CASCHI BIANCHI: INTERVENTI UMANITARI IN AREE DI CRISI Tanzania SCHEDA TANZANIA - CVM Volontari richiesti : N 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASCHI BIANCHI: INTERVENTI UMANITARI IN AREE DI CRISI Tanzania 2014. SCHEDA TANZANIA - CVM Volontari richiesti : N 3"

Transcript

1 CASCHI BIANCHI: INTERVENTI UMANITARI IN AREE DI CRISI Tanzania 2014 SCHEDA TANZANIA - CVM Volontari richiesti : N 3 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: BAGAMOYO INTRODUZIONE FOCSIV è la più grande Federazione italiana di ONG che da oltre 40 anni lavora nei sud del mondo realizzando progetti di cooperazione internazionale. Punto fermo di tutti gli interventi è stato ed è quello di contribuire, attraverso il lavoro di partenariato e la promozione dell autosviluppo, al superamento di quelle condizioni di ingiustizia che potenzialmente sarebbero potuti essere, sono o sono stati fonte di conflitti e di maggiori ingiustizie, costruendo percorsi di pace. Per dare continuità al lavoro di prevenzione dei conflitti così intesi e volendo offrire la possibilità ai giovani italiani di sperimentarsi come operatori privilegiati della solidarietà internazionale, Volontari nel mondo FOCSIV in collaborazione con l Associazione Papa Giovanni XXIII, la Caritas Italiana e il GAVCI ha presentato nel febbraio del 2007 all UNSC il progetto madre Caschi Bianchi che intende collocare la progettualità relativa al servizio civile all estero come intervento di costruzione di processi pace nelle aree di crisi e di conflitto (armato, sociale, economico, religioso, culturale, etnico ) con mezzi e metodi non armati e nonviolenti, attraverso l implementazione di progetti di sviluppo. I conflitti infatti trovano terreno fertile dove la povertà è di casa, dove i diritti umani non sono tutelati, i processi decisionali non sono democratici e partecipati e dove alcune comunità sono emarginate. Il presente progetto di servizio civile vuole essere una ulteriore testimonianza dell impegno della Federazione nella costruzione della pace nel mondo e vuol far sperimentare concretamente ai giovani in servizio civile che la migliore terapia per la costruzione di una società pacificata è lottare contro la povertà, la fame, l esclusione sociale, il degrado ambientale; e che le conflittualità possono essere dipanate attraverso percorsi di negoziazione, mediazione e di riconoscimento della positività dell altro. DESCRIZIONE DEL CONTESTO SOCIO POLITICO ED ECONOMICO DEL PAESE DOVE SI REALIZZA IL PROGETTO: TANZANIA La Repubblica Unita di Tanzania è nata il 25 aprile 1964 dall unione del Tanganica e dell isola di Zanzibar. Tanzania. Questa è una nazione pacifica e, grazie alla stabilità della sua leadership politica, ha saputo evitare il coinvolgimento nei numerosi conflitti che hanno infiammato i Paesi confinanti, svolgendo anzi un ruolo chiave nella prevenzione dell escalation della violenza e nella cooperazione regionale. Dal 1977 il Paese è stato governato dal partito unico Chama cha Mapinduzi (CCM) Partito della Rivoluzione - guidato dal "padre della patria" Julius Nyerere. Il movimento è di ispirazione socialista e nasce dalla fusione dei fronti di liberazione nazionali del Tanganika e di Zanzibar. Nyerere ha governato fino al 1985, quando lascia il Governo ad Ali Hassan Mwiniy, che ha guidato il paese fino alle elezioni del 1995, le prime aperte ad altri partiti. Da questa tornata elettorale il CCM è risultato comunque vincitore e il 23 novembre ha assunto la carica di Presidente della Repubblica e Capo del Governo Benjamin Mkapa, poi riconfermato nel Attualmente è presidente Jakaya Mrisho Kikwete, che ha vinto le elezioni del 2005 e del Nel corso degli anni la Tanzania è stata sempre in prima linea nella lotta all apartheid e ha dato un contributo significativo alla decolonizzazione del continente africano. Durante gli anni novanta, al Paese è stato richiesto in modo particolare di svolgere un ruolo di mediazione nei conflitti armati dei vicini Ruanda e Burundi ed ha accolto moltissimi rifugiati dall'angola e dal Ruanda. Inoltre, è stato la sede della prima conferenza regionale sui rifugiati ruandesi dopo l'offensiva militare lanciata nell'ottobre 1990 dai ribelli del Fronte Patriottico Ruandese (FPR). La Tanzania si trova fra i 10 Paesi più poveri del mondo: infatti il 65,6% della popolazione vive sotto la soglia di povertà e nella classifica di indice di sviluppo umano si colloca al 152 posto con un indice dello 0,466. Inoltre il tasso medio annuo di inflazione tra il 1990 e il 2012 è del 12,7%. Nonostante l economia nel 2012 sia cresciuta del 6,5%, grazie all aumento del prezzo dell oro, la maggior parte della popolazione è rimasta esclusa dai conseguenti benefici e sono aumentate in maniera preoccupante la disoccupazione giovanile e le disparità di reddito. (Dati UNICEF2012) L economia è tuttora fortemente dipendente dal settore agricolo, che impegna il 40% della popolazione attiva. Ciononostante il 15,8% della popolazione risulta sottopeso e c è una fortissima disparità tra le aree urbane e quelle rurali. La bassa produttività del settore rurale deriva principalmente dagli inadeguati

2 investimenti sulle infrastrutture, l accesso limitato al credito e ai fattori di produzione, la tecnologia limitata. Questi fattori fanno si che in alcune regioni addirittura il 45% della popolazione sia in condizioni di insicurezza alimentare. Inoltre, la classe dirigente del Paese ha intrapreso una politica di perseguimento di alcuni obiettivi centrali cercando di coniugare lo sviluppo con la tutela del territorio. La Tanzania ha infatti mantenuto intatto la maggior parte del suo patrimonio naturale (moltissimo a confronto con altri paesi africani) e attualmente è una delle nazioni con più alta biodiversità del globo e con un alto numero di specie animali e di piante, di cui molti endemici. Nonostante ciò molte aree forestali sono a rischio deforestazione, a causa della forte pressione demografica di cui soffrono le aree adiacenti a queste zone e della poca consapevolezza da parte della popolazione non autoctona dell importanza della foresta. Una delle sfide più importanti che la Tanzania sta affrontando negli ultimi anni, è quella riguardante il settore sanitario, che presenta diverse criticità, tra le quali spiccano l insufficienza di strutture e di personale e la corruzione. In più il virus dell HIV colpisce ancora il 5,1% della popolazione (tasso che si è sensibilmente ridotto rispetto al 9,4% del 2000). (Dati UNDP 2012) Per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani, fonti non ufficiali riportano abusi durante le elezioni del 2010 a Zanzibar anche da parte delle forze dell ordine. Organizzazioni locali per i diritti umani hanno registrato inoltre notizie di torture e maltrattamenti all interno delle carceri del Paese da parte degli agenti di sicurezza nei confronti dei carcerati. Inoltre, continuano ad essere praticate in molte zone della terraferma le mutilazioni genitali femminili, sebbene la pratica sia fuorilegge per le ragazze al di sotto dei 18 anni. A questo proposito, il Comitato dei diritti umani delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione riguardo all aumento della violenza di genere, soprattutto in ambiente domestico, ed al mancato perseguimento giudiziario dei colpevoli di tali violenze. Sono frequenti anche gli attacchi a persone albine. (Dati Amnesty International 2012) Infine, nonostante il 6,2% della spesa pubblica venga investito nell educazione, meno della metà degli iscritti termina l'educazione elementare e meno del 6% accede alla scuola secondaria. Oltre a ciò, la qualità dell istruzione è molto bassa. Il dato più preoccupante è quello che riguarda l alfabetizzazione: solo il 67% della popolazione, infatti, sa leggere e scrivere. DESCRIZIONE DELLE ONG E DEI PARTNER TERRITORIALI CHE COLLABORANO CON LE ONG: CVM è presente in Tanzania dal 2003, anno in cui ha dato inizio ad un programma di prevenzione, cura e controllo dell HIV/AIDS in collaborazione con la Commissione AIDS di Zanzibar AIDS e ZAPHA+ (Zanzibar Association for People Living with HIV and AIDS) in 10 distretti di Zanzibar e nel distretto di Kinondoni. Programma che nel 2005 è stato esteso nel Distretto di Bagamoyo. L approccio è di tipo multisettoriale e prevede attività che interessano i diversi settori legati all HIV/AIDS: attività di capacity building, formazione, sensibilizzazione e mobilitazione per membri dei comitati multi settoriali presenti a livello di villaggio e di ward (unità amministrativa), rappresentanti della società civile e delle maggiori organizzazioni locali, leader religiosi, sia cristiani che musulmani, addetti sanitari, insegnanti e i gruppi più vulnerabili della società come giovani,donne, persone sieropositive. Nel corso del tempo tematiche come i diritti delle donne e la parità di genere hanno guadagnato ampio negli interventi con attività mirate volte a garantire diritto allo studio e al lavoro alle giovani donne tanzaniane. Tutti i progetti prevedono un ampio coinvolgimento della popolazione locale e delle comunità beneficiarie nella convinzione che la valorizzazione delle potenzialità locali sia la strada più giusta per la ricerca di un cambiamento. poiché Il fine ultimo che CVM vuole perseguire è lo sviluppo di tutto l uomo e di tutti gli uomini. Dal 2004 CVM lavora in partnership con APA Aids Partnership with Africa ong irlandese impegnata in programmi HIV/AIDS in Africa, e diversi attori locali con i quali ha ampliato il proprio campo d azione. Dal 2010 CVM è capofila dei programmi contro la malaria di Population Services International PSI e di prevenzione all HIV/AIDS di Family Health International FHI nella ragione nella Regione Pwani. Dal 2011 collabora con Swisscontact e VETA nel progetto a favore di giovani nella Regione di Morogoro e con Tanzania District and Coastal Management Program (TCMP) in progetti HIV/AIDS a favore delle comunità costiere. Dal 2005 il CVM realizza progetti di servizio civile in cui volontari, con diverse competenze, affiancano lo staff locale nella gestione degli interventi e nello stesso tempo acquisiscono competenze, esperienza e conoscenze dal personale locale che normalmente è analogamente qualificato e con ampia esperienza operativa. Partner Nella sede di Bagamoyo, CVM realizza il presente progetto di Servizio civile con la Congregazione Cattolica missionaria dei Padri dello Spirito Santo (Holy Ghost Fathers CSSp-EAP. I Padri dello Spirito Santo sono arrivati in Tanzania nel 1869 e sono stati i primi missionari in Africa Orientale, arrivati a

3 Bagamoyo da Zanzibar seguendo le rotte del commercio degli schiavi. Sin dall inizio, accanto all opera missionaria e di liberazione degli schiavi hanno affiancato la costruzione di servizi sociali. Hanno fondato il primo ospedale in Africa Orientale e nei decenni hanno portato avanti le attività sociali costruendo e gestendo nuovi ospedali, scuole primarie, secondarie e centri di formazione. I Padri dello Spirito Santo considerano la questione dell HIV/AIDS cruciale per la società ed è per questo che vogliono intraprendere tutte le misure necessarie per affrontare il problema restando aderenti all etica sociale della Chiesa Cattolica ed alla visione pastorale del rispetto e del dialogo con le altre Istituzioni Religiose e con il Governo della Tanzania. CVM ha sempre svolto i suoi interventi di prevenzione e cura dell HIV in collaborazione con i Padri dello Spirito Santo, fra il 2004 e il 2007 nei distretti di Kinondoni e Bagamoyo, dal 2007 al 2010 nel solo distretto di Bagamoyo.Nel 2003 la partnership è stata sottoscritta con un accordo tra le due parti; Altri partner con i quali si collabora per la realizzazione del presente progetto sono: Amministrazione del Distretto di Bagamoyo - in particolare gli Uffici Distrettuali del Ministero dell Educazione, del Ministero della Sanità e il Coordinatore per le Attività di Sviluppo. Si tratta di uffici distrettuali nel cui ambito ricadono le attività del progetto. Il rapporto è regolato da un Memorandum of Understanding in cui vengono definiti i doveri e il ruolo di ciascuna delle parti ed in cui è sancita la collaborazione congiunta nell operatività delle iniziative, attraverso la condivisione di mezzi e personale qualificato, l organizzazione di programmi formativi comuni, l ottimizzazione di risorse umane, ecc. Associazioni locali - UWAMABA - Umoja wa watu wanaoishi na VVU Matumaini Bagamoyo. L Unione delle persone sieropositive che vivono con speranza Bagamoyo è l associazione delle persone sieropositive di distretto ufficialmente registrata nel 2006 grazie anche alla facilitazione di CVM, con la missione di supportare le persone che convivono con il virus dell HIV, orfani e/o figli di persone sieropositive, di promuovere azioni di sensibilizzazione ed informazione sulla cura e la prevenzione per abbattere stigma e discriminazione. La collaborazione tra CVM e UWAMABA è quinquennale per ciò che riguarda la pianificazione, l implementazione e il monitoraggio delle attività specifiche per i PLWHA. BAGEA Bagamoyo Girls Education Association è l associazione formata da ragazze e giovani donne che vivono nel distretto di Bagamoyo ufficialmente registrata nel Obiettivo dell associazione è supportare le ragazze del distretto di Bagamoyo ad accedere ad una formazione secondaria qualificata e formale, promuovere l accesso nel campo del lavoro delle giovani donne, fornire informazione su SRH, life skills e HIV/AIDS. BAGEA collabora da 3 anni con CVM nell implementazione del programma di supporto scolastico e di formazione tra pari per le ragazze. NUMERO ORE DI SERVIZIO SETTIMANALI DEI VOLONTARI: 35 GIORNI DI SERVIZIO A SETTIMANA DEI VOLONTARI: 5 MESI DI PERMANENZA ALL ESTERO: I volontari in servizio civile permarranno all estero mediamente dieci (10) mesi. EVENTUALI PARTICOLARI OBBLIGHI DEI VOLONTARI DURANTE IL PERIODO DI SERVIZIO: Ai volontari in servizio, su tutte le sedi, si richiede: elevato spirito di adattabilità; flessibilità oraria; eventuale svolgimento del servizio anche durante alcuni fine settimana; attenersi alle disposizioni impartite dai responsabili dei propri organismi e dei partner locali di riferimento, osservando attentamente le indicazioni soprattutto in materia di prevenzione dei rischi sociali, ambientali e di tutela della salute; comunicare al proprio responsabile in loco qualsiasi tipo di spostamento al di la quelli già programmati e previsti dal progetto; partecipazione a situazioni di vita comunitaria; rispettare i termini degli accordi con le controparti locali; trasferimenti in città e distretti diversi da quelli di residenza nell ambito dello stesso Paese di assegnazione; partecipare a incontri/eventi di sensibilizzazione e di testimonianza ai temi della solidarietà internazionale al termine della permanenza all estero; scrivere almeno tre (3) articoli sull esperienza di servizio e/o sull analisi delle problematiche settoriali locali, da pubblicare sul sito Antenne di Pace, portale della Rete Caschi Bianchi;

4 partecipare ad un modulo di formazione comunitaria e residenziale prima della partenza per l estero. partecipare alla valutazione finale progettuale PARTICOLARI CONDIZIONI DI RISCHIO PER I VOLONTARI CONNESSE ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Nello svolgimento del proprio servizio, i volontari in servizio civile impiegati nel progetto sono soggetti alle seguenti condizioni di rischio: Rischi politici e di ordine pubblico: MICROCRIMINALITA : diffusi sono gli episodi di microcriminalità, rapine, scippi, furti di denaro e di documenti. RISCHIO TERRORISMO: sono segnalati possibili rischi di atti di natura terroristica, anche ai danni di istituzioni o di strutture occidentali. Non si possono, altresì, escludere possibili atti intimidatori nei confronti di chiese cristiane. Rischi sanitari: FEBBRE DENGUE e la DENGUE EMORRAGICA, malattie endemiche causate dalla puntura di zanzare infette. MALARIA, COLERA, TIFO, PARATIFO, EPATITI virali A, B, C, TETANO. L AIDS è molto diffuso ed è la seconda causa di morte dopo la malaria. ACCORGIMENTI ADOTTATI PER GARANTIRE I LIVELLI MINIMI DI SICUREZZA E DI TUTELA DEI VOLONTARI A FRONTE: Per garantire livelli minimi di tutela e sicurezza dei volontari in relazione a rischi Politici e di ordine pubblico RISCHIO ACCORGIMENTO MICROCRIMINALITÀ TERRORRISMO Ogni spostamento locale dei/delle volontari/e sarà pianificato con gli operatori responsabili; CVM provvederà una serie di misure di sicurezza come la presenza di guardie nel luogo di lavoro ed abitativo. Ai/alle volontari/e saranno sconsigliati spostamenti dopo nelle ore notturne. Inoltre, sarà sconsigliato recarsi solo/a in zone isolate della città di intervento, e in altre possibili aree del Paese considerate a rischio. i/le volontari/e saranno invitati/e a non circolare da solo/a e a non portare con sé oggetti di valore (Ipad, macchine fotografiche,...) o grossi quantitativi di denaro; i/le volontari/e saranno invitati/e a dotarsi di fotocopie dei propri documenti personali ed a custodire in luogo sicuro gli originali. i/le volontari/e riceveranno istruzioni specifiche al loro arrivo nel Paese sul comportamento da adottare in caso di furto o rapina. Comunicare alle Rappresentanze Diplomatiche d Italia nel Paese d invio dei volontari, la loro residenza abituale e il tipo di progetto in cui saranno impegnati; Contattare le Autorità Nazionali Italiane (inserendo i nomi dei volontari in SCN sul sito https://www.dovesiamonelmondo.it) per permettere loro di pianificare interventi di assistenza. Contattare le rappresentanze consolari Italiane in loco o l Unità di Crisi presso la Farnesina per fornire ed ottenere aggiornamenti adeguati e puntuali rispetto alla situazione dei volontari eventualmente interessati dagli atti. Per garantire livelli minimi di tutela e sicurezza dei volontari in relazione a rischi sanitari: RISCHI In generale per i rischi Sanitari ACCORGIMENTO Prima della partenza i volontari sono invitati a effettuare le vaccinazioni consigliate dall OMS per la Tanzania quali Epatite A, B ed E Febbre Gialla, Tetano, Colera. saranno forniti ai volontari accorgimenti igienico sanitari relativi al tipo di contesto in cui si svolgerà il servizio (uso di acqua da fonti sicure, utilizzo

5 di zanzariere, ecc.). si consiglia ai volontari il rispetto delle regole fondamentali di igiene, nonché di evitare cibi crudi, latte non pastorizzato, bevande con ghiaccio; si consiglia ai volontari di bere acqua minerale sigillata, mangiare frutta sbucciata ed evitare verdure crude; si sconsigliano ai volontari i bagni in laghi e fiumi. si consiglia ai volontari di adottare tutte le misure precauzionali contro la MALARIA e la FEBBRE DENGUE (repellenti, zanzariere ai letti ed alle finestre, coprire braccia e gambe dopo il tramonto), nel dettaglio: indossare abiti di colore chiaro (i colori scuri ed accesi attirano gli insetti) con maniche lunghe e pantaloni lunghi, che coprano la maggior parte del corpo; evitare l'uso di profumi (attirano gli insetti); applicare sulla pelle esposta durante il giorno, ed in particolare dal tramonto all'alba, prodotti repellenti per gli insetti a base di n,n-dietiln-toluamide o di kbr (noto anche come bayrepel o icaridina), ripetendo l'applicazione in caso di sudorazione intensa ogni 2-3 ore. I repellenti per gli insetti e gli insetticidi a base di piretroidi possono essere spruzzati direttamente sugli abiti; gli alloggi dei volontari saranno dotati di zanzariere; usare zanzariere sopra il letto, rimboccandone i margini sotto il materasso, verificandone le condizioni e controllando che non ci siano zanzare al loro interno; è utile impregnare le zanzariere con insetticidi a base di permetrina; spruzzare insetticidi a base di piretro o di permetrina nelle stanze di soggiorno o utilizzare diffusori di insetticida operanti a corrente elettrica. FEBBRE DENGUE: i volontari non dovranno assumere alcuna medicina prima di aver consultato un medico, e soprattutto, non devono assumere aspirina o farmaci a base di acido acetilsalicilico. Sarà consigliato ai volontari di assumere una compressa al giorno di "COMPLESSO B", contenente vitamine che vengono espulse per via cutanea e che allontanano le zanzare (le zanzare tendono a pungere soprattutto all imbrunire ed all alba, ma il rischio è costante). I centri ospedalieri più vicini sono: Bagamoyo District Hospital l ospedale di distretto in cui sono presenti tutti i servizi per fronteggiare emergenze e in cui sono disponibili sala operatoria, raggi X, ortopedia, centro malaria, centro HIV/AIDS, TB, oculistica, odontoiatria, maternità e ginecologia. Epiphany Dispensary e St. Elisabeth Dispensary dispensari privati che offrono tutti i servizi di primo intervento e controllo, in particolare per quel che riguarda test e trattamento della malaria Tutte le strutture in questione sono facilmente raggiungibili da qualsiasi punto del villaggio con mezzi di trasporto motorizzati come taxi e moto-taxi ampiamente disponibili, in tempi brevi, stimati dai 5 ai 10 minuti. Gran parte delle strade di percorrenza sono asfaltate ed in buono stato. A tutti i volontari sarà fornito il l opuscolo divulgativo elaborato dal Ministero della Salute per specifiche malattie infettive quali: Amebiasi Colera Dengue Diarrea del viaggiatore Dissenteria bacillare Febbre Gialla Febbre Tifoide Malaria). PARTICOLARI CONDIZIONI DI DISAGIO PER I VOLONTARI CONNESSE ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Nello svolgimento del proprio servizio, i volontari impiegati all estero nelle sedi del presente progetto sono soggetti alle seguenti condizioni di disagio: il disagio di ritrovarsi immersi in una realtà diversa da quella conosciuta e non avere le giuste coordinate per comprenderla, per capire come relazionarsi e comportarsi sia nei confronti delle controparti locali che delle istituzioni locali; il disagio di dover utilizzare quotidianamente particolari accorgimenti sanitari resi necessari dal vivere in territori in cui sono presenti patologie endemiche (malaria, aids e/o tubercolosi,..)

6 il disagio di ritrovarsi in territori in cui le condizioni climatiche possono, in certe situazioni, ostacolare o/e ritardare le attività previste dal progetto il disagio di vivere in territori dove le comunicazioni telefoniche ed il collegamento internet non è sempre continuo ed assicurato. Inoltre si elencano i dettagli delle condizioni di disagio aggiuntivi: Disagio causato dalla difficoltà di reperire strutture abitative che rispecchino gli standard di vita europei Disagio causato dall irregolare fornitura di energia elettrica e di acqua Disagio causato dalla difficoltà di comunicare con la popolazione locale a causa della diversità linguistica Disagio causato dal cambiamento del regime alimentare e dalle diverse condizioni igienico-sanitarie DESCRIZIONE SEDE DESCRIZIONE DEL CONTESTO TERRITORIALE: TANZANIA BAGAMOYO Il Distretto di Bagamoyo è uno dei 6 distretti della regione costiera di Pwani, a nord di Dar es Salam, confinante a sud con il Distretto di Kinondoni. Bagamoyo è anche il nome della città amministrativa del distretto. Il Distretto copre un area di kmq. E suddiviso in 6 Divisioni, 22 Ward (livello più basso di divisione amministrativa), nelle quali la popolazione varia da un minimo di abitanti nella Ward di Kiromo ad un massimo di abitanti della Ward di Chalinze,e 97 villaggi, ai quali si sommano le 2 piccole autorità Urbane di Dunda e Magomeni, ulteriormente suddivise in 38 quartieri. Secondo stime non ufficiali realizzate nel 2009, Bagamoyo ha una popolazione di circa abitanti ed un tasso medio annuo di crescita del 2% (pop. maschile: , pop. femminile: ). Bagamoyo è il distretto più povero e meno sviluppato della regione Pwani. Il 76% della popolazione è impegnata in attività economiche di sussistenza e allevamento. 9 sono i villaggi costieri del distretto che contano circa abitanti, dei quali il 70-80% svolge attività economiche legate al settore ittico, quali pesca in mare aperto e su acque basse, lavorazione del pesce, raccolta di alghe e produzione di sale usato prevalentemente per la conservazione del pescato. Attività economiche minori sono allevamento di animali di piccola taglia come polli e capre, coltivazione di riso, produzione di artigianato e vasellame di terracotta, vendita al dettaglio e ristorazione. Dal punto di vista sanitario nel Distretto di Bagamoyo sono presenti 1 ospedale, 6 centri di salute, 80 dispensari medici, 5 centri di trattamento e controllo e 2 centri di distribuzione delle terapie, 54 centri per il test volontario, e 80 centri per il test preventivo per la trasmissione del virus da madre a figlio. Solo il 57% della popolazione è alfabetizzata. Nel distretto sono presenti 96 Scuole Elementari e 3 Scuole Secondarie Pubbliche, affiancate da 1 Scuola Elementare e 2 Scuole Secondarie private. In totale sono presenti 749 Insegnanti Elementari e 83 Insegnanti per la Scuola Secondaria. La religione nel distretto più diffusa è quella Musulmana, professata dal 75% della popolazione ( persone), seguita da quella Cristiana a maggioranza cattolica (15%) e dalle religioni tradizionali (5%). Nel territorio di Bagamoyo si interviene nel settore Diritti Umani e Sviluppo Sociale DESCRIZIONE DEL CONTESTO SETTORIALE: DIRITTI UMANI E SVILUPPO SOCIALE Il tasso di diffusione dell HIV nella regione Pwani pari al 5.7% è uno tra i più alti a livello nazionale. La fascia di popolazione più colpita è quella compresa tra i 15 e i 49 anni per la quale il tasso oscilla tra il 6 e l 8.9%, percentuale che sale per la popolazione tra i 30 e i 34 anni fino a punte del 10.4% Secondo ultimi dati forniti dalla FAO, il tasso di diffusione dell HIV nei villaggi di pescatori è dalle 5 alle 10 volte più elevato rispetto a quello dei villaggi agricoli, zone urbane o lungo arterie stradali. La situazione epidemiologica del distretto di Bagamoyo rispecchia quella regionale. Le donne risultano particolarmente vulnerabili all HIV/AIDS a causa delle particolari condizioni economiche e sociali: retaggi culturali, il basso livello di educazione e l impossibilità di accedere ad un lavoro dignitoso,

7 relega le donne ad una condizione di dipendenza economica che non fa che accrescere la loro vulnerabilità nei riguardi di violenze e sfruttamento, da quello lavorativo a quello sessuale. Secondo stime internazionali 1 donna su 4 è stata vittima di GBV: violenze sessuali, fisiche e verbali riguardano prevalentemente ragazze tra i 13 e i 17 anni. Il 23,7% delle donne hanno dichiarato di essere state picchiate dai propri mariti o dai propri padri. Le ragazze più giovani cercano di risolvere la propria condizione economica entrando nella prostituzione mentre le donne più adulte, sposate e non, intraprendono relazioni con più uomini in modo tale da assicurarsi più fonti di sostentamento: circa il 14% delle ragazze della zona afferma di avere più di un partner. Un alternativa sono matrimoni concordati in giovane età con uomini molto più anziani. Prostituzione, violenze e matrimoni precoci causano inevitabilmente gravidanze premature: il 25% delle ragazze tanzaniane al di sotto dei 18 anni ha almeno un figlio. Nel 2009, ragazze tra i 10 e i 19 anni hanno lasciato la scuola perché incinte. L età media del primo parto è 14 anni. A causa della tipologia dei legami il numero di divorzi e degli abbandoni è molto elevato e famiglie con a capo donne sono un fenomeno molto diffuso. Tali comportamenti, unitamente ad una scarso livello di scolarizzazione, informazioni basate su credenze popolari, il supporto limitato degli attori sociali competenti, l inefficienza delle associazioni dei gruppi vulnerabili aumentano il rischio di contagio dell HIV. Nel settore Diritti Umani e Sviluppo Sociale si interviene nel territorio di Bagamoyo con i seguenti destinatari diretti e beneficiari indiretti Destinatari diretti: persone di cui 290 membri dei Comitato multisettoriale sull AIDS a livello di ward e di villaggio, 156 ufficiali esecutivi di villaggio e di ward (VEO e WEO) e 30 a livello di Distretto, 110 giudici e 153 membri della corte, 124 dottori ed infermieri, 44 guaritori ed iniziatori tradizionali, 370 donne (cameriere/bariste, domestiche), 35 ragazze, 3 universitarie. Beneficiari: persone, tra cui collaboratori di facilitatore di giustizia di comunità (CJF), polizia e magistrati, familiari dei beneficiari diretti, membri delle associazioni, utenti dei servizi test volontario mobile, pescatrici, donne e ragazze, giovani. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO DI IMPIEGO: Promuovere i diritti di 370 donne, ragazze, studentesse vulnerabili del Distretto di Bagamoyo. Potenziare la campagna di informazione su prevenzione di Gender Based Violence (GBV), HIV/AIDS e diritti delle donne. Migliorare la capacità di coordinamento e collaborazione di 617 tra polizia, magistrati, membri della corte, dottori, infermieri ed amministratori governativi nelle politiche a favore dei diritti delle donne e ragazze nel distretto di Bagamoyo. Migliorare la capacità di 370 donne e ragazze e di 9 associazioni locali di svolgere un ruolo chiave nella promozione del diritto alla salute, all'educazione e dei diritti sociali di donne e ragazze. DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Azione 1. Formazione dei funzionari, operatori e leader influenti delle comunità su diritti dele donne, HIV/AIDS e GBV 1. Organizzazione e realizzazione di 3 corsi di formazione da 7 giorni per 110 facilitatori di giustizia a livello di comunità (CJF), poliziotti e magistrati su diritti delle donne, legislazione nazionale e trattati internazionali, approccio con le donne che hanno subito violenza. 2. Organizzazione e realizzazione di 16 corsi di aggiornamento da 5 giorni per 290 rappresentanti dei gruppi di Women and Children Rights (WCR) su diritti delle donne, come affrontare i casi, approccio con le donne che hanno subito violenza, testimonianze. 3. Organizzazione e realizzazione di 16 corsi da 7 giorni per 153 membri della corte a livello di Ward su diritti delle donne, come affrontare i casi, approccio con le donne che hanno subito violenza, legge nazionale e internazionale sulla tutela dei diritti delle donne e del bambino. 4. Organizzazione e realizzazione di 16 corsi da 2 giorni per 156 ufficiali esecutivi di villaggio e di ward (VEO e WEO) su diritti delle donne, come affrontare i casi, approccio con le donne che hanno subito violenza, legge nazionale e internazionale sulla tutela dei diritti delle donne e del bambino.

8 5. Organizzazione e realizzazione di 4 corsi da 2 giorni per 124 infermieri e dottori del centro sanitario su approccio con le donne che hanno subito violenza, counceling, assistenza psicologica, supporto morale e assistenza nel riportare I casi di violenza alle autorità. 6. Organizzazione e realizzazione di 4 corsi da 2 giorni per 44 guaritori ed iniziatori tradizionali su diritti delle donne e dei bambini, rispetto dei diritti umani. 7. Organizzazione e realizzazione di 1 laboratorio da 1 giorni per 30 rappresentanti dell'ufficio di Distretto su diritti delle donne e dei bambini, rispetto dei diritti umani, legislazione nazionale e trattati internazionali. Azione 2. Formazione e miglioramento delle capacità e competenze di persone vulnerabili 1. Organizzazione e realizzazione di 16 eventi da 1 giorni per la sensibilizzazione ed educazione alla pari presso le scuole primarie e secondarie. 2. Organizzazione e realizzazione di un corso professionale da 30 giorni per 35 giovani senza formazione né lavoro su agricoltura, orticoltura, conservazione del pesce, sartoria, cameriere, segreteria. 3. Selezione ed assegnazione di borse di studio per 3 studentesse universitarie. 4. Organizzazione e realizzazione di 2 corsi di formazione da 4 giorni per 50 proprietari di bar e hotel saranno formati su diritti, politiche lavorative, pagamenti, e HIV/AIDS. 5. Organizzazione e realizzazione di 2 corsi di formazione da 5 giorni per 150 bariste cameriere e domestiche riceveranno una formazione su diritti, HIV, STI e capacità professionali Azione 3. Attività di supporto al rafforzamento delle associazioni locali 1. Organizzazione e realizzazione di un corso di formazione in nozioni economiche di base di 10 giorni, contabilità e business per rappresentanti di 9 associazioni di donne (cameriere e domestiche) 2. Organizzazione e realizzazione di un corso di aggiornamento per rappresentanti delle associazioni di categoria su come gestire un'associazione. 3. Organizzazione e distribuzione di materiale per la costituzione di 8 nuove associazioni di categoria di donne (4 di domestiche e 4 di cameriere/bariste). 4. Realizzazione e produzione di bollettini informativo su parità di genere, diritti delle donne, malattie sessualmente trasmissibili e HIV/AIDS per giovani. Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, con la specifica delle professionalità impegnate e la loro attinenza con le predette attività N.1 Coordinatore generale delle attività (Azioni 1, 2, 3) N.1 Facilitatore esperto per corsi di formazione e seminari (Azioni 1, 2, 3) N.1 Esperto in diritti delle donne e legislazione locale (Azioni 1) N.1 Esperto di questioni di genere (Azioni 2, 3) N.1 Addetto alla segreteria e contabilità (Azioni 1, 2, 3) N.2 Autista (Azioni 1, 2, 3) Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto: Il volontario/a in servizio civile n 1 sarà di supporto nelle seguenti attività: Supporto nell'organizzazione e realizzazione di 3 corsi di formazione per CJF: agenda, contenuti, preparazione del materiale didattico. Affiancamento all'organizzazione di 16 corsi di aggiornamento per i gruppi WCR: selezione partecipanti, agenda, contenti, preparazione del materiale didattico. Collaborazione nell'implementazione di 16 corsi da 7 giorni per 153 membri della corte a livello di Ward su diritti delle donne, come affrontare i casi, approccio con le donne che hanno subito violenza, legge nazionale e internazionale sulla tutela dei diritti delle donne e del bambino. Partecipazione nella realizzazione di 16 corsi da 2 giorni per 156 ufficiali esecutivi di villaggio e di ward (VEO e WEO) su diritti delle donne, come affrontare i casi, approccio con le donne che hanno subito violenza, legge nazionale e internazionale sulla tutela dei diritti delle donne e del bambino. Supporto per la realizzazione di 4 corsi da 2 giorni per 124 infermieri e dottori del centro sanitario su approccio con le donne che hanno subito violenza, counceling, assistenza psicologica, supporto morale e assistenza nel riportare I casi di violenza alle autorità.

9 Collaborazione per l'organizzazione di 4 corsi da 2 giorni per 44 guaritori ed iniziatori tradizionali su diritti delle donne e dei bambini, rispetto dei diritti umani. Affiancamento per la preparazione di 1 laboratorio da 1 giorni per 30 rappresentanti dell'ufficio di Distretto su diritti delle donne e dei bambini, rispetto dei diritti umani, legislazione nazionale e trattati internazionali. Il volontario/a in servizio civile n 2 sarà di supporto nelle seguenti attività: Affiancamento nell'organizzazione di 16 eventi da 1 giorni per la sensibilizzazione ed educazione alla pari presso le scuole primarie e secondarie. Collaborazione nell'organizzazione e realizzazione di un corso professionale da 30 giorni per 35 giovani senza formazione né lavoro su agricoltura, orticoltura, conservazione del pesce, sartoria, cameriere, segreteria. Partecipazione alla selezione ed assegnazione di borse di studio per 3 studentesse universitarie. Supporto all'organizzazione e realizzazione di 2 corsi di formazione da 4 giorni per 50 proprietari di bar e hotel saranno formati su diritti, politiche lavorative, pagamenti, e HIV/AIDS. Collaborazione all'organizzazione e realizzazione di 2 corsi di formazione da 5 giorni 140 bariste cameriere e domestiche riceveranno una formazione su diritti, HIV, STI e capacità professionali Il volontario/a in servizio civile n 3 sarà di supporto nelle seguenti attività: Partecipazione all'organizzazione e realizzazione di un corso di formazione in nozioni economiche di base di 10 giorni, contabilità e business per rappresentanti di 9 associazioni di donne (cameriere e domestiche) Supporto all'organizzazione e realizzazione di un corso di aggiornamento per rappresentanti delle associazioni di categoria su come gestire un'associazione. Affiancamento all'organizzazione e distribuzione di materiale per la costituzione di 8 nuove associazioni di categoria di donne (4 di domestiche e 4 di cameriere/bariste). Supporto alla realizzazione e produzione di bollettini informativo su parità di genere, diritti delle donne, malattie sessualmente trasmissibili e HIV/AIDS per giovani. REQUISITI: Si ritiene di dover suddividere tra requisiti generici, che tutti i candidati devono possedere, e specifici, inerenti ad aspetti tecnici connessi alle singole sedi e alle singole attività, che i volontari andranno ad implementare. Generici: Esperienza nel mondo del volontariato; Conoscenza della Federazione o di uno degli Organismi ad essa associati e delle attività da questi promossi; Competenze informatiche di base e di Internet; Specifici: Volontario/a n.1: Laurea in economia, scienze politiche, sociologia o equipollenti Buona conoscenza della lingua inglese, scritta e parlata Volontario/a n.2 Laurea in ambito socio-educativo come scienze della formazione, educazione, comunicazione, psicologia o equipollenti Buona conoscenza della lingua inglese, scritta e parlata Volontario/a n.3 Laurea in scienze politiche, scienze sociali, sociologia o equipollenti Buona conoscenza della lingua inglese, scritta e parlata

10 DOVE INVIARE LA CANDIDATURA tramite posta raccomandata A/R : la candidatura dovrà pervenire direttamente all indirizzo sotto riportato.(nota Bene: non farà fede il timbro postale di invio, ma la data di ricezione in sede delle domande) ENTE CITTA INDIRIZZO TELEFONO SITO CVM Porto San Giorgio (FM) Viale delle Regioni, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato, allegando la documentazione richiesta in formato pdf, a e avendo cura di specificare nell'oggetto il paese e il titolo del progetto (es. CASCHI BIANCHI: INTERVENTI UMANITARI IN AREE DI CRISI Est Europa Albania - CELIM). Nota Bene: per inviare la candidatura via PEC è necessario possedere un indirizzo PEC di invio (non funziona da una mail normale), non è possibile utilizzare indirizzi di pec gratuiti con la desinenza "postacertificata.gov.it", utili al solo dialogo con gli Enti pubblici.

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli