clandestini. All'interno sono stati sorpresi 14 africani privi di documenti, anzitutto senegalesi e nigeriani, finiti al comando di via Donegani. Ma guai si profilano pure per i proprietari delle quattro mura, intestate a tre società bresciane che ora rischiano la denuncia per favoreggiamento dell'immigrazione irregolare. NELCUORE DELDEGRADO A DUE PASSI DAL CENTRO UN PALAZZO POPOLARE CENTRALE DI CRIMINALITÀ E RIFUGIO DI SBANDATI FOTOGALLERY SOTTO LA LENTE SI INDAGA SUI PROPRIETARI DELL'IMMOBILE: RISCHIANO IL FAVOREGGIAMENTO Sporcizia, fogne a cielo aperto, furto di elettricità: lo scenario sembra quello della peggiore favela Mezzi rubati oltre a una quantità enorme di capi di marca contraffatti proprio negli appartamenti Nel bilancio finale della polizia locale si contano V* furgoni riempiti con merce taroccata ASL BRESCIA Pag. 2

5 ALL'OPERA L'accesso con la forza pubblica è stato ordinato dal sostituto procuratore Federico Bisceglia ed è scattato alle 6,30 di mattina (Fotolive) ASL BRESCIA Pag. 3

6 Iti wia Milano Griffe false e fogne rotte Sioilìl 'ill'i P'ìQ'-l rip0t*'1fy-l'i r ì o Merce contraffatta e materiale per falsificare sono stati ritrovati ieri in un condominio di 25 appartamenti in via Milano 140/b. I capi d'abbigliamento contraffatti erano in nove appartamenti, ina la situazione di degrado riguarda l'intero stabile (nella foto Fotogramma Io spa2io box) che è stato sgomberato: le fogne sono rotte e gli impianti a rischio. La perquisizione, disposta dal pm Federico Bisceglia, è stata effettuata dalla polizia Locale. Sul posto anche vigili del fuoco. Finanza, Asl e Comune. o ASL BRESCIA Pag. 4

7 Blitz nel bazar del tarocco Maxisequestro di capi contraffatti di Gdf e Locale BRESCIA Blitz alle prime ore del mattino, ieri, in un pa - lazzo al 140 di via Milano. All'interno dei 25 appartamenti Guardia di finanza e Polizia LA CITTA ILLEGALE locale hanno trovato migliaia di capi d'abbigliamento con marchi contraffatti. All'operazione hanno partecipato anche Vigili del fuoco, Asl e A2A. Per fughe di gas e condizioni igieniche, l'immobile è stato dichiarato inagibile. a pagina 9 Via Milano 140, bazar del tarocco Maxisequestro di capi e accessori con marchi contraffatti da parte di Locale e Finanza Due appartamenti a luci rosse, in un altro trovato un kit per clonare le carte di credito Il blitz scatta all'alba. Alle 6.30 del mattino, quando è ancora buio. Agenti della Polizia locale e uomini della Guardia di finanza, contemporaneamente, si presentano alle porte dei 25 appartamenti e suonano i citofoni per farsi aprire. Qualcuno risponde. Altri fingono di non sentire. Qualcun altro si oppone. Ma in pochi istanti tutti gli appartamenti vengono aperti e controllati. Nello stabile di via Milano 140, che denuncia uno stato di degrado a cominciare dalle cassette della posta che - sgangherate - fanno bella mostra all'ingresso, vivono un'ottantina di persone. Si tratta perlopiù di stranieri, soprattutto africani. Tra loro una quindicina è senza permesso di soggiorno. Ma in quei locali non si vive soltanto. Si lavora pure. In sei appartamenti si «assemblano» e quindi si «producono» capi d'abbigliamento con griffe contraffatte. A giubbotti e piumini «nudi», qui vengono appiccicati i marchi delle case di moda più famose, da Monclair a Colmar, da Hogan a Louis Vuitton, da Gucci a Nike. Lo dimostrano le macchine per cucire e le punzonatrici. Alcune stanze sono adibite a «sale espositive» con tanto di borse e capi di tendenza appesi alle pareti. Anche i garage e le auto parcheggiate nel piccolo cortile sono stracolmi di grossi sacchi di plastica e cellophane pieni di oggetti che d'estate vengono venduti sulle spiagge, dagli occhiali agli asciugamani. Migliaia i capi che uno degli stessi «produttori» aiuta a caricare su un furgoncino ASL BRESCIA Pag. 5

8 della Locale a operazioni ultimate. Tra i 25 appartamenti ci sono pure quelli in cui vivono (ed esercitano) cinque lucciole nigeriane. Due sembrano giovanissime, tanto che saranno sottoposte ad un esame radiologico per stabilire la loro esatta età anagrafica. A detta di Polizia locale e Fiamme gialle i loro però sono gli appartamenti più puliti. Nell'attico viene recuperato un «kit» per la clonazione delle carte di credito. I vigili del fuoco, con piedi di porco, sega circolare e spranghe aprono tutti i garage. In uno sono conservati faldoni e documenti relativi a vecchi fallimenti, ma pure otto ciclomotori che - ad un primo controllo sulle targhe - non risultano rubati. Insieme a poliziotti e militari ci sono pure gli aiutanti a quattro zampe: Cico e Iaxy della Municipale, e altri due della Finanza, per cercare grazie al loro sensibile fiuto, l'eventuale presenza di droga. Alla fine della maxiperquisizione però viene denunciato solo un uomo per detenzione di pochi grammi di hashish. Daniela Zorat Stabile inagibile tra fughe di gas, muffa alle pareti e fognature rotte Travi a vista nell'«attico» all'ultimo piano. Ma anche tubi del gas e dell'acqua che in bella mostra si arrampicano lungo le pareti dei corridoi e delle scale. Senza dimenticare le condotte fognarie che perdono liquami negli scantinati, saturando l'aria e rendendola di fatto irrespirabile, tra pezzi di mobilio e immondizia. Muffa alle pareti, infiltrazioni d'acqua e riscaldamento funzionante in uno solo dei 25 appartamenti della palazzina. Sporcizia, tanta, che si annida tra sacchi pieni di piumini, di scarpe e di borse che riempiono stanze e garage, pentole da cucina industriale e mensa comune. Tappeti a copertura dei buchi nel pavimento. Un intervento tutt'altro che facile anche per i vigili del fuo - co, gli addetti di A2A e dell'asl quello effettuato ieri mattina presto nel condominio di via Milano 140, conosciuto non solo perché bazar del tarocco ma anche per le condizioni igienico-sanitarie alquanto «drammatiche» riscontrate in più occasioni e pure nell'intervento di ieri mattina. A causa delle fughe di gas che i vigili del fuoco hanno registrato in tre appartamenti, per la vetustà delle tubature, e per la presenza di impianti di riscaldamento assolutamente non a norma, lo stabile è stato dichiarato inagibile. E già nella serata di ieri la Polizia locale ha richiesto al sindaco un'ordinanza contingibile e urgente di inagibilità, che comporta una successiva ordinanza di allontanamento delle 83 persone che vivono all'interno dell'edificio. La situazione che hanno riscontrato i vigili del fuoco e i cinque tecnici dell'ufficio d'igiene dell'asl, è stata definita «pericolosa», a tal punto da poter pregiudicare l'incolumità delle persone che vivono all'interno dei 25 appartamenti. Un problema di salute pubblica ancor più che di illegalità, cui l'amministrazione comunale dovrà cercare di porre un argine per evitare che le condizioni peggiorino. dz DI TUTTO Sotto sequestro giubbotti, piumini, borse, scarpe, occhiali, asciugamani e cinture con griffe contraffatte ASL BRESCIA Pag. 6

9 FORZE IN CAMPO Al blitz partecipano 140 uomini, tra militari della Guardia di finanza e agenti della Polizia locale. Insieme operano anche i vigili del fuoco, tecnici dell'asl e di A2A. Quattro i cani antidroga utilizzati. La perquisizione è stata disposta dal pm Federico Bisceglia. L'EDIFICIO Quattro i piani dell'edificio di via Milano 140. Distribuite nei 25 appartamenti sono state individuate 83 persone. In due appartamenti vivono e lavorano 5 lucciole nigeriane. In sei sono stati individuati gli strumenti per produrre i capi contraffatti, da macchine per cucire a punzonatrici. SINERGIE L'operazione è stata condotta dagli agenti della Polizia locale coordinati da Davide Pedretti, insieme ai militari della Guardia di finanza guidati dal capitano Danilo Di Mitri. Presenti anche l'assessore Fabio Rolfi e il comandante Roberto Novelli. A sacchi... Nelle foto Strada/Neg, in alto i vigili del fuoco al lavoro. Di lato l'interno di una stanza con esposizione dei capi; sotto uno dei senegalesi aiuta a caricare i sacchi di merce sequestrata. Di lato il cane antidroga in azione ASL BRESCIA Pag. 7

10 L'Ucid tende la mano a Banda e Protezione civile Sabato pomeriggio all'oratorio si terrà l'incontro sul ruolo delle istituzioni e del volontariato MANERBIO L'Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti) di Manerbio - Bassa Bresciana ha organizzato nella sala Paolo VI dell'oratorio di via San Martino un convegno dal titolo «Protezione civile: ruolo delle istituzioni, del volontariato e dei cittadini». L'appuntamento sarà alle di sabato. Il presidente del sodalizio, Giuseppe Pozzi, introdurrà il convegno riservando poi a Pierluigi Colombi il ruolo di moderatore degli interventi di Giuseppe Santalucia, esperto della cooperazione bresciana per la Protezione civile, di Fabio Mandelli, assessore alla Protezione civile della Provincia, di Carmelo Scarcella, direttore generale dell'asl di Brescia. È attesa anche la partecipazione del capitano Gianfranco Corsetti, comandante la Compagnia carabinieri di Verolanuova, e di Gabriella Mucci, commissario prefettizio del comune di Manerbio. In occasione della chiusura dei festeggiamenti per i 150 anni dell'unità d'italia, la stessa Ucid ha voluto onorare l'altrettanto lunga storia della locale banda Santa Cecilia. A presentare l'incontro la presidente e il direttore artistico del gruppo bandistico, Dialma Cantaboni e Arturo Andreoli, e Guido Costa, autore del libro «Musica, Manerbio». La presidente ha sottolineato come la banda e l'italia unita siano nate insieme e come la passione per la musica sia stata di aiuto in un periodo come la Seconda guerra mondiale. Nel libro trovano spazio fatti, personaggi e aneddoti che hanno portato la Santa Cecilia a farsi conoscere in tutta la provincia. La banda Santa Cecilia ha compiuto 150 anni ASL BRESCIA Pag. 8

11 Sequestrato invia Milano il condominio delle false griffe OPAG 10 L'INTERVENTO. Le operazioni sono scattate all'alba quando sono entrati in azione Polizia locale e guardia di finanza In vìa Milano il «magazzino» della merce contraffatta Sequestrati dodici furgoni di false griffe e anche materiale rubato. Condizioni di degrado e sicurezza a rischio Mario Pari Il blitz è scattato alle 6.30 del mattino. In viamilano sono arrivati gli agenti della polizia locale e della Guardia di finanza, il personale dell'asl e i vigili del fuoco. Al centro delle attenzioni una ventina di appartamenti abitati da immigrati, stranieri in gran parte provenienti dall'africa centrale. I controlli non hanno riguardato solo quella che è risultata essere una sorta di piccola enclave del degrado in un'arteria ad alta presenza extracomunitaria qual è appunto via Milano. Al centro delle attenzioni è finito un magazzino in cui - evidentemente a ragione - si riteneva fossero stipati capi d'abbigliamento con marchio contraffatto. ALLE 6.30 IL BRUSCO risveglio per le circa 80 persone che vivono negli appartamenti più o meno davanti a ciò che resta dell'ideai Clima. L'operazione è stata disposta dall'autorità giudiziaria, a poche ore dal sequestro che ha posto fine all'occupazione dell'ex hotel Sirio. I controlli di ieri mattina in via Milano hanno consentito anche di appurare la presenza di fughe di gas e questo a un certo punto ha indotto a interrompere il servizio. Anche i condotti fognari sono risultati in condizioni non idonee. IL BLITZ era finalizzato a contrastare una serie di reati e a scongiurare pericoli in una zona tutto sommato densamente abitata. Sulla base dei primi accertamenti non sarebbe stata trovata soltanto merce con- ASL BRESCIA Pag. 9

12 traffatta, ma anche rubata. Appena all'interno di una delle palazzine controllate, si notava un immigrato africano disteso su un materasso. «Dormo qui da tre anni», si è limitato a rispondere». Tensione si è colta ad ogni piano delle palazzine. Particolare sconcerto ha sollevato la decisione di interrompere il servizio del gas metano. Ma l'immobile presentava picchi di fatiscenza percepibili a occhio nudo da parte di chiunque. Ieri sono stati sequestrati 12 furgoni di merce con griffe contraffatte. Ma i controlli riguarderanno anche motorini, biciclette e automobili di dubbia provenienza e regolarità. In piccolo e con un livello di degrado leggermente minore è sembrato di tornare ai tempi del residence Prealpino di Bovezzo. Dall'esterno si notavano i balconi ridondandi di vestiti appesi, parabole e le cassette della posta in gran parte con lo sportellino divelto. Una situazione pesante, che ha richiesto un intervento mirato, anche per capire in che direzione si stesse andando. Ma non sfuggono certi particolari, quando si va a indagare, a chiedere il canone d'affitto. «Paghiamo dai 400 ai 600 euro al mese», hanno rivelato gli «inquilini». Cifre che, a fronte di quanto si è potuto vedere, non sono certo di poco conto. Quando la Polizia locale e la Finanza se ne sono andate, sono rimasti bambini in lacrime e madri in attesa del ritorno dei mariti. Sarebbero 14 gli irregolari individuati durante i controlli. Nel pomeriggio di ieri si è svolto un summit in procura per fare il punto della situazione. Gli inquirenti ora puntano a scoprire la provenienza di tutta la merce contraffatta trovata e sequestrata. E i canali di distribuzione del mercato del tarocco. I decreti di perquisizione sono stati firmati dal pm Federico Bisceglia. Un controllo simile in via Milano non si era mai visto. Per gli sviluppi bisognerà attendere.» Determinanti nei controlli anche i ruoli dell'asl e dei vigili del fuoco I degrado emerso durante la perquisizione che si è protratta per diverse ore ASL BRESCIA Pag. 10

13 Gli stabili di via Milano passati al setaccio da Locale e Asl Sacchi volanti durante i controlli di ieri mattina SERVIZIO FOTOUVE ASL BRESCIA Pag. 11

14 L'emergenza sanitaria Vaccini e rimedi all'attesa ondata di febbre alta L'ALLARME. Dall'inizio di gennaio il virus ha colpito duro anche in provincia e il vero picco è atteso dagli esperti con l'aumento del freddo per i primi giorni di febbraio L'influenza mette a letto 4 mila bresciani Influnet indica che il periodo epidemico è iniziato Tabaglio, presidente della sezione Simg, avverte: «Con lariaperturadelle scuole bambini a rischio» 3,13 LA PERCENTUALE DI AMMALATI OGNI MILLE ASSISTITI DELL'ASL Lisa Cesco Se oltreoceano il virus influenzale ha fatto scattare l'allarme perla salute pubblica, mettendo in ginocchio 47 stati americani, in Italia la situazione è sotto controllo. Anche nella nostra provincia inizia a impennarsi il numero dei contagi: il virus stagionale ha costretto a letto oltre 3700 bresciani nella prima settimana di gennaio (pari a 3,13 influenzati ogni mille assistiti, leggermente inferiore alla media nazionale che si assesta a 3,29), secondo i dati della rete di sorveglianza Influnet dell'istituto superiore di sanità, che tramite i «medici sentinella» (sul territorio Asl Brescia ce ne sono 10) tiene controllato l'andamento influenzale. Da qui a febbraio febbre alta, tosse e malesseri vari - sintomi tipici dell'influenza - avranno un'escalation progressiva, anche a causa dell'ondata di gelo che sta investendo il nord Italia, predisponendo un habitat favorevole per il virus stagionale, che per diffondersi ha bisogno di basse temperature protratte nel tempo. Gli studi confermano che la percentuale degli assistiti bresciani con i sintomi influenzali è in media con quella nazionale e di poco superiore al 3 per mille A febbraio il picco I VALORI REGISTRATI da Influnet indicano che il periodo epidemico è già iniziato, e che il livello di incidenza continuerà a crescere dopo una lieve flessione dovuta alla prolungata chiusura delle scuole per le vacanze natalizie. «I casi più numerosi per adesso si registrano fra i bambini, e con la riapertura delle scuole ci aspettiamo che già dai prossimi giorni la curva dei contagi salirà», spiega il dottor Erminio Tabaglio, presidente della sezione provinciale Simg-Società italiana di medicina generale. In effetti sul nostro territorio le categorie più colpite sono i bambini piccoli (che si ammalano di più rispetto ai loro coetanei di altre regioni: nella fascia da zero a 4 anni l'incidenza del virus influenzale è di 8,78 casi per mille assistiti, contro la media nazionale ferma a 8,18), ma anche - a sorpresa - la fascia di età intermedia dai 15 ai 65 anni, che a Brescia e in Lombardia viene contagiata più del doppio rispetto al resto d'italia. Fra gli adolescenti e gli adulti l'incidenza influenzale è di ben 7,65 casi ogni mille assistiti, mentre la media nazionale è di soli 3,15 casi. Sotto «Per il momento non siamo ancora arrivati al picco peri casi di influenza» PAOLO MARZOLLO PRIMARIO PRONTO SOCCORSO controllo, invece, e in linea con il dato italiano globale è la diffusione del virus fra gli over 65, contenuta a 1,53 casi per mille. DAVANTI all'emergenza scatenata dall'influenza negli Usa, che ha costretto ad allestire tendopoli fuori dagli ospedali per la mancanza di posti letto, gli esperti rassicurano: il ceppo più diffuso oltreoceano, TA/H3N2, che può provocare gravi complicazioni come la polmonite, è «in minoranza" nel vecchio continente. In Italia e in Europa circola prevalentemente il virus B dell'influenza (circa il 50 per cento dei tamponi positivi per influenza sono riferiti al virus B) - chiarisce la Simg - e le infezioni da virus A stanno incrementando con una maggior prevalenza per il virus pandemico A/H1N1 (pari al 27 per cento), mentre il virus più insidioso, l'a/h3n2, per il momento è contenuto al 13 per cento. «L'influenza attesa quest'anno è di media aggressività, ma è difficile fare previsioni», dice Tabaglio, ricordando l'appello della Simg nazionale che invita comunque a mantenere ASL BRESCIA Pag. 12

15 alta la soglia d'attenzione, perché anche l'europa potrebbe trovarsi in una situazione di emergenza se il virus A/H3N2 diventasse il più diffuso. L'attuale andamento della curva epidemica non desta preoccupazioni. Situazione sotto controllo anche nel maggiore Pronto soccorso del territorio, quello dell'ospedale Civile: «Per il momento non siamo ancora arrivati al picco di afflussi per specifici casi di influenza, anche se abbiamo diversi accessi di persone già compromesse, a causa dell'aggravamento di patologie maggiori - come broncopolmoniti o insufficienza respiratoria - favorito dal virus influenzale - dice il primario del Pronto Soccorso, Paolo Marzollo -. Un incremento degli afflussi per influenza potrebbe però esserci a causa dell'ondata di freddo che sta per arrivare». Sotto controllo il dato italiano sulla diffusione del «ceppo» tra gli over 65: 1,53 casi su mille Nella fascia tra 0e4 anni l'incidenza della malattia è di 8,78 casi ogni mille ASL BRESCIA Pag. 13

16 La pianta HGinPent e la cura della natura E' il male di stagione ma può risultare, oltre che noioso, pericoloso soprattutto per i più deboli, bambini e anziani. La vaccinazione, come dimostrano i dati, preoccupa un po' e c'è anche chi non ama imbottirsi di medicinali. Per costoro esiste da tempo nel Bresciano un brevetto europeo, precisamente a Leno. IL VIVAISTA Giovanni Ambrogio sin dal 1998 ha importato nella pianura padana il Gin Pent, varietà di pianta di origine asiatica venduta in foglie essiccate. Conosciutane l'efficacia, ha impiegato dieci anni per adattarla alle nostre latitudini ma ora è entrata di diritto nell'elenco dei prodotti verdi di questa azienda famigliare della Bassa che non si occupa solamente di arredo dei giardini ma che continuamente ricerca soluzioni naturali ai mali che ci affliggono. Tra le sue proprietà benefiche ha quella di combattere il virus dell'influenza. A certificarlo con le sue sperimentazioni Angelo Bosio, il medico di casa nostra che dirige il Grug monitoring servicedinewyork. Il Gin Pent, denominato «albero della vita», con i principi attivi gipenosidi è utile pure, secondo quanto sostiene Giovanni Ambrogio, per le gonartrosi, l'insufficienza cerebrovascolare cronica e le lesioni postraumatiche. MA.B. ASL BRESCIA Pag. 14

17 I virus La malattia tra febbre e dolori muscolari Si fa presto a dire influenza. In realtà in circolazione ci sono anche numerosi virus para-influenzali, che pur con sintomi diversi possono essere molesti quanto i ceppi stagionali. «Il discrimine per capire se si tratta di influenza è la febbre, che deve superare i 38gradi, e si accompagna prevalentemente a sintomi a carico delle prime vie respiratorie, abbinati cefalea e dolori muscolari», chiarisce il dottor Tabaglio. «DURANTE L'INVERNO hanno una forte incidenza anche le affezioni simil-inf luenza li, che si manifestano ad esempio con faringiti o tracheobronchiti, ma senza febbre alta, oppure i virus che colpiscono l'apparato gastrointestinale». Prima delle feste, ad esempio, si è registrato un picco di malesseri con vomito, diarrea e febbricola, e una seconda ondata di questo tipo si sta r I bambini assieme agli anziani sono i soggetti più «deboli» diffondendo anche in questi giorni. «Questi virus possono colpire anche chi si è vaccinato, perché il vaccino non immunizza contro tutti i virus in circolazione - avverte Tabaglio -. In ogni caso l'appello che rivolgiamo ai cittadini è di non precipitarsi in Pronto soccorso ai primi sintomi influenzali - per non incrementare gli accessi impropri e lasciare la priorità a chi ha davvero bisogno - ma di recarsi dal proprio medico di famiglia per una visita e tutte le indicazioni del caso». Il virus influenzale, generalmente acquisito attraverso il contatto con altre persone infette, si trova sia nella saliva, sia nel muco delle vie respiratorie e può penetrare nell'organismo attraverso le mucose (bocca, occhi e naso). PER CONTENERE il contagio restano valide le regole d'oro di prevenzione, che tutti dovrebbero osservare: lavarsi spesso le mani, coprire la bocca e il naso con un fazzoletto di carta quando si tossisce o starnutisce, evitare il contatto con chi ha i sintomi influenzali (si rimane contagiosi per 4-5 giorni dall'esordio dei sintomi), ed eventualmente usare mascherine protettive per ridurre il rischio di contagio di famigliari e conviventi. Si raccomanda, inoltre, di evitare ambienti affollati dove il virus si diffonde facilmente. LI.CE. RIPRODUZIONE RISERVATA ASL BRESCIA Pag. 15

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12.

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12. Compila oralmente la carta d identità con i tuoi dati: nome..., cognome..., nato il..., a..., cittadinanza..., residenza..., via..., stato civile..., professione..., statura..., capelli..., occhi... Qual

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009

Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009 Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009 A Cura di: A.N.Fo.S. Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul Lavoro Via S.Stefano 6/b - 00061 Anguillara Sabazia (ROMA) http://www.anfos.it

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Per il quieto vivere e la sicurezza gli automezzi vanno usati il meno possibile ed in ogni caso l'andatura deve essere a passo d'uomo.

Per il quieto vivere e la sicurezza gli automezzi vanno usati il meno possibile ed in ogni caso l'andatura deve essere a passo d'uomo. REGOLAMENTO Il presente Regolamento con il Listino Prezzi viene consegnato agli Ospiti al momento dell'arrivo ed è esposto in ufficio accettazione. L'entrata in campeggio ne costituisce piena accettazione.

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

metro per metro Proteggi la tua casa metro per metro

metro per metro Proteggi la tua casa metro per metro metro per metro Proteggi la tua casa metro per metro che cos è Con la polizza metro per metro potrai coprire le esigenze assicurative della tua famiglia, scegliendo liberamente tra 4 garanzie: Incendio

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli