I COLORI DELLA SCUOLA II ANNUALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I COLORI DELLA SCUOLA II ANNUALITA"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA STATALE DI 1 GRADO AD INDIRIZZO MUSICALE CARLO EMILIO GADDA QUARTO (NA) I COLORI DELLA SCUOLA II ANNUALITA LA DIVERSITÀ COME RISORSA, L INTERCULTURA COME VALORE, L INTEGRAZIONE COME FINALITÀ PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2011/2012

2 INTRODUZIONE LA MISSION Si sa che il ragazzo in età evolutiva ha sempre mostrato la necessità di vedersi riconosciute le proprie caratteristiche personali. Per questo intendiamo trasformare questo bisogno primario in insegnamento e formazione. Con noi ciascuno potrà e dovrà giungere alla conquista della propria identità in relazione al contesto sociale. Il nostro sarà un NO alla dispersione ed un SI all integrazione, consentendo a tutti di operare scelte realistiche di vita nell immediato e nel futuro. I TRAGUARDI, I PERCORSI DIDATTICI E GLI AMBITI Alla luce di quanto sopra accennato, si consoliderà la sperimentazione delle maggiori novità contenute nelle più recenti normative. Verranno individuati i traguardi che gli alunni dovranno raggiungere al termine dell anno scolastico o dell intero corso. Si tenterà di definire Percorsi Didattici coerenti e finalizzati, espressi in una dinamica azione formativa che tenga conto della nuova suddivisione in ambiti. PREMESSE E MOTIVAZIONI Alla luce di quanto sinteticamente esposto nell introduzione la S.S.S.di 1 Grado C.E.GADDA di Quarto, nel ribadire la logica d un disegno progettuale complessivo d Istituto, intende confermare tale sollecitazione attraverso la quale continuare a far coincidere la tendenza all innovazione e la cultura della tradizione territoriale con l imprescindibile individuazione e scansione di modelli formativi possibili, nonché la necessità d una crescita adolescenziale non avulsa dalla finalità di collocarsi e definirsi come cittadini, protagonisti del proprio contesto di vita nonché soggetti d uno sguardo aperto, a largo raggio, sul mondo, valorizzando le proprie singole personalità in termini comunicativi e operativi. In tal senso si predispone il Piano dell Offerta Formativa, piano tendente ad elaborare e costruire situazioni operative in termini sia di interventi didattici che di attività integrative, armonizzando e coagulando esperienze già realizzate e ricercando, nel contempo, nuovi spazi di manovra al fine di soddisfare i sempre più pressanti bisogni dell utenza in un quadro di riferimento socio-ambientale del tutto particolare e strettamente legato a necessità e domande emergenti dalla complessità intrinseca del territorio. Razionalizzare e rendere più funzionali al processo di apprendimento le informazioni teoriche, garantire l acquisizione di capacità di base tramite l assunzione di competenze metodologiche, ampie e diversificate, passare dallo sguardo d insieme ad una diagnosi più analitica e trasparente delle emergenze e delle priorità educative in relazione al contesto, offrire un ampia gamma di attività tese a supportare e/o attuare iniziative di sostegno e di recupero dei debiti formativi degli allievi svantaggiati nonché ad accertare e soddisfare i 1

3 vari crediti formativi: sono le principali finalità che il P.O.F. intende perseguire, finalità che richiedono coordinamento ed applicazione dell intero personale scolastico, dialogo costruttivo con le famiglie ed armonizzazione di competenze ed esperienze maturate nonché razionalizzazione nella distribuzione dei compiti, delle fasi di lavoro e delle scelte strumentali anche in relazione alle nuove esigenze emerse con la Riforma. Si diceva della pluriennale attività della scuola, ciò per rimarcare il senso di continuità tra l impostazione data nei documenti precedenti (P.E.I.), le nuove frontiere apertesi con il richiamo all integrazione complessiva del P.O.F. e le sollecitazioni didattico organizzative delle recenti normative. La scuola ha vantato nel tempo, tre corsi sperimentali ( C e D Seconda lingua straniera, F Informatica). Ha, inoltre, svolto i progetti I A ed I B, sul secondo dei quali, relativo all utilizzo di tecnologie e metodologie informatiche, basare gran parte dell integrazione richiesta dal P.O.F. attraverso un percorso che sappia coniugare innovazione e tradizione culturale. Si è anche sperimentata L Autonomia scolastica attraverso il progetto Classi Aperte che nel corso degli a.s. 1998/99 e 1999/2000 ha visto comporsi moduli di recupero/potenziamento finalizzati ad acquisizioni sia di tipo cognitivo che socializzantecollaborativo, e con i progetti Flessibilità negli ultimi anni. Dall anno scolastico 2007/2008, altresì, la scuola è ad INDIRIZZO MUSICALE. Ed in tal senso ne è fortemente caratterizzata. Far confluire il bagaglio delle esperienze pregresse nel P.O.F. risulta, dunque, compito utile quanto ormai indispensabile. Occorre dar spazio ad una nuova e più concreta metodologia di analisi della realtà locale, saper individuare il senso della reciprocità tra i contenuti di quella realtà e i contenuti interdisciplinari e disciplinari, dar vita ad una struttura stabile e coesa, in grado di fornire, insieme, apprendimenti specifici e maturazione della personalità, oltre a contribuire alla decodifica dei messaggi sempre più artificiosi e complessi del cosiddetto villaggio globale così come richiede l universo delle telecomunicazioni e della multimedialità che è poi l obiettivo specifico e fondamentale del presente P.O.F. Bisogna, inoltre, favorire il coinvolgimento degli allievi nel mondo della scuola a partire da quella fase delicatissima che è l accoglienza, sviluppando, nel tempo, il filo rosso dell orientamento, bisogna stimolare alla collaborazione nella risoluzione dei problemi e concepire le discipline come strumenti interpretativi della realtà e non come realtà di fatto già date. Evitando ogni frizione tra aspetti culturali da veicolare ed aspetti tecnico-organizzativi, si deve dar vita ad una scuola partecipativa, più vicina alle aspirazioni dei discenti, una scuola capace di mediare e di approfondire, di intraprendere e di concretizzare, scuola impegnata a recepire la centralità dell alunno e delle proprie esperienze in termini individuali e collettivi. Alla fine di tali considerazioni è chiaro come il P.O.F. della S.S.S.di 1 Grado Gadda contenga in sé la determinazione di coniugare aspetti generali e aspetti specifici stimolando la comunicazione interpersonale ed il mutuo interscambio d informazioni a partire dal vissuto di tutti e di ciascuno secondo quel concetto di Io persona cui precedentemente s accennava. E azione dinamica, flessibile, coerente. Così come nello spirito e nella lettera del dettato legislativo. E azione ricca di iniziative sperimentali e d occasione di confronto. E, quindi, un offerta che intende valutare e valutarsi, punto d incrocio tra una serie di competenze ed esperienze codificate ed un modello gestionale più avanzato. L Istituto, in sostanza, intende rendersi capace di trasferire risorse ed energie culturali in modo integrato, tentando di gettare un ponte tra passato e futuro, tra generazioni a 2

4 confronto, tra stimoli, idee, riflessioni, esperienze di tutti, proprio perché di ciascuno. Di noi, proprio perché degli altri. IL TERRITORIO Territorio vasto, quello di Quarto. Vasto e disomogeneo, caratterizzato da un insediamento a chiazze, scaturito da un boom edilizio (senza regole e senza criteri razionali) nato a causa d una straripante domanda di alloggi, nel corso degli anni 70 ed 80, da parte di famiglie provenienti dal capoluogo, Napoli, ormai saturo dal punto di vista del mercato abitativo. Nel giro d un decennio questo piccolo paese agricolo da sempre, lambito dalla Storia (quella con la S maiuscola, per la propria peculiare posizione geografica che lo collocava tra l antico e prosperoso porto di Puteoli e la grande Capua, asse lungo il quale correva, e corre tuttora, la Via Campana) ma mai assunto a centro di particolare rilievo né dal punto di vista economico né da quello turistico, vedeva quadruplicata la propria popolazione. All antica società rurale veniva a sovrapporsi un ceto d immigrati di tradizione urbana, sostanzialmente medio-borghese. Crescevano le attività del settore terziario ma unicamente nella dimensione del commercio, mentre sul versante dei servizi, il paese si ritrovava assolutamente impreparato ad affrontare, sostenere e supportare le nuove esigenze di vita collettiva. A seguito del terremoto dell 80 veniva, poi, edificato in Quarto un reticolato di fabbricati sorti in base alla legge 219. Tale nuovo nucleo abitativo veniva occupato da famiglie in gran parte provenienti dal sottoproletariato urbano di Napoli, passate per l esperienza dei campi-container dopo esser state estirpate (a causa della ricordata calamità naturale) dal centro storico del capoluogo. Si attestava, così, nel paese un altra cellula antropologico-culturale con le proprie tradizioni, il proprio folklore, i propri problemi storici ed irrisolti. Nel confronto-scontro tra le varie componenti socio-culturali di Quarto, andava a situarsi la S.M.S. C.E.GADDA ( fisicamente posta nell insediamento della 219). Tale collocazione rende l Istituto perno essenziale di mediazione tra formazione educativa e domande-esigenze del territorio. La struttura scolastica, in tal senso, si pone quale nucleo d un processo d integrazione necessario per confrontarsi con situazioni socioambientali complesse ed affrontare il disagio scaturitone onde favorire la crescita culturale e civile, dei singoli e della collettività in discorso, nella globalità delle proprie urgenze. A partire dall a. s. 2001/2002 l Istituto, come già accennato nella premessa, accoglie in sé la succursale della S.M.S. P.GOBETTI. Tale plesso, collocato in un area estremamente periferica del Comune di Quarto, registra fondamentalmente i medesimi disagi ambientali riscontrabili sull intero territorio, il che fa scaturire un avvertita esigenza d integrazione globale che sappia far tesoro di tutte le risorse (non poche) presenti nel contesto di riferimento (il patrimonio storico-archeologico, la tradizione linguistica, artigianale, antropologico/culturale, ecc.). 3

5 LE MACROTEMATICHE LA DIVERSITA Diversi ma uguali. Diversi nei modi, uguali nei diritti. Diversi da scoprire, da capire. Diversi che sappiano insegnarci qualcosa da accettare dicendo NO alla discriminazione al sospetto all odio personale e razziale. Diversi insieme per costruire un nuovo mondo a colori. L AFFETTIVITÁ Crescere, scoprirsi, comprendere il proprio mondo il sistema di relazioni che circondano il progetto di vita d un ragazzo. Sono elementi legati alla sfera affettiva che determinano atteggiamenti, situazioni, scelte. La scuola non può non farsene carico. Essa deve offrire spazi e tempi d ascolto, di riflessione, di ricerca. C è bisogno di aprire un dialogo tra generazioni e tra coetani stessi, esplorando sia l universo familiare che quello sociale, e viaggiando nel mondo dei sentimenti alla ricerca di emozioni comuni e di nuovi orizzonti di vita. LA SOCIALITÁ L area del sociale è costituita da molteplici aspetti (ambiente, territorio, comunicazione, legalità, solidarietà ecc.). In essa il ragazzo ritrova momenti di partecipazione consapevole, acquisendo un ruolo collettivo, di attore della comunità d appartenenza. Grazie a questa funzione sociale, egli aderisce a quell essere uomo e cittadino che, da sempre, è stato il punto di riferimento dell evoluzione della società moderna. Il ragazzo rafforza, in tal modo, il senso di identità e si fa propulsore e portatore di iniziative pregnanti, condivise ed utili nell ambito del proprio vissuto e di quello collettivo. LA CREATIVITÁ Come accennato, l io-persona è costituito da una molteplicità di intelligenze, attive e compresenti. Tra queste, l intelligenza creativa è certamente la più affascinante e sorprendente, creare significa utilizzare gli elementi conosciuti per dare vita a qualcosa di nuovo, di diverso, di unico. Attraverso la creatività, il ragazzo esprime se stesso, la propria interiorità ed elabora concetti e sensazioni in modo originale e personale. In particolar modo gli alunni difficili, svantaggiati o diversamente abili, spesso riescono a fornire il meglio di sé proprio se sollecitati a mettersi in gioco riinventano il proprio mondo e la realtà circostante. 4

6 LE ALTRE TEMATICHE- GUIDA L AMBIENTE L ambiente costituisce il sistema naturale ed umanizzato in cui si svolge nel concreto la vita di ogni singola persona. Non è, pertanto, una definizione astratta destinata ad essere argomento di dibattiti scientifici, giornalisti o politici, ma è lo scenario imprescindibile nel quale ciascuno vive, agisce, si emoziona e produce. L ambiente è, nel contempo, ponte di vita e luogo d incontro; ne deriva che i ragazzi devono essere guidati a viverlo più che a subirlo o, peggio, ad abituarsi a starci dentro senza osservarlo, conoscerlo, apprezzarlo, difenderlo. Occorre passare dalla dimensione planetaria del problema a quella concreta e tangibile del quotidiano. Comprendere che ambiente significa non solo Natura ma anche Salute, Alimentazione, Vita Sociale, Cultura, ecc. La scuola, con la sua progettualità, può e deve favorire tale processo ed innescare dinamiche positive, atte a costruire quel legame sempre più stretto tra Natura e Società, già oggetto di discussione e critica fin dai tempi antichi. IL TERRITORIO Il territorio flegreo si configura da sempre come uno dei siti più belli, interessanti ed importanti del mondo. Gli scenari incantevoli, le testimonianze archeologiche, i miti, i riti, le tradizioni ne fanno un vero e proprio scrigno naturale e culturale, ancora oggi capace di sorprenderci ed affascinarci. In tal senso Quarto, pur trovandosi ai margini delle aree più celebri e celebrate, risente a tutti gli effetti di questo clima ricco di suggestioni e di prospettive. I ragazzi, a partire dai loro percorsi scolastici, possono imparare a conoscere meglio tutto ciò e ad amare il senso della riscoperta delle antiche radici. Piccolo archeologi, turisti per un giorno, scopritori di miti e leggende, cantori della tradizione e quant altro questo vogliono essere i ragazzi della Gadda e far vivere la scuola come luogo sempre più attivo di sapere, creatività e speranza per il futuro. LA COMUNICAZIONE Vivere è comunicare. Comunicare significa uscire da sé e porsi in relazione con il mondo esterno. Attraverso la Comunicazione l Io persona diventa animale sociale, mette in comune il proprio essere con gli altri, intesse una rete dinamica di rapporti affettivi e collaborativi, supera lo schematismo del concetto stimolo / azione ed attua un complesso sistema comportamentale cui le categorie culturali forniscono base e vigore. Per questa ragione si ritiene che il P.O.F. debba rispecchiare il binomio Comunicazione Istruzione. Essere studenti non vuol dire soltanto apprendere, tramite schemi banali e ripetitivi, contenuti astratti, bensì operare secondo un percorso di fruizione, creatività e produzione che è il nucleo stesso del comunicare la propria personalità attraverso le capacità messe in campo. La tematica in esame ha, tuttavia, una doppia valenza. Da un lato essa inserisce alla comunicazione interpersonale che diventa poi reticolo sociale, dall altro sfocia nell analisi 5

7 degli strumenti del comunicare (la parola, il segno, l immagine, il suono, il gesto, il comportamento, la multimedialità, ecc.). Il P.O.F. intende, appunto, far sì che la programmazione scolastica curi entrambi questi fattori. Abituare gli alunni alla Comunicazione significa renderli padroni dei propri mezzi comunicativi e capaci di decifrare i molteplici messaggi che il mondo esterno oggi emette in modo, talvolta, caotico e confuso. Ciò può favorire un migliore approccio alla formazione d una cittadinanza attiva e consapevole. Saper agire avvicinandosi costruttivamente ai fenomeni della realtà circostante vuol dire, per il ragazzo, comunicare il proprio Io ascoltando gli altri e la loro comunicazione. È un punto d intesa che permette di concettualizzare, contestualizzare ed esprimere segnali di civiltà individuale e collettiva, rappresentando un evoluzione reale ed un grado di formazione utile ed indispensabile nella scuola e nella società. LA PARTECIPAZIONE Di per sé la Comunicazione rischia di confinare l attività concreta dei singoli alunni in una sfera personale, fatta di relazioni socio-affettive importanti ma non sempre capaci di trasformare la realtà circostante. Occorre, perciò, affiancare ad essa il concetto di partecipazione attiva. Il ragazzo deve muoversi nel sociale in modo positivo e propositivo, aggregante, attraverso la frequenza di punti di incontro, di associazioni in cui fornire, nei limiti delle proprie capacità e possibilità, il proprio contributo di idee e di operatività (es. il volontariato). Ciò si lega ad un reale ed utile Educazione alla Cittadinanza ed alla solidarietà nonché al dialogo interculturale. Vivere nel proprio ambiente quotidiano vuol dire, appunto, convivere con problemi, risorse, regole. E un saper vivere che ingloba il concetto dell essere protagonisti, del percepirsi come vivi ed attivi, optando per una partecipazione positiva, implicante la voglia di trasformare le condizioni materiali più disgreganti. Ma è anche vivere nel mondo, capire il mondo, gettare lo sguardo e l attenzione su popoli e nazioni, diversi e lontani, ma così vicini nella globalità che permea oggi scelte e destini planetari. Occorre conoscere gli altri, i diversi da sé, approcciarsi con interesse a culture, usi, costumi spesso distanti. Bisogna accelerare forme di reciproco rispetto e tolleranza. Un quadro in cui la scuola può e deve inserirsi come elemento guida, motore d un azione formativa dinamica, pregnante e produttiva. 6

8 L INDIRIZZO MUSICALE A partire dall anno scolastico 2007/2008 la Gadda ha ottenuto l autorizzazione a dotarsi di un corso ad Indirizzo Musicale. È stato individuato a tal proposito (tramite sorteggio)il corso L. pertanto gli alunni della 1,2 e 3 L potranno avvalersi dello studio di 4 strumenti (pianoforte, chitarra, flauto e violino). L obiettivo è quello di aprire la scuola e il territorio a nuovi scenari culturali, in cui impegno, sensibilità e creatività concorrano a formare la coscienza degli alunni, rendendoli partecipi di nuovi interessi e nuove potenzialità. I docenti di strumento cureranno momenti pubblici di rappresentazione musicale attraverso saggi, concerti,partecipazione a situazione topiche della vita scolastica. Anche utilizzando gli spazi concessi dal territorio,l attività musicale verrà diffusa e pubblicizzata a vantaggio di studenti,famiglie e cittadini in genere. LE MOSTRE, LE MANIFESTAZIONI,GLI SPETTACOLI Come consuetudine della scuola, grande attenzione verrà posta a quelle attività finalizzate a far emergere negli alunni interessi e capacità specifiche. Attraverso mostre, manifestazioni e spettacoli, si darà visibilità alla scuola, nello spirito di questa apertura al territorio che costituisce uno dei punti focali dell attuale linea programmatica della scuola. Si parteciperà alle varie iniziative di solidarietà e di sviluppo culturale (Forum, Prog. Lettura ecc.), nell intento di fornire un contributo serio e concreto a quanto di altamente positivo si andrà a realizzare in ambito territoriale. ORGANIZZAZIONE INTERNA Elemento fondante e spina dorsale dell Istituto sono gli Organi Collegiali il cui compito, in regime di Autonomia, resta quello di provvedere alla pianificazione del lavoro didatticoformativo in senso progettuale anche in presenza della Riforma Scolastica più recente. Dal momento diagnostico a quello della elaborazione di progetti, dalla fase attuativa al costante monitoraggio della stessa fino alla sede valutativa. Gli OO. CC. dispongono il percorso organico e integrato del curricolo caratterizzando il lavoro in senso autonomo, partecipativo, tarato sui grandi temi di fondo individuati nella struttura generale del P.O.F. Il quadro complessivo recante i vari momenti che vedranno impegnati i docenti (Consigli di Classe, Collegi dei docenti, Dipartimenti, Incontri scuola-famiglia, ecc.) viene integralmente allegato al presente documento. 7

9 I DIPARTIMENTI Al fine di coagulare stimoli progettuali, risorse culturali, insiemi programmatici ed aspetti legislativi, si è data vita, dal precedente a. s., ad un azione didattico organizzativa basata sui Dipartimenti. I Dipartimenti, espressione non formale ma sostanziale del Collegio dei Docenti, hanno il compito di operare in relazione ad ambiti programmatici generali e ad aree disciplinari specifiche. SUDDIVISIONE IN DIPARTIMENTI Ogni dipartimento avrà un coordinatore che parteciperà di diritto alla commissione autonomia. Il dipartimento si struttura in sottocommissioni formate dalle discipline che formano il dipartimento stesso: ogni sottocommissione avrà responsabile e/o referente. Ogni dipartimento procederà ad elaborare progetti di natura didattica e curricolare e a compiere un analisi dei bisogni dei docenti del dipartimento stesso con l individuazione di proposte di percorsi di formazione e aggiornamento; promuoverà collaborazione interdisciplinari ;esaminerà eventuali problemi di ordine generali o specifico (legato alla disciplina ); Responsabile dei dipartimenti così strutturati sarà la funzione strumentale area offerta formativa. prof.ssa Urciuolo Claudia DIPARTIMENTO STORICO-AMBIENTALE ETICO- Linguistico DOCENTI DI LETTERE DOCENTI RELIGIONE VIGNOLA C. PUCCI TORTORELLI SORRENTINO MUSELLA BOSCO DI NARDO BALESTRIERI GENTILELLA SCOGNAMIGLIO MASINO ALCARO ANTONELLI GRECO CHICHIERCHIA ROTTA SEMERATI 8

10 DIPARTIMENTO TECNICO-SCIENTIFICO DOCENTI SCIENZE-MATEMEMATICHE TECNOLOGIA FRANZESE VIGNOLA G. CERONI WIRZ CIARLEGLIO SEDIA TRANCHINO DOCENTI TEGAZZINI VARRIALE. Segret. Coord. DIPARTIMENTO COMUNICATIVO ESPRESSIVO-NON VERBALE ARTE IMMAGINE LINGUE COMUNITARIE MUSICA SCIENZE MOTORIE MAZZEI APPIERTO FERRIGNO De Lorenzi LO STERZO ARGENTO RUSSO Sessa D ALESSANDRO OVINELLA Moio CASTIGLIONE BORRELLI ( violino) BONACCIA ZANONE (Pian.) SAVARESE URCIUOLO (flauto) CIPOLLA CORDOVA ( Chit). Segret. Coord. 9

11 DIPARTIMENTO AREA DISAGIO E DIVERS. ABILI DOCENTI SOSTEGNO CACCIATORE BUONO DE ANGELIS ROMANO FLACCO CILENTO IACCARINO LIVIO BARBATI LAI MORRONE BAIANO LENCI SANTORO MATANO Segret. Coord. Prof. LAI Colloqui con le famiglie Il collegio dei docenti ha sempre considerato con grande attenzione l importanza di un costante e sereno dialogo tra la Scuola e le famiglie per favorire un completo sviluppo formativo degli alunni. Per questo motivo ha voluto aumentare le occasioni di incontro con le famiglie sia in orario antimeridiano sia pomeridiano personalizzando gli incontri Pertanto i rapporti dei singoli docenti con le famiglie si terranno con incontri fissati su appuntamento subito dopo l entrata in vigore dell orario definitivo. E abolita l ora di ricevimento mattutino e i colloqui avverranno previo accordi tra docenti e familiari in orario curriculare sulla base di comunicazioni personali.ai sensi dell art. 27 comma 2 C.C.N.L Inoltre ogni due mesi i colloqui si svolgeranno contemporaneamente con tutti i docenti della stessa classe dalle ore alle ore 18.30, secondo la seguente calendarizzazione. OTTOBRE Giovedì 27 ore ( alunni centrale e succursale) FEBBRAIO: Giovedì 23 ore (alunni centrale e succursale) APRILE Giovedì 26 ore (alunni centrale e succursale) Il consiglio di classe delle terze di dicembre prevede,dopo la conclusione dello stesso, la presenza di tutti i genitori per la distribuzione dei giudizi di orientamento per la scelta della scuola superiore. 10

12 LE FUNZIONI STRUMENTALI Anche per quest anno il P.O.F. si avvale dell intervento, diretto ed indiretto, di figure operative in grado di tradurre istanze e bisogni dell Istituto in attività concrete, finalizzate al corretto e fruttuoso svolgimento del Piano nel suo insieme. Sulla base del nuovo contratto di lavoro le Funzioni Strumentali, hanno sostituito, di fatto, le precedenti Funzioni Obiettivo ma la loro valenza ed importanza è rimasta immutata. Si è ritenuto, da parte del Collegio dei Docenti e la piena condivisione del Dirigente Scolastico, di privilegiare quale settore d azione quello del recupero socio relazionale nonché apprenditivo cognitivo degli alunni più svantaggiati. A questo va aggiunta la necessità di potenziare l ambito organizzativo cui le F.S. devono contribuire in termini ampi e costruttivi. Gli ambiti individuati sono i seguenti : GESTIONE PIANO OFFERTA FORMATIVA Prof.ssa Urciuolo Coordinamento della progettazione curriculare Valutazione delle attività del piano in accordo con la funzione progetto qualità Presiede la commissione autonomia e progetti Coordinamento del documento cartaceo del P.O.F. Coordinamento delle attività del piano formativo Facilitatore della comunicazione esterna SUPPORTO LAVORO Analisi dei bisogni formativi e coordinamento DOCENTI formazione ed aggiornamento piano di Prof.ssa Franzese Rosa Accoglienza dei nuovi docenti e coordinamento dell attività tutoraggio Produzione del materiale didattico in accordo con la funzione gestione P.O.F. Coordinamento di supporto al lavoro dei docenti Facilitatore della comunicazione interna Gestione e coordinamento carta dei servizi Regolamento Responsabile rapporto e prove INVALSI SUPPORTO MULTIMEDIALE Prof. Ferrigno Antonio Coordinamento dell utilizzazione delle nuove tecnologie Responsabili della gestione e coordinamento area multimediale e dei laboratori informatici Cura della digitazione documentazione didattica in accordo funzione area docenti e P.O.F. gestione sito web in accordo con eventuale nomina esperto 11

13 AREA SUPPORTO STUDENTI Prof.ssa De Lorenzi Coordinamento delle attività di continuità ed ed orientamento e di raccordo con le scuole del territorio Coordinamento della commissione accoglienza alunni Coordinamento della commissione formazione classi Coordinamento e gestione regolamento istituto AREA ALUNNI DIVER. ABILI Prof.ssa Iaccarino Gestione completa alunni div.abili con Gestione rapporti con A.S.L,, servizi sociali e USP Gestione rapporto con docenti di sostegno AREA DISPERSIONE Prof.ssa Di Nardo Balestrieri Coordinamento dispersione scolastica Gestione progetto J CARE Gestione sportello d ascolto alunni e genitori Coordinamento e gestione progetto scuola e lavoro Coordinamento Laboratori Permanenti TURISMO SCOLASTICO Prof.ssa Masino Tortorelli Coordinamento e gestione visite didattiche Coordinamento e gestione viaggio d istruzione Coordinamento e gestione manifestazioni teatrali e/o cinematografiche sul territorio, Coordinamento e gestione manifestazioni Scolastiche (S. Natale,manifestazioni finali Coordinamento progetto cineforum PROGETTO QUALITA Profssa Argento Auto -valutazione di istituto con monitoraggio di tutte le attività del piano in accordo funzione P.O.F. Responsabile progetto qualità Socializzazione P.O.F 12

14 RISORSE PROFESSIONALI Uno dei maggiori patrimoni nella scuola dell Autonomia è costituito dalle risorse professionali, vale a dire quelle competenze acquisite e maturate da parte dei docenti nel corso degli anni sia in termini di titoli universitari riconducibili a settori disciplinari di specifico spessore contenutistico, sia in termini di attività portate avanti nell area espressiva (consuetudine a progettare, gestire ed attuare iniziative di tipo creativo, multimediale e d animazione di gruppi). In tal senso verrà approntata una BANCA DATI destinata a far confluire le suddette competenze in un quadro di sistema, al fine di individuare nuovi orizzonti d offerta formativa grazie al contributo di soggetti operanti sì come docenti di base ma provenienti da percorsi culturali più ampi e non strettamente contemplati negli attuali programmi d insegnamento. RISORSE PROFESSIONALI BANCA DATI OFFERTA POTENZIALE RISPOSTA ALLA DOMANDA (BISOGNI) 13

15 LA DIAGNOSI D INGRESSO Una rinnovata attenzione all analisi della situazione di partenza, nello spirito del P.O.F., risulta necessaria per cogliere in maniera più ampia e concreta i dati iniziali. Occorre, infatti, dotarsi di strumenti che, al di là dell accertamento di singole abilità e competenze, sappiano pervenire all individuazione di aspetti strutturali collegati al modo d apprendere di ciascun allievo ed ai veicoli privilegiati dagli stessi in termini di raccolta delle informazioni come di elaborazione delle medesime. Tre punti saranno, dunque, presi in considerazione: 1. Un monitoraggio su bisogni specifici nel campo delle conoscenze e dei fattori relazionali; 2. l accertamento degli STILI COGNITIVI degli allievi, onde curare metodologie adeguate all apprendimento-produzione; 3. l individuazione dei pre-requisiti per ciascuna area disciplinare in termini di abilità di base e di capacità specifiche. Tale quadro di riferimento potrà essere delineato attraverso strumenti ormai tradizionali, quali i ben noti test d ingresso, ma anche tramite nuovi canali d esperienze come colloqui individuali, prove di approccio a stili cognitivi diversi, strutturazione di messe in situazione inter-relazionali tali da rendere più trasparenti e credibili le numerose dinamiche di gruppo esistenti tra i membri di una classe. Il tutto, ovviamente, in un ottica di concretezza e finalizzazione dell evento, secondo uno schema in cui la chiarezza dei parametri ( il chi, quando, dove, come, perché di ciascuna unità-lezione) sia base essenziale per fornire sia ai docenti che ai discenti un modello comunicativo adeguato, stabilendo costantemente il qui ed ora dell azione didattica, una franca e ragionevole richiesta di interlocuzione tra i soggetti in campo per costruire quella piattaforma culturale sulla quale impiantare, progressivamente, i singoli saperi disciplinari. L ACCOGLIENZA Punto centrale del P.O.F., pertanto, è il momento dell accoglienza, anche quest anno collocato all inizio di anno scolastico. Momento delicatissimo, destinato a garantire agli allievi un passaggio non traumatico tra un grado e l altro della scuola dell obbligo. Momento cui riconoscere importanza basilare anche in relazione allo svolgimento successivo dell a.s. a partire dalle fasi iniziali in cui un corretto accertamento della situazione d ingresso può consentire l individuazione di percorsi mirati e concreti da realizzare nel corso dei quadrimestri. Accoglienza, dunque, come prima fase dell approccio diagnostico, teso non ad inventariare dati puramente numerici bensì a far emergere bisogni e carenze di tipo psicorelazionale e, di seguito, apprenditivo-cognitivo. Fase, dicevamo, morbida. Da affrontare secondo il principio della GRADUALITA, utilizzando sistemi di comunicazione colloquiali più che reiterazioni di tipo informativo. Fase da gestire anche, quando possibile, con incontri individuali con gli allievi talora restii ad esprimere aspetti di sé pubblicamente. Un elemento deve essere ben chiaro: l impianto scolastico deve evolvere verso la trasparenza (già sancita nella Carta dei Servizi) attraverso una comunicazione semplice e tempestiva di regole, programmi, attività, criteri valutativi, dei quali gli allievi devono essere edotti in partenza. 14

16 Ciò in vista di quel CONTRATTO FORMATIVO che, in una seconda fase, è destinato a coniugare energie, competenze, esigenze e contributi di docenti, studenti e famiglie e che costituirà la base della futura struttura formativa scolastica. A tal proposito il P.O.F., proprio nel suo primo punto operativo, prevede lo svolgimento d un modulo accoglienza ipotizzato ed elaborato da un apposita commissione fin dal mese di giugno e successivamente socializzato, discusso, condiviso ed approvato in sede di Collegio dei Docenti. L INDIVIDUAZIONE DEI BISOGNI Nel tracciare un quadro sul territorio si può rilevare come il dato della composizione sociale di riferimento lasci emergere un utenza che può considerarsi per molti aspetti omogenea non tanto per uniformità di collocazione sociale quanto per la ramificazione di medesimi punti d attenzione che hanno le loro radici in problemi connessi all ambiente, al rapporto con le istituzioni, al contesto culturale. Un analisi dei bisogni deve dunque scaturire dall accertamento delle fonti di conoscenza dei singoli, vale a dire in che modo e con quali contenuti si sia venuto formando il patrimonio culturale individuale degli allievi, sulla base di quali valori antropologico-culturali stratificati ed in relazione a quali dinamiche descrittive di quel bagaglio di aspirazioni e speranze tipico d un corretto sistema di comunità consolidata. Rielaborare i fattori socio-ambientali che sono alla base del proprio stesso esistere (saper di sé), invitare gli allievi ad esprimere, nei modi ritenuti più efficaci, disagi e malesseri ma anche positività e certezze in divenire, potrà certamente servire a cogliere il nodo dei problemi per procedere ad una diagnosi più accurata e scientifica rispetto al passato, evidenziando domande talvolta sottaciute e richieste di soddisfazione d interessi e curiosità da recepire in chiave operativa all atto di programmare in senso globale come in senso dettagliato. Individuare i bisogni significa, dunque, consentire di portare a termine, o quantomeno tentare di farlo, curricoli formativi imperniati sulla conoscenza di cause appurate con criteri nuovi e validi, in piena autonomia di idee, contributi, formulazioni sia da parte dei docenti che dei discenti. Agire in situazione reale, sfrondando il lavoro di ogni arbitrarietà e velleità, richiamare costantemente l esigenza di integrare le varie esperienze, stimolare al dialogo, assecondare il percorso degli allievi verso la comprensione dei meccanismi di trasmissione dei vari messaggi culturali: ciò può fornire un punto di contatto tra l aderenza con la realtà quotidiana vissuta dagli allievi e quel bisogno di crescere, di conoscere, d evolvere la propria personalità entro un ampio contesto formativo, orientativo, caratterizzato dalla consapevolezza di sé, degli altri, della società così come, in sostanza, può definirsi l acquisizione d una visione del mondo non parziale e non microdimensionata, non confinata nell ambito delle sub-culture. 15

17 IL CONTRATTO FORMATIVO (LA MAPPA DEI SAPERI / GLI OBIETTIVI) Obiettivo principale di qualsivoglia azione scolastica è certamente, come da svariati anni recita il P.E.I. della S.S.S.I.G. C.E.GADDA, il potenziamento delle strutture cognitive dei singoli sia in prospettiva orientativa che in quella formale globale. D altra parte al punto 3 della premessa del D.M. 9/2/79 si legge che la scuola media risponde al principio democratico di elevare il livello di educazione e di istruzione personale di ciascun cittadino e in generale di tutto il popolo italiano, potenzia la capacità di partecipare ai valori della cultura, della civiltà e della convivenza sociale e di contribuire al loro sviluppo. Tale assunto sintetizza un intendimento ben chiaro e delineato evidenziandone, nel contempo, il carattere di stimolo e di ricerca costante onde pervenire all acquisizione d un sapere non astratto ed accademico bensì socialmente spendibile tale da formare un soggetto civico, capace d orientarsi nel mondo attuale e favorire il proprio apporto all evoluzione del dato sociale. I principi sopra esposti acquistano un rilievo ancora maggiore se si pensa che il contesto socio-ambientale in cui la scuola è collocata è composto da soggetti sociali spesso già inseriti, fin da piccoli, in dinamiche sub-culturali ben definite in termini di sistema di valori per cui obiettivo prioritario della scuola è senza dubbio quello di spingere verso un sapere che sia anche fonte di progresso individuale e collettivo, capace di agire in rapporto con gli altri, gestire consapevolmente il proprio operare e concepire la propria attività in funzione della realizzazione d un progetto che è sempre appartenenza ad una casa comune. La mappa dei saperi si può, dunque, in tal modo delineare: 1. Sapere (conoscere). 2. Saper fare (operare in modo consapevole e finalizzato). 3. Saper essere (rapportarsi con gli altri e col mondo). 4. Sapere di sé (acquisire autocoscienza ed autostima). Si tratta di saperi destinati ad un soggetto che si avvii ad essere un uomo e un cittadino e che sappia gestire i saperi medesimi in termini funzionali alla vita sociale. Tale soggetto deve sentire il bisogno dell informazione e saper utilizzare strumenti di consultazione nonché fornire, a sua volta, informazioni e percepirsi come anello della catena sociale (dunque non emarginato). Nell ambito SOCIO-AFFETTIVO egli deve percepire se stesso e gli altri, conoscere i bisogni altrui, controllare emozioni, stati di disagio e la soddisfazione dei bisogni, cooperare nelle attività e sentire solidarietà. Nell ambito COGNITIVO, altresì, egli deve, da un lato acquisire abilità e cognizioni di base delle singole aree disciplinari e, dall altro, imparare a consultare quadri e tabelle di utilità sociale (aspetti della burocrazia) e conoscere le principali norme relative al lavoro, 16

18 alla salute, al fisco, alla sicurezza, alla circolazione ed alla tutela ambientale. Per quel che concerne l OPERATIVITÁ in relazione agli OBIETTIVI, tre aspetti andranno tenuti in seria considerazione: 1. La ricerca dei contenuti essenziali. 2. Lo sviluppo del pensiero produttivo. 3. Lo sviluppo del pensiero creativo. Ciò comporta, naturalmente, tre fondamentali tipi di proposte: a) Proposta di metodi per acquisire saperi. b) Proposta di strategie per conservare i saperi. c) Proposta di stimoli per riinventare saperi. Scopo dell intera mappa dei saperi è, evidentemente, dare al concetto di obiettivo una valenza che non sia unilaterale (il raggiungere una meta/scopo prefissata da altri e dunque alienante) bensì frutto del contratto formativo per cui entrambi i contraenti risultino consci dei propri compiti e delle proprie aspettative, organizzatori di mediatori più vari e flessibili, al fine d attingere un risultato credibile, voluto e sentito come essenziale. Soltanto attraverso tale percorso flessibile ed integrato potrà essere possibile aderire alle indicazioni sancite al punto 1 del Programma Nazionale di Sperimentazione per l a.s. 1999/2000 (M.P.I. Circ. 194 del 4/8/99) vale a dire innalzare il livelli di scolarità e il tasso di successo scolastico, articolare la progettazione e documentare obiettivi ed esiti del processo educativo. GLI OBIETTIVI FORMATIVI SVILUPPARE IL CONOSCERSI, L ESPRIMERSI, IL PROPORRE. AVERE CONSAPEVOLEZZA DELLE PROPRIE CAPACITA PER PROGETTARE E COSTRUIRE IL FUTURO. SAPER INTERAGIRE CON GLI ALTRI E CON L AMBIENTE. EDUCARSI ALLA PARTECIPAZIONE ATTIVA E ALLA CONVIVENZA CIVILE, ALL INTEGRAZIONE. 17

19 GLI OBIETTIVI TEMATICI SAPER AFFRONTARE LA QUESTIONE AMBIENTALE IN TERMINI DI MACRO SISTEMA, FONTE DI VITA E DI PROSPETTIVE PER L UOMO DEL FUTURO. SAPER INDIVIDUARE L AMBIENTE COME SPAZIO DI VITA E RIFERITO AD UNA PRECISA ECOLOGIA SOCIALE. SAPER APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO FLEGREO NEI SUOI ASPETTI NATURALI, STORICI E CULTURALI. SAPER CONIUGARE TRADIZIONE TERRITORIALE E MODERNITA, PER COSTRUIRE UN IDENTITÁ DI VALORI LEGATI ALL INTERO CONTESTO. SAPER COMUNICARE A LIVELLO PERSONALE E SOCIO-RELAZIONALE PER ESSERE, ESPRIMERE, CONFRONTARSI, PROVARE AFFETTI. SAPER RICONOSCERE IL LINGUAGGIO DEGLI STRUMENTI DEL COMUNICARE E SAPERLO DECIFRARE ED UTILIZZARE. SAPER PARTECIPARE ATTIVAMENTE E CONSAPEVOLMENTE ALLA VITA SOCIALE (SCUOLA, FAMIGLIA, QUARTIERE, ECC.). SAPER CRESCERE DA CITTADINI, COME ELEMENTI BASE DELLA STRUTTURA COMUNITARIA. SAPER CONIUGARE, ALL INTERNO DEL PROPRIO IO-PERSONA, GLI ELEMENTI DELL AFFETTIVITÁ E DELLA CREATIVITÁ, PER SVILUPPARE ARMONICAMENTE IL PROPRIO SPESSORE INDIVIDUALE-COLLETTIVO. SAPER TRASFORMARE LE PROPRIE DINAMICHE AFFETTIVE IN AZIONI SOCIALI E CREATIVE, TALI DA CREARE UN COSTANTE PASSAGGIO TRA IO E CONTESTO DI VITA. 18

20 L ORIENTAMENTO E LA CONTINUITA Orientare, da tempo, non significa esclusivamente indirizzare gli allievi verso una scelta oculata e produttiva in riferimento agli studi superiori né mettere in evidenza abilità e capacità da sfruttare una volta abbandonato il grado di studi. Oggi orientare vuol dire attivare un processo di formazione che è preliminare a qualsivoglia contenuto specifico; è, cioè, partire da un analisi dettagliata dei bisogni e percorrere una strada fatta di acquisizioni di SAPERI socialmente spendibili. E, in sostanza, imparare a gettare lo sguardo sul mondo circostante, imparare ad OSSERVARLO, PERCEPIRLO, STUDIARLO, UTILIZZARLO, in tal senso l Orientamento è un tema individuato quale nucleo centrale dell attività scolastica. ORIENTARE è, in primo luogo, EDUCARE. Educare al rapporto con l AMBIENTE circostante, con i GRUPPI SOCIALI di riferimento, con le STRUTTURE urbane e civili ESISTENTI, POSSIBILI O IPOTIZZABILI, è APRIRE L ORIZZONTE AL DIALOGO, AL CONFRONTO, ALLA COESISTENZA. ORIENTARE è, dunque, EDUCAZIONE AMBIENTALE ma anche EDUCAZIONE ALLA SALUTE (individuazione, valutazione e risoluzione dei problemi emersi in tal senso), EDUCAZIONE STRADALE (intesa come rispetto di sé, dell altro, delle strutture, del tessuto urbano ecc.) e, non ultima, EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA (come evidenza d una cultura in materia, d una nuova mentalità d approccio alla questione). Di tutte queste RAMIFICAZIONI la scuola intende farsi carico non soltanto negli spazi didattici già occupati ma anche nell ambito dell ORIENTAMENTO iniziando un percorso che parta dall indispensabile crescita della consapevolezza, da parte di tutti e di ciascuno, d una necessità di aprirsi in modo positivo e concreto verso l esterno, ampliando quel saper essere, essere nel mondo, che è una delle basi delle più recenti disposizioni in materia scolastica. Relativamente alle prime classi, si costruirà progressivamente un percorso teso alla INDIVIDUAZIONE DEI BISOGNI (del SINGOLO e del TERRITORIO di cui il singolo è parte). BISOGNI RELAZIONALI, CULTURALI, SOCIO-AMBIENTALI cui rispondere, per l appunto in visione ORIENTATIVA, con una MAPPA DI SAPERI SOCIALMENTE SPENDIBILI (un sapere, cioè, che non è pura nozione accademica ma apertura al sapere di sé, autocoscienza, autostima, al saper essere nel rapporto col mondo, al saper fare, manipolare, agire). Nel passaggio alle seconde classi tale lavoro si spingerà ad evidenziare SINGOLE ABILITA e SPECIFICHE CAPACITA. Si metteranno a confronto le ASPIRAZIONI con i DATI CONCRETI, i desideri e le realtà, la volontà con l oggettiva sussistenza di SPAZI e STRUMENTI sociali atti a concretizzare percorsi scolastici e lavorativi credibili anche concedendo qualcosa ad un sano PRAGMATISMO in materia. Le terze classi, altresì, potranno usufruire d un indagine sia INFORMATIVA che FORMATIVA sulle caratteristiche degli studi superiori nonché d elementi concernenti il LAVORO (normative, esperienze territoriali, legami con diversi scenari-prospettiva ecc.). Non sarà, tuttavia, tralasciata la sopraccitata esigenza di guardare il mondo nel suo insieme, nel rapporto con le altre comunità, con le ISTITUZIONI, con l ISTRUZIONE scolastica, con il SISTEMA DEI VALORI vissuti e quelli da acquisire. Fase preliminare ma anche ambito parallelo risulta essere quella CONTINUITA la cui importanza è sempre maggiore sia nel rapporto tra i diversi gradi dell istruzione che nell interno del medesimo grado. 19

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli