Indice: Premessa pag 2. Obiettivi pag 3. Il campione pag 4. I risultati pag 5. Conclusioni pag 22. Allegato: il questionario pag 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice: Premessa pag 2. Obiettivi pag 3. Il campione pag 4. I risultati pag 5. Conclusioni pag 22. Allegato: il questionario pag 23"

Transcript

1 Indice: Premessa pag 2 Obiettivi pag 3 Il campione pag 4 I risultati pag 5 Conclusioni pag 22 Allegato: il questionario pag 23 1

2 LA FARMACIA GUARDA ALLE NUOVE SFIDE. RUOLI E PROSPETTIVE DALLA DISTRIBUZIONE AL SERVIZIO. PREMESSA Il cambiamento di tipo organizzativo e gestionale avvenuto in questi ultimi anni in Italia, vede protagonista il settore della Distribuzione del Farmaco nell acquisizione di nuove forme organizzative e di conoscenze che mirano al miglioramento del servizio offerto al consumatore/cliente. L evoluzione, in atto nel settore, coinvolge sia la domanda (attraverso la presenza di un consumatore più consapevole ed informato) che l offerta (attraverso l inserimento di nuovi prodotti, quali: farmaci generici, prodotti omeopatici ecc.) e, di conseguenza, si appresta ad affrontare le nuove sfide che modificheranno il modo di erogare il servizio. In questo contesto. la Farmacia, essendo il terminale principale del sistema, svolge una funzione strategica. Di fatto, attraverso il contatto diretto con il consumatore, il ruolo sociale e professionale dei Farmacisti viene rafforzato e la Farmacia diviene una delle fonti privilegiate d informazione. L occasione, che permette di approfondire tale realtà, sarà il convegno DOROM: La Farmacia guarda alle nuove sfide. Ruoli e prospettive dalla distribuzione al servizio che si terrà a Bologna il 6 giugno 2003, all interno di Cosmofarma, principale appuntamento annuale dedicato interamente al settore delle Farmacie. Per tale appuntamento DOROM ha previsto lo sviluppo di una ricerca originale che s inserisce in questo percorso e riassume le impressioni e le opinioni dei Farmacisti stessi. 2

3 OBIETTIVI Lo studio si propone di raccogliere i pareri e, soprattutto, di individuare alcuni atteggiamenti dei Farmacisti rispetto all evoluzione percepita, all interno delle seguenti aree tematiche: rapporto Farmacista/Cliente; il Farmacista e la Logistica; l aggiornamento del Farmacista rispetto alle novità dei prodotti. Gli obiettivi individuati dalla ricerca si legano, coerentemente con la raccolta di materiale innovativo ed originale, per avviare e consolidare il percorso di interazione con il Farmacista e per supportare i contenuti del Convegno di Bologna. Inoltre, pur non essendo esplicitato nel titolo del Convegno, la ricerca permette di approfondire e di valorizzare il ruolo che il Farmaco Generico assumerà nell evoluzione futura della Distribuzione del Farmaco. 3

4 IL CAMPIONE La ricerca ha previsto la somministrazione di questionari, condivisi con DOROM, in forma anonima ad un campione di circa 100 soggetti. Per avere un campione territorialmente affine ai potenziali partecipanti al convegno, si sono coinvolti i Farmacisti nelle città capoluogo di provincia limitrofe a Bologna (province suggerite: Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Padova, Parma, Reggio Emilia, Verona). La somministrazione del questionario e la raccolta dei dati è stata suddivisa per il 90% attraverso interviste telefoniche, mentre, per il restante 10%, per mezzo di interviste vis à vis. Attraverso tale suddivisione si è ottenuta una migliore valutazione delle interviste telefoniche e si è garantito un margine adeguato alla raccolta di spunti e opinioni personali. Le interviste sono state eseguite dal Pool stabile di intervistatori di MAYA Idee adeguatamente formati. Il campione, considerato ai fini statistici, comprende, quindi, 100 Farmacisti. Il 60% dei quali ha meno di 50 anni e il 65% è rappresentato da donne (vedi tab. 1.). Tab Il Campione (età e sesso) Fasce d'età % Meno di 35 anni 18, anni 42, anni 28,00 Oltre 65 12,00 Sesso % maschi 35,00 femmine 65,00 4

5 I RISULTATI 5

6 Rapporto Farmacista/cliente Domanda n 1 Come definirebbe il cliente oggi rispetto a 5 anni fa? Consapevole/informato Attento ai prezzi Esigente, richiede informazioni % più 88 meno 0 ugualmente 12 più 90 meno 1 ugualmente 9 più 84 meno 1 ugualmente % 80% 60% 40% 20% 0% Consapevole /i nformato Attento ai prezzi Esigente, richiede informazioni Meno Ugualmente Più Fig. 1. La grande maggioranza dei Farmacisti intervistati si trova concorde nell'affermare che il cliente, nel corso degli ultimi anni, si è dimostrato più attento 6

7 ai prezzi, più consapevole e allo stesso tempo più esigente. Le percentuali ottenute raggiungono livelli elevatissimi: superano sempre l'ottanta per cento. Grazie al contributo delle interviste vis a vis, si è rilevato che oggi il cliente, oltre ad essere più esigente ed informato, dimostra anche una maggiore difficoltà ad orientarsi. Tutto ciò sembra confermare i notevoli cambiamenti che hanno interessato il settore farmaceutico ed in particolare la distribuzione. Analizzando successivamente i dati, secondo la variabile età, non emergono particolari differenze nelle risposte degli intervistati (vedi tab. 2.). Tab Come definirebbe il cliente oggi rispetto a 5 anni fa? Consapevole/informato Attento ai prezzi Esigente, richiede informazioni <50 anni >50 anni tot più 83,33% 95,00% 88,00% meno 0,00% 0,00% 0,00% ugualmente 16,67% 5,00% 12,00% più 90,00% 90,00% 90,00% meno 0,00% 2,50% 1,00% ugualmente 10,00% 7,50% 9,00% più 81,67% 87,18% 83,84% meno 0,00% 2,56% 1,01% ugualmente 18,33% 10,26% 15,15% 7

8 Rapporto Farmacista/cliente Domanda n 2 Quali aspetti, in futuro, saranno più importanti nel rapporto con il cliente? (anche più di una risposta)* Contatto al banco con la clientela 79 Informazione/consiglio 84 Ambiente fisico 34 Completezza dell'offerta prodotti 45 Servizi accessori (misurazione pressione...) Possibilità di vendita e-commerce 11 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % % 80% 79% 84% 60% 45% 46% 40% 34% 20% 11% 0% Contatto al banco con la clientela informazione/cons iglio Ambiente fisico (vetrina,banco e allestimento) Completezza dell' offerta prodotti Servizi accessori Possibilità di vendita e- commerce Fig. 2. 8

9 I Farmacisti attribuiscono alla capacità di gestione delle relazioni umane l'aspetto più importante nel rapporto con il cliente nonostante i cambiamenti in atto siano soprattutto tecnici, economici, legislativi ecc.. Al primo posto, con l'84% delle segnalazioni, è stata indicata l'attività di informazione/consiglio. Il campione ritiene, quindi, che in futuro la professionalità del farmacistà verrà valorizzata e rafforzata. Al secondo posto, con il 79%, i Farmacisti segnalano la capacità (naturale) di interagire con la clientela. Un secondo gruppo di fattori, che determineranno il successo o meno del rapporto con la clientela, risultano essere i servizi acessori (46%), la completezza commerciale dell'offerta (45%) e l'ambiente fisico (34%). La capacità di offrire servizi accessori assume un particolare valore strategico quando la farmacia opera in realtà decentrate. Infatti, con tali servizi, si possono soddisfare le esigenze del cittadino che vive lontano dalle città e dalle relative strutture sanitarie. La completezza dell'offerta dei prodotti e l'ambiente fisico, invece, rientrano maggiormente in un'ottica di commercializzazione dei prodotti farmaceutici. Esplicitando i dati secondo l'età è possibile notare come i dati vengano confermati dai due sottogruppi considerati. (Tab. 3.). Tab Quali aspetti, in futuro, saranno più importanti nel rapporto con il cliente? (anche più di una risposta) <50 anni >50 anni tot Contatto al banco con la clientela; 83,33% 72,50% 79,00% Informazione/consiglio; 86,67% 80,00% 84,00% Ambiente fisico; 31,67% 37,50% 34,00% Completezza dell'offerta prodotti; 43,33% 47,50% 45,00% Servizi accessori (misurazione pressione...); 43,33% 50,00% 46,00% Possibilità di vendita e-commerce; 11,67% 10,00% 11,00% * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 9

10 Rapporto Farmacista/cliente Domanda n 3 domanda? Tra queste categorie di farmaci come prevede l'evoluzione della Farmaci da prescrizione Farmaci da banco (o.t.c.) Farmaci Generici Prodotti Omeopatici Farmaci di origine vegetale % crescente 25,25 costante 45,45 decrescente 29,29 crescente 67,00 costante 29,00 decrescente 4,00 crescente 68,00 costante 18,00 decrescente 14,00 crescente 75,00 costante 20,00 decrescente 5,00 crescente 58,16 costante 34,70 decrescente 7,14 Il campione prevede un generale aumento futuro della domanda di farmaci. Al primo posto vengono segnalati i Prodotti Omeopatici (il 75% delle risposte li indicano in ascesa). Solo il 5% dei Farmacisti ritiene che questi, nel prossimo futuro, conseguano un'evoluzione negativa. I Farmaci Generici sono ritenuti in crescita dal 68% del campione. Il dato, pur essendo positivo, segnala un possibile raffreddamento della domanda. Ciò è testimoniato dal 14% del campione che ritiene calante l'evoluzione della domanda di Generici. 10

11 Sullo stesso livello vengono segnalati in crescita anche i Farmaci da banco (o.t.c.), il 67% degli intervistati, infatti, li ritiene in crescita mentre solo il 4% del campione prevede un loro decremento. Anche i farmaci di origine vegetale confermano il generale trend positvo. Infatti, oltre la metà del campione (58,16%) ritiene in aumento le richieste di farmaci di origine vegetale. Infine, i Farmaci da prescrizione mantengono una presenza costante nel mercato. Il 45,45 % degli intervistati ritengono sostanzailmente stabile la domanda di tali farmaci. Le percentuali di quelli che ritengono crescente o decrescente l'evoluzione futura della domanda sono simili, con un leggero margine di differenza (vedi fig. 3.). 80% 60% 40% 20% 0% Farmaci di prescrizione Farmaci da banco Farmaci generici Prodotti omeopatici % decres. % costante % crescente Farmaci di origine vegetale Fig

12 Rapporto Farmacista/logistica Domanda n 4 Quali fenomeni condizionano maggiormente i processi logistici (magazzino, approvigionamento e distribuzione)? (anche più di una risposta)* Complessità dell'offerta; 52 Continue variazioni di prezzo; 54 Continue variazioni delle condizioni commerciali e di distribuzione; Offerta tecnologica di supporto; 38 Variazioni normativo/legislative; 56 Non risponde 4 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % 41 Complessità dell'offerta 52% Continue variazioni di prezzo 54% Continue variazioni delle condizioni commerciali e di distrib. 41% Offerta tecnologica di supporto 38% Variazioni normativo/legislativo 56% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Fig

13 Le variazioni normativo/legislative influenzano, per oltre la metà dei Farmacisti, la gestione e l'organizzazione delle farmacie. Allo stesso modo, anche la complessità dell'offerta e le continue variazioni di prezzo dei farmaci inducono il Farmacista a delle scelte non facili per la gestione del magazzino e per l'adeguato approvvigionamento. Le variazioni delle condizioni commerciali e di distribuzione condizionano il 41% del campione. Spesso, la presenza di Distributori Farmaceutici (grossisti) aiuta le Farmacie ad ottimizzare la gestione del magazzino, salvaguardando le condizioni economiche anche in presenza d'ordini limitati. L'offerta tecnologica di supporto ricopre un ruolo di facilitazione e di miglioramento del processo logistico sebbene, per il 38% del campione, rappresenti ancora oggi un condizionamento. 13

14 Rapporto Farmacista/logistica Domanda n 5 L'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti come inciderà nella sua capacità di offerta commerciale? (anche più di una risposta)* Indurrà il paziente ad affidarsi maggiormente al consiglio del farmacista; Diminuirà i prezzi con margini di guadagno inferiori; Imporrà una riorganizzazione della farmacia; Nessuna variazione; 8 Non risponde; 1 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % Indurrà il paziente ad affidarsi maggiormente al consiglio del farmacista; 65% Diminuirà i prezzi con margini di guadagno inferiori; 26% Imporrà una riorganizzazione della farmacia; 51% Nessuna variazione 8% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Fig

15 La quinta domanda chiede al Farmacista come l'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti inciderà nella capacità dell'offerta commerciale. Al primo posto (65%) gli intervistati ritengono che ciò inciderà fortemente sulla loro capacità professionale. Di fatto, il paziente sarà indotto ad affidarsi maggiormente al consiglio del Farmacista. Quest'attività di counceling favorirà l'interazione con il cliente, fonte preziosa d'informazione, e incentiverà la ricerca di qualità nell'erogazione del servizio offerto. Per la metà degli intervistati, poi, l'importanza di tali cambiamenti comporterà la riorganizzazione della farmacia. Infatti, la cultura che si sta diffondendo sarà diretta al miglioramento della gestione del cliente e già oggi comporta mutamenti nell'organizzazione delle farmacie. Al terzo posto, poco più di un quarto del campione (26%), ritiene che l'aumento esponenziale dell'offerta commerciale ridurrà, inesorabilmente, i margini di guadagno sulle vendite. Tutto ciò, comunque, non sembra preoccupare la maggioranza del campione; di fatto, se da un lato potrebbero diminuire i margini di guadagno sul singolo prodotto venduto, dall'altro la previsione degli stessi farmacisti di un aumento generalizzato della vendita dei prodotti farmaceutici ne attenuerebbe gli effetti negativi. Solo l'8% dei Farmacisti ritiene che gli attuali e futuri cambiamenti non andranno a modificare il livello di capacità commerciale raggiunto. Tab L'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti come inciderà nella sua capacità di offerta commerciale? (anche più di una risposta)* <50 anni >50 anni tot Indurrà il paziente ad affidarsi maggiormente al consiglio del farmacista; 75,00% 50,00% 65,00% Diminuirà i prezzi con margini di guadagno inferiori; 23,33% 30,00% 26,00% Imporrà una riorganizzazione della farmacia; 48,33% 55,00% 51,00% Nessuna variazione; 8,33% 7,50% 8,00% Non risponde 1,67% 0,00% 1,00% * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 15

16 Infine, è curioso evidenziare una sensibile differenza nella percezione tra i più giovani del ruolo che il Farmacista andrà ad assumere nel rapporto con la clientela. Infatti, ben il 75% del campione, con meno di 50 anni, indica nella capacità di counceling la principale risposta all'ingresso di numerosi nuovi attori e prodotti nel mercato farmaceutico (tale atteggiamento cala, tra gli over 50, al 50%). 16

17 Rapporto Farmacista/aggiornamento Domanda n 6 In prospettiva futura tra queste categorie di farmaci dove sente il bisogno maggiore di assistenza e aggiornamento? (anche più di una risposta)* % Farmaci da prescrizione; 52 Farmaci da banco (o.t.c.); 47 Farmaci Generici; 40 Prodotti Omeopatici; 78 Farmaci di origine vegetale; 61 Nessuna; 1 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 80% 78% 60% 61% 52% 47% 40% 40% 20% 0% Farmaci da prescrizione Farmaci da banco Farmaci generici Prodotti omeopatici Farmaci di origine vegetale 1% Nessuna Fig

18 Il dato presente conferma l'attualità dei Prodotti Omeopatici, in primis, e dei Farmaci di origine vegetale. La curiosità e l'interesse verso tali prodotti è testimoniato dall'elevato numero di Farmacisti che sentono il bisogno di una maggiore assistenza e un maggiore aggiornamento (78% per i prodotti omeopatici, 61% per quelli d'origine vegetale). Al terzo posto, il 52% del campione segnala i Farmaci da prescrizione, seguiti da quelli da banco con il 47%. Ultimi in graduatoria risultano essere i Farmaci Generici, il 40% dei Farmacisti sentono il bisogno di maggiore assistenza e aggiornamento. 18

19 Rapporto Farmacista/aggiornamento Domanda n 7 Qual è lo strumento che ritiene più efficace, in prospettiva futura, per il suo aggiornamento/approfondimento in merito ai prodotti farmaceutici? (anche più di una risposta)* l'informatore farmaceutico; 43 la farmocopea italiana; 22 la farmocopea europea; 21 la scheda tecnica specifica schema caratteristiche di prodotto annuario fornito dalle aziende 12 la banca dati in rete 80 * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% % 47 80% 80% 60% 40% 43% 47% 20% 22% 21% 12% 0% L'informatore farmaceutico La farmacopea italiana La farmacopea europea La scheda tecnica specifica- schema caratteristiche di Annuario fornito dalle aziende La banca dati in rete Fig

20 Appare evidente che, grazie alla rapidità di accesso e alla velocità di aggiornamento, la grande maggioranza del campione ritiene, già oggi, la banca dati in rete lo strumento ottimale per l'approfondimento personale in merito ai prodotti farmaceutici. Molto distanziate risultano le altre opzioni. Al secondo posto, con il 47%, viene indicata la scheda tecnica specifica, al terzo posto (43%) l'informatore scientifico. A tal proposito, è emerso, dalle interviste vis a vis, che tale figura è spesso legata alla forza e alla capacità commerciale dell'azienda che rappresentano. Ciò, a volte, può minare la fiducia e svalutare l'interazione che l'informatore farmaceutico instaura con i Farmacisti stessi. In grave ritardo si posizionano la farmacopea italiana ed europea, rispettivamente al 22% e al 21%. Il dato non mette in discussione il valore scientifico-informativo delle due fonti, ma sottolinea la difficoltà, da parte del campione, di reperibilità e di accesso. Inoltre, rispetto alla banca dati in rete, l'aggiornamento delle farmocopee risulta essere meno celere. Infine, lo strumento meno utilizzato sembra essere l'annuario fornito dalle aziende, infatti, solo il 12% del campione lo considera lo strumento più efficace. L'analisi dei dati offre un ulteriore spunto di riflessione analizzando le diverse fasce d'età (vedi tab. 5.). Tab L'aumento del numero di aziende, marchi e nuovi prodotti come inciderà nella sua capacità di offerta commerciale? (anche più di una risposta)* <50 anni >50 anni tot l'informatore farmaceutico; 38,33% 50,00% 43,00% la farmocopea italiana; 26,67% 15,00% 22,00% la farmocopea europea; 16,67% 27,50% 21,00% la scheda tecnica specifica 51,67% 40,00% 47,00% annuario fornito dalle aziende 13,33% 10,00% 12,00% la banca dati in rete 83,33% 75,00% 80,00% * la percentuale delle risposte è maggiore di 100% 20

21 Secondo le percentuali ottenute, il campione, con meno di 50 anni, dimostra un atteggiamneto più critico nei confronti del ruolo svolto dall'informatore farmaceutico. Il dato può essere interpretato come la richiesta di una riqualificazione della figura dell'informatore che, operando in un settore orientato sempre più ai bisogni del cliente, deve saper distinguersi come fonte autorevole e vicina ai bisogni reali dei Farmacisti. 21

22 CONCLUSIONI Il campione contattato ha fornito numerosi spunti di riflessione, rispetto la percezione che hanno dell'evoluzione in atto da alcuni anni in Italia che coinvolge il settore della Distribuzione del Farmaco. Il primo dato che emerge è la chiara percezione del cambiamento che coinvolgerà nel profondo il ruolo professionale dei farmacisti. Il paziente, oggi, risulta essere di gran lunga più attento alle novità del settore ed è alla ricerca di informazioni che ne facciano chiarezza. Il farmacista quindi dovrà ottimizzare l'attività più propriamente commerciale con la capacità di consiglio/informazione per una completa gestione dei bisogni del cliente. Inoltre, per i farmacisti ascoltati, l'evoluzione della domanda futura di prodotti farmaceutici sembra essere in forte aumento e di conseguenza sarà sempre più importante saper indirizzare e guidare i clienti verso uso consapevole e appropriato dei prodotti. Anche da un punto di vista logistico le continue variazioni normativo/legislative e la complessità dell'offerta creeranno le condizioni per una riorganizzazione delle farmacie, sia nella ricerca di migliori condizioni commerciali e di distribuzione sia nell'organizzazione di front e back stage. L'erogazione del servizio sarà, quindi, il risultato di un equilibrato supporto tecnico/umano alla gestione frontale della clientela. Infine, l'aggiornamento/approfondimento personale del campione si basa sulla banca dati in rete. Diversamente, la figura dell'informatore farmaceutico, pur assicurando una buona credibilità, è spesso legata alla forza e alla capacità commerciale dell'azienda che rappresentano. Ciò, a volte, può minare la fiducia e svalutare l'interazione che l'informatore farmaceutico instaura con i Farmacisti stessi. 22

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati

Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati Pag. . Premessa Il sondaggio on line Buona mobilità affrontava un tema di grande interesse e dal forte impatto sulla vita

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL UFFICIO STATISTICA - VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE Anno 2010 Sondaggio sulle opinioni degli utenti a cura dell del Agosto 2010 ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT FARMACEUTICO Strumenti operativi per lo sviluppo di una cultura e di una gestione manageriale delle farmacie.

EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT FARMACEUTICO Strumenti operativi per lo sviluppo di una cultura e di una gestione manageriale delle farmacie. MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER Strumenti operativi per lo sviluppo di una cultura e di una gestione manageriale delle farmacie. SEDI E CONTATTI Management Academy

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Nucleo di Valutazione di Ateneo. La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche

Nucleo di Valutazione di Ateneo. La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche DOC NdV 03/11 Nucleo di Valutazione di Ateneo La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche Anno accademico 2009/2010 Aprile 2011 A cura dell Ufficio Pianificazione

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Clini: nessuna strategia senza governance Un ritardo di 2 anni. Overcapacity: Pinto (Egl) Rischio oligopolio

Clini: nessuna strategia senza governance Un ritardo di 2 anni. Overcapacity: Pinto (Egl) Rischio oligopolio Clini: nessuna strategia senza governance Un ritardo di 2 anni. Overcapacity: Pinto (Egl) Rischio oligopolio di C. De Amicis Roma, 28 ottobre - L Italia ha bisogno di una riformulazione del quadro delle

Dettagli

Odontoiatria e medicina estetica, nel tempo della crisi Nuovi significati per la cura del sorriso

Odontoiatria e medicina estetica, nel tempo della crisi Nuovi significati per la cura del sorriso Odontoiatria e medicina estetica, nel tempo della crisi Nuovi significati per la cura del sorriso Sintesi dei risultati Milano, Novembre 2014 PREMESSA 2 Premessa AIOP, Accademia Italiana di Odontoiatria

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO LINEE GUIDA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL QUESTIONARIO CONDIVISIONE. FORMAZIONE E INFORMAZIONE Per l attuazione dell

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine a cura di Elena Bensi, Davide Fanzini e Claudia Rossi Osservatorio Mercato del Lavoro, Provincia di Piacenza 1. Premessa

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti:

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti: Introduzione La Regione del Veneto guarda con ottimismo alle sue risorse più preziose - le risorse umane - per garantire uno sviluppo economico, sociale e occupazionale efficace e duraturo per il futuro

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Principali Evidenze e Risultati Sommario Introduzione... 3 Le principali caratteristiche

Dettagli

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Settore Attività industriali, Controlli e Coordinamento Laboratori Viale Restelli, 3/1-20124 Milano Tel. 02-69666385 Fax. 0269666254 e-mail: d.cristofaro@arpalombardia.it

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000 RELAZIONE DEL 2000 EXECUTIVE SUMMARY La presente relazione si riferisce all attività dell Ateneo nell anno accademico 1999/2000, con alcune anticipazioni sull anno accademico 2000/2001, ed è articolata

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale

Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale Indagine sul gradimento dei servizi del Corpo di Polizia Municipale Premessa La qualità delle relazioni tra i cittadini e la Polizia Municipale rappresenta un elemento di centrale interesse per il Corpo,

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM 1.1 CRM e Social CRM Dal momento del suo sviluppo, il CRM è sempre stato utilizzato da molte aziende

Dettagli

Un profilo gravitazionale costruito attraverso le indicazioni di frequentazione dei luoghi di relazione sociale. Alcune suggestioni empiriche.

Un profilo gravitazionale costruito attraverso le indicazioni di frequentazione dei luoghi di relazione sociale. Alcune suggestioni empiriche. Un profilo gravitazionale costruito attraverso le indicazioni di frequentazione dei luoghi di relazione sociale. Alcune suggestioni empiriche. Il rapporto di commento ai dati evidenzia la sovrapposizione

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico

Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico Il questionario conoscitivo rischio clinico è stato somministrato, nel corso dell anno 2006, a tutti i dipendenti dell Azienda Ospedaliera Ospedale

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

La valutazione dei cittadini sulle Farmacie Comunali:

La valutazione dei cittadini sulle Farmacie Comunali: La valutazione dei cittadini sulle Farmacie Comunali: Presentazione dei risultati di un indagine di customer satisfaction Dr. Luciano Taborchi Dirigente Settore Servizi istituzionali al Cittadino Comune

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

TERZO SETTORE. ASSISTENTI SOCIALI: WELFARE SMANTELLATO, CHIEDIAMO SISTEMA PIÙ GENEROSO

TERZO SETTORE. ASSISTENTI SOCIALI: WELFARE SMANTELLATO, CHIEDIAMO SISTEMA PIÙ GENEROSO Welfare: assistenti sociali, troppi tagli, noi 'burocrati' Ricerca; 'nostra azione limitata da sistema rudimentale' (ANSA) - ROMA, 29 OTT - Troppi tagli al welfare e servizio sociale "rudimentale", ovvero

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione PREMESSA METODOLOGIA Nell ambito del sistema di prevenzione e di tutela della Salute e Sicurezza

Dettagli

La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. ottimizzazione dei processi

La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. ottimizzazione dei processi La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. La tracciabilità come garanzia di sicurezza e ottimizzazione dei processi Costi Standard e misurazione delle performance nei processi di approvvigionamento.

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

La Customer satisfaction nel settore assicurativo

La Customer satisfaction nel settore assicurativo La Customer satisfaction nel settore assicurativo Lo studio del rapporto tra assicurati e assicuratori, con particolare attenzione per la soddisfazione nei confronti del servizio, fa parte delle attività

Dettagli

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista PierLuigi Zoccatelli Brevi cenni sull indagine Nella settimana fra il 30 settembre e il 7 ottobre 2010 si è svolta un

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Opinioni e atteggiamenti dei cittadini

Opinioni e atteggiamenti dei cittadini Il mercato del gas in Italia: Opinioni e atteggiamenti dei cittadini (Da Osservatorio Energia 3 monitor maggio 2011) Milano, 5 luglio 2011 (Rif. 1126v211) Indice 2 Obiettivi e metodologia Pag. 3 Dati di

Dettagli

I principali dati emersi Sinteticamente, ecco alcuni dei dati emersi 1

I principali dati emersi Sinteticamente, ecco alcuni dei dati emersi 1 Quando i giovani partecipano: prima indagine nazionale sulla presenza giovanile nell associazionismo, nel volontariato e nelle aggregazioni informali Sintesi rapporto Febbraio 2010 Perché questa ricerca?

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011 Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori Marzo 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna.

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. Rilevazione della qualità del servizio e individuazione delle azioni da intraprendere per migliorarla. 20 Indice Introduzione... 3 La diffusione

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Formarsi è lavorare su se stessi crescere motivandosi spingere i desideri fino a realizzare se stessi La ricerca che viene qui proposta si inquadra

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012 Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana Risultati dell indagine di clima interno Anno 2012 Laboratorio MeS Istituto di Management Firenze, 22 Febbraio 2013 Premessa Il presente

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

- Allegato COMUNICATO STAMPA -

- Allegato COMUNICATO STAMPA - - Allegato COMUNICATO STAMPA - DATI 1^ Ricerca sulla percezione della sicurezza quanto ad EXPO2015, intitolata "EXPO2015: Sicurezza, Continuità, Vigilanza e Tutela dell'esposizione Universale I primi risultati

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Progetto Linea terza Età Insieme contro la povertà Rapporto di ricerca Indagine conoscitiva fra i consumatori ANZIANI E POVERTÀ

Progetto Linea terza Età Insieme contro la povertà Rapporto di ricerca Indagine conoscitiva fra i consumatori ANZIANI E POVERTÀ Progetto Linea terza Età Insieme contro la povertà Rapporto di ricerca Indagine conoscitiva fra i consumatori ANZIANI E POVERTÀ Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai

Dettagli

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica Novembre - Dicembre 27 Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica A cura di Francesca Dallago 4.. Caratteristiche dell indagine PERIODO DELLA RILEVAZIONE: Novembre-Dicembre 27 STRUMENTO

Dettagli

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative Presentazione dei risultati della ricerca sui fabbisogni formativi delle imprese e sui profili professionali nei trasporti e nella logistica in Emilia-Romagna Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE CONFERENZA STAMPA DEL 12 NOVEMBRE 2014 PRESENTAZIONE DEI PRIMI RISULTATI DELLA RICERCA A cura di Paolo Molinari e Anna Zenarolla, IRES FVG Impresa Sociale

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

INDAGINE RISULTATI 'UFFICIO RELAZIONI ELABORAZIONE QUALITÀ DEI SERVIZI CAMERALI A CURA DELL'U CON IL PUBBLICO U. R. P.

INDAGINE RISULTATI 'UFFICIO RELAZIONI ELABORAZIONE QUALITÀ DEI SERVIZI CAMERALI A CURA DELL'U CON IL PUBBLICO U. R. P. INDAGINE TRIMESTRALE PER RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE ESPRESSO DAI PROPRI UTENTI SULLA QUALITÀ DEI SERVIZI CAMERALI RISULTATI A CURA DELL'U 'UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO ELABORAZIONE ULTIMATA

Dettagli

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice Report SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS OFF-LINE Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli Indice Le fasi per la realizzazione dell indagine...2

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche

CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche ELABORAZIONE DATI CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche Comportamenti professionali che gli operatori Co.Libri' si impegnano ad attuare, rispettare e promuovere nella gestione dei servizi di biblioteca

Dettagli

Uffici Relazione con il Pubblico dell Azienda USL di Ferrara e cittadini: esperienze di Partecipazione, Ascolto e Tutela

Uffici Relazione con il Pubblico dell Azienda USL di Ferrara e cittadini: esperienze di Partecipazione, Ascolto e Tutela Uffici Relazione con il Pubblico dell Azienda USL di Ferrara e cittadini: esperienze di Partecipazione, Ascolto e Tutela L Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) rappresenta il punto di incontro tra l

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli