COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con D.C. n. 305 del 28/12/1980

2 ARTICOLO 1 Tutti gli scoli delle acque piovane e degli acquai, bagni, lavatori e latrine ed in genere tutte le acque del rifiuto e le materie fecali provenienti dagli stabili di qualsiasi specie, devono essere condotti con tubazione al canale di fognatura pubblica, secondo le prescrizioni del presente regolamento, con divieto di usare pozzi neri e di effettuare qualsiasi immissione lorda in altri canali pubblici o privati, salve le disposizioni speciali in seguito stabilite per gli scarichi industriali. Dette immissioni saranno oggetto d apposita concessione. ARTICOLO 2 E assolutamente vietato di immettere nella fogna acque o liquidi in genere che in qualsiasi modo ne danneggino i manufatti, spazzature, ceneri e corpi solidi. Il proprietario dello stabile è responsabile verso il Comune dei danni causati dalla trasgressione al presente disposto ed è tenuto al rimborso delle spese di riparazione, a tenore degli articoli seguenti. ARTICOLO 3 Quando una casa od una proprietà fosse divisa tra più proprietari, questi saranno obbligati a riunire le rispettive canalizzazioni in uno o più fognoli, secondo il bisogno, facendone l immissione nella fogna stradale a tenore del presente Regolamento. ARTICOLO 4 Quando sia constatata l impossibilità di allacciamento alla nuova fognatura, potrà l Autorità Comunale permettere che le acque lorde e le materie fecali vengano provvisoriamente immesse, previa efficace depurazione con quei sistemi speciali che a giudizio insindacabile dell Autorità Comunale stessa, sentito l Ufficiale Sanitario, saranno atti allo scopo, in altri canali pubblici o privati che dovranno essere costantemente tenuti puliti ed in perfetta efficienza idraulica a cura e spesa dei richiedenti gli allacciamenti stessi. Detti impianti di depurazione dovranno sempre essere mantenuti in perfetto stato di funzionamento e saranno soggetti a speciale sorveglianza da parte dell Autorità Comunale, la quale, potrà liberamente far eseguire verifiche prelevando anche i campioni delle acque e revocare senz altro il permesso, ove trovasse non osservate od inefficaci le cautele intese ad evitare qualsiasi nocimento alla pubblica igiene. ARTICOLO 5 Ferme restando le disposizioni date dai regolamenti d igiene e edilizi relative ai pozzi neri nelle case che non possono fruire dei canali di fognatura, potrà l Autorità Comunale, sentito l Ufficiale Sanitario, permettere che al servizio di case nuove sorgenti lungo vie e spazi pubblici, in cui sia prossima esecuzione la fognatura, vengano eseguiti e usati provvisoriamente pozzi neri interrati ed opportunamente isolati dal suolo, purché siano costruiti in buona muratura ed intonacati in cemento od altrimenti costruiti in modo tale da essere impermeabili in via assoluta.

3 ARTICOLO 6 Allorquando entreranno in esercizio i canali di fognatura, il Sindaco ne darà avviso per iscritto ai proprietari di tutti gli stabili che dovranno esservi allacciati a proprio carico, a tenore dell art. 1. L avviso verrà notificano singolarmente per ogni stabile a mezzo di messo civico, sulla base di una mappa delle utenze approvata dall Amministrazione Comunale. ARTICOLO 7 I proprietari degli stabili preesistenti al canale di fognatura dovranno, entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dell avviso cui all art. 6, aver provveduto a loro cura e spesa all espurgo completo, alla soppressione e disinfezione dei pozzi neri, all allacciamento della canalizzazione interna con la fognatura stradale ed alla sistemazione di questa canalizzazione interna ai sensi del presente Regolamento. ARTICOLO 8 I lavori di allacciamento dovranno essere eseguiti a perfetta regola d arte e compiuti nel più breve tempo possibile, sotto la diretta sorveglianza dell Ufficio Tecnico Comunale, il quale dovrà essere avvisato dal Concessionario dell inizio e della fine dei lavori stessi. Per gli allacciamenti è stabilita una quota anticipata fissa a carico del proprietario dello stabile allacciato, nella misura seguente: SINO ALLA CUBATURA DI: PER OGNI CONDOTTO DI ACQUE NERE O MISTE 700 mc ( 7,23) mc ( 10,33) mc ( 30,99) mc ( 72,30) mc ( 103,29) LOTTIZZAZIONE Per ogni lotto ( 15,49) E in facoltà del Consiglio Comunale modificare ulteriormente l ammontare di tali quote. L Amministrazione Comunale si riserva altresì la facoltà di eseguire direttamente i lavori degli allacciamenti di fognatura nera, bianca o mista, sul suolo pubblico, dal pozzetto di consegna posto al limite della proprietà privata sino al collettore od agli innesti in esso predisposti. Resta inteso che la spesa dei predetti lavori sarà a carico dei proprietari degli stabili cui i lavori stessi interessano.

4 ARTICOLO 9 I lavori nella parte relativa all attraversamento stradale dovranno compiersi senza interruzione nello spazio di 24 ore consecutive; il transito stradale non dovrà subire alcuna interruzione né essere comunque ostacolato. Durante le ore notturne appositi segnali luminosi ed opportuni sbarramenti con tavole garantiranno l incolumità dei pedoni ed il transito dei veicoli. Con l accettazione dell apposito disciplinare la Ditta concessionaria assumerà completamente a suo carico ogni responsabilità per danni diretti ed indiretti che potessero derivare a terzi in dipendenza dell esecuzione dei lavori. La ditta concessionaria dovrà inoltre provvedere al ripristino a regola d arte del piano d usura dei marciapiedi e della pavimentazione della carreggiata. I ritombamenti degli scavi saranno eseguiti con materiale misto ghiaioso a piccoli strati, bagnato e battuto fino al rifiuto. ARTICOLO 10 Il Concessionario sarà tenuto a rilasciare il Comune di tutti i danni che eventualmente potessero essere arrecati alla pavimentazione stradale, sottofondi, tubazioni di scarico, idriche, gas, cavi elettrici ecc. in conseguenza dei lavori e dovrà provvedere a tutta sua cura e spese alla costante perfetta manutenzione dell opera. Il Concessionario dovrà eseguire a tutte sue spese le modifiche, in qualsiasi tempo si rendessero necessarie, nel manufatto formate oggetto della concessione per causa od in occasione di lavori che il Comune dovesse eseguire nella strada, via o piazza a cui si riferisce la concessione medesima. ARTICOLO 11 La concessione si intenderà accordata senza pregiudizio di diritti dei terzi e scadrà con il 31 dicembre del nono anno successivo alla data dell atto amministrativo con cui si perfezionerà tale concessione, o eventuali rinnovi. La concessione sarà revocata dal Sindaco, a norma dell art. 193 del T.U. 14/09/1931 n 1175 qualora venga accertata e dimostrata dall Ufficio Tecnico Comunale, sentito il parere dell Ufficiale Sanitario od altro organo comunale competente in materia igienico sanitaria, difformità rispetto alla presente normativa o alle leggi vigenti. E prevista, tuttavia, la sospensione immediata della concessione, fino ad accertamenti avvenuti, per i seguenti casi: Immissione di scarichi non approvati o rispondenti alle normative vigenti. Danneggiamento anche involontario della rete pubblica. Non corresponsione dei tributi di concessione o non liquidazione delle spese affrontate dal Comune per l eventuale costruzione dell allacciamento o per la sua riparazione. Il Concessionario potrà presentare la documentazione che riterrà opportuna, entro quindici giorni dalla notifica della sospensione. Sulla revoca o sul ripristino della concessione deciderà in seguito il Sindaco, secondo le modalità di cui al secondo comma.

5 ARTICOLO 12 Il concessionario dovrà pagare al Comune una tassa provvisoria annua di ( 1,03); tale contributo simbolico ha valore solo durante la fase di avvio ed in attesa che il servizio di fognatura e di gestione dell impianto di depurazione entri in fase di regime. Durante tale periodo, per ogni unità immobiliare allacciata, la suddetta tassa verrà corrisposta unitamente alla quarta rata delle imposte prediali, a decorrere dall anno in corso, salva l applicazione dei contributi contemplati negli artt. 247 e seguenti del T.U. precitato. La tassa avrà inizio dal 1 Gennaio se la concessione verrà fatta entro il 1 semestre dell anno e dal 1 Luglio se fatta durante la seconda semestralità. In caso di cessazione il Concessionario dovrà comunque corrispondere l intera tassa annua. In caso di ritardo nei pagamenti il Concessionario sarà tenuto a corrispondere all Esattore Tesoriere del Comune la multa di mora 6% (sei percento). Superato tale periodo che rimane comunque nella discrezionalità dell Amministrazione, la stessa provvederà alla determinazione della quota annua sulla base dei reali costi di gestione del servizio di fognature dell impianto di depurazione, e le potenzialità dell utenza. All uopo, le modalità per la determinazione dell onerosità del servizio, saranno visionate da apposita Concessione designata dal Consiglio Comunale. Salvo disposizioni contrarie tale Commissione sarà composta dal Sindaco o suo delegato, dal Tecnico Comunale, da un esperto nell ingegneria sanitaria e da due Consiglieri di cui uno appartenente ai gruppi di minoranza. Sarà poi di facoltà del Comune procedere in qualunque tempo alla revisione della quota suddetta senza che il Concessionario possa sollevare eccezioni. ARTICOLO 13 L infrazione ad una qualsiasi delle suestese condizione comporterà la decadenza Ipso Iure della concessione, salva l applicazione delle sanzioni penali ed il risarcimento dei danni nonché l incaricamento della cauzione costituita a norma dell articolo precedente e seguenti. ARTICOLO 14 Il Concessionario con l accettazione dell apposita disciplinare si impegna per sé, suoi eredi di aventi causa. Egli però si obbliga a notificare al Comune, in caso di trasferimento dell immobile suindicato per fatto da vivi, le generalità e la residenza dei suoi successori, rimangono in mancanza sempre obbligato al pagamento del canone di cui al precedente articolo 12. ARTICOLO 15 Oltre a quanto è stato sopra dedotto, con richiamo alle disposizioni alle leggi, dei regolamenti e delle ordinanze comunali in genere si fa obbligo della piena osservanza a tutte le altre prescrizioni di carattere generale e particolare che venissero emanate nell avvenire anche sotto forma di semplici provvedimenti dell Amministrazione Comunale. Le spese tutte dell atto del relativo decreto di concessione inerenti e conseguenti, compresi i necessari sopralluoghi tecnici, andranno a carico esclusivo del Concessionario il quale a tal fine dovrà versare alla Cassa del Comune una somma previamente calcolata, salvo conguaglio.

6 ARTICOLO 16 Le tubazioni eseguite dal Concessionario in sede stradale, che servono all allacciamento della canalizzazione degli stabili, resteranno di esclusiva proprietà del Comune. Per le immissioni nelle fogne stradali si dovranno usare solamente gli imbocchi predisposti durante la costruzione delle fognature e la tubazione privata non dovrà eccedere i diametri degli imbocchi medesimi. A tal uopo, a richiesta, l Ufficio Tecnico municipale fornirà tutte le indicazioni necessarie, affinché il progetto di fognatura dello stabile possa essere coordinato alle condizioni della fognatura esistente. Le tubazioni private di scarico di ogni singolo stabile dovranno essere condotte direttamente, e ciascuna separatamente al canale di fognatura, salvo casi speciali da determinarsi dall Autorità municipale. Le tubazioni non potranno in sede stradale essere costruite parallelamente all asse stradale ma solo ad esso perpendicolari. In via del tutto eccezionale, previa autorizzazione da parte dell Ufficio Tecnico Comunale, si potrà derogare a quanto stabilito al terzo comma. ARTICOLO 18 A richiesta dell Ufficio Tecnico Comunale, i proprietari dovranno fornire le indicazioni relative a tutti gli scarichi esistenti, nonché quelle necessarie per predisporne di nuovi, in relazione alla futura canalizzazione interna dei loro stabili, e ciò per iscritto entro 15 giorni dall invito. Solo gli scarichi così predisposti potranno essere utilizzati per il definitivo assetto della fognatura negli stabili stessi. Il rifiuto o l omissione di fornire le indicazioni di cui sopra, impregiudicata l applicazione delle sanzioni eventuali, daranno al Comune la facoltà di provvedere d Ufficio alle opere d allacciamento degli scarichi, ponendo a carico dei proprietari, che dovranno di conseguenza rimborsargliela, ogni spesa che il Comune incontrerà a causa della mancanza di dette indicazioni. ARTICOLO 19 Ad evitare l inquinamento del suolo sul quale si voglia innalzare una fabbrica, l Amministrazione Comunale permetterà l uso di una o più immissioni nella fognatura stradale, ove esista, a scarico provvisorio delle latrine per gli operai addetti alla costruzione; il contributo dell art. 12 decorrerà però soltanto dalla data di occupazione dello stabile. I condotti per tale scarico provvisorio dovranno essere scelti a cura del proprietario dello stabile, tra quelli destinati a servire in modo definitivo al fabbricato. Il proprietario dovrà allacciarvi le latrine di servizio prima di uscire con la costruzione dal piano di terra. Per la scelta degli scarichi il proprietario degli stabili dovrà fornire, in tempo utile all Ufficio Tecnico Comunale, le necessarie indicazioni. ARTICOLO 20 In conformità al sistema di fognatura del Comune la canalizzazione interna degli stabili raccoglierà in un unica rete sotterranea, previo separato trattamento, tanto gli scoli bianchi e neri, che quelli di acque sorgive e meteoriche, oppure separatamente questi da quelli. L Autorità Comunale potrà tuttavia permettere, ed in qualche caso ordinare, che singoli stabili, scarico o continuino a scaricare le acque pluviali e sorgive, ma esclusivamente queste, in condotti separati, nei corsi d acqua pubblici o in tombini comunali.

7 ARTICOLO 21 Le opere per la canalizzazione interna di uno stabile si considerano opere edilizie soggette alle disposizioni del regolamento edilizio. ARTICOLO 22 Disposizioni tecniche di massima per l esecuzione degli allacciamenti e della rete di fognatura interna alla proprietà privata. Per l esecuzione della rete di canalizzazione interna di uno stabile, ai fini dell allacciamento alla rete comunale, dovrà essere presentata al Sindaco una domanda di autorizzazione corredata da un elaborato particolareggiato comprendente: Una pianta generale delle proprietà in scala almeno 1: 500, nel solo caso che nelle stesse sia previsto l insediamento di due o più stabili. Una pianta in scala 1: 100 o 1: 200 del piano terreno del fabbricato, con l indicazione della rete di distribuzione sotterranea dalla quale risultino i diametri dei tubi, la loro pendenza, le bocche, i pozzetti di ispezione, gli eventuali sifoni e i dettagli relativi all immissione nella fognatura stradale, nonché ogni altro particolare inerente il regolare funzionamento delle condotte. Un estratto di mappa della zona interessata dai lavori di fognatura, nel quale siano individuate le proprietà, le aree confinanti e le più vicine sedi stradali. I giunti delle tubazioni dovranno essere a perfetta tenuta rispetto agli odori e rispetto ai liquidi. I tubi principali di scarico, prima dell uscita dalla proprietà, dovranno essere muniti di bocca (braga) di ispezione, in corrispondenza di un pozzetto, anch esso ispezionabile, ubicato possibilmente nei pressi dei confini della proprietà privata. Per le dimensioni dei pozzetti si rimanda alla TAB. 2 allegata al presente regolamento. La pendenza minima delle tubazioni messe in opera dal privato non dovrà essere inferiore al 2%. Per i diametri dei tubi si rimanda alla TAB. 1 allegata. Tutte le condotte compatibilmente con comprovate esigenze contingenti, dovranno essere ispezionabili e comunque lo dovranno essere le principali; per le secondarie è facoltà del Tecnico Comunale decidere sulle loro ispezionabilità o meno. Le chiusure idrauliche (sifoni) atte a prevenire il riflusso di odori od esalazioni dalla condotta principale pubblica, alle abitazioni, dovranno essere eseguite in modo da non impedire l aerazione di quest ultima e pertanto: Se si attuano chiusure idrauliche nel pozzetto di allacciamento, si dovrà mettere in opera una tubazione di almeno 6 cm. di diametro, atta ad aerare la condotta principale pubblica. La condotta di aerazione dovrà innestarsi sulla tubazione di allacciamento a valle del sifone, e dovrà sboccare o su apposite colonnine di altezza pari ad almeno 3 m., o in un altra posizione non molesta. Se le colonnine in esame venissero poste sul tetto di uno stabile, la loro altezza potrà essere inferiore, ma per terrazze agibili il limite del precedente comma resta invariato. Il pozzetto di allacciamento verrà eseguito con modalità analoghe a quelle illustrate in fig. 1. L esecuzione del dispositivo di aerazione qui trattato è facoltativo se già esiste un altro a distanza superiore ai 25 m., all atto della presentazione della domanda di Concessione. Se si attuano chiusure idrauliche su ciascuna tubazione o gruppo di esse prima del pozzetto di allacciamento, si dovrà predisporre una tubazione di aerazione di almeno 6 cm. di diametro e con sbocco sul tetto. I raccordi tra detta tubazione e gli scarichi dei servizi domestici dovranno essere dei sifoni in oggetto.

8 In questo caso il pozzetto di allacciamento verrà eseguito con le modalità illustrate in fig. 2. Gli sbocchi delle tubazioni di aerazione dovranno essere muniti di una griglia o dispositivo analogo, per evitare il passaggio di corpi che le possono otturare. Le condotte che trasportano liquami provenienti esclusivamente da usi domestici potranno essere in amianto cemento. I pezzi speciali dovranno essere, in tal caso, compatibili con tale tipo di tubazione. Ciò vale anche per acque piovane e sorgive. In ogni altro caso sarà necessario adottare tubazioni di comprovata resistenza alla corrosione e all usura. Tutti i pozzetti costruiti dal privato dovranno essere ispezionabili. Le condotte di fognatura interna agli stabili ubicate nei pressi di quelle destinate all approvvigionamento idrico dovranno trovarsi sufficientemente al di sotto di queste. L immissione nella rete comunale sarà eseguita costruendo un condotto interrato in tubi di diametro interno non inferiore ai 15 cm. Esso sarà reso ispezionabile con l inserzione di una braga in corrispondenza del già citato pozzetto di allacciamento e dovrà confluire nella rete principale o in corrispondenza dei pozzetti stradali predisposti su essa o di derivazione e pezzi speciali anch essi predisposti all uopo. La quota dell allacciamento dovrà essere tale che il punto inferiore della condotta privata, alla sua uscita dal pozzetto privato, sia a quota superiore al punto più alto della tubazione comunale. Se ciò non avvenisse oppure se la pendenza dell allacciamento fosse inferiore a quanto già fissato si dovrà predisporre un impianto di sollevamento. ARTICOLO 23 L Autorità Comunale può prescrivere che gli scarichi di grandi cucine di esercizi, stabilimenti o di istituti pubblici non vengano immessi nelle condotte sotterranee se non dopo essere passati per sgrassatori di adatta costruzione di adatta costruzione e capacità muniti di chiusura idrica. Se posti in locali chiusi, questi sgrassatori dovranno avere chiusini a tenuta ermetica. ARTICOLO 24 Le acque nere sono costituite dai soli scarichi di gabinetti. Queste acque previo trattamento come da schema (B) allegato al presente, verranno immesse direttamente nel collettore stradale. Qualora l immissione avvenisse nella rete di fognatura pubblica di tipo misto si dovrà adottare lo schema di allacciamento (A) allegato al presente. Acque bianche ARTICOLO 25 Le acque bianche sono costituite da scarichi di lavabi, bagni, docce, lavelli, lavatrici ecc. con esclusione di acque comunque industriali, meteoriche o sorgive, di lavaggio di autorimesse, officine e simili. Dette acque bianche dovranno essere allacciate, previo trattamento di sgrassaggio in appositi pozzetti condensagrasso a due celle con sifone a tenuta ermetica, alla rete di fognatura pubblica secondo lo schema (B) allegato al presente. Qualora l immissione avvenisse nella rete di fognatura pubblica di tipo misto si dovrà adottare lo schema di allacciamento (A) allegato al presente.

9 Acque piovane sorgive ARTICOLO 26 Le acque definite come sopra sono quelle di pioggia e di pozzo artesiano, esclude quelle di scarico di qualsiasi ciclo di lavorazione. Esse potranno essere allacciate alla rete drenante pubblica (vedi schema B) allegato in calce al presente, oppure alla rete di fognatura pubblica di tipo misto (secondo l unito schema A). Acque industriali ARTICOLO 27 Le acque provenienti da qualsiasi ciclo di lavorazione di materie prime o manufatti, quelle di lavaggio dei locali ove avvengono lavorazioni in genere, e quelle di autorimesse, officine, centrali termiche, ecc. dovranno, prima dell immissione in fognatura, essere sedimentate, sgrassate ed epurate in modo da eliminare quelle parti comunque dannose, pericolose, come stabilito dagli artt. 226 e 227 T.U. Leggi Sanitarie 1934 e successive (Legge Merli). Dette acque dovranno avere apposite canalizzazioni ed immissioni nella rete di fognatura, distinte da quelle che servono per gli allacciamenti degli altri tipi di acque domestiche e cloacali dello stabile, e dovranno passare, prima d uscire dalla proprietà privata, in un pozzetto facilmente ispezionabile, dal quale il Comune potrà in qualsivoglia momento far prelevare campioni delle acque stesse. Non verranno ad ogni buon conto accettati scarichi industriali contenenti sostanze che non siano trattabili con sistemi biologi. Il proprietario dello stabile è esclusivamente responsabile, verso il Comune e verso terzi, dei danni che per la natura degli scoli effettuati potessero derivare, e sarà tenuto all immediato rimborso delle spese che il Comune dovesse sopportare per il restauro dei canali di fognatura in seguito ai guasti arrecativi dagli scarichi industriali stessi, in base alla liquidazione redatta dall Ufficio Tecnico Comunale. Oltre il contributo ordinario stabilito dagli artt. 8 e 12, il proprietario dello stabile dovrà pagare uno speciale contributo annuo anticipato da determinarsi volta per volta dal Comune, a seconda dell importanza dello scarico. Per le opere di canalizzazione e neutralizzazione delle acque industriali si dovrà produrre un regolare progetto all Autorità Comunale e riportarne l approvazione. Il proprietario dello stabile dovrà versare al Comune un deposito cauzionale a garanzia dell esatta osservanza delle prescrizioni e degli obblighi portati dal presente articolo, nella misura, che sarà volta per volta prescritta dal Comune. In caso di constatata inosservanza delle suesposte prescrizioni e condizioni, il Sindaco ordinerà la soppressione immediata dello scarico e, in caso d inadempienza, potrà procedere d Ufficio ai sensi dell art. 55 della Legge C.P. vigente, alla chiusura delle immissioni industriali in fognatura, senza alcuna responsabilità per le conseguenze e ponendo a carico del proprietario le spese relative, oltre l integrale risarcimento dei danni recati. La Concessione d immissione di scarichi industriali nelle fognature stradali come sopra, sarà sempre e in qualsiasi epoca revocabile, qualora, pur essendo osservate le prescrizioni speciali, considerazioni riguardanti l igiene pubblica, la conservazione della rete di fognatura e le esigenze in rapporto al trattamento epurativo ed all eventuale utilizzazione delle acque di rifiuto e loro residui, ciò fosse ritenuto indispensabile per

10 motivazioni e giudizio esclusivo dell Autorità Comunale; cesserà del pari l esercizio, dell industria per la quale fu concessa tale immissione. Agli scarichi industriali che attualmente si immettano in corsi di acqua pubblici o privati, a loro volta affluenti ai pubblici, dovranno essere applicate le norme vigenti a livello nazionale, sia a riguardo della conservazione dei canali comunali e pubblici, sia a difesa della contaminazione delle acque fluenti e sotterranee. Lo stesso vale per i nuovi scarichi industriali che venissero concessi in detti corsi d acqua. A carico del Concessionario saranno inoltre le spese per i lavori di periodica pulizia dell alveo a valle dello scarico stesso secondo le prescrizioni dell Ufficio Tecnico Comunale. ARTICOLO 28 CONTRIBUTO PER L IMPIANTO DI DEPURAZIONE Qualsiasi unità immobiliare collegata direttamente od indirettamente alla pubblica fognatura, è soggetta al pagamento di un contributo annuo da stabilirsi dall Amministrazione Comunale al momento dell entrata in esercizio del depuratore stesso: tale contributo annuo dovrà essere versato unitamente al canone di cui all art. 12. ARTICOLO 29 DETERMINAZIONE ED ISCRIZIONE DEI CONTRIBUTI La determinazione dei contributi di cui agli artt. 8; 12; 28, attribuibili ad uno stabile è fatta dall Amministrazione Comunale in base ai rilievi e computi del proprio Ufficio Tecnico. Tale determinazione verrà notificata al proprietario interessato (o suo rappresentante), il quale potrà, nel termine di 30 giorni dalla notifica, far pervenire per iscritto all Autorità Comunale eventuali osservazioni ed eccezioni. Trascorso tale termine, i contributi liquidati si riterranno pienamente accettati e si procederà d Ufficio alla relativa iscrizione ed esazione. PENALI ARTICOLO 30 Le contravvenzioni alle disposizioni contenute nel presente Regolamento sono disciplinate dagli artt. 106 e seguenti della Legge C. e P.T.U. 3 Marzo 1934 n. 383; all art. 17 della Legge sulla Pubblica Sicurezza T.U. approvato con R.D. 18 Giugno 1931 n. 773, fatto salvo per l Amministrazione Comunale il diritto alla rifusione dei danni e delle spese. ARTICOLO 31 COLLAUDO E CONTROLLI DELLA FOGNATURA COSTRUITA DAI PRIVATI Il collaudo della fognatura costruita dai privati è affidato al Tecnico Comunale e all Ufficiale Sanitario o, comunque, agli organi comunali competenti in materia tecnica e igienico - sanitaria. È facoltà dell Autorità Comunale richiedere l esecuzione del collaudo ad organi extracomunali competenti e abilitati legalmente a farlo. Dovranno essere accertati, in generale:

11 1) La rispondenza all elaborato particolareggiato approvato dal Comune. 2) La tenuta della rete costruita dal privato rispetto ad odori e liquami. 3) La conformità delle caratteristiche dei liquami alla normativa igienico sanitaria vigente e alle dichiarazioni fatte dal richiedente per la Concessione. 4) La ispezionabilità effettiva delle condotte, nei punti previsti. L Autorità Comunale può richiedere in ogni caso e momento l intervento di un qualsiasi organo competente, per effettuare prove e misure sul liquame immesso nella fognatura pubblica dal privato. Il prelievo dovrà essere eseguito a monte dell allacciamento e in modo che non sia possibile alcuna diluizione del liquame citato. Per le acque industriali dovrà essere presentata una accurata documentazione atta a garantire la rispondenza delle stesse ai limiti fissati dalle leggi nazionali o regionali in vigore. ARTICOLO 32 MODIFICHE DELLA RETE COSTRUITA DAI PRIVATI Ogni variante all elaborato particolareggiato approvato sarà soggetta all approvazione secondo le modalità previste all art. 22 del presente regolamento. RIPARAZIONE DEGLI ALLACCIAMENTI ARTICOLO 33 Le riparazioni, in caso di urgenza, ai condotti di allacciamento esistenti in sede stradale saranno eseguite dal Comune anche senza preventiva domanda scritta da parte del Concessionario, ma a spese dello stesso. La liquidazione di spesa viene fatta dall Ufficio Tecnico Comunale, con l intervento dell interessato, ove ne faccia preventiva notifica. L interessato, potrà, nell arco di dieci giorni, dalla notifica della liquidazione, far pervenire le sue osservazioni ed eccezioni in proposito. Trascorso tale termine senza che siano pervenute eccezioni, la liquidazione diventerà effettiva ed ad essa dovrà seguire l immediato pagamento al Comune. In caso di ritardi si veda l art comma. ENTRATA IN VIGORE ARTICOLO 34 Il presente Regolamento entrerà in vigore dopo l approvazione dell Autorità tutoria e dopo la sua affissione all Albo Comunale per 15 giorni, ai sensi dell art. 21 Legge n. 530.

Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it

Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it C OMUNE DI S ALCITO P R O V I N C I A D I C A M P O B A S S O Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it Regolamento locale per il servizio della

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO COMUNALE PER LE OPERE DI FOGNATURA E LO SCARICO DI REFLUI IDRICI NEI COLLETTORI DELLA FOGNATURA, NEL SOTTOSUOLO E NEI

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE.

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Spett. le Amia spa 54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Il sottoscritto nato il / / a Prov.

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 30.04.1999 1 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione C.C. nr. 23 dd. 31.03.1987, prot. G.P. Trento nr.4377/2-r dd. 17.06.1987. Modificato con

Dettagli

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione

Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Estratto dal regolamento comunale di fognatura e depurazione Art. 11 - Allacciamento alla pubblica fognatura di insediamenti produttivi e produttivi assimilabili a civili Gli scarichi provenienti da insediamenti

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con delib. C.C. n. 18 del 28.02.94 Pubblicato all albo pretorio dal 23.3.94 per 15 gg. consecutivi Ripubblicato all

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993 REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA Castano Primo, luglio 1993 1 INDICE CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Regolamento Art. 2 - Obbligo di immissione nella pubblica fognatura Art. 3

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale.

progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale. C O M U N E D I S T A R A N Z A N O (Provincia di Gorizia) progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale. CAPO I - SCARICI DOMESTICI E METEORICI Art. 1 - ALLACCIAMENTI ALLA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 97 di data 26/10/1986 Entrato in vigore 21/11/1986 (Seduta G.P. del 21/11/1986

Dettagli

"REGOLAMENTO PER INTERVENTI DA ROTTURA E RIPRISTINO DELLE PAVIMENTAZIONI DI SUOLO PUBBLICO PER APPOSIZIONE DI CAVI SOTTERRANEI, TUBI, CONDOTTE

REGOLAMENTO PER INTERVENTI DA ROTTURA E RIPRISTINO DELLE PAVIMENTAZIONI DI SUOLO PUBBLICO PER APPOSIZIONE DI CAVI SOTTERRANEI, TUBI, CONDOTTE "REGOLAMENTO PER INTERVENTI DA ROTTURA E RIPRISTINO DELLE PAVIMENTAZIONI DI SUOLO PUBBLICO PER APPOSIZIONE DI CAVI SOTTERRANEI, TUBI, CONDOTTE Art. 1 Chiunque intenda procedere alla rottura e relativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

REGOLAMENTO FOGNATURA

REGOLAMENTO FOGNATURA REGOLAMENTO FOGNATURA Adottato con delibera C.C. n. 132 del 17.10.1975 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Immissioni nei canali della fognatura. Tutti gli scoli delle acque di qualsiasi natura e delle

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino

CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER IMMISSIONI NELLE FOGNATURE COMUNALI Aggiornato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del - adottato dal Consiglio Comunale nella seduta

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 Allegato D8 PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 La Provincia di Pisa intende affidare in concessione

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE)

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Prot. N... Rich. N. /.. O.d.L. N... RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Il sottoscritto (1)

Dettagli

Comune di Villa d Almè (Provincia di Bergamo)

Comune di Villa d Almè (Provincia di Bergamo) Comune di Villa d Almè (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 15/11/2001 REDATTA DA Vittorio Orsini VERIFICATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE I N D I C E CAPO I - PREMESSE Art. 1 - Generalità Art. 2 - Sistemi di fognatura Art. 3 - Fognatura mista (sistema unitario) Art. 4 - Fognatura nera

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

IL 03.07.05 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012

IL 03.07.05 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012 Linee guida per l allacciamento alla fognatura pubblica Rev. 03 del 18/01/2012 Documento elaborato da: Responsabile qualità e ambiente Attuazione: Responsabile reparto acque reflue in conformità con le

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria.

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO NELLA RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE Tipo di autorizzazione: nuova rinnovo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

08/04/2014. Gli scarichi idrici

08/04/2014. Gli scarichi idrici Gli scarichi idrici A seconda della loro origine, le acque di scarico domestiche possono essere: acque nere, quelle provenienti dai servizi igienici; acque grigie, quelle provenienti da lavandini, docce

Dettagli

Regolamento per il servizio delle fognature. [Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 396 del 6/10/1977]

Regolamento per il servizio delle fognature. [Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 396 del 6/10/1977] Regolamento per il servizio delle fognature [Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 396 del 6/10/1977] CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Obbligo di immissione in fogna Tutti gli scoli delle

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA IN ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA IN ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE COMUNE DI PREDAZZO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA IN ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE - Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 12

Dettagli

REGOLAMENTO. Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato

REGOLAMENTO. Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO Mostra - Mercato dell antiquariato oggettistica ed artigianato * * * ADOTTATO con delibera Consiliare n 51 del 14.04.1994 RIPUBBLICATO in data

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT

COMUNE DI BRINDISI SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT COMUNE DI BRINDISI SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE D USO DEL COMPLESSO SPORTIVO

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE TITOLO II DISCIPLINA DEGLI SCARICHI DEGLI INSEDIAMENTI CIVILI E PRODUTTIVI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE TITOLO II DISCIPLINA DEGLI SCARICHI DEGLI INSEDIAMENTI CIVILI E PRODUTTIVI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1) Oggetto del Regolamento TITOLO II DISCIPLINA DEGLI SCARICHI DEGLI INSEDIAMENTI CIVILI E PRODUTTIVI Art.2) Smaltimento

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE - - - - - -

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE - - - - - - C I T T A D I (Provincia di Venezia) C A O R L E REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE - - - - - - 1 SEZIONE I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E ASET S.p.A. REGOLAMENTO FOGNATURA E DEPURAZIONE - --------------------------------------------------------------------------------- ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E DEFINIZIONE CONTRIBUTI Modificato con Del.

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO CAPITOLO I Norme generali Applicazione Art. 1 Il presente regolamento, regola la costruzione, l esecuzione, la manutenzione e il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCETTABILITA DEGLI SCARICHI FOGNATURA AFFERENTE ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VENERI

REGOLAMENTO DI ACCETTABILITA DEGLI SCARICHI FOGNATURA AFFERENTE ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VENERI REGOLAMENTO DI ACCETTABILITA DEGLI SCARICHI FOGNATURA AFFERENTE ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VENERI CONSORZIO DEL TORRENTE PESCIA SpA Art. 1 OGGETTO E SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione di C.C. n. 27 del 27/04/2010 1 I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Competenze Art.

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETA COMUNALE Luglio 2000 Adottato con deliberazione consiliare n 29 del 25/02/2002 COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) 81.10 Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale.

Dettagli

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche in aree non servite da pubblica fognatura (Approvato con deliberazione n.140/cc del 29.11.2004) INDICE CAPO I Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 6

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 6 RACCOMANDATA A.R. Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura Il/La sottoscritto/a

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI FOGNATURA COMUNALE

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI FOGNATURA COMUNALE CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI FOGNATURA COMUNALE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 39 DEL 17 LUGLIO 2007 1 INDICE GENERALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

Regolamento di fognatura comunale

Regolamento di fognatura comunale COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento di fognatura comunale Approvato con deliberazione di C.C. n. del 25. 02. 1972 COMUNE DI CARNAGO c.a.p. 21040 Piazza Gramsci, 3 C.F./P.IVA 00308180124

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO Estratto dalle Linee Guida ARPA LG28/DT Criteri di applicazione DGR 286/05 e 1860/06 ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LINEE GUIDA 5.1 Definizioni Acque di prima pioggia Sono identificate nei primi 5 mm

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE

REGOLAMENTO PER LO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE REGOLAMENTO PER LO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE C a p o I Premesse - Classificazione dei sistemi di smaltimento in fognatura - Classificazione delle acque reflue e degli insediamenti Art. 1 - Premesse. Il

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE

INOLTRA DOMANDA PER OTTENERE modello 1 A.O Domanda per ottenere il Nulla Osta all allaccio in fognatura pubblica per lo scarico di reflui domestici provenienti da unità abitative residenziali modello (ai sensi dell art. 45 del D.Lgs.

Dettagli

Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) CONVENZIONE SCHEMA CONVENZIONE RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA

Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) CONVENZIONE SCHEMA CONVENZIONE RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA CONVENZIONE Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) Prot. n pag. i - che il progetto del Piano di Loffizzazione Convenzionata presentato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI FOGNATURA CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI FOGNATURA - Approvato con del. C.C. n. 45-344 del 28.02.1992 (CO.RE.CO. prot. n. 2516 del 19.03.1992 e n. 50-388 del

Dettagli

Regolamento per lo scarico in pubblica fognatura dei reflui provenienti da insediamenti produttivi del territorio di competenza dell Autorità d

Regolamento per lo scarico in pubblica fognatura dei reflui provenienti da insediamenti produttivi del territorio di competenza dell Autorità d Regolamento per lo scarico in pubblica fognatura dei reflui provenienti da insediamenti produttivi del territorio di competenza dell Autorità d Ambito della provincia di Bergamo Indice Capitolo 1 Norme

Dettagli

Nuove procedure. finalizzate al rilascio dell Attestazione della idoneità abitativa

Nuove procedure. finalizzate al rilascio dell Attestazione della idoneità abitativa Allegato A) Nuove procedure finalizzate al rilascio dell Attestazione della idoneità abitativa in applicazione dell art. 29, comma 3, lettera a) del D.Lgs. n 286 del 25.7.1998 e s.m. e i. A cura: Settore

Dettagli

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm)

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Protocollo COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Riservato all Ufficio ALL UFFICIO URBANISTICA DEL COMUNE DI CAVE RIFERIMENTO DI ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia:

Dettagli

DOMANDA PER NULLA OSTA

DOMANDA PER NULLA OSTA REVISIONE 05 - del 03.01.2012 Spettabile ACQUE NORD s.r.l. Via San Bernardino n. 50 28922 VERBANIA Alla cortese attenzione del Presidente DOMANDA PER NULLA OSTA NUOVO ALLACCIAMENTO di scarichi civili alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA 1 COMUNE DI PINZOLO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.20 di data 29.03.1995 Modificato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI ZOPPOLA REGOLAMENTO PER ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETA COMUNALE O DI USO PUBBLICO REGIONE AUTONOMA

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO ART. 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Forma oggetto della concessione la gestione del complesso dei beni

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE Art. 1 AMMISSIONE ALLA FIERA Possono essere ammessi come espositori: a) Le aziende italiane ed estere

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNE DI MARENTINO Pronvicia di Torino REGOLAMENTO DI FOGNATURA INDICE ART.1 - SERVIZIO PUBBLICO DI FOGNATURA ART.2 LOTTI PRIVATI PROPRIETARI DEI LITTI ART.3 TERMILOGIA TECNICA ART.4 DIRITTI DI ALLACCIAMENTO

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i DOMANDA DI NULLA OSTA ALL'ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ( Art. 23 del Regolamento di Fognatura ) Rumiz CAFC S.p.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 20 aprile 2014 Messaggio municipale No. 106-2014 che chiede la concessione di un credito di CHF 351'000.00 per la sostituzione della canalizzazione delle acque miste fognarie e il rifacimento

Dettagli