PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 LICEO STATALE GIOVANNI PASCOLI LICEO LINGUISTICO - LICEO PEDAGOGICO-SOCIALE Viale Don Minzoni, Firenze Tel Fax PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico Indice 1 Progetto educativo del Liceo G. Pascoli... pag. 2 2 Potenziamento della didattica curriculare :. pag Interventi didattici integrativi pag Progetti inter-europei, regionali, provinciali e comunali... pag Attività di formazione del Personale :.. pag Attività di supporto all offerta formativa.. pag pag. 1 -

2 LICEO STATALE GIOVANNI PASCOLI LICEO LINGUISTICO - LICEO PEDAGOGICO-SOCIALE Viale Don Minzoni, Firenze Tel Fax PROGETTO EDUCATIVO DEL LICEO G. PASCOLI FIRENZE Finalità generali Momento formativo Nel panorama molto variabile delle innovazioni e sperimentazioni della Scuola italiana, facenti capo alla riforma dei cicli, il Liceo G. Pascoli si colloca nella realtà fiorentina come espressione viva di una azione educativa in sintonia con la tradizione culturale e di civiltà dell Italia, arricchita da una sensibilità interculturale e da una visione del mondo più ampia e più articolata. Il Liceo G. Pascoli offre due indirizzi di studio: Linguistico e Pedagogico-sociale. Entrambi gli indirizzi si propongono di garantire allo studente le abilità e le conoscenze necessarie per inserirsi adeguatamente nel mondo della vita, anche in un contesto europeo. Questi pertanto sono gli obiettivi generali: 1. Promuovere una solida cultura, aperta alla conoscenza di ogni aspetto della realtà, con attenzione al presente e al passato, nella ricerca di un autentico sviluppo della civiltà; 2. Coordinare i vari aspetti della civiltà umana in modo da acquisire una conoscenza del mondo, della vita, dell uomo e della società, in funzione della loro maturazione; 3. Abituare gli studenti a rendere prioritari gli ideali di democrazia e di giustizia, per diventare sempre più consapevoli e responsabili sia dei loro diritti che dei loro doveri. E - pag. 2 -

3 questo per promuovere una formazione umana, caratterizzata dal reciproco rispetto e da uno spirito collaborativo. 4. Dar vita ad un dialogo educativo che privilegi: - l autorevolezza dell insegnare e la gratificazione dell apprendere nel riconoscimento e nella libera conquista dei valori della cultura e della vita; - la ricerca della qualità nel sapere e nei valori morali, nell attenta considerazione delle reali possibilità di ciascuno; - la ricerca della chiarezza, della solidità ed essenzialità dei contenuti, e non il loro accumulo. 5. Puntare infine ad una formazione culturale basata sullo spirito critico e capace di inserirsi in un mondo così altamente competitivo. Funzione specifica del Liceo G. Pascoli rispetto alla città e al territorio Il Liceo G. Pascoli, situato nel Centro della città di Firenze, sia per quanto riguarda la sede sia per la succursale, specialmente con l indirizzo linguistico assumerà con la Riforma dei cicli, nell area classico-umanistica, un ruolo esclusivo e fortemente connotato. Così come l indirizzo Pedagogico-sociale, nella continuità ideale dell ex Istituto Magistrale svilupperà la tipica formazione in relazione all ambito degli studi universitari propri e alla possibilità di inserimento nel mondo del lavoro. L ambiente urbano incide in modo positivo sulle proposte didattico educative per i seguenti aspetti: 1. storico: civiltà, monumenti, personalità, ecc. 2. culturale: spettacoli, teatri, biblioteche, musei, Università, vari Istituti di Lingue 3. sociale: diverse opportunità di confronto con altre culture Inoltre le famiglie che iscrivono i loro figli al Liceo G. Pascoli hanno sempre sottolineato le seguenti motivazioni della loro scelta: - accertata serietà di questo Liceo; - continuità e coerenza nel perseguire le finalità educative; - garanzia di una solida preparazione degli alunni in ordine alla formazione culturale e in funzione dell orientamento universitario e/o professionale. - pag. 3 -

4 Tali motivazioni mettono in luce che la dimensione umanistica, caratterizzante i piani di studio del Linguistico e del Pedagogico-sociale, oltre al suo diretto scopo formativo è indispensabile per il confronto con le altre culture europee e per l utilizzazione ragionata delle nuove tecnologie. Metodologia Metodologia didattica Lezione frontale e metodo della ricerca-azione Il Liceo Statale G. Pascoli nei due indirizzi di studi che lo caratterizzano e nello spirito della libertà di insegnamento utilizza molteplici metodologie didattiche. In particolare la metodologia della lezione frontale, basata sulla spiegazione del Docente, con schemi e sintesi alla lavagna, è finalizzata all inquadramento delle conoscenze fondamentali necessarie. Tale metodologia è opportunamente integrata da interventi didattici tali da stimolare l interesse e la partecipazione attiva da parte degli alunni medesimi. Esperienze di laboratorio Sono un supporto per le discipline linguistiche e per quelle scientifiche. Per quanto riguarda le prime, esse garantiscono l interazione e il dialogo personalizzato, in cui è possibile misurare se stessi e confrontarsi direttamente con i mezzi tecnici a disposizione. Per quanto riguarda le discipline scientifiche, le esperienze di laboratorio permettono di acquisire capacità di osservazione e di applicazione del metodo scientifico. Il Liceo G. Pascoli dispone di due laboratori linguistici, di un laboratorio di Informatica e di un laboratorio multimediale, nonché dei laboratori di Fisica, di Chimica e di Biologia. Lezioni multimediali L utilizzo di documentari, film, cd-rom costituisce una valida integrazione della didattica tradizionale. La metodologia multimediale, che si avvale dell uso simultaneo di più linguaggi, permette una più agevole interdisciplinarità anche grazie ai collegamenti Internet, alla posta elettronica, alla TV satellitare, ai personal computer disponibili nelle aule di informatica. E inoltre disponibile un apparecchiatura mobile per l impiego degli strumenti digitali in ogni classe. Anche gli studenti vengono invitati a preparare lavori multimediali, creando files o cdrom da presentare in classe. - pag. 4 -

5 Criteri e strumenti di verifica L attività didattica viene verificata attraverso prove scritte, prove orali e prove pratiche, a seconda delle discipline. Le tipologie delle prove scritte sono quelle introdotte dal nuovo esame di Stato. Le tipologie delle prove orali consistono nel colloquio, nei questionari e nei test. Il momento valutativo (periodico e finale) si basa su di una griglia di indicatori oggettivi, fatti conoscere in precedenza agli alunni, unificati dal giudizio soggettivo dell insegnante che tiene conto anche di aspetti quali l impegno e l interesse. Criteri di valutazione Criteri generali per la valutazione finale: R.D. 4/05/1925 n. 653 e O.M. n. 56 del 23/05/2002 prorogata negli anni successivi. Ogni alunno viene valutato nella sua individualità considerando: il livello di partenza il grado di applicazione il metodo di lavoro il livello di preparazione il progresso fatto registrare, anche in rapporto agli interventi didattici messi in atto dal Consiglio di classe. Vengono altresì valutati: l interesse, il comportamento corretto e responsabile e la frequenza. Per assegnare i debiti formativi si terrà conto dei seguenti criteri: il possesso dei prerequisiti necessari per seguire proficuamente il programma di studi nell anno successivo la possibilità di recuperare gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline; in tal caso, anche se in qualche la materia non sia stata raggiunta la sufficienza, la promozione sarà deliberata con debito formativo (sei rosso). In linea di massima non si considererà recuperabile una situazione di tre o più materie con insufficienze gravi (valore uguale o inferiore a 4) oppure una situazione con 4 o più insufficienze. Verrà considerato anche il persistere di un debito non saldato nella medesima disciplina relativo all anno scolastico precedente. - pag. 5 -

6 Scala di valutazione VOTO GIUDIZIO DESCRITTORI 1/2 Totalmente insufficiente Assenza totale di risposta o fraintendimento completo della prova 3 Insufficienze molto gravi Conoscenze sporadiche e confuse, esposizione scorretta; esecuzione della prova errata in maniera grave 4 Pienamente insufficiente Conoscenze frammentarie dei contenuti, capacità piuttosto fragile di applicare i concetti teorici, linguaggio povero, non appropriato, esposizione incerta 5 Profitto insufficiente Conoscenze solo parziali dei contenuti, errori nell applicazione dei concetti teorici, linguaggio non appropriato, esposizione incerta 6 Profitto sufficiente Conoscenze dei contenuti accettabili, anche se solo generali, incertezza nell applicazione dei concetti teorici, linguaggio appropriato 7 Profitto discreto Conoscenze dei contenuti piuttosto ampie. Capacità di applicare i concetti teorici. Capacità di presentare i contenuti in modo articolato. Linguaggio preciso. Esposizione chiara e corretta. 8 Profitto buono Conoscenza dei contenuti ampia e completa. Buona applicazione dei concetti teorici. Lessico appropriato. Esposizione sicura e corretta. Capacità di analisi e di sintesi 9-10 Profitto molto buono - eccellente Conoscenza dei contenuti molto ampia e ben approfondita. Conoscenze acquisite in esperienze extrascolastiche. Capacità ben consolidata di applicare i contenuti teorici. Lessico ricco e appropriato. Esposizione sicura e fluida. Capacità di analisi, di sintesi e rielaborazione personale. Capacità di valutazione personale. Recupero del debito In sede di Consiglio di classe, nello scrutinio finale, i docenti forniranno indicazioni sia sulle carenze riscontrate, sia circa le attività e i compiti estivi (schede, riassunti, traduzioni, problemi, relazioni), funzionali alla frequenza della classe successiva che gli studenti devono svolgere al fine del recupero. Tale programma di recupero, articolato anche con indicazioni individualizzate, va consegnato alla fine dell anno scolastico e va allegato alla lettera inviata ai genitori dal coordinatore di classe in sede di scrutinio. Le prime settimane di scuola, ogni docente effettuerà una ricognizione dei compiti svolti dagli studenti secondo le modalità ritenute più opportune (ore curriculari, sportello didattico, ore extracurriculari dedicate al recupero). In genere si dedicheranno le prime settimane di scuole dalle classi seconde alle classi quinte al consolidamento delle nozioni acquisite dagli studenti nell anno scolastico precedente e contestualmente alla correzione dei compiti assegnati a giugno agli allievi con debito formativo. Per gli studenti con debito formativo assegnato a giugno sarà organizzata una prima prova di verifica entro il mese di ottobre secondo le modalità che ogni singolo docente riterrà più opportune. Per gli studenti che non hanno superato il debito ad ottobre, è prevista una seconda opportunità nel mese di dicembre. Il collegio si riserva di riflettere ed esprimere un parere a settembre 2007 sulla possibilità che, qualora lo studente consegua, nella valutazione del primo quadrimestre o finale dell anno successivo all assegnazione del debito, una valutazione sufficiente nella/e disciplina/e in cui aveva contratto un debito formativo, si possa considerare saldato il debito. E ciò in attesa di chiarimenti su debito e recupero da parte del Ministero della pubblica istruzione. - pag. 6 -

7 Criteri per l attribuzione del credito scolastico 1) La media dei voti conseguita nello scrutinio finale costituisce la base per individuare la banda di oscillazione del punteggio secondo la tabella A. 2) I parametri per attribuire il punteggio superiroe della banda di oscillazione sono: a) frequenza assidua b) impegno costante c) interessi culturali. 3) In presenza di debiti formativi non saldati, indipendentemente dai parametri di cui al punti 2), è obbligatorio attribuire il punteggio minimo della banda di oscillazione (come da DPR 232/98, art. 11, comma 3 e nota alla Tabella A e DM n. 42 del 22/05/2007). 4) A integrazione dei parametri di cui al punto 2), già di per sé sufficienti per attribuire il punteggio superiore della banda di oscillazione, il Consiglio di classe può valutare eventuali crediti formativi documentati (cfr. DM 452/98, art. 2 e art. 3) purché coerenti con l indirizzo di studi, le attività previste dal POF e considerando la durata e l impegno profusi. TABELLA A Media = 6 Punteggio tra 3 e 4 Media da 6 a 7 Punteggio tra 4 e 5 Media da 7 a 8 Punteggio tra 5 e 6 Media da 8 a 10 Punteggio tra 6 e 8 - pag. 7 -

8 L I C E O L I N G U I S T I C O Il Liceo Linguistico offre ai giovani del Duemila una formazione interculturale ed allargata che prepara all Università e introduce anche alle moderne professioni. Questo Liceo pertanto risponde all esigenza di assicurare ai giovani una formazione liceale caratterizzata dallo studio di tre lingue straniere moderne indispensabili anche a favorire il processo di sprovincializzazione della cultura italiana e quindi di integrazione europea. PIANO DI STUDI Materie orario settimanale di insegnamento biennio triennio I II III IV V Religione Italiano Latino Lingua straniera Lingua straniera Lingua straniera Storia e Geografia 3 3 Storia Diritto e economia 2 2 Filosofia Matematica con informatica Fisica 3 3 Biologia, chimica scienze della terra Disegno 2 2 Storia dell arte Educazione fisica Totale ore settimanali pag. 8 -

9 Struttura del curriculum linguistico (comprendente tre aree, per un totale di 35 ore settimanali) Area dell equivalenza L area dell equivalenza permette, solo su richiesta dei genitori e comunque in accordo con loro, di ri-orientare lo studente che il Consiglio di Classe ritenesse non idoneo all indirizzo scelto. La possibilità di ri-orientamento ( passerelle ) è particolarmente concreta nel nostro Istituto dove già coesistono due indirizzi diversi e dove è quindi realizzabile, attraverso interventi mirati, offrire agli allievi l acquisizione di quelle conoscenze competenze funzionali al nuovo percorso. a) Area umanistica Le materie di tale area ricalcano nel Biennio il cammino percorso nel Ciclo di Base, lo incrementano e lo completano. In particolare, oltre ad educare al gusto per la lettura, vengono affinate quelle abilità linguistiche che trovano nello studio del latino un punto di riferimento imprescindibile e di raccordo con le due lingue straniere. Anche Diritto ed Economia, mentre educano al rispetto civile e alla solidarietà, pur avendo una loro specificità, tuttavia interagiscono con lo studio della storia a far acquisire competenze specifiche. b) Area matematico scientifica Le varie discipline si pongono l obiettivo di sviluppare - capacità intuitivo logiche - una prima maturazione dei processi di astrazione - lo sviluppo delle attitudini di analisi e di sintesi - capacità di ragionamento coerente e argomentato - l acquisizione di un metodo di studio tipicamente scientifico, basato sull attività di laboratorio. Schema curriculare: Materie orario settimanale di insegnamento Biennio triennio I II III IV V Religione Italiano ^ Lingua straniera* Storia e geografia 3 3 Storia Diritto e economia 2 2 Matematica e inform Fisica 3 3 Biologia, chimica e scienze della terra Educazione fisica Ore settimanali Prima lingua straniera : Inglese o Francese - pag. 9 -

10 Area di indirizzo Le materie di questa area permettono di distinguere il Liceo Linguistico G. Pascoli da altri Licei e da ogni altro indirizzo linguistico. Infatti il nucleo fondamentale dell indirizzo è dato dallo studio delle tre lingue straniere, finalizzato ad una sicura acquisizione degli strumenti linguistici a livello comunicativo e funzionali all approfondimento delle tematiche culturali di storia, di letteratura e di civiltà, anche in riferimento alla Lingua latina. Questo percorso è facilitato dal convergere progressivo delle unità didattiche di diverse discipline su argomenti ed epoche della storia e della cultura tra loro comuni. Al fine di far conseguire agli studenti familiarità con il linguaggio non solo letterario e storico, vengono individuati moduli interdisciplinari che richiedono l utilizzo della lingua straniera come lingua veicolare. D altronde anche lo studio della Filosofia implica di per sé collegamenti e confronti di tipo pluridisciplinari. Schema curriculare: Materie orario settimanale di insegnamento biennio triennio I II III IV V Latino ^ Lingua straniera ^ Lingua straniera Filosofia Ore settimanali Seconda lingua straniera : Inglese, Francese o Tedesco Terza lingua straniera : Francese, Tedesco, Spagnolo Area dell integrazione L area di integrazione è quella parte del curriculum che più direttamente intende soddisfare le esigenze locali di un determinato ambiente e territorio. In tal senso il settore artistico è per il Liceo G. Pascoli quello di più immediato riferimento col contesto socioculturale fiorentino. non è da sottovalutare il fatto che la cura di questo settore abbia incoraggiato i nostri alunni a indirizzarsi nella valorizzazione dei beni culturali anche nell ambito del post-diploma. Schema curriculare: Materie orario settimanale di insegnamento biennio triennio I II III IV V Disegno 2 2 Storia dell arte Ore settimanali pag. 10 -

11 L I C E O P E D A G O G I C O S O C I A L E Questo indirizzo di studi garantisce una solida base culturale, adeguata ad affrontare qualsiasi tipo di studio universitario e inoltre una preparazione in ambito psico pedagogico tale da facilitare l inserimento degli allievi nei settori professionali maggiormente legati alla formazione, alla educazione e all insegnamento. PIANO DI STUDI Materie orario settimanale di insegnamento biennio triennio I II III IV V Religione Italiano Latino Storia / Geografia Storia Diritto e economia Lingua straniera (inglese) Scienze della formazione Filosofia Matematica con informatica Fisica Biologia, chimica scienze della terra Educazione musicale Disegno e linguaggio 2 2 artistico-visivo Disegno e storia dell arte Educazione fisica Totale ore settimanali Di cui 1 ora in compresenza con Diritto e Economia 2 Di cui 1 ora in compresenza con Filosofia 3 Di cui 1 ora in compresenza con Storia 4 Di cui 1 ora in compresenza con Storia 5 Di cui 1 ora in compresenza con Storia dell arte 6 Di cui 1 ora in compresenza con Educazione musicale - pag. 11 -

12 Struttura del curriculum pedagogico-sociale (comprendente tre aree, per un totale di 30 ore settimanali) Area dell equivalenza Come per il Linguistico, l area di equivalenza permette di ri-orientare lo studente che il Consiglio di Classe, su richiesta dei genitori, ritenesse non idoneo all indirizzo scelto; la possibilità di ri-orientamento ( passerelle ) è particolarmente concreta in quanto nel nostro Istituto coesistono due indirizzi diversi. Nel Biennio sono previste compresenze tra materie affini (Diritto e Storia) che già abituano l alunno ad un lavoro interdisciplinare e di approfondimento che troverà ulteriori spunti di riferimento anche nel Triennio, ove la compresenza si attua tra Filosofia e Storia. a) Area umanistica pedagogico-sociale Una delle specificità del Biennio consiste, sul piano organizzativo, nella compresenza tra Docenti di Diritto e di Storia come occasione didattica di approfondimento di tematiche ad esse comuni e per una effettiva realizzazione di attività impostate con criterio interdisciplinare. b) Area matematico scientifica Le varie discipline si pongono l obiettivo di sviluppare - capacità intuitivo logiche - una prima maturazione dei processi di astrazione - lo sviluppo delle attitudini di analisi e di sintesi - capacità di ragionamento coerente e argomentato - l acquisizione di un metodo di studio tipicamente scientifico, basato sull attività di laboratorio. Il Triennio trova la sua significatività nel percorso educativo teso alla consapevolezza di sé, delle proprie potenzialità, alla gestione dei vari saperi e alla trasferibilità delle conoscenze in ordine anche al saper fare per saper essere in una società complessa. La specificità di questo corso di studi è riconoscibile dalla centralità e ampiezza delle discipline formative, denominate nel loro complesso scienze umane. Naturalmente in quest Area si garantisce innanzitutto l impostazione didatticoculturale di livello liceale. - pag. 12 -

13 Schema curriculare: orario settimanale Materie biennio triennio di insegnamento I II III IV V Religione Italiano Storia/Geografia Storia Diritto e Economia Lingua straniera* Matematica con inform Fisica Biol.-Chimica-Sc.terra Educazione fisica Ore settimanali * Lingua straniera: inglese o francese. 1 Di cui 1 ora in compresenza con Diritto e Economia 2 Di cui 1 ora in compresenza con Storia 3 Di cui 1 ora in compresenza con Filosofia Area di indirizzo Fin dal Biennio, gli allievi iniziano lo studio delle Scienze della formazione, che offrono quei presupposti necessari per la conoscenza delle problematiche psicologiche, sociologiche proprie del nostro tempo; e per individuare le metodologie utili ad una lettura attenta e consapevole della realtà contemporanea. Lo studio del Latino assicura padronanza lessicale e solida strutturazione discorsiva. La Filosofia, a sua volta, in compresenza con la Storia, svolge la sua tipica ed insostituibile funzione di approfondimento e interconnessione tra le diverse aree culturali. Schema curriculare: orario settimanale Materie biennio triennio di insegnamento I II III IV V Latino** Filosofia Scienze della formaz Ore settimanali ** Prova scritta solo nel biennio. 4 Di cui 1 ora in compresenza con Storia - pag. 13 -

14 Area di integrazione L area di integrazione trova un suo immediato riferimento nell ambito artistico ed è funzionale nel nostro contesto fiorentino alla valorizzazione dei beni culturali nella loro specificità, nel ruolo che essi hanno nel contesto attuale. L educazione musicale funge da completamento della formazione degli alunni e della loro capacità di sintonizzarsi appieno con la realtà culturale fiorentina. Schema curriculare: orario settimanale Materie biennio triennio di insegnamento I II III IV V Disegno e ling. art.vis. 2 2 Disegno e Storia arte Educazione musicale Ore settimanali Di cui 1 ora in compresenza con Educazione musicale 6 In compresenza con Storia dell arte - pag. 14 -

15 2 Potenziamento della didattica curriculare Settore linguistico, storico e letterario (connesso con la Funzione obiettivo propria) 1) POTENZIAMENTO DELL INSEGNAMENTO ATTRAVERSO L ORGANIZZAZIONE MODULARE DELLE LINGUE NEL BIENNIO, attuato da Docenti disponibili OBIETTIVI: a) armonizzare le competenze e le abilità del gruppo classe per affrontare i contenuti specifici del triennio; b) raggiungere le competenze corrispondenti al livello B1 (vedi Quadro europeo di riferimento cap tab. 6); c) conseguire, da parte del maggior numero di alunni, una certificazione esterna a fine biennio; d) sopperire alla rigidità del monte ore con una soluzione flessibile e adattabile alle necessità degli alunni; e) risolvere il problema dell alto numero di alunni per classe, dei livelli differenziati e delle difficoltà didattiche individuali. STRUMENTI DI VERIFICA: test d ingresso, test di livello in itinere. MODALITÀ DI ATTUAZIONE: nelle ore previste dal curriculum e, per il modello avanzato, nell ora aggiuntiva di insegnamento ogni settimana. E prevista la collaborazione del personale ATA per gli aspetti organizzativi/amministrativi. TEMPI: intero anno scolastico. - pag. 15 -

16 2) CERTIFICAZIONI ESTERNE (SOLO PER IL LINGUISTICO O CON CORSI PREPARATORI POMERIDIANI) OBIETTIVI: a) incrementare il numero di alunni che possono sostenere l esame di certificazione ai vari livelli (A2, B1, C1) e per le diverse lingue (francese, inglese, tedesco e spagnolo); b) promuovere la motivazione a perfezionare le proprie competenze linguistiche; c) proporre uno standard di competenze linguistiche generali. MODALITÀ: - attività curriculari ed extracurriculari incentrate sulle abilità linguistiche secondo il Quadro europeo di riferimento; - simulazione di prove d esame. TEMPI: nell arco dell anno scolastico, in occasione delle scadenze degli esami, fino a un massimo di 30 ore. E prevista la collaborazione del personale ATA per gli aspetti organizzativi /amministrativi. Institut Français per il DELF1, DELF2 (Diplôme Elementaire de Langue Française) e DALF (Diplôme approfondi de Langue Française). [Referente: Prof. Boutegege] British Institute per i Cambridge Certificates: PET (Preliminary English Test) e FC (First Certificate) [Referenti: Prof. Chiti e Prof. Grassi] Goethe Institut per il ZD del Goethe Institut (Zertifikat Deutsch) Livello B1 e ZMP livello C1 [Referente: Prof. Biagini] Instituto Español de Cultura Consejería de Educación per i DELE (DBE - Diploma de Español Lengua extranjera - Livello B2) [Referente: Prof. Bartolomeo] 3) CORSI EXTRACURRICULARI DI LINGUE STRANIERE E possibile attuare corsi extracurriculari di lingue per alunni che frequentano l Istituto, qualora lo richiedano almeno 15 allievi. Si prevedono, a richiesta, due moduli: 1 modulo di 30 ore primo livello 1 modulo di 30 ore secondo livello Sono disponibili per questa attività i docenti: Belli (lingua francese), Biagini e Sacchi (lingua tedesca), Bartolomeo (lingua spagnola). - pag. 16 -

17 Settore interdisciplinare o multidisciplinare Occasioni culturali OBIETTIVI E FINALITÀ: Disporre di uno stanziamento, sia sul piano dei tempi didattici sia eventualmente su quello amministrativo, di alcune ore annue di riserva che consentano l accesso degli studenti ad iniziative culturali impreviste (quali ad es. mostre, conferenze o altri eventi in città, interventi di esperti in istituto, ecc.). Rafforzare, precisare, quindi, e attualizzare eventualmente i progetti formativi già studiati e in atto per l anno scolastico, qualora si presentino opportunità di particolare interesse e attinenza allo sviluppo del percorso culturale. [Referente: Prof. Valori] Corso propedeutico all impostazione e allo sviluppo delle ricerche di approfondimento degli studenti delle classi quinte OBIETTIVI E FINALITÀ: Informare congiuntamente gli studenti delle classi quinte delle modalità generali di svolgimento del colloquio di esame evitando dispersioni di tempo durante le lezioni; favorire l orientamento nell uso degli strumenti di studio e di ricerca comparativi, secondo una prospettiva caratterizzante la cultura contemporanea e gran parte dei corsi post-diploma; coadiuvare in particolare gli studenti nelle ricerche di approfondimento di intento interdisciplinare per chiarirne caratteri e modalità, ottimizzare la libera impostazione e i tempi di scelta e sviluppo; abituare alla formulazione sintetica di progetti di studio richiesti in ogni ambito scientifico fin dai primi corsi. L iniziativa è sostenuta da un gruppo di docenti e/o prevede la loro alternanza nella cura dei lavori. - pag. 17 -

18 La didattica del Latino OBIETTIVI E FINALITÀ: Nel biennio l approccio alla lingua latina in parte affrontato con un nuovo metodo induttivo è fin dall inizio affiancato dalla costante attenzione per4 l evoluzione di questa lingua nelle attuali lingue neolatine, dal punto di vista fonetico, morfosintattico e semantico, in modo da offrire agli studenti competenze specifiche nel campo della linguistica generale e, insieme, una base comparatistica che faciliti lo studio delle lingue moderne. Nel triennio la prospettiva comparatistica, applicata all analisi delle produzione letteraria, tende a valorizzare l apporto della letteratura latina alla formazione dell identità culturale europea, attraverso percorsi di letture finalizzati a collegare le fonti latine alla letteratura europea moderna. Progetto insegnamento del latino OBIETTIVI: - recupero delle motivazioni, dei contenuti culturali e delle strutture linguistiche; - approfondimento individuale; - miglioramento della conoscenza del lessico della lingua latina e delle lingue europee; - padronanza dell uso del latino in situazioni comunicative; - approfondimento delle conoscenze culturali attraverso il raggiungimento di una reale abilità di lettura (comprensione), oltre che di traduzione; - acquisizione dei principali processi linguistici (fonetica) che hanno costituito la base delle lingue moderne; - promozione della ricostruzione di legami culturali col passato al fine di creare una solida entità culturale europea. MODALITÀ: - progetto curriculare nel biennio; - progetto Comenius Azione 1 (Francia, Italia, Romania) ATTIVITÀ EXTRACURRICULARE: - Incontri di Progetto alunni e professori, delegati o classi intere, all interno del Comenius. - E prevista la collaborazione del personale ATA per gli aspetti organizzativi /amministrativi. - pag. 18 -

19 Didattica multidisciplinare OBIETTIVI E FINALITÀ: Introdurre nella Didattica del Triennio centri di interesse multidisciplinari o comunque moduli tematici, concordati a livello di singoli consigli di Classe, che nelle scelte di contenuto e di metodologia, mirino a fornire agli studenti strumenti di lettura, di analisi, di sintesi, di osservazione e di connessione logica che consentano loro una vita intellettuale priva di muri etico-culturali. Le ipotesi di lavoro sono di due tipi: 1 ipotesi: scelta di moduli tematici a discrezione dei singoli Consigli di Classe che coinvolgano più ambiti disciplinari con precisi obiettivi, modalità di collaborazione tra i Docenti, tempi definiti in orario curriculare e strumenti di verifica finale, con un approccio storico in sincronia con il programma curriculare. 2 ipotesi: scelta di un centro di interesse da sviluppare nel triennio nelle classi che aderiscono al progetto per gli aspetti scelti dai rispettivi Consigli di classe. [Referente: Prof. Chiti] Progetto Socrates/Comenius Azione 1 (Confini) Partecipanti: Italia, Polonia, Ungheria, Norvegia, Estonia OBIETTIVI: - integrazione europea; - conoscenza reciproca; - uso di lingue veicolari e conoscenza di lingue minoritarie; - riflessione sulla variabilità dell idea di limite e confine in ambito storico, geografico e culturale; - recupero di motivazioni e di strumenti linguistici e culturali per alunni in difficoltà. MODALITÀ: - attività curriculare ed extracurriculare; - incontri di progetto per alunni, delegati o classi intere e docenti; - uso delle nuove tecnologie. TEMPI: Anno scolastico 2007/2008. [Referenti: Prof. Belli e Prof. Heistad] - pag. 19 -

20 Didattica interculturale: filologia del Mediterraneo OBIETTIVI E FINALITÀ: L obiettivo del progetto già avviato nelle classi 3^ e 4^ E Linguistico è quello di poter approfondire e ampliare nella didattica del triennio un argomento a carattere multidisciplinare relativo alla conoscenza delle culture altre. La finalità consiste nel cercare di fornire allo studente, in aggiunta alle altre conoscenze, esperienze e saperi riguardanti il campo specifico delle differenze culturali fra popoli, in modo da favorire una autonomia di pensiero di fronte al problema dello sviluppo e della cooperazione. Il progetto mira a rintracciare elementi che hanno fatto del Mediterraneo un crocevia di culture con influsso reciproco, attraverso una metodologia che prevede il concorso di varie materie dell area storico artistico letteraria e lezioni specifiche anche in compresenza, così da poter trarre dal confronto materia di riflessione sulla situazione contemporanea a partire da dati oggettivi. In particolare il percorso formativo, già organizzato per la disciplina di storia dell arte, è riferito allo studio dei caratteri generali della città arabo-mediterranea nelle diverse condizioni regionali e storiche; per le varie letterature ci si riferirà allo studio di temi, motivi, metafore o generi letterari attraverso esempi molto importanti che hanno avuto influenza determinante nel tempo. Punto di partenza per l attuazione del progetto nel suo insieme sarà proprio il tema trattato a storia dell arte sulla città arabo-mediterranea a integrazione del quale sono stati forniti documenti in 4E/L relativamente alla realtà quotidiana e alle problematiche attuali. Si prevedono 15 ore circa per approfondimenti e compresenza nelle lezioni di raccordo multidisciplinare. [Referenti: Prof. Sorbi, Prof. Valori] - pag. 20 -

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli