Aspetti sanitari dell'inquinamento delle acque e rimedi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti sanitari dell'inquinamento delle acque e rimedi"

Transcript

1 Aspetti sanitari dell'inquinamento delle acque e rimedi Il Relatore introduce il suo dire con la seguente premessa: Ringrazio per l'invito e per le cortesi parole rivoltemi e mi compiaccio con gli Organizzatori del Convegno, perché siffatti problemi, soprattutto se dibattuti in sede locale, permettono di fare qualcosa di positivo. I congressi sono sempre gli stessi e quello che vi dirò è, in fondo, la sintesi di quanto più volte ho detto in riunioni di tipo scientifico; ma da queste idee generali emergeranno elementi per risolvere i vostri problemi locali. Mi rivolgo ai giovani presenti, allievi degli Istituti Tecnici, dai quali noi aspettiamo molto per l'avvenire, perché il problema dell'inquinamento non può essere affrontato e risolto dall'oggi al domani, né con il solo trattamento delle acque inquinate mediante gli impianti di depurazione; spesso è possibile combatterlo a monte, creando un tipo di tecnologia pulita, che non ci dia inquinamento. Prima di approfondire l'argomento che mi è stato affidato, devo dire che come tecnico dell'impiantistica per la parte biologica, mi sono formato a Foggia, città che ha la fortuna di avere due grandi istituzioni: la stazione sperimentale di depurazione e la stazione zooprofilattica. È alla stazione sperimentale di depurazione che, ospite dell'ente Autonomo Acquedotto Pugliese, per anni ho studiato la biologia degli impianti di depurazione, validamente coadiuvato dall'amico Venanzio Cufone, tecnico impareggiabile in questo settore. In Italia molti impianti potrebbero rendere di più se ci fossero tecnici ben preparati. Sappiate che gli impianti ben tenuti non fanno apparire la materia che si tratta; dalle diapositive che proietterò vedrete che possono sembrare dei veri giardini con vasche. Nella Stazione Sperimentale di Foggia ho lavorato per ore e giorni per studiare la biologia degli impianti, e non apparivano segni esterni della materia trattata. I rifiuti fanno parte della vita, si reinseriscono nella vita, perché si trasformano in alimenti attraverso il ciclo della materia. Ciò premesso, passo ad esaminare il problema dell'inquinamento da un punto di vista generale e da questi concetti generali potranno essere ricavati gli elementi necessari per le azioni locali da prendere, 145

2 quando parleremo del problema particolare di Foggia. Darò una visione generale del problema, molto riassuntiva, che come tale avrà una enorme quantità di lacune; ma non è possibile trattare un argomento così vasto, in un breve spazio di tempo, senza omissioni. L'umanità ha moltissima acqua a disposizione, perché solo gli oceani coprono il 71% della superficie terrestre, con una profondità media di metri. Ma l'acqua utilizzabile è pochissima rispetto a questo enorme quantità a disposizione (Fig. 1) per cui dobbiamo essere dei buoni amministratori oggi, mentre per domani speriamo di avere la possibilità di utilizzare anche parte del resto. Il punto più importante però è questo: l'acqua che noi possiamo utilizzare è sempre la stessa che ricircola, perché dopo l'evaporazione cade sotto forma di pioggia sulla superficie degli oceani e sul terreno. Ma anche quella che cade sulla terra in gran parte affluisce al mare, come è affermato nel Vecchio Testamento: «Tutti i fiumi corrono al mare ed il mare non trabocca; donde i fiumi vennero, là essi ritornano». Praticamente l'acqua è in continuo movimento e in questo suo giro subisce le diverse trasformazioni a seconda del luogo e, quindi, i diversi inquinamenti. Essendo poca l'acqua buona a nostra disposizione, molte volte siamo costretti a riutilizzarla anche sporca o dopo trattamenti diversi. Gli esempi che faccio sono casi limite che potrebbero ancora essere validi anche per le nostre regioni ed anche per il nostro Paese: in Olanda, l'aia, non avendo possibilità di approvvigionarsi di acqua da sorgenti profonde, ha trovato sulle dune una falda abbastanza profonda e buona da cui la estrae. Si tratta di acqua piovana che è filtrata attraverso le dune e che viene captata e portata in città con una condotta di 32 Km. Poiché l'acqua così recuperata è ormai diventata insufficiente, da un canale del Reno, inquinato dai battelli, si pompa altra acqua, che si butta su queste dune cintate, si fa scendere in profondità, incrementando così quella falda da cui l'aia già si approvvigionava. Un altro esempio è quello di Israele, dove chiaramente appare lo sforzo che talora deve fare l'uomo per riutilizzare la poca acqua a disposizione. Tel Aviv, per esempio, pur essendo sul mare, non scarica in esso i suoi liquami ma li pompa a monte e, dopo averli trattati opportunamente, li sparge su determinate superfici di terreno. Così facendo non inquina il mare e fertilizza il deserto, perché le acque di fogna, se non contengono determinati contaminanti chimici, sono degli ottimi fertilizzanti. Inoltre arricchisce la falda del sottosuolo, a cui attinge per i suoi fabbisogni. Un altro esempio è quello di Costanza, sul mar Nero, ove si pompa l'acqua a monte per fertilizzare le terre solo d'estate, epoca di movimento turistico balneare. Altri esempi li abbiamo in Italia nel settore industriale. L'Italsider di Napoli, infatti, capta parte delle acque di fogna (qualcosa come litri al secondo), le tratta in un certo qual modo e poi le usa per raffreddare i suoi impianti. Altro esempio di riutilizzazione delle acque di rifiuto 146

3 come fertilizzanti si ha ad Achères, vicino Parigi, dove le acque di fogna, dopo un trattamento adeguato non molto spinto, vengono utilizzate per la fertilizzazione del terreno. I famosi sedani parigini vengono da queste zone. Esaminiamo ora le modalità dell'inquinamento. Un aspetto nuovo del problema, constatato negli ultimi anni, è quello dell'inquinamento per trasporto atmosferico a grandi distanze, messo in luce con gli studi sulla radioattività, particolarmente in occasione dell'esplosione della bomba atomica cinese nel 1956, quando già al mondo vi erano delle stazioni pronte per gli studi del genere. Si è visto che questa nube atomica può circumnavigare la crosta terrestre più volte nella stratosfera prima di ricadere per fall-out, cioè per caduta gravitazionale, oppure per wash-out, cioè per lavaggio dell'atmosfera. Questo studio ha fatto sì che negli ultimi anni si sia potuto accertare che anche altri contaminanti tradizionali seguono un analogo trasporto atmosferico che poi interessa le acque. Si sa che i ghiaccia si rinnovano continuamente per continuo deposito di neve in superficie e scioglimento alla base, con ritmo lentissimo, abbastanza ben valutato. Anche il fondo dei mari e degli oceani aumenta per costante deposito di sedimenti. Esaminando i vari strati dei ghiacciai e dei sedimenti dei mari con prelievi di carote, si può risalire a quello che è avvenuto migliaia e decine di migliaia di anni 147

4 fa. Carote dei ghiacciai della Groenlandia ci provano che il piombo arrivava sulle nevi della Groenlandia portato dai venti naturali già prima dell'800 a. C., epoca in cui era rimosso dalla crosta terrestre per e- rosione naturale dei venti (inquinamento di fondo). Poi l'uomo ha cominciato a farne uso per utensili, successivamente per l'industria e, negli ultimi tempi, come antidetonante nelle benzine. In tal modo l'uomo ha mobilizzato sempre più il piombo che fa parte della crosta terrestre in modo eccessivo rispetto a quella che sarebbe la mobilizzazione naturale; tanto è vero che sui ghiacciai della Groenlandia il piombo è aumentato di 500 volte negli ultimi 40 anni (Fig. 2). Come componente della terra il piombo è sempre esistito nei fiumi, negli alimenti, in noi; però adesso si è mobilizzato eccessivamente, con i pericoli che ne possono derivare. Queste osservazioni valgono anche per gli altri contaminanti naturali (mercurio, rame, ecc.), mentre sono apparsi nuovi contaminanti artificiali. Il D.D.T. è stato trovato nei grassi delle balene dei Poli, il mercurio si trova negli uccelli, e lo stesso D.D.T. è stato trovato nei ghiacciai del Caucaso in Russia, nei ghiacchiai del monte Olympus in America, in epoche corrispondenti all'inizio del suo impiego nei due paesi. Non v'è dubbio, quindi, che molti di questi contaminanti vengono veicolati per via atmosferica. Quando parliamo di inquinamenti dobbiamo cercare di tener presenti le differenti qualità di contaminanti, perché a seconda di esse diverso è il pericolo; e conseguentemente diverso deve essere il tipo e sopratutto la priorità di intervento. Infatti, da medico, se dovessi decidere, farei abolire prima quei contaminanti che causano danni sicuri alla salute dell'uomo, poi gli altri che causano sicuri danni all'ambiente ecologico esterno. Dobbiamo avere chiare le idee perché, malgrado l'enorme progresso che abbiamo fatto in questi ultimi anni, molti aspetti del problema non sono chiari né ben conosciuti. A tal punto si rende necessario una suddivisione dei contaminanti. Potremo distinguerli in radioattivi, chimici e fecali ed ancora in naturali ed artificiali. Più che sui contaminanti naturali bisogna intervenire sui contaminanti artifical e sopratutto su quell che producono dei danni alla salute dell'uomo ed agli ecosistemi della biosfera. Ad esempio, anche il mercurio fa parte della crosta terrestre e, perciò, lo abbiamo avuto e lo avremo sempre addosso, magari in maggiore quantità oggi perché viene più usato. Ma più del mercurio metallico dobbiamo temere il metil-mercurio, contaminante artificiale molto più tossico per l'uomo, tanto da causarne la morte o grave malattia (Minamata). Ecco che la distinzione tra contaminanti naturali e contaminanti artificiali già presuppone una gradualità e diversità di interventi, correlate alla diversa loro pericolosità. Ci sarebbe, poi, un'altra suddivisione molto importante: quella tra contaminanti degradabili e non degradabili. 148

5 I microbi, come ha già affermato l'assessore Sica, sono degradabili; il D.D.T. è lentissimamente degradabile; i metalli restano esternamente tali. Vi sono, poi, delle sostanze d'intermedia degradabilità per le quali ci si può comportare in modo diverso. In una programmazione d'interventi, bisogna vedere inoltre quale inquinante è più pericoloso, ed intervenire prima su di questo. Passando ora ad esaminare l'aspetto biologico dei liquami, che per comodità di esposizione immaginiamo privi di detergenti non degradabili e di sostanze chimiche, dobbiamo dire che essi vengono degradati da alcuni batteri e questa degradazione microbica porta alla formazione di sali concimati quali nitriti, nitrati e fosfati. Ciò avviene sul terreno, dove i rifiuti degradabili finiscono per diventare fertilizzanti con produzione di vegetali; nelle acque invece di darci le piante questi sottoprodotti danno le alghe, le quali non solo producono ossigeno, ma servono anche alla vita degli animali microscopici marini, che si nutrono di alghe e di batteri. In altre parole questo ciclo dimostra che la materia degradabile giunta nelle acque marine, fluviali e lacustri, nonché sul terreno, purché sia ben distribuita, finisce per essere un fertilizzante. Se così non fosse la terra sarebbe ormai sommersa da centinaia di metri di rifiuti e non ci sarebbe più acqua pulita, né nutrimento. Questo schema della diapositiva che proietto (Fig. 3) vale anche per gli impianti di depurazione. L'uomo non ha scoperto niente di nuovo, ma ha fatto soltanto in modo che negli impianti di depurazione questo ciclo avvenga in uno spazio più limitato, in un periodo di tempo più breve e in modo più perfetto, senza contaminare l'ambiente, come avviene normalmente in natura. Infatti negli impianti di depurazione si ha la prima fase di questa trasformazione della materia organica, che è la più nociva; le acque, cosí trattate, vengono versate nell'ambiente esterno, dove il ciclo continua nelle fase successive. Tra depurazione artificiale e depurazione naturale, nell'ambiente praticamente non vi è altro che una vita diversa che interviene. Se però nelle acque di fogna è presente anche un contaminante chimico non degradabile, sopratutto artificiale, il ciclo può procedere nello stesso modo per quel che concerne la degradazione della materia organica, che viene distrutta e diventa nuova vita e quindi, alimento; ma le sostanze chimiche non degradabili in genere seguono questa stessa catena alimentare e la inquinano più o meno intensamente. Esaminiamo, come esempio, ciò che si verifica se un radioisotopo è presente nelle acque di fogna, o nell'ambiente che le riceve. L'isotopo radioattivo viene assorbito dagli elementi microscopici (colloidi organici, batteri, alghe, muffe) che servono di nutrimento agli animali più grandi presenti nelle acque in cui le fogne vengono versate: esso può ritornare all'uomo addirittura concentrato, come ogni composto 149

6 chimico non degradabile. Bisogna considerare, perciò, due aspetti diversi della depurazione: quello positivo, che si ha in quanto la depurazione distrugge e degrada la materia organica e addirittura la trasforma in alimento; e quello negativo legato agli stessi fattori biologici di autodepurazione, dai quali i contaminanti non degradabili vengono assorbti e vengono reinseriti nella catena alimentare. Anche i microbi patogeni, sempre presenti nelle acque di fogna, sono degradibili, cioè destinati a morire prima o dopo, come ogni essere vivente. Si tratta di allontanarci a sufficienza perché non arrivino a noi, provvedere con accorgimenti adeguati o con impianti idonei e funzionali. Quest'altra diapositiva fa vedere due vasi con acqua di mare inquinata da un collettore fecale di Napoli. Nella sabbia, sul fondo, sono presenti telline di cui si vedono sporgere i sifoni. Nel primo vaso l'acqua contiene circa 10 miliardi di batteri per cmc. ed è fortemente torbida. Dopo cinquanta minuti, come si vede nel secondo vaso, l'acqua è diventata quasi limpida perché le telline per nutrirsi e respirare, hanno filtrato l'acqua in grande quantità - (parecchi litri all'ora) - assorbendo sia l'ossigeno per respirare, sia gli elementi corpuscolati per nutrirsi. I batteri che c'erano nell'acqua sono passati in esse, facendole diventare un concentrato di microbi (anche patogeni se c'erano). Quest'altra diapositiva mostra un'acqua marina, resa torbida da bacilli paratubercolari in cui sono state messe delle cozze. Dopo due o tre minuti, il mitile comincia già ad aprire le valve ed a filtrare, accumulando i batteri. Questi vengono avviati nell'intestino soltanto in quantità adatta; in questo caso essi sono troppo abondanti, perciò vengono parzialmente espulsi sotto forma di pseudo-feci. Questi molluschi quindi non ammalano mai di indigestione: infatti, rifiutano il cibo in eccesso e lo eliminano sotto forma di pseudo-feci, mentre solo la quota necessaria di alimento passa attraverso l'intestino. Una sezione istofogica di questi mitili, esaminata in fluorescenza fa vedere un ammasso di batteri in corrispondenza delle branchie. Molti altri animali dell'ambiente idrico si nutrono di microbi e si possono riconoscere mettendo negli acquari di esperimento sospensioni di batteri colorati (in rosso, per esempio). Nel caso della Salpa il fenomeno è ben visibile ad occhio nudo perché l'animale è trasparente ed il suo intestino diventa pieno di ammassi rossi formati da miliardi di batteri, che possono anche essere digeriti come un alimento (perché degradabili), mentre il colorante rosso, che rappresenta un ipotetico inquinante resta inalterato, perché non degradabile. La differenza tra il contaminante degradabile e il contaminante non degradabile sta proprio in questo: il degradabile viene distrutto, il non degradabile viene quasi sempre accumulato, e lo dimostra. Da quando abbiamo detto appare evidente che i molluschi eduli si possono considerare depuratori delle acque perché concentrano i 150

7 contaminanti togliendoli da esse; ma, così facendo, si inquinano e trasme t- tono l'inquinante a noi che li mangiamo. I batteri possono giungere a noi già morti (o possono essere distrutti con la cottura); gli inquinanti non degradabili restano inalterati. Ciò avviene anche negli impianti di depurazione, dove ciò che non è degradabile si accumula, per lo più, nei fanghi, e segue il loro destino. Vi sono degli altri organismi ambientali che depurano le acque, quali le muffe, le alghe, i comuni batteri che producono antibiotici o sostanze litiche, capaci più o meno di uccidere i patogeni, come lo dimostra la Fig. 4. Un esempio molto significativo è l'osservazione di Siburt, che ha lavorato nel mare dell'antartide, dove c'è un'alga che produce degli antibiotici; questa serve di nutrimento ad un crostaceo; l'antibiotico prodotto dall'alga si concentra nel crostaceo e quando questo viene mangiato dai pinguini l'antibiotico sterilizza l'intestino dei pinguini, i quali fanno, così, una vera cura antibiotica (Fig. 5). Si tratta del passaggio di un medicamento lungo la catena alimentare; ma la stessa cosa sarebbe avvenuta se l'alga fosse stata inquinata da isotopi radioattivi o con qualche altro contaminante non degradabile. Ciò che avviene nelle acque e sul terreno avviene anche negli impianti di depurazione dove si ha la distruzione della materia organica e la sua trasformazione in sottoprodotti quali nitriti, nitrati e fosfati. Ma accanto a questo aspetto positivo della depurazione, si può avere anche l'aspetto negativo del problema con concentrazione di alcuni di questi contaminanti, specialmente nei fanghi che si ricavano dagli impianti di depurazione. Giustamente si afferma che le acque di fogna o certi tipi di rifiuti organici industriali possono essere usati come concime; essi, infatti, sono fertilizzanti della terra e delle acque, ma a due condizioni: 1 che non contengano sostanze chimiche tossiche, le quali potrebbero nuocere alla vita dell'ecosistema o accumularsi in alcuni degli organismi viventi che lo popolano; 2 che non siano in eccesso e vengano bene distribuiti nell'ambiente, per non soffocare la vita stessa o provocare una vera indigestione per eccesso di nutrimento (= eutrofizzazione). Questi due inconvenienti vengono aumentati dai fanghi degli impianti di depurazione versati nell'ambiente, perché contengono concentrata la materia fertilizzante, ma anche sostanze tossiche non degradabili (se esistevano nei liquami). Perciò la legge non permette l'immissione in fogna di sostanze tossiche perciò la utilizzazione delle acque di fogna per l'agricoltura o per la pescicultura deve essere regolata adeguatamente se si vogliono avere effetti solo positivi. Tutti hanno sentito parlare di laghi e fiumi che stanno morendo per eccessivo sviluppo di alghe perché ricevono troppo nutrimento; si tratta di classici esempi di eutrofizzazione, con frequenti ecatombi di pesci durante l'estate. Se noi facciamo una critica storica al problema restiamo sorpresi 151

8 dal fatto che l'inquinamento radioattivo (che è quello nato per ultimo ed è potenzialmente il più pericoloso), è stato dominato sul nascere. Le dolorose immagini di Hiroschima e Nagasaki hano creato quel movimento psicologico e politico per cui ogni industria nucleare che sorge si trova sotto vincoli di controllo nazionale ed internazionale con laboratori che valutano l'entità dello scarico e, quindi, impongono quegli artifici atti a garantire la difesa dell'ambiente. Questo inquinamento, che è potenzialmente il più pericoloso, è stato dominato; non così avviene per gli altri due. L'inquinamento chimico, infatti, è esploso in questo momento come vero problema, eppure è abbastanza vecchio. Noi, che ci interessiamo da vent'anni circa del problema ed inutilmente abiamo cercato di sensibilizzare politici ed amministratori, oggi vediamo che l'opinione pubblica è sensibilizzata a sufficienza, anzi dobbiamo cercare di far comprendere che il problema è scottante sì, ma deve essere affrontato con un criterio, con una certa programmazione e secondo determinate priorità, per non creare confusione e paralisi. Il problema dell'inquinamento chimico è esploso improvvisamente in seguito a quanto accaduto nella baia di Minamata, in Giappone, dove si sono avuti 151 ammalati, con oltre 50 morti, per inquinamento dei prodotti della pesca a causa di una industria che scaricava metilmercurio in tracce appena svelabili dalle tecniche di laboratorio. Una commissione, costituita per studiare il problema, ha rilevato che il metilmercurio scaricato in «tracce» veniva assorbito dalle alghe; queste ultime servivano da nutrimento ai mitili ed anche ad alcuni vermi dei fondali che venivano mangiati dai pesci. Così, di alimento in alimento, questa sostanza chimica subiva delle vere concentrazioni secondo i meccanismi di cui abbiamo parlato. Quindi, quanto avviene per la radioattività si verifica anche per molti altri contaminanti e quasi per tutti i contaminanti non degradabili, che finiscono per essere inseriti nel ciclo della materia, per tornare concentrati all'uomo, anche se opportunamente diluiti nello scarico. Il metilmercurio, prodotto organico, contenuto nelle acque in piccole quantità, può causare la morte o grave malattia, mentre il mercurio metallico alle stesse dosi, può non produrre danni. Allora è chiaro che di due industrie che eliminano uguale quantità di mercurio, se una libera mercurio metallico e l'altra libera mercurio organico, quest'ultima deve essere assolutamente chiusa; mentre per l'altra si può essere più tolleranti, sempre che non si superino certi livelli. In Italia vi sono tre industrie che prima producevano metilmercurio: queste industrie, data la pericolosità dell'inquinante, o dovranno chiudere o hanno cambiato o dovranno cambiare sistema di produzione in modo da non eliminare più questo composto organico. Anche l'etilmercurio, che noi abbiamo sparso sulla superficie della terra con gli insetticidi e con i fertilizzanti agricoli, può portare a queste conseguenze. Questi prodotti sono stati tolti, perciò, dal commercio, perché 152

9 il mercurio è già stato trovato nei pesci in scatola a dosi troppo elevate. È per queste ragioni che ai giovani d'oggi io darei un suggerimento: se studiate ingegneria chimica, dopo aver ultimato gli studi vi occuperete in una industria; imparate non solo a fare un prodotto buono e ad un prezzo conveniente, ma cercate di trovare una tecnologia che vi dia anche una industria pulita, cioè senza inquinanti pericolosi nello scarico. Una delle prospettive forse più importanti per il futuro in tal senso è quella della radioattività. Le industrie nucleari di oggi ci danno degli scarichi che sono ben controllati, ma costosi. Secondo uno dei maestri della radioattività si prevede che fra venti o trent'anni avremo una industria nucleare non a fissione, ma a fusione; questo sistema praticamente non dà inquinamento. Sarebbe un notevole passo avanti perché gran parte delle industrie di oggi funzionerebero ad energia nucleare pulita e l'inquinamento chimico da idrocarburi e da carbone sarebbe eliminato, anche perché le scorte di questi combustibili saranno esaurite entro anni. L'inquinamento fecale, vecchio quanto l'uomo, è eliminabile con tecniche note; ma purtroppo si è fatto poco contro di esso, perché produce danni alla salute (tifo, epatite virale ecc.), più di quello chimico e radioattivo uniti. Ciò è dovuto sia a mancanza di impianti di depurazione, sia e soprattutto al fatto che subentra la sfiducia per questi impianti, che non funzionano, perché mancano i tecnici. L'acqua sporca di questo tipo è ritenuta materia vile, ma chi sa studiarla vi trova la «poesia», ed io credo di avervi dimostrato che c'è della «poesia» anche in una goccia d'acqua di fogna, anche per il mondo microscopico che vi si può trovare. Vi ricordo ancora che questa materia vile fa parte della crosta terrestre; una volta essa è rifiuto e un'altra volta diventa alimento; un'altra volta ancora è carne, perché circola dappertutto. Come l'acqua compie quel ciclo di cui abbiamo parlato, così anche la materia organica ricircola sulla faccia della terra; l'importante è che noi non inseriamo in questo ciclo gli elementi tossici non degradabili, che finiscono per provocarci dei danni; l'importante è che questo ciclo sia conservato e favorito nel suo evolversi. Purtroppo molti, troppi impianti di depurazione, anche belli e costosi, non funzionano, perché si pretende di farli andare avanti senza personale o distaccandovi uno spazzino. Ho visto impianti di depurazione a Capri, a Piedimonte d'alife, a Sorrento, a Maiori, ad Amalfi e a Napoli, impianti che potrebbero rendere al 90% e invece rendono sì e no al 60-65%. Alcuni sono vecchi, e questa è una giustificazione; ma altri sono moderni, e questo è denaro sciupato. Perciò si sta provvedendo di nuovo, quasi ovunque, spesso cambiando sistema o soluzione. Ricordate che un impianto di depurazione per 100 mila abitanti costa più di un miliardo di lire per la costruzione e circa 100 milioni all'anno di gestione, ed anche se lo Stato o la Cassa per il Mezzogiorno ne finanziano l'installazione, tocca alle Amministrazioni comunali il 153

10 costo di gestione. Il problema è questo: si fanno degli impianti prevedendo un certo rendimento, poi, in pratica, questi rendono al 60-70%. In termini microbiologici ciò vuol dire che esce ancora il 30-40% dei microbi entrati, cioè 3-4 miliardi di colifecali dei 10 miliardi per litro che entrano con i liquami. Molt paesi credono di aver eliminato, con l'impianto, l'inquinamento delle loro spiagge. Esse sono meno inquinante è vero, ma sono pur sempre inquinate, tanto è vero che viene improvvisamente vietata la balneazione. Gli impianti di depurazione rendono quel che possono e secondo di come sono tenuti; sempre hanno dei limiti, soprattutto di depurazione biologica, che si debbono conoscere, altrimenti si è costretti a ricorrere ad altre soluzioni, a modifiche, a sotterfugi, a palliativi. Le condotte sottomarine, di cui ha fatto cenno l'assessore Sica parlando di Margherita di Savoia, dopo trattamento primario dei liquami, sono una soluzione celere ed economica, naturalmente dove è indicato farle. Io non dico di abolire degli impianti di depurazione, ma si devono fare delle buone previsioni su quello che effettivamente possono rendere; si deve, inoltre, ricordare che non esiste solo un sistema di depurazione e che bisogna istruire le persone che faranno andare avanti l'opera costruita. In America, c'è la professione del conductor: e questi tecnici specializzati curano anche pubblicazioni e conducono le ricerche scientifiche come abbiamo fatto con Cufone. Come si può pretendere allora che uno spazzino distaccato all'impianto di depurazione lo faccia andare avanti bene? È come se dessimo l'automobile in mano ad un bambino. È questo il punto che mi lascia perplesso, e questo è il punto dolente della situazione: si spendono soldi con l'idea di aver risolto qualcosa, ma non si ottiene quello che si vuole. Agli inizi di questa mia specializzazione sono stato un entusiasta degli impianti di depurazione; adesso sono deluso ed avvilito di fronte a quest risultati. Con questo concludo, convinto di aver lasciato abbastanza punti in sospeso per la discussione, che mi auguro possa essere nutrita ed animata. ALFREDO PAOLETTI 154

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

LA RISORSA ACQUA L acqua potabile è lo 0,003% di tutta l acqua presente sulla terra! I servizi offerti dalle acque dolci rientrano in tre categorie:

LA RISORSA ACQUA L acqua potabile è lo 0,003% di tutta l acqua presente sulla terra! I servizi offerti dalle acque dolci rientrano in tre categorie: LA RISORSA ACQUA Di tutta l acqua dolce presente sulla terra solo lo 0,77% si trova in fiumi, laghi, acquiferi e biomasse, ecc. L acqua potabile è lo 0,003% di tutta l acqua presente sulla terra! La vita

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla.

L acqua. Quando tantissime molecole di acqua si fondono insieme possiamo vedere l'acqua e berla o usarla. L acqua L'acqua è una sostanza molto importante, poiché forma la maggior parte dell'organismo umano. E' fatta di particelle molto piccole, gli ATOMI. Uno di questi atomi è chiamato IDROGENO (H) e l'altro

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA Lunedì 1 dicembre 2014 due tecnici (Silvana Moretti e Paola Migliorati )del Laboratorio Sanità pubblica ASL di Bergamo specializzati nell analisi dell acqua, (in

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

La classificazione delle acque

La classificazione delle acque La classificazione delle acque Dal punto di vista della provenienza le acque si distinguono in: Acque meteoriche. Ovvero la pioggia, la neve e la grandine. E' l'acqua con il più basso contenuto salino

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

IL MARE CHE VORREI..UN SOGNO DIVENUTO REALTA

IL MARE CHE VORREI..UN SOGNO DIVENUTO REALTA Progetto di educazione ambientale finanziato dalla Provincia Regionale di Palermo IL MARE CHE VORREI..UN SOGNO DIVENUTO REALTA I.T.C. FRANCESCO FERRARA ANNO SCOLASTICO 2008/ 2009 Provincia Regionale di

Dettagli

L acqua è un bene prezioso!

L acqua è un bene prezioso! Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Istituto Onnicomprensivo A. Argoli Scuola Primaria D. Bevilacqua - Tagliacozzo L acqua è un bene prezioso! Il ciclo dell acqua raccontato ai genitori dai bambini

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

LE RISORSE DELLA TERRA

LE RISORSE DELLA TERRA LE RISORSE DELLA TERRA L ARIA LE RISORE DELLA TERRA IL SUOLO L ACQUA GIOVANNI PAOLO II "L'uomo, preso dal desiderio di avere e di godere, più che di essere e crescere, consuma in maniera eccessiva e disordinata

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca

DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca Piano ISS Insegnare Scienze Sperimentali L.S.S. Caccioppoli di Napoli Via Nuova Del Campo, 22/R Tel 081-7805620 fax. 081-7511988 E-mail: naps07000r@istruzione.it DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca

Dettagli

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua L acqua è la sostanza che rende possibile la vita degli uomini, degli animali e delle piante sulla terra. Non a caso le prime forme di vita si sono sviluppate nell acqua. Anche se la terra è ricoperta

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 ENERGY (R) EVOLUTION VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 Antonio Bertolotto, fondatore e Amministratore Delegato del Gruppo

Dettagli

Il progetto Seminare Acqua

Il progetto Seminare Acqua Il progetto Seminare Acqua Conililcontributo contributodi: di: Con Il progetto Obiettivo: Parlare di di acqua e dei servizi ad ad essa collegati e creare uno strumenti di di conoscenza per la la cittadinanza

Dettagli

Bevi la buona acqua di Candelo

Bevi la buona acqua di Candelo REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Bevi la buona acqua di Candelo ACQUA DI CANDELO BUONA PER DAVVERO Informazioni

Dettagli

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore?

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore? GLI STATI DELL ACQUA Di solito vediamo l acqua allo stato liquido, ma l acqua può esistere in tre stati diversi: liquido, solido e gassoso. L acqua che bevi e che usi per lavarti, l acqua dei fiumi Stato:

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Ciao sono una goccia d ACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti.

Ciao sono una goccia d ACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti. 1 Ciao sono una goccia d ACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti. Mi muovo sempre perché altrimenti rischio di sporcarmi. 2 L acqua è la sostanza più comune e

Dettagli

LE ANALISI SULL ACQUA

LE ANALISI SULL ACQUA LE ANALISI SULL ACQUA L'acqua e i suoi composti naturali Chimicamente l acqua è una molecola composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. Durante il suo percorso attraverso il terreno e le rocce,

Dettagli

FITODEPURAZIONE, AGRICOLTURA ED AMBIENTE.

FITODEPURAZIONE, AGRICOLTURA ED AMBIENTE. AMBIENTE - RISORSE IDRICHE FITODEPURAZIONE, AGRICOLTURA ED AMBIENTE. Una tecnologia verde utile alla riduzione dell inquinamento nell ambiente, positiva per la biodiversità e che permette il recupero di

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Inquinamento dell'acqua

Inquinamento dell'acqua Inquinamento dell'acqua Introduzione L'acqua ha una grande capacità di autorigenerazione, in grado di neutralizzare gli interventi di inquinamento dell uomo. Ma se l attività umana continuerà a perseguire

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA «Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.» Mahatma

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Fenomeni chimico-fisici Laboratori di scienze nella scuola

Fenomeni chimico-fisici Laboratori di scienze nella scuola Fenomeni chimico-fisici Laboratori di scienze nella scuola La classe come laboratorio Risorse : insegnante, alunni, adulti presenti nella scuola,figure parentali e territorio. Insegnante: gestisce l esperienza,

Dettagli

Protezione e gestione delle acque Progetto Amandola

Protezione e gestione delle acque Progetto Amandola Protezione e gestione delle acque Progetto Amandola Percorso integrato 2 biennio scuola secondaria di secondo grado ITIS Giovanni XXIII Roma A cura di Lori Simonetti Esperti: Lega Ambiente 1 Introduzione

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

La gestione dell inquinamento marino

La gestione dell inquinamento marino La gestione dell inquinamento marino Gustavo Capannelli, Claudia Cattaneo COS È L INQUINAMENTO - In natura non esiste il concetto di purezza - Il livello quantitativo oltre il quale la risorsa risulta

Dettagli

8ª Giornata ESS Sabato 17 ottobre 2015 - DFA - SUPSI Locarno

8ª Giornata ESS Sabato 17 ottobre 2015 - DFA - SUPSI Locarno ! 8ª Giornata ESS Sabato 17 ottobre 2015 - DFA - SUPSI Locarno Una selezione di buone pratiche riprese dai lavori delle maestre K. Dos Santos Monteiros, S. Giudici, G. Ghirlanda, C. S. Pozzi, D. Speranca

Dettagli

Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata?

Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata? Pag. 1 Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata? Abbina ogni parola alla corretta definizione. A. Ecocompatibilità B. Rifiuti organici C. Discarica D. Auto ibrida E. Depurazione F. Materiali

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic)

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) Ferdinando De Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Hotel Sporting, Torrette di Ancona, 4

Dettagli

Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino)

Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino) Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino) Catene alimentari Sul nostro pianeta tutta la materia utilizzata dagli organismi viventi viene trasportata e trasformata

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V7 BATTERI V6 M2 U2

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V7 BATTERI V6 M2 U2 VEGETAL E U R S T Vegetali BATTER V6 M2 U2 1 VEGETAL E U R S T BATTER Nel terreno vivono moltissimi organismi viventi. Alcuni li avrete sicuramente già visti o addirittura studiati (es. talpa, lombrico,

Dettagli

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!!

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! Immagine elaborata con i dati forniti dal Defense Meteorological Satellite Program (DMSP) Operational Linescan System (OLS). ( NASA) ENERGIA L energia è la capacità di

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Energia geotermica. idroelettrica. Cos è? Energia eolica. Energia solare. Energia del moto ondoso. Dissociatore molecolare

Energia geotermica. idroelettrica. Cos è? Energia eolica. Energia solare. Energia del moto ondoso. Dissociatore molecolare Di: Federica Tropea, Simona Sparacino, Gaia Benedetto, Egle Trovato, Fiammetta Spina. Energia nucleare Energia geotermica Energia idroelettrica Biogas Biomassa Energia solare Cos è? Energia eolica Energia

Dettagli

Qualità e sicurezza dell acqua. Il ruolo dell acqua nell agricoltura sostenibile e nella salute alimentare

Qualità e sicurezza dell acqua. Il ruolo dell acqua nell agricoltura sostenibile e nella salute alimentare Qualità e sicurezza dell acqua Il ruolo dell acqua nell agricoltura sostenibile e nella salute alimentare Il pianeta blu Il problema delle risorse idriche a livello mondiale va affrontato considerando

Dettagli

Lettera ai giovani atleti che sognano di venire all'olimpiade di Tokyo 2020, ai loro allenatori e genitori: alcuni fatti che occorre sapere.

Lettera ai giovani atleti che sognano di venire all'olimpiade di Tokyo 2020, ai loro allenatori e genitori: alcuni fatti che occorre sapere. Lettera ai giovani atleti che sognano di venire all'olimpiade di Tokyo 2020, ai loro allenatori e genitori: alcuni fatti che occorre sapere. Il 7 settembre 2013 il Primo Ministro Shinzo Abe ha rivolto

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA

PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA PROGETTO EDUCATIONAL CICLO IDRICO INTEGRATO PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA Anno scolastico 2013/ 2014 CICLO DELL ACQUA DISTRIBUZIONE E USO SOSTENIBILE DEPURAZIONE NON C È VITA SENZA ACQUA. L ACQUA È

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI

FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI FERTIRRIGAZIONE: FANGHI E LIQUAMI UTILITA O INUTILE RISCHIO? Ferdinando de Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Presidente Ordine dei Chimici delle Marche S. Ippolito (PU) 23 aprile 2004-03-18 I terreni

Dettagli

Acquariofili Valle Stura

Acquariofili Valle Stura Acquariofili Valle Stura Allestimento di un acquario di acqua dolce, foto e descrizione. (di Corrado Bozzano - 2002) L idea di fotografare le fasi di allestimento di un acquario forse è folle ma devo dire

Dettagli

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante.

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. Iniziamo il percorso con una fase di spiegazione e un esperimento; successivamente lavoriamo in maniera cooperativa-guidata sul quaderno e con

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio

Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TECHNICAL UNIVERSITY OF HAMBURG-HARBURG Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

Cosa è allora una cella Idrogeno?

Cosa è allora una cella Idrogeno? Risparmia Carburante con la Tecnologia HHO! Stanchi di spendere cosi tanti soldi in carburante? È possibile risparmiare il 25-35% del soldi speso oggi! Comincia a ris-parmiare carburante con i nostri generatori

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

PER UN MONDO PIU PULITO

PER UN MONDO PIU PULITO PER UN MONDO PIU PULITO RICICLAGGIO Per riciclaggio dei rifiuti, nell'ambito della gestione dei rifiuti, si intende l'insieme di strategie e metodologie volte a recuperare materiali utili dai rifiuti al

Dettagli

L Ecosistema-catene alimentarireti alimentari

L Ecosistema-catene alimentarireti alimentari L Ecosistema-catene alimentarireti alimentari Per introdurre il discorso delle Catene Alimentari, dobbiamo ampliare il discorso e spiegare il concetto di Ecosistema A.Morroni - S.Pizzingrilli 1 Indice

Dettagli

CORSO DI ECOLOGIA APPLICATA

CORSO DI ECOLOGIA APPLICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA LAUREA TRIENNALE IN ECOLOGIA CORSO DI ECOLOGIA APPLICATA Titolare del corso: PROF. STEFANO CATAUDELLA Hanno collaborato alla preparazione del materiale didattico:

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO L AMBIENTE Sommario: 1. Introduzione all economia ambientale. - 2. Il ruolo dell ambiente nell attività economica. - 3. Classificazioni delle risorse: non rinnovabili e rinnovabili. - 4.

Dettagli

5. I Trasferitori di Energia

5. I Trasferitori di Energia 5.1. Fonti e ricevitori trasferiscono energia 5. I Trasferitori di Le fonti di energia, come il nome lascia ben intuire, cedono energia. Da dove ricevono però l energia che cedono? La ricevono da altre

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

FATTORIA DIDATTICA NELLA TERRA DELL

FATTORIA DIDATTICA NELLA TERRA DELL Azienda Agrituristica di Vallecupa Pescasseroli (AQ) Via della Difesa 67032 Pescasseroli (AQ) Tel. 0863/910444 cell. 333/2517855 email info@agriturismomaneggiovallecupa.it www.agriturimomaneggiovallecupa.it

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Le mie lezioni: L Energetica(4/3^)

Le mie lezioni: L Energetica(4/3^) Prof. Angelo Serafino Caruso, Docente di Meccanica, Macchine ed Energia Istituto Tecnico Industriale E. Majorana di Rossano Le mie lezioni: L Energetica(4/3^) L Energia Le Forme dell Energia Primarie e

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque.

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque. SCHEDA TECNICA Liquido Biologico per le Acque. FASCICOLO TECNICO N 001 Gennaio 2014 1 R-Life E un prodotto di nuova concezione in forma liquida, costituito un pool di batteri eterotrofi, coltivati attraverso

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

COME REALIZZARE UNA MUTA LISCIA-SPACCATA

COME REALIZZARE UNA MUTA LISCIA-SPACCATA COME REALIZZARE UNA MUTA LISCIA-SPACCATA OCCORRENTE: Foglio di neoprene dello spessore desiderato; Avanzi di lavorazione di neoprene spaccato/foderato, liscio/foderato o bifoderato; Un kit alamaro (borchia,

Dettagli

Qualità - Sicurezza - Ambiente

Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità Sicurezza Ambiente UNI EN ISO 9001 BS OH SAS 18001 UNI EN ISO 14001:2004 DPR 547/1955 Il rischio è il prodotto tra la probabilità e la gravità R x G 1 2 3 4 1 1 2

Dettagli

Perché sprecare se...

Perché sprecare se... Perché sprecare se... Emergenza acqua Dal ciclo dell'acqua dipendono sia le condizioni climatiche e ambientali, sia i processi di fotosintesi e respirazione, che rendono possibile la vita sul nostro pianeta.

Dettagli

L illuminazione. La cucina curativa

L illuminazione. La cucina curativa 5 L illuminazione Il Mio nome è Alessandro, faccio il cuoco, non sono un curatore e non posso fare miracoli, ma da qualche anno non uso più medicine o almeno cerco di evitarle il più possibile. Come? Semplice,

Dettagli

Gru all opera sul cumulo di compost

Gru all opera sul cumulo di compost Alla periferia di Catania, in territorio di Ramacca, sorge uno degli stabilimenti più all avanguardia del Meridione, che è specializzato al trattamento e alla lavorazione dei rifiuti solidi urbani (RSU):

Dettagli

Semplicemente preziosa. Utilizzabile due volte. Acqua utilizzabile semplicemente due volte. Grazie al riciclaggio dell acqua grigia.

Semplicemente preziosa. Utilizzabile due volte. Acqua utilizzabile semplicemente due volte. Grazie al riciclaggio dell acqua grigia. Semplicemente preziosa. Utilizzabile due volte. Acqua utilizzabile semplicemente due volte. Grazie al riciclaggio dell acqua grigia. Acqua L elemento più prezioso della vita. L acqua è insostituibile.

Dettagli

Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare

Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare ATTIVITA' DI PRESENTAZIONE_per conoscere il nome dei bambini DURATA: 15 minuti Dopo che i bambini si sono disposti in cerchio, ci presentiamo dicendo ognuno il proprio

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Nell idrosfera l acqua si sposta continuamente da un luogo all altro, seguendo un percorso di andata e ritorno detto ciclo dell acqua o ciclo idrologico; questo si

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl 06 BioDiesel e batteri Prevenire è meglio che curare BioDiesel BioDiesel e

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Acqua azzurra, acqua chiara Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Proprietà fisiche Ecosistemi acquatici Origine della vita Ciclo dell acqua Acqua Scoperte Sensazioni Leggi La

Dettagli

COME SI SONO PRODOTTE? Tutte le fonti di energia rinnovabili ed esauribili, oggi a nostra disposizione si sono generate dal sole.

COME SI SONO PRODOTTE? Tutte le fonti di energia rinnovabili ed esauribili, oggi a nostra disposizione si sono generate dal sole. LE FONTI DI ENERGIA COSA SONO? Le fonti di energia sono sostanze in cui all origine è immagazzinata l energia che gli uomini utilizzano. Le fonti di energia più importanti sono quelle che sono in grado

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI

LE ENERGIE RINNOVABILI LE ENERGIE RINNOVABILI La definizione di energia rinnovabile è spesso legata al termine ecologia. Infatti vengono spesso erroneamente definite come energie che rispettano l ambiente. Ci sono diversi tipi

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Per la serie impianti indispensabili per le abitazioni, parliamo di impianto idrico-sanitario, ossia di quell impianto che rifornisce le abitazioni di acqua potabile. Purtroppo

Dettagli