Report di progetto. Cod. Prog

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report di progetto. Cod. Prog. 13583"

Transcript

1 Report di progetto Cod. Prog

2 2

3 SOMMARIO Report di Progetto OVER 40. Presentazione PARTE PRIMA IL PROGETTO E LA SUA ESECUZIONE Illustrazione progetto Il contesto e caratteristiche del corso Pag Architettura del progetto Pag. 12 Iscrizioni Pag. 17 Selezioni Pag. 180 Attività formatica Pag. 18 Destinatari percorso formativo Pag. 200 Stage Pag. 23 PARTE SECONDA MONITORAGGIO Monitoraggio Pag. 27 PARTE TERZA IL PUNTO DI VISTA DELLA DOCENZA E DELL ORGANIZZAZIONE Relazioni docenza Pag. 45 Orientamento Pag. 51 Relazione tuto Pag. 54 PARTE QUARTA CONCLUSIONI Conclusioni Pag. 59 Prospettive Pag. 62 3

4 4

5 Presentazione La disoccupazione in età adulta rappresenta nella nostra Regione una realtà in forte incremento che richiede approcci innovativi nel metodo e nella sostanza operativa. La formazione professionale, accompagnata da azioni concrete di sostegno motivazionale è la risposta che il progetto OVER40 ha provato a dare. Il progetto, interamente sperimentale, ha voluto essere la palestra per tentare vie nuove nell affrontare la disoccupazione oltre i 40 anni, con una particolare attenzione alla condizione femminile: proprio in questi casi l aspetto motivazionale rappresenta una necessità fondamentale da risolvere anche nell affrontare percorsi formativi. L esperienza realizzata, come dimostra questo piccolo report finale, ha rappresentato un esperienza in grado di intervenire direttamente in alcuni aspetti che incidono pesantemente nell esclusione dal lavoro di persone disoccupate in età adulta. La rete di parternariato e quella di sostegno hanno contribuito, con le proprie competenze e con la serie di rapporti locali a loro disposizione, a strutturare l intervento anche attraverso un sistema di monitoraggio costante che ha permesso di apportare le variazioni che si sono rese necessarie in corso d opera per riuscire a raggiungere gli obiettivi progettuali prefissati. Il tasso di occupazione dei partecipanti alla fine del progetto, il numero di ore di attività e l insieme dei materiali prodotti è il risultato di un lavoro sinergico che, anche grazie alla preziosa collaborazione della Provincia di Prato e delle parti sociali coinvolte ha permesso di raggiungere un successo inaspettato, nonostante le normali difficoltà che un progetto complesso come questo si è ovviamente trovato davanti. 5

6 Nel chiudere questa breve presentazione permettetemi di ringraziare sentitamente lo staff di SMILE Toscana che con la sua professionalità ha garantito un coordinamento progettuale meritevole di lodi ed attenzioni. Nella speranza che possa, questa piccola pubblicazione, rendere chiaro un percorso così complesso ed articolato, ringrazio fin d ora tutti quelli che presteranno attenzione a questo progetto e percorso, sperando che questa attività possa diventare d esempio anche in altri contesti, dimostrando reale trasferibilità. Il Direttore di SMILE Toscana Piero Pirotto 6

7 OVER 40 PARTE PRIMA IL PROGETTO E LA SUA ESECUZIONE 7

8 8

9 Illustrazione del progetto Il contesto e caratteristiche del corso Il progetto Over 40 è nato nel 2004, in risposta al particolare contesto socio lavorativo che viveva, e vive tuttora, il distretto pratese. La gravosa crisi dell industria tessile ha infatti prodotto, tra le altre cose, un notevole disagio occupazionale, caratterizzato in particolare da un elevatissimo numero di lavoratori in età matura estromessi dal ciclo produttivo. La tendenza dei lavoratori in età superiore ai 40 anni a rimanere emarginati dal mercato del lavoro è rilevata a livello nazionale, tanto che è stata oggetto di discussione da parte dell Isfol, sulla base di dati Istat, e di un indagine parlamentare promossa da Associazioni espressamente dedicate al problema. I dati nazionali rilevano una continua crescita dell estromissione dei lavoratori in età matura, con difficoltà a ritrovare lavoro. A livello nazionale nel 2002 si contavano disoccupati ultra quarantenni. A Prato il disagio occupazionale dei lavoratori in età matura assume connotati anche più preoccupanti. Nel momento in cui Over 40 veniva progettato, la provincia di Prato presentava un 42% di iscritti all anagrafe del lavoro di età superiore ai 40 anni (di cui il 63% donne). Nonostante la mobilità, che riguardava circa il 21% degli over 40 disoccupati, si riscontravano notevoli difficoltà di reinserimento lavorativo in tempi ragionevoli (al gennaio 2005, l 11% dei disoccupati oltre i quarant anni non ritrovava una collocazione entro 6 mesi). 9

10 Il progetto si è quindi posto l obiettivo di intervenire sul disagio occupazionale di una tipologia di lavoratori particolare, non più giovani e ancora lontani dalla pensione, con tutto quel che ne consegue sul piano psicologico. Proprio l aspetto psicologico è stato particolarmente considerato, sulla base di studi specifici, per cui molta attenzione è stata posta sulla relazionalità e sul rinforzo della motivazione. Oltre ciò i contenuti del corso di formazione si sono focalizzati sul recupero delle competenze di base, quali la lingua straniera e l informatica, che spesso compongono un gap rispetto ai lavoratori più giovani. Ad una prima fase corsuale costituita da un intervento di tal genere, ne è seguita una seconda specificatamente calata nel contesto lavorativo pratese, con percorsi differenziati nei due settori occupazionali che presentavano una certa vivacità economica (tessile legato alla tessitura e commercio legato all abbigliamento). Hanno partecipato al progetto, fin dalla fase progettuale, nella veste di: Partner: Associazione IAL Toscana Enfap Toscana (ente no profit) Soggetti sostenitori: Camera del Lavoro CGIL - Prato CISL - Prato UIL Firenze Confesercenti Prato Confartigianato Imprese - Prato 10

11 Hanno inoltre contribuito alla realizzazione degli stage aziendali, oltra al Lanificio Caverni e Gramigni, che aveva dato il suo appoggio già dalla fase progettuale, anche aziende del territorio quali: Per il settore commercio 3 Chic Follia S.n.c. Abbigliamento - Prato Coin SpA Campi Bisenzio Idealcolor di Domenico & Pietro Stanziola - Quarrata Firenze Sport Ski srl - Prato Per il settore tessile Giesse di Gori Stefania - Prato Tessitura Viviani Snc Di Viviani Lido & C. - Montemurlo * Il corso ha fornito nel dettaglio ed in modo approfondito tutte le informazioni necessarie inerenti le modalità di accesso al mercato del lavoro ed ha accompagnato i partecipanti nell elaborazione di una personale ed efficace strategia di ricerca del lavoro. Il corso si è svolto in una fase iniziale comune a tutti i partecipanti ed una seconda fase in cui i moduli didattici si sono differenziati in base al settore professionale scelto dai corsisti: il tessile o il commercio. In questo modo è stata offerta ai partecipanti l opportunità di scegliere il settore professionale a loro più consono in base alle loro aspirazioni o alle esperienze pregresse. Questi i contenuti del percorso formativo: 11

12 Architettura del Progetto: Formazione in aula attrezzata: FORMAZIONE FINALIZZATA AL REINSERIMENTO LAVORATIVO COMUNE ALLE AREE OCCUPAZIONALI Orientamento Modulo e Materia Ore tot. Docente Ore Condizione Professionale Orientamento 8 Andrea Ciabattini 8 Psicologo, qualifica di orientatore Strategie attive di approccio al mercato del lavoro Modulo e Materia Ore tot. Accoglienza e condivisione dell esperienza 4 Docente Ore Condizione Professionale Bilancio di competenze, portafoglio competenze 8 Rinforzo della motivazione 38 Piero Ianniello 12 Tecniche di ricerca attiva del lavoro 10 Sviluppo di un progetto professionale individuale 4 Laurea in Lingue e Letterature Straniere Qualifica di Tutor, Specializzazione in Mediatore del Lavoro 12

13 Dinamiche occupazionali e gestione dell incertezza Modulo e Materia Ore tot. Comunicazione e comportamenti relazionali 12 Diagnosticare le caratteristiche del proprio compito e definire appropriate strategie Affrontare situazioni problematiche Aspetti normativi e contrattualistici 34 Antonella Buzzegoli Docente Ore Condizione Professionale Laurea in Pedagogia - Specializzazione in Psicologia dell Orientamento e Carrear Planning: Bilancio di Competenze, Relazione d aiuto, Counceling e Coaching Modulo e Materia Ore tot. Docente Ore Condizione Professionale Laurea in Lingue e Letterature Straniere Salute e sicurezza sul lavoro Piero Ianniello 1 Qualifica di Tutor, Specializzazione in Mediatore 7 del Lavoro Contrattualistica del lavoro Leandro Innocenti 6 Esperto del mondo sindacale Informatica di base Modulo e Materia Windows 6 Internet e posta elettronica 20 Andrea Scarimbolo 6 Introduzione FAD 2 Microsoft word 6 Inglese di base Modulo e Materia Inglese per comunicare 12 Laura Di Pofi 6 Inglese per assumere informazioni 6 Ore tot. Ore tot. Docente Ore Condizione Professionale Laurea in ingegneria esperto docente di informatica Docente Ore Condizione Professionale Laurea in Lingue e letteratura staniera docente di inglese

14 FORMAZIONE FINALIZZATA AL REINSERIMENTO LAVORATIVO SETTORE TESSILE Informatica mirata al settore tessile Modulo e Materia Informatica nel tessile 9 Andrea Scarimbolo 9 Ore tot. Lingua inglese mirata al settore tessile Modulo e Materia Ore tot. Lingua inglese di base per il settore tessile 14 Laura Di Pofi 14 Filiera tessile Modulo e Materia Filiera tessile 10 Punti di forza ed espansione della filiera 20 Saverio Langianni tessile 10 Ore tot. Autoimprenditoria nel settore tessile Modulo e Materia Ore tot. Docente Ore Condizione Professionale Laurea in ingegneria esperto docente di informatica Docente Ore Condizione Professionale Laurea in Lingue e letteratura staniera docente di inglese Docente Ore Condizione Professionale Laurea in Economia, Ricercatore presso Asel (Agenzia Servizi per le Economie Locali) di Prato. Coordinatore dell area Docente Ore Condizione Professionale Autoimprenditoria nel settore tessile 4 Elena Maria La Ferla 4 Responsabile Provinciale Artigiancredito Toscano 14

15 FORMAZIONE FINALIZZATA AL REINSERIMENTO LAVORATIVO SETTORE COMMERCIO Informatica mirata al settore commercio Modulo e Materia Informatica nel commercio 9 Andrea Scarimbolo 9 Ore tot. Lingua inglese mirata al settore commercio Modulo e Materia Lingua inglese di base per il settore commerciale, con riferimento all abbigliamento Commercio & abbigliamento Modulo e Materia Ore tot. Docente Ore Condizione Professionale 15 Laurea in ingegneria esperto docente di informatica Docente Ore Condizione Professionale 14 Laura Di Pofi 14 Ore tot. Laurea in Lingue e letteratura staniera docente di inglese Docente Ore Condizione Professionale Il settore commercio 5 ClaudioLando Paoletti 5 Laurea in Sociologia L abbigliamento / commercio 5 15 Paolo Gori Punti di forza ed espansione 10 Autoimprenditoria nel commercio Modulo e Materia Ore tot. Laurea in economia Docente Ore Condizione Professionale Autoimprenditoria nel Commercio 4 Paolo Gori 4 Laurea in economia

16 Formazione esperenziale: STAGE ore totali Stage esplorativo Stage situazionale 34 ore 30 ore 64 FAD ore totali comune 17 ore 17 formazione commercio 7 ore 7 formazione tessile 7 ore 7 Tutor aula fase comune Tutor aula per settore tessile e commercio Tutor di stage Tutor FAD Tutor per orientamento Stefano Lucchi Simone Micheloni Simone Micheloni Piero Ianniello Claudia Ranfagni 16

17 Iscrizioni: Sono state presentate 38 domande di iscrizione, di cui 29 candidati donne e 9 uomini, in età compresa tra i quaranta ed i sessanta anni, disoccupati o in mobilità. (Tab ) Tab. 1 Ripartizione domande d iscrizione per genere N domande d iscrizione: 38 Uomini 9 Donne 29 Tab. 2 Ripartizione domande d iscrizione per fasce di età N domande d iscrizione: 38 Donne Uomini Totale 40 < età < età < età < età Tab. 3 Ripartizione domande d iscrizione per titolo di studio N domande d iscrizione: 38 Donne Uomini Totale Licenza elementare o nessun titolo Licenza media inferiore o superamento bienni scuola superiore diploma di maturità e diploma di scuola superiore Qualifica professionale acquisita tramite corso di formazione professionale Qualifica Professionale post diploma Diploma di qualifica acquisito tramite corso scolastico diploma universitario, laurea di base

18 Selezioni: La seleziona si è svolta il giorno 12 ottobre 2006 alle ore 9.00 presso la sede della CGIL di Prato davanti alla Commissione costituita dai rappresentanti delle tre Agenzie Formative partecipanti al Progetto, Smile Toscana-soggetto capofila- ENFAP Toscana e IAL Toscana-soggetti Partners. La Commissione ha preso in esame il modello di colloquio semistrutturato predisposto al fine di rilevare il livello di motivazione e la disponibilità alla frequenza dei candidati. A fronte di 38 domande di iscrizione si sono presentati 34 candidati che sono stati esaminati attraverso colloqui individuali. Attività formativa: Il Progetto OverQuaranta è stato presentato ed approvato dall Amministrazione Provinciale di Prato con D.D. 442 del 16/03/2006 a valere sulla misura A2; è stato approvato con l assegnazione di più matricole che corrispondono alle tre diverse microtipologie di formazione ed esattamente: PO FORMAZIONE COMUNE PO FORMAZIONE COMMERCIO PO FORMAZIONE TRESSILE Obiettivo del Progetto OverQuaranta è stato di aggiornare disoccupati in età avanzata attraverso 3 momenti formative: fase comune, fase commercio e parallelamente tessile, per poter dar loro strumenti utili e necessari per una ricollocazione nel mondo del lavoro. 18

19 I partecipanti al Progetto OverQuaranta sono stati sottoposti, in fase iniziale, ad un questionario sull Analisi dei fabbisogni il quale ha messo in evidenza, oltre alla consapevolezza dei corsisti rispetto alle loro carenze, le tematiche verso cui essi sentono maggiormente la necessità di aggiornarsi che sono risultate essere la lingua Inglese e l informatica, materie, secondo loro, necessarie per il loro eventuale reinserimento lavorativo. L attenzione verso questo Progetto è stata notevole, il Progetto è stato strutturato con una prima fase comune di formazione finalizzata al reinserimento lavorativo comune alle aree occupazionali, alla quale hanno partecipato 24 allievi, che si è occupata delle seguenti materie: Strategie attive di approccio al mercato del lavoro Dinamiche occupazionali e gestione dell incertezza Aspetti normativi e contrattualistici Informatica di base Inglese di base ed una seconda fase di formazione finalizzata al reinserimento lavorativo, che si è occupata delle seguenti materie: settore tessile Informatica nel tessile Lingua inglese di base per il settore tessile Filiera tessile, punti di forza ed espansione della filiera tessile Autoimprenditoria nel settore tessile 19

20 settore commercio Informatica mirata al settore commercio Lingua inglese mirata al settore commercio Commercio e abbigliamento Autoimprenditoria nel commercio Gli allievi hanno inoltre partecipato a 34 ore di incontri all interno dell attività di stage esplorativo e hanno svolto 30 ore di stage situazionale in aziende del settore di interesse. Destinatari I partecipanti in totale sono stati 24, che hanno partecipato alla fase comune d aula, di questi 12 hanno partecipato alla fase commercio e 7 a quella tessile,. Questi i risultati emersi: fase comune fase commercio fase tessile nr.partecipanti Riguardo alla tipologia d utenza, è stato su 24 allievi previsti nella fase comune di 20 donne e 4 uomini; delle 20 donne 1 aveva licenza elementare, 7 la licenza media, 5 il diploma di 20

21 maturità, 5 qualifica professionale, 1 diploma di qualifica, 1 diploma universitario. Per gli uomini 2 avevano la licenza media, 1 la qualifica professionale ed 2 il diploma di maturità lic. lic. M edia matutità qualifica diploma q. diploma Elememtare univ. uo mini donne Dal monitoraggio è emerso un dato abbastanza rilevante, la presenza delle donne nelle due fasi di formazione specifica è stata molto alta, non c è stata una preferenza netta per uno dei due percorsi; al contrario, per quanto riguarda gli uomini, la presenza nella fase tessile è risultata essere assoluta, totalmente assente la loro presenza nella fase commercio uomini donne 1 0 uomini donne fase commercio fase tessile Gli allievi che hanno concluso il processo formativo sono stati in 15. C è da tener presente, tuttavia, che ben tre persone hanno 21

22 rinunciato al corso perché durante lo svolgimento hanno trovato lavoro, alcuni attraverso i nuovi strumenti acquisiti e la partecipazione al Job Fair, o anche grazie al lavoro di rimotivazione svolto nella prima fase corsuale. Le rinunce all inizio del corso, invece, sono state dovute a motivi familiari ed alla difficoltà a conciliare gli orari del corso coi carichi familiari. Altre due rinunce sono seguite, una per motivi di salute ed un esclusione a causa di prolungata assenza dal corso allievi ritirati; 5 allievi ritirati; 2 allievi ritirati; 3 occupati; 3 0 ritirati prima dell'inizio del corso ritirati all'inizio del corso ritirati nella prima metà del corso per aver trovato impiego Frequenza allievi La formazione ha visto gli allievi impegnati per un totale di 254 ore. La frequenza media è stata elevata: 85% delle ore totali. 100% 80% % presenze 60% 40% 20% 0% allievi frequenza individuale media 22

23 Stage L attività di stage si è composta di due fasi distinte, ma integrate tra loro: stage esplorativo, che è stato trasversale al corso, in cui i corsisti hanno incontrato i rappresentati delle categorie e dei sindacati, oltre a partecipare ad iniziative informative e di incontro domanda offerta di lavoro (Job Fair, Circumlavorando) ed una seconda fase, denominata stage situazionale, iniziata al termine delle lezioni in aula, in cui i corsisti sono entrati nelle aziende del settore di riferimento per conoscerle da vicino e farsi conoscere. Questa attività aveva come obiettivo di offrire ai corsisti una panoramica di un azienda del settore di loro interesse: il funzionamento e l organizzazione interna, le mansioni, gli uffici, le operatività e i contatti. Lo stage in azienda ha avuto una durata di 30 ore totali, con orari e modalità concordate in base alle esigenze delle aziende e cercando di andare incontro alle problematiche dei corsisti. Tutti gli allievi hanno svolto l attività di stage situazionale ad eccezione di due, per subentrati motivi familiari e di salute, ed un allievo per indisponibilità di orari, essendo stato assunto nel periodo destinato allo stage. 23

24 24

25 OVER 40 PARTE SECONDA IL MONITORAGGIO 25

26 26

27 Monitoraggio di fine corso Il monitoraggio del corso Over 40 ha offerto preziosi spunti per la valutazione finale del percorso formativo. Sono stati utilizzati dei questionari in grado di rilevare degli indicatori numerici e qualitativi: - un questionario che analizzasse l esperienza di stage attraverso un valutazione da parte del tirocinante; - un questionario che analizzasse l esperienza di stage attraverso un valutazione da parte del tutor aziendale; - un questionario di valutazione del percorso formativo somministrato agli allievi alla fine del percorso - una scheda di autovalutazione allievi Alla fine dell esperienza di stage è stato chiesto ai partecipanti di compilare un questionario di valutazione e di scrivere una relazione che raccontasse l esperienza vissuta. All azienda è stato sottoposto un questionario di valutazione degli stagisti. La valutazione emersa è sicuramente positiva, i partecipanti hanno espresso l importanza del periodo trascorso in stage, avendolo vissuto come un opportunità di conoscenza del mercato del lavoro e un occasione di motivazione per un futuro reinserimento nel mondo del lavoro. Dal punto di vista dell azienda, la valutazione degli stagisti è stata molto positiva, grazie anche alla splendida disponibilità dei tutor aziendali. Da parte degli allievi è emerso il desiderio di avere uno stage più consistente rispetto alle trenta ore previste, così da avere una possibilità di conoscenza più approfondita. Ciò comunque non rientrava nei piani del corso, in quanto si mirava alla 27

28 snellezza e alla conclusione in tempi quanto più possibile brevi dello stesso. Una sola forte critica si è levata da parte di un allieva, non sentitasi adeguatamente accolta dall azienda e non seguita dal proprio tutor aziendale. Dalla sua relazione emerge che non le sarebbe stata data l opportunità di conoscere veramente i meccanismi interni all azienda, cosa che invece è potuta avvenire senza problemi per gli altri allievi. Il questionario di valutazione dell esperienza di stage da parte dei tirocinanti è composto da quatto voci a cui è stato possibile dare un voto da 1 a 5 considerando 1 come minimo e 5 come massimo. E stato poi possibile esprimere eventuali commenti Accoglienza del tirocinante Capacità di trasferimento competenze Valutazione tutoraggio Valutazione metodo educativo Come emerge la soddisfazione dei tirocinanti è stata alta soprattutto per quanto riguarda l accoglienza e la professionalità del lavoro. 28

29 allievi valutazione Accoglienza Trasferimento competenze Valutazione tutoraggio Valutazione metodo educativo 29

30 Un questionario è stato proposto anche ai tutor aziendali perché valutassero l operato dei tirocinanti, attraverso un analisi del comportamento dello stagista. La scala di valutazione va dallo scarso all ottimo. Questi sono i risultati: Domanda Scarso Sufficiente Buono Ottimo Presenza dello stagista Comportamento /Puntualità Facilità di apprendimento Rispetto delle procedure aziendali 8 3 Capacità di applicazione Valutazione di conoscenza al termine del percorso didattico Valutazione delle competenze al termine dello stage Capacità organizzative Capacità di progettualità Raggiungimento dello scopo (valutazione finale)

31 Scarso Sufficient Buono Ottimo Presenza stagista Comportamento/P untualità 0 Scarso Sufficie Buono Ottimo Scarso Suffici Buono Ottimo Facilità di apprendimento

32 Scarso Sufficie Buono Ottimo Rispetto Procedure Capacità di applicazione Scarso Sufficient Buono Ottimo Valutazione conoscenze fine percorso didattico Scarso Sufficien Buono Ottimo

33 6 4 2 Valutazione competenze fine stage 0 Scarso Sufficiente Buono Ottimo Scarso Sufficiente Buono Ottimo Rispetto Procedure Capacità di progettualità Scarso Sufficient Buono Ottimo

34 Scarso Sufficien Buono Ottimo Valutazione finale Come è facilmente riscontrabile, la soddisfazione da parte delle aziende è alta, con una valutazione media buono con qualche eccellenza, cioè ottimo, ed un solo sufficiente. Successivamente per avere una valutazione finale dell intero percorso formativo, si è sottoposto ai partecipanti un questionario di fine corso, che ha analizzato: Le aspettative Gli obiettivi I contenuti del corso Interesse per i singoli argomenti Valutazione attività dei docenti Valutazione attività del tutor Organizzazione del corso 34

35 Le aspettative Le aspettative che i partecipanti avevano ad inizio corso riguardavano la conoscenza di nuove materie, in particolare informatica ed inglese e soprattutto un aiuto nel comprendere le proprie competenze e a sfruttarle al meglio per cercare un occupazione. Il corso è stato visto anche come opportunità di conoscere i cambiamenti del mercato del lavoro e poterli gestire. A fine corso è stato chiesto di esprimere un giudizio in relazione alle aspettative iniziali. Il livello di soddisfazione sul corso e stato valutato attraverso una scala da Molto soddisfatto a per niente. Riportiamo in tabella il numero di risposte raccolte attraverso i questionari di gradimento. Molto Soddisfatto Soddisfatto Parzialmente Poco Per niente grado di soddisfazione La soddisfazione dei partecipanti è buona, coloro che hanno espresso una soddisfazione parziale hanno motivato questa risposta con la brevità con cui sono state affrontate alcune materie, in particolare informatica ed inglese che erano anche le più interessanti nelle aspettative iniziali. 35

36 Gli obiettivi Molto chiari Chiari Ancora un po confusi Molto confusi Rispetto all inizio gli obiettivi del percorso formativo mi sembrano: Gli obiettivi sono come emerge dalla tabella molto chiari per la maggioranza della classe. I contenuti del corso Contenuti Interessanti Utili Applicabili praticamente Si A volte Si A volte Si A volte fine corso Si No A volte Interessanti Utili Applicabili praticamente 36

37 Gli argomenti Gli argomenti giudicati maggiormente interessanti sono stati: Inglese Informatica Tecniche di comunicazione Diritto del lavoro Questi argomenti sono stati elencati dalla quasi totalità della classe. Per quanto riguarda invece gli argomenti giudicati meno interessanti, molti hanno scritto che non c erano stati, solo due hanno elencato il corso di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (fruito interamente in modalità FAD) e uno il modulo di autoimprenditoria. Organizzazione del corso Organizzazione Orari del corso adeguato non adeguato adeguato Luogo fisico non adeguato Materiali forniti adeguato non adeguato Supporti d aula (attrezzature) adeguato non adeguato fine corso

38 Adeguato Non adeguato Orari del corso Luogo fisico Materiali forniti Supporti d'aula Valutazione docenti I docenti sono stati valutati nella maggioranza molto positivamente sia per quanto riguarda l efficienza, la chiarezza dell esposizione, la capacità di relazionarsi agli allievi, l affidabilità, l attenzione ai bisogni delle persone, la capacità di risolvere problemi pratici. Valutazione tutor Tab. 13 Valutazione tutor d aula Tutor Si No A volte Efficiente Relazione allievi Affidabile Attento ai bisogni Capace di facilitare il docente Capace di risolvere problemi

39 Si A volte Efficiente Relazione allievi Affidabile Attento ai bisogni Capace di facilitare il docente Capace di risolvere il problema No Al termine del percorso è stato inoltre distribuito un questionario d auto-valutazione per avere indicazioni rispetto alla percezione soggettiva del processo d apprendimento e per verificare il livello di consapevolezza rispetto agli obiettivi della formazione. Ai partecipanti è stato chiesto di esprimersi rispetto: Cosa è stato appreso meglio Cosa si pensa di non aver capito Il proprio impegno Cosa ha favorito l attenzione Cosa ha reso difficile la partecipazione Partecipazione rispetto al gruppo Capacità implementate Le risposte dei partecipanti sono state evidenziate in tabelle e grafici che riportiamo, in sintesi, nelle pagine seguenti. 39

40 Auto-valutazione degli allievi Attraverso l auto-valutazione si è potuta verificare la percezione soggettiva rispetto al processo d apprendimento sviluppato attraverso il percorso formativo ed il livello di consapevolezza rispetto agli obiettivi della formazione. E stato chiesto agli allievi quali ritenessero gli insegnamenti appresi meglio (ogni allievo poteva rispondere con più di una preferenza). Riportiamo le risposte degli allievi: Conoscenze del mercato del lavoro Gestione di un attività Conoscere e valorizzare le proprie competenze Diritti dei lavoratori Informatica Inglese Techiche comunicative Non ci sono materie che gli allievi ritengono di non aver capito sufficientemente o per le quali avrebbero richiesto maggiori approfondimenti. L auto-valutazione sull impegno durante il corso è stata per l 80% giudicata costantemente alta, mentre per il 20% con punte alte e punte basse. con punte alte e punte basse 20% costantemente alto 80% costantemente alto costantemente scarso con punte alte e punte basse molto scarso 40

41 Alla domanda che cosa avesse favorito l attenzione i partecipanti hanno risposto: Interesse per gli argomenti trattati Desiderio personale di imparare Confronto con gli altri partecipanti nella stessa condizione di disoccupati Chiedendo che cosa avesse reso difficile la partecipazione le risposte sono state: Problemi familiari La convivenza con altri partecipanti Il 90% degli allievi dichiara di essersi trovato a suo agio con i compagni sono il 10% dichiara di aver avuto qualche difficoltà. con qualche difficoltà 10% a mio agio 90% a mio agio con qualche difficoltà a disagio 41

42 Al termine di quest esperienza gli allievi dichiarano di sentirsi più capaci di: Reinserirsi nel mercato del lavoro Guardare dentro se stessi Assemblare meglio le informazioni ricevute Saper autovalorizzarsi In conclusione è quindi possibile dire che l obiettivo iniziale del progetto, rimotivare i partecipanti e fornire loro gli strumenti per reinserirsi nel mercato del lavoro dopo un lungo periodo di assenza, può dirsi raggiunto. Ciò è stato possibile attraverso un percorso ideato in fase progettuale che rendesse i corsisti consapevoli delle loro peculiarità in termini di competenze e conoscenze, e a conoscenza del mondo del lavoro locale. I risultati a distanza di pochi mesi dal termine del corso sono già più che soddisfacenti, con circa la metà dei partecipanti reinseriti nel mondo del lavoro, anche se quasi tutti con le forme contrattuali estremamente flessibili, tipiche del mercato del lavoro attuale. Si aspetta quindi con estremo ottimismo i risultati del monitoraggio a più lungo termine, ma già con i dati a disposizione si può delineare un successo del percorso formativo, che si spera possa avere opportunità di essere realizzato in altri contesti. 42

43 OVER 40 PARTE TERZA IL PUNTO DI VISTA DELLA DOCENZA E DELL ORGANIZZAZIONE 43

44 44

45 Relazione docenza: Strategie attive di approccio attivo al lavoro Il modulo Strategie attive di approccio attivo al lavoro ha rappresentato un insegnamento fondamentale per il corso, avendo come obiettivo sia il rinforzo della motivazione degli allievi, sia lo sviluppo di competenze legate al mercato del lavoro. Il modulo ha di fatto accolto e accompagnato i corsisti durante la prima fase del corso, ponendosi come docenza di riferimento e integrandosi con gli altri soggetti del corso, in particolare con il tutoraggio. Nel momento cruciale dell avvio del corso il modulo si è concentrato sul fornire informazioni relative al corso, contenuti, modalità, tendendo a condividere gli obiettivi perseguiti da tutto il percorso formativo. Successivamente l insegnamento si è calato maggiormente nei contenuti legati al mercato del lavoro e alla presa di coscienza e autoresponsabilizzazione di ogni corsista verso il proprio personale percorso di auto impiego. A tal fine è stato predisposto un percorso di orientamento di aula, ma individuale, costituito da una strutturazione supervisionata dal docente che è partita dall auto valutazione delle attitudini delle esperienze pregresse, confluendo infine in un progetto di re-inserimento lavorativo, elaborato autonomamente da ciascun allievo. Tutto il modulo ha quindi teso ad innescare un meccanismo di empowerment, accanto alla trasmissione di contenuti utili sul mercato del lavoro. Per lo svolgimento della docenza si è scelta una metodologia attiva, tenendo presente le indicazioni della progettazione, per cui i contenuti sono stati trattati riducendo le lezioni frontali al minimo indispensabile, e facendo largo uso 45

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli