LE DIFFICOLTA NELLA PIANIFICAZIONE MOTORIA: DISAPRASSIA E DISGRAFIA INDICAZIONI PER IL TRATTAMENTO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE DIFFICOLTA NELLA PIANIFICAZIONE MOTORIA: DISAPRASSIA E DISGRAFIA INDICAZIONI PER IL TRATTAMENTO."

Transcript

1 LE DIFFICOLTA NELLA PIANIFICAZIONE MOTORIA: DISAPRASSIA E DISGRAFIA INDICAZIONI PER IL TRATTAMENTO. Elena Mazza, Giovanna Schieroni, Lara Malgeri, Valentina Paoli La premessa fondamentale, entrando nel capitolo che tratta della riabilitazione, è che la presa in carico del bambino si compone da un lato del trattamento riabilitativo stesso ma anche di una parte di counceling cioè di collaborazione sia con la scuole per le modifiche didattiche e facilitazioni scolastiche in genere, che con la famiglia per tutto quello che riguarda lo sviluppo delle autonomie e svolgimento dei compiti a casa. Questa è una parte determinante per garantire l efficacia del trattamento stesso perché un disturbo anche se specifico di alcune aree degli apprendimenti ha una ricaduta sulla globalità dell evoluzione del bambino. A livello psicomotorio le aree di sviluppo che appaiono correlate in maniera più diretta a difficoltà specifiche negli apprendimenti sono l area dello sviluppo prassico-grafico e quella dell organizzazione visuo-spaziale ; che tipo di problemi un bambino con una difficoltà in queste aree deve affrontare nella quotidianità scolastica? Partiamo dall area prassico-grafica, area all interno della quale si situa lo sviluppo e l apprendimento di un corretto processo di esecuzione della scrittura; vediamo a che cosa può andare incontro un bambino che ha difficoltà in questo processo: 1 Lentezza esecutiva e quindi difficoltà nel completare i compiti nei tempi dati. Difficoltà nel rileggere i propri scritti, dalle comunicazioni sul diario alle pagine di quaderno da studiare. Scarso controllo ortografico. Sul lungo termine influenza sulle produzione propria di testi che risultano forzatamente brevi. Infatti se nel primo anno di scuola elementare l apprendimento della scrittura è uno degli obiettivi didattici in seguito a partire dalla fine della seconda elementare ( con tempi variabili a seconda della didattica) la scrittura dovrebbe andare incontro ad un processo di automatizzazione. Nel momento in cui questo non avviene la scrittura si presenterà sicuramente come lenta a livello esecutivo, spesso scarsamente leggibile e spazialmente poco regolare, questi sono elementi che influenzano tutte le aree degli apprendimenti. Una scrittura non automatizzata significa che la nostra attenzione sarà diretta al controllo dei movimenti che stiamo compiendo per scrivere quindi alla parte esecutiva, ne fa ranno le spese le altre componenti di una produzione scritta quali i contenuti, la strutturazione della frase e quello che compare solitamente in modo maggiormente evidente il controllo ortografico (spesso giungono alla nostra osservazione bambini che frequentano la quarta o la quinta elementare e si può osservare come abbiano adattato la produzione testuale alle proprie difficoltà di scrittura, i temi solitamente sono estremamente sintetici ) Inoltre se nel primo biennio della scuola elementare una lentezza o in generale una difficoltà nella traccia grafica può essere tollerata ( come detto in precedenza i tempi di apprendimento hanno fisiologicamente una durata variabile) dalla fine della seconda elementare in poi la scrittura in corsivo da obiettivo didattico si trasforma in uno strumento utile a conseguire altre tipologia di apprendimenti, viene richiesto ad esempio di studiare pagine dettate a scuola che i nostri bambini spesso non hanno terminato di scrivere o

2 hanno grosse difficoltà a rileggere ma anche più banalmente le semplici comunicazioni sul diario sono spesso indecifrabili. La lentezza esecutiva significa inoltre che c è una grossa difficoltà nel terminare le consegne nei tempi dati e spesso si portano a casa del lavoro da terminare che va a sommarsi ai compiti dati a tutta la classe, senza considerare il carico emotivo che questo aspetto determina come vissuto personale ed immagine all interno del gruppo classe. A questo si somma il fatto che nella maggioranza dei casi un disturbo nell area prassico grafica si accompagna ad una difficoltà nell area visuo-spaziale quindi ai problemi precedentemente elencati si sommeranno: Difficoltà nell organizzazione dello spazio foglio ( alto-basso collocazione dei numeri delle decine e centinaia), nell automatizzare la procedura sinistra destra nella scrittura, difficoltà nell orientamento spaziale della scrittura inversione grafemi e numeri, scrittura speculare. Difficoltà nel disegno geometrico, nel disegno tecnico. (utilizzo degli strumenti tecnici) Difficoltà nel compilare ed utilizzare schemi e tabelle Difficoltà nell utilizzare strategie visive per l apprendimento e per la risoluzione di problemi Queste difficoltà vanno ad inficiare maggiormente l area degli apprendimenti tecnicomatematici dove i risultati appaiono carenti non sempre per difficoltà di comprensione e logica ma per difficoltà nella gestione dei dati e dello spazio, fondamentali per imparare le procedure risolutive sia di operazioni che di problemi. Questo ci fa capire come possa diventare difficile per una bambino disprassico o disgrafico andare scuola perché questa fatica che lui fa ad imparare si ripercuote spesso anche sull area emotiva relazionale e comportamentale; la gratificazione che si ottiene nel conseguire buoni risultati scolastici è fondamentale per potersi creare una buona immagine di se stessi. Nei bambini con queste difficoltà infatti spesso compaiono: Inibizione Scarsa autostima Tendenza all iperattività Labilità attentiva Reazioni oppositive-provocatorie e talvolta fobie. Disagio emotovo-relazionale Tutto questo sottolinea la necessità di attività specifiche di supporto e di modifiche alle richieste quotidiane che vengono fatte all interno della classe in modo tale da rendere accessibile la didattica, anzi per fare in modo che raggiungano gli obiettivi didattici comuni alla classe con delle modifiche nei mezzi e negli strumenti applicati. Prima di passare alla parte relativa alle indicazioni scolastiche ed alla collaborazione con gli insegnanti verrà trattata brevemente la parte riguardante il trattamento riabilitativo sia in un caso di disprassia che in un caso di disgrafia. La riabilitazione psicomotoria delle disprassie si compone di una parte iniziale che riguarda la riabilitazione delle aree psicomotorie di base e di una parte relativa alla riabilitazione del gesto prassico. Per le aree psicomotorie di base intendiamo: Motricità globale che comprende le coordinazioni motorie semplici e complesse, le coordinazioni oculo-motorie(adattamento e spostamenti nell ambiente) e quelle oculo-manuali (attività con la palla). All interno di queste categorie a livello riabilitativo si punta da un lato sulla programmazione del movimento ( apprendere la 2

3 3 corretta sequenza di movimenti) che sull esecuzione cercando di migliorare i quattro parametri dello stile motorio ( equilibrio, dissociazione, regolarità scioltezza). Motricità settoriale: fondamentalmente i movimenti digitali necessari a compiere tutte le attività manuali; in questo caso si cercherà di migliorare la settorializzazione del movimento, la velocità e la precisione esecutiva. Schema corporeo e lateralità. La riabilitazione dello schema corporeo parte da una corretta percezione corporea a livello propriocettivo per passare ad una corretta rappresentazione di se. Lo sviluppo della lateralità appare fondamentale sia per la strutturazione di una cognizione spaziale ( il riconoscimento della destra e della sinistra è fondamentale per apprendere le topologie di base) che a livello neurologico per organizzare funzionalmente ( è necessario che un emilato si specializzi) le attività prassiche e motorie. Organizzazione spaziale e visuo-spaziale.la riabilitazione della strutturazione della spazialità procede nel porre le basi dello spazio topologico per poi evolvere in quello proiettivo ed euclideo. Fondamentale è la componente percettivo visiva sia nello spazio agito che in quello rappresentato. La riabilitazione del gesto prassico viene anch essa suddivisa in due parti, una maggiormente concettuale che riguarda la programmazione del gesto ( conoscenza dell oggetto, delle azioni e della sequenza di azioni corretta) all interno della quale viene maggiormente coinvolta la componente cognitiva e attentiva del bambino e di una parte esecutiva che si concretizza nella velocità e nella precisione dell esecuzione. Il trattamento comprende una serie di proposte ed esercizi specifici per ognuna di queste due aree che possono essere proposti sia i modo contemporaneo che sequenziale. Per quanto riguarda la disgrafia essendo questa un disturbo specifico dell apprendimento su base disprattica (Sabbadini) ne consegue che l impostazione generale del trattamento in un primo momento sia sovrapponibile a quella della disprassia, cioè si prendono in considerazione le aree di sviluppo di base maggiormente carenti, ma in un secondo momento la riabilitazione procede in modo specifico per migliorare i processi di scrittura e molto schematicamente segue questa progressione: Rilassamento e decontrazione degli arti superiori Controllo segmentario dell arto superiore e del tono muscolare. Scioltezza del movimento ( fase del trattamento in cui viene introdotto l utilizzo del mezzo grafico, inizialmente si usano pennelli su fogli grandi con l obiettivo di stimolare il piacere dell attività grafica) Tecniche pittografiche, anche in questa fase si utilizzano fogli di dimensione A3, pennelli o matite morbide richiedendo l esecuzione di linee continue o traccie pregrafiche.gli esercizi si svolgono ancora in piedi. Tecniche scrittografiche: Si passa all utilizzo della matita e ci si concentra sulla programmazione ( direzionalità del tratto) e l esecuzione ( velocità e continuità) dei grafemi. Questo è lo specifico del trattamento riabilitativo neuro psicomotorio, vediamo ora la collaborazione con gli insegnanti. Una delle cose più importanti che può fare un insegnante è quella di segnalare in modo precoce la presenza di una difficoltà sospetta, l efficacia del trattamento è correlata in modo diretto alla precocità della presa in carico e quindi della segnalazione. A seguire vengono elencati alcuni comportamenti che possono essere campanelli d allarme per un quadro di disprassia o disgrafia

4 Come vedete questi campanelli d allarme riguardano l età prescolare, relativamente soprattutto ai quadri di disprassia è possibile fare una segnalazione ( ed è solitamente estremamente utile ai fini terapeutici) anche prima dell ingresso in prima elementare. Se il bambino è piccolo e frequenta la scuola materna si noterà un comportamento caratterizzato da : A livello motorio globale : Difficoltà nell organizzare i movimenti sopratutto i più complessi ( ad esempio salire e scendere le scale scavalcare un ostacolo, saltare ), scarso investimento nei giochi con la palla Nello sviluppo delle autonomie : Lentezza nell organizzare e memorizzare le sequenze relative alle richieste adattive (es.spostamenti nell asilo) -Poca abilità nel vestirsi, spogliarsi Scarsa applicazione nelle attività sedentarie e difficoltà in tutti quei giochi che richiedono destrezza manuale (colorare, puzzle, costruzioni) Scarsa partecipazione ai giochi di movimento, sport. Se il bambino è più grande ed è già inserito alle scuole elementari si osserveranno difficoltà maggiormente inerenti agli apprendimenti ed in generale all organizzazione della vita scolastica: Difficoltà nell area prassico-manuale e difficoltà nell organizzazione dello studio e nell utilizzo di strumenti tecnici quali squadrette, righello compasso, forbici etc.. Difficoltà di orientamento e organizzazione spaziale: quaderni disordinati, difficoltà di organizzazione dello spazio foglio, difficoltà nell incolonnare i numeri e nei compiti geometrici. Difficoltà nell area visuo-costruttiva : difficoltà nel copiare dalla lavagna e nell affrontare proposte che richiedono una continua analisi visuo-spaziale come schemini e collegamenti con frecce. Area grafomotoria : nell apprendere la scrittura, grafia faticosa e illeggibile (disgrafia), disegno scarsamente investito e brutta anche la coloritura. Fatta questa premessa possiamo vedere nello specifico gli insegnanti cosa possono fare nel momento in cui all interno del loro gruppo classe hanno un bambino con un quadro di disprassia o disgrafia. Nel caso della disgrafia essendo questa classificata come DSA in Italia è necessario fare riferimento alle direttive emanate dal ministero dell istruzione in una circolare che è passata in tutte le scuole e che stila che stila un elenco degli strumenti dispensativi e compensativi a cui un bambino con diagnosi di DSA ha diritto ad accedere. Alcuni di questi accorgimenti è utile anche nel caso in cui la diagnosi sia di disprassia ( c è comorbidità) ma per essere maggiormente sintetici e chiari ho riportato qui le strategie principali e non ho riportato la circolare nella sua completezza. Quindi le strategie principali sono: 4 Riduzione del carico esecutivo in favore degli apprendimenti Dare verifiche e scelta multipla Testi di problemi e schede prescritte Concedere l utilizzo dello stampatello maiuscolo o lo stile prescelto dal bambino (stile misto ad esempio) purchè mantenga il carattere di leggibilità e velocità esecutiva Preferire verifiche orlai piuttosto che scritte Lasciare più tempo per lo svolgimento di produzioni scritte lunghe Eventuale utilizzo della calcolatrice

5 Eventuale utilizzo del computer. Inoltre solitamente viene consigliato l utilizzo di materiale didattico speciale quale: Quaderni con spazi e righe segnati Piano inclinato a 20 gradi per favorire l igiene posturale nel corso della scrittura Facilitatori d impugnatura per favorire un impugnatura corretta ed ergonomica. Per concludere è necessario sottolineare che solo il lavoro congiunto tra scuola famiglia e riabilitazione regala la possibilità ai nostri bambini di crescere ed apprendere in modo sereno in quanto La riabilitazione può supportare il bambino nel recupero delle aree deficitarie ma è necessaria la collaborazione con la scuola per ridurre l impatto che questa difficoltà specifica può avere sugli apprendimenti ed inoltre è necessaria la collaborazione della famiglia per non fare si che i nostri bambini vadano incontro a demotivazione, scarsa autostima ed ansia da prestazione. Bibliografia Dispensa del corso di aggiornamento La rieducazione psicomotoria dei disturbi della scrittura a cura di Anne-Marie Wille. Milano 22 marzo Fratelli, M. (2008) Disgrafia e recupero delle difficoltà grafo-motorie. Erickson. Pratelli M. (1995). Disgrafia e recupero delle difficoltà grafomotorie, Erickson. Sabbadini G. (1995). Manuale di neuropsicologia dell età evolutiva, Bologna: Zanichelli. Sabbadini G. (1976). Disturbi specifici dell apprendimento. Roma: Bulzoni. Sabbadini, L. (2005). La disprassia in età evolutiva: criteri di valutazione ed intervento. Milano: Sprinter. Schieroni, G. L alterazione delle componenti neuropsicomotorie della scrittura: dalla valutazione al progetto terapeutico (Tesi di Laurea). Wille, A.M. (1996). La terapia psicomotoria dei disturbi minori del movimento, Roma: Marrapese. Wille, A.M., & Ambrosiani, C. (2005). Manuale di terapia psicomotoria dell età evolutiva. Napoli: Cuzzolin editore. 5

PREREQUISITI DELLA SCRITTURA IN SCUOLA MATERNA

PREREQUISITI DELLA SCRITTURA IN SCUOLA MATERNA Corso di formazione per insegnanti della Scuola dell Infanzia Scuola dell Infanzia I.C. Centallo Villafalletto PREREQUISITI DELLA SCRITTURA IN SCUOLA MATERNA Dott.ssa Marta Rivera Terapista della Neuro

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA Allegate al DM 12 luglio 2011 SINTESI Legge 8 ottobre 2010, n.170, : riconoscimento DSA e assegnazione alla scuola del compito

Dettagli

Disprassia evolutiva. Che cos è la disprassia? Come si manifesta? Marisa Bono

Disprassia evolutiva. Che cos è la disprassia? Come si manifesta? Marisa Bono Disprassia evolutiva Marisa Bono Psicologa, docente e referente DSA Che cos è la disprassia? La disprassia, fra i disturbi dello sviluppo, è uno dei meno conosciuti e, per certi aspetti di controversa

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento a cura della Dott.ssa Luigia Milani I più noti sono la dislessia e i disturbi della scrittura e dell aritmetica. Vediamo nel dettaglio in cosa consistono e quali sono

Dettagli

DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA E DISCALCULIA.

DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA E DISCALCULIA. Il disturbo specifico dell Apprendimento (DSA) SI riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche e in particolare a: DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA E DISCALCULIA. La dislessia è una difficoltà

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO «Figlio della borghesia di stato, cresciuto in una famiglia affettuosa, senza conflitti, circondato da adulti responsabili

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Scuola Primaria Plesso di A.S. Validità La scuola progetta e realizza percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO www.aiditalia.org UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO RELATORE: Chiara Barausse insegnante, psicopedagogista, formatore AID L APPRENDIMENTO

Dettagli

GENITORI ALLE PRESE CON I DSA. EMOZIONI IN GIOCO. Dott.ssa Michela R. Vaerini Cooperativa Città del Sole

GENITORI ALLE PRESE CON I DSA. EMOZIONI IN GIOCO. Dott.ssa Michela R. Vaerini Cooperativa Città del Sole GENITORI ALLE PRESE CON I DSA. EMOZIONI IN GIOCO Dott.ssa Michela R. Vaerini Cooperativa Città del Sole 什 麼 我 們 今 天 談 的? 難 點 及 學 習 障 礙 DI COSA PARLIAMO OGGI? DI DIFFICOLTA' E DI DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

LA LEZIONE DI ITALIANO 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 1

LA LEZIONE DI ITALIANO 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 1 LA LEZIONE DI ITALIANO 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 1 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 2 DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Ha origine neurobiologica È ineliminabile Non è legato all impegno Non riguarda

Dettagli

Elementi di sospetto, fattori predittivi dei DSA

Elementi di sospetto, fattori predittivi dei DSA Elementi di sospetto, fattori predittivi dei DSA dott. Angelo Maiuri Capaccio 01/06/2012 Vantaggi di una diagnosi precoce Sentirsi compresi PER I BAMBINI: Accrescere l autostima Ridurre il rischio di abbandono

Dettagli

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE: Non indicano disabilità a livello cognitivo globale, il Q.I. è nel range della norma con un punteggio superiore a 85 (le normali

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA. Quando dovrebbero diventare automatiche la lettura e la scrittura?

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA. Quando dovrebbero diventare automatiche la lettura e la scrittura? ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA SEZIONE DI ROMA Che cos'è la Dislessia Evolutiva (D.E.)? "La Dislessia Evolutiva è una difficoltà selettiva nella lettura, in presenza di capacità cognitive adeguate e di

Dettagli

Corso di formazione MIUR AID II giornata Abruzzo Marzo 2007. Disturbi Specifici di Apprendimento Individuazione e intervento nella Scuola Secondaria

Corso di formazione MIUR AID II giornata Abruzzo Marzo 2007. Disturbi Specifici di Apprendimento Individuazione e intervento nella Scuola Secondaria Corso di formazione MIUR AID II giornata Abruzzo Marzo 2007 Disturbi Specifici di Apprendimento Individuazione e intervento nella Scuola Secondaria Dott.ssa Lampugnani Giulia Formatrice AID Comitato Nazionale

Dettagli

La Commissione. Magnani Sara. Mariotti Laura. Polani Davide. Lanfranchi Orietta

La Commissione. Magnani Sara. Mariotti Laura. Polani Davide. Lanfranchi Orietta -2015 vuole essere da supporto a tutti i colleghi curricolari e di sostegno che sempre più spesso devono confrontarsi con alunni che hanno questo disturbo molto complesso e delicato al tempo stesso. Per

Dettagli

DALLA SCUOLA MATERNA ALL L A L S CUO U LA L ELE L MENT N A T RE R

DALLA SCUOLA MATERNA ALL L A L S CUO U LA L ELE L MENT N A T RE R DALLA SCUOLA MATERNA ALLA SCUOLA ELEMENTARE Indicatori linguistici ritardo di linguaggio (RDL): -il linguaggio arrivato tardivamente rispetto all età anagrafica -presenza di disturbi fonetici fonologici

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C.

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. - Scuola secondaria di primo grado - DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. Nota Alla compilazione della seguente Diagnosi funzionale hanno partecipato: i componenti dell equipe multidisciplinare dell ASL

Dettagli

PREVENIRE LA DISGRAFIA ATTIVITA PROPEDEUTICHE ALLA SCRITTURA

PREVENIRE LA DISGRAFIA ATTIVITA PROPEDEUTICHE ALLA SCRITTURA PREVENIRE LA DISGRAFIA ATTIVITA PROPEDEUTICHE ALLA SCRITTURA Di disgrafia, in Italia, si parla davvero poco, nonostante molte ricerche condotte da grafologi e studiosi ne riscontrino un notevole aumento:

Dettagli

Simona Riva e Cinzia Ariazzi Educatrici e Rieducatrici della scrittura A.N.G.Ri.S. Associazione Nazionale Grafologi Rieducatori della Scrittura

Simona Riva e Cinzia Ariazzi Educatrici e Rieducatrici della scrittura A.N.G.Ri.S. Associazione Nazionale Grafologi Rieducatori della Scrittura Como 28.01.2014 A.N.G.Ri.S. Associazione Nazionale Grafologi Rieducatori della Scrittura DSA DISGRAFIA SCRITTURA RIEDUCAZIONE DELLA SCRITTURA DSA L alunno con DSA è un «somaro»? Uno svogliato? Un pigro?

Dettagli

DSA: CAMPANELLI D ALLARME

DSA: CAMPANELLI D ALLARME TANGRAM Centro Studi Processi e disturbi dell Apprendimento DSA: CAMPANELLI D ALLARME Dott.ssa Alessandra Petrolati, psicologa e psicoterapeuta, perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento Dott.ssa

Dettagli

Associazione Europea Disgrafie - A.E.D. LABORATORIO MOTRICITÀ FINE: MANUALITÀ, IMPUGNATURA E SCRITTURA

Associazione Europea Disgrafie - A.E.D. LABORATORIO MOTRICITÀ FINE: MANUALITÀ, IMPUGNATURA E SCRITTURA Associazione Europea Disgrafie - A.E.D. LABORATORIO MOTRICITÀ FINE: MANUALITÀ, IMPUGNATURA E SCRITTURA Chi scorge la differenza tra spirito e corpo non possiede né l uno né l altro (Oscar Wilde) A cura

Dettagli

Dott.ssa Tiziana Turco Formatrice AID

Dott.ssa Tiziana Turco Formatrice AID I Disturbi Specifici di Apprendimento a scuola: come si manifestano nell'ambito scolastico Suggerimenti didattici per gli alunni con D.S.A. Riferimenti normativi 17 novembre 2011 Dott.ssa Formatrice AID

Dettagli

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE ISTITUTO COMPRENSIVO A. FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace,17-40010 Sala Bolognese (Bo) Tel.051-6821302 Fax051-6822294 SCHEDA DI RILEVAZIONE B.E.S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Scuola Primaria e Secondaria

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA Anno Scolastico 2015-16 1. DATI GENERALI Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante coordinatore della classe Diagnosi medico-specialistica redatta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO VADEMECUM PER INSEGNANTI

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO VADEMECUM PER INSEGNANTI ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO VADEMECUM PER INSEGNANTI Sono tanti i bambini dislessici come me. E non bisogna averne paura perché non è una malattia, né una cosa di cui vergognarsi, è come un serpentello

Dettagli

www.labda spinoff.it 0498209059/ 3284366766 2

www.labda spinoff.it 0498209059/ 3284366766 2 Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e BES: sviluppi recenti nella ricerca e nella normativa Difficoltà vs. Disturbo dell

Dettagli

Le difficoltà nella scrittura. Barbara Carta 1

Le difficoltà nella scrittura. Barbara Carta 1 Le difficoltà nella scrittura Barbara Carta 1 Disturbi della scrittura Ne distinguiamo almeno tre varietà: - disortografia o disturbo specifico di scrittura si riferisce esclusivamente agli aspetti ortografici

Dettagli

Cosa sono i DSA. Quando si manifestano

Cosa sono i DSA. Quando si manifestano Cosa sono i DSA I Disturbi Specifici dell'apprendimento (DSA) riguardano il 2,5-3 % circa dei bambini in età scolare e si manifestano come un deficit nelle capacità di lettura, di scrittura e di calcolo.

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Scuola Secondaria di Primo Grado. Plesso di A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Scuola Secondaria di Primo Grado. Plesso di A.S. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Scuola Secondaria di Primo Grado Plesso di A.S. Validità La scuola progetta e realizza percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. NORMATIVA

Dettagli

Materiale per gli insegnanti

Materiale per gli insegnanti Corso di formazione Il gesto grafico che prepara alla scrittura Relatrice: Dott.ssa Alessandra Venturelli a.s. 2011/2012 Materiale per gli insegnanti PERCHE E IMPORTARE INSEGNARE UNA BUONA SCRITTURA MANUALE

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)*

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* 1. Dati dell alunno Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Anno scolastico:.../... Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... Ministero dell Istruzione, dell

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Classe Sezione Coordinatore di classe DIAGNOSI: DSA [] EES [] DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica Disturbo/i

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Centro Territoriale per l Inclusione MI EST Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Patrizia Pezzoni Unità Operativa Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

UN METODO SPERIMENTALE DI AVVIO AL CORSIVO: L'ESPERIENZA NEI CINQUE ANNI DELLA SCUOLA PRIMARIA

UN METODO SPERIMENTALE DI AVVIO AL CORSIVO: L'ESPERIENZA NEI CINQUE ANNI DELLA SCUOLA PRIMARIA UN METODO SPERIMENTALE DI AVVIO AL CORSIVO: L'ESPERIENZA NEI CINQUE ANNI DELLA SCUOLA PRIMARIA Alessandra Venturelli e Fulvia Donati Faenza, 29 settembre 2012 Perché un metodo di avvio al corsivo? Per

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)*

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERTO BURRI Trestina Città di Castello (PG) Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../...

Dettagli

Master Online DSA & ADHD Programma Completo

Master Online DSA & ADHD Programma Completo a cura di Laura Barbirato Master Online DSA & ADHD Programma Completo Primo modulo: Come individuare i segnali di rischio di DISLESSIA, DISGRAFIA, DISCALCULIA, DISORTOGRAFIA indicatori, predittori e manifestazioni

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO IRCCS OASI MARIA SS CONVEGNO I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO D.ssa Giuseppa Cifalà, Pedagogista clinico Direttore ANPEC Prov. Enna

Dettagli

Istituto Maddalena di Canossa. Corso Garibaldi 60-27100 Pavia. Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado

Istituto Maddalena di Canossa. Corso Garibaldi 60-27100 Pavia. Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado PA/DSA a.s 2012-2013 REV.0 del 1 Settemre 2012 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTE SAN PIETRO SCUOLA PRIMARIA VIA IV NOVEMBRE N.4-40050 CALDERINO DI M.S.P. (BO) e-mail boic80700d@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTE SAN PIETRO SCUOLA PRIMARIA VIA IV NOVEMBRE N.4-40050 CALDERINO DI M.S.P. (BO) e-mail boic80700d@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTE SAN PIETRO SCUOLA PRIMARIA VIA IV NOVEMBRE N.4-40050 CALDERINO DI M.S.P. (BO) e-mail boic80700d@istruzione.it Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

I Disturbi Specifici di scrittura: disortografia e disgrafia. Analisi delle difficoltà e strategie di intervento

I Disturbi Specifici di scrittura: disortografia e disgrafia. Analisi delle difficoltà e strategie di intervento Cesena,30 gennaio 2008 I Disturbi Specifici di scrittura: disortografia e disgrafia. Analisi delle difficoltà e strategie di intervento DISTURBI DI APPRENDIMENTO I disturbi di apprendimento scolastico

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PDP* Anno scolastico 2014-2015

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PDP* Anno scolastico 2014-2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA SAN PIERO A SIEVE SCUOLA DELL'INFANZIA - PRIMARIA E SECONDARIA DI 1^

Dettagli

I prerequisiti della scrittura: Sviluppo delle abilità grafomotorie.

I prerequisiti della scrittura: Sviluppo delle abilità grafomotorie. I prerequisiti della scrittura: Sviluppo delle abilità grafomotorie. Caterina Stroili caterina.stroili@gmail.com Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva DIFFICOLTA GRAFOMOTORIE o Troppi

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

DSA Vademecum docenti

DSA Vademecum docenti DSA Vademecum docenti Elenco STRUMENTI COMPENSATIVI Sono strumenti didattici e tecnologici che sostituiscono o facilitano la prestazione richiesta nell abilità. Tali strumenti sollevano l alunno da una

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali BES

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali BES ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 CENTO Sede: Via Dante Alighieri, 6 44042 Cento (Ferrara) Tel. 051 904030 / Fax 051 6857738 Codice Meccanografico FEIC81800P e-mail feic81800p@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico 1 CORTINA D AMPEZZO 20.03.2010 Dislessia? No problem! Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico Docente specializzata per il sostegno Responsabile

Dettagli

Disturbi Specifici dell Apprendimento

Disturbi Specifici dell Apprendimento ISTITUTO COMPRENSIVO SANDRO PERTINI 1 (Scuola Primaria-Secondaria di I grado) Via P.G. Terrachini 20 DISTRETTO N. 11 42122 REGGIO EMILIA - Tel./fax 0522/551001-553869 COD. MECC. REIC850003 - COD. FISC.

Dettagli

2. Diagnosi Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da: AUSL privato Il / / dal dott. : neuropsichiatra psicologo

2. Diagnosi Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da: AUSL privato Il / / dal dott. : neuropsichiatra psicologo Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Istituto Comprensivo Posatora Piano Archi Scuola Secondaria di primo grado F. Podesti 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../...

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL GESTO GRAFICO E LE SUE DISTORSIONI: LA DISGRAFIA

L EVOLUZIONE DEL GESTO GRAFICO E LE SUE DISTORSIONI: LA DISGRAFIA MASTER in PSICOPEDAGOGIA e DIDATTICA DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L EVOLUZIONE DEL GESTO GRAFICO E LE SUE DISTORSIONI: LA DISGRAFIA Prof.Eugenio Lampacrescia Pedagogista Logopedista Counselor

Dettagli

Percorso Infanzia 2015/2016 Istituto Comprensivo Nord

Percorso Infanzia 2015/2016 Istituto Comprensivo Nord Percorso Infanzia 2015/2016 Istituto Comprensivo Nord Dott.ssa Carmen Piscitelli Centro di Consulenza Psicologica e Pedagogica L Albero Bianco via Matteo degli Organi, 213 Prato 0574/24684 alberobianco@alicecoop.it

Dettagli

LA DIDATTICA INDIVIDUALIZZATA PER L ALUNNO D.S.A. A cura di LAURA T. ALBANESE e.mail: laurateresa@virgilio.it

LA DIDATTICA INDIVIDUALIZZATA PER L ALUNNO D.S.A. A cura di LAURA T. ALBANESE e.mail: laurateresa@virgilio.it LA DIDATTICA INDIVIDUALIZZATA PER L ALUNNO D.S.A. A cura di LAURA T. ALBANESE e.mail: laurateresa@virgilio.it 1 SOMMARIO INTRODUZIONE NORMATIVA DALLA DIAGNOSI AL PDP IN ATTESA DELLA DIAGNOSI IL PDP, quale

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../... Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... a... Residente a: in Via Tel:... e-mail...

Dettagli

MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona

MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona MARIA ROCCA Consulente Grafologo Perito e Consulente Tecnico del Tribunale C.P. di Verona Relazione di Maria Rocca Al Convegno del 16 Marzo 2012 Buon pomeriggio a tutti i presenti e grazie agli organizzatori

Dettagli

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Consultazioni, esami e test psicomotori Sedute psicomotorie individuali con prescrizione medica per bambini affetti da: Disturbi della Coordinazione Motoria

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (DSA)*

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (DSA)* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia,Primaria e Secondaria di I grado Via Ligoncio,184-23025 NOVATE MEZZOLA (SO)- C.F.: 81002550143 -

Dettagli

MINISTERO DELLA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I.C L. Da Vinci - Comes D. M. -- MODELLO PDP -- Cognome: Data e luogo di nascita:.

MINISTERO DELLA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I.C L. Da Vinci - Comes D. M. -- MODELLO PDP -- Cognome: Data e luogo di nascita:. MINISTERO DELLA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I.C L. Da Vinci - Comes D. M. Via Bernini, 10 80055 Portici (NA) Tel./ Fax Direzione e Segreteria: 081.472911 Distretto n 35 NAIC8FW00G@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170)

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) Anno scolastico:.. Cognome e Nome dello studente Data e luogo di nascita:...

Dettagli

PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia

PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia Bambini e insegnanti per Osservare Ricercare Apprendere con Successo Insieme 1 La dislessia ha cause sconosciute:

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

DON LORENZO MILANI FERRARA. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) 1.

DON LORENZO MILANI FERRARA. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) 1. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON LORENZO MILANI FERRARA Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../... Nome e Cognome:...

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Premessa Compiti della scuola A livello di classe scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di primo grado Accogliere gli alunni

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Corso Crescere insieme con il modello ICF Corsisti: Mela, Faraldi, Perri, Mirano PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Nato con bassissimo peso alla

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO SECONDARIO DI I GRADO Monteleone-Pascoli Via Della Pace, 89029 Taurianova (Reggio Calabria) Distretto scolastico N 37- cod.fisc.91021480800 N.1167 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (DSA Legge 170/2010

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENIDMENTO Strumenti per capire ed aiutare gli alunni in difficoltà

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENIDMENTO Strumenti per capire ed aiutare gli alunni in difficoltà DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENIDMENTO Strumenti per capire ed aiutare gli alunni in difficoltà Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

DSA Disturbi Specifici di Apprendimento Ins.te Leandri Giuliana I disturbi specifici di apprendimento denominati DSA si

DSA Disturbi Specifici di Apprendimento Ins.te Leandri Giuliana I disturbi specifici di apprendimento denominati DSA si DSA Disturbi Specifici di Apprendimento Ins.te Leandri Giuliana I disturbi specifici di apprendimento denominati DSA si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, ma possono costituire una

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centralmente Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it

Dettagli

PSINE, su proposta e in collaborazione con E.C.Fo.P., organizza una

PSINE, su proposta e in collaborazione con E.C.Fo.P., organizza una PSINE, su proposta e in collaborazione con E.C.Fo.P., organizza una SCUOLA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE POSTUNIVERSITARIA in PSICOMOTRICITA NEUROFUNZIONALE Premessa La psicomotricità funzionale viene definita

Dettagli

Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento

Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento 17 gennaio 2013 Attività per il consolidamento dei prerequisiti di apprendimento a.s.2012/13 Nella Scuola d Infanzia si prepara il terreno perché l albero

Dettagli

Storia scolastica dell alunno (eventuali bocciature, a.s. consegna prima diagnosi di DSA, debiti formativi ): Frequenza degli incontri:

Storia scolastica dell alunno (eventuali bocciature, a.s. consegna prima diagnosi di DSA, debiti formativi ): Frequenza degli incontri: Piano Didattico Personalizzato anno scolastico: / per alunni con Caratteristiche Specifiche di Apprendimento (DSA)* Documento di Enrico Angelo Emili da riadattare in base al grado scolastico *Il PDP viene

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Piano Didattico Personalizzato DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO MARANO SUL PANARO Via Roma, 21 41054 Marano s.p. (MO) - Tel. 059 793367 Fax 059 793367 C.F. 94166900368 C.M. MOIC83600B E Mail MOIC83600b@istruzione.it Piano Didattico Personalizzato

Dettagli

Scuola dell infanzia in sintonia con le Linee Guida per il diritto alla studio degli alunni con disturbi specifici di apprendimento

Scuola dell infanzia in sintonia con le Linee Guida per il diritto alla studio degli alunni con disturbi specifici di apprendimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Tiraboschi Passaggio Rodari, 1 24030 Paladina (Bg) - 035 637559 035 633900 www.icpaladina.it Cod. Fisc. 95118520162

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) Istituto A.S. 201_/201_ Alunno/a: Classe: Ordine di Scuola: Coordinatore di classe/team: Referente/i:

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico 2011/2012 Scuola secondaria di 1 grado classe II Referente DSA o coordinatore di classe 1. Dati relativi all alunno Cognome e Nome Stefano Data

Dettagli

I quesiti nel Forum. Primi segnali del disturbo ed età in cui la diagnosi precoce porta successi nella riabilitazione

I quesiti nel Forum. Primi segnali del disturbo ed età in cui la diagnosi precoce porta successi nella riabilitazione I quesiti nel Forum AREA MEDICA Primi segnali del disturbo ed età in cui la diagnosi precoce porta successi nella riabilitazione Come comportarsi sospettando una sottovalutazione dei segnali da parte degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

A.N.G.Ri.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE GRAFOLOGI RIEDUCATORI DELLA SCRITTURA

A.N.G.Ri.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE GRAFOLOGI RIEDUCATORI DELLA SCRITTURA A.N.G.Ri.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE GRAFOLOGI RIEDUCATORI DELLA SCRITTURA Aderente al ANGRISFORMAZIONE SCUOLA A.N.G.RI.S. Corso di Specializzazione in EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE DELLA SCRITTURA Bologna,

Dettagli

LEGENDA ed ESEMPI PER LA COMPILAZIONE DI ALCUNE PARTI DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD USO DEL CONSIGLIO DI CLASSE.

LEGENDA ed ESEMPI PER LA COMPILAZIONE DI ALCUNE PARTI DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD USO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. LEGENDA ed ESEMPI PER LA COMPILAZIONE DI ALCUNE PARTI DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD USO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Dati relativi all alunno

Dettagli

Approfondimenti didattici sulla dislessia

Approfondimenti didattici sulla dislessia Ministero Dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia Associazione Italiana Dislessia Approfondimenti didattici sulla dislessia Presentazione illustrata

Dettagli

CORSI RIVOLTI A GENITORI/INSEGNANTI/TUTOR/STUDENTI PER ESSERE ADULTI CONSAPEVOLI

CORSI RIVOLTI A GENITORI/INSEGNANTI/TUTOR/STUDENTI PER ESSERE ADULTI CONSAPEVOLI CORSI RIVOLTI A GENITORI/INSEGNANTI/TUTOR/STUDENTI PER ESSERE ADULTI CONSAPEVOLI Premessa I Disturbi evolutivi Specifici dell Apprendimento (DSA) sono disturbi delle abilità scolastiche che comportano:

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

I.I.S. Luigi di Savoia Rieti sez. I.T.E. Piano Didattico Personalizzato alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)*

I.I.S. Luigi di Savoia Rieti sez. I.T.E. Piano Didattico Personalizzato alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* I.I.S. Luigi di Savoia Rieti sez. I.T.E. Piano Didattico Personalizzato alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Allegato 4 1.1. Dati dell alunno Anno scolastico:. Nome e Cognome:. nato/a

Dettagli

Istituto Comprensivo Sondrio Centro. Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA I DOCENTI DI CLASSE

Istituto Comprensivo Sondrio Centro. Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA I DOCENTI DI CLASSE Istituto Comprensivo Sondrio Centro Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA Il seguente Piano didattico personalizzato è un patto formativo tra I DOCENTI DI

Dettagli

DSA: istruzioni per l'uso

DSA: istruzioni per l'uso DSA: istruzioni per l'uso Rocchetta Tanaro, 1 marzo 2012 corso di aggiornamento per gli insegnanti dott.ssa Elena Ciavarella, terapista neuropsicomotricità e.e. DSA? I Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI DSA. di Apprendimento. Vademecum

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI DSA. di Apprendimento. Vademecum ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI DSA di Apprendimento Vademecum 1 1 Redatto da Marilena Camiciottoli, Referente per i DSA Commissione per i DSA a.s. 2013-2014 2 INDICE I disturbi

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LEONIDA MONTANARI Via Cesare Battisti, 14-00040 Rocca di Papa (Roma)- Tel: 06/9499928 Fax:06/9495523

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Approccio clinico-terapeutico e presa in carico da parte dei Servizi Sanitari

Approccio clinico-terapeutico e presa in carico da parte dei Servizi Sanitari Verona, 12 marzo 2012 Approccio clinico-terapeutico e presa in carico da parte dei Servizi Sanitari Maria Rosaria Cellino Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20 Verona

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO-Scuola Primaria

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO-Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Scuola Media Dante Alighieri a.s. 2011-2012 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO-Scuola Primaria Il presente piano personalizzato viene redatto ai sensi della L. 8/10/2010

Dettagli