Rapporto Autovalutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto Autovalutazione"

Transcript

1 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento /15 RAV Scuola - CAMM G.PASCOLI+ C.NIVOLA (ASSEMINI)

2 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 2 1 Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica Sezione di valutazione Qual e' il contesto socio-economico di provenienza degli studenti? Qual e' l'incidenza degli studenti con cittadinanza non italiana? Ci sono gruppi di studenti che presentano caratteristiche particolari dal punto di vista della provenienza socio economica e culturale (es. studenti nomadi, studenti provenienti da zone particolarmente svantaggiate, ecc.)? Opportunità (Digitare al max 1500 caratteri) L'ambiente socio - familiare da cui provengono gli studenti di Assemini è costituito da artigiani, piccoli commercianti, coltivatori diretti, impiegati, piccoli imprenditori, operai e professionisti. Gli alunni provenienti da altri paesi rappresenta il 2,4%. In questo anno scolastico non sono presenti alunni provenienti da comunità Rom, ma fino allo scorso anno vi erano alcune unità. La provenienza da luoghi con usi e tradizioni così lontane da quelle locali rende necessaria un'apertura nella mentalità e nella capacità di accogliere e crea condizioni di un impegnativo confronto culturale. Vincoli (Digitare al max 1500 caratteri) Parallelamente allo stimolo culturale si evidenziano difficoltà, spesso importanti, a livello linguistico e di integrazione che impegnano la comunità scolastica in uno sforzo di personalizzazione e specificizzazione degli interventi che non sempre sono supportati dai mezzi che la scuola possiede. La necessità di coinvolgere le famiglie rappresenta, inoltre, un ulteriore elemento di complessità su piani differenti (culturale, delle tradizioni e della mentalità, della lingua e comunicazione e, talvolta, anche della conoscenza delle norme). Negli ultimi anni, a causa della crisi economica, c'è stato un forte aumento di famiglie senza reddito stabile (le richieste di libri di testo in comodato sono più che triplicati). I nuclei familiari sono composti da tre/quattro persone, con percentuali alte di separazioni, divorzi, disoccupazione, indigenza e senso di precarietà del lavoro.

3 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina Territorio e capitale sociale Sezione di valutazione Per quali peculiarita' si caratterizza il territorio in cui e' collocata la scuola? Quali risorse e competenze utili per la scuola sono presenti nel territorio? Qual e' il contributo dell'ente Locale di riferimento (Comune o Provincia) per la scuola e piu' in generale per le scuole del territorio? Opportunità (Digitare al max 1500 caratteri) Centro di antica vocazione agricola, Assemini si è profondamente modificata nella sua composizione sociale, per l'insediarsi sul territorio di fabbriche e servizi nella vicina zona industriale di Macchiareddu. Sul piano economico la città ha conservato una certa autonomia rispetto al capoluogo, espressa dalle attività del settore agricolo (aziende e di piccole cooperative agricole, orticoltura, colture da serra e frutteti), del settore industriale (fa parte del consorzio CASIC), del settore ittico e di quello artigianale tradizionale (lavorazione del legno, del ferro battuto e della ceramica). La scuola opera in collaborazione con il Comune per tutte le attività che la mettono in relazione con l'assessorato ai Servizi Sociali, come definito all'interno del Piano Socio-assistenziale del Comune di Assemini. Le iniziative oggetto di questo piano sono relative alle situazioni di disagio, di sostegno e di assistenza per le quali le risorse finanziarie del Comune e quelle conoscitive e di monitoraggio della scuola, possono rendere maggiormente proficua ogni forma di intervento. Vincoli (Digitare al max 1500 caratteri) La distribuzione urbanistica della cittadina, estesa lungo la SS 130, ha espresso significative situazioni di perifericità urbana, nelle quali il più basso costo degli alloggi ha comportato l'insediamento di immigrati stranieri. A causa della mobilità della popolazione, la scuola perde alcuni studenti nel passaggio da un anno all'altro e così si determinano trasferimenti e abbandoni. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia disomogeneità nella concentrazione per fasce. Fra le criticità del territorio è notevole la presenza di minori presi in carico e seguiti dai Servizi Sociali. La maggior parte di questi appartiene a gruppi familiari multiproblematici, caratterizzati dalla forte incidenza, al loro interno, di forme diverse di disagio. Data la sua vicinanza al capoluogo, la cittadina risente di tutte le problematiche relative all'area metropolitana, come la microcriminalità, che inducono a riflettere e a ricercare le cause meno appariscenti di questo precoce e dilagante disagio giovanile.

4 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina Risorse economiche e materiali Sezione di valutazione Qual e' la qualita' delle strutture della scuola (es. struttura degli edifici, raggiungibilita' delle sedi, ecc.)? Qual e' la qualita' degli strumenti in uso nella scuola (es. LIM, pc, ecc.)? Quali le risorse economiche disponibili? Opportunità (Digitare al max 1500 caratteri) Sul piano dell'entità dei finanziamenti le opportunità sono molto modeste per una scuola con questa popolazione scolastica. Molte attrezzature presenti sono ancora funzionanti anche se relative ad acquisti di oltre dieci anno. I laboratori di informatica, le dotazioni delle aule di scienze, i forni per la ceramica delle aule d'arte hanno parecchi anni e non possono essere rinnovati perchè, da molto tempo, non vi sono finanziamenti che consentano ciclici rinnovi delle attrezzature. Le lavagne LIM non sono ancora presenti in tutte le classi e, per ovviare a questa situazione si ricorre a forme di rotazione nelle aule dotate; vi sono anche grossi problemi per dotare gli alunni aventi diritto di supporti informatici dedicati. Pur in assenza di certificazioni l'istituto ha recentemente avuto interventi sostanziali di rinnovo degli impianti e si articola, in entrambe le sedi, su superfici adeguate. Vincoli (Digitare al max 1500 caratteri) Escludendo le spese sostenute per le retribuzioni del personale, i finanziamenti statali gestiti dalla scuola sono estremamente ridotti e l'intervento della famiglie per la scuola e per le iniziative proposte sono, alla luce dei dati in tabella, venti volte superiori a quelli dello stato. La maggior parte di questi finanziamenti sono destinati ai viaggi di istruzione che rappresentano, nelle condizione di insularità, uno degli strumenti più efficaci per integrazioni culturali ed esperienze di crescita altrimenti destinate solo ad una ristretta fascia di alunni più fortunati. Le barriere architettoniche rappresentano un ostacolo che non sempre può essere superato da alunni e personale scolastico con handicap e spesso occorre spostare aule dedicate alle classi da un piano all'altro per assicurare accessibilità e sicurezza. Pur in presenza di superifici adeguate le aule della sede di Corso America sono piccole e non pienamente fruibili a causa della pianta dell'aula e quindi possono ospitare meno alunni rispetto all'altra sede.

5 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina Risorse professionali Sezione di valutazione Quali le caratteristiche socio anagrafiche del personale (es. eta', stabilita' nella scuola)? Quali le competenze professionali e i titoli posseduti dal personale (es. certificazioni linguistiche, informatiche, ecc.)? Opportunità (Digitare al max 1500 caratteri) L'alta percentuale di docenti stabilmente in servizio nell'istituto e la loro approfondita conoscenza del territorio e delle sue caratteristiche, conferiscono un valore aggiunto nella capacità di lettura delle situazione e nell'individuazione dei percorsi più favorevoli per il successo formativo e scolastico di alunne ed alunni. Una significativa percentuale partecipa regolarmente alle attività formative predisposte dalla scuola o dalle reti di cui la scuola fa parte e ciò contribuisce ad articolare in modo più flessibile gli interventi. Questa caratteristica ha favorito lo stabilizzarsi del dialogo con le strutture dell'ente Comune di Assemini, con il quale la scuola ha progettato e realizzato, in rete con le scuole primarie, iniziative di formazione studiate sulle esigenze del territorio. Esperienza, motivazione e elevato livello dei titoli di studio favoriscono la lettura dei bisogni che, pur con l'ostacolo dato dalla scarsità di finanziamenti, si sforza di strutturare interventi che evitino di far diventare le situazioni critiche delle vere e proprie emergenze. La scuola si è dotata di figure che svolgono un intenso dialogo con le istituzioni su questi temi e supportano il lavoro dei docenti amplificandone la ricaduta in termini di efficacia e lotta alla dispersione. Vincoli (Digitare al max 1500 caratteri) I principali vincoli sono determinati dai bisogni molto articolati espressi da una grossa fetta di popolazione scolastica. L'esigenza di studiare ed applicare strumenti per la lettura delle situazioni a rischio, il bisogno di integrare in modo più efficace le iniziative con quelle prodotte dalle altre istituzioni (Comune, Tribunale dei minori, altre agenzie formative...), rappresentano la sfida educativa della città soprattutto in questa fase di crisi. Non è disponibile una specifica dimensione anagrafica dei curriculum del personale utile per valorizzare le professionalità e sono migliorabili gli aspetti relativi all'organizzazione oraria.

6 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 6 2 Esiti 2.1 Risultati scolastici Sezione di valutazione Quanti studenti non sono ammessi alla classe successiva e perche'? Ci sono concentrazioni di non ammessi in alcuni anni di corso o indirizzi di studio per le scuole superiori? Quanti sono gli studenti sospesi in giudizio nelle scuole superiori? I debiti formativi si concentrano in determinate discipline, anni di corso, indirizzi o sezioni? I criteri di valutazione adottati dalla scuola (studenti non ammessi alla classe successiva, studenti con debiti formativi) sono adeguati a garantire il successo formativo degli studenti? Quali considerazioni si possono fare analizzando la distribuzione degli studenti per fascia di voto conseguito all'esame di Stato (es. una parte consistente si colloca nelle fasce piu' basse, ci sono distribuzioni anomale per alcune fasce, cosa emerge dal confronto con il dato medio nazionale)? Quanti e quali studenti abbandonano la scuola e perche'? Gli alunni del nostro Istituto vivono abbastanza serenamente l'esperienza scolastica. Nella nostra scuola si effettuano buone pratiche di sviluppo, di sostenibilità, di inclusione, di orientamento, di educazione della persona in tutte le sue dimensioni. Si organizza in modo flessibile e contenitivo il tempo - spazio della scuola, perché si possano costruire, quanto più possibile, i setting di apprendimento e comportamentali. C'è sempre la volontà di realizzare una sinergia tra le azioni dei vari comparti della scuola al fine di concorrere alla destinazione di scopo: aumentare la percentuale di ammessi alla classe successiva e diminuire gli abbandoni che sono stati percentualmente superiori a quelli della penisola. Ciò è confermato dall'andamento dei dati recenti sul successo formativo. Attualmente le condizioni dei due edifici scolastici non incoraggiano la qualità della didattica, in modo particolare quella laboratoriale e di recupero e si cerca di fronteggiare la situazione con soluzioni non stabilizzabili. Permangono difficoltà nella generalizzazione di forme di apprendimento cooperativo e tutoring tra pari. Rubrica di Valutazione Criterio di qualità: La scuola garantisce il successo formativo degli studenti. La scuola non riesce a garantire il successo formativo per tutti gli studenti: la scuola perde molti studenti nel passaggio da un anno all'altro, oppure c'e' una percentuale anomala di trasferimenti o abbandoni, oppure ci sono concentrazioni anomale di non ammessi all'anno successivo e/o di abbandoni in alcuni anni di corso, sezioni, plessi o indirizzi di scuola. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una concentrazione eccessiva nelle fasce piu' basse. La scuola perde alcuni studenti nel passaggio da un anno all'altro, ci sono alcuni trasferimenti e abbandoni. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una concentrazione anomala in alcune fasce. La scuola non perde studenti nel passaggio da un anno all'altro, tranne singoli casi giustificati. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una situazione di equilibrio. La scuola non perde studenti nel passaggio da un anno all'altro e accoglie studenti provenienti da altre scuole. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una situazione di equilibrio. I criteri di selezione adottati dalla scuola sono adeguati a garantire il successo formativo degli studenti. Situazione della scuola 1 - Molto critica Con qualche criticita' Positiva Eccellente

7 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 7 Motivazione del giudizio assegnato La scuola ha un transito di alunni superiore alla media a causa della mobilita della popolazione e si hanno una decina circa di trasferimenti da e per l Istituto quasi ogni anno. Alcuni alunni raggiungono la fine dell età dell obbligo senza conseguire il titolo e si ritirano, ma spesso si presentano per sostenere da privatisti l esame di licenza. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una situazione di equilibrio migliorabile attraverso una attenta composizione delle classi prime.

8 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina Risultati nelle prove standardizzate nazionali Sezione di valutazione Quali risultati raggiunge la scuola nelle prove standardizzate nazionali di italiano e matematica? La scuola riesce ad assicurare esiti uniformi tra le varie classi? Il livello raggiunto dagli studenti nelle prove INVALSI e' ritenuto affidabile - conoscendo l'andamento abituale delle classi - oppure c'e' il sospetto di comportamenti opportunistici (cheating)? Le disparita' a livello di risultati tra gli alunni meno dotati e quelli piu' dotati sono in aumento o in regressione nel corso della loro permanenza a scuola? Queste disparita' sono concentrate in alcune sedi, indirizzi o sezioni? I risultati delle prove standartizzate nazionali in italiano risultano in linea con la media nazionale e, nella maggior parte dei casi, superiori alla media regionale. In matematica i risultati presentano leggere flessioni rispetto alla media nazionale, ma rimangono comunque superiori rispetto alla media regionale. La percentuale di cheating rilevata dall'invalsi in alcune situazioni non corrisponde ad effettiva presenza di comportamenti opportunistici. La percentuale complessiva di alunni di livello 1 è significativamente più bassa rispetto alla media nazionale in entrambe le prove. La scuola non riesce ad assicurare livelli uniformi tra le varie classi. Le ragioni sono molteplici: la formazione del corso ad indirizzo musicale avviene a seguito di una selezione, motivo per il quale spesso il livello medio delle competenze degli alunni risulta superiore rispetto a quello delle altre classi; spesso, invece, nelle classi a tempo prolungato confluiscono alunni appartenenti a un tessuto socio-economico più fragile. A ciò si aggiunga che la correzione operata dall'invalsi in base al livello di cheating ha penalizzato proprio la classe d'eccellenza ad indirizzo musicale. Sono presenti, inoltre, delle discrepanze notevoli tra il numero degli alunni di livello 1 e quelli di livello 5 in alcune classi dell istituto. La percentuale complessiva di alunni di livello 5 è significativamente più bassa rispetto alla media nazionale in entrambe le prove. Rubrica di Valutazione Criterio di qualità: La scuola assicura l'acquisizione dei livelli essenziali di competenze (misurate con le prove standardizzate nazionali) per tutti gli studenti. Il punteggio di italiano e/o matematica della scuola alle prove INVALSI e' inferiore rispetto a quello di scuole con background socio-economico e culturale simile. I punteggi delle diverse classi in italiano e/o matematica sono molto distanti e la varianza tra classi in italiano e/o matematica e' decisamente superiore a quella media. La quota di studenti collocata nei livelli 1 e 2 in italiano e in matematica e' notevolmente superiore alla media nazionale. Il punteggio di italiano e matematica della scuola alle prove INVALSI e' in linea con quello di scuole con background socioeconomico e culturale simile. La varianza tra classi in italiano e in matematica e' uguale o di poco superiore a quella media, i punteggi delle classi non si discostano molto dalla media della scuola, anche se ci sono casi di singole classi in italiano e matematica che si discostano in negativo. La quota di studenti collocata nei livelli 1 e 2 in italiano e in matematica e' in linea con la media nazionale. Il punteggio di italiano e matematica della scuola alle prove INVALSI e' superiore a quello di scuole con background socioeconomico e culturale simile. La varianza tra classi in italiano e matematica e' in linea o di poco inferiore a quella media, i punteggi delle classi non si discostano dalla media della scuola oppure in alcune classi si discostano in positivo. La quota di studenti collocata nei livelli 1 e 2 in italiano e in matematica e' inferiore alla media nazionale. Situazione della scuola 1 - Molto critica Con qualche criticita' Positiva 6 -

9 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 9 Il punteggio di italiano e matematica della scuola alle prove INVALSI e' superiore a quello di scuole con background socioeconomico e culturale simile ed e' superiore alla media nazionale. La varianza tra classi in italiano e matematica e' inferiore a quella media. I punteggi delle diverse classi in italiano e matematica non si discostano dalla media della scuola. La quota di studenti collocata nei livelli 1 e 2 in italiano e in matematica e' decisamente inferiore alla media nazionale. 7 - Eccellente Motivazione del giudizio assegnato Complessivamente (tranne che in un caso) la varianza tra classi in italiano e in matematica è in linea o di poco superiore a quella media; i punteggi delle classi non si discostano molto dalla media della scuola, anche se ci sono casi di singole classi in italiano e matematica che si discostano in negativo. La quota di studenti collocata nei primi due livelli in italiano e in matematica e' leggermente superiore alla media nazionale; d altra parte, il livello 1 è nettamente inferiore rispetto alla media nazionale.

10 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina Competenze chiave e di cittadinanza Sezione di valutazione La scuola valuta le competenze di cittadinanza degli studenti (es. il rispetto delle regole, lo sviluppo del senso di legalita' e di un'etica della responsabilita', la collaborazione e lo spirito di gruppo)? La scuola adotta criteri di valutazione comuni per l'assegnazione del voto di comportamento? La scuola valuta le competenze chiave degli studenti come l'autonomia di iniziativa e la capacita' di orientarsi? In che modo la scuola valuta queste competenze (osservazione del comportamento, individuazione di indicatori, questionari, ecc.)? Qual e' il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti nel loro percorso scolastico? Ci sono differenze tra classi, sezioni, plessi, indirizzi o ordini di scuola? Le competenze trasversali (l'autonomia, la cooperazione, il rispetto delle regole, dell'ambiente e della costituzione) sono il perno delle programmazioni: vengono valutate in entrata e in uscita, sono presenti in tutti gli apprendimenti, sono oggetto di monitoraggio continuo nelle uscite didattiche e nei viaggi d'istruzione quando non diventano direttamente oggetto di progettazione nei laboratori extra curricolari. Sono esplicitate nel patto di corresponsabilità con le famiglie e la logica della restituzione comunitaria accompagna le sanzioni disciplinari nel regolamento d'istituto. La sensibilizzazione nei confronti dell'ambiente si è rafforzata grazie a una costante collaborazione con la Lipu, la Forestale, la Protezione civile, le associazioni di volontariato del territorio. Da alcuni anni le classi incontrano l'arma dei carabinieri, la polizia postale e la guardia di Finanza. Il voto di comportamento è attribuito sulla base di una scala di valori approvata dal Collegio docenti. Il livello di competenze chiave di cittadinanza è buono per la maggior parte degli studenti che completano il percorso di licenza. Non ci sono differenze evidenti tra i plessi, né tantomeno tra i corsi. In un'ottica di risposta alle raccomandazioni approvate dal Parlamento europeo la scuola forse non lavora in modo esplicito e programmato sullo sviluppo dello spirito d'iniziativa, che pure incrocia i piani dell'orientamento in uscita. Anche le competenze di base che riguardano la consapevolezza e l'espressione culturale potrebbero essere valorizzate, esplicitate e valutate, in un'ottica di scambio internazionale. Nelle classi molto dipende dalla presenza, in percentuale, di alunni e famiglie in difficoltà e quindi bisognose di supporto. La scuola, concentrata nell'affrontare i problemi dell'area urbana, con tutti i fenomeni di adolescenti border line che, nell'età dell'emulazione e della crisi, condizionano il clima della classe, non cura il rapporto col territorio nelle sue economie di tradizione (agricola, artigianale, imprenditoriale) che pure possono rappresentare delle risorse. Rubrica di Valutazione Criterio di qualità: La scuola assicura l'acquisizione delle competenze chiave e di cittadinanza degli studenti. Il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti non e' soddisfacente; nella maggior parte delle classi le competenze sociali e civiche sono scarsamente sviluppate (collaborazione tra pari, responsabilita' e rispetto delle regole). La maggior parte degli studenti non raggiunge una adeguata autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione dell'apprendimento. La scuola non adotta modalita' comuni per la valutazione delle competenze chiave e di cittadinanza degli studenti. Il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti e' accettabile; sono presenti alcune situazioni (classi, plessi, ecc.) nelle quali le competenze sociali e civiche sono scarsamente sviluppate (collaborazione tra pari, responsabilita' e rispetto delle regole). In generale gli studenti raggiungono una sufficiente autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione dell'apprendimento, ma alcuni studenti non raggiungono una adeguata autonomia. La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento, ma non utilizza strumenti per valutare il raggiungimento delle competenze chiave e di cittadinanza degli studenti. Situazione della scuola 1 - Molto critica Con qualche criticita' 4 -

11 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 11 Il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti e' buono; le competenze sociali e civiche sono adeguatamente sviluppate (collaborazione tra pari, responsabilita' e rispetto delle regole). La maggior parte degli studenti raggiunge una adeguata autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione dell'apprendimento. Non sono presenti concentrazioni anomale di comportamenti problematici in specifiche sezioni, plessi, indirizzi di scuola. La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento e utilizza almeno uno strumento per valutare il raggiungimento delle competenze chiave e di cittadinanza degli studenti. Il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti e' elevato; in tutte le classi le competenze sociali e civiche sono adeguatamente sviluppate (collaborazione tra pari, responsabilita' e rispetto delle regole) e in alcune classi raggiungono un livello ottimale. La maggior parte degli studenti raggiunge una adeguata autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione dell'apprendimento e una parte di essi raggiunge livelli eccellenti. Non sono presenti concentrazioni anomale di comportamenti problematici in specifiche sezioni, plessi, indirizzi di scuola. La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento e utilizza piu' strumenti per valutare il raggiungimento delle competenze chiave e di cittadinanza degli studenti. 5 - Positiva Eccellente Motivazione del giudizio assegnato Nel POF sono presenti continui e strutturati richiami alle competenze chiave di cittadinanza che rappresentano un punto di riferimento essenziale nel lavoro dei C.d.C. e sono richiamate trasversalmente nei curricoli di tutte le discipline. Periodicamente sono strutturate forme di monitoraggio essenzialmente basate sulle comunicazioni formulate in sede di Consiglio. Da anni la Scuola media lavora in stretto accordo con i servizi sociali e le case famiglia presenti nel territorio. La presenza in classe di educatori, anche se insufficiente rispetto alle necessità, rappresenta un aiuto nel contenimento dei casi problematici. Frutto ulteriore della collaborazione con il Comune è stato un anno di formazione sui BES rivolto ai docenti della scuola primaria e secondaria in rete, che dimostra il grado di integrazione e la tenuta sociale della città in un momento di drammatica crisi economica.

12 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina Risultati a distanza Sezione di valutazione Per la scuola primaria - Quali sono gli esiti degli studenti usciti dalla scuola primaria al termine del primo anno di scuola secondaria di I grado? [Nel caso in cui la grande maggioranza degli studenti della primaria si iscriva nella secondaria del medesimo Istituto Comprensivo si puo' utilizzare l'indicatore 2.1.a sugli Esiti degli scrutini] Per la scuola secondaria di I grado - Quali sono i risultati dei propri studenti nel percorso scolastico successivo? In che misura il consiglio orientativo e' seguito? In che misura il consiglio orientativo e' efficace? Per la scuola secondaria di II grado - Qual e' la riuscita dei propri studenti nei successivi percorsi di studio? Quanti studenti iscritti all'universita' non hanno conseguito crediti? Coloro che hanno conseguito crediti universitari ne hanno conseguiti in misura adeguata (tenendo conto che andrebbero conseguiti in media 60 crediti per ciascun anno di corso)? Per la scuola secondaria di II grado - Qual e' la riuscita dei propri studenti nel mondo del lavoro? (La scuola potrebbe considerare, se in possesso dei relativi dati, la quota di ex studenti occupati dopo 3 o 5 anni dal diploma, la coerenza tra il titolo di studio conseguito e il settore lavorativo, o ancora esaminare quanti studenti hanno trovato un impiego nella regione di appartenenza e quanti al di fuori di essa). L'orientamento è un punto cardine del lavoro-ricerca del nostro istituto ed è in continua evoluzione nel tentativo difficile ma possibile di superare le difficoltà di un sistema radicato nel tempo. I rapporti con le scuole secondarie di secondo grado sono costanti al fine di una indicazione orientativa efficace per le famiglie che scelgono la scuola superiore insieme ai figli. Il nostro istituto accoglie i progetti di orientamento delle scuole proponenti e favorisce le visite guidate in tutte le scuole della provincia per dare agli alunni un ventaglio completo di opportunità utile al fine di un percorso che non vanifichi le potenzialità del singolo ma le amplifichi. La scuola partecipa alle iniziative di orientamento proposte dagli enti locali specialmente quelle che prevedono interventi di counceling con esperti, open day e visite guidate appositamente programmate per gruppi omogenei di alunni interessati a sperimentare la didattica negli istituti superiori, anche per un giorno. Troppo spesso le famiglie percepiscono le indicazioni e i consigli proposti dalla scuola, secondo la tradizionale convinzione che vede nei percorsi liceali, forme di studio più elevate e trascura la valenza di tutti gli altri indirizzi. La scuola fatica a modificare questi retaggi e si sforza di presentare le opportunità rappresentate da tutta la varietà formativa che gli Istituti di secondo grado presenti nel territorio propongono. La criticità che l'istituto avverte come prioritaria è rappresentata dalla difficoltà ad avere i dati relativi ai risultati a distanza degli studenti. Tale monitoraggio è rappresentato, al momento, esclusivamente dalle tabelle fornite dal Ministero. Rubrica di Valutazione Criterio di qualità: La scuola favorisce il successo degli studenti nei successivi percorsi di studio e di lavoro. Per le scuole del I ciclo - La scuola non monitora i risultati a distanza degli studenti oppure i risultati degli studenti nel successivo percorso di studio non sono soddisfacenti: una quota consistente di studenti o specifiche tipologie di studenti incontra difficolta' di apprendimento (non sono ammessi alla classe successiva, hanno debiti formativi o cambiano l'indirizzo di studio) e/o abbandona gli studi nel percorso successivo. Per le scuole del II ciclo - La scuola non monitora i risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro. Il numero di immatricolati all'universita' e' inferiore a quello medio provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'universita' sono molto bassi (la mediana dei crediti conseguiti all'universita' dai diplomati dopo 1 e 2 anni e' inferiore a 20 su 60). Situazione della scuola 1 - Molto critica 2 -

13 SNV - Scuola: CAMM prodotto il :24/07/ :49:26 pagina 13 Per le scuole del I ciclo - I risultati degli studenti nel successivo percorso di studio sono sufficienti: diversi studenti incontrano difficolta' di apprendimento (non sono ammessi alla classe successiva, hanno debiti formativi o cambiano l'indirizzo di studio) e/o abbandonano gli studi nel percorso successivo. Per le scuole del II ciclo - La scuola non raccoglie in modo sistematico informazioni sui risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro. Il numero di immatricolati all'universita' e' nella media o di poco inferiore alla media provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'universita' sono mediocri (la mediana dei crediti conseguiti dai diplomati dopo 1 e 2 anni di universita' e' compresa tra 20 e 30 su 60). Per le scuole del I ciclo - I risultati degli studenti nel successivo percorso di studio sono buoni: pochi studenti incontrano difficolta' di apprendimento (non sono ammessi alla classe successiva, hanno debiti formativi o cambiano l'indirizzo di studio) e il numero di abbandoni nel percorso di studi successivo e' molto contenuto. Per le scuole del II ciclo - La scuola monitora in maniera sistematica i risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro. Il numero di immatricolati all'universita' e' superiore alla media provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'universita' sono buoni (la mediana dei crediti conseguiti dai diplomati dopo 1 e 2 di universita' anni e' almeno 30 su 60). Per le scuole del I ciclo - I risultati degli studenti nel percorso successivo di studio sono molto positivi: in rari casi gli studenti incontrano difficolta' di apprendimento (non sono ammessi alla classe successiva, hanno debiti formativi o cambiano l'indirizzo di studio) e non ci sono episodi di abbandono degli studi nel percorso successivo. Per le scuole del II ciclo - La scuola monitora in maniera sistematica i risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro. Il numero di immatricolati all'universita' e' superiore alla media provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'universita' sono molto positivi (la mediana dei crediti conseguiti dai diplomati dopo 1 e 2 anni di universita' e' superiore a 40 su 60). 3 - Con qualche criticita' Positiva Eccellente Motivazione del giudizio assegnato

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: CRIC824007 prodotto il :07/10/2015 09:31:04 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - CRIC824007 IC CREMONA DUE SNV - Scuola: CRIC824007 prodotto il

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: NURI050001 prodotto il :04/08/2015 10:30:10 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - NURI050001 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE "E. AMALDI" SNV - Scuola:

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: UDIS01200E prodotto il :16/07/2015 10:07:39 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - UDIS01200E IS V. MANZINI SNV - Scuola: UDIS01200E prodotto il :16/07/2015

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: CEEE01100G prodotto il :21/07/2015 12:51:05 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - CEEE01100G D. D. AVERSA SECONDO SNV - Scuola: CEEE01100G prodotto

Dettagli

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015 I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 201 Il Rapporto di Autovalutazione si articola in Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo degli appositi link: CONTESTO; ESITI;

Dettagli

Sistema Nazionale di Valutazione: aspetti teorici e modalità operative per la redazione del RAV

Sistema Nazionale di Valutazione: aspetti teorici e modalità operative per la redazione del RAV Liceo Seneca. Roma Primaria Don Bosco. Roma Primaria Angelo Mauri. Roma Liceo Isabella d Este. Tivoli Ist. Agrario S. Benedetto. Latina Primaria Luigi Minervini. Rieti Sistema Nazionale di Valutazione:

Dettagli

RAV GUIDA AUTOVALUTAZIONE

RAV GUIDA AUTOVALUTAZIONE RAV GUIDA AUTOVALUTAZIONE INVALSI INDICE della GUIDA di AUTOVALUTAZIONE Indicazioni per la compilazione del RAV... 3 Dati della scuola... 6 1 Contesto... 7 1.1 Popolazione scolastica... 7 1.2 Territorio

Dettagli

SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi

SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi Il Rapporto di Autovalutazione si articola in 5 Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :17/07/2015 11:04:51 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - LICEO STATALE " CARLO PORTA " ERBA SNV - Scuola: prodotto il :17/07/2015 11:04:51

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: CBIC81800C prodotto il :07/10/2015 14:39:05 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - CBIC81800C I.C. CAMPOMARINO SNV - Scuola: CBIC81800C prodotto il

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: MORI030007 prodotto il :29/09/2015 16:55:49 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - MORI030007 G.VALLAURI SNV - Scuola: MORI030007 prodotto il :29/09/2015

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione Rapporto di Autovalutazione dell'istituto Comprensivo Massimo Troisi elaborato dal Nucleo di Miglioramento costituito da: Guglielmo Rispoli (Dirigente Scolastico) Ester Sino e Raffaele Izzo (Docenti della

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :21/09/2015 14:37:45 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - ITI ETTORE MAJORANA SNV - Scuola: prodotto il :21/09/2015 14:37:45 pagina

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :24/07/2015 11:07:08 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - I.A.C. "GALILEI" -ARIENZO- SNV - Scuola: prodotto il :24/07/2015 11:07:08

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :08/07/2015 17:11:39 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - I.C NEVIANO DEGLI ARDUINI SNV - Scuola: prodotto il :08/07/2015 17:11:39 pagina

Dettagli

SINTESI DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2014-15

SINTESI DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2014-15 SINTESI DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2014-15 Cos è il rapporto di autovalutazione (RAV) A partire dal 2008 l INVALSI (Istituto nazionale per la Valutazione del Sistema di Istruzione), ha avuto l'incarico

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI 84018 SCAFATI (SA) TEL 081/8030377 FAX 081/8563843 E.MAIL satf04000d@istruzione.it CF. 80103800639 C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :30/09/2015 13:36:53 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - "SIMONE WEIL" SNV - Scuola: prodotto il :30/09/2015 13:36:53 pagina 2 1 Contesto

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi Prot. n. 4233 A/19 del 29 settembre 2015 Al Collegio dei Docenti e P.C. Al Consiglio di Istituto Ai Genitori Agli Alunni Al Personale A.T.A. ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :23/10/2015 17:00:13 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - IST.COMPR. POSITANO "L.PORZIO" SNV - Scuola: prodotto il :23/10/2015 17:00:13

Dettagli

ITCG L. Einaudi Senorbì Collegio dei Docenti. 12 ottobre 2015

ITCG L. Einaudi Senorbì Collegio dei Docenti. 12 ottobre 2015 ITCG L. Einaudi Senorbì Collegio dei Docenti 12 ottobre 2015 RISULTATI RAV DS - M. Artizzu, C. Boi, S. Chiaramida, G. Deiana, S. Demontis, C. Farci, M.G. Sciabica, Mau. Serra, E. Siddi RAV Che cos'è? È

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ufficio Dirigenti Tecnici NUCLEO DI SUPPORTO REGIONALE Dir. amministrativi: Gianluca Lombardo

Dettagli

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 Contesto e risorse 2 3 4 5 Esiti Processi Il Processo di Autovalutazione

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :25/09/2015 12:42:52 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - I.C. COMACCHIO SNV - Scuola: prodotto il :25/09/2015 12:42:52 pagina 2 1 Contesto

Dettagli

USR Lazio - Roma, 12 marzo 2015

USR Lazio - Roma, 12 marzo 2015 Il Rapporto di autovalutazione 2015: dalla lettura dei dati alla descrizione valutativa della propria scuola. Analisi di esempi concreti USR Lazio - Roma, 12 marzo 2015 Paolo Mazzoli Direttore generale

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione (RAV) I. C. Selvazzano2

Rapporto di Autovalutazione (RAV) I. C. Selvazzano2 Rapporto di Autovalutazione (RAV) I. C. Selvazzano2 1 Contesto 1.1 Popolazione scolastica Popolazione scolastica Opportunità Contesto socio culturale nel complesso positivo con i seguenti punti di riferimento:

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Esiti - Risultati a distanza

Esiti - Risultati a distanza 1 di 10 06/06/2015 10:13 Benvenuto BEATRICE PRAMAGGIORE - Dirigente LICEO "C.AMORETTI" - IMPM01000A set. Home F.A.Q. Documentazione Help Processo di Autovalutazione NEWS LogOut Esiti - Risultati a distanza

Dettagli

priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo didattiche a livello d'istituto.

priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo didattiche a livello d'istituto. Allegato 1 M. I. U. R. Sintesi RAV ( obiettivi di miglioramento) priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo Risultati scolastici Competenze chiave e di cittadinanza

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapportodiautovalutazione VALES Valutazioneesviluppodellascuola Sommario 1. Codicemeccanograficoistitutoprincipale...3 2. Grigliediautovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contestoerisorse...4 1.3 Processi...5

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate

Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Prot. n. 4244/A22 Brescia, lì 13/10/2015 AL COLLEGIO

Dettagli

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N. Prot. n. 3258/A04a Verona, 12 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE BRASCHI -QUARENGHI VIA DI VILLA SCARPELLINI snc - 00028 SUBIACO (RM)

Dettagli

Rapporto Autovalutazione

Rapporto Autovalutazione SNV - Scuola: prodotto il :28/07/2015 10:23:32 pagina 1 Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola - L.EINAUDI SNV - Scuola: prodotto il :28/07/2015 10:23:32 pagina 2 1 Contesto

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O GALLICANO scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di I grado Via dei Cipressi, 55027 Gallicano (Lucca) 0583 74019 /74010 e-mail.: luic82400r@istruzione.it

Dettagli

Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione. Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 2015

Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione. Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 2015 Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione A cura di Sara Romiti, INVALSI Area Risultati scolastici Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 015 Rispondere

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Prot. n. 7101/C22B Genova, 27 ottobre 2015

Prot. n. 7101/C22B Genova, 27 ottobre 2015 ISTITUTO di ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE STATALE MAJORANA - GIORGI VIA SALVADOR ALLENDE 41 16138 GENOVA TEL. 0108356661 FAX 0108600004 VIA TIMAVO 63 16132 GENOVA TEL. 010 393341 FAX 010 3773887 CODICE

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Linee guida per la definizione del Rapporto di Autovalutazione (RA)

Linee guida per la definizione del Rapporto di Autovalutazione (RA) Formazione per Dirigenti scolastici di nuova nomina a.s. 2012/2013 SEMINARI INTERREGIONALI Linee guida per la definizione del Rapporto di Autovalutazione (RA) Miur, 17 novembre 2012 A seguito vengono presentate

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Questionario scuola statali 2 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 2 ciclo di istruzione Questionario scuola statali 2 ciclo di istruzione Denominazione Scuola CROCETTI V. CERULLI Data invio 25/02/2015 13:24:41 Codice Meccanografico TEIS01100D URL di riferimento http://ext.pubblica.istruzione.it/invalsi/index.php/571168

Dettagli

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8 PERFORMANCE PLAN Definizione dell identità dell organizzazione Missione dell IS PER COSTRUIRE OGGI IL TUO FUTURO E DIVENTARE PARTE ATTIVA NELLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA DEL DOMANI Una scuola da sempre

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI LA SCUOLA: Concorre alla formazione dell uomo e del cittadino secondo i principi stabiliti dalla Costituzione. Rispetta e valorizza le diversità individuali, sociali e culturali.

Dettagli

L area dell accoglienza e dell orientamento

L area dell accoglienza e dell orientamento 5 - GLI INTERVENTI PER IL SUCCESSO FORMATIVO L area dell accoglienza e dell orientamento L Accoglienza Più che un intervento episodico iniziale in sé concluso, appartiene all arco dei cinque anni ed è

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CALUSO Via Gnavi, 1 10014 CALUSO (To) Tel. 011/9833253 - Fax 011/9891435 E mail:toee08400n@istruzione.it SITO:www.circolodidatticocaluso.gov.it Prot. n. 1720 Caluso, 29.09.2015

Dettagli

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Denominazione Scuola IST.COMPR. ALBANELLA Data invio 25/02/2015 09:54:20 Codice Meccanografico SAIC887003 URL di riferimento http://ext.pubblica.istruzione.it/invalsi/index.php/534466

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge n. 107

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Montebelluna 1

Istituto Comprensivo Statale Montebelluna 1 Istituto Comprensivo Statale Montebelluna 1 MONTEBELLUNA- TV SINTESI DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015-2016 scuola Primaria G. Marconi Via XXX Aprile, 28 31044 Montebelluna G. Pascoli Via Contea, 74 31044

Dettagli

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO Parte I - PRINCIPI FONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino trae i suoi principi fondamentali dagli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio Micaela Ricciardi Come compilare il RAV: riflessioni per la Rete scuole Municipio II 5 marzo 2015 1 QUALE

Dettagli

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Denominazione Scuola GAVOI Data invio 05/03/2015 12:55:59 Codice Meccanografico NUIC821006 URL di riferimento http://ext.pubblica.istruzione.it/invalsi/index.php/534466

Dettagli

Piano Triennale dell Offerta Formativa

Piano Triennale dell Offerta Formativa Decreto n 978 All Albo Pretorio Al Collegio dei Docenti e, p.c., A tutte le componenti dell Istituto Al Consiglio d Istituto Piano Triennale dell Offerta Formativa Linee di indirizzo Art. 1 co. 14 legge

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTENASO PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

Questionario scuola statali 2 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 2 ciclo di istruzione Questionario scuola statali 2 ciclo di istruzione Denominazione Scuola UGO FOSCOLO Data invio 27/02/205 7::26 Codice Meccanografico RMPC26000Q URL di riferimento http://ext.pubblica.istruzione.it/invalsi/index.php/5768

Dettagli

P.O.F. Liceo Classico "A. Volta" - Como a. s. 2014/2015. Iniziative complementari finalizzate a promuovere il successo formativo.

P.O.F. Liceo Classico A. Volta - Como a. s. 2014/2015. Iniziative complementari finalizzate a promuovere il successo formativo. P.O.F. Liceo Classico "A. Volta" - Como a. s. 2014/2015 Iniziative complementari finalizzate a promuovere il successo formativo. Il Liceo intende promuovere il successo formativo e prevenire la dispersione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli