SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI"

Transcript

1 SCHEMA DI CONTRATTO D'APPALTO SERVICE DI ESERCIZIO, CONDUZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, SPECIALI, RILEVAMENTO FUMI, TERMOMECCANICI, IDRICO-SANITARI, ANTINCENDIO E FOGNARI DEGLI AEROPORTI DI MILANO LINATE E MALPENSA TRA Società p.a. Esercizi Aeroportuali SEA con sede in Segrate Aeroporto di Milano Linate, p.iva, c.f. e numero iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n , capitale sociale ,00 i.v. in persona del Presidente e Chief Executive Officer Avv. Giuseppe Bonomi, munito degli occorrenti poteri (di seguito per brevità SEA ) E la società... con sede in, via,n. ; P.IVA e c.f.., iscritta al Registro delle Imprese di.. al n... ed al R.E.A. al n..., capitale sociale.. in persona del procuratore speciale.munito degli occorrenti poteri come da atto n. di repertorio, raccolta n..notaio in.. (di seguito per brevità denominata Appaltatore ); PREMESSO - che SEA ha realizzato e gestisce gli aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa in base alla legge 18/4/62 n. 194 e alla convenzione 7/5/62 n. 191, come novata dalla convenzione SEA/ENAC del 4/09/01, che ha prorogato il regime privato del sistema aeroportuale di Milano fino al 4/05/2041; - che SEA intende affidare in appalto il servizio di service di esercizio, conduzione e manutenzione degli impianti elettrici, speciali, rilevamento fumi, termocondizionamento, idrico-sanitari, antincendio, fognari e gas-metano presso gli Aeroporti di Milano Malpensa e Milano Linate; - che in data SEA ha indetto una procedura aperta interamente gestita con modalità telematica, ai sensi degli artt. 220 e 85 comma 13 del D.Lgs. 163/06 per l affidamento del suddetto service; - che il Numero Gara assegnato al presente appalto dall Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture è il nr ; - che il C.I.G. assegnato al presente appalto dall'autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture è il nr E1D; - che SEA e l Appaltatore hanno provveduto al pagamento del contributo in favore della suddetta Autorità rispettivamente nella misura di Euro 800,00 ed Euro 500,00; - che l Appaltatore dichiara di disporre della struttura, dei mezzi tecnici e finanziari e dell esperienza necessari per assolvere gli impegni che da ciò gli derivano; - che l Appaltatore ha preso visione dei luoghi interessati dal servizio di manutenzione ed è a conoscenza dei limiti e vincoli operativi che derivano dall attività aeroportuale anche in relazione alla sua continuità; - che l Appaltatore dichiara di essere a conoscenza, e si impegna a rispettare, le leggi, convenzioni ed ordinanze che disciplinano le attività sugli aeroporti ivi compresa la circolazione di persone e/o mezzi, nonché gli oneri e gli obblighi

2 della SEA verso l Amministrazione dello Stato per ciò che attiene la continuità del servizio e la gestione aeroportuale; - che, per soli fini operativi, il presente contratto risulta articolato in quattro sezioni di cui, la prima e la quarta, contenenti le Disposizioni generali comuni a tutte le sezioni, la seconda inerente la specifica attività da rendersi sull aeroporto di Milano Malpensa e, la terza, inerente l attività da rendersi sull aeroporto di Milano Linate; - che il presente contratto è a tutti gli effetti un atto di diritto privato disciplinato dalle norme del Codice Civile. Tutto ciò premesso SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI - 1a PARTE ARTICOLO 1 PREMESSE Le premesse formano parte integrante del presente contratto. ARTICOLO 2 DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - manutenzione: la combinazione di tutte le azioni tecniche ed amministrative, incluse le azioni di supervisione, volte a mantenere o riportare un impianto in uno stato in cui possa eseguire la funzione richiesta (UNI 10147); - esercizio e manutenzione degli impianti elettrici, rilevazione incendio e speciali: il complesso di operazioni che comporta l assunzione di responsabilità finalizzata alla gestione degli impianti includente: manutenzione ordinaria, preventiva, correttiva, straordinaria e controllo; - conduzione degli impianti elettrici, speciali e rilevazione incendio: il complesso delle operazioni finalizzato, attraverso una sorveglianza continuativa degli impianti, a mantenere costantemente in efficienza gli impianti medesimi, secondo gli standard previsti dal contratto e relativi allegati, nonché l assistenza ed operazioni varie svolte dal personale in turno senza impiego di materiale (Es.: esportazione dati dai sistemi di supervisione, assistenza ad Enti di Stato o Security per l esportazione e la visione di immagini e/o dati, attivazioni/disattivazione di utenze varie, tipo SDVCS, permute e/o collegamenti provvisori linee elettriche di operatori terzi, ripristino monitor o apparati vari, verifiche, controlli, collegamenti e/o scollegamenti di apparecchiature/impianti non compresi nella consistenza impianti, assistenze a spostamenti/traslochi di postazioni di lavoro ove non necessiti di implementazione degli impianti, assistenze a lavorazioni appaltate a ditte terze sia da Unità Organizzative di Manutenzione Scalo MXP che da Direzione Lavori, comprensive di tutte le operazioni finalizzate sia a preservare lo stato dei componenti gli impianti oggetto dei lavori che a consentire le lavorazioni in regime di sicurezza elettrica ); - esercizio e manutenzione di un impianto termico: il complesso di operazioni che comporta l assunzione di responsabilità finalizzata alla gestione degli impianti includente: conduzione, manutenzione ordinaria e straordinaria e controllo, nel rispetto delle norme di sicurezza, di contenimento dei consumi energetici e di salvaguardia ambientale (Art. 1, lett. n, D.P.R. 412/93 e successiva modifica in D.P.R. 551/99); 2

3 - conduzione degli impianti di termocondizionamento, idrico-fognari e antincendio: il complesso delle operazioni finalizzato, attraverso una sorveglianza continuativa degli impianti, a mantenere costantemente in efficienza gli impianti medesimi, secondo gli standard previsti dal contratto e relativi allegati, nonché l assistenza ed operazioni varie svolte dal personale in turno senza impiego di materiale; - manutenzione ordinaria, la tipologia di interventi manutentivi atti a mantenere o ripristinare l efficienza dei beni, contenere il normale degrado d uso, garantire la vita utile del bene, far fronte ad eventi accidentali che comportino la necessità d interventi manutentivi (UNI 10992); - lavori di manutenzione: la tipologia di interventi non ricorrenti e d elevato costo in confronto al valore di rimpiazzo del bene e ai costi annuali di manutenzione ordinaria dello stesso; rientrano nella definizione gli interventi che, su indicazione di SEA, sono eseguiti per implementazioni e/o modifiche agli impianti, per apportare correzioni al funzionamento degli impianti medesimi, per riparare o sostituire componenti dell impianto non previsti a carico dell Appaltatore; - manutenzione preventiva: la manutenzione eseguita a intervalli di tempo predeterminati o in accordo a criteri prescritti, volta a ridurre la probabilità di guasto o la degradazione del funzionamento di un entità (UNI 10147); - manutenzione correttiva: manutenzione eseguita a seguito della rilevazione di un avaria e volta a riportare un entità nello stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta (UNI 10147); - disponibilità: l attitudine di un entità a essere in grado di svolgere una funzione richiesta in determinate condizioni a un dato istante o durante un dato intervallo di tempo, supponendo che siano assicurati i mezzi esterni eventualmente necessari (UNI 10147); - stato di incapacità: lo stato di un entità caratterizzato dalla sua inabilità a eseguire la funzione richiesta per una ragione qualunque (UNI 9910); - guasto: la cessazione dell attitudine di un entità a eseguire la funzione richiesta (UNI 10147); - avaria: lo stato di un entità caratterizzato dalla sua inabilità ad eseguire una funzione richiesta, non comprendente l inabilità durante la manutenzione preventiva o altre azioni pianificate, oppure dovuta alla mancanza di mezzi esterni (UNI 10147); - guasto parziale: un guasto che comporta l incapacità di un entità a svolgere alcune delle funzioni richieste (UNI 9910); - guasto totale: un guasto che provoca la totale incapacità di un entità a svolgere tutte le funzioni richieste (UNI 9910); - rapporto di guasto: descrizione delle cause, degli effetti, delle modalità di guasto e dei provvedimenti adottati (UNI 10147); - affidabilità: la probabilità che un entità possa eseguire una funzione richiesta in condizioni stabilite per un dato intervallo di tempo (UNI 9910); - periodo di rodaggio: il periodo relativo ai primi quattro mesi di vigenza contrattuale; - tempo tra guasti (TBF): la durata di tempo fra due guasti successivi di un entità riparata (UNI 9910); - tempo al ripristino: l intervallo di tempo durante il quale l entità è in uno stato di indisponibilità a causa di un guasto (UNI 9910); 3

4 - tempo medio al ripristino (MTTR): il valore atteso del tempo al ripristino (UNI 9910); - tempo di riattivazione (TDR): l intervallo di tempo tra la chiamata per pronto intervento e il ripristino dell efficienza dell impianto; - ore uomo di manutenzione (MMH): le durate accumulate dei tempi di manutenzione individuali, espresse in ore, impiegate da tutto il personale per un certo tipo di azione di manutenzione o in un certo intervallo di tempo (UNI 9910); - tempo di indisponibilità di un impianto: l intervallo di tempo durante il quale un entità si trova in uno stato di indisponibilità (UNI 9910); - verifica della manutenibilità: la procedura destinata a determinare se gli obiettivi assegnati alle caratteristiche di manutenibilità di un entità sono stati conseguiti o meno (UNI 9910); - analisi di avaria: l esame logico e sistematico di un entità per identificare ed analizzare le probabilità, le cause e le conseguenze di avarie potenziali (UNI 9910); - analisi di guasto: l esame logico e sistematico di un entità dopo un guasto per identificare e analizzare il meccanismo di guasto, la causa e le conseguenze del guasto (UNI 9910); - ricambio: una parte elementare nuova o ripristinata, che può sostituire una corrispondente usurata o guasta e che permette di riportare l entità nelle condizioni stabilite (UNI 10147) ; - ricambio generico: un ricambio normalizzato utilizzabile su entità non identiche (UNI 10147); - ricambio specifico: un ricambio utilizzabile solo ed unicamente su una data entità (UNI 10147); - materiali ausiliari: i prodotti accessori per l espletamento di attività manutentive (UNI 10147); - livello di guardia: la quantità minima di ricambi e di materiali che deve sempre essere disponibile per realizzare gli interventi di manutenzione. Questa quantità tiene conto della variabilità dei consumi e della variabilità dei tempi di approvvigionamento oltre che del costo di indisponibilità per rotture di giacenza (stock) (UNI 10147); - rottura di giacenza (stock): l indisponibilità di un ricambio e materiale nel momento in cui è necessario impiegarlo (UNI 10147). ARTICOLO 3 - CONTENUTI DEL SERVICE 1. L'affidamento del Service di esercizio conduzione e manutenzione impianti comporta l'assunzione, in capo all'appaltatore, dell'obbligo di: a) erogare i servizi necessari a mantenere nei fabbricati o aree oggetto del contratto le condizioni di esercizio contrattualmente prefissate; b) garantire la disponibilità dei beni in esercizio e manutenzione in accordo agli SLA (Service Level Agreement) prescritti da SEA; c) garantire modalità di conduzione e manutenzione tali da non pregiudicare la vita residua degli impianti. 2. Per l'adempimento dell'obbligazione assunta l'appaltatore dovrà porre in essere tutte le azioni di manutenzione che reputerà necessarie, siano esse ascrivibili ad interventi di manutenzione preventiva, correttiva, ordinaria o straordinaria autorizzata da SEA, o comunque classificabili secondo le vigenti disposizioni 4

5 legislative e regolamentari nonché secondo le norme emanate dagli organismi di normalizzazione nazionali o europei. 3. La manutenzione degli impianti interessa tutta la componentistica meccanica, elettrica ed elettronica nonché le logiche di programmazione dei sistemi di supervisione e comprende anche la fornitura dei materiali, dei ricambi generici e specifici, dei mezzi d opera ed attrezzature necessarie. SEA fornirà all Appaltatore un sistema informativo (SAP R/3 modulo PM), per la gestione della manutenzione. Per l uso del suddetto sistema SAP SEA fornirà adeguato supporto, formazione, nonché postazione dotata di software. In tale evidenza le parti concordano che l Appaltatore non potrà vantare diritto a chiedere compensi o indennizzi alcuni. 4. Con l'affidamento del servizio l'appaltatore assume l'obbligo di condurre gli impianti secondo le regole della buona tecnica. ARTICOLO 4 - RESPONSABILITA DELL APPALTATORE NELL ESERCIZIO/CONDUZIONE E NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI L'Appaltatore, assumendo la responsabilità dell'esercizio, della conduzione e manutenzione degli impianti oggetto della presente sezione contrattuale, diventa responsabile dello stato di conservazione degli impianti, contraendo con ciò l obbligo di porre in essere tutte le azioni necessarie ad evitare il degrado dello stato degli impianti stessi. SEZIONE II AEROPORTO MILANO MALPENSA Parte I - Service di esercizio, manutenzione e conduzione degli impianti elettrici, speciali e rilevazione incendio ARTICOLO 5 - INDIVIDUAZIONE E DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI OGGETTO DEL SERVICE Gli impianti oggetto della presente Parte I del contratto sono sommariamente descritti di seguito e dettagliati nella Relazione Generale Tecnica & Consistenza impianti (Allegato B) che fa parte integrante del presente contratto e nella quale è riportata anche l ubicazione degli impianti stessi. - Impianto elettrico L impianto elettrico comprende: le linee di alimentazione in cavo e/o blindosbarre originanti dai quadri in bassa tensione delle cabine di trasformazione MT/BT ed i quadri elettrici di piano, di zona e uffici fatte salve le eccezioni evidenziate nell allegatob1. Gli UPS e le stazioni di energia sono compresi nel contratto, la loro consistenza è dettagliata nell allegato B1 e per tutti gli UPS è prevista la sostituzione di tutte le batterie nell arco della durata contrattuale. Ai quadri di piano o di zona sono collegati l impianto di illuminazione sia interna che esterna, l impianto di distribuzione di forza motrice, gli UPS e i carica-batterie. Nei quadri di piano o zona possono essere presenti, tutti o in parte, i vari tipi di alimentazione previsti (Normale, Turbina, Gruppo elettrogeno, Gruppo Rotante, UPS). 5

6 Sono esclusi dal contratto le macchine x-ray, le porte automatiche, i portoni, i fan-coils, i metal detector; in questi casi il limite contrattuale è rappresentato dalla corretta alimentazione elettrica. Nel caso delle alimentazioni degli impianti di condizionamento, il limite contrattuale relativo alla presente Parte I arriva fino alla corretta fornitura dell alimentazione delle utenze finali (es.: pompe, ventilatori, gruppi frigo, sistemi di regolazione). Sono compresi nel contratto: gli impianti di protezione catodica sulla rete metano del Terminal 2; gli impianti di monta scale per disabili; le 2 macchine avvolgi monete dei parcheggi; gli impianti di sterilizzazione aria installati presso i servizi sanitari, tutte le torri faro in air-side e land-side, le luci segna ostacoli ad esclusione di quelle in area di manovra (piste e raccordi), le sbarre e i cancelli automatici, raddrizzatori e carica batterie. - Impianti speciali Gli impianti speciali compresi nel contratto sono dettagliati di seguito con i limiti di inserimento per ognuno. Gli impianti di video sorveglianza, presenti nei vari fabbricati o aree, sono tutti compresi nel contratto nella loro interezza, a partire dai sistemi di supervisione, fino alle telecamere. Sono esclusi dal contratto i percorsi effettuati sull impianto telefonico tra i box telefonici di collegamento. Gli impianti di diffusione sonora, presenti nei vari fabbricati o aree, sono tutti compresi nel contratto nella loro interezza. E compreso nel contratto anche il collegamento di diffusione sonora tra Terminal 1 e Terminal 2 e l impianto satellitare di filodiffusione del Terminal 2. Gli impianti di gestione degli orologi sono compresi nel contratto nella loro interezza, dagli apparati di ricezione del segnale fino ai singoli orologi. L impianto di controllo accessi è compreso nel contratto nella sua interezza, dai lettori di badge al sistema di supervisione e alle work-station di gestione e controllo. Sono esclusi dal contratto i percorsi effettuati sull impianto telefonico tra i box telefonici di collegamento. L impianto di distribuzione video su cablaggio strutturato (SDVCS) comprende le antenne di ricezione del segnale, i quadri di comando (master e slave) compresi i percorsi fino ai quadri di cablaggio, i decoder, userbox, i PC di controllo, il sistema di supervisione e controllo e monitor (se forniti dalla SEA). Sono esclusi i percorsi effettuati sull impianto di cablaggio strutturato. Gli impianti di ricezione televisiva comprendono le antenne di ricezione del segnale, l impianto di decodifica e distribuzione del segnale, le centraline, i decoder, gli amplificatori, gli impianti utilizzatori. Gli impianti di supervisione di antincendio e sicurezza, sono compresi nel contratto sia per la parte hardware che per la parte software. Sono esclusi dal contratto i soli percorsi effettuati su apparati passivi dell impianto di cablaggio strutturato. Impianti di video-citofonia, citofonici e interfonici nella loro interezza (compreso elettroserrature). - Impianto antincendio 6

7 L impianto antincendio è composto da centrali antincendio normalmente interfaccciate con concentratori a loro volta collegati con sistemi di supervisione. Alle centrali sono collegati i rivelatori, i pulsanti, la attuazioni. Gli impianti antincendio sono compresi nel contratto nella loro interezza, con la sola esclusione dei percorsi effettuati sull impianto di cablaggio strutturato. Il limite contrattuale è rappresentato dalle attuazioni (elettrovalvole, flussostati, pressostati, serrande tagliafuoco e tagliafumo, estrattori, ecc.) con esclusione della parte idrica dell impianto e della parte meccanica degli attuatori. Sono compresi nel contratto le alimentazioni delle attuazioni, le targhe otticoacustiche e gli apparecchi di segnalazione visiva e/o acustica (ad es. badenie, sirene o specule fuori porta), i magneti di ritenuta porte antincendio. Sono altresì compresi nel contratto gli evacuatori di fumo e calore, anche per la parte meccanica, pneumatica e i comandi con azoto, e anche per i compressori e l impianto pneumatico di comando degli evacuatori di fumo del Terminal 1. Per una descrizione più dettagliata degli impianti elettrici, speciali e antincendio, si rimanda all allegato B e alle tabelle di consistenza impianti in essa contenute. Rimane, comunque, a carico dell Appaltatore la verifica precisa della realtà impiantistica oggetto del presente contratto, che l Appaltatore dà per accertata con la presa visione della sopracitata Relazione generale tecnica (Allegato B1) e con l avvenuto sopralluogo obbligatorio degli impianti. ARTICOLO 6 - VINCOLI ESECUTIVI SERVICE DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE Posto che il Service di esercizio e manutenzione si caratterizza per l'espletamento di una pluralità di servizi aggiuntivi alle normali attività manutentive con piena responsabilità dei risultati in capo all'appaltatore e che, pertanto, non possono essere indicate in modo esaustivo le attività che si dovranno porre in essere per garantire a SEA la disponibilità degli impianti, si riportano in ALLEGATO A Schede tecniche di manutenzione preventiva e conduzione impianti le attività di manutenzione preventiva e di conduzione che le parti concordano doversi, comunque, effettuare. Le attività di manutenzione ordinaria preventiva e straordinaria dovranno essere previste, in orari diurni e notturni, durante tutti i giorni della settimana, producendo il minimo disservizio possibile riconducibile alle condizioni di comfort. L Appaltatore è tenuto alla compilazione e certificazione del registro antincendio con idonee schede intervento elaborate con SEA. Le schede riguarderanno: - controllo mensile dell illuminazione di emergenza e della segnaletica di sicurezza - verifica trimestrale delle batterie dell illuminazione di emergenza e della segnaletica di sicurezza; - verifica semestrale delle attrezzature di sicurezza e della cartellonistica nei locali quadri elettrici; - controllo mensile delle centrali antincendio; - verifica trimestrale (e dopo ogni guasto) del sistema antincendio; - controllo mensile dell integrità dei pulsanti di allarme; 7

8 - verifica semestrale del funzionamento dei rilevatori di fumo, dei pulsanti di allarme e degli attuatori. ARTICOLO 7 - AGGIORNAMENTO DOCUMENTAZIONE L Appaltatore è tenuto ad un aggiornamento periodico di tutta la documentazione relativa agli impianti. Detto aggiornamento avrà cadenza annuale. L aggiornamento riguarderà tutte le modifiche eseguite agli impianti dall Appaltatore. Rientreranno nell aggiornamento anche le modifiche eseguite da enti diversi dall Appaltatore, di cui sarà cura di SEA fornire la documentazione relativa. L Appaltatore dovrà consegnare a SEA n. 1 copia su carta e n. 1 copia su supporto magnetico di tutta la documentazione (schemi funzionali, schemi topografici, schemi quadri, distinte materiali, programmi, ecc.) relativa a tutti i tipi di impianti facenti parte del presente contratto. L Appaltatore dovrà provvedere all elaborazione grafica, riportata anche su supporto informatico, della documentazione tecnica di tutti gli impianti dei fabbricati oggetto del contratto ed elencati nell ALLEGATO B per i quali essa è attualmente mancante, ad esclusione quindi del Terminal 1, Terminal 2, Cargo City, Palazzina Multifunzionale, Hangar, Palazzina ENAC, fabb.ti n 133, 134 e 135; Punto Fuoco T1, Canili GDF e PS, Magazzino Scorte, (schemi topografici degli impianti, schemi quadri e schemi funzionali). L Appaltatore dovrà inoltre consegnare copia su supporto magnetico dei back-up mensili dei programmi e dei dati relativi agli impianti speciali. ARTICOLO 8 - LAVORI DI MANUTENZIONE Rientrano nei lavori di manutenzione straordinaria quelli che derivano da richieste di modifica e/o ampliamento degli impianti, richiesti da SEA, ovvero da ricondursi a richieste di ripristino degli impianti a seguito di danneggiamenti riconducibili ad eventi atmosferici, furti, atti vandalici o erronee lavorazioni, causati da terzi e debitamente documentati (sopralluogo congiunto, relazione integrata da documentazione fotografica). La riconduzione di determinati interventi nel novero dei lavori di manutenzione straordinaria dovrà essere preventivamente concordata con il Responsabile di SEA. L Appaltatore, se richiesto da SEA dovrà comunque provvedere ad eseguire le modifiche o riparazioni richieste, rilasciando le certificazioni e documentazioni relative. L esecuzione dei singoli lavori di manutenzione verrà attivata da SEA mediante formale incarico che, nei casi d urgenza, sarà anticipato via fax o . I corrispettivi per l esecuzione degli interventi specifici richiesti saranno liquidati sulla base di quanto previsto al successivo Art. 16. L Appaltatore dovrà fornire in formato elettronico tutta la documentazione, bolle, rapporti di lavoro, consuntivi, ecc.. che certificano l avvenuta prestazione. Parte II - Service di esercizio, manutenzione e conduzione degli impianti di termocondizionamento, idrico-sanitari, antincendio, fognari e gas-metano ARTICOLO 9 - INDIVIDUAZIONE E DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI OGGETTO DEL SERVICE Gli impianti oggetto della presente Parte II del contratto sono sommariamente descritti di seguito e dettagliati nell ALLEGATO B - Consistenza impianti che 8

9 fa parte integrante del presente contratto e nella quale è riportata anche l ubicazione degli impianti stessi. 1. Impianti di termocondizionamento Gli impianti sono costituiti da sottocentrali e centrali tecnologiche che comprendono tutte le apparecchiature e gli impianti per la gestione dei fluidi nonché le unità di trattamento aria, compresi i rispettivi sistemi di regolazione e/o controllo e le apparecchiature/impianti ausiliari, oltre a tutta la rete di ventilazione e distribuzione in ambiente. Faranno parte anche tutte le apparecchiature di contabilizzazione/misura dei fluidi caldi e refrigerati. 2. Impianti idrico-sanitari Costituiti da reti idriche derivanti dalle sottocentrali tecnologiche, apparecchi sanitari, rubinetterie, impianti di lavaggio e addolcimento acque. Faranno parte anche tutte le apparecchiature di contabilizzazione/misura dei fluidi caldi e freddi. 3. Impianti acque nere e chiare meteoriche Sono costituiti dalla intera rete fognaria orizzontale e verticale, ivi compresi gli impianti di convogliamento e di scarico grassi dei fabbricati, fino al limite di fornitura. Sono compresi anche gli impianti di trattamento delle acque meteoriche, inclusi sistemi di disoleazione(vasche di prima pioggia VPP), impianto bottini di bordo e conferimento finale fognario. Sono escluse le reti verticali delle acque meteoriche di tutti i fabbricati. 4. Impianti di estrazione aria Costituiti da estrattori/torrini per l espulsione dell aria viziata dai vari locali (servizi igienici, cucine, etc.), con anemostati di ripresa o griglie, compreso impianti per l estrazione fumi caldi dai magazzini. 5. Impianti di sollevamento acque nere e chiare Costituito da camere di raccolta ciascuna munita di elettropompe. 6. Impianti antincendio Gli impianti antincendio sono costituiti dagli impianti automatici di estinzione tipo Sprinkler e tipo Lama d acqua, dagli impianti fissi tipo Cassette, Naspi, Idranti e attacchi motopompe, e dagli estintori, sia fissi che carrellati. Sarà compresa la gestione completa delle stazioni antincendio (vasche di riserva idrica, impianto di stoccaggio e distribuzione di liquido schiumogeno, sistemi di pressurizzazione e relative vasche di raccolta delle emulsioni acqua/schiuma, apparecchiature di comando e controllo delle stazioni antincendio) a servizio del fabbricato Hangar di Manutenzione AA/MM aeromobili e della centrale di pressurizzazione antincendio del Terminal Impianti gas-metano Gli impianti metano sono costituiti da cabine di riduzione denominate II salto, dalle quali viene poi distribuita la rete interrata e fuori terra fino ai vari riduttori/stabilizzatori a monte dei relativi misuratori volumetrici. Per una descrizione più dettagliata degli impianti di termocondizionamneto, idrico-sanitari e antincendio, si rimanda alla relazione tecnica (allegato B), che costituisce parte integrante del presente contratto, e alle tabelle di consistenza impianti in essa contenute. Rimane, comunque, a carico dell Appaltatore la verifica precisa della realtà impiantistica oggetto del presente contratto, che l Appaltatore dà per accertata 9

10 con la presa visione dell Allegato B Consistenza impianti e con l avvenuto sopralluogo obbligatorio in fase di gara. Il servizio sarà effettuato negli edifici indicati nel suddetto allegato B ed i suoi limiti sono: Impianti di produzione - H 2 O Refrigerata: dalle centrali frigorifere sino alle utenze finali con reti di distribuzione acqua refrigerata a partire dalle centrali frigorifere o dalle valvole di radice del collettore principale di ogni singola utenza/stc oggetto del contratto. - H 2 O Calda 85 C: Dalle centrali termiche sino alle utenze finali con reti di distribuzione a partire dalle centrali termiche o sottocentrali di scambio sino alle utenze oggetto del contratto. Impianti di termocondizionamento Dalle prese aria esterna ai terminali di distribuzione aria di ogni fabbricato oggetto del contratto. Impianti idrico-sanitari Per uso igienico e sanitario dai collettori/derivazioni fuori terra di ogni fabbricato oggetto del contratto, alle utenze finali. Impianti acque nere e chiare meteoriche Tutta l impiantistica delle reti fognarie del sedime aeroportuale di acque nere e chiare, compresi sistemi di disoleazione delle acque meteoriche piazzali e raccordi, impianto bottini di bordo e conferimento finale fognario. Ad esclusione dell attività di aspirazione su tutta la rete orizzontale a valle dei primi pozzetti d ispezione di ogni singolo Fabbricato oggetto del contratto. Impianti antincendio Tutte le reti di distribuzione fuori terra e interrate oggetto del contratto sino agli idranti/cassette/naspi e attacchi motopompa, compresi impianti automatici sprinkler e diluvi. Sono da intendersi comprese le due centrali di pressurizzazione antincendio dell Hangar e dell Edificio Aerostazione Terminal 2, come da allegato B Consistenza impianti. Impianti elettrici. Comprende esclusivamente tutti i quadri di regolazione e controllo ed i collegamenti alle apparecchiature di campo. Impianti metano. Tutte le reti di distribuzione fuori terra e interrate oggetto del contratto, dalle cabine di riduzione di II salto alle Utenze finali. ARTICOLO 10 - VINCOLI ESECUTIVI SERVICE DI MANUTENZIONE Posto che il Service di esercizio e manutenzione si caratterizza per l'espletamento di una pluralità di servizi aggiuntivi alle normali attività manutentive con piena responsabilità dei risultati in capo all'appaltatore e che pertanto, non possono essere indicate in modo esaustivo le attività che si dovranno porre in essere per garantire a SEA la disponibilità degli impianti, negli allegati A.1, A.2, A.3 ed A.4 sono riportate le attività di manutenzione ordinaria, preventiva e di conduzione, che le parti concordano doversi comunque effettuare. 1. Impianti di termocondizionamento Le attività di manutenzione ordinaria, preventiva e straordinaria dovranno essere previste, in orari diurni e notturni, per tutti i giorni della settimana, 10

11 producendo il minor disservizio possibile riconducibile alle condizioni di comfort previste nell art. 8 Condizioni di comfort impianti di termocondizionamento del presente contratto. SEA si riserverà di interrompere e/o posticipare qualsiasi attività di manutenzione, sia ordinaria, preventiva che straordinaria se le penalizzazioni del servizio risultino gravi o tali da pregiudicare il minimo garantito dei valori termoigrometrici ambientali. 2. Impianti idrico-sanitari e fognari. L Appaltatore dovrà effettuare continui cicli di ispezione giornaliera e garantire il mantenimento in efficienza degli impianti idrico-sanitari e fognari descritti dettagliatamente nel Capitolato Speciale d Appalto. Inoltre, dovrà eseguire mensilmente l analisi dell acqua sanitaria e di reintegro (durezza, PH, conducibilità) con prelievo a monte e a valle degli impianti di addolcimento acqua. L Appaltatore dovrà eseguire controlli settimanali a tutti i pozzetti ispezionabili della rete di scarico interno ai fabbricati in oggetto, con eventuale pulizia e/o disotturazione delle tubazioni orizzontali e verticali. Tali controlli dovranno anche riguardare vasche di sollevamento, conferimento finale fognario, impianto bottini di bordo, vasche raccolta emulsioni oleose, sistemi di raccolta liquido anticongelante Kilfrost e sistemi di raccolta liquido schiumogeno. La periodicità di detti controlli saranno determinati da SEA (settimanali, quindicinali, mensili). L Appaltatore dovrà inoltre garantire l assistenza o la disponibilità (chiusure, svuotamenti e ripristini) degli impianti per attività richieste dalla SEA. 3. Impianti antincendio. L'Appaltatore è tenuto ad effettuare la sorveglianza, la manutenzione e la conduzione degli impianti antincendio, tramite controlli visivi atti a verificare che lo stesso sia nelle normali condizioni operative e che non presenti danni materiali accertabili. Deve inoltre curare il mantenimento in efficienza dei sistemi, dei dispositivi e delle attrezzature finalizzati alla prevenzione incendi così da garantirne la costante disponibilità. In particolare dovrà effettuare: - Le prove in campo, che dovranno effettuarsi come da norma UNI (9489) e secondo i piani periodici di ispezione elaborati con SEA, la quale si riserva la facoltà di fare eseguire prove e collaudi al di fuori di quelle programmate; - Le prove e i collaudi relativi agli idranti a muro, soprassuolo e naspi come da normativa EN671/2 e UNI 10779; - Le prove e i collaudi con assistenza alle verifiche periodiche riguardanti gli impianti speciali antincendio ai fini di verificare la corretta attuazione delle parti meccaniche (valvole impianto a diluvio, flussostati, valvole lame d acqua serrande tagliafuoco e tagliafumo, ecc.), interblocchi e segnalazione allarmi, così come da logica di funzionamento del sistema di telegestione; - La manutenzione ordinaria, intesa come interventi da attuarsi in loco, comportanti l'impiego di materiali di consumo o la sostituzione di parti; - La manutenzione correttiva, ossia l'effettuazione di interventi di ripristino della disponibilità dell'impianto a seguito di rilevazioni o di avarie; - Il ripristino della funzionalità degli impianti a seguito dell'azionamento, compreso il reintegro del liquido schiumogeno della Cabina Hangar, anche a seguito delle analisi annuali per la verifica della capacità estinguente; 11

12 - L assistenza e la disponibilità (chiusure, svuotamenti e ripristini) degli impianti per attività richieste dalla SEA; - L assistenza per le verifiche normative riguardanti le prove delle reti idriche antincendio legate alle centrali di pressurizzazione (UNI 9490); - La verifica, nonché eventuali reintegri dei materiali degli impianti automatici d estinzione in base alle tipologie ed ai diametri installati (UNI 9489, D.M. 10/03/98); - Revisione periodica degli estintori come previsto dalle normative e dalle leggi vigenti; - Collaudo degli estintori come previsto dal D.M riferito alle normative UNI 9994, compreso lo smaltimento ed alienazione di apparecchi estintori esausti o fuori norma, con forniture di nuovi estintori portatili/carrellati/fissi, sempre nel rispetto della giacenza minima a polmone-scorta ; - La compilazione dei vari registri antincendio con idonee schede di intervento di prestazione come da D.P.R. 37/98 elaborate con SEA (settimanali, quindicinali, mensili, semestrali, annuali, quinquennali) 4. Impianti gas-metano. L Appaltatore dovrà effettuare continui cicli di ispezione giornaliera e garantire il mantenimento in efficienza degli impianti di riduzione, stabilizzazione e di misura descritti dettagliatamente nel Capitolato Speciale d Appalto. Inoltre, dovrà eseguire mensilmente la verifica del buono stato di conservazione della rete interrata ed aerea con idonea strumentazione, al fine di rilevare eventuali perdite di gas-metano, elaborando un report d intervento da consegnare a SEA. L Appaltatore dovrà inoltre garantire l assistenza o la disponibilità (chiusure, svuotamenti e ripristini) degli impianti per attività richieste dalla SEA. ARTICOLO 11 - CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI L Appaltatore, in relazione ai vincoli contrattuali di cui ai punti 1 e 3 dell Art. 3 Contenuti del Service del presente contratto, si impegna a fornire mensilmente, al Direttore dell esecuzione del contratto, la consuntivazione dei consumi energetici calcolati alla consegna dei fluidi termovettori alle sottocentrali per mezzo delle apparecchiature predisposte. Tale consuntivo energetico dovrà essere corredato di relazione tecnica, la quale giustifichi e spieghi l andamento dei consumi rilevati, in base a: - variabili climatiche; - disponibilità impianti; - carichi interni. Nella suddetta relazione tecnica, dovranno essere citate: - tutte le azioni intraprese atte a conseguire un contenimento dei consumi energetici; - i suggerimenti necessari per eventuali modifiche impiantistiche o infrastrutturali atte a conseguire un miglioramento dei rendimenti. ARTICOLO 12 - RESPONSABILITA DELL APPALTATORE TERZO RESPONSABILE DELL ESERCIZIO/ CONDUZIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI L'Appaltatore, assumendo la responsabilità dell'esercizio, della conduzione e manutenzione degli impianti oggetto della presente sezione contrattuale, diventa responsabile dello stato di conservazione degli impianti, contraendo con ciò 12

13 l obbligo di porre in essere tutte le azioni necessarie ad evitare il degrado dello stato degli impianti stessi. L Appaltatore assume inoltre la qualifica di Terzo Responsabile così come definito all art. 1, lett. o) del D.P.R. 412/93 e successiva modifica in D.P.R. 551/99, facendosi carico della responsabilità d esercizio, della manutenzione e dell adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici e dei prescritti adempimenti amministrativi. ARTICOLO 13 - AGGIORNAMENTO DOCUMENTAZIONE L Appaltatore è tenuto ad un aggiornamento periodico di tutta la documentazione relativa agli impianti. Detto aggiornamento avrà cadenza annuale. L aggiornamento riguarderà tutte le modifiche eseguite agli impianti dall Appaltatore. Rientreranno nell aggiornamento anche le modifiche eseguite da enti diversi dall Appaltatore, di cui sarà cura di SEA fornire la documentazione relativa. L Appaltatore dovrà consegnare a SEA n. 1 copia su carta e n. 1 copia su supporto magnetico di tutta la documentazione (schemi funzionali, schemi topografici, schemi quadri, distinte materiali, programmi, ecc.) relativa a tutti i tipi di impianti facenti parte del presente contratto. L Appaltatore dovrà provvedere all elaborazione grafica, riportata anche su supporto informatico, della documentazione tecnica di tutti gli impianti dei fabbricati oggetto del contratto ed elencati negli allegati B per i quali essa è attualmente mancante, ad esclusione quindi del Terminal 1, Terminal 2, Cargo City, Palazzina Multifunzionale, Hangar, Palazzina ENAC, Stazione Ferroviaria, Edifici Land-Side, fabb.ti n 133, 134 e 135; Punto Fuoco T1, Canili GDF e PS, Magazzino Scorte ed Edifici Ausiliari (schemi topografici degli impianti, schemi quadri e schemi funzionali). L Appaltatore dovrà inoltre consegnare copia su supporto magnetico dei back-up mensili dei programmi e dei dati relativi agli impianti speciali. ARTICOLO 14 - LAVORI DI MANUTENZIONE Rientrano nei lavori di manutenzione straordinaria quelli che derivano da richieste di modifica e/o ampliamento degli impianti, richiesti da SEA, ovvero da ricondursi a richieste di ripristino degli impianti a seguito di danneggiamenti riconducibili ad eventi atmosferici, furti, atti vandalici o erronee lavorazioni, causati da terzi e debitamente documentati (sopralluogo congiunto, relazione integrata da documentazione fotografica). La riconduzione di determinati interventi nel novero dei lavori di manutenzione straordinaria dovrà essere preventivamente concordata con il Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore, se richiesto da SEA dovrà comunque provvedere ad eseguire le modifiche o riparazioni richieste, rilasciando le certificazioni e documentazioni relative. L esecuzione dei singoli lavori di manutenzione verrà attivata da SEA mediante formale incarico che, nei casi d urgenza, sarà anticipato via fax o . I corrispettivi per l esecuzione degli interventi specifici richiesti saranno liquidati sulla base di quanto previsto all Art. 16. L Appaltatore dovrà fornire in formato elettronico tutta la documentazione, bolle, rapporti di lavoro, consuntivi, ecc.. che certificano l avvenuta prestazione. 13

14 ARTICOLO 15 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL SERVICE DI ESERCIZIO, CONDUZIONE E MANUTENZIONE PREVENTIVA E ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI MALPENSA L'importo a corpo triennale per l'adempimento delle obbligazioni assunte relativamente al service di esercizio, conduzione e manutenzione preventiva e ordinaria degli impianti di cui alla Sezione 2 del presente contratto, è di. di cui.. per costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed. per costi della sicurezza propri dell Appaltatore. Al suddetto importo corrisponde un canone mensile di (di cui. per costidella sicurezza dovuti a interferenze). ARTICOLO 16 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI MALPENSA L ammontare complessivo, non garantito, per i lavori di manutenzione straordinaria e/o a guasto triennale degli impianti di cui alla Sezione 2 del presente contratto è stimato nell importo di. di cui per costi della sicurezza dovuti ad interferenze. Il corrispettivo di volta in volta riconosciuto, determinato in relazione agli interventi effettivamente richiesti da SEA ed eseguiti con buon esito dall Appaltatore, sarà contabilizzato a misura sulla base dei prezzi per interventi a misura offerti in gara nel Doc. 7 Offerta economica. Il prezzo dei ricambi non quotati nel suddetto documento verrà calcolato con riferimento ai listini del produttore/rivenditore in vigore applicando lo sconto specifico indicato nel suddetto Doc. 7. I prezzi netti contrattuali, alle condizioni tutte del presente atto, si intendono accettati dall Appaltatore in base ai calcoli di sua convenienza, a tutto suo rischio, e pertanto resteranno fissi ed invariabili fino a completa esecuzione degli obblighi contrattuali e non daranno luogo, per espressa deroga a quanto previsto dal comma 1 dell art C.C., ad alcuna revisione in aumento o diminuzione qualunque dovesse essere l andamento dei prezzi. Eventuali nuovi prezzi dovranno essere concordati con la Direzione Purchasing di SEA. I singoli interventi manutentivi verranno attivati da SEA mediante apposita lettera di affidamento che, nei casi di urgenza sarà inoltrata preventivamente via fax o e- mail; tale lettera di affidamento dovrà essere firmata per accettazione dall Appaltatore. In essa saranno specificati: i lavori da eseguire, l importo presunto delle opere, l importo da destinare come costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed il tempo utile per la loro ultimazione. A seguito dell accettazione della lettera di affidamento l Appaltatore dovrà consegnare al Direttore dell esecuzione del contratto per Malpensa il programma dei lavori con evidenziate le varie sequenze (approvvigionamenti, esecuzione e/o montaggio, ecc.). Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà variare il programma dei lavori stabilito per esigenze operative che dovessero insorgere, senza che per ciò l Appaltatore possa ritenere lesa la propria autonomia o attenuate le responsabilità connesse all esecuzione dell opera, né muovere eccezioni al riguardo. Il Direttore dell esecuzione del contratto avrà pertanto la facoltà di impartire disposizioni diverse da quanto indicato nel programma lavori. 14

15 Nei casi di urgenza, ed in particolare in quelli per i quali l intervento dovrà essere attivato entro 4 ore dall inoltro via fax o della lettera di affidamento di SEA, il programma lavori sarà definito dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore accetta di operare secondo quanto disposto nel presente articolo senza alcuna riserva, anche di carattere economico, per eventuali aggravi da ciò derivanti. Il rilevamento delle opere eseguite verrà effettuato dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con il Rappresentante tecnico delll Appaltatore che, su richiesta del Direttore dell esecuzione del contratto, è tenuto a presenziare a tutte le misure e/o contestazioni nonché alle verifiche che, in seguito, fossero da questi ritenute opportune. Qualora, per difetto di ricognizione fatta a tempo debito, alcune quantità non fossero rilevabili, l Appaltatore dovrà accettare la valutazione che ne verrà fatta dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore dovrà redigere, a sua cura e spese, la contabilità dei lavori, in difetto di ciò non si procederà alla contabilizzazione di dette opere nella stesura degli stati avanzamento lavori e l Appaltatore nulla potrà pretendere per il non effettuato pagamento. Qualora si preveda che la somma degli stati di avanzamento lavori contabilizzati per ogni singolo intervento raggiunga il valore dell importo presunto indicato nella lettera di affidamento prima dell ultimazione dei lavori, l Appaltatore è tenuto a richiedere ed ottenere, per mezzo del Direttore dell esecuzione del contratto, specifica autorizzazione scritta da parte di SEA all incremento di spesa previsto. Tale autorizzazione è da ritenersi necessaria per fissare il nuovo limite di spesa; nessuna variazione o aggiunta potrà essere mandata ad effetto se non è stata preventivamente approvata da SEA. L Appaltatore espressamente riconosce ed accetta che, con riferimento agli interventi di manutenzione straordinaria, non gli è garantito alcun minimo contrattuale. Per le modalità di pagamento si rimanda al successivo Art. 34. ARTICOLO 17 - RESPONSABILE TECNICO AEROPORTO MALPENSA Il responsabile tecnico dell Appaltatore sull Aeroporto di Milano Malpensa, sig.., si occuperà del coordinamento del personale, dei lavori da effettuarsi, delle manutenzioni programmate e dell organizzazione degli interventi, rappresentando l Appaltatore nei rapporti con SEA per ciò che attiene alla presente sezione contrattuale essendo, a tal fine, investito dei necessari poteri. Dovrà aver maturato analoga esperienza almeno triennale ed essere in grado di garantire un efficace rapporto tecnico-manutentivo con SEA. SEA si riserva la facoltà di chiedere la sostituzione di personale che, per curriculum vitae o per capacità, a esclusivo giudizio di SEA, non garantisca le caratteristiche sopra richieste. SEZIONE III - AEROPORTO MILANO LINATE Parte I - manutenzione degli impianti elettrici e speciali ARTICOLO 18- OGGETTO La presente sezione contrattuale ha per oggetto l esecuzione dei lavori di manutenzione programmata così come dettagliati, unitamente alla consistenza impiantistica, nel Capitolato Speciale d Appalto e suoi allegati, nonché di 15

16 interventi manutenzione straordinaria, a cui è ricondotta anche la manutenzione a guasto, degli impianti elettrici, antintrusione, impianti elettromedicali, portoni motorizzati, impianti di video sorveglianza, impianti di automazione parcheggi, convertitori statici di frequenza, raddrizzatori carica batterie, i lavori che dovranno essere realizzati garantendo la continuità dell attività aeroportuale. In particolare gli interventi riguarderanno le manutenzioni programmate, le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione degli impianti esistenti, nonché quelle necessarie ad integrarli o mantenerli in efficienza, e gli interventi di manutenzione a guasto fra cui, in particolare, gli interventi di ristrutturazione, ampliamento, demolizione e ricostruzione, da effettuarsi su indicazione di SEA anche in orario notturno e/o festivo. I lavori dovranno essere realizzati a regola d arte e nel rispetto delle normative e leggi vigenti, nonché in conformità alle prescrizioni di ogni singolo intervento esecutivo approvato di SEA. I tempi di intervento (SLA) per gli impianti elettrici sono definiti nei doc tecnici contrattuali. L'Appaltatore è il solo responsabile dell'approvvigionamento dei ricambi generici e specifici e dei materiali ausiliari che saranno utilizzati per la manutenzione programmata e per i quali non dovrà mai essere in rottura di giacenza. I costi di approvvigionamento si intendono valutati e compensati nell'importo contrattuale a canone e, pertanto, nulla è dovuto ulteriormente all'appaltatore. La scorta di ricambi e materiali ausiliari sarà immagazzinata e gestita dall'appaltatore a cui compete, in via esclusiva, anche la custodia del proprio magazzino. L'Appaltatore dovrà indicare al Direttore dell esecuzione del contratto per l Aeroporto di Milano Linate, entro 90 giorni dalla stipula del contratto, il livello di guardia per ciascun ricambio e materiale ausiliario per un arco temporale annuale. Relativamente agli interventi di manutenzione straordinaria, per i quali è prevista una contabilizzazione a misura, è preciso onere dell Appaltatore provvedere all approvvigionamento dei ricambi e materiali necessari al fine di concludere i lavori nel tempo prescritto per ciascun affidamento. L Appaltatore è inoltre tenuto a disporre, sia per gli interventi di manutenzione programmata che per quelli di manutenzione straordinaria, dei mezzi d opera e delle attrezzature adeguati per numero e tipologia in base alle esigenze esecutive. Esso provvederà, in accordo con EA, alla strutturazione ed alimentazione del sistema informativo fornito dalla stessa (SAP R/3 modulo PM). Parte II - Manutenzione e conduzione degli impianti di termomeccanici ARTICOLO 19- OGGETTO La presente sezione contrattuale ha per oggetto l esecuzione dei lavori di manutenzione programmata così come dettagliati, unitamente alla consistenza impiantistica, nel Capitolato speciale d Appalto e suoi allegati nonché di interventi di manutenzione straordinaria, a cui è ricondotta anche la manutenzione a guasto, delle centrali termiche a gas, degli impianti di riscaldamento / condizionamento / ventilazione, degli impianti idrosanitari, degli impianti di produzione aria compressa, dei pozzi di prelievo idrico, impianti di addolcimento acqua, impianto ad osmosi inversa sistemi di nebulizzazione, rete di distribuzione acqua potabile, etc., ubicati nell ambito del sedime aeroportuale. 16

17 In particolare gli interventi riguarderanno le manutenzioni programmate, le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione degli impianti esistenti, nonché quelle necessarie ad integrarli o mantenerli in efficienza, e gli interventi di manutenzione a guasto fra cui, in particolare, gli interventi di ristrutturazione, ampliamento, demolizione e ricostruzione, da effettuarsi su indicazione della SEA anche in orario notturno e festivo garantendo l operatività aeroportuale. I lavori dovranno essere realizzati a regola d arte e nel rispetto delle normative e leggi vigenti, nonché in conformità alle prescrizioni di ogni singolo intervento esecutivo approvato da SEA. Per la manutenzione programmata dovrà essere redatto un specifico programma operativo in accordo a quanto richiesto all Art.16. Gli interventi di manutenzione straordinaria richiesti da SEA saranno concordati di volta in volta e comunque, se richiesta, dovrà essere garantita l attivazione entro le 4 ore successive alla comunicazione trasmessa con le modalità di cui all Art. 16, compreso il sabato ed i festivi. L'Appaltatore è il solo responsabile dell'approvvigionamento di tutti i ricambi generici e specifici e dei materiali ausiliari che saranno utilizzati per la manutenzione programmata e per i quali non dovrà mai essere in rottura di giacenza. I costi di approvvigionamento si intendono valutati e compensati nell'importo contrattuale a canone e, pertanto, nulla è dovuto ulteriormente all'appaltatore. La scorta di ricambi e materiali ausiliari sarà immagazzinata e gestita dall'appaltatore a cui compete, in via esclusiva, anche la custodia del proprio magazzino. L'Appaltatore dovrà indicare al Direttore dell esecuzione del contratto per l Aeroporto di Milano Linate, entro 90 giorni dalla stipula del contratto, il livello di guardia per ciascun ricambio e materiale ausiliario per un arco temporale annuale. Relativamente agli interventi di manutenzione straordinaria, per i quali è prevista una contabilizzazione a misura, è preciso onere dell Appaltatore provvedere all approvvigionamento dei ricambi e materiali necessari al fine di concludere i lavori nel tempo prescritto per ciascun affidamento. L Appaltatore è inoltre tenuto a disporre, sia per gli interventi di manutenzione programmata che per quelli di manutenzione straordinaria, dei mezzi d opera e delle attrezzature adeguati per numero e tipologia in base alle esigenze esecutive. Esso provvederà, in accordo con SEA, alla strutturazione ed alimentazione del sistema informativo fornito dalla stessa (SAP R/3 modulo PM). ARTICOLO 20 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL SERVICE DI ESERCIZIO, CONDUZIONE E MANUTENZIONE PREVENTIVA E ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI LINATE L'importo a corpo triennale per l'adempimento delle obbligazioni assunte relativamente al service di esercizio, conduzione e manutenzione preventiva e ordinaria degli impianti di cui alla Sezione 3 del presente contratto, è di. di cui.. per costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed. per costi della sicurezza propri dell Appaltatore. Al suddetto importo corrisponde un canone mensile di (di cui. per costi della sicurezza dovuti a interferenze). 17

18 ARTICOLO 21 - DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI LINATE L ammontare complessivo, non garantito, per i lavori di manutenzione straordinaria e/o a guasto triennale degli impianti di cui alla Sezione 3 del presente contratto è stimato nell importo di. di cui per costi della sicurezza dovuti ad interferenze. Il corrispettivo di volta in volta riconosciuto, determinato in relazione agli interventi effettivamente richiesti da SEA ed eseguiti con buon esito dall Appaltatore, sarà contabilizzato a misura sulla base dei prezzi per interventi a misura offerti in gara nel Doc. 7 Offerta economica. Il prezzo dei ricambi non quotati nel suddetto documento verrà calcolato con riferimento ai listini del produttore/rivenditore in vigore applicando lo sconto specifico indicato nel suddetto Doc. 7. I prezzi netti contrattuali, alle condizioni tutte del presente atto, si intendono accettati dall Appaltatore in base ai calcoli di sua convenienza, a tutto suo rischio, e pertanto resteranno fissi ed invariabili fino a completa esecuzione degli obblighi contrattuali e non daranno luogo, per espressa deroga a quanto previsto dal comma 1 dell art C.C., ad alcuna revisione in aumento o diminuzione qualunque dovesse essere l andamento dei prezzi. Eventuali nuovi prezzi dovranno essere concordati con SEA. I singoli interventi manutentivi verranno attivati da SEA mediante apposita lettera di affidamento che, nei casi di urgenza sarà inoltrata preventivamente via fax o e- mail; tale lettera di affidamento dovrà essere firmata per accettazione dall Appaltatore. In essa saranno specificati: i lavori da eseguire, l importo presunto delle opere, l importo da destinare come costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed il tempo utile per la loro ultimazione. A seguito dell accettazione della lettera di affidamento l Appaltatore dovrà consegnare al Direttore dell esecuzione del contratto per Linate il programma dei lavori con evidenziate le varie sequenze (approvvigionamenti, esecuzione e/o montaggio, ecc.). Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà variare il programma dei lavori stabilito per esigenze operative che dovessero insorgere, senza che per ciò l Appaltatore possa ritenere lesa la propria autonomia o attenuate le responsabilità connesse all esecuzione dell opera, né muovere eccezioni al riguardo. Il Direttore dell esecuzione del contratto avrà pertanto la facoltà di impartire disposizioni diverse da quanto indicato nel programma lavori. Nei casi di urgenza, ed in particolare in quelli per i quali l intervento dovrà essere attivato entro 4 ore dall inoltro via fax della lettera di affidamento di SEA, il programma lavori sarà definito dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore accetta di operare secondo quanto disposto nel presente articolo senza alcuna riserva, anche di carattere economico, per eventuali aggravi da ciò derivanti. Il rilevamento delle opere eseguite verrà effettuato dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con il Rappresentante tecnico delll Appaltatore che, su richiesta del Direttore dell esecuzione del contratto, è tenuto a presenziare a tutte le misure e/o contestazioni nonché alle verifiche che, in seguito, fossero da questi ritenute opportune. 18

19 Qualora, per difetto di ricognizione fatta a tempo debito, alcune quantità non fossero rilevabili, l Appaltatore dovrà accettare la valutazione che ne verrà fatta dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore dovrà redigere, a sua cura e spese, la contabilità dei lavori, in difetto di ciò non si procederà alla contabilizzazione di dette opere nella stesura degli stati avanzamento lavori e l Appaltatore nulla potrà pretendere per il non effettuato pagamento. Qualora si preveda che la somma degli stati di avanzamento lavori contabilizzati per ogni singolo intervento raggiunga il valore dell importo presunto indicato nella lettera di affidamento prima dell ultimazione dei lavori, l Appaltatore è tenuto a richiedere ed ottenere, per mezzo del Direttore dell esecuzione del contratto, specifica autorizzazione scritta da parte di SEA all incremento di spesa previsto. Tale autorizzazione è da ritenersi necessaria per fissare il nuovo limite di spesa; nessuna variazione o aggiunta potrà essere mandata ad effetto se non è stata preventivamente approvata da SEA. L Appaltatore espressamente riconosce ed accetta che, con riferimento agli interventi di manutenzione straordinaria, non gli è garantito alcun minimo contrattuale. Per le modalità di pagamento si rimanda al successivo Art. 34. ARTICOLO 22 - RESPONSABILE TECNICO AEROPORTO LINATE I lavori di manutenzione programmata saranno eseguiti secondo il Piano del Servizio di cui al successivo Art. 23 elaborato dall Appaltatore, che dovrà essere presentato a SEA entro 15 giorni dalla stipula del contratto per sua approvazione. Relativamente ai lavori di manutenzione straordinaria e/o a guasto, i singoli interventi manutentivi verranno attivati da SEA mediante apposita lettera di affidamento che, nei casi di urgenza sarà inoltrata preventivamente via fax; tale lettera di affidamento dovrà essere firmata per accettazione dall Appaltatore. In essa saranno specificati: i lavori da eseguire, l importo presunto delle opere, l importo da destinare come costi della sicurezza dovuti ad interferenze ed il tempo utile per la loro ultimazione. A seguito dell accettazione della lettera di affidamento l Appaltatore dovrà consegnare al Direttore dell esecuzione del contratto per Linate il programma dei lavori con evidenziate le varie sequenze (approvvigionamenti, esecuzione e/o montaggio, ecc.). Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà variare il programma dei lavori stabilito per esigenze operative che dovessero insorgere, senza che per ciò l Appaltatore possa ritenere lesa la propria autonomia o attenuate le responsabilità connesse all esecuzione dell opera, né muovere eccezioni al riguardo. Il Direttore dell esecuzione del contratto avrà pertanto la facoltà di impartire disposizioni diverse da quanto indicato nel programma lavori. Nei casi di urgenza, ed in particolare in quelli per i quali l intervento dovrà essere attivato entro 4 ore dall inoltro via fax della lettera di affidamento di SEA, il programma lavori sarà definito dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore accetta di operare secondo quanto disposto nel presente articolo senza alcuna riserva, anche di carattere economico, per eventuali aggravi da ciò derivanti. Il rilevamento delle opere eseguite verrà effettuato dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con il Rappresentante tecnico dell Appaltatore che, 19

20 su richiesta del Direttore dell esecuzione del contratto, è tenuto a presenziare a tutte le misure e/o contestazioni nonché alle verifiche che, in seguito, fossero da questi ritenute opportune. Qualora, per difetto di ricognizione fatta a tempo debito, alcune quantità non fossero rilevabili, l Appaltatore dovrà accettare la valutazione che ne verrà fatta dal Direttore dell esecuzione del contratto. L Appaltatore dovrà redigere, a sua cura e spese, la contabilità dei lavori, in difetto di ciò non si procederà alla contabilizzazione di dette opere nella stesura degli stati avanzamento lavori e l Appaltatore nulla potrà pretendere per il non effettuato pagamento. Qualora si preveda che la somma degli stati di avanzamento lavori contabilizzati per ogni singolo intervento raggiunga il valore dell importo presunto indicato nella lettera di affidamento prima dell ultimazione dei lavori, l Appaltatore è tenuto a richiedere ed ottenere, per mezzo del Direttore dell esecuzione del contratto, specifica autorizzazione scritta da parte di SEA all incremento di spesa previsto. Tale autorizzazione è da ritenersi necessaria per fissare il nuovo limite di spesa; nessuna variazione o aggiunta potrà essere mandata ad effetto se non è stata preventivamente approvata da SEA. L Appaltatore espressamente riconosce ed accetta che, con riferimento agli interventi di manutenzione straordinaria, non gli è garantito alcun minimo contrattuale. Per le modalità di pagamento si rimanda al successivo Art. 34. Relativamente alle maestranze impegnate nell effettuazione dei lavori di manutenzione, sia essa programmata che straordinaria, dovranno avere i requisiti elettrici come da norma CEI 11/27 (Pes, Pav, Pec). Il Responsabile tecnico dell Appaltatore sull Aeroporto di Milano Linate è il sig SEZIONE IV - DISPOSIZIONI GENERALI - 2a PARTE ARTICOLO 23 - PIANO DEL SERVIZIO Il Piano del Servizio, predisposto dall Appaltatore in piena coerenza con i dati di offerta tecnica, dovrà essere consegnato a SEA entro 15 giorni dalla stipula del presente contratto di cui costituirà parte integrante. Il piano dovrà puntualmente descrivere: - la struttura organizzativa - le procedure - la pianificazione delle attività (cicli di manutenzione preventiva, ecc.) - le risorse ed il loro inquadramento contrattuale - le capacità - i mezzi d opera e le attrezzature che l Appaltatore ritiene idonee per assicurare l adempimento delle obbligazioni assunte con il presente contratto. Il servizio sarà organizzato secondo le linee indicate nel Piano del Servizio garantendo per Malpensa: - la conduzione degli impianti h. 24 per 365 gg/anno; - la presenza del responsabile tecnico h. 8 dal lunedì al venerdì; - per entrambi gli scali, laddove si verifichi l esigenza, l intervento di tecnici specializzati entro 4 ore dall input di attivazione. 20

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli