L interazione tra gli attori pubblici e privati nella governance locale dell immigrazione in Sicilia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L interazione tra gli attori pubblici e privati nella governance locale dell immigrazione in Sicilia"

Transcript

1 BASSI Marie 21/09/1984 Affiliazione : Institut d Etudes politiques de Paris (Sciences Po Paris) Direttrice di dottorato : Catherine Wihtol de Wenden L interazione tra gli attori pubblici e privati nella governance locale dell immigrazione in Sicilia Questo articolo analizza l interazione tra gli attori del settore pubblico et quelli del settore privato nella governance locale del fenomeno migratorio in Sicilia. L insieme delle attività e delle interazioni tra i principali attori locali impegnati nella problematica migratoria da forma alla presa in carico locale di un fenomeno sociale d importanza pubblica. Quest articolo si basa su un lavoro empirico in Sicilia nel quadro del dottorato. Le reti di famiglia e di amicizie che ho in Italia e soprattutto in Sicilia sono stati essenziali per penetrare veramente nelle realtà del terreno. Tra novembre 2010 e novembre 2011, ho realizzato 60 colloqui e 11 incontri esploratori (a Roma e in Sicilia). Sfrutto anche 7 colloqui realizzati per la tesi di ricerca di Master 2 nel La maggior parte delle persone interrogate risiedono a Palermo e nella provincia di Siracusa. L effetto valanga ha funzionato. Alla fine di ogni incontro le persone interrogate mi indirizzavano verso altre persone che potevano corrispondere ai criteri da me ricercati. Gli incontri si sono tutti svolti sulla base del volontariato. La maggior parte è stata registrata col consenso delle persone interrogate. La maggior parte delle persone interrogate hanno manifestato un interesse per il mio lavoro. Mi percepivano come una strana bestia sociale dal fatto di essere una ricercatrice in scienze sociali e nello stesso tempo la mia nazionalità e il fatto di essere parigina mi conferiva credibilità. Posso dire che sono riuscita a stabilire un clima di fiducia sicché i miei interlocutori hanno parlato liberamente. Quando mi accorgevo di qualche diffidenza sfruttavo il mio lato studente giovane francese di origine siciliana. Mi è risultato più difficile incontrare gli attori con un capitale di autorità simbolica (che sia sociale o politico). Questa indagine di terreno si appoggia dunque su un approccio qualitativo tramite colloqui approfonditi semi-strutturati. Infatti, si tratta di identificare gli operatori impegnati nel argomento, portando alla luce le loro pratiche, e cercando di capire il perché delle loro scelte. Il colloquio funziona dunque come metodo di analisi delle rappresentazioni che questi protagonisti hanno della loro situazione e delle loro azioni. Ecco perché l incontro qualitativo semi-strutturato risulta adeguato all approccio cognitivo della mia ricerca. Gli incontri sono stati interpretati e contestualizzati visto che non sono simplici pezzi di prova ( ), fornitori di dati quantificabili (Beaud 1996). Ho compilato informazioni legate alle principali caratteristiche sociali, economiche, politiche e culturali delle persone incontrate (storia familiale, percorso scolastico, professionale, residenziale, schieramento politico e religioso 1

2 etc ). Ho anche osservato e analizzato il contesto del incontro : scena dell interazione, difficoltà incontratesi durante il primo incontro. Inoltre, appena risultava possibile, osservavo delle situazioni di interazione, staccate dal incontro (corsi d italiano, consulenza legale ). Si tratta di una immersione nel terreno però senza arrivare all osservazione partecipante di tipo etnografica. Ho individuato sei gruppi di protagonisti locali impegnati nel argomento (questa categorizzazione sarà modificata in seguito) : il privato sociale (laico e confessionale), la sfera giuridica (avvocati e professori di diritto), i sindacati, la sfera pubblica (funzionari locali, membri della commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale, eletti/politici, operatori del sistema sanitario pubblico), i mediatori culturali, gli operatori dei centri per rifugiati e richiedenti di asilo. Ho anche interrogato degli immigrati senza capitale sociale, politico o militante particolare. Tradizionalmente, l analisi delle politiche pubbliche corrisponde allo studio dello Stato in azione: una politica pubblica si presenta sotto la forma di un programma d azione legato a una o parecchie autorità pubbliche o governative (Thoenig 1985, p.6). Le politiche pubbliche sottolineano dunque il posto centrale dello Stato. Però nella maggior parte dei paesi europei, gli anni 1980 vedono l evoluzione del azione dell attore statale: lo Stato fa fare più di quanto fa lui stesso e agisce in interazione con attori non statali. Lo Stato interviene in modo indiretto delegando ad attori privati l incarico di realizzare un programma di azione, anzi di definirlo. Eppure, non si tratta di mettere da parte l attore statale (Evans, Skocpol, Rueschemeyer 1985) ma piuttosto di integrarlo a una rete orizzontale di attori privati tutti quanti pertinenti nella presa a carico delle questioni sociali e migratorie. Dalla metà degli anni 80, l Italia avvia un processo di sussidiarizzazione verticale e orizzontale del suo sistema sociale e della sua politica migratoria, due ambiti strettamente legati. Parecchi settori legati al Welfare sono attraversati dall immigrazione: lavoro, affitto di casa, educazione, salute Nei territori dove si stabiliscono, gli immigrati esprimono una domanda di servizi principalmente legati al Welfare locale:ricerca della casa, scolarizzazione dei figli, richieste di servizi sanitari Per conseguenza l immigrazione influisce crea nuovi bisogni e gli interventi verso gli immigrati risultano traversali.la sussidiarietà verticale è il processo tramite il quale il livello centrale delega delle competenze a altri livelli di governo (infranazionale e sopranazionale). La sussidiarità orizzontale è legata alla delega di responsabilità al settore privato. Pero, la sussidiarizzazione delle politiche sociali e migratorie non è stata accompagnata di sussidi supplementari agli stakeholders ai quali lo Stato attribuisce la responsabilità di intervenire su alcune necessità (enti locali, famiglia, privato sociale). Si parla allora di sussidiarità passiva (Kazepov 2009). Cosi, in Sicilia, una moltitudine di operatori provenienti da differenti ambienti sociali, politici, economici e culturali, principalmente dal privato sociale (operatori sociali, attori 2

3 religiosi, mediatori culturali, sindacalisti, militanti contestatori, avvocati, associazioni ) hanno afferrato la questione migratoria. Alcuni sono riusciti a promuovere delle misure di integrazione benché la questione migratoria sia entrata tardivamente negli agenda politici locali. La classificazione di questi attori locali in universi sociali (nozione vicina a quella di campo di Bourdieu) nello stesso tempo autonomi (dal punto di vista della prassi, ambito di analisi e universo di senso comune, Hall 1993) e interdipendenti consente di analizzare le dinamiche interne (al interno di ogni universo) e esterni (interazioni tra gli universi) (Mathieu 2007; Bourdieu). A l interno di questo quadro, il governo locale è solo un attore tra altri. Al di là del policymaking ufficiale delle amministrazioni locali, le pratiche formali e informali degli attori locali coinvolti nel tema migratorio sono essenziali (Penninx, Kraal, Martiniello, Vertovec 2004). Parecchi concetti permettono di capire queste interazioni di attori pubblici e privati: policy network, advocacy coalitions (Sabatier, Jenkins-Smith 1993). Peraltro, parecchi studi hanno fatto presente che la politica migratoria dell Italia si può capire solo attraverso una analisi multi-livello (Zincone, Bassi 2007). Le politiche di immigrazione restano un attributo fondamentale della sovranità dello Stato ma la loro progressiva comunitarizzazione ha trasformato l UE in un livello imprescindibile. Inoltre, le politiche migratorie nazionali hanno dovuto a adattarsi alle esigenze degli altri stati membri, preoccupati dalla permeabilità delle frontiere Sud dell Europa. La Sicilia si trova al centro delle preoccupazioni nazionali e europee per quanto riguarda la lotta contro l immigrazione irregolare. Degli eventi locali molto mediatizzati (sbarchi marittimi) influenzano la costruzione degli agenda nazionali e europei e partecipano alla politicizzazione del tema migratorio e a l ipersensibilizzazione a questo fenomeno. Peraltro, l UE consente alle Regioni la possibilità di partecipare al policy-making e all implementazione delle politiche europee, cosi rinforzando la loro legittimità di terzo livello di governo. Il livello europeo rappresenta di conseguenza un quadro di obbligo e di opportunità. Il livello locale è stato per molto tempo trascurato dalla letteratura sulle migrazioni la quale si concentrava sullo Stato-Nazione, identificando dei modelli nazionali (assimilazionista, multiculturalisto, pluralista; Soysal 1994). Questi sono stati progressivamente criticati. Semplificavano i processi di integrazione al livello locale senza rispecchiare la realtà empirica (Favell 2001) e risultavano incapaci di spiegare la varietà delle politiche locali tra diverse regioni dello stesso paese (Zincone, Balwin-Edwards, 2002) e le pratiche convergenti tra città di paesi diversi. Poco a poco la dimensione locale delle politiche d integrazione è entrata nel agenda della ricerca accademica (Campomori 2008; Caponio Borkert 2010, Garbaye 2005, Alexander 2004 ), sia secondo una prospettiva bottom-up (Zincone 1998, Koff 2008) or top down (Fasano, Zucchini ), (Koff 2008). Le nuove relazioni tra i differenti livelli territoriali e le sfere pubbliche e private segnano una de-monopolizzazione delle misure sociali e delle politiche migratorie. Una moltitudine di stakeholders in interazione sono coinvolti nella programmazione e 3

4 l implementazione di queste politiche (enti locali, UE, settore privato lucrativo, settore associativo ). Questi campi illustrano dunque l esistenza di meccanismi di governance (Le Galès 2007, 2006, Caponio 2006), cioè la moltiplicazione degli attori non statali impegnati nella produzione e l implementazione delle politiche pubbliche, la permeabilità dei livelli di governo e l erosione delle frontiere tra sfera pubblica e sfera privata. La distinzione tra governance e governo s inserisce perfettamente nel contesto siciliano segnato dal posto centrale del privato sociale nella gestione delle problematiche sociali. Però a differenza della maggior parte delle ricerche sulla governance locale dell immigrazione che esaminano essenzialmente quello che succede al livello del governo locale (Garbaye , Campomori 2008, Caponio 2006), l approccio bottom-up di questo articolo fa luce sulla ristrutturazione dell azione pubblica. Ecco perché si tratta di un quadro teorico dell azione pubblica (nel senso di azione che ha una importanza pubblica) che prende in conto l insieme degli operatori pertinenti di differenti livelli:formali e informali, pubblici e privati. La Sicilia: un case-study privilegiato di analisi della governance locale dell immigrazione Terra di emigrazione per eccellenza, l Italia accoglie i primi flussi migratori importanti negli anni 80, conseguenza della chiusura delle frontiere della maggior parte dei paesi europei dopo lo shock petrolifero del La Sicilia è rimasta molto a lungo une terra di passaggio. L insediamento degli immigrati in Sicilia è recente (tranne per quanto riguarda la provincia di Trapani ). Dagli anni 1990, l immigrazione in provenienza dai paesi del Est è in costante aumento: in 2010, i Rumeni rappresentano la prima nazionalità straniera in Sicilia. Fine 2010, c erano immigrati, cioè 2,81% della popolazione dell isola, con una leggera preponderanza di femmine (4,5 milioni di stranieri in Italia, cioè 7,5% della popolazione, ISTAT). Però gli immigrati in situazione irregolare non vengono contabilizzati in questa cifra; e in Sicilia rappresenterebbero quasi 50% degli immigrati (Pirrone 2010) (contro su per giù 25% in Italia) (Corriere della Sera 10/08/2009). La maggior parte delle ricerche sull immigrazione al livello locale in Italia riguardano le regioni del nord o del centro (Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna.). Quelle che hanno preso la Sicilia come oggetto di ricerca si sono principalmente interessate agli sbarchi sulle coste o ai sistemi di detenzione che monopolizzano l attenzione dei media e dei discorsi politici. Parecchi fattori spiegano la poca attenzione rivolta alla governance dell immigrazione in Sicilia (il numero ridotto di immigrati, l immagine di una terra di passaggio e la maggior presenza di immigrati al nord dell Italia. Ciononostante, in questi ultimi anni, il numero di stranieri presenti nelle regioni meridionali ha conosciuto un tasso de crescita superiore a quello delle regioni settentrionali. Peraltro parecchi indicatori confermano che gli immigrati abbiano messo le radici nel tessuto sociale ed economico dell isola (idea che stenta a entrare nelle menti come l hanno fatto presente parecchi incontri): percentuale elevata di minori stranieri (21,3%), numerosi migranti di seconda generazione (13,2%), durata continua di lavoro elevata (Avola 2009). 4

5 Peraltro, essendo l una delle principali via d ingresso dell Europa, la Sicilia sperimenta le politiche che accolgono e rinchiudono gli stranieri. Una parte molto importante degli immigrati è molto vulnerabile, particolarmente i richiedenti asilo e i minori non accompagnati, categorie sulle quali gli enti locali sono competenti. Inoltre, la situazione socio-economica della Sicilia, la famosa questione meridionale influisce sulle rappresentazioni reciproche tra autoctoni e stranieri e sulle modalità di inserimento sociale, economico e culturale. La Sicilia è povera paragonata alle regioni del nord, dipendente del settore pubblico, con una debole attività industriale, un forte tasso di disoccupazione e una importante economia sommersa. L economia si appoggia in gran parte su una attività estiva (industria turistica, alberghiera ) e agricola. La frattura sociale è importante e la mobilità ascendente risulta molto limitata. Dal fatto dell esistenza di un ceto autoctono molto precario, alcuni problemi riguardano tanto i locali quanto gli stranieri mentre al centro e al nord del paese, assumono un carattere etnico: carenza di abitazioni, scarsi risultati scolastici, difficoltà linguistiche, sbocchi professionali (alcuni mestieri che, altrove in Italia, vengono rifiutati dagli italiani, sono ancora esercitati dai siciliani: muratore, badante, bracciante). Tuttavia, l indigente viene considerato come una vittima più che come un responsabile. Gli effetti della povertà sono in parte limitati dall assistenza pubblica, però della parte più importante si fanno carichi le reti familiari, il volontariato, la chiesa e la mafia che partecipano alla regolazione, al controllo politico, sociale e economico del territorio. Come negli altri paesi del sud dell Europa, gli immigrati lavorano principalmente nei settori poco qualificati: agricoltura, servizio alla persona, commercio, settore alberghiero, ristorazione e edilizia (Caritas 2010) dove il contratto di lavoro a norma di legge risulta raramente fatto, tanto par quanto riguarda gli autoctoni quanto gli immigrati. Si deve sottolineare anche un forte aumento del lavoro autonomo nel settore commerciale e une divisione etnica delle professioni. I Tunisini e i Rumeni lavorano principalmente nel agricoltura e l edilizia, i Cinesi nel piccolo commercio e la ristorazione; i Cingalesi e le donne rumene come badante o Colf. Negli anni , l Italia avvia importanti riforme che instaurano una sussidiarizzazione verticale e orizzontale delle politiche migratorie e sociali. Ma lo Stato non ha stanziato le risorse supplementari ai protagonisti incaricati di nuove responsabilità, mettendoli, cosi facendo, in una situazione difficile. Proveremo dopo a capire perché la questione migratoria non fa parte del agenda regionale. Il settore sanità rappresenta una eccezione dato che la Sicilia si è molto impegnata per dare una risposta sanitaria a tutti gli immigrati, indipendentemente del loro statuto amministrativo. Ci interesseremo dopo ai servizi forniti dal livello locale, prendendo Palermo come case study. Concluderemo con la situazione dell offerta sanitaria agli immigrati a Palermo. 5

6 1.La sussidiarietà verticale e orizzontale a) La sussidiarietà verticale : una governance multi-livello 1 Il campo migratorio Sin dalla prima legge sull immigrazione nel 1986, gli enti locali hanno ricevuto delle competenze nel campo migratorio. Nel 1998, la legge Turco-Napolitano istituzionalizza il ruolo delle amministrazioni territoriali nel campo delle politiche di accoglienza e d integrazione 2. Le Regioni sono il protagonista centrale delle politiche per gli immigrati, cioè le misure che riguardano gli immigrati ammessi sul territorio: l accesso ai servizi sociali, la formazione professionale, i piani di integrazione Stabiliscono, in collaborazione coi Comuni e le Provincie, dei programmi pluriannuali che definiscono gli obiettivi degli interventi, le scadenze e le risorse necessarie. Le Regioni programmano e i Comuni implementano gli orientamenti definiti dalle Regioni. I Comuni hanno un ruolo essenziale rispetto alle politiche per i migranti, cioè le misure di prima accoglienza e di assistenza per gli immigrati il cui statuto risulta precario: i flussi non programmati : richiedenti asilo, minori non accompagnati, vittime di tratta, irregolari. Le politiche d immigrazione, cioè le condizioni d ingresso e di soggiorno nel territorio (norme relative al rilascio e al rinnovo del permesso di soggiorno, al ricongiungimento familiare, ai controlli alle frontiere alle espulsioni) dipendono quasi esclusivamente del livello nazionale. I Comuni e le Regioni vengono consultate nella fase di definizione dei flussi d ingresso e possono influenzare la politica di inserimento professionale (le convenzioni per i stagionali e il sistema dei sponsors ). La restrittiva legge Bossi-Fini (189/2002) non modifica il quadro relativo alle politiche sociali per gli immigrati però taglia i finanziamenti. Il campo sociale La gestione nazionale delle politiche sociali che ha prevalso fino agli anni 1970 è stata progressivamente rimessa in discussione dalla maggior parte degli Stati europei 3, che si sono trovati di fronte a importanti cambiamenti strutturali: scarsa crescita economica, aumento 1 Termine utilizzato per la prima volta nel 1992 da Gary Marks per analizzare le politiche strutturali dell UE. 2 Le differenza tra politiche di immigrazione, politiche per gli immigrati e politiche per i migranti si ispira dalla distinzione fatta da Hammar (1990) in seguito ripresa da Caponio (2006). 3 Diversi autori s interrogano sull esistenza di un modello mediterraneo di Welfare (Castles 1995, Esping- Andersen , Ferrero 2005, Ferrera 1996, Mingione 1997). La maggior parte di questi autori riconosce delle caratteristiche comuni agli Stati mediterranei (Grecia, Spagna, Portogallo e Italia fanno generalmente parte di questa categoria): hanno sperimentato un periodo totalitario, l industrializzazione è arrivata abbastanza tardi (tranne in alcune regioni italiane e spagnole), la Chiesa e la famiglia sono state (e sono ancora) degli attori strutturanti del sistema sociale, il mercato del lavoro è caratterizzato da una partecipazione femminile limitata (tranne in Portogallo) e da una opposizione tra insiders (attivi stabili e iper protetti) e outsiders (precari poco protetti, lavoro in nero). Le risorse vengono attribuite principalmente sotto forma monetaria. Le spese sociali sono limitate e essenzialmente orientate verso la protezione degli anziani e dei pensionati (specialmente in Italia e in Grecia). 6

7 della disoccupazione, invecchiamento demografico, crescita dei flussi migratori, femminizzazione del mercato del lavoro... Le riforme avviate si appoggiano sul decentramento (sussidiarietà verticale) e la privatizzazione (sussidiarietà orizzontale) delle politiche sociali. La riduzione del costo delle politiche grazie a l impegno di associazioni no-profit), il miglioramento della loro efficienza (sono state introdotte delle regole di funzionamento vicine a quelle del mercato) hanno giustificato questi cambiamenti. L Italia sceglie questa direzione lanciando, negli anni 1990, importanti riforme che hanno riconosciuto un ruolo centrale al livello locale nella programmazione e l implementazione degli interventi sociali : decentramento e aumento delle disuguaglianze territoriali Sin dalla Costituzione del 1948, l Italia segue un processo di decentramento che culmina colla riforma costituzionale del Le Regioni vengono stabilite nel 1970; nel 1977 un decreto presidenziale (616) trasferisce competenze legislative e amministrative agli enti locali per quanto riguarda l assistenza sociale Le rivendicazioni a favore di una maggiore autonomia locale provengono da diversi fattori : il crollo della prima Repubblica (scandali e corruzione, scomparsa dei protagonisti politici), le pressioni secessioniste della Lega Nord e gli sforzi finanziari richiesti dall UE (alleggerimento del debito). Però il decentramento ha istituzionalizzato le disparità territoriali : da 1977 (decreto 616) a 2001, nessuna legge quadro sul decentramento viene votata. Durante quel periodo la maggior parte delle Regioni hanno promulgato le loro leggi creando una cittadinanza sociale segmentata territorialmente e esacerbando le differenze territoriali esistenti 4. Peraltro, non nessuna risorsa finanziaria addizionali è stata stanziata. Per assumere le loro nuove responsabilità in un contesto di riduzione delle rissorse pubbliche disponibile, gli enti locali hanno esternalizzato i servizi presso il settore associativo che ha cosi rafforzato il suo ruolo. Le speranze (deluse) della legge 328/2000 La legge quadro nazionale per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali 5 (legge 328/2000) è venuta colmare il vuoto legislativo. Vuole andare avanti col decentramento delle politiche sociali e allo stesso tempo garantire l omogeneità dei servizi su tutto il territorio nazionale. Identifica gli attori responsabili degli interventi sociali attribuendo le competenze dal generale al particolare. 4 Le Regioni del Sud hanno impiegato più tempo per assumere la loro nuova funzione: la produzione legislativa comincia verso la metà degli anni 1980 mentre le Regioni settentrionali hanno cominciato a legiferare dalla metà degli anni Questa legge da spazio alle politiche di assistenza sociale, precedentemente sotto valutate rispetto alla protezione sociale legata al lavoro. L assistenza sociale era principalmente gestita dalle organizzazioni religiose e dalle famiglie. 7

8 Il coordinamento nazionale doveva ridurre le disparità territoriali dell assistenza sociale: le Stato definisce gli orientamenti generali e definisce i livelli essenziali di assistenza (LIVEAS) che dovrebbero omogeneizzare i diritti della cittadinanza sociale su tutto il territorio. Partendo da questo, le Regioni legiferano e programmano gli interventi con i Comuni. Dopodiché i Comuni preparano dei Piani di Zona che vengono applicati su un territorio che riunisce diversi comuni: il distretto socio-sanitario. Questi Piani programmano gli interventi e i servizi socio-sanitari necessari al loro distretto. Vengono definiti dopo avere consultato gli attori istituzionali, il settore associativo e i sindacati. Dal punto di vista sei finanziamenti, il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali (FNPS), creato nel 1997, viene integrato al sistema definito dalla legge 328. Da questo momento in poi, tutte le risorse destinate a finanziare i servizi sociali fanno parte di un unico fondo gestito dal livello statale (le risorse del FNPS rappresentano una parte minima del totale della spesa centrale). La riforma del 2001 : governance multi-livello e sussidiarietà passiva La riforma del titolo V della Costituzione eleva la sussidiarietà al rango di principio costituzionale e aumenta le competenze regionali esclusive (art. 117) 6. La sanità è il principale settore d intervento delle Regioni. La conferenza Stato-Regione e la conferenza Stato-Città-autonomia locale sono destinate a favoreggiare la cooperazione interistituzionale tra lo Stato, le Regioni e i Comuni. L autonomia finanziaria degli enti locali è una questione cruciale; se ne fa testimone il ripetersi del dibattito politico sul federalismo fiscale. Fino a 1990, le risorse delle collettività locali dipendevano quasi esclusivamente dei trasferimenti dello Stato. Però, con il decentramento delle competenze, nuove tasse locali hanno progressivamente completato i trasferimenti di Stato. L innovazione maggiore è stata la creazione, nel 1992, dell Imposta Comunale sugli Immobili (ICI). Nel 2001, per la prima volta, viene riconosciuta l autonomia finanziaria degli enti locali: le loro risorse dovevano provenire principalmente di tasse autonome. Ma il processo di federalizzazione fiscale non emerge, un paradosso quando si ascoltano i slogans della maggioranza di destra che, spinta dalla Lega, aveva fatto del federalismo fiscale il suo cavallo di battaglia. Nel 2008, la destra, tornata al potere, abolisce l ICI sulla prima casa. Imprigionate tra delle responsabilità maggiori, le necessità di bilancio del Patto europeo di stabilità, le riduzioni delle entrate e i tagli nelle risorse trasferite dallo Stato via il FNPS, gli enti locali si sono indebitate (principalmente quelle del Mezzogiorno tra 2003 e 2007). Peraltro, il margine di autonomia finanziaria degli enti locali rispetto allo Stato è limitata: le Regioni, specialmente quelle del Sud sono molto dipendenti dei trasferimenti statali, 6 Dalla riforma del 2001, i conflitti di attribuzione tra i livelli istituzionali sono aumentati. Parecchie Regioni hanno contestato la legittimità del fondo per l inclusione sociale degli immigrati creato nel La Corte costituzionale ha ammesso che lo Stato non poteva intervenire sul integrazione sociale degli immigrati (e dunque stanziare delle risorse a questo scopo specifico) perché questo intervento risulta essere di competenza regionale (decisione 50/2008). 8

9 principalmente attraverso la quota annuale del FNPS. Inoltre, coll abrogazione delle leggi di settore nel 2003, alcuni campi di intervento non sono più finanziati, come i servizi all infanzia o le politiche d integrazione per gli immigrati, precedentemente protette dai fondi specifici. Cosi, le Regioni possono utilizzare in un modo discrezionale le risorse trasferite dal livello statale. Le riforme delle politiche sociali volevano ridurre le spese pubbliche senza diminuire il livello dei servizi, aumentare l efficienza degli interventi e ridurre la frammentazione territoriale dell aiuto sociale. Però il decentramento non è stato accompagnato di risorse supplementari, ciò che na aggravato le disuguaglianze territoriali esistenti, il deficit del Mezzogiorno 7 e le carenze dei diritti della cittadinanza sociale. Inoltre, sebbene le Regioni e i Comuni abbiano acquisito delle competenze sociali, l autonomia finanziaria rimane incompleta: la maggior parte dei contributi destinati a questo settore è gestita dalle Stato che stanzia pochi fondi per gli enti locali mentre il federalismo fiscale non è stato aggiornato, ciò che impedisce di compensare la mancanza di risorse con un aumento di entrate proprie. b) La sussidiarietà orizzontale La valorizzazione del privato sociale in Europa è in parte legata alla crisi del Welfare: di fronte alla riduzione delle risorse pubbliche e all efficienza contestata degli interventi, si dovevano limitare le responsabilità dello Stato sociale. Si parla di Welfare misto (Ascoli, Ranci 2002) per evocare l interdipendenza del privato e del pubblico. Il ruolo dello Stato viene ridefinito: interviene indirettamente sostenendo finanziariamente gli organismi privati e fissando gli orientamenti generali. Il posto storicamente centrale del privato sociale La debolezza delle politiche sociali, l insufficienza di risorse stanziate alle collettività locali (sussidiarità passiva), spiegano, in parte, il ruolo cruciale del privato sociale in Italia 8, come negli altri paese del sud dell Europa. In effetti queste organizzazioni offrono principalmente dei servizi socio-sanitari che sostituiscono un intervento pubblico assente o deficitario. Si devono anche considerare gli stili amministrativi delle subculture territoriali (Trigilia 1986, Cartacci 1996, Bagnasco 1999) e le concezione di ciascuna del ruolo dell attore pubblico nella regolazione politica. Lo stile amministrativo è il modo con il quale un governo locale affronta una problematica politica/pubblica. Spesso sono state messe a confronto le zone bianche molto cattoliche dominate dalla Democrazia Cristiana (DC) (Friuli-Venezia Giulia) alle zone rosse rosse comuniste (Toscana). Nonostante fossero economicamente vicine, il loro stile di governo era molto diverso. Le zone rosse erano caratterizzate da un 7 Le spese sociali dei Comuni del Mezzogiorno per ogni abitante sono da gran lunga inferiori a quelle del nord. 8 Esiste una moltitudine di tipologie di organizzazioni del privato sociale: cooperative, fondazioni, associazioni, organizzazioni di volontariato di piccole dimensioni, grandi O.N.G. che hanno una lunga tradizione di aiuto ai poveri, organizzazioni recenti nate ad hoc 9

10 intervenzionismo e una centralità dell azione pubblica mentre le zone bianche rigettavano il centralismo statale e si sono fortemente appoggiate alla rete cattolica, poi alle leghe per regolare la società. Il Mezzogiorno si appoggia maggiormente sugli organismi non statali piuttosto che sulla sfera pubblica (respublica). È tradizionalmente il settore religioso che detiene il monopolio quasi totale delle azioni sociali principalmente rivolto verso le categorie più deboli della società. Per molto tempo la rete associativa è stato lo strumento attraverso il quale le principali forze sociali e politiche hanno esercitato la loro azione e il loro controllo sulla società. La Chiesa esprimeva le sue posizioni sulla scena politica tramite la D.C. e le O.N.G. rappresentate sulla scena politica non avevano nessun ruolo autonomo. Oggi, le organizzazioni no-profit sono ancora molto dipendenti economicamente dal settore pubblico (Ranci 1999), nonostante esista una carenza di controllo sugli organismi in convenzione con il pubblico. Si potrebbe parlare di path dependency a proposito del posto che hanno rispettivamente il settore pubblico ed il settore privato nella regolazione della società. L istituzionalizzazione del partenariato pubblico/privato Il ruolo del settore privato nel campo sociale e migratorio è stato istituzionalizzato nelle diverse fasi del processo politico (policymaking, programmazione, offerta di servizi...). Il campo migratorio La legge Turco-Napolitano, si riferisce esplicitamente al terzo settore incoraggiando la collaborazione tra le collettività locali, le associazioni d immigrati e le organizzazioni che operano a favore degli immigrati (art. 36, 38, 40 e 42). Questi debbono collaborare per favorire l istruzione degli stranieri, le misure d integrazione (formazioni per gli operatori sociali, ricorso ai mediatori culturali ) e gestire i centri di permanenza. La legge introduce anche un nuovo strumento di coordinazione locale tra i protagonisti pubblici e privati : i consigli territoriali per l immigrazione (art.3). Coordonati dai Prefetti, debbono analizzare le esigenze del territorio e promuovere gli interventi necessari al livello locale. Si compongono di amministrazioni locali, di associazioni che operano a favore degli immigrati, di associazioni di immigrati, di sindacati e di datori di lavoro. Però sono poco rappresentativi dei contesti locali e non ci sono contributi stanziati per attuare le iniziative proposte. La loro efficienza risulta dunque limitata e dipendono da sponsor disposti a finanziare i loro progetti. Il campo sociale La legge 285/1997 Disposizione per la promozione dei diritti e di opportunità per l infanzia e l adolescenza istituzionalizza il coordinamento tra settore pubblico e privato e promuove il coordinamento multilivello, anticipando lo spirito della legge 328. La legge condiziona l attribuzione di finanziamenti all organizzazione di progetti innovativi basati su dei paternariati pubblico/privato tra attori di differenti settori, (istruzione pubblica, servizi 10

11 sociali, ASL ), a diversi livelli di governo (distretto, regione, comune ). Le legge riflette anche un problema essenziale che riguarda tutti gli interventi sociali in Italia: il finanziamento di progetti senza continuità. La maggior parte dei progetti si chiudono alla fine dei finanziamenti. La legge 328 ha poi rinforzato e istituzionalizzato la parte del privato sociale nell offerta dei servizi sociali e la programmazione degli interventi. Il settore associativo copartecipa all organizzazione dei Piani di zona (art.19) 9. Questa articolazione tra diversi livelli e operatori fa si che questa legge sia considerata come un tentativo ambizioso di creare un modello di governance multilivello. Però la legge 328 conferisce un compito titanico ad alcune piccole collettività locali, in particolare quelle del Mezzogiorno, alle quale mancano risorse economiche e professionali. Inoltre, appoggiarsi su Piani di zona suppone una preparazione elevata nell ambito della cooperazione istituzionale, ciò che a volte manca. Infine, le risorse comunitarie hanno anche sostenuto il coinvolgimento del settore associativo tramite finanziamenti a progetti stabiliti dalle associazioni, sottoponendo l attribuzione delle risorse alla realizzazione di partenariati pubblico/privato. L attore pubblico italiano ha dunque subito profonde mutazioni: unico centro di decisione, è stato sostituito da una molteplicità di centri decisionali e di attori istituzionali. Peraltro, le riforme hanno istituzionalizzato la funzione del settore privato. Questa disposizione corrisponde alla logica di esternalizzazione dei servizi: il volontariato è una forza di proposta e di elaborazione delle politiche. La responsabilità delle politiche sociali risulta ormai divisa orizzontalmente tra organizzazioni pubbliche e private e verticalmente tra il livello centrale e il livello locale. 2.L inattività regionale e le difficoltà finanziarie degli enti locali L iscrizione della questione migratoria nell agenda regionale viene fatta tramite un riferimento all immigrazione nello statuto delle Regioni e/o tramite la promulgazione di una legge regionale a proposito dell immigrazione. La Sicilia è l unica Regione, colla Provincia Autonoma di Bolzano, a non avere promulgato leggi sull immigrazione ne integrato nessun riferimento all immigrazione nel suo statuto regionale (dodici regioni l hanno fatto). Ci sono stati alcuni tentativi per iscrivere l immigrazione nell agenda regionale ma non ci sono stati risultati concreti : progetto di legge sull immigrazione nel 2007; incontro tra l Assessore regionale all immigrazione e le associazioni a Palermo nel 2011 per, tra altri scopi, preparare 9 Spesso i governi locali non definiscono chiaramente quali servizi e quali interventi spettano alle organizzazioni pubbliche e al settore associativo. Alcuni autori parlano di paternariato non programmato (Ascoli, Pasquinelli 1993). 11

12 una legge regionale che promuova l integrazione e lavorare alla composizione degli organismi di rappresentanza 10. Secondo la maggior parte dei miei interlocutori, l immigrazione non fa parte dell agenda regionale. Non è un argomento sul quale c impegnamo molto. Per i politici, i bisogni delle popolazioni residenti sono più urgenti. Questi ultimi anni, l aumento della disoccupazione (...) e l aumento del numero delle famiglie in difficoltà sono considerati come più urgenti (deputato PD dell Assemblea Regionale Siciliana ARS). S.R, funzionario dell Assessorato Regionale alla famiglia, alle politiche Sociali e al lavoro, formula un altro motivo per spiegare l inattività della Sicilia : l assenza di linea coerente a lungo termine e l interpretazione sbagliata dell immigrazione che consiste a considerarla come una emergenza temporanea : Non c è un impegno della Regione ( ). Lo considerano un caso di emergenza ( ). E probabilmente una delle nostre particolarità e anche di alcune altre Regioni. Ci sono Regioni dove ( ) c è una pianificazione degli interventi. Costruiscono qualcosa che nascerà fra alcuni anni. Non siamo abituati a ragionare in questo modo. L unico riferimento esplicito all immigrazione si trova nella legge regionale N 5 del 2009, Norme per il riordino del Servizio sanitario regionale (art. 28 sull Assistenza sanitaria a cittadini extracomunitari ). Però la legislazione nazionale e la giurisprudenza costituzionale garantivano già l accesso alle cure agli immigrati, indipendentemente della regolarità del loro statuto amministrativo. Nel campo sociale, il piano regionale della Sicilia insiste sulla sussidiarietà verticale e raccomanda una partecipazione più importante degli operatori del settore associativo. Gli immigrati sono integrati a una lista di categorie sfavorite il cui inserimento sociale e professionale deve essere facilitato : donne vittime di tratta, disabili Però i tagli nei contributi pubblici rivolti alle politiche sociali hanno ridotto le possibilità di azione del governo siciliano. Infatti, il FNPS che è, dal 2003, l unico fondo nazionale a finanziare i servizi sociali territoriali, spartische i propri fondi tra le Regioni che dopo li attribuiscono ai Comuni. Queste risorse sono state molto ridotte: di euro nel 2004 contro nel La Sicilia riceve 9,19% di quanto viene attribuito alle Regioni; essendo cosi la terza dietro la Lombardia (14,15%) e la Campania (9,98%). Un'altra fonte essenziale di reddito locale, l ICI, è stata annullata nel , privando i Comuni di di quasi 20% delle loro entrate fiscali 13. Un deputato PD all ARS ha fatto presente le conseguenze della riduzione delle entrate pubbliche locali sulle decisioni a favore degli immigrati I decreti di riparto del FNPS : 12 Si trattava di una delle promesse elettorali di S. Berlusconi : La casa, sacra come la famiglia. Ecco perché aboliremo l ICI, aveva annunciato durante un dibattito televisivo con Romano Prodi, in ottobre 2007 (Heuzé (R.), La proposta fiscale choc di Berlusconi, Le Figaro 15/10/ Il governo Monti ha reintrodotto una tassa municipale unica al posto della vecchia ICI. 12

13 All interno delle istituzioni locali, non c è un servizio che si occupa specificamente e esclusivamente delle politiche migratorie; queste fanno parte delle politiche sociali. E soffrono della riduzione generale della disponibilità di spese ( ). I Comuni hanno (...)solo una piccola quota della fiscalità locale, una piccola parte della quale dipende delle proprie entrate che fino al 2007, provenivano di una tassazione sulla proprietà immobiliare. Quest ultima è stata in un primo tempo ridotta poi quasi annullata dal governo nazionale nel Questo ha ridotto una fonte importante di entrate locali per i Comuni ( ). Le altre entrate che rappresentano la maggior parte, il trasferimento dalla Regione e dallo Stato, sono state molto ridotte questi ultimi anni. Il fondo per l inclusione sociale degli immigrati, creato dalla finanziaria nel 2007 sostiene parecchie iniziative : accoglienza di alunni stranieri, valorizzazione delle seconde generazioni, protezione dei minori non accompagnati e delle donne contro l emarginazione sociale di euro sono stati stanziati per l anno Però i 100 milioni stanziati nel budget 2008 sono stati cancellati (D.L 93 del 2008) e nessun finanziamento è stato previsto per gli anni ulteriori. Da un altro lato, la Sicilia assume numerosi dipendenti che usufruiscono di stipendi e pensioni elevati (superiori a quelli delle altre regioni italiane). Il costo del ARS è quasi due volte superiore a quello del ARS della Lombardia. Il Presidente della Regione Sicilia guadagna quasi il doppio dei suoi omologhi, sardo o lombardo. Si parla della Mamma Regione (funzionario regionale) La situazione dei nostri comuni ( ) è peggiorata a causa di una serie di spese obbligatorie legate alla struttura amministrativa e a una grande quantità di personale. I funzionari regionali non possono essere licenziati, non possono non essere pagati ( ). Quando sono mancati i finanziamenti si è dovuto ridurre la parte destinata alle attività non obbligatorie, tra le quali le politiche sociali (Deputato PD all ARS). Questi ultimi anni, molti interventi istituzionalizzati dal comune sono stati soppressi. (...). La parte del budget del Comune che riguarda i servizi sociali è stata molto ridotta (dipendende del Comune di Palermo). La cattiva gestione dei fondi europei destinati a finanziare delle attività sociali spiega anche la scarsa disponibilità di spese. Inoltre, numerosi progetti erano sospettati di irregolarità. Peraltro la Regione ha distaccato solo 173 funzionari (su ) per gestire questi fondi (La Repubblica, 04/06/2012). Le risorse dell Europea non sono utilizzate bene; alla fine anno, i spicci tornano nelle casse europee. I progetti che potrebbero essere finanziati da quei fondi non sono stati preparati in tempo (mediatrice culturale). 3.La risposta sanitaria : la medicina delle migrazioni

14 a) Le grandi tappe e la regionalizzazione Secondo la concezione universalista delle Costituzione di 1948, La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo ( ) e garantisce cure gratuite agli indigenti (art.32). Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), che si trova alla base del sistema sanitario, corrisponde all insieme delle strutture e servizi sanitari a disposizione di tutti i cittadini, senza differenza di trattamento. L iscrizione ai SSN permette di scegliere il medico di base e/o il pediatra. Tuttavia, la presa a carico dei bisogni sanitari degli immigrati è stata per primo assunta dal volontariato. La Società Italiana di Medicina delle Migrazioni 15 (SIMM) ha avuto un ruolo importante nella promozione della risposta pubblica ai bisogni sanitari degli immigrati. Questa società scientifica è creata nel 1990, sotto l impulso di un gruppo di medici e di organizzazioni religiose e laiche che offrivano assistenza medica gratuita agli immigrati. La SIMM ( ) aveva come scopo fondamentale di fare dell advocacy e di lottare sul piano dei diritti dell immigrato, principalmente degli immigrati in situazione irregolare ( ) con uno spirito di collaborazione tra il settore pubblico e il volontariato ( ). Quando abbiamo capito che il diritto ( ) era applicato solo dove c era una persona di buona volontà in Sicilia, si è pensato : dobbiamo coinvolgere di più il settore pubblico. Si definisce oggi come un policy network di scambio di metodologie e di analisi delle politiche sanitarie nazionali e locali. Si appoggia sulla pluridisciplinarità (sono membri della SIMM degli psicologi, degli antropologi, dei sociologi, dei mediatori culturali, degli assistenti sociali...) e la collaborazione tra il pubblico ed il privato. Essa esprime delle raccomandazioni a livello nazionale, internazionale e locale. E stato necessario aspettare la legge del 1998 per che ci sia un impulso nazionale. Riconosce la totale uguaglianza tra italiani e stranieri regolarmente presenti sul territorio tramite l iscrizione al SSN, e anche il diritto all assistenza sanitaria agli immigrati in situazione irregolare 16 (Stranieri Temporaneamente Presenti) (STP) 17. Con l ingresso della Romania e della Bulgaria nell UE, il 1 gennaio 2007, il Ministero della Salute crea il codice ENI (Europei non-iscritti) rilasciato agli comunitari che non possono iscriversi al SSN (quelli che non hanno un contratto di lavoro). Questo codice consente loro l accesso alle strutture sanitarie. Secondo tempi e modalità diverse, le Regioni trasposto queste norme nazionali. La riforma costituzionale del 2001 ha affidato alle Regioni il potere legislativo nell ambito sanitario (D.P.R. n. 394/99). La tutela della salute è stata iscritta come materia di legislazione concorrente (art. 117, titolo V). Lo Stato garantisce l omogeneità delle cure su tutto il territorio italiano, definendo i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) che definiscono il livello minimo di prestazioni e di servizi che il SSN deve garantire a tutti i cittadini. La conferenza Stato/Regioni garantisce la partecipazione delle Regioni a i processi decisionali. Così facendo, le Regioni devono stabilire delle politiche locali che garantiscono i 15 La medicina delle migrazioni prende in conto le caratteristiche socioculturali dei pazienti immigrati, la loro cultura per migliorare le cure prodigate. 16 Tra 2003 e 2005, 0,5% delle spese per il ricovero proviene dalle cure assegnate ai STP (Gruppo tecnico del progetto promozione della salute della popolazione immigrata in Italia 2008). 17 L iscrizione STP vale su tutto il territorio nazionale per sei mesi rinnovabili. 14

15 diritti riconosciuti dalla legislazione nazionale. Però le Regioni hanno applicato in modo differente questi orientamenti nazionali creando un eterogeneità dei Sistemi Sanitari Regionali (SSR) nelle modalità di offerta di assistenza agli immigrati, ed in particolare a quelli in situazione irregolare: varietà di tipologia di servizi offerti; impegno più o meno importante del settore pubblico (SSR) Secondo il Dr. Affronti, medico a Palermo la regionalizzazione della sanità può creare importanti problemi in particolare delle disuguaglianze tra le regioni. Spesso la conferenza Stato/Regioni, dove si dovrebbe raggiungere una sintesi, non funziona; non si riuniscono mai ( ). Quando ( ) c è stato il problema dell ENI, dunque della Romania che è diventata un paese europeo, i rumeni, soprattutto le donne, si sono trovate dall oggi al domani senza assistenza sanitaria ( ). Un grande vuoto si era creato ( ). Il fatto che ogni Regione faccia a modo suo è un grosso problema perché può creare delle disuguaglianze nella sanità. In una regione alcune cure vengono effettuate, in un altra no ( ). Ci sono delle regioni virtuose e delle regioni difettose. Per esempio, la Lombardia ( ) accoglie più di un milione di immigrati ( ). Malgrado questa forte presenza di immigrati non ci sono ambulatori dedicati. Quando gli immigrati hanno dei problemi vanno al pronto soccorso o nei centri del volontariato. [Questo dipende dall Assessorato regionale alla sanità?]. Si, la legge [nazionale] non viene applicata. La SIMM cerca di omogeneizzare l assistenza sanitaria sul territorio tramite Gruppi Regionali Immigrazione e sanità (GrlS), unità autonome presenti in 12 regioni tra cui la Sicilia. In Italia, esiste una legge di inclusione molto bella dal punto di vista sociale, dei diritti. La SIMM vuole che questa legge sia applicata in tutte le regioni d Italia dove ci sono degli immigrati. Per questo motivo, da quando la sanità è diventata competenza regionale, la SIMM ha creato i GrlS. Il Pacchetto sicurezza del 2009 è stato une tappa importante. L ordine dei medici, gli assistenti sociali, psicologi e infermieri, società scientifiche e Università, i sindacati, le O.N.G., le organizzazioni religiose e laiche, le aziende sanitarie, le Regioni 18 e alcuni parlamentari hanno chiesto la soppressione dell articolo che obbliga il personale sanitario a segnalare alle autorità la presenza di stranieri in situazione irregolare nelle strutture pubbliche e anche l articolo che imponeva di presentare il permesso di soggiorno per accedere ai servizi sanitari. Questi articoli sono stati eliminati abbastanza rapidamente, però hanno creato un clima di preoccupazione tra gli immigrati. b) Il modello siciliano Come la Sicilia ha adeguato la sua legislazione? Quali servizi esistono sul territorio? 18 Reazzioni delle Regioni al «Pachetto Sicurezza», 15

16 L insediamento degli ambulatori dedicati agli immigrati tiene conto della loro distribuzione geografica: l 80% di questi si concentra nei grandi centri urbani (Catania, Palermo e Messina) e nelle province agricole di Ragusa e di Siracusa. Parecchi paesi sono però privi di ambulatori dedicati. Pertanto, il Dr. Affronti spiega che in questi ultimi anni, c è stata una periferizzazione degli immigrati. E un fenomeno che riguarda soprattutto le donne rumene che curano gli anziani che vivono nei piccoli paesi. Malgrado questa carenza, che vale anche per gli italiani, secondo il Dr. Affronti la copertura sanitaria della Sicilia è abbastanza completa, tranne nella provincia di Trapani. In Sicilia, il settore pubblico, tramite il SSR, è molto impegnato nell offerta di cure agli immigrati. Collabora con le organizzazioni di volontariato che assumono un ruolo fondamentale. La Regione ha promulgato una direttiva sull organizzazione dei servizi sanitari per gli stranieri in situazione irregolare destinata alle Aziende Sanitarie Regionali (ASR). Ha stabilito dei ambulatori con accesso facilitato per gli STP. Il personale sanitario è pagato dal SSR. L adozione nel 2003 delle linee-guida della Regione Sicilia sull assistenza sanitaria ai cittadini extracomunitari è stata una tappa importante. Lo scopo era di trasporre la circolare (N 5) del Ministero della Sanità, di marzo 2000, in Sicilia. Queste linee-guide precisano il tipo di assistenza al quale hanno diritto gli immigrati, indicano i servizi da organizzare per uniformare i livelli di assistenza, incoraggiano l inserzione di mediatori culturali nei servizi sanitari e impongono la formazione del personale messo a confronto con pazienti immigrati. Hanno permesso l apparizione di nuovi ambulatori pubblici per immigrati e incoraggiato l impianto di ONG come MSF o Emergency, in Sicilia. Il Dr. Affronti evoca l elaborazione delle Linee guide e spiega l influenza della politica sanitaria della Sicilia sulla politica nazionale. Grazie all intervento della Regione e dell Assessorato alla Sanità, si è lavorato durante un anno ( ) con operatori del pubblico e del volontariato. Da questo sforzo frutto di un anno di lavoro sono uscite fuori le Linee guide e da quel momento, molti ambulatori sono apparsi in Sicilia (...). L impegno di MSF nel Ragusano nasce dall applicazione di queste raccomandazioni ( ). Lo spirito generale era il seguente : cercare di inserire al massimo queste persone che non avevano nessun tipo di diritti. Si può dire che in Sicilia tutte queste realtà sono nate da quella formula e dopo la formula si è diffusa in tutta Italia. Nel 2008, la Regione promulga una circolare (n. DIRS/2/0781) relativa all assistenza sanitaria dei nuovi comunitari. Quelli a cui era stato precedentemente attribuito il codice STP (quelli in situazione irregolare) sono da ora in poi identificati col codice ENI che garantisce loro una assistenza sanitaria. Il Ministero ha espresso delle raccomandazioni che dovevano dopo essere applicate dalle differenti regioni. Gli assessorati regionali hanno legiferato a proposito dell ENI, come la Sicilia e tante altre regioni Parecchi medici interrogati, ritengono che la risposta pubblica della Sicilia ai bisogni santiari degli immigrati sia soddisfacente e più completa di quella di alcune regioni del nord : Noi [in Sicilia] riusciamo ad offrire le cure agli immigrati in situazione irregolare grazie al codice STP, per quelli chiamati extracomunitari. Per gli immigrati comunitari, abbiamo il 16

17 codice ENI (...) mentre in Lombardia tutto questo non esiste (...). In Sicilia, ci sono delle cose che non funzionano, però si è riuscito a realizzare tanto, a dare una risposta pubblica, e questo è importante. (Dr. Affronti). L assistenza sanitaria agli immigrati in Italia non è uguale su tutto il territorio. La Sicilia col Lazio, la Puglia, la Toscana sono delle Regioni fortunate dove le amministrazioni regionali hanno ricevuto e accettato gli orientamenti sanitari delle leggi sull immigrazione. Da noi, l immigrato ha diritto a tutte le cure, non soltanto a quelle urgenti come in tante regioni ( ). L immigrato, con o senza documenti, ha diritto a tutto ( ). Questo dipende delle amministrazioni locali. In Sicilia, è cosi dalla ( ) Turco Napolitano (Dr dell ONG Emergency). Il diritto alla sanità, indipendentemente dello statuto giuridico, viene dopo ribadito nella legge regionale 5/2009 relativa al riordinamento del SSR (cf. soprra). Infine, la Sicilia fa parte delle 10 regioni che hanno protestato contro il Pacchetto Sicurezza nel 2009 (note n.2292/gab e circolare n. SERV.8/n.787). La Regione ha confermato l invariabilità delle procedure di rilascio dei codici STP e dunque il divieto di segnalazione, in accordo con i principi di universalità e di parità d accesso alle cure definiti nella Costituzione e nella legge. Però la privatizzazione dei servizi pubblici hanno introdotto una gestione mercantile delle Aziende Sanitarie locali (ASL) incaricate di applicare le scelte regionali e hanno introdotto degli obblighi di bilancio stretti. In Sicilia, c è un riflusso pazzesco verso il privato perché le ultime scelte dell Assessorato vanno in quella direzione (...). Ospedali pubblici muoiono giorno dopo giorno ( ). Siamo a favore di una sanità pubblica, siamo dei medici pubblici, crediamo in un sistema sanitario pubblico e pensiamo che la nostra sanità sia buona. In Italia abbiamo degli standard ottimi però nel l immaginario collettivo, la sanità siciliana o italiana non funziona (Dr. Affronti). 4.Il livello comunale: organizzazione dei servizi e collaborazione col settore privato a Palermo Capitale politica della Sicilia, Palermo contava, all inizio degli anni 2011, immigrati in situazione regolare, cioè il 3,1% della popolazione ( abitanti). I principali paesi di provenienza sono lo Sri Lanka, il Bangladesh, la Romania, le Filippine, la Tunisia, le Mauritius, il Ghana e la Cina. Come negli altri grandi centri urbani dell isola (Catania e Messina), gli immigrati lavorano principalmente come badanti e nel settore terziario poco qualificato. Esercitano anche sempre di più attività autonome commerciali 19. Gli immigrati abitano principalmente nel centro storico di Palermo, in appartamenti umidi e scalcinati abbandonati dai palermitani benestanti. Gli immigrati ci si sono sistemati 19 I Magrebini e i Senegalesi esercitano tradizionalmente attività di commercio ambulante. Recentemente, il commercio più strutturato dell abbigliamento e attrezzature casalinghe si è sviluppato nella comunità cinese. 17

18 appena arrivati a Palermo. Il centro storico, tradizionalmente territorio mafioso, si è trasformato sotto l influenza di questi nuovi residenti: rinascita di una vita notturna, sviluppo di attività commerciali, locali I quartieri di Ballarò e della Cala sono molto rappresentativi di questo fenomeno. Presentano una forte diversità sociale ed etnica e la maggior parte degli operatori locali impegnati nelle problematiche migratorie e sociali operano in questi quartieri. Anche un quartiere periferico popolare (la Zisa) conta un elevato numero di stranieri. A Ballarò, tranne una scuola elementare, non c è nessuna istituzione pubblica (la polizia non ci entra, non c è ospedale ) ciò che crea una distanza fisica tra cittadini e istituzioni. Ma esiste soprattutto una distanza mentale: l assenza di interazione con le istituzioni pubbliche nasce da una profonda diffidenza dei cittadini verso le istituzioni considerate poco affidabili e corrotte. Gli immigrati, come gli Italiani, hanno preso l abitudine di auto-organizzarsi. Regole alternative impongono di non rivolgersi allo Stato e le diverse comunità che hanno i loro propri referenti, considerati più efficienti dello Stato. Sono presenti in questi quartieri solo le istituzioni del privato sociale, principalmente religioso. La Caritas, l Oratorio salesiano di Santa Chiara e i Gesuiti del centro Astalli sono i tre pilastri rispettati e ricercati dell aiuto sociale nel quartiere. a) Il servizio municipale dedicato agli immigrati Ubicata nel centro storico di Palermo a dieci minuti da Ballarò, l Unità organizzativa Interventi per immigrati, rifugiati e nomadi è una eccezione. Creato nel 2000 dal Sindaco di allora, L. Orlando, questa unità dipende dei Servizi di aiuto sociale dell amministrazione comunale. L Unità assumeva sette persone a tempo completo nel novembre 2011 (tre assistenti sociali, un esperta nel campo sociale diplomata in psicologia, tre segretarie e la Dirigente, Laura) e mediatori culturali a tempo parziale. L. Purpura lavora da anni nel settore sociale, principalmente per la protezione dei minori. E dipendente dal 1989 e dirige l Unità da dicembre La prima funzione dell Unità è di informare gli immigrati sui servizi socio-sanitari, scolastici, giuridici e professionali di Palermo di cui possono usufruire e a sulle procedure amministrative (rilascio del permesso di soggiorno, ricongiugimento ) perché molto spesso, la persona che si trova in un paese straniero non è sa i propri diritti. Un altro soggetto di interventi riguarda i minori stranieri non accompagnati che l Unità prova a collocare in strutture di accoglienza. Lavora in collaborazione coll Autorità Giudiziaria, i mediatori culturali, gli operatori responsabili delle strutture di accoglienza per minori e le scuole. Procede anche alle valutazioni necessarie alla procedura dell articolo 31 del TU secondo la quale il Tribunale per minorenni può autorizzare membri della famiglia del minore in situazione irregolare a rimanere in Italia se la loro espulsione può rappresentare un grave danno al minorenne. Suppone una buona conoscenza della situazione familiare, si fanno visite a domicilio ( ), ci sono incontri colle scuole (...). Dopo, il Tribunale decide. 18

19 L Unità segnala anche al servizio degli Stranieri della Questura la presenza di immigrati e si fa carico delle vittime di tratta (art.18 del TU). Propone anche progetti all amministrazione. Abbiamo preparato un progetto ( ) che prevede di passare alcune giornate nel campo nomadi per conoscere le famiglie e avere informazioni sulle loro condizioni. L Unità partecipa anche alla tavola rotonda tematica per l organizzazione del nuovo Piano di zona previsto dalla 328. Ci è anche stato richiesto di monitorare le azioni del piano di zona. Laura descrive l evoluzione dell Unità dal suo arrivo nel Per primo soltanto servizio amministrativo si dopo è aperto al pubblico e si è professionalizzato. Quando sono arrivata, questo ufficio non riceveva il pubblico perché era solo amministrativo. Si occupava del finanziamento di alcuni progetti che non gestiva direttamente ( ). C è stato una rivoluzione copernicana! Questo ufficio si è aperto al pubblico ( ). Per i minori non accompagnati, siamo l unica Unità del comune che se ne occupa ( ). L affluenza del pubblico è enormemente aumentato, soprattutto per il counceling ( ). Le persone che vengono una volta per un qualsiasi motivo, poi tornano ogni volta che ne hanno bisogno. Abbiamo anche dei fedeli ( ). Funziona molto il passaparola. L Unità collabora con diversi operatori locali, spesso provenienti dalla sfera del privato sociale religioso. Il nostro punto di forza è ( ) di creare delle collaborazioni, ciò ci ha dato dei risultati positivi. Dove mancano le risorse del Comune, possiamo contare sul sostegno della Caritas, del centro Astalli [Gesuiti], di Santa Chiara [Salesiani] o del CEMI [centro evangelista valdese] e altri. Quando il servizio non è competente, il lavoro in rete consente di risolvere alcune situazioni. Secondo Laura, il servizio municipale presenta due vantaggi in più rispetto ai servizi proposti dal settore del privato sociale: la continuità e la specializzazione. Gli sportelli del privato sociale ( ) hanno una grande esperienza e eccellenti competenze professionali, per cui ci rivolgiamo a loro per chiedere consigli. Nel privato sociale però, gli interventi cominciano dopo che i progetti sono stati finanziati e alla fine del finanziamento si fermano. Il punto di forza del nostro ufficio è che essendo municipale, le competenze e le esperienze aumentano con il tempo, e teoricamente dovrebbero essere utili a lungo ( ). In più il fatto che Palermo sia una grande città ha permesso una specializzazione in questo settore: la costituzione di questa unità ( ). E importante perché il lavoro con gli immigrati è complesso ed anche un po nuovo, specializzandosi, abbiamo una visione più chiara. L Unità collabora con gli altri livelli locali. L interazione con la Provincia è abbastanza regolare, invece, L. Purpura stima che c è sia una grande distanza tra il Comune e la Regione. Raramente organizzano [la Regione] delle riunioni dove i Comuni sono coinvolti. Ogni tanto sui giornali leggiamo che la Regione vuole organizzare degli interventi per i minori stranieri non accompagnati. Ci siamo fatti sentire per dire che ci vorremmo sapere cosa intendendono fare perché ( ) noi ci lavoriamo. Però diciamo che dopo non c è sempre una buona collaborazione. 19

20 b) Il progetto MED.IN.A (Ufficio di Mediazione Interculturale e Accoglienza) Questo progetto è programmato dal Piano di zona del distretto socio-sanitario 42 che comprende Palermo e 11 altri comuni. E finanziato con i fondi della Legge 328/ Nel Giugno 2010 il Comune apre un bando per la gestione di un ufficio per la mediazione interculturale destinato a coordinare 4 ambiti: sociale, scolastico, sanitario e giustizia Per rispondere al bando, otto associazioni palermitane che hanno un esperienza della mediazione nei settori indicato dal bando si riuniscono. Creano una associazione temporanea di obiettivo e vincono il bando. Oltre il comune di Palermo che è il referente istituzionale, il progetto è dunque realizzato in collaborazione con 8 associazioni, sia laiche che religiose. Il progetto comincia a Gennaio 2011 e dura 18 mesi. Il progetto cerca di eliminare le barriere culturali, relazionali e linguistiche incontrate dagli immigrati nella loro interazione con la società palermitana. Si appoggia su 18 mediatori interculturali presenti in 34 servizi, pubblici e privati, nei quattro settori sopra indicati (consultori, ospedali, sportelli sanitari di associazioni; istituti per minori, carceri; scuole; sportello giuridico, l Unita immigrati del comune (cf. Sopra...). Una parte dei mediatori lavora in modo permanente in un servizio. Gli altri intervengono a chiamata nei servizi che non hanno a che fare con molti immigrati ma che possono incontrare difficoltà con uno straniero che non parla bene l italiano, e la cui cultura non è conosciuta. Sono chiamati per risolvere una situazione problematica. I mediatori interculturali fanno da ponte tra le culture. Lo scopo della mediazione è di eliminare gli ostacoli culturali, benché l intervento più immediato sia di superare le barriere linguistiche. Oltre a competenze linguistiche, debbono anche avere nozioni di sociologiche, storiche, culturali, economiche e giuridiche dell Italia e dei paesi origine degli immigrati. Hanno spesso una esperienza di vita legata a più culture. Una delle nostre mediatrice ha seguito la situazione di una donna etiope che aveva affidato il figlio a una famiglia italiana. Ma c erano grossi problemi per comunicare alcune cose. Per esempio la il modo di pettinare i capelli di una bambina etiope è differente di quella di una bambina italiana. Ci possono essere conflitti a proposito di piccole cose di questo genere che non venivano identificate perché non c erano persone per fare da mediatore tra i protagonisti. L assistente sociale non si occupa dei problemi culturali. Poteva dare ragione alla famiglia italiana perché lei stessa appartiene a questo ambiente culturale. (Vincenzo, responsabile dell associazione Apriti il Cuore che coordina il progetto Medina). 20 Per il periodo , sulle 36 azioni di Piani di zona programmate, quattro sono destinate agli immigrati : un servizio socio-pedagogico, un centro di prima accoglienza Rifugiati i/immigrati, un ufficio di mediazione interculturale e un centro per Migranti e Rom euro sono stanziati per gli interventi a favore degli immigrati contro euro per gli disabili e per gli anziani. 20

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione SItI Lombardia SALUTE E MIGRAZIONE 18 maggio 2012 Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione Manila Bonciani Istituto Superiore di Sanità Società Italiana di Medicina delle Migrazioni manila.bonciani@iss.it

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

Master in GESTIONE dei SERVIZI SOCIALI

Master in GESTIONE dei SERVIZI SOCIALI ASMEFORM MgSs Master in GESTIONE dei SERVIZI SOCIALI Pianificazione, programmazione, progettazione, gestione e valutazione sociale: la governance locale DICEMBRE 2005- MARZO 2006 3^ EDIZIONE Obiettivi

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Le condizioni di salute degli immigrati irregolari, tra diritti esistenti e diritti negati

Le condizioni di salute degli immigrati irregolari, tra diritti esistenti e diritti negati Le condizioni di salute degli immigrati irregolari, tra diritti esistenti e diritti negati di Veronica Merotta Università degli Studi di Milano 16 giugno 2015 Una riflessione Una riflessione Quali sono

Dettagli

L ambulatorio Senza Confini

L ambulatorio Senza Confini L ambulatorio Senza Confini novembre 1996 dicembre 2004 L ambulatorio medico dell Associazione L Associazione Senza Confini di Ancona è un associazione di volontariato che opera a favore dell uguaglianza

Dettagli

4 Congresso per infermieri di Camera Operatoria. La libera professione dell infermiere in Sala Operatoria quale realtà in Italia.

4 Congresso per infermieri di Camera Operatoria. La libera professione dell infermiere in Sala Operatoria quale realtà in Italia. 4 Congresso per infermieri di Camera Operatoria La libera professione dell infermiere in Sala Operatoria quale realtà in Italia. San Marino 26/27 settembre 2014 Una breve premessa Esistono molti modi per

Dettagli

FABBISOGNO DI ASSESMENT NEL MERCATO DI LAVORO E ANALISI DI CONTESTO DEI PAESI RICEVENTI. ANALISI INTEGRATA ITALIA-POLONIA- ROMANIA

FABBISOGNO DI ASSESMENT NEL MERCATO DI LAVORO E ANALISI DI CONTESTO DEI PAESI RICEVENTI. ANALISI INTEGRATA ITALIA-POLONIA- ROMANIA FABBISOGNO DI ASSESMENT NEL MERCATO DI LAVORO E ANALISI DI CONTESTO DEI PAESI RICEVENTI. ANALISI INTEGRATA ITALIA-POLONIA- ROMANIA ottobre 2010 Progetto: GC-AC Give Competence A Chance Transparency and

Dettagli

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Specialistica in Scienze per le Politiche Sociali e del Terzo Settore IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Romania e Moldavia Aspetti socio-culturali

Romania e Moldavia Aspetti socio-culturali Piano Territoriale per l'integrazione - Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13.13 Azienda U.L.S.S.13.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira Romania e Moldavia Aspetti

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA Pisa, venerdì 20 marzo 2015 Oggetto: relazione programmatica per l'anno 2015 Prima di presentare gli elementi sui quali si svilupperà l'azione

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà CHI SIAMO SudgestAid è una Società consortile italiana, senza scopo di lucro, partecipata da Agenzie pubbliche, impegnata nel

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni e le opportunità

1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni e le opportunità Consultazione tra esperti su: Migrazione e servizi alle persone: opzioni strategiche per una politica di co-sviluppo sociale 1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE Molti obbiettivi non possono essere conseguiti con un azione individuale: la loro realizzazione

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

Gli attori religiosi della governance locale dell immigrazione in Sicilia

Gli attori religiosi della governance locale dell immigrazione in Sicilia BASSI Marie 21/09/1984 Affiliazione : Institut d Etudes politiques de Paris (Sciences Po Paris) Tutrice di dottorato : Mme Wihtol de Wenden Gli attori religiosi della governance locale dell immigrazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE

ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE Relatrice: Prof.ssa Olivia Bonardi Tesi di Laurea di: Francesca Savoldini ABSTRACT La violenza nei confronti delle donne è un problema sociale diffuso ed importante

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? Noi non chiamiamo immigrati gli stranieri provenienti dai paesi ricchi E neppure i benestanti, o

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO Istituto Superiore di Sanità Laziosanità-ASP Istituto Nazionale salute popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini I DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania. Fernanda Mazzotta Università di Salerno. Genova Workshop, 13 Novembre 2009

Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania. Fernanda Mazzotta Università di Salerno. Genova Workshop, 13 Novembre 2009 Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania Fernanda Mazzotta Università di Salerno Genova Workshop, 13 Novembre 2009 Analisi socio economica Regione più giovane e minore incidenza over 45 Incidenza

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI Comunità Leumann 2011/2012 I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE Indovinello: Non sono molto alti e sono di carnagione scura. Hanno i capelli neri. Parlano tra loro usando dialetti incomprensibili, sono rumorosi

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Iniziamo ricordando che il 27 scorso è stata la giornata della memoria; quest anno non abbiamo fatto in tempo a organizzare qualche iniziativa come lo scorso anno ma

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Curriculum Associazione Belluno-DONNA

Curriculum Associazione Belluno-DONNA Curriculum Associazione Belluno-DONNA 1. L Origine dell Associazione L Associazione Belluno-DONNA onlus è nata nel 2003 dal Gruppo di lavoro sulla violenza alle donne che nel 2001, insieme ai Medici di

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Infermiere e Libera Professione: quali opportunità?

Infermiere e Libera Professione: quali opportunità? Infermiere e Libera Professione: quali opportunità? Varese 01 dicembre 2006 L esercizio libero professionale degli infermieri: non ha ancora raggiunto livelli congruenti con l evoluzione più generale della

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli specializzati L esperienza del Servizio Accoglienza extra

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea L immigrazione in Italia è ormai un fenomeno più che consolidato, il dossier caritas 2007 riporta 3.500000 presenze di stranieri regolari. Sempre dal DOSSIER CARITAS 2004, nella provincia di Latina, capofila

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli