XII COMMISSIONE PERIVI AN E NTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XII COMMISSIONE PERIVI AN E NTE"

Transcript

1 502 - Bollettino Conimissioni Giovedì 5 dicembre 1985 XII COMMISSIONE PERIVI AN E NTE (Industria) GIOVEDi 5 DICEMBRE 1985, ORE 9,15. - Presidenza del Presidente Severino CI- PERMANENTE PER I PARERI. I1 Comitato permanente per i pareri procede all elezione del suo presidente, mediante votazione. Risulta eletto il Cherchi. deputato Salvatore LA SEDUTA TERMINA ALLE 9,25. G1O-t 5 DICEMBRE 1985, ORE 9,25. - Presidenza del Presidente Swerino CI- TARISTI. ELEZIONE DEL PRESIDENTE DEL PERMANENTE PER LE RELAZIONI ECONOMICHE INTERNAZIONALI. 11 Comitato permanente per le relazioni economiche internazionali procede all elezione del suo presidente mediante votazione... Risulta eletto il deputato Vito Napoli. LA SEDUTA TERMINA ALLE 9,40. IN SEDE CONSULTIVA TARISTI. GIOVEDi 5 DICEMBRE 1985, ORE 9,40. - Presidenza del Presidente Severino CITA- RISTI. - Intervengono il sottosegretario ELEZIONE DEL PRESIDENTE DEL COMITATO di Stato per l industria, commercio e ar- tigianato Sisinio Zito e il sottosegretario di Stato per il commercio con l estero Giovanni Prandini. Disegni di legge: Disposizionl per la fomone del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 1986) (Atto Senato n. 1904); Bilancio di previsione dello Stato per l anno i% nanziario 1986 e bilancio pluriennale per il Me& nio (Atto Senato n. 1505); Stato di previsione del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato per l anno finanziario 1986 (Tabella 14). Stato di previsione del Ministero del commercio con l estero per l anno finandario 1986 (Tabel- COMITATO la 16). (Seguito dell esame, ai sensi dell articolo 120, quinto comma, del regolamento, e rinvio). La Commissione riprende la discussione sulla tabella deputato Massimo SERAFINI nel ribadire il giudizio critico del gruppo comunista sui disegni di legge all esame si

2 502 - Bollettino Commissioni Giovedì 5 dicembre 1985 sofferma sui temi dell ambiente: problemi che devono essere affrontati in una prospettiva che non può essere antagonista rispetto a quelli più generali dello sviluppo economico. Ricorda quindi le iniziative già avviate della XII Commissione su alcuni temi estremamente qualificanti a dimostrazione che è possibile coniugare il tema dello sviluppo economico e della tutela dell ambiente. I1 limite di fondo della manovra finanziaria, che traspare dai provvedimenti all esame, è proprio quello di non saper prospettare una,ipotesi di sviluppo capace di interagire con i.1 tema della sdvaguardia ambienta1.e. La mancata iniziativa governativa ha quindi come conseguenza quella di favorire una tendenza culturale, che vede essenzialmente la tutela dell ambiente come vincolo allo sviluppo industriale. Conclude il suo intervento ribadendo il suo giudizio negativo. 11 seguito dalml esame della tabella 14 è quindi rinviato ad altra seduta. I1 deputato Gabriele SALERNO, relatore per la tabella 16, illustrando il provvedimento osserva che: nonostante l esiguità delle risorse finanziarie direttamente gestite dal Ministero del commercio con l estero, l esame della tabella 16 costituisce tradizionalmente l occasione per una valutazione di insieme da parte del Parlamento delle politiche di commercio con l estero e dello scenario economico internazionale sul quale le relative opzioni incidono oltre che delle interrelazioni tra legge di bilancio ed altri disegni di legge, all esame del Parlamento, in tema di commercio estero. Aggiornato con i dati provvisori del mese di settembre, l andamento della bilancia commerciale del Paese conferma i sintomi di miglioramento emersi nel precedente bimestre, ciò che permette di ridimensionare notevolmente l allarme suscitato dai dati dei primi sei mesi. Nel mese di settembre, in particolare, il valore complessivo delle importazioni si è accresciuto, rispetto d settembre 1984, soltanto de11 1,7 per cento, a fron- te di un rafforzamento delle correnti esportative pari al 13,4 per cento. I1 saldo passivo del mese, determinato dalla somma algebrica tra un deficit - energetico di miliardi e da un saldo attivo di per le restanti merci, si colloca così su valori decisamente inferiori a quelli del saldo passivo del settembre 1984 (705 miliardi, a fronte di 1982 miliardi). I dati del terzo trimestre 1985 (lugliosettembre) espongono d altronde un saldo passivo di soli 549 miliarcli, che pub essere raffrontato da un lato con i miliardi dei deficit accumulato nel corrispondente periodo del1 anno precedente, e, dall altro, con gli milliardi cui era giunto a commisurarsi il saldo passivo del secondo trimestre L inversione di rotta, determinata da una consistente flessione delle importazioni e del mantenimento di un soddisfacente ritmo di crescita delle esportazioni, non può peraltro far dimentica= il peso che sull economia italiana è esercltato dal vincolo estero e l importanza strategica che le scelte di politica commerciale estera rivestono per un Paese il cui livello di intemazionalizzazione de1- l economia ha da tempo superato il 50 per cento. Nel periodo gennaio-settembre, la bilancia commerciale continua pur sempre ad evidenziare un saldo passivo di miliardi, che peggiora di oltre miliardi $1 dato del corrispondente periodo E se le esportazioni, nei nove mesi a riferimento, risultano essersi accresciute del 16,2 per cento, al livello del 18,s per cento resta ancorato il tasso di incremento delle importazioni. Le analisi e previsioni dei centri di osservazione internazionali evidenziano una decelerazione del tasso di crescita economica dell area OCSE determinata dal ridimensionamento della crescita dell economia USA non compensato dall impulso dei Paesi, in primis il Giappone, caratterizzati dall equilibrio della situazione finanziaria inte,qa. Pur a fronte dei progressi realizzati sul fronte dell inflazione, grazie alla fles-

3 502 - Bollettino Commissioni Giovedì 5 dicembre 1985 sione dei prezzi delle materie prime, e pur scontando i favorevoli effetti sui mercati dei Cambi conseguenti al ridimensionamento del dollaro, elementi di incertezza minacciano ancora di indebolire, nell area OCSE, qualsiasi azione di rilanci0 dello sviluppo. Cita in particolare la elevatezza dei tassi reali di interesse, che rallentano gli investimenti produttivi, agli squilibri delle bilance dei pagamenti, alle crescenti tensioni protezionistiche, all indebitamento dei paesi sottosviluppati. In mancanza di politiche strutturali che, nel medio periodo accompagnino ed integrino le politiche espansive di breve periodo (fiscali e monetarie) nel senso di una rimozione dei fattori di rallentamento, le prospettive potrebbero essere quelle di una prolungata stagnazione dell economia internazionale. Le stime più recenti depongono per una crescita del commerci,o mondimale del 5,2 per cento nel 1985 e del 5 per cento nel 1986, a fronte del 9,7 per cento del In tale contesto, e nel quadro, interno, di una complessiva manovra restrittiva del bilancio imposta dal piano di rientro e necessitata dalle attuali dimensioni del deficit pubblico, il compito di sostegno all espansione e di perseguimento degli obiettivi di sviluppo sul medio periodo pub solo essere affidato ad una decisa azione di sostegno e impulso delle esportazioni. Resta confermato,.in ogni caso, che le politiche di commercio estero devono essere raccordate con gli indirizzi di politica economica generale: il contenimento dell inflazione, l adeguamento selettivo del sistema di produzione, la finalizzazione delle scelte strutturali di politica industriale agli obiettivi della occupazione e dell innovazione tecnologica e la rimodulazione della politica energetica restano i fattori principali con i quali va perseguito il ridimensionamento del vincolo estero e l affermazione, in termini competitivi, delle nostre esportazioni sui mercati internazionali. Non meno importanti sono tuttavia le azioni che più direttamente attengono al- la politica commerciale e che, secondo quanto il Ministro del commercio con l estero ha avuto occasione di sintetizzare recentemente, si sviluppano lungo tre direttrici sostanziali: il coordinamento dea interventi, in atto ripartiti tra vari centri di riferimento pubblici; la progressiva attenuazione dei vincolmi che sono d ostacolo alla competitività delle imprese esportatrici, il potenziamento degli strumenti di sostegno diretto. Passando quindi ad esaminare la &ibella 16 ricorda che il bilancio del Ministero del commercio con l estero & per il 99,9 per cento di parte corrente. Esso poi è in massima parte un bilancio di trasferimenti i quali ammontmano nelle previsioni per il 1986 a 189,3 miliardi sul totale della spesa di 204,l miliard,i. Deve tuttavia precisare che non tutta la spesa per il sostegno alle esportazioni transita per il Ministero del commercio con l estero. Infatti, gli stanziamenti per i crediti alle esportazioni e per l assicurazione - per i quali sono competenti il Mediocredito centrale e la SACE - sono iscritti nello stato di previsione del Ministero del tesoro. La riduzione di competenza tra il 1985 e il 1986, pari a miliardi k dovuta per la massima parte alla scadenza degli stanziamenti, fissati nella finanziaria dello scorso anno, relativi alla legge n. 240 del. 1981: Prowidenze in favore dei consorzi: - 12,s miliardi; e alla variazione negativa sul capitolo n (Contributo annuale ai consorzi con scopo esclusivo di esportazione di prodotti agroalimentari) - 2 miliardi. Come già detto, la maggior parte del bilancio del Ministero è costituita dai trasferimenti. L area principale di destinazione degli stanziamenti è costituita dall Istituto del commercio estero. Gli stanziamenti in competenza sono articolati in quattro capitoli, dei quali uno - soppresso - sarh utilizzato solo per lo smantellamento dei residui, pari a 30 miliardi (si tratta delle assegnazioni all ICE per le spese relative alle convenzioni con aziende agricole per realizzazione di programmi promozionali in paesi diversi dalla CEE).

4 502 - Bollettiiio Contrriissioiii Giovedì 5 dicenzbre ~ I trasferimenti a!l ICE per il 1986 ammontano a 181,4 miliardi suddivisi come segue: 62,4 miliardi per contributo alle spese di funzionamento dell ente (34,4 per cento); 65 miliardi per il funzionamento degli uffici all estero (35,8 per cento): 54 miliardi per le attività promozionali (29,8 per cento). Rispetto alle previsioni assestate per il 1985 risultano ridotte di 406 milioni le assegnazioni di competenza per le spese relative al funzionamento degli uffici all estero, mentre incrementate di 2,3 miliardi sono le assegnazioni di competenza per le attività promozionaii. Quanto alla cassa, questa viene ridotta di 1,4 miliardi per le spese di funzionamento degli uffici all estero, ed incrementata di 2,3 miliardi per le attività promozionali. Numerosi sono gli interventi che il disegno di legge della finanziaria dispone in materia di commercio con l estero. In primo luogo, alcune variazioni sul bilancio a legislazione vigente sono apportate dagli stanziamenti relativi alle disposizioni di legge la cui quantificazione è demandata alla legge finanziaria. Gli stanziamenti di competenza relativi alla legge n. 185 del 1975, relativa al potenziamento e razionalizzazione delle attività di promozione delle esportazioni sono incrementati per ccmplessivi 24,3 miliardi, dei quali 9,3 incidono sui contributi per le spese di funzionamento dell ICE (capitolo n. 1606); e 15 miliardi incidono sul capitolo n relativo alle spese di funzionamento degli uffici all estero dello stesso ente. Ulteriori intementi sono disposti nell articolato. I1 Fondo di dotazione della SACE viene incrementato di 200 miliardi, interamente utilizzabili per il pagamento desli indennizzi. Infine il contributo alle piccole imprese per il sostegno alle esportazioni è fissato per il 1986 in 1 miliardo. I1 primo intervento in materia di esportazioni è previsto al punto 1 dell articolo 8, che prevede l incremento di 200 miliardi del fondo di dotazione della SACE, interamente utilizzabili per il pagamento degli indennizzi. Tale misura era prevista, negli stessi termini, nella legge finanziaria dello scorso anno. La finalità di tale norma è quella di allargare le fonti di finanziamento in un settore di grandissima importapza per le finanze della SACE, nella misura in cui il rifinanziamento dei debiti evita il pagamento degli indennizzi e ne consente un rapido recupero. Si possono quantificare gli interventi che recentemente hanno incrementato le disponibilità finanziarie della sezione. I1 Fondo di dotazione, aumentato, come si è accennato, di 200 miliardi già con la finanziaria dello scorso anno, ha avuto nel corso dell anno un ulteriore stanziamento di 100 miliardi in base alla legge 2 marzo 1985, n. 59. I1 Fondo rotativo istituito con la le?- ge finanziaria del 1983 e destinato ad indennizzi da accordi intergovemativi di ristrutturazione dei debiti, è stato aumentato da 100 a 200 miliardi con la legge 11 ottobre 1954, n. 662 ed elevato di 200 miliardi con la legge di bilancio per il La quantificazione dello stanziamento relativo al fondo anzidetto è rinviata per l esercizio 1986 alla legge finanziaria, che ne fissa l ammontare in 200 miliardi. Un altro intervento è quello disposto dal punto 3 dello stesso articolo 8, nel quale si prevede il limite di 375 miliardi per l utilizzo delle disponibilith di cui all articolo 2 del decreto-legge n. 251 del I1 punto 5 dell articolo 8 disciplina gli stanziamenti in favore della corresponsione dei contributi in conto interesse sulle operazioni di finanziamento all esportazionc cx lcggc n. 227 del 1977 al mcdio credito centrale. La lesge finanziaria dello scorso anno aveva già incrementato il Fondo contributi per queste operazioni di miliardi per gli anni Le quote per il erano state fissate rispettivamente in 150 e 390 miliardi. La proposta attuale è costituita da un incremento del Fondo pari a miliardi per il periodo Le tranches relative agli

5 502 - Bollettino Commissioni Giovedì 5 dicembre 1985 anni 1987 e 1988 sono fissate rkpettivamente in 150 e 100 miliardi. Ove approvata la legge finanziaria, immutato lo stanziamento per iml 1986 pari a 150 miliardi, la quota per il 1987 è costituita da 390 miliardi stabiliti dalla finanziaria per il 1985 e,dai 50 miliardi previsti dalla proposta per il Un intervento aggiuntivo rispetto alla legge finanziaria per il 1985 è quello previsto dal punto 6 dell articolo 8 nel quale si integra lo stesso fondo di cui al precedente comma di 150 miliardi da destinare integralmente per le finalità della legge cc Sabatini D concernente l acquisto di nuove macchine utensili. Questa la manovra prevista dall articolato del disegno di legge finanziaria. A tali interventi vanno aggiunti quelli costituiti dalla quantificazione determinata nella legge finanziaria per la legge 31 maggio 1975, n. 185, che incide sui capitoli 1606 e 1610 del Ministero del commercio con l estero. L incremento che la finanziaria prevede per questa legge è pari a 24 miliardi e 360 milioni. Infine, è interessante rilevare come nei fondi speciali per il 1986 sono inclusi stanziamenti pari a 315 miliardi relativi al prowedimento di riforma dell ICE e 10 miliardi per il prowedimento relativo al controllo all esportazione e dei transiti di materiali di armamento. Conclude il suo intervento dichiarandosi disponibile a cogliere tutti gli spunti positivi che potranno emergere nel corso del dibattito. I1 deputato Michele GRADUATA si chiede preliminarmente se i gruppi della maggioranza sono realmente interessati ad un confronto reale con l opposizione. I disegni di legge all esame della Commissione, nonchc gli atti più qualificanti del Governo stanno a dimostrare che la politica portata avanti mira a colpire i meno abbienti e favorire le posizioni di rendita. Sono colpiti i ceti più deboli mentre vengono ignorati i suggerimenti di illustri economisti, che ipotizzano una tassazione dei BOT. La legge finanziaria poteva costituire l occasione per un inversione di tendenza, ma questa eventualith sembra essere pregiudizialmente esclusa ddl Esecutivo, che invece si muove lungo l asse di un impostazione tradizionale e inconcludente, rispetto ai reali problemi del paese. Si considerino ad esempio i temi del commercio con l estero. La sottovalutazione di questo comparto, di cui dipende un terzo dei posti di lavoro, è evidente. Manca innanzitutto una correlazione tra politica industriale e quella del commercio intemazionale. Lo stesso relatore non ha speso una parola sul pericolo di un crescente protezionismo, destinato a penalizzare duramente alcune produzioni italiane, quali le paste alimentari o le calzature. In uno scenario internazionale sempm più difficile l Italia rischia di pagare due volte: nei confronti della CEE nel campo della politica agricola, nei confronti degli USA per altre produzioni. I1 Governo dovrebbe pertanto elaborare una linea concreta in vista di importanti impegni internazionali, quali la rinegoziazione del GATT. Altro tema su cui riflettere è quello del vincolo estero. I1 deficit che si manifesta in comparti così importanti per la economia nazionale deve esse= attentamente analizzata, al fine di cogliere aspetti che non sono più di natura congiunturale, ma strutturali. Si deve avere consapevolezza del fatto che la situazione complessiva, appena richiamata, penalizza essenzialmente il Mezzogiorno, nonostante i riferimenti puramente retorici all esigenza di un suo sviluppo. Nel medio periodo, i dati disponibili dimostrano il grado di incertezza che caratterizza le strutture operative del commercio estero. Esso si qualifica per la presenza di piccolissime imprese che hanno con la realth internazionale contatti sempre più episodici e non certo strutturali. Si aggiunga che la loro dislocazione geografica è quasi tutta concentrata nel Nord, avendo il Mezzogiorno una pura posizione di risulta. La loro classificazione per area geografica di esportazione e per comparti merceologici evidenzia ulteriormente l estrema fragilith di una presenza che può

6 502 - Bollettiizo C'oiiii1tissioiii Giovedì 5 dicembre 1985 vcnir meno al minimo cambiamento congiun turale. Di fronte ad una realtà così complessa, la legge finanziaria non riesce a decollare da una posizione tradizionale che, come negli anni passati, non riuscirà certo a produrre quei mutamenti, che pure sono necessari. Da qui il rischio di un ulteriore ristagno del commercio estero e quindi il voto contrario, che fin da ora preannuncia, del gruppo comunista. I1 deputato Lelio GRASSU.CCI, nel concordare con il deputato Graduata, sottolinea l'esigenza di accompagnare il dibattito sul prowedimento all'esame con un forte impegno tematico. Ricorda in proposito che il filo rosso, che lega i temi dello sviluppo dell'apparato produttivo a quelli del commercio internazionale, noil può essere assolutamente trascurato. Si chiede quindi se la struttura del CIPES non vada adeguata a questa prospettiva, prevedendo una presenza attiva e partecipe del Ministro per il commercio con l'estero, come del resto più volte rimarcato. Dubbi deve esprimere su una sorta di passività del Ministro nell'affrontare un problema cosi delicato, nonché sul quadro macro-economico che accompagna il disegno di legge della finanziaria. Si chiede se il problema di una qualificazione tanto del comparto dell'intport che dell'e-tpoit, in termini di valore aggiunto, non debba essere riproposto con grande forza. Nello stesso tempo una riflessione più attenta dovrebbe essere condotta sugli effetti prodotti dalla recente svalutazione monetaria, per verificare se essa ha favorito le produiioni tecnologiche pih cvolute o quelle pih tradizionali. Una simile tematica, che trova un preciso riscontro nel dibattito scientifico sull'argomento, consentirebbe un chiarimento necessario, su cui impostare correttamente la linea futura di sviluppo del commercio con l'estero. L'E altro prsb!ema da affrontrre P quello del coordinamento dei vari soggetti, che, a vario titolo, si occupano della materia. Una razionalizzazione è quanto mai necessaria al fine di trovare linee di efficienza complessiva, in una situazione che, altrimenti, rischia di non produrre gli effetti sperati. La soluzione dei problemi prospettati potrebbe comportare un forte momento di razionalizzazione quale presupposto di una strategia che affronti in modo unitario il problema della presenza estera del pacse. Si chiede in proposito quale sia la posizione del Governo sui temi della trding company. I1 Governo dovrebbe inoltre fornire maggiori elementi di informazione sull'attuazione della legge n. 240 del 1982, nonché sulla gestione più complessiva dei graiits. Il deputato Vito NAPOLI, nel ripercorrere le tappe di un dibattito che vede da anni impegnata la XII Commissione, sui problemi del commercio con l'estero. dichiara di concordare con il taglio della re1 azione. I1 relatore ha presentato un quadro della congiuntura internazionale che non è certo tranquillizzante. La domanda internazionale ha assunto un andamento meno brillante. La bilancia commerciale italiana mostra sintomi di crisi specie nel comparto delle esportazioni, nonostante un clima valutario favorevole. 11 deficit persistente in alcuni grandi comparti sta a dimostrare il connotato di carattere strutturale di un fenomeno che non può essere aggredito con misure di natura consiunturale. Naturalmente non mancano aspetti positivi, come nel caso del comparto tessile e meccanico; ma questi elementi non debbono spingere ad un eccessivo ottimismo. Esso farebbe perdere di vista la valeimt dei mutamenti che si sono prodotti iiesli equilibri più complessivi della divisione internazionale del paese. In una prospettiva di medio termine ci& che diverrà sempre più importante è la qualificazione delle singole produzioni nazionali. Obiettivo che, nella realtà italima, potrà essere conseguito solo grazie ad una profonda riforma di tutti i soggetti che operano a favore del commercio con l'estero. Si deve infatti tener conto

7 j02 - Bollettino Coniiizissiorii Giovedì 5 dicciiibre 1985 che la concorrenza internazionale non si manifesta solo nel campo della produzione, ma investe ormai gli aspetti di natura commerciale e l assistenza finanziaria. Le considerazioni esposte lo portano pertanto a giudicare del tutto insufficienti gli stanziamenti recati dalla N legge finamiaria )) a favore di organismi, quali la SACE o il Mediocredito, specie se si tiene conto dell esigenza di un forte sviluppo dell economia italiana nel contesto intemazionalc. In questa seconda prospettiva le stesse strutture burocratiche del Ministero del commercio con l estero risultano insufficienti ed andrebbero potenziate al fine di offrire, se non altro, un quadro più complessivo delle problematiche connesse con questa materia. Altro tema da affrontare è la riforma dell ICE, la cui struttura futura dovrà essere coordinata con gli altri enti che, in Italia, si occupano del commercio con l estero. Awiandosi alla conclusione non può non esprimere perplessità sui contenuti normativi della (( legge finanziaria )) che si muove sul solco di una posizione,tradizionale, non più all altezza dei problemi da affrontare. I1 deputato Elio GIOVANNINI, nello esprimere le più forti riserve sulla tabella 16, fa osservare che i dati più recenti sulla dinamica del commercio con l estero inducono ad un minore pessimismo. Ad una riduzione del coefficiente di elasticith delle importazioni nei confronti del PIL si accompagna una crescita delle esportazioni in linea con gli andamenti passati. La stessa situxione valutaria deponc a favore dell economia italiana, creando forti occasioni di sviluppo. Cib che manca, in un quadro così positivo, è proprio una politica del commercio estero che sia degna di questo nome. Da qui uno scarto crescente tra potcnzialità ed efficacia operativa ed il senso di insoddisfazione che deve accompagnare la discussione sul bilancio. Dopo breve intervento del sottosegretario di Stato per il commercio con l estero Giovanni PRANDINI. che si impegna a fornire la documentazione richiesta, il seguito dell esame è rinviato ad altra seduta. LA SEDUTA TERMINA ALLE 11.

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011 Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 3 settembre 29 Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 211 Nel corso della sua seduta odierna

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

RELAZIONE DEI CONSIGLIERI QUESTORI AL PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014

RELAZIONE DEI CONSIGLIERI QUESTORI AL PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 RELAZIONE DEI CONSIGLIERI QUESTORI AL PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 L elemento caratterizzante di questo bilancio di previsione 2014 è rappresentato indubbiamente dal rinnovo dell

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE E PIANO PROGRAMMA TRIENNIO

BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE E PIANO PROGRAMMA TRIENNIO di CREMA Sede legale in Crema (CR), P.zza Duomo n. 25 C.F. e P.I. 01141210193 BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE E PIANO PROGRAMMA TRIENNIO 2015-2016-2017 INDICE Stati Patrimoniali di previsione 2015-2016-2017

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Consiglio Regionale Atti Consiliari VII LEGISLATURA N. 1142/BIS. Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente

Consiglio Regionale Atti Consiliari VII LEGISLATURA N. 1142/BIS. Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente REGIONE DELL'UMBRIA Consiglio Regionale Atti Consiliari ATTO N. 1142/BIS Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente AFFARI ISTITUZIONALI, PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, FINANZE E PATRIMONIO, ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98)

Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98) D.P.C.M. 15 dicembre 1999 (non pubblicato nella G.U.) Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli