Aspetti sanitari dell'inquinamento delle acque e rimedi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti sanitari dell'inquinamento delle acque e rimedi"

Transcript

1 Aspetti sanitari dell'inquinamento delle acque e rimedi Il Relatore introduce il suo dire con la seguente premessa: Ringrazio per l'invito e per le cortesi parole rivoltemi e mi compiaccio con gli Organizzatori del Convegno, perché siffatti problemi, soprattutto se dibattuti in sede locale, permettono di fare qualcosa di positivo. I congressi sono sempre gli stessi e quello che vi dirò è, in fondo, la sintesi di quanto più volte ho detto in riunioni di tipo scientifico; ma da queste idee generali emergeranno elementi per risolvere i vostri problemi locali. Mi rivolgo ai giovani presenti, allievi degli Istituti Tecnici, dai quali noi aspettiamo molto per l'avvenire, perché il problema dell'inquinamento non può essere affrontato e risolto dall'oggi al domani, né con il solo trattamento delle acque inquinate mediante gli impianti di depurazione; spesso è possibile combatterlo a monte, creando un tipo di tecnologia pulita, che non ci dia inquinamento. Prima di approfondire l'argomento che mi è stato affidato, devo dire che come tecnico dell'impiantistica per la parte biologica, mi sono formato a Foggia, città che ha la fortuna di avere due grandi istituzioni: la stazione sperimentale di depurazione e la stazione zooprofilattica. È alla stazione sperimentale di depurazione che, ospite dell'ente Autonomo Acquedotto Pugliese, per anni ho studiato la biologia degli impianti di depurazione, validamente coadiuvato dall'amico Venanzio Cufone, tecnico impareggiabile in questo settore. In Italia molti impianti potrebbero rendere di più se ci fossero tecnici ben preparati. Sappiate che gli impianti ben tenuti non fanno apparire la materia che si tratta; dalle diapositive che proietterò vedrete che possono sembrare dei veri giardini con vasche. Nella Stazione Sperimentale di Foggia ho lavorato per ore e giorni per studiare la biologia degli impianti, e non apparivano segni esterni della materia trattata. I rifiuti fanno parte della vita, si reinseriscono nella vita, perché si trasformano in alimenti attraverso il ciclo della materia. Ciò premesso, passo ad esaminare il problema dell'inquinamento da un punto di vista generale e da questi concetti generali potranno essere ricavati gli elementi necessari per le azioni locali da prendere, 145

2 quando parleremo del problema particolare di Foggia. Darò una visione generale del problema, molto riassuntiva, che come tale avrà una enorme quantità di lacune; ma non è possibile trattare un argomento così vasto, in un breve spazio di tempo, senza omissioni. L'umanità ha moltissima acqua a disposizione, perché solo gli oceani coprono il 71% della superficie terrestre, con una profondità media di metri. Ma l'acqua utilizzabile è pochissima rispetto a questo enorme quantità a disposizione (Fig. 1) per cui dobbiamo essere dei buoni amministratori oggi, mentre per domani speriamo di avere la possibilità di utilizzare anche parte del resto. Il punto più importante però è questo: l'acqua che noi possiamo utilizzare è sempre la stessa che ricircola, perché dopo l'evaporazione cade sotto forma di pioggia sulla superficie degli oceani e sul terreno. Ma anche quella che cade sulla terra in gran parte affluisce al mare, come è affermato nel Vecchio Testamento: «Tutti i fiumi corrono al mare ed il mare non trabocca; donde i fiumi vennero, là essi ritornano». Praticamente l'acqua è in continuo movimento e in questo suo giro subisce le diverse trasformazioni a seconda del luogo e, quindi, i diversi inquinamenti. Essendo poca l'acqua buona a nostra disposizione, molte volte siamo costretti a riutilizzarla anche sporca o dopo trattamenti diversi. Gli esempi che faccio sono casi limite che potrebbero ancora essere validi anche per le nostre regioni ed anche per il nostro Paese: in Olanda, l'aia, non avendo possibilità di approvvigionarsi di acqua da sorgenti profonde, ha trovato sulle dune una falda abbastanza profonda e buona da cui la estrae. Si tratta di acqua piovana che è filtrata attraverso le dune e che viene captata e portata in città con una condotta di 32 Km. Poiché l'acqua così recuperata è ormai diventata insufficiente, da un canale del Reno, inquinato dai battelli, si pompa altra acqua, che si butta su queste dune cintate, si fa scendere in profondità, incrementando così quella falda da cui l'aia già si approvvigionava. Un altro esempio è quello di Israele, dove chiaramente appare lo sforzo che talora deve fare l'uomo per riutilizzare la poca acqua a disposizione. Tel Aviv, per esempio, pur essendo sul mare, non scarica in esso i suoi liquami ma li pompa a monte e, dopo averli trattati opportunamente, li sparge su determinate superfici di terreno. Così facendo non inquina il mare e fertilizza il deserto, perché le acque di fogna, se non contengono determinati contaminanti chimici, sono degli ottimi fertilizzanti. Inoltre arricchisce la falda del sottosuolo, a cui attinge per i suoi fabbisogni. Un altro esempio è quello di Costanza, sul mar Nero, ove si pompa l'acqua a monte per fertilizzare le terre solo d'estate, epoca di movimento turistico balneare. Altri esempi li abbiamo in Italia nel settore industriale. L'Italsider di Napoli, infatti, capta parte delle acque di fogna (qualcosa come litri al secondo), le tratta in un certo qual modo e poi le usa per raffreddare i suoi impianti. Altro esempio di riutilizzazione delle acque di rifiuto 146

3 come fertilizzanti si ha ad Achères, vicino Parigi, dove le acque di fogna, dopo un trattamento adeguato non molto spinto, vengono utilizzate per la fertilizzazione del terreno. I famosi sedani parigini vengono da queste zone. Esaminiamo ora le modalità dell'inquinamento. Un aspetto nuovo del problema, constatato negli ultimi anni, è quello dell'inquinamento per trasporto atmosferico a grandi distanze, messo in luce con gli studi sulla radioattività, particolarmente in occasione dell'esplosione della bomba atomica cinese nel 1956, quando già al mondo vi erano delle stazioni pronte per gli studi del genere. Si è visto che questa nube atomica può circumnavigare la crosta terrestre più volte nella stratosfera prima di ricadere per fall-out, cioè per caduta gravitazionale, oppure per wash-out, cioè per lavaggio dell'atmosfera. Questo studio ha fatto sì che negli ultimi anni si sia potuto accertare che anche altri contaminanti tradizionali seguono un analogo trasporto atmosferico che poi interessa le acque. Si sa che i ghiaccia si rinnovano continuamente per continuo deposito di neve in superficie e scioglimento alla base, con ritmo lentissimo, abbastanza ben valutato. Anche il fondo dei mari e degli oceani aumenta per costante deposito di sedimenti. Esaminando i vari strati dei ghiacciai e dei sedimenti dei mari con prelievi di carote, si può risalire a quello che è avvenuto migliaia e decine di migliaia di anni 147

4 fa. Carote dei ghiacciai della Groenlandia ci provano che il piombo arrivava sulle nevi della Groenlandia portato dai venti naturali già prima dell'800 a. C., epoca in cui era rimosso dalla crosta terrestre per e- rosione naturale dei venti (inquinamento di fondo). Poi l'uomo ha cominciato a farne uso per utensili, successivamente per l'industria e, negli ultimi tempi, come antidetonante nelle benzine. In tal modo l'uomo ha mobilizzato sempre più il piombo che fa parte della crosta terrestre in modo eccessivo rispetto a quella che sarebbe la mobilizzazione naturale; tanto è vero che sui ghiacciai della Groenlandia il piombo è aumentato di 500 volte negli ultimi 40 anni (Fig. 2). Come componente della terra il piombo è sempre esistito nei fiumi, negli alimenti, in noi; però adesso si è mobilizzato eccessivamente, con i pericoli che ne possono derivare. Queste osservazioni valgono anche per gli altri contaminanti naturali (mercurio, rame, ecc.), mentre sono apparsi nuovi contaminanti artificiali. Il D.D.T. è stato trovato nei grassi delle balene dei Poli, il mercurio si trova negli uccelli, e lo stesso D.D.T. è stato trovato nei ghiacciai del Caucaso in Russia, nei ghiacchiai del monte Olympus in America, in epoche corrispondenti all'inizio del suo impiego nei due paesi. Non v'è dubbio, quindi, che molti di questi contaminanti vengono veicolati per via atmosferica. Quando parliamo di inquinamenti dobbiamo cercare di tener presenti le differenti qualità di contaminanti, perché a seconda di esse diverso è il pericolo; e conseguentemente diverso deve essere il tipo e sopratutto la priorità di intervento. Infatti, da medico, se dovessi decidere, farei abolire prima quei contaminanti che causano danni sicuri alla salute dell'uomo, poi gli altri che causano sicuri danni all'ambiente ecologico esterno. Dobbiamo avere chiare le idee perché, malgrado l'enorme progresso che abbiamo fatto in questi ultimi anni, molti aspetti del problema non sono chiari né ben conosciuti. A tal punto si rende necessario una suddivisione dei contaminanti. Potremo distinguerli in radioattivi, chimici e fecali ed ancora in naturali ed artificiali. Più che sui contaminanti naturali bisogna intervenire sui contaminanti artifical e sopratutto su quell che producono dei danni alla salute dell'uomo ed agli ecosistemi della biosfera. Ad esempio, anche il mercurio fa parte della crosta terrestre e, perciò, lo abbiamo avuto e lo avremo sempre addosso, magari in maggiore quantità oggi perché viene più usato. Ma più del mercurio metallico dobbiamo temere il metil-mercurio, contaminante artificiale molto più tossico per l'uomo, tanto da causarne la morte o grave malattia (Minamata). Ecco che la distinzione tra contaminanti naturali e contaminanti artificiali già presuppone una gradualità e diversità di interventi, correlate alla diversa loro pericolosità. Ci sarebbe, poi, un'altra suddivisione molto importante: quella tra contaminanti degradabili e non degradabili. 148

5 I microbi, come ha già affermato l'assessore Sica, sono degradabili; il D.D.T. è lentissimamente degradabile; i metalli restano esternamente tali. Vi sono, poi, delle sostanze d'intermedia degradabilità per le quali ci si può comportare in modo diverso. In una programmazione d'interventi, bisogna vedere inoltre quale inquinante è più pericoloso, ed intervenire prima su di questo. Passando ora ad esaminare l'aspetto biologico dei liquami, che per comodità di esposizione immaginiamo privi di detergenti non degradabili e di sostanze chimiche, dobbiamo dire che essi vengono degradati da alcuni batteri e questa degradazione microbica porta alla formazione di sali concimati quali nitriti, nitrati e fosfati. Ciò avviene sul terreno, dove i rifiuti degradabili finiscono per diventare fertilizzanti con produzione di vegetali; nelle acque invece di darci le piante questi sottoprodotti danno le alghe, le quali non solo producono ossigeno, ma servono anche alla vita degli animali microscopici marini, che si nutrono di alghe e di batteri. In altre parole questo ciclo dimostra che la materia degradabile giunta nelle acque marine, fluviali e lacustri, nonché sul terreno, purché sia ben distribuita, finisce per essere un fertilizzante. Se così non fosse la terra sarebbe ormai sommersa da centinaia di metri di rifiuti e non ci sarebbe più acqua pulita, né nutrimento. Questo schema della diapositiva che proietto (Fig. 3) vale anche per gli impianti di depurazione. L'uomo non ha scoperto niente di nuovo, ma ha fatto soltanto in modo che negli impianti di depurazione questo ciclo avvenga in uno spazio più limitato, in un periodo di tempo più breve e in modo più perfetto, senza contaminare l'ambiente, come avviene normalmente in natura. Infatti negli impianti di depurazione si ha la prima fase di questa trasformazione della materia organica, che è la più nociva; le acque, cosí trattate, vengono versate nell'ambiente esterno, dove il ciclo continua nelle fase successive. Tra depurazione artificiale e depurazione naturale, nell'ambiente praticamente non vi è altro che una vita diversa che interviene. Se però nelle acque di fogna è presente anche un contaminante chimico non degradabile, sopratutto artificiale, il ciclo può procedere nello stesso modo per quel che concerne la degradazione della materia organica, che viene distrutta e diventa nuova vita e quindi, alimento; ma le sostanze chimiche non degradabili in genere seguono questa stessa catena alimentare e la inquinano più o meno intensamente. Esaminiamo, come esempio, ciò che si verifica se un radioisotopo è presente nelle acque di fogna, o nell'ambiente che le riceve. L'isotopo radioattivo viene assorbito dagli elementi microscopici (colloidi organici, batteri, alghe, muffe) che servono di nutrimento agli animali più grandi presenti nelle acque in cui le fogne vengono versate: esso può ritornare all'uomo addirittura concentrato, come ogni composto 149

6 chimico non degradabile. Bisogna considerare, perciò, due aspetti diversi della depurazione: quello positivo, che si ha in quanto la depurazione distrugge e degrada la materia organica e addirittura la trasforma in alimento; e quello negativo legato agli stessi fattori biologici di autodepurazione, dai quali i contaminanti non degradabili vengono assorbti e vengono reinseriti nella catena alimentare. Anche i microbi patogeni, sempre presenti nelle acque di fogna, sono degradibili, cioè destinati a morire prima o dopo, come ogni essere vivente. Si tratta di allontanarci a sufficienza perché non arrivino a noi, provvedere con accorgimenti adeguati o con impianti idonei e funzionali. Quest'altra diapositiva fa vedere due vasi con acqua di mare inquinata da un collettore fecale di Napoli. Nella sabbia, sul fondo, sono presenti telline di cui si vedono sporgere i sifoni. Nel primo vaso l'acqua contiene circa 10 miliardi di batteri per cmc. ed è fortemente torbida. Dopo cinquanta minuti, come si vede nel secondo vaso, l'acqua è diventata quasi limpida perché le telline per nutrirsi e respirare, hanno filtrato l'acqua in grande quantità - (parecchi litri all'ora) - assorbendo sia l'ossigeno per respirare, sia gli elementi corpuscolati per nutrirsi. I batteri che c'erano nell'acqua sono passati in esse, facendole diventare un concentrato di microbi (anche patogeni se c'erano). Quest'altra diapositiva mostra un'acqua marina, resa torbida da bacilli paratubercolari in cui sono state messe delle cozze. Dopo due o tre minuti, il mitile comincia già ad aprire le valve ed a filtrare, accumulando i batteri. Questi vengono avviati nell'intestino soltanto in quantità adatta; in questo caso essi sono troppo abondanti, perciò vengono parzialmente espulsi sotto forma di pseudo-feci. Questi molluschi quindi non ammalano mai di indigestione: infatti, rifiutano il cibo in eccesso e lo eliminano sotto forma di pseudo-feci, mentre solo la quota necessaria di alimento passa attraverso l'intestino. Una sezione istofogica di questi mitili, esaminata in fluorescenza fa vedere un ammasso di batteri in corrispondenza delle branchie. Molti altri animali dell'ambiente idrico si nutrono di microbi e si possono riconoscere mettendo negli acquari di esperimento sospensioni di batteri colorati (in rosso, per esempio). Nel caso della Salpa il fenomeno è ben visibile ad occhio nudo perché l'animale è trasparente ed il suo intestino diventa pieno di ammassi rossi formati da miliardi di batteri, che possono anche essere digeriti come un alimento (perché degradabili), mentre il colorante rosso, che rappresenta un ipotetico inquinante resta inalterato, perché non degradabile. La differenza tra il contaminante degradabile e il contaminante non degradabile sta proprio in questo: il degradabile viene distrutto, il non degradabile viene quasi sempre accumulato, e lo dimostra. Da quando abbiamo detto appare evidente che i molluschi eduli si possono considerare depuratori delle acque perché concentrano i 150

7 contaminanti togliendoli da esse; ma, così facendo, si inquinano e trasme t- tono l'inquinante a noi che li mangiamo. I batteri possono giungere a noi già morti (o possono essere distrutti con la cottura); gli inquinanti non degradabili restano inalterati. Ciò avviene anche negli impianti di depurazione, dove ciò che non è degradabile si accumula, per lo più, nei fanghi, e segue il loro destino. Vi sono degli altri organismi ambientali che depurano le acque, quali le muffe, le alghe, i comuni batteri che producono antibiotici o sostanze litiche, capaci più o meno di uccidere i patogeni, come lo dimostra la Fig. 4. Un esempio molto significativo è l'osservazione di Siburt, che ha lavorato nel mare dell'antartide, dove c'è un'alga che produce degli antibiotici; questa serve di nutrimento ad un crostaceo; l'antibiotico prodotto dall'alga si concentra nel crostaceo e quando questo viene mangiato dai pinguini l'antibiotico sterilizza l'intestino dei pinguini, i quali fanno, così, una vera cura antibiotica (Fig. 5). Si tratta del passaggio di un medicamento lungo la catena alimentare; ma la stessa cosa sarebbe avvenuta se l'alga fosse stata inquinata da isotopi radioattivi o con qualche altro contaminante non degradabile. Ciò che avviene nelle acque e sul terreno avviene anche negli impianti di depurazione dove si ha la distruzione della materia organica e la sua trasformazione in sottoprodotti quali nitriti, nitrati e fosfati. Ma accanto a questo aspetto positivo della depurazione, si può avere anche l'aspetto negativo del problema con concentrazione di alcuni di questi contaminanti, specialmente nei fanghi che si ricavano dagli impianti di depurazione. Giustamente si afferma che le acque di fogna o certi tipi di rifiuti organici industriali possono essere usati come concime; essi, infatti, sono fertilizzanti della terra e delle acque, ma a due condizioni: 1 che non contengano sostanze chimiche tossiche, le quali potrebbero nuocere alla vita dell'ecosistema o accumularsi in alcuni degli organismi viventi che lo popolano; 2 che non siano in eccesso e vengano bene distribuiti nell'ambiente, per non soffocare la vita stessa o provocare una vera indigestione per eccesso di nutrimento (= eutrofizzazione). Questi due inconvenienti vengono aumentati dai fanghi degli impianti di depurazione versati nell'ambiente, perché contengono concentrata la materia fertilizzante, ma anche sostanze tossiche non degradabili (se esistevano nei liquami). Perciò la legge non permette l'immissione in fogna di sostanze tossiche perciò la utilizzazione delle acque di fogna per l'agricoltura o per la pescicultura deve essere regolata adeguatamente se si vogliono avere effetti solo positivi. Tutti hanno sentito parlare di laghi e fiumi che stanno morendo per eccessivo sviluppo di alghe perché ricevono troppo nutrimento; si tratta di classici esempi di eutrofizzazione, con frequenti ecatombi di pesci durante l'estate. Se noi facciamo una critica storica al problema restiamo sorpresi 151

8 dal fatto che l'inquinamento radioattivo (che è quello nato per ultimo ed è potenzialmente il più pericoloso), è stato dominato sul nascere. Le dolorose immagini di Hiroschima e Nagasaki hano creato quel movimento psicologico e politico per cui ogni industria nucleare che sorge si trova sotto vincoli di controllo nazionale ed internazionale con laboratori che valutano l'entità dello scarico e, quindi, impongono quegli artifici atti a garantire la difesa dell'ambiente. Questo inquinamento, che è potenzialmente il più pericoloso, è stato dominato; non così avviene per gli altri due. L'inquinamento chimico, infatti, è esploso in questo momento come vero problema, eppure è abbastanza vecchio. Noi, che ci interessiamo da vent'anni circa del problema ed inutilmente abiamo cercato di sensibilizzare politici ed amministratori, oggi vediamo che l'opinione pubblica è sensibilizzata a sufficienza, anzi dobbiamo cercare di far comprendere che il problema è scottante sì, ma deve essere affrontato con un criterio, con una certa programmazione e secondo determinate priorità, per non creare confusione e paralisi. Il problema dell'inquinamento chimico è esploso improvvisamente in seguito a quanto accaduto nella baia di Minamata, in Giappone, dove si sono avuti 151 ammalati, con oltre 50 morti, per inquinamento dei prodotti della pesca a causa di una industria che scaricava metilmercurio in tracce appena svelabili dalle tecniche di laboratorio. Una commissione, costituita per studiare il problema, ha rilevato che il metilmercurio scaricato in «tracce» veniva assorbito dalle alghe; queste ultime servivano da nutrimento ai mitili ed anche ad alcuni vermi dei fondali che venivano mangiati dai pesci. Così, di alimento in alimento, questa sostanza chimica subiva delle vere concentrazioni secondo i meccanismi di cui abbiamo parlato. Quindi, quanto avviene per la radioattività si verifica anche per molti altri contaminanti e quasi per tutti i contaminanti non degradabili, che finiscono per essere inseriti nel ciclo della materia, per tornare concentrati all'uomo, anche se opportunamente diluiti nello scarico. Il metilmercurio, prodotto organico, contenuto nelle acque in piccole quantità, può causare la morte o grave malattia, mentre il mercurio metallico alle stesse dosi, può non produrre danni. Allora è chiaro che di due industrie che eliminano uguale quantità di mercurio, se una libera mercurio metallico e l'altra libera mercurio organico, quest'ultima deve essere assolutamente chiusa; mentre per l'altra si può essere più tolleranti, sempre che non si superino certi livelli. In Italia vi sono tre industrie che prima producevano metilmercurio: queste industrie, data la pericolosità dell'inquinante, o dovranno chiudere o hanno cambiato o dovranno cambiare sistema di produzione in modo da non eliminare più questo composto organico. Anche l'etilmercurio, che noi abbiamo sparso sulla superficie della terra con gli insetticidi e con i fertilizzanti agricoli, può portare a queste conseguenze. Questi prodotti sono stati tolti, perciò, dal commercio, perché 152

9 il mercurio è già stato trovato nei pesci in scatola a dosi troppo elevate. È per queste ragioni che ai giovani d'oggi io darei un suggerimento: se studiate ingegneria chimica, dopo aver ultimato gli studi vi occuperete in una industria; imparate non solo a fare un prodotto buono e ad un prezzo conveniente, ma cercate di trovare una tecnologia che vi dia anche una industria pulita, cioè senza inquinanti pericolosi nello scarico. Una delle prospettive forse più importanti per il futuro in tal senso è quella della radioattività. Le industrie nucleari di oggi ci danno degli scarichi che sono ben controllati, ma costosi. Secondo uno dei maestri della radioattività si prevede che fra venti o trent'anni avremo una industria nucleare non a fissione, ma a fusione; questo sistema praticamente non dà inquinamento. Sarebbe un notevole passo avanti perché gran parte delle industrie di oggi funzionerebero ad energia nucleare pulita e l'inquinamento chimico da idrocarburi e da carbone sarebbe eliminato, anche perché le scorte di questi combustibili saranno esaurite entro anni. L'inquinamento fecale, vecchio quanto l'uomo, è eliminabile con tecniche note; ma purtroppo si è fatto poco contro di esso, perché produce danni alla salute (tifo, epatite virale ecc.), più di quello chimico e radioattivo uniti. Ciò è dovuto sia a mancanza di impianti di depurazione, sia e soprattutto al fatto che subentra la sfiducia per questi impianti, che non funzionano, perché mancano i tecnici. L'acqua sporca di questo tipo è ritenuta materia vile, ma chi sa studiarla vi trova la «poesia», ed io credo di avervi dimostrato che c'è della «poesia» anche in una goccia d'acqua di fogna, anche per il mondo microscopico che vi si può trovare. Vi ricordo ancora che questa materia vile fa parte della crosta terrestre; una volta essa è rifiuto e un'altra volta diventa alimento; un'altra volta ancora è carne, perché circola dappertutto. Come l'acqua compie quel ciclo di cui abbiamo parlato, così anche la materia organica ricircola sulla faccia della terra; l'importante è che noi non inseriamo in questo ciclo gli elementi tossici non degradabili, che finiscono per provocarci dei danni; l'importante è che questo ciclo sia conservato e favorito nel suo evolversi. Purtroppo molti, troppi impianti di depurazione, anche belli e costosi, non funzionano, perché si pretende di farli andare avanti senza personale o distaccandovi uno spazzino. Ho visto impianti di depurazione a Capri, a Piedimonte d'alife, a Sorrento, a Maiori, ad Amalfi e a Napoli, impianti che potrebbero rendere al 90% e invece rendono sì e no al 60-65%. Alcuni sono vecchi, e questa è una giustificazione; ma altri sono moderni, e questo è denaro sciupato. Perciò si sta provvedendo di nuovo, quasi ovunque, spesso cambiando sistema o soluzione. Ricordate che un impianto di depurazione per 100 mila abitanti costa più di un miliardo di lire per la costruzione e circa 100 milioni all'anno di gestione, ed anche se lo Stato o la Cassa per il Mezzogiorno ne finanziano l'installazione, tocca alle Amministrazioni comunali il 153

10 costo di gestione. Il problema è questo: si fanno degli impianti prevedendo un certo rendimento, poi, in pratica, questi rendono al 60-70%. In termini microbiologici ciò vuol dire che esce ancora il 30-40% dei microbi entrati, cioè 3-4 miliardi di colifecali dei 10 miliardi per litro che entrano con i liquami. Molt paesi credono di aver eliminato, con l'impianto, l'inquinamento delle loro spiagge. Esse sono meno inquinante è vero, ma sono pur sempre inquinate, tanto è vero che viene improvvisamente vietata la balneazione. Gli impianti di depurazione rendono quel che possono e secondo di come sono tenuti; sempre hanno dei limiti, soprattutto di depurazione biologica, che si debbono conoscere, altrimenti si è costretti a ricorrere ad altre soluzioni, a modifiche, a sotterfugi, a palliativi. Le condotte sottomarine, di cui ha fatto cenno l'assessore Sica parlando di Margherita di Savoia, dopo trattamento primario dei liquami, sono una soluzione celere ed economica, naturalmente dove è indicato farle. Io non dico di abolire degli impianti di depurazione, ma si devono fare delle buone previsioni su quello che effettivamente possono rendere; si deve, inoltre, ricordare che non esiste solo un sistema di depurazione e che bisogna istruire le persone che faranno andare avanti l'opera costruita. In America, c'è la professione del conductor: e questi tecnici specializzati curano anche pubblicazioni e conducono le ricerche scientifiche come abbiamo fatto con Cufone. Come si può pretendere allora che uno spazzino distaccato all'impianto di depurazione lo faccia andare avanti bene? È come se dessimo l'automobile in mano ad un bambino. È questo il punto che mi lascia perplesso, e questo è il punto dolente della situazione: si spendono soldi con l'idea di aver risolto qualcosa, ma non si ottiene quello che si vuole. Agli inizi di questa mia specializzazione sono stato un entusiasta degli impianti di depurazione; adesso sono deluso ed avvilito di fronte a quest risultati. Con questo concludo, convinto di aver lasciato abbastanza punti in sospeso per la discussione, che mi auguro possa essere nutrita ed animata. ALFREDO PAOLETTI 154

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Art. 73 Finalità 1. Le disposizioni di cui alla presente sezione definiscono la disciplina generale per la tutela

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Introduzione 1 Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Luglio 2011 Il glifosato è la sostanza attiva utilizzata in molti erbicidi venduti su scala mondiale, compreso l'ormai

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Cartoline insolite dal Lago Maggiore. dal CNR ISE di Verbania (già Istituto Italiano di Idrobiologia)

Cartoline insolite dal Lago Maggiore. dal CNR ISE di Verbania (già Istituto Italiano di Idrobiologia) Cartoline insolite dal Lago Maggiore dal CNR ISE di Verbania (già Istituto Italiano di Idrobiologia) Istituto Italiano di Idrobiologia, oggi Istituto per lo Studio degli Ecosistemi - CNR Cartoline insolite

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli