CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA BIOINTEGRATA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA BIOINTEGRATA. www.centrostellamaris.it"

Transcript

1 UNIVERSITA G. d ANNUNZIO -CHIETI- PESCARA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE Sezione di Terapia Medica CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA BIOINTEGRATA

2 Programma AA Definizione di PNEI. Il Sistema nervoso: le cellule del SN e loro connessioni; il tronco encefalo, diencefalo, SNV. Sistema endocrino: gli ormoni, loro funzioni e comunicazioni. Controllo cerebrale sul Sistema endocrino. Assi neuroendocrini: ipotalamo-ipofisi, ipotalamo-ipofisi-surreni, ipotalamo-ipofisi-tiroide, ipotalamo-ipofisi-gonadi. Sistema immunitario: cenni di immunologia (teoria della selezione clonale, immunità naturale ed acquisita, sistema HLA, sistema immunitario come organo di senso, produzione di ormoni da parte del sistema immunitario che fungono da mediatori tra cervello e sistema endocrino). Cervello e psiche. La grande connessione: Sistema nervoso ed immunità; sistema dello stress; sistema endocrino e cervello. Endocrinosenescenza e P.N.E.I. DCA endofenotipo clinico di PNEIG.

3 Cos è lo stress

4 DEFINIZIONE di STRESS Tutti sanno che cos è eppure nessuno sa che cos è (Hans Selye American Scientist 1973) La parola STRESS deriva dal latino strictus (stretto, serrato, compresso). Nel XVII secolo viene utilizzato nei paesi anglofoni con il significato di difficoltà, avversità e afflizione. Nel XVIII e XIX ha acquisito il significato di forza, pressione, tensione o sforzo.

5 W.B. Cannon Introdusse in biologia il termine stress derivandolo dall ingegneria (mettere sotto tensione sforzo, carico stress le travi metalliche al fine di provarne l effettiva resistenza). Ad esso è associato il termine strain (rottura per carico eccessivo). In medicina il termine è stato usato per la prima volta nel 1936 sulla rivista Nature dal fisiologo viennese H. Selye che studiava presso l università di Montreal le risposte degli organismi viventi alla somministrazione di sostanze nocive.

6 La parola stress viene utilizzata con almeno tre significati diversi per indicare : 1) lo stimolo stressante (stressor) ovvero la situazione ambientale con caratteristiche squilibranti. 2) Il vissuto o percezione soggettiva di determinate pressioni esterne. 3) La risposta dell organismo ad uno stimolo a livello biologico, intrapsichico e di comportamento manifesto.

7 Stress psichico l'oms definisce la salute mentale come uno stato di benessere in cui l'individuo ha coscienza delle proprie capacità, riesce ad affrontare il normale stress della vita quotidiana, è in grado di lavorare in maniera produttiva e proficua e di dare un contributo alla propria comunità"

8 STRESSOR STIMOLI E ACCADIMENTI CHE INTERESSANO L INDIVIDUO NEL SUO VIVERE QUOTIDIANO 1) ESTERNI (DI TIPO FISICO) 2) INTERNI (INTRAPSICHICI)

9 La reazione risulta dal patrimonio genetico individuale e dall "imprinting psicobiologico" dovuto a precedenti esposizioni a stressor di varia natura. Determinanti età, sesso, attività dei sistemi nervoso e immunitario e il profilo di personalità. L invecchiamento è una fase di ridotta energia adattativa e quindi di aumentata risposta allo stress. L ambiente è sorgente di stimoli stressogeni, sia interni che esterni : geoclimatici, di interazione sociale.

10 Il grado di stress di un evento è legato alla elaborazione, cosciente o inconscia, di un vissuto assolutamente soggettivo e unico t i m o r i f o b i e

11 Parametri di valutazione degli stressor Holmes e Rahe (1967) Scala di valutazione del riadattamento sociale: 43 eventi stressanti ordinati gerarchicamente secondo un unità di cambiamento di vita. Dohrenwend (1980): modifica la scala di Holmes e Rahe considerando l aspettativa soggettiva, il gruppo sociale di appartenenza e l evoluzione dell incidenza dello stressor nella storia individuale

12 da Holmes e Rahe 1967

13 In experimental studies, stress has been induced by exposing the research participants to aversive sensory stimuli (noise and exposure to extreme temperatures) or psychological experiences (demanding cognitive tasks and social evaluation). The most commonly used psychological stressor has been the Trier Social Stress Test (TSST) designed in 1993 by the Kirschbaum lab in Germany. The TSST is a social and cognitive stressor. It involves making a five-minute speech about why they are good candidates for an open job position, and performing an oral arithmetic task in front of an audience. Participants are told they will make. They are given 10-minutes to prepare their speech and to give it in view of 2-3 adult judges while being video- and audio-taped. After completing the speech, participants must orally subtract one number repeatedly from a large number for five-minutes. If they make a mistake, they must begin again. The total stressor duration is 20-minutes.

14 Trier Social Stress Test (TSST)

15 La Sindrome Generale di Adattamento (SGA), scoperta negli anni 30 da H. Selye, rappresenta una risposta bio-psicocomportamentale di adattamento e di riequilibrio energetico ai più diversi stressors: Lo stress positivo (eustress) è desiderato (egosintonico) e promuove il massimo rendimento energetico. Lo stress negativo (distress) è squilibrante, indesiderato (egodistonico) e provoca eccessivo consumo di energia.

16 La G.A.S. può svilupparsi secondo due modalità: reazione da stress acuta, di breve durata, con una rapida fase di resistenza cui segue un quasi immediato ritorno alla normalità. reazione da stress prolungata (stress cronico), con una fase di resistenza che può durare da molti minuti a giorni, settimane, anni e, per qualcuno, tutta la vita.

17 non tutto lo stress è stressante : anzi la presenza di stimoli attivatori è necessaria per il buon funzionamento del nostro sistema nervoso. L'eustress (eu: buono, bello), è quello stimolo endogeno o ambientale egosintonico, indispensabile alla vita, finalizzato ad evitare un danno e ad allenare la capacità di adattamento psicofisico individuale alla realtà. Esso possiede una certa quantità di energia, che però una volta esaurita può portare alla condizione di distress.

18 L eustress sarebbe capace addirittura di migliorare le capacità prestazionali e di esercitare, entro certi limiti, un effetto training ( addestramento e apprendimento). Infatti l individuo sottoposto ad un certo livello di stress, non superiore alle capacità di farvi fronte, migliora le proprie prestazioni. Individui attivati rendono meglio di individui eccessivamente rilassati

19 Yerkes e Dodson, 1908 Qualità della prestazione Livello di attivazione (arousal)

20 LA LEGGE DI YERKES-DODSON per raggiungere livelli ottimali di efficienza, bisogna operare in rapporto a quantità di stress non estreme: sollecitazioni eccessive o carenza di stimoli hanno effetti negativi sull efficienza RENDIMENTO E/O STATO DI SALUTE BUONO CATTIVO EUSTRESS INSUFFICIENTE INSUFFICIENTE OTTIMALE ECCESSIVA STIMOLAZIONE E/O ATTIVAZIONE FISIOLOGICA

21 Quando la quota di stimoli entranti supera il limite individuale si produce la situazione di distress, uno stato egodistonico, non armonizzato con la sopravvivenza del soggetto. Con un logorio progressivo fino a condizioni in cui l organismo, permane attivato anche in assenza di eventi stressanti oppure reagisce a stimoli di lieve entità in maniera sproporzionata e si ammala (ipersensibilizzazione primaria da sospensione, mobbing o burnout)

22

23 La principale causa del cattivo stress dell umanità moderna è la frustrazione come effetto delle contrarietà e dei fastidi della vita di tutti i giorni. Per questo motivo la maggior parte di noi vive, quasi sempre, in una fase di resistenza da stress prolungato a cui, di tanto in tanto, si sommano episodi di reazione da stress acuto (come nel caso di una discussione col proprio partner o con un superiore).

24 Nell uomo ogni emozione è il frutto di un processo, che avviene nelle aree cognitive (corticali) e affettive (limbiche) interconnesse dalla glia, per integrazione di stimoli sensoriali e cognitivi attuali e pregressi. Questo elaborato soggettivo si estende, tramite i neurotrasmettitori, al resto del corpo, provocando modificazioni psico-endocrino-immuno-metaboliche.

25 Lo stress è una risposta fisiologica normale e positiva, necessaria all evoluzione della specie e individuale. E un insieme di reazioni che, scatenate da uno stressor esterno, partendo dall "alto, cioè dalla percezione intellettuale di un pericolo o di una situazione sconosciuta, promuove una reazione a catena che coinvolge le funzioni inferiori, il SNV e infine il sistema endocrino.

26 Tra stimolo e reazione non c è un rapporto di tipo lineare. L attivazione avrebbe inizio con la percezione dell evento stressante da parte del SNC, che sulla base di precedenti esperienze, proprio come per gli stimoli dolorifici, dà inizio a modificazioni che non sarebbero legate strettamente allo stressor. Il modello recente di Herman e Cullinan (1997) discrimina il tipo di risposta a seconda della capacità dei circuiti seguiti dallo stressor per accedere al nucleo dell ipotalamo in maniera diretta o indiretta..

27 In psicobiologia ad ogni azione umana corrisponde un dato assetto neuropeptidico; stimoli minacciosi per la vita, producono in animali modificazioni biologiche specifiche e comportamenti finalizzati a produrre energia ( 36 Seyle).

28

29 La Sindrome Generale di Adattamento (SGA), scoperta negli anni 30 da H. Selye, rappresenta una risposta bio-psicocomportamentale di adattamento e di riequilibrio energetico ai più diversi stressors: Lo stress positivo (eustress) è desiderato (egosintonico) e promuove il massimo rendimento energetico. Lo stress negativo (distress) è squilibrante, indesiderato (egodistonico) e provoca eccessivo consumo di energia.

30 comunque va sottolineato che di qualsiasi natura sia la causa provocante, il processo biochimico della reazione da stress è sempre il medesimo.

31

32 Sindrome Generale di Adattamento (GAS)

33

34 Prima fase: di allarme. La mente percepisce, consapevolmente o meno, qualcosa di squilibrante, inaspettato, nuovo o insolito, una difficoltà o un potenziale pericolo; pertanto spinge l organismo a raccogliere tutte le proprie energie per conservare l omeostasi promuovendo attraverso l ipotalamo tre effetti immediati: La secrezione di cortisolo, attraverso l HPAA, e quella di adrenalina e NA* (in quantità dieci volte superiore al normale) attraverso i nervi splancnici ortosimpatici che collegano direttamente il SNC alla midollare surrenale La stimolazione simpatica di numerosi organi (sistema vascolare, muscolatura liscia, varie ghiandole ecc.) con inibizione della motilità e secrezione dell'apparato digestivo; La produzione di betaendorfine, *n.b. L adrenalina, aumentando l inquietudine e diminuendo la concentrazione mentale per aumento dei ritmi cerebrali (onde beta), favorisce il comportamento impulsivo.

35 Seconda fase: di resistenza o di adattamento. Essa dura finché si percepisce il fattore di stress e l organismo resiste. L asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPAA), solitamente organizzato in oscillazioni periodiche regolari, in condizioni di stress è iperattivato con sovrapproduzione di cortisolo e soppressione delle difese immunitarie. Gli iperreattivi o stress-dipendenti, assuefatti alle betaendorfine prodotte in questa fase, abusano di caffeina o altre droghe, per prolungare questa fase o di alcool per riuscire a passare alla fase di esaurimento. Il prolungamento della seconda fase può danneggiare il timo che entro 48 ore dall inizio di una reazione di stress acuta dimezza le sue dimensioni e annulla l efficacia di milioni di linfociti B e T.

36 Terza fase: di esaurimento. Inizia quando il pericolo viene percepito come superato o quando l energia da stress comincia a scarseggiare, per assicurare all organismo il necessario periodo di riposo. Di solito, se la fase precedente termina prima che tutte le risorse siano state consumate, si avverte un sensibile calo d energia spesso associata a un profondo sollievo o ad un piacevole torpore. Se invece, la fase di resistenza è durata per molto tempo, possono derivarne lunghi e debilitanti periodi di esaurimento. All inizio questa fase è caratterizzata da una rapida diminuzione degli ormoni surrenalici e delle riserve energetiche, con azione depressiva. L effetto stimolante del sistema nervoso simpatico viene infatti sostituito da quello calmante del parasimpatico, che ripristina il normale flusso sanguigno nell apparato digerente, nel cervello e nella cute.

37 Neurotrasmettitori neuropeptidi e ormoni implicati nella SGA

38

39 Adrenalina e noradrenalina rilasciate dal sistema ortosimpatico nel sangue per allarmare muscoli, cuore e polmoni. Il rilascio di adrenalina per stimoli neuronali generati dal cervello che agiscono nella midollare surrenale. aumenta velocità e forza della contrazione cardiaca aumenta la pressione sanguigna e il flusso di ossigeno e sostanze nutrienti verso i tessuti provoca una costrizione dei vasi cutanei (pallore) e viscerali addominali (recettori alfa), una vasodilatazione nei muscoli (recettori beta) provoca midriasi, broncodilatazione e aumenta il ritmo respiratorio.

40 Stimola la glicogenolisi nel fegato e nel muscolo. Stimola l idrolisi proteica muscolare e dei trigliceridi, fornendo aminoacidi e glicerolo per la gluconeogenesi epatica, con calo ponderale; inibisce la glicolisi. promuove la demolizione anaerobica del glucosio nel muscolo attiva la mobilitazione dei grassi del tessuto adiposo stimola la secrezione di glucagone e inibisce il rilascio di insulina, stimola l utilizzo di sostanze energetiche.

41 In conclusione l'adrenalina aumenta il trasporto di ossigeno ai tessuti, in particolare quello muscolare, e nel contempo la disponibilità di glucosio e di grassi pronti per essere degradati per la produzione di ATP.

42 Gli stressori cronici alterano il feed back negativo dei corticosteroidi circolanti sull asse HPA, consegue ipercortisolemia; l iperattivazione dei recettori per i glucocorticoidi genera una reazione a cascata intracellulare con riduzione del BDNF e soppressione dei normali processi neurogenici e neurotrofici con insorgenza di DM, ansia, DAS.

43 Normale Stress Antidepressivi Glucocorticoidi BDNF Serotonina e NA BDNF Glucocorticoidi Normale sopravvivenza e crescita Atrofia/morte neuronale Aumentata sopravvivenza e crescita Fattori Genetici Altri danni neuronali: Ipossia - Ischemia Ipoglicemia Neurotossine Virus (N.Brunello)

44 The NPY functions through G protein-coupled receptors to inhibit adenylyl cyclase, activate mitogen-activated protein kinase (MAPK), regulate intracellular calcium levels, and activate potassium channels. A polymorphism in this gene resulting in a change of Leu7Pro in the signal peptide is associated with Metabolic Syndrome

45 Lo stress è causa di vari disturbi dell'apparato digestivo (ulcere peptiche, colon irritabile, intestino pigro, stipsi ecc.) nonchè di intolleranze alimentari. Gli ormoni dello stress adrenalina, NA e cortisolo aumentano la quantità di grassi circolanti nel sangue (lipolisi), e diminuscono la capacità del fegato di metabolizzarli; col risultato finale di ipertensione, iperglicemia e iperlipidemia. La reazione di stress, tramite l'attivazione dell ortosimpatico, ostacola i processi di digestione e assorbimento includendo nella sindrome metabolica da stress l obesità.

46 Regolazione ipotalamica dello stress L'ipotalamo secerne fattori di rilascio per l'ipofisi per la produzione di ADH e ACTH. L'ADH (o vasopressina) fronteggia la diminuita volemia (rapporto tra volume ematico e letto vascolare) mediante la ritenzione idrica (aumento del volume ematico) e la costrizione dei vasi.

47 I glucocorticoidi (cortisolo/idrocortisone) prodotto prodotto dalle cellule della fascicolata surrenale, con ritmo circadiano (prevalentemente nel sonno) in quantità pari a mg/die, tende ad inibire le funzioni corporee non indispensabili nel breve periodo, garantendo il massimo sostegno agli organi vitali. Una volta prodotto ed immesso in circolo nell'organismo viene legato per circa il 75% ad una proteina specifica (CBG), la quota rimanente e che rappresenta la parte attiva è legata all'albumina. L'emivita, plasmatica del cortisolo è di circa minuti, il 20% è convertito in cortisone e successivamente ambedue le molecole sono inattivate a livello epatico; soltanto l'1% del cortisolo prodotto viene escreto tal quale nelle urine.

48 1) I glucocorticoidi stimolano la glicogenogenesi, 2) aumentano la glicemia, incrementando la gluconeogenesi epatica (conversione di alanina in glucosio), stimolando la secrezione di glucagone e riducendo l'attività dei recettori insulinici (insulino resistenza) 3) inibiscono la captazione di glucosio da parte delle cellule adipose con conseguente aumento della lipolisi. 4) L iperinsulinemia correlata alla glicogenogenesi annulla l'effetto lipolitico facendo in modo che il bilancio finale sia correlato ad un aumento dei depositi di grasso.

49 5) favoriscono il catabolismo proteico (stimolano la conversione delle proteine in glucosio e la glicogenosintesi). Questo supera la sintesi di RNA e proteica. 6) Aumentano il catabolismo dei grassi, e della massa muscolare, della cute, del tessuto linfatico e dei tessuto connettivo; diminuiscono la sintesi di collagene e di matrice ossea, accelerando l osteoporosi 7) Riducono le difese immunitarie per inibizione della fosfolipasi A2 con diminuzione della produzione di prostaglandine e di leucotrieni, fattori determinanti per l'instaurazione di un processo infiammatorio.

50 Ha azione antinfiammatoria e antiimmunitaria. inibisce la sintesi di DNA, RNA, proteine, GH, Testosterone inibisce l'enzima deiodasi che catalizza la conversione dell ormone tiroideo T4 nel più attivo T3 aumenta la concentrazione sanguigna di sodio, diminuisce quella di potassio catabolizza la massa cutanea, muscolare, ossea e quella delle mucose gastro-enteriche

51 L ipercortisolismo, o sindrome di Cushing, ha come sintomi: stanchezza, osteoporosi, iperglicemia, diabete mellito di tipo II, perdita di tono muscolare e cutaneo, colite, gastrite, impotenza, perdita della libido, aumento della P.A. e della sodiemia, strie cutanee, apatia, euforia, depressione, diminuzione della memoria

52 Variazione giornaliera dei livelli plasmatci dell'ormone. Da notare il picco raggiunto durante le prime ore del mattino. VALORE MEDIO* DI ACTH NEL SANGUE: ng/l VALORE MEDIO* DI CORTISOLO NEL SANGUE: adulto (alle ore 8:00) microgrammi/l o nmol/l; adulto (alle ore 20:00) 100 microgrammi/l; bambino con età inferiore a 10 anni: microgrammi/l * i valori di riferimento possono variare leggermente in base al laboratorio di analisi

53 Gli agenti eu-stressogeni come l esercizio fisico aumentano mentre gli agenti disstressogeni diminuiscono la resistenza allo stress, la serotonina, il BDNF e la sensibilità dell organismo all insulina. L ostilità e lo stress intenso e cronico, sono associati a insulino-resistenza. La NA urinaria usata come indice di stress, la scala di Cook-Medley per l ostilità, la curva glicemica e insulinemica da carico a due ore per l insulino-resistenza. Proceedings of the National Academy of Sciences, November 14, 2006

54 Curve da carico glicemico e insulinemica

55 Stress e glicemia Lo stress emotivo aumentando cortisolo, glucagone, adrenalina, GH e resistenza insulinica innalza la glicemia. Utile il counceling informativo, ma anche quello finalizzato all apprendimento delle tecniche utili nella gestione dello stress, come il training autogeno, le tecniche di respirazione controllata

56

57

58

59

60

61 L'insulina è un ormone polipeptidico prodotto dalle cellule beta del pancreas in risposta alla glicemia. Aumenta l'assunzione di glucosio da parte del muscolo e del fegato (dove attiva la glucochinasi che fosforilando il glucosio non permette il suo rientro nel sangue). Attiva la glicogeno sintetasi e quindi la sintesi di glicogeno nel fegato e nel muscolo. Naturalmente inattiva la glicogeno fosforilasi. Non utilizza alcuna proteina di trasporto per mantenere i livelli nel sistema circolatorio. La sua emivita varia da quattro a sei minuti e in questo tempo deve raggiungere la cellulabersaglio, identificarne il recettore e farsi trasportare all interno con un processo noto come endocitosi.

62 Una volta entrata, attiva i suoi secondi messaggeri (DAG e IP3) per ordinare alla cellula di prelevare i nutrienti (specialmente il glucosio) dal sangue circostante. Attiva la PFK e la PDH stimolando la produzione di acetil-coa sia nel fegato, dove sarà attiva la sintesi degli acidi grassi, che nel muscolo. Attiva la lipoproteina lipasi nel tessuto adiposo e la sintesi di triacilgliceroli. In definitiva l'insulina esplica la sua azione ipoglicemizzante permettendo l'assunzione di glucosio da parte delle cellule e conservandolo sotto forma di glicogeno e di triacilgliceroli.

63 Il glucagone è un piccolo polipeptide prodotto dalle cellule alfa del pancreas ed è il principale antagonista, insieme all'adrenalina, dell'insulina. Esso viene prodotto quando il livello di glucosio nel sangue è basso, come, ad es. nel digiuno. Deprime la glicogeno sintetasi e attiva la glicogeno fosforilasi per immettere glucosio nel sangue. Attiva la gluconeogenesi Aumenta la mobilizzazione degli acidi grassi nel tessuto adiposo per risparmiare glucosio epatico e muscolare. In definitiva il glucagone produce un effetto iperglicemizzante stimolando la produzione e il rilascio del glucosio epatico e risparmiandone la degradazione.

64 L' aldosterone è un ormone prodotto dalla zona glomerulare della corteccia surrenale, è il capostipite dei mineralo-corticoidi. Esso agisce a livello a livello del tubulo contorto distale e del dotto collettore renale aumentando la permeabilità allo ione sodio, che per osmosi "trascina" con sé acqua, contribuendo al ripristino della normale volemia. Il riassorbimento del sodio si accoppia all'escrezione di potassio e ioni idrogeno, la cui deplezione provoca l'acidificazione delle urine e l'alcalinizzazione del sangue (causata in sinergia dall'iperventilazione).

65 Il rene rileva il calo di pressione attraverso la macula densa dell'apparato iuxtaglomerulare e attiva il sistema renina-angiotensinaaldosterone; l'angiotensina II è un potente vasocostrittore La produzione di aldosterone è controllata da tre meccanismi: 1) Il sistema reninaangiotensina-aldosterone regolando la produzione di aldosterone costituisce il più importante fattore di controllo del volume plasmatico. 2) Il potassio regola direttamente la secrezione di aldosterone: un eccesso di potassio nel sangue induce un aumento della produzione di aldosterone. 3) L ACTH ha un azione di stimolo della produzione di aldosterone, ma di importanza minore.

66 Il dosaggio basale, e dopo test di stimolo (infusione di sodio, ortostatismo, diuretici), dell aldosterone è possibile mediante metodi radioimmunologici; L'ansia, la paura e gli attacchi di panico potrebbero dipendere da iperaldosteronismo. Lo afferma su Psychotherapy and Psychosomatics Nicoletta Sonino dell'università di Padova. Nello studio arruolati pazienti con iperaldosteronismo primitivo o Sindrome di Conn, una malattia dovuta ad un adenoma delle cellule della zona glomerulare della corteccia surrenale e pazienti affetti da un'altra forma di iperaldosteronismo.

67 Stress e dopamina La dopamina (DA) è una amina, sintetizzata a partire dalla L-tirosina, idrossilata a L-dopa, e poi decarbossilata a DA. Successivi passaggi biosintetici portano prima alla NA e poi all adrenalina. La DA, rilasciata dalla substantia nigra, modula i neuroni GABAergici inibitori. Come neurotrasmettitore, attiva i recettori D1, D2 e D3, e poi viene metabolizzata dalle MAO B e dalle COMT

68 stimolazioni ambientali aumentano la concentrazione extracellulare di DA nella corteccia mediale prefrontale (MFC) e meno nelle aree limbiche e striatali. Trenta minuti di stress aumentano l'espressione del Fos nei neuroni dopaminergici della VTA che si proiettano alla corteccia prefrontale ma non in quelli che si proiettano verso il nucleus accumbens. All'aumentare della quantità di stress anche psicologici o alla loro ripetizione nel tempo corrisponde un progressivo aumento di attivazione del sistema dopaminergico

69 Lo stress prenatale provoca nei ratti delle variazioni selettive nel binding dei recettori dopaminergici: un aumento dei D2, una riduzione dei D3 e una invariabilità dei D1 un ruolo cruciale del sistema dopaminergico nel selezionare stimoli ambientali congrui alla sopravvivenza dell'individuo e della specie, nell'elaborare le informazioni provenienti dall'ambiente esterno ed adattare i successivi comportamenti motivati.

70 Come abbiamo visto numerosi studi dimostrano che i neuroni dopaminergici mesocorticali vengono selettivamente attivati dallo stress, ed evidenze convincenti rivelano che la VTA viene attivata prima dei campi di innervazione terminale soprattutto dopo stress di tipo psicologico. Nell'uomo numerosi studi hanno confermato contenuti misurabili di DA sia nella mucosa gastrica che in quella duodenale, le concentrazioni locali o plasmatiche di DA sono influenzate dallo stato emotivo dei pazienti ed aumentano durante la produzione di ulcere acute da stress.

71 Illustrata la complessità delle interazioni tra sistema dopaminergico mesolimbico e attivazione della risposta agli stress. Altri circuiti neuronali importanti per comprendere l'attivazione dell'asse HPA in risposta alle variazioni dell'ambiente esterno sono: l ippocampo ventrale che ha il ruolo di attribuire un significato alle stimolazioni ambientali e l'ipotalamo che ha il compito di regolare l'attività dei sistemi corticali coinvolti nella risposta emotiva allo stress. Entrambi i sistemi partecipano nella regolazione dell'attività dei sistemi corticali coinvolti nella sensazione finale provocata dai diversi tipi di stress.

72

73 Lo stress può causare un aumento del livello degli ormoni androgeni, aggravando la caduta dei capelli (colpa del cortisolo). Ciò è particolarmente evidente nelle donne, dove il livello di androgeni prodotti dalla ghiandola surrenale aumenta. Infatti sotto stress ad esempio l'acne aumenta e le donne saltano qualche ciclo.

74 la tiroide viene considerata sempre di più come organo di stress. Un prolungato stato di ansia e soprattutto un evento traumatico di forte intensità è spesso all'origine di una tiroidite. A Napoli, ricordiamo tutti che in occasione del terremoto dell Ottanta vi fu una evidente impennata di casi con disturbi tiroidei, sollecitati possiamo dire dall evento stressante terremoto. Biblio: Tiroide: stress emotivo e insorgenza ed esacerbazioni della malattia di Graves I sintomi della paziente avevano avuto inizio subito dopo che la donna aveva subito uno stress emotivo. Nat Clin Pract Endocrinol Metab, 2008

75 Continuare a chiamare il sistema neurovegetativo SN Autonomo è un errore, essendo stata dimostrata una sua attivazione a partenza ipotalamica, (Goto et al., 1985) specie nelle condizioni di stress intenso o cronico, attivazione che e` prevalentemente parasimpaticotonica vagale COCCHI R., Riv. It. Disturbo Intellet. 1990, 3:

76 Med Hypotheses. 2006;66(5): Epub 2006 Jan 24. Essential hypertension seems to result from melatonininduced epigenetic modifications in area postrema. Irmak MK, Sizlan A.Department of Histology and Embryology, School of Medicine, Gulhane Military Medical Academy, GATA Histoloji AD, Etlik Ankara, Turkey. Essential hypertension is a complex multifactorial disorder with epigenetic and environmental factors contributing to its prevalence. Epigenetic system is a genetic regulatory mechanism that allows humans to maintain extraordinarily stable patterns of gene expression over many generations. Sympathetic nervous system plays a major role in the maintenance of hypertension and the rostral ventrolateral medulla is the main source of this sympathetic activation. A possible mechanism to explain the sympathetic hyperactivity in the rostral ventrolateral medulla is an action of the area postrema. Area postrema seems to be the region where a shift of the set-point to a higher operating pressure occurs resulting in hypertension. But, how can a shift occur in the area postrema. We propose that melatonin-induced epigenetic modifications in the neurons of area postrema plays a role in this shift. Area postrema is reported to contain high levels of melatonin receptors that play a role in the epigenetic modifications in certain cells. Environmental stressors cause epigenetic modifications in the neurons of area postrema via the pineal hormone melatonin and these changes lead to a shift in the set-point to a higher operating pressure. This signal is then sent via efferent projections to key medullary sympathetic nuclei in rostral ventrolateral medulla resulting in increases in sympathetic nerve activity. This model may explain the long-term alterations in sympathetic activity

77 Ann N Y Acad Sci Dec;1148: Esler M et al.baker Heart Research Institute, Melbourne, Australia. Human sympathetic nerve biology: parallel influences of stress and epigenetics in essential hypertension and panic disorder. Patients with panic disorder show persistent stress-related changes in sympathetic nerve single-fiber firing ("salvos" of multiple firing within a cardiac cycle) and release of epinephrine that perhaps originates from in situ synthesis by phenylethanolamine N- methyltransferase (PNMT). Essential hypertension exhibits a further manifestation of mental stress: activation of noradrenergic brain stem neurons projecting to the hypothalamus and amygdala, nerve growth factor (NGF) is a stress reactant increased in both conditions. A hypothesis in conditions of ongoing stress, PNMT induced in sympathetic nerves acts as a DNA methylase, causing the norepinephrine transporter (NET) gene silencing that is present in both conditions. PNMT can have an intranuclear distribution, binding to DNA. We have demonstrated that the reduced neuronal noradrenaline reuptake present in both disorders does have an epigenetic mechanism, with demonstrable reduction in the abundance of the transporter protein, the NET gene silencing being associated with DNA binding by the methylation-related inhibitory transcription factor MeCP2.

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

Ansia tra normalità e patologia

Ansia tra normalità e patologia Ansia tra normalità e patologia Introduzione: lo stress Il termine stress indica la reazione fisiologica causata dalla percezione di situazioni avverse o minacciose. E un termine mutuato dall ingegneria,

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

PSICHE - SISTEMA NERVOSO -SISTEMA ENDOCRINO E IMMUNITA'

PSICHE - SISTEMA NERVOSO -SISTEMA ENDOCRINO E IMMUNITA' PSICHE - SISTEMA NERVOSO -SISTEMA ENDOCRINO E IMMUNITA' La psiconoeuroendocrinoimmunologia (PNEI) è una scienza recente nata dalla necessità di relazionare i grandi sistemi di omeostasi degli organismi

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli

MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY. Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli MECCANISMI D AZIONE PSICO-BIOLOGICI DELLA PET THERAPY Dott.ssa Valentina Tarsia e Dott.ssa Claudia Giannelli Contatto con l animale d affezione (stimolazione esterna piacevole) Attivazione e modificazione

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Pancreas endocrino: anatomia fisiologica delle

Dettagli

Unità 13 Il sistema endocrino

Unità 13 Il sistema endocrino Unità 13 Il sistema endocrino Obiettivi Comprendere il ruolo del sistema endocrino nel controllo dell organismo Capire le relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Saper distinguere i principali

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse Richiami anatomo-fisiologici IPOTALAMO GHRH IPOFISI GH IGF-1

Dettagli

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SISTEMA NERVOSO AUTONOMO TRE DIVISIONI: SISTEMA NERVOSO SIMPATICO SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO SISTEMA NERVOSO ENTERICO COMPONENTI CENTRALI E PERIFERICHE: REGOLANO LE FUNZIONI VITALI DEL CORPO IN ASSENZA

Dettagli

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI I meccanismi dell ansia -L ansia e uno stato mentale di preallarme che si manifesta in risposta ad una minaccia o ad un potenziale pericolo Si accompagna a risposte

Dettagli

Lo stress lavoro correlato

Lo stress lavoro correlato Lo stress lavoro correlato Franco Cocchi Responsabilità Sociale d impresa ASM - TERNI Terni 29 novembre 2012 1.Problemi di definizione 2.Stress e malattia 3.Stress al lavoro e politiche di contrasto Checosaè

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL Piacenza PIACENZA,10/06/2011 RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Definizione Stress significa letteralmente: sforzo,

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it Ansia e stress nelle prestazioni s.dinuovo@unict.it Ansia nelle prestazioni Ansia nelle prestazioni ATTIVAZIONE Ansia nelle prestazioni L ansia: facilita l apprendimento nella misura in cui lo attiva

Dettagli

Dispensa La gestione dello stress

Dispensa La gestione dello stress Dispensa La gestione dello stress Il valore di un idea sta nel metterla in pratica OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 103519965309 - Vietata ogni riproduzione Fax 1786054267

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Chiara Sgherbini

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA M.G. BIRAGHI 27 FEBBRAIO 2013 STRESS RISPOSTA NON SPECIFICA dell organismo di fronte a SOLLECITAZIONI e STIMOLI EUSTRESS DISTRESS

Dettagli

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Prof.ssa Barbara De Marchi Meccanismi d azione della cocaina! La cocaina agisce su re-uptake

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

La Tiroide e gli Ormoni Tiroidei Berne & Levy cap. 46. T3 inversa

La Tiroide e gli Ormoni Tiroidei Berne & Levy cap. 46. T3 inversa La Tiroide e gli Ormoni Tiroidei Berne & Levy cap. 46 T4 T3 T3 inversa Regolazione dell espressione genica Regolando l espressione genica delle cellule bersaglio, gli ormoni tiroidei stimolano la crescita,

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA GENERALE

ENDOCRINOLOGIA GENERALE ENDOCRINOLOGIA GENERALE Obiettivi Al termine del corso di endocrinologia lo studente dovrebbe conoscere i meccanismi di azione degli ormoni e dovrebbe essere in grado di riconoscere i segni ed i sintomi

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA QUESTI ORMONI REGOLANO IL FLUSSO DEI METABOLITI NELLA GLICOLISI, NELLA GLICOGENO-SINTESI, NELLA GLIGENO-LISI E

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI Paziente: Mario Rossi Cod. Prodotto: 00000 Codice Accettazione: 00000 CCV: 000 Data: 24/12/2015 CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini. Dichiarazione

Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini. Dichiarazione N Me Adrenalina Schemi di Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini Dichiarazione Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Queste immagini vengono

Dettagli

N 15 IL SISTEMA NERVOSO

N 15 IL SISTEMA NERVOSO N 15 IL SISTEMA NERVOSO Il sistema nervoso può essere distinto in due grandi parti: sistema nervoso centrale (SNC); sistema nervoso periferico (SNP), al quale appartiene una terza componente, il sistema

Dettagli

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE Dr. Rachele Nanni - Psicoterapeuta, Neuropsicologa MINDFULNESS MEDITAZIONE COME PRATICA DI CONSAPEVOLEZZA Con il termine meditazione intendo qui un insieme di tecniche atte

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

CORRELAZIONE TRA STRESS E INSORGENZA DI PATOLOGIE NEL PERSONALE SCOLASTICO. Dr. F. Orlando

CORRELAZIONE TRA STRESS E INSORGENZA DI PATOLOGIE NEL PERSONALE SCOLASTICO. Dr. F. Orlando CORRELAZIONE TRA STRESS E INSORGENZA DI PATOLOGIE NEL PERSONALE SCOLASTICO Dr. F. Orlando Lo stress uccide? CANICATTI : UCCISO DALLO STRESS VEDOVA DI FUNZIONARIO CHIEDE RISARCIMENTO DANNI Aveva la pressione

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

Bilancio Sodio e Potassio

Bilancio Sodio e Potassio Bilancio Sodio e Potassio Sodio E l elemento fondamentale per: Controllo osmolalità Mantenimento volume del LEC Mantenimento Pressione arteriosa L introduzione giornaliera di sodio con la dieta (200 meq/l)

Dettagli

Cosa avviene nel corpo:

Cosa avviene nel corpo: Stress ed emozioni STRESS ed EMOZIONI Ogni qual volta una persona si trova dinanzi ad un pericolo nel suo organismo avviene un processo di attivazione, cioè la produzione di molte energie che scatta nel

Dettagli

Steroidi surrenalici. Glucocorticoidi. Mineralcorticoidi. Androgeni. cortisolo. aldosterone. Androstenedione DHEA. riduzione in anziani

Steroidi surrenalici. Glucocorticoidi. Mineralcorticoidi. Androgeni. cortisolo. aldosterone. Androstenedione DHEA. riduzione in anziani Steroidi surrenalici Glucocorticoidi cortisolo Mineralcorticoidi aldosterone Androgeni Androstenedione DHEA riduzione in anziani Androgeni surrenalici Metabolizzazione testosterone estradiolo Recettore

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

SECREZIONE DI INSULINA:

SECREZIONE DI INSULINA: SECREZIONE DI INSULINA: O Ca ++ VGCC K-ATP GLUT2 Ca ++ K + O Ca ++ HK I P GK ATP O ADP piruvato acidi grassi corpi chetonici aminoacidi secretina glucagone incretine: colecistochinina (CCK) peptide inibitore

Dettagli

Il glicogeno (riserva di glucosio) è immagazzinato nel fegato e nei muscoli (con finalità diverse )

Il glicogeno (riserva di glucosio) è immagazzinato nel fegato e nei muscoli (con finalità diverse ) Glicogeno Glicogeno...1 Glicogenolisi...3 Glicogenosintesi...7 Regolazione ormonale della glicogenolisi e delle glicogenosintesi...13 Il recettore del glucagone e quello dell adrenalina sono 2 GPCR (G-Protein

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE Nella nostra vita così pressata e a ritmi veloci è facile sentirsi stressati. Stress è una parola inglese entrata nell uso comune largamente

Dettagli

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Malnutrizione in Eccesso e in Difetto BMI Peso in KG (Altezza) 2 in m 1 2 3 Whitlock G, Lewington S, Sherliker P, et al. (marzo 2009). Body-mass index and cause-specific mortality in 900 000 adults: collaborative

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione camp Proteina-CHINASI camp DIPENDENTE (PKA) Proteine target : ε metabolici

Dettagli

Trasmissione serotoninergica

Trasmissione serotoninergica Trasmissione serotoninergica Effetti della serotonina (5-HT, 5-idrossitriptamina): Regolazione del tono della muscolatura liscia sistema cardiovascolare tratto gastrointestinale Aumento dell aggregazione

Dettagli

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici)

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) sistema linfatico passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) 51 pareti formate da un singolo strato di endotelio

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Guida e Dipendenze Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Grazie agli studi neurologici oggi è possibile osservare anche i meccanismi di funzionamento del cervello Maturazione

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

MEDEIA. La diagnosi in medicina antiaging. Dott.Giorgio Crucitti

MEDEIA. La diagnosi in medicina antiaging. Dott.Giorgio Crucitti MEDEIA La diagnosi in medicina antiaging Dott.Giorgio Crucitti Metodica diagnostica della composizione corporea e dei processi di invecchiamento Applicazioni della metodica BIA - ACC ai fini della diagnosi

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

I SETTE PRINCIPALI NEURO SISTEMI DELLE EMOZIONI DI JAAK PANKSEPP

I SETTE PRINCIPALI NEURO SISTEMI DELLE EMOZIONI DI JAAK PANKSEPP I SETTE PRINCIPALI NEURO SISTEMI DELLE EMOZIONI DI JAAK PANKSEPP Jaak Panksepp e le neuroscienze affettive Jaak Panksepp (1943) è uno psicologo americano, psicobiologo e ricercatore in neuroscienze, presso

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

Regolazione della circolazione

Regolazione della circolazione Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

SLC6A4 Controllo della fame, valutazione dello stress alimentare. KSR2 Regolazione del metabolismo, controllo della fame.

SLC6A4 Controllo della fame, valutazione dello stress alimentare. KSR2 Regolazione del metabolismo, controllo della fame. NUTRIGENO DIET-SLIM Assumere cibo e una esigenza vitale per gli esseri umani. Tuttavia anche un comportamento cosi naturale puo trasformarsi in un "problema" a volte anche serio come l obesità. L obesità

Dettagli

Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di

Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione L'alcol, più propriamente l'alcol etilico o etanolo, ha un effetto bifasico. A dosi molto basse induce risposte euforizzanti che corrispondono all'attivazione

Dettagli

Pancreas esocrino FUNZIONI:

Pancreas esocrino FUNZIONI: Il pancreas PANCREAS ESOCRINO: secrezione di liquidi ed enzimi digestivi PANCREAS ENDOCRINO: regolazione del metabolismo e dell omeostasi energetica dell organismo FUNZIONI: Pancreas esocrino Neutralizzazione

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli