DALLA PRODUZIONE AL SERVIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALLA PRODUZIONE AL SERVIZIO"

Transcript

1 Il Divulgatore n 7-8/2006 AGRICOLTURA DI SERVIZIO Imprese che si associano per un offerta di qualità pagg.6-17 DALLA PRODUZIONE AL SERVIZIO L attività di formazione che da sempre supporta gli operatori agricoli nello svolgimento della loro complessa professione negli ultimi anni ha necessariamente cambiato i propri contenuti e metodi per accompagnare la trasformazione in atto nel settore: dal perfezionamento delle tecniche di coltivazione si è passati alla creazione di competenze di servizio e di gestione, che permettono di fare dell azienda agricola uno spazio aperto e accogliente. Claudio Zangarini Centro Studi Aziendali, CSA Soc. Cons. a r.l. FROM THE PRODUCTIVE ROLE TO THE CUSTOMER SERVICE ONE In their complex working activity, farmers have always been supported by training actions run by Public Authorities.The contents and methods of such actions have recently changed because the agricultural sector itself has changed. Indeed, attention is not focussed on the rationalization of cultivation techniques anymore but on the optimization of farm facilities and competences. In this way, the farm becomes a sort of cosy guest house. Thanks to the technical support of skilful assistants, it is possible to point farmers interests out; according to their attitudes, they can turn into competent managers of teaching farms, country farms or factory shops, in order to satisfy customer and consumer demand, by means of a more and more diversified offer. The fundamental requisite to do so, is farmer s attitude to relate with guests easily and spontaneously. In this context, any kind of communication action, beside the verbal one, is extremely important. Il filo conduttore della strategia formativa condotta dal Centro Studi Aziendali negli ultimi cinque anni può essere sintetizzato in questo modo: formare nuovi profili di competenza in agricoltura non più riferiti alla produzione di tipo primario, ma a una forma avanzata e innovativa di progettazione/organizzazione/conduzione di servizi alla cittadinanza, alle scuole, ai consumatori. Questa modificazione, per molti versi culturale e di sistema, prima ancora che di contenuti veri e propri della formazione, si è sviluppata e si è affermata di pari passo con: - la crescita di una consapevolezza sempre più precisa di come andava cambiando la composizione sociologica della categoria agricola; - il carattere sempre più diffuso di una imprenditoria composta da generazioni particolarmente colte, portatrici di valori e contenuti di alto significato sul tema del vivere sano, della tutela ambientale, della ecosostenibilità delle produzioni e del modello di vita in generale; - la partecipazione a percorsi di formazione per l apprendimento di competenze di ruolo afferenti a profili fino ad ora poco conosciuti, talvolta misconosciuti, talvolta addirittura inediti. Una svolta decisiva Tutto questo ha comportato scelte precise da parte di chi, come gli enti di formazione agricola, avevano svolto il compito, per decenni, di promuovere e consolidare - attraverso corsi, seminari, assistenza alle aziende - i metodi, le tecniche, gli strumenti, per rendere maggiormente remunerativa l azienda stessa, attraverso l introduzione e l utilizzo di tecnologie collegate ai processi di coltivazione, allevamento, distribuzione del prodotto agricolo, oppure adottando sistemi di controllo di gestione, utilizzo del credito e dei finanziamenti comunitari, ottimizzazione dei fattori produttivi

2 Dal 2001 in poi, con la nascita del primo progetto regionale delle fattorie didattiche, le strategie formative hanno vissuto una svolta decisiva: a livello regionale, per le azioni di sistema e i programmi di formazione permanente; a livello locale, per la formazione diretta degli imprenditori attraverso la trasposizione di contenuti e di modalità fino ad allora tipiche dei settori terziari e di servizio alle persone, alla realtà e ai profili professionali operanti in agricoltura e, nello stesso tempo, nei settori di collegamento tra agricoltura e territorio, agricoltura e collettività, agricoltura e mondo della scuola, della ricerca, dell Università. Veniva avanti, dunque, la visione di come l azienda agricola (e, per essa, le risorse umane impegnate nella conduzione aziendale, nella ricerca di spazi di mercato aggiuntivi, nella gestione di nuovi processi di lavoro ) potesse avviarsi a diventare uno spazio aperto, attrezzato culturalmente, per consentire a fasce sempre più estese di persone di appropriarsi, ovvero riappropriarsi, di contenuti, valori, esperienze di un mondo rurale reso marginale rispetto ai ritmi delle innovazioni e delle tecnologie, ma ormai irrinunciabile come luogo di accoglienza e di vissuto collettivo. Ecco allora l emergenza di provvedere a queste attrezzature ideali, di creare opportunità formative in grado di rispondere a nuovi bisogni di competenza, sempre più diffusamente incentrati sulla progettazione di servizi, sulla capacità di leggere e interpretare le nuove domande, sulle modalità di comunicare con le persone, di diffondere messaggi, di divulgare novità Mutati contenuti e metodi della formazione Anche per quanto riguarda le tipologie di servizi esterni, va osservato che, proprio partendo da quello più complesso, ossia dalle fattorie didattiche, l orizzonte è andato ampliandosi progressivamente, fino a ricomporre tutto il quadro delle prestazioni integrative e, di riflesso, dei nuovi profili coinvolti dal nuovo modo di essere dell azienda agricola: - l accoglienza agrituristica; - la vendita diretta; - la promozione/degustazione delle tipicità locali; - la ricerca continua di eventi e di promozioni diversificate in raccordo con istituzioni ed enti locali, sulle tradizioni storiche, le feste, le sagre, ecc. Su questi obiettivi è stato necessario aggiornare anche i metodi della formazione, i criteri di lettura delle esigenze, le metodologie di coinvolgimento e di attrazione dell utenza, oltre che identificare gli esperti in grado di erogare contenuti fin qui praticati solo altrove! Infatti, negli ultimi anni, i destinatari dei corsi e delle attività di sistema, oltre che gli agricoltori, sono stati: - insegnanti delle scuole pubbliche e private; - esponenti di istituzioni ed enti locali; - genitori di alunni delle stesse scuole, impegnati nei comitati mensa o semplicemente interessati alle tematiche di collegamento tra scuola e agricoltura; - addetti alla ristorazione collettiva e alle mense scolastiche; - addetti di strutture di accoglienza per anziani, interessati ad attività di animazione in fattoria, ecc. Si può facilmente immaginare quanto siano stati diversificati impostazione, contenuto, strategie educative, per coinvolgere adeguatamente tanta utenza diversa! Quanto ai profili di competenza riferiti agli agricoltori, oltre che a loro addetti, familiari, coadiuvanti, si riporta alle pagg. 8-9 una sintesi informale, servita da riferimento nella progettazione e nella programmazione didattica di una parte consistente delle attività. Il sito regionale delle fattorie didattiche dell'emilia Romagna raccoglie tutte le principali informazioni utili sia al visitatore sia a chi già realizza o è intenzionato ad avviare qualche forma di servizio in agricoltura. Accanto al catalogo completo delle aziende accreditate e della relativa offerta didattica, è attiva una sorta di bacheca che ospita notizie e annunci inviati dalle fattorie stesse per un aggiornamento in tempo reale delle proposte.

3 NUOVE COMPETENZE NELL AZIENDA MULTIFUNZIONALE Ecco i principali profili sui quali è stata impostata l attività didattica negli ultimi anni Competenze di realizzazione Organizzare e gestire nuovi servizi nell ottica della multifunzionalità. Promuovere l immagine aziendale attraverso strumenti e mezzi appropriati. Tenersi aggiornati merito ai programmi provinciali, regionali, europei. Competenze di assistenza e di servizio Pianificare opportunamente l accoglienza degli ospiti. Predisporre programmi/progetti informativi, divulgativi, educativi in funzione delle richieste degli ospiti e delle aree di interesse in cui si collocano i servizi che l azienda offre. Curare un analisi attenta dei risultati, in termini di efficacia dei servizi prestati. Competenze di influenza e direzione Relazionarsi in modo positivo con le persone, tenendo conto dei differenti interlocutori e delle diverse modalità comunicative. Affrontare e risolvere i problemi anche in rapporto ad eventuali inconvenienti di percorso. Curare le attività amministrative e di bilancio, per la gestione/controllo delle attività aziendali. Competenze cognitive Applicare correttamente le leggi e le norme recependone gli aggiornamenti in ambito locale ed europeo. Orientati al cliente Attraverso l esperienza di un esperta formatrice è possibile cogliere la tensione e l impegno volto a far maturare una cultura della qualità nei servizi di didattica, ospitalità agrituristica, vendita diretta, per un offerta sempre più articolata e in linea con le aspettative del clienteconsumatore. Antonietta Stinga Consulente di formazione professionale CSA Soc. Cons. a r.l. Il rapporto tra aziende agricole e multifunzionalità, in Emilia Romagna, costituisce un vero e proprio modello di innovazione che origina dal basso, un esempio di ricerca, attivata in forma singola o aggregata, di spazi, modalità, linguaggi innovativi per raggiungere, coinvolgere, attirare un numero crescente di persone alla fruizione dell ambiente agricolo, dei prodotti genuini, di un paesaggio trasformato con rispetto, di angoli incontaminati di produzione agricola di una volta. Senza dubbio l obiettivo di integrazione del reddito ha rappresentato e rappresenta uno stimolo imprenditoriale tutt altro che trascurabile, ma, alla luce delle esperienze fin qui realizzate, abbiamo acquisito una forte consapevolezza di quanto la centralità della motivazione, la preminenza di una tensione culturale ambientalista, la modificazione sociologica dei profili imprenditoriali degli agricoltori rappresentino in modo incontrovertibile il vero fattore di nascita, crescita e sviluppo del fenomeno. Fin qui, dunque, a partire dai primi anni Duemila, lo sviluppo di strategie formative finalizzate alla crescita, all aggiornamento, all affinamento di competenze di pregio, sul piano dei comportamenti organizzativi e relazionali, ha supportato in maniera consistente la trasformazione dei profili in gioco, dalla preminenza produttiva, primaria dell agricoltura, alla crescente centralità di una logica di accoglienza, di servizio, di ascolto di nuovi bisogni.

4 Per rispondere alle richieste di qualità Specialmente per quanto attiene il comparto delle fattorie didattiche, però, era talmente forte, inizialmente, l interesse del sistema a lavorare sulla qualità della didattica in quanto tale, da lasciare in ombra, almeno in un primo periodo, l aspetto della qualità connessa alla progettazione, pianificazione, programmazione dei servizi aziendali, di didattica in fattoria. Nello stesso tempo, veniva maturandosi e anzi manifestandosi apertamente un interesse crescente, da parte di interlocutori esterni, che passavano anche loro da richieste potremmo dire primordiali di visite in azienda, a vere e proprie istanze di compartecipazione delle aziende stesse ai programmi didattici delle scuole: è qui che l introduzione di concetti, prima considerati azzardati, come cultura della qualità, qualità, ascolto della voce del cliente, co-progettazione delle visite in fattoria hanno cominciato a imporsi come priorità, prima della formazione, poi del modo di essere stesso delle fattorie. Negli altri campi della multifunzionalità, sia pure in maniera meno tangibile, è avvenuto un passaggio analogo: per quanto riguarda, ad esempio, la vendita diretta, si è passati dalla casualità all impostazione di punti vendita continuativi, con esperimenti di aggregazione tra produttori, di collaborazione formale, dichiarata, tra fattorie diverse, ai fini della composizione di un offerta sempre più articolata, sempre più conosciuta, sempre più rispondente alla tempistica di approvvigionamento di prodotti, da parte delle famiglie o da parte di strutture commerciali Allo stesso modo, la propensione ad adibire i locali dell azienda, più o meno ristrutturati ad hoc, a manifestazioni, eventi culturali, momenti pubblici di degustazione, divulgazione delle tipicità, convegni veri e propri, ha costituito inizialmente una risposta immediata a una richiesta immediata Successivamente, però, ha cominciato a delinearsi come una proposta continuativa, con programmi prefissati degli eventi, calendari, raccolta formalizzata delle adesioni La cultura dell aggregazione tra imprese (della quale alcuni esempi sono illustrati in questo stesso numero del Divulgatore) ha subito una sorta di accelerazione, di pari passo alla crescita di qualità delle richieste esterne e questo passaggio, fin qui inusuale, sta per diventare il punto di snodo di un nuovo modello imprenditoriale in agricoltura, cui occorrerà fornire supporti non solo in termini di formazione, ma anche in termini di normative regionali e di aggiornamenti legislativi di carattere nazionale. Di qui, dunque, l esigenza di ricercare, per le azioni formative di carattere più avanzato, i modelli di riferimento più adatti a introdurre concetti, criteri di valutazione, elementi di sostegno, in generale, che potessero facilitare gli agricoltori, appunto, nel maturare una cultura della qualità del servizio, adeguata ai tempi, alle innovazioni, alle caratteristiche delle nuove offerte da mettere in campo. Così come la scelta di metodologie didattiche più efficaci, al fine di consentire, ad ogni potenziale interessato, l acquisizione di competenze per molti versi complesse, proprio in quanto afferenti ruoli innovativi, addirittura contrastanti con il tradizionale modo di essere dell agricoltore tipo, non sempre incline alle pubbliche relazioni, all accoglienza, alla promozione del proprio lavoro attraverso strumenti multimediali all aggregazione con altre aziende per costruire nuovi servizi. Modelli mutuati da altri settori Sul fronte dei modelli, con l aiuto di esperti di organizzazione aziendale e di qualità sono stati intrapresi percorsi di elaborazione e studio, in gruppi aula compositi, di autori di rilievo come Norman Parasuraman, che sono stati tra i primi a mettere a punto strumenti per la rilevazione della qualità, specialmente nell ambito dei servizi, facendosi carico della enorme difficoltà derivante dalla non tangibilità degli stessi, rispetto, invece, agli indicatori ormai consolidati nei sistemi produttivi tradizionali, ossia, per esempio, nelle industrie manifatturiere. Quanto alle metodologie didattiche, dalmomento che i servizi prodotti in agricoltura non sono neppure contemplati nella letteratura inerente la qualità, si è ritenuto utile avviare, in aula, processi di lettura, interpretazione, approfondimento di alcune delle tesi proposte, per cogliere e mettere a frutto le indicazioni, gli spunti, le suggestioni, che meglio potessero aiutare la definizione di modelli di qualità per le attività multifunzionali dell agricoltura. Come pure si è affrontato lo studio del cliente in termini di risorsa, una vera e propria opportunità di crescita anche per la sottoscritta.

5 Il cliente costruisce con me il processo, il cliente è un prosumer (produttore e consumatore nello stesso tempo) nel senso che produce con me il servizio e ne usufruisce. Io imprenditore devo essere consapevole di quanto il cliente è corresponsabile con me nel servizio, questo sin dalla fase di progettazione... Fino a teorizzare che anche l incontro tra imprenditori può avere un valore, che occorre imparare. Alla luce di queste considerazioni, si può asserire, dunque, che il passaggio culturale tra agricoltura tradizionale ed agricoltura multifunzionale, potrà conoscere fasi di crescente affermazione e di consolidamento di mercato, a patto che la centralità del cliente diventi l elemento di forza riconosciuto e condiviso, che si profonda un impegno crescente nell organizzazione e nella gestione di servizi orientati al cliente, che il cliente stesso diventi un soggetto attivo nell ideale coprogettazione di nuovi servizi. Su questo terreno occorrerà che si misuri la formazione imprenditoriale, anche in funzione dell affermarsi di una cultura dell aggregazione, piattaforma di lancio di un nuovo modo di essere dell agricoltura in Emilia Romagna ed oltre. Riduciamo le distanze Requisito fondamentale per il produttore che gestisce una qualsiasi forma di accoglienza in azienda è entrare in relazione con l ospite, adottando appropriate modalità comunicative. I messaggi non verbali lanciati da entrambe le parti - agricoltore e visitatore - sono determinanti nella creazione del contatto. Gaetana Russo Consulente Processi Comunicativi e di Orientamento, esperta di Counceling L accoglienza è uno dei momenti determinanti ai fini del successo di un esperienza di didattica in fattoria o altra forma di ospitalità in azienda. È il momento del contatto, del coinvolgimento coinvolgimento emotivo, con il contesto, con la natura, tra soggetti, agricoltore/ visitatore. L agricoltore è il tramite attraverso cui si realizza questo contatto e si facilita l apprendimento del soggetto, la sua conoscenza. La consapevolezza che anche e soprattutto dall accoglienza dipende il successo di un esperienza, ci spinge a porre l attenzione su un aspetto importante dell accoglienza: la relazione. La ricerca di relazione, il bisogno di relazioni è una necessità degli individui. Accogliere significa cogliere la ricerca di relazione, mettersi in sintonia con le persone, stabilire un contatto concreto di tipo empatico, togliere le interferenze. Dare risposta a tale bisogno fa parte dell accoglienza. Le persone ricercano le relazioni fin dalla nascita, secondo alcuni studi tale ricerca è presente ancor prima della nascita e continua per tutta la vita. È perciò importante corrispondere a tale bisogno di relazione. L accoglienza è un modo per rispondere alla richiesta del soggetto di instaurare relazioni: relazioni tra persone, relazioni con il contesto, in questo caso relazione con la natura. Perché scatti il contatto Accogliere ponendo attenzione alla relazione significa ridurre la distanza tra il soggetto e il contesto, creare un collegamento con persone sconosciute, stabilire un contatto, divenire il tramite tra passato e presente. L agricoltore diviene il tramite attraverso cui si ristabilisce la relazione soggetto/natura che in qualche modo, nella cultura attuale, si è incrinata, rotta e di cui si avverte necessità. Natura docet, la natura insegna e l agricoltore conosce la natura, i suoi ritmi, le sue regole, tradizioni, risorse. Egli attraverso le proprie conoscenze e la propria esperienza si fa tramite in un processo di apprendimento volto al coinvolgimento emozionale del soggetto: stimola la scoperta di sensazioni nuove, valorizza la tradizione, il rispetto dei ritmi, dei tempi.

6 L agricoltore aiuta a riscoprire la natura e a recuperare il rapporto con la natura. La relazione agricoltore/visitatore, nella fase dell accoglienza, determina la motivazione a coinvolgersi, ad apprendere, perciò un punto di attenzione nella programmazione dell accoglienza è creare un clima positivo e rassicurante, in cui ciascuno si senta valorizzato. Far sentire al soggetto che si trova in un contesto in cui sarà ascoltato e compreso. Dalla competenza comunicativa dipende la validità delle relazioni. Adottare modalità comunicative che contribuiscono a creare un rapporto rilassante con il visitatore e a stimolare la sua motivazione e il coinvolgimento personale può essere considerato un obiettivo che ci si prefigge di raggiungere. L accoglienza quindi presuppone abilità sociali, comunicative, di ascolto. Le modalità di attuazione dell'accoglienza si diversificano a seconda delle situazioni, ossia delle esperienze maturate dalle singole strutture, delle competenze degli agricoltori, delle caratteristiche dei visitatori, delle opportunità offerte dalla sede di accoglienza, dalla fattoria. Non si può pertanto affermare che esista una proposta migliore da privilegiare. Ci si limita quindi a sottolineare nel box sotto - gli aspetti fondamentali che caratterizzano un accoglienza positiva ed efficace. PERCHÉ L OSPITE SI SENTA ACCOLTO Trasmetto empatia e rispetto Mi metto nei panni dell altro, mi sintonizzo con il visitatore, lo aiuto a comprendere ciò che per lui è importante nel contesto aziendale Sono affidabile Sono coerente, disponibile, chiaro nelle informazioni che dò Mi presento in modo spontaneo e disinvolto Sono me stesso: le relazioni diventano più significative se ci si presenta come persona autentica Osservo l altro con attenzione Colgo messaggi verbali e non verbali che provengono dal singolo e dal gruppo Ascolto e sono capace di comprendere Mi oriento all altro senza pregiudizi, lo incoraggio ad esprimersi, tengo in considerazione i contenuti del messaggio dell altro Fornisco risposte concrete e accurate Faccio riferimento a esperienze precise, non trascuro alcun aspetto della situazione presa in considerazione Comunico in modo efficace Utilizzo un linguaggio chiaro, comprensibile, diretto e aperto

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli