2 007 bilancio sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 007 bilancio sociale"

Transcript

1 2 007 bilancio sociale

2 2

3 bilancio sociale punto.sud Associazione senza scopo di lucro Via Angera Milano, Italia Tel /44/45 Fax

4 punto.sud ringrazia per la parte fotografica e i disegni: Fabrizio Alberizzi (copertina, p. 6, 14, 20, 32, 37, 46-47, 53, 60) Federico Bastia (p. 41, 57) Pierpaolo Rovero (p. 60). Tutte le fotografie e i disegni sono proprietà dei rispettivi autori Impaginazione e editing a cura di Fabrizio Alberizzi. Testi a cura di Fabrizio Alberizzi. Questo lavoro è, protetto dalla licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License 4

5 Indice Parte prima Identità Chi siamo 7 Mission, vision, valori, codice etico 8 Governance, regolamenti interni e procedure, organi gestionali 9 Stakeholders 11 Staff retribuito, volontari e stage 11 Parte seconda Contesto, strategia e programmi Settori di attività 15 Emergenze Umanitarie Cooperazione Internazionale allo Sviluppo Fenomeni Migratori Strategia 17 Strategia Programmazione annuale e piano strategico Donatori 19 Programmi 21 Helpdesk Fattibilità e scrittura progetti Monitoraggio e valutazione Formazione Immigrazione Innovazione e Ricerca Pubblicazioni Parte terza Bilancio consuntivo Stato Patrimoniale al 31 dicembre Rendiconto Gestionale a Proventi ed Oneri al 31 dicembre

6 6

7 Parte Prima Identità Chi siamo A ssociazione senza scopo di lucro, punto.sud nasce nel 1999 con l obiettivo di contribuire a migliorare la qualità della vita delle popolazioni vulnerabili nei paesi in via di sviluppo e delle popolazioni immigrate in Europa. L associazione propone un modello di cooperazione socialmente responsabile, che pone al centro del proprio lavoro il concetto di accountability, inteso nella doppia accezione di trasparenza dell azione (e quindi capacità di verifica del processo proposto), e di responsabilità nei confronti dell uso dei fondi pubblici in funzione del raggiungimento di risultati concreti. punto.sud lavora in tre ambiti distinti e sinergici tra loro la cooperazione internazionale allo sviluppo, le emergenze umanitarie e i fenomeni migratori, proponendosi di facilitare il trasferimento di informazioni, pratiche, metodologie, know-how e lessons learnt tra i diversi attori della cooperazione sociale e internazionale. Il ruolo di ponte (bridging) è la componente fondamentale della missione di punto.sud; nella pratica si concretizza nel porre al centro delle attività istituzionali l interazione tra soggetti con natura e finalità differenti ma complementari: da un lato le organizzazioni preposte allo studio delle linee di intervento e allo sviluppo di metodologie finalizzate a rendere coerenti, complementari e coordinati i progetti sul campo quali ad esempio gli enti donatori, gli organismi internazionali, i centri di ricerca e le università e dall altro i soggetti attuatori dei progetti medesimi in particolare organizzazioni non governative, organizzazioni del terzo settore e operatori di settore. Conformemente alla duplice natura di organizzazione operativa e di secondo livello, l'attività associativa si muove su due assi tra loro interdipendenti: implementazione di progetti (area operativa) ed erogazione di servizi specifici (area di secondo livello). Nel primo caso punto.sud realizza attività direttamente rivolte all utente finale e finalizzate alla implementazione di progetti attraverso la creazione e/o il rafforzamento di partnership e network; nel secondo caso, invece in maniera del tutto complementare punto.sud agisce come organizzazione di secondo livello per la promozione di un settore non profit professionalmente formato e capace di facilitare il miglioramento sociale, di rendicontare sulle attività svolte e di fornire prestazioni di livello elevato, promuovendo una cultura lavorativa fondata sui concetti di accountability, valutabilità e pratiche eccellenti (best practices). 7

8 Mission Building partnership and bridging for humanitarian aid, development and migration Vision Valori punto.sud sperimenta la sua funzione di ponte (bridging) nei settori della cooperazione internazionale allo sviluppo, delle emergenze umanitarie e dei fenomeni migratori, essendo al tempo stesso un partner di qualità per la realizzazione di progetti e un associazione di secondo livello che eroga servizi di qualità per promuovere la cultura dell accountability del settore non profit, con la finalità di garantire un miglioramento dei servizi che ricevono i beneficiari finali (nei paesi in via di sviluppo le popolazioni vulnerabili; in Italia i cittadini immigrati). Nel perseguimento della propria missione punto.sud si ispira ai seguenti valori: Dimensione esterna >> Sviluppo di risposte/soluzioni specifiche e appropriate ai bisogni dei beneficiari ultimi e dei nostri partner. >> Sviluppo con i partner rapporti di partenariato duraturi e fondati su fiducia, qualità, risultati misurabili e stima reciproca. >> Rafforzamento del terzo settore nella sua capacità di rendere prestazioni secondo il principio del best value for money. Dimensione interna >> Sostenibilità finanziaria e accountability nell adempimento della nostra missione. >> Motivazione e formazione del personale, unitamente alla condivisione degli obiettivi, alla profonda cura del proprio lavoro/operato, al mantenimento di un attitudine collaborativa. >> Sviluppo dell associazione come laboratorio di idee, interessi e applicazione pratica sul campo. Codice etico punto.sud aderisce volontariamente al Codice di Condotta della Croce Rossa Internazionale, che disciplina il modus operandi dell associazione e dei suoi collaboratori. 8

9 La struttura organizzativa di punto.sud è stata ridefinita all inizio del 2007 con l'obiettivo di razionalizzare le attività gestionali e operative e di definire un quadro chiaro di funzioni e responsabilità, tenendo conto delle competenze e delle motivazioni presenti al momento della ristrutturazione e degli obiettivi futuri. Nella ristrutturazione organizzativa si è fatto riferimento ai seguenti principi ispiratori: Governance >> Identificazione di 4 livelli distinti: proprietà (assemblea), controllo (consiglio direttivo), dimensione politica (comitato strategico) e management (area operativa). >> Rispetto e divisione di responsabilità (collettiva e individuale), coordinamento e autonomia gestionale. >> Sussidiarietà: identificazione degli ambiti di responsabilità e controllo, accentramento delle responsabilità gestionali e operative collegate agli aspetti amministrativi e fiscali e di gestione delle risorse umane, decentramento delle attività gestionali. La riorganizzazione dell associazione sarà terminata nei primi mesi del 2008 attraverso la netta separazione degli organi di indirizzo e di gestione, l adozione completa del modello organizzativo di gestione e controllo sviluppato nel 2007 e l avviamento degli iter di riconoscimento a Fondazione di partecipazione e ad Organizzazione Non Governativa (ONG). L organigramma funzionale, rappresentato secondo lo schema a matrice orizzontale, identifica i ruoli e le funzioni dei diversi organi di punto.sud: 9

10 Regolamenti interni e procedure Organi gestionali La ristrutturazione organizzativa è stata accompagnata dalla definizione di un Regolamento interno e di un Sistema Intergrato di Procedure Interne. L insieme di tali procedure regolamenta le attività di competenza delle diverse aree funzionali dell organigramma, definendo le regole gestionali dell associazione. Gli organi di punto.sud sono: >> Assemblea dei Soci Organo sovrano di punto.sud, si riunisce in seduta ordinaria almeno una volta l anno per deliberare sul bilancio consuntivo, ascoltata la relazione del Consiglio Direttivo (CDR) e del Revisore dei Conti. Definisce la missione di punto.sud e procede alla nomina del Consiglio Direttivo ogni tre anni. >> Presidente Ha la rappresentanza legale dell ente di fronte ai terzi e in giudizio e resta in carica quattro anni. Provvede all esecuzione delle delibere assunte dall Assemblea e dal CDR. >> Consiglio Direttivo E composto da tre membri scelti fra i Soci ed eletti dall Assemblea. Il CDR approva le linee strategiche dell'associazione e le linee organizzative generali (piani di programmazione e strategici) e delibera in merito a convenzioni, accordi, protocolli d intesa con Enti, Istituzioni, Associazioni, ONG e altri organismi esterni sia nazionali sia internazionali. >> Revisore dei Conti E eletto dall Assemblea sulla base del suo profilo professionale e dell assenza di conflitto di interesse con l associazione. Procede alle necessarie verifiche amministrative e certifica il bilancio annuale. >> Direttore Operativo E nominato dal CDR per un periodo di due anni rinnovabile ed è supportato nella sua attività dalle seguenti funzioni di supporto: Sistema Informatico, Visibilità e Comunicazione, Ufficio Progettazione, Ufficio Finanza e Ufficio Risorse Umane. Il Direttore partecipa alle sedute del CDR, coordina e la supervisiona l esecuzione del piano di programmazione e strategico, verifica la qualità del lavoro e la redditività dell associazione. >> Comitato Strategico E convocato dal Direttore e/o dal CDR e ha come compito principale quello di elaborare il piano strategico e di monitorare le attività operative dell associazione. Fanno parte del Comitato Strategico il Direttore, il Responsabile Amministrativo, il Responsabile dell Ufficio Progettazione e i diversi Responsabili di Area. Non ha poteri di delibera. 10

11 Nella realizzazione della sua attività istituzionale, punto.sud interagisce con diversi attori portatori di interessi (stakeholders). E possibile individuare le seguenti categorie di stakeholders: Stakeholders >> Beneficiari: popolazioni nei paesi in via di sviluppo, cittadini immigrati. >> Soci. >> Collaboratori. >> Volontari e Stagisti. >> Donatori: enti finanziatori (pubblici e privati) nazionali e internazionali. >> Partner nazionali e internazionali: enti finanziatori, organismi internazionali, organizzazioni non governative, associazioni, organizzazioni del terzo settore, istituti universitari e di ricerca, amministrazioni pubbliche e imprese. >> Clienti nazionali e internazionali: enti finanziatori, organismi internazionali, organizzazioni non governative, associazioni, organizzazioni del terzo settore, istituti universitari e di ricerca, amministrazioni pubbliche e imprese. >> Associazioni di secondo livello attive nell ambito della promozione del terzo settore. >> Personale impiegato presso enti finanziatori del terzo settore (istituzioni pubbliche e private), organismi internazionali e amministrazioni pubbliche. >> Personale impiegato nel terzo settore presso organizzazioni non governative, associazioni e organizzazioni del terzo settore. >> Studenti (università, master, scuole di specializzazione e corsi specializzati). punto.sud si avvale, per lo svolgimento delle proprie attività, di personale contrattato attraverso collaborazioni coordinate e continuative a progetto (Co.Co.Pro.), partita IVA e collaboratori occasionali, oltre che di volontari e stagisti. Il personale lavora presso la nostra sede centrale a Milano o presso la sede regionale di Trento. I contratti dei collaboratori sono rinnovati in base ai progetti in corso presso l associazione. Ai contratti di lavoro coordinati e continuativi si applicano integralmente le disposizioni contenute nell Accordo Quadro stipulato in data 20 ottobre 2004 tra l Associazione delle ONG italiane (AOI) e le Organizzazioni sindacali Alai-Cisl, Cpo-Uil, Nidil-Cgil e, per la parte migliorativa della normativa nazionale e dell Accordo Quadro, le disposizioni contenute nel Regolamento Interno dell associazione. Il sistema di remunerazione dei collaboratori a progetto si basa sul pieno rispetto dei minimi salariali indicati nell art. 7, comma b, dell Accordo Quadro. Le previsioni contenute nell Accordo Quadro sui minimi salariali sono applicate in maniera estensiva anche alle collaborazioni con i prestatori in partita IVA e con i collaboratori occasionali. Staff retribuito 11

12 L incidenza del costo del personale amministrativo e di supporto di punto.sud sul totale delle entrate è del 4,7%, includendo anche il costo del Revisore dei Conti. Le tabelle e i grafici che seguono riepilogano il numero di collaboratori dell associazione e le loro caratteristiche principali: Descrizione Assunzioni 2007 Cessazioni 2007 Situazione al 31/12/07 71 % A. Collaboratori a progetto B. Collaboratori sede Milano C. Collaboratori sede Trento % Totale personale di sede (A+B+C) C. Consulenti (*) Totale personale retribuito (A+B+C) M F Età collaboratori (esclusi Indice di genere personale di sede collaboratori occasionali) Under 30 50% 25% 28% 38% % % 75% 72% 62% % Over (*) Include i contratti occasionali o le prestazioni in partita IVA non dei collaboratori di sede stabili. Lo sviluppo professionale dei collaboratori è garantito dalla partecipazione a corsi e seminari di formazione. I corsi e seminari realizzati nel 2007 sono stati i seguenti: Corsi e seminari al 31/12/2007 Giornate formative Numero di partecipanti Giorni dedicati Metodologie e tecniche valutative Seminari Partnership Analysis Gestione progetti PCM Corso SPHERE Amministrazione e bilancio Fiscalità enti senza scopo di lucro Totale

13 I volontari e gli stage rappresentano una risorsa importante per lo sviluppo dell associazione, anche se resta un intrinseca difficoltà ad aumentarne il numero a causa delle frequenti missioni all estero dei collaboratori di sede che hanno in carica la gestione degli stagisti. Vanno tuttavia registrate come segnale positivo, indice di una maggiore visibilità esterna dell associazione, le numerose richieste pervenute da parte di studenti di master e corsi post-universitari per realizzare stage presso la nostra struttura. Volontari e stage Descrizione Situazione al 31/12/06 Situazione al 31/12/07 Volontari 4 4 Stage non remunerati 1 0 Totale personale non retribuito

14 14

15 Parte Seconda Contesto, strategia e programmi p unto.sud lavora in tre ambiti distinti e sinergici tra loro la cooperazione internazionale allo sviluppo, le emergenze umanitarie e i fenomeni migratori. Nel corso di questi anni l associazione ha sviluppato, nei tre settori di riferimento, una specificità di intervento che la vede agire sia in qualità di partner operativo che di associazione di secondo livello, conformemente alla propria missione. Settori di attività >> punto.sud e le Emergenza Umanitarie I cambiamenti sociali e politici in atto nel mondo hanno determinato una crescente domanda di aiuti umanitari. punto.sud è da anni impegnata nello studio dei bisogni specifici delle organizzazioni attive nel settore dell'emergenza umanitaria. La necessità di dimostrare il saper fare e la messa in opera di approcci rispettosi delle prerogative di chi ha la responsabilità finale dei fondi (i donatari e, in ultima analisi, i cittadini che pagano le tasse e/o fanno donazioni), infatti, risulta essere un fattore determinante per lo sviluppo di strategie efficaci da parte dei soggetti impegnati nella difesa dei diritti primari delle popolazioni colpite. In questo ambito, il lavoro di punto.sud si caratterizza per lo sviluppo di pratiche di gestione e di accompagnamento dei progetti finalizzate ad un uso dei fondi conforme alle procedure richieste dagli enti finanziatori principali (in particolare la DG ECHO e la Protezione Civile Italiana) e agli standard internazionali. >> punto.sud e la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo In Italia come all'estero, il settore della cooperazione internazionale allo sviluppo ha visto, negli ultimi anni, una crescente domanda di professionalizzazione degli interventi. Come nelle emergenze umanitarie, anche in questo ambito punto.sud si propone di operare per una migliore gestione delle risorse pubbliche e private, nell intento di mettere in atto una cooperazione socialmente responsabile capace di promuovere una cultura dello scambio e dello sviluppo di partnership tra i diversi soggetti operativi (in particolare 15

16 organizzazioni non governative, associazioni, istituzioni pubbliche e università). L intervento di punto.sud è finalizzato in particolare ad una razionalizzazione degli interventi attraverso la sistematizzazione continua delle esperienze acquisite in tutte le fasi del Project Cycle Management, e all identificazione di strategie appropriate per lo sviluppo di pratiche innovative di cooperazione. >> Fenomeni Migratori L'analisi dei fattori di sviluppo non può escludere l'evoluzione dei processi sociali nel nord del mondo. I fenomeni migratori rivestono una duplice importanza in quanto permettono sia una maggiore comprensione delle problematiche emergenti nei paesi che finanziano la Cooperazione allo Sviluppo che l'opportunità di studiare a fondo un fattore fondamentale tra le esperienze umane del sud e del nord del mondo. In questo contesto, la presenza di comunità di migranti in Italia e in Europa fornisce un prezioso ambito di studio e di riflessione sulle opportunità e potenzialità che i fenomeni migratori offrono in termini di sviluppo delle comunità di origine e di integrazione e sviluppo delle comunità di accoglienza. 16

17 Strategia punto.sud è un gruppo di ricerca per la progettazione, fondato da un gruppo di esperti con comprovata esperienza in attività di progettazione, gestione, monitoraggio e valutazione di progetti, così come nella formazione degli operatori umanitari. La strategia definita per il quadriennio mira a rafforzare il posizionamento di punto.sud nella sua duplice missione di organizzazione operativa e di organizzazione di secondo livello. In particolare è possibile evidenziare i seguenti elementi dal piano strategico approvato alla fine del 2006: >> Ambiti di intervento: cooperazione internazionale allo sviluppo, emergenze umanitarie e fenomeni migratori. >> Obiettivo 1 (organizzazione operativa): rafforzare la partecipazione a partenariati per lo sviluppo, le emergenze umanitarie e l immigrazione. >> Obiettivo 2 (organizzazione di secondo livello): essere riconosciuta dagli enti finanziatori e dalle organizzazioni operative come organizzazione italiana di riferimento per la professionalizzazione della cooperazione allo sviluppo e degli aiuti umanitari, promuovendo l avvio e il rafforzamento di collaborazioni di lungo periodo con enti finanziatori pubblici e privati e soggetti attuatori. >> Interlocutori: enti finanziatori e organismi internazionali, organizzazioni non governative e associazioni/organizzazioni del terzo settore, istituti universitari e di ricerca, amministrazioni pubbliche e imprese, beneficiari diretti. >> Immagine: lavoro basato su tre principi di qualità: motivazione, partenariato e accountability. >> Area di ricerca / innovazione: metodologie nella progettazione, partenariato e bridging, supporto ai donor e creazione di interfaccia donorsoggetti attuatori (help-desk), trans-nazionalismo e co-sviluppo, educazione allo sviluppo, sviluppo di percorsi pilota nell ambito dei progetti di aiuti umanitari e sviluppo. In linea con quanto stabilito dalle nuove procedure in vigore dal 1 gennaio 2007, il CDR ha approvato, su proposta del Direttore, un documento sintetico contenente la strategia e il piano di sostenibilità (Piano Strategico e Documento di Programmazione Annuale) dell associazione per il Il documento di programmazione strategica 2007 comprende i seguenti documenti: sistema retributivo dei soci e dipendenti di punto.sud; bilancio preventivo; formula di sostenibilità e indicatori di performance; piano strategico, con riferimento sia al livello complessivo della struttura che ai livelli decentrati delle aree funzionali ed operative. L approvazione del Documento di Programmazione Annuale e del Piano Strategico segue il flusso decisionale seguente: 17

18 Programmazione annuale e piano strategico flusso decisionale Legenda >> ASS: assemblea >> CDR: comitato direttivo >> DIR: direttore >> STR: comitato strategico 18

19 Donatori Le attività di punto.sud sono finanziate da differenti enti pubblici (Unione Europea, Ministeri e cooperazione decentrata italiana, Agenzie Internazionali) e privati (fondazioni, enti non profit, imprese). Sin dalla fondazione, uno degli obiettivi di punto.sud è stata la diversificazione del portafoglio, cioè il tentativo di limitare la dipendenza della struttura da pochi enti, se non nel caso di progetti di lunga durata in grado di garantire la sostenibilità, lavorando costantemente all allargamento della base dei potenziali partner. Questo atteggiamento ha permesso nel corso degli anni di avere un numero di partner assai elevato. Dall anno 2000 in avanti, ed in particolare a partire dal 2005, l evoluzione economica degli impegni di punto.sud ha fatto registrare una crescita dei volumi di entrate, determinando un incremento costante anche del patrimonio netto dell associazione. Entrate attività istituzionali Patrimonio netto previsionale Pubblici 85% Nel 2007 i fondi di provenienza pubblica hanno prevalso sui fondi di provenienza privata, come mostra il grafico a fianco che identifica l indice di provenienza dei fondi. Data la natura dell attività di punto.sud, tuttavia, tale circostanza non rappresenta un fattore limitante della libertà di azione della struttura. Privati 15% Indice di provenienza dei fondi (2007) 19

20 Le entrate di punto.sud per il 2007, diversificate per enti finanziatori, sono state caratterizzate da due finanziamenti di dimensione elevata (Dipartimento della Protezione Civile Italiana e Commissione Europea in particolare la DG ECHO e la DG Justice, Freedom and Security), due finanziamenti di dimensione medie (Voluntary Organisations in Cooperation in Emergencies VOICE e Diakonie) e da un insieme diversificato di piccoli finanziamenti, come mostra il grafico che segue: CERFE FIELDS Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Entrate 2007, diversificate per ente finanziatore Norwegian Red Cross Università degli Studi di Bologna UNIP ACRA Centro Italiano Aiuti all Infanzia (CIAI) ISPRO Croce Rossa Italiana (CRI) Norwegian Refugee Council Caritas Austria German Red Cross Gruppo Relazioni Transculturali (GRT) Merlin UK Ricerca e Cooperazione (RC) Consorzio Aiuti Mozambico (CAM) VOICE DG Justice, Freedom and Security DG ECHO Protezione Civile Italiana 0 15,000 30,000 45,000 60,000 75,000 90, , , , , ,000 20

21 Helpdesk Programmi e attività 2007 accountability per il terzo settore L helpdesk di punto.sud garantisce sia agli enti finanziatori che ai soggetti attuatori una piena assistenza e un supporto mirato per la gestione dei progetti, con riferimento alle diverse fasi di vita di un progetto (progettazione, implementazione, reporting, monitoraggio e valutazione, auditing) e ai diversi interlocutori (headquarter, terreno). Più precisamente, l attività di helpdesk si propone di facilitare l interazione tra ente donatore, responsabile dell allocazione dei fondi, e soggetto attuatore, chiamato in ultima analisi al raggiungimento dei risultati. L helpdesk lavora per integrare le esigenze di due soggetti diversi in un unica prospettiva di gestione, capace di agevolare il lavoro di entrambi. Il lavoro di helpdesk realizzato da punto.sud nel 2007 può essere sintetizzato secondo due prospettive, in dipendenza dal partner committente: a) Enti finanziatori: rientrano in questo ambito gli helpdesk realizzati per la Commissione Europea DG ECHO per gli Aiuti Umanitari e per il Dipartimento della Protezione Civile Italiana nell ambito dell intervento post tsunami in Sri Lanka. b) Soggetti attuatori: rientrano in questo ambito le collaborazioni di medio-lungo periodo con organizzazioni non governative/altri soggetti attuatori finalizzate a garantire conformità alle regole dei principali enti finanziatori attraverso, ad esempio, l adeguamento procedurale, la capacità progettuale, la gestione amministrativa, la previsione di potenziali criticità. Le attività di helpdesk realizzate nel 2007 hanno ampiamente dimostrato la rilevanza di questa tipologia di approccio nella promozione dei principi di trasparenza e responsabilità (accountability), contribuendo a migliorare la non sempre facile comunicazione tra enti finanziatori e soggetti attuatori. In generale l attività di helpdesk mira a dotare i partner committenti enti finanziatori o soggetti attuatori di una funzione di supporto alla gestione dei progetti rispondente alle esigenze degli operatori di sede e di terreno. L obiettivo è assicurato attraverso: 21

22 >> La definizione di procedure per la gestione dei progetti. >> Un supporto diretto al personale del partner committente, al fine di agevolare l applicazione, lo sviluppo e la diffusione di buone prassi per la gestione e il monitoraggio dei progetti, prevedendo inoltre un puntuale e costante accompagnamento formativo in funzione delle scelte strategiche e delle priorità operative. >> Un supporto preventivo nell'organizzazione e predisposizione di tutti i passaggi progettuali (progettazione, uso formati, tecniche ciclo di progetto, sinergia con flussi amministrativi), con riferimento agli approcci, alle normative e alle procedure di qualità interne e/o riconducibili ai donatori coinvolti; >> Un supporto al monitoraggio dei progetti garantito dall analisi della reportistica e dall elaborazione di schede di sintesi riepilogative; >> Un supporto on-line e telefonico fornito in maniera continuativa al personale di sede e di terreno impiegato nei programmi; >> Un supporto specifico ai Responsabili degli Uffici Amministrativi per la valutazione e la verifica delle procedure amministrative interne. Seguono le schede di dettaglio delle attività realizzate nel

23 SRI LANKA Titolo del Progetto: Attività di help-desk per il Programma Generale degli interventi per l emergenza maremoto gestiti dal Dipartimento della Protezione Civile italiana (DPC) Paese: Sri Lanka e Italia Data di inizio: 01/01/2005 Data di chiusura: In corso Valore del progetto: Competenza 2007: Committente: Presidenza del Consiglio Dipartimento della Protezione Civile Origine del finanziamento: Presidenza del Consiglio Dipartimento della Protezione Civile Beneficiari: Beneficiari dei progetti realizzati dai soggetti attuatori, personale del DPC, personale dei soggetti attuatori. Breve descrizione del progetto: Dal 1 settembre 2005 punto.sud svolge un'azione diretta a supporto del DPC nell'ambito dell'emergenza maremoto in Sri Lanka. In particolare la convenzione tra punto.sud e il DPC prevede l'impegno dell associazione in quattro ambiti distinti: Fornire il necessario supporto tecnico per la valutazione sull applicazione delle procedure Modalità di gestione dei progetti in fase di realizzazione da parte di ONG nelle aree del Sud Est asiatico colpite dallo tsunami del 26 dicembre 2004"; Elaborare un'ipotesi di quadro normativo e procedurale per le operazioni di aiuto umanitario che ricadono sotto la responsabilità del DPC; Garantire al personale del DPC e dei soggetti attuatori impiegato nell operazione Sri Lanka un supporto formativo e di consulenza permanente in materia normativa; Coordinare il Gruppo di lavoro per le attività di verifica della rendicontazione amministrativa e contabile dei progetti del programma Sri Lanka. Per favorire il raggiungimento delle suddette azioni punto.sud ha costituito e sviluppato un'unità di appoggio (helpdesk) che ha coordinato il personale di riferimento indicato dal DPC con la finalità di: Sviluppare un sistema di monitoraggio normativo/procedurale attraverso l'uso di schede e documenti standard per agevolare una rapida ed efficace comunicazione e informazione sullo stato degli interventi; Predisporre un sistema di risposta rapida per la soluzione di eventuali problemi relativi all'applicazione delle procedure; Elaborare un'ipotesi di quadro normativo e procedurale, da presentare agli organi competenti del DPC; Elaborare ed eseguire pacchetti e strumenti formativi ad hoc per la formazione del personale del DPC e dei soggetti attuatori; Analizzare la documentazione amministrativa e contabile prodotta dalle ONG e dagli altri partner del DPC nel corso dell attuazione dei progetti. 23

24 TESTIMONI Garantire interventi umanitari di qualità DAVIDE MARTINA Responsabile del progetto punto.sud per il DPC L intera operazione Sri Lanka ha avuto una costante che l ha accompagnata dalle prime fasi fino al novembre 2007: l attenzione continua al controllo, al monitoraggio ed alla trasparenza d ogni aspetto legato al corretto uso ed utilizzo dei fondi raccolti dalla solidarietà degli italiani in seguito allo tsunami nel Sud Est asiatico. Il coinvolgimento dei media e la crescente sensibilità dell opinione pubblica per le operazioni umanitarie, semplici o complesse, che hanno caratterizzato l ultimo decennio, hanno creato un interesse sempre maggiore per le operazioni d emergenza, e visto una crescente professionalizzazione degli enti e del personale impegnato in vari ruoli negli interventi umanitari. Il tutto con una legittima riserva del dubbio, perché quasi mai in passato gli interventi umanitari hanno garantito trasparenza verso chi ha donato, monitoraggio costante dei soggetti attuatori nella fase d implementazione dei progetti e garanzia di risultati per i beneficiari. Con l emergenza tsunami, sin dalle prime fasi dopo la calamità, attraverso l istituzione del Comitato dei Garanti e la nomina della Commissione per il controllo contabile e di legalità delle azioni poste in essere dal Dipartimento della Protezione Civile, si è voluto dare un chiaro messaggio alle decine di milioni di italiani che hanno partecipato alla maratona di generosità in soccorso alle vittime: se in passato e nell attuale approccio umanitario internazionale vi sono state luci ed ombre, questa operazione si sarebbe contraddistinta per una concreta garanzia di controllo, monitoraggio, valutazione e trasparenza. Un dato su tutti e di livello internazionale: per la prima volta lo svolgimento di una grande operazione di aiuto umanitario è stata condivisa,in tempo reale e in tutte le sue fasi, sul sito internet del soggetto responsabile della gestione dei fondi e dell attuazione delle iniziative programmate. Il Dipartimento ha pubblicato costantemente e integralmente, su un area evidenziata del sito, decreti, normative, progetti, stati di avanzamento, rendiconti di attività ed aggiornamenti finanziari. L Associazione punto.sud è stata coinvolta in questo processo di osservazione esterna fortemente voluto dal Dipartimento, insieme ad Action Aid e alla Società Italiana di Monitoraggio. [ ]. L Associazione punto.sud ha mantenuto per il DPC un costante controllo documentale sui rapporti Un dato su tutti e di livello internazionale: inviati dalle Ong e da altri enti e Istituzioni che hanno collaborato per la prima volta lo svolgimento alla realizzazione del Programma generale: ha organizzato di una grande operazione di aiuto interventi di formazione in Sri Lanka destinati al personale umanitario è stata condivisa, in tempo impegnato nelle azioni umanitarie; ha assicurato, infine, reale e in tutte le sue fasi, sul sito un continuo supporto helpdesk a tutti gli operatori impegnati in internet del soggetto responsabile Sri Lanka mirato a facilitare il rispetto delle normative e delle procedure definite dal Dipartimento, con chiarimenti dati in diretta. La partecipazione al Programma del Dipartimento in Sri Lanka è stata per me un esperienza di straordinario interesse sia professionale che umano. Ho potuto ottimizzare le mie esperienze precedenti nell emergenza, vedendo nascere e testando un modello di gestione di interventi di aiuto umanitario decisamente diverso da quelli normalmente in uso. Considero vincente il metodo utilizzato dal Dipartimento per definire regole valide per tutti, sia per i soggetti attuatori che per i progetti a gestione diretta, normative da seguire nell impostazione dei progetti e nel corso della loro attuazione, specificando formati unici e tempistiche per la reportistica, modalità di contrattazione dei lavori, clausole per la scelta dei fornitori, criteri per flessibilità e deroghe, obblighi di documentazione e rendicontazione. Bisogna ricordare che a livello nazionale, nel 2005, non vi erano regole del gioco già scritte e le diffuse pratiche di fund raising destinate agli aiuti umanitari attendevano come tuttora attendono precise regole del Legislatore sulle condizioni d impiego. 24

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Una sola voce tanti interventi

Una sola voce tanti interventi ... Una sola voce tanti interventi AGIRE, Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze, ridefinisce il modo in cui gli italiani possono donare a favore delle popolazioni colpite da emergenze umanitarie

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Dalla relazione finale

Dalla relazione finale V.O.I.C.E.S. Project - Voluntary Organisation for International Children Teenagers And Women s Emergency Service - Daphne Initiative 1999 VIOLENCE IS WHEN... Violence against Women and Children from Telephonic

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Premessa La Croce Rossa Italiana riconosce nella formazione continua e permanente dei propri Soci il valore aggiunto dell'associazione.

Dettagli

2 dicembre 2008 Università di Cagliari. Le strutture di supporto alla Ricerca Scientifica presso l Università degli Studi di Milano

2 dicembre 2008 Università di Cagliari. Le strutture di supporto alla Ricerca Scientifica presso l Università degli Studi di Milano 2 dicembre 2008 Università di Cagliari Le strutture di supporto alla Ricerca Scientifica presso l Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano (UNIMI) 9 Facoltà 71 dipartimenti (da

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni, raggiungendo più di 4.000.000

Dettagli

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

Formati Standard per la documentazione di programma delle iniziative di emergenza

Formati Standard per la documentazione di programma delle iniziative di emergenza Formati Standard per la documentazione di programma delle iniziative di emergenza Responsabile del Progetto: Cons. d Amb. Bruno Antonio Pasquino, DGCS Ufficio VI Min. Plen. Pier Francesco Zazo DGCS Unità

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

RELAZIONE DI MISSIONE 2010 SPORT2BUILD

RELAZIONE DI MISSIONE 2010 SPORT2BUILD RELAZIONE DI MISSIONE 2010 SPORT2BUILD 1. MISSIONE E IDENTITÀ DELL ENTE... 3 1.1 FINALITÀ ISTITUZIONALI... 3 1.2 SISTEMA DI VALORI E DI PRINCIPI... 3 1.3 PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ ATTRAVERSO LE

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione della Comunità

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione

L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione Introduzione Questa è la fase in cui i partner iniziano realmente ad apportare il loro contributo in termini di attività e risultati,

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo sul Project Cycle Management.

Dettagli

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni ALLEGATO 1 Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni Obiettivo Scopo della Procedura è definire il processo di attivazione e gestione dei

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI [da integrare a cura PdC] Vista la legge 6 marzo 2001, n. 64, recante istituzione del servizio civile nazionale,

Dettagli

IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT

IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT IL CICLO DI PROGETTO Programmazione Valutazione Identificazione Realizzazione Formulazione Richiesta finanziamento Perché il ciclo di progetto? Approccio tradizionale PCM Quadro

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Innovations for a MAde Green IN Europe

Innovations for a MAde Green IN Europe PROGETTO IMAGINE Innovations for a MAde Green IN Europe SOGGETTO FINANZIATORE: Unione Europea Linea di finanziamento bandi CIP - EcoInnovation BENEFICIARIO: ASEV - AGENZIA PER LO SVILUPPO EMPOLESE VALDELSA

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

MASTER : ESPERTO IN PROGETTAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE E LA COOPERAZIONE INTERNAZI NALE

MASTER : ESPERTO IN PROGETTAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE E LA COOPERAZIONE INTERNAZI NALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER : ESPERTO IN PROGETTAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE E LA COOPERAZIONE INTERNAZI NALE Con il patrocinio

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA 2016 PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA LA FORMAZIONE...Una formazione che accolga la persona nella sua unicità ed unitarietà, formazione di uomini e donne solidali, una

Dettagli

Progetto Di tutti i colori 3

Progetto Di tutti i colori 3 Progetto Di tutti i colori 3 Sintesi Area di intervento Assistenza immigrati, profughi Regioni in cui è attivo il progetto - Calabria - Lombardia - Puglia - Veneto Descrizione Il contesto settoriale in

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli