BEST PRACTICES ITALIAN COOPERATION IN THE PALESTINIAN TERRITORIES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BEST PRACTICES ITALIAN COOPERATION IN THE PALESTINIAN TERRITORIES"

Transcript

1

2 Sostegno alla crescita economica / Agricoltura Progetto Quality Olive Oil Area geografica: Territori Palestinesi Canale di Finanziamento: bilaterale Ente Esecutore: IAO Controparte: Ministero dell Agricoltura Palestinese Beneficiari: produttori di olive in Cisgiordania Obiettivo: produzione di un olio di oliva di qualità Budget::

3 BUONE PRATICHE PER LA PRODUZIONE DI OLIO D OLIVA DI QUALITÀ I progetti della cooperazione italiana stanno incoraggiandonei territori palestinesi pratiche di agricoltura biologica Il progetto pilota per la produzione di olio di oliva di qualità nei Territori Palestinesi è un programma che il Ministero degli Affari Esteri sta portando avanti dal 2006 in collaborazione con il Ministero dell Agricoltura locale con lo scopo di sostenere l olivicoltura, aumentare la produzione di olio di oliva e migliorare la qualità del prodotto, contribuendo ad incrementare i redditi generati dal settore oleicolo. Lo IAO, Istituto Agronomico per l Oltremare di Firenze, da oltre un secolo organo esecutore dello stesso Ministero degli Esteri per i programmi scientifici di natura agro -sociale, gestisce il coordinamento esecutivo dell iniziativa assieme al Palestinian Olive Oil Council, ente esecutore del progetto. Le attività principali dell intervento sostengono alcuni segmenti della filiera olivicola ed olearia, in particolare nelle fasi di: Produzione delle olive: i 400 olivicoltori coinvolti nel progetto ricevono assistenza tecnica dal progetto per ottimizzare i sistemi produttivi sia in forma diretta che attraverso la realizzazione di attività dimostrative; Trasformazione delle olive: 30 gestori di frantoi hanno ricevuto formazione tecnica sull attività di estrazione e conservazione dell olio, a cui si accompagna l analisi dell olio e la definizione di regole per introdurre il concetto di qualità ed ottimizzare le operazioni di questa fase della filiera; Commercializzazione dell olio: questa fase interessa l olio così detto migliorato, prodotto nell ambito del progetto sia nelle aree pilota sia dai produttori che aderiscono alle proposte dell intervento italiano. L olivicoltura è al primo posto tra le attività produttive nel settore agricolo, ma incide soltanto per il 10% nella formazione del PIL, benché il 60% della popolazione palestinese viva in aree rurali. Soltanto il 25% del raccolto delle olive è trasformato in olio. Si tratta di un prodotto dalle peculiari caratteristiche che tuttavia poco viene sfruttato. L instabilità politica ed economica e le carenze strutturali non aiutano neanche i processi di commercializzazione: il 20%della produzione viene commercializzata di fatto da Israele che lo esporta con propri marchi. Attualmente nei Territori Palestinesi si contano circa 12 milioni di piante in una superficie lavorabile di settantacinque mila ettari. Tuttavia il muro che in poco meno di tre anni il governo israeliano sta costruendo all interno dei territori ha diminuito di molto la capacità produttiva e centinaia di olivi secolari sono stati sradicati o bruciati. Il ministero dell agricoltura palestinese ha censito 248 frantoi in Cisgiordania, la maggioranza dei quali è attrezzata con macchinari italiani, ma ciò nonostante la qualità di lavorazione è molto bassa. Il progetto voluto dalla DGCS risponde ad una richiesta specifica dell ANP. I 400 agricoltori coinvolti sono attivi in 4 aree pilota di 100 ettari ciascuna e il progetto garantisce loro un completo supporto tecnico e logistico. Le attività principali riguarderanno inoltre lo studio di un marchio di qualità e della sua divulgazione in modo da proporre l olio extravergine e l olio biologico palestinese ai mercati internazionali con le caratteristiche e gli standard europei necessari per la vendita a tali segmenti. Considerato che l olio di oliva palestinese ha le caratteristiche per poter essere veicolo d immagine internazionale per l intero paese, il programma prevede anche un grande sforzo di comunicazione e di marketing. Un importante sinergia tra l Unità Tecnica Locale della Cooperazione Italiana/Progetto Comunicare la Cooperazione e l Istituto Agronomico per l Oltremare, ente esecutore del progetto, ha realizzato lo scorso mese di febbraio una campagna contro l uso indiscriminato di pesticidi in olivicoltura (pratica che, di fatto, impedisce la commercializzazione del prodotto finale sui mercati internazionali). Sono stati studiati dei materiali divulgativi da distribuire ai frantoi e nelle sedi del Palestinian Oliv Oil Council, per sensibilizzare i produttori alla corretta lavorazione delle olive. Nella divulgazione, sviluppata con il supporto tecnico del Diparimento di Scienze dall Alimentazione dell Università di Bir Zeit, sono consigliati metodi semplici e alla portata dei coltivatori da utilizzare in alternativa ai pesticidi chimici che alterano la qualità stessa dell olio di oliva. Un gruppo di 10 tecnici del Ministero dell Agricoltura palestinese ha seguito un corso di formazione in Italia sul tema L olivo e la produzione di olio d oliva di qualità e marketing. L obiettivo è stato quello di fornire una maggiore specializzazione e migliorare le competenze che a loro volta sui stanno trasferendo agli agricoltori nelle aree pilota del progetto, in attesa del prossimo raccolto, il prossimo autunno In questa ottica il programma si sta ponendo come un importante centro catalizzatore per lo sviluppo di un mercato altrimenti chiuso in se stesso e soprattutto per rafforzare la sicurezza alimentare della Cisgiordania.

4 Sviluppo Sociale e Umano / Sanità Programma di Aiuto Sanitario ai Territori Palestinesi (PAST ) Componente: Chirurgia mini-invasiva e Laparoscopia Area geografica: Territori Palestinesi Canale di Finanziamento: dono bilaterale Controparte: Ministero della Sanità Palestinese Beneficiari: Sistema sanitario pubblico Obiettivo: Garantire livelli adeguati di assistenza sanitaria e contribuire allo sviluppo del sistema sanitario locale e nazionale Budget:

5 SVILUPPO DELLA CHIRURGIA MINI-IVASIVA E DELLA LA- BAROSCOPIA Nei Territori Palestinesi all Italia è riconosciuto il ruolo di Paese guida (Shepherdship) tra i Donatori per il coordinamento degli aiuti nel settore sanitario La Cooperazione Italiana, in collaborazione con il Ministero Palestinese della Sanità, sta operando nel quadro del Programma di Aiuto Sanitario ai Territori Palestinesi (PAST ) per il potenziamento teorico e pratico delle tecniche di chirurgia mini-invasiva e laparoscopica nei principali ospedali pubblici Palestinesi. La chirurgia mini-invasiva, che negli ultimi 20 anni ha trovato applicazione in molteplici ambiti clinici, costituisce in Palestina una frontiera ancora poco esplorata ma di grande utilità e dunque rappresenta una nuova sfida per l impegno che da oltre 20 anni la Cooperazione Italiana dedica alla sanità pubblica nella Regione La tecnica laparoscopica consiste nell eseguire interventi chirurgici attraverso piccoli tagli di 1-2cm, che consentono di introdurre nella cavità addominale una telecamera per vedere ed i necessari strumenti per eseguire l intervento programmato o esplorare la cavità addominale con finalità diagnostica Il termine laparoscopia o videolaparoscopia significa letteralmente: osservazione dell addome (dal greco laparos=addome e scopeo=guardo). Il grande interesse rivolto a questa pratica risiede nei numerosi vantaggi offerti rispetto al tradizionale intervento chirurgico: la riduzione del dolore postoperatorio, la facile accessibilità degli organi utilizzati come via di ingresso, la mancanza del traumatismo della parete addominale, con conseguente riduzione delle complicanze ad esso correlate e una ridotta degenza in ospedale per il paziente che accetta con minor difficoltà l intervento chirurgico, non più inteso come atto invasivo. Con tecnica mininvasiva vengono eseguiti interventi chirurgici, quali la colecistectomia, l appendicectomia, la fundoplicatura, la lisi di aderenze patogene, la riparazione di ernie e difetti parietali addominali, la splenectomia, la surrenalectomia, le resezioni rettocoliche, le biopsie epatiche e linfonodali, la chirurgia per l obesità patologica nonché la maggior parte degli interventi ginecologici. La laparoscopia trova poi applicazione nella diagnostica per lo studio dell infertilità femminile, per l esplorazione addominale, per patologie oncologiche ed ematologiche. Negli ospedali presenti nei territori Palestinesi queste tecniche trovano oggi una limitata applicazione, le apparecchiature necessarie sono non sempre disponibili o sono obsolete e vi è una oggettiva difficoltà ad accedere a percorsi formativi certificati e verificabili. L Ospedale Princess Alia di Hebron e lo Shifa Hospital nella Striscia di Gaza grazie all iniziativa italiana stanno partecipando a significative esperienze formative in questo ambito. Gruppi di lavoro costituitisi in entrambi gli ospedali hanno avviato un importante percorso di formazione che ha come fine ultimo, l applicazione corrente della videochirurgia endoscopica. Numerose sessioni dedicate alla illustrazione e alla pratica di tecniche chirurgiche mini-invasive su simulatore si stanno susseguendo, perfezionate da attività, lezioni accademiche e collaborazioni scientifiche realizzate, nel Luglio scorso, in e-learning dall Italia (Scuola di chirurgia laparascopica della Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani, San Camillo di Roma, Dipartimento di chirurgia dell Umberto I, Ospedale Monaldi di Napoli) in collegamento con l Hebron Hospital e lo Shifa Hospital di Gaza. Ciò ha consentito agli operatori sanitari palestinesi di entrare nel vivo dell intervento chirurgico laparoscopico, assistendo a filmati realizzati in sala operatoria e trasmessi in differita Chrurgia dal vivo in differita. Un volto buono della globalizzazione. Il progetto, proprio perché implica l introduzione di nuove tecnologie chirurgiche, di conoscenze teoriche aggiornate e di sempre nuove abilità tecniche e manuali, intende utilizzare l e-learning per continuare ad accompagnare la formazione anche a distanza, mantenendo elevata la professionalità degli operatori della Sanità, mediante programmi di Educazione Continua in Medicina. Lo sviluppo ed il potenziamento delle tecniche di chirurgia mini-invasiva e Laparoscopica nei Territori Palestinesi interessa un largo numero di pazienti (gli interventi che potrebbero essere attuati in laparoscopia nei reparti di chirurgia generale e ginecologia superano oggi il 50% di tutti quelli eseguiti). Il potenziamento di tali tecniche, affinché vangano applicate su larga scala nell ambito delle prestazioni offerte dai principali ospedali pubblici locali, sta implicando inoltre lo sviluppo di una nuova cultura medica: nuove interpretazioni del caso clinico, indicazioni e strategie terapeutiche innovative, un approccio diverso al malato, una forte riorganizzazione interna delle strutture sanitarie e del modus operandi dei professionisti della salute. Il progetto della Cooperazione Italiana per il rafforzamento e lo sviluppo della Laparoscopia nei Territori Palestinesi sta tenendo in considerazione tutte queste importanti e complementari componenti che uniscono dotazione metodologica, tecnologica ed educazione continua ( continuo interscambio di esperienze e conoscenze attraverso l e-learning), per promuovere quello che potremmo immaginare come una vera evoluzione della filosofia e della cultura medica.

6 Sostegno al Patrimonio Culturale Promosso Realizzazione di un centro di aggregazione giovanile a sabastya Area geografica: Sabastya (Nablus) Canale di Finanziamento: bilaterale, Ente Esecutore: ONG CISS Controparte: municipalità di Sabastya Beneficiari: popolazione di Sabastya Obiettivo: Realizzazione di un centro di aggregazione Giovanile a Sabastya Budget: Euro (Contributo DGCS: 218,417) Emergenza Messa in sicurezza di edifici storici a sabastya Area geografica: Sabastya (Nablus) Canale di Finanziamento: bilaterale Ente Esecutore: ONG ATS (Legge 80/05) Controparte: municipalità di Sabastya Beneficiari: popolazione di Sabastya Obiettivo: messa in sicurezza di edifici storici a Sabastya Budget:

7 PATRIMONIO CULTURALE UNA RISORSA ATTA A PROMUOVERE LO SVILUPPO SOSTENIBILE Gli interventi della Cooperazione Italiana a Sabastya, Antica capitale di Samaria Sabastya si trova a circa 10 km a nordovest di Nablus sull asse est-ovest che dalla valle del Giordano conduce alla costa. Il villaggio moderno occupa le pendici orientali di una collina ovale, sopra la quale si estendono i resti della antica città di Samaria, capitale del regno israelita del nord ( a.c.). Nel 722 a.c, la città cadde nelle mani degli Assiri e successivamente dei Babilonesi. Fu conquistata nel 331 a.c. da Alessandro il Grande e successivamente distrutta da Giovanni Ircano nel 108 a.c. Il generale romano Pompeo Magno la ricostruì nel 63 a.c. e nel 27 a.c. i Romani la affidarono ad Erode il Grande, che la circondò di mura e l abbellì di sontuosi edifici in stile romano, chiamandola Sebaste, dal nome greco dell imperatore Augusto (Sebastos). Nel 196 d.c. Settimio Severo la fregiò del titolo di colonia romana (col nome di Lucia Septima Sebastia), ornandola ancora una volta di splendidi edifici pubblici (teatro, acquedotto, basilica, stadio). Le sistematiche campagne archeologiche condotte durante il XIX secolo hanno rivelato le varie fasi storiche della città. La città romana ha lasciato le tracce più evidenti. Tra le superbe vestigia dell epoca giunte sino a noi vi sono il foro, la basilica, il tribunale, lo stadio, il teatro, una larga via colonnata e la monumentale porta d ingresso fiancheggiata da due torri. Nell attuale Sabastiya (costruita in gran parte con materiale proveniente dagli edifici della antica Samaria) si può ancora oggi ammirare la cattedrale di S. Giovanni Battista, costruita dai Crociati nel 1165 sulle rovine di quella bizantina e nella cui cripta si veneravano le reliquie del Santo. Questa la storia ed il patrimonio culturale che hanno fatto da cornice agli interventi della Cooperazione Italiana che, volti a rispondere ad esigenze reali della comunità locale, hanno contribuito alla conservazione e valorizzazione di parte di questa eredità storica. Realizzazione di un centro di aggregazione giovanile a Sabastiya Sin dal titolo del progetto realizzazione di un centro di aggregazione giovanile si intuisce come il valore e la potenzialità di un intervento di restauro possano essere estesi per il raggiungimento di un obiettivo essenziale in un intervento di cooperazione: creare un percorso condiviso di crescita e sviluppo. La scelta di legare l organizzazione di un centro giovanile al recupero di un edificio storico, coinvolgendo la popolazione nelle attività di restauro é avvenuta, non casualmente, in una delle aree piú belle e storicamente piú interessanti della Palestina, ma anche più penalizzate dal conflitto. Il progetto, conclusosi nell Aprile 2006, è stato proposto per il finanziamento alla DGCS dalla ONG italiana Cooperazione Internazionale Sud Sud (CISS), nell ambito di un programma coordinato tra le ONG italiane federate al COCIS e pensato per ovviare al continuo aggravarsi della situazione sociale ed economica nei Territori Palestinesi dopo lo scoppio della Seconda Intifada. L iniziativa, realizzata in collaborazione con il Comune di Sabastiya, aveva lo scopo di ristabilire nelle nuove generazioni palestinesi un senso di appartenenza comunitaria mediante il recupero della memoria storica della città di Sebastia/Samaria e del suo territorio. Inoltre, rispondendo agli accresciuti bisogni che la crisi economica degli ultimi anni ha determinato, il progetto ha contribuito a risollevare la situazione finanziaria di molte famiglie, offrendo opportunità di lavoro agli abitanti, impiegando nel cantiere artigiani e manodopera locale e acquistando prodotti e attrezzi in loco, dando un aiuto alle piccole imprese commerciali e negozi del posto. Il progetto ha di fatto garantito occupazione continuam, per un anno intero ad oltre 30 abitanti del villaggio impegnati nel restauro. Una volta terminato il centro, che consta anche di uno spazio adibito a museo, ha offerto nel tempo spazio ad attività educative, ludico-ricreative e occasioni di formazione professionale. A Sabastiya, dopo la conclusione del progetto descritto le attività di conservazione stanno proseguendo con un altra iniziativa della Cooperazione italiana, finanziata con il Programma di Emergenza ed eseguita dalla ONG Associazione di Terra Santa (ATS) della Custodia Francescana. Messa in sicurezza di edifici storici a Sabastya Gli interventi di conservazione eseguiti dalla Cooperazione Italiana a fianco alla moschea principale, costruita nel periodo medievale, hanno salvato dal crollo e dall abbandono alcuni edifici crociati, ma una parte consistente del nucleo storico del villaggio è ancora in condizioni di grave degrado ed evidenzia sintomi di instabilità strutturale. Il nucleo abbandonato è localizzato al centro del villaggio, in piena area abitata. Le conseguenze del degrado e dell abbandono ricadono in particolare sulla popolazione infantile, che ha l abitudine di recarsi nell area per giocare, ma in generale è tutta la popolazione locale a risentire delle precarie condizioni igieniche e sanitarie del centro storico. Il personale esperto di ATS ha quindi studiato una ipotesi di intervento di conservazione e messa in sicurezza, che estenda la superficie degli spazi precedentemente riabilitati, liberando dalla sporcizia e dalle macerie nuovi spazi affinché siano messi a disposizione della comunità locale. Almeno 30 famiglie stanno percependo un reddito grazie al progetto, che sta prevedendo l impiego di un numero consistente di manodopera giornaliera per i lavori di pulizia e consolidamento degli edifici pericolanti.

8 Sviluppo Sociale e Umano / Sanità Laboratorio Centrale di Sanità Pubblica (LCSP) Area geografica: Ramallah & Striscia di Gaza Canale di Finanziamento: dono bilaterale Controparte: Ministero della Sanità Palestinese Beneficiari: MDS Obiettivo: Costruzione Laboratorio Pubblico di Sanità Budget:

9 IN PRIMO PIANO IL RUOLO DELLA MEDICINA PREVEN- TIVA L introduzione di strumenti di ricerca e attività di monitoraggio rivolta alle patolo gie umane ed ecologiche ha aumentato in maniera esponenziale il livello di prevenzione tra la popolazione. Il Laboratorio Centrale di Sanità Pubblica (CPHL - Central Public Health Laboratory), con sede a Ramallah (consta altresì di un laboratorio periferico a Gaza), è parte integrante del Ministero della Sanità e costituisce nei Territori Palestinesi il laboratorio di riferimento per la realizzazione di tutte le analisi finalizzate alla tutela della salute pubblica. Il Centro, finanziato dal Governo Italiano e realizzato in collaborazione con l Istituto Centrale di Sanità Pubblica e con la partecipazione di UNRWA, nasce dal ruolo svolto dall Italia come Paese coordinatore dei programmi di sanità nei Territori Palestinesi e dal diretto coinvolgimento del nostro Paese nel processo di riorganizzazione del sistema sanitario palestinese che, recentemente avviato dal locale Ministero della Sanità, ha posto in primo piano il ruolo della medicina preventiva. La principale funzione del laboratorio, all interno del sistema sanitario locale, è quella di studiare, valutare e migliorare lo stato di salute della popolazione palestinese. L introduzione di strumenti di ricerca, test analitici, attività di monitoraggio, azioni di controllo delle malattie infettive e non, dell ambiente, degli alimenti e dei farmaci, ha aumentato in maniera esponenziale il livello di prevenzione tra la popolazione. Il CPHL è in grado di offrire, in tempi rapidi, pareri ed informative al Ministero della sanità su varie tematiche legate alla salute pubblica e di definire e proporre regolamenti tecnici, protocolli e piani di lavoro da seguire nei laboratori periferici. La struttura, che consta di avanzati dipartimenti di chimica e biologia, opera in diversi ambiti di ricerca ed analisi: ecologico, ambientale, merceologico ed alimentare. In risposta ai crescenti bisogni di una società moderna il CPHL è in grado di condurre approfondite indagini in ambienti di lavoro; prelievi e controlli delle emissioni in atmosfera; esame e classificazione di rifiuti industriali ed urbani; analisi di acque potabili, reflue e per l irrigazione; analisi merceologiche e sugli alimenti; controllo dei residui antiparassitari in prodotti vegetali. Grazie al duplice ed inseparabile campo d indagine rivolto alla patologia umana ed ecologica, il Laboratorio supporta ed integra da otto anni le attività di prevenzione collettiva svolte dal Ministero della Salute e dall Autorità per l ambiente. Uno dei maggiori successi negli ultimi anni è stata la prevenzione della diffusione di morbillo in Cisgiordania. Dopo lo scoppio della seconda Intifada, il laboratorio testò su un numero elevato di bambini vaccinati l inefficacia del vaccino somministrato. La perdita di efficienza era stata causata dai frequenti tagli di elettricità a numerose strutture sanitarie che ne avevano impedito un adeguata conservazione. Una campagna straordinaria di vaccinazione contro il morbillo fu organizzata repentinamente dal Ministero della Sanità e a bambini fu evitato di contrarre la malattia. Il CPHL sta contribuendo a definire corrette politiche programmatiche nell ambito della salute pubblica e ad incrementare la capacità operativa e gestionale del personale che opera per la protezione della salute, oltre a migliorare i servizi a disposizione della popolazione palestinese. Nello svolgimento delle sue specifiche funzioni il Laboratorio inoltre è attualmente a servizio delle attività previste dal Programma PAST, in particolare per la componente dedicata allo studio di un Piano Nazionale per la prevenzione dei rischi ambientali e la tutela della salute pubblica. Per raggiungere target in linea con i tempi e rispondere alle richieste della popolazione è stato necessario creare quadri tecnici molto specializzati mediante percorsi di formazione condotti in collaborazione con la Bir Zeit University di Ramallah. Ciò ha consentito di migliorare fattivamente competenze e qualifiche delle risorse umane a disposizione del Ministero Palestinese della Sanità. Attualmente 60 tecnici di laboratorio lavorano nei diversi dipartimenti del Centro. Il valore aggiunto di questo intervento è il contributo che una tale struttura è in grado di garantire al sistema sanitario palestinese nel suo complesso, mettendolo nelle condizioni di affrontare e gestire le numerose e sempre nuove problematiche legate alla salute pubblica.

10 Sviluppo Sociale e Umano / Genere Centro Mehwar di Betlemme per la protezione e l empowerment delle donne e della famiglia Area geografica: Betlemme -Territori Palestinesi Canale di Finanziamento: Multi bilaterale Banca Mondiale e Unifem (Fase II) Controparte: Ministero degli Affari Sociali Beneficiari: Donne del distretto di Betlemme Obiettivo: potenziare i servizi di assistenza psicologica e legale alle donne vittime di violenza Budget: USD ; in fase di avvio

11 LE DONNE ORA NON SONO PIÙ SOLTANTO VITTIME DA DIFENDERE, MA ANCHE TESTIMONI DELLA DENUNCIA La protezione dei diritti delle donne è un presupposto fondamentale per la crescita sociale ed umana Il Centro Mehwar di Beit Sahour (distretto di Betlemme), primo nel suo genere nei Territori Palestinesi, é nato con l obiettivo di garantire protezione alle donne ed ai bambini vittime di abusi nel contesto familiare ed introdurre un cambiamento graduale nella mentalità e negli schemi comportamentali alla base degli episodi di violenza. Nel 2002 il Ministero Palestinese per gli Affari Sociali (MoSA), beneficiario ultimo del progetto (il centro opera sotto tutela e controllo del MoSA), aveva iniziato a lanciare i primi segnali d allarme, denunciando l incidenza del fenomeno nei Territori Palestinesi e manifestando la volontà di intervenire con urgenza. Nel 2004 la Cooperazione Italiana con un importo di 2.5 milioni di dollari, tramite un fondo fiduciario istituito presso la Banca Mondiale, da inizio all opera di costruzione dell edificio che oggi ospita il Centro Nazionale Antiviolenza per la protezione e l empowerment della donna e della famiglia. La terra sulla quale sorge il complesso (concepito dall architetto italiano Roberto Berretta e realizzato con la collaborazione dell architetto palestinese Salameh Mukarkar) è stata donata per lo scopo dalla Municipalità di Betlemme: ciò ha evidenziato la volontà da parte dell autorità locale di dare una prima risposta autorevole al problema della violenza domestica nell area. Il centro, in origine Counceling center for Women in difficult Circumstances e ora denominato Mehwar, parola che in lingua araba significa il nucleo di riferimento il cuore ad indicare l importanza e la necessità di dare una risposta alla violenza domestica quale presupposto essenziale per il rispetto della dignità umana e la crescita della società palestinese. Nell ambito dell iniziativa, di grande importanza è stato considerato il rapporto con l associazionismo femminile italiano. L ONG italiana Differenza Donna, cui la cooperazione italiana ha affidato sin dall inizio l esecuzione delle componenti progettuali dedicate all organizzazione dei servizi del centro, alla selezione e formazione del personale, alla sensibilizzazione delle istituzioni e della società civile ed allo sviluppo di politiche adeguate per la gestione del centro, ha fornito il proprio know-how in materia di centri anti-violenza mettendo a disposizione modelli, metodologie di lavoro e competenze sviluppate negli anni coerentemente con le piu avanzate linee guida internazionali. Anche l ONG palestinese WCLAC (Women Center for Legal Assistance and Conselling) nella prima fase del progetto ha avuto un ruolo importante nel favorire la mediazione culturale necessaria. Il Mehwar ha aperto le proprie porte al pubblico il 28 febbraio 2007 offrendosi come un spazio protetto dotato di servizi e personale qualificato per fornire assistenza individuale, sostegno psicologico, e formazione professionale mirata al reinserimento sociale delle utenti. 16 donne provenienti dal governatorato di Betlemme ed Hebron e hanno ricevuto formazione specializzata in Italia sugli strumenti e le metodologie più adeguate all assistenza e cura delle donne vittime di violenza domestica; e stata selezionata una legale specializzata in Diritto della Famiglia per fornire assistenza e pareri legali alle utenti e alle famiglie ed una educatrice specializzata in psicologia dello sviluppo per offrire assistenza ai bambini coinvolti negli episodi di violenza o testimoni degli abusi in ambito famigliare; si é provveduto all organizzazione degli spazi del centro, alla definizione dello statuto legale, e alla preparazione della campagna di informazione per la collettività. Oltre ai servizi di consulenza ed assistenza psicologica e legale, il centro ha predisposto uno spazio dedicato ad attività ricreative per i bambini, una palestra per le donne ed un punto di ritrovo per l intera collettività. A conclusione della prima fase del progetto, su richiesta del Ministero Palestinese per gli Affari Sociali, l Italia si é impegnata a garantire continuità ai servizi offerti dal Centro Nazionale antiviolenza di Betlemme. Le attività sono state sostenute nella fase ponte che precede la seconda fase di sostegno al progetto, dagli importanti contributi della provincia di Roma e dall Istituzione di genere femminile SOLIDEA della Provincia di Roma, mediante un finanziamento di 120,000 oltre a contributi a valere sul Programma di Emergenza ( 250,000) gestiti dall ufficio della Cooperazione Italiana a Gerusalemme. Il Governo italiano ha deciso dunque di finanziare la seconda fase del progetto, con un contributo multilaterale da affidare a UNIFEM, per un impegno di oltre 2 MLN. Il finanziamento contribuirà a sostenere le attività ed il personale del centro Mehwar per la durata di tre anni fino al Il centro sta diventando un punto di riferimento a livello nazionale per tutte le famiglie e gli individui che vivono situazioni di conflitto all interno delle pareti domestiche, in un contesto,i Territori Palestinesi, già connotato da diverse forme di violenza ed abusi. Inoltre la struttura sta raccogliendo il riconoscimento delle Istituzioni, proprio grazie alla modalità innovativa con cui gestisce i casi: le donne ora non sono più soltanto vittime da difendere, ma anche testimoni della denuncia contro i costumi di una società ancora patriarcale.

12 Emergenza / Sicurezza alimentare Contributo alla FAO per il sostegno a gli allevatori di ovini e caprini Area geografica: Valle del Giordano e Sud di Hebron Canale di Finanziamento: Multi bilaterale FAO Beneficiari: allevatori e pastori beduini della Valle del giordano Obiettivo: consolidare i processi di sviluppo rurale per i pastori e le loro famiglie, nella Valle del Giordano Budget:

13 CONSOLIDAMENTO DEI PROCESSI D I SVILUPPO RURALE Il programma di emergenza in cisgiordania opera per mitigare le conseguenze umanitarie, socieli ed economiche cagionate dalle persistenti restrizioni alla mobilità di persone beni e merci Il progetto per il sostegno degli allevatori di ovini e caprini realizzato in collaborazione con la FAO si propone di aiutare, accrescere e consolidare i processi di sviluppo rurale in seno alle comunità di pastori situate nella Valle del Giordano e nelle aree a sud di Hebron. L iniziativa sta provvedendo a garantire a costi ridotti mangime per gli animali di piccola taglia contribuendo ad una resa qualitativa del bestiame, principale fonte di reddito per gli allevatori delle zone rurali e per le comunità beduine. Si tratta in particolare di facilitare i processi di acquisizione di foraggio per gli animali mediante la gestione di un fondo rotativo comune. In questo modo si intende favorire lo sviluppo delle associazioni dei pastori mediante la fornitura di strutture di stoccaggio per i foraggi, gestite in maniera comunitaria. Accanto alla FAO, incaricata della gestione generale del progetto, ed in particolare dell acquisizione di beni e forniture, 3 ONG italiane (AISPO,CISP,UCODEP) sono coinvolte nel delicato compito di incoraggiare le relazioni tra i pastori e guidarli nei processi associativi (consorzi di allevatori). Dal 2006, l inasprirsi delle restrizioni imposte al movimento di persone e merci e la confisca di numerosi terreni hanno comportato per molte famiglie di allevatori numerose difficoltà legate al mantenimento della produttività delle loro greggi. La pastorizia è da sempre la fonte principale di reddito anche per le tribù beduine che, nel caso delle comunità presenti in Israele e Territori Palestinesi, si sono viste obbligate nel passaggio dallo stile di vita nomade a quello sedentario o semi-nomade. L impossibilità di muoversi e le difficoltà di reperire foraggio ha causato il deperimento delle greggi che hanno ridotto di molto anche la produzione di latte e formaggio. Latticini e carni non soltanto garantiscono il sostentamento delle famiglie, ma vengono anche venduti nei mercati locali. Tale situazione ha inciso in modo significativo sul reddito e sulla qualità della vita di tali comunità. Il progetto sta contribuendo a fornire agli allevatori gli strumenti e le strategie più adeguate a fronteggiare la situazione di endemica difficoltà economica in cui versa l area interessata.

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Notizie Flash Maggio - Agosto 2007. Consolato Generale d Italia Gerusalemme

Notizie Flash Maggio - Agosto 2007. Consolato Generale d Italia Gerusalemme Notizie Flash Maggio - Agosto 2007 Consolato Generale d Italia Gerusalemme NOTIZIE FLASH Maggio - Agosto 2007 NUOVO PROGRAMMA DI AIUTI lanciato dall ITALIA a sostegno del POPOLO PALESTINESE Obiettivi:

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Formarsi per cooperare

Formarsi per cooperare Dr G.R.Peruzzi Medici con l Africa Cuamm Formarsi per cooperare Percorso formativo per personale sanitario Siena 14 marzo 2014 A che deve servire la Cooperazione Rafforzare le comunità locali e renderle

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Progetto Programma di sostegno allo sviluppo del sistema socio-sanitario del Dipartimento di Potosí.

Progetto Programma di sostegno allo sviluppo del sistema socio-sanitario del Dipartimento di Potosí. Progetto Programma di sostegno allo sviluppo del sistema socio-sanitario del Dipartimento di Potosí. Esecutore: DGCS / Unidad de Coordinación de Proyectos y Programas del Ministerio de Economía y Finanzas

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi:

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi: Programmi Emergenza 2014 2015 (AID 10387 e AID 10487) - 4.500.000,00 Euro totali Programma Emergenza 2014-2015- Aid 10387, 2.000.000,00 Euro In Corso Il programma Iniziativa di emergenza in favore della

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2006 ) 829 DEFINITIVO BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2006 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLI 23, 31 BRUXELLES, 28.06.2006 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 27/2006 Aiuti

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà CHI SIAMO SudgestAid è una Società consortile italiana, senza scopo di lucro, partecipata da Agenzie pubbliche, impegnata nel

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

MISSIONE FUTURO ONLUS E ONG

MISSIONE FUTURO ONLUS E ONG MISSIONE FUTURO ONLUS E ONG Via Sebino 11 00199 Roma Tel. 06-85 86 57 00 Fax 06-84 14 531 e-mail: missionefuturo@virgilio.it www.missionefuturo.org codice fiscale: 97347970580 Iscritta all Albo Regionale

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI VILLAGGI In questa azione il concetto di accesso a un bene patrimoniale viene esteso ad una più ampia valorizzazione della vita

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia CORSO di IGIENE Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento dei fattori

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Potenziamento del Sistema di Cure Primarie in Palestina IL PROGETTO POSIT

Potenziamento del Sistema di Cure Primarie in Palestina IL PROGETTO POSIT Potenziamento del Sistema di Cure Primarie in Palestina IL PROGETTO POSIT Dr. Enrico Materia Ministero Affari Esteri 24 luglio 2014 PALESTINA Popolazione = 4.3 Mil (62% in WB; 38% in GS); 41% < 15 anni

Dettagli

Supporto all empowerment delle donne in Sierra Leone attraverso la trasformazione e la commercializzazione dell anacardio

Supporto all empowerment delle donne in Sierra Leone attraverso la trasformazione e la commercializzazione dell anacardio Supporto all empowerment delle donne in Sierra Leone attraverso la trasformazione e la commercializzazione dell anacardio Foto di Mattia Zoppellaro FONDAZIONE COOPI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE COOPI -

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO)

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO) PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SANITARIO DI BILEKRO NEL DISTRETTO SANITARIO DI AYAME (COSTA D AVORIO) 1. Contesto geografico, ambientale e sociale dell intervento

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP.

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP. Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP Erica Andreotti ASEOP ONLUS ASSOCIAZIONE SOSTEGNO EMATOLOGIA ONCOLOGIA PEDIATRICA ASEOP

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Diamo voce al silenzio Progetto per la prevenzione ed il contrasto al maltrattamento e abuso in danno dei minori PROPOSTA PROGETTUALE

Diamo voce al silenzio Progetto per la prevenzione ed il contrasto al maltrattamento e abuso in danno dei minori PROPOSTA PROGETTUALE N.O.T. Nucleo Operativo Territoriale Via Adriano Aurofino 84127 Salerno Contro Abuso e Maltrattamento sui minori tel. 089 724572 fax 089 6306637 Via Vernieri, 16-84125 Salerno www.onmic.it Tel 089 694426/

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI A cura del Coordinatore Locale Donazione e Trapianti Asl 1 dott. Ezio Szorenyi I TRAPIANTI NON ESISTONO SENZA DONAZIONI Ad oggi non è possibile sostituire un

Dettagli

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org chi? Amka è un Organizzazione no profit nata nel 2001 dall incontro di due culture differenti e dalla volontà di contribuire al miglioramento reale della vita delle popolazioni del Sud mondo. L Associazione

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Coopermondo: la mission. value

Coopermondo: la mission. value Coopermondo: la mission value manage partner / global alliance for sustainable development partnership: a global alliance for sustainable development 415 progetti (295 in corso) 612 organizzazioni partner

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

3/5/2012. Santa Luzia do Parà. Federica Nassini - Paolo Taraborelli. 16 dicembre 2011. Il contesto locale

3/5/2012. Santa Luzia do Parà. Federica Nassini - Paolo Taraborelli. 16 dicembre 2011. Il contesto locale Federica Nassini - Paolo Taraborelli 16 dicembre 2011 SVI e SCAIP sono due Ong bresciane impegnate con proprie specificità nella realizzazione di progetti di cooperazione internazionale nei territori del

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli