ECM DOSSIER FORMATIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECM DOSSIER FORMATIVO"

Transcript

1 Al servizio di gente unica Convegno Triveneto ECM DOSSIER FORMATIVO Trieste 6 settembre 2014 Relazione L ECM in Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia

2 1. La storia del sistema ECM FVG 2. La situazione attuale 3. Gli sviluppi 4. Considerazioni finali

3 1. La storia del sistema ECM nel FVG (1) DGR n del : istituzione del Sistema per l educazione continua in medicina. Piani formativi del SSR, Osservatorio delle professionalità; DGR n del : costituzione della Consulta Regionale per la Formazione in Sanità e della Commissione Regionale per l ECM; DGR n del : nomina componenti Commissione regionale ECM;

4 1. La storia del sistema ECM nel FVG (2) DGR n. 120 del Accreditamento degli eventi residenziali; LR n. 21 del Regolamentazione Commissione regionale ECM; DRG n del Ricostituzione componenti Commissione Regionale ECM;

5 1. La storia del sistema ECM nel FVG (3) DGR n del Nomina componenti Consulta; DGR n del Accreditamento della Formazione sul Campo; DGR n del Ricostituzione Com.ne reg. ECM ex art 19 L.R 21/05.

6 1. La storia del sistema ECM nel FVG (4) DGR n del Approvazione del nuovo sistema di governo regionale della FC in sanità e costituzione dei relativi organismi. (Accordi Stato-Regioni n. 168 dd. 1 agosto 2007 e n. 192 dd. 5 novembre 2009). Accreditamento provider Osservatorio regionale qualità della formazione

7 1. La storia del sistema ECM nel FVG (5) DGR n. 512 del Convenzione A.GE.NA.S.; DGR n. 652 del Integrativa della DGR 2087/11; DC n. 704 del 2013 Semplificazione delle procedure di accr.to.

8 2. La situazione attuale 2.1 I fornitori(2013) Pubblici (SSR) n. 12 Pubblici (Ordini, ass, etc) n. 11 Privati (Accreditati) n. 5 TOTALE n. 28

9 2. La situazione attuale a) pubblici (SSR) 2 Aziende ospedaliero universitarie (TS e UD) 1 Azienda Ospedaliera (PN); 6 Aziende per i servizi sanitari (1, Trieste; 2, Gorizia; 3, Alto Friuli; 4 Medio Friuli, 5 Bassa Friulana; 6, Pordenonese); 2 IRCCS (Centro di riferimento Oncologico di Aviano; Burlo Garofolo di Trieste). 1 CEFORMED Totale n. 12

10 2. La situazione attuale b) pubblici (ordini, collegi ed associazioni) Federazione Italiana Tecnici di Lab. Biomedico Collegi IPASVI di GO, TS e PN; Ordine dei farmacisti della provincia di Trieste; Ordine dei medici di GO, PN, TS ed UD; Ordine Psicologi del Friuli Venezia Giulia; Unione Naz.le Personale Ispettivo Sanitario d Italia. Totale n. 11

11 2. La situazione attuale c) privati Casa di Cura Città di Udine; Pineta del Carso spa Casa di Cura; Casa di Cura S. Giorgio; Casa di Cura Salus - Policlinico Triestino; Cura Sanatorio Triestino. Totale n. 5 Casa di

12 2. La situazione attuale L offerta formativa: numero eventi accreditati L ECM in Friuli Venezia Giulia ANNO Numero Eventi Accreditati ECM (Privati + Pubblici) RES FSC Totale

13 2. La situazione attuale L offerta formativa: crediti assegnati ANNO Numero crediti assegnati ai partecipanti (solo enti pubblici) RES FSC Totale

14 2. La situazione attuale L offerta formativa: pubblici vs privati FORNITORI Numero eventi accreditati Numero crediti RES FAD Media Crediti (evento) (evento) Pubblici (SSR) ,5 Pubblici (Ordini, collegi, al) ,7 Privati ,3 TOTALE ,2

15 2. La situazione attuale L ECM in Friuli Venezia Giulia L offerta formativa: pubblici(ssr) vs altri 4% 5% Eventi accreditati Pubblici (SSR) Pubblici (Ordini, collegi, etc) Privati 91%

16 2. La situazione attuale L ECM in Friuli Venezia Giulia L offerta formativa: pubblici(ssr) vs altri 2% 4% Numero crediti Pubblici (SSR) Pubblici (Ordini, collegi, etc) Privati 94%

17 2. La situazione attuale L ECM in Friuli Venezia Giulia L offerta formativa: RES vs FSC Anno 2013: Residenziale e FSC a confronto eventi crediti 0% 20% 40% 60% 80% 100% Residenziale FSC

18 2. La situazione attuale 2.3 Enti che effettuato la richiesta per provider* Pubblici (SSR) n. 10 Pubblici (Ordini, ass, etc) n. 1 Privati (Accreditati) n. 1 TOTALE n. 12 *al 28 agosto 2014

19 2. La situazione attuale a) pubblici (SSR) 2 - Aziende ospedaliero universitarie (TS e UD); 1 - Azienda Ospedaliera (Pordenone); 6 - Aziende per i servizi sanitari (1, Trieste; 2, Gorizia; 3, Alto Friuli; 4 Medio Friuli, 5 Bassa Friulana; 6, Pordenonese); 2 - IRCCS (CRO di Aviano). Totale n. 10

20 2. La situazione attuale b) pubblici (ordini, collegi ed associazioni) Ordine dei medici di UD; Totale n. 1

21 2. La situazione attuale c) privati Fondazione Opera Sacra Famiglia; Istituto Regionale per gli studi del servizio sociale;* Fonte Comunità Famiglia onlus;* Casa di cura Sanatorio Triestino spa;* Policlinico San Giorgio spa*. Totale n. 1 * richieste non ancora validate

22 3. Le prospettive 3.1 Punti di forza (1) a) numero dei provider (relativamente contenuto ed in prevalenza pubblici); b) forte tradizione regionale di impegno nella formazione e solida eredità nella prima fase di implementazione del sistema ECM;

23 3. Le prospettive 3.1 Punti di forza (2) c) gruppo regionale di responsabili della formazione (elevata professionalità ed ottimo lavoro di cooperazione); d) sistema informatico regionale G.FOR (accreditamento degli eventi e gestione informatizzata di tutte le attività formative per tutti gli enti del SSR).

24 3.2 Le criticità 3. Le prospettive Mancato adeguamento del sistema ECM FVG (normativo ed informatico) per: a) Percorsi di accreditamento provider; b) Algoritmo di attribuzione dei crediti (l attuale sistema regionale ha scostamenti significativi rispetto al nazionale); c) Tracciato xml (da inviare al COGEAPS per l anagrafe dei crediti).

25 3.3 La convenzione AGENAS/FVG Viene attivata per consentire: a) Accreditamento dei provider; 3. Le prospettive b) Accreditamento degli eventi (integrato con G.FOR). Mantiene: L ECM in Friuli Venezia Giulia l obbligo del versamento delle quote fisse e variabili (per tutti provider, pubblici e privati); il sistema normativo previgente (non coerente con il nuovo impianto).

26 3. Le prospettive 3.4 Ripartire dalle esigenze di sistema (1) L ECM in Friuli Venezia Giulia a) Aggiornamento e semplificazione del sistema: Regolamento; Manuale per l accreditamento degli eventi; Manuale per l accreditamento dei provider; Modalità di pagamento (gratuito per il SSR e semplificato per gli altri).

27 3. Le prospettive 3.4 Ripartire dalle esigenze di sistema (2) L ECM in Friuli Venezia Giulia b) Rafforzamento del sistema ECM regionale: Portale ECM regionale (accreditamento eventi per il 2015 e accreditamento provider dal 2016); Sistema G.FOR (gestione informatizzata delle attività formative per tutto il SSR).

28 3. Le prospettive 3.4 Ripartire dalle esigenze di sistema (3) L ECM in Friuli Venezia Giulia c) Consolidamento e valorizzazione dei rapporti con la CNFC, AGENAS e COGEAPS (L autonomia regionale deve essere esercitata in un contesto regolato, valido per tutto il territorio nazionale. Il confronto con altre enti e regioni come occasione di arricchimento).

29 3. Le prospettive L ECM in Friuli Venezia Giulia 3.4 Il percorso previsto a) entro settembre 2014: condivisone del Regolamento e dei Manuali con gli attori del sistema regionale; b) entro ottobre 2014: approvazione del nuovo regolamento del sistema regionale di FC e del Manuale per l accreditamento degli eventi. (L approvazione del Manuale per l accreditamento dei provider è previsto nei primi mesi del 2015)

30 3. Le prospettive L ECM in Friuli Venezia Giulia 3.4 Il percorso previsto c) entro novembre 2014: accreditamento dei provider (nel 2014/15 tramite il sito A.GE.NA.S, dal 2016 direttamente dal nuovo portale regionale FVG); d) dal 1 gennaio 2015: avvio del nuovo sistema di accreditamento degli eventi (accreditati dai provider).

31 3. Le prospettive L ECM in Friuli Venezia Giulia 3.4 Il percorso previsto e) entro il primo semestre 2015: Ricostituzione - della Commissione ECM, - della Consulta, - del Comitato di garanzia; Avvio delle attività dell Osservatorio; Avvio dei percorso di formazione formatori.

32 4. Considerazioni finali L ECM in Friuli Venezia Giulia 1) La formazione continua presuppone la possibilità di identificare i gap esistenti nella pratica professionale e di sviluppare percorsi formativi finalizzati all acquisizione, aggiornamento e sviluppo di competenze (persona, azienda) da utilizzare sul campo, lungo tutto il proprio percorso professionale (self directed life-long learning). Senza un adeguato sistema di gestione delle competenze la formazione corre il rischio di mancare gli obiettivi. E mi viene in mente che non esiste nessun manuale che parli del problema essenziale della manutenzione della motocicletta: tenere a quello che si fa. Questo è considerato di scarsa importanza o viene dato per scontato (Robert Pirsing, Lo zen e l arte della manutenzione della motocicletta )

33 4. Considerazioni finali 2) Il sistema ECM è uno strumento per garantire requisiti minimi di affidabilità e trasparenza alla formazione. Richiede regole semplici, univoche, certe e stabili nel tempo. L eccessiva burocratizzazione e puntualizzazione delle regole potrebbe far correre il rischio che la forma valga più della sostanza. Non tutto ciò che può essere misurato conta e non tutto ciò che conta può essere misurato (Albert Einstein)

34 4. Considerazioni finali 3) I crediti sono una misura quantitativa delle attività formative. Il loro calcolo deve essere basato su parametri oggettivi: - numero dei partecipanti; - ore di formazione - % di attività interattive (già difficile!). La quantità ha un suo valore (che non va esasperato!) ma non va confuso con la pertinenza al bisogno! Misura ciò che è misurabile. Ciò che non è misurabile, rendilo tale (Galileo Galilei)

35 4. Considerazioni finali 4) L orientamento verso l eccellenza della formazione va perseguito mediante programmi di qualità volontari ed indipendenti: troppe regole ammazzano la qualità! La qualità va costruita, non controllata Crosby Philip B.

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L.

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. 23.10.1992, n. 241, il quale prevede che le regioni e

Dettagli

Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta degli utenti Comitato tecnico delle regioni

Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta degli utenti Comitato tecnico delle regioni Roma, 7 dicembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 La Commissione nazionale per la formazione continua è l organismo che a livello nazionale ha la funzione

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Attuale modalità di riparto dell assegnazione complessiva sul Fondo Sanitario Regionale: Riparto fra le 11 Istituzioni

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381 19273 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381 Modello di accreditamento della formazione continua della Regione Puglia L Assessore alle Politiche della Salute, Prof. Tommaso Fiore,

Dettagli

NUOVO SISTEMA di FORMAZIONE CONTINUA in MEDICINA. giugno 2008

NUOVO SISTEMA di FORMAZIONE CONTINUA in MEDICINA. giugno 2008 NUOVO SISTEMA di FORMAZIONE CONTINUA in MEDICINA giugno 2008 Il 31 dicembre 2006 è terminato il quinquennio sperimentale del sistema di formazione continua in medicina, definito in base alle disposizioni

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere;

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere; LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione nazionale

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

IL CASO DELLA CARTA SANITARIA DELLA REGIONE TOSCANA ELENA REBORA FORMAS, UNIVERSITÀ DI FIRENZE.

IL CASO DELLA CARTA SANITARIA DELLA REGIONE TOSCANA ELENA REBORA FORMAS, UNIVERSITÀ DI FIRENZE. Convegno Annuale TRIO 18 Febbraio 2011 IL CASO DELLA CARTA SANITARIA DELLA REGIONE TOSCANA ELENA REBORA FORMAS, UNIVERSITÀ DI FIRENZE. Il progetto CSE: obiettivi Creare un unico sistema per l acquisizione,

Dettagli

Assegna i crediti e li trasmette

Assegna i crediti e li trasmette NUOVO SISTEMA ECM L ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e del proprio

Dettagli

Premesso che Premesso che Dato atto Preso atto Atteso che Visto che,

Premesso che Premesso che Dato atto Preso atto Atteso che Visto che, Premesso che - il D.Lgs. 502/92 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i soggetti coinvolti

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE PROGETTO DI FORMAZIONE SUL CAMPO

PROCEDURA GESTIONE PROGETTO DI FORMAZIONE SUL CAMPO REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE GPROF RGQ DIR STATO DELLE REVISIONI Nr. Data Redazione Aggiornamento Verifica Approvazione Modifiche apportate 0 13/05/2005 RGQ GEPROF

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2013 a cura di In collaborazione con: Presentazione Il dossier illustra in forma grafica la consistenza, in Friuli Venezia Giulia, del Terzo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 26 marzo 2013. Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientiþ che che chiedono il loro accreditamento per lo svolgimento di attività

Dettagli

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO Nuovo triennio 2014-2016 : il principio della qualità nella formazione ECM La formazione ECM è un processo in continuo divenire che si struttura

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

FSEr: il percorso della Regione del Veneto

FSEr: il percorso della Regione del Veneto FSEr: il percorso della Regione del Veneto D R. S S A N A D I A R A C C A N E L L O S E Z I O N E C O N T R O L L I G O V E R N O E P E R S O N A L E S S R S E T T O R E S I S T E M A I N F O R M A T I

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 22 aprile 2014, n. U00140 Sistema di Educazione Continua in medicina della Regione Lazio: contributo alle spese dovuto dai

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 5 marzo 2012, n. 394

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 5 marzo 2012, n. 394 9623 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 5 marzo 2012, n. 394 Adozione delle linee di indirizzo regionale sulla attività di formazione nelle aziende sanitarie. L Assessore alle Politiche della Salute,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. rcollazzo@cro.it ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI. rcollazzo@cro.it ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLLAZZO RAFFAELE Indirizzo Telefono 0434 659848 Fax 0434 659265 E-mail rcollazzo@cro.it Nazionalità italiana Data di nascita 22 NOVEMBRE 1951

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990, 18/01/2005, 11/12/2009)

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990, 18/01/2005, 11/12/2009) 33081 - Aviano (PN) - Italy Via Franco Gallini 2 C.F. - P.IVA 00623340932 Tel. 0434/659111 Fax 0434/652182 E-mail: croaviano@cro.it CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Istituto di ricovero e cura a carattere

Dettagli

LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER. 26-28 novembre 2012

LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER. 26-28 novembre 2012 LA FORMAZIONE CONTINUA NELLA REGIONE PIEMONTE: L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER 26-28 novembre 2012 IL SISTEMA ECM Il sistema ECM è un sistema integrato tra il livello regionale e il livello nazionale, su

Dettagli

Trasmissione mensile dei dati sulle prestazioni specialistiche. Estensione alle strutture pubbliche, classificate ed aziendalizzate

Trasmissione mensile dei dati sulle prestazioni specialistiche. Estensione alle strutture pubbliche, classificate ed aziendalizzate Trasmissione mensile dei dati sulle prestazioni specialistiche. Estensione alle strutture pubbliche, classificate ed aziendalizzate Il flusso mensile per il Privato Accreditato la Determina Dirigenziale

Dettagli

Realizzato con il contributo della

Realizzato con il contributo della Realizzato con il contributo della Perché: il contesto La Regione FVG è stata la prima regione del Paese a rispondere alla chiamata di Go On Italia per dare concretezza all'agenda Digitale, attraverso

Dettagli

Padova, 13 gennaio 2011. Il cruccio del Provider: ci sono o ci faccio? Marisa Sartori e Mauro Zaniboni

Padova, 13 gennaio 2011. Il cruccio del Provider: ci sono o ci faccio? Marisa Sartori e Mauro Zaniboni Il cruccio del Provider: ci sono o ci faccio? Fase sperimentale ECM 2002 Fase a regime ECM Accordo Stato-Regioni Novembre 2009 LA NOVITA PIU RILEVANTE: Non si accreditano più gli EVENTI MA si accreditano

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

Provider Nazionale ECM n 434. Materiale di proprietà del Provider Satagroup 434 1

Provider Nazionale ECM n 434. Materiale di proprietà del Provider Satagroup 434 1 Provider Nazionale ECM n 434 Materiale di proprietà del Provider Satagroup 434 1 Chi siamo Materiale riservato di proprietà del Provider Satagroup 434 2 Materiale riservato di proprietà del Provider Satagroup

Dettagli

Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia

Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia ing. Claudio Giuricin, componente della C.U.D. Direttore del Dipartimento Servizi

Dettagli

Sesta Conferenza ECM Roma Palazzo dei Congressi 24 25 novembre 2014

Sesta Conferenza ECM Roma Palazzo dei Congressi 24 25 novembre 2014 Sesta Conferenza ECM Roma Palazzo dei Congressi 24 25 novembre 2014 UN SISTEMA IN EVOLUZIONE DATI, REGOLE E CRITICITA DELL ECM Achille Iachino Segretario della Commissione Nazionale per la Formazione Continua

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2011 a cura di Giugno, 2011 Presentazione Il dossier raccoglie in forma grafica la numerosità della presenza, in Friuli Venezia Giulia, di tre

Dettagli

Card «Carta Famiglia FVG» Convenzioni non onerose

Card «Carta Famiglia FVG» Convenzioni non onerose Al servizio di gente unica Presentazione intervento regionale a sostegno della Famiglia Card «Carta Famiglia FVG» Convenzioni non onerose Udine, 5 marzo 2013 Finalità legge quadro sulla famiglia (LR 7

Dettagli

CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO

CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO Federazione Friuli V.G. CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO Lunedì 23 febbraio 2009 ore 8,30 Sala convegni Fondazione C.R.U.P.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Approvato dal Consiglio direttivo nella seduta

Dettagli

Il ruolo del Co.Ge.A.P.S. nel sistema ECM

Il ruolo del Co.Ge.A.P.S. nel sistema ECM Il ruolo del Co.Ge.A.P.S. nel sistema ECM Sergio Bovenga Roma, 7 Maggio 2011 Il è l organismo nazionale deputato alla gestione delle anagrafiche nazionali e territoriali, dei crediti ECM attribuiti ai

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

SETTIMANA PROVINCIALE DELLE SOLIDARIETA 2010 XII edizione 9-15 novembre 2010 Udine e Gorizia Fiere Spa Torreano di Martignacco (Ud)

SETTIMANA PROVINCIALE DELLE SOLIDARIETA 2010 XII edizione 9-15 novembre 2010 Udine e Gorizia Fiere Spa Torreano di Martignacco (Ud) SETTIMANA PROVINCIALE DELLE SOLIDARIETA 2010 XII edizione 9-15 novembre 2010 Udine e Gorizia Fiere Spa Torreano di Martignacco (Ud) PROGRAMMA Tavola rotonda Martedì 9 novembre 2010 ore 9.00-12.00 L IMPORTANZA

Dettagli

LA RETE PER LE CURE PALLIATIVE NEL TERRITORIO AREA SUD DI MILANO

LA RETE PER LE CURE PALLIATIVE NEL TERRITORIO AREA SUD DI MILANO Centro Universitario di Ricerca Virgilio Floriani CURE PALLIATIVE NELLE MALATTIE AVANZATE INGUARIBILI E TERMINALI Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Dipartimento di Oncologia LA RETE PER

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/15

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/15 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/15 *********** DISCIPLINARE E REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM NELLA REGIONE DEL VENETO *********** (Approvato dalla Commissione

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.1 Sacile MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO MINORI ANNO 2013/2014 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE SOCIALI DELLA

Dettagli

Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi

Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi L'Infermiere n. 1/2010 La Commissione nazionale ECM ha elaborato il Regolamento

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. LAVORO POLITICHE GIOVANILI E SOCIALI

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. LAVORO POLITICHE GIOVANILI E SOCIALI AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. LAVORO POLITICHE GIOVANILI E SOCIALI Determinazione nr. 754 Trieste 25/03/2015 Proposta nr. 273 del 24/03/2015 Oggetto: L.R. 41/96 art. 21 Programma provinciale di sperimentazione

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

CONSULENZA PSICOLOGICA PER GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA E GLI OPERATORI DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

CONSULENZA PSICOLOGICA PER GLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA E GLI OPERATORI DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CORSO PER PSICOLOGI e MEDICI DEL LAVORO Febbraio-Marzo 2015 In collaborazione con: DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROVVEDITORATO REGIONALE PER IL VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA E TRENTINO

Dettagli

Campagna informativa nazionale e regionale sul corretto uso dei servizi di emergenza urgenza

Campagna informativa nazionale e regionale sul corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Campagna informativa nazionale e regionale sul corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Area dei Servizi Sanitari territoriali ed Ospedalieri 20/12/2011 Dott. Alessandro Fanzutto Dott.ssa Anna Paola

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

ACCREDITAMENTO. Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative. Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali

ACCREDITAMENTO. Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative. Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative Dr. Paolo Messina Membro della commissione ECM 2003 AVANZAMENTO DEL SISTEMA ECM ITALIANO Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

QUANTITA DEI CREDITI FORMATIVI

QUANTITA DEI CREDITI FORMATIVI QUANTITA DEI CREDITI FORMATIVI 150 PER IL TRIENNIO 2011-2013 50 crediti annui Minimo 25 massimo 75 all anno Possibilità per tutti i professionisti sanitari di riportare dal triennio precedente (2008-2010)

Dettagli

11.15 Quali protocolli di induzione dell ovulazione nelle pazienti oncologiche F. Tomei 11.45 Discussione

11.15 Quali protocolli di induzione dell ovulazione nelle pazienti oncologiche F. Tomei 11.45 Discussione CORSO DI FORMAZIONE PER LA PRESERVAZIONE DELLA FERTILITÀ NELLE PAZIENTI ONCOLOGICHE 28 Maggio 2014 organizzato da Registro Nazionale della PMA ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA in collaborazione con SOC di

Dettagli

Finalità dell indagine

Finalità dell indagine Finalità dell indagine Presentazione Osservatorio ICT sanità in FVG Incontro Federsanita ANCI FVG 15 ottobre 2012 Gilberto Bragonz6 medico igiene e sanità pubblica Docente Scuola di specializzazione di

Dettagli

I Centri offrono assistenza per costruire progetti formativi e professionali "su misura". I servizi offerti sono gratuiti, e consistono in:

I Centri offrono assistenza per costruire progetti formativi e professionali su misura. I servizi offerti sono gratuiti, e consistono in: I Centri offrono assistenza per costruire progetti formativi e professionali "su misura". I servizi offerti sono gratuiti, e consistono in: Sportello informativo Supporto tecnico rivolto alle scuole Colloquio

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 652 DEL 11 APRILE 2013

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 652 DEL 11 APRILE 2013 Allegato n. 2 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 652 DEL 11 APRILE 2013 PRINCIPI, REGOLE E REQUISITI MINIMI PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER ECM NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 1. INTRODUZIONE Questo documento

Dettagli

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Evoluzione nelle professionalità e nei sistemi di erogazione dei servizi Carlos Corvino Servizio Osservatorio Mercato del lavoro del FVG, Monitoraggio

Dettagli

L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER IN REGIONE LOMBARDIA: sviluppi e nuove prospettive per il 2016 - La piattaforma ECM-CPD

L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER IN REGIONE LOMBARDIA: sviluppi e nuove prospettive per il 2016 - La piattaforma ECM-CPD L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER IN REGIONE LOMBARDIA: sviluppi e nuove prospettive per il 2016 - La piattaforma ECM-CPD Simona Pagni Service Manager ECM-CPD Lombardia Informatica Milano, 24-25 Febbraio -

Dettagli

Per un edilizia. Media partner. Project management

Per un edilizia. Media partner. Project management Innovazioni Soluzioni Per un edilizia sostenibile e di qualità Progetto promosso da Ance Veneto, Ance Friuli Venezia Giulia, con gli Ordini provinciali degli ingegneri e degli architetti del Veneto e del

Dettagli

www.lacrisalide.it 1

www.lacrisalide.it 1 www.lacrisalide.it 1 CHI SIAMO La Crisalide srl si occupa di formazione in ambito sanitario secondo il progetto ECM (Educazione Continua in Medicina) promosso e reso obbligatorio per tutti gli operatori

Dettagli

Il modello ECM CPD lombardo per l innovazione nel sistema sanitario regionale

Il modello ECM CPD lombardo per l innovazione nel sistema sanitario regionale Il modello ECM CPD lombardo per l innovazione nel sistema sanitario regionale 20 settembre 2007 Politecnico di Milano Mariangela Devercelli Funzionario I.Re.F. U.O. Servizi alla Persona Coordinatore modello

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 Norme per la Progettazione ed Erogazione di Eventi Formativi facenti parte del Protocollo E.C.M GUIDA ALLA PROGETTAZIONE ED EROGAZIONE DI EVENTI FORMATIVI 1 PREMESSA...

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F.F.

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F.F. AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2014 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IN DATA 28/01/2014 N.

Dettagli

PROCEDURA PER LA FORMAZIONE DI PROGETTISTI ED ORGANIZZATORI DI CORSI

PROCEDURA PER LA FORMAZIONE DI PROGETTISTI ED ORGANIZZATORI DI CORSI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE RGQ GEPROF DIR STATO DELLE REVISIONI Nr. Data Redazione Aggiornamento Verifica Approvazione Modifiche apportate 0 03/01/2005 RGQ GEPROF

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

INIZIATIVE DI VOLONTARIATO PER IL SOSTEGNO AL LUTTO in Friuli Venezia Giulia

INIZIATIVE DI VOLONTARIATO PER IL SOSTEGNO AL LUTTO in Friuli Venezia Giulia INIZIATIVE DI VOLONTARIATO PER IL SOSTEGNO AL LUTTO in Friuli Venezia Giulia novembre 2014 Indice Formamentis...1 La scelta - Preeclampsia Italia...2 Raggio di Sole...3 Gruppo AURORA Associazione Andos

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI

CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI Padovese Rossella Nata a Monfalcone il 3 ottobre 1966 Residente a Staranzano via J.F. Kennedy 7 Cod. Fiscale PDV RSL 66R43 F356Y P.IVA 00548250315 TITOLI Diploma di Maturità

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali Friuli Venezia Giulia I dati di seguito presentati sono estrapolati da quelli

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. di Prot. Direzione Generale 48 REG.DEC. OGGETTO: Ricostituzione dell'organismo indipendente di valutazione della prestazione dell'azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Trieste. SERVIZIO

Dettagli

PROGETTO ALTO FRIULI

PROGETTO ALTO FRIULI PROGETTO ALTO FRIULI RICERCA TRANSAZIONALE: SENSIBILIZZAZIONE, FORMAZIONE E INTERVENTO SUI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (DSA) - DURATA BIENNALE - Ente Promotore Comune di Tolmezzo ENTI E COLLABORAZIONI

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Formazione in sostegno al PNP finalizzata alla promozione della salute sul tema degli incidenti stradali.

Formazione in sostegno al PNP finalizzata alla promozione della salute sul tema degli incidenti stradali. Il CCM per la prevenzione Attività di formazione e documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute Formazione in sostegno al PNP finalizzata alla promozione della salute sul tema degli

Dettagli

Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti

Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti Fabiana Fusco Università di Udine Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti Carta tratta dall Enciclopedia dell Italiano Treccani L.R. n. 5 del 17 febbraio 2010 Valorizzazione

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale Friuli Venezia Giulia VERSO LA PROGETTAZIONE DI UNO STUDIO DI FARMACOLOGIA CLINICA ID ECM 313-148392 Udine, 25-26 - 27 febbraio 2016 c/o

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Art.1: Principi e

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.1 Gemonese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

PARTE SECONDA. condiviso dai dipendenti dell azienda ospedaliera, favorendone l interazione.

PARTE SECONDA. condiviso dai dipendenti dell azienda ospedaliera, favorendone l interazione. 7762 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 febbraio 2009, n. 93 Istituzione dell Organismo Regionale per la Formazione Sanitaria e delle relative

Dettagli

Consorzio Gestione delle Anagrafiche delle Professioni Sanitarie (Co.Ge.A.P.S.) Verso la certificazione e valutazione dell aggiornamento professionale

Consorzio Gestione delle Anagrafiche delle Professioni Sanitarie (Co.Ge.A.P.S.) Verso la certificazione e valutazione dell aggiornamento professionale 698 Formazione, certificazione professionale e MOOCs N. 206-2015 Consorzio Gestione delle Anagrafiche delle Professioni Sanitarie (Co.Ge.A.P.S.) Verso la certificazione e valutazione dell aggiornamento

Dettagli

CONVEGNO CARD TRIVENETO. La prevenzione nel Distretto

CONVEGNO CARD TRIVENETO. La prevenzione nel Distretto CONVEGNO CARD TRIVENETO La prevenzione nel Distretto venerdì 30 ottobre 2015 Hotel Là di Moret Udine Lo sviluppo della strategia preventiva nei rapporti tra Amministrazioni locali e Aziende sanitarie dott.

Dettagli

24 giugno 2015. Alle Imprese Edili Loro Sedi. Ai Consulenti del Lavoro Loro Sedi. Circolare congiunta n.1/2015

24 giugno 2015. Alle Imprese Edili Loro Sedi. Ai Consulenti del Lavoro Loro Sedi. Circolare congiunta n.1/2015 CASSA EDILE DI GORIZIA Via Del Monte Santo 131/42 34170 Gorizia Tel. 0481533825 - fax 0481536406 email: info@cassaedilego.it P.E.C.: GO00@infopec.cassaedile.it sito web: www.cassaedilego.it CASSA EDILE

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI LABORATORI E DEGLI AMBITI TERRITORIALI: IL RUOLO DEL TLB 30-31 GENNAIO 2013. Auditorium Conservatorio Rovigo

RIORGANIZZAZIONE DEI LABORATORI E DEGLI AMBITI TERRITORIALI: IL RUOLO DEL TLB 30-31 GENNAIO 2013. Auditorium Conservatorio Rovigo RIORGANIZZAZIONE DEI LABORATORI E DEGLI AMBITI TERRITORIALI: IL RUOLO DEL TLB 30-31 GENNAIO 2013 Auditorium Conservatorio Rovigo 1 Formazione ECM: Direttive COGEAPS Relatore: Elvezia Brignoli 2 CHE COS'E'

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 5 DEL 02/01/2015 OGGETTO Nomina Coordinatore Sociosanitario Dott. Paolo Bordon nominato con D.G.R. 2544 del

Dettagli

La MISSIONE della Formazione

La MISSIONE della Formazione Presentiamo un contributo dell iscritta Enrica Cantinotti, che nella sua veste professionale di Referente per l Ufficio Formazione ASL 5 spezzino ha certamente un punto di vista privilegiato, circa la

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013

DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013 DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013 Esoneri, Esenzioni, Tutoraggio Individuale, Formazione all estero, Autoapprendimento, Modalità di registrazione e Certificazione 1. Esoneri 1 I professionisti sanitari

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013

DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013 DETERMINA DELLA CNFC DEL 17 luglio 2013 Esoneri, Esenzioni, Tutoraggio Individuale, Formazione all estero, Autoapprendimento, Modalità di registrazione e Certificazione 1. Esoneri I professionisti sanitari

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

La certificazione dei crediti ECM Ruolo degli Ordini, Collegi ed Associazioni Professionali

La certificazione dei crediti ECM Ruolo degli Ordini, Collegi ed Associazioni Professionali La certificazione dei crediti ECM Ruolo degli Ordini, Collegi ed Associazioni Professionali Roma 7 Dicembre 2013 G. Rocco Intanto alcune premesse: Il programma ecm L aggiornamento durante tutto il percorso

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

GIAMPAOLO CANCIANI. Informazioni personali. Curriculum Vitae. Giampaolo Canciani. Cognome, nome Canciani, Giampaolo. Telefono fisso +39.0432.552300.

GIAMPAOLO CANCIANI. Informazioni personali. Curriculum Vitae. Giampaolo Canciani. Cognome, nome Canciani, Giampaolo. Telefono fisso +39.0432.552300. GIAMPAOLO CANCIANI Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome, nome Canciani, Giampaolo Telefono fisso +39.0432.552300. e.mail dirsanitaria@aoud.sanita.fvg.it; Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

20-8-2010 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 37 9

20-8-2010 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 37 9 20-8-2010 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 37 9 Decreta: Art. 1 Sono recepiti ed adottati i contenuti dell Intesa 25 marzo 2009, sanciti in sede di Conferenza Stato-Regioni. Art.

Dettagli