: ANALISI, PROSPETTIVE E PROPOSTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2004-2014 : ANALISI, PROSPETTIVE E PROPOSTE"

Transcript

1 L ATTIVITÀ DI I.N.S.A.L.U.T.E : ANALISI, PROSPETTIVE E PROPOSTE (ACROSTICO DI: ISTRUZIONE, UNIVERSALE, SANITARIA, RAGIONATA, LIVELLATA, AUTOVALUTATA, TRAMITE L EPIDEMIOLOGIA) I dati che pubblichiamo sono il risultato dei primi undici anni ( ) dell attività di I.N.S.A.L.U.T.E.(Associazione di Promozione Sociale sorta ad nel 2003 e regolarmente iscritta nel Registro Provinciale di Bologna). INSALUTE è una opportunità formativa di educazione sanitaria per tutta la cittadinanza, di ogni fascia d età, destinata sia alle persone sane sia ai soggetti affetti e/o predisposti a patologie croniche, degenerative e/o invalidanti. Ha l intento di fornire a coloro che la frequentano solide motivazioni per praticare alcuni stili di vita e non altri nell ottica sia della prevenzione e dell auto-responsabilizzazione che della gestione della cronicità. METODOLOGIA DI LAVORO Partendo dall analisi della popolazione del Comprensorio imolese e sulla base di alcuni indicatori quali l esenzione dal ticket, i dati staticistici regionali e nazionali delle malattie più diffuse le cause dei ricoveri ospedalieri ecc. si è delineato il quadro dei bisogni sanitari della popolazione (analisi possibile grazie alla disponibilità dei preposti dell ASL locale). Quanto sopra è stato portato all attenzione del Comitato Tecnico-Scientifico (organo che vede la presenza di molteplici punti di vista: dall Università alla Sanità locale, dalle attività produttive ai componenti rappresentativi della Consulta del Volontariato locale e del Comitato Consultivo Misto, dalla Scuola alle Associazioni di Categoria ecc) ed è stata individuata (nel 2003 e resta ancora prioritaria) la macroarea della cronicità intorno alla quale sono stati progettati prevalentemente i singoli corsi che sono: o gratuiti o strutturati in piccoli gruppi per consentire dialogo, discussione e apprendimento interattivo o tenuti da personale medico, paramedico e/o esperto (medici di MG e specialisti, odontoiatri, dietisti, ostetriche, psicologi, farmacisti, esperti in scienze motorie). Attraverso un capillare lavoro di programmazione, sono state individuate le strategie per poter efficacemente divulgare una materia specialistica ad un pubblico adulto che, per quanto acculturato, non possiede necessariamente le conoscenze tecniche mediche di base. La prevenzione occupa nella didattica un ruolo fondamentale; sono stati strutturati dall équipe dei docenti moduli tematici (alimentazione, attività motoria, psicologia comportamentale, farmacologia ecc) interdisciplinari mirati all acquisizione di abilità e competenze (come ad es. controllare autonomamente la propria salute attraverso un diario della pressione arteriosa, delle cefalee della temperatura corporea, del peso, della circonferenza della vita e così via). In ogni corso dal (primo semestre) veniva somministrato, al primo incontro, un questionario di ingresso per conoscere il contesto in cui ci si trova ad operare, (la percezione del proprio stato di salute, l anamnesi familiare, la motivazione alla frequenza e le più frequenti abitudini di 1

2 vita) detto Questionario-A ed, all ultimo incontro, un questionario di uscita per verificare cosa fosse cambiato in tempi brevi o cosa potesse essere suscettibile di modifica in tempi di più lunga durata- detto Questionario - B. Questi questionari sono stati elaborati sulla base della ricerca bibliografica nella letteratura mondiale a partire dal questionario SF-36 (un questionario psicometrico generico che valuta il livello di attività e la sensazione di benessere di ciascuno). I dati venivano elaborati e restituiti in occasione dei Convegni annuali di I.N.S.A.L.U.T.E. che si sono tenuti regolarmente nel mese di Febbraio, dal 2004 al 2009; dal 2011 sono state identificate nuove formule di comunicazione dei risultati ottenuti. La restituzione dei dati alla popolazione coinvolta è un impegno del Consiglio Direttivo di questa Associazione, già dalla sua fondazione, per sottolineare la trasparenza dei percorsi e la forte adesione al conseguimento degli obiettivi con un senso di grande responsabilità per l impegno sociale intrapreso. Il 18/10/2014 è stata pubblicata e distribuita la VII edizione dell opuscolo (dopo 10 anni di attività) utile per la Committenza e per i vari sostenitori dell iniziativa. Dalla seconda sessione del 2011 vengono somministrati questionari con altri obiettivi come qui di seguito specificato: I questionari dedicati al Progetto LA PREVENZIONE CONSAPEVOLE sono stati distribuiti dal secondo semestre del 2011; la loro compilazione (una sola volta all anno per ogni corsista) è del tutto volontaria e offre l opportunità di poter essere inserito in un progetto pluriennale di educazione sanitaria e di essere seguito a distanza dall equipe di INSALUTE in un percorso di prevenzione consapevole tramite richiami regolari (con modalità da decidere) per verificare l acquisizione di quelle conoscenze funzionali al miglioramento dei propri stili di vita. L obiettivo principale, come si evince dal titolo del progetto stesso, riguarda l assunzione di un ruolo attivo nella prevenzione che costituisca un esempio positivo all interno del proprio nucleo familiare. Il Comitato Didattico di INSALUTE vorrebbe così formare delle persone capaci di co-gestire la propria salute riducendo i rischi, ove possibile, e mantenere efficienti i propri apparati ed organi nell interesse non solo del singolo ma anche della Comunità. I dati raccolti (con tutta l attenzione ai dati sensibili) vengono elaborati dal Centro Studi. L obiettivo è di seguire i CORSISTI di INSALUTE per 5 anni e poi poter comunicare e condividere con loro i cambiamenti avvenuti e quelli ancora da seguire per sviluppare stili di vita corretti. Indubbiamente questo progetto implica il coinvolgimento di persone molto motivate che seguono con regolarità la proposta formativa di INSALUTE. I dati sono custoditi ed archiviati con la massima attenzione con il solo scopo scientifico di documentare un cambiamento migliorativo avvenuto nelle persone che sono affette da patologie croniche che necessitano di cure continue e monitoraggio standardizzati degli indicatori di salute (altezza, peso, pressione arteriosa, circonferenza della vita, ecc..) Si riportano nella seguente tabella i dati dei questionari raccolti ( media il 40% all anno): 2011 II sess questionari persone nell'anno % compilati volontariamente % 42% 37% 33% 2

3 I questionari A e B sono stati somministrati in due città: Zola Predosa e Caserta. Qui è iniziata a partire dal 2014 una collaborazione con delle caratteristiche particolari ( 4 Centri Sociali itineranti a Zola Predosa e in via sperimentale a Caserta) e si è ritenuto opportuno capire chi fossero erano i corsisti e come valutassero i loro stili di vita corretti. Si è trattato di 125 iscrizione in totale (59M e 66F) e i questionari ritenuti validi sono stati per il Questionario d Entrata ( A) 80 corsisti (?? 39M e 41 F) su 85 corsisti iscritti a Zola Predosa (94%) e per il Questionario d Uscita (B) 18 corsisti ( 4M e 14 F) su 22 presenti a Zola nell ultimo incontro (82%) IL CENTRO STUDI DELL ASSOCIAZIONE Si illustrano i dati raccolti ed utili per capire l attività di INSALUTE sul territorio. La tabella illustra le presenze (più di una per persona) e le persone che frequentano i corsi (sappiamo dai questionai degli anni precedenti che la maggioranza delle persone è della fascia d età anni ( 60% media) seguita dalla fascia (35% media).sono stati messi in ordine di preferenze gli argomenti, correlati dalla media presenze x tema e x corso e dalla rilevazione del numero dei docenti coinvolti x ogni tema: TEMI X APPARATI TOT presenze x tema TOT-M TOT- F MEDIA presenze x anno N CORSI MEDIA PRESENZA / CORSO APP. OSTEO-ARTICOLARE; MUSCOLI TEND App. Cardio vascolare (PA) + vene PREVENZIONE; STILI DI VITA; ATTIVITà MOTORIA; ALLEANZA TERAPEUTICA NUTRIZIONE: DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DISTURBI DELL'UMORE; DETERIORAMENTO COGNITIVO APP. DIGERENTE E LA BOCCA APP. ENDOCRINO: SINDR. METABOLICA E DIABETE MELLITO APP. ENDOCRINO: GINECOLOGICO APP. VISIVO DOLORE, CEFALE, QUALITA' DELLA VITA APP. UROGICO E SESS. MASCHILE

4 App. Respiratorio BPCO CORSI AGG. PROFESS.(OSS, INF, AUTISTI) LA CUTE AP.. ENDOCRINO / TIROIDE ORL LA VOCE TUMORI FARMACI NEONATO/PURPERIO Nella prossima tabella viene illustrata la crescente presenza negli anni ai vari corsi con temi differenti per meglio decodificare i bisogni dell utenza. Tutti i dati elaborati vengono regolarmente analizzati dai Componenti del Comitato Scientifico per migliorare ed adattare meglio l offerta formativa. Analizzando la tabella di cui sopra risulta, utile per la futura programmazione, si evince che il numero delle presenze nel 2013 si è lievemente modificato rispetto agli anni precedenti in ordine di preferenza rispetto ai temi ( inserendosi al quarto posto la prevenzione messa in pratica con dei suggerimenti pratici ed attuabili): 1. Apparato muscolo scheletrico (1503 presenze), 2. Apparato cardiovascolare (1206 presenze), 3. Prevenzione, stili di vita corretti, attività motoria organizzata (831 presenze) 4. L alimentazione nelle varie età e patologie oltre che i disturbi del comportamento alimentare (701 presenze) 5. Disturbi dell umore (ansia depressione, insonnia, involuzione cerebrale, l Assist, Informale) (628 presenze) La prossima tabella illustra i parametri fondamentali del monitoraggio dell attività: da rilevare che sono stati esaminati in media all anno 723 questionari (fino al Settembre 2011 di una tipologia che esaminava le caratteristiche dei corsisti e i loro desiderata e dal mese di Settembre 2011 fino ad oggi viene distribuito un questionario con l obiettivo della prevenzione consapevole (vedi sopra); nel secondo semestre 2011 sono stati raccolti 168 questionari su 408 attesi ( il 41%) e nel 2012 sono stati raccolti 303 su 719 attesi ( 42%); nel 2013 sono stati raccolti 278 ( 37% dell atteso <30% maschi e 40% femmine> ; le 760 persone presenti nel 2013 hanno confermato la tendenza nota della distribuzione maschi e femmine: 32,5% maschi e 67,5 % femmine con la presenza di nuove persone che hanno frequentato i corsi ( 475 presenze 173 Mas 36% e 302 Fem 64%); nel 2014 i nuovi corsisti sono stati: 21% Mas e 38% Fem e i già noti sono stati: 11%Mas e 30% Fem ( Totale 1042 presenze. Viene perseguito l obiettivo di invitare le persone a concentrarsi ogni anno prevalentemente su un argomento infatti, come si può notare da una frequentazione di 2,8 corsi /all anno dei maschi e 2,3 corsi/anno delle Femmine nel 2004 siamo passati nel 2014 a 1,1 corsi 4

5 /anno per i maschi e 1,2 per le femmine con una riduzione del 42,5% in media. Il numero dei corsi è aumentato del 125% e gli argomenti vengono scelti liberamente dai Referenti dei vari CS, dai Medici del Territorio oppure dagli Assessori alla Salute dei Comuni interpellati totale attività 2014 vs 2004 Totale presenze per anno (frequenze) % Maschi /anno (frequenze) % Femmine /anno (frequenze) % N CORSI % Numero delle lezioni/incontri effettuati % Questionari esaminati TOT % persona 2004 persona 2005 persona 2006 persona 2007 persona 2008 persona 2009 persona 2010 persona 2011 persona 2012 persona 2013 persona 2014 MEDIA CORSI EFFETTUATI IN 11 ANNI attività 2014 vs 2004 Totale media frequenze ai corsi Maschi 2,8 1,5 1,3 1,7 1,3 1 1,6 1,3 1,3 1,5 1,1 1,5-47% Totale media frequenze ai corsi Femmine 2,3 1,8 1,4 1,3 1,3 1,2 1,5 1,2 1,2 1,3 1,2 1,4-38% Dall è possibile compilare il questionario PREVENZIONE CONSAPEVOLE anche on line attivando una opzione a partire dal sito ; 5 solo corsisti hanno scelto questa via di compilazione. 5

6 Per completare quanto sopra inserito nelle tabelle si aggiungono i seguenti grafici ove risulta che si è iniziato con 31 presenze per 11 Mas e 75 presenze per 74 Fem nel 2004 per passare a 332 presenze per 214 Mas e 710 presenze per 616 Fem nel 2014; il grafico del numero dei corsi svolti annualmente: 6

7 FASCE D ETA CORSISTI divisi per genere ( esaminato fino al 2011) E stato rilevato che dal 2004 al 2010 abbiamo assistito ad un andamento costante con la presenza maggiore delle persone della fasce d età anni, invece dal 2011 c è stata un inversione di tendenza come di seguito illustrato con un aumento delle fasce d età più giovani che è un dato molto importante ai fini della prevenzione: 7

8 MEDIA < >80 M+F % 6% 33% 53% 5% M+F % 12% 32% 48% 5% Nei questionari usati dopo il mese di Settembre 2012 non è stato più necessario rilevare tale dato, salvo ricontrollare nel prossimo futuro le tendenze aggiustate. L assiduità vedi prossima tabella - a frequentare i corsi risulta: abbastanza soddisfacente con una media di 39 % delle presenze a tutti gli incontri ( 4 o 5 a seconda la programmazione) il 34% delle persone è presente a 2-3 incontri sul totale; Il 27% frequenta solo una lezione; questa dato risulta spesso proporzionale all impronta data dal Referente del Centro Sociale/Assessorato (o altro) o Committente e alla riuscita della comunicazione promozionale in quella realtà. Dati da tenere presente per la riprogrammazione dei corsi negli anni futuri 8

9 inserendo dei moduli maggiormente coinvolgenti. La seguente Tabella serve per seguire le tematiche svolte in ogni realtà del territorio ri riferimento negli 11 anni di attività: Temi App. Digerente e salute orale - ai Circoli BPER BPER BPER Centro Sociale "Tarozzi" Sesto Imolese CS PRIMAVERA Riolo Terme CS Zolino - Confartigianato -BCC Casalfiumanese CS "La Tozzona" +AUSL CS Volontari di Castel Guelfo+AUSL - Via Venturini Croce Rossa -Via Melloni C.R.A.M.E. Insalute Incittà AUSL IMOLA Santa Teresa Sala Pio IX App. Vascolare P.A. - ai Circoli Conartigianato - Via Melloni SPI CGIL Circolo Fiorella Baroncini Croce Rossa -Via Melloni Coordinam. Donne FNP - CISL (CSPT) Centro Sociale "La Stalla" Centro Sociale "Primavera" Riolo Terme Ass.all'Abbondanza Bagnacavallo Comune Faenza Forum Centro- Bocciofila CS Tarozzi Sesto Imolese Ausl - Insalute Incittà SPICGIL- sala PD Pedagna Ausl - Insalute Incittà ASL progetto Insalute Incittà CS Volontari di Castel Guelfo + Castel Guelgo Mordano +AUSL Conselice +AUSL Zola Predosa CS Itineranti, FARMACIE Territoriali+AUSL BO Caserta, Ass. TUNOI, ASL Caserta, Poliamb. Cardio1 ASL Bologna BPER Centro Sociale "Campanella" Quartiere Saragozza Bologna CNA SPI - CSPT Casalfiumanese Medicina + SFERA Farmacie CS "Le Scuole" Borgo Rivola (Riolo- RA) +AUSL SPI CGIL Toscanella C.R.A.M.E. App. Osteoarticolare Coordinam. Donne FNP - CISL Castel del Rio Medicina+ SFERA Centro G.Isola Fond.CRI Centro Sociale "Tarozzi" Sesto Imolese BPER Medicina+SFERA BPER Medicina (+BCC Medicina) CS Castellano CB +Farmacia Bolognini Conselice- Sanitaria Conselice + Farmacia Camanzi- - Ass. ZORBA +AUSL Auser - progetto dall'autunno all'estate ausl IMOLA 9

10 - Croce Rossa -Via Melloni Centro Fitnes Pilates Centro "NEW BODY" Bagnacavallo Toscanella Croce Rossa - Via Melloni Ausl - Insalute Incittà Distretto di Faenza AUSL + Faenza Centro Sociale Castellano +Farmacia Ghiselli CS Volontari di Castel Guelfo- Comune+AUSL CS Castellano -Auser Faenza - Castelbolognese+AUSL RAMGNA Com.Castel Bolognese Comune Faenza + SFERA CSPT CS PORTA NOVA -Russi Casalfiumanese CS "CA TAROZZI" Sesto Imolese + AUSL Mordano+AUSL IMOLA Ass. Glucasia (Diabetici Imolesi) Centro Sociale "Tarozzi" Sesto Imolese CRAME CS Zolino +BCC + Confartigianato Conselice, Farm.Camanzi, Sanitaria Conselice+AUSL ROMAGNA Dozza, Parafarmacia Toscanella, Centro Cl.Ionoforesi Conselice + Sanitaria Clinic Center BPER+AUSL Castelguelfo - CS Volontari di CG Casalfiumanese+AUSL CS PORTA NUOVA Russi, Farm Errani, Farini+AUSL ROMAGNA Faenza, ASL Romagna, SFERA Farmacie AVIS+AUSL ROMAGNA Castel del Rio, CR locale, Menopausa - La donna / Neomamma Neonato, sessualità M e F - Via Venturini SPI CGIL + C.Campanella Medicina Comune Faenza CS Tarozzi Sesto Imolese CROCE ROSSA Italiana - sezione Inf. Volobntari * Parafarmacia "La Selice" BPER +AUSL CS Medicivitas Medicina Medicina+AUSL Saletta Biblioteca Osp. Nuovo Comune Faenza Comume.Cast.Bolognese Medicina BPER +AUSL App. Endocrino: Tiroide - Via Venturini BPER Bocciofila CS - 10

11 Centro Sociale Zolino - App. Visivo BPER BPER - CISL FNP+Comune CSPT (att.commerc) - Forum Cappuccini Casalfiumanese +AUSL CRAME +AUSL Insalute Incittà AUSL IMOLA Distretto di Faenza AUSL + Faenza Comune Castel del Rio + PRO LOCO Alidosiana CS Castellano AUSER-Poliamb. Medicina AUSL CS Primavera RioloT. (RA)+ AUSL Bronco Pneumopatia Cronica (BPCO) Croce Rossa -Via Melloni SFERA Faenza Medicina(sede AVIS ) Com.Castel Bolognese /Centro Sociale Castellano BPER - (pediatri ) Casalfiumanese AUSL IMOLA, Insalute Incittà App. Urinario e/o impotenza C.Gianni Isola Fondazione CRI Centro Sociale "Campanella" CRAME SPI CGIL - Patrocinio ASL di IMOLA Casalfiumanese +AUSL CS Primavera Riolo Terme+AUSL ROMAGNA Farmaci Alimentazione - disturbi comportament o Croce Rossa -Via Melloni BPER - Via Rivalta Istituto - Scuole Visitandine CSPT Istit.S.Scuola Paolini Coordinam. Donne FNP - CISL - Baccanale Istit. Sup. Scuola Paolini - Baccanale CS "LA Tozzona"+BPER CS "LA Tozzona"+BPE R Medicina Banca Popolare ER CS Porta NUOVA Russi + Farmacia Errani e Farmacia Farini +Asl RA SPI CGIL, CS La Tozzona+AUSL Circolo Cattolico Imolese Centro Sociale "Tarozzi" Sesto Imolese Conselice- Sanitaria Conselice + Farmacia Camanzi- BPER Ass.all'Abbondanza Bagnacavallo Faenza +AVIS Fa + SFERA + INF. VOL +ASL RA Comune Faenza Com.Castel Bolognese /Centro Sociale Castellano CISL CSPT+Parafarmacia del Corso+ Erboristeria I mulini a vento+fotoottica Immagine+Bar Bologna Europa 11

12 Comune - Castel Bolognese App. Endocrino : Diabete M. - Via Venturini Santa Teresa Sala Pio IX Medicina Coordinam.Donne FNP-CISL Com CSPT Castel del Rio Confartigianato CS Primavera Riolo Terme + Farmacia Dott. Bernardi Glucasia+ASL di IMOLA+Banca Poplare ER Dozza- Toscan.+ParaFarmaci a-poliamb.toscanella- Glucasia Casalfiumanse+AUSL Ass. Glucasia (Diabetici Imolesi) CS Castellano + Farmacia Ghiseeli CS Porta Nova Russi +Farmacia Farini,Errani Insalute Incittà AUSL IMOLA Conselice- Sanitaria-Farm- Camanzi Gluicasia, BPER +AUSL Disturbi dell'umore, insonnia, demenza e sostegno BPER Ass. Glucasia (Diabetici Imolesi) Istituto - Scuole Visitandine CSPT Com.Castel Bolognese /Centro Sociale Castellano Casa di Riposo "La Villa Bella" Riolo Terme BPER Centro Sociale "Tarozzi" Sesto Imolese Insalute Incittà AUSL IMOLA Ass. Alzheimer +ASL Castel del Rio +AUSL CS PORTA NOVA Russi +AUSL CNA +AUSL Castel del Rio Assoc. Alzheimer - sede Ass. Il Solco CS MEDICIVITAS Comune Medicina +AUSL Insufficienza Venosa arti inf. App. Neurologico: Cefalea -Dolore BPER - Via Rivalta Com.Castel Bolognese /CS Castellano Toscanella SFERA a Medicina CISL FNP CSPT+ParaFarmaci a del corso Dozza+ Parafarmacia Toscanella+Ernorister ia "la Calendula" SFERA a Faenza CS "CA TAROZZI" Sesto Imolese BPER +Clinic Center + AUSL Faenza -Sala AVIS+ AUSL CS Campanella FNPCISL +AUSL 12

13 Prevenzione dell'invecchiament o-salute/percorsi Istituto - Scuole Visitandine CSPT - Forum Cappuccini Com.- Forum Cappuccini Castel del Rio+Proloco Insieme x un futuro migliore + (2 corsi di Ginnastica) AUSER +AUSL (2 corsi di Ginnastica)+AUSL Parocchia S.Giacomo - Lugo C.di Riposo "La Villa Bella" Riolo T. Bocciofila CS Porta Nova Russi (palestre) +Ass. ZORBA (palestra) Primavera, Autunno AUSL Korasol-Bagno Lido di Classe+AUSL BPER - Via Rivalta CS Zolino -SPI CGIL ASL IMOLA - Insalute Incorsia Incittà Ass. AUSER + Scuola di Musica (Vassura Baroncini ) Virtus Spes +AUSL BPER (palestre) - Bagno KORASOL +AUSL Osp. + AUSL (PS) Tumori Istit. Sup. Scuola Paolini ASL IMOLA - Insalute Incorsia Incittà Cute CS Zolino +Farmacia Zolino -progetto Anziani Ass. CRAME + AUSL Formazione Professionale Ippogrifo OSS BPER spicgil (Add. Allo sportello) Ippogrifo OSS BPER AUSER Inferm CSPT/Autisti Ippogrifo OSS BPER App. ORL Nuova Scuola di Musica- Nel 2014 i 920 corsisti hanno frequentato: 548 Fem e 294 Mas un solo corso, 44Fem e 15 Mas 2 corsi, 8 Fem e 4Mas 3 corsi, 2 Fem 4 corsi, 2 Fem 6 corsi, 1 Fem 8 corsi, 1 Fem e 1 Mas 9 corsi realizzando 1042 presenze. INSALUTE nel corso degli anni ha collaborato con 105 Istituzioni e/o Centri Sociali, Enti Pubblici e Privati, Attività Commerciali Fondazioni ecc..- adattandosi ai bisogni di ogni realtà come si evince dalla tabella qui sotto illustrata, coinvolgendo più interlocutori locali. 13

14 AMM. COMUNALI- PREVIO INCONTRI CON SINDACI E/O ASS. ALLA SANITA E/O WELFARE ASSOCIAZIONI / ONLUS/VOLONTARIA TO PALESTRE/ POLIAMBULATOR I FONDAZIONI /ISTITUTI DI CREDITO ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA ISTITUTI SCOLASTICI ATTIVITA PRODUTTIV E FARMACIE PARAFARMACI E/ ERBORISTERIE / CASE DI RIPOSO CENTRI SOCIALI / PAROCCHIE AUSL BAGNACAVALL O (RA) ALZHEIMER ITALIA SEZIONE DI IMOLA CENTRO FITNES PILATES IMOLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO IMOLA/MEDICI NA PENSIONATI IMOLA +CSPT ISTITUTO - SCUOLE VISITANDIN E CSPT FOTOOTTIC A L IMMAGIN E CSPT ERBORISTERIA DOTT.SSA NARVALLO ALLE SCUOLE BORGO RIVOLA (RA) BOLOGN A BOLOGNA QUARTIERE SARAGOZZA ASS. ALL ABBONDANZA BAGNACAVALLO (RA) CENTRO "NEW BODY" BAGNACAVALLO (RA) BANCA DI IMOLA CONFARTIGIANA TO IST. SANTA TERESA KORASOL BAGNO LIDO DI CLASSE (RA) ERBORISTICA AROMATICA ED OFFICINALE AUSER CASERT A CASALFIUMANE SE CASERTA CASTEL BOLOGNESE (RA) CASTEL BOLOGNESE (RA) AVIS FAENZA (RA) COOP. SOCIALE IPPOGRIFO IMOLA CRAME FOCUS D. ASS. DI PS CENTRO CLINICO DI IONOFORESI S.A.S..- TOSCANELLA CLINIC CENTER NUOVA MEDICINA 2000 (CASTEL BOLOGNESE (RA) POLIAMBULATOR IO CARDIO1 - CASERTA BANCA MEDIOLANUM AG. RA BANCA POPOLARTE DELL ER FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI IMOLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA FNP CISL COORDINAMENT O DONNE IMOLA CSPT. SPI CGIL IMOLA TUNOI -ASS. DI VOLONTARIATO CASERTA ISTI. SUP. SCUOLA PAOLINI IMOLA NUOVA SCUOLA DI MUSICA VASSURA BARONCINI SULL'IIS BARTOLOME O SCAPPI DI CASTEL SAN PIETRO TERME NUOVA GRAFIA OVAKO MOLINELLA SPA SAMIRO COSTRUZIO NI FARMACIA ZOLINO FARMACIA BERNARDI RIOLO TERME (RA) FARMACIA CAMANZI CONSELICE (RA) FARMACIA DI ZOLA - ZOLA AUSERA FAENZA (SEZIONE DEI CASTEL BOLOGNES E) (RA) BOCCIOFIL A CS ASBID BUON VICINATO- GRUPPO VIA BUCCI- CA TAROZZI SESTO IMOLESE IMOLA 14

15 CASTEL DEL RIO GLUCASIA ASS. DIABETICI IMOLESE SANATRIX (FAENZA CASTEL BOLOGNESE) RA FARMACIA GHIRONDA - ZOLA CAMPANEL L ( CS CASTEL GUELFO DI BO CASTEL S. PIETRO II.VV CROCE ROSSA DI FAENZA (RA) II.VV. CROCE ROSSA FARMACIA MONTERICCO FARMACIA RIALE - ZOLA CASTELLAN O CS CASTEL BOLOGNES E (RA) CIRCOLO CATTOLICO IMOLESE CONSELICE (RA) FAENZA (RA) MEDICINA INSIEME PER UN FUTURO MIGLIORE PROFESSIONE MEDICA E SANITA - ASS. DI PS. IMOLA SIMG SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA GENERALE SEZIONE PROVINCIALE VOLONTARI DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA CS - IL QUADRIFOGLI O PARAFARMACI A ERBORISTERIA CASTEL BOLOGNESE (RA) LA SELICE PARAFARMACI A LA VILLA BELLA- RIOLO TERME (RA) ORTOPEDIA MIRELLA CIRCOLO FIORELLA BARONCINI GIOVANNI FALCONE CS -ZOLA PREDOSA ILARIA ALPI CS - ZOLA PREDOSA LA STALLA CS IMOLA MORDANO ZORBA ASSOCIAZIONE FAMIGLIE ADOTTIVE ED AFFIDATARIE ORTOPROTESI ORTOPEDICI SANITARI LA TOZZONA CS IMOLA RIOLO TERME (RA) PARAFARMACI A MISIANI CASTEL S.PIETRO MEDICIVIT AS CS- MEDICINA 15

16 RUSSI (RA) TOSCANELLA ZOLA PREDOSA PARAFARMACI A SALUTE E NATURA FAENZA 8RA9 PARAFARMACI A TOSCANELLA S.F.E.R.A. FARMACIE IMOLA FAENZA MEDICINA (RETE) SANITARIA FAENTINA (RA) SANITARIA ORTOPEDIA CONSELICE (RA) SANITAS IMOLESE ORTOPEDIA SANITARIA PAROCCHIA S.GIACOMO -LUGO PORTA NUOVA CS- RUSSI (RA) PRIMAVER A CS RIOLO TERME (RA) SANDRO PERTINI CS - ZOLA PREDOSA SUSANNA MOLINARI CS - ZOLA PREDOSA ZOLINO CS Nel 2013 ha aderito alla Giornata Mondiale della salute ( ) insieme all Ass. PROFESSIONE MEDICA E SANITA ( oltre che alla UISP Faenza) sul tema L ipertensione Arteriosa realizzando e distribuendo opuscoli dedicati; nei gazebo allestiti sono stati premiati i partecipanti. Il ha collaborato con l ass. PROFESSIONE MEDICA e SANITA alla giornata mondiale della salute promossa dall OMS, partecipando alla II Camminata di Primavera ( insieme anche alla UISP, Glucasia, CRI sezione di, Nordik Walking, Auser) PUBBLICAZIONI REALIZZATE Per il 2010 i professionisti del Centro Studi hanno realizzato il CALENDARIO CONOSCERE = PREVENIRE con il patrocinio della SIMG Emilia Romagna ( Società Italiana di Medicina Generale) e della associazione Professione Medica. Questa pubblicazione ha permesso di iniziare una fase sperimentale di divulgazione su tematiche sanitarie dando, con un linguaggio corretto per tutta la popolazione, una parziale risposta alle numerose richieste fatte dai corsisti. E stata dedicata una pagina (12) per spiegare ed informare sugli INDICATORI DI SALUTE, strumenti che molte persone possono 16

17 autonomamente usare per controllare la propria salute : la misurazione della pressione arteriosa, la quantità dell alcool che si assume, la capacità respiratoria, l indice di massa corporea, il costo energetico dell attività fisica MET, l autoesame dei nevi sulla pelle (nei), la valutazione del rischio di sviluppare il diabete mellito, il peso consentito da movimentare per altezza, genere e costituzione, la valutazione del grado di dipendenza da nicotina, autotest per valutare la salute della prostata (IPSS), la misurazione dell intensità della depressione nervosa ( Beck Depressione Inventory), la valutazione del dolore mediante varie scale validate come la Scala Analogica Visiva (VAS), la Scala Verbale ( VRS) e la Scala Numerica (NRS). Gli argomenti sono stati dedicati alla salute delle persone adulte. Sono state coinvolte per la distribuzione le ParaFarmacie dei vari Comuni ove vengono regolarmente svolti i corsi di INSALUTE. E stato concesso il patrocinio dell Ass. culturale professionale PROFESSIONE MEDICA e della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) Regione Emilia Romagna. Nel 2011 il CALENDARIO CONOSCERE = PREVENIRE ha affrontato tematiche incentrate sull ETÀ PEDIATRICA sempre con l intento di fornire ai genitori un supporto valido per la cura dei propri figli. Per l importanza degli argomenti si è ottenuto il patrocinio della FIMP (Federazione Italiana dei Medici Pediatri). Le tematiche trattate sono state varie: le regole igieniche raccomandate, la movimentazione dei pesi, la prevenzione degli incidenti domestici, l attività motoria e lo sport, la dermatite atopica, la cura dei denti, l alimentazione corretta, la prevenzione dell ambliopia, l asma, alcune patologie nell ambito della neuropsichiatria infantile, la diagnosi precoce del diabete mellito. Sono state coinvolte per la distribuzione le ParaFarmacie e le SANITARIE dei vari Comuni ove vengono regolarmente svolti i corsi di INSALUTE. Nel 2012 il CALENDARIO CONOSCERE = PREVENIRE, ha trattato l argomento LA MEDICINA DI GENERE puntualizzando le patologie proprie del genere femminile. A tutto oggi molte terapia non hanno ancora le evidenze necessarie affinché sia documentata l efficacia terapeutica nel genere femminile proprio perché è dimostrato che l organismo femminile è molto diverso da quello maschile. Gli argomenti trattati hanno riguardato la sessualità, l anoressia e bulimia nervosa, le cefalee, le dermatite da contatto, l alimentazione in gravidanza, la tiroide, la calcolosi della colecisti, la malattia di Alzheimer, i tumori dell apparato genitale femminile, l alluce valgo, l osteoporosi, le patologie tromboemboliche degli arti inferiori. Dott.ri Esperti in Fitoterapia titolari di varie Erboristerie del territorio hanno completato ogni argomento con i rimedi terapeutici basati su prodotti fitoterapici. Visto l argomento il patrocinio all iniziativa è stato concesso 1)dalle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, sessione di 2) dall Associazione di promozione Sociale Focus D e 3) dell Associazione culturale professionale PROFESSIONE MEDICA Nel 2013 il CALENDARIO CONOSCERE = PREVENIRE, ha trattato l argomento LA MEDICINA DI GENERE puntualizzando le patologie proprie del genere maschile. Gli argomenti trattati hanno riguardato lo sperone calcaneare, le prostata, la broncopatia ostruttiva cronica, le epatiti croniche, la retinopatia sierosa centrale, il tumore della vescica, l alopecia androgenica, il preservativo, la sessualità maschile, il virus HPV, il russamento, i tumori del cavo orale. Il patrocinio è stato concesso 1)dalle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, sessione di 2) dall Associazione culturale professionale PROFESSIONE MEDICA Nel 2014 il CALENDARIO CONOSCERE = PREVENIRE, ha trattato l argomento GLI ARTI INFERIORI puntualizzando le patologie possibili dell arto inferiore. Gli argomenti trattati hanno riguardato: lo sviluppo dell arto inferiore in età pediatrica, le patologie del ginocchio e dell anca, l innervazione e danni possibili, la circolazione venosa e la circolazione arteriosa dell arto inferiore, la cure- le possibili macchie cutanee, la patologie degli annessi -le unghie, le ulcere del piede e la loro cura, l attività motoria nell ambito della prevenzione, le neoplasie degli arti inferiori maggiormente diffusi e la risorsa degli arti inferiori a livello psicologico e il significato dell assenza. Il patrocinio è stato concesso 1) dalle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, sessione di 2) dall Associazione di promozione sociale PROFESSIONE MEDICA E SANITA, dall AUSL di IMOLA. Nel 2015 il CALENDARIO CONOSCERE = PREVENIRE, ha trattato l argomento GLI ARTI SUPERIORI puntualizzando le patologie possibili dell arto superiori come specificato nei vari corsi svolti sul tema. Gli argomenti affrontati hanno riguardato: lo sviluppo dell arto superiore in età pediatrica, la spalla, il gomito e il polso, le macchie scure sulla pelle, la cute delle mani e la cura delle unghie, la patologia vascolare dell arto superiore, l innervazione 17

18 dell arto superiore, l arto superiore e la psiche, la mano che suona : adattamento allo strumento, l arto superiore in oncologia, il trattamento del linfedema, l ergonomia e l arto superiore. Il patrocinio è stato concesso 1) dalla Croce Rossa Italiana, sessione di 2) dall Associazione di promozione sociale PROFESSIONE MEDICA E SANITA, dall AUSL di IMOLa e dalla SIMG (Società Italiana Di Medicina Generale ) PROGETTO - ATTENZIONE ALLO STRESS DELL ASSISTENTE INFORMALE: CONVEGNO multidisciplinare realizzato ( con crediti ECM per Medici, Infermieri, Psicologi) in collaborazione con altre 3 associazioni: Alzheimer Italia sezione di, Comunità Solidale consorzio cooperazione solidale imolese e Iniziative Parkinsoniane Imolesi sul tema Lo stress può determinare malattie, come e perché? La salute dell Assistente Informale presso L Istituto d Istruzione Superiore Francesco Alberghetti Via Pio IX 3 con i seguenti scopi: aumentare l attenzione socio sanitaria verso la figura dell assistente informale : il familiare ( e non solo) e il caregiver consolidare il coinvolgimento dei vari professionisti nel ruolo di counceling (a vari livelli) per sostenere anche la sperimentazione del test autosomministrato: caregiver burden inventory CBI (modificato) in nome di una ricerca ( in corso l elaborazione dei dati) per 1. verificare la dimensione del fenomeno nel territorio; 2. valutare la qualità di vita dell assistente (lo stress del caregiver); 3. rinforzare la rete di sostegno agli Assistenti informali al malato specie se sono i familiari : programmare un percorso per fare acquisire agli Assistenti Informali al malato degli strumenti e delle competenze di auto regolamentazione e auto protezione contro lo stress di chi quotidianamente accudisce un malato cronico con gravi deficit cognitivi (e non solo). Il corso è stato realizzato in Novembre 2012 (6,15,20,29 ore presso la Sala della Fondazioni Tonino Gottarelli) in collaborazione con l Associazione Alzheimer Italia sezione di e ha visto una buona affluenza. 4. rinforzare le conoscenze di tutti gli attori coinvolti nella rete di sostengo Conoscere meglio lo stress a livello organico e psicologico per affrontarlo, contenerlo e ridimensionarlo per ridurre il rischio clinico dello stesso Assistente al malato. Patrocinio all iniziativa concesso da : Ordini dei Medici Chirurghi Odontoiatri di Bologna e di Ravenna, ASP Circondario Imolese,, AUSL e Ass. PROFESSIONE MEDICA E SANITA Nel mese di luglio 2012 sono stati raccolti i questionari autosomministrati caregiver burden inventory CBI (modificato) distribuiti con la collaborazione delle associazioni che hanno collaborato al Convegno del (vedi) con l aiuto delle Farmacie nei 10 Comuni: (a Zolino, Ai Cappuccini, dell Autostrada, S.Prospero, della Via Appia, F.lli Bartolotti, Montericco, a Mordano: Antica Farmacia di Mordano, Bubano Farmacia Dott. Calcatelli, Castel Guelfo di Bologna Farmacia Alle Scuole, Castel S.Pietro Terme- Farmacia Sarti, Medicina Farmacia Comunale di Medicina SFERA, Borgo Tossignano Farmacia Borgo Tossignano ) che esaminano il peso dell Assistenza ad un paziente fragile con problemi cognitivi, di un familiare e/o amico, vicino al paziente (l Assistente Informale) e i suoi 18

19 bisogni consapevoli e non. E stato concluso l inserimento dei dati in un database, è stata ultimata l elaborazione delle risposte fornite dai vari cittadini che hanno riconsegnato il questionario compilato (44). I dati sono stati restituiti alla popolazione durante il convegno del il : (realizzato in collaborazione con altre 3 associazioni: Alzheimer Italia sezione di, Comunità Solidale consorzio cooperazione solidale imolese e Iniziative Parkinsoniane Imolesi) sul tema. Lo stress di chi assiste il paziente con problemi cognitivi e fisici: l esito dei questionari presso la sala della Banca Popolare dell Emilia Romagna Via Rivalta 22. La Dott.ssa Ilaria Naldi ( Neurologa) ha tenuto una lettura Magistrale sul tema: Lo stress interferisce sulla memoria.l appuntamento pubblico aveva i seguenti scopi: Restituire i dati dedotti dai questionari raccolti e prendere consapevolezza di un importante aspetto per l assistenza al paziente fragile Affiancare ed aiutare l Assistente Informale e i familiari nel percorso assistenziale - proposte di progetti realizzabili sul territorio Patrocinio all iniziativa concesso da : ASP Circondario Imolese,, AUSL e Ass. PROFESSIONE MEDICA E SANITA INSALUTE ha promosso un ciclo di incontri Novembre Dicembre 2014 sperimentali a Caserta città in collaborazione con l ass. di volontariato TUNOI e con il Patrocinio non oneroso del Comune e L AUSL di Caserta. Sono stati identificati Docenti locali ai quali è stato dato il massimo supporto organizzativo e scientifico per realizzare un programma di qualità. Il si è svolto il Convegno del decennale che ha ospitato una relazione sul tema Come fare salute riusando l articolo 32 della Costituzione con il Prof. Ivan Cavicchi (docente presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Tor Vergata di Roma e docente di sociologia dell organizzazione sanitaria, logica, filosofia della scienza, filosofia della medicina). I PUNTI DI FORZA dell Associazione rimangono I percorsi didattici strutturati e programmati con due moduli centrali trasversali l Alimentazione e l Attività Motoria La flessibilità delle metodologie didattiche a seconda delle caratteristiche della popolazione L attività di verifica continua sui cambiamenti degli stili di vita (prevenzione primaria, secondaria, terziaria). La costituzione di un corpo docente stabile: dai 13 docenti del 2003 ai 59 del 2014 La sistematica ricerca della qualità in tutta l offerta formativa con una valutazione continua in itinere La forte volontà di adesione e di collaborazione con il territorio allargando l offerta in maniera sistematica. Infatti prima di ogni attività vengono informati in loco : Sindaco, Assessori alla Sanità e/o alle Politiche Sociali, Responsabili di Distretto AUSL e/o altri Funzionari dell ASL Medici di MG(o Pediatri di LS) e Dott.ri titolari di Farmacie, ParaFarmacie, Erboristerie oltre che Titolari delle Sanitarie Referenti dei Centri Sociali, dei Forum, delle Associazione di Categoria ( e non), delle Associazioni sportive, delle Palestre ecc. Uno Statuto valido che contempla la possibilità di istituire sezioni staccate su tutto il territorio nazionale. PROSPETTIVE E NUOVI PROGETTI La pubblicazione dei dati estratti dal caregiver burden inventory CBI (modificato) l indagine sul peso supportato dall Assistente Informale 19

20 La continua somministrazione del questionario prevenzione consapevole fino alla fine 2015 per monitorare il cambiamento dei corsisti INSALUTE La realizzazione di piani di Educazione Sanitaria biennali in ogni Comune per poter costituire una RETE di argomenti che permettano una variabilità di conoscenze in ogni realtà accessibili a tutti i cittadini della Provincia di Bologna e Ravenna; L implementazione de i corsi di formazione per tutte le professioni sanitarie inserite nel programma assistenziale ( OSS, Volontari (e non) di varie branche ecc..) L approfondimento e la sperimentazione di formule di apprendimento guidate per il coinvolgimento di interi Nuclei Familiari che, grazie alla conoscenza della propria storia di salute (l ANAMNESI), una risorsa per costruire un percorso di prevenzione interno, utile a tutta la società. La stimolazione in maniera trasversale e sistematica nelle persone la cultura del long life learning cioè della formazione continua in materia sanitaria (ogni stagione della vita è diversa e in ogni stagione le responsabilità sono diverse a seconda dei ruoli sociali). L Esecutivo di INSALUTE s impegna personalmente a presentare il progetto ogni anno in nuove realtà ed avviare sperimentazioni semestrali in ogni Centro Sociale disponibile o Comune. La realizzazione del progetto del PAZIENTE ESPERTO col seguente obiettivo: ogni paziente interessato ad un problema di salute può egli stesso divenire un formatore. Si pensa di sperimentare questo progetto (già sperimentato nei paesi anglosassoni con alto gradimento della popolazione e tangibile utilità per la società civile) nel 2014 La ristampa della settima edizione dell OPUSCOLO informativo sull attività dell associazione ( ultimo 7 maggio edizione) con le caratteristiche della Carta dei SERVIZI PER IL AUSPICHIAMO di poter 1) estendere il campo di azione fuori della Provincia di Bologna e Ravenna 2) abbassare l età dei corsisti per indirizzare la formazione sulle fasce d età ove è possibile vera prevenzione primaria (ampliando la disponibilità dei nuclei familiari a formarsi prendendo in considerazione la propria storia di salute) 3) aumentare il coinvolgimento dei cittadini del genere maschile 4) rendere maggiormente consapevoli i cittadini della grande utilità del LORO coinvolgimento attivo nel percorso della diagnosi e cura (educare al automonitoraggio e della cura di sé) 5) aggiornare i percorsi formativi per una più efficacia didattica 6) incrementare la collaborazione con le ASL i Centri Sociali, Centri di ricreazione, Quartieri, Farmacie ParaFarmacie, Sanitarie, ed Erboristerie. 7) essere organicamente coinvolti nei Piani per la salute e/o tavoli del Welfare o altri progetti tipo guadagnare salute comunali, comprensoriale, regionali e nazionali. 8) Realizzare un Convegno aperto al pubblico nel corso dell anno sul seguente tema L ambiente e il nostro comportamento possono influenzare il nostro Genoma ( tema provvisorio) 20

L ATTIVITÀ DI I.N.S.A.L.U.T.E. : ANALISI, PROSPETTIVE E PROPOSTE

L ATTIVITÀ DI I.N.S.A.L.U.T.E. : ANALISI, PROSPETTIVE E PROPOSTE L ATTIVITÀ DI I.N.S.A.L.U.T.E. : ANALISI, PROSPETTIVE E PROPOSTE (ACROSTICO DI: ISTRUZIONE, UNIVERSALE, SANITARIA, RAGIONATA, LIVELLATA,AUTOVALUTATA, TRAMITE L EPIDEMIOLOGIA) I dati che pubblichiamo sono

Dettagli

(MALATI DI ALZHEIMER, MALATI DI MORBO DI PARKINSON E MALATTIE CRONICHE CON DISTURBI COGNITIVI E NON SOLO): ORGANIZZATO DA 4 ASSOCIAZIONI:

(MALATI DI ALZHEIMER, MALATI DI MORBO DI PARKINSON E MALATTIE CRONICHE CON DISTURBI COGNITIVI E NON SOLO): ORGANIZZATO DA 4 ASSOCIAZIONI: BOZZA CONVEGNO MULTIDISCIPLINARE 11.02.2012 PER AVVIARE E REALIZZARE UN PROGETTO X MIGLIORARE L ASSISTENZA AL PAZIENTE FRAGILE MEDIANTE LA COMPILAZIONE DI UN QUESTIONARIO - PERSONALIZZATO COMPRESO IL C.B.I.

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del : Descrizione di sintesi

Dettagli

2015 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO

2015 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO 2015 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO ELENCO DELLE FARMACIE ZOLA PREDOSA LEGNANI via risorgimento, 232-051 755135 ZOLA PREDOSA PONTE RONCA GHIRONDA via m. di canossa, 1-051 756007 ZOLA PREDOSA RIALE ANGELINI

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città TIPO DI PROGETTO Promozione della salute AREA TEMATICA SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città Stili di vita Alimentazione,

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

2016 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO

2016 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO 2016 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO ELENCO DELLE FARMACIE ZOLA PREDOSA LEGNANI via risorgimento, 232-051 755135 ZOLA PREDOSA PONTE RONCA GHIRONDA via m. di canossa, 1-051 756007 ZOLA PREDOSA RIALE ANGELINI

Dettagli

Innovazione e buone pratiche per la cura della malattia di Alzheimer: attivazione Voucher Demenza a Bergamo

Innovazione e buone pratiche per la cura della malattia di Alzheimer: attivazione Voucher Demenza a Bergamo Servizio Cure Domiciliari e Riabilitazione La Cura della demenza a casa e nella rete dei servizi Innovazione e buone pratiche per la cura della malattia di Alzheimer: attivazione Voucher Demenza a Bergamo

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Per la giornata mondiale contro l aids : collaborazione, creatività, cultura contro una infezione

Per la giornata mondiale contro l aids : collaborazione, creatività, cultura contro una infezione Per la giornata mondiale contro l aids : collaborazione, creatività, cultura contro una infezione L Assessorato Politiche per la salute della nostra Regione ha pubblicato sul sito www.helpaids.it in nuovo

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Conferenza stampa VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Parma, 2 aprile 2013 Via La Spezia n. 147, ore 11,30 Intervengono Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune

Dettagli

III CORSO DI FORMAZIONE IN MEDICINA DELL ADOLESCENZA

III CORSO DI FORMAZIONE IN MEDICINA DELL ADOLESCENZA Ferrara III CORSO DI FORMAZIONE IN MEDICINA DELL ADOLESCENZA Ferrara, Marzo Ottobre 2012 Gruppo di Studio di Adolescentologia - Emilia-Romagna (SGA-ER) Ospedale Privato Accreditato Quisisana - Ferrara

Dettagli

La Comunità come risposta all obesità infantile

La Comunità come risposta all obesità infantile La Comunità come risposta all obesità infantile Modena, 12 aprile 2012 Progetti di comunità per promuovere sane abitudini alimentari e motorie fin dall infanzia a Modena Alberto Tripodi U.O. Nutrizione.

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

progetto integrato di prevenzione e promozione della salute

progetto integrato di prevenzione e promozione della salute uisperlagrandetà progetto integrato di prevenzione e promozione della salute il movimento come stile di vita nella grandetà PREVENZIONE Promuovere l informazione e la conoscenza sugli stili di vita o le

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

La sanità d iniziativa e l attività fisica adattata

La sanità d iniziativa e l attività fisica adattata Ausl 8 Arezzo La sanità d iniziativa e l attività fisica adattata Riferimenti normativi La DGRT 595 /05 Percorso assistenziale per le prestazioni specialistiche di medicina fisica e riabilitazione. Percorso

Dettagli

ACCORDO TRA REGIONE TOSCANA, ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFEDERALI, SINDACATI DEI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO E ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA

ACCORDO TRA REGIONE TOSCANA, ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFEDERALI, SINDACATI DEI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO E ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA ALLEGATO B ACCORDO TRA REGIONE TOSCANA, ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFEDERALI, SINDACATI DEI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO E ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PREMESSO CHE E stato dimostrato che la disabilità

Dettagli

L attività fisica per guadagnare Salute

L attività fisica per guadagnare Salute ADCS Associazione Diabetici Camuno Sebina L attività fisica per guadagnare Salute edizione 2012 in collaborazione con Città di Darfo Boario Terme Comune di Lovere Comune di Rogno L ATTIVITÀ FISICA PER

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE

PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE Per una nuova cultura della Sicurezza stradale e della Mobilità sostenibile Nel 2004 la Provincia di Bologna ha approvato il Piano Provinciale per la Sicurezza

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

BUONE NORME PER L INSERIMENTO SCOLASTICA PROGETTO PILOTA PER L INSERIMENTO IN CLASSE DI UN BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

BUONE NORME PER L INSERIMENTO SCOLASTICA PROGETTO PILOTA PER L INSERIMENTO IN CLASSE DI UN BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI BUONE NORME PER L INSERIMENTO SCOLASTICA PROGETTO PILOTA PER L INSERIMENTO IN CLASSE DI UN BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI QUADRO GENERALE L art.12 della legge quadro 104/92, diritto all'educazione e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

proposte formative del Ccm

proposte formative del Ccm attività di formazione e documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute proposte formative del Ccm silvia colitti Roma, 23 giugno 2008 il Ccm: promuove ed organizza corsi di formazione

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

ECM GRATUITI: Counseling Motivazionale Breve (CMB) Prenotazione entro il 14 giugno

ECM GRATUITI: Counseling Motivazionale Breve (CMB) Prenotazione entro il 14 giugno Via Garibaldi, 3 40124 Bologna -Tel.051/581831 Fax 051/581960 e-mail: federfarma-bologna@bo.nettuno.it - www.federfarma-bo.it Prot.n. 514 Bologna, 31/05/2010 Ai Titolari delle Farmacie associate appartenenti

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio 1 ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio Distretto Sanitario n.2 ( Cz Lido) Presentazione La Calabria negli ultimi anni ha visto progressivamente

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Sperimentazione di un nuovo modello gestionale della medicina di famiglia che, attraverso il lavoro in equipe e la strategia

Dettagli

L.I.L.T. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Bologna

L.I.L.T. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Bologna L.I.L.T. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Bologna un po di storia la sezione di Bologna 1922 il 25 febbraio nasce a Bologna la Federazione Italiana per la lotta contro

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei sistemi produttivi [ ] B: ambiente

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

1 LA GESTIONE INTEGRATA LA GESTIONE ATTUALE

1 LA GESTIONE INTEGRATA LA GESTIONE ATTUALE LA GESTIONE ATTUALE 1 LA GESTIONE INTEGRATA 2 specialisti famiglia e associazioni centro diabetologico centro diabetologico medico di base medico di base persona con diabete specialisti famiglia e associazioni

Dettagli

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti C.L.S. Il Cuore della Luna del Sud ( Associazione no profit di promozione sociale ) Anno scolastico 2014-2015 S.M.I.L.E. un sorriso per tutti a cura del Dott. Progetto di Promozione ed Educazione alla

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica Italiana Responsabile Scientifico

Dettagli

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino Home Visiting uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle disuguaglianze

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Il modello descritto nell ICF riflette i cambiamenti di prospettiva

Dettagli

16 Convegno APeC Le malattie croniche: il futuro della assistenza in pediatria o l assistenza pediatrica del futuro? Ferrara 22 ottobre 2011

16 Convegno APeC Le malattie croniche: il futuro della assistenza in pediatria o l assistenza pediatrica del futuro? Ferrara 22 ottobre 2011 16 Convegno APeC Le malattie croniche: il futuro della assistenza in pediatria o l assistenza pediatrica del futuro? Ferrara 22 ottobre 2011 Il modello di assistenza integrata proposto dall APeC a 10 anni

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Indagine sui bisogni di informazione e formazione per la GI del diabete.

Indagine sui bisogni di informazione e formazione per la GI del diabete. Indagine sui bisogni di informazione e formazione per la GI del diabete. Angela Giusti e Marina Maggini Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori Un progetto di O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna patrocinato dal M.I.U.R Ministero dell Istruzione, dell Universitaria e della Ricerca Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico

Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico Percorso di formazione L intervento comportamentale per minori con disturbi dello spettro autistico LE RAGIONI DELLA PROPOSTA L intento di promuovere un percorso di formazione è nato all interno dell esperienza

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

Allegato alla deliberazione giuntale n. 265 del 28/10/2010 PROGETTO MERENDA PER TUTTI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL SINDACO DEL COMUNE DI CODROIPO

Allegato alla deliberazione giuntale n. 265 del 28/10/2010 PROGETTO MERENDA PER TUTTI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL SINDACO DEL COMUNE DI CODROIPO Allegato alla deliberazione giuntale n. 265 del 28/10/2010 Città di AREA ISTRUZIONE, CULTURA, TEMPO LIBERO E SPORT 3^ Unita Operativa: Servizi Pubblica Istruzione CODROIPO PROGETTO MERENDA PER TUTTI PROTOCOLLO

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna

COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna ATTIVAMENTE azioni per il ben-essere Progetto per gli anni 2011 e 2012 Organizzazione di buone prassi per il mantenimento del benessere psico-fisico. SERVIZIO DESTINATARIO

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Perch Perché la cura del dolore e della sofferenza Prendersi cura della persona

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Carta dei Servizi Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Pagina 2 ISTITUTO WOLPE L istituto Wolpe è un centro di psicologia e psicoterapia cognitivo comportamentale, integrato in

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

PERCORSI SPECIFICI ATTUATI NEI CONSULTORI A TORINO E IN PIEMONTE. Giulia Mortara SC Consultori Familiari e Pediatria di Comunità ASLTO2

PERCORSI SPECIFICI ATTUATI NEI CONSULTORI A TORINO E IN PIEMONTE. Giulia Mortara SC Consultori Familiari e Pediatria di Comunità ASLTO2 PERCORSI SPECIFICI ATTUATI NEI CONSULTORI A TORINO E IN PIEMONTE Giulia Mortara SC Consultori Familiari e Pediatria di Comunità ASLTO2 I consultori familiari: 1975-2014 Dip. Materno Infantile SSN Legge

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali I Disturbi del Comportamento Alimentare Teoria, clinica e trattamento multidisciplinare coi DCA 2 weekend 32 ore riservato a assistenti sociali, infermieri, dietisti, operatori socio-sanitari, insegnanti,

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

SOGGETTO RICHIEDENTE: Società Cooperativa Sociale Zerocento O.n.l.u.s. TITOLO DEL PROGETTO: Oltre lo specchio

SOGGETTO RICHIEDENTE: Società Cooperativa Sociale Zerocento O.n.l.u.s. TITOLO DEL PROGETTO: Oltre lo specchio Allegato 1.2) SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA TERRITORIALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRO RIVOLTI A PREADOLESCENTI E ADOLESCENTI PUNTO 2.1, LETTERA

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

Servizio Promozione Educazione alla Salute

Servizio Promozione Educazione alla Salute U.O.C Materno-Infantile Servizio Promozione Educazione alla Salute Relazione finale attività svolte nelle Scuole anno scolastico 2009/10 PREMESSA Tutti i bambini e i giovani hanno diritto e dovrebbero

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli