CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 REGIONE LOMBARDIA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO SERVIZIO GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE STRUTTURE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE E DELL ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 Pagina 1 di 32

2 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO...pag. 3 ART. 2 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO pag. 4 ART. 3 REQUISITI GENERALI DELLE PRESTAZIONI.pag. 20 ART. 4 ORARI...pag. 24 ART. 5 REQUISITI ED ONERI DEL PERSONALE ADDETTO..pag. 24 ART. 6 SUPERVISORE RESPONSABILE DELL AGGIUDICATARIO E INCARICATI DELL ASL..pag. 26 ART. 7 RESPONSABILITA DELL IMPRESA APPALTATRICE...pag. 26 ART. 8 CONTROLLI PERSONALE DI SORVEGLIANZA pag. 26 ART. 9 PENALITA..pag. 27 ART. 10 CAUZIONE DEFINITIVA.pag. 28 ART. 11 ASSICURAZIONI pag. 28 ART. 12 DURATA DEL CONTRATTO..pag. 29 ART. 13 SUBAPPALTO DEL SERVIZIO- CESSIONE DEL CONTRATTO CESSIONE DEL CREDITO pag. 29 ART. 14 FATTURAZIONE E PAGAMENTI.pag. 29 ART. 15 REVISIONE DEI PREZZI pag. 30 ART. 16 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO..pag. 30 ART. 17 DIRITTO DI RECESSO pag. 30 ART. 18 SPESE ED ONERI CONTRATTUALI pag. 31 ART. 19 PRIVACY E TRATTAMENTO DATI..pag. 31 ART. 20 CODICE ETICO pag. 31 ART. 21 FORO COMPETENTE.pag. 32 ART. 22 NORME FINALI pag. 32 Allegati: Allegato A Superfici delle strutture oggetto d appalto (lotto 1) Allegato B Superfici delle strutture oggetto d appalto (lotto 2) Allegato C Regolamento per la gestione dei rifiuti Sede centrale (lotto 1) Allegato D Regolamento per la gestione dei rifiuti altre sedi(lotto 1) Allegato E Elenco del personale (lotto 1) Allegato F Elenco del personale (lotto 2) Pagina 2 di 32

3 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente Capitolato Speciale d Appalto (di seguito definito CSA) ha per oggetto il servizio di pulizia giornaliera e periodica delle strutture dell A.S.L. della Provincia di Varese (di seguito indicata ASL VA) e delle strutture dell ASL della Provincia di Milano 2 (di seguito indicata ASL MI 2) dettagliatamente elencate rispettivamente negli allegati A e B. I contratti relativi all espletamento del servizio in questione avranno durata di 48 mesi a decorrere dalle date indicate nei rispettivi contratti riferiti al lotto 1 e al lotto 2. Le ASL si riservano la facoltà di rinnovare i contratti, per singoli lotti, con un preavviso minimo di 90 gg., dalla scadenza dello stesso, per un periodo massimo di 24 mesi, alle stesse condizioni contrattuali in vigore per il contratto in scadenza. I servizi sono suddivisi in due lotti: 1) Lotto 1 riferito ad ASL VA (servizio di pulizia ordinaria, straordinaria e risanamento) 2) Lotto 2 riferito ad ASL MI 2 (servizio di pulizia ordinaria/risanamento e apertura/chiusura sedi aziendali + straordinaria + spalatura neve/spargimento sale chimico). L ammontare complessivo annuo del servizio è di ,00 (Iva esclusa) suddiviso in ,00 (Iva esclusa) per il lotto 1 ed ,00 (Iva esclusa) per il lotto 2. Si precisa che le superfici indicate per ogni struttura negli Allegati A (ASL VA) e B (ASL MI2) sono indicative e che, ove necessario, si procederà, per quanto ne consegue, alla misurazione reale delle stesse in contraddittorio con l Impresa Aggiudicataria dell appalto in argomento (di seguito definita Aggiudicatario ). Le superfici delle strutture di cui al presente articolo potranno essere variate dalle ASL interessate in qualsiasi momento per i seguenti motivi: a) a seguito di variazioni dell assetto istituzionale dell A.S.L. per effetto di normative regionali che ne mutino l ambito territoriale di competenza; b) a seguito di apertura di una nuova struttura o di chiusura di una esistente; c) in caso di utilizzazioni di locali precedentemente chiusi o mancato utilizzo di altri precedentemente in funzione. Nei casi sopra indicati il maggior onere o le somme da recuperare saranno calcolate dalla data in cui è intervenuta la variazione in riferimento alla superficie effettiva. Eventuali variazioni saranno comunicate via fax dalle ASL interessate almeno 5 giorni lavorativi prima del verificarsi dei cambiamenti citati. In relazione all oggetto dell appalto, con riferimento al lotto 1 l Aggiudicatario dovrà garantire un numero minimo annuale di ore lorde non inferiore a ; con riferimento al lotto 2 l Aggiudicatario dovrà garantire un numero minimo annuale di ore lorde non inferiore a LOTTO 1 ASL VA Le aree da pulire sono distinte in tre tipologie: Aree di tipo A (spazi esterni immediatamente antistanti le entrate delle varie strutture, ingressi esterni, rampe e vialetti di accesso agli edifici, porticati, balconi, ballatoi, archivi, magazzini) Aree di tipo B (uffici, aree non comprese nelle aree A e C, servizi igienici relativi ai suddetti locali) Aree di tipo C (consultori, Ser.T., ambulatori con relativa sala d attesa, laboratori, servizi igienici relativi ai suddetti locali) LOTTO 2 ASL MI2 Le aree da pulire sono distinte in due tipologie: Pagina 3 di 32

4 Aree a basso rischio (aree ad utilizzo limitato quali spazi esterni, porticati, rampe e vialetti di accesso, ecc.) Aree a medio rischio (aree ad alta percorrenza, uffici amministrativi, studi medici, ambulatori, servizi igienici, ecc.) ART. 2 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO Le pulizie, con le frequenze di seguito indicate, devono essere effettuate nei giorni feriali da Lunedì a Venerdì, salvo quanto diversamente previsto, in orari di chiusura degli uffici ed ambulatori. Devono parimenti essere svolte nella giornata di Sabato ovvero di Domenica (previ accordi) nel caso in cui non possano essere svolte durante gli altri giorni senza recare grave disagio ovvero interruzione di servizio. Il servizio deve essere eseguito con assoluta tempestività e a perfetta regola d arte, avendo la massima cura per i beni mobili ed immobili, nonché nel rispetto rigoroso della vigente normativa in materia di prevenzione infortuni. Il servizio deve essere svolto garantendo: a) la salvaguardia dello stato igienico-sanitario dell ambiente, b) il mantenimento dell aspetto estetico ambientale dei locali, c) la salvaguardia delle superfici sottoposte a pulizia. Per conseguenza devono essere impiegati prodotti adeguati alle varie tipologie di finitura e arredo degli ambienti. In relazione alle prestazioni descritte di seguito, sia con riferimento al lotto 1, sia con riferimento al lotto 2, l Aggiudicatario dovrà produrre, contestualmente all inizio del servizio, specifico Programma degli interventi (la data di inizio del servizio sarà concordata tra le parti) tenuto conto del numero minimo annuo di ore da garantire di cui all articolo 1. Per prestazioni ulteriori, non rispondenti a quelle previste dal presente capitolato e non preventivamente autorizzate dalle ASL, non sarà riconosciuto alcun corrispettivo. Le prestazioni oggetto del presente appalto sono classificabili quali Prestazioni di Pubblica Utilità. La tipologia degli interventi di pulizia e sanificazione previsti dal presente Capitolato viene intesa secondo la suddivisione in due Lotti nel seguente modo: LOTTO 1 ASL VA 1) Pulizia ordinaria: consiste in tutte le operazioni necessarie per tenere i locali idoneamente ed igienicamente puliti, da svolgersi con la periodicità successivamente indicata. Legenda: G = giornaliero BS = bisettimanale S = settimanale M = mensile TM = trimestrale QM= quadrimestrale SM = semestrale Pagina 4 di 32

5 TIPOLOGIA DI INTERVENTO a) Vuotatura e pulitura di cestini gettacarta e gettarifiuti con asportazione rifiuti e sostituzione dei sacchetti a perdere (i sacchetti saranno forniti dall ASL). b) Scopatura di tutti i pavimenti (uffici, corridoi, scale, cabina ascensore ecc.), con attenzione ai punti morti (angoli, cardini, spazi sottostanti ai mobili, dietro le porte) con aspirapolvere o scopa a trapezio o a frange con garza umida monouso; l intervento dovrà riguardare anche le superfici sottostanti a cassettiere, mobili, carrelli o arredi di facile rimozione. c) Pulizia con battitappeto o aspirapolvere della moquette degli uffici, delle passatoie, degli zerbini, dei tappeti con rimozione della sporcizia sottostante e pulitura del relativo pavimento. d) Spolveratura di mobili, scrivanie, arredi, suppellettili degli uffici, vetrinette, armadi, carrelli, ecc. con esclusione delle apparecchiature scientifiche-sanitarie, (limitatamente a tutte le superfici esterne degli arredi raggiungibili senza l uso della scala), di apparecchi telefonici dei singoli locali e di quelli pubblici utilizzabili dall utenza, tastiere, stampanti, unità centrali di computer, calcolatrici in dotazione ad ogni ufficio (i monitor devono essere solo spolverati con panno antistatico asciutto). I piani occupati da atti, documenti, volumi e fascicoli dovranno essere puliti nelle parti libere, mentre nelle parti occupate da materiale cartaceo la pulizia dovrà riguardare la parte superiore della pila di documenti, fascicoli e volumi, senza alterarne la disposizione, avendo cura di non disordinarli, AREE A (spazi esterni immediatamente antistanti le entrate delle varie strutture, ingressi esterni, rampe e vialetti di accesso agli edifici, porticati, balconi, ballatoi, archivi, magazzini) AREE B (uffici, aree non comprese nelle aree A e C) AREE C (consultori, Ser.T., ambulatori con relativa sala d attesa, laboratori) G G G S G G G G G S G G Pagina 5 di 32

6 TIPOLOGIA DI INTERVENTO ed essere effettuata a secco. AREE A (spazi esterni immediatamente antistanti le entrate delle varie strutture, ingressi esterni, rampe e vialetti di accesso agli edifici, porticati, balconi, ballatoi, archivi, magazzini) AREE B (uffici, aree non comprese nelle aree A e C) AREE C (consultori, Ser.T., ambulatori con relativa sala d attesa, laboratori) e) Lavaggio con detergente disinfettante di sedie e banconi delle sale d attesa aperte al pubblico. -- G G f) Eliminazione di segni, macchie e impronte, con l uso di detergente disinfettante, da porte a vetro, corrimano, muri verniciati, zoccolature, paratie lavabili, maniglie, vetri di sportelli e ogni altro accessorio a contatto frequente di più persone. S G G g) Pulizia con detergente su entrambe le facce delle porte di vetro degli ingressi. M S S h) Pulizia con detergente di impronte e macchie sui distributori automatici di caffè, bevande, merendine, svuotamento dei bidoni portarifiuti annessi. G G G i) Lavaggio con detergente delle pareti degli ascensori interne ed esterne d accesso. G G G j) Lavaggio con detergente disinfettante della pavimentazione di ogni locale (uffici, sale d attesa, scale e corridoi). k) Lavaggio con detergente disinfettante di lettini da visita, di piani d appoggio che siano venuti in contatto con materiale organico/pericoloso a rischio infettivo, di lavelli, sedie, piano superiore e cassettiere di scrivanie e cassettoni, materassini ed attrezzature varie. M (frequenza settimanale per il magazzino di Via Rossi n. 9 VA) BS (martedì e giovedì) G G Pagina 6 di 32

7 TIPOLOGIA DI INTERVENTO l) Lavaggio con detergente disinfettante di apparecchi telefonici dei singoli locali, tastiere, stampanti, unità centrali di computer, calcolatrici in dotazione ad ogni ufficio. (I monitor devono essere solo spolverati con panno antistatico asciutto) m) Pulizia con prodotti non abrasivi di pareti piastrellate con eliminazione di ogni tipo di sporco. AREE A (spazi esterni immediatamente antistanti le entrate delle varie strutture, ingressi esterni, rampe e vialetti di accesso agli edifici, porticati, balconi, ballatoi, archivi, magazzini) AREE B (uffici, aree non comprese nelle aree A e C) AREE C (consultori, Ser.T., ambulatori con relativa sala d attesa, laboratori) S S G M S G n) Pulizia di pareti e controsoffitti, con appropriata metodologia per le parti lavabili ove presenti. SM TM M o) Chiusura di finestre, tapparelle, porte, spegnimento luci e inserimento allarme (ove esistente). G G G p) Scopatura del pavimento delle terrazze e dei balconi. S S S q) Pulizia con detergente disinfettante di parapetti e corrimano scale interne, balconi interni, davanzali interni, vetri di sportello, interruttori ed ogni altro accessorio soggetto a contatto frequente di più persone. r) Lucidatura dei vetri delle bacheche contenenti indicazioni e avvisi per il pubblico ed operatori con pulizia dei relativi bordi. S S S S S S s) Asportazione dalle pareti di ragnatele con deragnatore. S S BS t) Spolveratura ad umido degli infissi dei portoni, delle porte e delle finestre. M M S u) Spolveratura ad umido delle tende applicate a S S S Pagina 7 di 32

8 TIPOLOGIA DI INTERVENTO sportelli aperti al pubblico, di norma alla veneziana. AREE A (spazi esterni immediatamente antistanti le entrate delle varie strutture, ingressi esterni, rampe e vialetti di accesso agli edifici, porticati, balconi, ballatoi, archivi, magazzini) AREE B (uffici, aree non comprese nelle aree A e C) AREE C (consultori, Ser.T., ambulatori con relativa sala d attesa, laboratori) v) Spolveratura e lavaggio delle persiane, delle tapparelle avvolgibili e di qualunque altro serramento esterno presente negli stabili. w) Aspiratura e lavaggio di elementi riscaldanti (caloriferi e termosifoni) e bocchette di condizionamento, inclusi ventilatori a pala, a soffitto e a piantana, limitatamente alle superfici esterne. x) Lavaggio interno ed esterno con prodotti specifici dei vetri, accessibili senza l uso di piattaforma, di tutte le porte, finestre e paratie, inclusi infissi in legno, in laminato plastico, e in alluminio comprese le maniglie. y) Lavaggio interno ed esterno con prodotti specifici dei vetri, accessibili solo mediante l uso di piattaforma, di tutte le porte, finestre e paratie, inclusi infissi in legno, in laminato plastico, e in alluminio comprese le maniglie. SM TM TM SM TM M SM TM TM SM QM QM z) Lavaggio di ogni tipo di tendaggio compreso smontaggio e rimontaggio degli stessi. SM SM SM aa) Lavaggio a fondo con detergenti disinfettanti di tutti i cestini gettarifiuti e gettacarta. TM M S bb) Lavaggio di mobili, scrivanie arredo, sedie, suppellettili varie presenti nelle diverse tipologie di locali. cc) Spolveratura di plafoniere e altri apparati illuminanti, con lavaggio delle parti in vetro o plastica trasparente. SM TM M SM SM TM Pagina 8 di 32

9 TIPOLOGIA DI INTERVENTO dd) Spolveratura ad umido delle ringhiere delle scale e dei balconi, e delle inferriate dei cancelli esterni delle entrate. AREE A (spazi esterni immediatamente antistanti le entrate delle varie strutture, ingressi esterni, rampe e vialetti di accesso agli edifici, porticati, balconi, ballatoi, archivi, magazzini) AREE B (uffici, aree non comprese nelle aree A e C) AREE C (consultori, Ser.T., ambulatori con relativa sala d attesa, laboratori) SM SM SM RIPASSO PER AREE C: Le operazioni di pulizia sottoindicate dovranno essere effettuate a metà giornata (nell orario richiesto dal Responsabile ASL, indicativamente fra le ore e le 14.00): a. Scopatura dei pavimenti degli ambulatori con scopa a trapezio o a frange con garza in cotone umida o garza monouso. b. Disinfezione di maniglie suppellettili scrivanie ecc. per i locali indicati dai Responsabili. c. Vuotatura dei cestini gettarifiuti con asportazione rifiuti e sostituzione dei sacchetti a perdere, se del caso. SERVIZI IGIENICI Per i lavori previsti secondo la seguente calendarizzazione si dovrà procedere come segue: - qualsiasi superficie diversa dai pavimenti deve essere trattata ad umido impiegando idonea soluzione detergente-disinfettante nonché materiali (panni e secchi) diversi tra loro e quindi di colore diverso (codice colore), per le seguenti zone: - zone w.c.: coperchio ed asse vaso igienico, vaso igienico, scovolino e relativo contenitore; - zona bagno: lavabo, bidè, eventuali altri sanitari. N.B. è previsto il ripasso nei servizi igienici compresi nelle Aree C. Il ripasso è altresì previsto nei servizi igienici indicati nell allegato A, appartenenti alle aree B. Nei servizi igienici per i quali è previsto il ripasso, le operazioni giornaliere di pulizia sottoindicate dovranno essere ripetute a metà giornata (indicativamente fra le ore e le 14.00) INTERVENTI GIORNALIERI TIPOLOGIA INTERVENTO AREE B (compresi servizi igienici del magazzino centrale, AREE C officine) 1) Posa con materiale fornito dall ASL dei rotoli di Pagina 9 di 32

10 TIPOLOGIA INTERVENTO carta igienica, asciugamani di carta, nonché del sapone liquido negli appositi contenitori dislocati nei locali bagno ed antibagno. 1) Vuotatura e pulitura di cestini gettacarta e gettarifiuti con asportazione rifiuti e sostituzione dei sacchetti a perdere (i sacchetti saranno forniti dall ASL). 1) Scopatura di tutti i pavimenti, con attenzione ai punti morti (angoli, cardini, sotto i mobili, dietro le porte) con aspirapolvere o scopa a trapezio o a frange con garza umida monouso; l intervento dovrà riguardare anche le superfici sottostanti a cassettiere, mobili, carrelli o arredi di facile rimozione. 1) Lavaggio con detergente disinfettante dei pavimenti, specie gli angoli, dietro le porte, sotto i mobili, dove è collocato il portarifiuti. 1) Lavaggio degli idrosanitari che devono essere scrostati da eventuali residui essiccati, puliti, lavati e disinfettati. 1) Igienizzare i sifoni, pulire, sgrassare ed asciugare le piastrelle e le tubature idrauliche visibili; togliere eventuali residui di sapone dai supporti. 1) Eliminare eventuali incrostazioni utilizzando prodotti disincrostanti, procedendo dopo tale operazione ad una pulizia accurata. AREE B (compresi servizi igienici del magazzino centrale, officine) AREE C 1) Asciugare le rubinetterie. 1) Eliminazione di eventuali segni e impronte da porte, maniglie, vetri, infissi. 1) Lucidatura specchi. 1) Eventuale sgorgatura di scarichi e lavandini, vasi igienici, ecc. -- INTERVENTI SETTIMANALI TIPOLOGIA INTERVENTO a) Lavaggio con detergenti disinfettanti, risciacquatura e asciugatura di tutte le piastrelle, porte ed infissi. b) Asportazione dalle pareti di ragnatele con deragnatore. c) Pulizia e disinfezione delle bocchette d aspirazione o immissione aria. AREE B (compresi servizi igienici del magazzino centrale, officine) AREE C d) Pulizia delle pilette di scarico a pavimento. Pagina 10 di 32

11 e) Lavaggio a fondo con detergenti disinfettanti di tutti i cestini gettarifiuti. (anche disinfezione) INTERVENTI TRIMESTRALI TIPOLOGIA INTERVENTO a) Rimozione di eventuali arredi presenti nei bagni e negli antibagni che dovranno essere puliti, lavati con acqua e detergente ed asciugati, internamente ed esternamente prima di essere ricollocati al loro posto. b) Spolveratura e lavaggio delle persiane, delle tapparelle avvolgibili, delle tende alla veneziana interne ed esterne, dei cassonetti, dei davanzali interni ed esterni, dei battiscopa, lavaggio di tutti i tendaggi, compreso smontaggio e rimontaggio degli stessi. c) Spolveratura di plafoniere e altri apparati illuminanti, con lavaggio delle parti in vetro o plastica trasparente. d) Lavaggio interno ed esterno con prodotto specifico dei vetri di porte e finestre, comprese le maniglie. e) Aspiratura e lavaggio di elementi riscaldanti (caloriferi e termosifoni) e bocchette di condizionamento. AREE B (compresi servizi igienici del magazzino centrale, officine) AREE C Le prestazioni oggetto del presente appalto comprendono anche: 2) Pulizia straordinaria: l ASL, durante la validità del contratto, potrà richiedere: interventi straordinari ed urgenti di pulizia, a seguito dell esecuzione d opere murarie, impiantistiche, di traslochi, di ripristino locali o, in genere, di opere di manutenzione ordinaria e/o straordinaria, o di eventuali altre esigenze. L impresa dovrà rendersi disponibile ad effettuare le prestazioni richieste: - entro e non oltre le 24 ore dalla richiesta, nel caso di eventi non prevedibili; - entro e non oltre le 72 ore dalla richiesta, nel caso di interventi programmabili. Per tali pulizie straordinarie sarà riconosciuto lo specifico corrispettivo offerto in sede di gara. Sono escluse dalla fattispecie di prestazioni di pulizia straordinaria movimentazioni giornaliere e periodiche di materiale da un sito all altro, configurandosi le stesse come servizio di facchinaggio e non di pulizia. Pagina 11 di 32

12 3) Risanamento: PULIZIA DI RISANAMENTO/DISINFEZIONE INTERVENTO ANNUALE La pulizia di risanamento e disinfezione deve essere eseguita in tutti gli ambienti oggetto del presente servizio e deve essere eseguita ogni 12 (dodici) mesi nell ambito di applicazione del contratto. Le prestazioni per tale pulizia dovranno svolgersi secondo le seguenti modalità: 1) Per quanto possibile e compatibilmente con la funzione cui sono destinati, si procede alla rimozione di tutti i mobili, delle attrezzature e suppellettili vari (quanto sopra elencato, asportato dai locali, deve essere provvisoriamente allocato nei corridoi e locali di servizio); 2) Rivestimenti murali lavabili: devono essere lavati con acqua, detersivi, disinfettanti dopodiché asciugati; pareti e controsoffitti non lavabili devono essere puliti con appropriata metodologia. 3) Porte, stipiti, davanzali delle finestre: devono essere puliti, disinfettati e asciugati; 4) Punti luce, apparecchiature elettriche varie per illuminazione, interruttori e prese: devono essere spolverati. Nelle aree ad alto rischio (aree C) devono essere puliti con panni imbevuti di sostanze detergenti-disinfettanti. In questo caso, sarà onere dell ASL smontare e rimontare, prima e dopo il lavaggio, le apparecchiature in questione; 5) Bocchette di aerazione, attrezzature e macchinari fissi: pulizia a fondo secondo le prescrizioni ed istruzioni previste dalle Ditte costruttrici; Sarà onere dell ASL smontare e rimontare, prima e dopo il lavaggio, le attrezzature in questione; 6) Attrezzature idrico-sanitarie con relativa rubinetteria: devono essere scrostate, pulite e disinfettate; 7) Pavimenti: lavaggio a macchina con acqua e detersivi, con spazzole apposite. Eliminazione di precedenti strati di cera nonché dello sporco accumulato nelle fughe della pavimentazione. Pulizia accurata dei battiscopa. Aspirazione meccanica con asciugatura dell acqua sporca. Dopo la prima asciugatura, il pavimento deve essere nuovamente risciaquato per l eliminazione di eventuali residui acidi e alcalini lasciati dai detersivi. Con altre spazzole si provvede all asciugatura. Sul pavimento, così asciugato, devono essere sparsi (ove consentito dalla tipologia del pavimento) strati successivi di cera autoindurente e antiscivolo in modo che, penetrando nelle porosità del pavimento, formino una pellicola protettiva trasparente e resistente alle abrasioni. Dopo sei mesi dalla posatura della cera dovrà essere effettuata un attività di Spray Clean nei punti facilmente accessibili; 8) Mobili metallici, suppellettili metallici ed attrezzature mobili varie, asportate precedentemente dai locali: prima di essere ricollocate devono essere lavati, disinfettati e asciugati; 9) Terminata la pulizia dei locali come sopra, si deve provvedere a ricollocare al loro posto i mobili, attrezzature varie, e quant altro fosse stato asportato dai locali; 10) Dopo queste operazioni i corridoi, le anticamere e gli atri dove erano collocati provvisoriamente mobili ed attrezzature, devono essere resi liberi per la relativa pulizia di risanamento che deve essere effettuata con gli stessi procedimenti degli altri locali; 11) In occasione del risanamento le vetrature dovranno essere pulite come indicato al punto x) e al punto y) della tabella (pag. 8 del presente CSA). 12) In occasione del risanamento le pulizie dei servizi igienici dovranno essere tutte quelle comprese nel descrittivo relativo ai servizi igienici. GESTIONE DEI RIFIUTI I rifiuti si distinguono in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, a loro volta, in pericolosi e non pericolosi. Pagina 12 di 32

13 Sono rifiuti urbani quelli alla cui raccolta e smaltimento provvedono le Aziende Municipalizzate e si distinguono, secondo la procedura della differenziazione, in: Carta Cartone Plastica Vetro Polistirolo Lattine di alluminio Rifiuti solidi urbani non meglio differenziati. Sono rifiuti speciali quelli per la cui raccolta e smaltimento occorrono particolari procedure e specifiche autorizzazioni e si identificano in: Rifiuti infetti o potenzialmente infetti. Il tipo ed il grado di pericolosità è determinato da componenti dei rifiuti speciali, nonché dagli effetti che possono provocare sulle persone e sull ambiente circostante. Sulla base di quanto sopra, si specificano gli interventi che giornalmente devono essere effettuati: a) GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRODOTTI NELLE AREE DI TIPO A, B e C Ritiro dei rifiuti urbani, tenendo separati carta, cartone e plastica dagli altri rifiuti, ed assicurandone il conferimento differenziato negli appositi cassonetti. Rimozione di rifiuti eventualmente giacenti in modo improprio al di fuori dei cassonetti. La responsabilità sulla raccolta e conferimento dei rifiuti urbani incombe sull impresa aggiudicataria. b) GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI NELLE AREE DI TIPO B e C Ritiro dei contenitori di cartone dei rifiuti speciali di origine sanitaria prodotti, debitamente confezionati dal personale dell ASL, e conferimento nell apposito locale per il deposito temporaneo. Si precisa al riguardo che i suddetti contenitori di rifiuti speciali devono essere movimentati esclusivamente mediante le apposite maniglie ed utilizzando i guanti di protezione. La responsabilità sulla raccolta e conferimento dei rifiuti speciali incombe sull impresa aggiudicataria. Per quanto attiene le modalità specifiche circa la gestione delle differenti tipologie di rifiuti di cui sopra, si rimanda ad un incontro dell Impresa Aggiudicataria con il Responsabile dell Ufficio Gestione Rifiuti di questa Azienda. Inoltre, l impresa aggiudicataria dovrà prendere visione ed applicare, per quanto di competenza, i regolamenti interni aziendali di cui agli allegati (Allegato C e allegato D) LOTTO 2 ASL MI2 Classificazione a1) Pagina 13 di 32

14 PULIZIA ORDINARIA INTERVENTO BASE GIORNALIERO Da eseguire nelle aree a medio rischio - alta percorrenza e/o frequentazione Il servizio deve svolgersi fuori dell orario abituale di ufficio (prima mattina ovvero in serata), in orario da concordarsi con i singoli Responsabili, nei giorni feriali da Lunedì a Venerdì compreso (ad eccezione dei punti dove si svolge il Servizio di Continuità Assistenziale che implica lo svolgimento del servizio da Lunedì a Domenica), e consiste nelle seguenti prestazioni: 1) Cestini porta carta, cestini porta rifiuti e posacenere: devono essere svuotati in appositi sacchi di plastica, quindi puliti e riordinati (i sacchetti piccoli per cestini e i sacchi grandi anche per la raccolta differenziata dei rifiuti, devono essere forniti dall Aggiudicatario); 2) Rimozione rifiuti (carta, contenitori di alimenti, avanzi di cibi, mozziconi di sigarette, ecc.) lungo gli accessi (ingressi, vialetti, porticati, scale, ecc.); 3) Spolveratura a umido di stipiti, davanzali e bocchette d areazione; 4) Spolveratura a umido di lampade a muro, lampadine a spia; 5) Vetri, specchi, cristalli: devono essere puliti con panni adeguati per l eliminazione di orme e impronte; 6) Tavoli, scrivanie, poltrone, sedie e soprammobili degli atrii, soggiorni e attese, nonché qualsiasi tipo di superficie soggetta a depositi di polvere: devono essere trattati con panni impregnati di sostanze detergenti; 7) Lavaggio delle scale (ponendo una cura particolare nella pulizia degli angoli e spolveratura a umido del corrimano); 8) Telefoni, maniglie, interruttori, pulsanti vari e spalle delle porte soggetti al contatto frequente di più persone: devono essere puliti con panni imbevuti di sostanze detergenti-disinfettanti; 9) I pavimenti devono essere lavati; 10) I rifiuti devono essere portati negli appositi contenitori e successivamente trasportati quotidianamente ai centri di raccolta siti a disposizione della struttura interessata secondo le regole vigenti dal Comune, in materia di raccolta differenziata dei rifiuti (a tale scopo l Aggiudicatario deve provvedere a fornire i contenitori -bianchi, blu, verdi- prescritti per singola raccolta differenziata); 11) Asportazione di cui al precedente articolo, di recipienti vuoti di qualsiasi materiale (bottiglie di vetro o plastica, scatole ecc.) e successivo trasporto ai punti di raccolta cui sopra; 12) Asportazione previa sigillatura da parte del competente personale ASL degli appositi contenitori dei rifiuti speciali (potenzialmente infetti) ai punti di raccolta, siti nella struttura, con temporanea sostituzione di contenitori vuoti, forniti a cura dell Ente appaltante; 13) Chiusura di finestre, tapparelle, porte e spegnimento luci Per i Servizi Igienici, si dovrà procedere come segue: - qualsiasi superficie diversa dai pavimenti deve essere trattata ad umido impiegando idonea soluzione detergente-disinfettante nonché materiali (panni e secchi) diversi tra loro e quindi di colore diverso, per le seguenti zone: - zone w.c.: coperchio ed asse vaso igienico, vaso igienico, scovolino e relativo contenitore; - zona bagno: lavabo, bidè, eventuali altri sanitari. Giornalmente 1) Posa con materiale fornito dall ASL dei rotoli di carta igienica, asciugamani di carta, nonché del sapone liquido negli appositi contenitori dislocati nei locali bagno ed antibagno. Pagina 14 di 32

15 2) Vuotatura e pulitura di cestini getta carta e getta rifiuti con asportazione rifiuti e sostituzione dei sacchetti a perdere (i sacchetti saranno forniti dall ASL). 3) Scopatura di tutti i pavimenti, con attenzione ai punti morti [angoli, cardini, sotto i mobili, dietro le porte] con aspirapolvere o scopa a trapezio o a frange con garza in cotone umida o garza monouso; l intervento dovrà riguardare anche le superfici sottostanti a cassettiere, mobili, carrelli o arredi di facile rimozione. 4) Lavaggio con detergente disinfettante dei pavimenti, specie gli angoli, dietro le porte, sotto i mobili, dove è collocato il portarifiuti. 5) Lavaggio degli idrosanitari che devono essere scrostati da eventuali residui essiccati, puliti, lavati e disinfettati: 6) Igienizzare i sifoni, pulire, sgrassare ed asciugare le piastrelle e le tubature idrauliche visibili; togliere eventuali residui di sapone dai supporti. 7) Eliminare eventuali incrostazioni utilizzando prodotti disincrostanti, procedendo dopo tale operazione ad una pulizia accurata. 8) Asciugare le rubinetterie. 9) Eliminazione di eventuali segni e ditate da porte, maniglie, vetri, infissi. 10) Lucidatura specchi. Classificazione a2) PULIZIA ORDINARIA INTERVENTO RIPASSO GIORNALIERO POMERIDIANO Da eseguire nei bagni ubicati nelle seguenti sedi (vedi tabella seguente) PAULLO via Mazzini, 17/19 PESCHIERA BORR. via Matteotti, 25 MELEGNANO via Pertini/via Montegrappa S. DONATO M.SE via Sergnano/Jannozzi S. GIULIANO M.SE via Cavour 15/Vigorelli 4 PIOLTELLO via A. Moro, 22 SEGRATE via Amendola, 3 - Fraz. Redecesio CERNUSCO S/N via Turati, 2 GORGONZOLA GORGONZOLA via Don Gnocchi via Bellini MELZO via Mantova, 10 ROZZANO ROZZANO via Glicini via Togliatti/via Matteotti Il servizio prevede un ripasso pomeridiano da effettuarsi nell orario richiesto dal Responsabile ASL, indicativamente fra le ore e le Le operazioni giornaliere di pulizia dovranno essere ripetute a metà giornata come sopraindicato. Pagina 15 di 32

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI

VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI Asal - Associazione delle Scuole Autonome del Lazio SEDE OPERATIVA: 115 Circolo Didattico di Roma Angelo Mauri Via Angelo Mauri, 5 00139 ROMA Tel. 068104305 Fax: 068107723 e-mail: presidente@scuolelazio.it

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi Area Tecnico Edilizia Area Servizi Residenziali Residenze universitarie Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Politecnico di Milano Area Tecnico Edilizia Piazza Leonardo da

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli