2 007 bilancio sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 007 bilancio sociale"

Transcript

1 2 007 bilancio sociale

2 2

3 bilancio sociale punto.sud Associazione senza scopo di lucro Via Angera Milano, Italia Tel /44/45 Fax

4 punto.sud ringrazia per la parte fotografica e i disegni: Fabrizio Alberizzi (copertina, p. 6, 14, 20, 32, 37, 46-47, 53, 60) Federico Bastia (p. 41, 57) Pierpaolo Rovero (p. 60). Tutte le fotografie e i disegni sono proprietà dei rispettivi autori Impaginazione e editing a cura di Fabrizio Alberizzi. Testi a cura di Fabrizio Alberizzi. Questo lavoro è, protetto dalla licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License 4

5 Indice Parte prima Identità Chi siamo 7 Mission, vision, valori, codice etico 8 Governance, regolamenti interni e procedure, organi gestionali 9 Stakeholders 11 Staff retribuito, volontari e stage 11 Parte seconda Contesto, strategia e programmi Settori di attività 15 Emergenze Umanitarie Cooperazione Internazionale allo Sviluppo Fenomeni Migratori Strategia 17 Strategia Programmazione annuale e piano strategico Donatori 19 Programmi 21 Helpdesk Fattibilità e scrittura progetti Monitoraggio e valutazione Formazione Immigrazione Innovazione e Ricerca Pubblicazioni Parte terza Bilancio consuntivo Stato Patrimoniale al 31 dicembre Rendiconto Gestionale a Proventi ed Oneri al 31 dicembre

6 6

7 Parte Prima Identità Chi siamo A ssociazione senza scopo di lucro, punto.sud nasce nel 1999 con l obiettivo di contribuire a migliorare la qualità della vita delle popolazioni vulnerabili nei paesi in via di sviluppo e delle popolazioni immigrate in Europa. L associazione propone un modello di cooperazione socialmente responsabile, che pone al centro del proprio lavoro il concetto di accountability, inteso nella doppia accezione di trasparenza dell azione (e quindi capacità di verifica del processo proposto), e di responsabilità nei confronti dell uso dei fondi pubblici in funzione del raggiungimento di risultati concreti. punto.sud lavora in tre ambiti distinti e sinergici tra loro la cooperazione internazionale allo sviluppo, le emergenze umanitarie e i fenomeni migratori, proponendosi di facilitare il trasferimento di informazioni, pratiche, metodologie, know-how e lessons learnt tra i diversi attori della cooperazione sociale e internazionale. Il ruolo di ponte (bridging) è la componente fondamentale della missione di punto.sud; nella pratica si concretizza nel porre al centro delle attività istituzionali l interazione tra soggetti con natura e finalità differenti ma complementari: da un lato le organizzazioni preposte allo studio delle linee di intervento e allo sviluppo di metodologie finalizzate a rendere coerenti, complementari e coordinati i progetti sul campo quali ad esempio gli enti donatori, gli organismi internazionali, i centri di ricerca e le università e dall altro i soggetti attuatori dei progetti medesimi in particolare organizzazioni non governative, organizzazioni del terzo settore e operatori di settore. Conformemente alla duplice natura di organizzazione operativa e di secondo livello, l'attività associativa si muove su due assi tra loro interdipendenti: implementazione di progetti (area operativa) ed erogazione di servizi specifici (area di secondo livello). Nel primo caso punto.sud realizza attività direttamente rivolte all utente finale e finalizzate alla implementazione di progetti attraverso la creazione e/o il rafforzamento di partnership e network; nel secondo caso, invece in maniera del tutto complementare punto.sud agisce come organizzazione di secondo livello per la promozione di un settore non profit professionalmente formato e capace di facilitare il miglioramento sociale, di rendicontare sulle attività svolte e di fornire prestazioni di livello elevato, promuovendo una cultura lavorativa fondata sui concetti di accountability, valutabilità e pratiche eccellenti (best practices). 7

8 Mission Building partnership and bridging for humanitarian aid, development and migration Vision Valori punto.sud sperimenta la sua funzione di ponte (bridging) nei settori della cooperazione internazionale allo sviluppo, delle emergenze umanitarie e dei fenomeni migratori, essendo al tempo stesso un partner di qualità per la realizzazione di progetti e un associazione di secondo livello che eroga servizi di qualità per promuovere la cultura dell accountability del settore non profit, con la finalità di garantire un miglioramento dei servizi che ricevono i beneficiari finali (nei paesi in via di sviluppo le popolazioni vulnerabili; in Italia i cittadini immigrati). Nel perseguimento della propria missione punto.sud si ispira ai seguenti valori: Dimensione esterna >> Sviluppo di risposte/soluzioni specifiche e appropriate ai bisogni dei beneficiari ultimi e dei nostri partner. >> Sviluppo con i partner rapporti di partenariato duraturi e fondati su fiducia, qualità, risultati misurabili e stima reciproca. >> Rafforzamento del terzo settore nella sua capacità di rendere prestazioni secondo il principio del best value for money. Dimensione interna >> Sostenibilità finanziaria e accountability nell adempimento della nostra missione. >> Motivazione e formazione del personale, unitamente alla condivisione degli obiettivi, alla profonda cura del proprio lavoro/operato, al mantenimento di un attitudine collaborativa. >> Sviluppo dell associazione come laboratorio di idee, interessi e applicazione pratica sul campo. Codice etico punto.sud aderisce volontariamente al Codice di Condotta della Croce Rossa Internazionale, che disciplina il modus operandi dell associazione e dei suoi collaboratori. 8

9 La struttura organizzativa di punto.sud è stata ridefinita all inizio del 2007 con l'obiettivo di razionalizzare le attività gestionali e operative e di definire un quadro chiaro di funzioni e responsabilità, tenendo conto delle competenze e delle motivazioni presenti al momento della ristrutturazione e degli obiettivi futuri. Nella ristrutturazione organizzativa si è fatto riferimento ai seguenti principi ispiratori: Governance >> Identificazione di 4 livelli distinti: proprietà (assemblea), controllo (consiglio direttivo), dimensione politica (comitato strategico) e management (area operativa). >> Rispetto e divisione di responsabilità (collettiva e individuale), coordinamento e autonomia gestionale. >> Sussidiarietà: identificazione degli ambiti di responsabilità e controllo, accentramento delle responsabilità gestionali e operative collegate agli aspetti amministrativi e fiscali e di gestione delle risorse umane, decentramento delle attività gestionali. La riorganizzazione dell associazione sarà terminata nei primi mesi del 2008 attraverso la netta separazione degli organi di indirizzo e di gestione, l adozione completa del modello organizzativo di gestione e controllo sviluppato nel 2007 e l avviamento degli iter di riconoscimento a Fondazione di partecipazione e ad Organizzazione Non Governativa (ONG). L organigramma funzionale, rappresentato secondo lo schema a matrice orizzontale, identifica i ruoli e le funzioni dei diversi organi di punto.sud: 9

10 Regolamenti interni e procedure Organi gestionali La ristrutturazione organizzativa è stata accompagnata dalla definizione di un Regolamento interno e di un Sistema Intergrato di Procedure Interne. L insieme di tali procedure regolamenta le attività di competenza delle diverse aree funzionali dell organigramma, definendo le regole gestionali dell associazione. Gli organi di punto.sud sono: >> Assemblea dei Soci Organo sovrano di punto.sud, si riunisce in seduta ordinaria almeno una volta l anno per deliberare sul bilancio consuntivo, ascoltata la relazione del Consiglio Direttivo (CDR) e del Revisore dei Conti. Definisce la missione di punto.sud e procede alla nomina del Consiglio Direttivo ogni tre anni. >> Presidente Ha la rappresentanza legale dell ente di fronte ai terzi e in giudizio e resta in carica quattro anni. Provvede all esecuzione delle delibere assunte dall Assemblea e dal CDR. >> Consiglio Direttivo E composto da tre membri scelti fra i Soci ed eletti dall Assemblea. Il CDR approva le linee strategiche dell'associazione e le linee organizzative generali (piani di programmazione e strategici) e delibera in merito a convenzioni, accordi, protocolli d intesa con Enti, Istituzioni, Associazioni, ONG e altri organismi esterni sia nazionali sia internazionali. >> Revisore dei Conti E eletto dall Assemblea sulla base del suo profilo professionale e dell assenza di conflitto di interesse con l associazione. Procede alle necessarie verifiche amministrative e certifica il bilancio annuale. >> Direttore Operativo E nominato dal CDR per un periodo di due anni rinnovabile ed è supportato nella sua attività dalle seguenti funzioni di supporto: Sistema Informatico, Visibilità e Comunicazione, Ufficio Progettazione, Ufficio Finanza e Ufficio Risorse Umane. Il Direttore partecipa alle sedute del CDR, coordina e la supervisiona l esecuzione del piano di programmazione e strategico, verifica la qualità del lavoro e la redditività dell associazione. >> Comitato Strategico E convocato dal Direttore e/o dal CDR e ha come compito principale quello di elaborare il piano strategico e di monitorare le attività operative dell associazione. Fanno parte del Comitato Strategico il Direttore, il Responsabile Amministrativo, il Responsabile dell Ufficio Progettazione e i diversi Responsabili di Area. Non ha poteri di delibera. 10

11 Nella realizzazione della sua attività istituzionale, punto.sud interagisce con diversi attori portatori di interessi (stakeholders). E possibile individuare le seguenti categorie di stakeholders: Stakeholders >> Beneficiari: popolazioni nei paesi in via di sviluppo, cittadini immigrati. >> Soci. >> Collaboratori. >> Volontari e Stagisti. >> Donatori: enti finanziatori (pubblici e privati) nazionali e internazionali. >> Partner nazionali e internazionali: enti finanziatori, organismi internazionali, organizzazioni non governative, associazioni, organizzazioni del terzo settore, istituti universitari e di ricerca, amministrazioni pubbliche e imprese. >> Clienti nazionali e internazionali: enti finanziatori, organismi internazionali, organizzazioni non governative, associazioni, organizzazioni del terzo settore, istituti universitari e di ricerca, amministrazioni pubbliche e imprese. >> Associazioni di secondo livello attive nell ambito della promozione del terzo settore. >> Personale impiegato presso enti finanziatori del terzo settore (istituzioni pubbliche e private), organismi internazionali e amministrazioni pubbliche. >> Personale impiegato nel terzo settore presso organizzazioni non governative, associazioni e organizzazioni del terzo settore. >> Studenti (università, master, scuole di specializzazione e corsi specializzati). punto.sud si avvale, per lo svolgimento delle proprie attività, di personale contrattato attraverso collaborazioni coordinate e continuative a progetto (Co.Co.Pro.), partita IVA e collaboratori occasionali, oltre che di volontari e stagisti. Il personale lavora presso la nostra sede centrale a Milano o presso la sede regionale di Trento. I contratti dei collaboratori sono rinnovati in base ai progetti in corso presso l associazione. Ai contratti di lavoro coordinati e continuativi si applicano integralmente le disposizioni contenute nell Accordo Quadro stipulato in data 20 ottobre 2004 tra l Associazione delle ONG italiane (AOI) e le Organizzazioni sindacali Alai-Cisl, Cpo-Uil, Nidil-Cgil e, per la parte migliorativa della normativa nazionale e dell Accordo Quadro, le disposizioni contenute nel Regolamento Interno dell associazione. Il sistema di remunerazione dei collaboratori a progetto si basa sul pieno rispetto dei minimi salariali indicati nell art. 7, comma b, dell Accordo Quadro. Le previsioni contenute nell Accordo Quadro sui minimi salariali sono applicate in maniera estensiva anche alle collaborazioni con i prestatori in partita IVA e con i collaboratori occasionali. Staff retribuito 11

12 L incidenza del costo del personale amministrativo e di supporto di punto.sud sul totale delle entrate è del 4,7%, includendo anche il costo del Revisore dei Conti. Le tabelle e i grafici che seguono riepilogano il numero di collaboratori dell associazione e le loro caratteristiche principali: Descrizione Assunzioni 2007 Cessazioni 2007 Situazione al 31/12/07 71 % A. Collaboratori a progetto B. Collaboratori sede Milano C. Collaboratori sede Trento % Totale personale di sede (A+B+C) C. Consulenti (*) Totale personale retribuito (A+B+C) M F Età collaboratori (esclusi Indice di genere personale di sede collaboratori occasionali) Under 30 50% 25% 28% 38% % % 75% 72% 62% % Over (*) Include i contratti occasionali o le prestazioni in partita IVA non dei collaboratori di sede stabili. Lo sviluppo professionale dei collaboratori è garantito dalla partecipazione a corsi e seminari di formazione. I corsi e seminari realizzati nel 2007 sono stati i seguenti: Corsi e seminari al 31/12/2007 Giornate formative Numero di partecipanti Giorni dedicati Metodologie e tecniche valutative Seminari Partnership Analysis Gestione progetti PCM Corso SPHERE Amministrazione e bilancio Fiscalità enti senza scopo di lucro Totale

13 I volontari e gli stage rappresentano una risorsa importante per lo sviluppo dell associazione, anche se resta un intrinseca difficoltà ad aumentarne il numero a causa delle frequenti missioni all estero dei collaboratori di sede che hanno in carica la gestione degli stagisti. Vanno tuttavia registrate come segnale positivo, indice di una maggiore visibilità esterna dell associazione, le numerose richieste pervenute da parte di studenti di master e corsi post-universitari per realizzare stage presso la nostra struttura. Volontari e stage Descrizione Situazione al 31/12/06 Situazione al 31/12/07 Volontari 4 4 Stage non remunerati 1 0 Totale personale non retribuito

14 14

15 Parte Seconda Contesto, strategia e programmi p unto.sud lavora in tre ambiti distinti e sinergici tra loro la cooperazione internazionale allo sviluppo, le emergenze umanitarie e i fenomeni migratori. Nel corso di questi anni l associazione ha sviluppato, nei tre settori di riferimento, una specificità di intervento che la vede agire sia in qualità di partner operativo che di associazione di secondo livello, conformemente alla propria missione. Settori di attività >> punto.sud e le Emergenza Umanitarie I cambiamenti sociali e politici in atto nel mondo hanno determinato una crescente domanda di aiuti umanitari. punto.sud è da anni impegnata nello studio dei bisogni specifici delle organizzazioni attive nel settore dell'emergenza umanitaria. La necessità di dimostrare il saper fare e la messa in opera di approcci rispettosi delle prerogative di chi ha la responsabilità finale dei fondi (i donatari e, in ultima analisi, i cittadini che pagano le tasse e/o fanno donazioni), infatti, risulta essere un fattore determinante per lo sviluppo di strategie efficaci da parte dei soggetti impegnati nella difesa dei diritti primari delle popolazioni colpite. In questo ambito, il lavoro di punto.sud si caratterizza per lo sviluppo di pratiche di gestione e di accompagnamento dei progetti finalizzate ad un uso dei fondi conforme alle procedure richieste dagli enti finanziatori principali (in particolare la DG ECHO e la Protezione Civile Italiana) e agli standard internazionali. >> punto.sud e la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo In Italia come all'estero, il settore della cooperazione internazionale allo sviluppo ha visto, negli ultimi anni, una crescente domanda di professionalizzazione degli interventi. Come nelle emergenze umanitarie, anche in questo ambito punto.sud si propone di operare per una migliore gestione delle risorse pubbliche e private, nell intento di mettere in atto una cooperazione socialmente responsabile capace di promuovere una cultura dello scambio e dello sviluppo di partnership tra i diversi soggetti operativi (in particolare 15

16 organizzazioni non governative, associazioni, istituzioni pubbliche e università). L intervento di punto.sud è finalizzato in particolare ad una razionalizzazione degli interventi attraverso la sistematizzazione continua delle esperienze acquisite in tutte le fasi del Project Cycle Management, e all identificazione di strategie appropriate per lo sviluppo di pratiche innovative di cooperazione. >> Fenomeni Migratori L'analisi dei fattori di sviluppo non può escludere l'evoluzione dei processi sociali nel nord del mondo. I fenomeni migratori rivestono una duplice importanza in quanto permettono sia una maggiore comprensione delle problematiche emergenti nei paesi che finanziano la Cooperazione allo Sviluppo che l'opportunità di studiare a fondo un fattore fondamentale tra le esperienze umane del sud e del nord del mondo. In questo contesto, la presenza di comunità di migranti in Italia e in Europa fornisce un prezioso ambito di studio e di riflessione sulle opportunità e potenzialità che i fenomeni migratori offrono in termini di sviluppo delle comunità di origine e di integrazione e sviluppo delle comunità di accoglienza. 16

17 Strategia punto.sud è un gruppo di ricerca per la progettazione, fondato da un gruppo di esperti con comprovata esperienza in attività di progettazione, gestione, monitoraggio e valutazione di progetti, così come nella formazione degli operatori umanitari. La strategia definita per il quadriennio mira a rafforzare il posizionamento di punto.sud nella sua duplice missione di organizzazione operativa e di organizzazione di secondo livello. In particolare è possibile evidenziare i seguenti elementi dal piano strategico approvato alla fine del 2006: >> Ambiti di intervento: cooperazione internazionale allo sviluppo, emergenze umanitarie e fenomeni migratori. >> Obiettivo 1 (organizzazione operativa): rafforzare la partecipazione a partenariati per lo sviluppo, le emergenze umanitarie e l immigrazione. >> Obiettivo 2 (organizzazione di secondo livello): essere riconosciuta dagli enti finanziatori e dalle organizzazioni operative come organizzazione italiana di riferimento per la professionalizzazione della cooperazione allo sviluppo e degli aiuti umanitari, promuovendo l avvio e il rafforzamento di collaborazioni di lungo periodo con enti finanziatori pubblici e privati e soggetti attuatori. >> Interlocutori: enti finanziatori e organismi internazionali, organizzazioni non governative e associazioni/organizzazioni del terzo settore, istituti universitari e di ricerca, amministrazioni pubbliche e imprese, beneficiari diretti. >> Immagine: lavoro basato su tre principi di qualità: motivazione, partenariato e accountability. >> Area di ricerca / innovazione: metodologie nella progettazione, partenariato e bridging, supporto ai donor e creazione di interfaccia donorsoggetti attuatori (help-desk), trans-nazionalismo e co-sviluppo, educazione allo sviluppo, sviluppo di percorsi pilota nell ambito dei progetti di aiuti umanitari e sviluppo. In linea con quanto stabilito dalle nuove procedure in vigore dal 1 gennaio 2007, il CDR ha approvato, su proposta del Direttore, un documento sintetico contenente la strategia e il piano di sostenibilità (Piano Strategico e Documento di Programmazione Annuale) dell associazione per il Il documento di programmazione strategica 2007 comprende i seguenti documenti: sistema retributivo dei soci e dipendenti di punto.sud; bilancio preventivo; formula di sostenibilità e indicatori di performance; piano strategico, con riferimento sia al livello complessivo della struttura che ai livelli decentrati delle aree funzionali ed operative. L approvazione del Documento di Programmazione Annuale e del Piano Strategico segue il flusso decisionale seguente: 17

18 Programmazione annuale e piano strategico flusso decisionale Legenda >> ASS: assemblea >> CDR: comitato direttivo >> DIR: direttore >> STR: comitato strategico 18

19 Donatori Le attività di punto.sud sono finanziate da differenti enti pubblici (Unione Europea, Ministeri e cooperazione decentrata italiana, Agenzie Internazionali) e privati (fondazioni, enti non profit, imprese). Sin dalla fondazione, uno degli obiettivi di punto.sud è stata la diversificazione del portafoglio, cioè il tentativo di limitare la dipendenza della struttura da pochi enti, se non nel caso di progetti di lunga durata in grado di garantire la sostenibilità, lavorando costantemente all allargamento della base dei potenziali partner. Questo atteggiamento ha permesso nel corso degli anni di avere un numero di partner assai elevato. Dall anno 2000 in avanti, ed in particolare a partire dal 2005, l evoluzione economica degli impegni di punto.sud ha fatto registrare una crescita dei volumi di entrate, determinando un incremento costante anche del patrimonio netto dell associazione. Entrate attività istituzionali Patrimonio netto previsionale Pubblici 85% Nel 2007 i fondi di provenienza pubblica hanno prevalso sui fondi di provenienza privata, come mostra il grafico a fianco che identifica l indice di provenienza dei fondi. Data la natura dell attività di punto.sud, tuttavia, tale circostanza non rappresenta un fattore limitante della libertà di azione della struttura. Privati 15% Indice di provenienza dei fondi (2007) 19

20 Le entrate di punto.sud per il 2007, diversificate per enti finanziatori, sono state caratterizzate da due finanziamenti di dimensione elevata (Dipartimento della Protezione Civile Italiana e Commissione Europea in particolare la DG ECHO e la DG Justice, Freedom and Security), due finanziamenti di dimensione medie (Voluntary Organisations in Cooperation in Emergencies VOICE e Diakonie) e da un insieme diversificato di piccoli finanziamenti, come mostra il grafico che segue: CERFE FIELDS Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Entrate 2007, diversificate per ente finanziatore Norwegian Red Cross Università degli Studi di Bologna UNIP ACRA Centro Italiano Aiuti all Infanzia (CIAI) ISPRO Croce Rossa Italiana (CRI) Norwegian Refugee Council Caritas Austria German Red Cross Gruppo Relazioni Transculturali (GRT) Merlin UK Ricerca e Cooperazione (RC) Consorzio Aiuti Mozambico (CAM) VOICE DG Justice, Freedom and Security DG ECHO Protezione Civile Italiana 0 15,000 30,000 45,000 60,000 75,000 90, , , , , ,000 20

21 Helpdesk Programmi e attività 2007 accountability per il terzo settore L helpdesk di punto.sud garantisce sia agli enti finanziatori che ai soggetti attuatori una piena assistenza e un supporto mirato per la gestione dei progetti, con riferimento alle diverse fasi di vita di un progetto (progettazione, implementazione, reporting, monitoraggio e valutazione, auditing) e ai diversi interlocutori (headquarter, terreno). Più precisamente, l attività di helpdesk si propone di facilitare l interazione tra ente donatore, responsabile dell allocazione dei fondi, e soggetto attuatore, chiamato in ultima analisi al raggiungimento dei risultati. L helpdesk lavora per integrare le esigenze di due soggetti diversi in un unica prospettiva di gestione, capace di agevolare il lavoro di entrambi. Il lavoro di helpdesk realizzato da punto.sud nel 2007 può essere sintetizzato secondo due prospettive, in dipendenza dal partner committente: a) Enti finanziatori: rientrano in questo ambito gli helpdesk realizzati per la Commissione Europea DG ECHO per gli Aiuti Umanitari e per il Dipartimento della Protezione Civile Italiana nell ambito dell intervento post tsunami in Sri Lanka. b) Soggetti attuatori: rientrano in questo ambito le collaborazioni di medio-lungo periodo con organizzazioni non governative/altri soggetti attuatori finalizzate a garantire conformità alle regole dei principali enti finanziatori attraverso, ad esempio, l adeguamento procedurale, la capacità progettuale, la gestione amministrativa, la previsione di potenziali criticità. Le attività di helpdesk realizzate nel 2007 hanno ampiamente dimostrato la rilevanza di questa tipologia di approccio nella promozione dei principi di trasparenza e responsabilità (accountability), contribuendo a migliorare la non sempre facile comunicazione tra enti finanziatori e soggetti attuatori. In generale l attività di helpdesk mira a dotare i partner committenti enti finanziatori o soggetti attuatori di una funzione di supporto alla gestione dei progetti rispondente alle esigenze degli operatori di sede e di terreno. L obiettivo è assicurato attraverso: 21

22 >> La definizione di procedure per la gestione dei progetti. >> Un supporto diretto al personale del partner committente, al fine di agevolare l applicazione, lo sviluppo e la diffusione di buone prassi per la gestione e il monitoraggio dei progetti, prevedendo inoltre un puntuale e costante accompagnamento formativo in funzione delle scelte strategiche e delle priorità operative. >> Un supporto preventivo nell'organizzazione e predisposizione di tutti i passaggi progettuali (progettazione, uso formati, tecniche ciclo di progetto, sinergia con flussi amministrativi), con riferimento agli approcci, alle normative e alle procedure di qualità interne e/o riconducibili ai donatori coinvolti; >> Un supporto al monitoraggio dei progetti garantito dall analisi della reportistica e dall elaborazione di schede di sintesi riepilogative; >> Un supporto on-line e telefonico fornito in maniera continuativa al personale di sede e di terreno impiegato nei programmi; >> Un supporto specifico ai Responsabili degli Uffici Amministrativi per la valutazione e la verifica delle procedure amministrative interne. Seguono le schede di dettaglio delle attività realizzate nel

23 SRI LANKA Titolo del Progetto: Attività di help-desk per il Programma Generale degli interventi per l emergenza maremoto gestiti dal Dipartimento della Protezione Civile italiana (DPC) Paese: Sri Lanka e Italia Data di inizio: 01/01/2005 Data di chiusura: In corso Valore del progetto: Competenza 2007: Committente: Presidenza del Consiglio Dipartimento della Protezione Civile Origine del finanziamento: Presidenza del Consiglio Dipartimento della Protezione Civile Beneficiari: Beneficiari dei progetti realizzati dai soggetti attuatori, personale del DPC, personale dei soggetti attuatori. Breve descrizione del progetto: Dal 1 settembre 2005 punto.sud svolge un'azione diretta a supporto del DPC nell'ambito dell'emergenza maremoto in Sri Lanka. In particolare la convenzione tra punto.sud e il DPC prevede l'impegno dell associazione in quattro ambiti distinti: Fornire il necessario supporto tecnico per la valutazione sull applicazione delle procedure Modalità di gestione dei progetti in fase di realizzazione da parte di ONG nelle aree del Sud Est asiatico colpite dallo tsunami del 26 dicembre 2004"; Elaborare un'ipotesi di quadro normativo e procedurale per le operazioni di aiuto umanitario che ricadono sotto la responsabilità del DPC; Garantire al personale del DPC e dei soggetti attuatori impiegato nell operazione Sri Lanka un supporto formativo e di consulenza permanente in materia normativa; Coordinare il Gruppo di lavoro per le attività di verifica della rendicontazione amministrativa e contabile dei progetti del programma Sri Lanka. Per favorire il raggiungimento delle suddette azioni punto.sud ha costituito e sviluppato un'unità di appoggio (helpdesk) che ha coordinato il personale di riferimento indicato dal DPC con la finalità di: Sviluppare un sistema di monitoraggio normativo/procedurale attraverso l'uso di schede e documenti standard per agevolare una rapida ed efficace comunicazione e informazione sullo stato degli interventi; Predisporre un sistema di risposta rapida per la soluzione di eventuali problemi relativi all'applicazione delle procedure; Elaborare un'ipotesi di quadro normativo e procedurale, da presentare agli organi competenti del DPC; Elaborare ed eseguire pacchetti e strumenti formativi ad hoc per la formazione del personale del DPC e dei soggetti attuatori; Analizzare la documentazione amministrativa e contabile prodotta dalle ONG e dagli altri partner del DPC nel corso dell attuazione dei progetti. 23

24 TESTIMONI Garantire interventi umanitari di qualità DAVIDE MARTINA Responsabile del progetto punto.sud per il DPC L intera operazione Sri Lanka ha avuto una costante che l ha accompagnata dalle prime fasi fino al novembre 2007: l attenzione continua al controllo, al monitoraggio ed alla trasparenza d ogni aspetto legato al corretto uso ed utilizzo dei fondi raccolti dalla solidarietà degli italiani in seguito allo tsunami nel Sud Est asiatico. Il coinvolgimento dei media e la crescente sensibilità dell opinione pubblica per le operazioni umanitarie, semplici o complesse, che hanno caratterizzato l ultimo decennio, hanno creato un interesse sempre maggiore per le operazioni d emergenza, e visto una crescente professionalizzazione degli enti e del personale impegnato in vari ruoli negli interventi umanitari. Il tutto con una legittima riserva del dubbio, perché quasi mai in passato gli interventi umanitari hanno garantito trasparenza verso chi ha donato, monitoraggio costante dei soggetti attuatori nella fase d implementazione dei progetti e garanzia di risultati per i beneficiari. Con l emergenza tsunami, sin dalle prime fasi dopo la calamità, attraverso l istituzione del Comitato dei Garanti e la nomina della Commissione per il controllo contabile e di legalità delle azioni poste in essere dal Dipartimento della Protezione Civile, si è voluto dare un chiaro messaggio alle decine di milioni di italiani che hanno partecipato alla maratona di generosità in soccorso alle vittime: se in passato e nell attuale approccio umanitario internazionale vi sono state luci ed ombre, questa operazione si sarebbe contraddistinta per una concreta garanzia di controllo, monitoraggio, valutazione e trasparenza. Un dato su tutti e di livello internazionale: per la prima volta lo svolgimento di una grande operazione di aiuto umanitario è stata condivisa,in tempo reale e in tutte le sue fasi, sul sito internet del soggetto responsabile della gestione dei fondi e dell attuazione delle iniziative programmate. Il Dipartimento ha pubblicato costantemente e integralmente, su un area evidenziata del sito, decreti, normative, progetti, stati di avanzamento, rendiconti di attività ed aggiornamenti finanziari. L Associazione punto.sud è stata coinvolta in questo processo di osservazione esterna fortemente voluto dal Dipartimento, insieme ad Action Aid e alla Società Italiana di Monitoraggio. [ ]. L Associazione punto.sud ha mantenuto per il DPC un costante controllo documentale sui rapporti Un dato su tutti e di livello internazionale: inviati dalle Ong e da altri enti e Istituzioni che hanno collaborato per la prima volta lo svolgimento alla realizzazione del Programma generale: ha organizzato di una grande operazione di aiuto interventi di formazione in Sri Lanka destinati al personale umanitario è stata condivisa, in tempo impegnato nelle azioni umanitarie; ha assicurato, infine, reale e in tutte le sue fasi, sul sito un continuo supporto helpdesk a tutti gli operatori impegnati in internet del soggetto responsabile Sri Lanka mirato a facilitare il rispetto delle normative e delle procedure definite dal Dipartimento, con chiarimenti dati in diretta. La partecipazione al Programma del Dipartimento in Sri Lanka è stata per me un esperienza di straordinario interesse sia professionale che umano. Ho potuto ottimizzare le mie esperienze precedenti nell emergenza, vedendo nascere e testando un modello di gestione di interventi di aiuto umanitario decisamente diverso da quelli normalmente in uso. Considero vincente il metodo utilizzato dal Dipartimento per definire regole valide per tutti, sia per i soggetti attuatori che per i progetti a gestione diretta, normative da seguire nell impostazione dei progetti e nel corso della loro attuazione, specificando formati unici e tempistiche per la reportistica, modalità di contrattazione dei lavori, clausole per la scelta dei fornitori, criteri per flessibilità e deroghe, obblighi di documentazione e rendicontazione. Bisogna ricordare che a livello nazionale, nel 2005, non vi erano regole del gioco già scritte e le diffuse pratiche di fund raising destinate agli aiuti umanitari attendevano come tuttora attendono precise regole del Legislatore sulle condizioni d impiego. 24

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli