I DOVERI DEGLI AMMINISTRATORI DI S.P.A. IN CRISI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DOVERI DEGLI AMMINISTRATORI DI S.P.A. IN CRISI"

Transcript

1 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in diritto commerciale interno ed internazionale XXV ciclo S.S.D.: IUS/04 I DOVERI DEGLI AMMINISTRATORI DI S.P.A. IN CRISI Coordinatore: Ch.mo Prof. Duccio Regoli Tesi di Dottorato di ALESSANDRO M. LUCIANO A.A. 2011/2012

2 2

3 I DOVERI DEGLI AMMINISTRATORI DI S.PA. IN CRISI INDICE CAPITOLO I CRISI DELLA S.P.A. E TUTELA DEI CREDITORI SOCIALI 1. - La struttura fisiologica della s.p.a.; 2. - La crisi come patologia dell organismo societario; 3. - (segue) crisi ed opportunismo dei soci; 4. - La crisi come stato patologico dinamico : la nozione rilevante rispetto all indagine; 5. - L esigenza di tutelare i creditori; 6. - (segue) l impossibilità per (tutti) i creditori di tutelarsi adeguatamente in via autonoma. CAPITOLO II CRISI E RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI 1. - L intervento del diritto societario: rimedi ex ante ed ex post; 2. - Capitale sociale nominale e tutela dei creditori; 3. - La responsabilità degli amministratori come standard ex post a tutela delle pretese creditorie; 4. - (segue) Credit Lyonnais e lo shifting duty ; 5. - Uno sguardo comparatistico: il Wrongful Trading inglese; L Insolvenzverschleppungshaftung tedesca; Le soluzioni adottate da altri ordinamenti; 6. - Conclusioni: doveri degli amministratori e valutazioni ex post. CAPITOLO III DOVERI DEGLI AMMINISTRATORI E TUTELA DEI CREDITORI NELL ORDINAMENTO ITALIANO 3

4 1. - Premessa: il tentativo di ricostruire un complesso normativo funzionale a disciplinare l amministrazione delle s.p.a. in crisi; 2. - L azione dei creditori ex art. 2394, c.c.; Il dovere di conservare l integrità del patrimonio sociale; 2.2. (segue) la lievitazione degli obblighi degli amministratori; L obbligo di tutelare gli interessi dei creditori sociali; 3. - La diligenza richiesta all amministratore di s.p.a.; Il parametro della «natura dell incarico» affidato; L amministrazione di una società in crisi come incarico di particolare natura; 4. - Il dovere di garantire l adeguatezza del sistema organizzativo, amministrativo, contabile; 5. - (segue) adeguatezza dell assetto organizzativo e crisi; 6. - I principi di corretta amministrazione ; 7. - Conclusioni: il rilievo (anche) esterno degli obblighi amministrativi. CAPITOLO IV I DOVERI DEGLI AMMINISTRATORI DI S.P.A. IN CRISI 1. - Introduzione: verso uno statuto dei doveri dell amministratore di s.p.a. in crisi; 2. - Vigilanza sulla gestione ed obblighi informativi: l obbligo conoscitivo-preliminare; Il dovere di svolgere consapevolmente l attività gestoria; Informazione e crisi dell impresa sociale: l obbligo conoscitivo-preliminare; Le fonti dell obbligo; Segue: visione prospettica e continuità aziendale; I titolari dell obbligo: il ruolo degli amministratori non esecutivi; L obbligo di avere una conoscenza piena ed aggiornata dello stato patologico che affligge la società; La diffusione delle informazioni agli altri amministratori ed ai soci; 3. - L obbligo di (ri-)pianificare l attività dell impresa in crisi; Risanamento dell attività d impresa e discrezionalità amministrativa: il problema centrale dell amministrazione delle società in crisi; La natura prevalentemente tecnica della discrezionalità dell amministratore di società in crisi; Il contenuto del piano: l obbligo di verificare la possibilità di risanare; (segue) la scelta della procedura concorsuale; 3.5. (segue) pianificazione e possibilità di differimento del piano nel concordato preventivo; 4

5 4. - I doveri indirettamente posti dalla disciplina penalistica della legge fallimentare; 5. - La gestione delle s.p.a. in crisi: finalità conservative e responsabilità dell amministratore; Gestione della società in liquidazione e finalità conservative; Gestione della società in crisi e finalità speculative; (segue) la gestione prudenziale ; La responsabilità dell amministratore conservatore ; La conformità della scelta gestionale alla strategia risanatoria come parametro di correttezza ex ante dell operato degli amministratori. - BIBLIOGRAFIA 5

6 6

7 CAPITOLO I CRISI DELLA S.P.A. E TUTELA DEI CREDITORI SOCIALI SOMMARIO: 1. La struttura fisiologica della s.p.a.; 2. La crisi come patologia dell organismo societario; 3. (segue) crisi ed opportunismo dei soci; 4. La crisi come stato patologico dinamico : la nozione rilevante rispetto all indagine; 5. L esigenza di tutelare i creditori; 6. (segue) l impossibilità per (tutti) i creditori di tutelarsi adeguatamente in via autonoma. 1. La struttura fisiologica della s.p.a. Nel sistema del diritto societario il perseguimento dell obiettivo di produrre ricchezza viene realizzato, come noto, tramite un organizzazione che assume alterità soggettiva rispetto alle persone fisiche che la formano. Questa caratteristica trova piena e completa realizzazione con riferimento ai tipi in cui delle obbligazioni sociali risponde esclusivamente l ente con il suo patrimonio 1. Da tale responsabilità risultano pertanto esclusi, innanzi tutto, gli investitori e coloro che gestiscono l attività economica 2. La responsabilità limitata per le obbligazioni sociali fa emergere un problema di tutela (di tutti gli stakeholders ma, in particolar modo) dei creditori sociali 3. Uno dei principali obiettivi della disciplina societaria è, di 1 Sul punto basti rimandare, nella dottrina internazionale, a EASTERBROOK-FISCHEL, The Economic Structure of Corporate Law, Cambridge-London, 1991, p. 40 e ss. (così, in particolare, gli A. a p. 40: «Limited liability is a distinguish feature of corporate law perhaps the distinguish feature»), in quella italiana a MARASÀ, Le società, Milano, 2000, passim (in particolare v. p. 6 e ss.). 2 Cfr. CHEFFINS, Company law: Theory, Structure and Operation, Oxford, 1997, p Riguardo al principio di irresponsabilità per debiti degli amministratori di s.p.a. v., innanzi tutto, CASSOTTANA, La responsabilità degli amministratori nel fallimento della s.p.a., Milano, 1984, p. 1 e ss. In argomento cfr. anche JAEGER-DENOZZA-TOFFOLETTO, Appunti di diritto commerciale, Milano, 2010, p. 371/373. Nella dottrina tedesca v. SPINDLER, Prognosen im Gesellschaftsrecht, in AG, 2006, p. 678 e ss.; HIRT, The Wrongful Trading Remedy in UK Law: Classification, Application and Practical Significance, in EBOR, 2004, p. 74 e ss. 3 Il rapporto fra società debitrice e creditori può essere, come noto, ricostruito ed analizzato con gli strumenti propri dell analisi economica del diritto come un rapporto di agency nel quale la compagine sociale riveste il ruolo di agent, i creditori quello di principals. In argomento basti rimandare a AA. VV., The Anatomy of Corporate Law. A comparative and Functional Approach, 7

8 conseguenza, quello di garantire un equilibrio fra l esigenza di incentivare l esercizio dell attività di impresa e la tutela delle ragioni creditorie 4, allo scopo di evitare che si abusi dell alterità soggettiva costruita per mezzo dello strumento societario 5. In ragione della necessità di raggiungere detto equilibrio, la disciplina della società per azioni prevede che il controllo 6 spetti a coloro che godono di un aspettativa finanziaria subordinata alle altre e che di conseguenza - in tale prospettiva - sono titolari di pretese che, in rapporto a quelle degli altri investitori, si collocano all ultimo gradino (residual claimants) 7. Oxford, 2009 (ed in particolare, al suo interno, al contributo di ARMOUR-HERTIG-KANDA, Transaction with Creditors, p. 115 e ss.). Nella letteratura italiana v., ex multis, VISENTINI, Principi di diritto commerciale, Padova, 2006, p Per un tentativo di ricostruire i doveri fiduciari provenienti dai rapporti di agency sulla base dei doveri di correttezza tipici della tradizione giuridica continentale v. DENOZZA, L interesse sociale tra «coordinamento» e «cooperazione», in AA. VV., L interesse sociale tra valorizzazione del capitale e protezione degli stakeholders. In ricordo di Pier Giusto Jaeger, Milano, 2010, p. 12 e ss. In riferimento alla posizione assunta dai creditori nel rapporto con le società caratterizzate dalla responsabilità limitata per le obbligazioni sociali MOZZARELLI, Responsabilità degli amministratori e tutela dei creditori nella s.r.l., Torino, 2007, p. 9, parla di strutturale interesse di costoro a che il patrimonio sociale - che costituisce l unica garanzia generica dei debiti contratti - sia protetto dalla negligenza o scarsa prudenza di chi lo amministra. 4 Riguardo all importanza di detto obiettivo della disciplina societaria v. KRAAKMAN, Concluding Remarks on Creditor Protection, in The Law and Economics of Creditor Protection, edited by Eidenmüller and Schön, The Hague, 2008, p. 469 e ss. In argomento v. anche, con specifico riferimento alle finalità della normativa comunitaria, FLEISCHER, Erweiterte Außenhaftung der Organmitglieder im Europäischen Gesellschafts- und Kapitalmarkrecht. Insolvenzverschleppung, fehlerhafte Kapitalmarkinformation, Tätigkeitsverbote, in ZGR, 2004, p Così STAGHELLINI, Le crisi di impresa fra diritto ed economia. Procedure di insolvenza, Bologna, 2007, p. 35: «l istituto della responsabilità limitata costituisce un felice compromesso tra l incentivazione dell imprenditorialità e la tutela del credito. Questo compromesso, per il suo successo storico e per la solidità delle sue basi teoriche, non può più seriamente essere messo in discussione». Sul punto cfr. anche KRAAKMAN, op. cit., p. 469 e ss.; MÜLBERT, A Synthetic View of Different Concepts of Creditor Protection, or: A High-Level Framework for Corporate Creditor Protection, in EBOR, 2006, p. 364 (per il quale «the divergence between decision-making power and personal liability alters the incentive structure as compared with a natural person»); HIRT, op. cit., p. 72 e ss.; ENRIQUES-MACEY, Creditors Versus Capital Formation: The Case Against the European Legal Capital Rules, in Cornell L. Rev., 2001, p e ss. 6 Inteso, in senso economico, quale potere di nominare gli amministratori nonché di assumere le decisioni più importanti in merito allo svolgimento dell attività sociale, compresa le sua eventuale cessazione. 7 In argomento v., innanzi tutto, FAMA-JENSEN, Agency Problems and Residual Claims, in J. L. & Econ., 1983, p. 327 e ss.; EASTERBROOK-FISCHEL, op. cit., p. 44 e ss. Cfr. anche CHEFFINS, op. cit., p. 497; LIN, Shift of fiduciary Duty Upon Corporate Insolvency: Proper Scope of Directors Duty to Creditors, in Vand. L. Rev., 1993, p e ss.; LIPSON, Directors Duties to Creditors: Power Imbalance and the Financially Distressed Corporation, in UCLA L. R., 2003, p e ss.; MOKAL, 8

9 Per queste ragioni gli azionisti sono ritenuti i soggetti maggiormente interessati a che nello svolgimento dell attività sociale si persegua l obiettivo di far ottenere a tutti i finanziatori quanto loro spettante 8. In virtù di detti principi si ritiene che nei limiti in cui la società sia in condizioni di normale esercizio sia giusto che il controllo venga affidato solo ai residual claimants - cioè ai soci - e che ai creditori, invece, non spetti alcun potere 9. In una situazione fisiologica, infatti, nonostante la responsabilità limitata per le obbligazioni sociali, i creditori non necessitano di particolari tutele al fine di garantire che la gestione non venga opportunisticamente diretta in modo tale da pregiudicare i loro interessi. Un eventuale fallimento (così come il successo dell attività), infatti, danneggerebbe (o avvantaggerebbe) innanzi An Agency Cost Analysis of the Wrongful Trading Provisions: Redistribution, Perverse Incentives an the Creditors Bargain, 2000, visualizzabile su p. 13 e ss.; MACEY, An Economic Analysis of the Various Rationales for Making Shareholders the Exclusive Beneficiaries of Corporate Fiduciary Duties, in Stetson L. Rev., 1991, p. 23 e ss. Nella letteratura italiana v. STANGHELLINI, Caso Alitalia e procedure concorsuali, in AGE n. 2/2010, p. 383 e ss.; ID., Le crisi di impresa, cit., p. 35 e ss.; ID., Proprietà e controllo dell impresa in crisi, in Riv. Soc., 2004, p e ss.; MOZZARELLI, Responsabilità degli amministratori, cit., p. 15 e ss.; VISENTINI, op. cit., p. 212/ «The assumption seems to be that if the corporation can generate sufficient wealth to pay shareholders, then it is reasonable to infer that all prior stakeholder including creditors have been, or will be, paid too». In tal senso LIPSON, op. cit., p In argomento v., innanzi tutto, STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 36 e ss.; ID., Proprietà e controllo dell impresa in crisi, in Riv. Soc., 2004, p e ss. Cfr. anche FERRI JR., Impresa in crisi e garanzia patrimoniale, in AA. VV., Diritto fallimentare - Manuale breve, Milano, 2008, p. 33 e ss. La possibilità per i soci di soddisfarsi prima dei creditori è condizionata dalla redazione di un piano di riparto periodico (il bilancio sociale) idoneo a dimostrare (quanto meno potenzialmente) l assenza di pericoli riguardo alle pretese dei creditori. Il bilancio, dunque, può essere definito come uno «strumento di una potenziale inversione, a danno dei creditori, dell ordine di priorità nelle remunerazione e nella restituzione del capitale» (in tal senso cfr. ancora STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 39). 9 In tal senso v. STANGHELLINI, Proprietà e controllo, cit., p In argomento v. anche CHEFFINS, op. cit., p. 79 e ss., il quale evidenzia altresì come in tale fase fisiologica i soci non abbiano, fra l altro, alcun interesse a che il business sia condotto contrariamente agli interessi dei creditori: se così fosse, infatti, si creerebbe una reputazione che causerebbe alla società, andando avanti con il tempo, sempre maggiori difficoltà ad ottenere credito a condizioni normali. In argomento cfr. anche MAZZONI, La responsabilità gestoria per scorretto esercizio dell impresa, in Amministrazione e controllo nel diritto delle società. Liber amicorum Antonio Piras, Torino, 2010, p. 835 e ss. Nella dottrina tedesca v. SCHÖN, Legal Capital, Entity Shielding and Solvency Tests: The German View, in La società per azioni oggi. Tradizione, attualità e prospettive, a cura di Balzarini, Carcano e Ventoruzzo, Milano, 2007, p. 501; ID., Balance sheet test, Solvency Test - or Both?, in EBOR, 2006, p. 183; in quella anglosassone MACEY, op. cit., passim (in particolare v. p. 26 e ss.). 9

10 tutto gli stessi soci. «In this situation the argument that limited liability protects shareholders against losses in the exceed of the amount that they have paid for their shares misses the point» 10. Nei limiti in cui il peso di un eventuale default viene sopportato (soprattutto) dagli azionisti, quindi, costoro hanno tutto l interesse a far sì che questo evento - per loro nefasto - non si verifichi e che, all opposto, i debiti sociali vengano puntualmente onorati. Nel perseguire i loro scopi egoistici, dunque, questi tutelano - anche se in via indiretta - la garanzia patrimoniale dei creditori 11. In conclusione: se è vero che anche in questo momento fisiologico gli interessi dei soci non coincidono perfettamente con quelli dei creditori 12 questi sono, tuttavia, pienamente conciliabili. 2. La crisi come patologia dell organismo societario. Il quadro appena delineato - al quale peraltro, è bene evidenziarlo, può riconoscersi una funzione meramente descrittiva 13 - può ritenersi valido nei limiti in cui sussista 10 Così DAVIES, Directors Creditor-Regarding Duties in Respect of Trading Decisions Taken in the Vicinity of Insolvency, in The Law and Economics of Creditor Protection, cit., p In argomento cfr. anche EASTERBROOK-FISCHEL, op. cit., p. 49 e ss.; PRENTICE, Creditor s Interest and Director s Duties, in Ox. J. Leg. Stud., 1990, p CHEFFINS, op. cit., p. 76 e p. 497 e ss.; BAINBRIDGE, Twilight in the zone of Insolvency: Fiduciary Duty and Creditors of Troubled Companies, in J. Bus. & Tech. L., 2007, p. 283, 355 e ss. Nella dottrina tedesca v. SPINDLER, Trading in the Vicinity on Insolvency, in The Law and Economic of Creditor Protection, cit., p. 342; ID., Prognosen im Gesellschaftsrecht, cit., p. 679; in quella italiana MAZZONI, La responsabilità gestoria, cit., p In argomento v. le interessanti osservazioni di FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 62 e ss., il quale rileva come in ragione della particolare natura del debitore società - essendo detto ente funzionale alla produzione di ricchezza - la garanzia patrimoniale dei creditori debba essere rintracciata non tanto nel valore del patrimonio sociale nel momento in cui il credito viene concesso (credito reale), quanto in considerazione delle potenzialità produttive dell organismo (credito personale). In queste condizioni il contenimento del rischio assunto dal creditore risulta essere particolarmente difficile. 12 La pretesa dei creditori, infatti, è generalmente fissa e non proporzionale all eventuale successo della compagine. Questo fa sì che costoro abbiano una propensione al rischio particolarmente limitata. Sul punto v., nella letteratura italiana, MOZZARELLI, La responsabilità degli amministratori, cit., p. 15 e ss. In argomento v. più diffusamente infra, sub cap. II, par Deve considerarsi, infatti - come verrà posto in rilievo successivamente, ed in particolare sub par. 5 - come la tendenza alla realizzazione di comportamenti opportunistici (soprattutto) a danno dei creditori sia tipica dello strumento societario di esercizio dell attività economica, anche se l ente si trova in una fase pienamente fisiologica. 10

11 una situazione fisiologica dell attività sociale. Nel caso in cui la società versi in uno stato di crisi 14, in particolare, le ragioni che avevano portato ad affidare il controllo ai soci sono le stesse che inducono a conclusioni diametralmente opposte. Nell ipotesi in cui l investimento a titolo di capitale di rischio eseguito dai soci si sia eroso e la struttura finanziaria dell ente societario sia composta esclusivamente (o prevalentemente) da debito (ed il trend economico continui ad essere negativo), ovvero il passivo abbia superato l attivo, il socio-residual claimant vede drasticamente ridotta la possibilità di riottenere anche solo una parte di quanto investito 15. L azionista, perciò, perde l interesse a che vi sia una gestione ponderata funzionale non solo a realizzare guadagni, ma altresì ad evitare la realizzazione di perdite 16. Questi, all opposto, è spinto dalle circostanze a cercare di raggiungere solo il primo obiettivo tentando il tutto per tutto tramite, fra l altro, operazioni spregiudicate ad altissimo tasso di rischio. In tale ipotesi, infatti, «se il risultato sarà positivo sarà lui a goderne dei benefici, mentre se il risultato sarà negativo le perdite ricadranno solo sui creditori» «Si può dire che un impresa si trova in una condizione di crisi quando, per qualsiasi motivo interno od esterno, non raggiunge gli obiettivi che ragionevolmente si sarebbero potuti conseguire, avuto riguardo ai fattori di produzione impiegati» (così NIGRO, La disciplina delle crisi patrimoniali delle imprese. Lineamenti generali, Torino, 2012, p. 3) 15 Rende pienamente l idea del mutato interesse dell azionista nella società in crisi l aforisma riportato da BAINBRIDGE, Twilight, cit., p. 283, ed attribuito a Will Rogers: «It is not the return on my money that I m concerned with; it s the return of my money that I m concerned with». Sul punto cfr. anche DAVIES, Gower-Davies Principles of Modern Company Law, London, 2008, p. 221 e ss.; CHEFFINS, op. cit., p. 76; KEAY, Wrongful trading and the liability of company directors: a theoretical perspective, in Legal Studies, 2005, p. 433 e 434. Nella letteratura italiana cfr. GUIZZI, Responsabilità degli amministratori e insolvenza: spunti per una comparazione tra esperienza giuridica italiana e spagnola, in Riv. dir. impr., 2010, p. 232 e 233; MAZZONI, Capitale sociale, indebitamento e circolazione atipica del controllo, in La società per azioni oggi. Tradizione, attualità e prospettive, a cura di Balzarini, Carcano e Ventoruzzo, Milano, 2007, p. 512 e ss. In argomento v. anche le interessanti osservazioni di SERAFINI, L azione sociale di responsabilità e la responsabilità verso i creditori, in Riv. dir. comm., 2011, I, p. 875 e ss. 16 Sì che le operazioni sono compiute solo nell ipotesi in cui - in un rapporto fra guadagni sperati e perdite temute - vi sia un saldo attivo. In agomento v. FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 35; STRAMPELLI, Distribuzione ai soci e tutela dei creditori. L effetto degli IAS/IFRS, Torino, 2009, p. 40 e ss. 17 STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 41. Sul punto cfr. anche PRENTICE, op. cit., p. 265; SPINDLER, Trading, cit., p. 342 e ss.; VEIL, op. cit., p. 375, 393; FLEISCHER, Erweiterte Außenhaftung, cit., p. 446 e 447; HIRT, op. cit., p. 82 e ss. Nella dottrina italiana v. anche 11

12 Le persone che detengono il potere decisorio in relazione alla continuazione dell attività sociale in caso di vicinanza all insolvenza, di conseguenza, non sono le stesse che subiranno le perdite in caso di insuccesso dell attività sociale 18. Gli interessi dei creditori di una società in crisi sono opposti a quelli appena descritti. In siffatte circostanze, infatti, il patrimonio è destinato sostanzialmente alla loro soddisfazione 19. La nuova struttura finanziaria composta interamente da debito fa sì che siano i creditori a fornire il vero capitale di rischio 20. Costoro, perciò, vengono ad assumere nella sostanza il ruolo di residual claimants «as they are the ones who stay last in line when it comes to the distribution the company s wealth» 21. MOZZARELLI, Appunti sulla tutela contrattuale dei creditori sociali nell esperienza statunitense, in La struttura finanziaria e i bilanci delle società di capitali. Studi in onore di Giovanni E. Colombo, Torino, 2011, p. 576 e ss. (ivi v. anche, a p. 578, nt. 34, in relazione agli effetti negativi che ha sul sistema economico il trasferimento del rischio d impresa sui terzi); ID., La responsabilità degli amministratori, cit., p. 15 e ss.; MAZZONI, La responsabilità gestoria, cit., p. 835 e ss. 18 Così HIRT, op. cit., p. 83: «Thus, the persons who make or, at least, influence the decision that the company should continue to trade if near insolvency are not the persons who will lose if the company is unsuccessfull». 19 I creditori, anzi, otterranno comunque meno di quanto a loro spettante di diritto. Così FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 33: «in altri termini, come pure si dice, il valore reale dei loro crediti, complessivamente considerato, risulterà inferiore al valore nominale, al valore cioè che i creditori avrebbero diritto di realizzare». L A. aggiunge che il fatto che il valore del credito dipenda da quello del patrimonio sociale - e sia quindi qualificabile, al pari della partecipazione sociale, quale bene di secondo grado - fa sì che si crei un collegamento alla base del valore dei diversi patrimoni che dà vita al fenomeno del concatenamento del credito. 20 Riassume così la posizione in cui si trovano i soci di società in crisi CHEFFINS, op. cit., p. 77: «( ) in a sense they will be gambling with the creditors money more than their own». 21 KEAY, A Theoretical Analysis of the Director s Duty to Consider Creditor Interests: The Progressive School s Approach, in J. Corp. L. St., 2004, p Sul mutato ruolo dei creditori in caso di crisi della società cfr. anche ARMOUR-HERTIG-KANDA, op. cit., p. 115 e ss.; BACHNER, Creditor Protection in private Companies. Anglo-German Perspectives for a European Legal Discourse, Cambridge, 2009, p. 180 e ss.; ID., Wrongful Trading - A New Model for Creditor Protection?, in EBOR, 2004, p. 297; DAVIES, Gower-Davies Principles, cit., p. 221 e ss.; KEAY, Company Directors Responsabilities to Creditors, Oxon-New York, 2007, p. 77, 181/184, 338 e ss.; ID., Directors Duties to Creditors: Contractarian Concerns Relating to Efficiency and Over-Protection Creditors, in Mod. Law R., 2003, p. 667 e ss.; ID., Wrongful trading, cit., p. 433; ID., The Director s Duty to Take Into Account the Interests of Company Creditors: When Is It Triggered?, in Melb. U. L. Rev., 2001, p. 317 e ss.; RIBSTEIN- ALCES, Directors Duties in Failing Firms, in J. Bus. & Tech. L., 2007, p. 529 e ss.; ARMOUR- MOKAL, Reforming the Governance of Corporate Rescue: The Enterprise Act 2002, 2005, visionabile su p. 12 e ss.; HIRT, op. cit., p. 82 e ss.; CHEFFINS, op. cit., p. 76 e ss.; SCHWARCZ, Rethinking a Corporations Obligation to Creditors, in Cardozo L. R., 1996, p. 665 e ss.; GILSON- VETSUYPENS, Creditor Control in Financially Distressed Firms: Empirical Evidence, in Wash. U. L. Q., 12

13 In presenza di uno stato avanzato di crisi, pertanto, gli effetti giuridici degli atti di gestione del patrimonio sociale continuano (formalmente) a dispiegarsi nei confronti dei titolari dello stesso (i soci), ma le conseguenze economiche sono subite (solo) dai creditori. Questi ultimi divengono di conseguenza - sempre in un ottica economica - i veri proprietari della società, senza tuttavia godere di alcun corrispondente potere di controllo sulla stessa 22, né di alcuna aspettativa di distribuzione proporzionale dell eventuale risultato positivo dell attività sociale. I creditori, infatti, continuano ad essere titolati di una pretesa fissa, con conseguente discrasia fra la sostanza del fenomeno (diventano residual claimants) e la forma giuridica dello stesso (rimangono terzi rispetto alla gestione della società). La crisi si presenta, quindi, come uno stato patologico dell impresa societaria 23, in quanto altera la maggior parte degli equilibri sussistenti (fra i vari finanziatori dell attività sociale) che permettono il contemporaneo perseguimento dei vari interessi degli stakeholders. Questa mutata situazione rende evidentemente necessario un intervento dell ordinamento al fine di rispondere alle nuove esigenze di tutela (in 1994, p Nella letteratura italiana cfr. STANGHELLINI, Directors Duties and the Optimal Timing of Insolvency. A reassessment of the Ricapitalize or Liquidate Rule, in Il diritto delle società oggi. Innovazioni e persistenze, diretto da Benazzo, Cera e Patriarca, Torino, 2011, p. 734 e ss.; ID., La crisi di impresa, cit., p. 40 e ss.; GUIZZI, op. cit., p. 233; MAZZONI, Capitale sociale, cit., 2007, p. 511 e ss.; FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 34; DENOZZA, Different Policies for Corporate Creditor Protection, in EBOR, 2006, p. 409 e ss. 22 Cfr. RIBSTEIN-ALCES, op. cit., p Così, in argomento, FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 34: «In altri termini, la circostanza che il passivo superi l attivo fa venire interamente meno non solo, in una dimensione statica, la coincidenza tra appartenenza giuridica delle risorse del debitore e destinazione del relativo valore; ma anche, in una dimensione invece dinamica, quella tra effetti giuridici e conseguenze economiche dell agire del debitore, dal momento che i primi si producono, come sempre, nella sfera giuridica di quest ultimo, mentre le seconde incidono esclusivamente sulla sfera economica dei suoi creditori». 23 Per una concezione di crisi quale momento patologico della vita dell impresa v. SANDULLI, I controlli delle società come strumenti di tempestiva rilevazione della crisi di impresa, in Fallimento, 2009, p NIGRO, La disciplina delle crisi, cit., p. 3, ha rilevato come - pur potendosi definire il concetto di crisi in modo assolutamente ampio (v. supra, nt. 14) - sul piano giuridico assume rilievo una nozione più limitata riferita a situazioni patologiche. 13

14 particolar modo dei creditori sociali) che emergono in questo momento della vita dell impresa societaria 24. La risposta del sistema si realizza tramite una serie di strumenti eterogenei, il cui presupposto comune è la presenza di una disfunzione della garanzia patrimoniale dell impresa; oggetto è il patrimonio della stessa, inteso quale strumento di garanzia di questi ultimi 25. In particolare - e limitando il discorso al diritto dell impresa - l ordinamento societario stabilisce che il principio della irresponsabilità dei gestori d impresa, che pure permane in riferimento ai debiti, debba trovare un contemperamento nella previsione di obblighi risarcitori nei confronti dei creditori nel caso in cui nello svolgimento delle funzioni amministrative si siano pregiudicate le loro pretese 26. Sono inoltre previste sanzioni penali volte, tra l altro, a punire l imprenditore che abbia aggravato il suo dissesto con spese personali eccessive o compiendo operazioni gravemente imprudenti, ovvero abbia distratto o sottratto attività 27. La tutela delle pretese creditorie, tuttavia, non può limitarsi a questo: «se le norme penali e le azioni di responsabilità costituiscono un deterrente e, soprattutto, un ristoro ex post, non è pensabile che i creditori debbano accontentarsi del fatto che gli stessi amministratori, nominati dagli azionisti e spesso a questi strettamente legati, cambino cappello e divengano ora i gestori dell impresa nell interesse dei creditori: le norme societarie restano infatti operanti, e la nomina e la revoca degli amministratori sono pur sempre 24 Per quanto attiene al governo della crisi sussiste una tradizionale distinzione fra due tipologie di ordinamenti: i c.d. dualistici (che prevedono apposite regolamentazioni e specifici istituti) ed i monistici (che applicano alle imprese in crisi istituti di diritto comune). Fra i primi rientra l Italia così come la maggior parte degli ordinamenti dell area c.d. latina, al secondo quelli dell area germanica ed anglosassone. In argomento v. NIGRO, La disciplina delle crisi, cit., p. 5/9. In riferimento alla centralità della tematica della protezione dei creditori in caso di crisi della società nel diritto europeo v. FLEISCHER, Erweiterte Außenhaftung, cit., p In tal senso v. FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p Cfr. gli artt (responsabilità nei confronti dei creditori in caso di inosservanza degli obblighi di conservazione del patrimonio sociale quando questo è insufficiente alla loro soddisfazione); 2485 (responsabilità conseguente all omissione di adempimenti conseguenti al verificarsi di una causa di scioglimento); 2486, secondo comma, c.c. (responsabilità per la gestione non conservativa a seguito dello scioglimento della società). 27 In argomento v. infra, sub cap. IV, par

15 affidate ai soci» 28. Per rispondere a dette esigenze l ordinamento ha predisposto una serie di procedure (c.d. concorsuali) che seppur molto differenti fra loro nella struttura organizzativa e, in generale, nella disciplina 29 condividono l obiettivo di tentare di porre rimedio alle disfunzioni della garanzia patrimoniale causate dalla crisi consentendo ai creditori di esercitare alcuni poteri che (generalmente) spettano ai soci. «Esse hanno dunque la funzione di adattare le regole di gestione dell impresa, scritte nel diritto commerciale, ad un contesto mutato, in cui i creditori sono giunti, loro malgrado, a subire il rischio di impresa» 30. In presenza di un certo stato di avanzamento della crisi 31, dunque, il diritto societario passa il testimone al diritto dell impresa in crisi che - per mezzo di principi, regole ed istituti peculiari - rivoluziona il rapporto fra soci e creditori conferendo, sia pure tramite meccanismi eterogenei, poteri decisivi a questi ultimi al fine di ristabilire la corrispondenza fra rischio e potere di gestione e, dunque, fra la sostanza e la forma del fenomeno 32. Il diritto dell impresa in crisi, perciò, lungi dall essere un autonoma provincia del diritto dell impresa, è costituito da un insieme di regole - individuabili quale insieme autonomo solo con finalità descrittive - volte a 28 STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 45. In argomento v. anche ID., Caso Alitalia, cit., p. 384 e ss. 29 La particolare natura del debitore-impresa, infatti, fa sì che non sempre l immediata liquidazione del patrimonio sia la decisione più conveniente per gli interessi dei creditori, i quali potrebbero giovarsi maggiormente dalla continuazione dell attività economica. In argomento v., ex multis, FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 62 e ss. 30 STANGHELLINI, Caso Alitalia, cit., p In argomento cfr. anche NIGRO, La disciplina delle crisi, cit., p. 9 e ss. (il quale parla di natura conflittuale delle procedure concorsuali, stante la loro finalità di ripianare i conflitti fra stakeholders) e 143 e ss.; FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 41 e ss. Nella dottrina anglosassone v. ARMOUR-MOKAL, op. cit., p. 12 e ss.; MOKAL, Administrative Receivership and Administration - An Analysis, in Curr. Leg. Probl., 2004, p. 355 e ss. 31 Stato che si raggiunge, da un punto di vista formale, allo scattare dei presupposti previsti dalla legge per l applicazione delle procedure di cui in argomento. 32 Cfr. STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 51; STRAMPELLI, Distribuzione ai soci, cit., p. 40 e ss.; GAMBINO, Limiti costituzionali dell iniziativa economica nella crisi di impresa, in Giur. comm., 1988, I, p In riferimento agli obiettivi delle procedure concorsuali nel (mutato) contesto delle società in crisi si legga. MOKAL, An Agency Cost Analysis, cit., passim. Riguardo al descritto passaggio dal corporate governance system al bankruptcy system cfr. altresì HU-WESTBROOK, Abolition of the Corporate Duty to Creditors, in Colum. L. Rev., 2007, p e ss. Nella letteratura italiana v. SANDULLI, I controlli delle società, cit., p e ss. 15

16 disciplinare lo svolgimento dell attività economica nel mutato contesto descritto Crisi ed opportunismo dei soci. La disciplina dell impresa in crisi non consente, tuttavia, di porre rimedio ad eventuali comportamenti abusivi tenuti dai soci prima ed al di fuori del momento del passaggio del testimone ai creditori, cioè quando, nonostante la presenza della crisi, non sussistono (ancora) i presupposti per l applicazione delle procedure concorsuali, sì che l attività sociale - e, con essa, la gestione del patrimonio - rimane sotto l egida del diritto societario. Prima di affrontare tale problematica questione è opportuno approfondire brevemente il tema dell opportunismo dei soci nella crisi, sì da chiarire in cosa consistano i rischi ai quali è esposto il patrimonio sociale (rectius, la garanzia patrimoniale) in presenza di un siffatto stato. Occorre, in altre parole, precisare in quali condotte possa concretizzarsi l azzardo morale degli azionisti nella fase patologica, in modo tale che risulti chiara l inconciliabilità dei loro interessi con quelli degli altri stakeholders, e la conseguente necessità che la regolazione dei rapporti fra questi avvenga sulla base di una disciplina peculiare e differente rispetto a quella tipica della fase c.d. fisiologica. Deve, tuttavia, innanzi tutto premettersi che il pericolo di una esternalizzazione del rischio d impresa per mezzo di comportamenti opportunistici dei soci finalizzati ad abusare della responsabilità limitata per le obbligazioni sociali a danno degli altri finanziatori rappresenta una conseguenza diretta dell autonomia patrimoniale che caratterizza di per sé il tipo 34. A detta questione deve aggiungersi quella relativa alla dissociazione fra 33 Sul punto v., ancora, STANGHELLINI, Proprietà e controllo, cit., p. 1042, il quale ha rilevato come il diritto delle imprese in crisi «lungi dall essere una provincia separata del diritto che regola le imprese e le società, ne costituisce proiezione ed attuazione, sia pure in un mutato contesto». 34 In argomento: SCHÖN, Legal capital, cit., p. 500 e 501; ID., Balance sheet test, cit., p. 182 e ss.; KEAY, Wrongful trading, cit., p La separazione patrimoniale che si realizza in conseguenza 16

17 l appartenenza del patrimonio e la titolarità del potere di gestione dello stesso e la destinazione del suo valore a garanzia dell adempimento, che è tipica di qualsiasi rapporto obbligatorio 35. Il problema dei c.d. perverse incentives, di conseguenza, rappresenta una delle tematiche di studio classiche della dottrina internazionale che si è occupata del diritto delle società 36. I pericoli descritti, tuttavia, crescono esponenzialmente per le ragioni in precedenza esposte nel caso in cui l impresa societaria versi in una situazione di crisi e, più nello specifico, a seguito dell erosione del capitale di rischio fornito dai soci 37. In una situazione di questo tipo il primo e più alla costituzione di una società, d altra parte, non è tanto strumentale alla tutela dei creditori quanto alla massimizzazione dello sviluppo imprenditoriale, in quanto contrasta la disgregazione del patrimonio investito. In tal senso v., innanzi tutto, DENOZZA, Responsabilità dei soci e rischio d impresa nelle società di capitali, Milano, 1973, p. 63 e ss. e, più di recente, ID., Il capitale sociale, cit., p. 563 e 564. In argomento cfr. anche, nella dottrina statunitense, BAINBRIDGE, Corporation Law and Economics, New York, 2002, p. 259 e 260, il quale rileva come l elevata propensione al rischio dei soci sia favorita - oltre che dalla responsabilità limitata per le obbligazioni sociali - dalla possibilità di diversificare il proprio portafoglio di investimento. Nella letteratura italiana v. anche le interessanti osservazioni di MOZZARELLI, Responsabilità degli amministratori, cit., p. 15 e ss. 35 Il patrimonio della società, in altre parole, è posto a garanzia del pagamento delle obbligazioni sociali, ma la gestione dello stesso spetta pur sempre ai soci (per mezzo degli amministratori che ne sono espressione). L attivo patrimoniale, infatti, è in primo luogo deputato al pagamento dei debiti, mentre ai soci spetta solo il valore netto (ovvero l attivo al netto del passivo). In argomento cfr. FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 33 e ss. 36 In argomento si veda, inannzi tutto, EASTERBROOK-FISCHEL, op. cit., p. 49 e ss. Più di recente cfr. ARMOUR-HANSMANN-KRAAKMAN, What is Corporate Law?, in The Anatomy of Corporate Law, cit., p. 9 e ss.; ARMOUR-HERTIG-KANDA, op. cit., p. 115 e ss.; EIDENMÜLLER- GRUNEWALD-NOACK, Minum Capital in the System of Legal Capital, in Legal Capital in Europe, edited by Lutter, Berlin, 2006, p. 23 e ss.; HIRT, op. cit., p. 75 e ss.; BAINBRIDGE, Corporation Law, cit., p. 132 e ss; ENRIQUES-MACEY, op. cit, p e ss.; ARMOUR, Share Capital and Creditor Protection: Efficient Rules for a Modern Company Law, in Mod. Law R., 2000, p Nella dottrina italiana cfr. STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 24 e ss.; MOZZARELLI, Appunti sulla tutela contrattuale, cit., p. 571 e ss. Sottolinea giustamente MIOLA, Capitale sociale e tecniche di tutela dei creditori, in La società per azioni oggi. Tradizione, attualità e prospettive, cit., p. 366, «come questi rischi non sono in via di principio esclusivi delle società fornite di autonomia patrimoniale perfetta, ma si rivelano comuni a qualsiasi attività di impresa, e più in generale a tutti i rapporti obbligatori, dato che qualsiasi debitore, a maggiore ragione se sottoposto ad un regime di responsabilità illimitata, può essere indotto a sottrarre il proprio patrimonio alla garanzia offerta ai creditori». MOZZARELLI, Responsabilità degli amministratori, cit., p. 20 e ss., evidenzia come l esternalizzazione del rischio sui creditori risulti pregiudizievole non solo in riferimento ai rapporti fra la singola società ed i suoi creditori, ma altresì in un ottica macroeconomica, essendo il pericolo di insoddisfazione delle pretese creditorie un forte disincentivo all invenstimento nell attività imprenditoriale. 37 Nel senso del testo: ARMOUR-HERTIG-KANDA, op. cit., p. 119 e ss.; WOOD, Director Duties and Creditor Protection in the Zone of Insolvency: A Comparation of the Unites States, Germany and Japan, in Penn St. Int l L. Rev., , p. 140 e ss.; ENRIQUES-MACEY, op. cit., p e ss.; HIRT, 17

18 immediato pericolo per le ragioni creditorie consegue all aumento della propensione al rischio degli azionisti (c.d. volatility). Questi ultimi, infatti, come già posto in rilievo, possono essere attratti dalla realizzazione di operazioni estremamente aleatorie, idonee cioè a garantire nel breve periodo un elevata remunerazione a fronte dell investimento effettuato seppur, ovviamente, a discapito delle possibilità materiali di esito positivo (overinvestment) 38. Connesso a detto pericolo (ma anche indipendente da questo) può essere quello di realizzare un eccessivo ed inopportuno prolungamento della vita dell impresa nella speranza di recuperarla al regime fisiologico ma, in realtà, «paralizzandosi in un puro patire che solo spera in qualche improbabile, salvifico evento» 39. op. cit., p. 82 e ss.; MOKAL, An Agency Cost Analysis, cit., p. 13. Nella letteratura tedesca v. FLEISCHER, Erweiterte Außenhaftung, cit., p. 446 e 447; in quella italiana MIOLA, I doveri degli amministratori, cit., p. 132 e ss. 38 In argomento v., nella dottrina anglo-americana, DAVIES, Directors Creditor-Regardind Duties, cit., p. 308 e ss.; EISDORFER, Empirical Evidence of Risk Shifting in Financially Distressed firms, in J. of Finance, 2008, p. 609 e ss.; BAINBRIDGE, Much Ado, cit., p. 355 e ss.; WOOD, op. cit., p. 140 e ss.; KEAY, Company Directors Responsabilities, cit., p. 77, 182 e ss.; ID., A Theoretical Analysis, cit., p. 332; ID., Directors Duties to Creditors, cit., p. 668 e ss.; ID., Wrongful trading, cit., p. 433 e 434; LIPSON, op. cit., p e ss. [il quale, a p. 1220, rileva che «Inefficiency would flow from the recklessness of playing with other peoples (creditors ) money»]; RIBSTEIN-ALCES, op. cit., p. 531; CHAVER-FRIED, Managers Fiduciary Duty Upon the Firm s Insolvency: Accounting for Performance Creditors, in Vand. L. Rev., 2002, p e ss.; ENRIQUES-MACEY, op. cit., p e ss.; MOKAL, An Agency Cost Analysis, cit., p. 14; CHEFFINS, op. cit., p. 76 e ss.; LIN, op. cit., p e ss. Nella letteratura tedesca cfr., EIDENMÜLLER, Tradinig in Times of Crisis, in The Law and Economics of Creditor Protection, cit., p. 242 e ss.; SPINDLER, Trading, cit., p. 342; KUHNER, The Future of Creditor Protection through Capital Maintenance Rules in European Company Law - An Economic Perspective, in Legal Capital in Europe, cit., p. 350 e ss.; HIRT, op. cit., p. 80 e ss.; VEIL, op. cit., p. 375, 393; MÜLBERT, op. cit., p. 368; FLEISCHER, Erweiterte Außenhaftung, cit., p. 446 e 447. Nella dottrina italiana v. STANGHELLINI, Directors Duties, cit., p. 734 e ss.; ID., Le crisi di impresa, cit., p. 41; FAUCEGLIA, L anticipazione della crisi d impresa: profili di diritto comparato e prospettive future, in Fallimento, 2009, p. 14 e 15; MAZZONI, La responsabilità gestoria, cit., p. 836 e ss.; MOZZARELLI, Appunti sulla tutela contrattuale, cit., p. 576 e ss.; ID., La responsabilità degli amministratori, cit., p. 18 e 19; VICARI, I doveri degli amministratori in caso di insolvenza della società nel diritto statunitense, in Riv. soc., 1999, p e ss. Emblematico del rischio di compiere operazioni eccessivamente rischiose è il caso Tri-State Paving, Inc., riportato da HU-WESTBROOK, op. cit., p. 1378: in tale occasione gli amministratori hanno giocato le ultime risorse della società sui tavoli di Las Vegas. 39 Così ZAMPERETTI, La prova del danno da gestione non conservativa nella società disciolta per perdita del capitale, in Società, 2009, p. 572, riguardo all amministratore di società in crisi che indugia eccessivamente in riferimento all emersione dello stato patologico. 18

19 In questo contesto l interesse degli azionisti a che l attività sociale continui a realizzarsi (a spese dei creditori) si contrappone a quello degli altri finanziatori, i quali potrebbero voler liquidare il prima possibile la compagine (o comunque gestirla in modo differente, ed eventualmente più cauto), in modo tale da evitare che le risorse ancora sussistenti vengano dissipate 40. I pericoli che in presenza di una crisi dell impresa societaria si pongano in essere operazioni eccessivamente rischiose e/o che si prolunghi inopportunamente la vita sociale, tuttavia, rappresentano solo una parte dei comportamenti opportunistici dei soci astrattamente idonei a pregiudicare le ragioni dei creditori. Gli azionisti potrebbero altresì, più semplicemente, tentare di appropriarsi di assets del patrimonio sociale in modo tale da privare i creditori della possibilità di soddisfarsi sugli stessi (c.d. asset dilution) 41. Il moral hazard, allora, potrebbe trovare attuazione per mezzo di un accentuata corresponsione dei dividendi 42, oppure tramite operazioni aventi come controparte (direttamente o indirettamente) gli stessi soci, così come, più in generale, «attraverso le più varie operazioni a contenuto patrimoniale in grado di produrre, anche indirettamente ( ) la sostanziale traslazione del rischio di impresa in capo ai creditori sociali» In tal senso v. WOOD, op. cit., p. 142; BACHNER, Wrongful Trading, cit., p. 297; HIRT, op. cit., p. 82 e ss. Nella letteratura italiana v. STANGHELLINI, Directors Duties, p. 734 e ss. In riferimento alla tendenza dell impreditore a ritardare il più possibile l emersione pubblica della crisi v. VICARI, I finanziamenti delle banche a fini restrutturativi, in Giur. comm., 2008, I, p. 498 e 499; DENOZZA, Il capitale sociale tra efficienza economica ed equità distributiva, in La società per azioni oggi. Tradizione, attualità e prospettive, a cura di Balzarini, Carcano e Ventoruzzo, Milano, 2007, p. 570 e 571; ABBADESSA, Prevenzione e risanamento nelle procedure concorsuali, in Dir. fall., 1984, I, p In argomento v. ARMOUR-HERTIG-KANDA, op. cit., p. 116 e ss.; DAVIES, Directors Creditor- Regarding Duties, cit., p. 309; SCHÖN, Balance Sheet Test, cit., p. 195; WOOD, op. cit., p. 141 e ss.; HIRT, op. cit., p. 75 e ss.; MÜLBERT, op. cit., p. 368 e ss.; ENRIQUES-MACEY, op. cit., p e ss. Nella dottrina italiana cfr. MOZZARELLI, Appunti sulla tutela contrattuale, cit., p. 575; SANDULLI, La crisi economica dell impresa, in Giur. comm., 1985, I, p. 981, che parla di un pericolo che «il patrimonio sociale venga spolpato dai soci, prima che i creditori possano aggredirlo». 42 In argomento v. SCHÖN, Balance Sheet Test, cit., p. 181 e ss. 43 MIOLA, I doveri degli amministratori in prossimità dell insolvenza, in Vicende dell impresa e tutela dei lavoratori nella crisi dell Alitalia, a cura di Santoni, Napoli, 2011, p In argomento cfr. anche ID., La tutela dei creditori ed il capitale sociale: realtà e prospettive, in Riv. soc., 2012, p. 269; LOLLI, Situazione finanziaria e responsabilità nella governance delle s.p.a., Milano, 2009, p. 82; SANDULLI, La crisi economica, cit., p Fra queste operazioni può rientrare anche la c.d. asset dilution, che 19

20 E altresì possibile che gli azionisti - non prevedendo più alcuna possibilità di appropriarsi dei risultati positivi dell attività - decidano semplicemente di lasciare morire la società. In tale ipotesi costoro non avrebbero più alcun interesse a che le risorse residue vengano investite proficuamente, poiché degli eventuali incrementi del valore del patrimonio sociale si avvantaggerebbero solo i creditori. Il rischio in tal caso consisterebbe - al contrario dell ipotesi precedente (overinvestment) - nel sostanziale azzeramento della propensione al rischio e degli investimenti (underinvestment), e potrebbe sfociare in un totale disinteresse nei confronti della gestione di una società agonizzante. Si arriverebbe così, tuttavia, a distruggere nel vortice della crisi della ricchezza che, se opportunamente gestita, potrebbe quanto meno portare a garantire maggiore soddisfazione ai creditori La crisi come stato patologico dinamico : la nozione rilevante rispetto all indagine. - Le situazioni descritte in precedenza si pongono quali estremi in mezzo ai quali si collocano una molteplicità di zone grigie a cavallo fra lo stato patologico e quello fisiologico 45. Esistono, in altri termini, una pluralità di stadi intermedi (c.d. twilight zone 46 ) che hanno in comune una caratteristica: la presenza di elementi che non permettono di ritenere consiste nell assunzione di ulteriori debiti i quali, conseguentemente, fanno diminuire il valore complessivo dei finanziamenti ed aumentare il rischio di quelli assunti in precedenza. In argomento v. ENRIQUES-MACEY, op. cit., p. 1169; MOKAL, An Agency Cost Analysis, cit., p. 14. Nella letteratura italiana v. MOZZARELLI, Appunti sulla tutela contrattuale, cit., p. 574 e In argomento cfr. KRAAKMAN, op. cit., p. 472; WOOD, op. cit., p Nella dottrina italiana v. MOZZARELLI, Appunti sulla tutela contrattuale, cit., p. 575 e 576; STANGHELLINI, Le crisi di impresa, cit., p. 50; FERRI JR., Impresa in crisi, cit., p. 36. VICARI, I doveri degli amministratori, cit., p. 1250, nt. 16. In riferimento alla risk aversion dei directors in presenza di una crisi dell attività dell impresa sociale v. KEAY, A Theorethical Analysis, cit., p. 337; ID., Wrongful trading, cit., p. 438 e ss. 45 Cfr. STRAMPELLI, Capitale sociale e struttura finanziaria nelle società in crisi, in Riv. soc., 2012, p. 624; MIOLA, La tutela dei creditori, cit., p. 294; MAZZONI, Capitale sociale, cit., p. 512 e ss. 46 In questi termini definisce la twilight zone MONTALENTI, La gestione dell impresa di fronte alla crisi tra diritto societario e diritto concorsuale, in RDS n. 4/2011, p. 820: «area economico-temporale antecedente ad una situazione di crisi in senso tecnico, sita in uno stadio prodromico sospeso tra il rischio di insolvenza e le prospettive di risanamento». Essa si colloca «in un area intermedia tra impresa in normali condizioni di esercizio e impresa in condizioni di crisi conclamata» (p. 821). 20

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi 20.12.2012 I FINANZIAMENTI DEI SOCI E I FINANZIAMENTI INFRAGRUPPO DOPO IL DECRETO SVILUPPO: PREDEDUCIBILITÀ O POSTERGAZIONE? PRIME CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO SOCIETARIO DELLA CRISI di Umberto Tombari,

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010 La gestione di un processo di distressed M&A Modena 10 novembre 2010 Indice 1. Crisi d impresa e modalità d intervento 2. La gestione di un processo di ristrutturazione /distressed M&A e il ruolo dell

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 II Prova scritta Tema 1 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 Premessi brevi cenni sulle operazioni di trasferimento di

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato ANDREA LOLLI LA RILEVAZIONE DELLE SITUAZIONI DI CRISI FINANZIARIA NELLA DOCUMENTAZIONE CONTABILE DELLE S.P.A. E QUALE STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA GESTIONE. I- Nel corso degli ultimi anni il mondo delle

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito Riccardo Tiscini Professore Associato di Economia Aziendale presso l Universitas Mercatorum Roma

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

COMPAGNIA DELLA RUOTA SPA

COMPAGNIA DELLA RUOTA SPA INDICE PREMESSA 1 TIPOLOGIA DI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO CORE 2 GESTIONE DEL RISCHIO 4 UTILIZZO DI LEVA FINANZIARIA 5 SPA STRATEGIA E POLITICA DI INVESTIMENTO Milano Via Camperio 9 Sede Legale in Biella

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione

L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione L impatto in bilancio delle operazioni di ristrutturazione Alberto Tron Presidente Comitato Financial Reporting Standards ANDAF Crisi di impresa e informazione finanziaria: scenario di riferimento In questi

Dettagli

INDICE UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI

INDICE UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI Nota introduttiva... 3 PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI Fabrizio Di Marzio INTRODUZIONE AL CONCORDATO

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia

Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia Definizione La Centrale Rischi è un sistema informativo sull indebitamento della clientela di banche e società finanziarie vigilata dalla Banca d Italia.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LA FATTISPECIE DELLA GESTIONE DEL RISPARMIO

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LA FATTISPECIE DELLA GESTIONE DEL RISPARMIO CAPITOLO I LA FATTISPECIE DELLA GESTIONE DEL RISPARMIO 1. Linee direttive dell indagine: le peculiarità del collegamento tra impresa e contratto nella gestione professionale dell altrui risparmio.. 1 2.

Dettagli

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività LA LIQUIDAZIONE LIQUIDAZIONE AZIENDA Termina la sua vita scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico Conversione attività in denaro Estinzione passività Restituzione residuo ai soci TIPOLOGIE VOLONTARIA

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del debitore civile, quale rimedio alle conseguenze derivanti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Rag. Fabio Mongiardini 1 Art. 33 DL 83/2012 (DECRETO SVILUPPO) Importanti novità in materia di perdite su crediti sia nell ambito di procedure concorsuali sia al di

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NAPOLI COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO FALLIMENTARE SEMINARIO DI STUDI DEL 21 APRILE 2010 Il concordato preventivo ed il ruolo del professionista

Dettagli

ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI

ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI Focus on ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Energie rinnovabili: un problema di «governance»

Energie rinnovabili: un problema di «governance» Conclusioni Energie rinnovabili: un problema di «governance» di Giulio Napolitano L analisi dei diversi aspetti che caratterizzano la disciplina delle energie rinnovabili rivela la mancanza di un chiaro

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa INTRODUZIONE INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13 ANALISI PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa CAPITOLO 1 LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE NELLE PROCEDURE DI

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo

11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo Massimo Rubino De Ritis Art. 2467 11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo L art. 182 quater l. fall., così come introdotto dal d.l. 31.5.2010, n. 78, convertito in legge

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia Unità di Informazione Finanziaria per l Italia SCHEMA RAPPRESENTATIVO DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D.LGS 231/2007. OPERATIVITA CONNESSA CON L ANOMALO UTILIZZO DI

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato CURRICULUM VITAE DI ILARIA CAPELLI INFORMAZIONI PERSONALI Qualifica Data di nascita 09/01/1969 Ricercatore universitario confermato Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Incarico attuale

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO MONOGRAFIE E STUDI 1. CESARE CAVALLINI, L oggetto del processo di rivendica, 2002. 2. ANTONINO BARLETTA, La stabilità della vendita forzata,

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli