LEGGE REGIONALE N. 13 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA. Approvazione del piano regionale per la salute ed il benessere sociale 2006/2008.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 20-06-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA. Approvazione del piano regionale per la salute ed il benessere sociale 2006/2008."

Transcript

1 LEGGE REGIONALE N. 13 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Approvazione del piano regionale per la salute ed il benessere sociale 2006/2008. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 27 del 4 luglio 2006 SUPPLEMENTO ORDINARIO N. 1 Indice: Articoli della Legge: 1 2 Allegato 1: Allegato Allegato 2: Allegato IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; IL PRESIDENTE DELLA REGIONE promulga la seguente legge: 1 ALE PER LA SALUTE ED IL BENESSERE SOCIALE incipi generali di riferimento Pag. 8

2 Pag.8 ia sulla base dei nuovi bisogni e delle nuove condizioni di vita per una popolazione di montagna ella territorialità e l'orientamento per l'evoluzione del distretto ziali delle prestazioni sociali (LEP) tà del rapporto tra risorse ed attività o prestazioni ne ed il contesto di riferimento ura demografica e sociale essere sociale to di salute Pag.10 Pag.11 Pag.12 Pag.13 Pag.14 Pag.15 Pag.17 Pag.17 Pag.19 Pag.21 egie di sviluppo e qualificazione per la promozione della salute e sociale Pag. 24 ppare il ruolo di governo della Regione nella definizione degli ivi di salute e benessere sociale, nonché nella determinazione stema di offerta delle prestazioni. mentare i sistemi di conoscenza delle differenze di salute e di sere sociale nella popolazione. astare le disuguaglianze nella salute mediante azioni esplicite, di sciuta evidenza e sostenibili secondo i criteri di finanziamento stema. tire a tutti i cittadini equità ed universalità di accesso a cure e ad i appropriate ed efficaci rispetto ai bisogni, con particolare ione alla congruità dei tempi e alle modalità di risposta. ziare il ruolo strategico della prevenzione. ere decisioni di programmazione in relazione ai bisogni di e di benessere sociale della popolazione, documentati nalisi epidemiologica e sociale. ire i livelli essenziali di assistenza sanitaria (LEA) e delle Pag.24 Pag.24 Pag.24 Pag.25 Pag.25 Pag.25 Pag.26

3 zioni sociali (LEP) garantiti dalla Regione. ere il territorio come riferimento fondamentale per lo sviluppo ualificazione del servizio socio-sanitario regionale e per la ozione di un sistema di servizi che si fa carico, in modo unitario, necessità sanitarie e socio-educative-assistenziali della azione. urare autonomia della persona ed il suo diritto ad una vita eterminata. izzare e sostenere la famiglia, riconoscendo e sostenendone il nella formazione e cura della persona, nella promozione del sere e nel perseguimento della coesione sociale. urare la sostenibilità delle decisioni assunte in rapporto alla nibilità di risorse finanziarie, tecnologiche ed umane necessarie izzare gli obiettivi della pianificazione. ividere un Piano che è anche Progetto. Pag.26 Pag.27 Pag.27 Pag.28 Pag.29 il soddisfacimento dei bisogni di salute e di benessere sociale Pag. 30 tire lo sviluppo della conoscenza dei bisogni di salute e di sere sociale, con particolare riguardo all'analisi delle uaglianze di salute e dei loro determinanti lidamento dell'osservazione epidemiologica ppo dell'osservazione sociale Pag.31 Pag.31 Pag.33 dere l'osservazione epidemiologica ai determinanti di tipo ntale Pag.37 ionalizzazione dell'osservazione epidemiologica ambientale nalizzare l'organizzazione delle attività di prevenzione e di ozione della salute Pag.39 ppo della distrettualizzazione delle attività e revisione dei iti del Dipartimento di Prevenzione

4 uovere programmi di prevenzione primaria per la promozione salute e per la tutela dai rischi Pag.41 ozione di corretti stili di vita uovere la salute e la sicurezza negli ambienti di lavoro, nonché venzione degli incidenti domestici nzione dell'infortunistica sul lavoro nzione degli incidenti domestici Pag. 45 Pag.45 Pag.46 tire la sicurezza degli alimenti conformemente alle indicazioni normativa comunitaria e sostenere il miglioramento qualitativo produzioni tradizionali nsabilizzazione dei produttori alimentari ppo del sistema di analisi del rischio Pag 48 Pag.48 Pag.49 astare le principali cause di morte per malattia presenti nella azione, con particolare riguardo alle patologie cardiovascolari, rovascolari ed ai tumori Pag. 51 zzazione di programmi di prevenzione primaria e secondaria Pag. 51 ppo ed attivazione di programmi di screening Pag.53 ziare i rapporti tra ospedale e territorio e rendere effettivi la uità assistenziale e lo sviluppo dell'organizzazione unitaria dei i basata sul distretto ppo dell'integrazione tra ospedale e territorio ziamento delle attività dell'area materno infantile ione delle liste di attesa e potenziamento dei percorsi di cura Pag.55 Pag.55 Pag.56 Pag.58 ppare l'assistenza primaria, la medicina specialistica territoriale e e palliative e monitorare l'assistenza farmaceutica Pag.60

5 rnamento del modello di assistenza primaria e della medicina listica ambulatoriale toraggio dell'assistenza farmaceutica e della sua appropriatezza cuzione delle pratiche riconducibili alle medicine non nzionali ppo delle cure palliative,dlla terapia del dolore e degli interventi enziali nella fase finale della vita Pag.60 Pag.61 Pag.62 Pag.63 nere e monitorare la qualità e la specificità del sistema di enza e urgenza sanitaria Pag.65 toraggio dell'attività del sistema di emergenza e urgenza ria finalizzato al miglioramento dell'appropriatezza delle zioni ziare attività di assistenza domiciliare, semi-residenziale e nziale alternative al ricovero, mediante processi di integrazione rvizi sanitari e sociali ppo di servizi domiciliari, semi- residenziali e residenziali in un sto di rete tra servizi sanitari e sociali ppo e consolidamento dei servizi territoriali per la salute mentale ppo della rete dei servizi per le dipendenze patologiche oramento della rete dei servizi per la tutela della salute dei uti Pag. 67 Pag.67 Pag.71 Pag.72 Pag.74 ppare l'attività di lungoassistenza e l'attività di riabilitazione iva secondo la logica di rete integrata di servizi alla persona Pag.76 oramento dell'offerta assistenziale nei settori della riabilitazione a lungodegenza uovere una nuova organizzazione delle sedi ospedaliere secondo i di eccellenza Pag.78 ppo dell'organizzazione ospedaliera secondo logiche orientate ai ssi e ai differenti gradi di intensità di cura

6 nere la mobilità sanitaria passiva Pag.81 ollo della domanda di prestazioni sanitarie e implementazione fferta in rapporto alle cause di fuga e allo sviluppo di attività di enza lidare l'attenzione della programmazione sanitaria verso le à rivolte a garantire servizi ai turisti Pag.84 lidamento e sviluppo delle funzioni dell'assistenza sanitaria iormente interessate dai flussi turistici are la definizione delle politiche sociali dalla realizzazione delle à conseguenti e promuovere il coordinamento delle politiche i con le altre politiche di attenzione alla persona iduazione dei soggetti con compiti di realizzazione delle che sociali di livello regionale ozione e sviluppo, nell'ambito dell'offerta di servizi sociali, terdisciplinarietà e del coordinamento con le politiche per la, per l'istruzione, per la formazione, per il lavoro, per la casa, rasporti e per la tutela dei diritti. Pag.86 Pag.86 Pag 87 ire i livelli essenziali delle prestazioni (LEP) regionali quale ento per assicurare l'uniformità dei servizi e delle prestazioni in o assistenziale e socio-educativo e destinare in maniera lata, anche per la parte della finanza locale, il fondo regionale politiche sociali izione delle prestazioni che costituiscono i livelli essenziali nazione vincolata, anche per la parte di finanza locale, del fondo ale per le politiche sociali Pag.89 Pag.89 Pag.90 ere il territorio del distretto come ambito di lettura, di analisi e disfacimento dei bisogni e come area privilegiata della ammazione della rete di servizi Pag.92 delle azioni finalizzate alla stesura dei Piani di zona

7 ppare un Piano regionale di comunicazione sociale per ridurre tacoli all'accesso ai servizi Pag.94 ppo di un Piano regionale di comunicazione sociale per ridurre tacoli all'accesso ai servizi, mediante l'attivazione di una gia di informazione in una logica di rete letare la definizione degli standard delle prestazioni sociali e lidare ed estendere l'utilizzo di strumenti atti a garantire l'equità esso alle prestazioni ed ai servizi letamento della definizione di standard delle prestazioni sociali lidamento ed estensione dell'utilizzo di strumenti atti a garantire tà di accesso alle prestazioni e ai servizi Pag.96 Pag.96 Pag 96 ppare la solidarietà e la responsabilità sociale secondo il pio della sussidiarietà verticale ed orizzontale ozione di un coordinamento regionale per le politiche giovanili gno alla famiglia come risorsa di coesione e solidarietà sociale gno, in ambito regionale, nazionale ed internazionale, del tariato sociale Pag.99 Pag.99 Pag.100 Pag.101 re politiche di prevenzione del disagio minorile e giovanile e di ento a favore di minori e giovani in situazione di disagio nzione del disagio minorile e giovanile zzazione di interventi in favore di giovani ultradiciottenni in ione di disagio zzazione di uno spazio suppletivo di emergenza alle comunità ali per minori, idoneo ad accogliere minori stranieri non pagnati Pag.103 Pag.103 Pag.103 Pag.104 ppare gli interventi tesi a contrastare le situazioni di bisogno e, con particolare attenzione alla disabilità e alla non ufficienza Pag.106

8 gno alle persone con disabilità e alle loro famiglie e ziamento del lavoro di rete gno all'integrazione sociale delle persone con disabilità e il loro mento in contesti occupazionali di una sperimentazione di un pronto intervento sociale Pag.106 Pag.108 Pag.109 urare lo sviluppo continuo delle professionalità sanitarie e i sulla base delle esigenze della domanda di prestazioni e del sfacimento dei bisogni della popolazione regionale Pag.111 toraggio dei fabbisogni di risorse umane e definizione di enti omogenei per la programmazione e l'attuazione dello po continuo delle professionalità in ambito sanitario e sociale dere il regime dell'autorizzazione a tutte le strutture e le attività rie e sociali, come garanzia del livello qualitativo delle zioni, applicare e sviluppare il regime dell'accreditamento delle re, delle attività e dei professionisti in ambito sanitario e sociale izzazione alla realizzazione ed all'esercizio di strutture e di à sanitarie, socio- sanitarie, socio- assistenziali e sociotive ditamento delle strutture, delle attività e dei professionisti in o sanitario al fine di orientare i processi di crescita della qualità rvizio Sanitario Regionale verso l'eccellenza Pag.114 Pag.114 Pag.116 dere la rete dei sistemi informativi sanitari e sociali regionali al i favorire l'accesso ai servizi da parte del cittadino e di sostenere essi di programmazione e di controllo delle risorse umane, miche e tecnologiche in ambito sanitario e sociale sione della rete dei sistemi informativi sanitari e sociali ali, al fine di favorire l'accesso ai servizi da parte del cittadino e ità di comunicazione ppo della rete dei sistemi informativi sanitari e sociali regionali, di sostenere i processi di programmazione e di controllo delle e umane, economiche e tecnologiche in ambito sanitario e e Pag.119 Pag.119 Pag.121

9 zzare l'unificazione delle sedi ospedaliere al fine di organizzare tenza per acuti in base al miglior rapporto tra tipologie di zioni e risorse impiegate Pag.126 odernamento delle strutture ospedaliere in un unico presidio nere il processo di rinnovamento strutturale e tecnologico delle re e delle attività sanitarie e socio-sanitarie regionali isurato al grado di innovazione tecnologica ed organizzativa lente in ambito sanitario Pag.128 lusione degli interventi di ristrutturazione e di manutenzione dinaria presso il presidio ospedaliero di Viale Ginevra ad Aosta uazione di progetti mirati per lo sviluppo della rete assistenziale ria territoriale e la rete dei servizi sociali di strutture logistiche adeguate a ere il processo di decentramento dell'assistenza sociale Pag.133 uamento della rete delle infrastrutture dei servizi sociali ai ogni emergenti della popolazione regionale, con particolare ione all'attuazione di progetti mirati nell'ambito dell'assistenza ersone anziane e disabili nere con adeguate risorse finanziarie le azioni del presente Piano Pag.136 iduazione dei criteri per il finanziamento delle azioni necessarie seguimento dei bisogni di salute e di benessere sociale a programmazione socio-sanitaria e la programmazione gionale e monitoraggio delle attività di Piano Pag.144 orti tra la programmazione socio sanitaria e la programmazione mico finanziaria regionale toraggio delle attività di Piano Pag.144 Pag.144 biettivo n. 18 Pag.147

10 guida per i Piani di zona tori ogrammazione partecipata enuti dei Piani di zona i predisposizione li essenziali delle prestazioni i di supporto Pag.147 Pag.150 Pag.152 Pag.153 Pag.156 Pag.158 Pag.159 biettivo n. 25 Pag. 161 bisogno espresso di residenzialità nelle cure alla persona Pag. 161 metri assistenziali rta di residenzialità erogata presso strutture ospedaliere e riali regionali rta di residenzialità erogata presso strutture ospedaliere e riali extra-regionali Pag. 164 ma degli obiettivi del Piano Pag.167 RINCIPI GENERALI DI ad un nuovo documento regionale di ne sanitaria e sociale si realizza attraverso un processo ed adegua le strategie fino ad allora realizzate, alle attori nel frattempo intervenuti e allo studio delle evoluzioni.

11 to processo i risultati già raggiunti icazione attuata, uniti alle nuove evidenze emerse dei bisogni di tipo epidemiologico e sociale. laborazione della nuova pianificazione regionale si colloca to nazionale di rilevante evoluzione istituzionale, culturale che può così essere sintetizzato: o di riforma del Titolo V della Costituzione attuato con la ituzionale n. 3/2001, che ha sancito la federalizzazione onenti sanitarie e sociali del welfare, ponendo le per il passaggio da un sistema di welfare statale ad un politica comunitaria (welfare community), rafforzando eralismo fiscale introdotto dalla legge n. 133/1999 e reso dal decreto legislativo n. 56/2000;. 328/2000, legge quadro lungamente attesa per la one del sistema integrato di interventi e servizi del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 14 febbraio ernente l'atto di indirizzo e coordinamento in materia di i socio-sanitarie; del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 29 novembre ivo alla definizione dei livelli essenziali di ; oni di una ulteriore fase di devoluzione e ripartizione dei a Stato e Regioni in materia di salute e di assistenza di definizioni di livelli di fabbisogno anche nel campo dei ciali, in analogia ai livelli di assistenza individuati per nell'esigenza di assicurare parametri equi ed i prestazioni in risposta ai bisogni della popolazione. filo culturale emerge con sempre maggiore necessità di sviluppare soluzioni gestionali per ei servizi alle persone, nell'esigenza di affrontare e le componenti sanitarie, socio sanitarie e sociali incipi di una politica di comunità, o welfare iò comporta che: io sanitario può contribuire all aumento delle attese di vita zione, ma è insufficiente, anche al massimo della sua za, per affrontare problemi di organizzazione sociale, di sistema oduttivo, di assetto territoriale, di dinamica demografica che fondo impatto sulle condizioni di vita, sulla distribuzione dei a disponibilità delle risorse, in altre parole, sulla salute ed il generale; io sanitario va considerato all interno di un sistema

12 ù ampio e non in sovrapposizione ad esso, che necessita di e di coordinamenti tra tutte le componenti del servizio socio gionale a vario titolo impegnate nel promuovere, mantenere e uno stato di salute fisica e psichica; necessario procedere allo sviluppo ed alla qualificazione dei gli interventi sociali, che consentano al servizio socio-sanitario svilupparsi non tanto come organizzazione di elementi aggregati ungimento di predefiniti obiettivi, quanto come insieme di loro interagenti, che operano per perseguire i medesimi ndipendentemente dall organizzazione amministrativa di ; po in termini di sistema dei servizi per la salute ed il ciale, porta a: nell integrazione tra tutte le componenti sociali la metodologia eale per aprire l organizzazione del servizio sanitario a logiche sociosanitarie, ma di salute e di benessere in senso più ampio; ialogo interdisciplinare ed interistituzionale che sottolinei la operare una connessione fra le diverse tipologie di servizi popolazione (quelli sanitari, quelli sociali, quelli della casa,, dei trasporti e dell ambiente, che possono tutti influire sullo ute e di benessere sociale della popolazione) in modo il più mplementare gli uni agli altri, secondo una concezione unitaria alla persona ; nel territorio e nelle sue articolazioni - comunità montana o l ambito privilegiato nel quale ricomporre l unitarietà dei persona; la necessità di ruoli istituzionali che distinguano chi governa,, chi organizza, chi produce, indipendentemente dalle coincidenze dalla dimensione del territorio; tutte le potenzialità dell associazionismo e del volontariato i cittadini e le loro associazioni nelle scelte che riguardano la benessere sociale, secondo una logica di programmazione il ruolo della famiglia nell educazione alla salute, al benessere tenza ai suoi componenti, coinvolgendola e sostenendola come irrinunciabile valore umano e sociale per la comunità valdostana. to appena detto, si pone in evidenza che: ne della pianificazione sanitaria non può limitarsi al alute/malattia; he per la salute non possono essere affrontate con i soli del servizio sanitario, ma vanno inquadrate nell ambito più ampio a di benessere sociale (ovvero del sistema di garanzie che l massimo benessere sociale e sanitario alla popolazione nei le risorse disponibili); ematica relativa alla salute ed al benessere sociale deve olta ponendo al centro la persona e la sua qualità della vita, da con dinamiche di autosviluppo del singolo, della famiglia e delle ocali; nuovo, come quello richiesto dalla politica di comunità, sere governato con gli strumenti della precedente programmazione. ede una nuova configurazione e nuove modalità di raccordo fra la ione regionale, la pianificazione locale e la pianificazione le; necessità di una intersettorialità sia nella programmazione rventi per la salute e per il benessere sociale, sia nella ione dei servizi sanitari e sociali, considerando a tal fine le i:

13 ra la programmazione sanitaria e la programmazione le più ampia; e di strumenti di raccordo fra competenze proprie del ocio sanitario regionale e quelle degli enti locali; età orizzontale, con la presenza del privato sociale e del to; ione del sistema di servizi secondo un modello di reti ia. ale scenario, da un lato, si ritengono ancora validi i principi el precedente Piano socio-sanitario regionale per il triennio i, pertanto, si rinvia in termini di continuità, dall altro, vi bisogni che richiedono di procedere nell ottica di: entro dell attenzione la persona, come soggetto di diritti e e come protagonista dell organizzazione dei servizi, do però al contempo in essa la consapevolezza del limite. La di limiti, sia di conoscenza, sia di efficacia, ad oggi li persino per la scienza medica più avanzata, aiuta chi è in di malattia, e la famiglia che lo assiste, a superare meglio spesso molto difficili; l eticità del sistema, sia per quanto riguarda gli - ai quali va l invito ad aderire alle regole della buona pratica ale - sia per quanto riguarda i cittadini - che sono invitati ad in modo corretto ed esauriente per valorizzare al massimo la ezza e la libertà di scelta -, sia infine per quanto riguarda il ra operatori e cittadini, che deve essere imperniato sul reciproco nel rispetto della persona, dei bisogni e dei ruoli; il governo dell offerta, come definita dai livelli di assistenza sanitaria (LEA) e dai futuri livelli delle i sociali (LEP), definendo cosa deve essere messo a disposizione, quali caratteristiche, al fine di rispondere ai bisogni ed alla e domanda di prestazioni; e l offerta, della quale è responsabile il Governo della alla organizzazione produttiva, di cui rispondono l Azienda U.S.L. stazioni sanitarie e sempre più gli enti locali per le prestazioni la salute, intendendo con ciò non l assenza di malattia, ma o che consente alle persone di esercitare un maggior controllo ria condizione di benessere psico-fisico e di migliorarla; il processo di integrazione fra servizi sanitari e servizi stenziali orientando l organizzazione delle prestazioni verso una temica che garantisca il coordinamento di adeguati percorsi di assistenza alla persona; processo di modificazione e di decentramento agli enti l organizzazione e della gestione dei servizi socio-assistenziali; l efficacia delle prestazioni e l efficienza delle gestioni. metodologia si intende passare dalla pianificazione sociocomunemente detta, alla pianificazione per la salute ed il sociale o, meglio, da un Piano socio-sanitario regionale ad per la salute ed il benessere sociale della popolazione. ente il piano si sviluppa nel rapporto fra obiettivi, attività e dei processi e degli esiti, osservando in proposito che: gli indirizzi strategici sono le direttrici fondamentali uali scorre tutto il processo di pianificazione e dalle quali

14 biettivi e attività; ivi sono conseguenti e realizzativi dei valori strategici no individua come linee di indirizzo per la pianificazione; à sono le azioni, le iniziative, i processi con cui si ndere più efficace ed efficiente l offerta di servizi e di i alla persona per il perseguimento degli obiettivi; di validità della pianificazione, per alcune attività può n valore progettuale di lungo periodo alla cui base però è concordare un processo decisionale sui futuri assetti ivi e sulla loro evoluzione. nte a tutto ciò, l'attività one dei bisogni di salute e di benessere sociale, svolta tituzionale, assume la funzione di verifica e di o dell'azione di pianificazione così intrapresa. sulla base dei nuovi bisogni e delle ioni di vita. ale compito di un sistema per la salute ed sociale è quello di tutelare e promuovere la a, psichica e sociale di tutti i cittadini. Tale sulta però raggiungibile solo se il servizio quello sociale sono in grado di soddisfare, dopo averli alutati, i bisogni della popolazione di riferimento. ei bisogni non prescinde dalle che del contesto in cui il bisogno nasce e si manifesta, generalizzate a livello nazionale o proprie di un ambito osta, al pari di quanto accade a livello ta vivendo un'epoca caratterizzata da rilevanti del contesto sociale, scientifico e tecnologico che hanno ogni della popolazione, facendo emergere nuove esigenze assistenza legate soprattutto alla cronicità. to dell'età media della dovuto anche alla diminuzione della mortalità per ute, ha determinato un aumento delle patologie nerative collegate all'età e spesso associate ità. E' necessario predisporsi ad affrontare una ssistenza di natura diversa da quella tradizionale, ta da nuove modalità di erogazione, basate sui la continuità delle cure per periodi di lunga

15 prattutto, dall'integrazione tra prestazioni sanitarie l'evoluzione delle professioni ha l mercato del lavoro, rendendolo più consapevole e e, ma anche molto più dinamico, al punto che ualche anno saremo condizionati da carenze dovute ad una grammazione formativa. Strategico in questo senso risulta l'università della Valle d'aosta assumerà one delle figure professionali, soprattutto se svolto in aborazione con la realtà del mercato del lavoro. delle tecnologie sanitarie e genetiche ltre oggi di raggiungere risultati quali-quantitativi nel passato, ma pone il problema dell'assorbimento di omiche sempre maggiori a fronte della garanzia di iversalità delle prestazioni. assistito ad un mutamento pio che ha prodotto uno straordinario incremento della epita di salute da parte dei cittadini che si sentono l centro del sistema salute e chiedono prestazioni di garantiscano continuità assistenziale, multidimensionale e multiprofessionale. Un mutamento e non sempre però ha orientato le richieste nel ppropriatezza, poiché l'aumento di facilmente disponibili su accessi a cure e prestazioni, a favorito la finalità educativa arrecando un ale per la salute, ma piuttosto ha di frequente creato a libero mercato, in cui le regole etiche non sono ancora e e le persone non hanno ancora acquisito gli strumenti idonei a beneficiare della molteplicità di uperspecializzata, senza essere da questa sovrastata e. alute, e l'offerta pubblica in si trovano, rispetto al passato, costretti anche a a tutelare i cittadini da eccessi di prestazioni, a correggere una domanda a tratti impropria, con frequente one da parte degli utenti che ritengono non sia stata sposta al bisogno. per una popolazione di montagna.

16 e della salute nelle diverse realtà un impegno e una garanzia che trae origine dalla Costituzionale. Questa stessa Carta afferma che la a e la valorizzazione delle zone montane rivestono preminente interesse nazionale' (art. 44), da qui il dovere, da parte dello Stato di garantire su tutto o nazionale i livelli essenziali ed uniformi di anitaria e sociale. e gestire servizi sanitari e sociali in ani comporta senza dubbio difficoltà maggiori e e differenziate (parametri diversi, in termini, ad posti letto per abitante, tassi di ospedalizzazione etto a zone di pianura, sistema di emergenza più cc..). Svantaggi naturali, svantaggi climatici e squilibri nella struttura demografica e talvolta in le rendono più difficile, in montagna, ne dei modelli utilizzati in altre aree del Paese. d arrivare in ogni paesino con servizi di i più elevati di costruzione delle strutture sociali sono i problemi con cui confrontarsi stabilmente nelle zone inoltre la vita associativa è più la distanza dal centro ospedaliero è maggiore. va quindi sottolineato il nostro problema : la sanità in montagna comporta costi strutturali la media nazionale. La Commissione sui problemi della ntagna istituita nel luglio del 2000 con decreto o della Salute ha quantificato l'incidenza di tale ll'ordine del 20%. tuazione di partenza, non favorevole,, nella stesura del nuovo piano regionale per la benessere sociale, utilizzare al meglio tutte le ' del nostro territorio, tutte le risorse evedendo modelli organizzativi più efficaci. infatti sono anche territori di qualità. tamente riferibile a valori reali ed oggettivi di ubrità dell'aria e delle acque, alla bosco, al panorama, alla minore incidenza di rumori e di uinamento, a stili di vita che prevedono maggiore ica, a prodotti alimentari locali di sicura osì come risorsa importante della nostra na è il volontariato, frutto di quella alpina così importante nel passato e da anche oggi come grande possibilità di integrazione i pubblici.

17 ealtà, portatrice di difficoltà ca di elementi positivi, bisogna studiare e mettere in i organizzativi sanitari e sociali più rispondenti specificità. L'attivazione di questi modelli un laboratorio di qualità non solo per la nostra ostro territorio si presta infatti in modo alla prevenzione sanitaria primaria e secondaria delle Valle d'aosta, che già spende di più Regioni in questo settore, incentiverà anche la emiologica per una prevenzione ancora più sapevoli infine che fornire un itario e sociale efficace e capillare nelle nostre valli paesi sarà condizione determinante per il della popolazione nelle zone alpine e che ciò l controllo e la salvaguardia del territorio li per la sopravvivenza. della territorialità e l'orientamento per l'evoluzione del dei servizi in una prospettiva di sistema e te integrazione fra i servizi sanitari e i servizi la salute e il benessere sociale, attribuisce al ed agli enti locali in esso istituzionalmente i, un ruolo di centralità, sia sotto il profilo o, sia sotto il profilo degli strumenti di ne. ndi necessario un ulteriore sviluppo del e deve adeguare l'organizzazione dei servizi e delle bisogni espressi dalla popolazione e cioè le modalità indotte dall'organizzazione dei secondo le modalità comunemente previste dai cura', in base ai quali il contributo di ogni atore, sanitario o sociale è pensato anche al di nfini fisici e disciplinari del servizio a cui perché prevede un approccio multifunzionale al alute e di assistenza, e soprattutto una maggiore organizzativa. i tratta di un processo graduale e lento, esso culturale e formativo che lo deve accompagnare

18 nuova organizzazione dei servizi venga percepita ne ottimale - e non imposta - per rispondere in modo d integrato a bisogni di salute e di benessere sociale omplessi. un percorso necessario che ha già i funzionare efficacemente in alcuni segmenti sanitaria, come le strutture ospedaliere, e come da tempo nei settori delle politiche sociali, in in carico è ad opera di équipe ionali che abitualmente operano uscendo dai confini strutture di appartenenza per incontrare e risolvere il a persona, insieme ad altre figure professionali, protocolli di intervento condivisi e comuni. mporterà una graduale: one dei meccanismi organizzativi, consistente nella zione ed ottimizzazione delle attività svolte; zione dei processi, consistente nella ricomposizione delle ioni in percorsi o processi orientati alla persona, che avrà come a anche la riduzione di funzioni di coordinamento fra le gestionali, organizzative e produttive del servizio socio regionale, ne di sistemi di controllo delle attività esercitate e di e e retribuzione del personale in rapporto ai risultati, sia in termini di esito che di soddisfazione degli utenti. senziali delle prestazioni sociali (LEP). to alla salute, genericamente intesa, e la esigenza di integrazione fra servizi sanitari e servizi ermina la necessità di individuare, accanto ai nziali di assistenza sanitaria (LEA), anche i livelli elle prestazioni sociali (LEP). iguarda le politiche sociali, lo Stato è norma della lett. m) del secondo comma dell'art. 117 uzione, a stabilire quali siano i livelli essenziali zioni sulla scorta di quanto già stabilito dalla /2000, ovvero a garantire quell'insieme di prestazioni scono il fattore unificante della cittadinanza sociale e tto contro il rischio di diversificazioni del territorio nazionale. a livello nazionale, la riforma del

19 rte II della Costituzione ha profondamente inciso sul e competenze legislative ed amministrative tra Stato e efinendo complessivamente i rapporti tra i livelli di edendo, tra l'altro, che sia lo Stato a definire con e e in modo uniforme su tutto il territorio nazionale i imi o irrinunciabili' delle prestazioni relative ai li e sociali, e attribuendo alle Regioni la ne di ogni ulteriore intervento nel settore. dei servizi sociali, il 'nucleo dei diritti sociali coincide con quel 'livello restazioni, al di sotto del quale viene meno la onosciuta a tutti i cittadini italiani dalla Costituzione to rappresenta il 'livello irrinunciabile' nel ui si progetta una definizione dei livelli essenziali zioni. Come dire che per definire i LEP è artire da questa base comune di prestazioni garantite a adini italiani. za, nelle politiche sociali si definisce enziale' quel livello aggiuntivo, ulteriore al imo o irrinunciabile' già previsto dal diritto le. i di ciò che è immediatamente e direttamente esigibile, in quanto come diritto costituzionale sono: al lavoro previsto dall art. 4 della carta Costituzionale, ve le condizioni che rendano effettivo questo diritto in ciascun secondo le proprie capacità e scelte; previsto dall art. 38 della carta Costituzionale al to e all assistenza sociale per gli inabili al lavoro sprovvisti necessari per vivere che si esplica attraverso specifiche i economiche (pensioni assistenziali, rendite INAIL, ecc.); previsto dall art. 30 della carta Costituzionale in tema di minori; previsto dall art. 32 della carta Costituzionale in tema di ensiva della salute, in particolare per quanto riguarda le cure gli indigenti. 328/2000, dal canto suo, ha definito i nziali delle prestazioni sociali, ma lo ha fatto meri ambiti di intervento (art. 22, c. 2) che devono iti di contenuti specifici per dare chiarezza e di garanzia di prestazioni offerte in base al territorio, à ed ai requisiti di accesso.

20 sì ad oggi solo delle grandi ulle quali instradare il sistema integrato di interventi ciali regionali, lungo le quali andranno progressivamente le prestazioni da garantire in ragione delle legate alla contingenza temporale ed ai diversi ambiti. zione regionale dei LEP occorrerà tinguere, da un lato, le prestazioni rese a livello e costituiscono il livello minimo delle prestazioni diatamente esigibili perché garantite dalla carta le (e come tali diritti soggettivi), dall'altro le ulteriori, che possono essere garantite dalla ne regionale dei servizi, secondo criteri di in relazione ai bisogni ed alle risorse disponibili. lità del rapporto tra risorse ed attività o to dei servizi verso la salute ed il ciale, l'integrazione fra sanità e servizi ntroduzione dei livelli essenziali delle prestazioni nfine l'ulteriore sviluppo previsto per ione del territorio, pongono l'esigenza di una forte l rapporto fra attività o prestazioni garantite e egate ed, in particolare, alla certezza delle fonti di o. ai dati relativi alla spesa sanitaria e nti dagli atti contabili di previsione nel periodo resa nell'ambito della parte del presente Piano e risorse finanziarie - emerge che l'incidenza della assume un peso crescente a carico del bilancio riva che il problema della dei 'livelli essenziali' in ambito sanitario e e LEP) pone la questione di una possibile selezione zioni sanitarie e sociali da garantire alla popolazione tra universalità di accesso alle equità e qualità delle prestazioni è

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 932 30/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 22729 DEL 24/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA'

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA' REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 898 16/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 21370 DEL 10/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie. Sottotitolo: semplice, complicato, complesso

L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie. Sottotitolo: semplice, complicato, complesso L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie Sottotitolo: semplice, complicato, complesso Dal primo Servizio sanitario, sul modello Bismark, in circa un secolo di storia si è passati

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

SICILIA PIANO SANITARIO REGIONALE 2000-2002

SICILIA PIANO SANITARIO REGIONALE 2000-2002 SICILIA PIANO SANITARIO REGIONALE 2000-2002 Il Piano sanitario regionale, sulla base delle indicazioni contenute nel Piano sanitario nazionale 1998-2000, ha come obiettivo la promozione alla salute. Tale

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Palermo 31 maggio 2013 Rita Costanzo LIVEAS Il concetto di livelli essenziali di assistenza è stato introdotto dalla legge n. 328/2000,

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

* Responsabilità familiari, capacità genitoriali e diritti dei bambini e degli adolescenti;

* Responsabilità familiari, capacità genitoriali e diritti dei bambini e degli adolescenti; Delib.Ass.Legisl. 23-11-2006 n. 91 Programma annuale 2006: interventi, obiettivi, criteri generali di ripartizione delle risorse ai sensi dell'art. 47, comma 3, della L.R. n. 2/2003. Stralcio del Piano

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO

AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO minori e famiglia anziani disabilità dipendenze e salute mentale disagio e marginalità sociale altro (ove la specificità territoriale lo richieda, possono essere individuate

Dettagli

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE di REGIONE LOMBARDIA BOZZA documento da sottoporre all Assemblea dei Sindaci Ambito Valle Brembana per l inoltro in Regione Lombardia Regione Lombardia imposta tutta la sua

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA NELL AREA TEMATICA ANZIANI

PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA NELL AREA TEMATICA ANZIANI PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA NELL AREA TEMATICA ANZIANI (in attuazione dell art. 7 dell atto d intesa dd.13/11/07 fra l Ambito 1.1, Ambito 1.2 Ambito 1.3 e l Azienda per i Servizi Sanitari

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

ANALISI DELLA POLITICA PUBBLICA ATTO N. 430 DATI IDENTIFICATIVI

ANALISI DELLA POLITICA PUBBLICA ATTO N. 430 DATI IDENTIFICATIVI Processo Legislazione e Studi ANALISI DELLA POLITICA PUBBLICA ATTO N. 430 DATI IDENTIFICATIVI Tipo atto Proposta di legge di iniziativa consiliare Numero atto 430 Proponente Consigliere Cirignoni Titolo

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI PIANI ATTUATIVI AZIENDALI Il Piano attuativo delle Aziende sanitarie del Servizio Sanitario regionale è, ai sensi dell art.5 della legge regionale 14 aprile 2009, n.5, atto della programmazione sanitaria

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli