LA GABBIANELLA E IL GATTO. (Dalla visione del film al testo teatrale)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GABBIANELLA E IL GATTO. (Dalla visione del film al testo teatrale)"

Transcript

1 LA GABBIANELLA E IL GATTO (Dalla visione del film al testo teatrale) Gli studenti delle classi I,II e III A della Scuola media R.Maltini dell'isola del Giglio, a partire dal mese di marzo, hanno svolto l'esercizio di trascrizione dei dialoghi dei personaggi del film di animazione di D'Alò La gabbianella e il gatto, tratto dal romanzo di Sepulveda Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare. Durante l'anno scolastico essendosi avvicinati al mondo del teatro, insieme all'insegnante di lettere, hanno scelto di realizzare un classico copione. Durante le ore dedicate al progetto gli alunni si sono organizzati in piccoli gruppi, i quali hanno suddiviso i dialoghi in atti e scene varie accompagnando il tutto con didascalie dettagliate per spiegare al meglio tutti i momenti del film.

2

3 Personaggi: Nina Babbo di Nina (Poeta) Zorba Colonnello Segretario Diderot Pallino Bobulina Kengah Igor Fortunata Gatto di mare Grande topo Topo segretario e altri topi e gatti minori.

4 ATTO I Scena I La scena si svolge all'interno della casa del Poeta e della figlia, Nina. Si vede una gatta, Bobulina, mentre dorme sul divano. All'improvviso si sveglia e miagola nel momento in cui suona il cucù dell'orologio. Sono le 20,00. Contemporaneamente si vede una mano che scrive una lettera. Poeta: Santo cielo, le otto! Preparo la cena! Nina: Si, ma intanto possiamo fare le rime? Poeta: Su cosa? Nina: Su un gatto! La bimba disegna un gatto sul foglio Poeta: Gatto che ha fame mangia di nuovo, apre il frigo e trova... Nina: Un uovo! Poeta: Uovo di gatto, gatto ci cova, gatto un po' matto, che cova le uova, corre vicino, vola lontano, l'uovo si rompe e appare un... Nina: Gabbiano! Poeta: Piccolo cuore d'equilibrista, per nulla al mondo è così contento,come per quella pioggia imprevista che porta il sole, che porta il vento Nina: Uhhhhh carina questa!!! Poeta: Infatti, questa la conserviamo. Che porta il sole, che porta il vento. Intanto il babbo prepara due uova in padella per cena. Poeta: E ora attenzione, finale pauroso! Nero petrolio con mille occhi rossi, occhi di topo nel nero e i fossi, nella città che dorme e che sogna, salgono, salgono i topi di fogna. Nina: Scappate bambini! Poeta: Salgono, salgono su dai tombini, forti selvaggi, sciami di ratti, topi feroci Nina: Che mangiano i gatti! La gatta si spaventa. Poeta: E' Pronto in tavola! Cenano. Attraverso la finestra, che si spalanca, si vede il porto. Scena II La scena si apre lungo il porto. Sbucano dei topi da un camion della spazzatura che si passano i rifiuti per portarli all'interno del tombino dove si trova il Grande topo.

5 Canzone Duro lavoro Grande topo: Avanti, svelti! Caricate e scaricate! La scena è vista da dei gatti nascosti dietro ad una pedana di legno. Zorba: Detesto doverlo dire ma quello schifoso del Grande topo ha ragione. Colonnello: Già, in effetti quei lerciosi diventano ogni giorno più grassi e sempre più numerosi. Segretario: Per tutti i topi, c'è un odore così nauseante! (sta per starnutire ma viene bloccato da Colonnello) Colonnello: Silenzio giovanotto! Zorba: Non possiamo restare qui a guardare, dobbiamo fare qualcosa, giusto Diderot? Diderot: allora massa per gravità per 3.14, considerato il braccio della leva e il sistema a martinetti idraulici...terribilmente geniale! Zorba: ehi cervellone, mi hai sentito? Dobbiamo fare qualcosa! Diderot: E' evidente, Zorba. Zorba: E allora? Diderot: Quello che faremo, cioè quello che farete è salire lassù sulla cabina comandi e...(indicando il punto sulla mappa) vedete? Premete il tasto rosso per girare il braccio, quello verde per sollevare il carico, quello giallo per spostarlo sul camion e quello viola per mollarlo e farlo cadere tutto d'un colpo. Pallino: Si e poi Supergatto fa un fracello, gli stacca la coda a morsichi e gli spacca il muso a quei topastri lì. Colonnello: E tu che cosa ci fai qui, Pallino? Pallino: Sono qui per aiutare Zorba, nonno Pallino ringhia verso il capo dei topi ma alla risposta di quest'ultimo si spaventa e scappa. Zorba: Allora Supergatto? Pronto all'azione? Pallino: (balbettando) Vvvvoi andate avanti...io, Supergatto, vi coprirò le spalle. Tutti ridono. Zorba: Andiamo Segretario? Segretario: Io? Perchè proprio io? Colonnello: Perchè lei è un gatto robusto e coraggioso. Segretario: Si, certo certo, però sono disperatamente allergico ai rifiuti. Colonnello: In gamba giovanotto!

6 Zorba: Andiamo, forza! I gatti si dirigono verso la gru. Segretario si affaccia e vede una moltitudine di topi uscire da una fogna Segretario: Per tutti i topi! Zorba: Diderot che aveva detto? Verde, rosso... Segretario starnutisce e i topi se ne accorgono. Segretario: Non era tanto forte, era uno starnuto piccolo piccolo. Zorba: Zitto! Zorba vede i topi messi uno sopra l'altro. Zorba: (rivolgendosi a Segretario) Spingi i tasti! Spingi i tasti! Segretario: Quali? Segretario spinge casualmente tutti i tasti. Si aziona la gru e il carico colpisce le vetrate di una chiesa. Segretario: Come vado? Come vado? Zorba: Non lo so! Topo: Quali sono gli ordini Grande Topo? Zorba: Basta così, filiamo! Tutti via! Tutti via! Involontariamente Segretario pigia il bottone viola con la zampa facendo cadere il carico in direzione dei topi. Grande Topo: Ritirataaaaa! Pallino: Ora viene Supergatto e vi fa a polpette!oh-oh (vede i topi avanzare) Colonnello: Si salvi chi può!!! I topi inseguono i gatti che fuggono. Zorba lotta contro di loro ma uno di essi lo morde. Il gatto riesce a mettersi in salvo. Scena III Di nuovo un interno. L'azione si svolge nello studio del Poeta che scrive ancora le rime. In scena lui, Nina e Bobulina. Il tavolo è illuminato da una lampada. Nina sta disegnando una nave e la gatta la osserva.

7 Poeta: Per nulla sospira tanto con per quella pioggia Nina: Quella pioggia che viene giù dal cielo e bagna il mare. Bobulina miagola. I gatti sono sul balcone di casa del Poeta. Zorba: (zoppicando per i tetti raggiunge gli altri, poi si lecca la ferita). Bobulina li vede ed esce fuori. Bobulina: Buonasera... Colonnello: Permetta che mi presenti,sognorina. Io mi chiamo Colonnello, dei gatti del porto. La prego, ci scusi l'intrusione ma incidentalmente eravamo inseguiti da quegli incivilissimi ratti...e abbiamo anche un ferito. Zorba: Chi? Io? No, il Colonnello esagera. (miagolando per il dolore) Bobulina: Piacere, Bobulina siamese. Zorba: Piacere mio...zorba gatto. Bobulina: Le fa tanto male? Zorba: Ehm...Male? No, non è niente. Giuro!Solo un graffio Bobulina: Certo dovevano essere priorio grandi. Pallino: Si, enormissimissimi!e Zorba li ha fracassati tutti! Ma... se ci sarei stato io... Colonnello: (interromplendolo) Se ci fossi stato io, Pallino! Pallino: Se lì ci fossi stato io, prenderesti quel fognone del Grande Topo e lo sbatteresti contro la nave e poi lo faresti...( cade all'indietro) Si sente la voce di Nina che chiama Bobulina. Nina: Bobulina che fai? Bobulina: Nascondetevi, presto! I gatti se ne vanno mentre Zorba per qualche secondo si scambia sguardi dolci con Bobulina. Colonnello: Alza i tacchi, giovanotto! Zorba: Dai Pallino Arriva Nina e afferra Pallino. Nina: E tu chi sei? Ehi Bobulina ma chi è il tuo fidanzato? (rivolgendosi a Pallino) Ma non sei un po' troppo giovane per lei? Eh scricciolino? Ehi ciao! Nina vede gli altri gatti e li saluta. Nel frattempo comincia a piovere. Si sente la voce del babbo che chiama la figlia. Poeta: Nina vieni dentro che sta per piovere! Nina: Vengo subito papà! (a Pallino) Su, corri dai tuoi amici che sta per piovere. Gli amici gatti si ricongiungono.

8 Poeta: Vuoi sentire come ho cambiato la poesia sui gabbiani? Ma il loro piccolo cuore, lo stesso degli equilibristi, per nulla sospira tanto, come per quella pioggia sciocca che quasi sempre porta il vento,che quasi sempre porta il sole Nina: Ma è senza rima! Poeta: E' diventata una poesia per grandi, è cresciuta e ha perso la rima Nina: è un peccato però! La scena si chiude con Nina che colora di nuovo il foglio. Scena I ATTO II Si vede un mare in tempesta e una nave petroliera. Un timoniere non riesce più a governare l'imbarcazione e all'improvviso sopraggiunge un'altra nave. Tra le due avviene uno scontro. Viene colpito il deposito di petrolio, suona l'allarme ma intanto dalla prima nave fuoriesce una sostanza nera che invade subito il mare. Scena II Si vede un cielo sereno e uno stormo di gabbiani in volo. Si sente la voce di uno di essi che fornisce indicazioni ai compagni. Capo-gabbiano: Gabbiani delle Isole Frisoni a destra! Prepararsi alla fusione! Kengah:(avvicinandosi a un gabbiano) Ciao, di dove sei? Igor : Del Mar Baltico, e tu? Kengah: Di qui vicino, dal Mare del Nord, isola di Faro. Sto ritornando a casa dalla mia prima migrazione e adesso dovrò deporre il mio uovo. Sai, il mio primo uovo! Igor: Congratulazioni molte!essere mamma è un'esperienza molto bellissima!io sono un papà felice. Oh io senza educazione, il mio nome è Igor. Kengah: Ciao Igor, io mi chiamo Kengah. Scena III I gatti passeggiano lungo il porto, tranne Diderot. Spunta un gatto che si avvicina a Colonnello. Gatto: Salve Colonnello, ho sentito dire che ieri notte gliene avete suonate di santa ragione! Colonnello: Modestamente, puoi dirlo forte.

9 Zorba: Non è andata proprio così, Colonnello. Colonnello: Silenzio, giovanotto. Muso alto e dignità! Gatto: Colonnello, gli avete dato una bella lezione, vero? Colonnello: Era dal tempo della Seconda guerra dai cani che non me la spassavo a quel modo. Gatto: Eh sissignore. Tempi duri quelli! I cani la facevano da padroni e per noi gatti non c'era scampo. Colonnello: A quei tempi non potevamo circolare liberamente per la strada. Ma un grande giorno, quando fu troppo, ci mobilitammo in massa e li facemmo ritornare al loro posto. Segretario: il problema è che i giovani di oggi hanno bel altro per la testa. Si sente un gatto miagolare mentre passeggia con Bobulina. Pallino: Ma perché quello fa così, nonno? Colonnello: Credo che sia solo un po' mal di pancia, figliuolo. Segretario: E' innamorato! Pallino: E fa così male? Segretario: No, ma se succede che un gatto incontra una gatta e... Colonnello: Bando alle ciance, segretario! Faccia qualcosa di utile e procuri un rancio abbondante dall'amico pescivendolo Segretario: Sissignore, agli ordini! Pallino: Allora è per quella cosa che poi si abbracciano e miagolano tutta la notte? Colonnello: ehmm...sai... Pallino: Ma poi come fanno a fare i gattini-figli? Colonnello sorride e nel frattempo ritorna Segretario cacciato dal pescivendolo. Pescivendolo: Hai anche la faccia tosta di ripresentarti? Lo sai che hanno fatto i topi stanotte? Si sono rosicchiati due casse di merluzzi. Buoni a nulla! Sparite! Scena IV Si vede di nuovo lo stormo di gabbiani. Kengah: Che strano, che cosa sono tutte quelle lenzuola colorate sulle navi? Igor: Bandiere! Gli umani le chiamano così. A ogni bandiera corrisponde una nazione e a ogni nazione una lingua diversa. Kengah: ah si? E come fanno gli uomini a capirsi tra di loro quando parlano? Capo-gabbiano: Aringhe a dritta!!! I gabbiani planano per prendere i pesci. Igor: Dai Kengah! Ottimo vero? Kengah: mai mangiato un pesce così buono in vita mia. Prendiamone ancora, Igor!

10 Igor: Avanti! Il Capo-gabbiano si accorge della macchia nera e grida: Pericolo! Pericolo! I gabbiani si mettono in fuga tranne Kengah e Igor, che sono ancora in acqua e non sentono. Igor riesce ad uscire in tempo, prima di essere invaso dalla macchia nera. Kengah quando riemerge è piena di petrolio. Kengah: Che succede? Vedo tutto nero, anche il mare è nero. Cerca di uscire ma non ci riesce. Gabbiano: Quello è il petrolio, la maledizione degli umani! Kengah: (agitando le ali) Non riesco a volare! Igor: Forza Kengah, lo stormo non può aspettare, si deve andare! Kengah: Non ce la faccio, non ce la faccio! Gabbiano: Andiamo, prima che lo stormo si stanchi. Kengah: Vi prego, non lasciatemi qui! Igor: Kengah c'è un modo per salvarti dalla maledizione degli umani: prendi dentro tutta l'aria che puoi e tienila dentro fino a scoppiare, poi rituffati sotto, lavati bene nell'acqua pulita e con tutta forza cerca di uscire dal lago nero.tu devi farlo, per il tuo uovo! Kengah! Kengah cerca di ripulirsi e riemerge ma ha ancora addosso un po' di petrolio. Si dirige verso l'acqua pulita. Scena V Si vede Zorba miagolare fuori alla porta della padrona. Padrona: Zorba! Bravo, ci presentiamo solo per mangiare eh? Ma dove sei stato tutta la notte? Che bisbetico che sei. Cosa ti è successo? Hai litigato con qualcuno? Buono gattino di mamma sua. Bello, bello, bello. Resta lì, ti porto la pappa. Scena VI Kengah vola scoordinata e cade addosso a Zorba. Kengah: Ti prego, non mi mangiare. Zorba: Mangiarti? Non mi passa neanche per la testa, bleah! Quanto puzzi! Come hai fatto a ridurti così? Kengah: Sono finita dentro un'onda nera che gli umani scaricano nel mare. Zorba: Petrolio! Kengah: Si e Sento che morirò. Zorba: Morire? Ma che morire! Tu sei solo stanca e sporca. Kengah:No, non ce la faccio, questo è stato il mio ultimo volo.

11 Zorba lecca la testa di Kengah per pulirla poi sputa. Zorba: Bleah! Ma è disgustoso! Kengah: Grazie comunque amico. Zorba: Ma che dici? Gatti e gabbiani non sono mai stati amici. Zorba la lecca di nuovo. Zorba: No, non ci riesco, così non verrà mai via. Devo proprio cercare aiuto. Kengah: Aspetta! Aspetta! Con le ultime forze che mi restano voglio cercare di deporre il mio uovo ma devo chiederti di farmi tre promesse. Zorba: Uovo, promesse, ma lascia perdere! Kengah: Io sto morendo, non posso più aspettare, ti prego! Zorba: Va bene, prometto. Ma che cosa? Kengah: La prima promessa che ti chiedo è di non mangiare l'uovo. Zorba: D'accordo. E che cos'altro? Kengah: Poi promettimi che ne avrai cura finché non nascerà il piccolo e in ultimo, ti prego, promettimi che gli insegnerai a volare. Zorba: Volare? Ma io sono un gatto! Kengah: Però hai il cuore grande come quello di un gabbiano. Farai tutto ciò che ti ho chiesto? Zorba: Va bene, va bene. Te lo prometto. Ora vado a cercare aiuto. Scena VII Zorba va alla ricerca dei suoi amici. Li trova mentre stanno mangiando del pesce. Pallino: Nonno nonno c'è Zorba, c'è Zorba! Colonnello: Benvenuto giovanotto, vuoi favorire? Zorba: Non c'è tempo, Colonnello ho bisogno di un aiuto e di un consiglio. I gatti si dirigono verso un vecchio museo. Zorba: Certo che sono veramente strani questi umani, costruiscono dei musei nuovi e ne abbandonano uno così bello qui nel centro della città. Colonnello: Sai, gli ultimi umani con un po' di senno, risalgono al tempo degli antichi Egizi che adoravano il dio gatto e avevano costruito le piramidi. Segretario: La Sfinge, Colonnello! Colonnello: E che cosa ho detto io? La Sfinge! E noi invece con che razza di umani abbiamo a che fare? Quelli di oggi ci trattano come se fossimo degli stupidi. Cani smidollati! Si dirigono verso Diderot

12 Pallino: Diderot! Diderot! Diderot: Terribilmente terribile! Quegli ignoranti di topi si sono mangiati una pagina dell'atlante. Abbiamo perso il Portogallo! Colonnello: Gli faremo pagare anche questo, figliuolo. Ma ora sta a sentire, abbiamo un altro problema! Diderot cerca tra i volumi della biblioteca Diderot: G, g, g...come gabbiano. Che invenzione irresistibile l'enciclopedia! Ogni volta che la sfoglio imparo qualcosa di nuovo! Pallino: Nonnino che cos'è l'encidioleria? Segretario: Enciclopedia! Si dice Enciclopedia Colonnello: Certo Pallino, enciclopedia si dice. E' un grande negozio dove si vendono cicli a pedali di tutti i tipi: cicli, bicicli, tirocicli...ciclamini Segretario: Veramente è un grande libro del sapere e dentro ci sono le notizie di tutte le cose del mondo. Colonnello: Certo, appunto, è quello che stavo dicendo! Intanto Diderot trova il volume dell'enciclopedia della lettera G Diderot: Gabbare...gabbia...gabbiano! Che cosa dice qui? Ah perfetto! La sua carne è un po' dura ma assolutamente commstibile. Terribile! Ma non c'è scritto niente di come pulirla. Segretario: Gabbiano sporco, gabbiano unto, gabbiano macchiato. Diderot: Geniale! Ho trovato! (prende un altro volume delle lettere R-S) Smacchiatore! Ecco, ci sono! Smacchiatore, panno bagnato, benzina...ci serve della benzina! Colonnello: Ottimamente giovanotto! Problema risolto! Ora ci procureremo della benzina. Segretario: Si, ma vorrei sapere come! Noi siamo gatti! Non possiamo andare al distributore di benzina e chiedere : di super, per favore Scena VIII Si vede un benzinaio che mette la benzina a una macchina. Un signore chiede: di super, grazie. Il benzinaio risponde: Subito, signore! I gatti si avvicinano al distributore, Pallino miagola. Benzinaio: Ehi, e tu chi sei? Povero piccolino! Dove sta la tua mamma? Pallino cerca di distrarlo, nel frattempo i gatti convincono Segretario ad intingere la coda nel serbatoio della macchina per prendere un po' di benzina.

13 Segretario: No, vi scongiuro, no! Colonnello: Poche storie e proceda! Segretario: Perchè proprio io? Zorba: Perchè tu hai la coda più lunga Segretario, un po' scocciato, esegue. Pallino sfugge al benzinaio e raggiunge gli altri. Pallino: Sono stato super, proprio come te, Zorba! Quel tonto del benzinaio ci è cascato come una sogliola. Non c'è nessuno che potesse... All'improvviso si sente lo stormo di gabbiani. I gatti si dirigonoverso la casa di Zorba. Zorba: presto! Facciamo presto! Per tutti i topi...troppo tardi...e'... Colonnello: Dovremmo chiuderle le ali. Pallino: Che cosa fa? Dorme? Zorba: No, è volata in cielo, Pallino Pallino: E com'è andata lassù senza usare le ali? Zorba: Ecco... Pallino: Un uovo, un uovo! Zorba: Per tutti i topi! Ora che ci faccio io con un uovo? Segretario: Una bella frittatina! Zorba: Frittatina?! Diderot: E' un'ottima idea! E l'enciclopediaci dirà come preparare una frittatina coi fiocchi! Zorba: No! Giù le zampe, non si tocca! Mi sentirei un assassino Segretario: Assassino? Zorba non dirmi che è il tuo primo uovo?! Colonnello: Esigo una spiegazione, giovanotto! Perchè te la prendi tanto per un uovo di gabbiano? Zorba: Perchè...l'avevo promesso Colonnello: Segretario che cosa dice? Di che promesse ciancia? Zorba: Ho promesso di non mangiare l'uovo, di prendermi cura del pulcino che nascerà e di insegnargli a volare. Stava talmente male che... Colonnello: Una storia triste, ma ti sei cacciato in un bel guaio, giovanotto! Segretario: E pensi di mantenere questo impegno? Pallino: Zorba mantiene sempre le promesse che fa! Zorba: Certo che le mantengo! Ma io non so come ci si prende cura di un uovo Pallino: Se è una cosa che possono fare degli stupidi uccelli, noi gatti la facciamo dieci-tremila volte meglio, sicuro! Diderot: Terribilmente semplice! Volume U, voce, uovo... Segretario: Non c'è bisogno dell'enciclopedia, qui si tratta di covare! Zorba: Come covare? Colonnello: Non se ne parla neanche! Non si è mai visto un gatto covare, ne va della nostra dignità! Diderot: Trattasi del riscaldamento dell'uovo, attraverso il calore della madre

14 Zorba: Madre? Quale madre? Segretario: Devi sdraiartici sopra, piano se no si rompe Zorba esegue i consigli degli amici Zorba: Sarà vero, ma mi sa che è scomodissimo. Per quanto tempo si deve stare fermi nel nido?, cioè quali, non so dove, per quanto...? Colonnello: Ci informeremo sull'enciclopedia di Diderot. Poi ti faremo sapere Zorba osserva l'uovo, prende un cuscino e lo mette sull'uovo I gatti celebrano il funerale di Kengah Colonnello: Miei cari compagni gatti, siamo qui riuniti, in questa notte di luna, per dare il nostro ultimo saluto a una giovane e sfortunata gabbiana. Ci rattrista che ci abbia lasciati, ma soprattutto ci piange il cuore per come ci ha lasciati: uccisa dalla pazzia degli uomini, che un giorno finirà per distruggere il mondo selvaggio e meraviglioso che madre natura ci aveva donato. E adesso, tutti insieme, miagoliamo alla luna la canzone di addio di noi gatti del porto. Canzone per il funerale I gatti miagolano. La scena è vista da due topi; uno piange e l'altro gli da una sberla dicendo: Stai zitto, imbecille! Vuoi farci scoprire? Devono essere impazziti Zorba: (a Segretario) Freddo cane, eh? Segretario: Non direi, la temperatura è superiore alla media stagionale, guardare Zorba: Questo è un freddo polare per me Segretario: Non mi sembra proprio Zorba: Compermesso Zorba va a controllare l'uovo Zorba: E' freddo! I topi ridono Topi 1: Un uovo di gatto, ce lo pappiamo che dici? Topo 2: Ma sei suonato?! Sarà velenoso! Topo 1: Velenoso? Topo 2: E come vuoi che sia un uovo di gatto?! ATTO III Scena I Zorba è nella cuccia e tiene al caldo l'uovo

15 Scena II La scena è ambientata nella fogna Grande-topo: Se i gatti cominciano a fare le uova non passerà molto tempo che diventeranno dei polli! Ride Topo 3: L'avevo detto, sire che i croccantini avrebbero avuto dei pesanti effetti collaterali. Grande-topo: I croccantini...è la depravazione dei gatti sulla via che ci porterà al potere e alla luce. Che cosa ci fate ancora qui? Topi: Noi aspettavamo i vostri ordini, vostra rattità Grande-topo: I vostri ordini sono: andate, spiate e riferite a me Scena III L'azione si svolge all'interno della casa della padrona di Zorba. Il gatto protegge l'uovo mentre la padrona passa l'aspirapolvere Padrona: Zorba, con che cosa stai giocando? Che cos'hai? Avanti, fa' vedere Zorba mette in bocca l'uovo e se ne va in cortile. Sente la voce di Diderot Diderot: Zorba che cosa succede? Che cosa vuoi dirmi? Zorba ha ingoiato l'uovo e non riesce a parlare bene Diderot: Che cosa? In gola? Vuoi mangiare? Diderot crede che Zorba voglia ballare Diderot: Che spasso che sei, Zorba. Non sapevo che fossi così spiritoso! Zorba sputa l'uovo Diderot: Buone notizie! Ho scoperto per quanto tempo bisogna covare l'uovo di gabbiano. Zorba: Quanto tempo? Diderot: Solo venti giorni Zorba: Per tutti i gatti! Cielo è un'eternità!

16 Scena IV Piove. Zorba continua a covare l'uovo, nel frattempo passano i giorni. Ad un certo punto vede Bobulina e lo lascia incustodito. Zorba: Ciao! Bobulina: Che cosa ci fai lì per terra? Zorba: Per terra? Ah mi è sembrato di vedere...ciao come va? Bobulina: Bene e tu? Non ti sei fatto più vedere Zorba: Eh, sai sono un gatto impegnato, ho un sacco di cose da fare. Scusami ma adesso devo proprio andare, mi dispiace. Ci vediamo uno di questi giorni. Bobulina: Zorba è vero quel che si miagola in giro? Stai veramente covando un uovo di gabbiano? Zorba: Uovo? Quale uovo? Ma pensa un po' cosa vanno a inventare i gatti. Sai sono sempre stato in casa perché ho avuto la febbre e un gran brutto raffreddore. Fa finta di starnutire e, sedendosi sull'uovo, questo si rompe. Zorba: Nooo! Bobulina: Che c'è? Zorba: Oh no, cosa ho fatto! Esce fuori la gabbianella Fortunata: Mamma! Bobulina: Che cosa hai detto? Zorba: Niente! Scusami Bobulina ma adesso ho proprio da fare. Non hai idea di quanto ho da fare, sono occupatissimo. Bobulina: Sei sicuro di stare bene? Hai bisogno di qualcosa? Zorba: No, sto benissimo. Bobulina: Ciao! Fortunata: Mamma mamma ho fame! Topo 1: Pare che sia nato il gatto-pollo. Dobbiamo portarlo al Grande-topo. Fortunata: Fame! Zorba: Si, si, va bene. Adesso ti prendo ehm...che cosa ti prendo? Cosa mangi tu? Fortunata: Pappa, pappa! Zorba prende la sua ciotola e la offre a Fortunata. Zorba: Ecco qui la tua pappa. Fortunata apre il becco e aspetta che Zorba gli dia da mangiare. La imbocca. Zorba: Buona eh? Fortunata: Pappa, pappa, voglio la pappa!

17 Zorba: Aspetta, vado a vedere che trovo. Topo 1: ora! Topo 2: E se poi torna il ciccione? Fortunata muove i primi passi ma cade; i topi cercano di attirare la sua attenzione, tendendole una trappola. Topo 2: Micio, micio Per fortuna arriva in tempo Zorba con una mela. Fortunata la vede e dice: Pappa, pappa, mamma, mamma ho fame, voglio la pappa. Nel frattempo una mosca si posa sul naso del gatto e Fortunata la mangia. Fortunata: Buona la pappa! Buona la pappa! Mamma, mamma, ho fame! Zorba cerca altri insetti. Topo 2: Guarda lì il ciccione, si è dato all'aerobica! Fortunata: Ho tanto sonno mammina. Zorba: Senti pulcino, mi dispiace tanto ma io non sono la tua mamma. Fortunata: Ma certo che lo sei! Sei la mamma più buonissima di tutto il mondo. Fortunatasi accoccola a Zorba. Padrona: Zorba dove sei? Zorba nasconde Fortunata sotto un vaso. Fortunata: Mamma dove sono? Padrona: Ah sei qui. Su, fammi compagnia. Voglio cambiare la terra ai vasi, mi serviva un vasetto piccolo per queste violette. Vediamo un po' dove lo avrò messo. Oh eccolo qui! Zorba la distrae, facendo cadere un vaso. Padrona: Zorba! Che dispettoso! Ma che cos'hai oggi? Che cosa fai? adesso mi vuoi rompere anche quelli? Zorba scambia il vaso dove ha nascosto Fortunata con altri due vuoti. Miagola per distrarre la padrona. Padrona: Che cosa c'è Zorba? Stai male? No, adesso ho capito perché. Furbacchione, è l'ora dei tuoi croccantini, vero? Va bene, adesso te li prendo. Zorba: (sussurrando) Stai buona qui, torno subito.

18 I topi assistono alla scena e ridono. La padrona da i croccantini a Zorba. All'improvviso si sente Fortunata gridare: Aiuto! Aiuto! I topi tentano di rapirla ma il gatto corre in suo soccorso. Fortunata: Lo sai che mi volevano mangiare, mammina? Topo 1: Noi mangiare il suo figlioletto? Ma che idee? Topo 2: No, davvero, pensi che siamo vegetariani, signora. Zorba: Signora a chi? Topo 1: Ma no, ho sbagliato. Comunque il suo figlioletto è una,meraviglia. Sa, sono sicura che diventerà un gran bel gatto. Topo 2: Si, un bel gattone. Zorba: Non è un gatto! E' un cucciolo di gabbiano. Topo 1: Esatto! E' quello che dico sempre io. I figli gabbiani sono sempre i migliori. Tutti vorrebbero averne uno. Topo 2: Si, solo figli gabbiani! Topo 1: Buona giornata, signore Topo 2: Anche a te, cocco di mamma. Ciao ciao Fortunata: Ho la mamma più fortissima del mondo Zorba: Andiamo a casa adesso. Devo trovarti un posto più sicuro. Scena V L'azione si svolge all'interno della fogna. Grande-topo: Un gatto che cova un pennuto? Topo 3: Pazzi, vostra meastà! Pura pazzia! Grande-topo: Pazzia scatenata, demenza, bene bene. Se i gatti hanno perso la ragione è una grande notizia per noi. Daremo loro una lezione memorabile! Che fate voi ancora qui? Tornate là e sorvegliate ogni loro mossa. Su, avanti, andate! Scena VI Zorba tiene in bocca un fagotto con all'interno Fortunata. Entra nella vecchia biblioteca e i topi lo osservano. Colonnello: Ma guarda che bel fagottino ha portato Zorba! Congratulazioni figliuolo! Segretario: E' davvero un bellissimo pulcino! Pallino: E' orribile! Fortunata becca il naso di Pallino che scappa dolorante. Tutti ridono. Colonnello: Non trovate una certa somiglianza con Zorba?

19 Diderot: E' vero! Ha gli stessi occhi. Quanto pesa il piccolo? Zorba: Cosa vuoi che ne sappia? Mica sono sua madre? Fortunata: Chi sono questi, mamma? Colonnello: Mamma, hai sentito? Ti ha chiamato mamma! Tutti in coro: Che tenero pulcino! Zorba: Loro sono i miei amici e ti annuncio che resteremo qui finché non sarai più grande Fortunata: Come vuoi tu, mamma Pallino se ne va. Colonnello: Come si chiama? Zorba: Già, non lo so, non ci ho pensato. Diderot: Un nome bisogna darglielo! Prima però dobbiamo scoprire se è un maschietto o una femminuccia. Diderot sfoglia l'enciclopedia. Diderot: Lettera S! Sfortunatamente l'enciclopedia non dice nulla su come si determina il sesso dei gabbiani. Segretario: Guarda sotto Uccelli marini Colonnello: Lo stavo dicendo, Uccelli marini. Ma ci vuole l'esperienza di un lupo di mare, meglio di un gatto di mare. Segretario: Magari anche esperto di cuccioli come Rosa dei venti Colonnello: Lo stavo dicendo, Segretario. Come la Rosa dei venti. Quando smetterai di togliermi i miagolii di bocca?! Scena VII I gatti si dirigono al porto e urlano verso una barca che sta per attraccare. Colonnello: A rapporto, marinaio! Si vede spuntare un altro gatto-pollo Gatto di mare: Corpo di mille acciughe marinate! Amici miei! Lasciatemi attraccare e sono subito da voi! Fortunata: Mamma mamma ho fame! Colonnello: Come si fa in questi casi? Zorba: Mosche! Acchiappate più mosche che potete. Gatto di mare: Per l'anima di tutte le spigole impazzite! La faccenda deve essere grave!

20 Scena VIII Gatto di mare: Allevare un cucciolo di gabbiano...vi siete cacciati in un bel guaio! Ma c'è una soluzione! Riportatelo a casa di Zorba. Lasciate che la sua umana lo trovi e ci penserà lei a crescerlo. Diderot: Mi sembra terribilmente ragionevole Colonnello: E' vero, però mi pare... Segretario: Non lo so, non mi convince. Gatto di mare: Tu che ne dici, Zorba? Zorba: Io penso che... Fortunata: E' bello essere un gatto (mentre sogna) Gatto di mare: Ho capito, va bene. Fatemi dare un'occhiata. Per le ali del pesce volante, è una pulcina! Colonnello: Una femmina? Congratulazioni, giovanotto! Pallino: E' brutto! Ha un cervello da gallina, è orribile, orribilezza efemmina! Gatto di mare: Sissignore, marmocchio! E un giorno la signorina qui presente deporrà tante uova quanti peli hai tu sulla coda birichina. Pallino: Che schifo! Diderot: Bene, allora possiamo metterle un nome Pallino: Orribilina! Segretario: Pallino! Che ne dite di Palla di neve? Colonnello: Che razza di nome è Palla di neve?! E' meglio Mizi, Perbacco siamo proprio dei distratti! Stiamo facendo un grosso errore. Tutti questi nomi da gatto, mentre invece... Fortunata: Ma io sono un gatto! Segretario: Ho trovato! Ho trovato! Ecco...pensavo...Visto che la gabbianella ha avuto la fortuna di cadere sotto la nostra protezione, forse la si potrebbe chiamare Fortunata. Colonnello: Lo stavo per miagolare io! Gatto di mare: Per il fegato dei merluzzi, è un bellissimo nome! Fortunata: Si, si, è un bel nome da gatto! ATTO IV Scena I Canzone Siamo gatti La scena si svolge all'interno della casa del poeta che sta guardando la tv con la figlia. Si sentono i gatti miagolare fuori ad un ristorante per avere un po' di cibo. Nina: Si, Bobulina, ora ti apro. Chef: Gattacci stonati, piantatela con questo fracasso! Nina: Vieni papà, dai, bisogna dare da mangiare ai gatti! Poeta: Mangiare ai gatti? Quali gatti?

21 Nina: Forza, muoviti! Scena II Grande-topo: (rivolgendosi ai suoi sudditi) Allora come reagisce il gatto-pollo? Topo 1: Impara,vostra rattità Grande-topo: Cresce, cresce Topo 1: Oh, si, vostra rattità, si è fatto rotondetto Grande-topo: Eccellente! Segretario-topo: Non sarà ora di dare il via al vostro piano? Grande-topo: Certo!Voglio topi di guardia in ogni angolo delle città!ci mangeremo un bel salsicciotto di pollo! ahahaha Scena III I gatti mangiano il pesce che Nina e il babbo gli hanno dato Nina: Buono eh? Dovevano proprio avere una famona! Colonnello: Eh, dice bene la giovanotta Pallino: Dai Fifì, vieni a mangiare Nina: Guarda, papà. Che uccello è? Un piccione? Poeta: Quando sono così pulcini non saprei, certo fa uno strano verso Nina: Ecco qui, piccolino. Ti piace? (da un pesciolino a Fortunata). Non è carino, papà? Poeta: Sì, e ora andiamo a casa! Nina: Ciao gattini! Scena IV L'azione si svolge all'interno del vecchio museo. Pallino gioca con un gomitolo ma esclude Fortunata. Fortunata: Dai, fai giocare anche me ogni tanto Pallino: No, è mio! Fortunata: No, non è tuo! E' mio, me l'ha regalato Zorba! I due litigano. Colonnello: Che succede qui? Ordine! Pallino: Ha cominciato lei! Fortunata: E' stato lui! Colonnello: Non mi interessa chi è stato a cominciare! E con il gomitolo ci gioca Fifì. Mi stupisce molto il tuo comportamento, figliuolo. Sei più grande di lei. Litigare per

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli