RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013"

Transcript

1 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015

2 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi per il periodo 2011/2013 di 27 comuni della provincia di Ascoli Piceno (83% del totale provinciale); in essi risiedono complessivamente oltre 142mila persone, corrispondente al 67% della popolazione provinciale totale. I dati sono stati confrontati con le medie regionali e per la maggior parte degli indicatori è presente il dettaglio per classe demografica. PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Classi demografiche < / / / / / > Comuni inclusi/comuni totali 3/5 10/13 7/7 5/5 1/2 / 1/1 Per entrare nella disponibilità dei bilanci si è ricorso all Osservatorio sui bilanci delle Autonomie Locali SPI CGIL che propone, per tutti i comuni italiani, i dati relativi ai bilanci preventivi e consuntivi oltre a numerosi indicatori relativi alle principali voci di bilancio. Il sito dell Osservatorio è : Si ringrazia Francesco Montemurro per la collaborazione. Novella Lodolini IRES CGIL Marche 2

3 Introduzione I dati dei conti consuntivi 2013 sono fortemente segnati dal rispetto dei vincoli del patto di stabilità. I comuni sottoposti ad indagine presentano un avanzo in crescita rispetto al passato ed una situazione di parte corrente solida con le entrate che riescono a coprire più che adeguatamente le spese. Gli investimenti risultano in calo al pari del debito pro capite, della propensione all indebitamento e, di conseguenza, della spesa per gli interessi passivi. Tali dinamiche, unitamente ad una spesa per il personale che tende a contrarsi, determinano una rigidità di bilancio in diminuzione. Al pari delle entrate correnti, anche le spese correnti si consolidano sebbene le diverse funzioni mostrino dinamiche diverse. In particolare, solo la spesa per la gestione e la tutela dell ambiente mostra un incremento consistente, probabilmente in relazione alla gestione dei rifiuti; per le altre funzioni si osserva un calo di spesa o, al massimo, un lieve consolidamento. Tra le spese che si consolidano si trova la spesa sociale che cresce (di poco) nelle componenti ricoveri per anziani e servizi alla persona e che è composta in massima parte di prestazioni di servizi. L analisi mostra una certa difficoltà dei comuni a coprire le spese per i servizi sociali più importanti con le entrate derivanti dalle relative tariffe e ciò implica un maggiore impegno economico per gli enti stessi soprattutto a fronte di trasferimenti regionali ridotti ed in diminuzione. Il quadro delineato ritrae una situazione che consente una duplice lettura. Da un lato la finanza locale è in buone condizioni se queste sono intese nell ottica del rispetto del Patto di stabilità. Con l entrata in vigore dei nuovi principi di contabilità locale, a partire dal 2016, i comuni dovrebbero avere a disposizione ulteriori strumenti di risanamento delle loro finanze: i criteri di prossima applicazione, infatti, contribuiranno a far coincidere la gestione economica con quella finanziaria al fine di poter leggere in bilancio risorse certe e spese effettivamente sostenute. Assumendo una prospettiva diversa, più vicina al cittadino, la lettura della situazione sopra tratteggiata cambia notevolmente. I comuni non fanno investimenti, non impiegano risorse per migliorare le strutture locali. I tagli ai trasferimenti, soprattutto quelli regionali, inibiscono la spesa sociale, ormai ridotta al minimo indispensabile, se non apertamente insufficiente, e destinata ormai al contrasto delle emergenze. I trasferimenti statali, al contrario, risultano in aumento sul 2012 ma è solo a compensazione delle minori risorse che i Comuni hanno a disposizione per l abolizione dell ICI prima casa e che determina un alleggerimento della pressione tributaria, anche se solo nei comuni più grandi. Si tratta di una tregua : nei bilanci 2014 leggeremo gli effetti prodotti dall applicazione dell IMU e della TASI, il carico sulle famiglie risulterà di certo molto aumentato e sarà interessante vedere come queste nuove risorse in entrata nelle case comunali saranno utilizzate dalle Amministrazioni in città e territori in cui la crisi non ha concesso tregua e continua a creare enormi difficoltà. 3

4 La Corte dei Conti, nel Rapporto 2014 sul coordina mento della finanzia pubblica ha sottolineato che il risultato conseguito dalle amministrazioni locali nel 2013 è stato migliore delle attese in termini di contenimento della spesa. Allo stesso tempo,tuttavia, ha rilevato come tale risultato sia stato il frutto dell operare di semplici meccanismi di riduzione delle risorse più che di un disegno complessivo efficace ed adattabile alle varie esigenze e necessità. In particolare, la Corte evidenzia l assenza di misure volte a contenere l espansione della spesa corrente ed il prevalere di azioni che riducono no la spesa in conto capitale. Nel suo Rapporto, la Corte dei Conti auspicava la creazione di assetti più efficienti per gli enti locali (riorganizzazione, fusione di comuni, gestione degli acquisti più efficiente) in grado di contenere la spesa. Accanto a ciò si ribadisce la necessità di aumentare la responsabilizzazione dei territori per entrate e spese con possibilità di gestire il vincolo di bilancio. Infine, si definisce improrogabile la definizione di livelli standard per le capacità fiscali, i fabbisogni, i costi così da avere un riferimento il più possibile oggettivo ed univoco per tutti gli attori sociali. 4

5 1_ La dimensione dei bilanci comunali Le risorse transitate nei bilanci consuntivi 2013 ammontano a 168 milioni di euro: 126 milioni di euro attraverso la gestione corrente e 42 milioni di euro nel bilancio in conto capitale (tab. 1). Tra 2011 e 2013 le risorse correnti si consolidano mentre quelle in conto capitale si riducono in misura notevole. Tabella 1_ DIMENSIONE DEI BILANCI COMUNALI (valori in milioni di euro) Comuni in provincia di AP bilancio corrente bilancio investimenti Totale bilancio A fine 2013 i comuni hanno realizzato un avanzo di amministrazione che risulta essere più consistente rispetto agli anni precedenti dati i vincoli di spesa cui sono sottoposti (tab. 2). Tali dinamiche sono la diretta conseguenza delle regole previste dal Patto di Stabilità: i pagamenti relativi alle spese finanziate con l applicazione dell avanzo devono avere ulteriore copertura con ulteriori riscossioni e ciò frena gli investimenti degli enti locali. Tabella 2_ AVANZO DI AMMINISTRAZIONE PRO CAPITE PER ANNO (valori in euro) Media Provincia di AP 24,00 50,00 47,00 Media MARCHE 62,00 72,00 107,00 5

6 2_Il bilancio in conto capitale Le risorse transitate nei bilanci in conto capitale a fine 2013 sono state pari ad 42 milioni di euro. I comuni hanno mostrato una scarsa propensione all investimento (data dal rapporto tra la spesa in conto capitale e la spesa totale) dato che solo il 12,2% delle risorse complessive di bilancio sono state destinate a tal fine (tab. 3). I settori in cui si è investito di più sono l amministrazione (25,9%), la viabilità (25,8%), la cultura (12,9%), il territorio e l ambiente (9,8%). Per finanziare tali azioni gli enti hanno acceso pochi mutui e prestiti: le entrate derivanti da tali canali rappresentano appena il 6,9% delle spese in conto capitale complessivamente sostenute (entrate da mutui in rapporto alla spesa in conto capitale). Di conseguenza, gli interessi passivi da corrispondere sono di modesta entità e pesano per il 3,3% sulle entrate correnti totali. Tabella 3_ INDICATORI RELATIVI AGLI INVESTIMENTI BILANCIO CONSUNTIVO INVESTIM. DEBITO PRO PROPENSIONE RICORSO INCIDENZA RIGIDITA 2013 P. CAPITE ( ) CAPITE ( ) AD INVESTIRE AL DEBITO INT. PASSIVI DI BILANCIO Media prov. AP 154,00 854,00 12,2% 6,9% 3,3% 34,3% MARCHE 136,00 856,00 10,8% 8,8% 3,7% 34,0% < ab. AP 376, ,00 24,5% 17,0% 2,1% 24,2% < ab. Marche 408, ,00 28,1% 5,4% 5,4% 41,4% AP 111,00 665,00 14,1% 21,5% 3,9% 34,3% Marche 153,00 992,00 15,2% 6,8% 5,4% 36,0% AP 136,00 658,00 9,6% / 4,0% 34,2% Marche 162,00 900,00 11,4% 4,9% 4,9% 35,9% AP 99,00 878,00 8,8% 25,6% 6,0% 34,2% Marche 160,00 746,00 12,4% 16,4% 4,0% 33,9% AP 183,00 261,00 15,9% 15,8% 1,3% 21,8% Marche 109,00 758,00 11,5% 8,4% 4,0% 33,9% AP / / / / / / Marche 129,00 966,00 7,9% 17,2% 3,9% 34,1% Oltre AP 204, ,00 12,8% / 2,0% 37,1% Oltre Marche 108,00 750,00 9,0% / 2,2% 32,1% L andamento degli indicatori relativi agli investimenti evidenzia chiaramente l effetto depressivo che si è esplicato nel tempo sulla propensione ad investire e le conseguenze che ciò ha determinato in termini di investimenti pro capite, interessi passivi e rigidità di bilancio (tab. 4). 6

7 Tabella 4_ INDICATORI RELATIVI AGLI INVESTIMENTI PER ANNO AP 173,00 176,00 154,00 Investimenti pro capite Marche 176,00 162,00 136,00 Debito pro capite Propensione ad investire Ricorso al debito Incidenza interessi passivi Rigidità di bilancio AP 866,00 887,00 854,00 Marche 984,00 938,00 855,00 AP 14,1% 13,9% 12,2% Marche 14,4% 11,0% 10,7% AP 24,5% 34,4% 6,9% Marche 18% 15,2% 8,9% AP 4,1% 3,8% 3,3% Marche 4,8% 4,3% 3,7% AP 38,0% 35,2% 34,3% Marche 39,3% 36,6% 34,0% 7

8 3_Il bilancio di parte corrente Nel 2013 le risorse correnti a disposizione dei comuni ammontano a 126 milioni di euro per un valore pro capite di 884,30 euro (tab. 5): a fronte di una spesa corrente pro capite di 821,70 euro, i comuni sono in grado di garantire l equilibrio di parte corrente, ossia di coprire con le entrate le relative spese. Nel tempo, il bilancio di parte corrente ha aumentato la mole di risorse interessate. Tabella 5_ ENTRATE E SPESE CORRENTI PRO CAPITE (valori in euro) AP 826,10 879,50 884,30 Entrate correnti per abitante Marche 877,50 921,30 955,50 Spese correnti per abitante Equilibrio corrente AP 786,60 796,30 821,70 Marche 830,30 852,10 885,40 AP 100,4% 104,5% 101,6% Marche 99% 101,3% 101,6% 3.1_ Le entrate correnti: i trasferimenti correnti Sebbene le entrate correnti siano costituite per la maggio parte da entrate proprie (tributarie ed extra tributarie), rispetto al passato viene in evidenza come i trasferimenti statali acquistino un peso progressivamente crescente interrompendo il trend, ormai consolidato da anni, di risorse trasferite in calo (tab. 6). Ciò non si deve ad un inversione di rotta delle politiche economiche statali ma all attuazione delle disposizioni relative all ICI/IMU: a fronte dell abolizione dell ICI sulla prima casa lo Stato compensa i comuni della perdita di gettito con dei trasferimenti che, di conseguenza, deprimono l autonomia finanziaria dei comuni. Tabella 6_ ENTRATE PROPRIE E TRASFERIMENTI STATALI: INCIDENZA SU ENTRATE CORRENTI Comuni provincia AP MARCHE Autonomia finanziaria 88,6% 90,0% 87,5% Incidenza trasferimenti statali 2,5% 2,8% 5,8% Autonomia finanziaria 88,3% 89,6% 83,9% Incidenza trasferimenti statali 2,5% 2,1% 8,2% I trasferimenti regionali, a differenza di quelli statali, continuano a diminuire (tab. 7). Tabella 7_ TRASFERIMENTI REGIONALI PRO CAPITE (valori in euro) Comuni provincia AP MARCHE Trasferimenti correnti 44,60 42,00 41,30 Trasferimenti per funzioni delegate 11,30 10,00 9,90 Trasferimenti correnti 37,10 39,20 36,10 Trasferimenti per funzioni delegate 15,90 15,90 15,80 8

9 3.2_ Le entrate correnti: le entrate tributarie Il gettito fiscale 2013 è stato di 79 milioni di euro con una pressione tributaria risultante 1 di 437euro, inferiore alla media regionale che è di 456 euro (tabb. 8 e 9). Per IMU, TARSU ed addizionale IRPEF si paga meno che nel resto della regione. La pressione tributaria tende a consolidarsi rispetto al passato soprattutto nei comuni con meno di 5mila abitanti che nel 2013 hanno anche la pressione tributaria più alta della media provinciale. Tabella 8_ PRESSIONE TRIBUTARIA, IMU, TARSU, ADDIZIONALE IRPEF: BILANCIO CONSUNTIVO 2013 PRESS.TRIB. IMU TARSU ADD. IRPEF Pro capite ( ) Pro capite ( ) Velocità risc. Pro capite ( ) Velocità risc. Pro capite ( ) Media prov. AP 437,00 139,80 80,8% 113,00 72,8% 80,50 MARCHE 456,00 198,50 86,4% 129,60 77,8% 81,70 < ab. AP 713,00 183,00 86,3% 110,60 43,6% 49,90 < ab. Marche 661,00 190,90 84,4% 80,10 63,3% 55, AP 462,00 139,10 82,6% 78,80 54,1% 58, Marche 492,00 158,10 80,3% 74,60 52% 59, AP 483,00 143,90 71,3% 72,00 53,8% 70, Marche 493,00 205,10 74,9% 87,60 71,4% 67, AP 359,00 132,40 79,0% 89,10 78,4% 76, Marche 413,00 180,90 82,1% 85,10 64,3% 74, AP 333,00 140,30 63,1% 129,70 74,5% 44, Marche 427,00 210,80 83,8% 107,30 70,3% 70, AP / / / / / / Marche 435,00 205,60 83,7% 156,00 63,5% 89,80 Oltre AP 479,00 142,10 90,4% 159,10 78,3% 106,20 Oltre Marche 483,00 209,70 86,4% 188,10 77,8% 101,00 1 La pressione tributaria (entrate tributarie / popolazione) è calcolata al netto del gettito TARSU, addizionale ex ECA e TOSAP, compartecipazione IRPEF. 9

10 Tabella 9_ PRESSIONE TRIBUTARIA PER ABITANTE (valori in euro) Media prov. AP 409,00 437,00 437,00 MARCHE 449,00 494,00 456,00 < ab. AP 624,00 683,00 713,00 < ab. Marche 563,00 603,00 661, AP 375,00 438,00 462, Marche 422,00 462,00 492, AP 378,00 410,00 483, Marche 422,00 465,00 486, AP 333,00 350,00 359, Marche 394,00 428,00 413, AP 335,00 334,00 333, Marche 382,00 427,00 427, AP / / / Marche 468,00 526,00 435,00 Oltre AP 503,00 531,00 479,00 Oltre Marche 522,00 562,00 483,00 10

11 3.3_La spesa corrente La spesa necessaria alla gestione corrente tende complessivamente ad aumentare tra 2011 e 2013 in linea con quanto accade a livello regionale (tab. 10). Tabella 10_ SPESA CORRENTE PRO CAPITE (valori in euro) Media prov. AP 786,60 796,30 821,70 MARCHE 830,30 852,10 885,40 < ab. AP 1516, , ,50 < ab. Marche 1.167, , , AP 650,70 678,50 718, Marche 813,90 834,90 851, AP 658,70 663,00 717, Marche 757,60 773,80 819, AP 579,00 665,50 665, Marche 699,90 728,20 767, AP 574,20 593,60 652, Marche 706,90 739,90 776, AP / / / Marche 868,70 897,80 904,10 Oltre AP 1079, , ,20 Oltre Marche 968,60 974, ,40 Le risorse sono convogliate quasi completamente in tre ambiti (tab. 11): l amministrazione dell ente, la gestione del territorio e dell ambiente ed il sociale. Pur mantenendo un peso rilevante, la spesa per amministrazione tende ad avere un incidenza inferiore rispetto al passato (36,4% nel 2011, 34,7% nel 2013) al pari della spesa sociale (13% nel 2011, 12,6% nel 2013), mentre si consolida la spesa per il territorio e l ambiente (16,4% nel 2011, 17,4% nel 2013). Tabella 11_ BILANCIO CONSUNTIVO 2013: COMPOSIZIONE SPESA CORRENTE AP MARCHE ITALIA CENTRO ITALIA Spesa per amministrazione 34,7% 27% 27,8% 27,2% Spesa per giustizia 0,2% 0,5% 0,5% 0,4% Spesa per polizia locale 3,8% 4,1% 5,4% 6,2% Spesa per istruzione pubblica 8,3% 9,4% 9,4% 9,4% Spesa per cultura 3,1% 3,4% 2,9% 3,3% Spesa per sport e tempo libero 1,4% 2,1% 1,3% 0,9% Spesa per turismo 0,9% 0,7% 0,5% 0,5% Spesa per viabilità e trasporti 10,6% 9,9% 11,1% 11,7% Spesa per ambiente e territorio 17,4% 21% 21,9% 22,5% Spesa sociale 12,6% 16,9% 15,3% 14% Spesa per sviluppo economico 0,4% 0,8% 0,8% 0,9% Spesa per servizi produttivi 6,1% 2% 0,9% 0,9% Spesa corrente totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 11

12 Una voce di spesa importante nei bilanci comunali è quella relativa al personale (tab. 12): i comuni in provincia di Ascoli Piceno nel 2013 hanno speso in media 226,50 euro per abitante al fine di remunerare i propri dipendenti; si tratta di una cifra inferiore a quanto speso nei due anni precedenti, fatta eccezione per i comuni con meno di mille abitanti, ed anche rispetto alla media dei comuni marchigiani. Parallelamente cala il peso della spesa per il personale sul totale delle spese correnti (tab. 13). Tabella 12_ SPESA PER PERSONALE PRO CAPITE (valori in euro) Media prov. AP 244,20 231,00 226,50 MARCHE 247,40 239,80 233,60 < ab. AP 475,80 409,90 434,90 < ab. Marche 422,80 395,00 392, AP 225,50 213,60 208, Marche 244,40 233,30 225, AP 191,80 183,60 174, Marche 220,10 212,40 205, AP 155,90 148,30 146, Marche 205,90 199,20 195, AP 133,40 126,50 122, Marche 216,90 208,80 202, AP / / / Marche 235,20 230,40 226,00 Oltre AP 361,40 341,20 338,00 Oltre Marche 311,80 302,70 294,50 Tabella 13_ INCIDENZA SPESA PERSONALE SU SPESA CORRENTE TOTALE Media prov. AP 31,0% 29,0% 27,6% MARCHE 29,8% 28,1% 26,4% < ab. AP 31,4% 25,3% 20,7% < ab. Marche 36,2% 34,1% 32,2% AP 34,7% 31,5% 29,0% Marche 30,0% 27,9% 26,5% AP 29,1% 27,7% 24,3% Marche 29,0% 27,4% 25,1% AP 26,9% 22,3% 22,0% Marche 29,4% 27,3% 25,4% AP 23,2% 21,3% 18,8% Marche 30,7% 28,2% 26,0% AP / / / Marche 27,1% 25,7% 25,0% Oltre AP 33,5% 33,2% 32,7% Oltre Marche 32,2% 31,1% 28,4% 12

13 Alla contrazione della spesa per il personale fa da contraltare il tendenziale aumento della spesa sostenuta per pagare i servizi forniti da terzi (tabb. 14 e 15): dai 350 euro del 2011 ai 379 euro del 2013 in termini pro capite. Tabella 14_ SPESA PER SERVIZI DI TERZI (valori in euro) Media prov. AP 350,20 357,80 379,00 MARCHE 388,20 410,70 431,90 < ab. AP 796,10 953, ,10 < ab. Marche 460,80 495,70 521, AP 266,20 285,70 311, Marche 331,60 354,90 361, AP 340,10 341,40 373, Marche 349,50 368,80 380, AP 224,50 252,50 245, Marche 296,20 314,20 342, AP 329,60 353,10 365, Marche 326,50 368,20 372, AP / / / Marche 432,70 455,40 451,50 Oltre AP 467,20 451,90 485,10 Oltre Marche 473,10 487,00 553,40 Tabella 15_ INCIDENZA SPESA SERVIZI DI TERZI SU SPESA CORRENTE TOTALE Media prov. AP 44,5% 44,9% 45,1% MARCHE 46,8% 48,2% 48,8% < ab. AP 52,5% 58,9% 55,6% < ab. Marche 39,5% 42,8% 42,8% AP 40,9% 42,1% 43,4% Marche 40,7% 42,5% 42,5% AP 51,6% 51,5% 52,0% Marche 46,1% 47,7% 46,4% AP 38,8% 37,9% 36,9% Marche 42,3% 43,1% 44,7% AP 57,4% 59,5% 56,1% Marche 46,2% 49,8% 48,0% AP / / / Marche 49,8% 50,7% 49,9% Oltre AP 43,3% 44,0% 46,9% Oltre Marche 48,8% 50,0% 53,5% Oltre al personale le altre spese fisse che il comune deve sostenere sono quelle relative agli interessi passivi sui mutui contratti ed il rimborso delle quote capitale dei prestiti. Queste tre voci di spesa determinano il grado di rigidità del bilancio comunale che nel 2013 si è attestato al 34,3%, in calo rispetto agli anni passati (tab.16). 13

14 Tale riduzione si deve al progressivo contenimento della spesa per il personale e, soprattutto, alle politiche d indebitamento restrittive che hanno determinato la riduzione delle quote in conto capitale da restituire e gli interessi passivi da pagare. Tabella 16_ RIGIDITA DI BILANCIO Media prov. AP 38,0% 35,28% 34,3% MARCHE 39,3% 36,6% 34% < ab. AP 37,1% 27,4% 24,2% < ab. Marche 45,7% 43,3% 41,4% AP 41,2% 37,8% 34,3% Marche 39,5% 37,8% 35,9% AP 38,5% 37,1% 34,2% Marche 39,6% 37,5% 35,8% AP 37,7% 32,6% 34,2% Marche 38,9% 35,9% 33,9% AP 25,5% 25,6% 21,8% Marche 40,1% 36,8% 33,9% AP / / / Marche 38,5% 36,3% 34,1% Oltre AP 39,1% 36,9% 37,1% Oltre Marche 39,3% 35,9% 32,1% 14

15 La spesa per amministrazione_ La spesa media pro capite per amministrazione (tab. 17) si attesta a livelli superiori rispetto alla media regionale (rispettivamente, 285,20 euro contro 238,80 euro). Il dato medio è tuttavia influenzato da quanto risulta nei comuni con meno di mille abitanti e nel comune di Ascoli Piceno, l unico che supera i 50mila abitanti: in tali enti, infatti, a differenza di quelli di altra dimensione, la spesa amministrativa pro capite supera ampiamente la media regionale dei comuni omogenei per dimensione. I comuni con meno di 1000 abitanti sostengono una spesa amministrativa pro capite molto più elevata rispetto alle altre classi dimensionali. Non si tratta però di una particolarità della provincia dato che in tutti i comuni delle Marche ed italiani con meno di 1000 abitanti la spesa amministrativa media pro capite è più elevata rispetto ai comuni maggiori. I piccoli comuni in provincia di Ascoli Piceno risultano sostenere una spesa per amministrazione più elevata di quella dei comuni italiani omogenei per dimensione (602,70 euro per abitante contro 535,40 euro). Tabella 17_ SPESA PER AMMINISTRAZIONE PRO CAPITE (valori in euro) Media prov. AP 286,40 276,80 285,20 MARCHE 239,90 237,10 238,80 < ab. AP 568,40 507,50 602,70 < ab. Marche 476,00 441,20 464, AP 267,90 263,80 293, Marche 290,00 284,90 289, AP 239,20 230,30 256, Marche 245,40 241,80 258, AP 177,90 181,60 191, Marche 217,40 218,40 225, AP 154,60 153,00 201, Marche 197,40 189,00 206, AP / / / Marche 215,40 215,10 212,90 Oltre AP 418,80 397,10 378,00 Oltre Marche 272,80 270,60 254,70 Osservando le voci che compongono la spesa per amministrazione emergono alcuni elementi interessanti che trovano conferma anche nel panorama regionale (tabb. 18 e 19). il servizio più rilevante in termini di incidenza sulla spesa amministrativa totale (23,5%) e di spesa pro capite (67,00 euro) è relativo alla segreteria generale, al personale ed all organizzazione. le spese della politica (organi istituzionali, partecipazione e decentramento) mostrano un peso marginale sul totale della spesa amministrativa, pari al 9,4%. sia la spesa della politica che quelle per la segreteria, il personale e l organizzazione hanno un andamento decrescente (per incidenza ed importo pro capite) tra 2011 e mostrano, al contrario, una tendenza a crescere (incidenza ed importo pro capite), le spese per la gestione dei servizi tecnici, ossia uffici tributari, controllo di gestione, programmazione, ecc. E plausibile ipotizzare che il blocco delle assunzioni unito alla necessità di utilizzare più risorse tecniche per risolvere i problemi e adempiere gli obblighi connessi al patto di stabilità abbia prodotto le dinamiche descritte. 15

16 Tabella 18_ Composizione percentuale della spesa per amministrazione Organi istituzionali, partecipazione e decentram. AP 10,5% 10,2% 9,4% Marche 8,2% 7,9% 7,3% Segreteria generale, personale e organizzazione AP 23,8% 24,3% 23,5% Marche 26,9% 26,2% 25,3% Gest.ec., finanz., programm., provv.e contr.di gest. AP 9,1% 9,2% 11,3% Marche 10,2% 11,0% 11,3% Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali AP 5,6% 6,6% 7,6% Marche 5,8% 6,1% 9,9% Gestione dei beni demaniali e patrimoniali AP 8,5% 8,8% 9,2% Marche 9,6% 10,3% 9,9% Ufficio tecnico AP 9,7% 9,2% 9,0% Marche 12,3% 12,4% 11,9% Anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio stat. AP 7,1% 5,5% 5,4% Marche 6,9% 6,3% 6,1% Tabella 19_ Valore pro capite delle componenti la spesa di amministrazione (valori in euro) Organi istituzionali, partecipazione e decentram. AP 30,20 28,20 26,90 Marche 19,70 18,80 17,40 Segreteria generale, personale e organizzazione AP 68,30 67,30 67,00 Marche 64,50 62,10 60,40 Gest.ec., finanz., programm., provv.e contr.di gest. AP 26,20 25,40 32,30 Marche 24,40 26,00 26,90 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali AP 16,00 18,20 21,70 Marche 14,00 14,60 23,70 Gestione dei beni demaniali e patrimoniali AP 24,30 24,20 26,10 Marche 23,10 24,30 23,60 Ufficio tecnico AP 27,90 25,50 25,60 Marche 29,60 29,30 28,30 Anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio stat. AP 20,20 15,30 15,30 Marche 16,50 14,80 14,60 Tabella 20_ Incidenza spesa per organi istituzionali, partecipazione e decentramento su spesa amministrativa Meno di ab. Tra e ab. Tra e ab. Tra e ab. Tra e ab. Tra e ab. Oltre ab. AP 8,8% 8,5% 7,6% Marche 7,2% 7,2% 6,8% AP 7,3% 7,0% 6,2% Marche 6,7% 6,4% 6,8% AP 7,8% 8,6% 6,3% Marche 6,4% 6,3% 6,2% AP 9,4% 9,2% 8,0% Marche 8,4% 8,3% 7,5% AP 12,4% 10,2% 7,2% Marche 7,1% 6,8% 5,5% AP / / / Marche 8,6% 8,3% 6,6% AP 12,3% 11,8% 12,3% Marche 9,7% 9,3% 9,5% 16

17 Tabella 21_ Incidenza spesa per segreteria generale, personale e organizzazione su spesa amministrativa Meno di ab. AP 33,2% 36,0% 37,8% Marche 40,8% 39% 37,3% Tra e ab. AP 37,4% 38,7% 38,9% Marche 37,1% 36,6% 35% Tra e ab. AP 31,8% 28,9% 23,5% Marche 32,9% 31,5% 28% Tra e ab. AP 31,9% 31,1% 29,0% Marche 29,8% 28,8% 28,4% Tra e ab. AP 14,2% 14,0% 10,3% Marche 28,2% 27,7% 23,3% Tra e ab. AP / / / Marche 24,2% 23,8% 24,2% Oltre ab. AP 16,6% 18,0% 18,5% Marche 18,8% 18,4% 18,4% Tabella 22_ Incidenza spesa gestione economica, programmazione, controllo di gestione su spesa amministrativa Meno di ab. AP 20,8% 20,2% 17,6% Marche 9,4% 9,4% 10,6% Tra e ab. AP 11,5% 12,0% 12,6% Marche 11,8% 12% 13,6% Tra e ab. AP 11,7% 13,1% 14,7% Marche 11% 12,2% 12,1% Tra e ab. AP 10,0% 8,9% 12,1% Marche 11,5% 11,7% 13,6% Tra e ab. AP 7,2% 7,4% 30,3% Marche 8,6% 9% 10,1% Tra e ab. AP / / / Marche 10,4% 10,2% 10,9% Oltre ab. AP 7,4% 7,3% 6,7% Marche 8,9% 11,3% 9,4% Tabella 23_ Incidenza spesa per gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali su spesa amministrativa Meno di ab. Tra e ab. Tra e ab. Tra e ab. Tra e ab. Tra e ab. Oltre ab. AP 1,6% 3,0% 3,3% Marche 2,3% 2,9% 3,3% AP 5,8% 5,3% 8,8% Marche 3,5% 3,6% 5,2% AP 8,2% 8,2% 14,0% Marche 5,5% 5,4% 10,9% AP 2,7% 5,8% 6,9% Marche 4,5% 5,5% 7% AP 8,1% 7,9% 9,2% Marche 6,8% 7,6% 16,4% AP / / / Marche 8,4% 7,9% 14,2% AP 5,5% 6,6% 5,3% Marche 5,3% 5,9% 6,8% 17

18 5_La spesa per il welfare Tra 2011 e 2013 le risorse spese per il welfare in Italia sono diminuite: da 285 a 277 euro per abitante (tab. 24). Nelle regioni del centro la riduzione è stata anche più marcata (da 335 a 323 euro) e le Marche non fanno eccezione sebbene per i comuni della nostra regione il calo sia stato molto contenuto, solo un euro in meno nel 2013 (274 euro per abitante) rispetto al Nei comuni in provincia di Ascoli Piceno la spesa media pro capite per il welfare tra 2011 e 2013 si contrae al pari della sua incidenza sulla spesa corrente totale. Rispetto alla media regionale la spesa per il welfare è più contenuta sia come valore pro capite, sia come incidenza sulla spesa totale. In seno all aggregato welfare è la spesa sociale in senso stretto ad avere il peso preponderante, seguita da quella per l istruzione e per la cultura; marginale è l incidenza della spesa per lo sport. In termini di importi pro capite, rispetto alla media dei comuni marchigiani, i comuni della provincia di Ascoli Piceno impegnano cifre inferiori per tutte le componenti dell aggregato welfare. Tabella 24_ SPESA WELFARE: VALORE PRO CAPITE TOTALE E DELLE COMPONENTI 2 Spesa per istruzione pubblica Spesa per cultura Spesa per sport e tempo libero Spesa sociale WELFARE Valori pro capite ( ) Incidenza % AP 72,30 70,80 68,10 34,4% 34,3% 33,8% Marche 84,30 85,10 83,20 30,6% 30,9% 30,3% AP 30,90 26,30 25,60 14,7% 12,7% 12,7% Marche 32,10 31,40 29,80 11,7% 11,4% 10,9% AP 11,50 11,70 11,60 5,5% 5,7% 5,8% Marche 18,70 19,10 18,30 6,8% 6,9% 6,7% AP 95,30 97,60 96,10 45,4% 47,3% 47,7% Marche 140,30 139,90 142,90 50,9% 50,8% 52,1% AP 210,13 206,30 201,32 26,7% 25,9% 24,5% Marche 275,40 275,40 274,20 33,2% 32,3% 30,9% 2 Per la spesa per il welfare, l incidenza è calcolata sulla spesa corrente totale. Per le componenti della spesa per il welfare, l incidenza è calcolata su quest ultima 18

19 6_La spesa sociale Nel 2013 i comuni hanno sostenuto una spesa sociale di 96,10 euro per abitante, circa lo stesso livello degli anni precedenti (tab. 25). Tra i servizi che compongono la spesa sociale, l unico che mostra una spesa crescente è quello relativo alle residenze per anziani: da 1,20 euro nel 2011 a 5 euro nel Nel 2013 si osserva una perdita di peso dell aggregato in seno alla spesa corrente totale: 12,1% nel 2011, 12,3% nel 2012, 11,7% nel Tabella 25_ SPESA SOCIALE: VALORE PRO CAPITE TOTALE E DELLE COMPONENTI E INCIDENZA RELATIVA 3 Spesa per servizi all infanzia Spesa per prevenzione e riabilitazione Spesa per residenze e ricoveri anziani Spesa per servizi diversi alla persona SPESA SOCIALE TOTALE Valori pro capite ( ) Incidenza % AP 21,10 19,90 20,10 22,2% 20,4% 20,9% Marche 32,40 31,60 31,40 23,1% 22,6% 22% AP 5,90 6,30 6,00 6,2% 6,4% 6,2% Marche 11,80 10,90 10,90 8,4% 7,8% 7,6% AP 1,20 3,90 5,00 1,2% 4,0% 5,2% Marche 22,30 22,30 23,20 15,9% 15,9% 16,2% AP 67,10 67,60 65,00 70,4% 69,2% 67,6% Marche 73,70 75,10 77,40 52,5% 53,7% 54,2% AP 95,30 97,00 96,10 12,1% 12,3% 11,7% Marche 140,30 139,90 142,90 16,9% 16,4% 16,1% Per usufruire dei servizi sociali i cittadini pagano delle tariffe che assicurano entrate al comune e che riescono a coprire le spese di gestione ed erogazione dei servizi medesimi in misura diversa (tab. 26). La differenza tra entrate e spese è coperta sia da risorse a specifica destinazione che vengono trasferiti ai comuni (es. i trasferimenti regionali per i nidi), sia da risorse generali ed indistinte di bilancio. Date le percentuali di copertura attraverso le tariffe pagate dagli utenti, di anno in anno in diminuzione) e considerando il progressivo taglio dei trasferimenti regionali, è facile concludere che il costo dei servizi è finito per gravare in modo sempre più consistente sulle casse comunali. 3 Per la spesa sociale totale l incidenza è calcolata sulla spesa corrente totale di cui al Titolo 1. Per i servizi che compongono la spesa sociale l incidenza è calcolata sulla spesa sociale totale. 19

20 Tabella 26_ GRADO DI COPERTURA DELLE SPESE PER I SERVIZI SOCIALI CON I RELATIVI PROVENTI Spesa per servizi all infanzia AP 12,7% 14,3% 13,5% Marche 20,4% 20,2% 18,9% Spesa per prevenzione e riabilitazione AP 4,0% 3,5% 4,2% Marche 20,3% 12,1% 8,6% Spesa per residenze e ricoveri anziani AP nd nd nd Marche 65,6% 61,4% 60,1% Spesa per servizi diversi alla persona AP 1,0% 1,0% 1,1% Marche 1,4% 2,0% 1,4% Tabella 27_ ASILI NIDO: COPERTURA DEI COSTI CON PROVENTI E TRASFERIMENTI SPECIFICI AP 30,6% 33,2% 30,5% Spesa per asili nido Marche 35,0% 44,3% 36,5% 20

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco

Analisi di bilancio. Comune di Buccinasco Analisi di bilancio Comune di Buccinasco INDICE INDICE... 3 CENNI STORICI... 4 IL BILANCIO COMUNALE alcune nozioni... 5 L ANALISI DELLE ENTRATE... 6 Autonomia Finanziaria... 7 Autonomia tributaria...

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni VIII RAPPORTO DI RICERCA NOBEL - Sintesi - A cura di Pierangelo Spano e Federica Vanin 26 settembre 2007 Villa Widmann Foscari Mira (VE) Nobel è un progetto dell

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO)

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO) febbraio 9 Relazione al bilancio di previsione 2015 Comune di Spilamberto (MO) 1. Il bilancio Il Bilancio di Previsione è il documento di programmazione e controllo dell'ente; deve assolvere contemporaneamente

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

La gestione finanziaria 1

La gestione finanziaria 1 CAPITOLO 6 BILANCIO COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La gestione finanziaria 1 Le risultanze finali del conto di bilancio dell esercizio finanziario 2007 sono riportate nella Tavola

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor-

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor- Questo capitolo è dedicato alla descrizione del sistema di relazioni dell Ente - la governance - secondo la ormai classica tripartizione: : si tratta dell organizzazione politica e amministrativa, rispettivamente

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.00 Entrate tributarie (titolo I) 63.778.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.725.005,58 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011 ENTRATE: PREVISIONE 2011 Quota avanzo dell'anno precedente (Titolo 0) 150.000,00 Entrate Tributarie (Titolo 1) 2.152.100,00 Entrate derivanti da contributi e trasferim. correnti dello Stato (Titolo 2)

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Certificati. untivo. Novembre 2015

Certificati. untivo. Novembre 2015 Certificati di conto consu untivo 2013 Dati relativi ai comuni italiani con più di 200.000 abitanti Novembre 2015 I dati presenti nella pubblicazione sono tratti dal sito del Ministero dell'interno Dipartimento

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Venezia ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Per una corretta lettura dei dati di consuntivo 2012 occorre innanzitutto ricordare che esso è stato redatto in base

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314.

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314. RENDICONTO ANNO 2014 DATI RIEPILOGATIVI: RESIDUI In conto COMPETENZA Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Luglio 2010 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Modena ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente (RATING ENTE) Descrizione 2011 2012 2013 2014 2014/2013 2014/(Media 2011-2012-2013) Entrate Entrate Correnti 3.038.317,25

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Il Bilancio 2013 in sintesi

Il Bilancio 2013 in sintesi Il Bilancio 2013 in sintesi Analisi dei principali aggregati di entrata e di spesa Giugno 2013 ENTRATE IL BILANCIO IN POCHI NUMERI Il bilancio dell anno 2013 della Provincia di Milano ammonta a 848,6 milioni

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 Assessore Sergio Parolini Dirigente Dott.ssa MariaGrazia Margonari Responsabile Dott.ssa Tiziana Rossi 1 Nella stesura del bilancio di previsione

Dettagli

Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale

Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale Ogni ente locale fornisce alla collettività servita un ventaglio di prestazioni: si tratta, generalmente, dell'erogazione di servizi e

Dettagli

Comune di Volterra INDICATORI DI BILANCIO INDICATORI DI ENTRATA

Comune di Volterra INDICATORI DI BILANCIO INDICATORI DI ENTRATA PIANO DEGLI INDICATORI DI BILANCIO 2014 Il principio contabile della programmazione prevede l obbligo per gli Enti Locali di elaborare un piano degli indicatori di bilancio da trasmettere al Consiglio

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 4882257,22 7796539,38 9231139,44 8414080,00 8731772,96 8840675,26 8,85- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2014 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI

Dettagli

Quadro generale riassuntivo

Quadro generale riassuntivo BILANCIO DI PREVISIONE 2005 Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 31.047.465,00 Titolo I: Spese correnti 51.822.716,00 Titolo II: Entrate da contributi e trasferimenti

Dettagli

RISANAMENTO FINANZE PUBBLICHE 2011-2014 peso su comune di Rivalta

RISANAMENTO FINANZE PUBBLICHE 2011-2014 peso su comune di Rivalta RISANAMENTO FINANZE PUBBLICHE 2011-2014 peso su comune di Rivalta TAGLIO DL 201/2011 esercizio 2011 525 mila TAGLIO DL 78/2010 esercizio 2011/2012 565 mila TAGLIO DL 95/2012 esercizio 2012-2014 510 mila

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI BREGANZE. IL BILANCIO 2010 i principali macroaggregati

COMUNE DI BREGANZE. IL BILANCIO 2010 i principali macroaggregati COMUNE DI BREGANZE IL BILANCIO 2010 i principali macroaggregati II bilancio di previsione del Comune, approvato il 29 dicembre 2009 con atto nr 61, risulta in pareggio: il volume delle previsioni di entrata

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2006 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2006 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2006 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.000,00 Entrate tributarie (titolo I) 59.822.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.548.438,32 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

Rapporto di ricerca sulle politiche di bilancio nella Città di Vercelli:

Rapporto di ricerca sulle politiche di bilancio nella Città di Vercelli: Associazione ires Lucia Morosini Rapporto di ricerca sulle politiche di bilancio nella Città di Vercelli: Comune di Vercelli ASL Aziende Pubbliche A cura di: Ilaria Accamo Giulio Mancini Francesco Montemurro

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013 Pagina 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 825.833,33 282.28 282.28 di cui: AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 288.951,87 80.28 80.28 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: FINANZIAMENTO INVESTIMENTI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE:F.AMMORTAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

Bilancio per il cittadino

Bilancio per il cittadino Bilancio il cittadino Comune di Marano Vicentino 1 informa informa 1 BILANCIO CONSUNTIVO 2008 DEL COMUNE DI VICENTINO Spiegare in modo semplice e capibile a tutti i cittadini il Bilancio Comunale non è

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ANCONA BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ANCONA BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ANCONA BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi per

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 9084443,36 8502962,92 8155504,77 8112844,23 7982265,23 8084026,13 0,52- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti

Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti IL RENDICONTO, LA PRODUZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti La legge Finanziaria 2003 oltre a confermare la riduzione

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI

LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI LA LETTURA DEL BILANCIO PER INDICI I valori del bilancio d'esercizio emersi nel corso della precedente trattazione possono essere oggetto di varie elaborazioni e correlazioni, opportunamente effettuate,

Dettagli

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE OSASCO UNIONE DI COMUNI SIGLA PROV. TO CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 Pag. 3 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE o UNIONE DI COMUNI DI OSASCO SIGLA

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 1 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 2 Introduzione all analisi dei dati del Rendiconto della Gestione La presentazione

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PRESENTAZIONE BILANCIO PREVISIONALE 2013

COMUNE DI SERDIANA PRESENTAZIONE BILANCIO PREVISIONALE 2013 PRESENTAZIONE PRESENTA IL SINDACO ROBERTO MELONI Il bilancio di previsione annuale, è il più importante strumento di pianificazione annuale dell attività dell Ente, che attua la programmazione definita

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 299445,52 894198,75 878007,23 880610,48 827698,76 798342,36 0,30 Contributi e trasferimenti correnti 1121378,08

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Il bilancio di previsione 2012

Il bilancio di previsione 2012 1 Bilancio parte corrente 2012 Entrate Entrate correnti (titoli 1+2+3): 56.590.403,00 Proventi delle concessioni edilizie che finanziano spese correnti: proventi contravvenzioni al cds che finanziano spese

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2008

BILANCIO DI PREVISIONE 2008 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità BILANCIO DI PREVISIONE 2008 1 ENTRATE Bilancio 2008 (dati in migliaia di ) SPESE E. tributarie 60.774,00 E. da trasferimenti 32.638,00 E. extratributarie

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia XIA FIDE L I S ELABORAZIONI GRAFICHE Comune di Brescia B RIXIA FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE INDICE Risultato della gestione finanziaria esercizio 2012 pag. 3 Andamento dell avanzo di amministrazione nel

Dettagli

Newsletter informa on line

Newsletter informa on line MARCHE Newsletter informa on line documentazione delle autonomie locali n 273 del 14 maggio 2014 anno III FASSINO DA PADOAN: SUBITO TAVOLO TECNICO DI CONFRONTO SU MODIFICHE CORRETTIVE AL DECRETO La convocazione

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

REAZIONE BILANCIO CONSUNTIVO 2014

REAZIONE BILANCIO CONSUNTIVO 2014 REAZIONE BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Come ormai sta succedendo da alcuni anni, da parte dello Stato le regole di come gestire il bilancio comunale, quali saranno e a quanto ammorteranno i trasferimenti ai

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 999999 10 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0.00.0000 999999 20 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report LE DINAMICHE IMPOSITIVE CONTINUANO A PENALIZZARE FORTEMENTE GLI INVESTIMENTI NEL MATTONE TASI, SALERNO E NAPOLI AL TOP Aliquote sempre al massimo, la prima rata in scadenza il 16

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO. Esercizio 2013. Modello n. 14 (D.P.R. 31/01/1996 N. 194) per comuni ed unioni di comuni

CONTO DEL BILANCIO. Esercizio 2013. Modello n. 14 (D.P.R. 31/01/1996 N. 194) per comuni ed unioni di comuni CONTO DEL BILANCIO Esercizio Modello n. 14 (D.P.R. 31/01/1996 N. 194) per comuni ed unioni di comuni CONTO DI BILANCIO TABELLA DEI PARAMETRI DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI DI DEFICITARIETA' (DECRETO 18

Dettagli

Indicatori finanziari 2007 Il contenuto degli indicatori

Indicatori finanziari 2007 Il contenuto degli indicatori Indicatori finanziari Il contenuto degli indicatori Gli indicatori finanziari, visti sia come il rapporto tra valori finanziari e fisici (esempio: spesa corrente per abitante) o come il più semplice raffronto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118)

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016 (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) I N D I C E Bilancio di Previsione Entrate pag. 1 Bilancio di Previsione Spese pag. 11 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004 Comune di Villa Guardia Bilancio preventivo Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 2.345.977,46 Titolo I: Spese correnti 3.626.368,07 Titolo II: Entrate da contributi e

Dettagli

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 3.767.366,36 Tit.2' Entrate da trasferimenti 2.852.298,09

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

Assestamento del bilancio

Assestamento del bilancio Assestamento del bilancio Consiglio Comunale 29 novembre 2013 Tre delibere: IMU seconda casa in comodato gratuito a genitori/figli Estinzione mutui Variazioni di assestamento 29 novembre 2013 Consiglio

Dettagli

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2011 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 5.800.712,82 Tit.2' Entrate da trasferimenti 1.146.937,18

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13 IL CASO DI MISANO GERA D ADDA CHE COS E IL BILANCIO COMUNALE Strumento di pianificazione e gestione economica e finanziaria dei Comuni. In esso vengono dettagliate tutte le entrate e le spese dell'ente

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl

Dettagli

Relazione sulla gestione finanziaria e sul funzionamento dei controlli interni

Relazione sulla gestione finanziaria e sul funzionamento dei controlli interni CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA Relazione sulla gestione finanziaria e sul funzionamento dei controlli interni Comune di Lerici (SP) esercizio finanziario 2003 (art. 7, comma

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

COMUNE DI GALATONE ELENCO RESIDUI PASSIVI AL 31/12/2014

COMUNE DI GALATONE ELENCO RESIDUI PASSIVI AL 31/12/2014 Pag. 1 1 SPESE CORRENTI 1.01 FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO 1.01.01 ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO 1.01.01.03 PRESTAZIONI DI SERVIZI 12.152,45 1.01.01.07

Dettagli