Inclusione e nuove professioni: il ruolo degli Informahandicap

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inclusione e nuove professioni: il ruolo degli Informahandicap"

Transcript

1 Inclusione e nuove professioni: il ruolo degli Informahandicap (Intervista ad Andrea Pancaldi* su Riprendiamo il percorso che avevamo iniziato in estate, dedicato all'esplorazione delle professioni nate attorno al processo di inclusione sociale delle persone con disabilità. Questa volta il contributo che proponiamo riguarda la figura dell'operatore di Informahandicap. Ne parliamo con Andrea Pancaldi, responsabile del CRH (Centro Risorse Handicap) del Comune di Bologna. Il processo di inclusione delle persone con disabilità porta alla nascita di nuove professioni specifiche: sulla base di questa considerazione, nell'estate scorsa, Superando aveva avviato un approfondimento per conoscere singolarmente ciascuna di tali specifiche professioni. Abbiamo dunque incontrato la figura del consulente alla pari - una metodologia di counceling mirato, maturata dalle esperienze di mutuo aiuto - attraverso una delle sue pioniere per l Italia, Rita Barbuto, direttore di DPI Europe (Disabled Peoples International). Poi, in un dialogo con la sua assistente personale, Giuseppina Mascaro, abbiamo avuto l occasione di approfondire anche quest altra essenziale figura professionale legata al processo di inclusione e in particolare derivata dai principi della Vita Indipendente. Ancora, avevamo intervistato un docente universitario di Tecnologie per l Autonomia, Andrea Micangeli. Questa volta ci occupiamo di analizzare la funzione degli Informahandicap e di incontrare le professionalità che si producono in relazione ad essi. Per farlo, chiediamo il contributo di Andrea Pancaldi, che da molti anni si occupa di informazione e comunicazione nel settore della disabilità e che dal 2001 è il coordinatore del CRH (Centro Risorse Handicap), lo sportello Informahandicap del Comune di Bologna. Iniziamo con una domanda personale. Gli chiediamo cioè di raccontarci il suo percorso di formazione e professionale, per capire come sia arrivato a ricoprire oggi un ruolo di responsabilità. «Sono laureato in Fisioterapia e sono un giornalista pubblicista: mi muovo tra il mondo sociosanitario e quello dell informazione. Ho lavorato per oltre vent anni al CDH (Centro Documentazione Handicap) di Bologna, dove nel 2001 abbiamo progettato e poi gestito il CRH, lo Sportello Informahandicap del Comune di Bologna. Nel 2004 ho cessato la mia collaborazione con il CDH, non condividendone più molte delle linee di sviluppo, e da allora lavoro per il Settore Sociale e Salute del Comune di Bologna, come coordinatore del CRH e responsabile della redazione degli sportelli sociali, previsti dalla Legge 328/00, che nel frattempo sono stati aperti nei nove Quartieri di Bologna. Da tanti anni svolgo anche frequenti attività di formazione e consulenza per enti e associazioni sui temi della documentazione e informazione in campo sociale, oltre a scrive per riviste e siti internet».

2 In cosa consiste il suo ruolo nel CRH? «Dal 2001 lo coordino e dal 2007 coordino la redazione degli sportelli sociali. Il mio lavoro consiste soprattutto nel tenere le relazioni con i vari soggetti che interagiscono con gli sportelli sociali, come i Settori del Comune, le neonate ASP (Aziende per i Servizi alla Persona), l'azienda USL, la Provincia e i nove Quartieri (Circoscrizioni). Poi, ancora, con la rete dei servizi sociali, quelli sanitari, i Settori Comunicazione (URP, Ufficio Stampa) e i Servizi Informativi (tecnologie) del Comune. Coordino il Comitato di Redazione, che è la struttura che dà gli indirizzi al lavoro redazionale e, tecnicamente, mi occupo del sito internet, delle newsletter e degli aggiornamenti periodici ai vari sportelli. Da buon esperto di documentazione, mi occupo anche di fornire ai miei interlocutori servizi di aggiornamento sui temi oggetto del nostro lavoro, tramite mailing list e rassegna stampa». Come valuta lo stato dell'informazione sulla disabilità oggi in Italia? «Quello della disabilità è stato senz altro uno dei primi settori a sviluppare al suo interno iniziative di informazione e, aggiungo, di documentazione, a partire dai primi anni Ottanta. Mi pare che da alcuni anni sia però calata la capacità di innovare; ci troviamo davanti a un paradosso che meriterebbe approfondimento, ma che qui potrei riassumere in una fuga nell'azione: progettare e immettere nel mercato a ciclo continuo novità, prodotti, nuove ricette è più importante che non dedicare tempo ed energie all elaborazione di processi nuovi. Provo a elencare alcuni dei motivi che fanno da sfondo a ciò nell ambito della disabilità: - il dipanarsi definitivo del tema del cosiddetto "handicap adulto", che è sostanzialmente una cultura prodotta nel solco dell associazionismo e del volontariato e nella quale, proprio per quell'"adulto", stentano a rientrare e a essere ricomprese le persone con disabilità intellettiva, troppo "bambine" agli occhi di un osservatore superficiale; - le logiche del sistema dell informazione e dei media che, soprattutto dopo il 2003, Anno Europeo della Persona con Disabilità, non possono che raccontare di disabili che ce la fanno, che riescono, grazie a loro stessi e all attenzione di una "società buona"; - la sovraesposizione della disabilità fisica rispetto a quella intellettiva, legata al fatto che il discorso sull'handicap tende oggi a porre la questione in termini di "diritti civili", tendendo a escludere chi appare poco in grado di fruire di questi diritti di cittadinanza, per non dire chi ne è legalmente escluso; - l'assenza nell'informazione di esperienze legate ai servizi pubblici territoriali, sia per motivi ideologico-culturali (malasanità, servizi pubblici inefficienti ecc.) che per intrinseca difficoltà comunicativa dovuta all organizzazione gerarchica e alla necessità di referenza al mondo politico; ed è ai servizi pubblici che si rivolgono le tante realtà familiari segnate dalla presenza più che altro di limiti e non tanto di possibilità; - l'adesione di molte strutture informative nate nell ambito dell associazionismo a un modello informativo che associa la disabilità a un altro elemento trainante o insolito («Disabile scrive al papa», «Jovanotti saluta il suo fan in carrozzina», «Ragazzi down in barca a vela», «Moliére con attori disabili», «Disabili al Rifugio Duca degli Abruzzi»). Di questo modello potremmo dire, scherzosamente, che è affetto dalla cosiddetta "Sindrome di Lavazza": "tira su" il disabile, facendolo entrare in una sfera di normalità o di protagonismo, ma "lo manda anche giù", dichiarando l effimero di questi momenti, che non sono certo la quotidianità. La televisione ci propina personaggi famosi e contesti di divertimento e l informazione sulla disabilità a volte si adegua. Si spendono più righe sul fatto che sia giusto o meno che un disabile partecipi al Grande Fratello piuttosto che sui tagli degli insegnanti di appoggio a scuola o sulla loro mancata specializzazione. Insomma, a mio avviso, erano più interessanti gli anni Ottanta e Novanta, in cui si cercava di fare uscire i temi dal chiuso dei libri e dei convegni per gli addetti ai lavori, di creare una pubblicistica sulla disabilità, un linguaggio più accessibile, di dare spazio a tematiche che non fossero solo la scuola, l assistenza o la riabilitazione. Anni in cui si aveva una idea, la si approfondiva e poi si cercavano le risorse per sostenerla. Ora accade il contrario: data una linea di finanziamento (bandi vari, progetti europei, Centri di Servizio Volontariato, fondazioni

3 bancarie), ci si chiede cosa si possa presentare, possibilmente riciclando cose già fatte. Anche qui - come in generale in questa età di transizione non solo da un millennio all altro ma da un modello economico ad un altro, da un sistema politico ad un altro - spesso i mezzi prevalgono sui fini e l'agire organizzativo su quello relazionale. Ma è anche, in parte, una questione generazionale. Chi, giovane obiettore di coscienza a cavallo tra gli Anni Ottanta e Novanta (penso al Gruppo Abele, alla Comunità di Capodarco, al CDH di Bologna, alla UILDM), aveva tempo e spazio per inventare esperienze informative a fianco della fase di sviluppo dei servizi sulla disabilità e ora, a cavallo del Duemila, a trentacinque o quarantacinque anni, se non fa altro di lavoro, non può comunque più tornare indietro. Ha da pensare a mutuo, rata dell auto, uno straccio di futura pensione». Questo tipo di informazione quale cultura promuove? «È una domanda difficile. Penso che, come per altre dinamiche, anche nell'ambito della disabilità ci troviamo in una fase di transizione, sospesa tra "non più" (la stagione che ha avuto per parola d'ordine "integrazione") e "non ancora". Un discorso a tutto tondo - in tempi in cui la sicurezza (e le aree del disagio che evoca) e la crisi (tagli nazionali e locali) la fanno da padrone - credo sia impossibile. Dobbiamo saper navigare a vista e in questa incerta navigazione vedo rispettivamente come utili, ai fini di far sopravvivere un interesse culturale alla disabilità di un certo spessore: la capacità di integrare gli aspetti sociali con quelli sanitari nella definizione della disabilità, perché i secondi sono stati messi troppo in secondo piano; l attenzione agli aspetti relazionali legati alle vicende di singoli e famiglie; lo sviluppo di una pubblicistica sul tema del lavoro delle persone disabili, grande assente dal panorama della comunicazione; una rappresentazione della questione scolastica dove non prendano sopravvento gli aspetti giudiziari; il ridimensionamento di questioni come barriere, turismo, sport e teatro sociale, che hanno spopolato negli ultimi anni; il tentativo di allargare il panorama delle voci, andando alla ricerca di nuove esperienze, senza aspettare quelle che riescono a bucare e che alla fine corrono il rischio di essere sempre le stesse, competenti di certo, ma che non aggiungono molto a quanto già detto e scritto. Insomma, anche il giornalismo della disabilità ha finito col sedersi un po, utilizzando molto le cose già in rete e sentendo per pigrizia sempre gli stessi esperti e gli stessi disabili "eccellenti"». A chi si rivolge l'informazione di uno Sportello Informahandicap e quali sono le qualità principali di questa informazione? «Si rivolge principalmente alle persone con disabilità. Al CRH si è passati dal 43% del 2002, al 65% del 2005 e al 72% del 2008 [si può cliccare qui per accedere al dettaglio dei dati, N.d.R.]. Nella nostra esperienza (mi riferisco al Comune di Bologna e alla Cooperativa Accaparlante, promossa dal Centro Documentazione Handicap Bologna, che gestisce il servizio di sportello) le qualità che mi sembrano decisive sono: - la capacità di ascolto; - il fornire, oltre alle specifiche informazioni richieste, un quadro di riferimento, a disposizione nei siti del servizio e nei materiali distribuiti; - il saper integrare aree (scuola, lavoro, assistenza, trasporti, ausili...) e discipline, grazie a

4 operatori con una buona cultura sociale, sanitaria, legislativa, sociologica e psicologica; - l elaborazione e l utilizzo di un linguaggio che faccia sintesi tra i vari attori della scena della disabilità; - la rapidità della risposta; - l organizzazione di un servizio dove è più l'informazione che raggiunge l'utente che non viceversa, quasi prevenendo le domande attraverso servizi efficienti di informazione e comunicazione (sito, bollettini, newsletter); - l attivazione di una rete di interlocutori pubblici e privati». Quali sono le informazioni maggiormente richieste allo sportello? «Nel tempo questo indicatore si è stabilizzato. Gli Informahandicap si confermano servizi rivolti, almeno nelle attività di sportello, per lo più alla fascia degli adulti che, lasciata la scuola e l'adolescenza, hanno perso in larga misura la "protezione" dei servizi socioassistenziali, socio-educativi e riabilitativi. Le aree maggiormente gettonate sono quelle dell'autonomia (35%) della mobilità (20%) e delle agevolazioni fiscali connesse (12%). Discreta richiesta per l'ambito turismo, cultura,spettacolo (6%) e sempre molto gettonati i servizi informativi del CRH (newsletter e bollettino, 13%) e il tema pensioni (10%). Di contro, come si accennava prima, basse le percentuali sui temi tipici dell'età evolutiva come scuola (0,8%) e riabilitazione (1,3%). Proprio questi dati sono stati uno degli elementi che abbiamo più considerato quando abbiamo deciso di trasformare il nostro servizio integrazione negli Sportelli Sociali: infatti, il CRH come sportello chiuderà e gli operatori ruoteranno nei vari Sportelli Sociali come presenza specializzata dei medesimi, anche al fine di trasferire conoscenza agli operatori stessi, dato che i Quartieri a Bologna, storicamente, non si sono mai occupati di disabilità». Quali sono le persone con disabilità che si rivolgono allo sportello e quali quelle senza disabilità? «I disabili che si rivolgono allo sportello, direttamente o tramite familiari, hanno generalmente deficit di tipo fisico, con una prevalenza di quelli acquisiti rispetto a quelli congeniti. Tra i familiari predominano le donne (le mamme), mentre tra le persone disabili prevalgono gli uomini. Su determinate tematiche, l'età media si abbassa (tecnologie, sport, servizi informativi del CRH), mentre su altre si alza (barriere). Trasversale alle tipologie di deficit e alle età, invece, sono le necessità di trasporto. Esclusi disabili e familiari e una quota abbastanza rilevante di contatti non classificati (quelli via ), rimane la parte di utenza degli operatori che si è sempre attestata tra il 12 e il 16%, più presenti quelli dei servizi pubblici (assistenti sociali ed educatori) e una certa quota di quadri od operatori di associazioni. Scarsi i contatti dalle cooperative sociali che, in ogni indicatore riferito alle questioni informative o documentative, restano sistematicamente fanalino di coda».

5 Il "back office", il "lavorio interno" di uno Sportello Informahandicap di che cosa si occupa? «Da noi, le attività di back office si sono rivolte per molti anni in tre direzioni: - l'aggiornamento della base dati in formato web e cartaceo (guide, opuscoli, schede); - la collaborazione con altri settori del Comune (Mobilità, Istruzione, Casa), con altri enti territoriali (INPS, Agenzia Entrate, Provincia, ASL) e con la rete associativa che a Bologna conta oltre ottanta sigle. Questo si è riflesso, ad esempio, nella qualità della newsletter che ha fatto girare in otto anni di attività e 108 numeri usciti, oltre notizie a iscritti. La ricerca di sinergie per alcuni anni è stata indirizzata anche agli altri servizi analoghi italiani, tramite anche il primo Convegno Nazionale degli Informahandicap, svoltosi a Bologna nel 2002, ma la dinamica si è poi fermata; - la produzione di strumenti informativi "in uscita". Oltre alla newsletter che permette a circa quattro-cinquecento tra singoli e nuclei familiari di non doversi rivolgere allo sportello, stante il livello informativo che ricevono mensilmente, abbiamo prodotto per sette anni anche un giornalino, «Metropoli», diffuso a oltre indirizzi, che permetteva di raggiungere chi non aveva un computer. Attualmente, il back office degli Sportelli Sociali segue più o meno la stessa filosofia di lavoro e, in tema di aggiornamento della base dati, macina con continuità una cinquantina di riviste, altrettante newsletter e una ventina tra siti e agenzie. Utilissimi anche i rapporti di scambio e collaborazione con una decina di case editrici e i centri documentazione presenti su varie aree a Bologna; insomma, cerchiamo di sfuggire al rischio di "rinchiuderci dentro a internet" che è, forse, uno dei vizi che si possono riscontrare in giro». Qual è l'apporto culturale di uno sportello informahandicap? «È una domanda che mi sta a cuore. Tra le quattro funzioni che dovrebbero svolgere gli Sportelli Sociali (informazione; accesso alla presa in carico da parte della rete dei servizi;osservatorio tramite analisi della domanda; promozione sociale) è proprio quest'ultima ad essere sempre dimenticata. Che, nella nostra esperienza, sia stato un Centro Documentazione a progettare un Informahandicap ovviamente ha inciso, e tanta parte dell esperienza del CRH è stata dedicata a produrre un informazione che veicolasse anche cultura. Come si diceva in un opuscolo del Gruppo Abele alla metà degli anni Settanta, «gli emarginati non sono la parte malata della società, ma il prodotto di una società malata; in questo senso è necessario produrre non solo servizi ma anche e soprattutto cultura». L'esperienza del CRH è segnata dalla ricerca e dalla documentazione, anche se, negli ultimi due anni, abbiamo dovuto ridurre queste attività, assorbiti nei meccanismi della complessa riorganizzazione del sistema dei servizi sociali territoriali del Comune di Bologna. «Gli emarginati non sono la parte malata della società, ma il prodotto di una società malata» (da un opuscolo del Gruppo Abele degli anni Settanta)Tra le tante iniziative attivate, ricordo il supplemento bibliografico bimestrale alla newsletter che ha recensito diverse centinaia di volumi, il supplemento dedicato ai progetti di legge di Camera e Senato e le varie schede informative spedite in allegato alla newsletter e dedicate a temi culturali o relazionali e ancora consultabili nel sito. Per un certo periodo abbiamo anche tentato uno sportello

6 decentrato della Biblioteca specializzata del CDH, ma non ha funzionato. Con gli Sportelli Sociali... ci riproviamo, con un corso di formazione sui temi dell informazione e documentazione sociale, una rassegna stampa da riviste per il Comitato di Redazione sugli stessi temi, il tentativo di un vero e proprio servizio di informazione e documentazione dedicato all'intera rete dei servizi territoriali, per distribuire in maniera ragionata a circa 250 operatori e funzionari le mille informazioni e i mille documenti prodotti da siti, riviste, newsletter, case editrici, centri documentazione, enti e organismi vari. Nel sito internet degli sportelli puntiamo sull utilizzo di video e documenti allegati alle schede per approfondire; abbiamo anche approcciato qualche iniziativa di web 2.0, senza esagerare e senza demagogie: i dati per ora sono buoni, considerando anche l'avvio nei mesi estivi. Vedremo se ci sosterranno anche in futuro». Quali caratteristiche e competenze deve avere l'operatore ideale? «È una domanda difficile. Ci provo. Direi che dovrebbe avere buone competenze sui vari ambiti della disabilità ed esperienza della realtà dei servizi pubblici e del Terzo Settore. Inoltre, buona conoscenza del panorama informativo e documentativo nazionale, buone competenze tecnologiche, giornalistiche, grafiche e legislative, con qualche rudimento di biblioteconomia e archivistica e una buona conoscenza delle figure professionali operanti nell'ambito della disabilità. Sono importanti anche una certa pignoleria e, come ho già detto prima, la capacità di ascolto e di relazione». Diventare operatore di uno Sportello Informahandicap è un obiettivo auspicabile per un giovane che si immette nel mercato del lavoro, oppure è un'attività di passaggio, svolta per lo più da chi è in cerca di qualcos'altro? «Gli Sportelli Informahandicap in Italia sono un ottantina: il mercato è di nicchia che più nicchia non si può! La gestione è all 80% pubblica. Nel dettaglio, dei Comuni singoli per il 46%, delle ASL per il 18%, (molti in Veneto), dei Consorzi per Servizi Sociali per il 16% (quasi tutti in Piemonte, la regione con più sportelli e l'unica a dotarsi di un progetto regionale organico in materia), delle associazioni per il 14% (per lo più piccole associazioni di carattere locale), delle Cooperative per il 5%. Non esistono dati, ma si può ipotizzare la presenza diffusa di personale amministrativo part time (molti sportelli aprono due, tre mezze giornate e lo stesso nostro CRH apriva quindici ore settimanali per una città di abitanti e disabili) e la presenza meno diffusa di assistenti sociali ed educatori. In questi casi, molto dipenderà dall integrazione tra questi sportelli specializzati e gli sportelli sociali previsti dalla Legge 328/00 e dai modelli che territorialmente si perseguiranno, se di reale integrazione o di semplice vicinanza. Le strutture stesse, e non solo gli operatori, a volte sono "di passaggio", legate a progetti o a fondi non di tipo strutturale. Il 2010 ci darà un quadro più definito dei tagli e potremo sapere se le strutture più piccole e decentrate sono riuscite a sopravvivere». In chiusura di questa lunga intervista, vuole aggiungere qualcosa? «Se possibile, un ringraziamento a Valeria Alpi, Massimo Falcone e Annalisa Degli Esposti, gli operatori del CRH, per l'ottimo lavoro fatto in questi anni». Nell'ambito di questo ciclo di servizi il sito ha già pubblicato i seguenti testi: - Se le persone con disabilità vengono incluse nella società, disponibile cliccando qui. - Inclusione e nuove professioni: insegnare Tecnologie per l'autonomia, disponibile cliccando qui. - Inclusione e nuove professioni: l'assistente personale, disponibile cliccando qui. - Inclusione e nuove professioni: assumere un assistente personale, disponibile cliccando qui. - Inclusione e nuove professioni: il consulente alla pari, disponibile cliccando qui.

Comune di Bologna - ASP IRIDeS CAAD centro provinciale per l adattamento dell ambiente domestico. Convegno

Comune di Bologna - ASP IRIDeS CAAD centro provinciale per l adattamento dell ambiente domestico. Convegno Comune di Bologna - ASP IRIDeS CAAD centro provinciale per l adattamento dell ambiente domestico Convegno Dentro e fuori casa: il diritto di vivere in autonomia Bologna, 3 dicembre 2009 Giornata dei diritti

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 803.001 www.lineaamica.gov.it Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 1 Il Concept del servizio Linea Amica LINEA AMICA è un iniziativa del

Dettagli

Bisogni formativi delle ODV della provincia di Varese: integralità dei risultati del questionario

Bisogni formativi delle ODV della provincia di Varese: integralità dei risultati del questionario 1. ARGOMENTI 1.1 Sviluppo di competenze: In quale misura ritiene utile per la Sua assoicaizone, un percorso formativo mirato allo sviluppo delle seguenti competneze? Competenze gestionali amministrative

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese I questionari compilati devono essere consegnati entro il 28/02/2011 al Cesvov: Per e-mail (scannerizzato)

Dettagli

RELAZIONE Sintesi Attività svolta nell anno 2007 a livello Nazionale. Assemblea Nazionale Roma, 7 e 8 giugno 2008

RELAZIONE Sintesi Attività svolta nell anno 2007 a livello Nazionale. Assemblea Nazionale Roma, 7 e 8 giugno 2008 RELAZIONE Sintesi Attività svolta nell anno 2007 a livello Nazionale Assemblea Nazionale Roma, 7 e 8 giugno 2008 Rispetto alle 5 principali Aree di intervento: AREA ATTIVITA ISTITUZIONALI AREA POLITICHE

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Incontri per genitori di alunni diversamente abili

Incontri per genitori di alunni diversamente abili Incontri per genitori di alunni diversamente abili Insieme Ha scuola! nell ambito del progetto Intesa per l integrazione scolastica settembre 2008/ giugno 2009 Relazione conclusiva di Valentina De Rosa

Dettagli

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase LA NOTIZIA DIDASCALIE 2013: inizia una nuova fase I lettori di didascalie/informa, e innanzitutto i circa settemila insegnanti della scuola in Trentino, assieme ai presidi e al resto del personale, si

Dettagli

LE AUTOINSERZIONI DI LAVORO

LE AUTOINSERZIONI DI LAVORO A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) LE AUTOINSERZIONI DI LAVORO Come le Aziende pubblicano i loro Annunci/offerte di lavoro anche chi è alla Ricerca di lavoro (Candidato)

Dettagli

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI ROVIGO IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali promuovendo, anche

Dettagli

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento

educazione finanziaria atelier condividere con voi la mia esperienza di insegnamento Ringrazio gli organizzatori e i colleghi che hanno deciso di dedicare il loro tempo a questa iniziativa. Mi presento. Io insegno EIF e FA nei corsi di Laurea di Economia: quindi insegno a ragazzi grandi

Dettagli

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova PROVINCIA DI GENOVA Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione Professional AREA 10 A-Servizio Formazione Professionale Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con

Dettagli

RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI Comune di Cento

RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI Comune di Cento 2 A N N O 2 0 0 3 RELAZIONE SUL SERVIZIO SPORTELLO STRANIERI PRESENTAZIONE Dopo più di un anno dall apertura del Servizio Sportello Stranieri, sembra opportuno riproporre una relazione in cui si presentano

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA

CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA E la prima volta, in questa tornata elettorale, che il Presidente Regionale CIP non sarà eletto dalle Società sportive dei disabili, ma dalle Federazioni olimpiche

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: CRESCERE INSIEME ENTE : A.N.M.I.C. Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili Sede Provinciale di Crotone, Piazza A. De Gasperi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERTÀ DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Scuola Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Montalto di Castro (VT)

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 803.001 www.lineaamica.gov.it Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 1 LINEA AMICA: CONCEPT DEL SERVIZIO Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa

ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa ILMALLONE e ILMALLONE.IT, Notiziario del I Circolo di Solofra RELAZIONE FINALE Dicembre 2008 A cura di Rosanna Mele Relazione finale Non è il primo anno che

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI

IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI CI SONO ANGELI IN CITTA Tutte le Aree dell Autismo IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI San Salvo 25-05-2013 PALMA MONICA AREA DISABILITA L. 104/92 Legge Quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA

RELAZIONE SPECIALISTICA RELAZIONE SPECIALISTICA Il territorio, nel quale l I.C. DELEDDA-SAN GIOVANNI BOSCO opera, risulta carente nell offerta culturale e la scarsità di strutture ricreative, sportive, spazi di aggregazione per

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa - Piazzetta di parte Guelfa Le città e l istituzione penitenziaria

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

RISCHIO PSICOPATOLOGICO LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

DISABILITA, SCUOLA E COOPERAZIONE LINEE GUIDA PER INSEGNANTI

DISABILITA, SCUOLA E COOPERAZIONE LINEE GUIDA PER INSEGNANTI DISABILITA, SCUOLA E COOPERAZIONE LINEE GUIDA PER INSEGNANTI prodotta nell ambito del progetto Cooperare per includere. L impegno dell Italia su disabilità e cooperazione allo sviluppo Realizzato e finanziato

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Documento unitario La buona scuola

Documento unitario La buona scuola 17 ottobre 2014 Forum nazionale delle Associazioni studentesche Documento unitario La buona scuola PREMESSE Il Forum delle associazioni studentesche maggiormente rappresentative ha analizzato e discusso

Dettagli

CHI SIAMO. Giorgia Gay

CHI SIAMO. Giorgia Gay Saper fare Fare Far sapere DIFFONDIAMO LA TUA IDEA. PROMUOVIAMO LA TUA IMMAGINE Servizi personalizzati, integrati e flessibili per enti, aziende, associazioni, fondazioni, professionisti CHI SIAMO Gamma

Dettagli

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA Allegato A INFORMAGIOVANI DEL LAZIO PREMESSA Obiettivo del presente documento è delineare elementi, caratteristiche, modalità e formule possibili per adeguare al meglio - anche alla luce dei nuovi scenari

Dettagli

Bamboccioni non si nasce: la storia di Serena Mortari

Bamboccioni non si nasce: la storia di Serena Mortari Bamboccioni non si nasce: la storia di Serena Mortari a cura di Valentina Boscolo Serena. Nomen omen è il caso di dire, quando la guardi infonde tranquillità, ma soprattutto intelligenza e raffinatezza.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

A casa da sole. a cura di Barbara Pianca*

A casa da sole. a cura di Barbara Pianca* A casa da sole a cura di Barbara Pianca* Un gruppo di quattro donne tra i venti e i quarant'anni, con una lieve disabilità intellettiva, vive insieme in un appartamento nel centro di Trieste. Nessuno dorme

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE. SULLE ATTIVITA' 2012 dell' Associazione IL LABORATORIO

RELAZIONE ANNUALE. SULLE ATTIVITA' 2012 dell' Associazione IL LABORATORIO RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA' 2012 dell' Associazione IL LABORATORIO Nell'arco dell'anno 2012 hanno frequentato il nostro servizio 29 persone, di cui 13 donne e 16 uomini. La frequenza giornaliera

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

La Casa delle Culture -Progetto-

La Casa delle Culture -Progetto- CONSULTA PROVINCIALE DELL IMMIGRAZIONE (Provincia di Modena) OGGETTO: Progetto "La Casa delle Culture". Il carattere strutturale che il fenomeno immigratorio ha assunto anche in Italia sollecita fortemente

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel.

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. 035/387235 Fax 035/387410 L intento del presente opuscolo,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

CHIEDO ALLA REGIONE LAZIO IL MIO PROGETTO INDIVIDUALE

CHIEDO ALLA REGIONE LAZIO IL MIO PROGETTO INDIVIDUALE CHIEDO ALLA REGIONE LAZIO IL MIO PROGETTO INDIVIDUALE Che cos è la disabilità Può apparire ridondante ed inutile ritornare su questo concetto. Crediamo, invece, che non lo sia perché condividerne la definizione

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

LA SINDROME DI X FRAGILE

LA SINDROME DI X FRAGILE LEZIONE: ALCUNE SINDROMI (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Caltabiano Maria Francesca Numero civico, strada o piazza, codice postale, città, paese 34, Contrà

Dettagli

Epap. Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale. Rassegna stampa del 7 settembre 2010 TESTATA TITOLO PAGINA

Epap. Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale. Rassegna stampa del 7 settembre 2010 TESTATA TITOLO PAGINA Epap Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale Rassegna stampa del 7 settembre 2010 TESTATA TITOLO PAGINA Il Sole 24 Ore Italia Oggi Dalle polizze ai mutui, si allarga l'attività sociale Pensioni,

Dettagli

Intervento dell Associazione Divento Grande Onlus di Salvatore Bianca

Intervento dell Associazione Divento Grande Onlus di Salvatore Bianca Intervento dell Associazione Divento Grande Onlus di Salvatore Bianca Buon pomeriggio a tutti, sono Salvatore Bianca, vicepresidente di Divento Grande Onlus, una associazione di genitori, in prevalenza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

AUTISMO in Italia: Un disagio sociale spesso sconosciuto. Tante domande e poche risposte alle famiglie. di Annalisa Anastasi

AUTISMO in Italia: Un disagio sociale spesso sconosciuto. Tante domande e poche risposte alle famiglie. di Annalisa Anastasi AUTISMO in Italia: Un disagio sociale spesso sconosciuto. Tante domande e poche risposte alle famiglie di Annalisa Anastasi Un bambino autistico ogni centocinquanta nati. Sono queste le ultime stime dell

Dettagli

Area onlus. Consorzio Sociale R.I.SO. s.c.s.

Area onlus. Consorzio Sociale R.I.SO. s.c.s. Area onlus Fondata nel 1982 a Torino con l intento di sostenere le persone colpite dall handicap, Area onlus è oggi un importante punto di riferimento sul territorio regionale e coniuga la vocazione filantropica

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Sistema di sorveglianza PASSI

Sistema di sorveglianza PASSI Sistema di sorveglianza PASSI Sicurezza Domestica 2010-2013 Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 - Triestina AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 Riproduzione autorizzata citando la fonte Redazione

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli