La Vecchia Filanda. Notiziario del Comune di Cambiago - N. 2/ Dicembre - Anno XIX - NdC 16

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Vecchia Filanda. Notiziario del Comune di Cambiago - N. 2/2013 - Dicembre - Anno XIX - NdC 16"

Transcript

1 All interno, tra l altro... N. 2/ dicembre Menù 10 e lode, a pag. 4 La casa dell acqua, a pag. 6-7 Tares, a pag. 10 Biblioteca Day, a pag. 20 La Vecchia Filanda Notiziario del Comune di Cambiago - N. 2/ Dicembre - Anno XIX - NdC 16 Scuole elementari sempre più sicure: tetto e sottotetto nuovi Nel rispetto del valore storico del manufatto, datato 1910,sono stati completati i lavori di rifacimento del tetto e di consolidamento della soletta del sottotetto di Daniele Orlandi Sono durate due mesi, completate nei tempi previsti, le opere di rifacimento integrale della copertura e di consolidamento della soletta del sottotetto sull edificio costruito nel 1910 e dunque vincolato al Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio cui sono soggetti tutti gli edifici pubblici con più di 50 anni e il cui progettista sia deceduto. L obiettivo che ha spinto l amministrazione a progettare e finanziare l intervento, spiega il sindaco Silvano Brambilla, è stato quello di aumentare la sicurezza rispetto ai problemi di carattere sismico attraverso un risanamento strutturale, con miglioramenti ad hoc ai fini della vulnerabilità antisismica. Il risultato è frutto di un percorso avviato tre anni fa con una serie di indagini geologiche per analizzare il terreno al di sotto delle fondazioni ed una serie di analisi sulla vulnerabilità sismica, per capire come l edificio avrebbe reagito in caso di terremoto. Lo studio si è concluso a dicembre 2012 e i risultati hanno evidenziato come l edificio risultasse idoneo a livello edilizio ma non antisismico; è stato inoltre creato un modello matematico per individuarne le parti più deboli, ovvero copertura e soletta della copertura. Una volta deciso di avviare l intervento, il progetto ha ottenuto, nella seconda metà di maggio, il benestare della Soprintendenza; si è dunque passati alla gara d appalto con l obiettivo di avviare i lavori il 15 luglio, eseguendoli durante l estate, per completare l opera entro il 15 settembre. Lungo il percorso alcuni ostacoli imprevisti hanno fatto slittare i lavori di due mesi, in seguito a contestazioni delle ditte che hanno partecipato alla gara d appalto, che hanno determinato l obbligo di far trascorrere i tempi previsti per legge, prima di poter dare il benestare all allestimento del cantiere. L Amministrazione comunale si è dunque trovata di fronte a un bivio: annullare il progetto, perdendo così l intero stanziamento economico di euro, non recuperabili nel 2014 a causa dei vincoli del Patto di Stabilità; oppure proseguire, pur sapendo di andare incontro ad alcune critiche, dando il via ai cantieri in concomitanza con l apertura della scuola per l anno scolastico 2013/2014. Abbiamo deciso di partire sottolinea il Sindaco Brambilla consapevoli di aver preso una decisione impopolare ma necessaria per rendere la struttura sicura dal punto di vista della sismicità. Il progetto ha previsto il recupero e la disinfestazione delle capriate e di gran parte delle travi lignee, e la messa in opera di singoli elementi dell orditura primaria, in legno di abete massello e in legno lamellare, in sostituzione di quelli non recuperabili o a integrazione di quelli sottodimensionati e mantenendo la sagoma della copertura. Per garantire maggior staticità all intera struttura sono stati posati elementi di rinforzo in acciaio, ovvero tiranti, piastre e fasciature, a formare un sistema collaborante delle strutture in legno. In particolare è stato applicato un cordolo perimetrale in acciaio, connesso alla muratura di mattoni attraverso perforazioni con barre in acciaio; sono stati poi posati (segue) UNA BUONA NOTIZIA 5.408,66 Euro Cambiago premiata per la lotta all evasione fiscale: Solo 440 amministrazioni comunali sono riuscite a conseguire il premio per l attività di collaborazione alla lotta all evasione. Il Comune di Cambiago è tra questi ed è stata premiata. Il premio del Ministero consiste in Euro 5.408,66 e contribuirà alla realizzazione della politica di equità fiscale, da sempre obiettivo dell amministrazione comunale.

2 La Vecchia Filanda dei trefoli in acciaio collegati al cordolo, posizionati in modo da formare delle croci di Sant Andrea sul piano di calpestio con il risultato di un miglioramento del comportamento statico e sismico dell intero edificio. Occorre ricordare che, trattandosi di un edificio con più di un secolo di vita, l intervento è stato eseguito nel pieno rispetto del valore storico del manufatto, attraverso il recupero dell orditura primaria in legno e limitando la sostituzione degli elementi in legno soltanto qualora presentassero caratteristiche statiche insufficienti a sopportare il carico o un degrado tale da non consentirne il recupero. Il consolidamento della soletta è stato invece realizzato nel rispetto delle normative in vigore in termini di miglioramento sismico, come previsto dal D.M. del 14 gennaio 2008 Norme Tecniche per le Costruzioni. La logistica del cantiere è stata concentrata nel cortile esterno posto di fronte alle scuole; qui è stata posizionata la gru, necessaria per la movimentazione dei materiali e sull intero edificio sono stati allestiti i ponteggi, rispettando le norme di sicurezza, come previsto dal Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n.81 Tutela della Salute e dei Luoghi di Lavoro. Il tetto è stato scoperchiato a pezzi e non nella sua totalità, per limitare al minimo i disagi. A causa di un forte nubifragio che ha colpito il territorio due giorni prima dell avvio dell anno scolastico, si sono verificate alcune infiltrazioni nelle aule poste al primo piano dell edificio; per questo è stata posizionata una guaina provvisoria e, dopo un assemblea pubblica con i genitori e diversi incontri con la dirigenza scolastica e con i responsabili della sicurezza, la preside Valentina Marcassa ha autorizzato il provvisorio spostamento di 8 delle 15 classi. Una soluzione temporanea, studiata per venire incontro alle ansie e preoccupazioni dei genitori e per consentire agli operai di lavorare con maggior continuità in quanto, anche dopo un controllo da parte dell Asl, il cantiere è stato dichiarato a norma nel rispetto delle regole in materia di sicurezza. L amministrazione ha effettuato una lunga serie di sopralluoghi nelle strutture comunali e ha in seguito preso in considerazione anche l oratorio. I circa 160 bambini hanno fatto provvisoriamente lezione distribuiti tra scuola materna, scuola media ed oratorio. I lavori si sono conclusi a fine ottobre e, tra sabato 2 e sabato 9 novembre, è stato effettuato lo sbancamento del cantiere (smantellando il ponteggio e smontando la gru), sono state ritinteggiate le aule colpite dalle infiltrazioni e sono stati eseguiti alcune opere collaterali sulla parte elettrica (illuminazione del sottotetto) e nel sottoscala che porta al tetto. Per l intera durata dei lavori, al fine di organizzare settimanalmente le operazioni, ogni mercoledì mattina si è tenuta una riunione tra dirigenza scolastica, responsabili della sicurezza ed amministrazione comunale. Due genitori, membri del comitato geni- Un progetto coerente per l edilizia scolastica Dall avvio del suo primo mandato, la Giunta guidata dal Sindaco Silvano Brambilla è intervenuta su mensa, centrale termica delle elementari, copertura del tetto della palestra delle medie. Dopo il recente rifacimento del tetto delle elementari, ora in cantiere ci sono la realizzazione del 1 lotto dell ampliamento della scuola primaria ed il recupero degli ex ambulatori, per la creazione di nuove aule scolastiche. Tutto questo nonostante le difficoltà economiche che sta attraversando l Italia e le note ristrettezze di bilancio del Comune. 2

3 tori e competenti in materia di cantieristica, hanno inoltre ricevuto l autorizzazione ad accedere all edificio per valutare lo stato dell arte e trasmettere informazioni aggiornate agli altri genitori. Il risultato dell opera, conclusasi nei tempi previsti, è un edificio che oggi può dirsi davvero migliorato dal punto di vista del consolidamento statico con una diminuita vulnerabilità sismica, ed un importante intervento sul contenimento energetico. Si tratta di un progetto con un respiro di almeno 20 anni ha sottolineato il sindaco Silvano Brambilla È importante sottolineare che, a monte di questa ed altre opere già eseguite e di quelle ancora da eseguire sulle strutture scolastiche, c è un approfondito percorso di pianificazione dei fabbisogni scolastici. L amministrazione ha lavorato affinché, anche per i prossimi 20 anni questo e gli altri edifici possano soddisfare i fabbisogni della popolazione scolastica e risultare a tutti gli effetti sicuri. Ricordiamo infatti che l amministrazione, dall avvio del suo primo mandato, è intervenuta tra le altre cose su mensa, centrale termica delle scuole elementari, copertura del tetto della palestra delle scuole medie e ha in cantiere la realizzazione del primo lotto dell ampliamento della scuola primaria e il recupero degli ex ambulatori, per la creazione di nuove aule scolastiche. Il ringraziamento del Sindaco e dell Assessore Desideriamo ringraziare la Presidenza, i Docenti e il Personale ausiliario della Scuola Primaria per la collaborazione e la pazienza dimostrate nel corso dei lavori che hanno interessato l edificio scolastico. L importante intervento di ristrutturazione ne ha migliorato la staticità, la sicurezza e l estetica, nel rispetto dei vincoli di tutela per gli edifici storici. L edificio, che risale ai primi anni del Novecento, costituisce un simbolo storico-sociale per la comunità Cambiaghese. È per noi un onore poterlo riconsegnare agli alunni e ai docenti in condizioni migliori e adeguate alla sua funzione di luogo preposto all educazione. Uno speciale ringraziamento a don Gianni, parroco di Cambiago, per la disponibilità ad accogliere in Oratorio le tre classi durante i lavori. Silvano Brambilla Sindaco di Cambiago M. Grazia Mangiagalli Assessore all Istruzione

4 La Vecchia Filanda Menù 10 e lode per imparare a mangiare bene Il ruolo della scuola e della commissione mensa sono determinanti per abituare bambini e bambine all alimentazione corretta e salutare La ASL Milano 2 ha incontrato i 53 rappresentanti dei Comuni che ne fanno parte per premiare i più virtuosi nell ambito del progetto Menù 10 e lode e il nostro Comune ha fatto proprio una bella figura. Nel corso dell incontro di giugno a Vizzolo Predabissi sono state presentate, a cura del Servizio di Igiene, Alimenti e Nutrizione (Sian) della ASL Milano 2 le linee guida della ristorazione scolastica. Per quanto riguarda le commissioni mensa, esse mirano alla creazione di progetti di promozione della salute, confermando l importanza della commissione mensa per la conoscenza e la consapevolezza di stili alimentari corretti fin dalla scuola. Il progetto Menù 10 e lode è nato per fornire supporto ai Comuni e per favorire il miglioramento della qualità della ristorazione scolastica, dei cibi e delle abitudini alimentari di bambini e ragazzi. Il metodo utilizzato si basa sull autoanalisi, per favorire la responsabilizzazione e la revisione dei processi che portano all erogazione dei pasti: dalla conservazione alla preparazione, dalla cottura alla distribuzione. L utilizzo di uno strumento di valutazione, agevole e di semplice impiego ha costituito una guida alla valutazione sistematica di ciascuna mensa scolastica. Le schede di valutazione si suddividono in tre parti distinte che riguardano l articolazione e l alternanza degli alimenti nel menù; le caratteristiche relative alle derrate alimentari presenti nel capitolato d appalto; l organizzazione del servizio di ristorazione che influenza la qualità nutrizionale del servizio. Per giudicare il menù erogato agli alunni e agli studenti l Azienda Sanitaria ha fornito una griglia di valutazione composta da tre schede sulla Di Ezio Pasina, presidente della Commissione Mensa valutazione degli alimenti del menù, le scelte degli alimenti utilizzati e le caratteristiche organizzative che influenzano la qualità nutrizionale del servizio di ristorazione scolastica. L iniziativa rientra nell ambito dei piani integrati di promozione della salute realizzati dalle ASL. Nel corso dell incontro alcune delle commissioni mensa dei Comuni hanno portato la loro esperienza ed i cambiamenti apportati alla refezione scolastica nel corso degli anni che hanno permesso di ottenere risultati eccellenti sia nella qualità del cibo sia nel gradimento da parte dei ragazzi e, alle stesse commissioni, di far tesoro delle loro storie per cercare di apportare i cambiamenti necessari ad un corretto stile di vita. Da parte mia, in qualità di presidente della commissione mensa e rappresentante del nostro Comune, ho portato la nostra esperienza dell ultimo anno, fatta di notevoli cambiamenti: siamo passati da menù insufficienti a menù molto buoni, abbiamo introdotto i legumi e i piatti unici, sono state fatte due assemblee pubbliche con il pediatra del nostro distretto e il medico ASL per spiegare i cambiamenti necessari. Il momento della premiazione Nel corso dell anno, in collaborazione con la ditta che serve i pasti, abbiamo cercato di rendere i pasti gradibili ai ragazzi con cambiamenti anche in corso d opera. Nel corso dei prossimi anni cercherò di proporre miglioramenti scaturiti dalle esperienze e proposte degli altri comuni e in tal senso ho chiesto all Assessore all Istruzione di farsi portatore di quanto promosso dall ASL Milano 2 (linee guida di un buon modello di carta della salute) presso il nostro distretto scolastico. L ASL ha riconosciuto quanto fatto nel corso del e ci ha premiato con il secondo posto per i miglioramenti messi in atto. Dall analisi dei dati raccolti negli AS e è stata stilata la classifica dei Comuni virtuosi, che vede al primo posto il Comune di Tribiano, seguito da Bussero e Pantigliate. Bene anche Cassina de Pecchi, al quarto posto. La ASL Milano 2 ha anche stilato la classifica che premia il miglioramento del servizio che ha visto al primo posto Mediglia, seguita da Cambiago e Zibido San Giacomo a pari merito e al terzo posto Liscate. 4

5 L odissea della SP 176 I limiti della programmazione di enti sovracomunali sul territorio urbano N. 2/ dicembre Di Claudio Marra La strada provinciale 176 Gessate-Bellusco da oltre trent anni è diventata inadeguata. Nella delibera di Giunta della Provincia di Milano n. 659/2005 si dichiara esplicitamente che il notevole incremento del traffico negli ultimi anni sottopone le pavimentazioni delle strade provinciali a forti sollecitazioni specie in relazione alla cospicua percentuale di traffico pesante. Non possiamo dire se l ampliamento dell A4 a quattro corsie più corsia d emergenza, del 2007, abbia significativamente influito sul traffico della SP 176; di fatto il traffico è aumentato e non può più essere sopportato dal tratto urbano di Cambiago, da via Manzoni a via Brianza. L inadeguatezza del calibro e la pericolosità dell attraversamento urbano della SP 176 sono state affrontate dalla Provincia di Milano adottando iniziative, seppur legate da una logica unitaria, forse non tenendo in debito conto le esigenze del territorio e le aspettative delle amministrazioni locali. Nel 2001, nell ambito delle opere di compensazione correlate alla A4, la Provincia autorizzava la realizzazione del 1 tratto della futura 176 al di fuori del centro abitato, che termina sulla rotonda di via Matteotti (più o meno a metà strada tra Cambiago e Torrazza). A partire dal 2005 la Provincia progettava, finanziava e realizzava la messa in sicurezza del tratto Gessate-Cambiago con l allargamento della carreggiata e la creazione di una pista ciclabile. Nel 2007 nell ambito delle opere di compensazione correlate alla TEM autorizzava la realizzazione del 2 tratto della futura 176 al di fuori del centro abitato e che terminava sulla rotonda di via Oberdan. Avendo sopportato una spesa di Euro ,00 non è parso accettabile alla Provincia di Milano realizzare il prolungamento della nuova strada provinciale in direzione Sud, così abbandonando il tratto appena riqualificato. Rimanendo sorda alle richieste dei Comuni di Cambiago e Gessate la provincia di Milano consentirà la realizzazione di un opera più invasiva territorialmente e non risolutiva viabilisticamente, benché meno costosa. Una più lungimirante e coordinata programmazione adottata in sede di predisposizione degli accordi del 2001 con la società Autostrade avrebbe consentito di razionalizzare i costi su un opera più utile per le popolazioni locali e meno impattante sul territorio. Evidentemente la Provincia, allora come oggi, aveva convinzioni e obbiettivi che non lasciano spazi ad alternative amministrativamente perseguibili. Così si esprimeva il Presidente Podestà nella risposta ad un cittadino di Cambiago che gli chiedeva di modificare il tracciato che confluisce sulla rotonda di via Oberdan: Realizzando un collegamento diretto tra Cambiago e la Padana superiore si andrebbe a creare una tratta alternativa al tracciato TEM, correndo il rischio di drenare sulla nuova tratta della SP 176 il traffico destinato alla tangenziale esterna, vanificando così l obiettivo del progetto. Con riferimento agli effetti che l opera produrrebbe sulle proprietà agricole, non vi è dubbio alcuno che un tracciato diretto tra Cambiago e la Strada Padana risulterebbe maggiormente invasivo rispetto al progetto attuale, in quanto sezionerebbe in due parti il fondo esistente. La stessa ostinata risposta che hanno dato politici e tecnici della Provincia e della TEM agli Amministratori del Comune di Cambiago SP 176 sempre più urbana: viale Brianza e via Prandi più sicure Il supermercato che è stato realizzato nei pressi del casello dell A4 ha l accesso da viale Brianza. Nella convenzione tra Comune e la proprietà, nell ambito di questo piano di lottizzazione commerciale (denominato AS1), sono state previste misure di compensazione e mitigazione a fronte degli effetti del nuovo insediamento commerciale, a vantaggio del Comune di Cambiago. In particolare è stata prevista la sistemazione viabilistica esterne all ambito del piano attuativo, costituente opere di urbanizzazione primaria, concordate con l Amministrazione e per le quali è già stato redatto studio di fattibilità allegato al protocollo. Evidenziamo tra queste la realizzazione del marciapiede, delle fermate autobus e dell illuminazione a led su viale Brianza e il parcheggio (dieci posti a beneficio della scuola primaria) e l illuminazione a led di via Prandi, opere di particolare impatto sul miglioramento della viabilità e della sicurezza su una strada attualmente ancora provinciale, ma la cui vocazione è di diventare comunale con conseguente riduzione del traffico. 5

6 La Vecchia Filanda La Casa dell Acqua alla Torrazza Dal 30 giugno abbiamo la Casa dell Acqua, una sorgente per tutti! Di Ilaria Sala 6 Situata in via Cattaneo a Torrazza la casetta che distribuisce l acqua è stata inaugurata dall Amministrazione Comunale dopo la benedizione del parroco don Gianni Casiraghi seguita da un intermezzo poetico e musicale offerto dal CMT (Centro Musicale Territoriale). «Per tutti noi - spiega il sindaco Brambilla - ed in particolare per i torrazzesi la Casa dell Acqua assume una particolare importanza perché consente a tutta la cittadinanza di usufruire di un prezioso bene comune, potendo bere acqua di qualità, che permetterà anche di ridurre la circolazione della plastica salvaguardando l ambiente e introducendo un modello di consumi ecosostenibile». «L iniziativa dimostra anche l attenzione che questa amministrazione dedica ormai da tempo verso le esigenze della popolazione, ed, in particolar modo, delle fasce più deboli. L impianto consente l approvvigionamento dell acqua naturale in modo del tutto gratuito e dell acqua frizzante ad un prezzo molto basso» ha specificato l assessore Rocco Morini. L acqua di rete nel nostro territorio è buona, sicura, controllata e certificata da rigorosi controlli periodici dei gestori e delle Asl competenti: i cittadini possono berla in assoluta tranquillità. Le Case dell Acqua servono proprio a promuovere la qualità dell acqua del rubinetto, e a far conoscere il lavoro delle aziende idriche per garantire un servizio sempre più efficace. Oggi ognuna delle Case dell Acqua realizzate da CAP Holding in collaborazione con i Comuni serviti eroga in media litri d acqua al giorno, che corrispondono a bottiglie di plastica che non vengono prodotte, trasportate e smaltite, a tutto vantaggio dell ambiente. L Italia ancora oggi purtroppo è il terzo consumatore mondiale di acqua in bottiglia, il primo in Europa, con un aumento dei consumi dal 1980 ad oggi del 317%. Questi consumi così elevati comportano un enorme impatto ambientale: lo scorso anno in Italia sono stati raccolti 8 miliardi di bottiglie di plastica. Disposte tutte in fila, coprirebbero 40 volte la circonferenza della Terra. A questo bisogna aggiungere i 300mila TIR che ogni anno attraversano la penisola per trasportare la sola acqua in bottiglia rilasciando tonnellate di CO 2 nell ambiente. La Casa dell Acqua, com è fatta? La Casa dell Acqua dispone di due erogatori, uno per l acqua naturale e l altro per quella frizzante ; viene erogato mezzo litro per volta per evitare sprechi. orario di funzionamento: dalle 7.00 alle acqua naturale: gratuita acqua frizzante: 5 centesimi al litro Il pagamento dell acqua frizzante si fa inserendo monete (anche da 5 centesimi) nel pannello del distributore ; non viene dato resto L opera è costata circa ,00 per gli allacciamenti perché la Casa dell Acqua è stata fornita gratuitamente da CAP in quanto è la prima installata nel nostro comune. Durata dei lavori per realizzarla: 2 settimane per gli allacciamenti e 1 settimana per il manufatto; guadagni per il Comune: non ancora quantificabili, saranno comunque girati interamente alla società CAP che gestirà la manutenzione.

7 N. 2/ dicembre Casa dell Acqua: come e perché Abbiamo chiesto all ufficio stampa del Gruppo CAP di dare ai nostri lettori alcune informazioni sulle case dell acqua Cosa sono le case dell Acqua e perché il Gruppo CAP le realizza? Le case dell Acqua sono punti di erogazione di acqua naturale e frizzante, prelevata dagli acquedotti cittadini. Sono nate per valorizzare la qualità dell acqua di rete perché l Italia è il principale consumatore in Europa di acqua in bottiglia, comportamento spesso immotivato, dal momento che l acqua di rete è buona e sicura. Un altro obiettivo del progetto è la diffusione di comportamenti sostenibili, perché consumare acqua di rete, dal proprio rubinetto di casa o dalle Case dell Acqua, contribuisce a diminuire la quantità di plastica prodotta, trasportata e smaltita. Inoltre le Case dell Acqua aiutano la nostra azienda a valorizzare il lavoro degli operatori del settore idrico: aprire il rubinetto è un gesto quotidiano e automatico, così normale che non ci facciamo domande, invece dietro a questo gesto c è il lavoro di migliaia di donne e uomini che tutti i giorni si impegnano per fornire un servizio di qualità, nel rispetto dell ambiente. La scarsa attenzione al servizio idrico è motivato anche dal fatto che pochi (solo quelli che vivono in abitazioni indipendenti) vedono la bolletta dell acqua: nei condomini, la bolletta viene inviata all amministratore, e pagata nel calderone delle spese condominiali. Questo significa che la maggior parte dei cittadini non sa neanche quanto costa l acqua che consuma, né quanta ne consuma! Qual è la risposta dei cittadini a questo servizio? Dalla prima struttura, realizzata nel 2008, alle 99 ad oggi realizzate dal Gruppo CAP, i cittadini stanno mostrando di gradire molto il servizio. Sono sempre più numerose le amministrazioni che richiedono di installare una Casa dell Acqua sul loro territorio, e le strutture esistenti oggi erogano in media litri d acqua la giorno, che corrispondono a bottiglie di plastica da 1 litro e mezzo risparmiate. Questo progetto si sta diffondendo in tutta Italia, ovunque con ottimi risultati. L acqua non dovrebbe essere gratuita? Come mai in molte delle vostre strutture l acqua frizzante è a pagamento? Le prime strutture realizzate da CAP erano a erogazione libera: chiunque poteva accedere e prelevare tutta l acqua che voleva senza limiti e senza costi. Questo tipo di gestione ha però dimostrato nel tempo una serie di problemi: l anidride carbonica necessaria a rendere l acqua frizzante va ricaricata, e quindi acquistata. Gli impianti sono sottoposti al rigoroso sistema HACCP e quindi richiedono un programma di manutenzione e sanificazione periodico, e i professionisti che svolgono questo lavoro hanno un costo. Spesso i Comuni si sono trovati in difficoltà a reperire le risorse per coprire questi costi, senza considerare che purtroppo si sono verificati episodi di spreco e utilizzo poco ortodosso dell acqua prelevata dalle Case dell Acqua. Non è bello da dire, ma il fatto che fosse gratuita sembrava giustificarne un utilizzo indiscriminato, mentre noi ci teniamo a diffondere un messaggio di sostenibilità e di utilizzo consapevole delle risorse idriche. L acqua prelevata dalle Case dell Acqua subisce dei trattamenti speciali rispetto a quella del rubinetto? No. L acqua delle case dell Acqua è la stessa del rubinetto di casa, solo viene addizionata di anidride carbonica per offrirla anche nella versione frizzante. L acqua di rete è ottima così com è e non necessita di ulteriori trattamenti, che ne modifichino le caratteristiche. Sul sito della società operativa del Gruppo CAP, Amiacque, sono disponibili le etichette dell acqua per ogni singolo Comune, con i risultati delle ultime analisi effettuate dai Laboratori, che dimostrano come l acqua di rete nel nostro territorio sia buona, sicura e controllata. Amiacque: l interfaccia del consumatore Qual è la politica adottata da CAP nei confronti degli utenti morosi? Per gli utenti morosi si adottano in prima istanza procedure di solleciti stragiudiziali, mediante comunicazioni standard; successivamente si procede con azioni di natura legale. Qual è la percentuale di acqua dispersa dalla rete idrica e cosa fa CAP per contenere le pur fisiologiche perdite? La percentuale, come riportato nel Bilancio di Sostenibilità, è del 22,9%. A scopo preventivo vengono effettuate ricerche sistematiche delle perite occulte sulle rete mediante rilievi. Uno dei sistemi applicati è quello elettroacustico. In sostanza si registrano le fonti sonore causate dal rumore della perdita d acqua che fuoriesce dalla tubatura. In questo modo, quindi, è possibile individuare la fuga d acqua. Altra misura preventiva è data dagli impianti di protezione catodica delle tubazioni in acciaio finalizzati a prevenire corrosioni della rete e a proteggere da correnti vaganti. Inoltre va evidenziato che Amiacque dispone di un servizio di Pronto Intervento attivo 24 su 24 ( ) che interviene tempestivamente in caso di perdita urgente sulla rete. Quali sono gli impegni a breve e medio termine rispetto agli utenti? Abbiamo programmato gli impegni nella sezione del progetto di comunicazione integrata riservata agli utenti che comprende tra gli altri (incluso l ultimo progetto/contratto IdeaCpA): 1. maggiore diffusione delle informazioni agli utenti mediante appositi strumenti di comunicazione veicolati attraverso la bolletta dei consumi che peraltro è stata recentemente oggetto di revisione al fine di facilitarne la lettura e per un attenta verifica dei consumi; 2. campagne di comunicazione sui servizi dedicate agli utenti; 3. campagna informativa sull etichetta dell acqua aggiornata periodicamente sul sito aziendale e trasmessa agli utenti con la bolletta dei consumi e distribuita negli sportelli; 4. consolidamento rapporti con le associazioni dei consumatori; 5. implementazione servizi on line; in studio il nuovo portale per gli utenti e avviati gli applicativi smartphone 6. restyling e ampliamento rete sportelli con studi di razionalizzazione 7. studio per attivare una figura di travelling customer assistant (TCA) con la funzione di fornire in loco consulenza e assistenza agli utenti sia nelle manifestazioni varie sul territorio che a richiesta diretta. 7

8 La Vecchia Filanda L alternativa alla tumulazione è la cremazione Pratica antica, consentita dalla Chiesa cattolica, ecologicamente sostenibile La cremazione è un servizio pubblico a pagamento secondo tariffe massime stabilite dallo Stato (D.M. Ministro Interno, di concerto con il Ministro Salute, del 01/07/2002). La cremazione di un salma prevede il suo incenerimento e la raccolta delle ceneri in un urna. Le urne contenenti le ceneri possono essere custodite dai familiari del defunto presso il loro domicilio, essere depositate in aree a ciò destinate all interno dei cimiteri: tumulate in una tomba di famiglia, in un loculo o in una celletta cinerario, oppure depositate nel cinerario comune. Le ceneri possono essere disperse in natura, in aree all interno dei cimiteri o aree private, o in mare, laghi o fiumi solo se il defunto ha lasciato una disposizione testamentaria in tal senso o abbia manifestato tale volontà a una società di cremazione. La cremazione è un usanza recente? La cremazione ha origini antichissime e vi sono numerose testimonianze della sua esistenza in Europa fin dai tempi preistorici. Nel mondo etrusco e romano essa conviveva con l inumazione, ma cessò del tutto con l avvento del cristianesimo in quanto in contrasto con la fede nella resurrezione dei corpi. Nel secolo XIX la cremazione fu propagandata e praticata ad opera di associazioni di liberi pensatori in pieno contrasto con le posizioni ufficiali della Chiesa, che la accettò, come alternativa ai sistemi tradizionali di sepoltura, con il Concilio Vaticano II nel La cremazione è la pratica di sepoltura del futuro? La crescita talvolta abnorme delle aree cimiteriali, l alto costo dei terreni e degli impianti, il desiderio di non lasciare agli eredi incombenze a volte difficili da assolvere, la preoccupazione per gli aspetti igienico-sanitari, ha fatto sì che la cremazione, incoraggiata dalle comunità locali, registrasse una certa diffusione, anche se, rispetto ai sistemi di sepoltura più tradizionali, rimane abbastanza marginale. È comunque probabile che, visti i problemi a cui si è accennato, la cremazione possa vedere nel futuro un certo sviluppo. La cremazione è alternativa al funerale? Molti sono convinti che la cremazione rappresenti un alternativa pratica ed economica al funerale tradizionale, ma ciò non è esatto in quanto, per poter cremare un corpo, sono necessarie tutte le pratiche previste per qualsiasi funerale ed è obbligatorio il cofano funebre (che viene cremato insieme al corpo). La cremazione è quindi un alternativa alla sepoltura tradizionale (inumazione o tumulazione) e il suo scopo è di rendere immediato il processo di consumazione Di Claudio Marra del corpo che, se inumato dura fino a 10 anni, se tumulato dura fino a 30 anni. Oggi a Milano il 70% delle salme sono cremate. Dove viene effettuata la cremazione? La cremazione viene effettuata in strutture autorizzate (crematori) di solito presenti nei capoluoghi di provincia e gestite da associazioni riconosciute (Socrem). Che si deve fare per cremare una salma? Deve essere autorizzata dall ufficiale di stato civile del Comune ove è avvenuto il decesso, sulla base della volontà testamentaria espressa dal defunto. In assenza di testamento la volontà deve essere manifestata dal coniuge e, in difetto, da tutti i parenti più prossimi dello stesso grado. Per chi, al momento della morte, è iscritto a società di cremazione è sufficiente una dichiarazione in carta libera, scritta e datata, sottoscritta dall associato di proprio pugno, dalla quale chiaramente risulti la volontà di essere cremato. La dichiarazione deve essere convalidata dal presidente della società di cremazione. L ampliamento e la manutenzione del cimitero Sono iniziati i lavori di ampliamento del cimitero lato nord con la realizzazione di 120 nuovi loculi e la realizzazione di nuovi servizi igienici per un investimento complessivo di I lavori verranno realizzati in 7 mesi e prevedono: 8 rifacimento parcheggi lato ovest (asfaltatura, rifacimento cordoli, segnaletica orizzontale e verticale) rifacimento intonaco e isolamento di un gruppo di loculi sistemazione cancelli e porte pulizia scritte su muri e panchine potatura piante che ostruiscono i canali di smaltimento acque rampicante sui muri perimetrali costruzione cappella per funzioni religiose.

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

COMUNE. Piano di manutezione

COMUNE. Piano di manutezione COMUNE Piano di manutezione 1 Sommario 1 INTRODUZIONE pag. 2 2 ANAGRAFICA DELL OPERA pag. 3 3 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMMOBILE pag. 4 4 IL PIANO DI MANUTENZIONE pag. 5 5 INDIVIDUAZIONE CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Art.61 Oggetto e finalità 1. Il presente Capo disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

LEGGE REGIONALE (n. 4)

LEGGE REGIONALE (n. 4) LEGGE REGIONALE (n. 4) approvata dal Consiglio regionale nella seduta antimeridiana del 30 settembre 2008 ----- ----- - 1 - Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge disciplina l affidamento delle

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti I CIMITERI Il Comune di Cremona gestisce i seguenti cimiteri: il Civico Cimitero di Cremona (foto 1) via Cimitero 1 - Cremona 1 il Cimitero

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO II

Dettagli

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873]

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873] PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PREMESSA Il Piano Regolatore Cimiteriale è lo strumento che definisce la programmazione degli spazi

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004)

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) (titolo XV regolamento comunale Polizia Mortuaria) Approvato con deliberazione di

Dettagli

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio Allegato A Comune di Teglio Provincia di Sondrio Disciplinare per l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri - procedure individuazione luoghi destinati alla dispersione delle ceneri derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano COMUNE di MAGNAGO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DEGLI EDIFICI AD USO CIVILE, PRODUTTIVO, COMMERCIALE,

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

C O M U N E D I U R B I N O

C O M U N E D I U R B I N O C O M U N E D I U R B I N O REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 26

Dettagli

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici

PeR LAVORI. ESTATe 2008. COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici COMUNE DI CURTAROLO Assessorato ai Lavori Pubblici Poste Italiane Spa Tassa pagata Invii senza indirizzo AUT. DC/DCI/PD/7919/00/CS del 27-10-00 A tutte le Famiglie del Comune di Curtarolo ESTATe 2008 APeRTI

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 1. Introduzione Nel corso degli ultimi decenni, l aumento generalizzato della

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino)

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) DOCUMENTO SPECIFICAZIONE DEL SERVIZIO E DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO CREMATORIO Contratto di concessione per la progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Regione Lazio Provincia di Rieti COMUNE di BORGOROSE REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Realizzazione con il sistema del promotore art. 153 e seguenti del

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 240 Presentata dai Consiglieri Ciani, Ciriani, Di Natale,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE Il Consigliere Quintino Pallante CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX LEGISLATURA -------------------- PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N. Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Tel. 0122/755955 Fax 0122/755935 COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE DI CESANA PROVINCIA DI TORINO Via Principale 25 C.A.P. 10054 E-mail info@comune.sauzedicesana.to.it Allegato alla deliberazione

Dettagli

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (testo aggiornato al Decreto Legge n.35/2013) N.B. ESCLUSIVAMENTE PER L ANNO 2013 la TARES viene

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI

COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI via Lincoln 144 0917403469 - FAX 0917403425 e-mail: impianticimiteriali@comune.palermo.it MANUALE DELLE PROCEDURE U.O.

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino

COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino PIANO REGOLATORE CIMITERIALE 1^ VARIANTE Marzo 2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Progettista: Ing. Viviana Peruzzo Responsabile del Procedimento: arch. Walter Dassetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

Obiettivi. Destinatari e Azioni

Obiettivi. Destinatari e Azioni PROGETTO NOVA SOLIDALE Insieme si può Obiettivi Il contesto socio economico evidenzia un impoverimento progressivo delle famiglie, in ragione della perdita della loro capacità di spesa per motivi differenti

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING Città di Melegnano (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING CAPITOLATO PRESTAZIONALE E SCHEMA TECNICO PER REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Dettagli

Comune di Ossona. 16 Progetti

Comune di Ossona. 16 Progetti Comune di Ossona 16 Progetti Scheda di progetto 1/16 Nuove aree verdi attrezzate Cittadini Risulta evidente in Ossona la scarsità di spazi verdi attrezzati di gioco dei bambini e di incontro di genitori.

Dettagli

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa Come fare la denuncia di morte La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all'ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA)

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 01 del 13.02.2012 e successiva

Dettagli

Comune di Gorgonzola

Comune di Gorgonzola Categoria 2 45 Scheda del progetto Comune di Gorgonzola Andrea Della Vedova Via Italia, 62 20064 Gorgonzola (MI) 02 951268315 andrea.dellavedova@comune.gorgonzola.mi.it www.comune.gorgonzola.mi.it Ecologia

Dettagli

COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015

COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015 COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015 Dal 1 gennaio 2014 la Legge n. 147 del 27.12.2013 (Legge di Stabilità 2014) ha istituito l Imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, basata

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 ENTRATE CODICE RISORSA DESCRIZIONE RISORSA ACCERTATO 3010440 PROVENTI DIVERSI PARCO E VILLA REALE 6.015,00 3020520 FITTI REALI DI FONDI RUSTICI

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI BILANCIO DI PREVISIONE COMUNE DI VERNATE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 IL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 E STATO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 15 APRILE

Dettagli

D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente

D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente 1. L energia - L ambiente - L inquinamento ridurre i fabbisogni di risorse energetiche del Comune ed incentivare le stesse azioni anche ai cittadini tutelare

Dettagli

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388

euro.act s.r.l., Via Valle Zavelea 22, 44124 Ferrara, C.F./P.I./R.I. Ferrara 01317570388 5 maggio 2010 (Ferrara) Titolo: La cremazione. Conservazione, affidamento e dispersione ceneri SERENO SCOLARO (Libero professionista e Responsabile SEFIT) FINALITÀ DEL CORSO: Lo sviluppo della cremazione

Dettagli