Replica a Maurizio Dal Sasso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Replica a Maurizio Dal Sasso"

Transcript

1 Replica a Maurizio Dal Sasso figlio de Il comandante Cervo capitano Giuseppe Dal Sasso di GIULIO VESCOVI presidente regionale AVL, vicepresidente dell ISTREVI Vicenza, 14 giugno 2010 Il Sig. Dal Sasso Maurizio, figlio del Cap. Dal Sasso Giuseppe Cervo, visti i miei Pensieri in libertà presenti sul sito dell Istrevi, Istituto Storico della Resistenza e dell età contemporanea di Vicenza, ha ritenuto di dover contraddire quanto nei Pensieri in libertà è riportato a proposito del comportamento del padre, quando di fronte al nemico e alle sue responsabilità di comandante del btg. Sette Comuni ha abbandonato la zona di combattimento del Sette Comuni e si è ritirato con personale decisione, in un luogo sicuro, nella campagna veneta, giustificando questo suo comportamento come dato dalle rappresaglie subite dai suoi famigliari e dall arresto della moglie e della figlia. Al suo abbandono dell Altopiano, fece seguito la liberazione della moglie e della figlia. Questi gli antefatti che vanno registrati. Purtroppo correva voce che tale liberazione fosse un accordo intercorso tra il capitano e i fascisti di Asiago, i Caneva, che in quel periodo dominavano con i tedeschi il territorio: voci che non ebbero mai un riscontro storico. Ciò che resta il terreno del contendere è il fatto che, nel libro dello storico Pierantonio Gios, si volle sostenere che i colonnelli i comandanti dei reparti rimasti inquadrati sull Altopiano, complottarono nei confronti del cap. Dal Sasso esautorandolo del comando in quanto l attività operativa richiedeva la presenza dei comandanti, specie in un momento in cui si doveva affrontare un duro inverno in montagna; montagna che era priva di risorse e occupata, fin nei paesi e contrade da reparti della X^ MAS, Brigate Nere, SS Altoatesine reparti della Wermacht e Russi bianchi. Era dal rastrellamento del 6-7 settembre 1944 che il cap. Dal Sasso era introvabile: non voleva far sapere dove si trovava; si spostava da un rifugio all altro senza avere squadre di partigiani con sé. Chi invece, avevano riunito i partigiani reduci dal rastrellamento erano i cosiddetti Colonnelli. Ciò che li costrinse a prendere delle decisioni fu una lettera del capitano, scritta dopo che aveva raggiunto il rifugio tra San Pietro in Gù e Gazzo Padovano. La sorpresa dei colonnelli fu grande per due ragioni: essere il capitano Dal Sasso allontanatosi senza informare i colonnelli, senza aver sentito il dovere di giustificare in una riunione fra i comandanti della Sette Comuni la decisione presa ma avendo in tal modo manifestato le paure che già nell estate 1944 avevano fatto dire delle malevoli frasi e un epiteto scurrile nei suoi confronti. Tale nomea di capitan b.a se la portò addosso sia durante che dopo la guerra come testimonianza delle sue paure. Nei miei Pensieri in libertà ho dato ampia relazione del fatto per cui confermo quanto ho scritto: l abbandono del campo di lotta su iniziativa personale del capitano è atto che in termini militari si definisce diserzione di fronte al nemico. Ora il Maurizio Dal Sasso pretende di modificare la storia della fuga del capitano dal suo dovere di restare sul posto tra i partigiani e i comandanti che affrontavano e continuavano la lotta contro l invasore tedesco e il servo fascista. Da ciò il Dal Sasso crede di giustificare il padre, aggrappandosi a quanto ha scritto lo storico Gios nelle pubblicazioni edite nel 1981 e nel 2000 con Controversie della Resistenza sull Altopiano e Il capitano Cervo. MAURIZIO DAL SASSO, Replica al figlio di Giuseppe Dal Sasso pagina 1 di 6

2 Quindi il Dal Sasso, per rispondere ai Pensieri in libertà si serve degli scritti di don Gios per asseverare le sue conoscenze tratte da pubblicazioni a cui è stata data una molteplice risposta sul periodico Altopiano dal sottoscritto, dal dott. Urbani Francesco, da Fernando Gatti, dalla Famiglia Covolo. La polemica è stata condotta aspra e continuata in piena libertà, per cui oggi possiamo dire che sarà la storia a dare un giudizio sui fatti e azioni che riguardano un periodo violento e deprecabile come può essere qualunque rivoluzione o guerra civile. Pertanto non intendo riaprire con il Dal Sasso, una polemica già chiusa e che non gli appartiene. I miei Pensieri in libertà sono frutto di esperienze e realtà vissute quando il Dal Sasso Maurizio, non era ancora nato. Le sue rievocazioni di fatti accaduti durante e dopo la Resistenza nel periodo sono il risultato di ciò che gli altri hanno scritto. Alla sua fonte di notizie ho risposto, perciò non intendo riaprire un contenzioso su fatti criminosi riferiti dal Gios, in quanto non mi appartengono. Quindi la mia difesa a contrasto con il Gios, non si riferisce a colpe di mia responsabilità, ma alla difesa di partigiani che il don Gios aveva colpito con sadico furore, raccontando episodi che visti a cinquant anni di distanza, da chi li racconta, con animo da inquisitore diventano tristi realtà se non sono calate nel tempo della lotta aspra e violenta che ogni guerra civile porta con sé. Il Dal Sasso pretende di asseverare le sue accuse facendosi scudo di ciò che ha letto per poter difendere le false e bugiarde difese del padre. Difatti il Dal Sasso padre, durante la sua presenza in campagna si è ben guardato dal prendere contatti e collaborare con le forze partigiane della divisione Vicenza comandata dal capitano Nino Bressan, tanto è vero che il Bressan mi ha assicurato che il Dal Sasso si è fatto vedere a Vicenza il 29 aprile, a Liberazione avvenuta: il Bressan è ancora vivo e il sig. Maurizio può avere conferma di quanto riferito. Ciò nonostante il cap. Dal Sasso ha dichiarato il falso al Questore di Vicenza Belli, dichiarando che aveva preso parte alle azioni della Vicenza, mentre ne era stato smentito dal comandante Bressan il quale ha dichiarato di fronte a me, Mantiero, Fracasso che il cap. Dal Sasso, incontrato il 29 aprile, si era offerto per riordinare e inquadrare gli elementi della polizia partigiana sorta all alba della Liberazione per questioni di ordine pubblico. In questa funzione mise in atto una disciplina che gli permise di selezionare la polizia, con risultati certamente positivi. Dopo il mio trasferimento a Vicenza nel 1957, ebbi frequenti contatti con il cap. Dal Sasso, instaurando quel rapporto di simpatia che c era stato in montagna, tanto è vero che lo stesso mi propose per la medaglia d argento al V.M.. Al funerale del capitano, come detto nei Pensieri in libertà ho dovuto subire il vergognoso comportamento della famiglia Dal Sasso, che proibì a me di pronunciare l elogio funebre in quanto non si doveva ricordarlo come partigiano. Non può, oggi, il figlio negare che il padre abbandonò il campo di battaglia e che se avesse avuto il coraggio, che sempre gli è mancato, poteva ritornare in montagna ad affermare il suo comando; non ha avuto il coraggio di affrontare i pericoli della montagna, di un inverno tragico, ha preferito starsene al sicuro dove non mancava il pane e dove poteva godersi il caldo di una abitazione. Non credo che il figlio o altri possano negare tutto questo. Il figlio si aggrappa alle storie del Gios per nascondere le responsabilità del padre: un vero comandante, anche se colpito da avversità famigliari, non doveva comportarsi come si è comportato fuggendo senza concordare con i colonnelli un chiaro modo di affrontare la situazione. Va ricordato che i comandanti venivano scelti dai partigiani, sul posto e il comando era riconosciuto per meriti e valori personali: è semplicemente improponibile che un comandante, per essere tale, possa abbandonare il terreno della lotta; furono diversi i cambi dei comandanti anche nelle file dei partigiani della 7 comuni, cambi avvenuti per abbandono del reparto nell autunno del 1944 o per incapacità manifestata al comando. Sarebbe stato meglio che ne il cap. Cervo scritto dal Gios si fosse mantenuto ai fatti e non avesse inventato La rivolta dei colonnelli, riconosciuti tali da tutte le brigate Sette comuni e dall ing. Giovanni Carli. MAURIZIO DAL SASSO, Replica al figlio di Giuseppe Dal Sasso pagina 2 di 6

3 Per quanto subdole accuse del Dal Sasso, a tali accuse ho risposto: non può né lui né il Gios imputare a me comportamenti scorretti o azioni criminose. Respingo le note fatte dal prete di Camporovere, a lui ho risposto chiaramente nei Pensieri in libertà. Ad altri preti sempre pronti ad intervenire e a dire, ho dato risposte riconoscendone i meriti ma anche contestando il modus operandi in presenza di violenze o di azioni non giustificabili. La guerra è una brutta cosa sempre, la lotta per la libertà è piena di atti di valore e di solidarietà fino al dono della vita. Per quanto riguarda la ricerca storica, va detto che il mio saggio storico La Resistenza nell Alto Vicentino è stata pubblicata nel 1975: mentre solo nel 1981 fu pubblicato un saggio storico del Gios, il quale oltre che le fonti parrocchiali, usò anche dei miei documenti e delle mie note. In seguito scrisse Controversie della Resistenza sull Altopiano in cui diede spazio a fatti che costituivano ombre inevitabili della Resistenza. A tale pubblicazione, rivolta esclusivamente ad una formazione che era, per direzione politica, comandata da due eroi caduti il 27 aprile a Sandrigo i cui nomi Ing. G. Carli e Mg. G. Chilesotti sono da tutti ricordati per la loro direzione morale della Mazzini e della 7 comuni. Per l accusa di estorsione, fatto per cui è intervenuta una assoluzione, io, non ho partecipato alla trattativa intercorsa tra il fascista Bettinado e i partigiani di Canove non ne sapevo niente, ero ricoverato all ospedale elioterapico di Mezzaselva inchiodato su un letto per curarmi una malattia contratta nell inverno Se il Dal Sasso, anche subdolamente, volesse continuare ad affermarlo, sarò pronto ad accusarlo di calunnia, difatti non ho partecipato, né prima né dopo, a tale trattativa, non sono stato indagato né compromesso nel processo. Durante la mia degenza non ho avuto denaro da estorsioni ma solo contributi dall APO la cooperativa dei partigiani, di cui don Angelo era uno dei principali dirigenti: mi dispiace dover dire di don Angelo, ciò che ho detto nei Pensieri in libertà, mai avrei pensato che il don Angelo cadesse in un simile abbaglio. Il signor Dal Sasso crede di poter rispondere ai Pensieri in libertà frutto di esperienza e realtà vissute quando lui non era ancora nato. La sua rievocazione di fatti accaduti nel territorio dei Sette comuni durante e dopo la Resistenza, sono fatti di ciò che altri hanno scritto e quindi non do risposta alle sue accuse: sono rievocazioni tratte dai testi di don Gios. A tale storico ho risposto con un aspra polemica. Non intendo ritornare a confrontarmi con lui, l ho già fatto, in difesa dei partigiani su diverse pubblicazioni anche se i fatti denunciati non mi appartengono personalmente. Ringrazio il figlio Dal Sasso di avermi dipinto come un vulcano nella difesa dei partigiani: lo ritenevo un vero dovere, dato che ne avevo la capacità culturale e dirette conoscenze dei fatti denunciati con sadico furore dal don Gios: offendendo la memoria di chi aveva perso la vita. Alle violenze subite durante la Resistenza alcuni partigiani si trovarono perseguitati alla fine della guerra per azioni compiute e valutazioni che solo chi ha vissuto la Resistenza può capire anche se non giustificare. Comunque le azioni compiute assumevano lo status di necessità in tempo di guerra. Il sig. Dal Sasso, nel cercare di dare una sua verità, come risposta ai miei Pensieri in libertà, si preoccupa di poter arrivare in tempo data la mia età. Sono ancora vivo e vegeto nonostante i miei 89 anni. Non ho avuto pendenze penali né compiuto azioni criminose nella mia vita, sono in piena attività, sia per pubblicazioni edite dopo il saggio storico del 1975 Resistenza nell Alto Vicentino ritenuto fondamentale e unico per la Resistenza nei Sette Comuni e nella campagna vicentina di Nord-Est. A questa pubblicazione ha fatto seguito, nel 2005, La notte dei fuochi racconti della Resistenza. Non mi risulta che il Dal Sasso abbia prodotto qualcosa di storico. Ricordo ancora al Nostro che i due volumi di Storia dell Altopiano edito dalla Banca Popolare di Vicenza nel 1994, con la partecipazione dell Accademia Olimpica, è il Vescovi Giulio che ha avuto l onore di essere invitato dal Comitato Scientifico diretto dal Prof. Aldo Stella, a scrivere la Storia della Resistenza nei Sette Comuni. Consulti il Nostro volume Territorio e Istituzioni dal Fascismo alla Resistenza da pagina 579 a pagina 640. Come Presidente dell A.V.L. e con la collaborazione del Prof. Benito Gramola sono stati pubblicati sei Quaderni della Resistenza e altre pubblicazioni. MAURIZIO DAL SASSO, Replica al figlio di Giuseppe Dal Sasso pagina 3 di 6

4 Ho trascorso 16 mesi su un letto, in piena immobilità per malattia contratta in montagna nell inverno 44-45, e altri anni di convalescenza, malattia riconosciutami dal Ministero della Difesa di seconda categoria, a vita. Delle mie azioni durante la Resistenza, risultano solo ed esclusivamente comportamenti corretti. Mai ho avuto accuse, anzi ho avuto riconoscimenti sia dai miei partigiani che dalla gente che mi conosce. Anche gli inglesi che hanno vissuto con me, hanno riconosciuto il mio valoroso comportamento in guerra: legga al termine di Pensieri in libertà ciò che dice di me il capo della missione Freccia. Si vergogni di voler coinvolgermi subdolamente in contesti storici che non mi appartengono. Detto questo, voglio rispondere ad alcune note dello scritto del Dal Sasso vedi ) Il Dal Sasso afferma: nel Fino a quella data il Vescovi rimase completamente muto e spento Rispondo che non ero rimasto muto bensì avevo pubblicato nel 1975 Resistenza nell Alto Vicentino Inoltre avevo partecipato al contrasto sorto con la Storia della Divisione Garemi. Ero io che stendevo le relazioni presentate ai convegni di Schio e di Thiene. Certo, lo studente Maurizio, non poteva saperlo, forse era più assorto dallo studio e dalle amicizie con i coetanei. Ho scritto e pubblicato in risposta al Rapporto Garemi. Nel Posso affermare che dal 1960 in poi ero attivo e presente in molti convegni che in quel tempo si tenevano su argomenti e fatti della Resistenza: non ho avuto mai sentore della presenza del Maurizio. Il (Vulcano) Vescovi si era scatenato molto prima del 2000 e mai era stato spento e muto. 2) A Granezza la presenza del libro di Don Gios Controverse della Resistenza era stata ritenuta una offesa ai 250 Caduti dell Altopiano: in presenza di una protesta collettiva dei presenti alla Commemorazione e per evitare spiacevoli incidenti, ho sentito la responsabilità di rivolgermi ai Carabinieri per far allontanare dal Sacro territorio della Commemorazione il venditore del libro. 3) Non ho mai affermato che i fratelli Caneva, nella loro fuga dal Altopiano, nei giorni della liberazione, abbiano partecipato alla strage di Pedescala. È certo che da Pedescala e dalla Valdastico il loro passaggio è stato accertato dai paesani. Difatti i Caneva si erano uniti alle truppe tedesche che si ritiravano: è vero che i Caneva sono arrivati a Merano: da qui con l aiuto dei soliti ecclesiastici si sono rifugiati in Argentina, diventato lo stato che dava rifugio a molti criminali di guerra, compresi i fratelli Caneva. Con i Caneva in Argentina il Don Gios ha avuto un numeroso scambio di corrispondenza. E pur vero che il Gios li ha difesi e mai ha presentato le responsabilità dei Caneva per il loro comportamento di traditori della Patria e di persecutori dei partigiani. Ora i Caneva, impuniti per i crimini di guerra, riposano in pace in terra argentina avendo ottenuto da Don Gios la assoluzione totale. 4) È vero che ho ricevuto minacce di morte. Ho potuto registrare la voce di chi mi minacciava: ho consegnato le registrazioni alla polizia, dove è indicato chi ritenevo un possibile reo. Da quel momento sono cessate le minacce. Il Maurizio è capace solo di ironizzare questo fatto ed altri, ironia di cattivo gusto. Dice che sono ancora vivo nonostante le minacce di morte. Da ciò che scrive il Dal Sasso Maurizio si capisce benissimo che l obiettivo delle sue accuse, sono io, Vescovi Giulio, in quanto responsabile di aver difeso i Partigiani. Da quanto emerge chiaramente che sono stato io a rintuzzare le tesi di don Gios e di difendere i partigiani; benissimo, sono orgoglioso di averlo fatto. 5) Il Dal Sasso Maurizio cita il Giornale di Vicenza del 9 ottobre 1945 Estorsioni e Ricatti. Sono stati operati sei arresti: la notizia è volutamente errata. Gli arrestati furono in realtà tre: Mosele Giovanni Ivan, Rossi Mario Folco e Corà Dino Attila. Covolo Federico si sottrasse all arresto. Nessun altro fu arrestato. MAURIZIO DAL SASSO, Replica al figlio di Giuseppe Dal Sasso pagina 4 di 6

5 Il Dal Sasso accusa di estorsione avvenuta nel 1944 e del 1945 e si richiama ad uno scritto postumo del 1978; dove esiste questo scritto non lo dice, né indica dove si trova, dimostrando di alterare la verità in quanto al nostro importa avvalorare le sue preconcette tesi. Ad onor del vero egli non può che riferirsi alla presunta estorsione fatta al fascista Bettinado da Canove: estorsione che non fu ritenuta tale in quanto il Tribunale assolse i presunti colpevoli. Da mie informazioni avute dai diretti interessati in verità, la presunta estorsione ebbe inizio con una trattativa che ebbe luogo su invito del fascista Bettinado per farsi perdonare le malefatte compiute durante il periodo della R.S.I., si offrì di versare una somma di denaro come assistenza ai partigiani di Canove. 6) Alla trattativa prese parte il conte Giulio Dolfin che soggiornava a Canove in una sua villa e che conosceva bene il Bettinado e i partigiani di Canove. Purtroppo il fascista Bettinado appena si sentì sicuro nella ripristinata legalità dello Stato, trasformò la sua offerta in denuncia di estorsione. La denuncia fu accolta dal cap. Dal Sasso, comandante della polizia a Vicenza, il quale non si fece scappare l occasione per poter vendicarsi dei colonnelli che lo avevano esonerato dal comando della Sette Comuni perché si era allontanato dal campo di operazioni in montagna e trasferito in zona di pianura; certamente non poteva pretendere di esercitare la sua funzione di comando standosene in pianura. Difatti fece eseguire l arresto di tre colonnelli : Ivan, Attila, Folco, un quarto, il Covolo Federico, sfuggì all arresto e si rese latitante. Non risulta che ci furono altri mandati di arresto, quindi indicare sei arresti è una offesa alla verità; si legga bene il Giornale di Vicenza del martedì 9 ottobre 1945 e non tenti di smentire la verità. Comunque il processo seguito, assolse gli imputati dall accusa di estorsione. 7) Tutto questo accadeva mentre io mi trovavo all ospedale: è una trovata vergognosa dello storico Maurizio Dal Sasso voler indicarmi nei sei arresti per correità e di aver avuto del denaro. Ho già spiegato l errore di Don Angelo che dopo una lauta cena e abbondante bevuta si sia permesso di rilasciare all attento cap. Dal Sasso, quella volta amico di merenda una confusa e inesatta segnalazione orale. 8) Per quanto riguarda il richiamo alle pagg de Il cap. Cervo la ricostruzione di fatti sembra sia la ricerca del tempo perduto. Ho già risposto: non è vero che operò con la Div. Vicenza, il Comandante Bressan lo ha smentito. 9) Accusare Attila e Ivan di imprese illegali, per cui vollero sbarazzarsi del comando del cap. Dal Sasso, è una vergognosa calunnia: i contrasti con il cap. sorgevano per il modo militaresco di condurre la guerriglia: condotta sbagliata e contraria alle regole richieste dalla guerriglia stessa. Difatti l accusa di attendismo dal Btg. Sette Comuni è stata fatta per il modo di condurre le azioni del Battaglione comandato dal Dal Sasso. La mia vita dal 1945 è stata rivolta a tener vivi i valori umani e civili espressi dalla Resistenza, il ricordo dei Caduti. Partecipo da sessantacinque anni alla vita associativa nella A.V.L., negli Istituti Storici, nella A.N.M.I.G. (Associazione Nazionale Mutilati Invalidi di Guerra) di cui sono Vice-Presidente nazionale, sono decorato di Medaglia d Argento al Valor Militare. Signor Dal Sasso i suoi interventi nella storia, i suoi interventi nella difesa della memoria di suo padre, e nel libro, Il comandante Cervo hanno rimesso in discussione il comportamento del capitano Dal Sasso: le risposte a tutto ciò sono dunque dovute: lasciamo da parte ogni polemica. Io ho scritto ciò che so per averlo vissuto, lei scrive per aver letto e saputo da altri. Le auguro lunga vita.. come ho avuto io finora: io ho lasciato un segno forte di partecipazione per la maggior fortuna del nostro Paese: Sono orgoglioso di avere nei migliori anni della mia vita, avuto un ideale per cui ho posto sul piatto dell onore, la mia vita per la Libertà, la Solidarietà e la Pace della mia e sua Patria. Non le conviene, oggi, rimestare nella storia: né cercare colpe nei miei comportamenti; sono solo sue miserie. Sono chiaro e limpido, attualmente e nel mio passato: fatti personali fanno fede della mia vita onesta e impegnata a favore dei soci e delle famiglie dei Caduti. A titolo personale credo opportuno riportare alcune note che riguardano la mia persona: note rilasciate dagli ufficiali inglesi paracadutati sull Altopiano con la missione comandata dal maggiore Freccia John Printice Wilkinson. MAURIZIO DAL SASSO, Replica al figlio di Giuseppe Dal Sasso pagina 5 di 6

6 NOTE: Vescovi Giulio Leo (dal report del cap. Orr-Ewing Dardo steso nel 1945). Comandante Fiamme Verdi (Div. Ortigara), altezza media, longilineo, capelli chiari con baffi. Età 24 anni. Ex studente di storia all Università di Torino. Ufficiale alpino. Persona capace e molto adatta. Molto buon capo, non definite le tendenze politiche (.capable yellow.. and very fit good leader ) Si veda ancora di Orr-Ewing Dardo, Capo missione Freccia, la lettera del 29 maggio 1945 al Gruppo Brigate Sette Comuni (riportata in Resistenza nell alto vicentino p. 195) e quella del 16 ottobre 1945 a Giulio, in cui si dice Sono molto addolorato di sentire la disgrazia che è successa a Leo. Dopo tutto quello che lui ha fatto e sofferto questo non sembra essere giusto. (Idem, p. 196). Da un documento del , trovato in possesso di due spie nemiche, di Leo si scrive (vedi pag. 148, op- cit): Leo, bandenfuhrer, 27 Jahre alt, 1,70 gross; dunkelblond, etvas krauses, nach Linten Gekammtes Haar, helle Augen vorsteihende Backeniknochen, langes Gesicht; stammi aus Camporovere. Traduzione: Leo, capobanda di 23 anni, alt. 1,70, biondo scuro, capelli un po mossi e pettinati all indietro, occhi chiari, guance sporgenti e volto allungato, proviene da Camporovere), ecc. residente a Camporovere. In una lettera del 30/10/1944, a firma anche di Freccia, Colombo, ovvero il tenente Cristopher Woods, scrive Caro Leo (Freccia) vi manda saluti ed è molto contento del lavoro fatto dalla vostra formazione. La lettera contiene alcune righe di Freccia : caro Leo sono molto contento delle notizie datemi Colombo buona fortuna a voi ed ai vostri uomini. Freccia. (Vedi dichiarazioni riportate su la Resistenza nell Alto Vicentino pp. 196, 197, 198). E ancora una lettera autografa del capo missione alleata Freccia Capt. J.E.H. Orr-Ewing alias Dardo indirizzata in data 29 marzo 1945 al gruppo Brigate Sette Comuni : ora che noi dobbiamo lasciare questa zona, vogliamo porgere a tutte le formazioni, con le quali abbiamo avuto rapporti, le nostre più vive congratulazioni. Il lavoro che voi avete sempre fatto col massimo impegno e senza tregua ha negli ultimi giorni della lotta fruttato il più grande successo. Sempre nel vostro lavoro vi siete mostrati veri Italiani dando l esempio del vostro coraggio e sacrificio. Adesso che la guerra ha finito il vostro compito non è ancora terminato. Come in guerra, così in pace, dovete sempre mostrarvi veri Italiani continuando a dare un esempio ai vostri compagni con la vostra onestà e serietà nel lavoro ricostruttivo. Vogliamo pure ringraziarvi per l ospitalità affettuosa nei riguardi della Missione. Abbiamo tutti ammirato e goduta la vostra compagnia cosicché abbiamo la ferma intenzione di ritornare a visitarvi quando tutte le guerre saranno finite. Ad ogni singolo patriota, il nostro più affettuoso saluto ed il più sincero augurio che l Italia possa avere nel mondo quel posto che i suoi martiri hanno meritato. Cap. Orr-Ewing Dardo. Infine ricordo al Sig. Dal Sasso Maurizio che sono stati insignito di una prestigiosa onorificenza al merito della repubblica italiana O.M.R.I., Cavaliere di Gran Croce. MAURIZIO DAL SASSO, Replica al figlio di Giuseppe Dal Sasso pagina 6 di 6

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli