CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola"

Transcript

1 VERBALE CONFERENZA DEI SERVIZI DEL 14 AGOSTO ORE 9,30 ACETATI Srl Proponente Oggetto Analisi di rischio sito-specifica ex art. 242 del D.Lgs. 152/2006 area Acetati cod. reg ENTI PARTECIPANTI: vedere schema allegato Alle ore 9,50 inizia la seduta della conferenza dei servizi; risultano presenti gli Enti/società come da allegato foglio presenze. Presiede la seduta di conferenza l Arch. Vittorio Brignardello, dirigente del e verbalizza la Sig.ra Michela Sola Il Presidente richiama il verbale della precedente seduta di conferenza del 24 luglio u.s., e i contributi complessivamente presentati dagli Enti nelle precedenti sedute della conferenza dei servizi finalizzati alla miglior definizione del quadro conoscitivo relativo al sito industriale. Al riguardo, comunica che il Comune di Verbania, la Provincia del V.C.O. ed ARPA V.C.O., valutato il documento precedentemente depositato da Acque Novara VCO (Allegato 4 del verbale cds del 24/07/2013) redatto dai consulenti incaricati Dott. Carmine, Dott. Isoli e Dott. Laria, ed il documento successivamente presentato in data 08/08/2013 da Acetati S.r.l. (ns. prot. N del 08/08/2013) relativamente alla revisione dell'analisi di rischio depositata da Acetati S.r.l. in data 28/06/2013 (ns. prot. N del 28/06/2013), ai fini dell'approvazione definitiva di quest'ultima, ritengono quanto segue: a) per quanto attiene il modello geologico, la ricostruzione presentata ed integrata, da Acetati nel ribadire la presenza dei depositi limosi tra l'area industriale ed i pozzi ad uso idropotabile di Pallanza, che costituirebbero soglia di impermeabilità, non risulta pienamente coerente con altri dati desumibili dai sondaggi e dalle stratigrafie esistenti, per le quali le lenti di materiali limosi sono invece comunque discontinue e pertanto non in grado di costituire barriera idrologica naturale. Si ritiene quindi che il modello debba essere implementato con indagini e approfondimenti che illustrino compiutamente e con maggiore dettaglio la stratigrafia del settore in oggetto (area Pz8 - pozzi Pallanza), in quanto si ritiene altresì che sussista una continuità stratigrafica che potenzialmente consente un'unicità ed omogeneità dell'acquifero, con la conseguenza che i pozzi di Pallanza permangono quali potenziali bersagli. Si rileva al riguardo il dato di etere diisopropilico rilevato al pz3 nell'ultima campagna del 27/05/2013 (4 microgrammi/litro a fronte di valori inferiori a 1 microgrammi/litro precedentemente registrati) associato ad un lieve aumento della temperatura e, per contro, ad una drastica diminuzione di conducibilità, che, se riscontrato con successivi campionamenti, potrebbe confermare la preoccupazione segnalata di una possibile migrazione di eventuali elementi contaminanti verso i pozzi di Pallanza. Pertanto è necessario che i criteri alla base della revisione dell'analisi di rischio presentata, siano integrati mediante un incremento di dati ottenuto a seguito di realizzazione di un ulteriore piezometro profondo almeno pari a 100 mt. in analogia a quanto fatto con il PZ4 profondo, da realizzarsi all'esterno del sito industriale nell'area in prossimità della rotatoria del Viale Azari, adottando gli opportuni accorgimenti atti ad impedire la comunicazione tra eventuali falde separate. b) per quanto attiene ai valori dei metalli oltre le Concentrazioni Soglia di Contaminazione così come sino ad oggi registrati al perimetro del sito, devono essere rivalutati in esito a quanto derivato dal punto a)

2 c) per quanto attiene l'etere diisopropilico, si ribadisce quanto già deciso nella precedente seduta di conferenza dei servizi, e pertanto l'analisi di rischio dovrà essere integrata prevedendo il valore di 120 microgrammi/litro al confine del sito industriale. d) ai fini del monitoraggio complessivo dei fenomeni in atto, i prelievi presso i piezometri PZ3, PZ4, PZ5, PZ8, PZA, piezometro cubo, piezometro sgambatura cani, piezometro Nocciolo ed il pozzo P9, dovranno proseguire con cadenza almeno bimestrale, secondo il quadro analitico già concordato (ph, conducibilità, calcio, magnesio, sodio, potassio, ammonio, cloruri, solfati, nitrati, alcalinità, arsenico, ferro, manganese, alluminio, ossigeno disciolto, benzene, etere diisopropilico) in continuità con quanto fatto fino ad oggi, previa comunicazione agli Enti almeno cinque giorni prima della data in cui detti prelievi saranno svolti. e) in merito all'attività in corso relativo allo smontaggio dell'impiantistica posta fuori terra, confermata la necessità che la stessa prosegua al fine di permettere l'attività di indagine dei suoli fino ad ora inaccessibili, visto tuttavia il lasso temporale previsto per il completamento delle operazioni (settembre 2015) così come indicato nella richiesta di deroga acustica, si ritiene necessario che entro il 2 settembre 2013 sia depositato un cronoprogramma delle operazioni di smontaggio, affinchè le stesse siano operate in modo coordinato e per aree omogenee, privilegiando, e quindi evidenziando, in particolare le fasi di smontaggio dei forni di anidride acetica. Per quanto attiene inoltre alle modalità operative, dovrà essere presentata una relazione sul sistema di smaltimento delle acque meteoriche provenienti dai piazzali oggetto di intervento. Si prescrive sin da subito che al suolo non siano depositati rottami od altre parti metalliche derivanti dall'attività di smontaggio/demolizione; pertanto laddove non immediatamente smaltite, dette parti metalliche dovranno temporaneamente essere stoccate in appositi container. Ai fini del completamento della caratterizzazione dei suoli, si richiedono idonei sondaggi in relazione al croprogramma, che possono già essere iniziati su due punti così come meglio indicati in planimetria, mediante la tecnica dei gas interstiziali. Si invita infine Acetati, senza ulteriore indugio, a fornire la documentazione richiesta in occasione del sopraluogo del 29 luglio u.s., relativa alla fase di bonifica degli impianti (anno 2011) e dell'attuale smontaggio. Terminata la lettura il Presidente cede la parola al Dott. Capulli consulente del Comune di Verbania che illustra compiutamente sotto il profilo tecnico le ragioni che hanno portato al parere di cui al punto a), e sulla necessità di addivenire ad un modello geologico condiviso ed inequivocabile; Per Acetati Agnesi cede la parola a Beretta che integra quanto esposto da Capulli; Agnesi e Valerio si rendono disponibili ad integrare le conoscenze mediante la realizzazione del piezometro, a quanto già in possesso dell'amministrazione e a tal fine chiede la formazione di un tavolo tecnico con il Comune di Verbania quale capofila, anche ai fini della determinazione di un modello geologico condiviso e del conseguente modello idrogeologico; Il Comune accoglie la proposta e fissa un tavolo tecnico per il giorno 3 Settembre c.a. ore 9,30 ove saranno presenti per Acetati Beretta e Coduri, per la Provincia Pasini, per Arpa Spanò e Rossanigo, per CNR Cianpitiello, Acqua Novara VCO Isoli e Carmine, tavolo tecnico presieduto dal geologo Capulli; il documento operativo che emergerà dal tavolo tecnico sarà integrativo delle decisioni assunte dalla presente conferenza e dovrà determinare il cronoprogramma delle operazioni; Lombardi rappresentante di Acqua Novara VCO cede la parola a Isoli consulente geologo che condivide quanto esposto da Capulli e conferma quanto affermato da Beretta, ribadisce quanto fatto con lo studio piezometrico, accoglie la proposta di approfondimento e di costituzione del tavolo tecnico;

3 Relativamente al punto b) Brignardello ribadisce che metalli e temperature dell'acqua di falda appaiono non più correlati e pertanto si ribadisce la necessità di una preservazione del rischio sanitario per quanto riguarda il valore dei metalli; Capria legale di Acetati, sostiene che l'inquinamento da metalli pesanti non deriva da Acetati; Agnesi precisa che il PZA é piezometro di monte ed è quello con maggior incremento di ferro mentre al PZ4 e PZ5 i valori risultano sostanzialmente costanti e di molto inferiori di PZA; Carmine ribadisce che c'è una contaminazione da metalli dell'area Acetati che potenzialmente può contaminare la falda all'esterno del perimetro; inoltre nel merito della definizione del piezometro PZA quale piezometro di monte, detta affermazione si ritiene da ridefinire nell'ambito del tavolo tecnico di cui sopra; Gli enti in riferimento a quanto affermato al punto b ed a quanto obbiettato da Acetati confermano le indagini in atto al fine di valutare il valore di fondo e l'eventuale provenienza di contaminazione a monte del sito industriale; Brignardello richiama quanto espresso al punto c) Malanchini legale di Acqua Novara VCO sostiene che già ad oggi deve essere presentato progetto di bonifica da parte di Acetati per quanto attiene l'etere diisopropilico atteso che nella precedente seduta della conferenza è stato assunto il valore dell'iss come valore di CSC da rispettarsi al confine del sito industriale, stante l'equivalenza della CSC al confine con le CSR prevista dalla Legge ( allegato 1 parte 4 D. Lgs 152/2006), e quindi data la contaminazione del sito si ritiene necessaria, conformemente a quanto stabilito dalla Provincia del VCO nel corso della scorsa conferenza dei servizi, la presentazione di un progetto di bonifica da parte di Acetati; Proverbio ricorda che la precedente conferenza si è conclusa rimandando a questa seduta e l'affermazione riportata nel verbale della precedente seduta era riferita all'ipotesi di un'eventuale messa in sicurezza del P9, a fronte di un pronunciamento di ASL di assenza di un valore limite di riferimento e di assenza di un'istanza formale di riapertura del P9, la Provincia conferma che prima della presentazione del progetto di bonifica, occorre terminare l'analisi di rischio;se l'analisi di rischio si chiudesse con gli attuali valori la Provincia chiederebbe un piano di bonifica per l'etere, quando si chiuderà l'analisi di rischio si deciderà in relazione anche agli eventuali altri inquinanti rilevati; Capria ribadisce quanto da sempre affermato sul valore giuridico espresso da dall'iss in merito al valore dell'etere, e relativamente all'eventuale obbligo di bonifica dell'etere, ribadisce che si potrà procedere solo alla fine dell'analisi di rischio ed anche tenuto conto alla recente formulazione dell'art. 243 del D. Lgs 152/2006 introdotta dal Decreto Fare; Gasparini Presidente Acqua Novara VCO chiede la condivisione del modello geologico avvenga al più presto e ribadisce l'urgenza di concludere le attività. Chiede di fissare il primo tavolo tecnico la settimana prossima, i presenti accolgono la richiesta fissando l'incontro a martedì 20 Agosto ore 10,00; entro lunedì sarà trasmesso da parte del Comune un ordine del giorno;resta inteso che i lavori del tavolo tecnico dovranno operare con speditività e fissare idoneo cronoprogramma dei lavori; Relativamente al punto d) : Agnesi chiede che le analisi vengano estese anche agli altri pozzi di Pallanza; comunicheranno il nome del laboratorio in cui saranno effettuate le analisi ed i metodi

4 analitici, si concorda che il campionamento sia svolto in concomitanza con Acqua Novara VCO, ritenendosi fin d'ora disponibile allo scambio dei dati, e concordando altresì con Acqua Novara VCO le modalità di spurgo del pozzo 9, Acqua Novara VCO si esprime in maniera favorevole concordando l'inserimento dei pozzi 5, 6, 8 oltre ai punti di campionamento già previsti rispetto al punto d); La Provincia a questo punto propone che il campionamento sia esteso anche al PZ6 e PZ7;la conferenza approva, mantenendo lo stesso set di analiti; Valerio e Mazzardi concorderanno la prima data del campionamento congiunto; CNR conferma la propria disponibilità alla campagna di campionamento di cui sopra per quanto riguarda gli elementi inorganici, e comunicano che il referente è Tartani; per quanto riguarda il punto e) Valerio approva la richiesta di stabilire un cronoprogramma, illustra come avviene lo smantellamento degli impianti, taglio/scernita/stoccaggio/smaltimento. La ditta ha divieto assoluto di depositare materiale al di fuori delle zone pavimentate; per quanto riguarda il recupero/trattamento delle acque piovane si specifica che per le aree soggette a lavorazione non vengono utilizzate le fogne meteoriche avendo sigillato i tombini presenti, gli unici punti di captazione aperti e presenti nell'area sono quelli inerenti le fogne acide che convogliano questo flusso nella vasca di neutralizzazione dell'ex impianto di depurazione che è chiusa e permette lo svuotamento periodico e lo smaltimento dei liquidi secondo la normativa vigente. La conferenza richiede che con la trasmissione del cronoprogramma venga quantificata la capacità della vasca come richiesto da Acqua Novara VCO; Relativamente al documento di Acqua Novara VCO del 22/07/2013 (nostro prot. n in pari data), valutate le reciproche osservazioni di Acetati ed Acqua Novara Vco, si ritiene che le stesse non siano pertinenti con quanto in argomento della conferenza e si ritiene nel merito di non verbalizzare oltre; Malanchini riferisce dell'assenza della segnalazione del vincolo dell'area di rispetto dei pozzi di captazione nella Scia presentata da Acetati relativa alla rimozione impianti, a tale proposito Brignardello riferisce che gli uffici hanno già proceduto in merito a termini di legge; Confermando quanto sopra riportato la Provincia del VCO per impegni inderogabile lascia la conferenza alle ore 13,15; Sempre in riferimento alla nuova campagna d'indagine vengono fin da ora definiti due punti in prossimità dell'area A4 e della parte interrata della fogna acida che tuttavia stante l'attuale fase di cantiere in lavorazione non sono immediatamente agibili e nell'ambito del cronoprogramma Acetati comunicherà i tempi della consegna dell'area (si allega planimetria di individuazione dei primi punti di campionamento); Quanto sopra viene demandato alla prossima conferenza dei servizi; Isoli rileva che nelle aree soggette a demolizioni erano presenti i pozzi M1 ed M3, Acetati precisa che allo stato attuale non sono in area di cantiere e che attualmente le fasi di smantellamento riguardano parti fuori terra; gli Enti ribadiscono che le demolizioni ad oggi sono autorizzabili solo se fuori terra e comunque procederanno alla verifica della corretta dismissione a termine di legge e dei relativi atti amministrativi relativamente ai pozzi sopracitati; Agnesi chiede se la conferenza sia interessata a ricevere la documentazione acquisita da Acque Nord il giorno 8 Agosto relativamente alle analisi sui pozzi idropotabili, la conferenza ne prende atto e valuterà se di interesse al procedimento in corso;e quindi Agnasi consegna le domande effettuate e le relative risposte ricevute unitamente al riassunto inviato in posta elettronica;

5 Lombardi: in ordine al rischio di contaminazione dei pozzi di Pallanza evidenzia che stante il superamento della CSR per l'etere diisopropilico e la sua presenza in falda nel pozzo P9 si rendono necessari interventi di messa in sicurezza d'urgenza, ribadendo pertanto la richiesta formulata nella precedente conferenza dei servizi. In tal senso nel corso del tavolo tecnico del 20 p.v. chiederà la realizzazione di una serie di piezometri sentinella. Null altro avendo da discutere la conferenza si chiude alle ore 14,05. Il presente verbale letto ed approvato verrà trasmesso in copia ai soggetti presenti. Il verbalizzante (Michela Sola) Il presidente della conferenza (Arch. Vittorio Brignardello) I

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Cos è la Bonifica (1/2)

Cos è la Bonifica (1/2) Cos è la Bonifica (1/2) Con il DM 471/99, IL Ministero dell Ambiente ha fissato i limiti di concentrazione che alcune sostanze (soprattutto pericolose) possono avere nei terreni e nelle acque di falda.

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Il (faticoso) iter per la bonifica di un sito industriale dismesso dove si trafilava il tondino di ferro

Il (faticoso) iter per la bonifica di un sito industriale dismesso dove si trafilava il tondino di ferro Caso di Studio Il (faticoso) iter per la bonifica di un sito industriale dismesso dove si trafilava il tondino di ferro 1 Il sito in questione ha una superficie di circa 37 ettari. 2 3 L attività consisteva

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO VALUTAZIONE AMBIENTALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : DICHIARAZIONE DI NON ASSOGGETTABILITÀ A PROCEDURA DI VAS E A PROCEDURA

Dettagli

ELENCO PREZZI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PRELIMINARE ALL'AVVIO DELLE ATTIVITA' DI BONIFICA 0,00

ELENCO PREZZI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PRELIMINARE ALL'AVVIO DELLE ATTIVITA' DI BONIFICA 0,00 1 MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PRELIMINARE ALL'AVVIO DELLE ATTIVITA' DI BONIFICA 1.1 Campagna di rilievo dei fluidi in corrispondenza dei piezometri PM-1 PM-12, compreso prelievo campioni (n.12),

Dettagli

Italplafer s.r.l. Impianto di recupero rifiuti non pericolosi. Comune di Giulianova Zona Industriale Colleranesco INTEGRAZIONI AL RAPPORTO PRELIMINARE

Italplafer s.r.l. Impianto di recupero rifiuti non pericolosi. Comune di Giulianova Zona Industriale Colleranesco INTEGRAZIONI AL RAPPORTO PRELIMINARE www.focusambiente.it COMMITTENTE Italplafer s.r.l. Impianto di recupero rifiuti non pericolosi Comune di Giulianova Zona Industriale Colleranesco OGGETTO INTEGRAZIONI AL RAPPORTO PRELIMINARE Verifica di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 216 del 17/10/2014 - Determinazione nr. 2660 del 20/10/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 23 maggio 2012 - n. IX/3509 Linee guida per la disciplina del procedimento per il rilascio della certificazione di avvenuta bonifica, messa in sicurezza operativa e messa

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni. Autorizzazione Unica Ambientale. N. Reg. Decr. 353/2015 Data 8/10/2015 IL DIRIGENTE

Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni. Autorizzazione Unica Ambientale. N. Reg. Decr. 353/2015 Data 8/10/2015 IL DIRIGENTE Atto T0B08F Settore T Servizio AU Ecologia e Ambiente Ecologia e ambiente U.O. 0063 Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni Ufficio TH2O Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni C.d.R. 0023 Ecologia e Ambiente Autorizzazione

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 736 DEL 31/12/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 740 DEL 31/12/2013

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

CONDIZIONI DA RISPETTARE. relative alla Determinazione n. del

CONDIZIONI DA RISPETTARE. relative alla Determinazione n. del CONDIZIONI DA RISPETTARE relative alla Determinazione n. del Gestore: TRASH s.r.l. P.IVA e C.F.: 05818421009 Sede Legale: Via Licenza n.9 00156 Roma (RM) Sede Operativa : Via Casale Cavallari n.45 00156

Dettagli

Conferenza di servizio Impianto termovalorizzatore Fenice : caratterizzazione e bonifica del sito

Conferenza di servizio Impianto termovalorizzatore Fenice : caratterizzazione e bonifica del sito Livio VALVANO Sindaco di Melfi Possiamo iniziare. Come di consueto, nel momento in cui vi chiederò di esprimere pareri o comunque di intervenire vi pregherei di precisare le generalità e l ente che si

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO

INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO INTERVENTI DI BONIFICA DI SITI CONTAMINATI: L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MILANO RELATORE: Ing. De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia -

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/2010 31 58046 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

VSQ03 VERBALE DI SOPRALLUOGO. Pag 1 di 5. VERBALE DI SOPRALLUOGO del giorno 3 febbraio 2004 presso il sito ex-pertusola

VSQ03 VERBALE DI SOPRALLUOGO. Pag 1 di 5. VERBALE DI SOPRALLUOGO del giorno 3 febbraio 2004 presso il sito ex-pertusola Pag 1 di 5 VERBALE DI SOPRALLUOGO del giorno 3 febbraio 2004 presso il sito ex-pertusola Presenti Argomento Ing. Serafini (Provincia di La Spezia); Ing. Bazzighi (Tecnova); Dott.ssa Colonna (Dipartimento

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

Da quasi 15 anni Ideambiente srl mette a disposizione delle imprese la propria esperienza nella tutela delle risorse ambientali

Da quasi 15 anni Ideambiente srl mette a disposizione delle imprese la propria esperienza nella tutela delle risorse ambientali Da quasi 15 anni Ideambiente srl mette a disposizione delle imprese la propria esperienza nella tutela delle risorse ambientali IdeAmbiente Ideambiente srl nasce nel 1993 per supportate le esigenze in

Dettagli

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Decreto Legislativo 3 aprile 2006, N 152/06 Dott.ssa Raffaella Savelli Funzionario del Servizio Ambiente dell Amministrazione

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale N. 44-26880/2010 Oggetto: "S.I.N. della miniera di amianto di Balangero e Corio (legge n. 426/1998 D.Lgs. 152/2006, art. 252). Messa

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA. DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio

CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA. DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio Carbochimica e CIP di Fidenza: da Emergenza Ambientale ad Opportunità di Sviluppo Arch. Nicolai Zanettini

Dettagli

Autorizzazione alla dismissione del deposito di oli minerali del Consorzio S.G.S. S.p.A. di Santa Croce sull'arno IL FUNZIONARIO P.O.

Autorizzazione alla dismissione del deposito di oli minerali del Consorzio S.G.S. S.p.A. di Santa Croce sull'arno IL FUNZIONARIO P.O. SERVIZIO AMBIENTE Proposta nr. 3481 Del 21/08/2014 Determinazione nr. 3411 Del 21/08/2014 Oggetto: Autorizzazione alla dismissione del deposito di oli minerali del Consorzio S.G.S. S.p.A. di Santa Croce

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia Registro generale n. 815 del 10/03/2014 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture Servizio Ambiente e Energia Oggetto AUA a favore di Casa

Dettagli

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena STRUTTURA COMPLESSA Dipartimento di Torino Sede di Torino Struttura Semplice Attività di produzione Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena MONITORAGGIO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DI SITI POTENZIALMENTE CONTAMINATI

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DI SITI POTENZIALMENTE CONTAMINATI REGIONE CALABRIA Dipartimento Politiche dell Ambiente Settore 2 Protezione dell Ambiente e Qualità della Vita Servizio 4: Piano Regionale gestione rifiuti, Bonifica siti inquinati, Tutela acque interne

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia Registro generale n. 3233 del 27/09/2013 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture Oggetto Esercizio competenze L.R. 09/2010. Autorizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224 Servizio di monitoraggio dei corpi idrici sotterranei (P.O. FESR 2007/2013 - Asse II Linea di intervento 2.1.) - Azione 2.1.4.). Approvazione

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER TUTELA DELLE ACQUE SOTTERRANEE

REGOLAMENTO COMUNALE PER TUTELA DELLE ACQUE SOTTERRANEE COMUNE DI LUCIGNANO PROVINCIA DI LUCIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER TUTELA DELLE ACQUE SOTTERRANEE LUGLIO 2011 Progetto: Arch. Alessio Bartolozzi Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 ART. 1 - OGGETTO...2

Dettagli

D.M. 31/2015 Il punto di vista delle Agenzie Ambientali per la Protezione dell Ambiente

D.M. 31/2015 Il punto di vista delle Agenzie Ambientali per la Protezione dell Ambiente Conferenza Nazionale dell Industria sull ambiente e le bonifiche. Direttiva IED e semplificazioni rete carburanti Ferrara, 23 settembre 2015 D.M. 31/2015 Il punto di vista delle Agenzie Ambientali per

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

IMMOBILIARE 2Z S.r.l. AREA EX FONDERIA DEL QUINTANO - COMUNE DI CASTELLI CALEPIO INTERVENTI DI RISANAMENTO AMBIENTALE

IMMOBILIARE 2Z S.r.l. AREA EX FONDERIA DEL QUINTANO - COMUNE DI CASTELLI CALEPIO INTERVENTI DI RISANAMENTO AMBIENTALE IMMOBILIARE 2Z S.r.l. AREA EX FONDERIA DEL QUINTANO - COMUNE DI CASTELLI CALEPIO INTERVENTI DI RISANAMENTO AMBIENTALE FASE: Rimozione manufatti contenenti amianto, terre di fonderia e rifiuti ATTO: Segnalazione

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc.

DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc. RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari Via Cadello 9/b 3 piano DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc. Il sottoscritto/a C.F. nato a il residente in prov. via

Dettagli

Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen

Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1. IMPIANTO DI TRATTAMENTO DELLA ARE Deutzen GmbH In base alla

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

PROGETTAZIONE AMBIENTALE E BONIFICHE

PROGETTAZIONE AMBIENTALE E BONIFICHE PROGETTAZIONE AMBIENTALE E BONIFICHE PROFESSIONISTI ABILITATI E PARTNERS TECNICI QUALIFICATI PER SOLUZIONI AMBIENTALI A 360 1 PROGETTAZIONE AMBIENTALE Paeb approfondisce e sviluppa gli aspetti ambientali

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

Progetto IAAM. esistenti sul territorio:

Progetto IAAM. esistenti sul territorio: Progetto IAAM (Indagine Ambientale Alto Mantovano) Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti sul territorio: I SITI CONTAMINATI A cura dell Area Suolo e Bonifiche U.O. Sistemi Ambientali ARPA Lombardia

Dettagli

Provvedimento n. 128 del 28/03/2008 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 128 del 28/03/2008 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 128 del 28/03/2008 Oggetto: D.LGS 59/05 - L.R. 21/04 DITTA ADRIATICA ALLUMINIO SRL STABILIMENTO DI

Dettagli

Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni. Autorizzazione Unica Ambientale. N. Reg. Decr. 41/2015 Data 9/02/2015

Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni. Autorizzazione Unica Ambientale. N. Reg. Decr. 41/2015 Data 9/02/2015 Atto T0AZYJ Settore T Servizio AU Ecologia e Ambiente Ecologia e ambiente U.O. 0063 Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni Ufficio TH2O Acqua, Bonifiche e Fertirrigazioni C.d.R. 0023 Ecologia e Ambiente Autorizzazione

Dettagli

Valutazione Integrata (art.11 comma 5 L.R. 1/2005) RELAZIONE DI SINTESI

Valutazione Integrata (art.11 comma 5 L.R. 1/2005) RELAZIONE DI SINTESI COMUNE DI CECINA Provincia di Livorno PIANO ATTUATIVO RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DESTINATA A CAMPEGGIO Sottosistema A1 scheda normativa c.27 Valutazione Integrata (art.11 comma 5 L.R. 1/2005) RELAZIONE

Dettagli

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n.

PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI (art. 58 del D.L. n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla L. 6.8.2008 n. 133) approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 dell'11.3.2011

Dettagli

Relazione Annuale 2011

Relazione Annuale 2011 SIA SRL DISCARICA DI GROSSO COMUNE DI GROSSO CANAVESE, LOCALITA VAUDA GRANDE (TO) Piano di Sorveglianza e Controllo della discarica di Grosso Relazione Annuale 2011 Numero: 11508390306/R1195 Distribuzione:

Dettagli

COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i.

COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i. ORIGINALE IN BOLLO 16,00 COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i. art 208 COMMA 15) SPETT.LE PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

COMUNE DI CASNIGO Provincia di Bergamo SETTORE 2 TECNICO

COMUNE DI CASNIGO Provincia di Bergamo SETTORE 2 TECNICO COMUNE DI CASNIGO Provincia di Bergamo SETTORE 2 TECNICO cap 24020 Via R. Ruggeri, 38 - tel. 035/ 74 02 59 - fax 035/74 00 69 - c.f. 81001030162 - p. I.V.A. 00793310160 e-mail: protocollo@comune.casnigo.bg.it

Dettagli

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A. UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STIMA PRELIMINARE COSTI DI BONIFICA Dicembre 2014

RELAZIONE TECNICA STIMA PRELIMINARE COSTI DI BONIFICA Dicembre 2014 MILANOSESTO S.P.A. VARIANTE AL VIGENTE PII "AREE EX FALCK E SCALO FERROVIARIO" SESTO SAN GIOVANNI (MI) (SIN SESTO SAN GIOVANNI - DM 31.8.2001) RELAZIONE TECNICA STIMA PRELIMINARE COSTI DI BONIFICA Dicembre

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI. (Titolo V - Parte IV)

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI. (Titolo V - Parte IV) LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI (Titolo V - Parte IV) 2 3 Confronto fra alcune normative internazionali in materia di bonifica dei siti contaminati 4 Come cambia la determinazione dell accettabilità della

Dettagli

VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Riferimenti legislativi: D.Lgs 152/2006 e sue integrazioni con il D.Lgs 4/2008 art.242-245-248-249-304-allegato 4, parte IV Realizzazione di un

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche

Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche a cura di Elena Vescovo ARPAV Hanno collaborato: Francesca Bergamini

Dettagli

CONTROLLO AMBIENTALE - PISA L'ATTIVITÀ ARPAT PRESSO IL SITO EX- DECOINDUSTRIA A S.STEFANO A MACERATA (PISA)

CONTROLLO AMBIENTALE - PISA L'ATTIVITÀ ARPAT PRESSO IL SITO EX- DECOINDUSTRIA A S.STEFANO A MACERATA (PISA) n. 072 - ven 15 aprile 2011 CONTROLLO AMBIENTALE - PISA L'ATTIVITÀ ARPAT PRESSO IL SITO EX- DECOINDUSTRIA A S.STEFANO A MACERATA (PISA) Il caso di un'area industriale dismessa. Le attività di controllo

Dettagli

Il Dm 27 settembre 2010 definisce le

Il Dm 27 settembre 2010 definisce le La valutazione del rischio per le discariche di rifiuti Le richieste di deroga ai CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI RIFIUTI IN DISCARICA devono essere supportate dalla VALUTAZIONE DEL RISCHIO. L ESPERIENZA

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova INTERVENTI DI BONIFICA O RISANAMENTO nessun intervento drenaggio del percolato e captazione del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER CAMPAGNA COORDINATA DEL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DI FALDA PER IL SITO DI INTERESSE NAZIONALE (SIN) NAPOLI ORIENTALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER CAMPAGNA COORDINATA DEL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DI FALDA PER IL SITO DI INTERESSE NAZIONALE (SIN) NAPOLI ORIENTALE Rev 1 - Ottobre 2014 Pagina 2 di 13 INDICE PREMESSA... 4 1. CAMPIONAMENTO E ANALISI DELLE ACQUE SOTTERRANEE... 5 1.1 CRITERI GENERALI... 5 1.2 OPERAZIONI DI MONITORAGGIO... 5 1.3 SPURGO DEL POZZO DI MONITORAGGIO...

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

Ordinanza Dirigenziale

Ordinanza Dirigenziale Settore Presidenza e comunicazione istituzionale Direzione di Progetto Idroscalo, Sport e Turismo Ordinanza Dirigenziale Raccolta Generale n.5474/2015 del 19/06/2015 Prot. n.156736/2015 del 19/06/2015

Dettagli

IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA. Latina 20 febbraio 2015

IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA. Latina 20 febbraio 2015 1 IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA Latina 20 febbraio 2015 Sogin 2 Sogin è la società pubblica responsabile del decommissioning degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti

Dettagli

ROTAMFER S.R.L. COMUNI DI SONA E VERONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO DISCARICA IN CONTO PROPRIO PER RIFIUTI SPECIALI

ROTAMFER S.R.L. COMUNI DI SONA E VERONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO DISCARICA IN CONTO PROPRIO PER RIFIUTI SPECIALI DISCARICA IN CONTO PROPRIO PER RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI SITA IN LOC. CÀ DI CAPRI COMUNI DI SONA E VERONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO DITTA: ROTAMFER S.R.L. IMPIANTO: OGGETTO: DISCARICA IN

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA. Sede Centrale: P.zza Antenore, 3 - Padova tel. 049/8201111 Settore Ambiente: P.zza Bardella (3^ Torre)- Padova tel.

PROVINCIA DI PADOVA. Sede Centrale: P.zza Antenore, 3 - Padova tel. 049/8201111 Settore Ambiente: P.zza Bardella (3^ Torre)- Padova tel. Provvedimento N. 5667/EC/2014 Prot. Gen. N.129594/14 del 24/09/2014 Ditta n. 7439 - Pratica n. 2013/972 Sede Centrale: P.zza Antenore, 3 - Padova tel. 049/8201111 Settore Ambiente: P.zza Bardella (3^ Torre)-

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 41/5 DEL 11.8.2015

DELIBERAZIONE N. 41/5 DEL 11.8.2015 Oggetto: Aumento del quantitativo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi stoccati in deposito preliminare e messa in riserva e inserimento di impianto di trattamento di rifiuti, ubicato nel Comune

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

La SEA ha negli anni acquisito una profonda esperienza nell ambito della Caratterizzazione e Monitoraggio dei Siti Contaminati.

La SEA ha negli anni acquisito una profonda esperienza nell ambito della Caratterizzazione e Monitoraggio dei Siti Contaminati. La SEA ha negli anni acquisito una profonda esperienza nell ambito della Caratterizzazione e Monitoraggio dei Siti Contaminati. La SEA nella propria struttura ha tutte le figure professionali (chimici,

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI RAVENNA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Anno 2013 N. 140 Data 02/05/2013 PRESA D'ATTO DEL VERBALE E GRADUATORIA FORMULATA DALLA COMMISSIONE ESAMINATRICE IN ESITO

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 Dipartimento Lavori Pubblici - Ufficio Tecnico - Lavori Pubblici Determinazione n. 1372 del 15/10/2013 : LR18/1982 LR38/78

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2208DEL06/08/2013 XI Settore - Ambiente, Energia e Aree Protette (Provincia BAT) N. 65Reg. Settore del 06/08/2013 Oggetto: DITTA G.P.A.

Dettagli