SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI"

Transcript

1 SCHEMA DI CONTRATTO D'APPALTO SERVICE DI ESERCIZIO, CONDUZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, SPECIALI, RILEVAMENTO FUMI, TERMOMECCANICI, IDRICO-SANITARI, ANTINCENDIO E FOGNARI DEGLI AEROPORTI DI MILANO LINATE E MALPENSA TRA Società p.a. Esercizi Aeroportuali SEA con sede in Segrate Aeroporto di Milano Linate, p.iva, c.f. e numero iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n , capitale sociale ,00 i.v. in persona del Presidente e Chief Executive Officer Avv. Giuseppe Bonomi, munito degli occorrenti poteri (di seguito per brevità SEA ) E la società... con sede in, via,n. ; P.IVA e c.f.., iscritta al Registro delle Imprese di.. al n... ed al R.E.A. al n..., capitale sociale.. in persona del procuratore speciale.munito degli occorrenti poteri come da atto n. di repertorio, raccolta n..notaio in.. (di seguito per brevità denominata Appaltatore ); PREMESSO - che SEA ha realizzato e gestisce gli aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa in base alla legge 18/4/62 n. 194 e alla convenzione 7/5/62 n. 191, come novata dalla convenzione SEA/ENAC del 4/09/01, che ha prorogato il regime privato del sistema aeroportuale di Milano fino al 4/05/2041; - che SEA intende affidare in appalto il servizio di service di esercizio, conduzione e manutenzione degli impianti elettrici, speciali, rilevamento fumi, termocondizionamento, idrico-sanitari, antincendio, fognari e gas-metano presso gli Aeroporti di Milano Malpensa e Milano Linate; - che in data SEA ha indetto una procedura aperta interamente gestita con modalità telematica, ai sensi degli artt. 220 e 85 comma 13 del D.Lgs. 163/06 per l affidamento del suddetto service; - che il Numero Gara assegnato al presente appalto dall Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture è il nr ; - che il C.I.G. assegnato al presente appalto dall'autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture è il nr E1D; - che SEA e l Appaltatore hanno provveduto al pagamento del contributo in favore della suddetta Autorità rispettivamente nella misura di Euro 800,00 ed Euro 500,00; - che l Appaltatore dichiara di disporre della struttura, dei mezzi tecnici e finanziari e dell esperienza necessari per assolvere gli impegni che da ciò gli derivano; - che l Appaltatore ha preso visione dei luoghi interessati dal servizio di manutenzione ed è a conoscenza dei limiti e vincoli operativi che derivano dall attività aeroportuale anche in relazione alla sua continuità; - che l Appaltatore dichiara di essere a conoscenza, e si impegna a rispettare, le leggi, convenzioni ed ordinanze che disciplinano le attività sugli aeroporti ivi compresa la circolazione di persone e/o mezzi, nonché gli oneri e gli obblighi

2 della SEA verso l Amministrazione dello Stato per ciò che attiene la continuità del servizio e la gestione aeroportuale; - che, per soli fini operativi, il presente contratto risulta articolato in quattro sezioni di cui, la prima e la quarta, contenenti le Disposizioni generali comuni a tutte le sezioni, la seconda inerente la specifica attività da rendersi sull aeroporto di Milano Malpensa e, la terza, inerente l attività da rendersi sull aeroporto di Milano Linate; - che il presente contratto è a tutti gli effetti un atto di diritto privato disciplinato dalle norme del Codice Civile. Tutto ciò premesso SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI - 1a PARTE ARTICOLO 1 PREMESSE Le premesse formano parte integrante del presente contratto. ARTICOLO 2 DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - manutenzione: la combinazione di tutte le azioni tecniche ed amministrative, incluse le azioni di supervisione, volte a mantenere o riportare un impianto in uno stato in cui possa eseguire la funzione richiesta (UNI 10147); - esercizio e manutenzione degli impianti elettrici, rilevazione incendio e speciali: il complesso di operazioni che comporta l assunzione di responsabilità finalizzata alla gestione degli impianti includente: manutenzione ordinaria, preventiva, correttiva, straordinaria e controllo; - conduzione degli impianti elettrici, speciali e rilevazione incendio: il complesso delle operazioni finalizzato, attraverso una sorveglianza continuativa degli impianti, a mantenere costantemente in efficienza gli impianti medesimi, secondo gli standard previsti dal contratto e relativi allegati, nonché l assistenza ed operazioni varie svolte dal personale in turno senza impiego di materiale (Es.: esportazione dati dai sistemi di supervisione, assistenza ad Enti di Stato o Security per l esportazione e la visione di immagini e/o dati, attivazioni/disattivazione di utenze varie, tipo SDVCS, permute e/o collegamenti provvisori linee elettriche di operatori terzi, ripristino monitor o apparati vari, verifiche, controlli, collegamenti e/o scollegamenti di apparecchiature/impianti non compresi nella consistenza impianti, assistenze a spostamenti/traslochi di postazioni di lavoro ove non necessiti di implementazione degli impianti, assistenze a lavorazioni appaltate a ditte terze sia da Unità Organizzative di Manutenzione Scalo MXP che da Direzione Lavori, comprensive di tutte le operazioni finalizzate sia a preservare lo stato dei componenti gli impianti oggetto dei lavori che a consentire le lavorazioni in regime di sicurezza elettrica ); - esercizio e manutenzione di un impianto termico: il complesso di operazioni che comporta l assunzione di responsabilità finalizzata alla gestione degli impianti includente: conduzione, manutenzione ordinaria e straordinaria e controllo, nel rispetto delle norme di sicurezza, di contenimento dei consumi energetici e di salvaguardia ambientale (Art. 1, lett. n, D.P.R. 412/93 e successiva modifica in D.P.R. 551/99); 2

3 - conduzione degli impianti di termocondizionamento, idrico-fognari e antincendio: il complesso delle operazioni finalizzato, attraverso una sorveglianza continuativa degli impianti, a mantenere costantemente in efficienza gli impianti medesimi, secondo gli standard previsti dal contratto e relativi allegati, nonché l assistenza ed operazioni varie svolte dal personale in turno senza impiego di materiale; - manutenzione ordinaria, la tipologia di interventi manutentivi atti a mantenere o ripristinare l efficienza dei beni, contenere il normale degrado d uso, garantire la vita utile del bene, far fronte ad eventi accidentali che comportino la necessità d interventi manutentivi (UNI 10992); - lavori di manutenzione: la tipologia di interventi non ricorrenti e d elevato costo in confronto al valore di rimpiazzo del bene e ai costi annuali di manutenzione ordinaria dello stesso; rientrano nella definizione gli interventi che, su indicazione di SEA, sono eseguiti per implementazioni e/o modifiche agli impianti, per apportare correzioni al funzionamento degli impianti medesimi, per riparare o sostituire componenti dell impianto non previsti a carico dell Appaltatore; - manutenzione preventiva: la manutenzione eseguita a intervalli di tempo predeterminati o in accordo a criteri prescritti, volta a ridurre la probabilità di guasto o la degradazione del funzionamento di un entità (UNI 10147); - manutenzione correttiva: manutenzione eseguita a seguito della rilevazione di un avaria e volta a riportare un entità nello stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta (UNI 10147); - disponibilità: l attitudine di un entità a essere in grado di svolgere una funzione richiesta in determinate condizioni a un dato istante o durante un dato intervallo di tempo, supponendo che siano assicurati i mezzi esterni eventualmente necessari (UNI 10147); - stato di incapacità: lo stato di un entità caratterizzato dalla sua inabilità a eseguire la funzione richiesta per una ragione qualunque (UNI 9910); - guasto: la cessazione dell attitudine di un entità a eseguire la funzione richiesta (UNI 10147); - avaria: lo stato di un entità caratterizzato dalla sua inabilità ad eseguire una funzione richiesta, non comprendente l inabilità durante la manutenzione preventiva o altre azioni pianificate, oppure dovuta alla mancanza di mezzi esterni (UNI 10147); - guasto parziale: un guasto che comporta l incapacità di un entità a svolgere alcune delle funzioni richieste (UNI 9910); - guasto totale: un guasto che provoca la totale incapacità di un entità a svolgere tutte le funzioni richieste (UNI 9910); - rapporto di guasto: descrizione delle cause, degli effetti, delle modalità di guasto e dei provvedimenti adottati (UNI 10147); - affidabilità: la probabilità che un entità possa eseguire una funzione richiesta in condizioni stabilite per un dato intervallo di tempo (UNI 9910); - periodo di rodaggio: il periodo relativo ai primi quattro mesi di vigenza contrattuale; - tempo tra guasti (TBF): la durata di tempo fra due guasti successivi di un entità riparata (UNI 9910); - tempo al ripristino: l intervallo di tempo durante il quale l entità è in uno stato di indisponibilità a causa di un guasto (UNI 9910); 3

4 - tempo medio al ripristino (MTTR): il valore atteso del tempo al ripristino (UNI 9910); - tempo di riattivazione (TDR): l intervallo di tempo tra la chiamata per pronto intervento e il ripristino dell efficienza dell impianto; - ore uomo di manutenzione (MMH): le durate accumulate dei tempi di manutenzione individuali, espresse in ore, impiegate da tutto il personale per un certo tipo di azione di manutenzione o in un certo intervallo di tempo (UNI 9910); - tempo di indisponibilità di un impianto: l intervallo di tempo durante il quale un entità si trova in uno stato di indisponibilità (UNI 9910); - verifica della manutenibilità: la procedura destinata a determinare se gli obiettivi assegnati alle caratteristiche di manutenibilità di un entità sono stati conseguiti o meno (UNI 9910); - analisi di avaria: l esame logico e sistematico di un entità per identificare ed analizzare le probabilità, le cause e le conseguenze di avarie potenziali (UNI 9910); - analisi di guasto: l esame logico e sistematico di un entità dopo un guasto per identificare e analizzare il meccanismo di guasto, la causa e le conseguenze del guasto (UNI 9910); - ricambio: una parte elementare nuova o ripristinata, che può sostituire una corrispondente usurata o guasta e che permette di riportare l entità nelle condizioni stabilite (UNI 10147) ; - ricambio generico: un ricambio normalizzato utilizzabile su entità non identiche (UNI 10147); - ricambio specifico: un ricambio utilizzabile solo ed unicamente su una data entità (UNI 10147); - materiali ausiliari: i prodotti accessori per l espletamento di attività manutentive (UNI 10147); - livello di guardia: la quantità minima di ricambi e di materiali che deve sempre essere disponibile per realizzare gli interventi di manutenzione. Questa quantità tiene conto della variabilità dei consumi e della variabilità dei tempi di approvvigionamento oltre che del costo di indisponibilità per rotture di giacenza (stock) (UNI 10147); - rottura di giacenza (stock): l indisponibilità di un ricambio e materiale nel momento in cui è necessario impiegarlo (UNI 10147). ARTICOLO 3 - CONTENUTI DEL SERVICE 1. L'affidamento del Service di esercizio conduzione e manutenzione impianti comporta l'assunzione, in capo all'appaltatore, dell'obbligo di: a) erogare i servizi necessari a mantenere nei fabbricati o aree oggetto del contratto le condizioni di esercizio contrattualmente prefissate; b) garantire la disponibilità dei beni in esercizio e manutenzione in accordo agli SLA (Service Level Agreement) prescritti da SEA; c) garantire modalità di conduzione e manutenzione tali da non pregiudicare la vita residua degli impianti. 2. Per l'adempimento dell'obbligazione assunta l'appaltatore dovrà porre in essere tutte le azioni di manutenzione che reputerà necessarie, siano esse ascrivibili ad interventi di manutenzione preventiva, correttiva, ordinaria o straordinaria autorizzata da SEA, o comunque classificabili secondo le vigenti disposizioni 4

5 legislative e regolamentari nonché secondo le norme emanate dagli organismi di normalizzazione nazionali o europei. 3. La manutenzione degli impianti interessa tutta la componentistica meccanica, elettrica ed elettronica nonché le logiche di programmazione dei sistemi di supervisione e comprende anche la fornitura dei materiali, dei ricambi generici e specifici, dei mezzi d opera ed attrezzature necessarie. SEA fornirà all Appaltatore un sistema informativo (SAP R/3 modulo PM), per la gestione della manutenzione. Per l uso del suddetto sistema SAP SEA fornirà adeguato supporto, formazione, nonché postazione dotata di software. In tale evidenza le parti concordano che l Appaltatore non potrà vantare diritto a chiedere compensi o indennizzi alcuni. 4. Con l'affidamento del servizio l'appaltatore assume l'obbligo di condurre gli impianti secondo le regole della buona tecnica. ARTICOLO 4 - RESPONSABILITA DELL APPALTATORE NELL ESERCIZIO/CONDUZIONE E NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI L'Appaltatore, assumendo la responsabilità dell'esercizio, della conduzione e manutenzione degli impianti oggetto della presente sezione contrattuale, diventa responsabile dello stato di conservazione degli impianti, contraendo con ciò l obbligo di porre in essere tutte le azioni necessarie ad evitare il degrado dello stato degli impianti stessi. SEZIONE II AEROPORTO MILANO MALPENSA Parte I - Service di esercizio, manutenzione e conduzione degli impianti elettrici, speciali e rilevazione incendio ARTICOLO 5 - INDIVIDUAZIONE E DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI OGGETTO DEL SERVICE Gli impianti oggetto della presente Parte I del contratto sono sommariamente descritti di seguito e dettagliati nella Relazione Generale Tecnica & Consistenza impianti (Allegato B) che fa parte integrante del presente contratto e nella quale è riportata anche l ubicazione degli impianti stessi. - Impianto elettrico L impianto elettrico comprende: le linee di alimentazione in cavo e/o blindosbarre originanti dai quadri in bassa tensione delle cabine di trasformazione MT/BT ed i quadri elettrici di piano, di zona e uffici fatte salve le eccezioni evidenziate nell allegatob1. Gli UPS e le stazioni di energia sono compresi nel contratto, la loro consistenza è dettagliata nell allegato B1 e per tutti gli UPS è prevista la sostituzione di tutte le batterie nell arco della durata contrattuale. Ai quadri di piano o di zona sono collegati l impianto di illuminazione sia interna che esterna, l impianto di distribuzione di forza motrice, gli UPS e i carica-batterie. Nei quadri di piano o zona possono essere presenti, tutti o in parte, i vari tipi di alimentazione previsti (Normale, Turbina, Gruppo elettrogeno, Gruppo Rotante, UPS). 5

6 Sono esclusi dal contratto le macchine x-ray, le porte automatiche, i portoni, i fan-coils, i metal detector; in questi casi il limite contrattuale è rappresentato dalla corretta alimentazione elettrica. Nel caso delle alimentazioni degli impianti di condizionamento, il limite contrattuale relativo alla presente Parte I arriva fino alla corretta fornitura dell alimentazione delle utenze finali (es.: pompe, ventilatori, gruppi frigo, sistemi di regolazione). Sono compresi nel contratto: gli impianti di protezione catodica sulla rete metano del Terminal 2; gli impianti di monta scale per disabili; le 2 macchine avvolgi monete dei parcheggi; gli impianti di sterilizzazione aria installati presso i servizi sanitari, tutte le torri faro in air-side e land-side, le luci segna ostacoli ad esclusione di quelle in area di manovra (piste e raccordi), le sbarre e i cancelli automatici, raddrizzatori e carica batterie. - Impianti speciali Gli impianti speciali compresi nel contratto sono dettagliati di seguito con i limiti di inserimento per ognuno. Gli impianti di video sorveglianza, presenti nei vari fabbricati o aree, sono tutti compresi nel contratto nella loro interezza, a partire dai sistemi di supervisione, fino alle telecamere. Sono esclusi dal contratto i percorsi effettuati sull impianto telefonico tra i box telefonici di collegamento. Gli impianti di diffusione sonora, presenti nei vari fabbricati o aree, sono tutti compresi nel contratto nella loro interezza. E compreso nel contratto anche il collegamento di diffusione sonora tra Terminal 1 e Terminal 2 e l impianto satellitare di filodiffusione del Terminal 2. Gli impianti di gestione degli orologi sono compresi nel contratto nella loro interezza, dagli apparati di ricezione del segnale fino ai singoli orologi. L impianto di controllo accessi è compreso nel contratto nella sua interezza, dai lettori di badge al sistema di supervisione e alle work-station di gestione e controllo. Sono esclusi dal contratto i percorsi effettuati sull impianto telefonico tra i box telefonici di collegamento. L impianto di distribuzione video su cablaggio strutturato (SDVCS) comprende le antenne di ricezione del segnale, i quadri di comando (master e slave) compresi i percorsi fino ai quadri di cablaggio, i decoder, userbox, i PC di controllo, il sistema di supervisione e controllo e monitor (se forniti dalla SEA). Sono esclusi i percorsi effettuati sull impianto di cablaggio strutturato. Gli impianti di ricezione televisiva comprendono le antenne di ricezione del segnale, l impianto di decodifica e distribuzione del segnale, le centraline, i decoder, gli amplificatori, gli impianti utilizzatori. Gli impianti di supervisione di antincendio e sicurezza, sono compresi nel contratto sia per la parte hardware che per la parte software. Sono esclusi dal contratto i soli percorsi effettuati su apparati passivi dell impianto di cablaggio strutturato. Impianti di video-citofonia, citofonici e interfonici nella loro interezza (compreso elettroserrature). - Impianto antincendio 6

7 L impianto antincendio è composto da centrali antincendio normalmente interfaccciate con concentratori a loro volta collegati con sistemi di supervisione. Alle centrali sono collegati i rivelatori, i pulsanti, la attuazioni. Gli impianti antincendio sono compresi nel contratto nella loro interezza, con la sola esclusione dei percorsi effettuati sull impianto di cablaggio strutturato. Il limite contrattuale è rappresentato dalle attuazioni (elettrovalvole, flussostati, pressostati, serrande tagliafuoco e tagliafumo, estrattori, ecc.) con esclusione della parte idrica dell impianto e della parte meccanica degli attuatori. Sono compresi nel contratto le alimentazioni delle attuazioni, le targhe otticoacustiche e gli apparecchi di segnalazione visiva e/o acustica (ad es. badenie, sirene o specule fuori porta), i magneti di ritenuta porte antincendio. Sono altresì compresi nel contratto gli evacuatori di fumo e calore, anche per la parte meccanica, pneumatica e i comandi con azoto, e anche per i compressori e l impianto pneumatico di comando degli evacuatori di fumo del Terminal 1. Per una descrizione più dettagliata degli impianti elettrici, speciali e antincendio, si rimanda all allegato B e alle tabelle di consistenza impianti in essa contenute. Rimane, comunque, a carico dell Appaltatore la verifica precisa della realtà impiantistica oggetto del presente contratto, che l Appaltatore dà per accertata con la presa visione della sopracitata Relazione generale tecnica (Allegato B1) e con l avvenuto sopralluogo obbligatorio degli impianti. ARTICOLO 6 - VINCOLI ESECUTIVI SERVICE DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE Posto che il Service di esercizio e manutenzione si caratterizza per l'espletamento di una pluralità di servizi aggiuntivi alle normali attività manutentive con piena responsabilità dei risultati in capo all'appaltatore e che, pertanto, non possono essere indicate in modo esaustivo le attività che si dovranno porre in essere per garantire a SEA la disponibilità degli impianti, si riportano in ALLEGATO A Schede tecniche di manutenzione preventiva e conduzione impianti le attività di manutenzione preventiva e di conduzione che le parti concordano doversi, comunque, effettuare. Le attività di manutenzione ordinaria preventiva e straordinaria dovranno essere previste, in orari diurni e notturni, durante tutti i giorni della settimana, producendo il minimo disservizio possibile riconducibile alle condizioni di comfort. L Appaltatore è tenuto alla compilazione e certificazione del registro antincendio con idonee schede intervento elaborate con SEA. Le schede riguarderanno: - controllo mensile dell illuminazione di emergenza e della segnaletica di sicurezza - verifica trimestrale delle batterie dell illuminazione di emergenza e della segnaletica di sicurezza; - verifica semestrale delle attrezzature di sicurezza e della cartellonistica nei locali quadri elettrici; - controllo mensile delle centrali antincendio; - verifica trimestrale (e dopo ogni guasto) del sistema antincendio; - controllo mensile dell integrità dei pulsanti di allarme; 7

8 - verifica semestrale del funzionamento dei rilevatori di fumo, dei pulsanti di allarme e degli attuatori. ARTICOLO 7 - AGGIORNAMENTO DOCUMENTAZIONE L Appaltatore è tenuto ad un aggiornamento periodico di tutta la documentazione relativa agli impianti. Detto aggiornamento avrà cadenza annuale. L aggiornamento riguarderà tutte le modifiche eseguite agli impianti dall Appaltatore. Rientreranno nell aggiornamento anche le modifiche eseguite da enti diversi dall Appaltatore, di cui sarà cura di SEA fornire la documentazione relativa. L Appaltatore dovrà consegnare a SEA n. 1 copia su carta e n. 1 copia su supporto magnetico di tutta la documentazione (schemi funzionali, schemi topografici, schemi quadri, distinte materiali, programmi, ecc.) relativa a tutti i tipi di impianti facenti parte del presente contratto. L Appaltatore dovrà provvedere all elaborazione grafica, riportata anche su supporto informatico, della documentazione tecnica di tutti gli impianti dei fabbricati oggetto del contratto ed elencati nell ALLEGATO B per i quali essa è attualmente mancante, ad esclusione quindi del Terminal 1, Terminal 2, Cargo City, Palazzina Multifunzionale, Hangar, Palazzina ENAC, fabb.ti n 133, 134 e 135; Punto Fuoco T1, Canili GDF e PS, Magazzino Scorte, (schemi topografici degli impianti, schemi quadri e schemi funzionali). L Appaltatore dovrà inoltre consegnare copia su supporto magnetico dei back-up mensili dei programmi e dei dati relativi agli impianti speciali. ARTICOLO 8 - LAVORI DI MANUTENZIONE Rientrano nei lavori di manutenzione straordinaria quelli che derivano da richieste di modifica e/o ampliamento degli impianti, richiesti da SEA, ovvero da ricondursi a richieste di ripristino degli impianti a seguito di danneggiamenti riconducibili ad eventi atmosferici, furti, atti vandalici o erronee lavorazioni, causati da terzi e debitamente documentati (sopralluogo congiunto, relazione integrata da documentazione fotografica). La riconduzione di determinati interventi nel novero dei lavori di manutenzione straordinaria dovrà essere preventivamente concordata con il Responsabile di SEA. L Appaltatore, se richiesto da SEA dovrà comunque provvedere ad eseguire le modifiche o riparazioni richieste, rilasciando le certificazioni e documentazioni relative. L esecuzione dei singoli lavori di manutenzione verrà attivata da SEA mediante formale incarico che, nei casi d urgenza, sarà anticipato via fax o . I corrispettivi per l esecuzione degli interventi specifici richiesti saranno liquidati sulla base di quanto previsto al successivo Art. 16. L Appaltatore dovrà fornire in formato elettronico tutta la documentazione, bolle, rapporti di lavoro, consuntivi, ecc.. che certificano l avvenuta prestazione. Parte II - Service di esercizio, manutenzione e conduzione degli impianti di termocondizionamento, idrico-sanitari, antincendio, fognari e gas-metano ARTICOLO 9 - INDIVIDUAZIONE E DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI OGGETTO DEL SERVICE Gli impianti oggetto della presente Parte II del contratto sono sommariamente descritti di seguito e dettagliati nell ALLEGATO B - Consistenza impianti che 8

9 fa parte integrante del presente contratto e nella quale è riportata anche l ubicazione degli impianti stessi. 1. Impianti di termocondizionamento Gli impianti sono costituiti da sottocentrali e centrali tecnologiche che comprendono tutte le apparecchiature e gli impianti per la gestione dei fluidi nonché le unità di trattamento aria, compresi i rispettivi sistemi di regolazione e/o controllo e le apparecchiature/impianti ausiliari, oltre a tutta la rete di ventilazione e distribuzione in ambiente. Faranno parte anche tutte le apparecchiature di contabilizzazione/misura dei fluidi caldi e refrigerati. 2. Impianti idrico-sanitari Costituiti da reti idriche derivanti dalle sottocentrali tecnologiche, apparecchi sanitari, rubinetterie, impianti di lavaggio e addolcimento acque. Faranno parte anche tutte le apparecchiature di contabilizzazione/misura dei fluidi caldi e freddi. 3. Impianti acque nere e chiare meteoriche Sono costituiti dalla intera rete fognaria orizzontale e verticale, ivi compresi gli impianti di convogliamento e di scarico grassi dei fabbricati, fino al limite di fornitura. Sono compresi anche gli impianti di trattamento delle acque meteoriche, inclusi sistemi di disoleazione(vasche di prima pioggia VPP), impianto bottini di bordo e conferimento finale fognario. Sono escluse le reti verticali delle acque meteoriche di tutti i fabbricati. 4. Impianti di estrazione aria Costituiti da estrattori/torrini per l espulsione dell aria viziata dai vari locali (servizi igienici, cucine, etc.), con anemostati di ripresa o griglie, compreso impianti per l estrazione fumi caldi dai magazzini. 5. Impianti di sollevamento acque nere e chiare Costituito da camere di raccolta ciascuna munita di elettropompe. 6. Impianti antincendio Gli impianti antincendio sono costituiti dagli impianti automatici di estinzione tipo Sprinkler e tipo Lama d acqua, dagli impianti fissi tipo Cassette, Naspi, Idranti e attacchi motopompe, e dagli estintori, sia fissi che carrellati. Sarà compresa la gestione completa delle stazioni antincendio (vasche di riserva idrica, impianto di stoccaggio e distribuzione di liquido schiumogeno, sistemi di pressurizzazione e relative vasche di raccolta delle emulsioni acqua/schiuma, apparecchiature di comando e controllo delle stazioni antincendio) a servizio del fabbricato Hangar di Manutenzione AA/MM aeromobili e della centrale di pressurizzazione antincendio del Terminal Impianti gas-metano Gli impianti metano sono costituiti da cabine di riduzione denominate II salto, dalle quali viene poi distribuita la rete interrata e fuori terra fino ai vari riduttori/stabilizzatori a monte dei relativi misuratori volumetrici. Per una descrizione più dettagliata degli impianti di termocondizionamneto, idrico-sanitari e antincendio, si rimanda alla relazione tecnica (allegato B), che costituisce parte integrante del presente contratto, e alle tabelle di consistenza impianti in essa contenute. Rimane, comunque, a carico dell Appaltatore la verifica precisa della realtà impiantistica oggetto del presente contratto, che l Appaltatore dà per accertata 9

10 con la presa visione dell Allegato B Consistenza impianti e con l avvenuto sopralluogo obbligatorio in fase di gara. Il servizio sarà effettuato negli edifici indicati nel suddetto allegato B ed i suoi limiti sono: Impianti di produzione - H 2 O Refrigerata: dalle centrali frigorifere sino alle utenze finali con reti di distribuzione acqua refrigerata a partire dalle centrali frigorifere o dalle valvole di radice del collettore principale di ogni singola utenza/stc oggetto del contratto. - H 2 O Calda 85 C: Dalle centrali termiche sino alle utenze finali con reti di distribuzione a partire dalle centrali termiche o sottocentrali di scambio sino alle utenze oggetto del contratto. Impianti di termocondizionamento Dalle prese aria esterna ai terminali di distribuzione aria di ogni fabbricato oggetto del contratto. Impianti idrico-sanitari Per uso igienico e sanitario dai collettori/derivazioni fuori terra di ogni fabbricato oggetto del contratto, alle utenze finali. Impianti acque nere e chiare meteoriche Tutta l impiantistica delle reti fognarie del sedime aeroportuale di acque nere e chiare, compresi sistemi di disoleazione delle acque meteoriche piazzali e raccordi, impianto bottini di bordo e conferimento finale fognario. Ad esclusione dell attività di aspirazione su tutta la rete orizzontale a valle dei primi pozzetti d ispezione di ogni singolo Fabbricato oggetto del contratto. Impianti antincendio Tutte le reti di distribuzione fuori terra e interrate oggetto del contratto sino agli idranti/cassette/naspi e attacchi motopompa, compresi impianti automatici sprinkler e diluvi. Sono da intendersi comprese le due centrali di pressurizzazione antincendio dell Hangar e dell Edificio Aerostazione Terminal 2, come da allegato B Consistenza impianti. Impianti elettrici. Comprende esclusivamente tutti i quadri di regolazione e controllo ed i collegamenti alle apparecchiature di campo. Impianti metano. Tutte le reti di distribuzione fuori terra e interrate oggetto del contratto, dalle cabine di riduzione di II salto alle Utenze finali. ARTICOLO 10 - VINCOLI ESECUTIVI SERVICE DI MANUTENZIONE Posto che il Service di esercizio e manutenzione si caratterizza per l'espletamento di una pluralità di servizi aggiuntivi alle normali attività manutentive con piena responsabilità dei risultati in capo all'appaltatore e che pertanto, non possono essere indicate in modo esaustivo le attività che si dovranno porre in essere per garantire a SEA la disponibilità degli impianti, negli allegati A.1, A.2, A.3 ed A.4 sono riportate le attività di manutenzione ordinaria, preventiva e di conduzione, che le parti concordano doversi comunque effettuare. 1. Impianti di termocondizionamento Le attività di manutenzione ordinaria, preventiva e straordinaria dovranno essere previste, in orari diurni e notturni, per tutti i giorni della settimana, 10

11 producendo il minor disservizio possibile riconducibile alle condizioni di comfort previste nell art. 8 Condizioni di comfort impianti di termocondizionamento del presente contratto. SEA si riserverà di interrompere e/o posticipare qualsiasi attività di manutenzione, sia ordinaria, preventiva che straordinaria se le penalizzazioni del servizio risultino gravi o tali da pregiudicare il minimo garantito dei valori termoigrometrici ambientali. 2. Impianti idrico-sanitari e fognari. L Appaltatore dovrà effettuare continui cicli di ispezione giornaliera e garantire il mantenimento in efficienza degli impianti idrico-sanitari e fognari descritti dettagliatamente nel Capitolato Speciale d Appalto. Inoltre, dovrà eseguire mensilmente l analisi dell acqua sanitaria e di reintegro (durezza, PH, conducibilità) con prelievo a monte e a valle degli impianti di addolcimento acqua. L Appaltatore dovrà eseguire controlli settimanali a tutti i pozzetti ispezionabili della rete di scarico interno ai fabbricati in oggetto, con eventuale pulizia e/o disotturazione delle tubazioni orizzontali e verticali. Tali controlli dovranno anche riguardare vasche di sollevamento, conferimento finale fognario, impianto bottini di bordo, vasche raccolta emulsioni oleose, sistemi di raccolta liquido anticongelante Kilfrost e sistemi di raccolta liquido schiumogeno. La periodicità di detti controlli saranno determinati da SEA (settimanali, quindicinali, mensili). L Appaltatore dovrà inoltre garantire l assistenza o la disponibilità (chiusure, svuotamenti e ripristini) degli impianti per attività richieste dalla SEA. 3. Impianti antincendio. L'Appaltatore è tenuto ad effettuare la sorveglianza, la manutenzione e la conduzione degli impianti antincendio, tramite controlli visivi atti a verificare che lo stesso sia nelle normali condizioni operative e che non presenti danni materiali accertabili. Deve inoltre curare il mantenimento in efficienza dei sistemi, dei dispositivi e delle attrezzature finalizzati alla prevenzione incendi così da garantirne la costante disponibilità. In particolare dovrà effettuare: - Le prove in campo, che dovranno effettuarsi come da norma UNI (9489) e secondo i piani periodici di ispezione elaborati con SEA, la quale si riserva la facoltà di fare eseguire prove e collaudi al di fuori di quelle programmate; - Le prove e i collaudi relativi agli idranti a muro, soprassuolo e naspi come da normativa EN671/2 e UNI 10779; - Le prove e i collaudi con assistenza alle verifiche periodiche riguardanti gli impianti speciali antincendio ai fini di verificare la corretta attuazione delle parti meccaniche (valvole impianto a diluvio, flussostati, valvole lame d acqua serrande tagliafuoco e tagliafumo, ecc.), interblocchi e segnalazione allarmi, così come da logica di funzionamento del sistema di telegestione; - La manutenzione ordinaria, intesa come interventi da attuarsi in loco, comportanti l'impiego di materiali di consumo o la sostituzione di parti; - La manutenzione correttiva, ossia l'effettuazione di interventi di ripristino della disponibilità dell'impianto a seguito di rilevazioni o di avarie; - Il ripristino della funzionalità degli impianti a seguito dell'azionamento, compreso il reintegro del liquido schiumogeno della Cabina Hangar, anche a seguito delle analisi annuali per la verifica della capacità estinguente; 11

12 - L assistenza e la disponibilità (chiusure, svuotamenti e ripristini) degli impianti per attività richieste dalla SEA; - L assistenza per le verifiche normative riguardanti le prove delle reti idriche antincendio legate alle centrali di pressurizzazione (UNI 9490); - La verifica, nonché eventuali reintegri dei materiali degli impianti automatici d estinzione in base alle tipologie ed ai diametri installati (UNI 9489, D.M. 10/03/98); - Revisione periodica degli estintori come previsto dalle normative e dalle leggi vigenti; - Collaudo degli estintori come previsto dal D.M riferito alle normative UNI 9994, compreso lo smaltimento ed alienazione di apparecchi estintori esausti o fuori norma, con forniture di nuovi estintori portatili/carrellati/fissi, sempre nel rispetto della giacenza minima a polmone-scorta ; - La compilazione dei vari registri antincendio con idonee schede di intervento di prestazione come da D.P.R. 37/98 elaborate con SEA (settimanali, quindicinali, mensili, semestrali, annuali, quinquennali) 4. Impianti gas-metano. L Appaltatore dovrà effettuare continui cicli di ispezione giornaliera e garantire il mantenimento in efficienza degli impianti di riduzione, stabilizzazione e di misura descritti dettagliatamente nel Capitolato Speciale d Appalto. Inoltre, dovrà eseguire mensilmente la verifica del buono stato di conservazione della rete interrata ed aerea con idonea strumentazione, al fine di rilevare eventuali perdite di gas-metano, elaborando un report d intervento da consegnare a SEA. L Appaltatore dovrà inoltre garantire l assistenza o la disponibilità (chiusure, svuotamenti e ripristini) degli impianti per attività richieste dalla SEA. ARTICOLO 11 - CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI L Appaltatore, in relazione ai vincoli contrattuali di cui ai punti 1 e 3 dell Art. 3 Contenuti del Service del presente contratto, si impegna a fornire mensilmente, al Direttore dell esecuzione del contratto, la consuntivazione dei consumi energetici calcolati alla consegna dei fluidi termovettori alle sottocentrali per mezzo delle apparecchiature predisposte. Tale consuntivo energetico dovrà essere corredato di relazione tecnica, la quale giustifichi e spieghi l andamento dei consumi rilevati, in base a: - variabili climatiche; - disponibilità impianti; - carichi interni. Nella suddetta relazione tecnica, dovranno essere citate: - tutte le azioni intraprese atte a conseguire un contenimento dei consumi energetici; - i suggerimenti necessari per eventuali modifiche impiantistiche o infrastrutturali atte a conseguire un miglioramento dei rendimenti. ARTICOLO 12 - RESPONSABILITA DELL APPALTATORE TERZO RESPONSABILE DELL ESERCIZIO/ CONDUZIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI L'Appaltatore, assumendo la responsabilità dell'esercizio, della conduzione e manutenzione degli impianti oggetto della presente sezione contrattuale, diventa responsabile dello stato di conservazione degli impianti, contraendo con ciò 12

13 l obbligo di porre in essere tutte le azioni necessarie ad evitare il degrado dello stato degli impianti stessi. L Appaltatore assume inoltre la qualifica di Terzo Responsabile così come definito all art. 1, lett. o) del D.P.R. 412/93 e successiva modifica in D.P.R. 551/99, facendosi carico della responsabilità d esercizio, della manutenzione e dell adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici e dei prescritti adempimenti amministrativi. ARTICOLO 13 - AGGIORNAMENTO DOCUMENTAZIONE L Appaltatore è tenuto ad un aggiornamento periodico di tutta la documentazione relativa agli impianti. Detto aggiornamento avrà cadenza annuale. L aggiornamento riguarderà tutte le modifiche eseguite agli impianti dall Appaltatore. Rientreranno nell aggiornamento anche le modifiche eseguite da enti diversi dall Appaltatore, di cui sarà cura di SEA fornire la documentazione relativa. L Appaltatore dovrà consegnare a SEA n. 1 copia su carta e n. 1 copia su supporto magnetico di tutta la documentazione (schemi funzionali, schemi topografici, schemi quadri, distinte materiali, programmi, ecc.) relativa a tutti i tipi di impianti facenti parte del presente contratto. L Appaltatore dovrà provvedere all elaborazione grafica, riportata anche su supporto informatico, della documentazione tecnica di tutti gli impianti dei fabbricati oggetto del contratto ed elencati negli allegati B per i quali essa è attualmente mancante, ad esclusione quindi del Terminal 1, Terminal 2, Cargo City, Palazzina Multifunzionale, Hangar, Palazzina ENAC, Stazione Ferroviaria, Edifici Land-Side, fabb.ti n 133, 134 e 135; Punto Fuoco T1, Canili GDF e PS, Magazzino Scorte ed Edifici Ausiliari (schemi topografici degli impianti, schemi quadri e schemi funzionali). L Appaltatore dovrà inoltre consegnare copia su supporto magnetico dei back-up mensili dei programmi e dei dati relativi agli impianti speciali. ARTICOLO 14 - LAVORI DI MANUTENZIONE Rientrano nei lavori di manutenzione straordinaria quelli che derivano da richieste di modifica e/o ampliamento degli impianti, richiesti da SEA, ovvero da ricondursi a richieste di ripristino degli impianti a seguito di danneggiamenti riconducibili ad eventi atmosferici, furti, atti vandalici o erronee lavorazioni, causati da terzi e debitamente documentati (sopralluogo congiunto, relazione integrata da documentazione fotografica). La riconduzione di determinati interventi nel novero dei lavori di manutenzione straordinaria dovrà essere preventivamente concordata con il Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore, se richiesto da SEA dovrà comunque provvedere ad eseguire le modifiche o riparazioni richieste, rilasciando le certificazioni e documentazioni relative. L esecuzione dei singoli lavori di manutenzione verrà attivata da SEA mediante formale incarico che, nei casi d urgenza, sarà anticipato via fax o . I corrispettivi per l esecuzione degli interventi specifici richiesti saranno liquidati sulla base di quanto previsto all Art. 16. L Appaltatore dovrà fornire in formato elettronico tutta la documentazione, bolle, rapporti di lavoro, consuntivi, ecc.. che certificano l avvenuta prestazione. 13

14 ARTICOLO 15 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL SERVICE DI ESERCIZIO, CONDUZIONE E MANUTENZIONE PREVENTIVA E ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI MALPENSA L'importo a corpo triennale per l'adempimento delle obbligazioni assunte relativamente al service di esercizio, conduzione e manutenzione preventiva e ordinaria degli impianti di cui alla Sezione 2 del presente contratto, è di. di cui.. per costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed. per costi della sicurezza propri dell Appaltatore. Al suddetto importo corrisponde un canone mensile di (di cui. per costidella sicurezza dovuti a interferenze). ARTICOLO 16 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI MALPENSA L ammontare complessivo, non garantito, per i lavori di manutenzione straordinaria e/o a guasto triennale degli impianti di cui alla Sezione 2 del presente contratto è stimato nell importo di. di cui per costi della sicurezza dovuti ad interferenze. Il corrispettivo di volta in volta riconosciuto, determinato in relazione agli interventi effettivamente richiesti da SEA ed eseguiti con buon esito dall Appaltatore, sarà contabilizzato a misura sulla base dei prezzi per interventi a misura offerti in gara nel Doc. 7 Offerta economica. Il prezzo dei ricambi non quotati nel suddetto documento verrà calcolato con riferimento ai listini del produttore/rivenditore in vigore applicando lo sconto specifico indicato nel suddetto Doc. 7. I prezzi netti contrattuali, alle condizioni tutte del presente atto, si intendono accettati dall Appaltatore in base ai calcoli di sua convenienza, a tutto suo rischio, e pertanto resteranno fissi ed invariabili fino a completa esecuzione degli obblighi contrattuali e non daranno luogo, per espressa deroga a quanto previsto dal comma 1 dell art C.C., ad alcuna revisione in aumento o diminuzione qualunque dovesse essere l andamento dei prezzi. Eventuali nuovi prezzi dovranno essere concordati con la Direzione Purchasing di SEA. I singoli interventi manutentivi verranno attivati da SEA mediante apposita lettera di affidamento che, nei casi di urgenza sarà inoltrata preventivamente via fax o e- mail; tale lettera di affidamento dovrà essere firmata per accettazione dall Appaltatore. In essa saranno specificati: i lavori da eseguire, l importo presunto delle opere, l importo da destinare come costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed il tempo utile per la loro ultimazione. A seguito dell accettazione della lettera di affidamento l Appaltatore dovrà consegnare al Direttore dell esecuzione del contratto per Malpensa il programma dei lavori con evidenziate le varie sequenze (approvvigionamenti, esecuzione e/o montaggio, ecc.). Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà variare il programma dei lavori stabilito per esigenze operative che dovessero insorgere, senza che per ciò l Appaltatore possa ritenere lesa la propria autonomia o attenuate le responsabilità connesse all esecuzione dell opera, né muovere eccezioni al riguardo. Il Direttore dell esecuzione del contratto avrà pertanto la facoltà di impartire disposizioni diverse da quanto indicato nel programma lavori. 14

15 Nei casi di urgenza, ed in particolare in quelli per i quali l intervento dovrà essere attivato entro 4 ore dall inoltro via fax o della lettera di affidamento di SEA, il programma lavori sarà definito dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore accetta di operare secondo quanto disposto nel presente articolo senza alcuna riserva, anche di carattere economico, per eventuali aggravi da ciò derivanti. Il rilevamento delle opere eseguite verrà effettuato dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con il Rappresentante tecnico delll Appaltatore che, su richiesta del Direttore dell esecuzione del contratto, è tenuto a presenziare a tutte le misure e/o contestazioni nonché alle verifiche che, in seguito, fossero da questi ritenute opportune. Qualora, per difetto di ricognizione fatta a tempo debito, alcune quantità non fossero rilevabili, l Appaltatore dovrà accettare la valutazione che ne verrà fatta dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore dovrà redigere, a sua cura e spese, la contabilità dei lavori, in difetto di ciò non si procederà alla contabilizzazione di dette opere nella stesura degli stati avanzamento lavori e l Appaltatore nulla potrà pretendere per il non effettuato pagamento. Qualora si preveda che la somma degli stati di avanzamento lavori contabilizzati per ogni singolo intervento raggiunga il valore dell importo presunto indicato nella lettera di affidamento prima dell ultimazione dei lavori, l Appaltatore è tenuto a richiedere ed ottenere, per mezzo del Direttore dell esecuzione del contratto, specifica autorizzazione scritta da parte di SEA all incremento di spesa previsto. Tale autorizzazione è da ritenersi necessaria per fissare il nuovo limite di spesa; nessuna variazione o aggiunta potrà essere mandata ad effetto se non è stata preventivamente approvata da SEA. L Appaltatore espressamente riconosce ed accetta che, con riferimento agli interventi di manutenzione straordinaria, non gli è garantito alcun minimo contrattuale. Per le modalità di pagamento si rimanda al successivo Art. 34. ARTICOLO 17 - RESPONSABILE TECNICO AEROPORTO MALPENSA Il responsabile tecnico dell Appaltatore sull Aeroporto di Milano Malpensa, sig.., si occuperà del coordinamento del personale, dei lavori da effettuarsi, delle manutenzioni programmate e dell organizzazione degli interventi, rappresentando l Appaltatore nei rapporti con SEA per ciò che attiene alla presente sezione contrattuale essendo, a tal fine, investito dei necessari poteri. Dovrà aver maturato analoga esperienza almeno triennale ed essere in grado di garantire un efficace rapporto tecnico-manutentivo con SEA. SEA si riserva la facoltà di chiedere la sostituzione di personale che, per curriculum vitae o per capacità, a esclusivo giudizio di SEA, non garantisca le caratteristiche sopra richieste. SEZIONE III - AEROPORTO MILANO LINATE Parte I - manutenzione degli impianti elettrici e speciali ARTICOLO 18- OGGETTO La presente sezione contrattuale ha per oggetto l esecuzione dei lavori di manutenzione programmata così come dettagliati, unitamente alla consistenza impiantistica, nel Capitolato Speciale d Appalto e suoi allegati, nonché di 15

16 interventi manutenzione straordinaria, a cui è ricondotta anche la manutenzione a guasto, degli impianti elettrici, antintrusione, impianti elettromedicali, portoni motorizzati, impianti di video sorveglianza, impianti di automazione parcheggi, convertitori statici di frequenza, raddrizzatori carica batterie, i lavori che dovranno essere realizzati garantendo la continuità dell attività aeroportuale. In particolare gli interventi riguarderanno le manutenzioni programmate, le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione degli impianti esistenti, nonché quelle necessarie ad integrarli o mantenerli in efficienza, e gli interventi di manutenzione a guasto fra cui, in particolare, gli interventi di ristrutturazione, ampliamento, demolizione e ricostruzione, da effettuarsi su indicazione di SEA anche in orario notturno e/o festivo. I lavori dovranno essere realizzati a regola d arte e nel rispetto delle normative e leggi vigenti, nonché in conformità alle prescrizioni di ogni singolo intervento esecutivo approvato di SEA. I tempi di intervento (SLA) per gli impianti elettrici sono definiti nei doc tecnici contrattuali. L'Appaltatore è il solo responsabile dell'approvvigionamento dei ricambi generici e specifici e dei materiali ausiliari che saranno utilizzati per la manutenzione programmata e per i quali non dovrà mai essere in rottura di giacenza. I costi di approvvigionamento si intendono valutati e compensati nell'importo contrattuale a canone e, pertanto, nulla è dovuto ulteriormente all'appaltatore. La scorta di ricambi e materiali ausiliari sarà immagazzinata e gestita dall'appaltatore a cui compete, in via esclusiva, anche la custodia del proprio magazzino. L'Appaltatore dovrà indicare al Direttore dell esecuzione del contratto per l Aeroporto di Milano Linate, entro 90 giorni dalla stipula del contratto, il livello di guardia per ciascun ricambio e materiale ausiliario per un arco temporale annuale. Relativamente agli interventi di manutenzione straordinaria, per i quali è prevista una contabilizzazione a misura, è preciso onere dell Appaltatore provvedere all approvvigionamento dei ricambi e materiali necessari al fine di concludere i lavori nel tempo prescritto per ciascun affidamento. L Appaltatore è inoltre tenuto a disporre, sia per gli interventi di manutenzione programmata che per quelli di manutenzione straordinaria, dei mezzi d opera e delle attrezzature adeguati per numero e tipologia in base alle esigenze esecutive. Esso provvederà, in accordo con EA, alla strutturazione ed alimentazione del sistema informativo fornito dalla stessa (SAP R/3 modulo PM). Parte II - Manutenzione e conduzione degli impianti di termomeccanici ARTICOLO 19- OGGETTO La presente sezione contrattuale ha per oggetto l esecuzione dei lavori di manutenzione programmata così come dettagliati, unitamente alla consistenza impiantistica, nel Capitolato speciale d Appalto e suoi allegati nonché di interventi di manutenzione straordinaria, a cui è ricondotta anche la manutenzione a guasto, delle centrali termiche a gas, degli impianti di riscaldamento / condizionamento / ventilazione, degli impianti idrosanitari, degli impianti di produzione aria compressa, dei pozzi di prelievo idrico, impianti di addolcimento acqua, impianto ad osmosi inversa sistemi di nebulizzazione, rete di distribuzione acqua potabile, etc., ubicati nell ambito del sedime aeroportuale. 16

17 In particolare gli interventi riguarderanno le manutenzioni programmate, le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione degli impianti esistenti, nonché quelle necessarie ad integrarli o mantenerli in efficienza, e gli interventi di manutenzione a guasto fra cui, in particolare, gli interventi di ristrutturazione, ampliamento, demolizione e ricostruzione, da effettuarsi su indicazione della SEA anche in orario notturno e festivo garantendo l operatività aeroportuale. I lavori dovranno essere realizzati a regola d arte e nel rispetto delle normative e leggi vigenti, nonché in conformità alle prescrizioni di ogni singolo intervento esecutivo approvato da SEA. Per la manutenzione programmata dovrà essere redatto un specifico programma operativo in accordo a quanto richiesto all Art.16. Gli interventi di manutenzione straordinaria richiesti da SEA saranno concordati di volta in volta e comunque, se richiesta, dovrà essere garantita l attivazione entro le 4 ore successive alla comunicazione trasmessa con le modalità di cui all Art. 16, compreso il sabato ed i festivi. L'Appaltatore è il solo responsabile dell'approvvigionamento di tutti i ricambi generici e specifici e dei materiali ausiliari che saranno utilizzati per la manutenzione programmata e per i quali non dovrà mai essere in rottura di giacenza. I costi di approvvigionamento si intendono valutati e compensati nell'importo contrattuale a canone e, pertanto, nulla è dovuto ulteriormente all'appaltatore. La scorta di ricambi e materiali ausiliari sarà immagazzinata e gestita dall'appaltatore a cui compete, in via esclusiva, anche la custodia del proprio magazzino. L'Appaltatore dovrà indicare al Direttore dell esecuzione del contratto per l Aeroporto di Milano Linate, entro 90 giorni dalla stipula del contratto, il livello di guardia per ciascun ricambio e materiale ausiliario per un arco temporale annuale. Relativamente agli interventi di manutenzione straordinaria, per i quali è prevista una contabilizzazione a misura, è preciso onere dell Appaltatore provvedere all approvvigionamento dei ricambi e materiali necessari al fine di concludere i lavori nel tempo prescritto per ciascun affidamento. L Appaltatore è inoltre tenuto a disporre, sia per gli interventi di manutenzione programmata che per quelli di manutenzione straordinaria, dei mezzi d opera e delle attrezzature adeguati per numero e tipologia in base alle esigenze esecutive. Esso provvederà, in accordo con SEA, alla strutturazione ed alimentazione del sistema informativo fornito dalla stessa (SAP R/3 modulo PM). ARTICOLO 20 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL SERVICE DI ESERCIZIO, CONDUZIONE E MANUTENZIONE PREVENTIVA E ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI LINATE L'importo a corpo triennale per l'adempimento delle obbligazioni assunte relativamente al service di esercizio, conduzione e manutenzione preventiva e ordinaria degli impianti di cui alla Sezione 3 del presente contratto, è di. di cui.. per costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed. per costi della sicurezza propri dell Appaltatore. Al suddetto importo corrisponde un canone mensile di (di cui. per costi della sicurezza dovuti a interferenze). 17

18 ARTICOLO 21 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI LINATE L ammontare complessivo, non garantito, per i lavori di manutenzione straordinaria e/o a guasto triennale degli impianti di cui alla Sezione 3 del presente contratto è stimato nell importo di. di cui per costi della sicurezza dovuti ad interferenze. Il corrispettivo di volta in volta riconosciuto, determinato in relazione agli interventi effettivamente richiesti da SEA ed eseguiti con buon esito dall Appaltatore, sarà contabilizzato a misura sulla base dei prezzi per interventi a misura offerti in gara nel Doc. 7 Offerta economica. Il prezzo dei ricambi non quotati nel suddetto documento verrà calcolato con riferimento ai listini del produttore/rivenditore in vigore applicando lo sconto specifico indicato nel suddetto Doc. 7. I prezzi netti contrattuali, alle condizioni tutte del presente atto, si intendono accettati dall Appaltatore in base ai calcoli di sua convenienza, a tutto suo rischio, e pertanto resteranno fissi ed invariabili fino a completa esecuzione degli obblighi contrattuali e non daranno luogo, per espressa deroga a quanto previsto dal comma 1 dell art C.C., ad alcuna revisione in aumento o diminuzione qualunque dovesse essere l andamento dei prezzi. Eventuali nuovi prezzi dovranno essere concordati con SEA. I singoli interventi manutentivi verranno attivati da SEA mediante apposita lettera di affidamento che, nei casi di urgenza sarà inoltrata preventivamente via fax o e- mail; tale lettera di affidamento dovrà essere firmata per accettazione dall Appaltatore. In essa saranno specificati: i lavori da eseguire, l importo presunto delle opere, l importo da destinare come costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed il tempo utile per la loro ultimazione. A seguito dell accettazione della lettera di affidamento l Appaltatore dovrà consegnare al Direttore dell esecuzione del contratto per Linate il programma dei lavori con evidenziate le varie sequenze (approvvigionamenti, esecuzione e/o montaggio, ecc.). Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà variare il programma dei lavori stabilito per esigenze operative che dovessero insorgere, senza che per ciò l Appaltatore possa ritenere lesa la propria autonomia o attenuate le responsabilità connesse all esecuzione dell opera, né muovere eccezioni al riguardo. Il Direttore dell esecuzione del contratto avrà pertanto la facoltà di impartire disposizioni diverse da quanto indicato nel programma lavori. Nei casi di urgenza, ed in particolare in quelli per i quali l intervento dovrà essere attivato entro 4 ore dall inoltro via fax della lettera di affidamento di SEA, il programma lavori sarà definito dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore accetta di operare secondo quanto disposto nel presente articolo senza alcuna riserva, anche di carattere economico, per eventuali aggravi da ciò derivanti. Il rilevamento delle opere eseguite verrà effettuato dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con il Rappresentante tecnico delll Appaltatore che, su richiesta del Direttore dell esecuzione del contratto, è tenuto a presenziare a tutte le misure e/o contestazioni nonché alle verifiche che, in seguito, fossero da questi ritenute opportune. 18

19 Qualora, per difetto di ricognizione fatta a tempo debito, alcune quantità non fossero rilevabili, l Appaltatore dovrà accettare la valutazione che ne verrà fatta dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore dovrà redigere, a sua cura e spese, la contabilità dei lavori, in difetto di ciò non si procederà alla contabilizzazione di dette opere nella stesura degli stati avanzamento lavori e l Appaltatore nulla potrà pretendere per il non effettuato pagamento. Qualora si preveda che la somma degli stati di avanzamento lavori contabilizzati per ogni singolo intervento raggiunga il valore dell importo presunto indicato nella lettera di affidamento prima dell ultimazione dei lavori, l Appaltatore è tenuto a richiedere ed ottenere, per mezzo del Direttore dell esecuzione del contratto, specifica autorizzazione scritta da parte di SEA all incremento di spesa previsto. Tale autorizzazione è da ritenersi necessaria per fissare il nuovo limite di spesa; nessuna variazione o aggiunta potrà essere mandata ad effetto se non è stata preventivamente approvata da SEA. L Appaltatore espressamente riconosce ed accetta che, con riferimento agli interventi di manutenzione straordinaria, non gli è garantito alcun minimo contrattuale. Per le modalità di pagamento si rimanda al successivo Art. 34. ARTICOLO 22 - RESPONSABILE TECNICO AEROPORTO LINATE I lavori di manutenzione programmata saranno eseguiti secondo il Piano del Servizio di cui al successivo Art. 23 elaborato dall Appaltatore, che dovrà essere presentato a SEA entro 15 giorni dalla stipula del contratto per sua approvazione. Relativamente ai lavori di manutenzione straordinaria e/o a guasto, i singoli interventi manutentivi verranno attivati da SEA mediante apposita lettera di affidamento che, nei casi di urgenza sarà inoltrata preventivamente via fax; tale lettera di affidamento dovrà essere firmata per accettazione dall Appaltatore. In essa saranno specificati: i lavori da eseguire, l importo presunto delle opere, l importo da destinare come costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed il tempo utile per la loro ultimazione. A seguito dell accettazione della lettera di affidamento l Appaltatore dovrà consegnare al Direttore dell esecuzione del contratto per Linate il programma dei lavori con evidenziate le varie sequenze (approvvigionamenti, esecuzione e/o montaggio, ecc.). Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà variare il programma dei lavori stabilito per esigenze operative che dovessero insorgere, senza che per ciò l Appaltatore possa ritenere lesa la propria autonomia o attenuate le responsabilità connesse all esecuzione dell opera, né muovere eccezioni al riguardo. Il Direttore dell esecuzione del contratto avrà pertanto la facoltà di impartire disposizioni diverse da quanto indicato nel programma lavori. Nei casi di urgenza, ed in particolare in quelli per i quali l intervento dovrà essere attivato entro 4 ore dall inoltro via fax della lettera di affidamento di SEA, il programma lavori sarà definito dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore accetta di operare secondo quanto disposto nel presente articolo senza alcuna riserva, anche di carattere economico, per eventuali aggravi da ciò derivanti. Il rilevamento delle opere eseguite verrà effettuato dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con il Rappresentante tecnico dell Appaltatore che, 19

20 su richiesta del Direttore dell esecuzione del contratto, è tenuto a presenziare a tutte le misure e/o contestazioni nonché alle verifiche che, in seguito, fossero da questi ritenute opportune. Qualora, per difetto di ricognizione fatta a tempo debito, alcune quantità non fossero rilevabili, l Appaltatore dovrà accettare la valutazione che ne verrà fatta dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore dovrà redigere, a sua cura e spese, la contabilità dei lavori, in difetto di ciò non si procederà alla contabilizzazione di dette opere nella stesura degli stati avanzamento lavori e l Appaltatore nulla potrà pretendere per il non effettuato pagamento. Qualora si preveda che la somma degli stati di avanzamento lavori contabilizzati per ogni singolo intervento raggiunga il valore dell importo presunto indicato nella lettera di affidamento prima dell ultimazione dei lavori, l Appaltatore è tenuto a richiedere ed ottenere, per mezzo del Direttore dell esecuzione del contratto, specifica autorizzazione scritta da parte di SEA all incremento di spesa previsto. Tale autorizzazione è da ritenersi necessaria per fissare il nuovo limite di spesa; nessuna variazione o aggiunta potrà essere mandata ad effetto se non è stata preventivamente approvata da SEA. L Appaltatore espressamente riconosce ed accetta che, con riferimento agli interventi di manutenzione straordinaria, non gli è garantito alcun minimo contrattuale. Per le modalità di pagamento si rimanda al successivo Art. 34. Relativamente alle maestranze impegnate nell effettuazione dei lavori di manutenzione, sia essa programmata che straordinaria, dovranno avere i requisiti elettrici come da norma CEI 11/27 (Pes, Pav, Pec). Il Responsabile tecnico dell Appaltatore sull Aeroporto di Milano Linate è il sig SEZIONE IV - DISPOSIZIONI GENERALI - 2a PARTE ARTICOLO 23 - PIANO DEL SERVIZIO Il Piano del Servizio, predisposto dall Appaltatore in piena coerenza con i dati di offerta tecnica, dovrà essere consegnato a SEA entro 15 giorni dalla stipula del presente contratto di cui costituirà parte integrante. Il piano dovrà puntualmente descrivere: - la struttura organizzativa - le procedure - la pianificazione delle attività (cicli di manutenzione preventiva, ecc.) - le risorse ed il loro inquadramento contrattuale - le capacità - i mezzi d opera e le attrezzature che l Appaltatore ritiene idonee per assicurare l adempimento delle obbligazioni assunte con il presente contratto. Il servizio sarà organizzato secondo le linee indicate nel Piano del Servizio garantendo per Malpensa: - la conduzione degli impianti h. 24 per 365 gg/anno; - la presenza del responsabile tecnico h. 8 dal lunedì al venerdì; - per entrambi gli scali, laddove si verifichi l esigenza, l intervento di tecnici specializzati entro 4 ore dall input di attivazione. 20

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO MaintenanceStories 2013 Kilometro Rosso 13 Novembre 2013 I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO Ing. Felice Cottino Presidente dell Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti INDICE Premessa

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

COMUNE DI VALLEFIORITA PROVINCIA DI CATANZARO MANUTENZIONE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA DEL COMUNE. Schema di Convenzione

COMUNE DI VALLEFIORITA PROVINCIA DI CATANZARO MANUTENZIONE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA DEL COMUNE. Schema di Convenzione COMUNE DI VALLEFIORITA PROVINCIA DI CATANZARO MANUTENZIONE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA DEL COMUNE Schema di Convenzione Art. 1 Oggetto del lavoro Il presente schema di convenzione

Dettagli

Regione Emilia Romagna. Modello per contratto di Terzo Responsabile dell impianto termico

Regione Emilia Romagna. Modello per contratto di Terzo Responsabile dell impianto termico Regione Emilia Romagna Modello per contratto di Terzo Responsabile dell impianto termico Presentazione Il presente contratto è stato redatto congiuntamente da CNA Installazione Impianti e ANACI dell Emilia

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO CON NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

ROMA CAPITALE ISTITUZIONE SISTEMA BIBLIOTECHE CENTRI CULTURALI

ROMA CAPITALE ISTITUZIONE SISTEMA BIBLIOTECHE CENTRI CULTURALI ROMA CAPITALE ISTITUZIONE SISTEMA BIBLIOTECHE CENTRI CULTURALI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA, PROGRAMMATA E PERIODICA DEI SISTEMI ANTINTRUSIONE, SISTEMI RILEVAZIONE FUMI E SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

Tra A.P.S.P. "OPERA ROMANI" e

Tra A.P.S.P. OPERA ROMANI e Allegato n. 1 CONTRATTO MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI E DI CONDIZIONAMENTO DELL'ENTE CON INCARICO DI TERZO RESPONSABILE ANNI 2013 E 2014 Tra A.P.S.P. "OPERA ROMANI" e DITTA: N.B. La presente proposta

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO UFFICIO VIII GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA DELLE SEDI DEL MINISTERO DELLA SALUTE SITE IN LUNGOTEVERE

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

SERVIZIO DI GLOBAL SERVICE MANUTENTIVO per OPERE EDILI e IMPIANTI TECNOLOGICI

SERVIZIO DI GLOBAL SERVICE MANUTENTIVO per OPERE EDILI e IMPIANTI TECNOLOGICI AIRGEST S.P.A. SOCIETÀ DI GESTIONE DELL AEROPORTO CIVILE DI TRAPANI BIRGI SERVIZIO DI GLOBAL SERVICE MANUTENTIVO per OPERE EDILI e IMPIANTI TECNOLOGICI ALLEGATO D1: ELENCO UBICAZIONI E TIPOLOGIA DI IMPIANTI

Dettagli

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Comune di Rimini Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Regolamento del Servizio Pubblico Globale di Gestione del Territorio del Comune di Rimini. Regolamento servizio pubblico globale.doc

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI.

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. L anno il giorno del mese di alle ore, in Rosignano Marittimo e nella Sede Comunale si sono costituiti i Signori: BROGI VINCENZO, nato a Rosignano

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

Contratto-tipo MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CONDOMINIALE CENTRALIZZATO CON NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE

Contratto-tipo MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CONDOMINIALE CENTRALIZZATO CON NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE Contratto-tipo di MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CONDOMINIALE CENTRALIZZATO CON NOMINA DEL TERZO RESPONSABILE Realizzato in attuazione del Progetto di cui all art. 9 Decreto DGAMTC del Ministero dello

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICO E SOLARE TERMICO PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA PRIMARIA IN DERUTA CAPOLUOGO

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza CRONOPROGRAMMA 12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1 COMUNE DI VALENZA (AL) FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NELLE FRAZIONI MONTE VALENZA E VILLABELLA

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

AVVISO DI RETTIFICA : Capitolato speciale d appalto (file capitolato formato pdf) pag. 35 a pag. 38 di 78, i seguenti punti vengono così rettificati.

AVVISO DI RETTIFICA : Capitolato speciale d appalto (file capitolato formato pdf) pag. 35 a pag. 38 di 78, i seguenti punti vengono così rettificati. AVVISO DI RETTIFICA : Capitolato speciale d appalto (file capitolato formato pdf) pag. 35 a pag. 38 di 78, i seguenti punti vengono così rettificati. Vista la determina dirigenziale n. 370 del 02/09/2010

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

2/14 Progetto Esecutivo Sistema Rete Radio Adeguamento Siti Radio Piano di Manutenzione dell Opera

2/14 Progetto Esecutivo Sistema Rete Radio Adeguamento Siti Radio Piano di Manutenzione dell Opera 2/14 Progetto Esecutivo Sistema Rete Radio Adeguamento Siti Radio Piano di Manutenzione dell Opera INDICE 1. INDICAZIONI GENERALI... 5 1.1. MANUTENZIONE ORDINARIA... 6 1.2. MANUTENZIONE STRAORDINARIA...

Dettagli

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE CITTA' DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna GESTIONE DEL TERRITORIO LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO MANUTENZIONE TRASPORTI DETERMINAZIONE GDT / 29 Del 18/03/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZIO VISITE PERIODICHE

Dettagli

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE NELLA NUOVA MENSA DELLA FONDAZIONE EDMUND MACH MANUTENZIONI

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE NELLA NUOVA MENSA DELLA FONDAZIONE EDMUND MACH MANUTENZIONI ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE NELLA NUOVA MENSA DELLA FONDAZIONE EDMUND MACH MANUTENZIONI INDIVIDUAZIONE E CLASSIFICAZIONE MANUTENZIONI E MODALITA

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

Sommario. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO TECNICO pag. - 1 Gara gestione impianti termici e di condizionamento

Sommario. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO TECNICO pag. - 1 Gara gestione impianti termici e di condizionamento CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI: ESERCIZIO E CONDUZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA E PROGRAMMATA, TERZO RESPONSABILE PER LE CENTRALI TERMICHE ALIMENTATE A METANO CONNESSE AGLI EDIFICI ADIBITI A PLESSO

Dettagli

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17 PREMESSA MANUALE D USO QUADRO ELETTRICO E LINEE DI DISTRIBUZIONE TERMINALI : PRESE IMPIANTI RILEVAZIONE E ALLARME INCENDIO IMPIANTO TELEFONICO IMPIANTO DI MESSA A TERRA UPS GRUPPO DI CONTINUITA IMPIANTO

Dettagli

PROGRAMMA GESTIONE AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI

PROGRAMMA GESTIONE AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI PROGRAMMA GESTIONE AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI Aggiornamento: Agosto 2014 Indice Check up impianto elettrico parti comuni Check up sistemi di rivelazione fumi e spegnimento incendi Check up tecnico strumentale

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI Allegato D) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 107 del 23/12/2002 Testo coordinato con le

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia - Tempio COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia di Olbia - Tempio CONCESSIONE IN GESTIONE DEL CENTRO ACCOGLIENZA AL SERVIZIO DEL PARCO MONTE RUIU CAPITOLATO D ONERI La gestione del servizio da parte del concessionario

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra

CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra CONTRATTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA PER IMPIANTI ASCENSORI tra Utente ed indirizzo di fatturazione Spett.le e Ditta manutentrice Via F.lli Bandiera n 12 20016 Pero Tel. 02/3390.285-Fax.02/3390.651 E -mail:

Dettagli

SERVIZIO DI GESTIONE DELLA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO

SERVIZIO DI GESTIONE DELLA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO SERVIZIO DI GESTIONE DELLA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO Global Service Manutentivo di Terza Generazione Capitolato Speciale d Appalto Volume 4 Gestione delle Attività Manutentive E' vietata la riproduzione,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

RAP S.p.A. Risorse Ambiente Palermo P.tta Benedetto Cairoli 90123 Palermo C.F./P.IVA 06232420825

RAP S.p.A. Risorse Ambiente Palermo P.tta Benedetto Cairoli 90123 Palermo C.F./P.IVA 06232420825 RAP S.p.A. Risorse Ambiente Palermo P.tta Benedetto Cairoli 90123 Palermo C.F./P.IVA 06232420825 Codifica documento Commessa L0210 Titolo progetto COPERTURA SUPERFICIALE PROVVISORIA DEL 1 SETTORE DELLA

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DEL SERVIZIO

SCHEMA DI CONTRATTO DEL SERVIZIO SCHEMA DI CONTRATTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE Regione Puglia Schema di Contratto del Servizio di Gestione Pag. 1 di 8 SCHEMA DI CONTRATTO PER SERVIZIO DI GESTIONE Tra L Ente Regione Puglia codice fiscale

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Il gruppo SEA: chi siamo Il Gruppo SEA gestisce il sistema aeroportuale milanese in base alla Convenzione, di durata quarantennale,

Dettagli

CONTRATTO QUADRO PER OPERE DI RIFACIMENTO E POTENZIAMENTO CABINE ELETTRICHE MT/BT E RETI MT

CONTRATTO QUADRO PER OPERE DI RIFACIMENTO E POTENZIAMENTO CABINE ELETTRICHE MT/BT E RETI MT Progetto Definitivo N. di progetto: ME15/008 Progettazione Codice: 5 DEF 4 3 N. Elaborato rev. 2 1 D T G 0 1 0 REV. Data Oggetto Aeroporti Linate e Malpensa CONTRATTO QUADRO PER OPERE DI RIFACIMENTO E

Dettagli

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

AR-PM UNIVERSITA DI PISA LUNGARNO PACINOTTI 43,44 PISA

AR-PM UNIVERSITA DI PISA LUNGARNO PACINOTTI 43,44 PISA UNIVERSITA DI PISA LUNGARNO PACINOTTI 43,44 PISA Opere: Foresteria dell Università di Pisa Presso Ex Monastero Benedettine Lungarno S. Sonnino 15/16 PISA Elaborato: AR-PM Oggetto: OPERE EDILI APPRESTAMENTI

Dettagli

ISO 9001 - Cert. n. 3621 10666/35/00

ISO 9001 - Cert. n. 3621 10666/35/00 Conduzione, Manutenzione e Gestione Impianti di Riscaldamento e Condizionamento ISO 9001 - Cert. n. 3621 10666/35/00 Anni d esperienza, nuove tecnologie e continui aggiornamenti al servizio dell ambiente

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

PROT. 108/C14 Calcinato, 08/01/2015

PROT. 108/C14 Calcinato, 08/01/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca- Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CALCINATO D. ALIGHIERI

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI PARCHEGGI DEL COMUNE DI NEMBRO ALLA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L.

CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI PARCHEGGI DEL COMUNE DI NEMBRO ALLA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. COMUNE DI NEMBRO SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI PARCHEGGI DEL COMUNE DI NEMBRO ALLA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. Pagina 1 di 10 PREMESSA Il

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO PROVINCIA DI VARESE LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER FINALITA DI SICUREZZA URBANA Elaborato 4 Redatto da PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE E FORMAZIONE Rev.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G. SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G. 5356508A3A L anno.., il giorno. del mese di.., TRA il Comune di Mogliano Veneto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

Azienda qualificata SOA. La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso.

Azienda qualificata SOA. La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso. Azienda qualificata SOA La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso. A tale clima ci ispiriamo con onestà e passione per dare risposte

Dettagli

QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE

QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE 1. CARATTERISTICHE DELL IMMOBILE Indirizzo: Corso Torino, 154 Anno o periodo di costruzione: 1970/1980 È soggetto a vincoli si no Sono

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Il Cipressino

Dettagli

APPENDICE 2 - SCHEDE DI MANUTENZIONE

APPENDICE 2 - SCHEDE DI MANUTENZIONE APPENDICE 2 - SCHEDE DI MANUTENZIONE 2.1 SCHEDA DI MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI efficienza apparecchiature Cabine elettriche funzionalità ventilatori aerazione cabina Quadri elettrici media e bassa

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE UNIONCAMERE LOMBARDIA PROGETTO DI SOSTITUZIONE GENERATORE DI CALORE E ELETTROPOMPE CIRCUITI SECONDARI EDIFICIO SEDE UNIONCAMERE LOMBARDIA VIA OLDOFREDI 23 MILANO PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di manutenzione programmata e straordinaria

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile del Procedimento Dott. Ing. Massimiliano Pagni Revisione: 1 Oggetto: Capitolato Speciale d Appalto Data creazione: -- Data aggiornamento: -- 1 ARTICOLO 1.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI USSASSAI PROVINCIA OGLIASTRA. Oggetto: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI USSASSAI PROVINCIA OGLIASTRA. Oggetto: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI USSASSAI PROVINCIA OGLIASTRA Oggetto: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO TRIENNALE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO DELLE

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

www.aslcarbonia.it sezione Bandi e Gare ; le offerte devono essere inviate all indirizzo

www.aslcarbonia.it sezione Bandi e Gare ; le offerte devono essere inviate all indirizzo Servizio Sanitario Regione Sardegna Azienda Sanitaria Locale n. 7 Carbonia BANDO DI GARA D APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. I.A) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI CONVENZIONE CONSIP FACILITY CATEGORIE DI SERVIZI I oggetto dell appalto sono classificati nelle seguenti macro categorie e categorie di servizio così suddivise: Macro Categoria Categoria previsti dalla

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

www.ater.vr.it., protocolloatervr@legalmail.it.

www.ater.vr.it., protocolloatervr@legalmail.it. A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia di VERONA Piazza Pozza 1/c,d,e - 37123 VERONA telefono 045-8062411 telefax 045-8062432 E-mail: info@ater.vr.it www.ater.vr.it.,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO- SISTEMA DI QUALIFICAZIONE SETTORI SPECIALI

AVVISO PUBBLICO- SISTEMA DI QUALIFICAZIONE SETTORI SPECIALI AVVISO PUBBLICO- SISTEMA DI QUALIFICAZIONE SETTORI SPECIALI A. Ente appaltante: CAP HOLDING S.p.A. - Capogruppo del Gruppo CAP costituito dalle Società CAP Holding S.p.A. e AMIACQUE S.r.l., società soggetta

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 64 DEL 10 DICEMBRE 2007 ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 64 DEL 10 DICEMBRE 2007 ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI ALLEGATO A DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI 1. PREMESSA Si riporta di seguito una descrizione sommaria dei principali impianti tecnologici e componenti presenti nell edificio sede del Consiglio Regionale

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500 PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO INERENTE LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DEL COMUNE DI CON ONERI DI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RESTAURO PIANO SEMINTERRATO DELL ANNESSO E COMPLETAMENTO VILLA ANKURI IN MASSA E COZZILE INSTALLAZIONE REFRIGERATORE DI LIQUIDO PER CLIMATIZZAZIONE 6000,866 della sicurezza oltaa Volta RELAZIONE TECNICA

Dettagli