Giovanni Carotenuto, Federica La Chioma. Recenti Regolamenti Banca d'italia in materia di fondi speculativi ed "eligible assets"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni Carotenuto, Federica La Chioma. Recenti Regolamenti Banca d'italia in materia di fondi speculativi ed "eligible assets""

Transcript

1 ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE VIA VISCONTI DI MODRONE, MILANO, ITALIA TEL FAX REA MILANO: CORSO G. MATTEOTTI, MILANO, ITALIA TEL FAX MEMORANDUM PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, ROMA, ITALIA TEL FAX P. IVA E C.F.: FROM Giovanni Carotenuto, Federica La Chioma DATE Gennaio 2009 RE Recenti Regolamenti Banca d'italia in materia di fondi speculativi ed "eligible assets" Il presente memorandum costituisce un analisi di carattere generale degli argomenti ivi trattati. Esso non è, né deve essere considerato, quale consulenza legale. Pertanto non potrà essere utilizzato od interpretato quale parere a base di operazioni né utilizzato o preso a riferimento da un qualsiasi soggetto o dai suoi consulenti legali, ovvero per qualunque diverso scopo che non concerna un'analisi generale delle questioni ivi affrontate. Qualora desideriate ricevere maggiori informazioni, non esitate a contattare: Avv. Giovanni Carotenuto, LLM Of Counsel Orrick, Herrington & Sutcliffe - Rome Office Regolamento BdI su fondi speculativi Introduzione Allo scopo di assicurare il buon funzionamento dei fondi speculativi in situazioni di eccezionale tensione di liquidità dei mercati finanziari 1, salvaguardando l'interesse e la parità di trattamento degli investitori, è stato pubblicato il 22 dicembre 2008 in Gazzetta Ufficiale (ed è entrato in vigore alla stessa data) il Regolamento - adottato con deliberazione della Banca d'italia n. 785 del 16 dicembre 2008 (il "Regolamento BdI 785/08") - contenente le norme attuative delle disposizioni di cui all'art. 14, commi 6, 7, 8 e 9, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (il "Decreto"). 1 Come si legge nella premessa al Regolamento BdI 785/08 (come di seguito definito), la maggiore volatilità dei fondi comuni (specie di quelli speculativi) a seguito dell'aumento dei riscatti dovuto all'attuale crisi finanziaria mondiale, rischia di generare una crisi di liquidità cui le Società di Gestione del Risparmio ("SGR") potrebbero vedersi costrette a rispondere smobilizzando le attività illiquide detenute nel fondo, evidentemente a scapito degli investitori: le attività illiquide sono infatti prive di un mercato di riferimento che assicuri la formazione di un prezzo affidabile e ottimale per le parti.

2 Gennaio 2009 Page 2 Quest'ultimo consente alle SGR di modificare, sino al 31 dicembre 2009 e con efficacia immediata, i regolamenti di gestione dei fondi speculativi, introducendo misure volte a graduare i rimborsi in presenza di flussi netti di riscatto superiori a determinate soglie (ccdd. "gates") o a trasferire le attività illiquide del fondo in un nuovo organismo di tipo chiuso costituito ad hoc (cd. "side pocket") ove il valore delle quote del fondo scenda al di sotto della soglia minima di 500 mila euro, ed elimina il numero massimo di partecipanti al fondo (200) prescritto dall'art. 16 del Decreto del Ministero del Tesoro n. 228/1999. A tal proposito, il Regolamento BdI 785/08 stabilisce che, solo fino al 31 dicembre 2009, sarà possibile modificare, con efficacia immediata, i regolamenti dei fondi speculativi in modo tale da prevedere la costituzione di gates e side pockets anche per le domande di rimborso non ancora regolate o liquidate. In ogni caso, alle modifiche ai regolamenti dei fondi "originari" finalizzate all'istituzione dei side pockets, e all'approvazione dei regolamenti di questi ultimi, si applica la procedura in via generale di cui al Titolo V, Capitolo II, Sezione III, del Regolamento Banca d'italia sulla gestione collettiva del risparmio del 14 aprile 2005 (il "Regolamento BdI 14/4/05"), che consente l'utilizzo dei modelli standard contenuti negli allegati al Regolamento BdI 785/08. Costituzione e gestione del side pocket La costituzione di un side pocket è deliberata dell'organo amministrativo della SGR, che ne approva contestualmente il regolamento, pur senza aver previamente comunicato alla Banca d'italia l'intenzione di estendere la propria attività alla gestione di fondi diversi da quelli speculativi. Le quote del fondo chiuso sono ripartite tra i partecipanti al fondo speculativo in misura pari al numero di quote detenuto in quest'ultimo. Muta pertanto il fondo detentore degli investimenti, ma non i beneficiari sostanziali, che coincidono in entrambi i fondi e sono rimborsati in parte tramite denaro ricavato dallo smobilizzo delle attività liquide e in parte tramite attribuzione di quote del side pocket. Il side pocket è gestito in un'ottica di smobilizzo delle attività illiquide detenute sulla base di un piano approvato dall'organo amministrativo della SGR. Pertanto, esso non può effettuare trasferimenti né detenere disponibilità liquide - diverse da quelle finalizzate al rimborso delle quote - se non per far fronte a spese ordinarie e di copertura dei rischi, e non può altresì realizzare fusioni con altri fondi né assumere prestiti, se non per far fronte a temporanei sfasamenti di cassa (in tal

3 Gennaio 2009 Page 3 caso, però, non può assumere prestiti di durata superiore a 6 mesi e di importo superiore al 10% del valore complessivo netto del fondo). La delibera di scissione parziale può infine prevedere il trasferimento al side pocket di una limitata riserva di liquidità per far fronte alle spese di pertinenza (quali costi di dismissione delle attività, compenso della banca depositaria, spese di revisione della contabilità e dei rendiconti dei fondi, oneri finanziari e spese per i prestiti assunti dal fondo, spese dei prospetti periodici del fondo e oneri fiscali di sua pertinenza). La SGR non può percepire un compenso per la gestione del fondo, ma è ammessa a partecipare al risultato della liquidazione dello stesso, ove residui una differenza positiva tra l'importo realizzato dalla dismissione e il valore netto delle attività illiquide trasferite. Individuazione e valutazione delle attività illiquide del fondo chiuso Nell'individuare le attività illiquide da trasferire nel fondo chiuso, le SGR rilevano l'assenza prolungata di prezzi significativi o di transazioni nei mercati di riferimento, mentre disposizioni più specifiche sono dettate per i fondi che investono in OICR o strumenti assimilabili. In ogni caso, i criteri di valutazione delle attività illiquide sono sottoposti a verifica da parte della funzione di gestione del rischio e condivisi dal collegio sindacale e dalla società di revisione del fondo speculativo e devono essere coerenti con quelli stabiliti dal Titolo V, Capitolo IV, del Regolamento BdI 14/4/05, che continuerà ad applicarsi per quanto non diversamente stabilito. Ove le circostanze esaminate ai fini della verifica di liquidità vengano a mutare, l'organo amministrativo della SGR può - se tanto è previsto nel regolamento del side pocket e del fondo speculativo - deliberare il trasferimento a quest'ultimo delle attività illiquide convogliate nel primo. 2. Regolamento BdI su "eligible assets" Introduzione L'intervento regolamentare di Banca d'italia non si è limitato al comparto dei fondi speculativi, ma ha investito più di recente, modificandolo, l'intero Titolo V, Capitolo III del Regolamento BdI 14/4/05, in tema di "attività di investimento: divieti e norme prudenziali di contenimento e frazionamento del rischio". A ciò ha provveduto con la Deliberazione n. 786 del 16 dicembre (la 2 Pubblicata in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 6 del 9 gennaio 2009, ed entrata in vigore alla stessa data.

4 Gennaio 2009 Page 4 "Deliberazione BdI 786/08"), adottata in attuazione della direttiva 85/611/CE del 20 dicembre 1985, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative in materia di taluni organismi d'investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) 3, e della direttiva 2007/16/CE del 19 marzo 2007 recante modalità di esecuzione della prima 4. L'adeguamento alle disposizioni comunitarie in materia di attività detenibili dagli OICR (ccdd. "eligible assets"), ottenuto mediante un amplimamento delle possibilità di investimento da parte degli stessi, rafforza la competitività del settore del risparmio gestito, senza tuttavia tradursi in una diminuzione della tutela riservata agli investitori. Sono stati infatti introdotti modelli interni alle SGR, basati essenzialmente su procedure statistiche 5, al fine di consentire alle stesse di calcolare il limite massimo di esposizione dei fondi verso strumenti finanziari derivati, che non può eccedere il valore complessivo netto degli stessi. Detti metodi di valutazione si aggiungono al tradizionale approccio basato sugli impegni e volto a stimare la massima perdita potenziale per il fondo; essi, inoltre, potranno essere utilizzati solo previa autorizzazione della Banca d'italia, rilasciata a seguito di verifica della sussistenza presso le SGR di adeguati requisiti organizzativi e quantitativi. La Banca d'italia è chiamata altresì ad accertare che il modello sia convalidato, in maniera indipendente e su base continuativa, sulla base di studi e prove aggiuntive atti a dimostrare che le assunzioni adottate non sottostimino il rischio. Laddove il portafoglio sia esposto al rischio di eventi a bassa probabilità ed elevato impatto (i.e., ipotesi di illiquidità ed omogeneità dei mercati, concentrazioni del portafoglio, ecc.), le SGR potranno avvalersi di prove di stress, atte a rilevare l'esistenza di fattori in grado di determinare perdite o guadagni straordinari nei portafogli, ma non rilevanti ai fini del calcolo del VaR. I risultati dei test saranno comunicati periodicamente all'organo con funzione di supervisione strategica e a quello con funzione di gestione interni alle SGR, oltre che alla Banca d'italia. Le attività detenibili dagli OICR 3 Si noti che per organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) - come definiti dall'art. 1 comma 1, lett. m, del D.Lgs. n. 58/ si intendono sia i fondi comuni di investimento (gestiti dalle SGR) sia le società di investimento a capitale variabile (SICAV). In questo senso, i riferimenti alle SGR contenuti nel presente memorandum si intendono rivolti mutatis mutandis alle SICAV o, se del caso, alle SGR che le gestiscono. 4 In questo settore si segnala anche l emanazione da parte del Committee of European Securities Regulators (CESR) di linee guida cd. di livello 3, nell'ambito della cd. procedura di Lamfalussy. 5 Cosiddetto metodo del Value at Risk o VaR.

5 Gennaio 2009 Page 5 Preliminare all'elencazione degli eligible assets è l'avvertimento che essi devono anzitutto essere coerenti con la politica di investimento dell'oicr, chiamato a valutarne la rischiosità - specie sotto il profilo della liquidità - in modo da non compromettere il proprio obbligo di rimborso delle quote ai partecipanti. Così, ad esempio, sarà consentito all'oicr di investire in valori mobiliari e strumenti del mercato monetario quotati solo ove essi siano negoziabili e siano disponibili informazioni appropriate e prezzi accurati, affidabili e regolari formati sul mercato o, in alternativa, espressi da sistemi di valutazione indipendenti dagli emittenti. L'OICR valuterà il grado di liquidità dello strumento rilevando l'entità degli scambi, l'oggettività dei prezzi e la loro effettiva realizzabilità sul mercato, l'andamento degli stessi e la loro comparabilità e diffusione, attraverso fonti informative affidabili e riscontrabili. È altresì prevista una presunzione di liquidità per gli strumenti quotati, che tuttavia non esime l'oicr dal sostenere la prova contraria ove siano disponibili informazioni che inducano ad una diversa valutazione. Le stesse condizioni si applicano all'investimento in derivati 6 quotati, con la sola specificazione che, in tal caso, l'organo di supervisione strategica della SGR - al fine di meglio articolare le proprie metodologie di monitoraggio dei rischi - deve qualificare il fondo come "sofisticato" o "non sofisticato" sulla base del grado di incidenza dei derivati sul totale del portafoglio, del livello di complessità loro e delle strategie e tecniche di investimento adottate. Nel caso di derivati non quotati (ccdd. "OTC", i.e. over the counter) la Deliberazione BdI 786/08 ha previsto specifici criteri 7 sulla base dei quali effettuare la valutazione prescritta dal Regolamento BdI 14/4/05 mentre, ove una componente derivata sia incorporata in valori mobiliari e strumenti del mercato monetario quotati e non quotati 8, l'esposizione del fondo 6 Tra cui vanno ricompresi anche i derivati per il trasferimento del rischio di credito (ccdd. "derivati creditizi"), a condizione però che consentano il trasferimento a terze parti ovvero l assunzione del rischio di credito associato ad attività in cui l OICR può investire e che non diano luogo alla consegna o al trasferimento, anche sotto forma di contante, di attività diverse da quelle in cui l OICR può investire. 7 Può considerarsi affidabile e verificabile ogni valutazione fondata su un valore di mercato aggiornato ovvero determinato sulla base di un meccanismo di calcolo che utilizzi una metodologia riconosciuta dalla comunità finanziaria come adeguata. Analogamente, può considerarsi affidabile e verificabile la valutazione compiuta da un soggetto terzo e indipendente rispetto alla controparte del derivato OTC, oppure da un unità della stessa SGR che sia tuttavia indipendente dalla struttura incaricata della gestione degli investimenti e dotata di adeguate risorse umane e tecniche. 8 Ciò accade quando, in virtù dell elemento incorporato, una parte o la totalità dei flussi di cassa dipenda da un determinato tasso d interesse, prezzo di uno strumento finanziario, tasso di cambio, indice di prezzi o di tassi, valutazione del merito di credito o indice di credito o da altra variabile e, pertanto, vari in modo analogo ad un derivato a sé stante. È inoltre necessario che le caratteristiche economiche e i rischi dell elemento incorporato non siano strettamente correlati

6 Gennaio 2009 Page 6 riveniente dalla componente derivata incorporata deve essere computata ai fini dei limiti stabiliti per le operazioni in derivati. Diversamente, nell'ipotesi in cui la componente derivata sia trasferibile separatamente dal titolo ospite, ai fini dell'applicazione dei limiti di investimento deve farsi riferimento alle posizioni assunte sugli strumenti sottostanti. Gli OICR armonizzati possono continuare ad investire in strumenti del mercato monetario non quotati - anche se emessi da istituti soggetti a norme prudenziali equivalenti 9 a quelle stabilite per i soggetti domestici - in depositi bancari e in parti di OICR armonizzati e non armonizzati aperti. Essi sono stati ammessi inoltre ad investire 10 in OICR di diritto estero assoggettati ad un regime di vigilanza analogo a quello previsto dall'ordinamento italiano ed in quote di fondi chiusi che prevedano meccanismi di governance equivalenti a quelli stabiliti per le società di capitali e che siano gestiti da un'entità soggetta a regolamentazione per la protezione degli investitori. Infine, è consentito l'investimento in strumenti finanziari collegati al rendimento di attività diverse da quelle fin qui elencate, purché siano rispettate le condizioni previste per l'investimento in valori mobiliari e strumenti del mercato monetario quotati. Relativamente alle tecniche di gestione efficiente del portafoglio 11, eliminata l'elencazione tassativa e puntuale delle condizioni alle quali tali operazioni possono essere concluse, rimane l'avvertimento che esse devono essere economicamente appropriate, ossia realizzate in modo efficiente e poste in essere per finalità di riduzione del rischio o del costo per il fondo o per generazione di capitale o di reddito aggiuntivi. In ogni caso, i rischi di dette operazioni devono essere costantemente controllati in modo da garantire il rispetto di un livello di rischio coerente con il profilo del fondo e con i limiti prudenziali imposti dall'emendato Regolamento BdI 14/4/05. alle caratteristiche economiche ed ai rischi del titolo ospite, che l elemento incorporato abbia un impatto significativo sul profilo di rischio e sul prezzo dello strumento finanziario e, infine, che non sia trasferibile separatamente da quest ultimo. 9 La valutazione di equivalenza è rimessa ad un apposita delibera dell organo amministrativo della SGR, che dovrà considerare anche se lo strumento sia assistito da sufficiente liquidità, alla luce, tra l'altro, dell'entità e del programma di emissione. 10 Nei limiti stabiliti per l investimento in valori mobiliari e strumenti del mercato monetario quotati. 11 Tra cui rientra l effettuazione di operazioni di compravendita di titoli con patto di riacquisto (pronti contro termine), riporto, prestito di titoli et similia.

7 ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE VIA VISCONTI DI MODRONE, MILANO, ITALIA TEL FAX REA MILANO: CORSO G. MATTEOTTI, MILANO, ITALIA TEL FAX MEMORANDUM PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, ROMA, ITALIA TEL FAX P. IVA E C.F.: FROM Giovanni Carotenuto, Federica La Chioma DATE January 2009 RE Bank of Italy's recent regulations on Italian hedge funds and eligible assets This publication is intended for general information purposes only and cannot be anyhow regarded as legal advice. We would be pleased to provide additional information on any of the topics below, upon your request, to be addressed to: Giovanni Carotenuto, LLM Of Counsel Orrick, Herrington & Sutcliffe, Rome Office BoI Regulation on Italian hedge funds The scope In order to ensure the good functioning of Italian hedge funds (fondi speculativi) through financial markets' liquidity crises (like the current one) and, at the same time, guarantee the interests and equal treatment of investors, the Bank of Italy ("BoI") issued on December 16, 2008 a regulation (adopted by means of resolution no. 785; the "BoI Regulation 785/08") implementing Section 14, paragraphs 6, 7, 8 and 9, of Law Decree no. 185 of November 29, 2008 (the "Decree") 1. BoI Regulation 785/08 was published on December 22, 2008 in the Italian Official Gazette and entered into force on the same date. The Decree abolishes the maximum threshold of investors to a hedge fund (200) laid down in Section 16 of Treasury Decree no. 228/1999. Moreover, it allows SGRs to amend the set of rules 1 As pointed out in the premise to BoI Regulation 785/08, the current financial crisis led many investors to ask for redemption and this triggered funds' (especially fondi speculativi) volatility. In this scenario a liquidity crisis is possible and the assets managing companies (società di gestione del risparmio or "SGR") could react by disinvesting illiquid assets to the detriment of the investor. As a matter of fact, when the redeemable assets are illiquid, the investor is exposed to the risk of redemption prices being determined outside a reference market.

8 January 2009 Page 2 of the managed hedge funds whose units, after repayment, fall below the threshold of in order to postpone the due payments exceeding certain thresholds (so called "gates") or, alternatively, to transfer the illiquid assets into close-end funds purposely set up (so called "side pockets"). According to BoI Regulation 785/08, the amendments effected before December 31, 2009 will have immediate effect. Moreover, before that date SGRs can amend the set of rules of the managed hedge funds so that the set-up of a gate or a side pocket be made possible even if investors have not been paid or liquidated yet. At any rate, the amendments to the hedge funds effected in order to set up a side pocket and approve its set of rules shall abide by Title V, Chapter II, of the BoI Regulation of 14 April 2005 on collective asset management (the "BoI Regulation 4/14/2005"), which allows the use of standard forms set out in the attachments to BoI Regulation 785/08. Incorporation and management of a side pocket In order to set up a side pocket and approve its set of rules, a resolution of the SGR's board of directors is required. The SGR can legally set up a side pocket even though it has not informed the BoI that it will include non speculative funds in its scope of activity. The units of the newly constituted side pocket are assigned to investors according to the number of units owned by the latter in the pre-existing fund. As a result, despite the change of nominee, no change occurs as to the beneficial ownership, since the beneficiaries of the hedge fund are the same as those of the newly constituted side pocket. Thus, the investor repayment takes place partly by refunding the investments and partly by assigning new units in the side pocket to the investors. The side pocket is exclusively aimed at disinvesting its illiquid assets according to a disinvestment plan approved by the SGR's board of directors. Therefore, the side pocket can effect no transfers and it is banned from merging. It can request loans to the maximum amount of 10% of its net value and for no longer than 6 months and, in any case, for covering a temporary cash shortage only. It is entitled to cash holdings - other than those necessary for redemption for hedging and ordinary administration only. The resolution incorporating the side pocket can transfer to the latter a limited amount of liquidity in order to reimburse the expenses incurred by the new fund (such as disinvestment and

9 January 2009 Page 3 accountancy costs, depository fees, expenses incurred for complying with fiscal and financial duties, filing reports and prospectuses, as well as reimbursing loans). The SGR cannot be paid any management fee in respect of the side pocket, but it is entitled to receive any surplus in the net value of the assets following their disinvestment. Qualification and evaluation of illiquid assets The SGR can qualify an asset as illiquid in case of persistent lack of significant market prices or transactions in the relevant market. More detailed rules are laid down as for the funds investing in undertakings for collective investment in transferable securities ("UCITS") or equivalent financial instruments. In any case, the criteria according to which an asset is considered to be illiquid are submitted to the SGR's risk management and must be approved by its internal audit committee as well as by independent auditors. Moreover, the chosen criteria must be consistent with the provisions set out in Title V, Chapter IV, of BoI Regulation 4/14/2005, which is still applicable if not otherwise provided. The SGR can transfer the illiquid assets back to the hedge fund upon occurrence of a change in the market circumstances and in the criteria according to which those circumstances have been examined if the set of rules of both the side pocket and the hedge fund authorize them to do so. 2. BoI Regulation on eligible assets The scope BoI's recent regulatory intervention not only regarded the field of Italian hedge funds, but it also concerned the entire Title V, Chapter III, of BoI Regulation 4/14/2005, laying down provisions on "investment activities: prohibitions and prudential rules on risk management and risk diversification". Such chapter was in fact entirely amended by means of BoI Resolution no. 786 of December 16, 2008 (the "BoI Resolution 786/08") 2 implementing Council Directive 85/611/EC of 20 December 1985 on the co-ordination of laws, regulations and administrative provisions relating to UCITS 3, as 2 Published on January 9, 2009 in the Italian Official Gazette, it entered into force on the same date. 3 Please note that UCITS assume the legal form of either collective investment funds (fondi comuni di investimento), managed by the SGR, or società di investimento a capitale variabile, SICAV (see Section 1, paragraph 1, subparagraph m, of Legislative

10 January 2009 Page 4 subsequently amended, and the Commission Directive 2007/16/EC of 19 March 2007 implementing Council Directive 85/611/EEC as regards the clarification of certain definitions 4. The implementation of EU law, pursued by widening the list of assets which may be held by UCITS (so-called "eligible assets"), strengthens the competitiveness of the domestic asset management market without however adversely affecting the protection of investors. To this purpose, BoI Resolution 786/08 introduced internal controls, mainly based on statistical procedures 5, allowing the SGR to calculate the maximum funds' exposure against derivatives, which cannot exceed the funds' net asset value. Such risk assessment systems are additional to the traditional approach based on indebtedness aimed at calculating the maximum potential loss for each fund, and may be used only upon BoI's authorization, issued upon condition that the SGR comply with some internal organizational and quantitative requirements. The BoI must also check whether the adopted system is certified, on an independent and continuous basis, upon studies and additional tests aimed at showing that the underlying assumptions do not underestimate risks. Where the portfolio is exposed to the risk of events with low probability and great impact (i.e. illiquidity and homogeneity of markets, concentrations of portfolio, etc.), the SGR shall adopt stress tests capable of assessing factors, which may lead to extraordinary portfolio losses or incomes, but still not relevant as for the calculation of the VaR. Test results shall be periodically reported to the SGR's supervisory and executive body, as well as to the BoI. Eligible assets Firstly, it must be stressed that assets have to be consistent with the UCITS' investment policy, and that related risks have to be assessed - particularly from a liquidity perspective - in order not to compromise the UCITS' capability to reimburse investors. Thus, UCITS may invest in securities and money market instruments admitted to trading on a regulated market if they are negotiable and if appropriate information and accurate, reliable and regular prices - which are either market prices or prices made available by valuation systems independent from issuers - are available. UCITS will assess the instrument liquidity by looking at the Decree no. 58/1998). Therefore references to SGR, as contained in this memorandum, apply mutatis mutandis to SICAV, or (if any) to the SGR managing the SICAV. 4 On the same issue, see also the Guidelines adopted by the Committee of European Securities Regulators (the "CESR") as level 3 of the Lamfalussy process in order to facilitate the convergence of regulatory practices.

11 January 2009 Page 5 size of exchanges, the objectivity of prices and their effective availability in the market place, their quotation trends, comparability and diffusion, by means of reliable and verifiable sources. A presumption of liquidity is provided for listed instruments, which does not exempt UCITS from bearing contrary evidence should information be available pointing to a different evaluation. The same conditions for investments in securities and money market instruments admitted to trading on a regulated market are to be complied by UCITS investing in derivatives admitted to trading on a regulated market; in this case, according to the weight of derivatives in the portfolio, their complexity, as well as the adopted investment policies, the SGR's strategic supervisory body is required to qualify the fund as "sophisticated" or "not sophisticated", in order to enhance its own risk assessment system. As for OTC (i.e. over the counter) derivatives 6, BoI Resolution 786/08 lays down specific criteria for carrying out the prescribed assessment, whilst when a derivative element is embedded in a security or a money market instrument (listed or not), the fund exposure flowing from the derivative element must be calculated as for the limits established for transactions dealing with derivatives. By contrast, if the derivative element can be transferred separately from the security, only the latter needs to be considered in order to assess the investment limits. Harmonized UCITS can still invest in non-listed money market instruments, in time deposits and in parts of harmonised and non-harmonised open-end UCITS. UCITS are furthermore entitled to invest 7 in foreign UCITS subject to a supervisory regime similar to that provided under Italian law and in units of closed-end funds providing systems of governance equivalent to those established for Italian joint stock companies and managed by an entity subject to a regulatory framework for the protection of investors. Finally, it is possible to invest in financial instruments linked to the performance of assets other than those described so far, provided the limits and conditions laid down for investments in securities and money market instruments are complied with. 5 I.e. value at risk ("VaR"). 6 This category now includes also derivatives for the transfer of credit risk (credit default derivatives), upon the condition that the risk be associated to assets which are eligible. 7 According to the limits and conditions laid down for securities and money market instruments admitted to trading on a regulated market.

12 January 2009 Page 6 With regard to techniques for the purpose of efficient portfolio management 8, the exhaustive and detailed list of conditions according to which such transactions may be entered into has been deleted, but they are still required to be economically appropriate (i.e. realized in a cost-effective way and aimed at the reduction of risks or costs or at generating additional assets or income). At any rate, the risks of such operations must be constantly monitored so to guarantee compliance with a level of risk consistent with the risk profile and with prudential limits established by BoI Regulation 4/14/2005, as amended. 8 Including repurchase agreements, swap, securities lending, etc.

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Gennaio 2010 Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Introduzione In data 10 dicembre 2009, la Banca d'italia ha pubblicato un documento per

Dettagli

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Considering that: Considerato che:

Considering that: Considerato che: PROGETTO COMUNE DI FUSIONE TRANSFRONTALIERA PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI: (1) FIAT INVESTMENTS N.V., una società per azioni (naamloze vennootschap) costituita ai sensi del diritto olandese,

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA UN OFFERTA DI RIACQUISTO SULLA TOTALITÀ DI ALCUNE OBBLIGAZIONI IN DOLLARI EMESSE DA TELECOM ITALIA CAPITAL S.A. Milano, 7 luglio 2015 Telecom Italia S.p.A.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 EFET European Federation of Energy Traders Amstelveenseweg 998 / 1081 JS Amsterdam Tel: +31 20 5207970/Fax: +31 20 6464055 E-mail: secretariat@efet.org

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

CITY CREDIT CAPITAL (UK) LIMITED Application Form for a Corporate Account Modulo di richiesta di un Conto aziendale

CITY CREDIT CAPITAL (UK) LIMITED Application Form for a Corporate Account Modulo di richiesta di un Conto aziendale CITY CREDIT CAPITAL (UK) LIMITED Application Form for a Corporate Account Modulo di richiesta di un Conto aziendale City Credit Capital (UK) Limited (FCA Reg. 232015) 12th Floor Heron Tower, 110 - Bishopsgate,

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID

I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID Regulation & Post Trading Fabrizio Plateroti Elena Vantellini Simone D Ippolito La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Codice Segnalazioni anche anonime Etico ricevute da Snam e dalle società controllate Anonymous and non-anonymous reports received by Snam and its

Codice Segnalazioni anche anonime Etico ricevute da Snam e dalle società controllate Anonymous and non-anonymous reports received by Snam and its Codice Segnalazioni anche anonime Etico ricevute da e dalle società controllate Anonymous and non-anonymous reports received by and its subsidiaries The English text is a translation of the Italian official

Dettagli

Italiano - English. Nuovo Glossario

Italiano - English. Nuovo Glossario Italiano - English Nuovo Glossario ed. 03/08 Addebito Transazione a segno dare. Debit A transaction decreasing the balance on your current account. Aumento fido Carta di Credito Puoi richiedere l'aumento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO Il presente comunicato non può essere distribuito negli Stati Uniti, né ad alcuna persona che si trovi o sia residente o domiciliata negli Stati U niti, nei suoi territori o possedimenti, in qualsiasi

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli