SLIDES 29 ottobre 2013 Paolo Tormen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SLIDES 29 ottobre 2013 Paolo Tormen"

Transcript

1 SLIDES 29 ottobre 2013 Paolo Tormen I SISTEMI DI WELFARE AZIENDALE Come dare di più ai dipendenti spendendo meno

2

3 DI COSA PARLIAMO 1. COS E IL WELFARE AZIENDALE. 2. LE OPPORTUNITÀ DEL WELFARE AZIENDALE. 3. COME DEFINIRE UN PIANO DI WELFARE. 4. COME SOSTENERE UN PIANO DI WELFARE. 5. LE AREE DI INTERVENTO E I RISVOLTI IN TERMINI DI COSTO DEL PERSONALE. 6. UNILATERALITÀ O BILATERALITÀ: NECESSARIO COINVOLGERE IL SINDACATO? 7. BENCHMARK DI RIFERIMENTO E TREND DEL WELFARE AZIENDALE. 8. ALCUNE ESPERIENZE. pagina 3

4 COS E IL WELFARE AZIENDALE Le esperienze di welfare aziendale si sono moltiplicate negli anni per rispondere ai crescenti bisogni sociali che il welfare pubblico non può soddisfare. Le varie forme di questo welfare hanno integrato le prestazioni garantite dallo Stato non solo su piano quantitativo, ma anche nella qualità, offrendo servizi personalizzati rispondenti ai bisogni dei lavoratori e delle loro famiglie (Treu <<Sistemi di Welfare aziendale>>). In Italia manca una disciplina che si occupi di regolamentare in modo organico la materia. Le poche norme dedicate a questo tema si trovano sparse nel Tuir, in disposizioni che trattano temi assai più ampi ed eterogenei. A tale difficoltà, si aggiunge il fatto che non è sempre agevole determinare quale sia la corretta disciplina fiscale applicabile con riferimento alle diverse situazioni che si presentano nella prassi. Le stesse risoluzioni con cui l Amministrazione finanziaria ha cercato di sopperire ad alcuni dubbi interpretativi risultano a loro volta fonte di ulteriore incertezza. Per tale ragione, nell analizzare la materia, si avverte spesso la sensazione che le aziende siano in un certo senso costrette alla sperimentazione, senza poter contare su orientamenti sicuri su questo tema decisivo nell attuale contesto economico e sociale. pagina 4

5 L EVOLUZIONE DEL WELFARE AZIENDALE Welfare Pubblico Welfare Aziendale Welfare nel CCNL Welfare Territoriale Welfare di Rete pagina 5

6 DUBBI SUL WELFARE AZIENDALE RIGUARDA SOLO LE GRANDI REALTA LAVORATORI RAPPORTO TRA QUANTO EROGATO E QUANTO PERCEPITO COSTI MAGGIORI DELLE OPPORTUNITA POCA CERTEZZA NORMATIVA SINDACATI INTERESSE AL WELFARE SOLO DEL DATORE DI LAVORO pagina 6

7 SWOT ANALISY DEL WELFARE AZIENDALE STRENGHTS OPPORTUNITIES WELFARE WEAKNESSES THREATS pagina 7

8 LE OPPORTUNITA DEL WELFARE INCIDENZA SUL COSTO DEL LAVORO RECRUITMENT REVISIONE DELLE POLITICHE RETRIBUTIVE IMMAGINE E CLIMA AZIENDALE RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA PRODUTTIVITA / RIDUZIONE ASSENTEISMO SENSO DI APPARTENENZA DEI DIPENDENTI ALL AZIENDA FIDELIZZAZIONE DELLE RISORSE STRATEGICHE pagina 8

9 COSTO DEL LAVORO 16 INCIDENZA SUL COSTO DEL PERSONALE Ipotesi: incentivo aziendale pari a 10k lordi AS IS: l azienda sostiene un costo di 14k determinato dall incidenza dei contributi previdenziali e assistenziali il lavoratore percepisce uno stipendio netto di 6,5 k TO BE: l azienda sostiene il costo del benefit concesso (10k) il lavoratore percepisce un bene il cui valore economico sarà di 10k contributi irpef netto al lavoratore AS IS TO BE pagina 9

10 RECRUITMENT (1) L analisi di Great Place to work (2013). Microsoft Italia Large Companies (>500 employees) Tetra Pak Packaging Solutions Gruppo Dow Italia Gruppo Quintiles Fedex Express Bricoman Eli Lilly Italia Unieuro Ikea Italia Retail Unilever Cisco Systems Small Medium Companies (<500 employees) W. L. Gore e Associati Mars Italia Pepsico Italia Loacker Remedia National Instruments Italy Sas Medtronic Italia Conte.it - Admiral Group In Job pagina 10

11 RECRUITMENT (2) In quali di queste aziende è stato adottato un sistema di welfare aziendale? Microsoft Italia Large Companies (>500 employees) Tetra Pak Packaging Solutions Gruppo Dow Italia Gruppo Quintiles Fedex Express Bricoman Eli Lilly Italia Unieuro Ikea Italia Retail Unilever Cisco Systems Small Medium Companies (<500 employees) W. L. Gore e Associati Mars Italia PepsiCo Italia Loacker Remedia National Instruments Italy Sas Medtronic Italia Conte.it - Admiral Group In Job pagina 11

12 ALCUNI RISULTATI La ricerca Effetti economici e produttivi per l azienda derivanti da misure per favorire la conciliazione per conto del Ministero tedesco della famiglia ha realizzato un analisi costi-benefici sugli effetti economici che sono riconducibili ad iniziative di conciliazione realizzate in imprese europee. La ricerca ha dimostrato come le iniziative di Welfare Aziendale siano investimenti sostenibili ed economicamente vantaggiosi, in quanto generano: riduzione dei costi del turnover e della ricerca di nuove risorse umane dal 31% al 63%; riduzione dei costi complessivi per la realizzazione delle iniziative di conciliazione dal 55% al 78%; considerando il programma complessivo per la conciliazione come investimento nel tempo, il ROI (Return on Investiment) sull investimento valutato al 15%-25% per la situazione reale, e addirittura al % per la situazione aziendale ottimale; riduzione del tempo di assenza per maternità; incremento nella percentuale di ritorno al lavoro della mamme dopo la maternità: 80%. pagina 12

13 COME DEFINIRE UN PIANO DI WELFARE Analisi della situazione attuale (SWOT analisys) Analisi del campione Aspettative dei lavoratori Aspettative del management Disegno del piano di welfare Sostenibilità Finanziamento Coinvolgimento degli stakeholder - Comunicazione pagina 13

14 UN PROGETTO EUROPEO? L adozione o l implementazione di un piano di welfare, a maggior ragione in un periodo di crisi, non possono prescindere dal progetto e da uno studio di fattibilità della proposta. La razionalizzazione delle risorse interne comporta la necessità di dover dimostrare al management la bontà e i risultati attesi del progetto di welfare. E utile in tale senso fare riferimento alle regole europee in materia di europrogettazione e project management europeo. COME INDIVIDUARE UN PROGETTO DI SUCCESSO Individuazione dei potenziali stakeholder. Individuazione di forme relazionali adatte (strutturate e/o libere). Incontri e brainstorming. Ascolto delle esigenze del territorio/della popolazione aziendale. Informazione e comunicazione. ELEMENTI ESSENZIALI DI UN PROGETTO Obiettivi (why). Risultati (what). Responsabilità e ruoli (who). Piano delle attività (when). Definizione del budget (how much). pagina 14

15 ANALISI DEL CAMPIONE (1) Basilare per definire una corretta ed efficiente politica di welfare aziendale è una corretta analisi della popolazione aziendale di riferimento e dei relativi caratteri socio demografici. PRIMA FASE DI ANALISI. Una prima fase di analisi solitamente prende a riferimento alcuni dati già presenti nel database aziendale (età; sesso; familiari a carico; età dei figli; ragioni della richiesta di prestiti/anticipi del t.f.r., cessioni dello stipendio, tasso assenteismo, tasso turnover, ecc.). Obiettivo primario è definire alcune macro classi di personale ed evidenziare alcune esigenze primarie seppur a livello macro (es. genitori con figli, suddivisione della popolazione in fasce di età). SECONDA FASE DI ANALISI. In secondo luogo, è necessario individuare, attraverso indagini socio demografiche, interviste, blog e focus group, il quadro dei bisogni aziendali e le gerarchie. ANALISI DIPENDENTE E NUCLEO FAMILIARE Età Genere Razza/etnia Nucleo familiare: monoreddito, genitori separati, genitori a carico, single, familiari non autosufficienti, figli disabili ANALISI DEL TERRITORIO Associazioni, fondazioni, enti Cultura locale Servizi pubblici offerti e grado di soddisfazione Tassi di disoccupazione pagina 15

16 ANALISI DEL CAMPIONE (2) CATEGORIE BISOGNI ESIGENZE Nucleo familiare con figli e anziani a carico Orario di lavoro flessibile Asilo nido, baby sitting Sostegno spese scolastiche Servizio assistenza anziani Finanziamenti agevolati Carrello della spesa Casse assistenza sanitaria per i familiari Single senza figli o anziani a carico Orario di lavoro flessibile Finanziamenti agevolati Proposte time saving Wellness, ricreativo Dipendente separato/single con figlia a carico affido esclusivo Asilo nido, baby sitting Sostegno spese scolastiche Carrello della spesa Casse assistenza sanitaria per i familiari pagina 16

17 ANALISI DEL CAMPIONE (3) Dipendente straniero CATEGORIE BISOGNI ESIGENZE Regolamentazione del rapporto di lavoro Ricongiunzioni familiari Assistenza medica Corsi italiano Integrazione culturale in azienda Sostegno reddito Donne madri Conciliazione tempi vita e lavoro Orario di lavoro flessibile Telelavoro Asilo nido, baby sitting Sostegno spese scolastiche Casse assistenza sanitaria per i familiari Manager Conciliazione tempi vita e lavoro Proposte time saving Wellness, viaggi Iniziative culturali Autovettura aziendale, pc, cellulare pagina 17

18 ASPETTATIVE DEI LAVORATORI (1) Un efficace piano di welfare deve essere percepito come un valore aggiunto da parte dei lavoratori. E pertanto necessario valutare alcuni macro indicatori che possono indirizzare lo sviluppo delle politiche di welfare aziendale: perdita del potere di acquisto; spending review. tagli alla spesa sociale e assistenziale; aumento degli oneri fiscali; piani di benefit tradizionali non in linea con le reali esigenze dei lavoratori. Per facilitare l analisi delle aspettative aziendali può essere utile dialogare con associazioni interne già riconosciute (C.R.A.L., sindacati, gruppi di lavoro). TABELLA SPESA ISTAT FAMIGLIE ITALIANE 2011 Mantenimento figli maggiorenni conviventi che non studiano e non lavorano Mantenimento dei figli che fanno l università fuori casa Pagamento di badanti o di altra assistenza privata Almeno una spesa sostenuta Almeno una spesa rinunciata anche se necessaria Aiuto economico ai figli autonomi o semi autonomi Assistenza e accudimento di bambini Altre forme di aiuto/sostegno economico a figli e altri parenti miliardi miliardi miliardi miliardi miliardi miliardi miliardi pagina 18

19 ASPETTATIVE DEI LAVORATORI (2) RISULTATI INDAGINE SULLE SCELTE OPERATE DAI LAVORATORI Categoria Area intervento Percentuale Salute 45% IMPIEGATI/QUADRI Educazione 21% Viaggi 15% Ricreative 10% Educazione 48% DIRIGENTI Viaggi 34% Salute 1% Ricreative 14% pagina 19

20 ASPETTATIVE AZIENDALI L implementazione di un piano di welfare non può non considerare caratteristiche aziendali e alcune prerogative poste dal management: aumento costante del costo del lavoro crisi economica tagli al sistema pubblico che si ripercuotono sul costo dei benefit aziendali pressione fiscale elevata su lavoratori e imprese difficoltà di accesso al credito analisi del clima interno dell azienda, degli indici di assenteismo e di turnover chiedersi quale sia lo scopo del welfare e perché lo adottiamo (quale opportunità vogliamo cogliere?) visibilità dei risultati aziendali, comunicazione dei risultati agli stakeholders pagina 20

21 COME FINANZIARE UN PIANO DI WELFARE INVESTIMENTO DIRETTO DI NUOVE RISORSE La società riserva una parte del proprio bilancio a finanziare alcuni servizi offerti ai lavoratori. Criticità. Si dovrà fare molta attenzione alla sostenibilità nel tempo del piano di welfare. CONVERSIONE DELL ATTUALE POLITICA DI MBO - PREMIO DI PRODUTTIVITA - BONUS Modificare alcuni trattamenti econimici diretti (cash) in servizi offerti. Criticità. Valutare l eventuale riflesso su alcune posizioni aziendali espressamente coinvolte nei piani di MBO. RIALLOCAZIONE DI RISORSE (politiche di neutralità) Revisione delle attuali politiche di spesa aziendali verso una più efficiente gestione dei fabbisogni. Criticità. Valutare punti di forza e punti di debolezza della politica di revisione della spesa. Quale settore viene privato di risorse? Quale il valore aggiunto del piano di welfare? RICERCA DI FINANZIATORI/COFINANZIATORI DI PROGETTI DI WELFARE Ricerca di finanziatori esterni o di progetti sperimentali sul territorio. Criticità. Possibile sinergia con il territorio, enti locali, fondazioni. Possibile ricevere finanziamenti in caso di Reti d Imprese. MIX DI SOLUZIONI pagina 21

22 CHI FA COSA L implementazione di un piano di welfare efficace richiede processi certi e funzioni specifiche, tempi e metodi definiti. COMPITO Pianificazione piano di welfare Raccolta informazioni / somministrazione questionari Budgeting Valutazione riflessi contributivi e fiscali Comunicazione interna / marketing Contact center Selezione acquisti / fornitori Adattamento intranet aziendale Canali distributivi del benefit Reportistica / SAL Risultati SOGGETTO HR / Soggetto esterno HR / Soggetto esterno Managment HR / Soggetto esterno HR / Soggetto esterno / Responsabili / RSA HR / Soggetto esterno Ufficio acquisti ICT HR / Referenti interni HR / Soggetto esterno HR L analisi permette di valutare numero e caratteristiche delle risorse coinvolte. L obiettivo è, da un lato, creare un sistema in cui le risorse coinvolte conoscono i propri compiti e obiettivi, e, dall altro, valorizzare in termini economici il costo indiretto di un piano di welfare. pagina 22

23 ALTRI FATTORI SOSTENIBILITÀ Creare i presupposti per poter sostenere economicamente il costo del welfare aziendale. Valutazione possibili sinergie sul territorio. Coinvolgimento di enti, associazioni, enti locali, fondazioni. Costituzione di reti d impresa. Valutazione dei riflessi contributivi e fiscali dei servizi erogati. COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDERS Informare, coinvolgere, ascoltare tutti gli attori del sistema di welfare (lavoratori, sindacati, azionisti) è necessario per dare maggiore valore alle iniziative e per il successo delle misure come la previdenza integrativa implicanti impegni a lungo termine. pagina 23

24 AREE DI INTERVENTO Le politiche di welfare aziendale si possono classificare in sei macro aree con risvolti sia economici che organizzativi. AREE INTERVENTI finance instruction work-life balance care service retirement complementary benefit Mutuo prima casa; mutuo seconda casa; mutuo per lavori di ristrutturazione; prestito personale per l acquisto di auto, moto, ecc. Asili nido; scuole private e pubbliche di ogni grado; università e specializzazione; master; campus; libri e materiali di consumo Attività ricreative (viaggi; circoli sportivi e palestre, ecc.); attività culturali (abbonamenti pay-tv; cinema, teatro, riviste e giornali); attività sociali (centri di recupero; centri di riabilitazione; badanti); attività educative (corsi di lingue straniere; corsi di musica, arte, ecc.) Pagamento di polizze sanitarie; i contributi versati alle casse di assistenza sanitarie; rimborso spese sanitarie Contributi versati ai fondi pensione integrativi Azionariato; trasporto; beni aziendali pagina 24

25 FINANCE INTERVENTI Mutui e finanziamenti erogati ai lavoratori a tasso agevolato per far fronte a specifici investimenti o acquisti quali la prima e/o seconda casa, le spese di ristrutturazione; l acquisto dell autovettura, ecc. L ambito di applicazione comprende oltre all erogazione diretta delle somme da parte dell azienda con recupero delle rate concordate direttamente nel l.u.l. del lavoratore, le forme di finanziamento concesse da terzi con i quali il datore stesso abbia stipulato accordi o convenzioni, anche in assenza di oneri specifici a proprio carico, ovvero l erogazione diretta del contributo aziendale sul conto corrente che il dipendente mutuatario ha dedicato al pagamento del mutuo. RIFLESSI SUL COSTO DEL LAVORO In tutti i casi prospettati l azienda, oltre a dover sostenere finanziariamente il piano di riparto, dovrà valorizzare ai fini fiscali e contributivi il valore del benefit concesso pari al 50% della differenza tra il tasso ufficiale di sconto e tasso applicato sul finanziamento. pagina 25

26 INSTRUCTION INTERVENTI Politiche volte a sostenere la formazione dei lavoratori e dei loro familiari (art. 51, comma 2, lett. f- bis). Sono incluse le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità di dipendenti o a categorie di dipendenti per la frequenza degli asili nido, di colonie climatiche nonché per borse studio a favore dei familiari del lavoratore. L ambito di applicazione include oltre all utilizzo delle strutture di proprietà del datore di lavoro o da questi affittate come ad esempio l asilo nido aziendale - anche le somme erogate dal datore di lavoro per la frequentazione da parte dei familiari del lavoratore di scuole private o pubbliche di ogni grado, università o specializzazioni, master anche sotto forma di borsa di studio delle attività di doposcuola, centri estivi, per l acquisto di libri e materiale di consumo. RIFLESSI SUL COSTO DEL LAVORO Tali servizi se disposti a favore della generalità o categorie di dipendenti e dei loro familiari, volontariamente sostenute dal datore di lavoro per le specifiche finalità di educazione ricreazione, assistenza sociale o culto, non comportano alcun onere contributivo e fiscale aggiuntivo a carico del datore di lavoro, ma sono deducibili dal reddito d impresa limitatamente al 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi. pagina 26

27 WORK-LIFE BALANCE (1) 1. Una prima parte delle azioni di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro comprende gli interventi in alcuni specifici ambiti sociali e culturali. AMBITI DI INTERVENTO Attività ricreative quali l iscrizione o la convenzione con circoli sportivi o palestre, trattamenti fisioterapici, pay-tv, viaggi o soggiorni Attività culturali come le convenzioni con cinema, teatro, impianti sportivi, abbonamenti a giornali o riviste Attività sociali quali il servizio di baby sittering, badante, assistenza e cura dei parenti anziani o non autosufficienti, convenzioni con centri di recupero, di assistenza psicologica, riabilitazione, servizi di counceling Attività educative, quali l istituzione di un corso di lingue straniere, corsi di musica, fotografia, arte Servizi accessori e trasversali quali il maggiordomo aziendale, lavanderia e sartoria, lavaggio auto Riflessi sul costo del lavoro. Tali servizi se disposti a favore della generalità o categorie di dipendenti e dei loro familiari, volontariamente sostenute dal datore di lavoro per le specifiche finalità di educazione ricreazione, assistenza sociale o culto, non comportano alcun onere contributivo e fiscale aggiuntivo a carico del datore di lavoro, ma sono deducibili dal reddito d impresa limitatamente al 5 per mille dell'ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi. pagina 27

28 WORK-LIFE BALANCE (2) 2. Ai servizi esterni diretti alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, si aggiungono politiche di welfare aziendale incentrate su nuovi sistemi di flessibilità degli orari e dell'organizzazione del lavoro quali: part-time reversibile; telelavoro; orario concentrato; orario flessibile in entrata o in uscita; flessibilità su turni; banca delle ore e programmi per il reinserimento di lavoratori o lavoratrici che rientrano da periodi di congedo. Tale sistema di welfare che ha una stretta relazione con l organizzazione del lavoro è incentivato a livello normativo. Infatti l art. 9 l. 53/2000 prevede, tramite bandi governativi, la possibilità per le aziende di accedere ad alcune risorse destinate al finanziamento del progetto. pagina 28

29 CARE SERVICE Si tratta di interventi diretti a garantire al lavoratore la prevenzione e la tutela contro i rischi di malattia ed infortunio occorsi a se stesso o ai suoi familiari. TIPO DI INTERVENTO Polizza assicurativa contro il rischio di morte del dipendente per motivi professionali Polizza assicurativa contro il rischio di morte/infortuni con beneficiario il lavoratore Rimborso delle spese sanitarie sostenute dal lavoratore IMPONIBILITÀ FISCALE Esente Totalmente soggetto Totalmente soggetto IMPONIBILITÀ CONTRIBUTIVA Esente Totalmente soggetto Totalmente soggetto Rimborso di spese sanitarie deducibili dal reddito - spese mediche e di assistenza sanitaria specifica sostenute dai e per i soggetti disabili - in conformità a contratti collettivi o ad accordi e regolamenti aziendali Esente Esente I contributi versati dal datore di lavoro (o dal dipendente) a casse o enti con finalità di assistenza sociale I contributi versati dal datore di lavoro (o dal dipendente) a casse o enti con finalità di assistenza sanitaria inferiori a 3.615,20 annui Totalmente soggetto Esente Totalmente soggetto Contributo solidarietà 10% pagina 29

30 RETIREMENT (1) Si tratta di interventi diretti a garantire il mantenimento di alcuni benefici anche successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro sia per raggiungere i requisiti pensionistici che per il finanziamento di forme di previdenza complementare (c.d. terzo pilastro). Particolarmente interessanti risultano tali ultime politiche di welfare incentivate dalla riforma della previdenza complementare attuata a partire dall inizio del MISURA VANTAGGI Contribuzione I contributi versati alle forme di previdenza complementare, escluso il TFR, sono interamente deducibili dal reddito complessivo Irpef fino ad un massimo di euro 5.164,67 Lavoratore: risparmio (in termini di minori imposte pagate) pari all aliquota fiscale più elevata applicata al reddito complessivo del lavoratore. Ad esempio, un lavoratore che versa alla previdenza complementare contributi pari a euro 500, con aliquota Irpef del 30%, il costo effettivo sostenuto dal lavoratore sarà pari a euro 350 ( ) Azienda: sui contributi alla previdenza complementare versati dal datore di lavoro saranno liquidato solamente il contributo di solidarietà (10%) con esenzione da contribuzione ordinaria pagina 30

31 RETIREMENT (2) Rendimenti MISURA I rendimenti, vale a dire gli incrementi positivi conseguiti a seguito della gestione finanziaria delle risorse, sono soggetti all imposta sostitutiva dell 11% VANTAGGI Lavoratore: tale aliquota è più bassa rispetto a quella applicata sui rendimenti realizzati da altre forme di investimento Anticipazioni Riscatti Per spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge e ai figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche Per l'acquisto della prima casa di abitazione Il riscatto parziale (50%) nei casi di cessazione dell'attività lavorativa ovvero in caso di ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% Lavoratore: applicazione di una aliquota di tassazione pari al 23% Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% pagina 31

32 RETIREMENT (3) MISURA VANTAGGI Riscatti Prestazione sotto forma di capitale Prestazione sotto forma di rendita Il riscatto totale per i casi di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di 1/3 e a seguito di cessazione dell'attività lavorativa che comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi Erogazione al raggiungimento dei requisiti pensionistici di un importo a titolo di capitale Erogazione al raggiungimento dei requisiti pensionistici di un importo a titolo di rendita mensile Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% Lavoratore: imposizione fiscale nella misura del 15%, che si riduce di 0,30% per ogni anno di partecipazione successivo al quindicesimo. Riduzione massima pari al 6%. Dopo 35 anni aliquota al 9% pagina 32

33 COMPLEMENTARY BENEFITS (1) PRODOTTI AZIENDALI La vendita a un prezzo convenzionato o applicando una particolare scontistica dei beni prodotti dall azienda. Art. 51 TUIR: il valore normale dei generi in natura prodotti dall azienda e ceduti ai dipendenti è determinato in misura pari al prezzo mediamente praticato dalla stessa azienda nelle cessioni al grossista. Non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d imposta a euro 258,23; se il predetto valore è superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito. Pro e contro fidelizzazione dei lavoratori rispetto ai beni aziendali; recupero marginalità rispetto alla vendita (mancato pagamento provvigioni agenti; riduzione costi accessori, trasporto); appetibilità del prodotto aziendale sul mercato del commercio al dettaglio. AZIONARIATO - STOCK OPTION Un piano di stock option è una forma di incentivazione tipica dei manager di società quotate. Essenzialmente si acquisisce il diritto ad esercitare entro una data certa o dopo scadenze prestabilite la possibilità di acquistare le azioni dell'azienda a un prezzo fissato (c.d. sticke price) solitamente inferiore rispetto a quello di mercato. pagina 33

34 COMPLEMENTARY BENEFITS (2) TRASPORTO Art. 51, comma 2, lett. d), TUIR: sono escluse dal reddito le prestazioni di servizi di trasporto collettivo alla generalità o a categorie di dipendenti; anche se affidate a terzi ivi compresi gli esercenti servizi pubblici. A tale fine l agenzia delle entrate ha specificato che: sono irrilevanti le modalità di esecuzione del servizio, nel senso che il servizio potrà essere prestato direttamente dal datore di lavoro, attraverso l'utilizzo di mezzi di proprietà dell'azienda o da questi noleggiati, ovvero fornito da terzi sulla base di apposita convenzione o accordo stipulato dallo stesso datore di lavoro; tra i soggetti terzi che possono fornire la prestazione di trasporto, sono compresi anche gli esercenti servizi pubblici, allo scopo evidentemente di chiarire che il datore di lavoro può stipulare apposita convenzione anche con esercenti servizi pubblici, ad esempio, con la società che gestisce il servizio pubblico urbano o extra-urbano del luogo in cui si trova l'azienda oppure con il servizio taxi, rimanendo comunque fermo il principio che la prestazione, ai fini della non concorrenza al reddito di lavoro dipendente, deve essere resa in modo collettivo e non può essere sostituita da un importo in denaro. pagina 34

35 UNILATERALITA / BILATERALITA I PRINCIPI 1. Un piano di welfare può essere adottato da un azienda sia con la partecipazione attiva dei sindacati e la conseguente formalizzazione di un accordo sia in modo autonomo e unilaterale. 2. Alcune misure di welfare - segnatamente quelle previste dagli artt. 57, comma 2, lett. f) e 100, comma 1, TUIR possono godere di incentivi fiscali solo se non sono previsti dalla contrattazione collettiva: «affinchè l utilizzazione delle opere/servizi sia esclusa dal reddito, è necessario che il datore sostenga volontariamente la spesa e non in adempimento di un obbligo contrattuale: la volontarietà, per la quasi totalità degli interpreti, è esclusa in presenza di un accordo sindacale». 3. A questa regola generale, va posta una importante eccezione. Qualora l Azienda anziché integrare il reddito già disponibile per il dipendente, intenda, con il piano di welfare, sostituire una parte della retribuzione accessoria già riconosciuta al lavoratore con misure di welfare aziendale, sarà necessario un accordo. 4. Il coinvolgimento del sindacato può essere opportuno per veicolare nel modo migliore l informazione ai dipendenti. pagina 35

36 BENCHMARK DI RIFERIMENTO (1) QUANTO COSTA UN PIANO DI WELFARE? OBIETTIVO FIDELIZZAZIONE OBIETTIVO WELFARE A chi è rivolto Manager e quadri Personale non dirigenziale Budget range tra euro (quadri) range tra euro (dirigenti) range tra euro (operai e impiegati) pagina 36

37 BENCHMARK DI RIFERIMENTO (2) QUANDO E COSA CONTRATTARE IN AZIENDA FLEXIBLE BENEFIT CONTRATTAZIONE AZIENDALE (ticket; polizze sanitarie; rischio infortuni; mezzi trasporto) CCNL (polizze obbligatorie; fasi, besusso, fondi previdenza negoziali) pagina 37

38 TREND (1) FLEXIBLE BENEFIT Sistemi di c.d. total reward and compensation che prevedono un budget di spesa definito per categorie di dipendenti. Ogni soggetto può poi scegliere il benfit più attinente alla sue aspettative e necessità. La scelta solitamente è reversibile di anno in anno. Vantaggi: contenimento dei costi aziendali (riferimento al solo budget e non alle singole componenti); soddisfazione del lavoratore (al cambiamento dei bisogni cambia la scelta del benefit). Svago viaggi cultura Matrimonio Figli Scuola educazione Salute Pensione pagina 38

39 TREND (2) INVESTIMENTO SUL TERRITORIO Caso Luxotica: costruzione di un asilo destinato alla popolazione locale in cui un congruo numero di posti è riservato all iscrizione convenzionata dei lavoratori dell azienda. BENEFIT COME TERZO PILASTRO Sanità: rimborso spese; convenzioni mediche; medico in azienda; massaggi; welness. Sostegno al reddito: carrello della spesa aziendale ; convenzioni. Finanziamento e prestiti: sostegno diretto alle necessità contingenti. OBIETTIVO FIDELIZZAZIONE Servizi complementari: maggiordomo aziendale; medico in azienda; servizi esclusivi collegati al brand aziendale. pagina 39

40 RETI DI PMI (1) PROBLEMA Scarsa sensibilità alle politiche di welfare e caratteristiche strutturali delle PMI. Numero ridotto di dipendenti per azienda, forte rigidità organizzativa richiesta da determinati servizi, come ad esempio quelli assistenziali e per l infanzia, dove è necessario un numero minimo di richieste per poter avviare il servizio. Inoltre, i servizi di questo genere, essendo caratterizzati da costi fissi importanti, richiedono un numero considerevole di utenti per poter raggiungere il break even point. Altro elemento è la notevole frammentazione e diffusione sul territorio (problemi logistici e di coordinamento). Diffidenza dei piccoli e medi imprenditori a partecipare a forme associative finalizzate, come ad esempio i consorzi, in cui l imprenditore non sente di riuscire a governare il processo e non riesce a percepire il vantaggio di investire risorse economiche in questo modo. pagina 40

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014 Il welfare aziendale Roma 19 maggio 2014 Agenda Contenuti Cos è il welfare aziendale Le opportunità del welfare aziendale Implementazione di un piano di welfare aziendale Profili giuslavoristici Come finanziare

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si fa carico dei bisogni del lavoratore concedendo dei benefit non in denaro, bensì sotto forma di beni e servizi. I piani di

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si fa carico dei bisogni del lavoratore concedendo dei benefit nonindenaro,bensìsottoformadibenieservizi. I piani di welfare

Dettagli

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio Gli aspetti fiscali del welfare aziendale Studio Associato Specchio Scopo: esistono soluzioni per aumentare il reddito netto percepito dal dipendente riducendo il costo aziendale derivante da un tale aumento?

Dettagli

2013 - UNO SGUARDO AL

2013 - UNO SGUARDO AL 2013 - UNO SGUARDO AL FUTURO DEI BENEFIT: Veneto Banca, SAS e Juventus Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

2013 - UNO SGUARDO AL. Veneto Banca, SAS e Juventus FUTURO DEI BENEFIT: Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012

2013 - UNO SGUARDO AL. Veneto Banca, SAS e Juventus FUTURO DEI BENEFIT: Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 2013 - UNO SGUARDO AL FUTURO DEI BENEFIT: Veneto Banca, SAS e Juventus Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente

Dettagli

I FLEXIBLE BENEFITS: un modello innovativo di Welfare. Convegno ASSOFIN, 16 ottobre 2012

I FLEXIBLE BENEFITS: un modello innovativo di Welfare. Convegno ASSOFIN, 16 ottobre 2012 I FLEXIBLE BENEFITS: un modello innovativo di Welfare Convegno ASSOFIN, 16 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente pressione fiscale e

Dettagli

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O.

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. I ncontri idee&fatti 30 marzo 2015 anno V WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche adottano i Flexible Benefits n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche

Dettagli

ISTITUTO GAMMA FORM. IMPRESE 2015

ISTITUTO GAMMA FORM. IMPRESE 2015 PROPOSTA FORMATIVA PER FONDI INTERPROFESSIONALI 2015 Elenco corsi: - JOBS ACT : TIPOLOGIE CONTRATTUALI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ LAVORATIVA - IL WELFARE AZIENDALE - LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI

Dettagli

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 17.000 dipendenti nel mondo 400 uffici in 140 Paesi il broker

Dettagli

Premio Sociale Aziendale

Premio Sociale Aziendale Premio Sociale Aziendale Vademecum In questa guida la FABI intende illustrarti brevemente le caratteristiche dell accordo «Premio sociale aziendale» firmato il 30 Luglio 2014 tra azienda e organizzazioni

Dettagli

RETI PER IL WELFARE. Barbara AMBROGIONI, Willis Italia Brescia, 5 novembre 2015

RETI PER IL WELFARE. Barbara AMBROGIONI, Willis Italia Brescia, 5 novembre 2015 RETI PER IL WELFARE Barbara AMBROGIONI, Willis Italia Brescia, 5 novembre 2015 Le esigenze del singolo variano in funzione dell età, dello status familiare, del livello di reddito e in base ad altri fattori

Dettagli

L architettura di un Piano di Welfare

L architettura di un Piano di Welfare Bologna 4 novembre 2014 L architettura di un Piano di Welfare Avv. Emanuele Barberis Partner Chiomenti Studio Legale Dott. Antonino Guida Senior Associate Chiomenti Studio Legale 1 LE TIPOLOGIE DI SERVIZI

Dettagli

IL PIANO DI WELFARE AZIENDALE Linee guida e Traccia di elaborazione

IL PIANO DI WELFARE AZIENDALE Linee guida e Traccia di elaborazione IL PIANO DI WELFARE AZIENDALE Linee guida e Traccia di elaborazione SEZIONE 1 VALORI ASSUNTI DI FONDO SENSO E SIGNIFICATO FINALITA OBIETTIVI ( ) 1/A BENESSERE DEI LAVORATORI LE PREMESSE SOSTEGNO AL POTERE

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. Project Work a cura di: Marcello Andriola Daniele Boscari Angela Fedele Marta Pedronetto Valentina Selmi

WELFARE AZIENDALE. Project Work a cura di: Marcello Andriola Daniele Boscari Angela Fedele Marta Pedronetto Valentina Selmi WELFARE AZIENDALE Project Work a cura di: Marcello Andriola Daniele Boscari Angela Fedele Marta Pedronetto Valentina Selmi Cos è il welfare aziendale? Benefit e servizi forniti dall azienda ai propri dipendenti

Dettagli

L occasione welfare aziendale

L occasione welfare aziendale L occasione welfare aziendale Più Azienda meno Stato UNA POSSIBILE ALLEANZA TRA IMPRESE E OPERE SOCIALI Perché le aziende possono pensare e realizzare piani di welfare aziendale Per dare ai propri dipendenti

Dettagli

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile»

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si

Dettagli

Verso il Welfare Aziendale Territoriale

Verso il Welfare Aziendale Territoriale Verso il Welfare Aziendale Territoriale IL IL PACCHETTO RETRIBUTIVO è costituito da: RETRIBUZIONE IN DENARO FRINGE BENEFITS PREVIDENZA E ASSISTENZA INTEGRATIVA Pagina 2 I I FRINGE BENEFITS Consistono in

Dettagli

18.000 dipendenti nel mondo

18.000 dipendenti nel mondo dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 18.000 dipendenti nel mondo 1 il broker di assicurazioni più antico al mondo, fondato nel 1828 400 uffici in 140 Paesi 420 dipendenti in Italia

Dettagli

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia 1. IL WELFARE AZIENDALE 1.1. Cos è il Welfare aziendale Per welfare aziendale

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

MUOVERSI WELFARE. Servizi ai dipendenti in azienda. www.welfareinazienda.net

MUOVERSI WELFARE. Servizi ai dipendenti in azienda. www.welfareinazienda.net MUOVERSI WELFARE Servizi ai dipendenti in azienda www.welfareinazienda.net COS E UN SISTEMA DI WELFARE IN AZIENDA? I sistemi di welfare in azienda sono caratterizzati da due elementi: diverse tipologie

Dettagli

Welfare aziendale e Flexible Benefit:

Welfare aziendale e Flexible Benefit: Welfare aziendale e Flexible Benefit: Una ricetta per aumentare engagement e produttività del capitale umano Secondo una recente indagine realizzata da The Economist in collaborazione con Towers Watson,

Dettagli

Il welfare aziendale nella fiscalità e nella previdenza

Il welfare aziendale nella fiscalità e nella previdenza S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Welfare Aziendale Pratico e la Tutela Patrimoniale Il welfare aziendale nella fiscalità e nella previdenza Loris Beretta 17 Novembre 2015 - Sede Azimut

Dettagli

Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014

Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014 Progetto La.Fem.Me. Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014 Federico Isenburg AGENDA COME E QUALI SERVIZI DARE? ALCUNI CASI

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Fiera Milano SpA. www.fieramilano.it

Fiera Milano SpA. www.fieramilano.it Fiera Milano SpA www.fieramilano.it I numeri di Fiera Milano Il Gruppo Fiera Milano è leader in Italia e uno dei più grandi operatori al mondo all interno dell intera catena del valore del business fieristico

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA DoubleYou è il partner per le aziende che vedono il Welfare come una leva strategica per lo sviluppo delle Risorse Umane, Soluzioni innovative per aumentare motivazione, produttività e senso di appartenenza

Dettagli

Flexible Reward e Piani di Welfare

Flexible Reward e Piani di Welfare BBF&Partners Servizi per la Gestione delle Risorse Umane Flexible Reward e Piani di Welfare Soluzioni web-based per sistemi flessibili di remunerazione non monetaria con benefici fiscali e contributivi

Dettagli

People Care e Welfare Aziendale: una leva competitiva

People Care e Welfare Aziendale: una leva competitiva RWA RWA Consulnting People Care e Welfare Aziendale: una leva competitiva welfare aziendale. Il trattamento fiscale agevolato delle iniziative di welfare: un catalogo di opportunità. Welfa-RE - 21 gennaio

Dettagli

Le nuove frontiere del Welfare tra variabili giuslavoristiche ed opportunità fiscali

Le nuove frontiere del Welfare tra variabili giuslavoristiche ed opportunità fiscali Le nuove frontiere del Welfare tra variabili giuslavoristiche ed opportunità fiscali Dott. Paolo Giacometti - Avv. Emanuele Barberis Milano, 14 maggio 2014 1 Insieme di servizi e prestazioni che le aziende

Dettagli

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa Welfare Aziendale Aspetti previdenziali e tributari Speaker Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa 14 ottobre 2015 Regola generale In generale

Dettagli

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014 FORUM HR 2014 Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo Roma, 19 maggio 2014 Tiziana Tafani Ufficio Relazioni Sindacali La produttività, la competitività

Dettagli

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14)

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime

Dettagli

PRATICHE DI WELFARE SOCIALE GIUGNO 2014

PRATICHE DI WELFARE SOCIALE GIUGNO 2014 PRATICHE DI WELFARE SOCIALE GIUGNO 2014 Nota introduttiva Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A; conta circa 2800 lavoratrici e lavoratori suddivisi tra socie/i lavoratrici/lavoratori (circa 2200)

Dettagli

Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech. Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata

Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech. Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata by Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata Copertura e gestione dell intera gamma dei servizi di supporto al

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato e stru/urato di inizia1ve con le quali le aziende si fanno carico dei bisogni dei propri dipenden1 e dei loro familiari, concedendo benefit e facili1es non tanto

Dettagli

SISTEMA PREMIANTE WELFARE AZIENDALE FIRENZE 19 APRILE 2016 MASSIMO MANCINI HR SOLUTION STP

SISTEMA PREMIANTE WELFARE AZIENDALE FIRENZE 19 APRILE 2016 MASSIMO MANCINI HR SOLUTION STP SISTEMA PREMIANTE WELFARE AZIENDALE FIRENZE 19 APRILE 2016 MASSIMO MANCINI HR SOLUTION STP Dono in natura o voucher specializzati eventualmente anche con valore celato. Si riconosce un risultato e si manifesta

Dettagli

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2 Premessa Una presentazione in cui si affronta il tema della fiscalità delle polizze vita e delle forme di previdenza complementare. Viene ripreso il vecchio regime fiscale (valido per tutte le polizze

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il Welfare Aziendale. Angelo De Filippo

Il Welfare Aziendale. Angelo De Filippo Ri avvicinarsi al lavoro: welfare aziendale, motivazione, comunicazione e formazione in tempi di crisi confronto e scambio pubblico/privato Fondazione CUOA 11 ottobre 2013 Il Welfare Aziendale Angelo De

Dettagli

FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento. A cura di Massimo Brisciani. Centro Studi Castelli. VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008.

FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento. A cura di Massimo Brisciani. Centro Studi Castelli. VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008. FRINGE BENEFITS Disciplina e trattamento A cura di Massimo Brisciani Centro Studi Castelli VideoLavoro 16 OTTOBRE 2008 1 Auto aziendale Determinazione valore (1/2) Uso privato Valore normale art. 9 TU

Dettagli

Fare Welfare tra tecnologia e semplicità

Fare Welfare tra tecnologia e semplicità Fare Welfare tra tecnologia e semplicità EASY WELFARE: IERI E OGGI Easy Welfare nasce nel 2007 con il nome Muoversi e oggi è leader in Italia nell offerta di sistemi integrati di Welfare Aziendale. Servizi

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015

Fondi pensione La vigilanza. Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 Fondi pensione La vigilanza Paolo Pellegrini, Mefop pellegrini@mefop.it Roma 2 ottobre 2015 CHI È MEFOP Chi è Mefop Società per lo sviluppo del mercato dei fondi pensione costituita dal Ministero dell

Dettagli

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro.

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. GUIDA AI PRODOTTI GUIDA AI PRODOTTI La linea previdenza Inizia a progettare il tuo futuro. Le forme pensionistiche complementari servono

Dettagli

T.F.R., FONDI PENSIONI, VECCHIE LIQUIDAZIONI. Che fare? Sei mesi per decidere Capire i pro e i contro

T.F.R., FONDI PENSIONI, VECCHIE LIQUIDAZIONI. Che fare? Sei mesi per decidere Capire i pro e i contro T.F.R., FONDI PENSIONI, VECCHIE LIQUIDAZIONI. Che fare? Sei mesi per decidere Capire i pro e i contro Sei mesi per decidere. Dal 1 gennaio 2007 decorre il termine dei sei mesi entro i quali tutti i lavoratori

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit

WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit Un po di storia Importanti novità A partire dall anno 2006 l insieme delle provvidenze, sovvenzioni, finanziamenti e altro, dedicato ai dipendenti del Gruppo Unicredit

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

OGGETTO: Risposte ai quesiti presentati in occasione del Forum lavoro del 17 marzo 2010 in materia di redditi di lavoro dipendente

OGGETTO: Risposte ai quesiti presentati in occasione del Forum lavoro del 17 marzo 2010 in materia di redditi di lavoro dipendente RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 marzo 2010 OGGETTO: Risposte ai quesiti presentati in occasione del Forum lavoro del 17 marzo 2010 in materia di redditi di lavoro dipendente PREMESSA

Dettagli

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Legge Stabilità 2016: potenziate le agevolazioni sui premi di produttività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la legge di stabilità per

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa Il Regime Fiscale di un Fondo Pensione è caratterizzato da tre momenti: 1. Contribuzione 2. Gestione Finanziaria

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali.

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. CAPITOLO SETTIMO INTRODUZIONE AGLI oneri e spese In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. 1 premessa

Dettagli

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA La salute dell impresa è legata indissolubilmente con quella di chi ne fa parte. La coscienza di questo legame porta alla coesione, alla condivisione di valori comuni:

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

I v a v n a t n a t gg g i i de d l e l l a l p ev e i v d i e d n e z n a c m o pl p e l m e en e t n a t r a e

I v a v n a t n a t gg g i i de d l e l l a l p ev e i v d i e d n e z n a c m o pl p e l m e en e t n a t r a e I vantaggi della previdenza complementare 1 Oggi dimostreremo al di là di ogni ragionevole dubbio che i fondi pensione contrattuali sono Necessari Convenienti Da diffondere 2 L evoluzione del sistema pensionistico

Dettagli

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014 FORUM HR 2014 Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo Roma, 19 maggio 2014 Tiziana Tafani Ufficio Relazioni Sindacali La produttività, la competitività

Dettagli

Welfare Aziendale Nuove frontiere

Welfare Aziendale Nuove frontiere Welfare Aziendale Nuove frontiere Il contesto: nuovi bisogni e nuove soluzioni Ritiro del Welfare State a causa della spending review e della riduzione dei fondi di welfare pubblico. Nascita di nuovi servizi

Dettagli

Mutua Sanitaria Integrativa. COPERTURE SANITARIE COLLETTIVE o AZIENDALI. Vantaggi Fiscali

Mutua Sanitaria Integrativa. COPERTURE SANITARIE COLLETTIVE o AZIENDALI. Vantaggi Fiscali Mutua Sanitaria Integrativa COPERTURE SANITARIE COLLETTIVE o AZIENDALI Vantaggi Fiscali Copertura Sanitaria Integrativa Aziendale Già la riforma sanitaria contenuta nei DD.LLggss. 502/92, 517/93 e 229/99

Dettagli

MUOVERSI WELFARE. Servizi ai dipendenti in azienda. www.welfareinazienda.net

MUOVERSI WELFARE. Servizi ai dipendenti in azienda. www.welfareinazienda.net MUOVERSI WELFARE Servizi ai dipendenti in azienda www.welfareinazienda.net AGENDA 1. LE OPPORTUNITÀ DEL WELFARE AZIENDALE 2. PERCHE SCEGLIERE MUOVERSI MUOVERSI SRL 2012 - Strettamente Confidenziale 2 AGENDA

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale. Novità e prospettive per l occupabilità

WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale. Novità e prospettive per l occupabilità WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale Roma, 22 gennaio 2015 Novità e prospettive per l occupabilità Alessandra Servidori Ringraziamo dell opportunità data: da

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Associazione Italiana per l Previdenza e Assistenza Complementare Giornata Nazionale della Previdenza Milano, Palazzo Mezzanotte 15 maggio 2015 WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Indice Di cosa

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale - Allegato alla Nota informativa - Documento sul regime fiscale Allegato alla Nota informativa Pagina 1

Dettagli

FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE. di Sergio Mario Ghisoni

FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE. di Sergio Mario Ghisoni FRINGE BENEFIT E RIMBORSI SPESE di Sergio Mario Ghisoni Formule, esempi e schemi riportati in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. L elenco completo e le istruzioni per scaricare

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione a L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione

Dettagli

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Contributo della CISL a cura di: - Sociale, Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

GLOSSARIO FONDOPOSTE

GLOSSARIO FONDOPOSTE GLOSSARIO FONDOPOSTE A Aliquota IRPEF È la percentuale che viene applicata al reddito imponibile e che serve a determinare l'imposta. Il reddito ai fini IRPEF è diviso in scaglioni e ogni scaglione è assoggettato

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

SAS 4 you progetto Flex Ben

SAS 4 you progetto Flex Ben SAS INSTITUTE SRL Presenta SAS 4 you progetto Flex Ben Referente/Responsabile Progetto: Elena Panzera Titolare Direzione Risorse Umane: Elena Panzera Arco temporale di sviluppo del progetto: da 1 gennaio

Dettagli