IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI"

Transcript

1 IL PASSAGGIO DAL COMUNE ALLA SIGNORIA E L ITALIA DEGLI STATI REGIONALI Fra la seconda metà del Duecento e i primi del Trecento si assiste in Italia ad un fenomeno di grande importanza: il passaggio dalle istituzioni comunali al governo di un unico signore. Ciò accade nel nostro paese con modalità e tempi diversi. Le prime signorie del nord sorgono già nella prima parte del 200 (gli Estensi a Ferrara, i Da Romano nella Marca trevigiana, i Malatesta a Rimini e i Da Polenta a Ravenna, per citare solo le più significative), mentre nel centro Italia il processo sarà più lento. Si passa da una consistente, almeno per l epoca, partecipazione popolare al governo cittadino (sebbene solo il 20% circa della popolazione avesse diritto alla partecipazione alla politica) ad una restrizione in senso oligarchico del potere. Quali sono le cause e le dinamiche che portano ad un cambiamento così significativo? Guardiamo di sintetizzarlo, focalizzando la questione con alcune domande chiave: 1 a) Perché? La signoria è la risposta alla crisi interna del comune cittadino: ad un certo punto la lotta tra le fazioni comunali era giunto ad un punto di non ritorno, che rischiava di compromettere la stessa sopravvivenza del comune. Anche il declino dell Impero è una concausa, visto che questa istituzione aveva sempre tentato di condizionare la politica comunale. Il signore, dunque, è accettato come una sorta di pacificatore delle guerre intestine nelle città, anche a costo di perdere la libertà. b) Quando? A tale domanda abbiamo già risposto: tra il 200 e il 300, con tempi diversi a seconda delle aree del paese c) Chi? Chi è il signore? Può essere un podestà che si è guadagnato la fiducia dei cittadini ben governando, o l esponente (più spesso) di una famiglia prestigiosa che è in grado di mettere a tacere la lotta tra le fazioni, o qualcuno che prende il potere con la forza o addirittura un capitano di ventura (il caso più clamoroso è quello di Francesco Sforza a Milano) d) Come? I signori si sottraggono al controllo delle corporazioni e limitano il potere degli organi elettivi e delle varie magistrature cittadine: infatti, se molte istituzioni comunali restano formalmente in vita, come ad esempio a Firenze, esse perdono però il ruolo decisivo che avevano in passato, in virtù di una svolta oligarchica che concentra il potere nelle mani in genere di una famiglia aristocratica e del suo esponente più prestigioso. Quando poi il signore cercherà una legittimazione dall alto del proprio potere, ricercata in una delle due massime cariche del mondo cristiano, Papa o Imperatore che sia, la signoria si trasformerà in Principato (tra la fine del 300 e i primi del 400). Ciò accade perché i signori italiani mancano proprio di quella legittimazione giuridica che avevano invece i sovrani europei o l imperatore stesso e che in linea di massima consisteva nel diritto divino dei re. Questa evoluzione interna alle istituzioni cittadine procedette di pari passo con una radicale semplificazione dell assetto politico della nostra penisola. Se fino alla prima metà del 200 il nostro sistema politico è caratterizzato da un estrema frammentazione, come l area germanica, tra la fine del XIII secolo e quella del XV si assiste alla nascita di veri e propri stati regionali: alcune città importanti assoggettano militarmente e sfruttano economicamente altri centri urbani e comunità rurali. Al centro-nord sono tre gli stati regionali che si affermano sugli altri: il ducato di Milano, la Repubblica di Venezia e quella di Firenze. Al centro si stabilizza progressivamente lo Stato pontificio che si estende ad alcune regioni

2 centrali, come Umbria, Marche e Romagna. Al sud si afferma il potere monarchico del Regno di Sicilia, dove gli Aragonesi si sostituiscono agli Angioini. Tuttavia, va anche detto che nel centro-nord permangono alcuni principati territoriali minori, come i Savoia in Piemonte, gli Estensi a Ferrara o i Gonzaga a Mantova. Sempre nel centro-nord permangono inoltre alcuni stati monocittadini, vale a dire domini di città che non ne sottomisero altre e che riuscirono a resistere allo strapotere degli stati più forti: Siena, Lucca e soprattutto Genova. Prima di passare ad esaminare sinteticamente la storia delle principali entità politiche della nostra penisola, un ultima puntualizzazione. Nel periodo storico esaminato l Italia, in ambito culturale ed economico, assurge ad uno splendore mai visto nel corso della sua storia medioevale ed è presa come modello da tutta l Europa. Non a caso il Rinascimento sarà un fenomeno se non esclusivamente, quanto meno in prevalenza italiano. Tuttavia, il nostro paese sviluppò gradualmente aspetti di debolezza strutturale che porteranno poi, nel 500, alla perdita della nostra indipendenza. Infatti, nelle grandi monarchie europee, soprattutto Francia e Inghilterra, i centri mercantili svolgevano un intensa attività commerciale ed erano difese militarmente e tutelate economicamente dai rispettivi stati nazionali; viceversa, le grandi città mercantili e manifatturiere italiane si trasformarono esse stesse in Stati territoriali, il che comportò un notevole dispendio di risorse economiche e una ristrutturazione degli assetti politici non certo indolore. Nel sud Italia, invece, il rafforzamento monarchico sembrava da un lato avvicinare il nostro meridione all Europa, ma dall altro i sovrani angioini e aragonesi, a differenza dei loro colleghi d oltralpe, per controbilanciare il particolarismo dei nobili non poterono avvalersi, come vedremo, dell appoggio delle città mercantili e della forza dei gruppi dirigenti urbani e borghesi: mancò nel sud una forte componente borghese, che nel resto dell Europa occidentale (con l eccezione della Spagna), fu alleata dei sovrani nel processo di costruzione di uno stato moderno e accentrato. In ultima analisi, si tenga poi presente un ulteriore particolarità italiana: il ruolo giocato dallo Stato della Chiesa, che operando a difesa della propria sopravvivenza, fu sempre ostile a qualunque tentativo di unificazione del nostro paese o comunque a stati che prendessero troppo potere a livello territoriale. a. Il ducato di Milano A Milano la famiglia ghibellina dei Visconti affermò la propria signoria sulla città dopo un aspra lotta con la famiglia rivale guelfa dei Torriani. Matteo Visconti fu il fondatore della dinastia e ottenne la legittimazione a governare con il titolo di vicario imperiale, pagando tra l altro ingenti somme di denaro. Egli iniziò allora una politica di conquiste e annessioni nell Italia settentrionale, che raggiunse il suo culmine con il successore Gian Galeazzo, il quale tra la fine del 300 e i primi anni del 400 portò il dominio milanese oltre la stessa Lombardia: fu conquistata parte del Veneto (Verona, Vicenza e Padova) e della Toscana (Lucca, Pisa e Siena), fino ad arrivare in Umbria al controllo di Perugia. Nel 1395 ottenne dall imperatore Venceslao il titolo di duca, trasformando la signoria in principato. La sua azione sembrava avviata alla conquista di Firenze e con la strada spianata verso l Italia Meridionale: tuttavia, nel 1402 Gian Galeazzo morì, e Milano dovette abbandonare tali propositi. Gli storici si sono chiesti quale sarebbe stato il futuro del nostro paese se il duca milanese fosse riuscito a costruire e a consolidare un grande regno comprendente l Italia del centro-nord 2

3 o addirittura ad unificarla; un futuro certo diverso, ma che fu vanificato dalla prematura morte del protagonista, considerato all epoca uno dei signori più influenti d Europa. Sotto i suoi successori, il dominio visconteo iniziò una fase di declino: il rapido crollo di questo sistema di potere mostra anche la debolezza delle compagini signorili, costruite in poco tempo da individui dotati di talento politico e militare, ma lontane dall apparire uno stato accentrato e organizzato. Ecco perché questi domini si sfaldarono alla morte del loro realizzatore. Filippo Maria Visconti, il successore, dovette affrontare l alleanza tra Firenze e Venezia, che mal tolleravano lo strapotere milanese e covavano da tempo la rivincita. Venezia e Milano giunsero allo scontro aperto in quanto entrambe desiderose di espandersi nella pianura padana. Nel 1427 a Maclodio, nei pressi di Brescia, i Veneziani inflissero ai Milanesi una dura sconfitta: il loro esercito, mercenario come quello degli altri stati italiani del tempo, era guidato dal conte di Carmagnola, uno dei più valorosi capitani di ventura del tempo. La guerra andò comunque avanti a fasi alterne; degno di nota il fatto che Firenze passò dalla parte dei milanesi, consapevole che adesso era Venezia il rivale più pericoloso, fattasi più forte dopo Maclodio. Questo continuo cambiamento di alleanze è tipico della politica italiana del periodo, volta ad evitare che i nemici si rafforzino, ma priva di una strategia di largo respiro, che guardi in senso costruttivo al futuro della penisola. Alla morte di Filippo si ricostituì a Milano un governo repubblicano, la Repubblica ambrosiana: un progetto utopistico, che non teneva conto dei tempi che erano notevolmente cambiati rispetto alla civiltà comunale. Di fronte alla minaccia del sempre più agguerrito esercito veneziano, i milanesi furono così costretti a chiedere l aiuto e l intervento del condottiero Francesco Sforza, che aveva sposato una figlia di Filippo Maria. Egli colse l occasione al volo e nel 1450 divenne signore della Lombardia, ponendo fine alla repubblica, ma salvando il futuro di Milano. b. Repubblica di Venezia Tra le tre più importanti città italiane di questo periodo, se Milano divenne una signoria a tutti gli effetti e Firenze una signoria mascherata, come vedremo, dietro parvenze repubblicane, Venezia conservò saldamente l ordinamento repubblicano sotto il governo ristretto di mercanti e armatori navali. Nel 1297 la Serrata del Maggior Consiglio riservò ad una ristretta oligarchia patrizia il governo cittadino, facendolo diventare ereditario. Tale misura limitava fortemente il potere del doge, il principale magistrato cittadino (equiparabile ad una sorta di moderno primo ministro), concentrando nelle mani di questa istituzione (il maggior consiglio, appunto) e di poche famiglie potenti (una sorta di aristocrazia degli affari) il potere e la stabilità interna di Venezia. Essa proseguì nella sua opera, in atto da secoli, di espansione marittima verso Oriente e si scontrò con la rivale di sempre, Genova, che fu molto abile nello spingere contro lo strapotere veneziano, che faceva paura a molti, una coalizione formata da Regno di Napoli, signoria di Padova e regno d Ungheria. La guerra di Chioggia ( ), conflitto che prende il nome dalla località veneta conquistata dai genovesi, rischiò di compromettere l indipendenza di Venezia, la quale riuscì a resistere con grande forza e con la Pace di Torino rinunciò ad espandersi nel tirreno meridionale, ma riconquistò Chioggia e si garantì l integrità territoriale. La nuova espansione, dai primi del 400 in poi, si 3

4 concentrò verso l entroterra e in direzione della pianura padana, anche a causa della nascita, nel 1453, dell Impero Ottomano che chiudeva alle navi italiane le vie dell Oriente. Ciò portò Venezia in rotta di collisione ulteriore con Milano per il possesso della pianura padana, spesso alleata con Firenze per contrastare la pericolosa vena espansionistica del ducato degli Sforza. c. Repubblica di Genova A Genova il Banco di San Giorgio ottenne progressivamente, in quanto creditore del Comune, il controllo diretto del governo cittadino. Il suo patriziato oligarchico, tradizionalmente diviso in fazioni, si sottomise spesso a signorie esterne, quali gli Sforza o i re di Francia. Alla debolezza politica, che impedì a Genova di imitare Venezia nella costruzione di un vasto stato regionale, corrispose però una notevole prosperità economica, grazie ad armatori e banchieri, che durerà fino al 500 inoltrato. Non riuscendo a trasformarsi in potenza territoriale, Genova si limitò a controllare i centri costieri della Liguria e della Corsica. Da ricordare due battaglie, combattute a due secoli di distanza l una dall altra: quella della Meloria, nel Tirreno settentrionale, nella quale Genova inflisse a Pisa una sconfitta decisiva e la già ricordata battaglia di Chioggia. d. Stato dei Savoia Dal 300 in poi i Savoia abbandonano ogni velleità espansionistica verso ovest, a causa della concorrenza francese, e dirigono verso est le loro attenzioni, convertendosi a quello che sarà un destino italiano, con conseguenze decisive per il futuro del nostro paese. Conquistano il Piemonte occidentale, ma mantengono, a riprova dell origine francese della dinastia, momentaneamente la capitale a Chambery e sono comunque uno stato di carattere feudale, dove ancora poco contano i traffici commerciali come a Venezia o Genova. L opera di coordinamento politico e amministrativo realizzata da Amedeo VIII, che suddivise in 12 province il ducato assegnando a balivi (funzionari) il rispettivo controllo, fanno assomigliare tale stato molto più alle monarchie d oltralpe che alle signorie italiane. e. Repubblica di Firenze Nella seconda metà del 200 a Firenze il ceto magnatizio, facente capo a famiglie nobili in perenne lotta tra di loro (eredi dei Consoli, magistratura tipica della prima fase dei Comuni italiani), fu contrastato dal popolo grasso della ricca borghesia emergente, che dopo alterne vicende giunse all approvazione degli Ordinamenti di giustizia nel 1293, che privavano dei diritti politici i Magnati, allargavano l ambito della arti a cui spettava l elezione dei Priori (il Consiglio dei Sei Priori delle Arti maggiori era stato istituito nel 1282 e costituiva il governo fiorentino) e istituivano la magistratura del gonfaloniere di giustizia, che aveva il compito di garantire l ordine pubblico ed eventualmente reprimere attentati contro il governo popolare. I nobili, almeno quelli delle grandi famiglie magnatizie, furono estromessi dalla politica, per partecipare alla quale occorreva essere iscritti ad un arte o addirittura espulsi da Firenze. Né il contrasto feroce 4

5 5 tra Bianchi e Neri, di cui ci siamo occupati alcune lezioni fa, né il fallito tumulto dei Ciompi scalfirono questo ordinamento repubblicano, di cui i fiorentini andavano assai fieri. Tra la seconda metà del 300 e i primi del 400 Firenze costituì un solido stato regionale, che comprendeva i due terzi della Toscana: solo la repubblica di Lucca e quella di Siena rimasero indipendenti. Nel corso del 400 si registrò la potente ascesa della famiglia dei Medici: di origine borghese, legati alla produzione a al commercio della lana e della seta, in seguito banchieri di successo (degno di nota nel 1421 l acquisto, per l esorbitante cifra di fiorini del piccolo porto di Livorno, che sarebbe diventato il porto di Firenze, dal Banco genovese di San Giorgio), essi erano visti di buon occhio dalla parte più moderata e progressista del popolo grasso e dallo stesso popolo minuto, perché non apertamente oligarchici. Del resto, dopo che Salvestro, membro importante dei Medici, all epoca della rivolta dei Ciompi aveva sposato la loro causa venendo perciò esiliato dalla città, la famiglia aveva deciso di estraniarsi dalla politica fiorentina, dedicandosi ai propri affari. Gli Albizzi, al potere nei primi decenni del 400, non vedevano di buon occhio l atteggiamento filo - popolare dei Medici e ingaggiarono con essi una dura contesa, che portò alternativamente a subire l esilio i membri più significativi delle rispettive fazioni, tra cui lo stesso Cosimo dei Medici. Quest ultimo, riuscito a rientrare in città nel 1434, diede vita per trent anni ad un dominio signorile pressoché incontrastato. Egli fu così intelligente da capire quanto i fiorentini fossero gelosi e attaccati alle istituzioni repubblicane: per questo non introdusse modifiche nell assetto dello stato né assunse cariche eccezionali, ma di fatto controllò in modo ferreo la vita politica cittadina, collocando uomini di sua fiducia nei posti chiave della città ed esercitando quindi un dominio assoluto. Proprio Cosimo, detto il vecchio, gettò le basi della cosiddetta politica dell equilibrio, che chiudeva circa cento anni di conflitti nella nostra penisola che avevano interessato i principali stati, come Firenze, Milano, Venezia e Il Regno di Napoli. La pace di Lodi (1454) fu siglata al termine della guerra che Napoli, Venezia e la Francia avevano intrapreso contro Francesco Sforza. Questa pace consolidò il sistema degli stati regionali e le 5 maggiori potenze della penisola si riunirono nella Lega italica (Milano, Venezia, Firenze, Napoli e Stato della Chiesa), per evitare conflitti destabilizzanti per l assetto del paese. Tali stati si impegnavano così ad evitare ulteriori guerre, abbandonando ogni attività espansionistica per rispettare i confini stabiliti dalla pace di Lodi (vedi cartine a pag. 162, Storia Ed. Laterza e pag. 207 Storiamondo Ed. Il Capitello). Questa Lega aveva in teoria anche uno scopo difensivo, ossia far fronte ad una eventuale avanzata turca, visto che nel 1453 gli Ottomani avevano conquistato Costantinopoli. Minaccia che era, comunque, molto remota. Lorenzo dei Medici, nipote di Cosimo, continuò questa politica, diventando in breve tempo l unico indiscusso regista della politica interna fiorentina, ma anche ago della bilancia teso a salvaguardare i rapporti di forze costruiti nel La politica dell equilibrio mostra un aspetto positivo, nel senso che assicurò al nostro paese una pace durata 40 anni, ma anche un risvolto negativo: gli Stati italiani avevano realizzato un alleanza difensiva, impossibilitati come erano a dar vita ad un solido stato unitario. Lorenzo lo aveva ben capito, ma pensava di fare di necessità virtù: sapeva bene che solo non facendosi la guerra gli stati italiani avrebbero potuto evitare di venir conquistati dalle grandi potenze straniere. In effetti, alla morte di Lorenzo (1492) il fragile sistema dell equilibrio da lui sapientemente tenuto in piedi non gli sopravvisse e nel 1494 Carlo VIII, re

6 di Francia, scenderà in Italia per iniziare un lungo periodo di guerre e conquiste che infiammeranno il nostro paese portandolo alla perdita dell indipendenza. Per tale motivo, la politica dell equilibrio è stata definita dagli storici una somma di debolezze, nel senso che evidenzia l estrema precarietà del nostro assetto politico. A tale equilibrio, frutto del timore reciproco tra i principali stati italiani, si giunse grazie alla mediazione diplomatica, resa possibile da ambascerie stabili presso le varie corti italiane. Ciò non significa che tale periodo sia stato particolarmente tranquillo: la precarietà di tale equilibrio è confermata dalle congiure capitate in questi anni, la più importante delle quali è la congiura dei Pazzi (1478) dal nome della famiglia fiorentina che gestiva le finanze pontificie ed era quindi sostenuta dal papa, Sisto IV, la quale attentò senza riuscirci alla vita di Lorenzo dei Medici e uccise invece il fratello Giuliano. Come ricorda lo storico Francesco Guicciardini nelle sue Storie fiorentine ( ), sebbene ferito Lorenzo intraprese una feroce repressione nei confronti dei nemici che consolidò ulteriormente il suo potere. f. Stato della Chiesa Durante la cattività avignonese, Roma si ridusse ad una città di circa abitanti e in balia della lotta tra le famiglie più potenti. Nel 1347 un giovane di umili origini, Cola di Rienzo, si recò alla corte pontificia trasferitasi ad Avignone con una delegazione delle corporazioni artigiane di Roma per riferire al Papa Clemente VI lo stato di abbandono in cui si trovava l Urbe. Grazie alla sua abilità oratoria riuscì a convincere il pontefice della necessità di ridimensionare lo strapotere dell aristocrazia romana e, una volta tornato a Roma, Cola cacciò con l aiuto del popolo i capi della nobiltà instaurando una forma di governo comunale, di cui assunse il comando con il titolo di tribuno, in omaggio alle antiche istituzioni repubblicane. Nella sua visione politica, ammirata da Petrarca, il popolo doveva essere il sovrano di una comunità democratica senza più privilegi; così egli ristabilì l ordine e la sicurezza, creando un sistema giudiziario imparziale e un fisco equilibrato e più equo. Con il tempo, Cola suscitò preoccupazioni sia nel Papa che nell Imperatore, visto come un pericoloso rivale. In un clima che stava cambiando, le famiglie nobili iniziarono a covare la loro vendetta. Cola adottò metodi dittatoriali, che certo dovevano servire a debellare il pericolo aristocratico, ma che gli alienò anche le simpatie popolari. Per assoldare milizie mercenarie, aumentò le tasse, specie quella sul sale e si circondò inoltre di un lusso sfrenato. I nobili riuscirono quindi ad istigare il popolo contro di lui e il tribuno fu così ucciso da una sommossa ai piedi della scala del Campidoglio. Nonostante il fallimento, tale esperienza è importante perché Cola anticipa certe idee che verranno riprese nel Risorgimento: l idea di una rinascita politica e culturale di Roma, che doveva estendere il suo esempio a tutta la penisola e guidare gli italiani verso la libertà e una possibile unificazione ante litteram. Proprio l idea di Roma repubblicana e degli ideali classici avranno un seguito nel nostro Rinascimento. Dopo la morte di Cola il papa, per preparare il suo ritorno a Roma, affidò al cardinale Egidio di Albornoz il compito di ridimensionare il potere dei signori locali e di ricostituire il potere papale nei territori circostanti a Roma. Egli emanò le Costituzioni egidiane, che formulavano princìpi fondamentali alla base del governo papale e del suo rapporto con i vari poteri locali e con i parlamenti. In 6

7 pratica queste costituzioni trasformano la Chiesa in un vero e proprio stato moderno. Nel giro di breve tempo, l Albornoz sottopose le città al controllo di rettori provinciali e costrinse i signori locali al riconoscimento dell autorità papale, dichiarandoli vicari del pontefice. In seguito, il ritorno del papato a Roma e il superamento del Grande Scisma consentì al pontificato di riprendere in mano la situazione e di costruire, sulla base di tali premesse, un vasto e solido stato nell Italia centrale, abbandonando qualsiasi pretesa universalistica di stampo medioevale. Fu creato anche un nuovo sistema di prelievo fiscale per incrementare le entrate dello stato, ma prendeva piede anche un fenomeno negativo, il nepotismo, ossia l usanza di affidare a membri della propria famiglia signorie locali o alte cariche ecclesiastiche. Proprio Sisto IV della Rovere appoggiò la Congiura dei Pazzi per assecondare le ambizioni dei suoi nipoti, ma il caso più eclatante è quello di Alessandro VI Borgia, che nominò cardinale suo figlio Cesare e gli spianò la strada per la costituzione di uno stato nell Italia centrale. g. Regno di Napoli e di Sicilia Sebbene fosse il più vasto stato della penisola, il Regno di Napoli era estremamente debole a livello economico e se vogliamo politico, per le motivazioni ricordate sopra: il ruolo di una borghesia per lo più assente era gestito da mercanti fiorentini e catalani, che pur commerciando con il regno erano ovviamente poco propensi a reinvestire sul luogo i propri guadagni. I baroni giunti al seguito degli Angioini dominavano nei loro enormi latifondi coltivati da masse di contadini impoveriti e contrastavano il tentativo regio di dar vita ad uno stato più centralizzato. Secondo alcuni storici, è proprio nel dominio angioino che trovano le loro radici i problemi del mezzogiorno italiano. Le città del sud, prive di autonomia sotto i sovrani normanni e svevi, iniziarono in parte, dalla fine del XIII secolo a sottrarsi al controllo degli ufficiali regi e a dotarsi di propri organi di governo, anche se la loro autonomia non era certo paragonabile a quella dei comuni del centro-nord. Punto debole fu, come sappiamo, il mancato sviluppo di componenti mercantili ed artigiane. Peraltro, nella prima metà del 300 il Regno di Napoli godette di un lungo periodo di splendore, soprattutto culturale, sotto Roberto d Angiò, riconosciuto come uno dei monarchi più saggi della cristianità e capo del guelfismo italiano ( si ricordi l asse di ferro che legava Angioini, Stato della Chiesa e Firenze). Presso la corte di Roberto trovarono ospitalità intellettuali come Cino da Pistoia, Petrarca, Boccaccio, Giotto e Simone Martini. Fu anche una piazza commerciale importante, perché banchieri fiorentini come i Bardi e Peruzzi avevano qui filiali di rilievo. Verso la fine del 300 ci furono però alcune crisi dinastiche, ossia contese tra i vari rami internazionali della famiglia d Angiò. Questo scontro, che rivelò ancora di più la debolezza interna del regno, portò gli Angioini sull orlo del collasso e a contrarsi con gli Aragonesi, che dal 1302 dominavano la Sicilia. Gli Aragonesi avevano costituito un regno modellato sull esempio delle Cortes iberiche, assemblea formata dai rappresentanti di nobiltà, clero e delle città che aveva il compito di coadiuvare il re nella funzione legislativa. In questo contesto si vengono a creare alleanze particolari tra i vari stati italiani, basate su il timore reciproco di ingrandimento e dunque su cause politico-territoriali: i Milanesi appoggiano gli Aragonesi, i Fiorentini gli Angiò. Proprio l appoggio milanese 7

8 8 risultò decisivo per la sconfitta angioina e la definitiva riunificazione dei due regni sotto la dinastia aragonese, che con Alfonso V diede vita ad un nuovo periodo di fioritura culturale nella prima metà del 400. (per quanto concerne le compagnie di ventura, vedi Storia, Ed. Laterza, pp ).

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

FRA TRECENTO E QUATTROCENTO: MONARCHIE NAZIONALI E SIGNORIE (PP. 190-219)

FRA TRECENTO E QUATTROCENTO: MONARCHIE NAZIONALI E SIGNORIE (PP. 190-219) FRA TRECENTO E QUATTROCENTO: MONARCHIE NAZIONALI E SIGNORIE (PP. 190-219) IN SINTESI: COME NEL TRECENTO SI RAFFORZANO LE MONARCHIE NAZIONALI A CAUSA ANCHE DEL DECLINO DI PAPATO E IMPERO, COSÌ IN ITALIA

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

L Italia degli stati regionali

L Italia degli stati regionali L Italia degli stati regionali Nel XIII secolo in Italia si consolidarono i comuni, soprattutto nell Italia centro-settentrionale, mentre nel centro c era lo Stato della Chiesa e nel sud il Regno di Napoli.

Dettagli

L ITALIA DEL QUATTROCENTO

L ITALIA DEL QUATTROCENTO L ITALIA DEL QUATTROCENTO Il XV secolo segna per molti centri dell Italia il definitivo passaggio dal libero comune alla Signoria cittadina con l affermazione di importanti famiglie nobili che concentrano

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

La Francia e l Inghilterra escono dalla Guerra

La Francia e l Inghilterra escono dalla Guerra processi sociali nella formazione degli stati nazionali in Europa 1 La Francia e l Inghilterra escono dalla Guerra dei Cent anni completamente trasformate sotto tutti i punti di vista: economico, sociale,

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

lezionidistoria.wordpress.com

lezionidistoria.wordpress.com lezionidistoria.wordpress.com Quadro generale DOVE? Furono combattute prevalentemente sul suolo italiano ma non solo QUANDO? Le otto guerre d Italia sono iniziate nel 1494 e si sono concluse nel 1559 PROTAGONISTI

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

artigianali, manifatturiere e agricole erano molto sviluppate.

artigianali, manifatturiere e agricole erano molto sviluppate. le guerre d italia Perchè proprio l Italia? PErchè proprio Perchè proprio l Italia?Perchè proprio l Italia? Tra il 1494 e il 1559 tre grandi potenze si combatterono in Italia per la supremazia europea

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Programma di storia svolto nella classe 3L

Programma di storia svolto nella classe 3L Programma di storia svolto nella classe 3L L EUROPA FEUDALE 1) EUROPA E IMPERO E IMPERO CAROLINGIO La nascita dell Europa L Impero e il Papato Contee e marche Il trattato di Verdun e la divisione dell

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Storia delle istituzioni politiche

Storia delle istituzioni politiche Storia delle istituzioni politiche Corso di laurea triennale in filosofia a.a. 2014-2015 Lezione terza NICCOLO MACHIAVELLI Discorsi sulla prima deca di Tito Livio Niccolò Machiavelli Firenze 1469-1527

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

La crisi dei poteri unversali. 1 - La crisi dell'impero

La crisi dei poteri unversali. 1 - La crisi dell'impero La crisi dei poteri unversali 1 - La crisi dell'impero Quale crisi? L'Istituzione imperiale permane sino al 1804, tuttavia sin dal '300 perde il suo carattere sacro e universale. L'impero si laicizza e

Dettagli

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.)

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Lezione n. 2 La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Fabrizio Alias L invasione araba della penisola iberica (al-andalus) 711. Invasione degli arabi nella penisola iberica 713. Conquista

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CONTENUTI ABILITA ATTIVITA TEMPI

CONTENUTI ABILITA ATTIVITA TEMPI PROGRAMMAZIONE STORIA - classe III MODULO 1 - DALLA RINASCITA DOPO IL 1000 ALLA CRISI DEL '300 Leggere, confrontare, interpretare dati, tabelle, grafici Distinguere aspetti sociali, economici e politici

Dettagli

Tutti i diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica e di riproduzione sono coperti da copyright e, pertanto, riservati alla Casa Editrice

Tutti i diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica e di riproduzione sono coperti da copyright e, pertanto, riservati alla Casa Editrice Tutti i diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica e di riproduzione sono coperti da copyright e, pertanto, riservati alla Casa Editrice Herbita. Nessuna parte può essere riprodotta in alcuna

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado Paritaria S. Luigi. A.S. 2011-2012 Prof.ssa Dora Meroni Dispensa di approfondimento al libro di testo di Storia

Scuola Secondaria di 1 grado Paritaria S. Luigi. A.S. 2011-2012 Prof.ssa Dora Meroni Dispensa di approfondimento al libro di testo di Storia LA GUERRA DEI CENT ANNI Tra il 1337 e il 1453 la Francia e l Inghilterra si affrontarono in un conflitto caratterizzato da tante tregue ma tutte molto brevi e subì due interruzioni più lunghe, sancite

Dettagli

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano PREMESSA: durante governo augusteo si manifestò a) un problema legato ad un fattore di instabilità permanente per lo stato: forte ambiguità riforme istituzionali 1, lo stato nei fatti era una monarchia;

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

IL PERIODO MUROMACHI (N.B.: 1477-1573 = PERIODO SENGOKU)

IL PERIODO MUROMACHI (N.B.: 1477-1573 = PERIODO SENGOKU) IL PERIODO MUROMACHI (1338-1573) (N.B.: 1477-1573 = PERIODO SENGOKU) IL PERIODOMUROMACHI SI CARATTERIZZÒ PER 1. Unbakufu che ricalcava quello di Kamakura, ma in cuii capi militari locali prevalsero sul

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO X ISTITUTO TECNICO

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Laterza, 2014 Pagine 234 ISBN 978 8858111055 I padroni dei libri. 2014 Laterza Assaggio di lettura: pagine 203-205

Dettagli

IL PIENO MEDIOEVO. 1 3. Il pieno medioevo. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. 476 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV BASSO PIENO MEDIOEVO

IL PIENO MEDIOEVO. 1 3. Il pieno medioevo. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. 476 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV BASSO PIENO MEDIOEVO 1 3. Il pieno medioevo IL PIENO MEDIOEVO 476 D.C. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV ALTO MEDIOEVO PIENO MEDIOEVO BASSO MEDIOEVO INTRODUZIONE. IL PIENO MEDIOEVO È UN EPOCA

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

L g u g e u rre r d d I ta t l a ia (1494-1559)

L g u g e u rre r d d I ta t l a ia (1494-1559) Le guerre d Italia (1494-1559) Orientamenti politico-diplomatici degli Stati italiani a. I BUONI ITALIANI sostengono: - la causa della libertà d Italia - dunque l autonomia degli Stati italiani - il pluralismo

Dettagli

L Italia tra unità e disunità

L Italia tra unità e disunità L Italia tra unità e disunità Identità e senso di appartenenza Che cosa significa sentirsi italiani? (divario tra identità nazionale e identità italiana) Miti fondativi: romanità, Risorgimento, Resistenza

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO indice 1. Dalla restaurazione alle rivoluzioni del 1848 2. L affermazione della società borghese 3. L Italia dopo l unità 1815-1848 1850-1870 1860-1870 1.1 Gli stati europei durante la restaurazione 1.2

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

L ITALIA SOTTO IL PREDOMINIO SPAGNOLO

L ITALIA SOTTO IL PREDOMINIO SPAGNOLO L ITALIA SOTTO IL PREDOMINIO SPAGNOLO Per la monarchia spagnola la ricchezza viene dalle Americhe; il potere e il prestigio politico vengono dal Mediterraneo: Il Tirreno, lago spagnolo in particolare dal

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE Programma di STORIA a.s. 2014-2015 Classe IIIA Prof. Giuseppe De Matola

LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE Programma di STORIA a.s. 2014-2015 Classe IIIA Prof. Giuseppe De Matola LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE Programma di STORIA a.s. 2014-2015 Classe IIIA Prof. Giuseppe De Matola Testo scolastico: AA. VV., Dentro la storia, vol. 1, Dalla dissoluzione dell Impero carolingio alla

Dettagli

L aggressione nazifascista all Europa

L aggressione nazifascista all Europa L aggressione nazifascista all Europa Carta Il fascismo in Europa Germania e Italia non sono un eccezione: tra gli anni 20 e 30 molti paesi europei conoscono governi autoritari: Austria (Dolfuss), Ungheria

Dettagli

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate Cristiani e musulmani nell'xi secolo Fra mondo cristiano e mondo musulmano erano continuati, nel corso del Medioevo, gli scambi commerciali e

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Lezione 3. La Corona d Aragona. Fabrizio Alias

Lezione 3. La Corona d Aragona. Fabrizio Alias Lezione 3 La Corona d Aragona Fabrizio Alias La Catalogna tra X e XI secolo 813. Campagna militare di Carlo Magno e creazione della Marca Hispanica (Navarra e parte della Catalogna) 987. Emancipazione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli