Il sistema delle acque in Bologna nel Rinascimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema delle acque in Bologna nel Rinascimento"

Transcript

1 Il sistema delle acque in Bologna nel Rinascimento RICHARD J. TUTTLE Gli storici dell architettura e dell urbanistica del Rinascimento hanno mostrato scarso interesse per l approvvigionamento idrico. La cosa è sorprendente, dato il rilievo che occupa nelle prime fonti trattatistiche. Vitruvio considerava l idraulica una parte integrante dell architettura e dedicò ad essa uno dei suoi dieci libri (Libro VIII). Lo stesso vale per Leon Battista Alberti, il cui De re aedificatoria si conclude con un libro quasi completamente dedicato all acqua la sua importanza critica per il genere umano e per la città; come captarla, condurla, conservarla e distribuirla; e come valutarne la qualità. Altri scrittori del Quattrocento in particolare Filarete, Taccola, Francesco di Giorgio, e naturalmente Leonardo trattano estesamente della teoria e della pratica dell approvvigionamento idrico. Nel XVI secolo la teoria architettonica abbandonò l idraulica applicata spostando la sua attenzione sui problemi relativi al disegno monumentale e allo stile all antica. Autori come Sebastiano Serlio, Pietro Cataneo, Vignola e Palladio ebbero poco da dire sull approvvigionamento idrico, anche se alcuni di essi furono attivi in questo campo. Giorgio Vasari, nelle sue Vite, loda i risultati delle opere d ingegneria quando appropriate, ma non lascia che l acqua penetri nella parte della sua prefazione tecnica dedicata all architettura. Non vi si trovano riferimenti di pozzi o cisterne, condutture o canali artificiali, dighe o mulini. Separato a forza dal discorso architettonico, verso il 1600 questo campo cominciò a ricostituirsi come disciplina autonoma. Un nuovo e variato corpus letterario fu prodotto da inventori-architetti-ingegneri come Agostino Ramelli, Giambattista Aleotti e Vittorio Zonca. Il destino dell idraulica è paragonabile a quello delle fortificazioni, che nello stesso periodo emersero come un campo disciplinare autonomo dotato di una propria letteratura. Infine, entrambe le aree disciplinari vennero a far parte delle scuole di ingegneria civile: così l effettiva separazione dell arte architettonica e dell ingegneria idraulica divenne permanente. Oggi la storia dell approvvigionamento idrico è studiata solitamente dagli storici sociali e dell economia, come pure da quelli della scienza e della tecnologia.

2 In questa conferenza intendo riconsiderare l approvvigionamento idrico come un soggetto vitale per lo studio dell ambiente costruito. Ho scelto di occuparmi di Bologna perché è una grande città dotata di un ampia varietà di sistemi idraulici che consentono immediati e fruttuosi paralleli con quelli di altre città dell Italia padana da Milano a Treviso e da Piacenza a Ravenna. Inoltre, Bologna vanta una documentazione archivistica e studi di eccezionale ricchezza e qualità. Per molti decenni gli storici locali e l ufficio centro storico del Comune hanno ripercorso la storia e la scomparsa del patrimonio idraulico della città, specialmente del Naviglio. Gli storici dell Università, da parte loro, hanno pubblicato opere fondamentali sulle acque nella Bologna medievale e del XVIII secolo, per lo più da un punto di vista economico. Cercherò qui di tracciarne un profilo da una prospettiva rinascimentale. Quel che mi interessa sono le connessioni tra le infrastrutture idrauliche e la forma urbana. *** Bologna non è una città di fiume. Ma, poiché occupa un declivio ai piedi degli Appennini, disponeva di tre corsi d acqua che le autorità comunali sfruttarono gradualmente e con successo. Il primo fu l Aposa (o Avesa), un torrente che nasce da una piccola valle proprio sopra la città. Nel 1070 l Aposa fu obbligato a scorrere in un condotto in mattoni che divideva in due la città da sud a nord. Il secondo corso d acqua era il Savena (o Sapina), ubicato ad est. Nel 1176 parte di esso fu deviato in un canale a San Ruffillo. Dopo un corso di circa quattro chilometri il Savena passava per Porta Castiglione e procedeva ad approvvigionare d acqua la parte orientale di Bologna. La terza fonte era il fiume Reno, un affluente del Po, ubicato ad ovest. Nel 1183 una massiccia chiusa o diga fu costruita a Casalecchio per incanalare la sua acqua in un canale a cielo aperto che si estendeva per circa cinque chilometri verso la città. Dentro Bologna il canale di Reno portava l acqua e la forza idrica nel quadrante nord-ovest della città. Tutte e tre le fonti idriche con i loro canali derivati e a volte convergenti, le loro funzioni pubbliche e private, le norme di protezione e di regolamento, furono ereditate dalla Bologna della prima età moderna. Sia il regime signorile dei Bentivoglio nel XV secolo, che il governo papale nel XVI, intesero preservare e sviluppare il sistema idrico per una vasta gamma di utili funzioni urbane. Per esempio, una difesa efficace richiedeva un affidabile approvvigionamento idrico. Le acque dell Aposa e del Savena furono usate per riempire il fossato che circondava la città. I

3 fossati d acqua costituivano una componente essenziale della difesa militare, del generale sistema di sicurezza interna e persino dell identità cittadina. Contribuivano all autorappresentazione del comune sicuro, protetto ed autonomo. Con pochissime eccezioni, le piante rinascimentali e le vedute delle città italiane settentrionali mostrano orgogliosamente i fossati colmi d acqua, anche quando essi, in realtà, erano in secca. Nel primo XVI secolo, quando l architetto papale Antonio da Sangallo il Giovane passò in rassegna le difese di Bologna, preparò una sezione trasversale del fossato lungo nove chilometri che circondava la città. Il suo disegno riporta le misure delle differenze di quota del fossato che correva nella parte settentrionale, porta dopo porta, intorno alla città. Il salto totale superava i dieci metri e la pendenza graduale e quasi ininterrotta di Bologna dipendeva principalmente, come ancor oggi, dal suo assetto naturale. Qualcosa si può vedere nel grande dipinto murale eseguito per papa Gregorio XIII nella cosiddetta Sala Bologna dei palazzi Vaticani (1575). L Aposa contribuiva alla difesa ma, come virtualmente tutti i corsi d acqua, era multifunzionale. Scendendo verso la città, l Aposa riforniva d acqua il complesso monastico di San Domenico e proseguiva rendendo possibile la pulizia del macello e del mercato della carne presso le due torri. Una delle principali funzioni dell Aposa sembra sia stata quella igienica. L Avesa torrente, che al tempo delle pioggi scende da i monti vicini con tanta furia, che passando a dirittura per mezzo la città, per certi aqcquedotti, & chiaviche sotterranee, & discorrenti per la pioggia, porta via, & netta tutte le immondezze, che si trovano in esse scriveva lo storico cinquecentesco Pompeo Vizani. Le fogne, attraverso la pavimentazione, costituivano parte essenziale del disegno urbano. Gli statuti medievali stabilivano la necessità di pavimentare strade e piazze con lastre di pietra. Era adottata anche la pavimentazione in mattoni. Ciò implicava la volontà di coprire le fogne a cielo aperto. Nel tardo Quattrocento Gaspare Nadi, muratore e diarista, ricordava un enorme progetto di strade e fogne, fornendo l ubicazione di un totale di venti distinte chiaviche sotterranee, alcune di considerevole lunghezza. Molti dei condotti sfociavano nell Aposa, altri no, ma tutti facevano parte di un progetto di pavimentazione che interessava l intera città. Come il cronista Cherubino Ghirardacci descriveva il progetto quattrocentesco, «INSERIRE ORIGINALE DI GHIRARDACCI». Questo progetto di opere pubbliche merita

4 ulteriori approfondimenti, ma probabilmente non fu l unico. Mentre la città si faceva più grande ed abitata (negli anni 90 del XV secolo la popolazione si aggirava intorno alle unità e nel 1587 raggiunse le ), sempre maggiori richieste venivano poste alle infrastrutture urbane, in specie al sistema fognario e a quello sanitario. In questo settore si perseguivano allo stesso tempo scopi igienici ed estetici. *** Anche la seconda fonte idrica di Bologna, il Savena, contribuiva al sistema fognario. Il Savena, un tempo entro le mura, si biforcava in due branche principali: una che scendeva lungo Strada Castiglione fino ad unirsi all Aposa appena sopra i macelli; l altra che si volgeva ad est tracciando un ampio arco che intersecava le grandi strade uscenti a raggiera dalla Piazza di Porta Ravegnana. Poiché il Savena era una fonte relativamente pura e affidabile, veniva specialmente apprezzato e sfruttato per uso domestico. I resoconti cinquecenteschi sottolineano le sue funzioni igieniche. Vizani afferma che le acque del Savena portavano «grandissimo beneficio ancora in quasi tutte le case de particolari, per le quali scorrendo con diversi diverticoli, dà commodità di lavare i panni, & le masseritie, & di nettar le case da tutte le immondezze». Avrebbe anche potuto far notare che il Savena contribuiva alla coltivazione dei giardini dei palazzi privati, come pure all irrigazione di vasti lotti di terra coltivabile appena dentro le mura. Infatti le due branche principali del Savena riifornivano d acqua beni immobili residenziali di prima qualità. Una pianta che mostra l ubicazione dei palazzi patrizi rivela che molte delle principali famiglie bolognesi predilegevano proprio quest area cittadina. La domus magna dei Bentivoglio sorgeva su Strada San Donato (ora via Zamboni) precisamente dove essa incontrava il canale di Savena. Sulla stessa strada si trovavano le case dei bentivoleschi (Malvezzi, Magnani, Paleotti, Poggi). Altre nobili residenze sorgevano sulla strade San Vitale (Fantuzzi, Orsi), Maggiore (Sampieri, Ghislieri, Isolani, Bolognetti) e Santo Stefano (Bolognini, Bianchini). Il grandioso Palazzo Pepoli (insieme ai palazzi dei Guastavillani, Cospi, Volta) aveva un accesso diretto al canale che scendeva lungo Strada Castiglione. Mentre ulteriore ricerche si rendono necessarie per chiarire alcuni dettagli storici, sembra chiaro che il Savena abbia giocato un ruolo decisivo nel promuovere l edificazione dei palazzi nella parte orientale della città. Allo stesso tempo, in accordo con il suo ruolo

5 multifunzionale, il Savena permetteva anche applicazioni industriali. La composizione chimica naturale dava alle sue acque una particolare capacità nella tintura della seta e dei tessuti di lana, specialmente di colore scarlatto. Anche la fabbricazione della carta, un altra industria che fa un uso intensivo dell acqua, fiorì lungo le rive del Savena, con gran vantaggio del governo, dell università e dell editoria. La principale fonte idrica industriale di Bologna, comunque, era costituita dal canale di Reno. Esso era sfruttato con profitto persino prima che raggiungesse la città. Come scriveva lo storico Fra Leandro Alberti, il canale di Reno scoperto, realizzato di pietra e mattoni, era abbastanza largo da permettere condurre «dagli alti monti grandi travi di Abete, & altre legna, si per edificare come per fare dogli & vasselli da vino». Entrando in città attraverso un portale a forma di grata noto come «la Grada», il Reno si precipitava verso est fino a quando era tagliato in due alla cosiddetta «Sega dell acqua». Un canale, il Cavadizzo, si dirigeva immediatamente a nord verso le mura cittadine. L altro continuava ad est fino a che, nei pressi dell Aposa, anch esso si volgeva a nord, diventando il Canale delle Moline. Ideato e costruito da un consorzio di mugnai dell XI secolo, il canale di Reno fu presto acquistato dal Comune e rimase di proprietà pubblica fino al XVIII secolo. Il Canale delle Moline si sviluppava in una serie di cascate segnate da coppie di mulini su entrambi i lati, come può vedersi nelle mappe e vedute più antiche. Oggi i mulini per il grano sono scomparsi, ma lo stesso canale di Reno scorre ancora attraverso Bologna ed è visibile in alcuni punti. Un blocco di case a schiera per gli operai del mulino e le loro famiglie, costruito nel 1515, sorge ancora nella vicina Via Capo di Lucca. Il canale di Reno azionava un notevole numero di industrie meccaniche. Lungo il canale Leandro Alberti notò «sono stromenti da secare legni, da tritare e polverezzare le spetie, con la Galla, da fabricare armi, con vasi di ramo, d agguzzare ferramenti, e darli splendore, da fare la carta, follare panni, filare la seta». Nessuna industria era più importante della seta. Quando l imperatore Federico III venne a Bologna nel 1452, fu portato a vedere i «INSERIRE CITAZIONE ORIGINALE DI GHIRARDACCI» (Ghirardacci). Come spinte per capillarità entro piccoli canali sotterranei che penetravano nelle cantine delle case, le acque del canale azionavano le macchine per filare e tessere. La tecnologia impiegata era così importante per l economia di Bologna che essa fu dichiarata un segreto di stato e nel

6 1538 due uomini furono condannati a morte in contumacia per aver esportato a Trento la tecnologia dei mulini. La segretezza imposta con la forza spiega la scarsità di fonti scritte e di testimonianze figurative sulla prima industria tessile di lusso bolognese. In ogni caso, verso il 1550 un pellegrino veneziano vide alcuni edifici dotati di condotti sotterranei nei quali erano realizzati tutti i processi di lavorazione della seta in uno istesso tempo & in uno medesimo edificio (cosa molto notabile) operare si veggono (Bartolomeo Fontana). Lo storico dell economia Carlo Poni ha caratterizzato il sistema manifatturiero bolognese come una «rivoluzione proto-industriale» varata nel XVI secolo. Grazie alle macchine a motrice idrica la città poté diversificare la sua capacità produttiva. Bologna non fu più solo un mercato ed una città universitaria, ma qualcosa di simile ad una capitale industriale. Come il Savena incoraggiò la costruzione di palazzi nel XIV e XV secolo, analogo fu il ruolo del Reno per la manifattura locale nel XVI. Già nel 1481 Benedetto Morandi, un umanista della corte bentivolesca, poteva vantare che «INSERIRE CITAZIONE ORIGINALE MORANDI». *** Tuttavia Morandi non si riferiva semplicemente al corridoio industriale che costeggiava il canale di Reno. Pensava sicuramente anche alla sua spettacolare conclusione, il Naviglio (o canale Navile), la via d acqua navigabile di Bologna. Il sito cittadino in leggero declivio costringeva tutti i corsi d acqua a correre verso l angolo nord-occidentale. Fuori delle mura essi confluivano infine in un letto comune, che scorreva dritto verso nord attraverso l aperta campagna. Già nel XII secolo il comune ebbe successo nel trasformare questa via d acqua in un canale navigabile che univa la città a Ferrara, al Po e all Adriatico. Il Naviglio facilitava il commercio di beni agricoli e manifatturieri, permettendo il trasporto di materiali edilizi pesanti (come il marmo) e fungendo da sistema di transito pubblico. Fino al XV secolo il Naviglio terminava in un porto ubicato a Corticella, un paese a circa tre miglia fuori dalle mura cittadine. Lì un improvviso innalzamento di quota impediva al traffico navale di raggiungere Bologna. Giovanni Bentivoglio commissionò con successo la prima prosecuzione del canale direttamente in città. Nel 1491 si fece prestare da Ludovico Sforza un architetto di nome Pietro da Brambilla. Brambilla utilizzò la tecnologia più

7 aggiornata, progettando una serie di saracinesche navali, prolungando con successo il canale fin dentro la città. L inaugurazione del nuovo canale ebbe luogo il 10 gennaio Il successo fu di breve durata, comunque, ed un decennio dopo il sistema non funzionava più ed il porto fu arretrato a Corticella. Una soluzione definitiva giunse solo nei tardi anni 40 del XVI secolo, quando papa Paolo III Farnese autorizzò una completa ristrutturazione sotto il controllo dell architetto Jacopo Vignola. Per correggere gli errori di Brambilla, Vignola ritornò evidentemente ai modelli milanesi paragonabili a quelli che si trovano negli schizzi di Leonardo da Vinci e costruì tre nuove saracinesche navali (con bacini ovali, rettangolari ed ottagonali), comprese le chiuse e i ponti secondari. Progettò anche un nuovo porto urbano dentro la città, vicino a Porta Lame, che rimase in funzione fino alla fine del XIX secolo. In questo modo Bologna divenne parte di una vasta rete di canali navigabili che mettevano in comunicazione numerose città entro la Val Padana. In Lombardia c erano Milano, Monza, Pavia, Lodi, Crema, Cremona e Mantova. Canali navigabili univano Venezia, Treviso e Verona nel Veneto. In Emilia, Piacenza, Parma, Reggio, Modena e Ferrara svilupparono tutte vie d acqua artificiali; e così fecero pure Imola, Faenza, Forlì e Ravenna in Romagna. I canali erano d importanza critica per gli affari commerciali della vasta campagna e svolgevano un importante ruolo nell irrigazione e nella bonifica fondiaria. La lunga storia dei canali italiani navigabili è inseparabile da quella dello sviluppo regionale. Questo aspetto è reso evidente da un poco noto ma spettacolare progetto, rimasto irrealizzato, concepito da papa Giulio II della Rovere. Giulio detestava la potestà di Alfonso d Este di esigere pesanti dazi alle chiatte bolognesi che attraversavano il territorio ferrarese dirigendosi verso il Po. Propose perciò di abbandonare il vecchio Naviglio e progettarne uno nuovo verso est, che avrebbe traversato la Romagna per incontrare il mare a Marina di Ravenna. Unendo due capitali di provincia e molte cittadine dello Stato della Chiesa, un canale di questo tipo lasciava sperare una generale prosperità dei commerci, ma i suoi effetti benefici a lungo termine sarebbero dipesi dalla bonifica fondiaria. Questo poiché il canale giuliano si sarebbe approvvigionato delle acque provenienti dai numerosi corsi appenninici, i quali continuavano ad alimentare le pestilenziali paludi lungo la costa adriatica. Sebbene mai eseguito, lo schema di Giulio II continuò ad essere discusso in sede di pianificazione territoriale fino all arrivo di Napoleone.

8 *** E cosa può dirsi ci si dovrebbe chiedere dell acqua potabile? E vero che alcuni autori del Rinascimento parlano di utilizzare l acqua dei canali per bere e cucinare [come anche per lavare gli abiti], ma per ragioni igieniche e pratiche questa non può essere stata la fonte principale. Bologna, come molte altre città italiane della prima modernità, ricavava l acqua potabile dai pozzi. Severe leggi medievali stabilivano che la manutenzione dei pozzi nelle strade e piazze pubbliche fosse di competenza degli utenti che abitavano nei loro pressi. Nel XIV e XVI secolo i pozzi privati erano certo abbondanti non solo entro i numerosi monasteri e palazzi nobiliari, ma anche nelle case minori con cortili. Nel 1602 si poteva dire che ha Bologna tanti pozzi di acqua perfettissima altri, quai dieci, & guai docici braccia, fatti à mano, & murati, che in ogni, quantunque piccola casa se ne trova qual uno. (Vizani). I pozzi sono ora tra gli elementi meno visibili del sistema idrico storico. Un tempo presenti ovunque, nella Bologna del XIX secolo furono denunciati come un pericolo per la salute pubblica. Ciò fece seguito ad un esplosione di colera nel 1865 e di febbre tifoide nel Queste epidemie affrettarono la creazione di un moderno sistema idrico pressurizzato per tutta la città, rendendo infine i pozzi improvvisamente obsoleti. Una volta smantellati, essi furono riempiti di pietrisco e consegnati all oblio. L abbondanza d acqua emerge così come una realtà della vita urbana della Bologna rinascimentale. E l abbondanza è un tema che informa anche la celebrata fontana pubblica in Piazza Maggiore, la cui divinità titolare, Nettuno, avrebbe finito per simbolizzare la città. Disegnata dall architetto siciliano Tomaso Laureti e decorata dallo scultore fiammingofiorentino Giambologna, la Fontana del Nettuno fu commissionata nel 1563 dal vescovo Pier Donato Cesi, il governatore papale, in nome del legato Carlo Borromeo e di papa Pio IV. Cesi scelse Nettuno, dio di tutte le acque, come metafora della protezione e beneficenza papale, stabilendo anche che la fontana dovesse essere circondata da una cancellata in ferro per difenderne il valore in quanto elemento di decoro urbano. Dopo essere fuoriuscita, l acqua scorreva sottoterra fino ad una cisterna posta nel giardino estivo del legato nel palazzo apostolico. Da lì, infine, era spinta alle bocchette della larga fontana pubblica murata, la cosiddetta Fontana Vecchia, ubicata in un affollata zona di mercato, dove viaggiatori ed animali domestici erano invitati a dissetarsi. Come per i canali, l acquedotto implicava un rigido sistema di precedenze in fatto di accesso e di uso.

9 L attuale Fontana del Nettuno è la seconda, o forse terza, fontana che sorse in Piazza Maggiore. Negli anni 70 del XV secolo una modesta fontana fu eretta in quel sito per essere subito demolita nel Di un altro progetto di fontana risalente agli anni 20 del XVI secolo, l unica traccia superstite è la sorgente collinare di Remonda, appena sotto il monastero benedettino di San Michele in Bosco. Un rilievo del XVIII secolo ci fornisce una dettagliata incisione della pianta e della sezione dell impianto idrico rinascimentale. La fonte Remonda comprende numerose lunghe gallerie che captano le vene acquifere, conducendo l acqua in una serie di serbatoi di decantazione, prima di rilasciarla in una conduttura di terracotta sigillata. Il disegno è elegante, funzionale e vitruviano. La sua facciata dorica molto rimaneggiata è stata attribuita a Baldassarre Peruzzi senese, erede della cultura tecnologica di Taccola e di Francesco di Giorgio che nel 1523, quando fu costruita, lavorava per la città e per San Michele in Bosco. La Fontana del Nettuno era alimentata dalla fonte Remonda, come pure da una seconda sorgente ubicata poco lontano in località detta Castellano. Disegnata da Laureti, prendeva a modello la fonte più antica, ma era di maggiori dimensioni. Sfruttava anche le rovine dell acquedotto sotterraneo che un tempo serviva la Bononia romana. Laureti descrive l intero sistema fonti, conduttura, mostra dell acqua - in un voluminoso manuale sulle fontane rimasto inedito. Commentando che tra tutte le parti dell Architettura, quella dell acque è la più dificile, Laureti cerca di istruire i fontanieri presenti e futuri su come pulire, riparare e mantenere il sistema. Si interessa particolarmente alla robustezza dell acquedotto. Scendendo lungo la collina per quasi due chilometri, l acqua del condotto acquistava una notevole pressione pressione che era d importanza critica per la riuscita artistica dell opera, ma pericolosa per le fragili sezioni dei tubi realizzate in terracotta. E, infatti, i documenti mostrano che la Fontana del Nettuno era soggetta a guasti frequenti. La grande figura bronzea di Nettuno del Giambologna, sovrano protettore di un vasto (se pur in gran parte invisibile) impero acquatico, presentava numerosi problemi. Durante un viaggio nel nord Italia nell estate del 1878, lo storico Jakob Burckhardt fece una visita a Bologna dove trovò la fontana completamente a secco. In una lettera ad un amico, descriveva l immagine in questo modo: «Il povero Nettuno del Giambologna è senz acqua; nonostante tutto il loro spingere e spremere le Sirene non riescono a far uscire neppure una goccia dalle

10 loro secche mammelle. Presso il recinto scorre una fontanella intorno alla quale si affolla avidamente la gente assetata. E certo una disgrazia che una città pedemontana come Bologna non abbia acqua corrente». Burckhardt punta il dito sul ruolo politico e sociale della fontana pubblica. Una fontana senz acqua non solo viene meno alle sue funzioni pratiche e simboliche, ma è indice manifesto di incuria da parte di chi governa e di cattiva amministrazione. E, in questo caso, costituisce pure un offesa all arte. La «disgrazia» deve imputarsi agli ufficiali cittadini. Tuttavia l osservazione di Burckhardt sull assenza di acqua corrente a Bologna va ristretta alla sola fontana. Come abbiamo visto, i grandi canali della Bologna della prima età moderna erano una cosa completamente differente. Le acque dell Aposa, del Savena e del Reno, aggressivamente estratte dai piedi delle colline, furono mantenute in continua funzione produttiva per più di sette secoli. Inoltre, i tre floridi canali ebbero un enorme successo nell ottemperare a molteplici funzioni urbane. A mo di conclusione, permettetemi di ricordarle brevemente: la difesa, l igiene cittadina (e quella domestica); l industria manifatturiera e pesante; il trasporto; l irrigazione; e l alimentazione. Ogni sistema contribuiva in modo significativo alla salute e al successo economico della città e ciascuno condizionava l evoluzione e l aspetto dell ambiente urbano. Oggi la Fontana del Nettuno è stata brillantemente restaurata e funziona ottimamente. Con ciò adempie al suo ruolo di elargire bellezza e benessere. Resta un capolavoro dell arte del tardo Rinascimento, ma saremmo poco accorti se la considerassimo la principale rappresentante ancor meno l unico esemplare del sistema idrico della Bologna della prima età moderna. GRAZIE!

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

Sistema idraulico di Bologna

Sistema idraulico di Bologna Sistema idraulico di Bologna Il territorio di Bologna si presenta in pendenza (da sud a nord) e con differenti altitudini. Dentro lo spazio urbano scorrono i corsi d acqua naturali e artificiali distribuendo

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi BOLOGNA Forma Urbis 3 conventi e borghi 1088 data convenzionale di fondazione dello Studio Bolognese Alma Mater Studiorum La presenza dello Studio richiama studenti dall Italia e da ogni parte d Europa

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

RUOTE E CANALI PER CONOSCERE L ANTICO SISTEMA IDRAULICO ARTIFICIALE DI BOLOGNA DOSSIER PER GLI INSEGNANTI A CURA DI COSETTA BIGALLI

RUOTE E CANALI PER CONOSCERE L ANTICO SISTEMA IDRAULICO ARTIFICIALE DI BOLOGNA DOSSIER PER GLI INSEGNANTI A CURA DI COSETTA BIGALLI COMUNE DI BOLOGNA CULTURA LABORATORIO PER LA DIDATTICA RUOTE E CANALI PER CONOSCERE L ANTICO SISTEMA IDRAULICO ARTIFICIALE DI BOLOGNA DOSSIER PER GLI INSEGNANTI A CURA DI COSETTA BIGALLI IL BACINO IDRAULICO

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

PARAPORTO SCALETTA, PARAPORTO VEROCCHIO E PARAPORTO SAN LUCA

PARAPORTO SCALETTA, PARAPORTO VEROCCHIO E PARAPORTO SAN LUCA CONSORZIO della CHIUSA di CASALECCHIO e del CANALE di RENO Via della Grada, 12 40122 Bologna Tel. 051.6493527 Fax 051.5280238 E-mail: info@consorzireno-savena.it www.consorzireno-savena.it Pianta generale

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

IL CANALE BISATTO (Roberto)

IL CANALE BISATTO (Roberto) IL CANALE BISATTO (Roberto) LA STORIA Fu scavato dal 1143 al 1188 dai vicentini, in guerra con Padova, per privare la città dell acqua del fiume Bacchiglione, indispensabile per la navigazione esterna

Dettagli

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella

1.500.000,00. Rif 0351. Villa di lusso a Biella. www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella Rif 0351 Villa di lusso a Biella www.villecasalirealestate.com/immobile/351/villa-di-lusso-a-biella 1.500.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Pralungo Biella Piemonte Italia Superficie Immobile:

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro Progetti Roberto Gamba Planimetria. Pianoro (oltre 16.000 residenti) si estende a sud di Bologna su un territorio di 107 km 2 articolato lungo due vallate, sul torrente Zena e sul Savena, collegate tra

Dettagli

Idrico. Le molte opere sbloccate dalla Legge Obiettivo

Idrico. Le molte opere sbloccate dalla Legge Obiettivo Idrico Le molte opere sbloccate dalla Legge Obiettivo La Basilicata è il principale serbatoio d acqua del sud, ma soprattutto è la grande protagonista del rilancio delle infrastrutture idriche che sta

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita Rif 0348 Vecchia Cantina in vendita www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita 150.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Torrita di Siena Siena Toscana Italia Superficie

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna

Programma D'Area - L.R. 19 agosto 1996 N 30 Piano di Recupero di Iniziativa Pubblica del Complesso dell'arcispedale Sant'Anna 1949 Planimetria generale dell Arcispedale S. Anna Padiglione della divisione oculistica Adriana Ascoli (1948-1949) Tra il 1948 e il 1949 fu costruito il padiglione della divisione oculistica. Progettato

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

BOLOGNA Programma tour 15 16 maggio 2015

BOLOGNA Programma tour 15 16 maggio 2015 BOLOGNA Bologna ha origini antichissime: al tempo degli Etruschi (VI secolo a.c.) era nota come Fèlsina e nel II secolo la conquista romana portò alla costruzione della via Emilia, con fondazione di nuove

Dettagli

Il Molino Stucky a Venezia - ora Hilton Molino Stucky Venice

Il Molino Stucky a Venezia - ora Hilton Molino Stucky Venice Il Molino Stucky a Venezia - ora Hilton Molino Stucky Venice Il Molino Stucky a Venezia è uno di quei siti di archeologia industriale in Italia nel quale l efficienza si è sposata con la volontà di erigere

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

Subiaco 2012 Idrogeologia! L'Idrogeologia da idro "acqua e geo-logos "discorso relativo alla Terra" è una parte dell idrologia che si occupa della distruzione e dei movimenti delle acque sotterranee. Il

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Passeggiandoinbicicletta.it

Passeggiandoinbicicletta.it Passeggiandoinbicicletta.it Percorso ad anello da Mantova a San Benedetto Po, su pista ciclabile e lungo gli argini del Mincio e del Po. Partendo da Mantova, un ampio giro nella pianura Padana e sugli

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis

BOLOGNA. Forma Urbis BOLOGNA Forma Urbis 4 la casa e il portico 4 Portico ligneo e portico in muratura Dopo il Mille, la ripresa economica della città comporta una crescente domanda di abitazioni All interno delle mura di

Dettagli

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo) A cura di A. Scolari Marcellise alto: itinerario lungo (Marcellise, Borgo, Casale, Cao di sopra, Casale di Tavola, San Briccio, Marion, Borgo, Marcellise). Dislivello m 205, tempo h 3.00'. Percorso facile.

Dettagli

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA Quest anno devo dire che stiamo usando tanto la moto, soprattutto perché le temperature miti stanno lottando con l inverno

Dettagli

I. Presentazione generale della Toscana

I. Presentazione generale della Toscana I. Presentazione generale della Toscana UN PO DI STORIA La Toscana è la terra dove tanto tempo fa nasce la civlità etrusca. Gli Etruschi sono un popolo molto civile, esperto in agricoltura, nella lavorazione

Dettagli

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga.

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga. A Est del territorio comunale scorre il torrente Bozzente, vincolato lungo tutto il tratto ricadente nella provincia di Varese (vedi figura sotto) mentre il tratto ricadente nella provincia di Milano è

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA - LA PROGETTAZIONE ANTICA - a cura di Santori Silvio PROGETTARE Individuare la forma e la sostanza delle strutture materiali in cui l uomo può svolgere le proprie

Dettagli

Fontana di Trevi Roma, Italia

Fontana di Trevi Roma, Italia Fontana di Trevi Roma, Italia Fontana di Trevi Roma, Italia Gli architetti La Fontana di Trevi è la più famosa e forse la più bella fontana di Roma. Questo imponente monumento in stile barocco, completato

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA Relazione del dr. Giorgio Gazzotti, agronomo Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia Dati rilevati in campo sull efficienza

Dettagli

L Emilia Romagna. 1. Presentazione generale dell Emilia-Romagna

L Emilia Romagna. 1. Presentazione generale dell Emilia-Romagna L Emilia Romagna 1. Presentazione generale dell Emilia-Romagna Questa regione prende il nome dalla via Emilia, costruita dal console Marco Emilio nel 187 ante Cristo. È una regione agricola, ma negli ultimi

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Il casale LA CASETTA UMBRA DI CAMPAGNA: ARMONIA DEI SENSI RUSTICA NEL VERDE. 84 Il mio casale

Il casale LA CASETTA UMBRA DI CAMPAGNA: ARMONIA DEI SENSI RUSTICA NEL VERDE. 84 Il mio casale Il casale LA CASETTA UMBRA DI CAMPAGNA: ARMONIA DEI SENSI RUSTICA NEL VERDE 84 Il mio casale Soltanto a pochi passi dalla splendida Rocca di Aries, testimonianza del dominio dei Fortebracci nel periodo

Dettagli

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni.

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni. 2.3 Comune di Valstagna, Oliero, Grotte di Oliero. Cartiera Parolini e area degli antichi opifici. LUOGO. Comune di Valstagna, Grotte di Oliero. OGGETTO. Cartiera Parolini. CATASTO. CRONOLOGIA. Fine XVII

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

ELENCO OPERATORI ASSEGNATARI DEI FINANZIAMENTI DI CUI AL PROGRAMMA 3000 CASE PER AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETA'

ELENCO OPERATORI ASSEGNATARI DEI FINANZIAMENTI DI CUI AL PROGRAMMA 3000 CASE PER AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETA' cat. nto PROVINCIA BOLOGNA COMUNE DI BENTIVOGLIO BO BENTIVOGLIO LOTTO B8.2 LP NC 12 1.440.000,00 720.000,00 Piazza Pace, 1 BENTIVOGLIO 40010 BO 051/6643511 COPALC BO BUDRIO COMPARTO C 2.3 CRETI MARTELLA

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE VALORIZZAZIONE E RESTAURO DELLA PINACOTECA TOSIO MARTINENGO 2015-2017

COMUNE DI BRESCIA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE VALORIZZAZIONE E RESTAURO DELLA PINACOTECA TOSIO MARTINENGO 2015-2017 COMUNE DI BRESCIA AREA SERVIZI TECNICI SETTORE EDIFICI PUBBLICI E MONUMENTALI AREA CULTURA, CREATIVITÀ E INNOVAZIONE SETTORE MUSEI SERVIZIO EDILIZIA MONUMENTALE Assessore Valter Muchetti responsabile area

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate autunno 2014 Dopo la pausa estiva, prosegue il nostro giro alla scoperta di Milano, con alcuni classici ma anche con alcune novità, tra cui un appuntamento

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna. Dal 6 all 8 novembre 2009

Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna. Dal 6 all 8 novembre 2009 Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna Dal 6 all 8 novembre 2009 PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale: Prof. Valter

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo 53 La riscoperta dell isola di Sant Erasmo Venezia e Murano, il Lido e Chioggia, Burano e Torcello. Da secoli, i luoghi simbolici per eccellenza della laguna custodiscono la storia, la cultura, la tradizione

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE 413 ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE Chiostro di S. Pietro Martire trasformato in manifattura tabacchi,

Dettagli

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 I VENTI DELL INNOVAZIONE EXPO 2015: ACQUA Centro Congressi Ville Ponti di Varese, 19 giugno 2014 LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 Arch. Laura

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

Progetto per l ampliamento del cimitero di San Michele in Isola a Venezia

Progetto per l ampliamento del cimitero di San Michele in Isola a Venezia 0_5_CIL79_Monestiroli 26-0-200 5:27 Pagina 0 Progetti Carmen Murua Fotografie Stefano Topuntoli Il progetto per l ampliamento del cimitero di San Michele in Isola a Venezia, a parte la palese particolarità

Dettagli

DALLA SORGENTE DEL LAMBRO ALLA MARTESANA

DALLA SORGENTE DEL LAMBRO ALLA MARTESANA DALLA SORGENTE DEL LAMBRO ALLA MARTESANA L Abbazia di Chiaravalle Il paesaggio è opera della natura e dell uomo. In Lombardia l apparente uniformità della bassa pianura irrigua è il risultato di un lungo

Dettagli

Il territorio di Reggio Emilia Itinerario 1: nei dintorni di Reggio Emilia

Il territorio di Reggio Emilia Itinerario 1: nei dintorni di Reggio Emilia La strada della pace da Lubecca a Roma: paesaggi di pace. Il territorio di Reggio Emilia Itinerario 1: nei dintorni di Reggio Emilia 2 A dell Istituto tecnico per Geometri Angelo Secchi di Reggio Emilia

Dettagli

EX-Po: storie di acqua e castelli in provincia di Pavia

EX-Po: storie di acqua e castelli in provincia di Pavia POR Competitività 2007-2013 2013 Asse 4 Expo 2015 Linea di intervento 4.1.1.1 2 2 Bando Progetto Integrato d Area: d Fra Fra il Ticino e l EXl EX-Po: storie di acqua EX-Po: storie di acqua L idea del Progetto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo.

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. ...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. Proprio come all inizio del principato augusteo l Africa che si presentava agli occhi dei visitatori europei ed ai nostri occhi di occupanti

Dettagli

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento a cura di Patrizia Ferrario In occasione della giornata di studi Lettere di liberta'.costanza Arconati Trotti Bentivoglio (biblioteca A. Manzoni, Trezzo sull'adda

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

DECORAZIONE FLOREALE

DECORAZIONE FLOREALE DECORAZIONE FLOREALE 2010 Allestimenti floreali pubblici Il Gruppo di Arte Floreale, coordinato da Carla Valentini.crea degli allestimenti floreali di alto valore estetico in occasione delle principali

Dettagli