TITOLO I TITOLO II TITOLO III

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO I TITOLO II TITOLO III"

Transcript

1

2 # TITOLO I 4 DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI... 4 Art. 1 - Campo d applicazione 4 Art. 2 - Finalità 4 Art. 3 - Prevenzione della produzione di rifiuti 5 Art. 4 - Recupero dei rifiuti 5 Art. 5 - Smaltimento dei rifiuti 5 Art. 6 - Definizioni 6 Art. 7 - Classificazione 9 Art. 8 - Obblighi dei produttori di rifiuti 11 Art. 9 - Divieti per i produttori di rifiuti 12 Art Attivazione dei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti urbani 12 Art Compostaggio domestico 13 Art Campagne di educazione ambientale e informazione 13 Art Assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti Urbani 14 TITOLO II 15 NORME RELATIVE ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DOMESTICI ED ASSIMILATI CAPO I CONFERIMENTO Art Definizioni e Disposizioni 15 Art Modalità di conferimento 15 Art Contenitori individuali per la raccolta porta a porta 16 Art Contenitori stradali dedicati 16 Art Conferimento dei rifiuti assimilati Contenitori dedicati 17 Art Contenitori in punti specifici 17 Art Collocazione dei contenitori 17 Art Conferimento presso l Ecocentro 18 Art Conferimento dei Rifiuti Differenziati 18 Art Conferimento dei Rifiuti Urbani Pericolosi 18 Art Conferimento dei rifiuti elettrici ed elettronici e degli ingombranti 18 CAPO II RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO Art Estensione territoriale della raccolta 18 Art Modalità e frequenza della raccolta 19 Art Raccolta Porta a Porta 19 Art Raccolta con cassonetti stradali 21 Art Raccolta presso punti specifici 21 Art Raccolta con mezzo mobile 21 Art Gestione della Frazione Verde 22 Art Gestione della Frazione Umida 22 Art Gestione delle Frazione Secca Recuperabile 23 Art Gestione della Frazione Secca non recuperabile 23 Art Gestione dei rifiuti ingombranti, elettrici ed elettronici 24 Art Gestione dei rifiuti urbani pericolosi 24 CAPO III: NORME RELATIVE ALLA GESTIONE DI PARTICOLARI CATEGORIE DI RIFIUTI Art Rifiuti sanitari 25 Art Veicoli fuori uso 25 Art Oli e grassi esausti vegetali, animali e minerali 25 Art Rifiuti cimiteriali 26 Art Rifiuti inerti 26 Art Rifiuti speciali 27 Art Lavaggio dei contenitori 27 Art Divieto di accesso alle proprietà private 27 Art Trasporto e Pesatura 27 Art Modalità di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani 27 Art Stazioni di trasferimento- trasbordo 28 TITOLO III 28 NORME RELATIVE ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ESTERNI Art Definizioni 28 Art Raccolta, spazzamento e trattamento 28 Art Modalità di espletamento del servizio 29 Art. 51- Cestini stradali 29 2

3 # Art Pulizia dei fabbricati e delle aree private 29 Art Pulizia dei terreni non edificati 30 Art Pulizia dei mercati 30 Art Aree occupate da pubblici esercizi 30 Art Aree adibite a luna- park, circhi, spettacoli viaggianti e manifestazioni pubbliche 30 Art Carico e scarico di merci e materiali 31 Art Asporto degli scarichi abusivi 31 Art Carogne di animali 31 Art Obblighi di chi conduce animali domestici su aree pubbliche 31 Art Aree di sosta temporanea ed ad uso speciale 32 TITOLO IV 32 REGOLAMENTAZIONE ECOCENTRO Art. 62 PREMESSE GENERALI 32 Art Definizioni 32 Art Rifiuti conferibili presso l ecocentro 32 Art Accesso all ecocentro. 33 Art Conferimento di rifiuti assimilati agli urbani 34 Art. 67 Divieto di conferimento dei rifiuti speciali non assimilati agli urbani 35 Art Apertura dell ecocentro 35 Art Modalità di conferimento 35 Art Norme di comportamento 36 Art Compiti del Gestore 36 Art Compiti del servizio di guardiania e controllo 36 Art Rimostranze 36 Art Divieti 37 Art Controlli 37 Art Sanzioni 37 TITOLO V 38 TARIFFA Art Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani 38 TITOLO VI 38 RAPPORTI CON L UTENZA E ASSOCIAZIONI Art Associazioni ambientaliste e organizzazioni di volontariato 38 Art Il riconoscimento e l autorizzazione 38 Art Principi gestionali e requisiti 39 Art Condizioni operative 39 Art Riscontri e divulgazioni dei risultati 40 TITOLO VII 40 VALIDITA DEL REGOLAMENTO, CONTROLLI E SANZIONI Art Controlli 40 Art Accertamenti 40 Art Sanzioni 40 TITOLO VIII 41 NORME TRANSITORIE E FINALI Art Rinvio ad altre disposizioni 41 Art Pubblicità del regolamento 41 Art Disposizioni finali 41 ALLEGATO A 42 ALLEGATO B 43 3

4 # TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Art. 1 - Campo d applicazione # % % & '(')*+,(&-&..) ) # / # 2, &.)556, )5.5'782 9 : 0 * 3 / (-.&-&..) &.&. ; <&..) 7 # 3 Art. 2 - Finalità + 7 & % / + ;# % 4

5 # ( + 7% = &.(*+ (&-&..) Art. 3 - Prevenzione della produzione di rifiuti 2 > %? % Art. 4 - Recupero dei rifiuti 3 2 & 2? / 2 &.(*+ (&-&..) Art. 5 - Smaltimento dei rifiuti + ; & > 5

6 # /+ 7 > > Art. 6 - Definizioni 3 * +./.;&..) (& 9, 9 % 3%*+ (&-&..) * % %% 7 %?? 0: 6

7 # 0: - 1%* > 2 %* > % *( 1%*? /2% '* % % % 7 7

8 # % 2 A-B 7 2 :2 > % %? 7 8

9 # '/* Art. 7 - Classificazione '; * % % % 5'&* %% % % %? % B '; * % # % &' ( %'#( %. ( % '(( % &((' '( )* % &' % &' 9

10 # & )( ' (( ' (( &&6 * (&-5) * < 3'(&(&..6 +&( % % - #( % % % ##'( 3 C 3 % % % B %% / ( '? % &? % ') * % '( * %% D E / * % * :F % 10

11 # B '; * )(&% '#,% % - 8A9-8B9% Art. 8 - Obblighi dei produttori di rifiuti A 0: & G % % / % 7 0 : ; # = ) 8 9 > -? 2 (0 ) B % 5& & *7 % 2 % 6# % 7 11

12 # Art. 9 - Divieti per i produttori di rifiuti 0 %%7 &0 % % % /0 % % ;0 % % ( B '6 * 7 % Art Attivazione dei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti urbani * % H - 12

13 # & / 0 03 AA4+4I ;20: (# % % % Art Compostaggio domestico 0 * 4 - # % %% /, % % ; + > (* # 3 )0 2 Art Campagne di educazione ambientale e informazione A % 13

14 # & / 2 G G J ;4%? Art Assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti Urbani 3 &)(* % * % * % %% G J 5( K * % % G5' & * % % % % +&6&..)&5)K ';+&..6 & + -. /0 -. /0 % *. % &65';2 3 % % *.. % *#&6.;555 (' 1. L G3 2 14

15 # L7%-% -2 / = % ; L % - '' & * % G ( + % % % '' & % L * ) % %% : 2 % =3 TITOLO II NORME RELATIVE ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DOMESTICI ED ASSIMILATI CAPO I CONFERIMENTO Art Definizioni e Disposizioni * 3 6 & + A Art Modalità di conferimento, 2 > & - 15

16 # /+ 89 ) 0 ; 0 89 % Art Contenitori individuali per la raccolta porta a porta &, /# ;*? ( 0 -? Art Contenitori stradali dedicati #-? & / 0 ; 16

17 # ( +? 2 2#+ ) 6, % Art Conferimento dei rifiuti assimilati Contenitori dedicati & M % / + 8 9% Art Contenitori in punti specifici Art Collocazione dei contenitori 0 0, 0 ; &? 17

18 # Art Conferimento presso l Ecocentro : *22;) Art Conferimento dei Rifiuti Differenziati & 7 / Art Conferimento dei Rifiuti Urbani Pericolosi 0 % &A 0 Art Conferimento dei rifiuti elettrici ed elettronici e degli ingombranti +* % 8#4A3 3#4A39 ;' &+ - > -? 0- + < 3 CAPO II RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO Art Estensione territoriale della raccolta

19 # & 3 2 / %? Art Modalità e frequenza della raccolta & % &; / + % 2 2 Art Raccolta Porta a Porta 89 % & 8 9 / 8 9 M ; 3 2 % 3 2 % 2 + (, % M ): % 19

20 # > 6 % > -? ' # - %? % &, > % > /#% ;, 3 2 (# )# - : 20

21 # 2A > 6+ '?? 2 - Art Raccolta con cassonetti stradali + = ) &+% Art Raccolta presso punti specifici 3 & /? % Art Raccolta con mezzo mobile % + > 21

22 # Art Gestione della Frazione Verde + % 8 9 & (.). (.-). &) E - &) E % +G : % /, % ; = : 2: 62 G : '# + Art Gestione della Frazione Umida + 89 % * ( ( &+ / : 2 ;# % % % % % % (3 ;/ %, 22

23 # : % ) = Art Gestione delle Frazione Secca Recuperabile %23A3 23A4,0I0A4+3AA,0#+3A23 0 %, I0A4 : 23A3023A4,0 + 2 % # 7 #+3A230+3AA,0 : % A > % &: %%, % % /# - : ; = Art Gestione della Frazione Secca non recuperabile

24 # % 2 & /#% % ; = Art Gestione dei rifiuti ingombranti, elettrici ed elettronici : + & > -? 0- ; : - ( : % ) 2 6#% 300% Art Gestione dei rifiuti urbani pericolosi & /: ; = 24

25 # CAPO III: NORME RELATIVE ALLA GESTIONE DI PARTICOLARI CATEGORIE DI RIFIUTI Art Rifiuti sanitari * 3 % & 4 *# (.6&../ &(; 8 &;+/&..& 659 /3% = (*# Art Veicoli fuori uso G&/* % *+ &;.)&../&.5 &.' &.5 &. = % % 0 Art Oli e grassi esausti vegetali, animali e minerali 3 &// &/) * % &2% 2 7 /#

26 # Art Rifiuti cimiteriali # % *#&'( < &; &;-.)-5/ *#(.6&../&(;8 &;+/&..&6592&K/ & / & ; ( ) + % 6*#&(;-&../ Art Rifiuti inerti & < % % 0 % % 2 / 2 7 ; - -% ( 26

27 # Art Rifiuti speciali % 6? % 6 *? & / '; / * ;0 Art Lavaggio dei contenitori +7 3 % Art Divieto di accesso alle proprietà private 0 & + /2 Art Trasporto e Pesatura & & & 2 /A ; 7 Art Modalità di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani + 27

28 # Art Stazioni di trasferimento- trasbordo, > % : 3 2 > % & + % TITOLO III NORME RELATIVE ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ESTERNI Art Definizioni # %% % % % Art Raccolta, spazzamento e trattamento & 7 % > %% + % 28

29 # Art Modalità di espletamento del servizio 3 &+ 7- /, ; > % ( + ): > : 6 Art. 51- Cestini stradali, 7 2 & /0 % Art Pulizia dei fabbricati e delle aree private? &3 % /M #3I(.*+ &)6-&...? 29

30 # Art Pulizia dei terreni non edificati %% &3 % Art Pulizia dei mercati % % % : & Art Aree occupate da pubblici esercizi % & = /3 ; % G Art Aree adibite a luna- park, circhi, spettacoli viaggianti e manifestazioni pubbliche + E &:0 % % N : : 30

31 # 3 2 Art Carico e scarico di merci e materiali 2 % & M / 7? Art Asporto degli scarichi abusivi 4 2 % &??% Art Carogne di animali % * Art Obblighi di chi conduce animali domestici su aree pubbliche + 0 % &: 31

32 # Art Aree di sosta temporanea ed ad uso speciale + A % % % & A TITOLO IV REGOLAMENTAZIONE ECOCENTRO Art. 62 PREMESSE GENERALI M ,A49 3 I % &# +/ &... ) &5 7 :#(/.6.'&..&,/.'&& / + %G *+ (&-&..) Art Definizioni 3 02* : 2 G& *+ && :2.5/&&..& 0 A 7 &3 Art Rifiuti conferibili presso l ecocentro 32

33 # + O > O1 O2 OI O2% O3 H #0## O< O? % O# 8A98B9 O4 O4 O3 OI O O2 OB% O O# & % # 3 Art Accesso all ecocentro. 7 &# 23 /3 ); # = % ;: % )) : % %% 4 % % % 33

34 # % P Art Conferimento di rifiuti assimilati agli urbani % % % G 5'&*+ ()-&..)2 G A3 % % = BA4 I4+<3QR24,B#04 L:.( /( 2.. I.&( )&(.( 55&.&( /6( I.( /'..( /. R %J % =% BA4 24A4JP- 24A4P- 2 P;;);- P;5).. P6)'- P6)'. I P6)'- P/.6& P;;);- P&&(.. P6)'- P(& I P6')- P);)) P6')- P&566 34

35 # &..6 Art. 67 Divieto di conferimento dei rifiuti speciali non assimilati agli urbani, Art Apertura dell ecocentro S-/ +=5..&.. <=5..&.. <= :=5..&.. I=; /..;..6.. * S-/ +=5..&.. <=5..&.. <= :=5..&.. I=; /..;..6.. * &+ (.6*+ ' &...&)6 Art Modalità di conferimento +G% G &# % / G% G ; + G % %? % G)( + 35

36 # ( G ) + 2 A3 Art Norme di comportamento +G 7 7 &, G Art Compiti del Gestore 2 7 /G)& 2 Art Compiti del servizio di guardiania e controllo A G % G % % & G G Art Rimostranze

37 # Art Divieti 0G G % G G %7 % )( G); % Art. 75 Controlli 6) &+ GG / G? G Art. 76 Sanzioni + I P &(( * 3 (&-&..) (... (.. &(( * (&-&..) 3 &(.... #.. (.. & 37

38 # /# &;5')'5 ; 0G G ( TITOLO V TARIFFA Art Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani 2% % % 7 3 &/'* & + TITOLO VI RAPPORTI CON L UTENZA E ASSOCIAZIONI Art Associazioni ambientaliste e organizzazioni di volontariato +3 &+ 2? Art Il riconoscimento e l autorizzazione % % - & : / +? 38

39 # ;3> % Art Principi gestionali e requisiti % 4 :, &, 7 / + 7 ;+ % Art Condizioni operative + B I% 3% < B I 4 &+ % 39

40 # /#? 2 ; + 2 : % % Art Riscontri e divulgazioni dei risultati 2 % TITOLO VII VALIDITA DEL REGOLAMENTO, CONTROLLI E SANZIONI Art Controlli 56*)+/-&... # & # #3I 2 5' &)& * 6 + /-&... Art Accertamenti 3 % 2#+ & +? Art Sanzioni B % % I * P(.P... 6 *+ &)6-&... & 3 &;5' )'5 /+ ; 2 40

41 # TITOLO VIII NORME TRANSITORIE E FINALI Art Rinvio ad altre disposizioni #% *? % & +G * /#% G %%% 5( &* :2 Art Pubblicità del regolamento 2 &&6 55. &; 3 2 & 2 Art Disposizioni finali NNNN

42 # ALLEGATO A 8BA#023+3<+3A3:+13,9 2 < * 2 2 3% B # B D B # % <% < B <, 2 # 3 42

43 # ALLEGATO B 240BB20,A0,*2*#4*AAIA3 *0++0A0,T0,4,*4<0A2F0 1 # 1 2 E- 2 A <.(; ;/5 & 2.;/ /(. 3 /.). ;5. ;.6).. )&(./ ; *.''.. 6&.. ; &..)...(5' ) 0.( ;&& 6 3 ); /;( 3 '.5( 66) '& '' ( '5. & 1.) (./, / ; (( 0 ; '. ;6', % (.'/ )' % ) 1.& ;'.&. 3 './ ';' &&.&& 3 &..(( (. 3 &.(5 ;'. && ((6 ;()6 43

44 # &; 17 /5) &( &6) &) #- &) 4 &6 66 &' &6; 1 &5.). /. *.; /&;; &&)6 &;. ('6) &&;( ;6' '() 44

COMUNE DI BASTIA UMBRA

COMUNE DI BASTIA UMBRA COMUNE DI BASTIA UMBRA!"#$%&&%'#&# ()'!%&&%'#&# ART. 1 - CAMPO D'APPLICAZIONE... 6 ART. 2 FINALITÀ... 6 ART. 3 - PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI... 6 ART. 4 - RECUPERO DEI RIFIUTI... 7 ART. 5 DEFINIZIONI...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

SANZIONE 25,00 50,00 105,00

SANZIONE 25,00 50,00 105,00 Abbandono, scarico e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo da parte di privati ART. 192 Comma 1, in relazione all art.255 Comma 1 D.Lgs.152/2006 ART 18,p ART 44 ART 45, b, d ART 51 Rifiuti

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

C O M U N E D I S A T R I A N O

C O M U N E D I S A T R I A N O C O M U N E D I S A T R I A N O 8 8 0 6 0 ( P R O V I N C I A D I C A T A N Z A R O ) ORDINANZA IGIENICO SANITARIA N. 03/2016 DEL 11 MARZO 2016 IL SINDACO PREMESSO Che:: - il D.Lgs. n 152 del 03/04/2006

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

Servizio di Raccolta e Trasporto dei Rifiuti Urbani e Assimilati OFFERTA ECONOMICA

Servizio di Raccolta e Trasporto dei Rifiuti Urbani e Assimilati OFFERTA ECONOMICA Unione Comuni Basso Vicentino, Campiglia dei Berici, Sarego Provincia di Vicenza CAMPIGLIA DEI BERICI SAREGO ASIGLIANO VENETO ORGIANO POJANA MAGGIORE SOSSANO Servizio di Raccolta e Trasporto dei Rifiuti

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

Allegato C2 da copiare su carta intestata

Allegato C2 da copiare su carta intestata Spett. Comuni Associati di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori Via Mazzini, 122 16031 Bogliasco GE Oggetto: procedura aperta per l affidamento dell appalto dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani,

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO COMUNE DI CASALE CORTE CERRO (Provincia del Verbano Cusio Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER CONFERIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI NELL ISOLA ECOLOGICA Approvato con deliberazione C.C. n. 18 del 23/04/2012 I

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento beni di terzi B9 Personale B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani CITTÀ DI BATTIPAGLIA Settore Tecnico e Politiche Comunitarie SERVIZIO AMBIENTE Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs.

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE C O M U N E D I M I L A N O REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE Approvato con deliberazione C.C. n.118 del 6/11/2000 e modificato

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

COMUNE DI SANT ELIA FIUMERAPIDO PROVINCIA DI FROSINONE

COMUNE DI SANT ELIA FIUMERAPIDO PROVINCIA DI FROSINONE COMUNE DI SANT ELIA FIUMERAPIDO PROVINCIA DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 3 del 22/02/2010 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA)

COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA) COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA) REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DEI CENTRI COMUNALI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del. [Art. 183, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA (SEA) ART. 1 - FUNZIONE E DESTINATARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione e dell'utilizzo dell'area opportunamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE C O M U N E D I M I L A N O REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E LA TUTELA DEL DECORO E DELL IGIENE AMBIENTALE Approvato con deliberazione C.C. n.118 del 6/11/2000 e modificato

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI [ D.lgs. 152/2006, art. 198; L.R. 24/2002, art. 4 ] Approvato con D.C. n. 26 del 07.08.2008

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta ALLEGATO 2 PG 05.01 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità operative per la gestione dei servizi di raccolta pubblica pianificati da Fiemme Servizi SpA con riferimento alle singole

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 CAPO II - GENERALITÀ SULL ORGANIZZAZIONE E SULLE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI... 11

CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 CAPO II - GENERALITÀ SULL ORGANIZZAZIONE E SULLE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI SERVIZI... 11 /33 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 5 ART. - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...5 ART. 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE...5 ART. 3 - PRINCIPI E LINEE GUIDA...5 ART. 4 - DEFINIZIONI...6 ART. 5 - CLASSIFICAZIONE DEI

Dettagli

Computo metrico estimativo

Computo metrico estimativo Gestione integrata dei rifiuti urbani nei Comuni di Boffalora d Adda, Crespiatica, Corte Palasio e Abbadia Cerreto (Unione di Comuni Lombarda Oltre Adda Lodigiano) Computo metrico estimativo Analisi delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO COMUNE DI CERVESINA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO Approvato con deliberazione C.C. n.7 del

Dettagli

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI COMUNE DI SENNORI PROVINCIA DI SASSARI APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI ANALISI ECONOMICA Responsabile dell Area Tecnica Dott. Ing. Pier Giovanni Melis Il

Dettagli

COMUNE DI MIRANO. Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e per la pulizia del territorio

COMUNE DI MIRANO. Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e per la pulizia del territorio COMUNE DI MIRANO Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e per la pulizia del territorio Approvato con Delibera di Consiglio n. 54 del 23.6.2010 1 TITOLO 1:POSIZIONI GENERALI...4 Art.

Dettagli

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 1. Chi siamo

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali.

Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Gli impianti dedicati alla raccolta differenziata di rifiuti solidi urbani : modalità realizzative e gestionali. Preso atto delle continue modifiche normative del settore e delle richieste di chiarimenti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI. Cap. 6250 Impegno 867 bonifica e smaltimento cisterna olio minerale c/o fattura n. 3506/02 del 30/10/2013

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI. Cap. 6250 Impegno 867 bonifica e smaltimento cisterna olio minerale c/o fattura n. 3506/02 del 30/10/2013 SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI Cap. 7753 Impegno 870 fattura n. 650/02 del 17/04/2013 fattura n. 651/02 del 17/04/2013 fattura n. 831/02 del 30/04/2013 fattura n. 1596/02 del 25/06/2013 fattura

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 5 del 15.03.2007. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DI AGUGLIANO,CAMERATA PICENA, OFFAGNA, POLVERIGI E SANTA MARIA NUOVA

UNIONE DEI COMUNI DI AGUGLIANO,CAMERATA PICENA, OFFAGNA, POLVERIGI E SANTA MARIA NUOVA UNIONE DEI COMUNI DI AGUGLIANO,CAMERATA PICENA, OFFAGNA, POLVERIGI E SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e per la pulizia del territorio (ai sensi del D.Lgs. n. 152/2006).

Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e per la pulizia del territorio (ai sensi del D.Lgs. n. 152/2006). C O M U N E DI V I G O N O V O Provincia di Venezia Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e per la pulizia del territorio (ai sensi del D.Lgs. n. 152/2006). Approvato con Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

C OMUNE D I AGEROLA (Provincia di Napoli)

C OMUNE D I AGEROLA (Provincia di Napoli) C OMUNE D I AGEROLA (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI COMPOSTAGGIO DOMESTICO DELLA FRAZIONE UMIDA DEI RIFIUTI URBANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. ----- DEL 31

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE All. Del. C.C. n. 82 del 06.10.2010 Il Segretario Comunale dott. Ugo Palmieri CITTA DI STRESA Provincia del Verbano Cusio Ossola GESTIONE DEI RIFIUTI REGOLAMENTO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

COMUNE DI GARZENO. - Provincia di Como -

COMUNE DI GARZENO. - Provincia di Como - COMUNE DI GARZENO - Provincia di Como - PIAZZA DELLA CHIESA n 2-22010 GARZENO P.Iva 00652780131 Tel. 0344 88081 Fax. 0344 88522 Mail : comunedigarzeno@libero.it P.E.C. :comune.garzeno@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

Servizi di Raccolta Rifiuti Comuni Imprese: aziende, bar, ristoranti Medici, dentisti, veterinari, farmacisti, estetiste, tatuatori

Servizi di Raccolta Rifiuti Comuni Imprese: aziende, bar, ristoranti Medici, dentisti, veterinari, farmacisti, estetiste, tatuatori Servizi di Raccolta Rifiuti Comuni Imprese: aziende, bar, ristoranti Medici, dentisti, veterinari, farmacisti, estetiste, tatuatori www.greta-altovicentino.it LA NOSTRA STORIA 125 dipendenti 104 automezzi

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 COMUNE DI PATERNO CALABRO Provincia di Cosenza Regione Calabria Piazza Municipio 87040 - Tel. 0984/6476031 Fax 0984/476030 - P.IVA 00399900786 PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

COMUNE DI VALLARSA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

COMUNE DI VALLARSA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI VALLARSA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento DI IGIENE AMBIENTALE E GESTIONE DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. INDICE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione dei conferimenti alla stazione ecologica attrezzata

Regolamento comunale per la gestione dei conferimenti alla stazione ecologica attrezzata COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale per

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

La gestione dei rifiuti

La gestione dei rifiuti La gestione dei rifiuti Ferrara, Hera S.p.A. Divisione Ambiente 1 La normativa di riferimento La principale normativa di riferimento : il decreto legislativo 152/2006 Norme in materia ambientale Parte

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

COMUNE DI ALMESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

COMUNE DI ALMESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI ALMESE Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Ex art 198 del D.Lgv.n.152 del 3 aprile 2006 Pag.1 SOMMARIO ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI... 4

Dettagli

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs.

qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Art. 183 D.lgs. RIFIUTI: ASSEGNAZIONE DEI CODICI C.E.R. E CORRETTE MODALITA DI STOCCAGGIO D.Lgs. 152/2006 Montebelluna, 14.05.2011 ASOLOMONTEBELLUNA 1 DEFINIZIONE DI RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI

CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI RIFIUTI approvato con deliberazione del Commissario Straordinario, con i poteri di Consiglio Comunale, n. 6 del 17/10/2013

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA DI CONFERIMENTO - ECOCENTRO COMUNALE - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO.

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA DI CONFERIMENTO - ECOCENTRO COMUNALE - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO. MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA DI CONFERIMENTO - ECOCENTRO COMUNALE - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO. Art. 1 Oggetto La stazione ecologica di conferimento di via Ceca è

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Città di Vigevano REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA.

Città di Vigevano REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA. Città di Vigevano REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 9 giugno 2011 Modificato con deliberazione di C.C. n. 35 del 27/06/2013 1 SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale marca da bollo 16,00 Pagina 1 di 5 OFFERTA ECONOMICA Gara del / / LISTA A n prog. PRESTAZIONI d'appalto manodopera Importo totale compreso costi per la manodopera PRESTAZIONI E/O SERVIZI 1 3 4 5 Svuotamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI CITTA DI BUCCHIANICO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (Approvato con Deliberazione C.C. n 12 del 19/04/2010) INDICE ART. 1 - Oggetto del

Dettagli