XII COMMISSIONE PERIVI AN E NTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XII COMMISSIONE PERIVI AN E NTE"

Transcript

1 502 - Bollettino Conimissioni Giovedì 5 dicembre 1985 XII COMMISSIONE PERIVI AN E NTE (Industria) GIOVEDi 5 DICEMBRE 1985, ORE 9,15. - Presidenza del Presidente Severino CI- PERMANENTE PER I PARERI. I1 Comitato permanente per i pareri procede all elezione del suo presidente, mediante votazione. Risulta eletto il Cherchi. deputato Salvatore LA SEDUTA TERMINA ALLE 9,25. G1O-t 5 DICEMBRE 1985, ORE 9,25. - Presidenza del Presidente Swerino CI- TARISTI. ELEZIONE DEL PRESIDENTE DEL PERMANENTE PER LE RELAZIONI ECONOMICHE INTERNAZIONALI. 11 Comitato permanente per le relazioni economiche internazionali procede all elezione del suo presidente mediante votazione... Risulta eletto il deputato Vito Napoli. LA SEDUTA TERMINA ALLE 9,40. IN SEDE CONSULTIVA TARISTI. GIOVEDi 5 DICEMBRE 1985, ORE 9,40. - Presidenza del Presidente Severino CITA- RISTI. - Intervengono il sottosegretario ELEZIONE DEL PRESIDENTE DEL COMITATO di Stato per l industria, commercio e ar- tigianato Sisinio Zito e il sottosegretario di Stato per il commercio con l estero Giovanni Prandini. Disegni di legge: Disposizionl per la fomone del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 1986) (Atto Senato n. 1904); Bilancio di previsione dello Stato per l anno i% nanziario 1986 e bilancio pluriennale per il Me& nio (Atto Senato n. 1505); Stato di previsione del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato per l anno finanziario 1986 (Tabella 14). Stato di previsione del Ministero del commercio con l estero per l anno finandario 1986 (Tabel- COMITATO la 16). (Seguito dell esame, ai sensi dell articolo 120, quinto comma, del regolamento, e rinvio). La Commissione riprende la discussione sulla tabella deputato Massimo SERAFINI nel ribadire il giudizio critico del gruppo comunista sui disegni di legge all esame si

2 502 - Bollettino Commissioni Giovedì 5 dicembre 1985 sofferma sui temi dell ambiente: problemi che devono essere affrontati in una prospettiva che non può essere antagonista rispetto a quelli più generali dello sviluppo economico. Ricorda quindi le iniziative già avviate della XII Commissione su alcuni temi estremamente qualificanti a dimostrazione che è possibile coniugare il tema dello sviluppo economico e della tutela dell ambiente. I1 limite di fondo della manovra finanziaria, che traspare dai provvedimenti all esame, è proprio quello di non saper prospettare una,ipotesi di sviluppo capace di interagire con i.1 tema della sdvaguardia ambienta1.e. La mancata iniziativa governativa ha quindi come conseguenza quella di favorire una tendenza culturale, che vede essenzialmente la tutela dell ambiente come vincolo allo sviluppo industriale. Conclude il suo intervento ribadendo il suo giudizio negativo. 11 seguito dalml esame della tabella 14 è quindi rinviato ad altra seduta. I1 deputato Gabriele SALERNO, relatore per la tabella 16, illustrando il provvedimento osserva che: nonostante l esiguità delle risorse finanziarie direttamente gestite dal Ministero del commercio con l estero, l esame della tabella 16 costituisce tradizionalmente l occasione per una valutazione di insieme da parte del Parlamento delle politiche di commercio con l estero e dello scenario economico internazionale sul quale le relative opzioni incidono oltre che delle interrelazioni tra legge di bilancio ed altri disegni di legge, all esame del Parlamento, in tema di commercio estero. Aggiornato con i dati provvisori del mese di settembre, l andamento della bilancia commerciale del Paese conferma i sintomi di miglioramento emersi nel precedente bimestre, ciò che permette di ridimensionare notevolmente l allarme suscitato dai dati dei primi sei mesi. Nel mese di settembre, in particolare, il valore complessivo delle importazioni si è accresciuto, rispetto d settembre 1984, soltanto de11 1,7 per cento, a fron- te di un rafforzamento delle correnti esportative pari al 13,4 per cento. I1 saldo passivo del mese, determinato dalla somma algebrica tra un deficit - energetico di miliardi e da un saldo attivo di per le restanti merci, si colloca così su valori decisamente inferiori a quelli del saldo passivo del settembre 1984 (705 miliardi, a fronte di 1982 miliardi). I dati del terzo trimestre 1985 (lugliosettembre) espongono d altronde un saldo passivo di soli 549 miliarcli, che pub essere raffrontato da un lato con i miliardi dei deficit accumulato nel corrispondente periodo del1 anno precedente, e, dall altro, con gli milliardi cui era giunto a commisurarsi il saldo passivo del secondo trimestre L inversione di rotta, determinata da una consistente flessione delle importazioni e del mantenimento di un soddisfacente ritmo di crescita delle esportazioni, non può peraltro far dimentica= il peso che sull economia italiana è esercltato dal vincolo estero e l importanza strategica che le scelte di politica commerciale estera rivestono per un Paese il cui livello di intemazionalizzazione de1- l economia ha da tempo superato il 50 per cento. Nel periodo gennaio-settembre, la bilancia commerciale continua pur sempre ad evidenziare un saldo passivo di miliardi, che peggiora di oltre miliardi $1 dato del corrispondente periodo E se le esportazioni, nei nove mesi a riferimento, risultano essersi accresciute del 16,2 per cento, al livello del 18,s per cento resta ancorato il tasso di incremento delle importazioni. Le analisi e previsioni dei centri di osservazione internazionali evidenziano una decelerazione del tasso di crescita economica dell area OCSE determinata dal ridimensionamento della crescita dell economia USA non compensato dall impulso dei Paesi, in primis il Giappone, caratterizzati dall equilibrio della situazione finanziaria inte,qa. Pur a fronte dei progressi realizzati sul fronte dell inflazione, grazie alla fles-

3 502 - Bollettino Commissioni Giovedì 5 dicembre 1985 sione dei prezzi delle materie prime, e pur scontando i favorevoli effetti sui mercati dei Cambi conseguenti al ridimensionamento del dollaro, elementi di incertezza minacciano ancora di indebolire, nell area OCSE, qualsiasi azione di rilanci0 dello sviluppo. Cita in particolare la elevatezza dei tassi reali di interesse, che rallentano gli investimenti produttivi, agli squilibri delle bilance dei pagamenti, alle crescenti tensioni protezionistiche, all indebitamento dei paesi sottosviluppati. In mancanza di politiche strutturali che, nel medio periodo accompagnino ed integrino le politiche espansive di breve periodo (fiscali e monetarie) nel senso di una rimozione dei fattori di rallentamento, le prospettive potrebbero essere quelle di una prolungata stagnazione dell economia internazionale. Le stime più recenti depongono per una crescita del commerci,o mondimale del 5,2 per cento nel 1985 e del 5 per cento nel 1986, a fronte del 9,7 per cento del In tale contesto, e nel quadro, interno, di una complessiva manovra restrittiva del bilancio imposta dal piano di rientro e necessitata dalle attuali dimensioni del deficit pubblico, il compito di sostegno all espansione e di perseguimento degli obiettivi di sviluppo sul medio periodo pub solo essere affidato ad una decisa azione di sostegno e impulso delle esportazioni. Resta confermato,.in ogni caso, che le politiche di commercio estero devono essere raccordate con gli indirizzi di politica economica generale: il contenimento dell inflazione, l adeguamento selettivo del sistema di produzione, la finalizzazione delle scelte strutturali di politica industriale agli obiettivi della occupazione e dell innovazione tecnologica e la rimodulazione della politica energetica restano i fattori principali con i quali va perseguito il ridimensionamento del vincolo estero e l affermazione, in termini competitivi, delle nostre esportazioni sui mercati internazionali. Non meno importanti sono tuttavia le azioni che più direttamente attengono al- la politica commerciale e che, secondo quanto il Ministro del commercio con l estero ha avuto occasione di sintetizzare recentemente, si sviluppano lungo tre direttrici sostanziali: il coordinamento dea interventi, in atto ripartiti tra vari centri di riferimento pubblici; la progressiva attenuazione dei vincolmi che sono d ostacolo alla competitività delle imprese esportatrici, il potenziamento degli strumenti di sostegno diretto. Passando quindi ad esaminare la &ibella 16 ricorda che il bilancio del Ministero del commercio con l estero & per il 99,9 per cento di parte corrente. Esso poi è in massima parte un bilancio di trasferimenti i quali ammontmano nelle previsioni per il 1986 a 189,3 miliardi sul totale della spesa di 204,l miliard,i. Deve tuttavia precisare che non tutta la spesa per il sostegno alle esportazioni transita per il Ministero del commercio con l estero. Infatti, gli stanziamenti per i crediti alle esportazioni e per l assicurazione - per i quali sono competenti il Mediocredito centrale e la SACE - sono iscritti nello stato di previsione del Ministero del tesoro. La riduzione di competenza tra il 1985 e il 1986, pari a miliardi k dovuta per la massima parte alla scadenza degli stanziamenti, fissati nella finanziaria dello scorso anno, relativi alla legge n. 240 del. 1981: Prowidenze in favore dei consorzi: - 12,s miliardi; e alla variazione negativa sul capitolo n (Contributo annuale ai consorzi con scopo esclusivo di esportazione di prodotti agroalimentari) - 2 miliardi. Come già detto, la maggior parte del bilancio del Ministero è costituita dai trasferimenti. L area principale di destinazione degli stanziamenti è costituita dall Istituto del commercio estero. Gli stanziamenti in competenza sono articolati in quattro capitoli, dei quali uno - soppresso - sarh utilizzato solo per lo smantellamento dei residui, pari a 30 miliardi (si tratta delle assegnazioni all ICE per le spese relative alle convenzioni con aziende agricole per realizzazione di programmi promozionali in paesi diversi dalla CEE).

4 502 - Bollettiiio Contrriissioiii Giovedì 5 dicenzbre ~ I trasferimenti a!l ICE per il 1986 ammontano a 181,4 miliardi suddivisi come segue: 62,4 miliardi per contributo alle spese di funzionamento dell ente (34,4 per cento); 65 miliardi per il funzionamento degli uffici all estero (35,8 per cento): 54 miliardi per le attività promozionali (29,8 per cento). Rispetto alle previsioni assestate per il 1985 risultano ridotte di 406 milioni le assegnazioni di competenza per le spese relative al funzionamento degli uffici all estero, mentre incrementate di 2,3 miliardi sono le assegnazioni di competenza per le attività promozionaii. Quanto alla cassa, questa viene ridotta di 1,4 miliardi per le spese di funzionamento degli uffici all estero, ed incrementata di 2,3 miliardi per le attività promozionali. Numerosi sono gli interventi che il disegno di legge della finanziaria dispone in materia di commercio con l estero. In primo luogo, alcune variazioni sul bilancio a legislazione vigente sono apportate dagli stanziamenti relativi alle disposizioni di legge la cui quantificazione è demandata alla legge finanziaria. Gli stanziamenti di competenza relativi alla legge n. 185 del 1975, relativa al potenziamento e razionalizzazione delle attività di promozione delle esportazioni sono incrementati per ccmplessivi 24,3 miliardi, dei quali 9,3 incidono sui contributi per le spese di funzionamento dell ICE (capitolo n. 1606); e 15 miliardi incidono sul capitolo n relativo alle spese di funzionamento degli uffici all estero dello stesso ente. Ulteriori intementi sono disposti nell articolato. I1 Fondo di dotazione della SACE viene incrementato di 200 miliardi, interamente utilizzabili per il pagamento desli indennizzi. Infine il contributo alle piccole imprese per il sostegno alle esportazioni è fissato per il 1986 in 1 miliardo. I1 primo intervento in materia di esportazioni è previsto al punto 1 dell articolo 8, che prevede l incremento di 200 miliardi del fondo di dotazione della SACE, interamente utilizzabili per il pagamento degli indennizzi. Tale misura era prevista, negli stessi termini, nella legge finanziaria dello scorso anno. La finalità di tale norma è quella di allargare le fonti di finanziamento in un settore di grandissima importapza per le finanze della SACE, nella misura in cui il rifinanziamento dei debiti evita il pagamento degli indennizzi e ne consente un rapido recupero. Si possono quantificare gli interventi che recentemente hanno incrementato le disponibilità finanziarie della sezione. I1 Fondo di dotazione, aumentato, come si è accennato, di 200 miliardi già con la finanziaria dello scorso anno, ha avuto nel corso dell anno un ulteriore stanziamento di 100 miliardi in base alla legge 2 marzo 1985, n. 59. I1 Fondo rotativo istituito con la le?- ge finanziaria del 1983 e destinato ad indennizzi da accordi intergovemativi di ristrutturazione dei debiti, è stato aumentato da 100 a 200 miliardi con la legge 11 ottobre 1954, n. 662 ed elevato di 200 miliardi con la legge di bilancio per il La quantificazione dello stanziamento relativo al fondo anzidetto è rinviata per l esercizio 1986 alla legge finanziaria, che ne fissa l ammontare in 200 miliardi. Un altro intervento è quello disposto dal punto 3 dello stesso articolo 8, nel quale si prevede il limite di 375 miliardi per l utilizzo delle disponibilith di cui all articolo 2 del decreto-legge n. 251 del I1 punto 5 dell articolo 8 disciplina gli stanziamenti in favore della corresponsione dei contributi in conto interesse sulle operazioni di finanziamento all esportazionc cx lcggc n. 227 del 1977 al mcdio credito centrale. La lesge finanziaria dello scorso anno aveva già incrementato il Fondo contributi per queste operazioni di miliardi per gli anni Le quote per il erano state fissate rispettivamente in 150 e 390 miliardi. La proposta attuale è costituita da un incremento del Fondo pari a miliardi per il periodo Le tranches relative agli

5 502 - Bollettino Commissioni Giovedì 5 dicembre 1985 anni 1987 e 1988 sono fissate rkpettivamente in 150 e 100 miliardi. Ove approvata la legge finanziaria, immutato lo stanziamento per iml 1986 pari a 150 miliardi, la quota per il 1987 è costituita da 390 miliardi stabiliti dalla finanziaria per il 1985 e,dai 50 miliardi previsti dalla proposta per il Un intervento aggiuntivo rispetto alla legge finanziaria per il 1985 è quello previsto dal punto 6 dell articolo 8 nel quale si integra lo stesso fondo di cui al precedente comma di 150 miliardi da destinare integralmente per le finalità della legge cc Sabatini D concernente l acquisto di nuove macchine utensili. Questa la manovra prevista dall articolato del disegno di legge finanziaria. A tali interventi vanno aggiunti quelli costituiti dalla quantificazione determinata nella legge finanziaria per la legge 31 maggio 1975, n. 185, che incide sui capitoli 1606 e 1610 del Ministero del commercio con l estero. L incremento che la finanziaria prevede per questa legge è pari a 24 miliardi e 360 milioni. Infine, è interessante rilevare come nei fondi speciali per il 1986 sono inclusi stanziamenti pari a 315 miliardi relativi al prowedimento di riforma dell ICE e 10 miliardi per il prowedimento relativo al controllo all esportazione e dei transiti di materiali di armamento. Conclude il suo intervento dichiarandosi disponibile a cogliere tutti gli spunti positivi che potranno emergere nel corso del dibattito. I1 deputato Michele GRADUATA si chiede preliminarmente se i gruppi della maggioranza sono realmente interessati ad un confronto reale con l opposizione. I disegni di legge all esame della Commissione, nonchc gli atti più qualificanti del Governo stanno a dimostrare che la politica portata avanti mira a colpire i meno abbienti e favorire le posizioni di rendita. Sono colpiti i ceti più deboli mentre vengono ignorati i suggerimenti di illustri economisti, che ipotizzano una tassazione dei BOT. La legge finanziaria poteva costituire l occasione per un inversione di tendenza, ma questa eventualith sembra essere pregiudizialmente esclusa ddl Esecutivo, che invece si muove lungo l asse di un impostazione tradizionale e inconcludente, rispetto ai reali problemi del paese. Si considerino ad esempio i temi del commercio con l estero. La sottovalutazione di questo comparto, di cui dipende un terzo dei posti di lavoro, è evidente. Manca innanzitutto una correlazione tra politica industriale e quella del commercio intemazionale. Lo stesso relatore non ha speso una parola sul pericolo di un crescente protezionismo, destinato a penalizzare duramente alcune produzioni italiane, quali le paste alimentari o le calzature. In uno scenario internazionale sempm più difficile l Italia rischia di pagare due volte: nei confronti della CEE nel campo della politica agricola, nei confronti degli USA per altre produzioni. I1 Governo dovrebbe pertanto elaborare una linea concreta in vista di importanti impegni internazionali, quali la rinegoziazione del GATT. Altro tema su cui riflettere è quello del vincolo estero. I1 deficit che si manifesta in comparti così importanti per la economia nazionale deve esse= attentamente analizzata, al fine di cogliere aspetti che non sono più di natura congiunturale, ma strutturali. Si deve avere consapevolezza del fatto che la situazione complessiva, appena richiamata, penalizza essenzialmente il Mezzogiorno, nonostante i riferimenti puramente retorici all esigenza di un suo sviluppo. Nel medio periodo, i dati disponibili dimostrano il grado di incertezza che caratterizza le strutture operative del commercio estero. Esso si qualifica per la presenza di piccolissime imprese che hanno con la realth internazionale contatti sempre più episodici e non certo strutturali. Si aggiunga che la loro dislocazione geografica è quasi tutta concentrata nel Nord, avendo il Mezzogiorno una pura posizione di risulta. La loro classificazione per area geografica di esportazione e per comparti merceologici evidenzia ulteriormente l estrema fragilith di una presenza che può

6 502 - Bollettiizo C'oiiii1tissioiii Giovedì 5 dicembre 1985 vcnir meno al minimo cambiamento congiun turale. Di fronte ad una realtà così complessa, la legge finanziaria non riesce a decollare da una posizione tradizionale che, come negli anni passati, non riuscirà certo a produrre quei mutamenti, che pure sono necessari. Da qui il rischio di un ulteriore ristagno del commercio estero e quindi il voto contrario, che fin da ora preannuncia, del gruppo comunista. I1 deputato Lelio GRASSU.CCI, nel concordare con il deputato Graduata, sottolinea l'esigenza di accompagnare il dibattito sul prowedimento all'esame con un forte impegno tematico. Ricorda in proposito che il filo rosso, che lega i temi dello sviluppo dell'apparato produttivo a quelli del commercio internazionale, noil può essere assolutamente trascurato. Si chiede quindi se la struttura del CIPES non vada adeguata a questa prospettiva, prevedendo una presenza attiva e partecipe del Ministro per il commercio con l'estero, come del resto più volte rimarcato. Dubbi deve esprimere su una sorta di passività del Ministro nell'affrontare un problema cosi delicato, nonché sul quadro macro-economico che accompagna il disegno di legge della finanziaria. Si chiede se il problema di una qualificazione tanto del comparto dell'intport che dell'e-tpoit, in termini di valore aggiunto, non debba essere riproposto con grande forza. Nello stesso tempo una riflessione più attenta dovrebbe essere condotta sugli effetti prodotti dalla recente svalutazione monetaria, per verificare se essa ha favorito le produiioni tecnologiche pih cvolute o quelle pih tradizionali. Una simile tematica, che trova un preciso riscontro nel dibattito scientifico sull'argomento, consentirebbe un chiarimento necessario, su cui impostare correttamente la linea futura di sviluppo del commercio con l'estero. L'E altro prsb!ema da affrontrre P quello del coordinamento dei vari soggetti, che, a vario titolo, si occupano della materia. Una razionalizzazione è quanto mai necessaria al fine di trovare linee di efficienza complessiva, in una situazione che, altrimenti, rischia di non produrre gli effetti sperati. La soluzione dei problemi prospettati potrebbe comportare un forte momento di razionalizzazione quale presupposto di una strategia che affronti in modo unitario il problema della presenza estera del pacse. Si chiede in proposito quale sia la posizione del Governo sui temi della trding company. I1 Governo dovrebbe inoltre fornire maggiori elementi di informazione sull'attuazione della legge n. 240 del 1982, nonché sulla gestione più complessiva dei graiits. Il deputato Vito NAPOLI, nel ripercorrere le tappe di un dibattito che vede da anni impegnata la XII Commissione, sui problemi del commercio con l'estero. dichiara di concordare con il taglio della re1 azione. I1 relatore ha presentato un quadro della congiuntura internazionale che non è certo tranquillizzante. La domanda internazionale ha assunto un andamento meno brillante. La bilancia commerciale italiana mostra sintomi di crisi specie nel comparto delle esportazioni, nonostante un clima valutario favorevole. 11 deficit persistente in alcuni grandi comparti sta a dimostrare il connotato di carattere strutturale di un fenomeno che non può essere aggredito con misure di natura consiunturale. Naturalmente non mancano aspetti positivi, come nel caso del comparto tessile e meccanico; ma questi elementi non debbono spingere ad un eccessivo ottimismo. Esso farebbe perdere di vista la valeimt dei mutamenti che si sono prodotti iiesli equilibri più complessivi della divisione internazionale del paese. In una prospettiva di medio termine ci& che diverrà sempre più importante è la qualificazione delle singole produzioni nazionali. Obiettivo che, nella realtà italima, potrà essere conseguito solo grazie ad una profonda riforma di tutti i soggetti che operano a favore del commercio con l'estero. Si deve infatti tener conto

7 j02 - Bollettino Coniiizissiorii Giovedì 5 dicciiibre 1985 che la concorrenza internazionale non si manifesta solo nel campo della produzione, ma investe ormai gli aspetti di natura commerciale e l assistenza finanziaria. Le considerazioni esposte lo portano pertanto a giudicare del tutto insufficienti gli stanziamenti recati dalla N legge finamiaria )) a favore di organismi, quali la SACE o il Mediocredito, specie se si tiene conto dell esigenza di un forte sviluppo dell economia italiana nel contesto intemazionalc. In questa seconda prospettiva le stesse strutture burocratiche del Ministero del commercio con l estero risultano insufficienti ed andrebbero potenziate al fine di offrire, se non altro, un quadro più complessivo delle problematiche connesse con questa materia. Altro tema da affrontare è la riforma dell ICE, la cui struttura futura dovrà essere coordinata con gli altri enti che, in Italia, si occupano del commercio con l estero. Awiandosi alla conclusione non può non esprimere perplessità sui contenuti normativi della (( legge finanziaria )) che si muove sul solco di una posizione,tradizionale, non più all altezza dei problemi da affrontare. I1 deputato Elio GIOVANNINI, nello esprimere le più forti riserve sulla tabella 16, fa osservare che i dati più recenti sulla dinamica del commercio con l estero inducono ad un minore pessimismo. Ad una riduzione del coefficiente di elasticith delle importazioni nei confronti del PIL si accompagna una crescita delle esportazioni in linea con gli andamenti passati. La stessa situxione valutaria deponc a favore dell economia italiana, creando forti occasioni di sviluppo. Cib che manca, in un quadro così positivo, è proprio una politica del commercio estero che sia degna di questo nome. Da qui uno scarto crescente tra potcnzialità ed efficacia operativa ed il senso di insoddisfazione che deve accompagnare la discussione sul bilancio. Dopo breve intervento del sottosegretario di Stato per il commercio con l estero Giovanni PRANDINI. che si impegna a fornire la documentazione richiesta, il seguito dell esame è rinviato ad altra seduta. LA SEDUTA TERMINA ALLE 11.

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Politiche per lo sviluppo del Mezzogiorno

Politiche per lo sviluppo del Mezzogiorno Politiche per lo sviluppo del Mezzogiorno Primo rapporto Estratto dalla Relazione Previsionale e Programmatica per il 1999 POLITICHE PER LO SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO Primo rapporto INDICE PREMESSA 5 LA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti:

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti: GUIDA OPERATIVA Personale dei comparti: Modalità di calcolo del monte ore dei permessi sindacali di spettanza delle organizzazioni sindacali rappresentative e della RSU nei luogo di lavoro Novembre 2013

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli