GARANZIA GIOVANI misura 6 SERVIZIO CIVILE REGIONALE Enti e attività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GARANZIA GIOVANI misura 6 SERVIZIO CIVILE REGIONALE Enti e attività"

Transcript

1 GARANZIA GIOVANI misura 6 SERVIZIO CIVILE REGIONALE Enti e attività Posti totali a disposizione: 24 Durata del servizio: 6 mesi Ore servizio: 30 settimanali Compenso: 433,00 (erogato da ARSEL) Periodo di avvio: dicembre 2014/gennaio 2015 Orientamento e informazione: tutti gli Enti Coordinamento: tel Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario Spese assicurative: a carico dell'ats o degli Enti N. Ente Nome Sedi e posti Ambito 1 Organizzazione di Volontariato Caritas Intemelia Ventimiglia n. 2 posti Disagio sociale, povertà, salute mentale, immigrazione 2 Associazione Centro Ascolto Caritas di Sanremo Sanremo fino a n. 6 posti Disagio sociale, povertà, salute mentale, rifugiati 3 Coop. Sociale Centro di Solidarietà L'Ancora Ventimiglia, Sanremo, Taggia, Dipendenze, prevenzione-centri

2 Santo Stefano al Mare, Imperia fino a n. 9 posti giovanili 4 Confederazione Confcooperative Liguria Sede di Imperia Sanremo, Arma di Taggia, San Bartolomeo al Mare fino a n. 10 posti Pubblica assistenza, asili nido, centro giovanile, alzhaimer, commercio equo e solidale/biologico 5 PATRONATO INAC LIGURIA Imperia e Sanremo n. 2 posti Immigrazione, assistenza 6 Associazione Nazionale A.N.P.A.S. Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze Cervo n. 2 posti Pubblica assistenza 7 Associazione Servizi Caritas Diocesana Sanremo, Arma di Taggia fino a n. 2 posti Recupero-riuso, educazione mondialità, corsi italiano, doposcuola 1. OdV CARITAS INTEMELIA PRESENTAZIONE ENTI ED ATTIVITA' Schede di sintesi AZIONE/INTERVENTO: Disagio sociale, povertà, salute mentale, immigrazione Titolo progetto Ambito Descrizione Obiettivi da perseguire UNA SOLA FAMIGLIA UMANA Disagio sociale, povertà, salute mentale, immigrazione L associazione offre: Servizi Educativi Territoriali per adulti in difficoltà; Sportello Immigrati regolari e rifugiati; Servizi di prima assistenza: ascolto, distribuzione generi alimentari e capi vestiario, servizio doccia; Ambulatorio infermieristico e medico generico; Mensa serale e accoglienza notturna maschile e femminile; Gestione di alloggi assistiti Informazione e sensibilizzazione in scuole e parrocchie Sostegno e accompagnamento all'autonomia delle persone

3 Modalità di realizzazione Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diversi servizi in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato da volontari ed operatori, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. Numero giovani previsto 2 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Ente/Enti attuatori Eventuali soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario OdV CARITAS INTEMELIA Sede: Ventimiglia OdV CARITAS INTEMELIA 2. ASSOCIAZIONE CENTRO ASCOLTO CARITAS SANREMO AZIONE/INTERVENTO: Disagio sociale, povertà, salute mentale, immigrazione Titolo progetto Ambito Descrizione UNA SOLA FAMIGLIA UMANA Disagio sociale, povertà, salute mentale, immigrazione, rifugiati Servizi dell'associazione: - centro di ascolto e orientamento - assistenza viveri e vestiario - sportello lavoro - centro diurno - percorsi educativi di accompagnamento - prima accoglienza notturna maschile (14 posti letto) e femminile (4 posti letto) - alloggi di seconda accoglienza a favore di famiglie in difficoltà (2 nuclei familiari). - alloggi protetti per sofferenti psichici (6 posti).

4 - progetto SPRAR (4 posti per rifugiati con problemi di disagio mentale) - accoglienza rifugiati (9 posti - in accordo con la Prefettura di Imperia) - informazione e sensibilizzazione in scuole e parrocchie Obiettivi da perseguire Modalità di realizzazione Sostegno e accompagnamento all'autonomia delle persone Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diversi servizi in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato da volontari ed operatori, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. Numero giovani previsto fino a n. 6 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Ente/Enti attuatori Eventuali soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario ASSOCIAZIONE CENTRO ASCOLTO CARITAS SANREMO Sede Sanremo: tel ASSOCIAZIONE CENTRO ASCOLTO CARITAS SANREMO 3. CENTRO DI SOLIDARIETA' L'ANCORA AZIONE/INTERVENTO MINORI E TOSSICODIPENDENZA Titolo progetto Ambito Descrizione UNA SOLA FAMIGLIA UMANA Minori e tossicodipendenza L'Ancora è una cooperativa sociale che opera nell'area di cura, riabilitazione e inserimento sociale destinato a chi ha avuto problemi di tossicodipendenza, così come nelle attività di prevenzione. Diverse sono le aree in cui è possibile inserire i giovani previo colloquio conoscitivo. Per quanto riguarda l'area della cura delle dipendenze, i giovani potran-

5 no essere inseriti in una delle due comunità terapeutiche: la C.T. Riviera Flowers a Ventimiglia, esistente dal 1989, 52 posti disponibili, e Villa Fanny a Imperia, 20 posti, che dal 2000 è una comunità terapeutica specialistica per tossicodipendenti con rilevanti disturbi psichiatrici. I giovani inoltre potranno essere inseriti nel Laboratorio protetto di Arma di Taggia dove gli extossicodipendenti che hanno completato il trattamento residenziale possono provare un primo reinserimento lavorativo in modo da sperimentarsi in una dimensione di parziale autonomia mentre costruiscono il loro rientro. I giovani potranno altresì essere inseriti in attività di prevenzione dell uso di sostanze. Nell'ambito degli interventi è aperto da oltre 5 anni il Centro di Aggregazione Giovanile Baraonda a San Remo. E' un'iniziativa rivolta a giovani di età tra gli 11 ed i 18 anni e propone attività di vario genere: musica, sport, teatro, cinema ma è soprattutto luogo d'incontro e spazio aperto. Visto il successo di Baraonda il Centro Ancora ha recentemente aperto altri due Centri di Aggregazione Giovanile, uno a Taggia ed uno a Santo Stefano al Mare. Infine a completamento degli interventi rivolti ai minori l'ancora nel settembre 2006 ha aperto il Centro Minori Villa Catina presso una magnifica sede completamente ristrutturata che si trova a Ventimiglia in Via Gallardi 31 che si occupa di accogliere minori con problematiche familiari e di disagio educativo. La struttura offre 10 posti residenziali, 2 di pronta accoglienza e 2 posti per l alloggio per l autonomia (ovvero per ragazzi che hanno compiuto il 18 anno di età). Obiettivi da perseguire Modalità di realizzazione Sostegno quotidiano, animazione e accompagnamento all'autonomia dei soggetti tossicodipendenti Animazione e sostegno nelle attività quotidiane di minori Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diversi servizi in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato dagli operatori del Centro Ancora, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. Numero giovani previsto fino a n. 9 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi

6 Ente/Enti attuatori Eventuali soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario Centro di solidarietà l Ancora Sedi: Ventimiglia, Sanremo, Taggia, Santo Stefano al Mare. Imperia tel Centro di solidarietà l Ancora 4. CONFCOOPERATIVE IMPERIA/SAVONA AZIONE/INTERVENTO Minori, Anziani, Emergenza Titolo progetto Ambito Descrizione UNA SOLA FAMIGLIA UMANA Minori, Anziani, Emergenza I giovani potranno essere inseriti in diverse tipologie di attività previo colloquio. Presso la Croce Verde Arma di Taggia e Croce Bianca Imperia i giovani saranno impegnati in servizi di: Servizio di Emergenza sanitaria 118 Servizio di trasporto sanitario assistito Presso gli asili nido di Ventimiglia, Sanremo, Imperia e San Bartolomeo al Mare i giovani saranno impegnati in attività di animazione ed accudimento dei bambini. Ulteriore possibilità di inserimento per i giovani sono presso il Centro di Aggregazione Giovanile Spazio 139 di San Bartolomeo al Mare dove giovani di età tra gli 11 ed i 18 anni svolgono attività di vario genere: musica, sport, teatro, cinema ma è soprattutto luogo d'incontro e spazio aperto. Presso il Centro diurno Alzheimer di Sanremo i giovani verranno inseriti in una struttura semiresidenziale che si rivolge a persone di età superiore ai 60 anni parzialmente o totalmente non autosufficienti. Possibilità di inserimento anche nella Cooperativa Sociale TERRE SOLIDALI onlus che promuovere i principi e gli ideali del commercio

7 Obiettivi da perseguire Modalità di realizzazione equo e solidale e della produzione biologica. I giovani saranno impegnati in attività di informazione e sensibilizzazione e nella gestione di negozio. Sostegno ed animazione anziani Animazione e sostegno nelle attività quotidiane di minori Pronto soccorso Trasporto sanitario Commercio equo e solidale/biologico Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diversi servizi in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato dagli operatori delle cooperative associate a Confcooperative Imperia Savona ed agli enti partner, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. Numero giovani previsto fino a n. 10 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Ente/Enti attuatori Eventuali soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario Confcooperative Imperia Savona Sedi: Sanremo, Arma di Taggia, San Bartolomeo al Mare tel Croce Bianca Imperia Croce Verde Taggia Confcooperative Imperia Savona 5. PATRONATO INAC AZIONE/INTERVENTO: immigrazione assistenza Titolo progetto Ambito Descrizione UNA SOLA FAMIGLIA UMANA Immigrazione, assistenza Il progetto consiste nello sviluppo ed implementazione dello Sportello Sociale informatizzato

8 Obiettivi da perseguire Modalità di realizzazione Numero giovani previsto 2 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Ente/Enti attuatori Eventuali soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento Garantire la massima diffusione dei servizi presenti sul territorio di natura assistenziale, sanitaria, assicurativo-previdenziale con l obiettivo di raggiungere per via telematica, con un facile strumento di consultazione, il maggior numero possibile di immigrati, sparsi nei luoghi più disparati del territorio, superando gli ostacoli di natura territoriale e culturale e al tempo stesso avvicinando le giovani generazioni alle problematiche dell immigrazione in Liguria Implementazione dei dati da inserire nell archivio informatico dello Sportello sociale; attività di monitoraggio e ricerca di dati, notizie e fonti sui servizi presenti nel territorio per l inserimento Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario Patronato INAC Sedi: Imperia e Sanremo tel CIA LIGURIA; ANP LIGURIA; CIPAAT LIGURIA INAC LIGURIA 6. A.N.P.A.S. Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze AZIONE/INTERVENTO: pubblica assistenza Titolo progetto Ambito Descrizione UNA SOLA FAMIGLIA UMANA Pubblica assistenza Le attività previste ono quelle tipiche delle pubbliche assistenze liguri e consisto nell Emergenza sanitaria (servizio di soccorso sanitario 118) e nel trasporto socio-sanitario (assistito) di persone che, per le loro specifiche condizioni di salute (temporanee o permanenti) non possano impiegare i comuni mezzi di trasporto pubblici o privati. Entrando maggiormente nello specifico le due attività possono essere così descritte: Emergenza sanitaria (servizio 118): il servizio è gestito in

9 coordinamento con la Centrale operativa Imperia Soccorso (118). Trasporto sanitario assistito Obiettivi da perseguire Modalità di realizzazione Pronto soccorso e trasporto sanitario La mansione di soccorritore negli interventi di emergenza avverrà con la massima gradualità possibile, dopo il completamento del percorso formativo e dopo il superamento della prova di validazione del brevetto per il BLS-D (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce da parte dell ASL 1 Imperiese ). Numero giovani previsto 2 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Ente/Enti attuatori Eventuali i soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario A.N.P.A.S. Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze La sede di progetto sarà la P.A. Croce d Oro Cervo, via Nazario Sauro n.10, Cervo (IM) tel A.N.P.A.S. Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze 7. ASSOCIAZIONE SERVIZI CARITAS DIOCESANA AZIONE/INTERVENTO: Recupero-riuso, educazione mondialità, corsi italiano, doposcuola Titolo progetto Ambito Descrizione UNA SOLA FAMIGLIA UMANA, cibo per tutti: è compito nostro Recupero-riuso, educazione mondialità, corsi italiano, doposcuola Servizi dell'associazione: laboratorio NuovaMente (recupero e distribuzione mobili, suppellettili, giocattoli, abbigliamento) corsi informali di italiano per persone straniere, corsi di taglio e cucito per

10 donne straniere (in particolare provenienti dal nord Africa), doposcuola e animazione con i figli delle signore partecipanti. Obiettivi da perseguire Modalità di realizzazione attività formativi su pace, mondialità e solidarietà nelle scuole, organizzazione e realizzazione della Pace di Corsa Sostegno e accompagnamento all'autonomia delle persone; sensibilizzazione e formazione sulla salvaguardia dell'ambiente, sulla pace e la mondialità Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diverse attività in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato da volontari ed operatori, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. Numero giovani previsto fino a n. 2 Modalità di selezione degli aspiranti Durata del Servizio Formazione prevista Ente/Enti attuatori Eventuali i soggetti partner coinvolti Ente capofila dell intervento Colloqui individuali, approfondimento dei CV e delle esperienze effettuate 6 mesi Formazione generale: 28 ore per tutto il gruppo a cura dell ATS (include 13 ore sul Primo Soccorso per aziende gruppo B e C, effettuate ai sensi del D.M. 388/2003 e in attuazione al D.lgs. 81/2008) Formazione specifica: a cura delle singole sedi/membri di ATS che accolgono il volontario ASSOCIAZIONE SERVIZI CARITAS DIOCESANA Sede: Sanremo tel ASSOCIAZIONE SERVIZI CARITAS DIOCESANA 1. OdV Caritas Intemelia PRESENTAZIONE ENTI ED ATTIVITA' Descrizione L Associazione lavora dal 1991 in rete ed in collaborazione con il Distretto Socio Sanitario n.1 (Comuni di Ventimiglia, Vallecrosia e Bordighera) e con le unità Operative dell Asl n.1, nonché con altre organizzazioni del terzo settore con una seria progettualità ed un serio lavoro di indagine e monitoraggio del territorio. Con questo stile, ed in una visione ispirata alla concezione cristiana dell uomo e della realtà in cui vive, l organizzazione si contraddistingue per l erogazione dei propri servizi per rispondere in modo unitario ad una crescente richiesta di intervento e sostegno da parte di persone senza casa, senza lavoro e con gravi situazioni di disagio sociale ed emarginazione determinati, sempre più spesso, dalla sofferenza psichica.

11 L associazione offre: 1) Servizi Educativi Territoriali per adulti in difficoltà; 2) Sportello Immigrati regolari e rifugiati; 3) Servizi di prima assistenza: ascolto, distribuzione generi alimentari e capi vestiario, servizio doccia; 4) Ambulatorio infermieristico e medico generico; 5) Mensa serale e accoglienza notturna maschile e femminile; 6) Gestione di alloggi assistiti; 7) Informazione e sensibilizzazione in scuole e parrocchie. Per le persone residenti che si rivolgono ai servizi offerti dalla Caritas, le problematiche più ricorrenti riscontrate sono: il problema della disoccupazione/sottoccupazione, gravi conflitti familiari, problemi di abitazione, sofferenza psichica, dipendenza da sostanze, gravi malattie fisiche, problemi di indigenza a causa di pensioni di anzianità minime, problemi legali e giudiziari. Nella maggior parte dei casi queste forme di disagio si presentano cumulate tra loro nelle storie di vita di ogni persona accolta dalla Caritas, richiedendo in risposta interventi articolati e progetti di accompagnamento predisposti in rete con i servizi sociali e sanitari pubblici. Accanto ai buoni alimentari distribuiti, ai pernottamenti offerti, ai pasti forniti alla mensa, ai servizi di infermeria ed ai sussidi vari elargiti, il Centro Ascolto impegna risorse in interventi di segretariato sociale e interventi di animazione e sostegno personale. Attività proposte Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diversi servizi in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato da volontari ed operatori, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. 2. Associazione Centro Ascolto Caritas di Sanremo L Associazione intende promuovere la crescita umana e sociale delle persone in difficoltà, in una visione ispirata alla concezione cristiana dell uomo e della realtà in cui vive. E obiettivo principale dell Associazione non dare solo assistenza materiale, ma di proporre progetti di miglioramento e promozione della qualità della vita delle persone. E punto di riferimento costante per gli Enti locali, in particolare il Distretto Socio Sanitario n. 2 e l'asl, e per le realtà del Terzo Settore. Opera dal 1988 grazie all apporto di volontari ed operatori. Servizi del'associazione: - centro di ascolto e orientamento, - assistenza viveri e vestiario, - sportello lavoro, - centro diurno. - percorsi educativi di accompagnamento - prima accoglienza notturna maschile (14 posti letto) e femminile (4 posti letto) - alloggi di seconda accoglienza a favore di famiglie in difficoltà (2 nuclei familiari). - alloggi protetti per sofferenti psichici (6 posti).

12 - progetto SPRAR (4 posti per rifugiati con problemi di disagio mentale) - accoglienza rifugiati (9 posti - in accordo con la Prefettura di Imperia) - informazione e sensibilizzazione Attività proposte Ai giovani interessati viene proposto di collaborare nei diversi servizi in base alle proprie attitudini, con un coinvolgimento progressivo accompagnato da volontari ed operatori, legato alla conoscenza delle attività, dell'organizzazione ed alla formazione specifica. 3. Centro di Solidarietà L'Ancora L'Ancora è una cooperativa sociale che opera nell'area di cura, riabilitazione e inserimento sociale destinato a chi ha avuto problemi di tossicodipendenza, così come nelle attività di prevenzione. Nasce nel gennaio 1984 come associazione per rispondere alle situazioni di disagio minorile, legate in particolare alle problematiche di tossicodipendenza. Trasformata in cooperativa sociale, l'ancora ha maturato una esperienza più che ventennale sia nell'area del trattamento dei problemi di abuso e dipendenza da sostanze che in quella della prevenzione. Diverse sono le aree in cui è possibile inserire i giovani previo colloquio conoscitivo. Per quanto riguarda l'area della cura delle dipendenze, i giovani potranno essere inseriti in una delle due comunità terapeutiche: la C.T. Riviera Flowers a Ventimiglia, esistente dal 1989, 52 posti disponibili, e Villa Fanny a Imperia, 20 posti, che dal 2000 è una comunità terapeutica specialistica per tossicodipendenti con rilevanti disturbi psichiatrici. Il trattamento, oggi flessibile e individualizzato, prevede una fase di primo contatto dove le persone vengono invitate a fare i colloqui con gli operatori. A questa fase può seguire l'inserimento in une delle Comunità, seguito da una fase conclusiva di counceling post-trattamento finalizzata al reinserimento. I giovani inoltre potranno essere inseriti nel Laboratorio protetto di Arma di Taggia dove gli extossicodipendenti che hanno completato il trattamento residenziale possono provare un primo reinserimento lavorativo in modo da sperimentarsi in una dimensione di parziale autonomia mentre costruiscono il loro rientro. I giovani potranno altresì essere inseriti in attività di prevenzione dell uso di sostanze. Nell'ambito degli interventi è aperto da oltre 5 anni il Centro di Aggregazione Giovanile Baraonda a San Remo. E' un'iniziativa rivolta a giovani di età tra gli 11 ed i 18 anni e propone attività di vario genere: musica, sport, teatro, cinema ma è soprattutto luogo d'incontro e spazio aperto. Seguiti da alcuni operatori e da volontari i giovani trovano infatti a Baraonda una sede idonea per incontrarsi, scambiarsi opinioni, divertirsi, ma anche svolgere attività creative e artistiche da loro proposte. Ad oggi sono circa 80 gli iscritti e 30 la media di presenze giornaliere. Visto il successo di Baraonda il Centro Ancora ha recentemente aperto altri due Centri di Aggregazione Giovanile, uno a Taggia ed uno a Santo Stefano al Mare.

13 Infine a completamento degli interventi rivolti ai minori l'ancora nel settembre 2006 ha aperto il Centro Minori Villa Catina presso una magnifica sede completamente ristrutturata che si trova a Ventimiglia in Via Gallardi 31 che si occupa di accogliere minori con problematiche familiari e di disagio educativo. La struttura offre 10 posti residenziali, 2 di pronta accoglienza e 2 posti per l alloggio per l autonomia (ovvero per ragazzi che hanno compiuto il 18 anno di età). 4. Confcooperative Liguria Sede di Imperia I giovani potranno essere inseriti in diverse tipologie di attività previo colloquio. Presso la Croce Verde Arma di Taggia e Croce Bianca Imperia i giovani saranno impegnati in servizi di: Servizio di Emergenza sanitaria 118: il compito del servizio 118 (istituito con DPR del 27 marzo 1992) è quello di coordinare e gestire tutte le richieste di soccorso sanitario, assicurando il rapido invio dei soccorritori. Si tratta infatti di un servizio nazionale organizzato territorialmente grazie a centrali operative locali (regionali, provinciali o metropolitane) che si servono di infrastrutture informatiche e di reti telefoniche e radiofoniche per coordinare gli interventi di Emergenza sanitaria. In Liguria il servizio di Emergenza sanitaria 118 è coordinato da 5 centrali operative territoriali, quella con sede a Imperia, ha competenza sul territorio di attivazione del progetto. Nella realizzazione degli interventi di soccorso extraospedaliero, l U.O. 118 di Imperia si avvale dei mezzi degli equipaggi di soccorritori messi a disposizione dalle Pubbliche Assistenze e dalla Croce Rossa Italiana e formanti una rete territoriale costituita da alcune decine di soggetti (enti di volontariato sanitario, comitati CRI) che gestiscono l intervento di soccorso in coordinamento con la centrale operativa 118 e collaborando con il personale medico e paramedico dell U.O. 118 che opera in servizio di auto medica. Servizio di trasporto sanitario assistito: i servizi di trasporto assistito sono rivolti, principalmente ad anziani non deambulanti affetti da patologie croniche, disabili motori, soggetti in grado di deambulare autonomamente, ma le cui condizioni di salute sconsigliano il ricorso ai mezzi di trasporto ordinari (è il caso di molti pazienti sottoposti a dialisi o di pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia). I servizi di questo tipo sono svolti dalle pubbliche assistenze, su richiesta medica (preventivamente autorizzate dai servizi territoriali ASL) e consistono nel trasporto presso presidi ospedalieri, laboratori clinici, ambulatori specialistici convenzionati di pazienti che si debbono sottoporre ad analisi cliniche, prestazioni terapeutiche o fisioterapiche, visite mediche specialistiche, emodialisi. Rientrano nella categoria del trasporto assistito anche quelli rivolti a pazienti ricoverati o dimessi dagli ospedali e che non possano utilizzare i comuni mezzi di trasporto pubblici e privati. Presso gli asili nido di Ventimiglia, Sanremo, Imperia e San Bartolomeo al Mare i giovani saranno impegnati in attività di animazione ed accudimento dei bambini. L Asilo nido è un luogo di educazione e crescita dei piccoli che favorisce l attaccamento e al contempo l apprendimento, con il compito di proteggere e compensare il bambino dall esperienza di separazione dai genitori, offrendo ai bambini la possibilità di sperimentare percorsi di socializzazione e, allo stesso tempo, la possibilità di creare rapporti continuativi nel tempo, garantendo uno sviluppo armonico della loro personalità, attraverso lo sviluppo di campi di esperienza che sorreggono e stimolano la crescita psicofisica, emotivo-affettiva e cognitiva dei bambini.

14 La filosofia del progetto educativo delle sedi coinvolte sul presente progetto riconosce il nido d infanzia come un ambiente di vita, un ambiente nel quale bambini e adulti trascorrono molte ore del loro vivere quotidiano e dentro al NIDO costruiscono una fitta trama di relazioni significative: Qui ci sono bambini e adulti che cercano il piacere di giocare, lavorare, parlare, pensare, inventare insieme. Impegnati ad imparare come l essere e i rapporti delle cose e degli uomini possono essere ricercati, fatti migliori e goduti in amicizia. (Loris Malaguzzi) Nido d infanzia quindi come contesto che propone, che provoca, sostiene, che immette il bambino dentro ad un contesto di relazioni. In questa rete complessa il bambino è costantemente al centro; è un bambino che possiede fin da subito, come risorsa l attenzione, la curiosità, lo stupore. Il progetto pedagogico che le educatrici del nido in collaborazione con i giovani inseriti a progetto attueranno si basa sull applicazione di linee guida che si pongono l obiettivo di: Promuovere l identità del bambino attraverso la sollecitazione e il sostegno di processi di costruzione dell autonomia e il rispetto del suo vissuto personale, delle sue abitudini e dei suoi tempi. Sostenere le competenze del bambino e i suoi processi di conoscenza attraverso la guida creativa di un adulto incoraggiante e orientato all ascolto. Promuovere la conoscenza del mondo sociale e delle sue regole, attraverso una pedagogia che riconosce l importanza dell esperienza sociale nel processo di crescita favorendone tutti gli aspetti. Di monitorare la reazione del bambino alla proposta educativa, attraverso un metodo osservativo del comportamento, che applicato quotidianamente permetterà all educatrici di monitorare il gruppo dei bambini e ripensare le proposte. Sostenere la partecipazione della famiglia alla vita del nido, e come famiglia non si intendono solo i genitori ma anche i nonni, gli zii, i quali sono risorsa importante, come del resto la collaborazione della comunità e il coinvolgimento degli abitanti del territorio. Uscire dall occasionalità attraverso la progettazione consapevole delle attività proposte lavorando con metodo coerente e costante. Ulteriore possibilità di inserimento per i giovani sono presso il Centro di Aggregazione Giovanile Spazio 139 di San Bartolomeo al Mare dove giovani di età tra gli 11 ed i 18 anni svolgono attività di vario genere: musica, sport, teatro, cinema ma è soprattutto luogo d'incontro e spazio aperto. Seguiti da alcuni operatori e da volontari i giovani trovano infatti a Spazio 139 una sede idonea per incontrarsi, scambiarsi opinioni, divertirsi, ma anche svolgere attività creative e artistiche da loro proposte. Presso il Centro diurno Alzheimer di Sanremo i giovani verranno inseriti in una struttura semiresidenziale che si rivolge a persone di età superiore ai 60 anni parzialmente o totalmente non autosufficienti, persone affette da patologie cronico degenerative (tra cui demenze e Alzheimer) e/o invalidanti, persone inserite in un contesto familiare per il quale l assistenza domiciliare risulta insufficiente o troppo difficoltosa, persone sole a rischio di emarginazione. Le principali attività svolte all interno del Centro diurno sono: - attività di animazione, occupazionali e ricreative - attività psicomotorie - riabilitazione cognitiva - prestazioni di sostegno psicologico

15 Possibilità di inserimento anche nella Cooperativa Sociale TERRE SOLIDALI onlus che nasce a Sanremo nel dicembre del 2005, come naturale sviluppo delle attività dell'associazione Sottosopra con l'obiettivo di promuovere, nel contesto territoriale in cui opera, i principi e gli ideali del commercio equo e solidale e della produzione biologica. La Cooperativa è nata con la finalità di operare nell'ambito dell'economia alternativa tentando di coniugare le due importanti dimensioni della solidarietà internazionale e locale. La Cooperativa gestisce un negozio in via Manzoni a Sanremo dove vengono promossi e venduti i prodotti del commercio equo e solidale, biologici e detersivi alla spina. La Cooperativa segue numerosi progetti sia nel nostro territorio che a livello internazionale finalizzati al superamento del disagio adulto e giovanile, ed in particolare contro lo sfruttamento delle minoranze sociali, attraverso un adeguato sostegno e un assistenza continuativa, anche a distanza, delle persone coinvolte. Come Cooperativa Sociale di tipo B l'inserimento di soggetti svantaggiati è considerato prioritario (tra gli strumenti principali quello della borsa lavoro con la Provincia di Imperia, il Centro di Ascolto della Caritas di Sanremo e la Coop. Soc. L Ancora, che si occupa di recupero di persone tossicodipendenti) e particolare attenzione viene data al coinvolgimento di giovani sottoposti a pene alternative, in collaborazione con il Ministero di Grazia e Giusitizia, e di giovani stranieri, per favorirne l'integrazione sociale, in collaborazione con la Caritas diocesana di Ventimiglia-Sanremo e con la Regione Liguria. Attraverso un progetto di importazione diretta dall Honduras, dal Guatemala, dalla Mongolia, Thailandia ed India la Cooperativa distribuisce anche prodotti artigianali all'interno del circuito nazionale del commercio equo e solidale raggiungendo circa 40 punti vendita in tutta Italia. Attività proposte: diffusione dei principi e gli ideali del commercio equo e solidale nelle scuole, attraverso serate a tema, incontri con i produttori, banchetti presso parrocchie, fiere ed in occasione di eventi particolari, e nei propri punti vendita; sistemazione del magazzino, disposizione, prezzatura e verifica dei prodotti nel negozio. 5. PATRONATO INAC LIGURIA Scopo degli sportelli del Patronato è garantire la massima diffusione dei servizi presenti sul territorio di natura assistenziale, sanitaria, assicurativo-previdenziale con l obiettivo di raggiungere per via telematica, con un facile strumento di consultazione, il maggior numero possibile di immigrati, sparsi nei luoghi più disparati del territorio, superando gli ostacoli di natura territoriale e culturale e al tempo stesso avvicinando le giovani generazioni alle problematiche dell immigrazione in Liguria Le attività consistono nell'implementazione dei dati da inserire nell archivio informatico dello Sportello sociale; nel monitoraggio e ricerca di dati, notizie e fonti sui servizi presenti nel territorio per l inserimento. Sedi di servizio sono ad Imperia e Sanremo. 6. A.N.P.A.S. Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze ATTIVITA PREVISTE Sono quelle tipiche delle pubbliche assistenze liguri e consisto nell Emergenza sanitaria (servizio di soccorso sanitario 118) e nel trasporto socio-sanitario (assistito) di persone che, per le loro specifiche condizioni di salute (temporanee o permanenti) non possano impiegare i comuni mezzi di trasporto pubblici o privati. Entrando maggiormente nello specifico le due attività possono essere così descritte:

16 Emergenza sanitaria (servizio 118): il servizio è gestito in coordinamento con la Centrale operativa Imperia Soccorso (118). L attività svolta consiste nella ricezione della chiamata di allertamento presso il centralino della sede locale di progetto e nell intervento con i mezzi di soccorso (unità mobili di soccorso o di rianimazione), durante tale attività saranno utilizzati i presidi sanitari in dotazione alle ambulanze (lettiga auto caricante, tavola spinale, collari cervicali ed altri presidi ortopedici, aspiratori di secrezione, erogatori ossigeno, defibrillatore automatico esterno (DAE) per l utilizzo dei quali, i giovani in Servizio civile ( Garanzia Giovani ) dovranno aver conseguito le apposite attestazioni rilasciate al termine del 118, dopo aver superato con esito positivo l esame di abilitazione da parte del Servizio 118 dell ASL 1 Imperiese. Trasporto sanitario assistito: i trasporti sanitari sono pressoché integralmente gestiti dalle nostre associazioni, il servizio consiste nella ricezione (al centralino dell ente) della chiamata con la quale l utente (ospedale, altro presidio sanitario, residenza per anziani, ma anche privato cittadino) prenota il trasporto e nell attività di trasporto e di accompagnamento presso presidi ospedalieri ed altre strutture di assistenza. La composizione delle squadre di emergenza sanitaria (118) vede la presenza di almeno 3 operatori (1 autista e 2 soccorritori), quella delle squadre operative impegnate nelle attività di trasporto sanitario è più flessibile e può variare a seconda delle esigenze di servizio (ad esempio del grado di autonomia deambulatoria dei pazienti trasportati, del loro peso delle loro condizioni generali). RUOLI PREVISTI I giovani in Servizio civile regionale svolgeranno la mansione di accompagnatore nei servizi di trasporto assistito ed è previsto un loro graduale inserimento nelle squadre operative, che avverrà contestualmente allo svolgimento della formazione, dopo un periodo di tirocinio protetto non inferiore alle 30 ore. La mansione di soccorritore negli interventi di emergenza sarà svolta dai volontari inseriti nell ambito dell azione Garanzia giovani e avverrà con la massima gradualità possibile, dopo il completamento del percorso formativo e dopo il superamento della prova di validazione del brevetto per il BLS-D (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce da parte dell ASL 1 Imperiese ). Poiché l attività di trasporto assistito e l intervento d Emergenza sanitaria non si limitano alla sola presa in carico del paziente o alle manovre di stabilizzazione dello stesso, ma comprendono diverse attività da attuare prima e dopo il servizio vero e proprio e che ne consentono l attuazione in sicurezza, i volontari del Servizio civile regionale sarà richiesto un impegno analogo a quello richiesto ai volontari e ai dipendenti della singola sede locale e comprensivo di una serie di attività, come il controllo dei presidi medicali, il loro reintegro e l igienizzazione del vano sanitario delle ambulanze e degli autoveicoli impiegati nelle attività. I giovani selezionati per l Area Servizio civile a 360 potranno eventualmente prendere parte a eventuali interventi in Emergenza sanitaria (118) solo dopo il completamento dell intero percorso formativo (percorso n. 2), non prima di aver svolto almeno metà del monte ore previsto e comunque potranno ricoprire solo la mansione di osservatore (vale a dire senza mai venire in contatto diretto con i pazienti soccorsi e senza nessuna responsabilità inerente la gestione dell intervento). ORARI E TURNAZIONI L orario di servizio è articolato sulla base di un monte orario semestrale di 700 ore per i giovani selezionati per Garanzia Giovani e di 390 ore per i giovani dell Area penale, per ambedue le aree di attività è garantita

17 la massima flessibilità possibile, per conciliare le esigenze dei giovani coinvolti, quelle degli utenti dei servizi e quelle eventuali del personale impegnato nella formazione. EVENTUALE CONDUZIONE AUTOVEICOLI Per ragioni inerenti le attività del progetto può essere concessa la conduzione degli autoveicoli di proprietà dell ente, tale opzione è prevista esclusivamente per i giovani dell area Garanzia Giovani, inoltre in considerazione delle limitazioni previste dagli articoli 117, 126 bis e 177 del Codice della Strada i volontari che intenderanno mettersi alla guida dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti: 1) conseguimento della patente di guida di categoria B (o superiore) da almeno 12 mesi per la conduzione dei soli veicoli per trasporto persone e/o trasporto promiscuo (es. autoveicoli e ambulanze normalmente impiegate nei servizi di trasporto assistito); 2) aver compiuto il 21 anno di età ed essere in possesso di patente di guida di categoria B (o superiore) da non meno di 36 mesi per la conduzione degli automezzi immatricolati come veicolo di soccorso (es. ambulanze di soccorso, ambulanze di rianimazione, auto mediche per il soccorso avanzato). Per poter guidare un autoveicolo associativo il giovane in Servizio civile dovrà farne apposita richiesta all ente sede di progetto, il quale, verificati i requisiti sopra elencati, potrà autorizzare per iscritto il volontario in Servizio civile regionale alla guida, indicando nel numero del provvedimento il nominativo del volontario in Servizio civile e le targhe dei veicoli che è autorizzato a condurre. La sede di progetto dovrà comunque sottoporre il volontario a una prova di guida che sarà gestita con le stesse modalità previste per il personale volontario e/o dipendente e, in caso di mancato superamento di tale prova, il volontario non sarà ammesso alla guida. Gli oneri assicurativi relativi ai veicoli impiegati nel progetto saranno a carico della pubblica assistenza impegnata nella realizzazione delle attività. Gli oneri assicurativi a carico di A.N.P.AS. prevedranno l eventuale impiego come conduttori di mezzi di trasporto. I volontari in Servizio civile regionale impegnati in Garanzia giovani non potranno comunque condurre i mezzi immatricolati come veicoli di soccorso durante l espletamento del Servizio di emergenza, ma solo quando questi saranno impegnati in altre mansioni (esempio: rientro in sede dopo un intervento di urgenza/emergenza, eventuale impiego di un mezzo di un ambulanza, immatricolata come mezzo di emergenza, in un servizio di trasporto socio-sanitario). La sede di progetto sarà la P.A. Croce d Oro Cervo, via Nazario Sauro n.10, Cervo (IM). 7. Associazione Servizi Caritas Diocesana L'Associazione Servizi Caritas Diocesana è una Associazione di volontariato promossa dalla Caritas Diocesana di Ventimiglia San Remo. In una visione ispirata alla concezione cristiana della promozione integrale della persona umana, l Associazione ha come scopo, escluso ogni fine di lucro, quello di promuovere la crescita umana e sociale delle persone e delle famiglie che si trovano in situazioni di difficoltà temporanea e/o permanente e quello di solidarietà sociale. Tra gli obiettivi dell'associazione, oltre alla promozione e gestione di servizi di sostegno alle persone che vivono in situazioni di difficoltà, disagio ed emarginazione ed alla tutela dei diritti civili delle persone in condizioni di svantaggio, vi sono l'approfondimento della conoscenza delle dinamiche e delle cause di povertà ed emarginazione e la promozione di attività formative e d istruzione. Le attività vengono realizzate in collaborazione con altre realtà sociali ed educative pubbliche e private esistenti sul territorio.

18 Attività proposte I ragazzi interessati possono essere coinvolti nel laboratorio NuovaMente, sito ad Arma di Taggia, dove vengono recuperati mobili, suppellettili, giocattoli, abbigliamento. Vi operano volontari e persone svantaggiate in borsa lavoro. L'attività consiste nella raccolta, sistemazione e distribuzione di quanto ricevuto. Presso il centro di accoglienza Virgen de Guadalupe vengono organizzati corsi informali di italiano per persone straniere. I giovani potranno affiancare i volontari nelle attività di insegnamento della lingua, il cui apprendimento è fattore determinante per l'inserimento nella nostra società. Presso la Parrocchia di S. Giuseppe a Sanremo vengono organizzati corsi di italiano e di taglio e cucito per donne straniere (in particolare provenienti dal nord Africa). L'attività proposta è quella di doposcuola e animazione con i figli delle signore negli orari dei corsi. L'Associazione, unitamente alla Caritas diocesana, propone attività formative nelle scuole, con interventi che intendono coinvolgere bambini e ragazzi in riflessioni che permettano di aprirsi ad uno sguardo diverso sul mondo e sulle relazioni tra le persone. Far conoscere le ingiustizie sociali ed approfondirne le cause e confrontarsi sull'atteggiamento che abbiamo nei confronti degli altri sono tra gli obiettivi principali degli incontri formativi. I giovani interessati possono essere coinvolti nell'organizzazione e realizzazione della Pace di Corsa, progetto di educazione alla mondialità ed alla solidarietà proposto alle scuole 24 novembre 2014

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

REGIONE LIGURIA. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga la seguente legge regionale: TITOLO I NORME GENERALI

REGIONE LIGURIA. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga la seguente legge regionale: TITOLO I NORME GENERALI REGIONE LIGURIA Legge Regionale 24 maggio 2006 n. 12, Promozione del sistema integrato di servizi sociali e sociosanitari (BUR n. 8 del 31/05/2006). IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga la seguente legge

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli