ancora molto ben conservati nonostante il bombardamento del '41. Ne hai mai sentito parlare? Pensa quale disastro avrebbe potuto fare quella bomba se

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ancora molto ben conservati nonostante il bombardamento del '41. Ne hai mai sentito parlare? Pensa quale disastro avrebbe potuto fare quella bomba se"

Transcript

1 Un individuo alquanto singolare fa ritorno dopo diversi anni nella sua città natale e ne riscopre a poco a poco la magia. A seguito di un incontro inaspettato capirà che ormai è giunto per lui il momento di scegliere se continuare a vivere una vita avventurosa e spericolata o, al contrario, rimanere là dove il cuore ha già cominciato a mettere le proprie radici. * Ero appena sbarcato a Genova, e già mi ero perso. Credete sia facile per un forestiero orientarsi? Io sono uno spirito libero, non ho una sede fissa: ho girato decine e decine di paesi diversi in questi anni, senza mai fermarmi. Eppure ogni volta mi ritrovo qui, nella città dove sono nato e di cui, tuttavia, so davvero poco: e mi perdo. Forse è per questo che cerco sempre di farvi ritorno e di soggiornarvi il più a lungo possibile, per sentirla un po' più mia... Ma devo stare attento: devo muovermi nel buio, invisibile e leggero come una piuma, proprio come quella sera. Il viaggio non era stato poi così male. Le sale macchine delle navi cisterna sono sempre abbastanza grandi per trovarvi un giaciglio sicuro e passare inosservati e, tralasciando il fracasso continuo e il tanfo insopportabile di nafta, lo definirei un alloggio più che onorevole per uno nella mia condizione. Avrei preferito una sistemazione ai piani alti con vista mare, ma era già tutto esaurito. Come stavo dicendo, ero sceso della nave cercando di passare inosservato e correndo il più velocemente possibile in direzione dell'imboccatura di Vico Valoria. Quella era infatti la mia destinazione, ma fui costretto a vagare per ore prima di raggiungerla. Non ne fui però dispiaciuto: tutt'altro! Unica anima viva a quell'ora della notte, ne approfittai per studiar meglio la zona e per orientarmi in quei caruggi millenari, dove ogni pietra e ogni saracinesca abbassata nasconde una storia ed il silenzio non riesce mai a regnar da padrone, che sia per la sirena di una nave o per un gridolino sommesso dietro l'angolo. <<Isach, vegni chi : da questa parte!>>. Riconobbi subito quella voce: finalmente qualcuno era venuto a cercarmi! <<Scusami, zio, temo di aver girato mezzo centro storico prima di trovare le via giusta>>. <<Eh, figgieu, volete tutti andare all'estero e poi non trovate nemmeno più la strada di casa: anému va, ke n aspétan>>. Ero praticamente arrivato: ancora due svolte a sinistra e avrei potuto fare tutto da solo, ma ero davvero contento che ci fosse qualcuno con me. Ci arrampicammo su un tubo si scolo fino al terzo piano, poi proseguimmo per un pezzo di cornicione fino al tetto della casa vicina: da quanto tempo non vedevo un tetto di ardesia! C'erano tutti: zia Ida, Elsa, Maddy e la piccola Sophie che ormai era diventata grandicella. Dopo varie 1

2 musate e strette di coda, potei finalmente godere di un pasto sostanzioso dopo giorni di stenti. <<Qui sotto la rumenta non manca mai, è una fortuna che non abbiano spostato i cassonetti>> <<Già, peccato che sia sempre io a dover andare a fare la spesa>> ribatté infastidita Elsa. <<Quante storie! Piuttosto, che ne diresti di portare tuo cugino a fare un giro per la città domani? Sono sicura che si è già dimenticato di tutti i bei posti che ci sono>>. <<Oh, zia, come potrei dimenticarli? Non avrò un gran senso dell'orientamento, ma non posso rimuovere ciò che ho impresso nel cuore! Piuttosto, non vorrei che fosse un problema per Elsa: in tal caso potremmo rimandare a un'altra volta>>. <<Assolutamente no: anche nel caso avesse avuto qualche impegno, non sarà certo un problema per lei rinviarlo. Non è forse così, figietta?>>. <<Certamente, mamma...>> e se ne andò senza degnarci di uno sguardo, zampettando irriverente in cima al tetto. <<Fa sempre così, non farci caso>> mi sussurrò Sophie all'orecchio, e andò via anche lei. Dopo aver parlato a lungo ed esserci raccontati gli avvenimenti degli ultimi tempi, ci ritirammo tutti in un anfratto coperto da un tegola dissestata. Il sole stava per sorgere: era tempo per noi di andare a dormire. <<Allora, possiamo andare?>> Nemmeno mi accorsi della sua voce: qualsiasi topo avesse trovato per primo la strada per arrivare fin lassù, avrebbe sicuramente meritato di essere citato in quelle canzoni che si imparano fin da cuccioli e che vengono tramandate di generazione in generazione. Ci trovavamo esattamente sulla cima del campanile della chiesa di San Lorenzo e davanti a noi si estendeva un mare diverso da quello che gli umani sono soliti vedere: una distesa interminabile di tetti e comignoli a cui nessuno fa mai caso, nascosti durante il giorno e invisibili la notte. Ma è proprio col buio che quel mare prende vita, quando la sua superficie viene increspata dal via vai continuo dei topi pendolari e dei cuccioli esuberanti. <<Be', mi hai sentito?>> E come avrei fatto a non sentirla, dato che mi aveva squittito proprio nell'orecchio? <<Facciamo così, Elsa: va pure con i tuoi amici. Tranquilla, non dirò niente a tua madre. Ci vediamo a casa, intesi? E mi raccomando, sta' attenta>>. Preferivo trascorrere l intera nottata da solo piuttosto che stare ancora a sentirla sbuffare. Mi drizzai sulle zampe per controllare in che direzione andasse. Sapeva la storia dell'edificio su cui si era arrampicata due minuti prima? Conosceva davvero la sua città? Cara cuginetta in piena crisi adolescenziale, lo sai che i lavori per la costruzione di questa cattedrale, nonché Duomo della tua città, ebbero inizio oltre nove secoli fa e terminarono verso la fine del XIV secolo? Lo puoi constatare dalla commistione di stili che vanno dal romanico al gotico, per fortuna 2

3 ancora molto ben conservati nonostante il bombardamento del '41. Ne hai mai sentito parlare? Pensa quale disastro avrebbe potuto fare quella bomba se fosse esplosa! Non avresti potuto...ma cosa sto dicendo: perché mai dovrebbe interessarle? Non è nella natura di un topo perdere tempo a discutere di arte e cultura. Forse a Firenze potrei trovare qualcuno come me, o a Roma, ma non certo qui a Genova. Eppure sarebbe una città in grado di offrire davvero molto se solo fosse valorizzata un po' di più. Ah, se solo fossi un uomo! Intraprenderei la carriera politica anche solo per dare una lezione a quelli come mia cugina. Ministro dell'istruzione, sì, o anche solo Assessore alla Cultura: bisogna partire dalla scuola per riformare una società. Laboratorio pomeridiano sul dialetto territoriale in tutte le scuole primarie facoltativo, ovviamente: non si comincia mai seguendo una linea troppo drastica più storia dell'arte e musica. Che si imparino a memoria più filastrocche, e... E ora da che parte vado? Mi ero infilato nello stesso tombino che avevo imboccato poco prima con Elsa, ma non riuscivo assolutamente a ricordare da dove fossimo passati. Optiamo per la strada della virtù pensai, e voltai a destra. Inizialmente non notai nulla di particolare: piccole colonie qua e là, consueto odorino delizioso, zampe imbrattate di fanghiglia...nulla di strano. Fu l'istinto a guidarmi, ancora oggi non saprei spiegarmelo in altro modo. Anziché proseguire per la galleria principale, mi introdussi in uno stretto e buio cunicolo che aveva attirato la mia attenzione. Lo spazio era appena sufficiente per un esemplare adulto e sbattevo continuamente la coda sulle pareti. Sempre più stretto, sempre più buio. Ebbi paura, presto fui terrorizzato, ma non potevo tornare indietro: ero bloccato. Mi mancava l'aria, sentivo il sangue pompare violentemente nelle orecchie. Fui tentato di gridare, ma non ne ebbi la forza. Finalmente raggiunsi il fondo e mi trovai in un ampio vano circolare, sul quale si affacciavano altre quattro aperture del tutto identiche a quella che si trovava alle mie spalle. Lontano, da qualche parte, una goccia cadeva a intervalli regolari sul pavimento bagnato e il suo eco giungeva fino a me. Era quello l'unico rumore: persino il mio cuore aveva smesso di battere per qualche istante, e io non osavo respirare. Tutto a un tratto udii un rumore, ma era impossibile capire da dove venisse: poteva essere il cunicolo a destra o quello a sinistra, o addirittura quello da cui ero appena uscito. Qualcosa, comunque, si era mosso, ne ero certo. Feci per tornare indietro e subito due occhi iniettati di sangue mi si pararono davanti, cerchi di fuoco nell'oscurità. Squittii di terrore e provai a scappare, ma inciampai nella coda e caddi a terra sulla schiena: ero in trappola. <<Ti prego, non farmi del male, qualunque cosa tu sia!>> L'essere si arrestò, stette immobile per qualche istante. Poi riprese a muoversi girandomi intorno. <<Più passa il tempo e più mi convinco che voi topi di città siate geneticamente predisposti alla stupidità>> affermò disgustata la creatura, e si arrestò nuovamente. <<Vattene, non c'è nulla da vedere qui>>. 3

4 Ma come prima il mio animo era stato invaso dalla paura, così in quel momento non riuscii a contenere la curiosità appena nata. <<Avvicinati, ti prego>> chiesi, riflettendo troppo tardi sul fatto che si sarebbe potuta rivelare una sgradevole imprudenza. Un ringhio sommesso fu la prima risposta. <<Per favore>> Fu allora che lo vidi. Un topo pelle e ossa, dal pelo chiarissimo, il muso deformato e devastato su tutto il lato sinistro. Mi guardava torvo, gonfio di disprezzo. <<Vattene ora che hai visto, tornatene da dove sei venuto. Fa' come hanno fatto tutti gli altri: fuggi e torna a vivere nel tuo mondo, disgraziato!>>. <<Allora è vero...>> dissi meravigliato <<E' vero che qualcuno in città ha visto dei topi bianchi aggirarsi per le fogne! Ma dimmi: come siete giunti qui?>> Non ricevetti una risposta immediata: furono gli occhi a parlare per primi. Fissi su di me, non perdevano un solo mio cenno o movimento. Mi studiavano, cercavano di capire. <<Tu non scappi...>> <<Io non ho paura di te>> <<Tu non scappi perché non sai...>> <<Cosa non so?>> <<Quello che ci hanno fatto: quello che ci ha ridotti così!>> gridò, e alla perplessità seguì il dolore. Non potevo andarmene, non ora che avevo visto in faccia quel topo. Ormai il suo volto era impresso indelebilmente nella mia mente. Volevo saperne di più, volevo aiutarlo. <<Non ci posso credere...>> <<Già, Non ci posso credere : è quello che dicono tutti. Non è possibile, Sei impazzito, Forse è uno spettro... Per questo mi sono ritirato qui, lontano da tutto e da tutti. Ero stufo di non essere creduto. Vivere nel dolore è un'esperienza di per sé atroce, ma essere ignorati è ancora peggio. Eppure è tutto vero. Come ti ho appena detto, non ho altri ricordi prima di quella gabbia. Ero con mia moglie e i miei tre topolini: non ci avevano diviso, forse per darci qualche speranza di poter affrontare quella strana avventura tutti insieme e di poter far presto ritorno a casa. Ogni giorno ci tiravano fuori di peso immobilizzandoci; poi spingevano una strano tubicino metallico sotto il pelo, penetrando in profondità nella carne. Che strazio sentire i miei piccoli strillare dal dolore! Alla fine facevamo sempre ritorno al nostro freddo e spoglio alloggio, con l'unica consolazione di essere ancora tutti insieme. Un giorno, però, mi ritrovai solo nel mio giaciglio. Nessuno aveva ancora riportato indietro la mia famiglia e certo non potevo, non volevo nemmeno pensare che avrei anche potuto non rivederli più. I giorni passavano e ormai ero l'unico ad uscire ed entrare in quella maledettissima gabbia. Non ricordo esattamente cosa sia successo in seguito. Ricordo solo di essere caduto a terra e di essermi nascosto in un 4

5 angolo al buio, sotto uno strano mobile. Attesi la notte: quando tutte le luci si spensero, mi arrampicai rapido fino a un canale per l'aria che tante volte avevo pensato di imboccare. Era l'unica via di scampo possibile e sperai che mia moglie e i piccoli fossero fuggiti proprio di lì senza aver avuto il tempo di avvertirmi. Non so quanto tempo sia passato da allora, ma non li ho più rivisti. E ora guarda come sono ridotto. Vedi tutte queste cicatrici? Pensa, sono stato il più fortunato di tutti: ad altri gli umani mozzarono persino le dita delle zampe! Tu dici che qualcuno ha visto aggirarsi per le fogne dei topi bianchi: ebbene, uno solo è l'esemplare di cui parlano, ed è seduto proprio di fronte a te, invisibile ai loro occhi e muto alle loro orecchie...>>. La sua voce era rotta dal pianto: ripensava ai bei tempi felici e viveva così il più grande dolore. <<Amico mio, la tua storia mi ha fatto venire in mente un'altra vicenda del tutto simile a questa. Prima di raccontartela, però, vorrei che tu venissi con me in superficie. Non guardarmi così, so quel che dico: il posto in cui voglio portarti non dista molto da qui. Abbi fede e seguimi>>. Era ormai giorno inoltrato e la città rumoreggiava frenetica sopra di noi. Sbucammo fuori in pieno Vico Serra e rischiammo più volte di essere visti: anzi, non escludo che l'urlo di quella donna fosse proprio rivolto a noi due. Cornicione dopo cornicione, tetto dopo tetto, giungemmo finalmente di fronte ad un palazzo imponente, molto più bello e decorato degli altri. <<Che razza di posto è questo?>> mi chiese il mio compagno. <<Avremo modo di parlarne più tardi: ora sali sul davanzale di quella finestra e ascolta>>. Era in corso una conferenza a Palazzo Ducale per la ricorrenza della sessantatreesima Giornata della Memoria. Pochi topi ne erano al corrente ma, come ho già detto, io sono un topo diverso da tutti gli altri. Era mia intenzione rendere partecipe il mio nuovo amico di quello che era successo, condividere con lui il ricordo di un evento che aveva spesso tormentato le mie notti. <<Com'è possibile? Gli animali sono fatti per cacciare o essere cacciati, sottomettere o essere sottomessi, ma mai avrei pensato che ciò potesse accadere all'interno della propria specie!>>. <<Infatti solitamente non avviene>> dissi <<E' per questo che continuano a parlarne: affinché tutti sappiano e non si commettano più gli stesi errori. Ecco perché ti ho portato qui: non nasconderti più nell'ombra di un mondo cieco, esci alla luce! La tua storia merita di essere raccontata, tutti devono sapere quello che è accaduto. Poco importa quanti ti derideranno: vale la pena di tentare ugualmente, cominciando proprio da qui>>. I giorni passavano e ormai non avevo più bisogno dell'aiuto di Elsa per orientarmi. Finalmente eravamo riusciti a trasferirci Sottoripa come avevamo sempre desiderato. Altro che cassonetti! Quel profumino delizioso proveniente alle piccole rosticcerie lì nei paraggi attirerebbe persino la più selvaggia delle pantegane e basta percorrere un centinaio di metri sotto la strada per arrivare in tutta 5

6 comodità e sicurezza al mare. Un giorno incontrai il buon topo bianco. Mi raccontò che, come aveva previsto, quasi nessuno sembrava disposto a credere alla sua storia ma che tuttavia era intenzionato a proseguire la sua opera. <<Parlami un po' di questa zona, Isach: è così diversa da quella in cui risiedo io!>> << Qui siamo proprio di fronte al Porto Antico, amico mio: quando Genova era una grande Repubblica Marinara, le sue navi attraccavano in questo golfo e i marinai, stanchi per il lungo viaggio, trovavano ospitalità nelle tante taverne nascoste fra le crêuze. Non era un luogo molto sicuro per la gente comune, specialmente la notte, quando uomini e donne di malaffare uscivano allo scoperto proprio come noi topi. E' un destino comune a tutte le antiche città portuali, come Barcellona, per esempio. Non sai dove sia? E' molto distante da qui, eppure si affaccia su questo stesso Mar Mediterraneo: ci sono stato più volte e trovo che sia molto simile a Genova. Sono certo che piacerebbe anche a te. Com'è fatta una nave? Devo proprio spiegarti tutto! No, non guardare a sinistra: quello è il Bigo e da lì gli umani possono contemplare la città dall'alto, proprio come facciamo noi quando ci arrampichiamo sui tetti. Guarda a destra, piuttosto; là in lontananza puoi vedere quelle immense case galleggianti di metallo con tanto di finestre e camini: quelle sono le navi moderne. Un tempo invece, all'epoca di cui ti stavo parlando prima, dovevano essere più o meno come questa di legno davanti a noi. Immagina, amico mio, di essere nella stiva di una galea come quella disponendo di tutto il cibo che desideri e di salpare alla volta di un continente sconosciuto. Così fece Cristoforo Colombo nel 1492 quando partì per le Indie, non sapendo a quale grande sorpresa sarebbe andato incontro, ed era genovese, per quanto possano dire gli spagnoli, genovese e... <<Tu sei nato per viaggiare, Isach>> mi interruppe il mio compare <<Girare il mondo per apprendere tutto ciò che è nei limiti delle possibilità di un topo, se non di più. Perché non partiamo insieme? Ormai tutti qui conoscono la mia storia: potrei girare di città in città con te e renderla nota anche all'estero, dove forse esistono davvero topi disposti a credermi. Cosa ne pensi?>>. Sospirai a lungo, incerto su cosa dire: quel topo confidava così profondamente in me...come avrei potuto deluderlo? Il tempo stringeva: dovevo prendere una decisione. <<Hai ragione, in questi anni la mia sete di conoscenza non ha fatto che aumentare. Più città incontravo sul mio cammino e più ne avrei voluto visitare; ogni topo era davanti ai miei occhi come un antico codice manoscritto da analizzare ed interpretare per risalire alla sua storia e, così, a quella della sua colonia e del quartiere in cui risiedeva; tutto ciò che mi si presentava era come contornato da uno strano alone di magia. Prima di addormentarmi, però, pensavo sempre a quel tetto su cui avevo giocato da cucciolo. A volte mi pareva di sentire la signora del quarto piano ciatelare con la vicina e il profumo di stoccafisso con patate e olive quanto mi piace! Ho ben presente l'adrenalina della partenza, le aspettative per un nuovo viaggio che dovrà per forza essere 6

7 più bello ed elettrizzante del precedente. Quante avventure, quante topoline nuove da corteggiare fino all'alba e anche più! Potremmo star via giorni, mesi, anni: chi lo sa con quale nave faremmo ritorno. Ma... se ghe penso allôa mi veddo o mâ, veddo i mæ monti e a ciassa da Nûnsiâ: riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu, veddo a lanterna, a cava, lazû o mêu...>> E' difficile trovare un topo stonato quanto me, ma in quel momento cominciai a cantare così, naturalmente, senza nemmeno rendermene conto: fissavo la lanterna in lontananza, seguivo il percorso che il suo faro disegnava in quel cielo scuro, senza stelle. <<Benché mi sia sfuggito il senso di molte parole, penso di aver inteso quale sia la tua risposta. Non preoccuparti per me: il dolore mi ha reso più forte. Riguardati, Isach, e goditi appieno la tua bella città>> Detto così, scivolò giù per il canale di scolo, ringraziandomi ancora una volta per averlo strappato alle tenebre e all'umidità del sottosuolo. Decisi di aspettare l'alba sul tetto, ripromettendomi di ricercare il mio amico per dargli qualche indicazione utile per il viaggio. Non aveva importanza dove mi sarei addormentato: finalmente ero a casa, ovunque andassi....e sensa tante cose o l'è partio e a Zena o g'ha formòu torna o seu nio. 7

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

La vita di LUCIA. raccontata ai fanciulli

La vita di LUCIA. raccontata ai fanciulli PRIMA PARTE La vita di LUCIA raccontata ai fanciulli Ciao, bambini. Io sono Lucia, Santa Lucia. Tra qualche giorno sarà la mia festa; chiaramente siete tutti invitati! Però, per prepararci meglio a questa

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli