FIGLIE DI PACE TRA GLI ORRORI DELLE GUERRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIGLIE DI PACE TRA GLI ORRORI DELLE GUERRE"

Transcript

1 Suor Maria Grazia Traverso Suor Maria Domenica Fagnola FIGLIE DI PACE TRA GLI ORRORI DELLE GUERRE TRA I FERITI IN UN OSPEDALE DA CAMPO

2 2 ETRATTO DA: LA NOSTRA STORIA II III IV VOLUME SUORE DELLA CARITA DI S. GIOVANNA ANTIDA THOURET

3 3 INTRODUZIONE Duecento anni di storia ci hanno fin qui dimostrato che le Suore della Carità sono state sempre pronte a rispondere agli appelli della Chiesa, attente ai segni dei tempi e disposte, nei momenti cruciali del Paese, ad accorrere, nei modi e con i mezzi più svariati, in soccorso dei malati e dei feriti, nel nome di quella Carità che non conosce limiti e confini, perché risponde ad un preciso comando del Vangelo di Gesù Cristo. Sono state: - presenti negli Ospedali da Campo nelle Guerre del Risorgimento Italiano ( nella sola I Guerra d Indipendenza sono morte ben 68 Suore della Carità!) - Pronte a passare e ripassare il mare, pieno di insidie, sulle navi, tra Napoli e Tripoli, nel 1912, per raccogliere i feriti. - Presenti negli Ospedali Militari durante la I guerra mondiale del Disposte a salire sui treni-ospedale per accogliere e curare i soldati feriti della II guerra mondiale ( ). - Ingegnose nel proteggere e salvare, a fine guerra, anche a costo della loro vita, Ebrei, partigiani e persone innocenti destinate ai campi di concentramento nazisti e, quindi, alla morte. Nei libri di Storia contemporanea le suore non esistono. Né sono citate nei testi più specifici dedicati alla seconda guerra mondiale e alla Resistenza. E singolare che in molti casi si ricordino operazioni di salvataggio di Ebrei o di perseguitati politici, indicando con nome e cognome il prete o i laici che compirono tali atti di eroismo, e viceversa ci si limiti di passaggio a ricordare che essi ebbero l appoggio di suore: di queste nessun nome, perfino nessuna indicazione dell Istituto religioso di appartenenza. 1 Ricordare il ruolo di molte suore è allora un modo per contribuire a che la verità della Resistenza emerga in tutta la sua pienezza. 2 Il dolore e la carità non hanno bandiere : quando un fratello soffre, un Buon Samaritano deve correre in suo aiuto e questo le Suore della Carità lo hanno imparato anche dalla loro Fondatrice! 1 GIORGIO VECCHIO LE SUORE E LA RESISTENZA ED. AMBROSIANEUM MILANO 2010 pag GIORGIO VECCHIO LE SUORE E LA RESISTENZA ED. AMBROSIANEUM MILANO 2010 pag.7

4 4 GUERRE DI INDIPENDENZA Gli anni videro lo sviluppo di vari movimenti rivoluzionari e furono segnati dalla decisione da parte del Regno di Sardegna di farsi promotore dell unità italiana. Un primo passo in tal senso fu la I guerra di Indipendenza, anti austriaca, scoppiata in occasione della rivolta delle cinque giornate di Milano nel Tale guerra fu condotta e persa, con la memorabile battaglia di Novara, dal Re Carlo Alberto. Nel biennio ci fu una nuova fase, decisiva, per il processo di unificazione italiano; fu caratterizzata dall alleanza tra la Francia di Napoleone III ( anche se negli accordi di Plombieres non si prevedeva la completa unità italiana ) e il Regno di Sardegna, rappresentato da Vittorio Emanuele II, contro l Austria. Tra le varie battaglie, famosa fu quella di Montebello (PV) che vide aggirarsi intrepide tra i molti soldati feriti, le Suore di Carità. Quando Vittorio Emanuele II veniva proclamato Re d Italia, nel 1861, il nuovo Regno ancora non controllava né Venezia né Roma, e la situazione delle terre irredente costituiva una fonte di tensione costante per la politica interna italiana e una chiave di volta della sua politica estera. L 8 aprile 1866 il Governo Italiano, guidato dal Generale Alfonso Lamarmora, concluse un alleanza militare con la Prussia, contro il comune nemico che era l Austria. Dopo una prima sconfitta a Custoza, il 3 ottobre 1866 si pervenne al trattato di Vienna con cui veniva sancita la fine delle ostilità. L Italia si annetteva il Veneto Pur essendo stata indicata Roma come capitale morale del Regno d Italia, cioè del nuovo Stato, la Città rimaneva la sede dello Stato Pontificio. Lo Stato della Chiesa, ormai ridotto al solo Lazio, rimaneva sotto la protezione delle truppe francesi che continueranno a difenderlo. Solo dopo la sconfitta di Napoleone III a Sedan, nella guerra franco-prussiana, le truppe italiane, con bersaglieri e carabinieri in testa, il 20 settembre 1870, entrarono dalla breccia di Porta Pia nella Capitale. Il breve conflitto con le truppe pontificie provocò dei feriti e nell Ospedale da Campo, allestito in tutta fretta a Monte Mario 1, ancora una volta, si videro all opera le infaticabili Suore della Carità, chiamate, per l occasione, dall Ospedale S. Spirito in Sassia. 1 o GIANICOLO come scrive SUOR RAFFAELLA PERUGINI vedi pag. 12

5 5 SUORE IN PRIMA LINEA SUL FRONTE DELLA CARITÀ NEL RISORGIMENTO ITALIANO Le Congregazioni religiose nascono nella Chiesa e a servizio della Chiesa: per questo la loro opera ha i caratteri dell universalità e della romanità. Ma, come Gesù, fondatore della Chiesa, operò nella sua patria, amò la sua terra, e pianse sul triste declino di Gerusalemme, così gli Istituti Religiosi servono la Chiesa e amano sostanzialmente anche la patria e la terra che li ospita. L attaccamento alla Chiesa della Congregazione delle Suore della Carità di S. Giovanna Antida è indiscusso; ne è garanzia e vanto la vita drammatica della Fondatrice e la storia dell Istituto; ma ugualmente chiara è la sua prova d italianità quando italianità non significa opposizione alla dottrina del Vangelo. Le prime Suore della Carità venute dalla Francia in Italia nel 1810, nel pieno della dominazione napoleonica, seppero dimenticare, al ritorno dei Borboni, la loro origine e di essere state chiamate da un re francese, pur di non abbandonare le opere assistenziali sorte a vantaggio del popolo napoletano. Ferdinando I di Borbone ebbe il merito di vedere nelle Suore di Carità, non, come qualcuno voleva, elementi legati alla politica dell antico nemico usurpatore, ma l espressione genuina di un assistenza sociale nel Mezzogiorno d Italia, promettente ricchi sviluppi. Napoli comprese sempre il valore civile dell opera delle Suore di Carità di Santa Giovanna Antida. La rivoluzione del 1848 non si adombrò di esse e non privò della loro assistenza i poveri della Campania. In altre città, invece, come a Roma, a Senigallia, a Modena, le Suore, in nome della libertà garantita dai Diritti del cittadino al quale esse, prima dei liberali già provvedevano, furono espulse dagli ospedali e da altre istituzioni nate per il popolo. Sarebbe ozioso domandarsi che cosa le Religiose dell 800 pensassero del movimento rivoluzionario e delle guerre per l unità d Italia! Esse, portate per vocazione a guardare la società da un punto più alto delle linee prospettiche della politica, volevano ignorare il problema delle libertà costituzionali o, se erano invitate ad esaminare le teorie, logicamente, avranno aderito non alle idee mazziniane ma al principio giobertiano: Alla libertà si può giungere non per rivoluzione ma per evoluzione. Questo, del resto, era il pensiero della maggior parte degli italiani che consideravano inutile lo spargimento di sangue a cui andava incontro la gioventù mazziniana. Di fronte al problema dell unità d Italia, le Religiose avranno senza dubbio condiviso il senso di smarrimento dei cattolici italiani della seconda metà dell Ottocento. L Italia unita, con Roma capitale, appariva, sì, ideale radioso e necessità storica ma, e la posizione del Papa?

6 6 Il pensiero delle Suore della Carità non poteva differire da quello dei cattolici francesi di cui si faceva portavoce Napoleone III, l enigmatico difensore dello Stato Pontificio. Tra tanta confusione di idee che portava alcuni ad intemperanze contro il Romano Pontefice, altri, ad incoraggiare le posizioni più reazionarie, sarebbe ingiusto pretendere che i membri di una Congregazione religiosa femminile dell ottocento, avessero la visione precisa ed equilibrata che, allora, ebbe soltanto un esiguo numero di italiani, tra cui Alessandro Manzoni. Ci fa sorridere l ingenua Suora che al nome di Garibaldi si tracciava un furtivo segno di croce, come, del resto, faceva anche la dama aristocratica e la donnetta del popolo. Esagerato, quel gesto di scongiuro, ma non meno barocche sono le frasi carducciane che definiscono Garibaldi fanciullo divino, emanazione del sole, con fulgore d arcangelo. 1 Resta, però, sempre incantevole e commovente il gesto della Suora infermiera che si china amorevole sulle ferite del soldato pontificio come sul garibaldino, come sull ufficiale dell esercito regolare piemontese. La Suora di Carità è presente, come infermiera, in tutte le guerre dell indipendenza italiana: la troviamo negli Ospedali militari, dentro le auto-ambulanze, tra i soldati in prima linea mentre infuria la battaglia, a raccogliere, a medicare i feriti, ad assistere i moribondi, sprezzante della morte sempre in agguato, anche per lei, senza risparmio di fatiche e di disagi. Nei soli due anni: morirono, nelle regioni interessate alla guerra, sessantotto Suore infermiere. Percentuale altissima se si pensa che, allora, in tutta l Italia, le Suore della Carità di Santa Giovanna Antida erano appena un migliaio. Durante le due fasi della I guerra di Indipendenza, a Vigevano, quando i letti dell Ospedale civile furono tutti occupati, le Suore raccolsero i militari feriti sotto i grandi portici della piazza principale che furono ben presto gremiti di corpi doloranti, di moribondi, di mutilati. La Superiora, Sr. Margherita Peron, era instancabile nell assistere e nell organizzare il lavoro delle Suore, non meno generose di lei, nell accorrere presso quei bravi soldati che trovavano sollievo e conforto nella presenza delle Suore: esse sostituivano, in quei momenti tristi, gli amati famigliari. Quante volte, afferrando, nel delirio, la mano della Suora, invocavano i cari nomi della mamma o della sposa! Non furono pochi i casi in cui, mentre la Suora medicava il soldato ferito, questi riconosceva in lei la sua antica maestra d asilo o della scuola elementare. Quale tenero affetto si risvegliava allora a consolare il soldato e a dare forza all infermiera! Non è rotocalco romantico questo, né reminiscenza letteraria del De Amicis, è una realtà vissuta. C era un grande movimento, in quei tempi eroici, nei quadri delle Suore della Carità. In una lettera della Superiora Provinciale del Piemonte Suor Melania Mantelli diretta alla Superiora Generale Madre Genoveffa Boucon, in data 1 novembre 1848, leggiamo: Il giorno 10 agosto la città fu ripiena di soldati, reduci dal campo, in maggior parte infermi. Si riempirono le chiese, gli ospedali e il seminario di feriti. Quindici Suore furono impiegate al Seminario dove erano ammassati da ottocento a mille feriti; restano colà fino a notte inoltrata ed altre quattro vanno per l assistenza notturna mentre le quindici vengono al monastero (Monastero S. Margherita di Vercelli) per riposare. Per fare ciò abbiamo chiuse le scuole, giacché altre 1 PER LA MORTE DI GARIBALDI EDIZIONE NAZIONALE ZANICHELLI VOL. VII

7 7 Suore sono state richieste come rinforzo: dodici in Alessandria, tre a Voghera, tre a Tortona, così pure a Novara, Asti, Vigevano, Oleggio, oltre quindici Suore chiestici dal Ministero della Guerra con lettera del 22 p.p. per il nuovo Ospedale di feriti di Cherasco. Le Suore di rinforzo spedite negli Stabilimenti, come anche quelle del nuovo Ospedale di Cherasco, prestano il loro servizio gratis e sono pure a carico nostro le spese di viaggio, ed è bene fare così 1. Il 7 novembre 1848 la stessa Superiora Provinciale di Vercelli annunzia alla Superiora Generale la morte di due giovani Suore consumate dalle fatiche nel servizio prestato ai soldati feriti e ai malati: Suor Prassede Della Rosa di anni 22 2, morta a Voghera, Suor Paolina Martin di anni 29 3, morta ad Arona (NO). Il 1859 è l anno in cui si delineano chiaramente le ostilità a danno della Chiesa di Dio e del suo Vicario 4 - così scriveva Monsignor Giovanni Negri, Vescovo di Tortona (AL), nella Lettera Pastorale del 21 febbraio 1859 indirizzata ai suoi sacerdoti. Da questo momento anche la posizione di Napoleone III sembrò cambiare del tutto: se fino al 1859 c era stata un intesa abbastanza stretta con la Chiesa, a partire dl 1859 i pubblicisti cattolici e le alte gerarchie della Chiesa cominciarono a rimproverare all Imperatore quel suo modo di aiutare il Movimento Nazionale Italiano a spese del potere temporale del Papa Pio IX che mantenne sempre una posizione di assoluta intransigenza verso il Liberalismo, tanto sul piano politico quanto su quello ideologico. L esito delle battaglie fu favorevole alle truppe francopiemontesi, che sconfissero quelle austriache il 20 maggio a Montebello (PV) il 30 maggio a Palestro (PV), il 30 Battaglia di MONTEBELLO giugno a Magenta(NO). Molti i morti, tantissimi i feriti. Negli Ospedali da campo lavoravano senza sosta delle Suore vestite di bianco: erano le Suore della Carità, distaccate dagli Ospedali di Alessandria e di Voghera (PV) sempre attente ad accorrere in aiuto dei feriti, instancabili di giorno e di notte facevano tutto quello che sapevano e quello che la carità suggeriva loro di fare, senza chiedere a nessuno né un nome, né il colore della sua bandiera: medicano i feriti, confortano i morenti: è la guerra! Almeno di qualcuna di quelle Suore ci è noto il nome: si chiamava Suor Gaudenzia Toné, era stata distaccata dall Ospedale di Voghera(PV) 5. Aveva poco più di diciotto anni quando, dopo essersi spinta a compiere il suo dovere d infermiera alla linea di combattimento, infaticabile e dolce, col vestito tinto dal sangue dei feriti, passava le notti e i giorni tra di loro, consolando, medicando, posando la luce pura del suo occhio fraternamente commosso su tanti giovani gagliardi fiaccati da armi nemiche. 1 AGSCR MADRE GENOVEFFA BOUCON LETTERA 1 novembre ACPV REGISTRI SORELLE DEFUNTE 1832/ N.72 ARMADIO nata a Pallanza (Verbania) nell ottobre del 1826 e mancata a Voghera (PV) il 26 ottobre 1848 all età di 22 anni di cui 4 di Vita Religiosa. 3 ACPV REGISTRI SORELLE DEFUNTE 1832/ N.72 ARMADIO nata a Monthèy (Svizzera) novembre 1819 mancata ad Arona (NO) Ospedale il 5 novembre 1848 all età di 29 anni di cui 9 di Vita Religiosa. 4 ARCHIVIO VESCOVILE DI TORTONA LETTERE PASTORALI DEL VESCOVO MONSIGNOR GIOVANNI NEGRI 5 LA DONNA NELLA BENEFICENZA ITALIANA VOLUME II, PAG. 142, TORINO 1909

8 8 Così la vide un giorno Napoleone III che restò ad osservarla riverente come si guarda un immagine sacra; poi le andò vicino, le tese la mano dicendo con calore: Siate benedetta, buona Sorella! Siete molto giovane, a quel che vedo; vi auguro una lunga vita, per una missione così santa!. Di un altra Suora che aveva lavorato al suo fianco sappiamo che è deceduta ad Alessandria, martire della carità. Suor Gaudenzia Toné torna viva dal campo di battaglia, ma rovinata nella salute e nell aspetto: una spinite acuta la renderà quasi deforme, rimpicciolita nella statura e quasi piegata in due, si muoverà appoggiata ad un bastone tra le corsie del suo Ospedale Dovranno passare altri quarant anni prima che al suo nome e alla sua persona qualcuno attribuisca solenni onorificenze. L Archivio storico del Comune di Voghera (PV) custodisce gelosamente l ampia documentazione relativa agli avvenimenti che la riguardano. Il 9 febbraio 1899, nel quarantesimo anniversario della battaglia di Montebello viene inaugurato sul posto un monumento a ricordo di quanti hanno perso la vita e della vittoria ottenuta combattendo contro gli Austriaci, le carte riportano anche il nome di una Suora che si è particolarmente distinta nell assistere i feriti ed è rimasta, a sua volta, ferita nell anima e nel corpo. Alle parole seguono segni di riconoscenza. Da una lettera datata 17 agosto 1899, inviata dal Signor Gabriele Giorgio Boneront D Anglade, Console di Francia a Milano, apprendiamo che : Il Signor Presidente della Repubblica Francese intende decorare con medaglia d onore in argento la Signora Gaudenzia Toné, Superiora dell Ospedale di Voghera di cui gli sono stati segnalati il lungo servizio e, soprattutto, le cure prestate ai soldati francesi feriti durante la campagna del Un altra lettera datata Voghera 10 febbraio 1899 annuncia che: è stato sottoposto alla firma di Sua maestà Umberto I un decreto con cui viene concessa una medaglia d oro per i benemeriti della salute pubblica alla Suora Gaudenzia Toné Superiora di questo Ospedale. L umile Suora di Carità che non si era stupita del silenzio degli uomini prima, non si stupì di tutto quel fracasso. Il trambusto delle onorificenze arrivate quarant anni dopo ed i commenti lusinghieri dei giornali non turbarono affatto la sua pace e non alterarono la sua semplicità. Invitata a farlo dai suoi Superiori, scrisse al Sindaco poche parole: Ospedale di Voghera - 2 settembre 1899 Suor Gaudenzia Toné indirizza al Sindaco della Città una letterina di ringraziamento che ci rivela come il trambusto delle onorificenze ed i commenti lusinghieri dei giornali, non abbiano per nulla turbato la sua pace o diminuito la sua semplicità: Ill. mo Signor Sindaco L onorificenza conferitami dal Presidente della Repubblica francese, a titolo di benemerenza per le cure prestate ai feriti della battaglia di Montebello ha così vivamente commosso l anima mia, da non saper trovare adatte parole per la manifestazione sincera della mia immensa gratitudine. 1 ARCHIO STORICO COMUNALE DI VOGHERA(PV) - OPERE PIE ANNO 1859

9 9 Si faccia Ella, Ill. mo Signor Sindaco, interprete di questi miei sentimenti presso l Illustre Signor Console di Francia, residente a Milano, a cui devesi la proposta dell onore toccatomi, ed io Gliene sarò riconoscentissima. Se questo onore, come Ella gentilmente mi scrive, torna a soddisfazione dell Onorevole Amministrazione Ospitaliera e della Rappresentanza Comunale, le quali furono sempre verso di me più che benevole, Le assicuro provarne vera compiacenza. Voglia la Divina Provvidenza esaudire gli auguri che V. E. Ill.ma mi fa a nome del Municipio; presenti i miei ringraziamenti all Onorevolissimo intero Consiglio e mi creda, col massimo ossequio Devot. ma Suor Gaudenzia Toné 1 Quando nel 1907, ella santamente e placidamente morì, le Autorità locali vollero coprire la bara con il tricolore italiano e con la bandiera francese: al Cimitero rimane, a ricordare il suo eroismo, ancora oggi, una corona di bronzo inviata a suo tempo dal governo francese. Sulla Rivista - NOTIZIE DELLA PROVINCIA ITALIA NORD OTTOBRE 2010 N. 2 pag. 19 un breve articolo dà risalto alla figura e all eroismo dell umile Suora della Carità. SUOR GAUDENZIA TONÉ: UN LUOGO, UNA STORIA, UNA GUERRA e UNA SUORA di CARITÀ 2 Chi di noi non ricorda di essersi commosso leggendo le vicende della Piccola Vedetta Lombarda narrate da Edmondo De Amicis nel libro Cuore, uno dei capolavori della letteratura che ha affascinato intere generazioni e ha ispirato trasposizioni televisive e cinematografiche di grande successo? De Amicis ambienta l episodio della Piccola Vedetta Lombarda durante la seconda guerra di Indipendenza, nel 1859; il 20 maggio si combatte la battaglia di Montebello in territorio pavese, non lontano da Voghera(PV). Da una parte sono schierati i Piemontesi di Vittorio Emanuele II, alleato con la Francia di Napoleone III, e di fronte ci sono gli Austriaci, guidati dall Imperatore Francesco Giuseppe. L obiettivo era quello di portare tutto il nord Italia sotto il dominio sardo-piemontese (in realtà, solo la Lombardia passerà ai Savoia!). La storia della Piccola Vedetta la conosciamo tutti: un bambino di dodici anni (faceva il contadino ed era orfano di entrambi i genitori) sale con entusiasmo su un albero altissimo, osserva i movimenti delle truppe austriache e dall alto della pianta offre informazioni agli ufficiali piemontesi che, però, invitano il ragazzo a scendere, per il rischio di qualche colpo di fucile. Il bambino non vuol sentire ragioni, è troppo importante la sua missione, in questo modo egli può aiutare i nostri soldati a vincere la battaglia. Un proiettile lo centra nel petto; la piccola Vedetta cade e muore tra la commozione dei presenti. Rimane un maestoso pioppo che ancora oggi viene indicato come l albero della piccola vedetta lombarda : due cartelli, ai bordi della strada, lo ricordano ai passanti. La battaglia di Montebello causò un vero e proprio bagno di sangue: vi furono più di tra morti e feriti gravi, ma quello che De Amicis non scrisse a questo proposito, forse perché 1 ARCHIO STORICO COMUNALE DI VOGHERA(PV) - OPERE PIE ANNO SUOR MARIA GRAZIA TRAVERSO Suora della Carità - NOTIZIE DELLA PROVINCIA ITALIA NORD OTTOBRE 2010 N. 2 pag. 19.

10 10 nessuno era stato in grado di raccontarglielo, fu che in mezzo a quei morti e a quei feriti, in quei giorni tristi, si aggirava un altra piccola Vedetta che non era lombarda ma piemontese, che non era mossa dagli ideali del Risorgimento ma da quelli della Carità. Il suo vestito, una volta bianco, aveva ormai il colore del sangue dei feriti : medicava, fasciava, consolava, pregava, chiudeva gli occhi, accompagnando il gesto con una carezza, a chi aveva chiuso gli occhi alla vita terrena. Si chiamava Sr. Gaudenzia Toné: era l angelo del Bene che si muoveva tra tanto male. A nessuno chiedeva quale fosse la sua patria: alleati o nemici, per lei erano tutti e solo dei fratelli da aiutare con amore. Con lei lavoravano, nel piccolo ospedale da campo, altre due Suore di Carità distaccate dall ospedale di Alessandria, lei veniva da quello di Voghera. A battaglia finita, i feriti furono trasportati altrove e lei se ne tornò al suo Ospedale. Gli sforzi, le fatiche, la vita grama avevano minato il suo fisico ma non il suo spirito. Una spinite acuta a poco a poco piegò la sua schiena fino a ridurre di molto la sua statura e la costrinse a muoversi tra le corsie appoggiata ad un bastone. Il suo animo, però, da quella esperienza di crudo dolore, era uscito ingigantito nella carità: Sr. Gaudenzia era per tutti l incarnazione della bontà. Quarant anni dopo, quando a Montebello fu eretto un monumento a ricordo di quella Battaglia che era costata un alto prezzo di vite umane, qualcuno si ricordò di una certa Suora che aveva dato il meglio di se stessa per il bene dei feriti... L Archivio Storico di Voghera conserva un considerevole numero di documenti che parlano di festeggiamenti ufficiali e di riconoscimenti di notevole valore: la Croce della Repubblica francese, la Medaglia d argento del Re d Italia ecc. Nella Cappella mortuaria del Cimitero di Voghera si può ancora ammirare la Corona Bronzea inviata dal Governo Francese in segno di riconoscenza. La nostra Suor Gaudenzia, che non si era stupita del silenzio degli uomini prima, non si stupì del frastuono dopo, invitata a farlo dai Superiori, ringraziò con poche righe limitandosi a dire che aveva fatto solo il suo dovere. Continuò a muoversi tra una corsia e l altra, finché le sue forze glielo permisero. Poi andò a ricevere il premio in Cielo. Una sua ammiratrice, di lei ha lasciato scritto: Sr. Gaudenzia era una di quelle onorande e sublimi Suore grigie che riassumono la loro vita nella frase semplice ed evangelica detta da una di esse: Nous somme comme de 1 eau pure, qui coule sans couleur et sans saveur ma a cui tutti vengono ad attingere perché la Sorgente è inesauribile. Eppure qualcosa in comune con la Piccola Vedetta Lombarda la bianca Suora che curava i feriti ce l aveva, ed era la giovane età: aveva 19 anni! 1 Si chiamava Martina ed era nata a Valduggia (VC) il 21 febbraio 1840, era entrata al Monastero S. Margherita di Vercelli il 5 febbraio 1857 e si spense a Voghera(PV) - Ospedale - il 28 giugno SUOR MARIA GRAZIA TRAVERSO Suora della Carità - NOTIZIE DELLA PROVINCIA ITALIA NORD OTTOBRE 2010 N. 2 pag ACPV REGISTRO SORELLE DEFUNTE VERCELLI ARMADIO 3 3.3

11 11 Anche Suor Giacinta Vachez, dell Ospedale militare di Alessandria, meritò l elogio di Napoleone III per l opera prestata durante e dopo le battaglie della II guerra di indipendenza: Coraggio, buona Sorella! La vostra carità paziente avrà un bel premio. 1 Leggiamo nella "Domenica del Corriere" dell luglio 1909: "Le feste giubilari celebrate or ora in Italia e in Francia, a ricordo delle gloriose battaglie combattutesi sui campi di Palestro, Magenta, Solferino, San Martino, si chiusero la settimana scorsa con un piccolo e umile episodio. Non intervennero musiche, non sventolarono bandiere; appena qualche lacrima di commozione solcò le guance grinzose di una vecchia Suora di Carità e si inumidì qualche ciglio di malato riconoscente... Il governo francese, per non dimenticare alcuno di coloro che presero parte ai fasti guerreschi del 1859, concesse, la settimana scorsa, la medaglia d'oro a Sr. Giacinta Vachez, addetta all'ospedale Militare di Alessandria. 2 Nel 1860, intorno a Capua, ferveva la lotta tra Garibaldini e Borbonici. Quando la Madre Generale, Suor Carolina Chambrot, seppe che i moribondi e i feriti mancavano di assistenza, non esitò un attimo a ridurre il numero delle Suore di vari Ospedali, per disporre di un gruppo di coraggiose da inviare presso la cittadina assediata. Volle prima accompagnare le Suore prescelte ai piedi della Santità di Pio IX per ricevere la benedizione: Andate, mie buone figlie- disse in tono paterno il Pontefice le pallottole vi rispetteranno. 1 LA DONNA NELLA BENEFICENZA ITALIANA VOLUME I PAG. 215, TORINO "DOMENICA DEL CORRIERE" DELL LUGLIO 1909

12 12 Esse si trovarono, durante quella eroica missione, dove infieriva la battaglia, ma ne uscirono illese, secondo il vaticinio del Santo Padre. Suor Celeste Mattioli, Mamma Celeste - come la chiamano i modenesi, nella storia dell Istituto, è legata alla III guerra di indipendenza durante la quale ella fu per i soldati che incontrò sul suo cammino, un vero angelo : così la definivano gli innumerevoli beneficati quando già il 1866 era molto lontano nel tempo. Alla morte di Mamma Celeste sul suo feretro scintillavano tre medaglie al valore: una l aveva meritata nel 1855, quando infieriva a Modena il colera; ella si rinchiuse nel lazzaretto per assistervi i colerosi che tutti sfuggivano; l altra, le era stata conferita per l opera prodigiosa svolta a Rovigo nel 1866 soccorrendo i soldati trovati sul campo di Custoza; la terza ricordava il suo incomparabile spirito di sacrificio e d amore per gli ammalati durante i 64 anni di vita ospedaliera. 1 La storia della Congregazione delle Suore della Carità può seguire la rassegna delle Religiose la cui opera è strettamente collegata con gli eventi del Risorgimento italiano, fino a Roma, fino, cioè all episodio di Porta Pia. Si può facilmente immaginare quali fossero i timori, le ansie, la trepidazione delle anime religiose per il Santo Vegliardo del Vaticano durante lo svolgersi del dramma che si concluse il 20 settembre Il giorno stesso in cui i bersaglieri di Raffaele Cadorna entrarono in Roma, la Luogotenenza Militare del corpo di occupazione ordinava che un gruppo di Suore dell Ospedale Santo Spirito di Roma, si trasferisse sul Gianicolo per assistere i feriti dell esercito italiano raccolti in un improvvisato ospedale di guerra. Tra le Suore scelte ve ne era una giovanissima, Suor Loreta Marcoz, dal portamento dignitoso e signorile, dallo sguardo tutto vita che indicava fermezza e coraggio. Era stata compagna d infanzia di Margherita di Savoia e di Tommaso, Duca di Genova. Fra poco forse pensava mentre saliva al Gianicolo mi sarà facile rivedere i miei compagni di gioco! Ma a quale prezzo! Il Papa?! Il gran da fare e il trambusto che segue all occupazione militare di una città, la distolsero dalle sue valutazioni personali. Quello che seguì lo sappiamo dai ricordi che più tardi nell Ospedale della Consolazione, spesso divenivano racconti vivaci in cui riprendevano vita i dettagli dei reggimenti condotti all assalto, il numero dei cannoni, i nomi degli ufficiali, le fasi del combattimento La Veterana la chiamavano scherzosamente e affettuosamente alla Consolazione. Sono venuta a far visita alla mia amica diceva invece - la gentile e regale Margherita di Savoia, quando compariva, senza preavviso, alla portineria della Casa Madre. Con le poche Suore ricordate moltissime altre Religiose si prodigarono generosamente nell umiltà, nel sacrificio, nell amore dei fratelli che morivano o che soffrivano per l Italia. 1 LA DONNA NELLA BENEFICENZA ITALIANA TORINO VOLUME III, PAG. 124

13 13 Il contributo della carità che sana o lenisce le piaghe del soldato della Patria è degno di stare sul piano degli alti valori morali che portano al raggiungimento dell unità 1 1 LA DONNA NELLA BENEFICENZA ITALIANA TORINO VOLUME III, PAG. 124 A NOSTRA STELLA ANNO VII, PAG 145/150 SUOR RAFFAELLA PERUGINI - ARMADIO 4 4.3

14 14

15 LA GUERRA LIBICA La Campagna di Libia fu combattuta fra il Regno d Italia e l Impero Ottomano ( Turco) per il possesso delle regioni Nordafricane della Tripolitania e della Cirenaica, tra il 28 settembre 1911 e il 18 ottobre Vi furono n morti e n feriti. Le ambizioni coloniali spinsero l Italia ad impadronirsi delle due Province Ottomane che, insieme al Fezzan, nel 1934, avrebbero costituito la Libia, dapprima come colonia italiana, in seguito come Stato Indipendente. Durante il conflitto fu occupato anche l Arcipelago del Dodecanneso, nel Mar Egeo, che rimase, prima, sotto l amministrazione dell Italia e, poi, nel 1923, sotto la sua sovranità. Nel corso della guerra si distinse la Regia Marina Italiana (N. B.) Le Suore viaggiavano sulle navi per il trasporto dei feriti. Questo evento bellico fu un importante precursore della I Guerra Mondiale perché contribuì al risveglio del nazionalismo nei Balcani. Significativo fu l impiego della radio, con la collaborazione dello stesso Guglielmo Marconi.

16 16 Le Suore della Carità non temono pericoli e fatiche, mettono in pratica la S. Regola che così le esorta: Correranno innanzi all indigenza sui treni, sulle navi, per soccorrere i feriti, curare i malati, assistere i moribondi.!1 1 ACPV CELEBRAZIONI II CENTENARIO G. A. 2.9 ARMADIO 1 RIPIANO 1.4 FOTO MOSTRA VOL. IV pag. 10

17 17 I915/1918: PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALLA PRIMA GUERRA MONDIALE Il 3 agosto 1914, pochi giorni dopo lo scoppio della 1^ Guerra Mondiale, il Governo dichiarò che l Italia non avrebbe preso parte al conflitto. Il 26 aprile 1915 l Italia ricevette però la promessa di ottenere, in caso di vittoria, i territori rivendicati. Il 24 maggio 1915 entrò quindi in guerra contro l Austria e, 15 mesi dopo, contro la Germania, chiamando a combattere i militari schierati su un fronte lungo più di 750 chilometri che andavano dall Arco Alpino dello Stelvio al Mare Adriatico. Iniziò una dura guerra di trincea e le trincee dei nostri soldati erano scavati nelle rocce e nei ghiacciai delle Alpi, fino oltre a metri di altitudine. Si ebbero tanti morti e pochi risultati. La disfatta di Caporetto provocò il crollo del fronte italiano. L esercito si ritirò fino al Piave (11 novembre 1917). Poi ci fu la ripresa. Il 23 ottobre partì l offensiva da Vittorio Veneto e gli italiani avanzarono rapidamente in Veneto, Friuli e Cadore: a Villa Giusti fu firmato l Armistizio. L Austria-Ungheria si arrese. Un comunicato del Comando supremo il 4 novembre 1918 annunciava la fine della guerra e la vittoria. Ma, quanti furono i morti? Quanti i feriti? Li hanno curati, senza mai contarli, le Suore della Carità!

18 18 Dal 1915/1918, nella Prima Guerra Mondiale, le Suore della Carità si prodigano tra i feriti negli Ospedali da campo,1 1 ACPV CELEBRAZIONI II CENTENARIO G. A. 2.9 ARMADIO 1 RIPIANO 1.4 FOTO MOSTRA VOL. IV pag. 11

19 19 negli Ospedali Militari delle varie località, Molte Suore furono impegnate nei vari Ospedali Militari e anche in quelli Civili che aprirono le porte ai feriti: così a Torino, a Sondrio, a Bolzano, ad Alessandria, a Savigliano (CN), a Novara, a Busto Arsizio (VA), a Vercelli, a Vigevano (PV) e a Pavia dove il Convitto della Snia Viscosa fu trasformato in Ospedale Militare di Riserva La Provvidenza volle che le Suore della Carità prestassero il loro servizio, dando prova di un intelligente attività organizzativa, nel difficile periodo della guerra 1915/18, quando l Ordine Mauriziano, a Torino e in altri suoi Ospedali, generosamente accoglieva i feriti di guerra. Si distinse allora la nobile figura di colei che, delle cinquanta religiose, impegnate in un lavoro di carità che non conosceva tregue, all Ospedale Mauriziano di Torino, era l anima ed il cuore: Suor Virginia Bolla. A guerra finita, nel 1920 a soli trent anni, Suor Virginia sarà insignita di Medaglia d argento per la sua opera indefessa a favore dei feriti. Il 1915 vide, decretata dal Ministero della Guerra, anche un altra onorificenza, per il servizio prestato per oltre cinquant anni negli Ospedali Militari del Regno, da Suor Maria Rosa Gario che ricevette la Medaglia d oro soprattutto per la delicatezza e la bontà con cui seppe assistere i soldati feriti nell Ospedale Militare di Alessandria prima e di Savigliano poi. Quante ore diurne e notturne trascorse al capezzale dei giovani soldati feriti! E con quanta tenerezza sapeva accompagnarli in sala operatoria, imprimendo sulla loro fronte un bacio e dicendo loro: Questo è il bacio della tua mamma lontana 1 Suor Agata Sozzi che prestò servizio per oltre quarant anni nell Ospedale Militare di Alessandria si distinse, insieme alle sue Suore, per singolari capacitò organizzative, quando, nel 1915, l Ospedale divenne sede centrale di tutta l organizzazione terapeutica, farmaceutica e di vettovagliamento dei 300 Ospedali succursali capaci di circa degenze ospedaliere. Nei momenti più drammatici le Suore si mossero tra i feriti, di giorno e di notte, sostenute dalla forza di Dio Solo e animate da quella carità che ben avevano appreso dalla loro Fondatrice. Nel 1915 anche lo Stabilimento Balneare Termale Militare di Acqui (AL) fu adibito a Convalescenziario per i feriti di guerra e, dovendo, in tal caso rimanere aperto anche in inverno, fu necessaria la permanenza stabile di tre Suore: tra di esse la giovane Suor Lucia Borroni che legherà gran parte della sua generosa vita apostolica a questo Stabilimento Militare e rischierà la deportazione in un campo di concentramento in Germania, da parte dei tedeschi, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, perché accusata di aver nascosto dei soldati italiani Tra i molti feriti, nella guerra del 1915/1918 ci fui anch io racconta Monsignor Amilcare Boccio Fondatore della Congregazione delle Piccole Figlie del S. Cuore di Sale (AL) e ricordo con commozione la cura e le attenzioni che ci vennero riservate dalle buone Suore della Carità di Busto Arsizio (VA) io ero un giovane Cappellano degli Alpini: le loro attenzioni mi hanno guarito nell anima e nel corpo. 2 Sono solo alcune delle molte testimonianze orali e scritte che ci sono pervenute: tutto è scritto in quel libro che non ha pagine da sfogliare. 1 ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI SAVIGLIANO (CN) 2 Testimonianza orale dell interessato raccolte da Suor Maria Grazia Traverso

20 20 e sui treni Ospedale. 1 Il servizio di Dio e il suo amore è inseparabile da quello del prossimo (Suor Rosalia Thouret manoscritto) Il nostro prossimo è dappertutto, Dio è dappertutto (S. Giovanna Antida Thouret Circolare 1823) 1 ACPV CELEBRAZIONI II CENTENARIO G. A. 2.9 ARMADIO 1 RIPIANO 1.4 FOTO MOSTRA VOL. IV pag. 11

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

IL VENERABILE DON PASQUALE UVA:

IL VENERABILE DON PASQUALE UVA: IL VENERABILE DON PASQUALE UVA: - - - - - - 11 - - - La fede: risposta d amore al Dio Amore - - - 12 Si conosce Dio per fede, e non vi è altra via sulla ter- ra per conoscerlo. E la religiosa pratica questa

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI

MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI Figura n. 1 Serva di Dio M. Giuseppa dei SS. Cuori. UNA MONACA ADORATRICE MARIA GIUSEPPA DEI SACRI CUORI MARIANNA FORTUNATA CHERUBINI La Monaca Adoratrice amata dalla Napoli

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca Home page Sant'Egidio News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica la Voce

Dettagli

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano La Casa della Carità, nasce nel 1941 dall intuizione di Don Mario Prandi, Parroco di Fontanaluccia, per rispondere al bisogno di assistenza di alcune

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S.

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. SANTA LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. BIOGRAFIA Luisa nacque il 12 agosto 1591 a Parigi, da Luigi de Marillac, Signore di Ferrières, imparentato con la migliore nobiltà di Francia e da madre ignota,

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli