Segretariato UPSA, C.so Elvezia 16, 6900 Lugano tel fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Segretariato UPSA, C.so Elvezia 16, 6900 Lugano tel. 091 911 51 14 fax 091 911 51 12"

Transcript

1 Pubblicazione semestrale Anno XII n 2 novembre 2009 R I T R AT T O SEZIONE TICINO Segretariato UPSA, C.so Elvezia 16, 6900 Lugano tel fax Comitato di redazione Walter Robbiani, presidente Armando Sonvico, responsabile della comunicazione Enrico Camenisch Hansludwig Fritzsche Gabriele Lazzaroni Roberto Mazzantini Sonia Simonetti Redazione e impaginazione Centro editoriale Rezzonico, Locarno Stampa Rezzonico Editore SA, Locarno L auto che cambia istockphoto IL SOMMARIO Storia di copertina L automobile sta cambiando 3-7 Faccia a faccia Auto privata o servizio pubblicto? Attualità I quarant anni di ESA Ticino Camera con vista Tra ripresa e trasformazioni 8 L ospite Quella droga della velocità Inchieste Anziani, vincolare la patente all età? Io e l auto Sì all auto, anche se... 9 Formazione Direzione in team alla scuola di Biasca Vita associativa Una nuova filosofia 21-22

2 EDITORIALE Vogliamo dedicare questa seconda edizione del 2009 di Autoritratto ai cambiamenti in corso nel mondo automobilistico. Cambiamenti che rispecchiano quanto avviene in tutti i settori economici in questi ultimi anni. Mutamenti sempre più rapidi e favoriti dalla crisi che da un anno ha colpito il mondo industrializzato. Viviamo un periodo di transizione. Non tutti i garagisti abbracciano una nuova filosofia e anche tra la nostra clientela c è chi esita. E compito del presidente accompagnare l Associazione ad accogliere in modo positivo i cambiamenti in atto. Per una precisa richiesta degli automobilisti, i veicoli del futuro saranno più ecologici e, come dimostra il sondaggio promosso da Auto-Schweiz di cui pubblichiamo i risultati alle pagine 6 e 7, i cittadini dimostrano una maggiore sensibilità verso questa problematica. Dal canto loro, anche le case automobilistiche compiono grandi sforzi e oggi chi acquista una vettura e si preoccupa per l impatto del traffico sugli equilibri ecologici, non ha che l imbarazzo nella scelta del modello. Le statistiche dimostrano che anche la crisi economica spinge molti cittadini ad acquistare automobili più piccole. Consumano meno carburante e, grazie agli ecoincentivi promossi dal governo, l automobilista paga una tassa di circolazione ridotta. Anche l incentivo alla rottamazione, previsto nel pacchetto cantonale di misure anticrisi, avrebbe aiutato a Cavalchiamo il cambiamento! di Walter Robbiani Presidente UPSA Ticino superare questo momento. Il condizionale è d obbligo: il Governo ticinese ha congelato questo rilevante sostegno e abbiamo, per il momento, perso un opportunità per rinforzare le nostre aziende. Ricordiamoci che su 8 posti di lavoro nel nostro paese, uno dipende dal mercato dell automobile ed è a rischio! Nei paesi dove è in vigore l incentivo sulla rottamazione, le vendite di vetture nuove nel 2009 sono diminuite solo del 5% rispetto al 2008, mentre in Ticino, dove manca questo incentivo, la diminuzione è ben superiore e cioè del 10%. Con il congelamento dell incentivo perdiamo l occasione di migliorare la salvaguardia del nostro ambiente di vita e ci lasciamo sfuggire l aiuto al nostro sviluppo economico. Non dimentichiamo che questo incentivo era diretto al consumatore che avrebbe potuto sostituire la sua vecchia vettura con una più ecologica e nel contempo più economica! I Ti-Press/F.Agosta dati emersi dallo stesso sondaggio indicano chiaramente come sia fuori discussione nel nostro paese l importanza del traffico privato. Questo soprattutto in quelle zone, come il Ticino, dove è spesso difficile spostarsi con i mezzi pubblici. Si tratta di un argomento che viene trattato a più riprese in questa edizione della rivista e in particolare nel faccia-faccia tra il Consigliere di Stato Marco Borradori e il nostro collega Oliviero Milani. I cambiamenti in corso nel mondo dell auto influenzano anche i percorsi professionali dei nostri apprendisti. A partire dal prossimo anno scolastico verranno definitivamente abbandonati alcuni profili per concentrarsi unicamente sulle nuove professioni. Lo spiegano in dettaglio i cinque insegnanti del Centro professionale di Biasca, che da quest anno dirigono la scuola con un interessante esperienza di team. Si è da poco concluso il primo anno della mia presidenza. L esperienza, come spiego nell intervista alle pagine 21 e 22, è appagante e positiva. Il lavoro svolto è molto e dall esterno non ci si rende sempre conto. Ho ascoltato i desideri degli associati e ho rivisto i miei obiettivi. Grazie a una precisa distribuzione dei compiti, il nostro comitato è sulla buona strada per realizzare quanto auspicato. PUNTIAMO SUI PROFESSIONISTI DEL RAMO AUTOMOBILE. Da 90 anni puntiamo sui professionisti del ramo automobile. E da 90 anni i professionisti puntano sui lubrificanti e prodotti di servizio di Langenthal. Poco importa la sfida, siamo al vostro servizio. Metteteci alla prova dell olio! BUCHER AG LANGENTHAL MOTOREX-Schmiertechnik 4901 Langenthal, Schweiz Tel. +41 (0) Fax +41 (0)

3 STORIA DI COPERTINA Quella che stiamo vivendo è un epoca di grandi cambiamenti in tutti i settori. Basti pensare all influsso di internet o dei cellulari sempre più performanti nella nostra vita di tutti i giorni. Più il tempo passa, più questi cambiamenti diventano rapidi e difficili da seguire. La crisi economica che ha colpito le nostre economie da ormai un anno non fa che accentuare e velocizzare ulteriormente questi mutamenti. Il settore dell automobile non sfugge a questa logica, condizionando in modo particolare l economia, data la sua grande importanza: in Svizzera dà lavoro a quasi 40 mila dipendenti un impiego su otto nel nostro paese gravita attorno a questo mercato e genera un fatturato annuo che si aggira sui 90 miliardi di franchi. Gli influssi negativi della crisi sul settore automobilistico si ripercuotono pertanto in modo pesante su tutta l economia elvetica, europea e mondiale e provocano profondi cambiamenti nel mercato. In Svizzera, nel corso degli ultimi anni, l attitudine dei consumatori nei confronti dell automobile è notevolmente cambiata, dimostrando sempre più attenzione all impatto ambientale. Un attenzione non indebolita dalla crisi, che d altra parte ha spostato l interesse degli acquirenti su modelli meno costosi e a volte più ecologici. Questo servizio di apertura della rivista Autoritratto vuol fare il punto sulla crisi e analizzare come le difficoltà economiche hanno influenzato le scelte dei consumatori, grazie anche a un sondaggio d opinione commissionato a un istituto specializzato dall Associazione svizzera degli importatori di automobili (Auto-Schweiz). L automobile sta cambiando istockphoto LA CRISI FAVORISCE E ACCELERA I CAMBIAMENTI NELL ATTEGGIAMENTO DEGLI AUTOMOBILISTI Una ripresa moderata DALL ESTATE LE CIFRE DELLE VENDITE SONO MIGLIORATE RISPETTO AI PRIMI MESI DELL ANNO IL DIRETTORE DI AUTO-SCHWEIZ: STIAMO USCENDO DALLA FASE PIÙ ACUTA DELLA CRISI Dopo un inizio dell anno molto difficile, nel corso dei mesi estivi la vendita di automobili in Svizzera ha registrato una ripresa che si potrebbe giudicare moderata. Rispetto agli stessi mesi del 2008 (che è da considerarsi un anno particolarmente favorevole) il calo delle vendite in estate è comunque considerevole: attorno all 8 per cento e porta a un calo cumulativo da gennaio ad agosto di meno 10.9 per cento, in perfetta media con quanto accade nel resto d Europa (salvo in Spagna e Portogallo, dove le vendite hanno registrato un tracollo: meno 40 per cento). In molti paesi le vendite hanno però tenuto unicamente grazie agli ecoincentivi per la rottamazione. La situazione drammatica che sembrava profilarsi nel corso dei primi mesi dell anno è quindi stata migliorata dai risultati dell estate. Secondo il direttore di Auto-Schweiz Andreas Burgener stiamo uscendo dalla fase più acuta della crisi, ma non sappiamo ancora quando il mercato ricomincerà a salire. I primi segni della ripresa sono inequivocabili, ma i progressi sono ancora molto lenti. Fino a quando la crisi non sarà terminata prosegue fino a quando cioè continuerà a persistere nella testa della gente, i comportamenti dei consumatori rimarranno prudenti. La qualità attuale delle automobili è talmente buona conclude Burgener che molti potenziali acquirenti continueranno a circolare due o tre anni con le loro attuali vetture. Il recente salone di Francoforte e quello di Ginevra all inizio del prossimo anno daranno comunque un forte impulso al mercato dell automobile, grazie alla presentazione di svariate novità. 3

4 STORIA DI COPERTINA GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA INFLUENZANO LE SCELTE DEGLI AUTOMOBILISTI Vetture più compatte e a basso consumo Gli effetti della crisi economica si sono fatti sentire sulle scelte dei consumatori, che dimostrano prediligere sempre più vetture compatte e a basso consumo. In compenso è diminuita la richiesta di motori diesel. Sono questi i dati salienti che emergono da un paragone tra i modelli delle automobili immatricolate nei primi sei mesi del 2008 e nei primi sei di quest anno. Come rivela chiaramente il grafico che pubblichiamo qui sotto, tutte le categorie di vetture hanno subito gli influssi della crisi, ma le percentuali di diminuzione delle vendite di quest anno rispetto ai mesi gennaio-giugno del 2008 sono molto diverse. Le più colpite sono le auto di lusso con una diminuzione del 24,9 per cento, seguite da quelle di classe medio-inferiore (meno 16,9 per cento), da quelle di categoria superiore (meno 15,3 per cento), dalle piccole vetture (meno 12,2 per cento), dai modelli medio-superiori (meno COLPITE LE AUTO DI LUSSO (-24.9%), MENO QUELLE DI MEDIA CILINDRATA, MENTRE LE CITYCAR TENGONO BENE 10 per cento). Solo le vetture molto piccole, le cosiddette citycar hanno tenuto il mercato registrando la stessa quota di vendita del I modelli preferiti dal mercato elvetico rimangono comunque sempre quelli di categoria medio-inferiore con una quota di mercato di circa un terzo del totale, seguiti da quelli medio-superiori con una quota di circa un quarto e dai veicoli compatti che coprono un quinto del totale delle vendite. Sensibile alla propensione dei consumatori a risparmiare sul consumo di carburante, Auto-Schweiz ha recentemente lanciato una campagna per invitare gli automobilisti ad adottare uno stile di guida ecocompatibile. Il suo direttore Andreas Burgener si è recentemente augurato che gli Svizzeri adottino una filosofia diversa rispetto al passato e optino per un sistema di propulsione compatibile con l ambiente quando cambieranno la loro attuale vettura. A questo proposito ha ricordato i grandi sforzi intrapresi dalle case automobilistiche per offrire modelli sempre più ecocompatibili. Vendite per categoria di rendimento energetico (2008) Cambiano le scelte dei consumatori Unità A B C D E F G Categorie in base all inquinamento provocato. Le vetture di categoria A pagano solo il 5% della tassa di circolazione Fonte: auto-suisse (Associazione degli importatori svizzeri di automobili) consumo l/100 km Unità Microvetture Piccole vetture Categoria Categoria medio-inferiore medio-superiore Categoria superiore /- % Fonte: auto-suisse (Associazione degli importatori svizzeri di automobili) Vetture di lusso 4

5 Nei primi otto mesi del 2009, in Svizzera la vendita dei veicoli commerciali inferiori alle 3,5 tonnellate (furgoni, bussini, ecc.) ha registrato una diminuzione rispetto allo stesso periodo dell anno precedente del 18 per cento. Questo settore si è comportato quindi peggio rispetto al mercato delle automobili, che ha accusato una diminuzione dell 11 per cento. E migliore invece la situazione delle vendite di veicoli pesanti, quindi superiori alle 3,5 tonnellate (camion, torpedoni. ecc.), che presenta una diminuzione solo dell 8 per cento. Rispetto all Europa l andamento elvetico risulta molto più positivo. Le vendite dei veicoli commerciali inferiori a 3,5 tonnellate nella Comunità europea hanno infatti subito un vero e proprio tracollo: meno 36.5 per cento. In alcuni paesi si sono addirittura toccate punte di minor vendita del 63,7 per cento (Repubblica Ceca), del 46,3 per cento (Spagna), del 44,1 per cento (Regno Unito). Peggio ancora si è comportato il mercato europeo dei veicoli superiori a 3,5 tonnellate: meno 47,9 per cento. Per commentare queste cifre ci siamo rivolti a un esperto in materia, Nicolas Leuba, membro del Comitato centrale UPSA e responsabile per il settore veicoli commerciali. Va subito detto che l andamento delle vendite dei veicoli commerciali inferiori alle 3,5 tonnellate riguarda tutti i garagisti, perché ogni marca automobilistica produce furgoni e bussini. Il mercato dei camion e dei torpedoni è invece più specializzato. Le differenze tra l andamento in Svizzera e in Europa sono davvero importanti. I garagisti elvetici possono consolarsi vedendo cosa succede negli altri paesi Il mercato in Svizzera è più stabile. Negli anni scorsi non abbiamo registrato i picchi di vendita riscontrati in altri paesi e quest anno, in effetti, andiamo meglio degli altri. In particolare è diminuita la vendita di mezzi adibiti al trasporto internazionale di merci, perché con i prezzi praticati in altri paesi noi non possiamo più competere. Come prevede il futuro del settore? Penso che la prudenza sia d obbligo. In Svizzera per esempio non è ancora arrivata la crisi del settore immobiliare, per cui la vendita di mezzi legati alla costruzione per il momento non ne ha IL CALO DELLE VENDITE ATTORNO AL 18 PER CENTO Veicoli commerciali, molto meglio dell Europa Un convegno sul futuro del settore Auto d occasione, avanti rispetto al 2008 Contrariamente a tutti gli altri mercati automobilistici quello delle vetture d occasione in Ticino ha registrato nei primi 8 mesi dell anno un incremento di vendite quasi del 6% rispetto allo stesso periodo del Non è una novità che in periodi di crisi economica ci spiega Enrico Soldati del Garage Tognetti di Gordola la vendita di auto usate tende ad aumentare. Chi è colpito dalla crisi, o più semplicemente ne è intimorito, invece di acquistare una vettura nuova opta per un veicolo usato. Sulle auto di media cilindrata il cliente se può, di questi tempi, risparmia. Quali sono le auto d occasione più richieste? Quelle che appartengono ai settori dalla media cilindrata in giù. Il modello ideale in questo momento è rappresentato da automobili con 4 anni di vita e un chilometraggio non superiore ai 60 mila chilometri. E le vetture di grossa cilindrata? Sono difficili da vendere, perché chi acquista risentito. Ma andrei cauto anche sulla vendita dei piccoli veicoli commerciali. Per valutare la situazione abbiamo organizzato un forum, che si tiene il 13 novembre a Friborgo (cfr. riquadrato ndr), voluto da tutte le associazioni del settore. Qual è lo scopo dell incontro? Valutare la situazione delle vendite e le prospettive future in questo periodo di crisi economica mettendo a confronto il punto di vista di tutti gli operatori del settore. Il simposio affronta anche il tema dell impatto ambientale, che non può essere limitato unicamente al trasporto individuale, perché sono convinto che il futuro risieda nella complementarietà dei trasporti. I veicoli commerciali e i mezzi pesanti sono meno ecologici delle automobili private? No, al contrario. In questo settore sono stati fatti enormi sforzi sul piano ambientale. Lo si può anzi considerare un settore pilota a questo livello. Il settore dei veicoli commerciali nel campo minato tra economia e ambiente è il tema di un congresso organizzato a Friborgo il 13 novembre da UPSA in collaborazione con i suoi partner: Associazione svizzera dei trasportatori stradali (ASTAG), Auto Soccorso Svizzera (ASS), Les Routiers Suisses e Unione svizzera dei carrozzieri (USIC). Il convegno ha per scopo di illustrare le prospettive per il futuro del settore dal punto di vista della Confederazione e del mondo economico. I relatori sono: Urs Werder (segretario generale del DATEC), Ulrich Giezendanner (consigliere nazionale), Peter de Haan (Politecnico di Zurigo). Alla tavola rotonda finale partecipano anche: Adrian Amstutz (pres. centrale dell ASTAG e consigliere nazionale), Werner Jeger (vice-direttore dell Ufficio federale delle strade), Nicolas Leuba (membro del Comitato centrale UPSA) e Alex Naef (pres. Commissione tecnica Veicoli commerciali presso l USIC). un automobile di questo genere normalmente la sceglie nuova. Riscontriamo difficoltà anche per la vendita di vetture seminuove, i cui prezzi non possono essere scontati più di tanto. A proposito di prezzi, come si comportano in tempi di crisi nel mercato dell usato? I prezzi delle piccole vetture tengono bene perché tutti le vogliono, ma quelli delle automobili di grossa cilindrata sono scesi perché la domanda è inferiore. Ti-Press/D.Agosta 5

6 STORIA DI COPERTINA UN INTERESSANTE SONDAGGIO SULL ATTEGGIAMENTO DEI CITTADINI SVIZZERI VERSO L AUTOMOBILE Grande interesse per i motori alternativi è per noi indispensabile. È quanto pensa il 78 per cen- degli Svizzeri. L 89 per cento dei cittadini considera poi l automobile come un settore economi- L automobile co importante. Sono forse questi i dati salienti emersi da un sondaggio d opinione condotto da un istituto specializzato (il gsf di Berna) incaricato temporaneamente di saggiare l umore dei cittadini nei confronti dell automobile. Il 47 per cento dei cittadini svizzeri intervistati, su un campione di oltre mille persone aventi diritto di voto, considera che il traffico delle auto private comporti per la società tanti vantaggi quanti svantaggi. Il 20 per cento ritiene invece che gli inconvenienti siano superiori rispetto ai vantaggi. Il 31 per cento pone infine l accento sull utilità del traffico privato. Di quest ultima categoria fanno parte soprattutto quelle persone che utilizzano l automobile per motivi di lavoro. Chi invece non guida o utilizza poco l automobile tende ad essere più critico sul suo impatto ambientale. Risultano comunque sempre più numerose le persone che si dichiarano disturbate dai rumori provocati dal traffico motorizzato. Come fa notare il presidente di Auto-Schweiz Max Nötzli, per gli Svizzeri l automobile rappresenta un oggetto di uso quotidiano, ma l atteggiamento verso il trasporto privato è strettamente legato all utilizzazione che ognuno ne fa. Dal sondaggio emerge anche una sensibilizzazione crescente dei consumatori verso la protezione dell ambiente. La maggioranza della popolazione si dichiara infatti consapevole dei problemi provocati dalla circolazione stradale sotto forma di inquinamento atmosferico e fonico. Gli intervistati precisano però che se le misure proposte da Berna per risolvere il problema comportano un aumento dei costi, non sono d accordo di metterle in atto. Paragonando i dati raccolti dal sondaggio 2009 con quelli di inchieste analoghe condotte nel 2005 e nel 2007 risulta in sostanza che l automobile è sempre considerata un mezzo di trasporto fondamentale, ma la sensibilità sulle problematiche ecologiche legate al traffico è in aumento. Il 68 per cento delle persone interrogate (più 5 per cento rispetto al 2007) ritiene di poter prendere in considerazione l acquisto di una vettura dotata di un sistema di propulsione alternativo quando comprerà la prossima automobile. Solo il 16 per cento degli interpellati (meno 6 per cento rispetto al 2007) dichiara di non voler prendere in considerazione questa opportunità. I maggiori favori vanno ai nuovi motori a benzina rispettosi dell ambiente (84 per cento, più 12 per cento rispetto al 2007). I motori ibridi, elettrici e diesel rappresentano però un interessante alternativa per il 70 per cento del campione. La maggioranza delle persone intervistate (51 per cento) considera che l industria automobilistica debba compiere maggiori sforzi per produrre veicoli sempre più ecologici. Il 43 per cento (più 13 per cento rispetto al 2007) degli intervistati ritiene invece che in questo campo siano già stati fatti importanti passi avanti. Ma come ha inciso l impatto della crisi su questa maggiore sensibilità ecologica degli automobilisti elvetici? Dal sondaggio risulta chiaramente che le preoccupazioni finanziarie degli intervistati hanno in par- COSA PENSA DEL TRAFFICO? Pensa che il traffico motorizzato comporti globalmente più vantaggi che svantaggi, più svantaggi che vantaggi, oppure tanti vantaggi quanti svantaggi? 4% 3% 2% 15% 22% 20% 57% 47% 47% 24% 28% 31% Non so/non risposto Più svantaggi che vantaggi Tanti vantaggi quanti svantaggi Più vantaggi che svantaggi gfs.bern, Monitor Verkehrsfragen, marzo 2009 COSA PENSA DELL AUTO? Abbiamo raccolto alcune dichiarazioni tipiche sull automobile e chiesto agli intervistati se le condividono. 93% 93% 91% 91% 89% 89% 88% 88% 83% 84% 85% 85% 80% 80% 75% 79% 78% 75% 74% 71% 73% 69% 68% 73% 73% 67% Permette di accedere a tutte le località Offre prestazioni di trasporto interessanti È importante per l economia È indispensabile Rappresenta un importante fattore economico gfs.bern, Monitor Verkehrsfragen, marzo 2009 *domanda posta a partire dal 2009 Causa inquinamento fonico Pone pochi problemi all ambiente Incide negativamente sull ambiente Propone nuove tecnologie di lavoro* Incide sui cambiamenti climatici* 6

7 IL 68 PER CENTO FAVOREVOLE ALL ACQUISTO DI UNA VETTURA CON MOTORE ALTERNATIVO istockphoto te rallentato questa sensibilità. Questa attitudine la si nota in particolare a proposito delle risposte a una domanda in cui si sonda la disponibilità di varare una legge che impedisca di circolare con automobili con più di tredici anni di vita. La maggioranza degli interpellati (66 per cento) si dichiara contraria a una tale disposizione. Solo il 10 per cento del campione si dimostra disponibile verso una misura di questo genere. Le preoccupazioni finanziarie dei cittadini sembrano pertanto prevalere su quelle riguardanti l inquinamento: si sa infatti che le vetture d inizio anni Novanta sono molto più nocive per l ambiente rispetto a quelle moderne. Questo atteggiamento non va considerato come contraddittorio. Semplicemente il cittadino ritiene di disporre di meno mezzi per poter contribuire a un traffico motorizzato più salubre. Si dimostra però sempre più interessato all acquisto di una vettura ecologica al momento in cui decide di cambiare l automobile, soprattutto se questa sua scelta viene incoraggiata dallo Stato con adeguate misure di risparmio. QUALI MOTORI? Sul mercato si trova ormai un numero crescente di vetture dotate di nuovi sistemi di propulsione e di motori più rispettosi dell ambiente. All acquisto della sua prossima vettura, potrebbe prevedere di comperare un veicolo dotato di uno di questi nuovi sistemi di propulsione? Voglia indicare se lo può certamente prevedere, probabilmente prevedere, difficilmente prevedere o escludere.. 9% 13% 15% 25% 38% 5% 11% 16% 2007 Lo escludo Posso difficilmente prevederlo Non so/non risposto Posso probabilmente prevederlo 2009 Posso certamente prevederlo gfs.bern, Monitor Verkehrsfragen, marzo % 34% AUTO PIÙ ECOLOGICA? In questi ultimi mesi si è constatato un aumento delle vendite di vetture a basso consumo/emissioni di CO2. In occasione dell acquisto della sua prossima vettura, potrebbe prevedere di prendere in considerazione la scelta di un modello a basso consumo/emissioni di CO2? Voglia indicare se lo può certamente prevedere, probabilmente prevedere, difficilmente prevedere o escludere. 3% 3% 2% 15% 34% 43% gfs.bern, Monitor Verkehrsfragen, marzo 2009 Posso certamente prevederlo Posso probabilmente prevederlo Posso difficilmente prevederlo Lo escludo Ne possiedo già una Non so/non risposto 7

8 CAMERA CON VISTA L ESSENZIALE È SAPER AGIRE E REAGIRE IN MODO POSITIVO Ti-Press/C.Reguzzi Luca Albertoni Direttore della Camera di commercio, dell industria, dell artigianato e dei servizi del Cantone Ticino (Cc-Ti) Tra ripresa e trasformazioni 8 Nulla sarà più come prima è una frase ripetuta spesso (forse troppo) negli ultimi mesi. Di per sé si tratta di un ovvietà, visto che comunque la vita è evolutiva e fra un minuto tutto sarà diverso dall istante precedente. Purtroppo la menzionata frase è soprattutto utilizzata con una valenza negativa e toni drammatici, come se il cambiamento fosse per definizione un fatto deprecabile. Nessuno nega la delicata situazione congiunturale e i difficili casi di chi resta senza lavoro, ma non va dimenticato che ogni trasformazione della realtà economica, epocale o no, porta sempre con sé occasioni di rilancio e nuove opportunità. Il settore dell automobile è una dimostrazione esemplare di come si possano cogliere nuove sfide, ovviamente non sempre facili ma comunque stimolanti. Che poi queste sfide siano in parte imposte dalle situazioni contingenti (esigenze di vetture più compatte e con consumi minori, ecc.) poco importa. L essenziale è saper agire e reagire in modo positivo e costruttivo e nel campo automobilistico l evoluzione tecnologica, volta al miglioramento delle prestazioni, della sicurezza, dell impatto ambientale, ecc., ha pochi eguali. Si tratta di premesse fondamentali per potersi adeguare alle nuove realtà di mercato e per potersi mantenere su livelli accettabili durante le tempeste e riprendere a crescere con rapidità quando il tempo si rimette al bello. Per i motivi noti a tutti e che è inutile ribadire in questa sede, il settore dell automobile è estremamente esposto alle fluttuazioni dei cicli economici e quindi una vera e decisa ripresa non è pianificabile né prevedibile con certezza. Il quadro generale dell economia resta incerto e nervoso e i timidi segnali di miglioramento provenienti dai Paesi più importanti sono incoraggianti ma insufficienti per stilare previsioni attendibili. Purtroppo rimaniamo IL QUADRO GENERALE DELL ECONOMIA RESTA INCERTO E NERVOSO, NONOSTANTE TIMIDI SEGNALI DI MIGLIORAMENTO istockphoto bloccati su una situazione di navigazione a vista, con l impossibilità di fare progetti a media e lunga scadenza e le incertezze concernenti l occupazione rimangono purtroppo d attualità. L automobile non può fare eccezione in questo contesto, anche se le cifre incoraggianti sulle vendite di vetture d occasione e di quelle di media e piccola cilindrata dimostrano comunque una certa dinamicità del mercato che fa ben sperare. In altre parole, il taglio di un bene che, di regola, è considerato come non indispensabile nel budget familiare non è avvenuto nella misura temuta. Comprensibile invece che i consumatori si siano orientati verso spese più contenute, ma è importante il segnale che l automobile resta comunque al centro delle loro attenzioni. E pertanto fondamentale non lasciarsi prendere dallo sconforto e dare il giusto peso anche a questi elementi positivi, per continuare ad investire sulla qualità dei prodotti e dei servizi. La sfida della competitività può essere vinta solo con lungimiranza, voglia di battersi e di rischiare, qualità che non fanno certo difetto ad una categoria professionale che ha dovuto affrontare negli ultimi anni non solo numerosi cambiamenti del panorama congiunturale, ma anche sostanziali modifiche delle regole. Basti pensare alle varie modifiche legislative concernenti le importazioni parallele, gli accordi verticali, ecc. Novità non facili da gestire, che paradossalmente sembrano aver rinforzato l ambito dell automobile, come recentemente confermato dal Presidente centrale dell UPSA, sollecitato sulla questione particolare dei regolamenti sugli accordi verticali. Al di là delle parole di circostanza, si tratta di un esempio illuminante di come un settore possa trarre nuova linfa anche da situazioni delicate.

9 IO E L AUTO Abito fuori città e in famiglia abbiamo due automobili, una moto e uno scooter. Come vede non siamo nemici dei motori afferma Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell Associazione Consumatrici e Consumatori della Svizzera Italiana (ACSI), nostra ospite per la rubrica Io e l auto anche se personalmente sono molto sensibile alle problematiche ambientali. Ci parli delle sue automobili e di come ha fatto a sceglierle. Abbiamo un automobile familiare, che ha scelto mio marito e che utilizza lui quando non si sposta in motocicletta. Io mi sono limitata a invitarlo ad acquistare un modello con motore diesel, perché consuma meno carburante, e munito di un filtro che diminuisce l impatto ambientale. La seconda automobile è sua? Sì, è una cosiddetta citycar, che uso per i piccoli spostamenti. E in base a quali criteri l ha scelta? Doveva essere pratica, rispondere alle mie esigenze di spostarmi nel traffico ed essere ecologica, cioè consumare poca benzina. Per sceglierla mi sono basata sulle informazioni fornite dall Associazione Traffico e Ambiente (ATA), che propone una lista delle top 10. Ai primissimi posti figurano le vetture a gas ma in Ticino sono ancora difficilmente proponibili perché esistono solo tre distributori di gas seguite da quelle elettriche. Ho optato per una piccola automobile a benzina di classe A, cioè a basso consumo. Quindi si è trattato di una scelta di testa, non di LA NOSTRA ASSOCIAZIONE PROMUOVE SOPRATTUTTO I TRASPORTI PUBBLICI, MA IN TICINO, È DIFFICILE FARE A MENO DI UN AUTO cuore. Sì, per me l automobile deve essere innanzitutto un oggetto al mio servizio. Se poi è anche carina e oggi le citycar hanno spesso un aspetto simpatico mi fa piacere. Ma non sogna un altra automobile? Devo ammettere che certe decappottabili mi piacciono, ma nella scelta di una vettura, secondo me deve prevalere la razionalità. E comunque anche una questione di prezzo: le piccole automobili hanno costi abbordabili e per ogni singolo modello vengono proposte varie versioni, dalle più semplici alle più lussuose. Questo è un bene per il consumatore. LAURA REGAZZONI MELI, SEGRETARIA GENERALE DEI CONSUMATORI Anche se sono sensibile all ambiente, sì all auto, ma... Ti-Press/B.Galli La segretaria generale dell Associazione Consumatrici e Consumatori della Svizzera Italiana, al volante della sua auto Ci può spiegare la posizione dell Associazione consumatrici della Svizzera italiana (AC- SI) a proposito dell automobile? La nostra Associazione promuove soprattutto i trasporti pubblici, ma ci rendiamo conto che in Ticino è difficile fare a meno di un automobile, soprattutto per chi non abita in città. E sempre possibile spostarsi con i mezzi pubblici e ammiro chi fa questa scelta ma a volte comporta un notevole dispendio di tempo in una società in cui il tempo diventa sempre più prezioso. Se quindi l automobile aiuta a organizzarsi meglio, penso sia giustificato utilizzarla. Magari con qualche accorgimento: evitando i viaggi inutili, cercando di spostarsi in più persone a bordo di una singola vettura, scegliendo un modello a basso impatto ambientale e adottando uno stile di guida attento ai consumi. Sull edizione di settembre-ottobre della nostra rivista La borsa della spesa forniamo alcuni consigli su come guidare per ridurre i consumi. Si tratta di piccole regole che ognuno di noi può adottare, come un uso non eccessivo dell aria condizionata, o controllare regolarmente la pressione delle gomme per ridurre l attrito, o ancora adottare uno stile di guida non eccessivamente sportivo. 9

10 FACCIA A FACCIA Servizio pubblico o automobili private? C è chi, per ragioni ecologiche, demonizza l uso delle vetture private, ma c è anche chi non si sposterebbe mai con un mezzo pubblico. Tra queste due posizioni estreme si tratta di trovare una giusta via di mezzo. Per affrontare questo dibattito, sempre più attuale, la redazione di Autoritratto ha invitato il Consigliere di stato Marco Borradori, equilibrato fautore dei mezzi pubblici e l ingegner Oliviero Milani (responsabile Amag Regione Ticino), ragionevole sostenitore del trasporto privato. L obiettivo non è certo quello di schierarsi per uno dei due poli estremi, ma di trovare una giusta via di mezzo. REDAZIONE In Ticino l automobile privata è indispensabile per la conformazione stessa del nostro territorio, che è molto vasto e pertanto difficile da servire in modo efficace con i trasporti pubblici. Per chi abita discosto dai centri risulta impensabile non spostarsi con la propria vettura. Mi sembra questa una considerazione inconfutabile. BORRADORI Ha ragione. Il territorio del nostro cantone è tale per cui è impensabile illudersi di servirlo integralmente con mezzi di trasporto pubblico regolari ed efficienti. Mi rendo conto che per recarsi in certi luoghi l automobile rimane il mezzo più pratico. E nessuno di noi intende demonizzare l uso della vettura privata. La politica del Governo mira a integrare l utilizzo dei trasporti pubblici con quelli privati. Per spostarsi da città a città, per esempio, la soluzione del treno è ottima. Ognuno deve essere libero di fare come meglio crede, ma non è certamente un bel segno di libertà perdere molto tempo in coda sulle strade. REDAZIONE Oliviero Milani, lei dice di avere la guida nei cromosomi. Questo significa che rifiuta di salire su un mezzo di trasporto pubblico? MILANI Sono anch io del parere che si debba trovare un equilibrio tra trasporto pubblico e privato, che vanno certamente integrati tra di loro. Alcuni errori di pianificazione del territorio commessi negli anni Settanta e Ottanta non hanno certo favorito questa integrazione! Per essere attrattivi, i mezzi pubblici devono essere efficienti e non troppo costosi. Non sempre queste due premesse sono garantite. Forse per questo in Svizzera il 70 per Ti-Press/G.Putzu FACCIA-FACCIA TRA IL CONSIGLIERE DI STATO MARCO BORRADORI Trasporti pubblici MILANI: DURANTE IL TEMPO LIBERO AUTO PRIVATA, PER RAGGIUNGERE IL POSTO DI LAVORO SERVIZIO PUBBLICO cento dei trasporti avviene ancora con mezzi privati e solo il 16 per cento con il treno. Non si dimentichi inoltre che il settore dell automobile in Svizzera, con tutto ciò che gli gravita attorno, ha un peso economico fondamentale per l economia del nostro paese e che il traffico incide solo nella misura del 20 per cento sulle emissioni di CO2. Per trovare un equilibrio tra mezzi di trasporto pubblici e privati bisogna agire con giudizio. La politica dei divieti limita la libertà individuale senza risolvere il problema. REDAZIONE Si tratta quindi di trovare un equilibrio tra i due mezzi di trasporto. Ma a livello di investimenti dello Stato esiste questo equilibrio? BORRADORI Direi proprio di sì. In Ticino investiamo circa 45 milioni all anno per il trasporto pubblico e altrettanti (unitamente alla Confederazione) per il mantenimento e il miglioramento delle strade esistenti. In questi ultimi anni abbiamo assistito a un continuo incremento degli investimenti per i trasporti pubblici: rispetto a una decina di anni fa, essi sono quasi decuplicati. Per le strade si è investito molto in passato, ora si tratta di garantirne una corretta manutenzione. MILANI Rimane comunque appurato che dei 9 miliardi procurati alla Confederazione dal settore dell automobile è previsto che solo il 50 per cento venga utilizzato per costruire nuove strade e migliorare quelle esistenti. Nel corso degli ultimi 10

11 o auto privata? anni poi si è investito ancora meno: poco più del 30 per cento. La parte rimanente viene destinata a grandi progetti di trasporti alternativi (come Alptransit) e in parte distribuita tra i cantoni. Vorrei comunque tornare sull argomento precedente e sentire l opinione del Consigliere di stato sul fatto che i trasporti pubblici sono ancora troppo costosi. BORRADORI Milani ha certamente ragione se pensa all utente occasionale, che paga ancora molto. Chi è però titolare di un abbonamento arcobaleno usufruisce di tariffe estremamente interessanti. Per esempio, un pendolare tra Lugano e Chiasso paga poco più di 4 franchi al giorno, mentre se si spostasse con la propria auto spenderebbe quattro volte tanto, naturalmente considerando tutti i costi di una vettura di media cilindrata. I cittadini dimostrano di gradire queste agevolazioni: i treni sono infatti sempre più affollati. A partire dalla fine del 2010, sono comunque previste importanti facilitazioni anche per i passeggeri occasionali. Il Consigliere di stato Marco Borradori (a sinistra) e l ingegner Oliviero Milani (a destra) durante il confronto sui trasporti pubblici o privati E OLIVIERO MILANI, RESPONSABILE AMAG REGIONE TICINO BORRADORI: QUANDO È NECESSARIO SI VADA IN AUTO, MA SPESSSO IL SERVIZIO PUBBLICO È PIÙ VELOCE E MENO COSTOSO MILANI Da una statistica risulta che il 40 per cento del tempo trascorso dagli automobilisti elvetici sulla propria automobile riguarda il tempo libero. Questi spostamenti continueranno ad avvenire in automobile. Vedo male, per ragioni di costo e di comodità, che una famiglia si sposti con i mezzi pubblici. Il vero problema è quello degli spostamenti per raggiungere il posto di lavoro, che creano sempre più Ti-Press/G.Putzu congestionamenti del traffico in determinati orari. È lì che si deve intervenire. E un mezzo efficace potrebbe anche essere quello dei park and ride. Si sta facendo qualcosa di concreto in questa direzione, per esempio al futuro sbocco della galleria Vedeggio-Cassarate? BORRADORI Anch io credo nella soluzione dei park and ride. All uscita della galleria Vedeggio-Cassarate, entro metà del 2011, sono previsti parcheggi per complessivi 1200 veicoli con servizio navetta per il centro città. Quanto poi al fatto che gli investimenti per le strade sarebbero stati insufficienti nel corso degli ultimi anni, va detto che ciò è da ricondurre alla necessità di contenere le spese in tutti i settori dell Amministrazione pubblica. Siamo chiamati a risparmiare su tutti i fronti. Mi pare comunque che lo standard delle strade ticinesi sia più che accettabile. REDAZIONE Un ultima domanda. Quando giudicate sia giustificato l utilizzo dell auto privata e quando quello del servizio pubblico? MILANI Durante il tempo libero l auto rimane certamente il mezzo di trasporto più comodo. Per raggiungere il proprio posto di lavoro vedo di buon occhio il ricorso al servizio pubblico, ma a condizione che sia efficiente e non costoso. Penso sopprattutto all abbinamento di pubblico e privato: guidare fino a un comodo posteggio e poi raggiungere il centro città con un mezzo pubblico. Tutto questo deve avvenire però in modo propositivo e senza porre divieti di nessun genere, perché ognuno deve rimanere libero di fare come meglio crede! BORRADORI Quando è necessario, se non proprio indispensabile, è corretto usare l automobile. Si rifletta però che in molte circostanze il servizio pubblico è più veloce e meno costoso. Anch io sono contrario ai divieti. Bisogna essere propositivi e offrire ai cittadini l opportunità di testare la praticità dei mezzi di trasporto pubblici. Posso fare un esempio. Un paio di anni fa, durante i lavori sul ponte-diga di Melide, per limitare il traffico automobilistico abbiamo promosso abbonamenti in treno gratuiti per i pendolari tra Chiasso/Mendrisio e Lugano. Ebbene circa 600 persone hanno aderito all iniziativa e molte di loro hanno optato per la trasferta in treno anche quando l offerta gratuita e i disagi stradali sono terminati. Ti-Press/G.Putzu 11

12 L OSPITE NOSTRA INTERVISTA CON IL VENTOTTENNE CORRIDORE TICINESE JOËL CAMATHIAS Quella droga della velocità A28 anni, il ticinese Joël Camathias è un pilota ormai affermato. Corre accanto a un big come Marcel Fässler nell esigente campionato International GT Open su una Ferrari F430 GTC (categoria GT2). Ma, nonostante la giovane età per un pilota, in carriera ha già avuto esperienze importanti. Come quando si trasferì in Amercia per correre nella ex Formula Indy, il Champ Car Era il 2003 e mi trasferii a Chicago. Il ricordo di quella stagione è indelebile per me. Soprattutto la gara di Long Beach, corsa davanti a 200mila spettatori racconta il pilota ticinese. E poi quei bolidi da 750 cavalli! Cavalli, bolidi, circuiti. Ma che rapporto ha con la velocità? Beh, per me è un amore profondo. Quando sono lontano dai circuiti penso alle piste e la voglia di correre è moltissima. Credo sia nel mio DNA. Mio padre e lo zio di mio padre sono sempre stati appassionati di 2 e 4 ruote. E di motori. E una sorta di droga? Credo proprio di sì Nel senso che non si riesce più a farne a meno. Il paragone ci può anche stare. E come racconterebbe la categoria in cui corre oggi? È un campionato endurance molto esigente. Si corre a coppie. Di base è una serie spagnola, ma visto che non esiste un mondiale GT, la nostra serie è aperta a tutte le nazioni, quindi è una specie di mondiale senza esserlo veramente, se non per il livello delle gare. Andiamo in giro per l Europa per 16 Gran Premi. Ci sono molti nomi noti, come dimostra il mio compagno Marcel Fässler, ex stella del Dtm tedesco. Ma anche altri che QUANDO SONO LONTANO DAI CIRCUITI PENSO ALLE PISTE E LA VOGLIA DI CORRERE È MOLTISSIMA hanno corso in Formula1. Lei tutto sommato è ancora giovane, che rapporto ha con la Formula1? Quando ero più giovane credo fosse un vero obiettivo, oltre che un sogno. Poi, col passare degli anni ti rendi conto che devi essere onesto con te stesso e trovare un tuo ambiente ideale, se vuoi restare nelle corse. Questione di soldi? Non solo, anche se per la Formula1 sono molto utili. Non basta essere bravo e veloce, devi anche essere fortunato e poter approfittare di situazioni contingenti. Non è per tutti, visto che in Formula1 corrono 20 piloti. È come se ci fosse una sola squadra di calcio al mondo. Se l immagina?. Rinunciare alla Formula1 non significa rinunciare a gare d altro livello Ci mancherebbe. In pista non andiamo certo per giocare! Del resto abbiamo vetture da 500 e più cavalli, che spingiamo oltre i 270 all ora, ad esempio a Monza. Gli avversari sono di ottimo livello e il campionato è tirato. Nessun rimpianto, quindi. Nel modo più assoluto. Non rinnego nulla della mia esperienza, con o senza Formula1. In giro ci sono molte categorie in cui la competizione è seria e di altissimo livello. Se vuoi fare il pilota professionista devi esserne cosciente. E i costi? In un periodo difficile per l economia, è un aspetto importante per un pilota. Lo è, ma io quest anno sono fortunato, perché il team Trottet Racing è di quelli seri, di prima fascia. Poi ho anche degli sponsor 12

13 La Ferrari F430 GTC di Joël Camathias e, a sinistra, un primo piano del pilota ticinese. A destra, Camathias sul podio con Fässler CORRE ACCANTO A MARCEL FÄSSLER NEL CAMPIONATO INTERNATIONAL GT OPEN SU UNA FERRARI F 430 GTC NELLA CATEGORIA GT2 solidi alle spalle, il che non guasta di certo. Però le difficoltà ci sono. Pensi che quest anno è stato annullato il gran premio di Valencia, previsto sul tracciato cittadino della Formula1, proprio per ragioni economiche Per fortuna la gara verrà recuperata a fine stagione, probabilmente tra Spagna e Portogallo. Parliamo di soldi: il budget per la sua squadra? Difficile dire con precisione. Perché la macchina costa circa mezzo milione di euro. Quindi in totale sarà circa 1,5 milioni di franchi. Tutto incluso. Che tipo di auto corrono il campionato? Ci sono soprattutto Ferrari, Porsche Gt3, Corvette e Aston Martin. Si tratta di vetture di serie, ma soltanto sulla carta. Come mai? Perché escono dalla fabbrica già pensate per le corse. Sono sì vetture base, ma pesano soltanto chilogrammi. Quindi con 500 cavalli, l'accelerazione da 0-100, tanto per intenderci, non raggiunge nemmeno i tre secondi!". La concorrenza, insomma, è di quelle che sanno dare filo da torcere. Certamente. Perché il campionato International GT Open è uno dei tre migliori d Europa e non è certamente aperto a tutti i piloti. La selezione è seria e partecipare richiede dedizione e impegno costanti, anche sotto il profilo della preparazione fisica. E il suo futuro? Continuerò a correre (ride), anche perché sono in piena e perfetta forma fisica e la crescita tecnica sta proseguendo, come conferma il fatto che attualmente io e Marcel Fässler siamo entrambi competitivi allo stesso modo. Il primo obiettivo, quindi, è proseguire su questa strada di crescita. Ma voglio sempre poter puntare a vincere E per questo conto di poter proseguire l avventura con un team serio come quello in cui corro quest'anno. Niente compromessi, insomma? Beh, è sempre difficile dare una risposta a una domanda del genere. Non sarei felice di firmare un contratto da seconda o terza guida, questo è chiaro. Però in una carriera di pilota professionista può anche capitare di dover stringere i denti e fare dei sacrifici. Detto questo, io continuo a puntare a un pacchetto vincente. 13

14 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE A COLLOQUIO CON GLI ISTRUTTORI DEI CORSI INTERAZIENDALI PER MECCANICI AL CENTRO PROFESSIONALE DI BIASCA Una direzione in team alla scuola professionale Èla direzione collettiva di un team affiatato di insegnanti a sostituire Roberto Bezzola, ex-direttore della scuola professionale UPSA per meccanici, in pensione dal mese di agosto dopo aver diretto la scuola per oltre 25 anni (cfr. l ultima edizione di Autoritratto ). Le mansioni finora svolte dal direttore che riguardano la logistica, la pianificazione e i contatti esterni con le altre scuole professionali e con il Dipartimento vengono assunte da Oriele Lamberti, Donato Colatruglio, Roger Rüdin, Carlo Giudice e Sandro Bini. Un impresa non facile, ma una sfida interessante. Il tempo necessario da dedicare alle nuove mansioni i cinque insegnanti lo ricaveranno grazie a una diversa organizzazione dei corsi non più a settimane, ma a giorni e sarà consolidata nei prossimi anni quando la formazione si concentrerà solo sui nuovi profili professionali. Per quest anno invece, la scuola deve ancora garantire lezioni parallele sia ai giovani che frequentano il vecchio curriculum di studi, sia a quelli che seguono il nuovo. A partire dalla fine del prossimo anno scolastico tutti gli allievi seguiranno invece i corsi del nuovo curriculum formativo per le tre professioni: meccatronici di automobili (4 anni) e meccanici di manutenzione (3 anni) per veicoli leggeri o utilitari; assistenti di manutenzione per automobili (2 anni). Nella nuova direzione collegiale dell istituto, l insegnante con più anni di servizio Oriele Lamberti, alla scuola dal 1991 ha assunto la funzione di capo area, cioè di primus inter pares. La redazione di Autoritratto ha incontrato i cinque insegnanti, che sembrano un team molto affiatato. Intendono riunirsi nella loro sede scolastica di Biasca due, tre volte al mese in sedute di direzione formali che verranno verbalizzate e ciò in sintonia con la gestione della qualità ISO 9001/2000, di cui il Centro professionale è cerificato dal 2002 e che sarà aggiornata in funzione della nuova ripartizione dei compiti. Ma noi affermano unanimi ci sentiamo tutti i giorni. Per utilizzare bene il loro tempo e per sensibilità ecologica, hanno concordato anche di recarsi al lavoro con una sola automobile, nonostante siano in cinque. Siccome abitiamo Ti-Press/G.Putzu A PARTIRE DAL PROSSIMO ANNO DI SCUOLA, TUTTI GLI ALLIEVI SEGUIRANNO LA FORMAZIONE PER LE NUOVE PROFESSIONI tutti sull asse tra Locarno e Biasca raccontano a turno uno di noi passa a prendere tutti gli altri. Questo ci permette di sfruttare in auto i tempi morti del viaggio da casa al lavoro per parlare dei problemi di gestione della scuola. Una soluzione del cosiddetto liberalauto davvero originale. Tutto ciò presuppone però ribattiamo noi che andiate d accordo tra di voi. Siamo affiatati, 14

15 Il team dei docenti della scuola di Biasca. Da sinistra a destra: Oriele Lamberti, Donato Colatruglio, Roger Rüdin, Carlo Giudice e Sandro Bini Ti-Press/G.Putzu ORIELE LAMBERTI Insegna dal 1991 al Centro professionale UPSA. Si occupa degli allievi meccatronici del primo anno, il nuovo profilo professionale con una formazione di 4 anni, il primo dei quali a tempo pieno. Si è indirizzato verso la professione nel 1972 come apprendista elettrauto in un garage di Ascona, dove è poi rimasto per 19 anni fino a diventare capo officina. Nel 1982 si è diplomato meccanico federale e in seguito ha frequentato corsi di abilitazione all insegnamento presso l Istituto Universitario Federale per la Fomazione Professionale (IUFFP) con sede a Lugano. amiamo la nostra professione e il contatto con i giovani: questo ci unisce. Anche a livello logistico, per facilitare i contatti tra di noi, stiamo organizzando un ampio spazio comune dove verrà preparata la parte didattica dei corsi. Complimenti per la creatività e la determinazione e buona fortuna per questa vostra nuova iniziativa da parte di Autoritratto! Ti-Press/G.Putzu Ti-Press/G.Putzu Ti-Press/G.Putzu Ti-Press/G.Putzu DONATO COLATRUGLIO Insegna dal 1994 al Centro professionale UPSA. Tiene corsi di approfondimento in elettrotecnica. Dal 1976 al 1980 ha seguito la formazione professionale. Ha quindi lavorato in varie autorimesse ticinesi, anche nel ramo di veicoli agricoli e pesanti. Si è diplomato meccanico federale nel 1993 e ha in seguito frequentato i corsi di abilitazione all insegnamento presso l Istituto Universitario Federale per la Fomazione Professionale (IUFFP) con sede a Lugano. Tiene anche corsi di specializzazione per meccanici professionisti. ROGER RÜDIN Dal 2002 insegna al Centro professionale UPSA. Impartisce corsi di meccanica sulle vetture e sui motori. Dal 1979 al 1983 ha seguito una formazione di meccanico d auto nel canton Basilea. Si è quindi diplomato nel 1987 ingegnere del settore al Tecnicum di Bienne. Dopo un soggiorno di 5 anni in Africa dove, piuttosto che cambiarli, si riparano ancora tutti i pezzi per 8 anni ha gestito in proprio un officina nel canton Basilea. Si è trasferito in Ticino per ragioni familiari. CARLO GIUDICE Insegna al Centro professionale UPSA da due anni. Tiene corsi sulle vetture, sui motori, sui cambi e sulla geometria delle ruote. Dal 1995 al 1999 si è diplomato meccanico in veicoli industriali pesanti. Ha lavorato a Losanna, quindi è tornato in Ticino e ha avuto esperienze lavorative in varie autorimesse, sempre nel settore dei veicoli pesanti o da trasporto pubblico. Dal 2002 al 2004 ha seguito una formazione di meccanico diagnostico. SANDRO BINI È l ultimo in ordine di tempo che si è aggiunto al team del Centro professionale UPSA, dove dall anno scorso insegna meccanica generale, con una particolare attenzione verso i nuovi profili professionali. Dal 1992 al 1996 ha seguito ad Ascona i corsi di formazione come meccanico d auto. Ha quindi lavorato in varie autorimesse fino a diventare responsabile di un officina. Nel frattempo si è diplomato anche come meccanico diagnostico. 15

16 L ATTUALITÀ IL SUPERMERCATO IN CUI SI SERVONO I GARAGISTI TICINESI FESTEGGIA QUARANT ANNI DI ATTIVITA Ti-Press/S.Golay Per ESA il 2009 è un anno record Da quarant anni ESA Ticino opera dietro le quinte di garagisti, carrozzieri, officine, distributori di benzina, ecc. Il 2008 è stato un anno record. Il 2009 lo sarà ancora di più. E non in negativo come si è abituati a pensare di questi tempi. Tanto che si sta progettando un ampliamento dei già vasti magazzini dell attuale centro, che occupa oltre una trentina di persone. Per conoscere il segreto di questo successo abbiamo incontrato il suo simpatico direttore Franco Fontana. Nonostante diriga la struttura sin dall apertura della sede in Ticino quarant anni fa, non ha perso l entusiasmo e pensa al futuro dell azienda. Dunque, gli chiediamo per iniziare, ESA non sente la crisi? Per nostra fortuna no! Il 2009 sarà per noi un anno record in positivo. Come si spiega? La nostra attività riguarda due settori: la fornitura di tutte le infrastrutture necessarie a un officina per svolgere la propria attività e l offerta di articoli specifici come pneumatici, pezzi di ricambio, lubrificanti, catene, batterie, accessori, ecc. Entrambe queste attività vanno bene. I progetti non si sono fermati, così come le ordinazioni di merce. Anzi, visto che si è un po rallentato il mercato delle auto nuove, è forse aumentato il lavoro nelle officine. Prima di entrare nel merito delle vostre attività, ci spieghi come è strutturata ESA. È una cooperativa per professionisti che ruotano attorno al mondo dell automobile. In Svizzera si contano oltre 7 mila comproprietari, che detengono quote per un minimo di 2500 franchi. In Ticino sono oltre 300. La sede ticinese rifornisce però anche l Engadina. Come mai? Giubiasco dista dall Engadina esattamente come le due altre sedi ESA più vicine: San Gallo e Zurigo. Per noi era importante incrementare la cifra d affari ampliando il nostro mercato e ci è stato consentito di farlo. Garantiamo per il mattino seguente la consegna in tutta l Engadina della merce ordinata al nostro centro di Giubiasco entro le Prevedete un ampliamento del vostro deposito. Ma non siete in controtendenza? Altri centralizzano i magazzini nella Svizzera centrale. Anche noi lo facciamo, ma su specifici articoli. Per garantire lo sviluppo futuro è fondamentale migliorare in continuazione l assortimento e la logistica. Siccome riforniamo i nostri comproprietari/clienti in Ticino anche due o tre volte al giorno di tutti gli articoli di consumo quotidiano (soprattutto pneumatici, pezzi di ricambio e batterie), dobbiamo avere un magazzino ben rifornito per essere efficienti. Siete quindi costretti a immagazzinare molti prodotti. Il nostro assortimento è vastissimo e va dal ESA offre tutto ciò che occorre per l automobile Articoli per automobili Mille articoli: pneumatici, batterie, lubrificanti, prodotti chimici, impianti ad alta fedeltà, moderni apparecchi di navigazione, ecc. Attrezzature per garage Ponti sollevatori, impianti di autolavaggio, sistemi diagnostici, sistemi per il servizio pneumatico, equipaggiamento completo per officine meccaniche. 16

17 Il direttore di ESA Ticino, Franco Fontana, nel magazzino dei pezzi di ricambio pinetto deodorante che costa 50 centesimi a macchinari molto costosi. Nel settore dei pneumatici garantiamo ben dodici marche oltre la nostra ESA Tecar. Dobbiamo avere in stock qualcosa come 25/30 mila pneumatici. Anche i pezzi di ricambio per le automobili sono moltissimi, così come le batterie, i lubrificanti, i prodotti chimici, le pitture per le carrozzerie e molti altri prodotti. In Ticino voi siete il numero uno nella fornitura di arredi e macchinari tecnici per le officine del settore dell automobile: autorimesse, carrozzieri, autolavaggi, ecc. È questa un attività che mi appassiona e a cui tengo moltissimo. Recentemente abbiamo fornito la nostra consulenza per progetti importanti sia a livello privato, sia pubblico. Cito solo i due più recenti: l autocentro Mercedes costruito da Winteler a Giubiasco e lo studio di fattibilità per la ristrutturazione del Centro diagnostico della Sezione della Circolazione a Camorino. In che cosa consiste la vostra consulenza? Siamo di supporto ai nostri comproprietari/clienti, come pure agli architetti in caso di riattazioni, adeguamenti o nuovi progetti, per tutta una serie di questioni tecniche e pianificatorie, che vanno dai flussi di lavoro, alla corretta interpretazione delle leggi federali e cantonali in materia di depurazione delle acque, stoccaggio e distribuzione di oli, prodotti chimici, alle norme di sicurezza... e chi più ne ha, più ne metta. Siamo dei veri professionisti del settore. Una volta eseguito il progetto siamo poi anche in grado di fornire il macchinario tecnico necessario e di garantirne in seguito la manutenzione. A questo scopo abbiamo una squadra di quattro tecnici in pianta stabile a Giubiasco. Ti-Press/S.Golay IL DIRETTOR FRANCO FONTANA Dai motori ai fornelli Franco Fontana è un entusiasta del suo lavoro, nonostante diriga ESA da ben quarant anni. Vi approdò giovanissimo a ventidue anni, sebbene il suo sogno sarebbe stato quello di lavorare nell agricoltura. Figlio di un funzionario federale aveva frequentato l istituto di Mezzana per seguire questa sua passione. Eravamo solo in due racconta a non avere parenti agricoltori. Un inghippo politico che gli impedì di conseguire una borsa di studio lo indusse però a cambiare strada e a seguire a Zurigo i corsi per ottenere la maturità. Da studente racconta di tanto in tanto, lavoravo alla sede ESA di Zurigo per arrotondare l argent de poche che mi passavano i miei genitori. Quando si è prospettato di costruire una sede in Ticino, mi hanno offerto la direzione e io non mi sono lasciato scappare l occasione. Con l accordo della sede centrale ho continuato a studiare e a frequentare corsi di specializzazione anche mentre lavoravo. L amore per la terra non è però mai scomparso ed è rimasto a livello di hobby, affiancato in seguito da quello per la cucina dei prodotti nostrani, che coltivava. Franco Fontana è infatti un ottimo cuoco. Amo soprattutto la ricerca di ricette tradizionali osserva che mi dispiacerebbe se andassero perse. Mi occupo di tutti i dettagli per valorizzarle e per recuperare sapori antichi legati alla nostra storia contadina. Franco Fontana cucina il fine settimana per la famiglia e per gli amici. Ma a volte si cimenta ai fornelli anche per coccolare i suoi clienti. Il centro ESA è dotato di una cucina bene attrezzata. La gastronomia ci spiega è un marketing molto interessante, perché la gente ricorda le mie ricette. Chi scrive ricorda per esempio uno straordinario piatto di oss in bogia Questa passione è stata seguita da uno dei suoi due figli. Luigi è infatti vice-chef nel ristorante del Centro Bertarelli il proprietario di Alinghi a Ginevra, dove cucina per pochi ma selezionatissimi ospiti. Pezzi di ricambio Offerta completa di pezzi di ricambio, con servizio di fornitura più volte al giorno e possibilità di trasmettere le ordinazioni per via elettronica, tramite il portale Tutto per i carrozzieri Assortimento completo: macchinari, attrezzi, utensili, tecnica di saldatura, ponti sollevatori, alta tecnologia, sistemi completi di verniciatura e laccatura, cabine di verniciatura e asciugatura, materiale di consumo e piccolo materiale. 17

18 LE INCHIESTE LA NUOVA PROPOSTA DI LEGGE INTENDE MIGLIORARE LE MISURE DI ACCERTAMENTO ALL IDONEITÀ DI CONDURRE Anziani, non è corretto vincolare la patente all età Michele Isolini, responsabile dell Ufficio giuridico della Sezione della circolazione Ti-Press/T.Scolari esiste nessuna proposta di legge che chiede di ritirare il permesso di guida dopo una certa età. È categorico Michele Isolini, che alla Sezione della circolazione di Non Camorino si occupa dell applicazione dei provvedimenti penali e amministrativi previsti dalla legislazione stradale. Non sarebbe corretto prosegue porre un età limite per guidare. I progetti di legge attualmente in discussione prevedono semplicemente di migliorare gli accertamenti sull idoneità alla guida e non solo per gli anziani. In Ticino gli over 70 con permesso di condurre sono quasi 24 mila. Gli over 80 oltre 5 mila. Gli over 90 poco più di 200. Cosa prevede l attuale ordinamento per accertare che questi anziani siano in grado di circolare? Come si intende modificare, a livello federale, l attuale legge? Ma gli anziani sono davvero un pericolo sulla strada? Per rispondere a queste domande ci siamo rivolti all avvocato Michele Isolini, responsabile dell Ufficio giuridico della Sezione della circolazione. Iniziamo dall ordinamento attuale: cosa prevede? Vorrei premettere che la normativa vigente dà molta importanza al senso di responsabilità delle singole persone. Se qualcuno non se la sente più di guidare ha il dovere di rinunciare di sua spontanea volontà. E questo avviene: ogni anno tra 700 e 800 automobilisti decidono di restituire il permesso di condurre. Non è quindi sempre lo Stato che deve provvedere con interventi più o meno coercitivi. Ma la legge cosa prevede? A partire da settant anni tutti gli automobilisti devono sottoporsi ogni due anni a una visita medica per verificare la propria idoneità alla guida. Esiste una lista di medici abilitati ad eseguire questi esami, che tendono a stabilire lo stato della vista, dell udito e di salute generale del paziente. Ma non si tratta spesso di visite pro forma? No, non dovrebbe essere così. Ogni anno si svolgono in Ticino circa 12 mila visite, nel corso delle quali il medico valuta se il paziente è idoneo o non idoneo, ma può anche disporre ulteriori esami di approfondimento, stabilire che deve sottoporsi più frequentemente di quanto prevede la legge a un controllo sanitario o ancora chiedere all autorità competente di sottoporre l automobilista a una prova di guida. Il dottor Franco Denti, presidente dell ordine dei medici del cantone Ticino, nell intervista che pubblichiamo qui accanto sostiene però che il formulario su cui si basa la visita medica è troppo generico. Il medico deve in ogni caso redigere il suo rapporto sull idoneità alla guida in piena coscienza e responsabilità, ciò indipendentemente dalla forma del formulario. Il nuovo progetto di legge, fra le varie novità introdotte per migliorare la vigilanza in generale sulla capacità di guida, prevede un nuovo formulario che, come giustamente richiesto dal dottor Denti, sarà più preciso e puntuale per evitare malintesi. Gli intervalli delle visite richieste agli anziani saranno come attualmente biennali dai settant anni, mentre verranno ridotti a un anno a partire dagli ottanta. Inoltre, si pensa di anticipare i controlli: a partire dai quarant anni di età si intende introdurre un esame della vista ogni dieci anni e un autocertificazione di ogni automobilista, nella quale il singolo attesta di non avere problemi di salute che gli impediscono di guidare. È opinione comune che l anziano al voltante sia un pericolo. Si tratta di un pregiudizio o di una realtà? Stando alle statistiche si tratta più di un pregiudizio. Gli incidenti causati da persone anziane al volante sono percentualmente pochi. Il numero degli incidenti è infatti inversamente proporzionale all età. Come risulta chiaramente dal grafico che pubblichiamo qui accanto, la categoria di età più a rischio è quella tra i 20 e i 29 anni, con un picco a anni. Gli anziani al volante sono generalmente saggi e scelgono di circolare sulle arterie meno trafficate e durante gli orari meno frequentati. Va comunque osservato che in termini relativi il fenomeno dell infortunistica stradale dell anziano non può assolutamente venir sottovalutato in quanto, a pari chilometri di percorrenza e di tempo di presenza nel traffico, gli anziani sono fra le categorie maggiormente esposte all infortunio stradale spesso come vittime, ma anche come conducenti responsabili. Si tratta di una materia molto delicata e dalle sue parole ci pare di capire che il suo uf- 18

19 1000 I morti sulla strada dal 1992 al Conducenti morti di questa fascia d età Altri utenti della strada morti in incidenti di conducenti di questa fascia d età Età istockphoto ficio se ne renda perfettamente conto. Cerchiamo di fare del nostro meglio per agire con tatto, perché siamo consapevoli di che cosa possa significare per certe persone anziane perdere il permesso di condurre. Nei limiti del possibile siamo anche a disposizione dei familiari per cercare di trovare la soluzione migliore o il modo più idoneo per intervenire quando è necessario. Ma certamente, anche in questo campo si può sempre migliorare. Molte volte non si tratta nemmeno di giungere alla drastica misura della revoca del permesso, ma si possono trovare per tempo soluzioni che permettano di compensare la progressiva insorgenza dei deficit legati all età, come per esempio l acquisto di una vettura più agevole da guidare per dimensioni o perché munita di cambio automatico. IL PARERE DEL DOTTOR FRANCO DENTI, PRESIDENTE DELL ORDINE DEI MEDICI DEL CANTON TICINO Richieste più precise da parte dello Stato Franco Denti La presenza media delle persone anziane al volante sulle strade europee secondo le statistiche si aggira attorno al 20 per cento. Come abbiamo visto nell intervista all avvocato Isolini il luogo comune che gli anziani al volante costituiscono un pericolo non trova conferma nei dati statistici. È però importante verificare regolarmente lo stato di salute di chi si mette al voltante. Questo vale per tutte le età, ma in ragione ancora maggiore per le persone in avanti con gli anni. Si sa per esempio che durante la vecchiaia la vista tende a diminuire: si fa più fatica a vedere bene all imbrunire e di notte, è più facile rimanere abbagliati e non si percepiscono più in modo chiaro i movimenti che si verificano nella zona ai margini del campo visivo. Il 30 per cento degli ultrasessantenni inoltre, secondo le statistiche, ha problemi di udito che si possono spesso facilmente risolvere con un apparecchio acustico. Con il passare degli anni diminuisce anche la mobilità e risulta pertanto più difficile effettuare determinati movimenti. Tende pure ad attutirsi la capacità di reazione e di coordinamento. Infine chi ingerisce medicinali deve preoccuparsi che non alterino le sue capacità di guida. Per tutte queste ragioni è importante che chi si mette al volante di un automobile sia sottoposto regolarmente a visite mediche che attestano la sua idoneità alla guida. Qual è la posizione dei medici a proposito di queste visite? Lo abbiamo chiesto al presidente dell ordine dei medici del Canton Ticino, dottor Franco Denti. Si tratta certamente di una visita importante, che dovrebbe diventare sempre più particolareggiata. I formulari che i medici abilitati a questi esami devono compilare sono infatti diventati insufficienti, dovrebbero esse- Ti-Press/C.Reguzzi re molto più dettagliati per garantire esami completi e uguali per tutti. Se poi pensa che un medico percepisce 60 franchi per questi controlli, si può ben rendere conto che non può fare più di tanto. Certo, se ha dubbi può richiedere controlli più approfonditi, ma penso che in futuro qualcosa vada cambiato in questa prassi. Ma non si tratta spesso di visite pro forma? No, non dovrebbe essere così. Il medico di famiglia, anche se abilitato, dovrebbe astenersi dal visitare i suoi pazienti per rilasciare un certificato di idoneità alla guida. Secondo lei si dovrebbe limitare il permesso di guida a una certa età? No, sono assolutamente contrario, perché l attitudine alla guida non dipende dall età, ma dalle condizioni psico-fisiche. Si tratta di un problema molto delicato, che non può essere preso alla leggera, perché per molte persone è importante poter continuare a guidare. Si deve anche far leva sul senso di responsaibilità individuale. 19

20 LE INCHIESTE IL CASO: LE VICISSITUDINI DI UN ULTRAOTTANTENNE A CUI È STATO CHIESTO DI SOTTOPORSI A UN ESAME DI GUIDA Una storia vera a lieto fine Èuna piovosa serata d autunno. Un anziana ottantacinquenne, al volante della sua automobile sportiva, sta tornando da Cannobio in Italia verso la Svizzera lungo la strada del Lago Maggiore. Passata la frontiera, viene seguita da una vettura della polizia ticinese, che dopo qualche chilometro la supera e la ferma. Dopo aver verificato la validità dei permessi, un agente della polizia stradale le dice in dialetto: Non pensa signora che sia ora di appendere le chiavi dell automobile al chiodo?. La signora, offesa e nervosa chiede: Perché?. Risposta: Alla sua età. Gli agenti avevano notato che ogni tanto correggeva la rotta, probabilmente quando cambiava marcia. Qualche giorno più tardi la signora riceve l avviso di recarsi da un medico a una visita di controllo per l idoneità alla guida. Il sanitario certifica che non ci sono impedimenti. Dal comando della polizia cantonale arriva una seconda lettera che chiede alla signora di sottoporsi a un esame di guida. La signora, umiliata e offesa perché guidava da quando aveva diciotto anni ed era stata una delle prime donne ticinesi a ottenere il permesso di condurre, orgogliosamente decide di non darsi per vinta e contatta un maestro di guida. Durante la prima lezione l insegnante si accorge che la signora, al volante della sua vettura sportiva, quando cambia marcia strattona il volante. Le consiglia allora di guidare un automobile provvista di cambio automatico. La signora accetta. Vende l automobile sportiva e ne acquista una con cambio automatico. Per due mesi segue due, tre lezioni di guida ogni settimana. Il giorno fissato per l esame si reca angosciata, assieme al maestro di guida, al Centro della Sezione della circolazione di Camorino. Trova un esaminatore cortese che la mette a proprio agio e al quale riesce a dimostrare di essere ancora in grado di condurre. Alla fine del tragitto l esperto si complimenta con lei dicendole che spera di arrivare alla sua età guidando così. È una storia vera, accaduta alla madre di chi ha scritto questo articolo. Una storia che dimostra come non ci siano preclusioni verso gli anziani, anche se gli agenti avrebbero potuto essere più educati. Questo episodio spiega anche quanto sia importante per molti anziani non perdere il permesso di condurre. Ma, certo, nell interesse generale la patente va garantita solo a chi è in grado di guidare senza mettere in pericolo la propria vita e quella degli altri. gr istockphoto Webspecials Più special, più concorsi, più divertimento ora in esclusiva su Credit-now.ch Ora o mai più: con CREDIT-now i vostri sogni diventano subito realtà. Numero gratuito oppure concludete direttamente su Un credito di CHF a un tasso annuo effettivo tra il 9.9% e il 13.9% rimborsabile in 12 rate mensili comporta un costo complessivo compreso tra CHF 521. e CHF Avviso secondo la legge: la concessione di crediti è vietata, se conduce ad un indebitamento eccessivo (art. 3 LCSI). CREDIT-now è un marchio di prodotto di BANK-now SA, Horgen. 20

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/8 Compito Gli alunni imparano come funziona un moderno garage e che profili professionali hanno le persone che vi lavorano. Obiettivo Gli alunni conoscono un garage. Materiale

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile UPSA Previsioni di settore BAKBASEL Ottobre 2014

Dettagli

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili!

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Argomentario per il mantenimento in vigore della «Comunicazione riguardante gli accordi verticali nel settore del commercio

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015 Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30 Inchiesta congiunturale 2014/2015 Dopo il miglioramento fatto registrare nel 2013, la situazione delle aziende ticinesi nel 2014 si è stabilizzata in

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Ma ci sono i fondi? Panorama sugli Incentivi dedicati alla mobilità sostenibile con uno sguardo a ciò che succede in Europa ed In Italia

Ma ci sono i fondi? Panorama sugli Incentivi dedicati alla mobilità sostenibile con uno sguardo a ciò che succede in Europa ed In Italia Bolzano, 21 settembre 2012 Ma ci sono i fondi? Panorama sugli Incentivi dedicati alla mobilità sostenibile con uno sguardo a ciò che succede in Europa ed In Italia A TUxTU con la mobilità sostenibile:

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Approvazione e finanziamento di provvedimenti a favore della mobilità sostenibile

Approvazione e finanziamento di provvedimenti a favore della mobilità sostenibile Approvazione e finanziamento di provvedimenti a favore della mobilità sostenibile Conferenza stampa 3 giugno 2014 Sala stampa, Palazzo delle Orsoline, Bellinzona Norman Gobbi Direttore del Dipartimento

Dettagli

6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI

6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI 6332 23 marzo 2010 ISTITUZIONI Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 25 gennaio 2010 presentata da Lorenzo Quadri Incentivi alla rottamazione da riconsiderare Signor Presidente, signore e signori

Dettagli

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO Regolamento Pool2job REGOLAMENTO Pool2job Progetto pilota Pool2job per il traffico frontaliero nella

Dettagli

Stai per cambiare l Auto? Allora devi tenere in Considerazione Il Sistema che reputo essere il Migliore in Assoluto

Stai per cambiare l Auto? Allora devi tenere in Considerazione Il Sistema che reputo essere il Migliore in Assoluto Stai per cambiare l Auto? Allora devi tenere in Considerazione Il Sistema che reputo essere il Migliore in Assoluto Valore Toyota Roberto Parolin Consulente alle Vendite - Concessionaria AUTO DUE S.r.l.

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

La natura e la tecnologia sono il nostro motore

La natura e la tecnologia sono il nostro motore La natura e la tecnologia sono il nostro motore Naturalmente meglio Naturalmente dinamici, naturalmente economici ed ovviamente ecologici i veicoli a gas naturale / biogas offrono tutta la potenza, la

Dettagli

FEDERAZIONE TICINESE DEL COMMERCIO. per Espoprofessioni 2014. istock.com/valuavitaly

FEDERAZIONE TICINESE DEL COMMERCIO. per Espoprofessioni 2014. istock.com/valuavitaly FEDERAZIONE TICINESE DEL COMMERCIO per Espoprofessioni 2014 istock.com/valuavitaly Chi siamo Federcommercio è l associazione mantello del commercio al dettaglio ticinese. Ne fanno parte le società e le

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

ESERCIZIO #1 Si richiede di costruire un class diagram che rappresenti le classi necessarie ed i loro rapporti reciproci.

ESERCIZIO #1 Si richiede di costruire un class diagram che rappresenti le classi necessarie ed i loro rapporti reciproci. ESERCIZIO #1 un progetto software. Occorre realizzare un sistema informativo per supportare la logistica di una grande società di distribuzione. L azienda è organizzata su tre livelli operativi: (1) l

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Le caratteristiche della formazione di base in azienda

Le caratteristiche della formazione di base in azienda Le caratteristiche della formazione Le caratteristiche della formazione 11 «L attività di formatore mi ha dato molto, non dal lato finanziario, ma da quello umano e professionale. Provo una grande soddisfazione

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Trasporto pubblico e terza età: viaggiare comodi e sicuri

Trasporto pubblico e terza età: viaggiare comodi e sicuri Trasporto pubblico e terza età: viaggiare comodi e sicuri Conferenza stampa, ore 13.30, Bellinzona Logo: campagna, partner marchi certificazione Claudio Zali, Direttore del Dipartimento del territorio

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

L Euro e i consumatori

L Euro e i consumatori XII Edizione del Forum della Pubblica Amministrazione EURO, CITTADINI, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Roma, 9 maggio 2001 L Euro e i consumatori Intervento di Giustino Trincia (procuratore nazionale dei cittadini

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO

FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO FUMO PASSIVO SUL POSTO DI LAVORO IN PILLOLE La percentuale di fumatori nelle imprese considerate è del 25%. Scende al 18% se si considerano solo i dirigenti e gli impiegati a livello amministrativo; raggiunge

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Inchiesta. all auto non ci rinuncio!

Inchiesta. all auto non ci rinuncio! Inchiesta all auto non ci rinuncio! ! Tra la fine di maggio e i primi giorni di luglio Nuova Energia ha promosso, su tutto il territorio nazionale, un inchiesta sul rapporto tra i cittadini e la mobilità.

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA

CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA Schweizerischer Nutzfahrzeugverband Association suisse des transports routiers Associazione svizzera dei trasportatori stradali Sezione Ticino CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA ASTAG Sezione Ticino, Segretariato,

Dettagli

Gioia di vivere, gioia di guidare Testate ora le nuove propulsioni

Gioia di vivere, gioia di guidare Testate ora le nuove propulsioni Affidatevi al vostro partner ufficiale di marca Desiderate sapere quale modello WE CARE si addice al meglio alle vostre esigenze? O magari vi piacerebbe dare un occhiata da vicino a un veicolo ibrido a

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI Marco Baldi Responsabile Settore Territorio Fondazione Censis UNA LETTURA ATTRAVERSO TRE

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Informiamo la nostra clientela che questo mese la Ti impiego mette a disposizione un profilo specializzato con lo sconto del 50% sull onorario per la selezione: 1. Impiegata Contabile

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Sessione dei giovani 2012

Sessione dei giovani 2012 Sessione dei giovani 2012 Dal 15 al 18 novembre 2012 > Dossier Indice 1. Introduzione... 3 2. Ferrovie... 3 3. Autopostale e trasporti nelle città... 6 4. Biglietti e abbonamenti... 6 5. Costi economici

Dettagli

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Cerimonia di Inaugurazione 840 anno accademico Modena, 17 marzo 2016 Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Magnifico Rettore, Autorità, Studenti, cari Colleghi

Dettagli

5 anni. PBD Svizzera

5 anni. PBD Svizzera 5 anni PBD Svizzera 5 anni d impegno per una politica concreta, orientata verso il fattibile Il partito borghese democratico è un partito innovativo e moderno che tiene conto dell evoluzione della società

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1

Dettagli

ISBN 978-88-233-3291-1 Edizioni Tramontana. Lucia Barale Luca Cagliero PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

ISBN 978-88-233-3291-1 Edizioni Tramontana. Lucia Barale Luca Cagliero PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE CIGNA, BARUFFI, GARELLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DIDATTICO ANNUALE 3ª INDIRIZZO RIM ARTICOLAZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Docente: Ore totali d insegnamento

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

www.professioni-costruzione.ch

www.professioni-costruzione.ch MURAtrice / MURAtore AFC Formazione professionale di base di tre anni con attestato federale di capacità (AFC) www.professioni-costruzione.ch Mi piace lavorare sui cantieri. La sera vedo il frutto del

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

CREA LA SFIDA DEL TUO FUTURO PROFESSIONALE

CREA LA SFIDA DEL TUO FUTURO PROFESSIONALE www.certificatocasa.it GUIDA PRONTA ALL USO PER NEO LAUREATI Tutti i diritti riservati 1 La professione del Progettista è cambiata, l'approccio tecnico va combinato con un modo di presentare le soluzioni

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La regolamentazione mette in pericolo la posizione del settore elettrico svizzero?

La regolamentazione mette in pericolo la posizione del settore elettrico svizzero? La regolamentazione mette in pericolo la posizione del settore elettrico svizzero? Intervento di Kurt Bobst, CEO Repower Forum ElCom 2015; 20 novembre 2015, Basilea Gentili signore, egregi signori, innanzitutto

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Com è organizzato un moderno garage? Che ruolo ha un garagista al giorno d oggi? Leggere un testo informativo sui garage. Obiettivo Gli alunni studiano un garage modello.

Dettagli