della Società Italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "della Società Italiana"

Transcript

1 Bollettino della Società Italiana di Cardiologia Pediatrica Anno 11, n L editoriale di questo numero del bollettino prende spunto da una lettera, riportata a tal fine in prima pagina, dell infermiera professionale Rita Zaniboni che, oltre a svolgere il lavoro assistenziale presso l unità operativa di cardiologia e cardiochirurgia pediatrica del Policlinico S. Orsola di Bologna, ne è un elemento fondamentale nell ambito del progetto di qualità e certificazione ISO Il giudizio e le impressioni espresse nell articolo sono il risultato del lavoro in prima linea ed in prima persona su questo argomento, che credo meritino riflessione. ISO 9000: mezzo di propaganda o strumento di evoluzione? Aut. del Trib. di Firenze n del Nel 1996, l Azienda Ospedaliera S. Orsola- Malpighi di Bologna decise di intraprendere l ambiziosa avventura della certificazione secondo le norme ISO. Il concetto, sempre più aziendale, del management impone infatti alle aziende ospedaliere una scelta strategica obbligata, ovvero di adeguarsi alla corrente culturale del momento che esige una maggiore visibilità del prodotto, affinché il paziente-cliente (purtroppo sempre più cliente e sempre meno paziente), possa scegliere anche in ambito sanitario il prodotto che più gradisce. Ora, presumendo che il prodotto di un azienda ospedaliera debba essere la salute pubblica, intesa nel senso più ampio, e dato che il paziente non sempre può scegliere il suo fornitore, ci si chiede quale senso possa avere in tal caso la certificazione dell attività assistenziale in quanto, spesso, per motivi culturali o di necessità (si pensi ad esempio alle prestazioni di pronto soccorso) la facoltà di scelta del cliente-paziente è solo teorica. È questa la perplessità che, in base alla mia personale esperienza di referente della direzione per la qualità, offre lo spunto alle riflessioni oggetto di questo scritto. Tra le varie possibilità di accreditamento, l applicazione delle norme ISO presenta alcuni indiscutibili potenziali vantaggi, il primo dei quali è di permettere la creazione di uno schema organizzativo sul quale possano essere inserite, valorizzate e verificate le metodologie operative. In breve, è una codifica precisa delle autorità e responsabilità che sovrintendono l attività assistenziale nei suoi dettagli. Lo schema è definito per iscritto ed ogni unità operativa deve adeguarvisi. L omogeneità nell applicazione delle procedure permette una migliore gestione organizzativa e la possibilità di strumenti di controllo in itinere, processo che dovrebbe portare ad una migliore risposta alle esigenze del paziente (la customer satisfaction del linguaggio aziendale). Le verifiche continue, sia interne alle singole unità operative, che esterne ad opera di operatori dedicati o di enti certificati, permettono oltre al mantenimento degli standard di lavoro predefiniti, il loro continuo miglioramento. L adesione alle norme ISO ha significato per tutti noi intraprendere un percorso in salita. Inizialmente furono interessate solo alcune unità operative che aderirono volontariamente al progetto. Fu istituito un ufficio con persone dedicate; furono istituiti corsi di formazione per tutto il personale dell ospedale, furono individuate persone che in ogni unità operativa si occupassero in modo particolare della qualità. Ogni unità operativa, poi, coadiuvata dall ufficio qualità, iniziò la produzione di tutto il materiale necessario. L attività di adeguamento partì dall apice, con la redazione, da parte del direttore dell unità operativa, di un docu- PuntoStampa - Firenze 1

2 mento di politica che descrivesse l essenza e le direzioni strategiche del gruppo da questi diretto. Lo sviluppo poi continuò verso il basso, investendo tutti gli aspetti principali dell organizzazione: il personale, tramite la redazione del documento di responsabilità e autorità che presenta tutte le figure operanti nell unità operativa con il rispettivo piano di lavoro ed i collegamenti gerarchici e funzionali; uno Standard di prodotto, documento di vera e propria presentazione dell unità operativa al pubblico (disponibile alla consultazione, sia in reparto, sia in internet e quindi visibile a tutti); la formazione del personale, con linee guida per l inserimento e l addestramento del personale neo assunto e schede per la valutazione; infine la gestione di tutto il processo tramite la redazione di procedure, istruzioni operative, report o tabelle specifiche. Questa modalità appena descritta, è stata applicata a tutti i livelli dell azienda, partendo dalla direzione generale, fino ad ogni singola unità operativa o servizio. Come si può facilmente dedurre, a questo punto, lo sforzo fu enorme. Soprattutto fu molto faticoso capire il nuovo sistema, e cambiare la mentalità organizzativa di ogni operatore per favorirne l integrazione nelle nuove norme. Cambiare un organizzazione dall interno, omogeneizzando le singole fasi del progetto, è forse la strada migliore, ma sicuramente la più ardita, perché prevede che tutti gli operatori siano coinvolti e motivati a lavorare in un unica direzione. Le resistenze incontrate sono state tante, dalle più banali alle più critiche, ma comunque tutte sintomo di un grande disagio per un sovraccarico di lavoro, generalmente di tipo burocratico, spesso difficilmente compatibile con lo svolgimento dei normali turni di lavoro. Particolari difficoltà, ad esempio, sono state incontrate a causa della grande quantità di documenti che le norme richiedono. Infatti, se le procedure e le istruzioni operative che gestiscono il lavoro hanno incontrato sin dall inizio un certo favore, la quantità di documentazione necessaria per gestirle, ha invece generato una forte opposizione. In realtà, sebbene la normativa abbia connotazioni decisamente burocratiche, una gestione della documentazione che all apparenza sembra così barocca trova piena giustificazione se si considera la filosofia stessa della norma, dove tutto deve essere rintracciabile e condivisibile, con una potenzialmente giustificata tensione a consentire la tracciabilità oggettiva di ogni azione, che non deve essere frutto di un iniziativa personale, ma bensì del lavoro di un gruppo. Una volta adeguati al sistema, poi, se ne organizzarono le attività di gestione, rappresentate sostanzialmente dal riesame della direzione, appuntamento semestrale durante il quale si verificano i progetti avviati e dalla gestione delle azioni correttive o di miglioramento, attività che permettono di risolvere eventuali criticità rilevate nell organizzazione. Infine il monitoraggio delle non conformità, ovvero degli eventi che non risultano conformi a quanto stabilito, permette una valutazione continua di quanto le modalità di lavoro definite siano in effetti applicate. Ora che il sistema ISO 9000 è applicato, la vera sfida è il mantenimento, e il suo sfruttamento. Gli aspetti positivi che un sistema di gestione di questo tipo apporta e che io ho potuto rilevare, sono vari, prima fra tutte la possibilità di confronto fra figure diverse: i dati oggettivi e quantificabili che il sistema permette di rilevare, fanno sì che, davanti ad una criticità, si possa analizzare la situazione concretamente e non a sentimento, dando la possibilità a tutte le figure professionali coinvolte di partecipare allo studio della soluzione; ad esempio sono nati gruppi di lavoro eterogenei: medici ed infermieri, medici di strutture diverse, infermieri di reparti diversi, che si sono trovati per decidere come gestire al meglio l attività di studio, apportando una grande ricchezza culturale oltre che lavorativa. Un altro aspetto di rilievo è la possibilità di verifica: l analisi semestrale dell attività permette di fare il punto della situazione in corso d opera, ed eventualmente apportare le dovute correzioni laddove sia necessario; anche l apertura al paziente è un altro aspetto interessante: infatti la soddisfazione dei suoi bisogni, rappresenta uno dei dati più analizzati. Dopo tanti anni di attività come rappresentante per la direzione della qualità per la mia unità operativa, riconosco che la normativa ISO è sicuramente una risorsa utile anche in campo sanitario, ma che in effetti lo sforzo per adeguarvisi è enorme. Il problema reale però, non è l adeguamento, ma soprattutto il mantenimento. Questo è infatti possibile solo se il sistema ISO viene percepito da tutti, ma soprattutto dalle direzioni, come un mezzo per dirigere l Unità Operativa, e non come un fine o un titolo da ostentare all esterno. Quest ultima eventualità porta, infatti, al fallimento dell iniziativa in quanto limita la delega del lavoro esclusivamente al personale incaricato, costituendo in tal modo un sovraccarico lavorativo senza alcun impatto sull organizzazione del reparto e di nessuna utilità pratica. 2

3 In conclusione, la certificazione ISO è un sistema valido e applicabile anche in ambito sanitario, anche se indubbiamente molto complesso. Tuttavia, prima di iniziare una qualsiasi attività di certificazione, il gruppo dirigente l azienda deve chiedersi quali siano i reali motivi per intraprendere una simile strada e quali gli obiettivi finali. In Leggendo l articolo della Zaniboni vengono spontanee, almeno allo scrivente, alcune considerazioni. La prima riguarda la trasformazione in senso sempre più aziendale dell assistenza sanitaria, processo virtuoso se inteso alla limitazione degli sprechi ed alla ottimizzazione delle risorse, ma deleterio se finalizzato al semplice contenimento dei costi ed al profitto solo economico. D altronde, se si prova a rileggere il testo, escludendolo idealmente dal contesto di processo svolto all interno di una struttura sanitaria, riesce addirittura difficile capire che si tratta di un articolo basato su una realtà ospedaliera. In effetti, potrebbe tranquillamente essere stato redatto da un dirigente di una azienda dedicata alla produzione di beni materiali o servizi al pubblico! Lo stesso termine di cliente sarebbe, a mio giudizio, da proscrivere in quanto svilente il concetto di malattia, sofferenza e assistenza a chi ne ha bisogno, ed anche il concetto di profitto dovrebbe essere utilizzato ricordando sempre che non è l attivo dei bilanci il problema primario di un ospedale, quanto la qualità dell assistenza ai pazienti. Il termine di qualità è, nel caso delle ISO, da considerarsi soprattutto riferito al sistema organizzativo e pertanto solo indirettamente influente, in certi casi, sulla qualità tecnica dell assistenza. In due parole, è importante rendersi conto che le garanzie ISO non possono e non devono costituire una spinta a far credere al paziente-cliente che l uno o l altro diverso ospedale-fornitore possa automaticamente fornire una prestazione migliore. In pratica, ad un centro con mortalità chirurgica a livelli esageratamente elevati può tranquillamente essere attribuita una certificazione ISO a pieni voti grazie a carte, documenti e procedure in perfetto ordine. Se qualcosa di positivo il sistema di certificazione ha portato è la possibilità di traslare alcuni eleparticolare, se da ciò possa derivare un miglioramento dell assistenza al paziente. Solo dopo avere risposto con convinzione a queste domande, l avventura della certificazione è giustificata, diversamente, credo che il gioco non valga veramente la candela. Rita Zaniboni Il significato della qualità menti, anche se con le dovute cautele, dal sistema aziendale-industriale in cui questo è stato sviluppato, a quello sanitario dove, ancora una volta, la priorità non è il lucro ma il mantenimento della salute pubblica. L istituzione di indicatori che vengono verificati in periodiche riunioni dello staff dirigenziale (il cosiddetto riesame della direzione ) può essere un valido strumento di controllo qualità. Può risultare utile citare, come esempio, uno dei controlli istituiti dalla nostra unità operativa che prevede il monitoraggio dell incidenza di complicanze minori e maggiori dopo cateterismo cardiaco. Se alla verifica semestrale l indicatore relativo si eleva oltre ad una percentuale di guardia viene instaurata una azione correttiva mirata a stabilire, se possibile, le cause (controllo della qualità dei materiali, ecc.) e ad intraprendere le dovute contromisure. Su scala più grande, la valutazione degli indici di degenza, occupazione letti o attrazione dei pazienti extraregionale sono altri esempi di come una metodologia aziendale possa aggiungere elementi validi e non essere solo fonte di polemica. In conclusione, da qualche anno è vivo l interesse per la qualità in cardiologia e cardiochirurgia pediatrica, entusiasmo forse lievemente scemato negli ultimi tempi, probabilmente a fronte delle difficoltà che molte istituzioni trovano, come la nostra, nel conciliare una grande mole di lavoro organizzativo con le competenze assistenziali e di ricerca da sempre prioritarie. A questo riguardo, la SICP non può che aspettare con interesse i risultati del gruppo di studio appositamente formato da qualche tempo, e che speriamo ci aiuti a risolvere la difficile conciliazione fra assistenza al malato (e, permettetemi, non cliente) e ottimizzazione dei protocolli organizzativi. Roberto Formigari 3

4 Il punto sui gruppi di studio e di lavoro Il gruppo di studio, liberamente costituito, a norma di Statuto, da un gruppo di soci interessati ad approfondire un determinato problema di interesse generale, ha diversi obiettivi: approfondire le conoscenze scientifiche sull argomento scelto; far partecipe l intera società dei risultati ottenuti; divulgare i risultati ad un ambito più vasto, attraverso l eventuale pubblicazione; proporre protocolli diagnostici, terapeutici, linee guida. Nel complesso tutto ciò è finalizzato ad incrementare il livello culturale e scientifico della società e dei suoi membri, a migliorare qualitativamente l assistenza ai pazienti, ad aumentare la visibilità scientifica ed il prestigio della società in ambito nazionale. Il gruppo di studio si aggrega per iniziativa di un socio (incidentalmente: in regola con i suoi doveri societari) che, individuato un argomento di interesse generale e meritevole di approfondimento, si fa promotore della sua formazione. Di norma la proposta viene presentata ed approvata durante l Assemblea Generale che si svolge in occasione del Congresso Nazionale annuale, ma nulla vieta che un gruppo possa formarsi anche al di fuori dell ambito congressuale. In questo caso va informato il Consiglio Direttivo, tramite il consigliere delegato o il proprio delegato regionale. Il gruppo viene poi presentato e ratificato dalla successiva Assemblea Generale. L adesione ad una proposta di gruppo di studio è libera ed aperta in primo luogo a tutti i soci della SICP, ma possono partecipare anche non soci e soci di altre società scientifiche interessate ad un progetto comune. Il gruppo di lavoro non è altro che un gruppo di studio il cui obiettivo riveste un particolare interesse per la società; la proposta di costituzione può essere fatta o dal Consiglio Direttivo, che nomina il coordinatore ed i membri del gruppo, o su proposta di un socio, con successiva approvazione da parte del Consiglio Direttivo. Per i gruppi di lavoro è previsto un eventuale contributo economico. Il gruppo di studio o di lavoro è formato da un coordinatore (di regola il socio promotore) e dai membri del gruppo. Il coordinatore elabora un progetto, che comprenda possibilmente obiettivi, modi e tempi di attuazione e lo rende noto al Consiglio Direttivo. Ciascun gruppo organizza autonomamente il lavoro al proprio interno. Il Consiglio Direttivo mantiene i rapporti con i gruppi tramite il membro delegato, che riferisce alla Assemblea Generale annuale. Attualmente sono in fase di costituzione 3 nuovi gruppi di studio (sulle miocarditi, sulla cardiologia neonatale, sul counselling prenatale), mentre quello sulla diagnosi prenatale dovrebbe essere in dirittura d arrivo. Il gruppo di lavoro sul controllo qualità, dopo una buona partenza, è in una fase di stallo che speriamo possa essere presto superata. Se tutti concordano sulla utilità dei gruppi di studio e di lavoro, per la forte potenziale ricaduta positiva che possono avere sulla qualità del lavoro, una spassionata disamina della recente storia e della situazione attuale della nostra società fa rilevare che i gruppi di studio e di lavoro seguono generalmente un cammino irto di difficoltà. Poche infatti sono le iniziative che siano giunte a conclusione, giungendo alla produzione (ed eventuale pubblicazione) dei risultati. Come mai ciò che tutti approvano e caldeggiano in teoria non viene poi realizzato nei fatti e l entusiasmo iniziale si perde nel pantano dei continui rinvii? Problemi organizzativi, la cronica mancanza di tempo, la altrettanto cronica mancanza di risorse sono ovviamente le risposte più immediate per comprendere l indubbio scollamento che si verifica tra le buone intenzioni (aderire al gruppo) e i fatti (agire nel gruppo). Forse anche il timore di non vedere riconosciuto il lavoro fatto (quanti sono giunti a pubblicare qualche risultato, anche solo sul Bollettino della Società?) contribuisce al fallimento di tanti progetti. Probabilmente è necessario ripensare alcuni meccanismi operativi: pur lasciando del tutto libera l iniziativa di costituire e di aderire ai gruppi di studio, senza limitazioni di sorta, bisognerà consolidare la prassi di presentare un progetto che comprenda la chiara definizione del tema, degli scopi, dei metodi, dei partecipanti, dei tempi previsti (intermedi e finali); di mantenere informati il Consiglio Direttivo e i soci (usando magari il Bollettino) circa lo stato dei lavori, i risultati preliminari, le eventuali difficoltà. Sarebbe probabilmente opportuno chiarire in anticipo, da parte del promotore, come si intendono utilizzare i risultati ottenuti (leggi: eventuale pubblicazione) per evita- 4

5 re timori e gelosie, che inducono a non fornire dati nel sospetto di non vedere riconosciuto il proprio lavoro. Ricordiamoci anche che la disponibilità di mezzi di comunicazione rapidi ed efficienti ha reso decisamente più facile lo scambio di dati ed informazioni, diminuendo la necessità di convocare riunioni spesso costose e difficili da organizzare. C è molto da fare dunque, per tutti, nella convinzione che ridare impulso ai gruppi di studio e di lavoro non può che contribuire a migliorare il livello scientifico e la qualità del nostro lavoro. Adele Borghi Nel numero precedente del bollettino il dott. Roberto Di Donato ha scritto, su nostro invito, una lettera a memoria di Cosimo Squitieri, amico e collega della cardiochirurgia dell'ospedale del Bambino Gesù di Roma, sfortunatamente scomparso nell'autunno del Il dott. Antonio Corno, dell'alder Hey Royal Children Hospital di Liverpool, a lui professionalmente e umanamente legato per tanti anni, ci ha chiesto di poter pubblicare un ulteriore contributo che di seguito riportiamo. Lettera a Cosimo Squitieri Ciao Cosimo. L sei partito per un viaggio speciale, e questa volta sei partito da solo. Il tuo primo viaggio professionale era iniziato nel lontano 1982, quando con altri tre colleghi cardiochirurghi eri stato assunto come assistente all Ospedale Bambino Gesù di Roma, per partecipare alla creazione del nuovo Dipartimento Medico-Chirurgico di Cardiologia Pediatrica, al seguito di un capitano d avventura, il Dr. Marcelletti, come tu hai sempre chiamato Carlo. Le incognite di quel viaggio erano molte. Non sapevamo se tutte le energie utilizzate per organizzare quel nuovo reparto sarebbero state ripagate da un adeguata affluenza di piccoli pazienti con cardiopatie congenite da trattare. Non sapevamo se la struttura, creata dal nulla nel tempo record di un anno, sarebbe stata adatta alle esigenze di una popolazione di pazienti allora difficilmente prevedibile. Non sapevamo se noi, gruppo misto di cardiochirurghi, cardiologi, anestesisti, radiologi, tecnici ed infermieri, con origini ed esperienze completamente diverse, saremmo riusciti ad amalgamarci in un team funzionale. Quello che conoscevamo era la nostra voglia infinita di riuscire, la disponibilità a qualunque sacrificio pur di farcela, la fiducia incondizionata nel nostro capitano, Carlo Marcelletti, ed il sogno che tutti noi vedevamo all orizzonte, tu più degli altri: la possibilità di diventare davvero cardiochirugo pediatra, di poter operare i bambini nati con cardiopatie congenite. La partenza del viaggio è stata subito a velocità elevata, più di ogni ottimistica previsione. Con una struttura ed un personale previsti per operare al massimo 150 bambini all anno, ci siamo trovati alla fine del primo anno con 450 interventi effettuati. Tutto questo non ha fatto che aumentare l entusiasmo di tutti, in modo contagioso, e per tutto il periodo dei primi anni tutti erano disposti sempre a dare il massimo, e tu meglio di tutti sai cosa questo significasse. L atmosfera del reparto era davvero eccitante: ci sentivamo tutti parte di una squadra, quasi militarizzati, con il nostro capitano, Carlo, con il Direttore Sanitario, Prof. Elio Guzzanti, che riusciva perfino a stimolarci a fare ancora di più, se possibile. E tu eri la personificazione dell aderenza strettissima ai protocolli, senza mai soccombere alla tentazione di improvvisare, di uscire dalle regole. Con un attività clinica così esuberante, sono arrivate anche le prime soddisfazioni, soprattuto il sogno ti è sembrato meno lontano: hai iniziato, come tutti gli altri, ad operare. Prima erano i primi interventi palliativi, poi le prime circolazioni extracorporee con le prime cardiotomie, come tu le chiamavi, poi le prime correzioni. Tutto questo all inizio avveniva sotto la guida diretta di Carlo. Poi hai iniziato ad operare senza supervisione, anche se il capitano aveva sempre il suo occhio ben vigile, ed era sempre pronto ad aiutare quando necessario. Stavi diventando davvero un cardiochirurgo pediatra. Ovviamente, nonostante tutti questi aspetti positivi, i problemi non sono mancati. Il numero elevato di bambini che arrivavano d urgenza, spesso in condizioni molto precarie, imponeva la necessità di interventi quasi sempre eseguiti senza tenere conto né del giorno né dell ora. Non raramente il decorso post-operatorio era complicato, con richiesta di trattamenti intensivi molto difficili e prolungati, a volte senza successo. 5

6 Tutto questo obbligava tutti a ritmi di lavoro oggi inimmaginabili, con le difficoltà che ne derivavano. La vita famigliare ne era completamente sconvolta, per non dire che diventava inesistente. E sono state infinite le volte che tu, con una pietosa bugia alla quale nessuno più credeva, dicevi al telefono a Maria, tua moglie, che entro cinque minuti saresti uscito dall ospedale per tornare a casa, da lei e dalle tue figlie allora piccole, Daria e Sofia. Non potevano vederti, Maria, Daria e Sofia, e questo è stato un vero peccato. Perchè sarebbe stato forse più facile per loro accettare di non saperti a casa, vedendoti in Terapia Intensiva, attorno ad un bambino operato, a dargli il massimo di quanto possibile dal punto di vista sia medico che umano. E quando più nessuno credeva che fosse possibile fare uscire il bambino da una situazione così critica da essere senza ragionevole speranza, tu non lo lasciavi ugualmente per un solo secondo: dimenticandoti completamente anche delle esigenze vitali, come mangiare, bere od andare al bagno, restavi incessantemente accanto alla culla, contando le gocce dei farmaci che venivano somministrati, attaccandoti ad ogni minimo segno di impensabile miglioramento, e piuttosto che niente accarezzavi il bambino e gli mettevi a posto il lenzuolino. E riuscivi ancora, nonostante tutto, a trasmettere speranza, sia ai genitori che alle infermiere, che con la franchezza tipica del posto ti dicevano: A Cosimo, ma n do va questo?!. E qualche volta convincevi il bambino che non doveva andarsene proprio allora. Se qualcuno nella vita professionale ha dato il massimo, quello sei tu. Poi è venuta per te l esperienza dell America, e non ha funzionato, perchè non poteva funzionare. Non potevi tu essere strappato ai tuoi piccoli pazienti per essere messo in un laboratorio di ricerca ad occuparti di porcellini o di scimmie, in un ambiente dove gli altri, invece di aiutarti, restavano seduti a vedere cosa eri capace di fare. E giustamente sei tornato a casa, alla tua casa, il Bambino Gesù, dove allora è arrivato il boom dei trapianti cardiaci. Ed anche questa volta ti ci sei buttato con l anima ed il cuore. Tutti sanno che non solo il primo trapianto, ma tutta la serie dei primi, sono stati formalmemte effettuati da Carlo Marcelletti. Ma chi ha messo a punto la tecnica chirurgica fino all ultimo dettaglio, con la tua consueta scrupolosità fino all ossessione, sei stato tu. Come sei stato tu a guidare Carlo dall inizio alla fine del primo trapianto, con un rapporto di reciproca fiducia difficilissimo a trovare nel nostro lavoro. E tutto questo, sempre rimanendo nell ombra, con una modestia, un onestà, una generosità uniche. Poi le cose sono cambiate. Ci siamo ritrovati a scambiarci le nostre confidenze per telefono, dal momento che avevo deciso di partire per altre avventure professionali. Tu sei rimasto, fedelissimo, anche quando il capitano, il Dr. Marcelletti, se n è andato. Ogni volta che ci sentivamo, ed avveniva regolarmente, mi ragguagliavi su come stavano andando le cose, con il tuo solito stile da cronista puntuale, anche se sicuramente non ti era facile raccontarmi che non eri contento. A forza di sentirci, avevamo anche inventato un gioco, infantile: cercavamo di vedere ogni anno chi era il primo a fare gli auguri di Natale all altro. Quest anno abbiamo perso tutt e due. È stato proprio Carlo a telefonarmi un giorno per dirmi Cosimo sta male. Nessuno voleva crederci, era veramente impossibile. Ma tu, te ne sei andato. Sei partito per un altro viaggio. Adesso sarai in un posto dove il tuo sogno professionale è finalmente diventato una realtà: puoi operare tutti i giorni, puoi occuparti dei bambini cardiopatici. Ciao Cosimo. Grazie per tutto quello che ci hai insegnato. Grazie per la tua onestà, per la tua generosità, per la tua costante ricerca del meglio. Ciao Cosimo. Tonino 6

7 Cardiologia Pediatrica e Internet Sindrome del QT lungo e farmaci La sindrome del QT lungo è stata oramai ampiamente descritta in letteratura e, fosse anche solo per la problematica dello screening neonatale con ECG, ben conosciuta anche a livello della pediatria di base. Ciò che non di rado può mettere in difficoltà il clinico è l eventualità di dover somministrare farmaci in pazienti con diagnosi sospetta o accertata di sindrome del QT lungo, dovendosi pertanto accertare preventivamente dell effetto di questi sulla ripolarizzazione ventricolare e quindi sul rischio di indurre aritmie pericolose. Un sito particolarmente utile a tal proposito è quello dell Università dell Arizona (http://www.torsades.org/) ed espressamente dedicato al monitoraggio delle specialità medicinali in grado di avere effetto sulla durata dell intervallo QT. La pagina iniziale del sito (figura 1) presenta, oltre ai link verso le varie sezioni, l aggiornamento sulle inclusioni o esclusioni delle varie molecole dalle categorie di rischio. Queste ultime sono quattro (figura 2), in ordine decrescente di pericolosità, ed i farmaci inclusi possono essere elencati per nome commerciale (come registrato negli Stati Uniti) o per molecola attiva. Le liste, cui si accede mediante l opzione View QT drugs list, sono ben presentate ed includono note molto sintetiche comprese la prevalenza nei due sessi (figura 3). Il database è regolarmente aggiornato e risulta di facile accesso per la saggia esclusione di grafica complessa. Una nota di fondo alla prima pagina avverte, prudentemente, che il servizio è di consultazione generale e non costituisce un sostituto alla documentazione scientifica ed al giudizio del medico. Statistica on-line Chiunque si sia occupato di statistica nell ambito di ricerca scientifica, oppure anche solo nel tentativo di interpretazione dei metodi di un lavoro pubblicato negli ultimi 10 anni, si è sicuramente reso conto della grande complessità che questa ha raggiunto nel campo medico, spesso oltre i limiti di comprensione del normale lettore che, nel leggere i risultati dello studio, si basa sempre più sulla fiducia, forzatamente poco critica. Premesso che l ausilio di un biostatistico resta sempre il rimedio ideale, aumenta la schiera di coloro che si dotano di complicati, informaticamente ingombranti e costosi software di statistica, il cui uso (e pieno sfruttamento) necessita di grande impegno. Senza contare che l utilizzo di software statistico, senza aver studiato la materia nei suoi concetti base, può essere fonte di deduzioni errate. Uno dei siti web più interessanti in assoluto, sotto questo aspetto, sono le statistical interactive pages (http://members.aol.com/johnp71/javastat.html), ovvero una estesa raccolta di routine disponibili online per eseguire i più disparati calcoli statistici, dai più semplici ai più esotici e raffinati (figura 4). La caratteristica di queste pagine è di utilizzare la tecnologia Javascript, che consiste nell invio, da parte del server, al browser dell utente di un vero e proprio piccolo programma, attivo solo per la circostanza e poi rimosso, che esegue i calcoli e li restituisce sullo schermo. In questo modo si alleggerisce molto il sistema in quanto vengono eseguite solo le operazioni richieste dall utente. La figura 5 mostra un esempio di calcolo di una regressione proporzionale secondo Cox, nella quale il riquadro in alto serve all introduzione dei dati (inseribili sia mediante un copia e incolla che di incorporamento di un file excel), mentre il riquadro in basso restituisce il risultato delle equazioni. I link rintracciabili contengono quasi sempre spiegazioni esaudienti e didattiche che spesso rimandano a siti universitari di notevole interesse. Inoltre, l utilità di una simile iniziativa si rivela quando sia necessario cercare quella specifica metodica che, chissà perché, è sempre l unica non inclusa nel costosissimo pacchetto di software statistico appena acquistato con gli ultimi fondi, oppure quando questo non sia disponibile per l uso ma sia attivabile comunque una connessione internet. Potenziale pericolo all uso di questo sito è la possibilità che i calcoli eseguiti possano non essere corretti, in quanto teoricamente non controllati. Tuttavia, chi scrive ha confrontato i risultati emersi da alcuni calcoli di prova, eseguiti con le routine del sito, confrontandoli con quelli ottenuti dai packages statistici noti (SPSS, ecc.), e buona corrispondenza. Garanzia non sufficiente, ma comunque l iniziativa merita una esplorazione. Per chi vuole avvicinarsi alla materia è poi da segnalare il sito dell Unità di Biostatistica dell Ospedale del Bambino Gesù di Roma (figura 6). Vi sono contenuti alcuni gradevoli articoli didattici sui concetti basilari (http://www.ospedalebambinogesu.it/portale/opbg.asp?idon=1133), ma la vera e propria perla del sito è la disamina critica eseguita di alcuni lavori, principalmente di interesse pediatrico, apparsi sempre su riviste di grande impatto (Lancet e New England Journal of Medicine abbondano). Le review, redatte dal dott. V. Di Ciommo sono illuminanti, e dimostrano come lavori pubblicati anche da gruppi importanti e su riviste autorevoli possano avere difetti metodologici sorprendenti, essere fonte di interpretazione non corretta dei dati, ed anche quando perfette non necessariamente essere applicabili ad una realtà geograficamente e socialmente diversa da quella nel cui contesto il lavoro è stato eseguito. Memorabile è lo smontaggio sistematico di un grosso lavoro sull encefalopatia neonatale (Lancet!!!) pubblicato nella sezione del Marzo Non tutti i lavori con una statistica apparentemente sopraffina raccontano, alla fine, la verità dei fatti. Roberto Formigari 7

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005 SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa Stage Advanced Educational Stage in Hypertension progetto di formazione biennale 2004-2005 BRESCIA, 3-7 maggio 2004 Si ringrazia Pfizerper il fattivo supporto

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

il programma che si prende cura della tua salute

il programma che si prende cura della tua salute il programma che si prende cura della tua salute A proposito di salute Prendersi cura è più che curare Vivere bene e più a lungo possibile è da sempre il primo desiderio di ogni uomo. Un numero sempre

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale;

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale; Le reti oncologiche: presente e futuro Auditorium i Ministero i della Salute, Roma Il ruolo del volontariato nelle reti oncologiche Davide Petruzzelli Membro Esecutivo Nazionale F.A.V.O. Federazione Italiana

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI Sezione di Management della Sanità & Sezione di Cardiologia convegno SCOMPENSO CARDIACO Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo, 30 novembre 2015 6 CREDITI FORMATIVI Con il

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI

SCOMPENSO CARDIACO. Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo. Bologna, 30 novembre 2015. convegno 6 CREDITI FORMATIVI Sezione di Management della Sanità & Sezione di Cardiologia convegno SCOMPENSO CARDIACO Linee di indirizzo per un sistema assistenziale efficace e innovativo, 30 novembre 2015 6 CREDITI FORMATIVI Con il

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

CENTRO di CARDIOCHIRURGIA PEDIATRICA :

CENTRO di CARDIOCHIRURGIA PEDIATRICA : CENTRO di CARDIOCHIRURGIA PEDIATRICA : 100 BAMBINI CARDIOPATICI vengono operati ogni anno GLI INIZI L idea di realizzare un Cardiac Center a Shisong in Camerun è nata a San Donato Milanese nel 2001 dall'incontro

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Archivio Fondamentale ottobre 2013 L'infermiere che lavora nei reparti di oncologia ricopre un ruolo di primo piano nel percorso di cura e assistenza:

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO

SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO Obiettivo della scheda: approfondire i motivi per i quali il volontario sta lasciando l AVO e verificare se qualche

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via della Mattonaia 31 Firenze Telefono 335-6349326; 0544-285745 Fax 0544/285395 E-mail m.margheri@ausl.ra.it

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

ECOCARDIOGRAFIA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE

ECOCARDIOGRAFIA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE ASSOCIAZIONE REGIONALE CARDIOLOGI AMBULATORIALI SICILIA CORSO TEORICO-PRATICO ECOCARDIOGRAFIA C L I N I C A DELLE CARDIOPATIE CONGENITE Direttori: Francesco De Luca Luigi Scarnato 8-10 APRILE 2009 CEFPAS,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO:

IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO: SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO: DAL DOCUMENTO ALL IMPLEMENTAZIONE REGIONALE Riunione

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici I nostri focus sono la persona, l occupazione, l ambiente, la partecipazione alle attività della nostra vita quotidiana: essi rappresentano gli ambiti nel

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5.

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com Note legali Le strategie riportate in questo documento sono il frutto di anni di studi, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati. L autore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) EVENTO FORMATIVO AZIENDALE INFEZIONI IN GRAVIDANZA E PERINATALI Responsabile/i scientifico

Dettagli

COME IL SOLE DOPO UN GIORNO DI PIOGGIA

COME IL SOLE DOPO UN GIORNO DI PIOGGIA COME IL SOLE DOPO UN GIORNO DI PIOGGIA Dott. Luciano Latini Dott.ssa Valentina Carletti Dott.ssa Alessandra Cervigni Dott.ssa Cinzia Ciarmatori Dott.ssa Giselle Ferretti Dott.ssa Monia Isidori Dott. Michele

Dettagli

CUORE-DIABETE: MA TU LO SAI...?

CUORE-DIABETE: MA TU LO SAI...? CUORE-DIABETE: MA TU LO SAI...?, 8 Maggio 2014 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico Aula Magna del Devoto RAZIONALE L incontro interdisciplinare tra diabetologi e cardiologi, che

Dettagli

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005 SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa Stage Advanced Educational Stage in Hypertension progetto di formazione biennale 2004-2005 PISA, 23-25 maggio 2005 Si ringrazia Pfizerper il fattivo supporto

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

Analisi dell'assistenza fornita dal Centro di Rovereto e proposta di un piano educativo

Analisi dell'assistenza fornita dal Centro di Rovereto e proposta di un piano educativo UN PROGETTO EDUCATIVO PER IL CENTRO DI ROVERETO Cos è l educazione terapeutica? Perché è importante? L educazione terapeutica può contribuire a migliorare la qualità delle cure quotidiane eseguite dal

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Comma 2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti:

Comma 2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti: La riunione periodica D.Lgs. n. 81/2008 Articolo 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente. Comma 1. Il datore di lavoro, che esercita le attività di cui all articolo 3, e i dirigenti, che organizzano

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI 1 L ordine delle idee deve procedere secondo l ordine delle

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO Insegnanti incaricate: Muraca Rita Silvana, Raffaela Messina e Giuseppina Elicrisio

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

SIMEUP SIMULAZIONE AVANZATA SULLA GESTIONE DELLE URGENZE RESPIRATORIE. Piano Formativo Nazionale SIMEUP 2015

SIMEUP SIMULAZIONE AVANZATA SULLA GESTIONE DELLE URGENZE RESPIRATORIE. Piano Formativo Nazionale SIMEUP 2015 SIMEUP Società Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica SIMULAZIONE AVANZATA SULLA GESTIONE DELLE URGENZE RESPIRATORIE TORINO, 3-4 Novembre 2015 CTO di Torino c/o Sala di simulazione - I piano

Dettagli

LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA

LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA LINEE GUIDA PER I SERVITORI DELLA LETTERATURA Cosa sono le Linee Guida e a cosa servono? Nel 1992, il Comitato per la Letteratura in Conferenza suggerì che i Fiduciari sviluppassero delle Linee Guida con

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

[PROGETTO OTTO] CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA CLINICA

[PROGETTO OTTO] CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA CLINICA [PROGETTO OTTO] CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA CLINICA Livello Base 25 febbraio 27 marzo 2015 Aula Multimediale U.O. di Cardiologia Universitaria Razionale Progetto Otto è un corso di formazione in Ecocardiografia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base l uso

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli