Indice: Premessa pag 2. Obiettivi pag 3. Il campione pag 4. I risultati pag 5. Conclusioni pag 22. Allegato: il questionario pag 23

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice: Premessa pag 2. Obiettivi pag 3. Il campione pag 4. I risultati pag 5. Conclusioni pag 22. Allegato: il questionario pag 23"

Transcript

1 Indice: Premessa pag 2 Obiettivi pag 3 Il campione pag 4 I risultati pag 5 Conclusioni pag 22 Allegato: il questionario pag 23 1

2 LA FARMACIA GUARDA ALLE NUOVE SFIDE. RUOLI E PROSPETTIVE DALLA DISTRIBUZIONE AL SERVIZIO. PREMESSA Il cambiamento di tipo organizzativo e gestionale avvenuto in questi ultimi anni in Italia, vede protagonista il settore della Distribuzione del Farmaco nell acquisizione di nuove forme organizzative e di conoscenze che mirano al miglioramento del servizio offerto al consumatore/cliente. L evoluzione, in atto nel settore, coinvolge sia la domanda (attraverso la presenza di un consumatore più consapevole ed informato) che l offerta (attraverso l inserimento di nuovi prodotti, quali: farmaci generici, prodotti omeopatici ecc.) e, di conseguenza, si appresta ad affrontare le nuove sfide che modificheranno il modo di erogare il servizio. In questo contesto. la Farmacia, essendo il terminale principale del sistema, svolge una funzione strategica. Di fatto, attraverso il contatto diretto con il consumatore, il ruolo sociale e professionale dei Farmacisti viene rafforzato e la Farmacia diviene una delle fonti privilegiate d informazione. L occasione, che permette di approfondire tale realtà, sarà il convegno DOROM: La Farmacia guarda alle nuove sfide. Ruoli e prospettive dalla distribuzione al servizio che si terrà a Bologna il 6 giugno 2003, all interno di Cosmofarma, principale appuntamento annuale dedicato interamente al settore delle Farmacie. Per tale appuntamento DOROM ha previsto lo sviluppo di una ricerca originale che s inserisce in questo percorso e riassume le impressioni e le opinioni dei Farmacisti stessi. 2

3 OBIETTIVI Lo studio si propone di raccogliere i pareri e, soprattutto, di individuare alcuni atteggiamenti dei Farmacisti rispetto all evoluzione percepita, all interno delle seguenti aree tematiche: rapporto Farmacista/Cliente; il Farmacista e la Logistica; l aggiornamento del Farmacista rispetto alle novità dei prodotti. Gli obiettivi individuati dalla ricerca si legano, coerentemente con la raccolta di materiale innovativo ed originale, per avviare e consolidare il percorso di interazione con il Farmacista e per supportare i contenuti del Convegno di Bologna. Inoltre, pur non essendo esplicitato nel titolo del Convegno, la ricerca permette di approfondire e di valorizzare il ruolo che il Farmaco Generico assumerà nell evoluzione futura della Distribuzione del Farmaco. 3

4 IL CAMPIONE La ricerca ha previsto la somministrazione di questionari, condivisi con DOROM, in forma anonima ad un campione di circa 100 soggetti. Per avere un campione territorialmente affine ai potenziali partecipanti al convegno, si sono coinvolti i Farmacisti nelle città capoluogo di provincia limitrofe a Bologna (province suggerite: Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Padova, Parma, Reggio Emilia, Verona). La somministrazione del questionario e la raccolta dei dati è stata suddivisa per il 90% attraverso interviste telefoniche, mentre, per il restante 10%, per mezzo di interviste vis à vis. Attraverso tale suddivisione si è ottenuta una migliore valutazione delle interviste telefoniche e si è garantito un margine adeguato alla raccolta di spunti e opinioni personali. Le interviste sono state eseguite dal Pool stabile di intervistatori di MAYA Idee adeguatamente formati. Il campione, considerato ai fini statistici, comprende, quindi, 100 Farmacisti. Il 60% dei quali ha meno di 50 anni e il 65% è rappresentato da donne (vedi tab. 1.). Tab Il Campione (età e sesso) Fasce d'età % Meno di 35 anni 18, anni 42, anni 28,00 Oltre 65 12,00 Sesso % maschi 35,00 femmine 65,00 4

5 I RISULTATI 5

6 Rapporto Farmacista/cliente Domanda n 1 Come definirebbe il cliente oggi rispetto a 5 anni fa? Consapevole/informato Attento ai prezzi Esigente, richiede informazioni % più 88 meno 0 ugualmente 12 più 90 meno 1 ugualmente 9 più 84 meno 1 ugualmente % 80% 60% 40% 20% 0% Consapevole /i nformato Attento ai prezzi Esigente, richiede informazioni Meno Ugualmente Più Fig. 1. La grande maggioranza dei Farmacisti intervistati si trova concorde nell'affermare che il cliente, nel corso degli ultimi anni, si è dimostrato più attento 6

7 ai prezzi, più consapevole e allo stesso tempo più esigente. Le percentuali ottenute raggiungono livelli elevatissimi: superano sempre l'ottanta per cento. Grazie al contributo delle interviste vis a vis, si è rilevato che oggi il cliente, oltre ad essere più esigente ed informato, dimostra anche una maggiore difficoltà ad orientarsi. Tutto ciò sembra confermare i notevoli cambiamenti che hanno interessato il settore farmaceutico ed in particolare la distribuzione. Analizzando successivamente i dati, secondo la variabile età, non emergono particolari differenze nelle risposte degli intervistati (vedi tab. 2.). Tab Come definirebbe il cliente oggi rispetto a 5 anni fa? Consapevole/informato Attento ai prezzi Esigente, richiede informazioni <50 anni >50 anni tot più 83,33% 95,00% 88,00% meno 0,00% 0,00% 0,00% ugualmente 16,67% 5,00% 12,00% più 90,00% 90,00% 90,00% meno 0,00% 2,50% 1,00% ugualmente 10,00% 7,50% 9,00% più 81,67% 87,18% 83,84% meno 0,00% 2,56% 1,01% ugualmente 18,33% 10,26% 15,15% 7

8 Rapporto Farmacista/cliente Domanda n 2 Quali aspetti, in futuro, saranno più importanti nel rapporto con il cliente? (anche più di una risposta)* Contatto al banco con la clientela 79 Informazione/consiglio 84 Ambiente fisico 34 Completezza dell'offerta prodotti 45 Servizi accessori (misurazione pressione...) Possibilità di vendita e-commerce 11 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % % 80% 79% 84% 60% 45% 46% 40% 34% 20% 11% 0% Contatto al banco con la clientela informazione/cons iglio Ambiente fisico (vetrina,banco e allestimento) Completezza dell' offerta prodotti Servizi accessori Possibilità di vendita e- commerce Fig. 2. 8

9 I Farmacisti attribuiscono alla capacità di gestione delle relazioni umane l'aspetto più importante nel rapporto con il cliente nonostante i cambiamenti in atto siano soprattutto tecnici, economici, legislativi ecc.. Al primo posto, con l'84% delle segnalazioni, è stata indicata l'attività di informazione/consiglio. Il campione ritiene, quindi, che in futuro la professionalità del farmacistà verrà valorizzata e rafforzata. Al secondo posto, con il 79%, i Farmacisti segnalano la capacità (naturale) di interagire con la clientela. Un secondo gruppo di fattori, che determineranno il successo o meno del rapporto con la clientela, risultano essere i servizi acessori (46%), la completezza commerciale dell'offerta (45%) e l'ambiente fisico (34%). La capacità di offrire servizi accessori assume un particolare valore strategico quando la farmacia opera in realtà decentrate. Infatti, con tali servizi, si possono soddisfare le esigenze del cittadino che vive lontano dalle città e dalle relative strutture sanitarie. La completezza dell'offerta dei prodotti e l'ambiente fisico, invece, rientrano maggiormente in un'ottica di commercializzazione dei prodotti farmaceutici. Esplicitando i dati secondo l'età è possibile notare come i dati vengano confermati dai due sottogruppi considerati. (Tab. 3.). Tab Quali aspetti, in futuro, saranno più importanti nel rapporto con il cliente? (anche più di una risposta) <50 anni >50 anni tot Contatto al banco con la clientela; 83,33% 72,50% 79,00% Informazione/consiglio; 86,67% 80,00% 84,00% Ambiente fisico; 31,67% 37,50% 34,00% Completezza dell'offerta prodotti; 43,33% 47,50% 45,00% Servizi accessori (misurazione pressione...); 43,33% 50,00% 46,00% Possibilità di vendita e-commerce; 11,67% 10,00% 11,00% * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 9

10 Rapporto Farmacista/cliente Domanda n 3 domanda? Tra queste categorie di farmaci come prevede l'evoluzione della Farmaci da prescrizione Farmaci da banco (o.t.c.) Farmaci Generici Prodotti Omeopatici Farmaci di origine vegetale % crescente 25,25 costante 45,45 decrescente 29,29 crescente 67,00 costante 29,00 decrescente 4,00 crescente 68,00 costante 18,00 decrescente 14,00 crescente 75,00 costante 20,00 decrescente 5,00 crescente 58,16 costante 34,70 decrescente 7,14 Il campione prevede un generale aumento futuro della domanda di farmaci. Al primo posto vengono segnalati i Prodotti Omeopatici (il 75% delle risposte li indicano in ascesa). Solo il 5% dei Farmacisti ritiene che questi, nel prossimo futuro, conseguano un'evoluzione negativa. I Farmaci Generici sono ritenuti in crescita dal 68% del campione. Il dato, pur essendo positivo, segnala un possibile raffreddamento della domanda. Ciò è testimoniato dal 14% del campione che ritiene calante l'evoluzione della domanda di Generici. 10

11 Sullo stesso livello vengono segnalati in crescita anche i Farmaci da banco (o.t.c.), il 67% degli intervistati, infatti, li ritiene in crescita mentre solo il 4% del campione prevede un loro decremento. Anche i farmaci di origine vegetale confermano il generale trend positvo. Infatti, oltre la metà del campione (58,16%) ritiene in aumento le richieste di farmaci di origine vegetale. Infine, i Farmaci da prescrizione mantengono una presenza costante nel mercato. Il 45,45 % degli intervistati ritengono sostanzailmente stabile la domanda di tali farmaci. Le percentuali di quelli che ritengono crescente o decrescente l'evoluzione futura della domanda sono simili, con un leggero margine di differenza (vedi fig. 3.). 80% 60% 40% 20% 0% Farmaci di prescrizione Farmaci da banco Farmaci generici Prodotti omeopatici % decres. % costante % crescente Farmaci di origine vegetale Fig

12 Rapporto Farmacista/logistica Domanda n 4 Quali fenomeni condizionano maggiormente i processi logistici (magazzino, approvigionamento e distribuzione)? (anche più di una risposta)* Complessità dell'offerta; 52 Continue variazioni di prezzo; 54 Continue variazioni delle condizioni commerciali e di distribuzione; Offerta tecnologica di supporto; 38 Variazioni normativo/legislative; 56 Non risponde 4 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % 41 Complessità dell'offerta 52% Continue variazioni di prezzo 54% Continue variazioni delle condizioni commerciali e di distrib. 41% Offerta tecnologica di supporto 38% Variazioni normativo/legislativo 56% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Fig

13 Le variazioni normativo/legislative influenzano, per oltre la metà dei Farmacisti, la gestione e l'organizzazione delle farmacie. Allo stesso modo, anche la complessità dell'offerta e le continue variazioni di prezzo dei farmaci inducono il Farmacista a delle scelte non facili per la gestione del magazzino e per l'adeguato approvvigionamento. Le variazioni delle condizioni commerciali e di distribuzione condizionano il 41% del campione. Spesso, la presenza di Distributori Farmaceutici (grossisti) aiuta le Farmacie ad ottimizzare la gestione del magazzino, salvaguardando le condizioni economiche anche in presenza d'ordini limitati. L'offerta tecnologica di supporto ricopre un ruolo di facilitazione e di miglioramento del processo logistico sebbene, per il 38% del campione, rappresenti ancora oggi un condizionamento. 13

14 Rapporto Farmacista/logistica Domanda n 5 L'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti come inciderà nella sua capacità di offerta commerciale? (anche più di una risposta)* Indurrà il paziente ad affidarsi maggiormente al consiglio del farmacista; Diminuirà i prezzi con margini di guadagno inferiori; Imporrà una riorganizzazione della farmacia; Nessuna variazione; 8 Non risponde; 1 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % Indurrà il paziente ad affidarsi maggiormente al consiglio del farmacista; 65% Diminuirà i prezzi con margini di guadagno inferiori; 26% Imporrà una riorganizzazione della farmacia; 51% Nessuna variazione 8% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Fig

15 La quinta domanda chiede al Farmacista come l'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti inciderà nella capacità dell'offerta commerciale. Al primo posto (65%) gli intervistati ritengono che ciò inciderà fortemente sulla loro capacità professionale. Di fatto, il paziente sarà indotto ad affidarsi maggiormente al consiglio del Farmacista. Quest'attività di counceling favorirà l'interazione con il cliente, fonte preziosa d'informazione, e incentiverà la ricerca di qualità nell'erogazione del servizio offerto. Per la metà degli intervistati, poi, l'importanza di tali cambiamenti comporterà la riorganizzazione della farmacia. Infatti, la cultura che si sta diffondendo sarà diretta al miglioramento della gestione del cliente e già oggi comporta mutamenti nell'organizzazione delle farmacie. Al terzo posto, poco più di un quarto del campione (26%), ritiene che l'aumento esponenziale dell'offerta commerciale ridurrà, inesorabilmente, i margini di guadagno sulle vendite. Tutto ciò, comunque, non sembra preoccupare la maggioranza del campione; di fatto, se da un lato potrebbero diminuire i margini di guadagno sul singolo prodotto venduto, dall'altro la previsione degli stessi farmacisti di un aumento generalizzato della vendita dei prodotti farmaceutici ne attenuerebbe gli effetti negativi. Solo l'8% dei Farmacisti ritiene che gli attuali e futuri cambiamenti non andranno a modificare il livello di capacità commerciale raggiunto. Tab L'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti come inciderà nella sua capacità di offerta commerciale? (anche più di una risposta)* <50 anni >50 anni tot Indurrà il paziente ad affidarsi maggiormente al consiglio del farmacista; 75,00% 50,00% 65,00% Diminuirà i prezzi con margini di guadagno inferiori; 23,33% 30,00% 26,00% Imporrà una riorganizzazione della farmacia; 48,33% 55,00% 51,00% Nessuna variazione; 8,33% 7,50% 8,00% Non risponde 1,67% 0,00% 1,00% * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 15

16 Infine, è curioso evidenziare una sensibile differenza nella percezione tra i più giovani del ruolo che il Farmacista andrà ad assumere nel rapporto con la clientela. Infatti, ben il 75% del campione, con meno di 50 anni, indica nella capacità di counceling la principale risposta all'ingresso di numerosi nuovi attori e prodotti nel mercato farmaceutico (tale atteggiamento cala, tra gli over 50, al 50%). 16

17 Rapporto Farmacista/aggiornamento Domanda n 6 In prospettiva futura tra queste categorie di farmaci dove sente il bisogno maggiore di assistenza e aggiornamento? (anche più di una risposta)* % Farmaci da prescrizione; 52 Farmaci da banco (o.t.c.); 47 Farmaci Generici; 40 Prodotti Omeopatici; 78 Farmaci di origine vegetale; 61 Nessuna; 1 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 80% 78% 60% 61% 52% 47% 40% 40% 20% 0% Farmaci da prescrizione Farmaci da banco Farmaci generici Prodotti omeopatici Farmaci di origine vegetale 1% Nessuna Fig

18 Il dato presente conferma l'attualità dei Prodotti Omeopatici, in primis, e dei Farmaci di origine vegetale. La curiosità e l'interesse verso tali prodotti è testimoniato dall'elevato numero di Farmacisti che sentono il bisogno di una maggiore assistenza e un maggiore aggiornamento (78% per i prodotti omeopatici, 61% per quelli d'origine vegetale). Al terzo posto, il 52% del campione segnala i Farmaci da prescrizione, seguiti da quelli da banco con il 47%. Ultimi in graduatoria risultano essere i Farmaci Generici, il 40% dei Farmacisti sentono il bisogno di maggiore assistenza e aggiornamento. 18

19 Rapporto Farmacista/aggiornamento Domanda n 7 Qual è lo strumento che ritiene più efficace, in prospettiva futura, per il suo aggiornamento/approfondimento in merito ai prodotti farmaceutici? (anche più di una risposta)* l'informatore farmaceutico; 43 la farmocopea italiana; 22 la farmocopea europea; 21 la scheda tecnica specifica schema caratteristiche di prodotto annuario fornito dalle aziende 12 la banca dati in rete 80 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % 47 80% 80% 60% 40% 43% 47% 20% 22% 21% 12% 0% L'informatore farmaceutico La farmacopea italiana La farmacopea europea La scheda tecnica specifica- schema caratteristiche di Annuario fornito dalle aziende La banca dati in rete Fig

20 Appare evidente che, grazie alla rapidità di accesso e alla velocità di aggiornamento, la grande maggioranza del campione ritiene, già oggi, la banca dati in rete lo strumento ottimale per l'approfondimento personale in merito ai prodotti farmaceutici. Molto distanziate risultano le altre opzioni. Al secondo posto, con il 47%, viene indicata la scheda tecnica specifica, al terzo posto (43%) l'informatore scientifico. A tal proposito, è emerso, dalle interviste vis a vis, che tale figura è spesso legata alla forza e alla capacità commerciale dell'azienda che rappresentano. Ciò, a volte, può minare la fiducia e svalutare l'interazione che l'informatore farmaceutico instaura con i Farmacisti stessi. In grave ritardo si posizionano la farmacopea italiana ed europea, rispettivamente al 22% e al 21%. Il dato non mette in discussione il valore scientifico-informativo delle due fonti, ma sottolinea la difficoltà, da parte del campione, di reperibilità e di accesso. Inoltre, rispetto alla banca dati in rete, l'aggiornamento delle farmocopee risulta essere meno celere. Infine, lo strumento meno utilizzato sembra essere l'annuario fornito dalle aziende, infatti, solo il 12% del campione lo considera lo strumento più efficace. L'analisi dei dati offre un ulteriore spunto di riflessione analizzando le diverse fasce d'età (vedi tab. 5.). Tab L'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti come inciderà nella sua capacità di offerta commerciale? (anche più di una risposta)* <50 anni >50 anni tot l'informatore farmaceutico; 38,33% 50,00% 43,00% la farmocopea italiana; 26,67% 15,00% 22,00% la farmocopea europea; 16,67% 27,50% 21,00% la scheda tecnica specifica 51,67% 40,00% 47,00% annuario fornito dalle aziende 13,33% 10,00% 12,00% la banca dati in rete 83,33% 75,00% 80,00% * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 20

21 Secondo le percentuali ottenute, il campione, con meno di 50 anni, dimostra un atteggiamneto più critico nei confronti del ruolo svolto dall'informatore farmaceutico. Il dato può essere interpretato come la richiesta di una riqualificazione della figura dell'informatore che, operando in un settore orientato sempre più ai bisogni del cliente, deve saper distinguersi come fonte autorevole e vicina ai bisogni reali dei Farmacisti. 21

22 CONCLUSIONI Il campione contattato ha fornito numerosi spunti di riflessione, rispetto la percezione che hanno dell'evoluzione in atto da alcuni anni in Italia che coinvolge il settore della Distribuzione del Farmaco. Il primo dato che emerge è la chiara percezione del cambiamento che coinvolgerà nel profondo il ruolo professionale dei farmacisti. Il paziente, oggi, risulta essere di gran lunga più attento alle novità del settore ed è alla ricerca di informazioni che ne facciano chiarezza. Il farmacista quindi dovrà ottimizzare l'attività più propriamente commerciale con la capacità di consiglio/informazione per una completa gestione dei bisogni del cliente. Inoltre, per i farmacisti ascoltati, l'evoluzione della domanda futura di prodotti farmaceutici sembra essere in forte aumento e di conseguenza sarà sempre più importante saper indirizzare e guidare i clienti verso uso consapevole e appropriato dei prodotti. Anche da un punto di vista logistico le continue variazioni normativo/legislative e la complessità dell'offerta creeranno le condizioni per una riorganizzazione delle farmacie, sia nella ricerca di migliori condizioni commerciali e di distribuzione sia nell'organizzazione di front e back stage. L'erogazione del servizio sarà, quindi, il risultato di un equilibrato supporto tecnico/umano alla gestione frontale della clientela. Infine, l'aggiornamento/approfondimento personale del campione si basa sulla banca dati in rete. Diversamente, la figura dell'informatore farmaceutico, pur assicurando una buona credibilità, è spesso legata alla forza e alla capacità commerciale dell'azienda che rappresentano. Ciò, a volte, può minare la fiducia e svalutare l'interazione che l'informatore farmaceutico instaura con i Farmacisti stessi. 22

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

I RISULTATI DELL'INDAGINE SUL QUESTIONARIO: LETTURA E ANALISI DEI DATI

I RISULTATI DELL'INDAGINE SUL QUESTIONARIO: LETTURA E ANALISI DEI DATI I RISULTATI DELL'INDAGINE SUL QUESTIONARIO: LETTURA E ANALISI DEI DATI LE DONNE CI SONO Cosa chiedono per il loro futuro professionale. La crescente consapevolezza ed il riconoscimento da parte degli Ordini

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE 1 Indice 1. Premessa 2. Obiettivo 3. Le competenze del profilo ideale Competenze 3.1. Età ed esperienza 3.2. Le reali competenze

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero (TAC)

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero (TAC) 5.1.2.2.0 ommessi delle vendite al minuto Le professioni comprese in questa unità assistono, consigliano e informano i clienti sugli acquisti di prodotti e la fornitura di beni, inclusa la fornitura di

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI

FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI FORMAZIONE ESTERNA PER APPRENDISTI Modello per la formazione dei tutor aziendali Allegato alla deliberazione della Giunta provinciale P.V. n. del /0/00 Il Rapporto CFP-imprese nella formazione esterna

Dettagli

La Transizione scuola lavoro

La Transizione scuola lavoro La Transizione scuola lavoro Come facilitare la transizione scuola lavoro dei giovani diplomati Dott.ssa Rita Allia Dott.ssa Cristina Lecci SIFI Società Industria Farmaceutica Italiana - SpA Catania, 28

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

UN GRUPPO DI LAVORO EVOLVE

UN GRUPPO DI LAVORO EVOLVE GRUPPI DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO Un gruppo di lavoro è costituito da un insieme di individui che interagiscono tra loro con una certa regolarità, nella consapevolezza di dipendere l uno dall altro e di

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

Ruolo e attività del punto nuova impresa

Ruolo e attività del punto nuova impresa SISTEMA DOTALE E CULTURA D IMPRESA: UNA RETE DI SERVIZI PER IL TERRITORIO MANTOVANO a cura di Alessandra Ligabue PROMOIMPRESA Ruolo e attività del punto nuova impresa PromoImpresa, in qualità di Azienda

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ.

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. SOGGETTO PROPONENTE/CAPOFILA: ITALIAINDUSTRIA s.r.l. SOGGETTI PARTNER ATTUATORI:

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO Nell ambito delle azioni che CR di Aldeno e Cadine sta promuovendo e consolidando in relazione alle politiche aziendali family friendly oriented, nonché in conformità

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA

GIORNATA DELLA TRASPARENZA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2014 Venerdì 11 luglio 2014 Università per Stranieri di Perugia Palazzo Gallenga, Sala Goldoniana, ore 10:30 Programma: Palazzo Gallenga Piazza Fortebraccio 4-06123 Perugia Italia

Dettagli

LINEA DIRETTA CON ANFFAS

LINEA DIRETTA CON ANFFAS LINEA DIRETTA CON ANFFAS SONDAGGIO TELEFONICO Com è nata l idea del Sondaggio? Il sondaggio nasce dall esigenza, fortemente avvertita nel corso degli ultimi anni, da Anffas Nazionale di trovare un modo

Dettagli

Percorso Formativo. indirizzo. M a r k e t i n g. E - C o m m e r c e

Percorso Formativo. indirizzo. M a r k e t i n g. E - C o m m e r c e Percorso Formativo Tecnici della Gestione Aziendale indirizzo M a r k e t i n g and E - C o m m e r c e DESCRIZIONE DELL INDIRIZZO L'Istituto forma Tecnici della Gestione Aziendale, dotati di conoscenze

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Stress lavoro correlato: potenzialità e limiti nei risultati del monitoraggio Uil sulle modalità applicative dell obbligo di valutazione

Stress lavoro correlato: potenzialità e limiti nei risultati del monitoraggio Uil sulle modalità applicative dell obbligo di valutazione Convegno UIL Bologna 23 ottobre 2014 La valutazione dello stress lavoro-correlato: potenzialità e limiti di un obbligo legislativo Stress lavoro correlato: potenzialità e limiti nei risultati del monitoraggio

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni del personale afferente al Dipartimento delle Professioni Sanitarie:

Sistema di Valutazione delle prestazioni del personale afferente al Dipartimento delle Professioni Sanitarie: 1Pagina 1 di 6 Sistema di Valutazione delle prestazioni del personale afferente al Dipartimento delle Professioni Sanitarie: - OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) - OPERATORE TECNICO ADDETTO ALL ASSISTENZA

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli