Il sistema delle acque in Bologna nel Rinascimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema delle acque in Bologna nel Rinascimento"

Transcript

1 Il sistema delle acque in Bologna nel Rinascimento RICHARD J. TUTTLE Gli storici dell architettura e dell urbanistica del Rinascimento hanno mostrato scarso interesse per l approvvigionamento idrico. La cosa è sorprendente, dato il rilievo che occupa nelle prime fonti trattatistiche. Vitruvio considerava l idraulica una parte integrante dell architettura e dedicò ad essa uno dei suoi dieci libri (Libro VIII). Lo stesso vale per Leon Battista Alberti, il cui De re aedificatoria si conclude con un libro quasi completamente dedicato all acqua la sua importanza critica per il genere umano e per la città; come captarla, condurla, conservarla e distribuirla; e come valutarne la qualità. Altri scrittori del Quattrocento in particolare Filarete, Taccola, Francesco di Giorgio, e naturalmente Leonardo trattano estesamente della teoria e della pratica dell approvvigionamento idrico. Nel XVI secolo la teoria architettonica abbandonò l idraulica applicata spostando la sua attenzione sui problemi relativi al disegno monumentale e allo stile all antica. Autori come Sebastiano Serlio, Pietro Cataneo, Vignola e Palladio ebbero poco da dire sull approvvigionamento idrico, anche se alcuni di essi furono attivi in questo campo. Giorgio Vasari, nelle sue Vite, loda i risultati delle opere d ingegneria quando appropriate, ma non lascia che l acqua penetri nella parte della sua prefazione tecnica dedicata all architettura. Non vi si trovano riferimenti di pozzi o cisterne, condutture o canali artificiali, dighe o mulini. Separato a forza dal discorso architettonico, verso il 1600 questo campo cominciò a ricostituirsi come disciplina autonoma. Un nuovo e variato corpus letterario fu prodotto da inventori-architetti-ingegneri come Agostino Ramelli, Giambattista Aleotti e Vittorio Zonca. Il destino dell idraulica è paragonabile a quello delle fortificazioni, che nello stesso periodo emersero come un campo disciplinare autonomo dotato di una propria letteratura. Infine, entrambe le aree disciplinari vennero a far parte delle scuole di ingegneria civile: così l effettiva separazione dell arte architettonica e dell ingegneria idraulica divenne permanente. Oggi la storia dell approvvigionamento idrico è studiata solitamente dagli storici sociali e dell economia, come pure da quelli della scienza e della tecnologia.

2 In questa conferenza intendo riconsiderare l approvvigionamento idrico come un soggetto vitale per lo studio dell ambiente costruito. Ho scelto di occuparmi di Bologna perché è una grande città dotata di un ampia varietà di sistemi idraulici che consentono immediati e fruttuosi paralleli con quelli di altre città dell Italia padana da Milano a Treviso e da Piacenza a Ravenna. Inoltre, Bologna vanta una documentazione archivistica e studi di eccezionale ricchezza e qualità. Per molti decenni gli storici locali e l ufficio centro storico del Comune hanno ripercorso la storia e la scomparsa del patrimonio idraulico della città, specialmente del Naviglio. Gli storici dell Università, da parte loro, hanno pubblicato opere fondamentali sulle acque nella Bologna medievale e del XVIII secolo, per lo più da un punto di vista economico. Cercherò qui di tracciarne un profilo da una prospettiva rinascimentale. Quel che mi interessa sono le connessioni tra le infrastrutture idrauliche e la forma urbana. *** Bologna non è una città di fiume. Ma, poiché occupa un declivio ai piedi degli Appennini, disponeva di tre corsi d acqua che le autorità comunali sfruttarono gradualmente e con successo. Il primo fu l Aposa (o Avesa), un torrente che nasce da una piccola valle proprio sopra la città. Nel 1070 l Aposa fu obbligato a scorrere in un condotto in mattoni che divideva in due la città da sud a nord. Il secondo corso d acqua era il Savena (o Sapina), ubicato ad est. Nel 1176 parte di esso fu deviato in un canale a San Ruffillo. Dopo un corso di circa quattro chilometri il Savena passava per Porta Castiglione e procedeva ad approvvigionare d acqua la parte orientale di Bologna. La terza fonte era il fiume Reno, un affluente del Po, ubicato ad ovest. Nel 1183 una massiccia chiusa o diga fu costruita a Casalecchio per incanalare la sua acqua in un canale a cielo aperto che si estendeva per circa cinque chilometri verso la città. Dentro Bologna il canale di Reno portava l acqua e la forza idrica nel quadrante nord-ovest della città. Tutte e tre le fonti idriche con i loro canali derivati e a volte convergenti, le loro funzioni pubbliche e private, le norme di protezione e di regolamento, furono ereditate dalla Bologna della prima età moderna. Sia il regime signorile dei Bentivoglio nel XV secolo, che il governo papale nel XVI, intesero preservare e sviluppare il sistema idrico per una vasta gamma di utili funzioni urbane. Per esempio, una difesa efficace richiedeva un affidabile approvvigionamento idrico. Le acque dell Aposa e del Savena furono usate per riempire il fossato che circondava la città. I

3 fossati d acqua costituivano una componente essenziale della difesa militare, del generale sistema di sicurezza interna e persino dell identità cittadina. Contribuivano all autorappresentazione del comune sicuro, protetto ed autonomo. Con pochissime eccezioni, le piante rinascimentali e le vedute delle città italiane settentrionali mostrano orgogliosamente i fossati colmi d acqua, anche quando essi, in realtà, erano in secca. Nel primo XVI secolo, quando l architetto papale Antonio da Sangallo il Giovane passò in rassegna le difese di Bologna, preparò una sezione trasversale del fossato lungo nove chilometri che circondava la città. Il suo disegno riporta le misure delle differenze di quota del fossato che correva nella parte settentrionale, porta dopo porta, intorno alla città. Il salto totale superava i dieci metri e la pendenza graduale e quasi ininterrotta di Bologna dipendeva principalmente, come ancor oggi, dal suo assetto naturale. Qualcosa si può vedere nel grande dipinto murale eseguito per papa Gregorio XIII nella cosiddetta Sala Bologna dei palazzi Vaticani (1575). L Aposa contribuiva alla difesa ma, come virtualmente tutti i corsi d acqua, era multifunzionale. Scendendo verso la città, l Aposa riforniva d acqua il complesso monastico di San Domenico e proseguiva rendendo possibile la pulizia del macello e del mercato della carne presso le due torri. Una delle principali funzioni dell Aposa sembra sia stata quella igienica. L Avesa torrente, che al tempo delle pioggi scende da i monti vicini con tanta furia, che passando a dirittura per mezzo la città, per certi aqcquedotti, & chiaviche sotterranee, & discorrenti per la pioggia, porta via, & netta tutte le immondezze, che si trovano in esse scriveva lo storico cinquecentesco Pompeo Vizani. Le fogne, attraverso la pavimentazione, costituivano parte essenziale del disegno urbano. Gli statuti medievali stabilivano la necessità di pavimentare strade e piazze con lastre di pietra. Era adottata anche la pavimentazione in mattoni. Ciò implicava la volontà di coprire le fogne a cielo aperto. Nel tardo Quattrocento Gaspare Nadi, muratore e diarista, ricordava un enorme progetto di strade e fogne, fornendo l ubicazione di un totale di venti distinte chiaviche sotterranee, alcune di considerevole lunghezza. Molti dei condotti sfociavano nell Aposa, altri no, ma tutti facevano parte di un progetto di pavimentazione che interessava l intera città. Come il cronista Cherubino Ghirardacci descriveva il progetto quattrocentesco, «INSERIRE ORIGINALE DI GHIRARDACCI». Questo progetto di opere pubbliche merita

4 ulteriori approfondimenti, ma probabilmente non fu l unico. Mentre la città si faceva più grande ed abitata (negli anni 90 del XV secolo la popolazione si aggirava intorno alle unità e nel 1587 raggiunse le ), sempre maggiori richieste venivano poste alle infrastrutture urbane, in specie al sistema fognario e a quello sanitario. In questo settore si perseguivano allo stesso tempo scopi igienici ed estetici. *** Anche la seconda fonte idrica di Bologna, il Savena, contribuiva al sistema fognario. Il Savena, un tempo entro le mura, si biforcava in due branche principali: una che scendeva lungo Strada Castiglione fino ad unirsi all Aposa appena sopra i macelli; l altra che si volgeva ad est tracciando un ampio arco che intersecava le grandi strade uscenti a raggiera dalla Piazza di Porta Ravegnana. Poiché il Savena era una fonte relativamente pura e affidabile, veniva specialmente apprezzato e sfruttato per uso domestico. I resoconti cinquecenteschi sottolineano le sue funzioni igieniche. Vizani afferma che le acque del Savena portavano «grandissimo beneficio ancora in quasi tutte le case de particolari, per le quali scorrendo con diversi diverticoli, dà commodità di lavare i panni, & le masseritie, & di nettar le case da tutte le immondezze». Avrebbe anche potuto far notare che il Savena contribuiva alla coltivazione dei giardini dei palazzi privati, come pure all irrigazione di vasti lotti di terra coltivabile appena dentro le mura. Infatti le due branche principali del Savena riifornivano d acqua beni immobili residenziali di prima qualità. Una pianta che mostra l ubicazione dei palazzi patrizi rivela che molte delle principali famiglie bolognesi predilegevano proprio quest area cittadina. La domus magna dei Bentivoglio sorgeva su Strada San Donato (ora via Zamboni) precisamente dove essa incontrava il canale di Savena. Sulla stessa strada si trovavano le case dei bentivoleschi (Malvezzi, Magnani, Paleotti, Poggi). Altre nobili residenze sorgevano sulla strade San Vitale (Fantuzzi, Orsi), Maggiore (Sampieri, Ghislieri, Isolani, Bolognetti) e Santo Stefano (Bolognini, Bianchini). Il grandioso Palazzo Pepoli (insieme ai palazzi dei Guastavillani, Cospi, Volta) aveva un accesso diretto al canale che scendeva lungo Strada Castiglione. Mentre ulteriore ricerche si rendono necessarie per chiarire alcuni dettagli storici, sembra chiaro che il Savena abbia giocato un ruolo decisivo nel promuovere l edificazione dei palazzi nella parte orientale della città. Allo stesso tempo, in accordo con il suo ruolo

5 multifunzionale, il Savena permetteva anche applicazioni industriali. La composizione chimica naturale dava alle sue acque una particolare capacità nella tintura della seta e dei tessuti di lana, specialmente di colore scarlatto. Anche la fabbricazione della carta, un altra industria che fa un uso intensivo dell acqua, fiorì lungo le rive del Savena, con gran vantaggio del governo, dell università e dell editoria. La principale fonte idrica industriale di Bologna, comunque, era costituita dal canale di Reno. Esso era sfruttato con profitto persino prima che raggiungesse la città. Come scriveva lo storico Fra Leandro Alberti, il canale di Reno scoperto, realizzato di pietra e mattoni, era abbastanza largo da permettere condurre «dagli alti monti grandi travi di Abete, & altre legna, si per edificare come per fare dogli & vasselli da vino». Entrando in città attraverso un portale a forma di grata noto come «la Grada», il Reno si precipitava verso est fino a quando era tagliato in due alla cosiddetta «Sega dell acqua». Un canale, il Cavadizzo, si dirigeva immediatamente a nord verso le mura cittadine. L altro continuava ad est fino a che, nei pressi dell Aposa, anch esso si volgeva a nord, diventando il Canale delle Moline. Ideato e costruito da un consorzio di mugnai dell XI secolo, il canale di Reno fu presto acquistato dal Comune e rimase di proprietà pubblica fino al XVIII secolo. Il Canale delle Moline si sviluppava in una serie di cascate segnate da coppie di mulini su entrambi i lati, come può vedersi nelle mappe e vedute più antiche. Oggi i mulini per il grano sono scomparsi, ma lo stesso canale di Reno scorre ancora attraverso Bologna ed è visibile in alcuni punti. Un blocco di case a schiera per gli operai del mulino e le loro famiglie, costruito nel 1515, sorge ancora nella vicina Via Capo di Lucca. Il canale di Reno azionava un notevole numero di industrie meccaniche. Lungo il canale Leandro Alberti notò «sono stromenti da secare legni, da tritare e polverezzare le spetie, con la Galla, da fabricare armi, con vasi di ramo, d agguzzare ferramenti, e darli splendore, da fare la carta, follare panni, filare la seta». Nessuna industria era più importante della seta. Quando l imperatore Federico III venne a Bologna nel 1452, fu portato a vedere i «INSERIRE CITAZIONE ORIGINALE DI GHIRARDACCI» (Ghirardacci). Come spinte per capillarità entro piccoli canali sotterranei che penetravano nelle cantine delle case, le acque del canale azionavano le macchine per filare e tessere. La tecnologia impiegata era così importante per l economia di Bologna che essa fu dichiarata un segreto di stato e nel

6 1538 due uomini furono condannati a morte in contumacia per aver esportato a Trento la tecnologia dei mulini. La segretezza imposta con la forza spiega la scarsità di fonti scritte e di testimonianze figurative sulla prima industria tessile di lusso bolognese. In ogni caso, verso il 1550 un pellegrino veneziano vide alcuni edifici dotati di condotti sotterranei nei quali erano realizzati tutti i processi di lavorazione della seta in uno istesso tempo & in uno medesimo edificio (cosa molto notabile) operare si veggono (Bartolomeo Fontana). Lo storico dell economia Carlo Poni ha caratterizzato il sistema manifatturiero bolognese come una «rivoluzione proto-industriale» varata nel XVI secolo. Grazie alle macchine a motrice idrica la città poté diversificare la sua capacità produttiva. Bologna non fu più solo un mercato ed una città universitaria, ma qualcosa di simile ad una capitale industriale. Come il Savena incoraggiò la costruzione di palazzi nel XIV e XV secolo, analogo fu il ruolo del Reno per la manifattura locale nel XVI. Già nel 1481 Benedetto Morandi, un umanista della corte bentivolesca, poteva vantare che «INSERIRE CITAZIONE ORIGINALE MORANDI». *** Tuttavia Morandi non si riferiva semplicemente al corridoio industriale che costeggiava il canale di Reno. Pensava sicuramente anche alla sua spettacolare conclusione, il Naviglio (o canale Navile), la via d acqua navigabile di Bologna. Il sito cittadino in leggero declivio costringeva tutti i corsi d acqua a correre verso l angolo nord-occidentale. Fuori delle mura essi confluivano infine in un letto comune, che scorreva dritto verso nord attraverso l aperta campagna. Già nel XII secolo il comune ebbe successo nel trasformare questa via d acqua in un canale navigabile che univa la città a Ferrara, al Po e all Adriatico. Il Naviglio facilitava il commercio di beni agricoli e manifatturieri, permettendo il trasporto di materiali edilizi pesanti (come il marmo) e fungendo da sistema di transito pubblico. Fino al XV secolo il Naviglio terminava in un porto ubicato a Corticella, un paese a circa tre miglia fuori dalle mura cittadine. Lì un improvviso innalzamento di quota impediva al traffico navale di raggiungere Bologna. Giovanni Bentivoglio commissionò con successo la prima prosecuzione del canale direttamente in città. Nel 1491 si fece prestare da Ludovico Sforza un architetto di nome Pietro da Brambilla. Brambilla utilizzò la tecnologia più

7 aggiornata, progettando una serie di saracinesche navali, prolungando con successo il canale fin dentro la città. L inaugurazione del nuovo canale ebbe luogo il 10 gennaio Il successo fu di breve durata, comunque, ed un decennio dopo il sistema non funzionava più ed il porto fu arretrato a Corticella. Una soluzione definitiva giunse solo nei tardi anni 40 del XVI secolo, quando papa Paolo III Farnese autorizzò una completa ristrutturazione sotto il controllo dell architetto Jacopo Vignola. Per correggere gli errori di Brambilla, Vignola ritornò evidentemente ai modelli milanesi paragonabili a quelli che si trovano negli schizzi di Leonardo da Vinci e costruì tre nuove saracinesche navali (con bacini ovali, rettangolari ed ottagonali), comprese le chiuse e i ponti secondari. Progettò anche un nuovo porto urbano dentro la città, vicino a Porta Lame, che rimase in funzione fino alla fine del XIX secolo. In questo modo Bologna divenne parte di una vasta rete di canali navigabili che mettevano in comunicazione numerose città entro la Val Padana. In Lombardia c erano Milano, Monza, Pavia, Lodi, Crema, Cremona e Mantova. Canali navigabili univano Venezia, Treviso e Verona nel Veneto. In Emilia, Piacenza, Parma, Reggio, Modena e Ferrara svilupparono tutte vie d acqua artificiali; e così fecero pure Imola, Faenza, Forlì e Ravenna in Romagna. I canali erano d importanza critica per gli affari commerciali della vasta campagna e svolgevano un importante ruolo nell irrigazione e nella bonifica fondiaria. La lunga storia dei canali italiani navigabili è inseparabile da quella dello sviluppo regionale. Questo aspetto è reso evidente da un poco noto ma spettacolare progetto, rimasto irrealizzato, concepito da papa Giulio II della Rovere. Giulio detestava la potestà di Alfonso d Este di esigere pesanti dazi alle chiatte bolognesi che attraversavano il territorio ferrarese dirigendosi verso il Po. Propose perciò di abbandonare il vecchio Naviglio e progettarne uno nuovo verso est, che avrebbe traversato la Romagna per incontrare il mare a Marina di Ravenna. Unendo due capitali di provincia e molte cittadine dello Stato della Chiesa, un canale di questo tipo lasciava sperare una generale prosperità dei commerci, ma i suoi effetti benefici a lungo termine sarebbero dipesi dalla bonifica fondiaria. Questo poiché il canale giuliano si sarebbe approvvigionato delle acque provenienti dai numerosi corsi appenninici, i quali continuavano ad alimentare le pestilenziali paludi lungo la costa adriatica. Sebbene mai eseguito, lo schema di Giulio II continuò ad essere discusso in sede di pianificazione territoriale fino all arrivo di Napoleone.

8 *** E cosa può dirsi ci si dovrebbe chiedere dell acqua potabile? E vero che alcuni autori del Rinascimento parlano di utilizzare l acqua dei canali per bere e cucinare [come anche per lavare gli abiti], ma per ragioni igieniche e pratiche questa non può essere stata la fonte principale. Bologna, come molte altre città italiane della prima modernità, ricavava l acqua potabile dai pozzi. Severe leggi medievali stabilivano che la manutenzione dei pozzi nelle strade e piazze pubbliche fosse di competenza degli utenti che abitavano nei loro pressi. Nel XIV e XVI secolo i pozzi privati erano certo abbondanti non solo entro i numerosi monasteri e palazzi nobiliari, ma anche nelle case minori con cortili. Nel 1602 si poteva dire che ha Bologna tanti pozzi di acqua perfettissima altri, quai dieci, & guai docici braccia, fatti à mano, & murati, che in ogni, quantunque piccola casa se ne trova qual uno. (Vizani). I pozzi sono ora tra gli elementi meno visibili del sistema idrico storico. Un tempo presenti ovunque, nella Bologna del XIX secolo furono denunciati come un pericolo per la salute pubblica. Ciò fece seguito ad un esplosione di colera nel 1865 e di febbre tifoide nel Queste epidemie affrettarono la creazione di un moderno sistema idrico pressurizzato per tutta la città, rendendo infine i pozzi improvvisamente obsoleti. Una volta smantellati, essi furono riempiti di pietrisco e consegnati all oblio. L abbondanza d acqua emerge così come una realtà della vita urbana della Bologna rinascimentale. E l abbondanza è un tema che informa anche la celebrata fontana pubblica in Piazza Maggiore, la cui divinità titolare, Nettuno, avrebbe finito per simbolizzare la città. Disegnata dall architetto siciliano Tomaso Laureti e decorata dallo scultore fiammingofiorentino Giambologna, la Fontana del Nettuno fu commissionata nel 1563 dal vescovo Pier Donato Cesi, il governatore papale, in nome del legato Carlo Borromeo e di papa Pio IV. Cesi scelse Nettuno, dio di tutte le acque, come metafora della protezione e beneficenza papale, stabilendo anche che la fontana dovesse essere circondata da una cancellata in ferro per difenderne il valore in quanto elemento di decoro urbano. Dopo essere fuoriuscita, l acqua scorreva sottoterra fino ad una cisterna posta nel giardino estivo del legato nel palazzo apostolico. Da lì, infine, era spinta alle bocchette della larga fontana pubblica murata, la cosiddetta Fontana Vecchia, ubicata in un affollata zona di mercato, dove viaggiatori ed animali domestici erano invitati a dissetarsi. Come per i canali, l acquedotto implicava un rigido sistema di precedenze in fatto di accesso e di uso.

9 L attuale Fontana del Nettuno è la seconda, o forse terza, fontana che sorse in Piazza Maggiore. Negli anni 70 del XV secolo una modesta fontana fu eretta in quel sito per essere subito demolita nel Di un altro progetto di fontana risalente agli anni 20 del XVI secolo, l unica traccia superstite è la sorgente collinare di Remonda, appena sotto il monastero benedettino di San Michele in Bosco. Un rilievo del XVIII secolo ci fornisce una dettagliata incisione della pianta e della sezione dell impianto idrico rinascimentale. La fonte Remonda comprende numerose lunghe gallerie che captano le vene acquifere, conducendo l acqua in una serie di serbatoi di decantazione, prima di rilasciarla in una conduttura di terracotta sigillata. Il disegno è elegante, funzionale e vitruviano. La sua facciata dorica molto rimaneggiata è stata attribuita a Baldassarre Peruzzi senese, erede della cultura tecnologica di Taccola e di Francesco di Giorgio che nel 1523, quando fu costruita, lavorava per la città e per San Michele in Bosco. La Fontana del Nettuno era alimentata dalla fonte Remonda, come pure da una seconda sorgente ubicata poco lontano in località detta Castellano. Disegnata da Laureti, prendeva a modello la fonte più antica, ma era di maggiori dimensioni. Sfruttava anche le rovine dell acquedotto sotterraneo che un tempo serviva la Bononia romana. Laureti descrive l intero sistema fonti, conduttura, mostra dell acqua - in un voluminoso manuale sulle fontane rimasto inedito. Commentando che tra tutte le parti dell Architettura, quella dell acque è la più dificile, Laureti cerca di istruire i fontanieri presenti e futuri su come pulire, riparare e mantenere il sistema. Si interessa particolarmente alla robustezza dell acquedotto. Scendendo lungo la collina per quasi due chilometri, l acqua del condotto acquistava una notevole pressione pressione che era d importanza critica per la riuscita artistica dell opera, ma pericolosa per le fragili sezioni dei tubi realizzate in terracotta. E, infatti, i documenti mostrano che la Fontana del Nettuno era soggetta a guasti frequenti. La grande figura bronzea di Nettuno del Giambologna, sovrano protettore di un vasto (se pur in gran parte invisibile) impero acquatico, presentava numerosi problemi. Durante un viaggio nel nord Italia nell estate del 1878, lo storico Jakob Burckhardt fece una visita a Bologna dove trovò la fontana completamente a secco. In una lettera ad un amico, descriveva l immagine in questo modo: «Il povero Nettuno del Giambologna è senz acqua; nonostante tutto il loro spingere e spremere le Sirene non riescono a far uscire neppure una goccia dalle

10 loro secche mammelle. Presso il recinto scorre una fontanella intorno alla quale si affolla avidamente la gente assetata. E certo una disgrazia che una città pedemontana come Bologna non abbia acqua corrente». Burckhardt punta il dito sul ruolo politico e sociale della fontana pubblica. Una fontana senz acqua non solo viene meno alle sue funzioni pratiche e simboliche, ma è indice manifesto di incuria da parte di chi governa e di cattiva amministrazione. E, in questo caso, costituisce pure un offesa all arte. La «disgrazia» deve imputarsi agli ufficiali cittadini. Tuttavia l osservazione di Burckhardt sull assenza di acqua corrente a Bologna va ristretta alla sola fontana. Come abbiamo visto, i grandi canali della Bologna della prima età moderna erano una cosa completamente differente. Le acque dell Aposa, del Savena e del Reno, aggressivamente estratte dai piedi delle colline, furono mantenute in continua funzione produttiva per più di sette secoli. Inoltre, i tre floridi canali ebbero un enorme successo nell ottemperare a molteplici funzioni urbane. A mo di conclusione, permettetemi di ricordarle brevemente: la difesa, l igiene cittadina (e quella domestica); l industria manifatturiera e pesante; il trasporto; l irrigazione; e l alimentazione. Ogni sistema contribuiva in modo significativo alla salute e al successo economico della città e ciascuno condizionava l evoluzione e l aspetto dell ambiente urbano. Oggi la Fontana del Nettuno è stata brillantemente restaurata e funziona ottimamente. Con ciò adempie al suo ruolo di elargire bellezza e benessere. Resta un capolavoro dell arte del tardo Rinascimento, ma saremmo poco accorti se la considerassimo la principale rappresentante ancor meno l unico esemplare del sistema idrico della Bologna della prima età moderna. GRAZIE!

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli