SLIDES 29 ottobre 2013 Paolo Tormen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SLIDES 29 ottobre 2013 Paolo Tormen"

Transcript

1 SLIDES 29 ottobre 2013 Paolo Tormen I SISTEMI DI WELFARE AZIENDALE Come dare di più ai dipendenti spendendo meno

2

3 DI COSA PARLIAMO 1. COS E IL WELFARE AZIENDALE. 2. LE OPPORTUNITÀ DEL WELFARE AZIENDALE. 3. COME DEFINIRE UN PIANO DI WELFARE. 4. COME SOSTENERE UN PIANO DI WELFARE. 5. LE AREE DI INTERVENTO E I RISVOLTI IN TERMINI DI COSTO DEL PERSONALE. 6. UNILATERALITÀ O BILATERALITÀ: NECESSARIO COINVOLGERE IL SINDACATO? 7. BENCHMARK DI RIFERIMENTO E TREND DEL WELFARE AZIENDALE. 8. ALCUNE ESPERIENZE. pagina 3

4 COS E IL WELFARE AZIENDALE Le esperienze di welfare aziendale si sono moltiplicate negli anni per rispondere ai crescenti bisogni sociali che il welfare pubblico non può soddisfare. Le varie forme di questo welfare hanno integrato le prestazioni garantite dallo Stato non solo su piano quantitativo, ma anche nella qualità, offrendo servizi personalizzati rispondenti ai bisogni dei lavoratori e delle loro famiglie (Treu <<Sistemi di Welfare aziendale>>). In Italia manca una disciplina che si occupi di regolamentare in modo organico la materia. Le poche norme dedicate a questo tema si trovano sparse nel Tuir, in disposizioni che trattano temi assai più ampi ed eterogenei. A tale difficoltà, si aggiunge il fatto che non è sempre agevole determinare quale sia la corretta disciplina fiscale applicabile con riferimento alle diverse situazioni che si presentano nella prassi. Le stesse risoluzioni con cui l Amministrazione finanziaria ha cercato di sopperire ad alcuni dubbi interpretativi risultano a loro volta fonte di ulteriore incertezza. Per tale ragione, nell analizzare la materia, si avverte spesso la sensazione che le aziende siano in un certo senso costrette alla sperimentazione, senza poter contare su orientamenti sicuri su questo tema decisivo nell attuale contesto economico e sociale. pagina 4

5 L EVOLUZIONE DEL WELFARE AZIENDALE Welfare Pubblico Welfare Aziendale Welfare nel CCNL Welfare Territoriale Welfare di Rete pagina 5

6 DUBBI SUL WELFARE AZIENDALE RIGUARDA SOLO LE GRANDI REALTA LAVORATORI RAPPORTO TRA QUANTO EROGATO E QUANTO PERCEPITO COSTI MAGGIORI DELLE OPPORTUNITA POCA CERTEZZA NORMATIVA SINDACATI INTERESSE AL WELFARE SOLO DEL DATORE DI LAVORO pagina 6

7 SWOT ANALISY DEL WELFARE AZIENDALE STRENGHTS OPPORTUNITIES WELFARE WEAKNESSES THREATS pagina 7

8 LE OPPORTUNITA DEL WELFARE INCIDENZA SUL COSTO DEL LAVORO RECRUITMENT REVISIONE DELLE POLITICHE RETRIBUTIVE IMMAGINE E CLIMA AZIENDALE RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA PRODUTTIVITA / RIDUZIONE ASSENTEISMO SENSO DI APPARTENENZA DEI DIPENDENTI ALL AZIENDA FIDELIZZAZIONE DELLE RISORSE STRATEGICHE pagina 8

9 COSTO DEL LAVORO 16 INCIDENZA SUL COSTO DEL PERSONALE Ipotesi: incentivo aziendale pari a 10k lordi AS IS: l azienda sostiene un costo di 14k determinato dall incidenza dei contributi previdenziali e assistenziali il lavoratore percepisce uno stipendio netto di 6,5 k TO BE: l azienda sostiene il costo del benefit concesso (10k) il lavoratore percepisce un bene il cui valore economico sarà di 10k contributi irpef netto al lavoratore AS IS TO BE pagina 9

10 RECRUITMENT (1) L analisi di Great Place to work (2013). Microsoft Italia Large Companies (>500 employees) Tetra Pak Packaging Solutions Gruppo Dow Italia Gruppo Quintiles Fedex Express Bricoman Eli Lilly Italia Unieuro Ikea Italia Retail Unilever Cisco Systems Small Medium Companies (<500 employees) W. L. Gore e Associati Mars Italia Pepsico Italia Loacker Remedia National Instruments Italy Sas Medtronic Italia Conte.it - Admiral Group In Job pagina 10

11 RECRUITMENT (2) In quali di queste aziende è stato adottato un sistema di welfare aziendale? Microsoft Italia Large Companies (>500 employees) Tetra Pak Packaging Solutions Gruppo Dow Italia Gruppo Quintiles Fedex Express Bricoman Eli Lilly Italia Unieuro Ikea Italia Retail Unilever Cisco Systems Small Medium Companies (<500 employees) W. L. Gore e Associati Mars Italia PepsiCo Italia Loacker Remedia National Instruments Italy Sas Medtronic Italia Conte.it - Admiral Group In Job pagina 11

12 ALCUNI RISULTATI La ricerca Effetti economici e produttivi per l azienda derivanti da misure per favorire la conciliazione per conto del Ministero tedesco della famiglia ha realizzato un analisi costi-benefici sugli effetti economici che sono riconducibili ad iniziative di conciliazione realizzate in imprese europee. La ricerca ha dimostrato come le iniziative di Welfare Aziendale siano investimenti sostenibili ed economicamente vantaggiosi, in quanto generano: riduzione dei costi del turnover e della ricerca di nuove risorse umane dal 31% al 63%; riduzione dei costi complessivi per la realizzazione delle iniziative di conciliazione dal 55% al 78%; considerando il programma complessivo per la conciliazione come investimento nel tempo, il ROI (Return on Investiment) sull investimento valutato al 15%-25% per la situazione reale, e addirittura al % per la situazione aziendale ottimale; riduzione del tempo di assenza per maternità; incremento nella percentuale di ritorno al lavoro della mamme dopo la maternità: 80%. pagina 12

13 COME DEFINIRE UN PIANO DI WELFARE Analisi della situazione attuale (SWOT analisys) Analisi del campione Aspettative dei lavoratori Aspettative del management Disegno del piano di welfare Sostenibilità Finanziamento Coinvolgimento degli stakeholder - Comunicazione pagina 13

14 UN PROGETTO EUROPEO? L adozione o l implementazione di un piano di welfare, a maggior ragione in un periodo di crisi, non possono prescindere dal progetto e da uno studio di fattibilità della proposta. La razionalizzazione delle risorse interne comporta la necessità di dover dimostrare al management la bontà e i risultati attesi del progetto di welfare. E utile in tale senso fare riferimento alle regole europee in materia di europrogettazione e project management europeo. COME INDIVIDUARE UN PROGETTO DI SUCCESSO Individuazione dei potenziali stakeholder. Individuazione di forme relazionali adatte (strutturate e/o libere). Incontri e brainstorming. Ascolto delle esigenze del territorio/della popolazione aziendale. Informazione e comunicazione. ELEMENTI ESSENZIALI DI UN PROGETTO Obiettivi (why). Risultati (what). Responsabilità e ruoli (who). Piano delle attività (when). Definizione del budget (how much). pagina 14

15 ANALISI DEL CAMPIONE (1) Basilare per definire una corretta ed efficiente politica di welfare aziendale è una corretta analisi della popolazione aziendale di riferimento e dei relativi caratteri socio demografici. PRIMA FASE DI ANALISI. Una prima fase di analisi solitamente prende a riferimento alcuni dati già presenti nel database aziendale (età; sesso; familiari a carico; età dei figli; ragioni della richiesta di prestiti/anticipi del t.f.r., cessioni dello stipendio, tasso assenteismo, tasso turnover, ecc.). Obiettivo primario è definire alcune macro classi di personale ed evidenziare alcune esigenze primarie seppur a livello macro (es. genitori con figli, suddivisione della popolazione in fasce di età). SECONDA FASE DI ANALISI. In secondo luogo, è necessario individuare, attraverso indagini socio demografiche, interviste, blog e focus group, il quadro dei bisogni aziendali e le gerarchie. ANALISI DIPENDENTE E NUCLEO FAMILIARE Età Genere Razza/etnia Nucleo familiare: monoreddito, genitori separati, genitori a carico, single, familiari non autosufficienti, figli disabili ANALISI DEL TERRITORIO Associazioni, fondazioni, enti Cultura locale Servizi pubblici offerti e grado di soddisfazione Tassi di disoccupazione pagina 15

16 ANALISI DEL CAMPIONE (2) CATEGORIE BISOGNI ESIGENZE Nucleo familiare con figli e anziani a carico Orario di lavoro flessibile Asilo nido, baby sitting Sostegno spese scolastiche Servizio assistenza anziani Finanziamenti agevolati Carrello della spesa Casse assistenza sanitaria per i familiari Single senza figli o anziani a carico Orario di lavoro flessibile Finanziamenti agevolati Proposte time saving Wellness, ricreativo Dipendente separato/single con figlia a carico affido esclusivo Asilo nido, baby sitting Sostegno spese scolastiche Carrello della spesa Casse assistenza sanitaria per i familiari pagina 16

17 ANALISI DEL CAMPIONE (3) Dipendente straniero CATEGORIE BISOGNI ESIGENZE Regolamentazione del rapporto di lavoro Ricongiunzioni familiari Assistenza medica Corsi italiano Integrazione culturale in azienda Sostegno reddito Donne madri Conciliazione tempi vita e lavoro Orario di lavoro flessibile Telelavoro Asilo nido, baby sitting Sostegno spese scolastiche Casse assistenza sanitaria per i familiari Manager Conciliazione tempi vita e lavoro Proposte time saving Wellness, viaggi Iniziative culturali Autovettura aziendale, pc, cellulare pagina 17

18 ASPETTATIVE DEI LAVORATORI (1) Un efficace piano di welfare deve essere percepito come un valore aggiunto da parte dei lavoratori. E pertanto necessario valutare alcuni macro indicatori che possono indirizzare lo sviluppo delle politiche di welfare aziendale: perdita del potere di acquisto; spending review. tagli alla spesa sociale e assistenziale; aumento degli oneri fiscali; piani di benefit tradizionali non in linea con le reali esigenze dei lavoratori. Per facilitare l analisi delle aspettative aziendali può essere utile dialogare con associazioni interne già riconosciute (C.R.A.L., sindacati, gruppi di lavoro). TABELLA SPESA ISTAT FAMIGLIE ITALIANE 2011 Mantenimento figli maggiorenni conviventi che non studiano e non lavorano Mantenimento dei figli che fanno l università fuori casa Pagamento di badanti o di altra assistenza privata Almeno una spesa sostenuta Almeno una spesa rinunciata anche se necessaria Aiuto economico ai figli autonomi o semi autonomi Assistenza e accudimento di bambini Altre forme di aiuto/sostegno economico a figli e altri parenti miliardi miliardi miliardi miliardi miliardi miliardi miliardi pagina 18

19 ASPETTATIVE DEI LAVORATORI (2) RISULTATI INDAGINE SULLE SCELTE OPERATE DAI LAVORATORI Categoria Area intervento Percentuale Salute 45% IMPIEGATI/QUADRI Educazione 21% Viaggi 15% Ricreative 10% Educazione 48% DIRIGENTI Viaggi 34% Salute 1% Ricreative 14% pagina 19

20 ASPETTATIVE AZIENDALI L implementazione di un piano di welfare non può non considerare caratteristiche aziendali e alcune prerogative poste dal management: aumento costante del costo del lavoro crisi economica tagli al sistema pubblico che si ripercuotono sul costo dei benefit aziendali pressione fiscale elevata su lavoratori e imprese difficoltà di accesso al credito analisi del clima interno dell azienda, degli indici di assenteismo e di turnover chiedersi quale sia lo scopo del welfare e perché lo adottiamo (quale opportunità vogliamo cogliere?) visibilità dei risultati aziendali, comunicazione dei risultati agli stakeholders pagina 20

21 COME FINANZIARE UN PIANO DI WELFARE INVESTIMENTO DIRETTO DI NUOVE RISORSE La società riserva una parte del proprio bilancio a finanziare alcuni servizi offerti ai lavoratori. Criticità. Si dovrà fare molta attenzione alla sostenibilità nel tempo del piano di welfare. CONVERSIONE DELL ATTUALE POLITICA DI MBO - PREMIO DI PRODUTTIVITA - BONUS Modificare alcuni trattamenti econimici diretti (cash) in servizi offerti. Criticità. Valutare l eventuale riflesso su alcune posizioni aziendali espressamente coinvolte nei piani di MBO. RIALLOCAZIONE DI RISORSE (politiche di neutralità) Revisione delle attuali politiche di spesa aziendali verso una più efficiente gestione dei fabbisogni. Criticità. Valutare punti di forza e punti di debolezza della politica di revisione della spesa. Quale settore viene privato di risorse? Quale il valore aggiunto del piano di welfare? RICERCA DI FINANZIATORI/COFINANZIATORI DI PROGETTI DI WELFARE Ricerca di finanziatori esterni o di progetti sperimentali sul territorio. Criticità. Possibile sinergia con il territorio, enti locali, fondazioni. Possibile ricevere finanziamenti in caso di Reti d Imprese. MIX DI SOLUZIONI pagina 21

22 CHI FA COSA L implementazione di un piano di welfare efficace richiede processi certi e funzioni specifiche, tempi e metodi definiti. COMPITO Pianificazione piano di welfare Raccolta informazioni / somministrazione questionari Budgeting Valutazione riflessi contributivi e fiscali Comunicazione interna / marketing Contact center Selezione acquisti / fornitori Adattamento intranet aziendale Canali distributivi del benefit Reportistica / SAL Risultati SOGGETTO HR / Soggetto esterno HR / Soggetto esterno Managment HR / Soggetto esterno HR / Soggetto esterno / Responsabili / RSA HR / Soggetto esterno Ufficio acquisti ICT HR / Referenti interni HR / Soggetto esterno HR L analisi permette di valutare numero e caratteristiche delle risorse coinvolte. L obiettivo è, da un lato, creare un sistema in cui le risorse coinvolte conoscono i propri compiti e obiettivi, e, dall altro, valorizzare in termini economici il costo indiretto di un piano di welfare. pagina 22

23 ALTRI FATTORI SOSTENIBILITÀ Creare i presupposti per poter sostenere economicamente il costo del welfare aziendale. Valutazione possibili sinergie sul territorio. Coinvolgimento di enti, associazioni, enti locali, fondazioni. Costituzione di reti d impresa. Valutazione dei riflessi contributivi e fiscali dei servizi erogati. COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDERS Informare, coinvolgere, ascoltare tutti gli attori del sistema di welfare (lavoratori, sindacati, azionisti) è necessario per dare maggiore valore alle iniziative e per il successo delle misure come la previdenza integrativa implicanti impegni a lungo termine. pagina 23

24 AREE DI INTERVENTO Le politiche di welfare aziendale si possono classificare in sei macro aree con risvolti sia economici che organizzativi. AREE INTERVENTI finance instruction work-life balance care service retirement complementary benefit Mutuo prima casa; mutuo seconda casa; mutuo per lavori di ristrutturazione; prestito personale per l acquisto di auto, moto, ecc. Asili nido; scuole private e pubbliche di ogni grado; università e specializzazione; master; campus; libri e materiali di consumo Attività ricreative (viaggi; circoli sportivi e palestre, ecc.); attività culturali (abbonamenti pay-tv; cinema, teatro, riviste e giornali); attività sociali (centri di recupero; centri di riabilitazione; badanti); attività educative (corsi di lingue straniere; corsi di musica, arte, ecc.) Pagamento di polizze sanitarie; i contributi versati alle casse di assistenza sanitarie; rimborso spese sanitarie Contributi versati ai fondi pensione integrativi Azionariato; trasporto; beni aziendali pagina 24

25 FINANCE INTERVENTI Mutui e finanziamenti erogati ai lavoratori a tasso agevolato per far fronte a specifici investimenti o acquisti quali la prima e/o seconda casa, le spese di ristrutturazione; l acquisto dell autovettura, ecc. L ambito di applicazione comprende oltre all erogazione diretta delle somme da parte dell azienda con recupero delle rate concordate direttamente nel l.u.l. del lavoratore, le forme di finanziamento concesse da terzi con i quali il datore stesso abbia stipulato accordi o convenzioni, anche in assenza di oneri specifici a proprio carico, ovvero l erogazione diretta del contributo aziendale sul conto corrente che il dipendente mutuatario ha dedicato al pagamento del mutuo. RIFLESSI SUL COSTO DEL LAVORO In tutti i casi prospettati l azienda, oltre a dover sostenere finanziariamente il piano di riparto, dovrà valorizzare ai fini fiscali e contributivi il valore del benefit concesso pari al 50% della differenza tra il tasso ufficiale di sconto e tasso applicato sul finanziamento. pagina 25

26 INSTRUCTION INTERVENTI Politiche volte a sostenere la formazione dei lavoratori e dei loro familiari (art. 51, comma 2, lett. f- bis). Sono incluse le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità di dipendenti o a categorie di dipendenti per la frequenza degli asili nido, di colonie climatiche nonché per borse studio a favore dei familiari del lavoratore. L ambito di applicazione include oltre all utilizzo delle strutture di proprietà del datore di lavoro o da questi affittate come ad esempio l asilo nido aziendale - anche le somme erogate dal datore di lavoro per la frequentazione da parte dei familiari del lavoratore di scuole private o pubbliche di ogni grado, università o specializzazioni, master anche sotto forma di borsa di studio delle attività di doposcuola, centri estivi, per l acquisto di libri e materiale di consumo. RIFLESSI SUL COSTO DEL LAVORO Tali servizi se disposti a favore della generalità o categorie di dipendenti e dei loro familiari, volontariamente sostenute dal datore di lavoro per le specifiche finalità di educazione ricreazione, assistenza sociale o culto, non comportano alcun onere contributivo e fiscale aggiuntivo a carico del datore di lavoro, ma sono deducibili dal reddito d impresa limitatamente al 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi. pagina 26

27 WORK-LIFE BALANCE (1) 1. Una prima parte delle azioni di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro comprende gli interventi in alcuni specifici ambiti sociali e culturali. AMBITI DI INTERVENTO Attività ricreative quali l iscrizione o la convenzione con circoli sportivi o palestre, trattamenti fisioterapici, pay-tv, viaggi o soggiorni Attività culturali come le convenzioni con cinema, teatro, impianti sportivi, abbonamenti a giornali o riviste Attività sociali quali il servizio di baby sittering, badante, assistenza e cura dei parenti anziani o non autosufficienti, convenzioni con centri di recupero, di assistenza psicologica, riabilitazione, servizi di counceling Attività educative, quali l istituzione di un corso di lingue straniere, corsi di musica, fotografia, arte Servizi accessori e trasversali quali il maggiordomo aziendale, lavanderia e sartoria, lavaggio auto Riflessi sul costo del lavoro. Tali servizi se disposti a favore della generalità o categorie di dipendenti e dei loro familiari, volontariamente sostenute dal datore di lavoro per le specifiche finalità di educazione ricreazione, assistenza sociale o culto, non comportano alcun onere contributivo e fiscale aggiuntivo a carico del datore di lavoro, ma sono deducibili dal reddito d impresa limitatamente al 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi. pagina 27

28 WORK-LIFE BALANCE (2) 2. Ai servizi esterni diretti alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, si aggiungono politiche di welfare aziendale incentrate su nuovi sistemi di flessibilità degli orari e dell'organizzazione del lavoro quali: part-time reversibile; telelavoro; orario concentrato; orario flessibile in entrata o in uscita; flessibilità su turni; banca delle ore e programmi per il reinserimento di lavoratori o lavoratrici che rientrano da periodi di congedo. Tale sistema di welfare che ha una stretta relazione con l organizzazione del lavoro è incentivato a livello normativo. Infatti l art. 9 l. 53/2000 prevede, tramite bandi governativi, la possibilità per le aziende di accedere ad alcune risorse destinate al finanziamento del progetto. pagina 28

29 CARE SERVICE Si tratta di interventi diretti a garantire al lavoratore la prevenzione e la tutela contro i rischi di malattia ed infortunio occorsi a se stesso o ai suoi familiari. TIPO DI INTERVENTO Polizza assicurativa contro il rischio di morte del dipendente per motivi professionali Polizza assicurativa contro il rischio di morte/infortuni con beneficiario il lavoratore Rimborso delle spese sanitarie sostenute dal lavoratore IMPONIBILITÀ FISCALE Esente Totalmente soggetto Totalmente soggetto IMPONIBILITÀ CONTRIBUTIVA Esente Totalmente soggetto Totalmente soggetto Rimborso di spese sanitarie deducibili dal reddito - spese mediche e di assistenza sanitaria specifica sostenute dai e per i soggetti disabili - in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali Esente Esente I contributi versati dal datore di lavoro (o dal dipendente) a casse o enti con finalità di assistenza sociale I contributi versati dal datore di lavoro (o dal dipendente) a casse o enti con finalità di assistenza sanitaria inferiori a 3.615,20 annui Totalmente soggetto Esente Totalmente soggetto Contributo solidarietà 10% pagina 29

30 RETIREMENT (1) Si tratta di interventi diretti a garantire il mantenimento di alcuni benefici anche successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro sia per raggiungere i requisiti pensionistici che per il finanziamento di forme di previdenza complementare (c.d. terzo pilastro). Particolarmente interessanti risultano tali ultime politiche di welfare incentivate dalla riforma della previdenza complementare attuata a partire dall inizio del MISURA VANTAGGI Contribuzione I contributi versati alle forme di previdenza complementare, escluso il TFR, sono interamente deducibili dal reddito complessivo Irpef fino ad un massimo di euro 5.164,67 Lavoratore: risparmio (in termini di minori imposte pagate) pari all aliquota fiscale più elevata applicata al reddito complessivo del lavoratore. Ad esempio, un lavoratore che versa alla previdenza complementare contributi pari a euro 500, con aliquota Irpef del 30%, il costo effettivo sostenuto dal lavoratore sarà pari a euro 350 ( ) Azienda: sui contributi alla previdenza complementare versati dal datore di lavoro saranno liquidato solamente il contributo di solidarietà (10%) con esenzione da contribuzione ordinaria pagina 30

31 RETIREMENT (2) Rendimenti MISURA I rendimenti, vale a dire gli incrementi positivi conseguiti a seguito della gestione finanziaria delle risorse, sono soggetti all imposta sostitutiva dell 11% VANTAGGI Lavoratore: tale aliquota è più bassa rispetto a quella applicata sui rendimenti realizzati da altre forme di investimento Anticipazioni Riscatti Per spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge e ai figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche Per l'acquisto della prima casa di abitazione Il riscatto parziale (50%) nei casi di cessazione dell'attività lavorativa ovvero in caso di ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% Lavoratore: applicazione di una aliquota di tassazione pari al 23% Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% pagina 31

32 RETIREMENT (3) MISURA VANTAGGI Riscatti Prestazione sotto forma di capitale Prestazione sotto forma di rendita Il riscatto totale per i casi di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di 1/3 e a seguito di cessazione dell'attività lavorativa che comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi Erogazione al raggiungimento dei requisiti pensionistici di un importo a titolo di capitale Erogazione al raggiungimento dei requisiti pensionistici di un importo a titolo di rendita mensile Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% pagina 32

33 COMPLEMENTARY BENEFITS (1) PRODOTTI AZIENDALI La vendita a un prezzo convenzionato o applicando una particolare scontistica dei beni prodotti dall azienda. Art. 51 TUIR: il valore normale dei generi in natura prodotti dall azienda e ceduti ai dipendenti è determinato in misura pari al prezzo mediamente praticato dalla stessa azienda nelle cessioni al grossista. Non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d imposta a euro 258,23; se il predetto valore è superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito. Pro e contro fidelizzazione dei lavoratori rispetto ai beni aziendali; recupero marginalità rispetto alla vendita (mancato pagamento provvigioni agenti; riduzione costi accessori, trasporto); appetibilità del prodotto aziendale sul mercato del commercio al dettaglio. AZIONARIATO - STOCK OPTION Un piano di stock option è una forma di incentivazione tipica dei manager di società quotate. Essenzialmente si acquisisce il diritto ad esercitare entro una data certa o dopo scadenze prestabilite la possibilità di acquistare le azioni dell'azienda a un prezzo fissato (c.d. sticke price) solitamente inferiore rispetto a quello di mercato. pagina 33

34 COMPLEMENTARY BENEFITS (2) TRASPORTO Art. 51, comma 2, lett. d), TUIR: sono escluse dal reddito le prestazioni di servizi di trasporto collettivo alla generalità o a categorie di dipendenti; anche se affidate a terzi ivi compresi gli esercenti servizi pubblici. A tale fine l agenzia delle entrate ha specificato che: sono irrilevanti le modalità di esecuzione del servizio, nel senso che il servizio potrà essere prestato direttamente dal datore di lavoro, attraverso l'utilizzo di mezzi di proprietà dell'azienda o da questi noleggiati, ovvero fornito da terzi sulla base di apposita convenzione o accordo stipulato dallo stesso datore di lavoro; tra i soggetti terzi che possono fornire la prestazione di trasporto, sono compresi anche gli esercenti servizi pubblici, allo scopo evidentemente di chiarire che il datore di lavoro può stipulare apposita convenzione anche con esercenti servizi pubblici, ad esempio, con la società che gestisce il servizio pubblico urbano o extra-urbano del luogo in cui si trova l'azienda oppure con il servizio taxi, rimanendo comunque fermo il principio che la prestazione, ai fini della non concorrenza al reddito di lavoro dipendente, deve essere resa in modo collettivo e non può essere sostituita da un importo in denaro. pagina 34

35 UNILATERALITA / BILATERALITA I PRINCIPI 1. Un piano di welfare può essere adottato da un azienda sia con la partecipazione attiva dei sindacati e la conseguente formalizzazione di un accordo sia in modo autonomo e unilaterale. 2. Alcune misure di welfare - segnatamente quelle previste dagli artt. 57, comma 2, lett. f) e 100, comma 1, TUIR possono godere di incentivi fiscali solo se non sono previsti dalla contrattazione collettiva: «affinchè l utilizzazione delle opere/servizi sia esclusa dal reddito, è necessario che il datore sostenga volontariamente la spesa e non in adempimento di un obbligo contrattuale: la volontarietà, per la quasi totalità degli interpreti, è esclusa in presenza di un accordo sindacale». 3. A questa regola generale, va posta una importante eccezione. Qualora l Azienda anziché integrare il reddito già disponibile per il dipendente, intenda, con il piano di welfare, sostituire una parte della retribuzione accessoria già riconosciuta al lavoratore con misure di welfare aziendale, sarà necessario un accordo. 4. Il coinvolgimento del sindacato può essere opportuno per veicolare nel modo migliore l informazione ai dipendenti. pagina 35

36 BENCHMARK DI RIFERIMENTO (1) QUANTO COSTA UN PIANO DI WELFARE? OBIETTIVO FIDELIZZAZIONE OBIETTIVO WELFARE A chi è rivolto Manager e quadri Personale non dirigenziale Budget range tra euro (quadri) range tra euro (dirigenti) range tra euro (operai e impiegati) pagina 36

37 BENCHMARK DI RIFERIMENTO (2) QUANDO E COSA CONTRATTARE IN AZIENDA FLEXIBLE BENEFIT CONTRATTAZIONE AZIENDALE (ticket; polizze sanitarie; rischio infortuni; mezzi trasporto) CCNL (polizze obbligatorie; fasi, besusso, fondi previdenza negoziali) pagina 37

38 TREND (1) FLEXIBLE BENEFIT Sistemi di c.d. total reward and compensation che prevedono un budget di spesa definito per categorie di dipendenti. Ogni soggetto può poi scegliere il benfit più attinente alla sue aspettative e necessità. La scelta solitamente è reversibile di anno in anno. Vantaggi: contenimento dei costi aziendali (riferimento al solo budget e non alle singole componenti); soddisfazione del lavoratore (al cambiamento dei bisogni cambia la scelta del benefit). Svago viaggi cultura Matrimonio Figli Scuola educazione Salute Pensione pagina 38

39 TREND (2) INVESTIMENTO SUL TERRITORIO Caso Luxotica: costruzione di un asilo destinato alla popolazione locale in cui un congruo numero di posti è riservato all iscrizione convenzionata dei lavoratori dell azienda. BENEFIT COME TERZO PILASTRO Sanità: rimborso spese; convenzioni mediche; medico in azienda; massaggi; welness. Sostegno al reddito: carrello della spesa aziendale ; convenzioni. Finanziamento e prestiti: sostegno diretto alle necessità contingenti. OBIETTIVO FIDELIZZAZIONE Servizi complementari: maggiordomo aziendale; medico in azienda; servizi esclusivi collegati al brand aziendale. pagina 39

40 RETI DI PMI (1) PROBLEMA Scarsa sensibilità alle politiche di welfare e caratteristiche strutturali delle PMI. Numero ridotto di dipendenti per azienda, forte rigidità organizzativa richiesta da determinati servizi, come ad esempio quelli assistenziali e per l infanzia, dove è necessario un numero minimo di richieste per poter avviare il servizio. Inoltre, i servizi di questo genere, essendo caratterizzati da costi fissi importanti, richiedono un numero considerevole di utenti per poter raggiungere il break even point. Altro elemento è la notevole frammentazione e diffusione sul territorio (problemi logistici e di coordinamento). Diffidenza dei piccoli e medi imprenditori a partecipare a forme associative finalizzate, come ad esempio i consorzi, in cui l imprenditore non sente di riuscire a governare il processo e non riesce a percepire il vantaggio di investire risorse economiche in questo modo. pagina 40

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LE MIGLIORI AZIENDE PER CUI LAVORARE

LE MIGLIORI AZIENDE PER CUI LAVORARE LE MIGLIORI AZIENDE PER CUI LAVORARE a cura di: Gabriele Martelozzo Redazione Jobadvisor AZIENDE E GIOVANI VISTI DA VICINO Chiunque desidera lavorare per una delle migliori aziende sul mercato. Per determinare

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese

I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese FEBBRAIO 2012 Indice Introduzione 2 1. I costi diretti 2 2. I costi diretti e indiretti della maternità percepiti dai datori

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

I Childcare Vouchers nel Regno Unito e il welfare aziendale in Italia

I Childcare Vouchers nel Regno Unito e il welfare aziendale in Italia I Childcare Vouchers nel Regno Unito e il welfare aziendale in Italia Il modello britannico dei voucher per i servizi all infanzia e la possibilità d introdurlo in Italia e di adattarlo per offrire misure

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli