INDICE 1 ) PREMESSA ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO ) CRONISTORIA PROGETTUALE ) INTERVENTI PROGETTUALI...5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1 ) PREMESSA...2 2 ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO...3 3 ) CRONISTORIA PROGETTUALE...4 4 ) INTERVENTI PROGETTUALI...5"

Transcript

1 INDICE 1 ) PREMESSA ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO ) CRONISTORIA PROGETTUALE ) INTERVENTI PROGETTUALI Descrizione dei lotti funzionali ) RIFERIMENTI NORMATIVI ) QUADRO ILLUSTRATIVO ) DESCRIZIONE INTERVENTI LOTTO Attraversamento Ferroviario Impianto idrovoro Canale in terra ) GESTIONE DELLE OPERE IDRAULICHE...9

2 1 ) PREMESSA Il territorio di Pisa è separato in due grandi zone: - la zona di Pisa a nord dell Arno, che recapita le proprie acque nel fiume Morto, - la zona di Pisa a sud dell Arno, che recapita le proprie acque nel canale dei Navicelli. In minima parte Pisa scola in Arno attraverso il fosso Demaniale del Mulino. Gli eventi alluvionali di forte e media intensità, che hanno dato luogo alle recenti alluvioni avvenute nel settembre 2002, provocando seri danni alle abitazioni e alle attività commerciali site nei quartieri di Porta a Lucca e Cisanello (Comune di Pisa) e nella frazione di Ghezzano (Comune di San Giuliano Terme), a causa della bassa giacitura dei terreni e dei fenomeni di rigurgito delle fognature meteoriche con relativo ristagno delle acque e conseguenti allagamenti della locale viabilità, hanno fatto sì che gli enti territorialmente interessati (Comuni, Provincia e Consorzio di Bonifica), abbiano definito un piano di interventi per l allontanamento delle acque meteoriche dai centri abitati, indagando sullo stato attuale delle fognature e della rete minore, progettando il potenziamento dell intero sistema di drenaggio al fine di aumentare la portata in uscita dai centri abitati verso la periferia. L analisi del funzionamento del sistema idraulico dedicato all allontanamento e recapito a mare delle acque di origine pluviale, inteso come insieme delle rete fognaria urbana e dei fossi e canali di bonifica ricettori, ha condotto alla scelta delle soluzioni progettuali adottate e quindi ad individuare la natura e tipologia dell opera necessaria per il raggiungimento del fine progettuale preposto. Il sistema idraulico sopra indicato, relativo alla parte della città posta a nord del Fiume Arno, ha come recapito finale delle acque pluviali il canale di bonifica denominato Fiume Morto, adducente le acque al mare. A sua volta l intero bacino del Fiume Morto risulta suddiviso in due sub-bacini principali: - il bacino del fosso Ozeretto, al quale appartiene anche il quartiere di Porta a Lucca, che comprende il territorio posto ad est della linea costituita dal fosso stesso e dal suo prolungamento ideale sino al fiume Arno e raccoglie le acque anche di alcune zone del limitrofo comune di San Giuliano Terme; - il bacino della bonifica di Campaldo, a scolo meccanico, comprendente il territorio posto ad ovest del suddetta linea di separazione. Un altro piccolo sub-bacino, di consistenza molto inferiore ai precedenti, è costituito dalle zone del quartiere di Porta a Lucca scolanti nel fosso delle Palazzine, le cui acque vengono convogliate nel Fiume Morto tramite un piccolo impianto di sollevamento e spinta, che risulta tuttavia sottodimensionato. Nell ultimo trentennio il bacino del fosso Ozeretto ha subito un consistente aumento di portata affluente a causa del notevole aumento delle aree impermeabilizzate derivante dallo sviluppo urbanistico delle zone di Cisanello, Pisanova e delle zone confinanti del Comune di San Giuliano Terme. Tale incremento di portata affluente, ancora in atto seppure non con i ritmi di crescita degli anni passati, non è tuttavia coinciso con un corrispondente adeguamento della rete idraulica principale costituita dall insieme dei canali ricettori della fognatura urbana (fosso Sei Comuni, fosso Marmigliaio, Fosso Ozeretto), che risulta sottodimensionata in relazione ai maggiori carichi affluenti. In occasione degli eventi pluviometrici di più elevata intensità e durata si registrano pertanto fenomeni di rigurgito idraulico a carico della rete fognaria del quartiere di Porta a Lucca, causati dall innalzamento dei livelli idraulici nella linea principale e dalla giacitura sfavorevole del 2/10

3 quartiere stesso, che risulta altimetricamente depresso rispetto alle altre zone del bacino che non potendo scaricare da luogo ai descritti allagamenti, In tali condizioni la rete fognaria non riesce a scaricare nei fossi ricettori principali e ciò causa i descritti allagamenti. La scelta progettuale adottata per la messa in sicurezza del quartiere prevede pertanto la creazione di un nuovo sub-bacino idraulico del Fiume Morto, separato dal bacino del fosso Ozeretto nel quale attualmente affluiscono le acque del quartiere, da questo indipendente e servito da un canale ricettore dedicato con funzionamento a scolo meccanico in modo da rendere indipendente il regime idraulico della rete fognaria del quartiere dal livello del corpo ricettore, impedendo così il formarsi dei descritti fenomeni di rigurgito causa degli allagamenti. Il progetto non comporta pertanto un aumento del carico idraulico sul corpo ricettore finale (Fiume Morto) bensì una ridistribuzione delle portate all interno del bacino principale. Quanto descritto viene attuato realizzando un nuovo canale per acque meteoriche, posto al limite nord della città, adducente le acque raccolte ad un impianto idrovoro il cui canale emissario scarica nel Fiume Morto. Il nuovo canale nasce all estremità nord di Via Firenze per svilupparsi verso nord, come ampliamento di un fosso esistente, sino all altezza del fosso Martraversino; da qui assume sviluppo in direzione est ovest sino alla ferrovia Pisa - Lucca, sottopassata la quale, di nuovo devia in direzione nord sino all impianto idrovoro. Attualmente le acque pluviali del bacino individuato hanno come recapito il fosso Bargigli, il fosso Marmigliaio (nel quale scarica il collettore di Via Firenze) ed il fosso delle Palazzine. Il fosso Bargigli ed il fosso Marmigliaio scaricano le proprie acque nel fosso Ozeretto mentre il fosso delle Palazzine, come già detto, ha un piccolo bacino indipendente servito da un impianto idrovoro la cui tubazione di mandata scarica direttamente nel Fiume Morto. Il progetto prevede di convogliare nel nuovo canale le acque pluviali del quartiere nel seguente modo: - mediante un collegamento col fosso delle Palazzine, che corre parallelo a distanza di circa 10 m dal canale in progetto, eliminando così il piccolo impianto idrovoro esistente; - con l intercettazione del fosso Bargigli ad est della ferrovia Pisa-Lucca e la costruzione di un nuovo collettore fognario su Via Tino da Camaino, con sviluppo parallelo alla linea ferroviaria sino al nuovo canale; - con l intercettazione del collettore fognario di Via Firenze prima dell immissione nel fosso Marmigliaio e la costruzione di un nuovo collettore per il collegamento con la sezione iniziale del canale. 2 ) SOGGETTO PROPONENTE IL PROGETTO Committente dell opera, e proponente del relativo progetto, è il Comune di Pisa. Per la progettazione dell opera il Comune di Pisa si è avvalso della collaborazione tecnica del consorzio di bonifica Ufficio dei Fiumi e Fossi di Pisa. La progettazione è stata affidata ad un gruppo misto, costituito da tecnici dei due enti, così definito: Comune di Pisa: Ing. Antonella Meini (Responsabile del Procedimento tel. 050/910410) 3/10

4 Ing. Davide Bonicoli Ing. Benedetto Maggio Dott. Geologo Marco Redini Geom. Massimo Boi Geom. Gabriele Ricoveri Geom. Leonardo Gemignani Geom. Antonio Dolfi p.i. Luca Mattii Consorzio di Bonifica Ufficio Fiumi e Fossi (Pisa, Via S. Martino n 60, tel. 050/505411): Ing. S. Borsacchi Direttore - Dirigente del Servizio Tecnico Ing. Paola Mariani Geom. Massimo Burroni p.i. Claudio Pierini Geom. Francesco Del Francia Geom. Paola D Alascio 3 ) CRONISTORIA PROGETTUALE Il progetto preliminare dell opera è stato adottato dal Comune di Pisa con deliberazione della Giunta Comunale n. 147 del 10 dicembre Il progetto preliminare è stato sottoposto a Verifica di Impatto Ambientale ai sensi dell art.11 della L.R. 79/98 da parte della Regione Toscana in quanto il progetto di Sistemazione idraulica dei bacini di Pisa Nord opere a servizio dell abitato di Porta a Lucca rientra nell Allegato B1 progetti di infrastrutture lettera d) [ ] interventi di bonifica idraulica ed altri simili destinati ad incidere sul regime delle acque [ ]. Il progetto preliminare è stato consegnato in data 14/06/07. Le strutture operative hanno verificano la documentazione sulla base degli elementi indicati nell Allegato D della L.R. n. 79 del 1998 e se non essendoci proroghe ai sensi dell art. 11 comma 4, l istruttoria si è conclusa nei 30 giorni dal deposito della domanda. Il procedimento di Verifica è stato avviato il giorno 18/06/07. Con Decreto Dirigenziale n 4485 del , la Regione Toscana ha escluso il progetto di sistemazione idraulica Pisa-Nord opere a servizio dell abitato Porta a Lucca nel comune di Pisa dall obbligo di procedura di valutazione di impatto ambientale, subordinandolo al rispetto delle prescrizioni e l adeguamento di queste in fase di realizzazione e di esercizio delle opere. Il progetto preliminare dei tre lotti funzionali e il progetto definitivo del lotto funzionale 1 sono stati oggetto della conferenza dei servizi indetta il 10 settembre 2007 ai sensi dell art. 97 del D.Lgs 163/2006 e conclusasi il 20 settembre Sono stati acquisiti i pareri favorevoli e le prescrizioni per la redazione del progetto esecutivo redatto il 10 ottobre Entro dicembre 2007 i lavori relativi alla Sistemazione idraulica Pisa Nord Opere a servizio dell abitato di Porta a Lucca Lotto 1 dovranno essere aggiudicati, pena il ritiro del finanziamento assegnato dalla Regione. 4/10

5 4 ) INTERVENTI PROGETTUALI A seguito dei recenti avvenimenti alluvionali che hanno interessato il quartiere di Porta a Lucca, (Pisa Nord), sono stati definiti interventi diretti per mettere in sicurezza la zona interessata con la protezione civile del Comune di Pisa inserendo nel piano di emergenze alcuni punti di intervento per il pompaggio di emergenza dei collettori fognari del quartiere chiudendo le cateratte sulle immissioni nel fosso Marmigliaio e al fosso Bargigli site rispettivamente in via Lucchese e in via Rindi. Il progetto di Sistemazione idraulica Pisa Nord Opere a servizio dell abitato di Porta a Lucca è studiato per operare interventi definitivi per la messa in sicurezza idraulica e che si suddividono in più lotti funzionali, aventi lo scopo di allontanare le acque pluviali dal centro abitato convogliandole nella zona perimetrale di Pisa Nord senza, allo stesso tempo, appesantire i corsi d acqua esistenti con incremento di portata. L obiettivo è quello di sconnettere gli affluenti del fosso Marmigliaio e del fosso Bargigli che attraversano il quartiere di Porta a Lucca. Il progetto si suddivide in tre lotti funzionali per la realizzazione di un nuovo canale di acque basse che convogli le acque di scolo di alcuni sottobacini del fosso Martraversino e che accolga le acque bianche dei collettori che confluiscono attualmente nel fosso Marmigliaio e fosso Bargigli, indirizzandole tutte nel fiume Morto a scolo meccanico, a seguito della realizzazione del nuovo impianto idrovoro posto in sx del fosso Martraversino. 4.1 Descrizione dei lotti funzionali Il progetto si compone dei seguenti tre lotti funzionali: 1 Lotto: costruzione della vasca dell impianto idrovoro, della viabilità di accesso e relativo piazzale; costruzione del canale dall impianto idrovoro sino alla sezione di monte della ferrovia Pisa - Lucca e del relativo attraversamento ferroviario con scatolare di luce interna 4,50 x 3,00 e collegamento tra il canale ed il fosso delle Palazzine; costruzione dell argine sul lato sud del canale. 2 Lotto: completamento del canale per il suo intero sviluppo, compreso l attraversamento di via di Gello e della stradina bianca; realizzazione di strada di servizio; installazione di opere elettromeccaniche (6 elettropompe: 2 da 500 l/sec; 3 da 2000 l/sec e 1 elettropompa da 100 l/sec per la pulizia della vasca, quadri elettrici di comando, gruppo elettrogeno, e delle relative apparecchiature elettromeccaniche e dello sgrigliatore); 3 Lotto: realizzazione dei collettori fognari su Via Tino da Camaino e Via Firenze per la sconnessione della rete fognaria del quartiere dagli attuali punti di recapito ed il collegamento della stessa al nuovo canale a scolo meccanico. 5/10

6 5 ) RIFERIMENTI NORMATIVI D.Lgs. n. 163 del : Codice dei contratti pubblici relativi ai lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE; DPR n. 554 del Regolamento d attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici ; DPR n. 34 del 25 gennaio 2000 Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici, [ ] ; DPR n. 327 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità ; Legge n. 183 del Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo ; Legge n. 36 del Disposizioni in materia di risorse idriche ; Legge regionale n. 238 del Regolamento recante norme per l attuazione di talune disposizioni della legge in materia di risorse idriche ; Legge regionale n. 34 del Norme in materia di bonifica ; Legge regionale n. 79 del Norme per l applicazione della valutazione di impatto ambientale ; L.R. n. 5 del 16 gennaio 1995 Norme per il governo del territorio ; P.I.T. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 12 del 25 gennaio Misure di salvaguardia. 6 ) QUADRO ILLUSTRATIVO Il drenaggio delle acque nel quartiere di Porta a Lucca completamente urbanizzato, è raccolta dai collettori fognari che confluiscono le loro acque nel fosso Marmigliaio e nel fosso Bargigli che sono fossi tombati che scorrono nel cuore di Porta a Lucca ed entrambi si immettono nel Fosso Ozeretto che percorre parallelamente la via Pietrasantina per poi immettersi a scolo naturale nel fiume Morto, e in parte nel fosso delle Palazzine che tramite il sollevamento meccanico le acque meteoriche, vengono spinte nel fiume Morto tramite una tubazione che corre lungo la via di Gello. Lo scolo delle acque dei campi coltivati avviene attraverso una rete di scoline che vanno a confluire nel fosso Martraversino che non viene interessato dal progetto in quanto rimane un canale di acque alte (Tav. 2). Recentemente gli allagamenti rilevati nella zona del quartiere di Porta a Lucca sono riconducibili a cause di diversa natura, ma la più rilevante è dovuta alle quote dei terreni del quartiere in quanto in diversi punti si possono individuare zone depresse quali via San Tetani a quota +1,483 m e via Randaccio a quota +1,619 m sul livello medio mare. Pertanto tenuto conto che 6/10

7 il livello medio nel fiume Morto è +0,39 e in condizioni di piena con portata massima pari a 40 mc/sec può raggiunge anche livelli pari a 2,60 m con tempi di ritorno duecentennale, è evidente che i collettori fognari posti sotto strada non riescono a convogliare le acque nel fosso Marmigliaio e del Fosso Bargigli (affluenti del Fosso Ozeretto che si immette nel Fiume Morto) per il livello alto provocando rigurgiti nella fognatura e conseguenti allagamenti su strade e giardini. Tale fondamentale problema unito ai problemi ordinari che si verificano sulle fognatura bianche per la difficoltà di incanalamento nelle caditoie stradali per la presenza di foglie e terra, o per sezione dei collettori inadeguata, e interrimento generale dei collettori, contribuiscono a dare problemi di rigurgito della fognatura a causa del livello liquido più alto nei canali riceventi (fosso Marmigliaio e fosso Bargigli). Tutto ciò premesso è necessario ricorrere ad un sistema di drenaggio a scolo meccanico. 7 ) DESCRIZIONE INTERVENTI LOTTO 1 In data 22 dicembre 2006 la Regione Toscana, il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare hanno sottoscritto l Accordo di Programma Quadro Difesa del Suolo Primo Accordo integrativo, che prevede nell ambito del programma di interventi il progetto di Sistemazione idraulica Pisa Nord Opere a servizio dell abitato di Porta a Lucca Lotto 1 di importo complessivo pari a ,00. Tale importo viene ripartito nelle seguenti parti: ,00 fondi relativi alla Delibera CIPE n. 20/2004; ,00 fondi Regione Toscana ex L.R. n. 50/94; ,00 fondi del Comune di Pisa. La durata dei lavori per l esecuzione del primo lotto funzionale è di 540 giorni naturali e consecutivi. Gli interventi previsti nel primo lotto non presentano difficoltà realizzative, ma sono paragonabili a cantieri edili per quanto concerne la realizzazione dell impianto idrovoro, a cantieri movimento terra e per quanto concerne l attraversamento ferroviario il cantiere è un cantiere che non provoca particolari rumori o difficoltà operative, ma solo ed è fondamentale l assistenza delle ferrovie per il rallentamento dei treni nel tratto oggetto dell intervento, pertanto i rumori saranno ridotti in quanto i treni ridurranno la velocità le raggio dei 500 metri a monte e a valle dell intervento. 7.1 Attraversamento Ferroviario L opera relativa all attraversamento ferroviario viene realizzata secondo le seguenti modalità costrittive e concordate con le Ferrovie: 1. realizzazione di un monolite di dimensioni interne di mt 4,50x 3,00; 7/10

8 2. preparazione del cantiere per l accesso con perforatrice e iniettatrice per l esecuzione di Jetgrouting nell area di varo; 3. realizzazione di colonne Jet- grouting nell area di varo nell area di varo e del blocco di controspinta; 4. consolidamento di una porzione di terreno corrispondente all imposta della platea di varo e del muro di controspinta; 5. scavo di sbancamento fino alla testa dei pali di consolidamento, eventuale livellazione con strato di ghiaione; 6. formazione della platea di varo e del muro del monolite; 7. Realizzazione del SISTEMA ESSEN con impiego di ponte essen standard per la messa in sicurezza del tratto ferroviario; 8. Esecuzione della spinta per la messa in posizione del monolite sotto la sede ferroviaria (varo); 9. Ripristino dello stato dei luoghi e opere di finitura. Il cantiere di varo viene posizionato lato quartiere i Passi a nord dell attraversamento ferroviario e più accessibile ai mezzi al fine dell occupazione temporanea del cantiere. I luoghi occupati dall area di cantiere saranno ripristinati. 7.2 Impianto idrovoro Per la realizzazione dell impianto idrovoro, il primo lotto sarà dedicato alla costruzione delle opere civili in quanto il collegamento idraulico rispetto al bacino finale (170 ha) è solo di 45 ha riconducendosi al bacino del fosso delle Palazzine e ad una piccola parte del fosso Martraversino (Tav. 3). Il numero di elettropompe da installare si riduce ad 1 pompa di portata massima pari a 500 l/sec, che non rientra nell appalto, ma viene installata al termine dei lavori o con le economie di gara o messa a disposizione dal Consorzio di Bonifica Ufficio dei Fiumi e Fossi che dispone di elettropompe di emergenza. La pompa sarà dotata di avviamento a inverter e di quadro bordo macchina completo di differenziale regolabile sia in tempo che in corrente. Lo scarico dell impianto idrovoro si immetterà inizialmente nel fosso Martaversino in quanto le opere di deviazione del fosso e di scarico nel Fiume Morto sono dovuti ad esigenze realizzative e della nuova viabilità progettata dalla Provincia di Pisa, che sono interventi propedeutici alla realizzazione del tratto stradale prima della rotatoria e ampliamento della sezione del fiume Morto. Il cantiere necessario per la realizzazione dell opera avrà la consistenza tipica di un cantiere edile di piccole dimensioni; i rifiuti ed i sottoprodotti delle lavorazioni saranno pertanto quelli tipici di tali attività (tavolame da carpenteria, sfrido dei prodotti utilizzati e simili) che l Impresa appaltatrice avrà cura di rimuovere dall area di cantiere e smaltire nei modi di legge. La terra risultante dagli scavi per la costruzione della vasca interrata sarà riutilizzata totalmente nell ambito del cantiere per la formazione dell argine sul lato sud del canale e per le sistemazioni stradali e dei piazzali. 8/10

9 7.3 Canale in terra La realizzazione del canale comporta come unica lavorazione lo scavo del terreno per la formazione dell alveo; tale attività richiede essenzialmente l impiego di macchine escavatrici ed autocarri per la movimentazione della terra. Per quanto riguarda il primo lotto dei lavori la terra risultante dagli scavi sarà riutilizzata totalmente nell ambito del cantiere per la formazione dell argine sul lato sud del canale e per le sistemazioni stradali e dei piazzali. Il canale ha una sezione trapezoidale di larghezza di fondo pari a 3,00 m, e la scarpa è di 1,25/1. La pendenza del canale è pari a 0,2% 0. Le funzione dell argine in sx idraulica del nuovo fosso è duplice, in quanto ha lo scopo di protezione del quartiere abitato I Passi, impedendo eventuali allagamenti in sx e favorendo l espansione dell acqua su terreni agricoli destinati a vincolo idraulico, in secondo luogo ha la funzione ecologica e faunistica dedicata alla piantumazione di essenze arboree e arbustive autoctone tipiche dell area. Il rilevato arginale è realizzato con lo scavo del canale e con il materiale derivante dallo scavo dell idrovora e del sottopasso ferroviario. La loro caratterizzazione geotecnica è stata effettuata con le prove penetrometriche CPT1 e CPT2 e attraverso analisi di laboratorio su campioni prelevati dai sondaggi s1 e s2. L ubicazione di tali prove è riportata in relazione geologica geotecnica. I risultati ed i relativi certificati sono riportati negli allegati alla relazione. Non sono previsti interventi che denudino il terreno al di fuori delle piccole aree dove sarà realizzato l impianto ed il 1 lotto del canale. Le sponde del canale e dell argine sono inerbite naturalmente. L esperienza mostra anche che l inerbimento delle sponde del canale avviene in tempi adeguati, atti ad evitare erosioni o frane. In tal caso saranno comunque messi in opera interventi di manutenzione e ripristino. Il piano comunale di classificazione acustica del territorio, assegna alle aree interessate dall intervento la classe III, con esclusione delle fasce prospicienti la strada ferrata e la Via di Gello alle quali risulta assegnata la classe IV di cui al DPCM 1 marzo 1991 e DPCM 14 novembre Le emissioni sonore e le vibrazioni prodotte saranno quelle tipicamente derivanti dall impiego delle macchine operatrici descritte, quindi sufficientemente ridotte in valore assoluto. Altresì la percettibilità dei rumori risulterà attenuata sia in ragione della distanza dalle abitazioni sia in virtù del costante avanzamento del fronte operativo (stimabile in circa 20 m al giorno) cosicché per ciascuna zona l esposizione ai rumori, quantunque di intensità limitata, subirà una rapida attenuazione temporale. Saranno in ogni caso rispettate le prescrizioni di cui al regolamento comunale per la limitazione delle immissioni sonore nell ambiente prodotte da attività temporanee. Oltre a quanto descritto non vi sono produzioni di rifiuti, emissioni, scarichi idrici, sversamenti nel suolo, sottoprodotti, emissioni termiche, rumori, vibrazioni e radiazioni connessi alla fase di realizzazione dell opera. 8 ) GESTIONE DELLE OPERE IDRAULICHE Ai sensi della L.R. n. 34/ 94 la proprietà dei terreni deve essere attribuita al Demanio regionale. L ente manutentore invece delle opere realizzate sarà il Consorzio di bonifica Ufficio dei Fiumi e Fossi di Pisa, sempre in ottemperanza della citata L.R.. 9/10

10 Le opere infatti saranno classificate di bonifica, in quanto inserite nel sistema idraulico generale della bonifica di Fiume Morto, ubicata nel comprensorio n. 19 Pianura Pisana attribuito alle competenze del Consorzio con delibera del Consiglio Regionale n. 347 del Il Consorzio dispone di un manuale operativo per il trattamento del materiale vegetale derivante dai tagli annuali di manutenzione e degli impianti idrovori operando ai sensi della normativa vigente in materia. 10/10

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11

1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 1.1 RIFERIMENTI PROGETTUALI E ASPETTI PRESCRITTIVI 5 2. PROGETTO DI COLLOCAZIONE A DEPOSITO DEI MATERIALI 11 3. TIPOLOGIA DEI MATERIALI DA COLLOCARE NEL SITO 14 4. IMPATTO

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia

COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia COPIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO N. 66 DEL 02/08/2014 L anno DUEMILAQUATTORDICI addì DUE del mese di AGOSTO Oggetto: Aggiudicazione provvisoria del 1 Lotto per

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli