IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA"

Transcript

1 IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Con il contributo di: Dipartimento 7 Agricoltura e Risorse Agroalimentari AIAB CALABRIA Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria cofinanziato Feasr Regolamento (CE) n. 1698/2005 Misura 111 azione 3 nell ambito del progetto InformaBio Campagna di sensibilizzazione e informazione sul biologico per gli addetti del mondo agricolo

2 LE PRINCIPALI NORMATIVE COMUNITARIE SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA I PRINCIPI GENERALI DELL AGRICOLTURA BIOLOGICA LA SALVAGUARDIA DEL SUOLO SECONDO I CRITERI DELL AGRICOLTURA BIOLOGICA LA REGOLAMENTAZIONE EUROPEA SULLA ZOOTECNIA BIOLOGICA IL REGOLAMENTO CE N. 710/2009 SULL ACQUACOLTURA BIOLOGICA LA RECENTE NORMATIVA SULLA VITICOLTURA BIOLOGICA LOGO ED ETICHETTATURA: INDICAZIONI PREVISTE DALLA NORMATIVA CONTROLLO E CERTIFICAZIONE GLI ORGANISMI DI CONTROLLO ITALIANI 2

3 LE PRINCIPALI NORMATIVE COMUNITARIE SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA Questo opuscolo intende divulgare le linee guida sulle normative concernenti il metodo di agricoltura biologica nonché quelle ad esse connesse per affrontare correttamente la gestione di un azienda bio, valorizzando, allo stesso tempo, le potenzialità dell agroecosistema in cui si opera. L agricoltura biologica è una attività sottoposta a regolamentazioni pubbliche fin dal 1991, con il Regolamento CE N del 24 giugno. Da allora la normativa del settore è stata aggiornata al fine di assicurare una maggiore attenzione non solo ai metodi agricoli e alle pratiche di allevamento, ma anche alla preparazione e alla trasformazione dei prodotti, alla loro distribuzione e pubblicizzazione sul mercato. La normativa sul biologico disciplina infatti tutte le fasi della filiera, a partire dalla produzione primaria di un prodotto biologico fino al magazzinaggio, alla trasformazione, al trasporto, alla vendita o fornitura al consumatore finale, incluse le operazioni di etichettatura, la pubblicità, le attività di importazione e di esportazione. Regola inoltre il sistema di controllo e la certificazione della filiera del biologico, negli ultimi anni estesa anche alla produzione di vino, agli allevamenti ittici e alla coltivazione di alghe. Rimangono esclusi dalla legislazione europea i prodotti derivati dalla caccia e dalla pesca. Attualmente le norme vigenti riguardano ogni operatore che esercita attività per conto proprio, o presso terzi (subappalto), in qualunque fase della produzione, preparazione e distribuzione relativa ai prodotti, ad esclusione della ristorazione collettiva. Il quadro della normativa presta inoltre attenzione alla sostenibilità del metodo biologico, nel pieno rispetto della salvaguardia della biodiversità. Il concetto di sostenibilità, connesso al metodo biologico, è infatti ribadito su tutte le principali normative europee che regolamentano il settore: Regolamento (CE) N. 834/07 del Consiglio del 28 Giugno 2007 relativo alla produzione biologica e all etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento (CEE) n. 2092/91. Regolamento (CE) N. 889/2008 della commissione del 5 settembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio relativo alla produzione biologica e all etichettatura dei prodotti biologici, per quanto riguarda la produzione biologica, l etichettatura e i controlli. Regolamento (CE) N. 1235/2008 della commissione dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) N.834/2007 del Consiglio per quanto riguarda il regime di importazione dei prodotti biologici da Paesi Terzi. Regolamento (CE) N. 710/2009 della commissione del 5 agosto 2009 che modifica il regolamento (CE) N. 889/2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) N.834/2007 del Consiglio per quanto riguarda l introduzione di modalità di applicazione relative alla produzione di animali e di alghe marine da acquacoltura biologica. Regolamento di Esecuzione (UE) n. 2003/20012 della commissione dell 8 marzo 2012 che modifica il regolamento (CE) 889/2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) N.834/2007 del Consiglio in ordine alle modalità di applicazione del vino biologico. IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 3

4 I PRINCIPI GENERALI DELL AGRICOLTURA BIOLOGICA L agricoltura biologica è un metodo di produzione definito dal punto di vista legislativo sia a livello comunitario, attraverso i Regolamenti CE 834/07 e 889/08, sia livello nazionale con il D.M /09. Queste norme mirano a delineare i caratteri peculiari del metodo biologico, inteso come un sistema di produzione agricola che punta ad offrire al consumatore prodotti sani e genuini, ottenuti nel rispetto della salvaguardia della biodiversità. L azienda agricola biologica è infatti concepita come un unico agro-eco-sistema nel quale l attività dell uomo si inserisce utilizzando tecniche rispettose della fertilità del suolo, delle singole colture, degli animali e dell equilibrio ambientale. Tali tecniche escludono l impiego di concimi, fitofarmaci, medicinali veterinari chimici di sintesi e gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM). L agricoltura biologica si fonda, infatti, su principi e pratiche regolamentati dalla normativa per minimizzare l impatto umano sull ambiente, permettendo al sistema agricolo di operare nel modo più naturale possibile. Le pratiche agricole biologiche consentite dalla legislazione vigente includono: La rotazione delle colture per un uso efficiente delle risorse locali. Ristretto uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici, limitato impiego di antibiotici nell allevamento degli animali, di additivi e coadiuvanti negli alimenti. Il divieto di organismi geneticamente modificati (OGM). L uso efficace delle risorse del luogo, come per esempio l utilizzo del letame per fertilizzare la terra o la coltivazione dei foraggi per il bestiame all interno dell azienda agricola. La scelta di piante ad animali che resistono alle malattie e si adattano alle condizioni del luogo. Allevamento degli animali a stabulazione libera, all aperto, nutrendoli con foraggio biologico. Pratiche di allevamento appropriate per le differenti specie di bestiame. Agricoltura Biologica significa sviluppare un modello di produzione che eviti lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, in particolare del suolo, dell acqua e dell aria, utilizzate piuttosto come risorse all interno di un modello di sviluppo sostenibile, capace quindi di perdurare nel tempo. Per quanto riguarda i sistemi di allevamento, la normativa pone massima attenzione al benessere degli animali. Obbliga quindi l allevatore a nutrire i propri animali con erba e foraggio biologico, vietando l uso di antibiotici, ormoni o altre sostanze che stimolino artificialmente la loro crescita e la loro produzione di latte e di carne. Le aziende agricole sono tenute ad avere ampi spazi per consentire agli animali di muoversi e pascolare 4

5 liberamente, garantendo ogni forma di attenzione che favorisca il benessere degli allevamenti. L agricoltura biologica è anche parte di una filiera che comprende la produzione, la trasformazione degli alimenti, la distribuzione e la vendita al consumatore finale. Ogni passaggio di questa catena deve operare nel rispetto di specifici regolamenti comunitari, tutelando gli ecosistemi e le specie animali che li popolano. Lungo tutta la filiera opera il controllo degli Organismi di Certificazione che garantiscono l osservanza delle regole stabilite. LA SALVAGUARDIA DEL SUOLO SECONDO I CRITERI DELL AGRICOLTURA BIOLOGICA I benefici dell agricoltura biologica si evidenziano in diversi ambiti, tra cui la protezione dell ambiente e la vitalità dei suoli. Il metodo agricolo biologico opera in modo da rispettarne il terreno, considerato una delle risorse naturali più importanti. E cura di ogni operatore controllare se le proprie attività interferiscono con la fertilità e la composizione del suolo. I contenuti di materia organica nei terreni coltivati con il metodo biologico sono più elevati, grazie alle concimazioni organiche (reflui degli allevamenti, paglia, compost, sfalci, sovesci) ed alla rotazione delle colture. Tali pratiche sviluppano maggiormente anche l attività biologica del suolo: i suoi organismi viventi (lombrichi, funghi, insetti di superficie) sono infatti più numerosi, diversificati e più attivi. Il ricorso ai concimi compostati e a specifiche tecniche di coltivazione permettono inoltre di ridurre le perdite di carbonio contribuendo alla riduzione dei gas che provocano l effetto serra. Non meno importanti sono le iniziative, anche di tipo commerciale, messe in atto per diminuire i consumi di energia. Anche la salvaguardia del paesaggio e della diversità agricola è tenuta in considerazione dalla normativa che regola i principi dell agricoltura biologica; infatti la cura che gli agricoltori biologici pongono nelle loro pratiche, rispecchia anche la gestione ambientale delle aziende stesse. Recupero e conservazione di siepi, boschetti, piccoli specchi d acqua, piantumazione di alberi e siepi concorrono a tutelare quella biodiversità da cui l agricoltore bio sa di poter trarre solo vantaggi, per sé stesso e per l ambiente. Inoltre, dove possibile, gli agricoltori biologici utilizzano metodi meccanici e fisici per la coltivazione del suolo per ottenere miglioramenti nella composizione del terreno. In altre parole, gli agricoltori biologici tengono sotto controllo le erbe infestanti estirpandole, piuttosto che utilizzando erbicidi, aiutando IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 5

6 così a mantenere viva la biodiversità sia sopra che sotto il terreno. Tra le pratiche utilizzate dagli agricoltori biologici per migliorare la qualità del terreno e difendere in modo sostenibile le coltivazioni troviamo: L utilizzo di un ampio piano di rotazione delle colture, impiegate per interrompere il ciclo dei parassiti e delle erbe infestanti, permettendo al terreno di incrementare nutrimenti utili. Le leguminose come il trifoglio, per esempio, fissano l azoto dall atmosfera nel suolo. L uso di fertilizzanti organici a base di letame per migliorare la struttura del terreno e prevenire l erosione del suolo. Severa restrizione nell uso di fertilizzanti chimici e fitofarmaci per evitare cambiamenti delle proprietà del suolo e la dipendenza da input esterni. L adozione del pascolo turnato per evitare un eccessivo sfruttamento del terreno. La coltivazione di piante da sovescio per la copertura del suolo dopo il raccolto per prevenire fenomeni di erosione del terreno e la perdita di sostanze nutritive. Piantumazione di siepi e prati per prevenire l erosione del suolo e la perdita di sostanze nutritive 6

7 LA REGOLAMENTAZIONE EUROPEA SULLA ZOOTECNIA BIOLOGICA La nuova regolamentazione europea sull agricoltura biologica fa direttamente riferimento alle pratiche di zootecnica in diversi punti, includendo anche tutti quegli aspetti concernenti la formazione del personale che si occupa degli animali e che dovrebbe avere l esperienza necessaria per garantire la salute degli allevamenti. L applicazione delle normative di settore assicura una sana esistenza agli animali allevati, in linea con i principi etici del metodo biologico. All interno di questo concetto sussistono pratiche comuni, tra le quali: Accesso permanente all aria aperta; Cibo appropriato ai bisogni nutrizionali e comportamentali; Divieto della catena o dell isolamento; Giacigli e stalle adeguate; Basso carico di bestiame; Limitare i tempi di trasporto. IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 7

8 IL REGOLAMENTO CE N. 710/2009 SULL ACQUACOLTURA BIOLOGICA Il cammino legislativo relativo all acquacoltura biologica è partito ufficialmente nell Agosto del 2009, con il regolamento CE N In esso si stabiliscono i principi basilari per certificare e allevare, con tecniche biologiche, pesci d acqua dolce e d acqua salata, gamberi e altri molluschi, nonché coltivare alghe e piante acquatiche. Le nuove norme europee sull etichettatura degli alimenti biologici che riguardano l acquacoltura stabiliscono condizioni concernenti gli ambienti di produzione acquatico, che devono essere rispettate in tutta l Unione Europea. Impongono inoltre la separazione di unità biologiche e non biologiche e indicano condizioni specifiche per il benessere degli animali, compresa la densità massima degli stock (un indicatore misurabile del benessere degli animali). Parallelamente agli altri regolamenti, anche le norme in materia di acquacoltura stabiliscono il rispetto della biodiversità, il divieto di indurre la riproduzione utilizzando ormoni artificiali, obbligando l impiego di mangimi biologici integrati da prodotti ittici, provenienti da attività di pesca gestite in modo sostenibile. 8

9 LA RECENTE NORMATIVA SULLA VITICOLTURA BIOLOGICA Fino a qualche anno fa sul mercato poteva essere disponibile unicamente del vino da uva da agricoltura biologica. La Commissione UE ha lavorato in questi anni ad un regolamento per disciplinare anche le tecniche di vinificazione in linea con i principi del biologico, per fare in modo che possa essere commercializzato anche vino biologico. Il regolamento (UE) n. 203 /2012 stabilisce le norme per la produzione di vini biologici e tutto ciò che concerne la produzione biologica del settore vitivinicolo, definendo l utilizzo di prodotti e sostanze e delineando le pratiche enologiche consentite. Tale regolamento si applica dal 1 Agosto Da questo periodo in poi il vino prodotto secondo le sue norme può essere etichettato come vino biologico utilizzando il nuovo logo biologico UE. I vini prodotti prima di tale data possono essere etichettati biologici, a condizione che il produttore possa fornire la prova che il vino è stato prodotto secondo la nuova norma. Il vino biologico deve essere realizzato con ingredienti biologici. Le uve biologiche devono essere prodotte seguendo le norme di produzione agricola come stabilito nei regolamenti biologici (CE), n.834/2007 e 889/2008. Il nuovo regolamento del vino biologico prevede norme aggiuntive per le pratiche enologiche, per i processi, i trattamenti e le sostanze impiegate, come ad esempio additivi. Molte pratiche e sostanze utilizzate nella produzione convenzionale di cui al regolamento (CE) 1234/2007, 606/2009 e 607/2009 sono viste come non idonee per la produzione di vino biologico, per altre ci sono restrizioni e limitazioni specifiche date dal nuovo regolamento del vino biologico. E previsto, inoltre, che alcune sostanze di più diretta derivazione agricola, siano ottenute come materie prime biologiche se queste sono disponibili. IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 9

10 LOGO ED ETICHETTATURA: INDICAZIONI PREVISTE DALLA NORMATIVA Il logo biologico e il sistema di etichettatura hanno il compito di assicurare al consumatore che i prodotti in commercio sono ottenuti, seguendo in tutti i dettagli la Regolamentazione europea sull agricoltura biologica, o nel caso di prodotti importati, secondo regole equivalenti. A partire dal 1 luglio 2010 l uso del nuovo logo è diventato obbligatorio per tutti i prodotti biologici realizzati nel rispetto della normativa comunitaria. Il logo dell UE per i prodotti biologici consente di rendere maggiormente riconoscibili tutti i prodotti biologici europei, migliorandone l impatto comunicativo e rendendo evidenti le garanzie di qualità che il metodo biologico offre ai consumatori. Di seguito alcune brevi indicazioni previste dalla normativa ed utili per imparare a leggere un etichetta bio. Va inoltre precisato che per i prodotti trasformati il riferimento biologico può essere riportato: 10 a) direttamente nella denominazione di vendita (nome del prodotto), purché gli alimenti trasformati siano stati prodotti conformemente alla normativa e almeno il 95% in peso degli ingredienti di origine agricola sia biologico; b) per prodotti con meno del 95 % di componenti bio, l indicazione dell origine biologica è consentita soltanto nell elenco degli ingredienti. Deve essere comunque indicata la percentuale totale di ingredienti biologici; c) nell elenco degli ingredienti e nello stesso campo visivo della denominazione di vendita, purché: Il principale ingrediente sia un prodotto della caccia o della pesca; Contenga altri ingredienti di origine agricola che siano tutti biologici; Gli ingredienti biologici utilizzati nella preparazione devono essere separati nel tempo e nello spazio dagli alimenti non biologici, non devono cioè essere contenuti insieme o provenire da un ingrediente non biologico e non contengano additivi non autorizzati. Se in etichetta è utilizzato il termine biologico o le relative abbreviazioni/derivazioni sopra citate, deve comparire il numero di codice dell organismo di controllo, il logo comunitario (per gli alimenti preconfezionati, obbligatorio dal 1 Luglio 2010) e

11 deve essere riportata l indicazione del luogo in cui sono state coltivate le materie prime agricole di cui il prodotto è composto: - Agricoltura UE, quando la materia prima agricola è stata coltivata nell Unione Europea; - Agricoltura non UE, quando la materia prima agricola è stata coltivata in Paesi Terzi; - Agricoltura UE/non UE, quando parte della materia prima agricola è stata coltivata nella Comunità e/o in un Paese Terzo). - Circa il codice identificativo dell organismo che controlla il produttore ed il prodotto, esso compare in etichetta sotto al logo comunitario. Deve essere, inoltre, costituito da una sigla identificativa dello Stato membro, da un termine che rinvia al metodo di produzione biologico e da un numero di riferimento stabilito dall autorità competente. Inoltre, in etichetta deve comparire il numero di codice dell operatore, che ha prodotto o effettuato la preparazione più recente del prodotto biologico, numero che viene attribuito allo stesso dall Organismo di Controllo. Così in etichetta, sotto al logo comunitario, troveremo una stringa come questa: Organismo di controllo autorizzato dal MIPAAF Operatore controllato n. IT BIO XXX XXX Accanto al logo europeo vanno riportate le indicazioni necessarie per identificare la nazione, il tipo di metodo di produzione, il codice dell operatore, il codice dell organismo di controllo preceduto dalla dicitura: Organismo di controllo autorizzato dal MiPAAF IT = CODICE ISO che identifica il biologico Italiano BIO = a seconda dei paesi può diventare ORG, EKO XXX codice numerico dell organismo di controllo Le indicazioni del luogo di origine delle materie prime agricole biologiche devono comparire nello stesso campo visivo del logo e sotto al codice identificativo dell organismo di controllo. IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 11

12 Il logo europeo può essere affiancato da loghi privati e da descrizioni e riferimenti testuali che descrivano l agricoltura biologica, purché tali elementi non mutino o vadano in contrasto con l art.58. Nel caso di loghi privati possono identificare il rispetto di disciplinari privati che hanno regole più restrittive rispetto al Reg. CE 834/07 e Reg.889/08. Un esempio è il marchio privato dei soci AIAB, su base volontaria, che viene apposto su prodotti che rispettano il disciplinare AIAB di riferimento che ha requisiti più restrittivi della regolamentazione comunitario Reg. (CE) 834/07: - l azienda garanziaaiab deve essere tutta condotta con metodo biologico (non è ammessa l azienda mista) - l azienda garanziaaiab deve lavorare solo materie prime ottenute in Italia e se zootecnica deve alimentare il bestiame solo con alimenti biologici (non sono ammesse le deroghe del Reg. (CE) 834/07) - l azienda garanziaaiab si impegna a prevenire, evitare e ridurre ogni forma di inquinamento e a favorire l impiego di risorse ed energie rinnovabili 12

13 Altri esempi europei di marchi supportati da disciplinari privati: Disciplinari che identificano situazioni e gestioni aziendali di eccellenza: In alcuni Paesi (es. Germania e Francia), a seguito di richiesta/registrazione all agenzia governativa competente, è ammesso l impiego di marchi nazionali per tutti gli operatori (anche stranieri) dotati di certificazione di conformità al Reg. CE 834/07: Ci sono poi marchi che si riferiscono a certificazioni aggiuntive rispetto al Reg.834 e Reg.889, e che identificano conformità a regolamenti diversi in atto in nazioni non UE, come gli Stati Uniti e il Giappone: IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 13

14 CONTROLLO E CERTIFICAZIONE Gli agricoltori, i trasformatori, gli importatori e tutti gli operatori della filiera rispettare la normativa specifica se vogliono utilizzare, nella commercializzazione del prodotto, le diciture, ed i riferimenti al biologico. Per assicurare che tutti gli operatori siano conformi a questa regolamentazione, è stato istituito un sistema di controllo. I controlli vengono effettuate in ogni anello della catena di produzione dell agricoltura biologica, ed è obbligatorio che ogni agricoltore, trasformatore o importatore che opera nella settore dell agricoltura biologica, sia soggetto ad ispezione almeno una volta all anno. Per questa funzione, ogni Stato Membro ha designato determinate autorità pubbliche e/o organismi di controllo privati che hanno il compito di eseguire le ispezioni. Tutti gli organismi e le autorità di controllo operano sotto la supervisione o in stretta collaborazione con le autorità centrali competenti degli Stati Membri. Gli organismi di controllo privati devono avere caratteristiche specifiche: Devono essere accreditati secondo i requisiti generali dell UE per gli organismi che gestiscono sistemi di certificazione di prodotti Devono essere approvati e supervisionati dalle autorità competenti degli Stati Membri Devono essere obiettivi di fronte alle argomentazioni degli operatori ispezionati. Gli Stati membri attribuiscono un codice di identificazione a ciascun organismo e autorità di controllo della filiera biologica a cui hanno concesso l autorizzazione ad operare sul proprio territorio. Tale codice figura sull etichetta di ogni prodotto biologico. Il codice di identificazione è la prova che il prodotto che acquistate è stato ispezionato dall organismo o dall autorità di controllo interessata, che garantisce che esso è stato prodotto e trasformato secondo la regolamentazione dei prodotti biologici. Quando su un prodotto viene apposto il logo dell UE per i prodotti biologici, esso deve essere obbligatoriamente accompagnato dal codice di identificazione dell organismo o dell autorità di controllo cui è soggetto l operatore che ha svolto l operazione di produzione o di preparazione più recente (vedi sopra BOX sull etichettatura). Sui prodotti importanti è obbligatorio riportare il codice di identificazione dell organismo o dell autorità di controllo solo se viene utilizzato il logo biologico UE. La Commissione europea è tenuta ad attribuire i codici di identificazione agli organismi e alle autorità di controllo che svolgono ispezioni al di fuori dell UE. 14

15 GLI ORGANISMI DI CONTROLLO ITALIANI Gli organismi nazionali che possono effettuare i controlli e la certificazione delle produzioni biologiche sono nove, questi sono riconosciuti con decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, e sono sottoposti a loro volta al controllo dello stesso ministero e delle regioni. Ecco i nomi e il loro codice identificativo: ABCERT Srl - Cod. Min. IT BIO 013 BIKO Kontrollservice Tirol - Cod. Min. IT BIO BZ (Autorizzato ad operare nella sola Provincia di Bolzano) BioAgriCert S.r.l. - Cod. Min. IT BIO (ex BAC) BIOS S.r.l. - Cod. Min. IT BIO (ex BSI) CCPB S.r.l. - Cod. Min. IT BIO (ex CPB) CODEX S.r.l. - Cod. Min. IT BIO (ex CDX) EcoGruppo Italia S.r.l. - Cod. Min. IT BIO (ex ECO) ICEA - Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale - Cod. Min. IT BIO (ex ICA) IMO Gmbh (Cod. Min. IT - BIO BZ) - (Autorizzato ad operare nella sola Provincia di Bolzano) Q.C. & I. - Gesellschaft für kontrolle und zertifizierung von Qualitätssicherungssystemen GMBH (Cod. Min. IT - BIO BZ) - (Autorizzato ad operare nella sola Provincia di Bolzano) QC S.r.l.- Cod. Min. IT BIO 014 SIDEL CAB S.p. a. (Cod Min. IT BIO ex SDL Suolo e Salute - Cod. Min. IT BIO 004 (non autorizzato ad esercitare il controllo e la certificazione sull attività di importazione da Paesi terzi di prodotti biologici) Valoritalia srl Cod. Min. IT BIO 015 (autorizzato ad effettuare l attività di controllo sulle produzioni agricole vegetali sia fresche che trasformate compreso il settore vitivinicolo) IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA 15

16 AIAB CALABRIA Bova Marina (RC) Via Monte Bianco 22 Tel Fax sito 16

DOCUMENTO PER FACILITARE LA COMPRENSIONE E L ATTUAZIONE DELL ETICHETTATURA NEI PRODOTTI BIOLOGICI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA

DOCUMENTO PER FACILITARE LA COMPRENSIONE E L ATTUAZIONE DELL ETICHETTATURA NEI PRODOTTI BIOLOGICI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Via Piave, 14 00187 Roma Italia Tel. +39 0645437485 Fax +39 0645437469 P.I. 02097571208 C.F. 02138600487 www.aiab.it aiab@aiab.it DOCUMENTO PER FACILITARE LA COMPRENSIONE E L ATTUAZIONE DELL ETICHETTATURA

Dettagli

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere).

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere). L'agricoltura biologica è un metodo di produzione regolato sotto l aspetto legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

I Prodotti Bio Biologici. Verso la Cultura delle Eccellenze.

I Prodotti Bio Biologici. Verso la Cultura delle Eccellenze. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational I Prodotti Bio Biologici. Verso la Cultura delle Eccellenze. Relatore: Nicola Bruno prof. Casadei mail: nicola.casadei@cucinaverarte.eu

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

Osservazioni sull atto comunitario n. 180

Osservazioni sull atto comunitario n. 180 Osservazioni sull atto comunitario n. 180 1. CONTESTO DELLA PROPOSTA Cap. 1.4 Coerenza con altre politiche Si segnala in positivo come la norma di settore si inquadri nel contesto più generale di politiche

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO

Dettagli

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale;

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale; COS È BIO? Sistema di produzione agricola che ha come obiettivo il rispetto dell ambiente, degli equilibri naturali e della biodiversità, e che cerca di offrire al consumatore prodotti genuini ottenuti

Dettagli

(GU L 189 del 20.7.2007, pag. 1)

(GU L 189 del 20.7.2007, pag. 1) 2007R0834 IT 10.10.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno

Dettagli

SCOPRI L AGRICOLTURA BIOLOGICA

SCOPRI L AGRICOLTURA BIOLOGICA SCOPRI L AGRICOLTURA BIOLOGICA ASSOCIAZIONE ITALIANA AGRICOLTURA BIOLOGICA LOMBARDIA La Buona Terra Associazione Lombarda degli Agricoltori Biologici INDICE PAGINE 4/5 6/7 8/9 10/11 12/13 14/15 16/17 18/19

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

la Gemma, troverai bio

la Gemma, troverai bio Cerca la Gemma, troverai bio La Gemma Due terzi della popolazione svizzera consuma regolarmente bio, tendenza in aumento. I consumatori apprezzano soprattutto la genuinità, il sapore naturale e la sicurezza

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Obiettivi della produzione biologica Art. 3 Principi della produzione biologica Art. 4; Art. 6 Divieto di uso di OGM Art. 9 Divieto di utilizzare

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

L attuale Quadro Normativo

L attuale Quadro Normativo L attuale Quadro Normativo L educazione alimentare per il biologico Centro Congressi di Eatily Roma, 12 Ottobre 2012 Dott.ssa Teresa De Matthaeis Dirigente Ufficio Agricoltura Biologica - PQA V Ministero

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

L AGRICOLTURA BIOLOGICA

L AGRICOLTURA BIOLOGICA L AGRICOLTURA BIOLOGICA L agricoltura biologica è un metodo di produzione definito dal punto di vista legislativo a livello comunitario con il Regolamento CEE 2092/91 (ora Reg. 834/07 e Reg. 889/08), e

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Divieti di coltivazione e di allevamento di OGM. Disposizioni

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Alimenti biologici e salute. dubbi&certezze

Alimenti biologici e salute. dubbi&certezze Alimenti biologici e salute dubbi&certezze Alimenti biologici e salute dubbi&certezze Hanno realizzato questo opuscolo: Stefano Bassi Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia-Romagna,

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

GESTIONE DEI PRODOTTI

GESTIONE DEI PRODOTTI Gestione dei prodotti biologici ed etichettatura G [ GESTIONE DEI PRODOTTI ] BIOLOGICI ED ETICHETTATURA E L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Il testo principale sull etichettatura, la presentazione

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

IL CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI: PER UNA OMOGENEA INTERPRETAZIONE DI PARAMETRI E PROCEDURE

IL CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI: PER UNA OMOGENEA INTERPRETAZIONE DI PARAMETRI E PROCEDURE IL CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI: PER UNA OMOGENEA INTERPRETAZIONE DI PARAMETRI E PROCEDURE I controlli sulle produzioni biologiche Il controllo sulla qualità delle produzioni

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Giuseppe Garcea Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB srl E mail: ggarcea@ccpb.it Fiera SANA 2013 Etimologia dei termini Sostenibilità:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA PSR TOSCANA 2007/2013 Regolamento CE 1698/05 MISURA 114 Utilizzo servizi di consulenza Provincia di... Organismo prestatore del servizio:. Beneficiario :..... Tipologia

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione CIBO CHE NUTRE tra informazione e disinformazione Trino, 15 maggio 2014 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE Alimentarsi vuol dire scegliere e assumere alimenti volontariamente. Nutrirsi vuol dire utilizzare le

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR IL BIOLOGICO: REALI

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Promuovere la qualità del Veneto: l agroalimentare biologico che ci distingue

Promuovere la qualità del Veneto: l agroalimentare biologico che ci distingue www.veneto.to BioVeneto Presentazione Promuovere la qualità del Veneto: l agroalimentare biologico che ci distingue Il Piano regionale di sviluppo dell agricoltura biologica è stato approvato nel 2006

Dettagli

Scheda 2. «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA BIOLOGICA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2. «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA BIOLOGICA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA BIOLOGICA GREEN JOBS Formazione e Orientamento L agricoltura biologica si è sviluppata soprattutto nelle aree del mondo più prospere e si posiziona su

Dettagli

3 - ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI BIOLOGICI

3 - ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI BIOLOGICI 3 - ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI BIOLOGICI 3.1 PREMESSA Come spiegato nella sezione precedente, sulle etichette dei prodotti certificati secondo il Reg. CE 834/07 compaiono con modalità differenti:

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna La L.R. 28/99 persegue la valorizzazione dei prodotti

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Vogliamo il benessere degli animali

Vogliamo il benessere degli animali Vogliamo il benessere degli animali La Gemma garantisce una qualità bio I prodotti biologici sono in armonia con la natura. Ciò significa foraggiamento e allevamenti rispettosi della specie senza ricorrere

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Allevamento intensivo

Allevamento intensivo Allevamento intensivo Elevata specializzazione (selezione) e numerosità Perdita di biodiversità Rischi economici Massimizza le produzioni Dott.. Antonio Fagiolo Dott.ssa Cristina Roncoroni ISTITUTO ZOOPROFILATTICO

Dettagli

Agricoltura biologica

Agricoltura biologica Agricoltura biologica AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE INDICE Prefazione 03 Cos é l agricoltura biologica? 04 Il quadro relativo alle produzioni ottenute con

Dettagli

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 In attesa che la Commissione Europea approvi il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Dettagli

LA VALORIZZAZIONE DELLE SEMENTI FORAGGERE

LA VALORIZZAZIONE DELLE SEMENTI FORAGGERE FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Alberto Lugoboni Regione Lombardia - DG Agricoltura Coordinatore LIFE 12/ENV//IT/578

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 24-07-1995 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Disciplina e promozione dell'agricoltura biologica nel Friuli - Venezia Giulia

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 24-07-1995 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Disciplina e promozione dell'agricoltura biologica nel Friuli - Venezia Giulia LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 24-07-1995 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Disciplina e promozione dell'agricoltura biologica nel Friuli - Venezia Giulia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE FRIULI-VENEZIA

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA LA PROVINCIA DI FORLI -CESENA L ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

La Creazione di un Marchio o l adesione a Marchi già esistenti per i prodotti Ittici

La Creazione di un Marchio o l adesione a Marchi già esistenti per i prodotti Ittici La Creazione di un Marchio o l adesione a Marchi già esistenti per i prodotti Ittici Sicilia, ili 05/09 Maggio 2008 ASSAM Agenzia Servizi Settore Agroalimentare Marche istituita con la Legge Regionale

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore.

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore. Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Piccoli frutti Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 7868 del 18.06.2015

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2014-2020 BANDO PUBBLICO REG UE 1305/2013, Art. 29 Priorità dello sviluppo rurale Focus area

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

BIO SUISSE E SOSTENIBILITÀ IN ALTRE PAROLE? CON COERENZA, DAL 1981

BIO SUISSE E SOSTENIBILITÀ IN ALTRE PAROLE? CON COERENZA, DAL 1981 BIO SUISSE E SOSTENIBILITÀ IN ALTRE PAROLE? Proteggere la natura, gli animali, le piante e l ambiente, ossia le basi stesse della vita umana, è oggi più importante che mai. Sostenibilità significa produrre

Dettagli

proposta di legge n. 238

proposta di legge n. 238 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 238 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 30 marzo 2004 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 27 LUGLIO 1998, N. 24 CONCERNENTE: DISCIPLINA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Indice PARTE GENERALE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Definizioni

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI Bilanci ambientali in agricoltura e modelli di certificazione Cremona 15 marzo 2012 Lorenzo D Avino Luca Lazzeri Centro di

Dettagli

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Legnago, 04/12/2015 dr.ssa Alessandra Scudeller Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 La POLITICA EUROPEA dei PRODOTTI DI QUALITÀ, fa

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

degli Ordini e Collegi Professionali P.le Boschetti n.8-41121 MODENA CPO CUP

degli Ordini e Collegi Professionali P.le Boschetti n.8-41121 MODENA CPO CUP degli Ordini e Collegi Professionali P.le Boschetti n.8-41121 MODENA CPO CUP COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ DEL COMITATO UNITARIO DELLE PROFESSIONI DELLA PROVINCIA DI MODENA MODENA PER EXPO 2015.

Dettagli

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE

RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE RIESAME DELLA POLITICA DELL'UE IN MATERIA DI AGRICOLTURA BIOLOGICA - LEGISLAZIONE E PIANO D'AZIONE È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco. 1. INFORMAZIONI SUI PARTECIPANTI

Dettagli

Decreto di attuazione della direttiva 128/2009

Decreto di attuazione della direttiva 128/2009 Gli inoculi di funghi micorrizici e la loro importanza per una agricoltura sostenibile Decreto di attuazione della direttiva 128/2009 Giovedì 31 Ottobre 2013 Rosarno (RC) Laura Critelli ARSAC Calabria

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

SCHEDA FORNITORI DI INTERGAS MILANO (VERSIONE 1.5 GIUGNO 2012)

SCHEDA FORNITORI DI INTERGAS MILANO (VERSIONE 1.5 GIUGNO 2012) SCHEDA FORNITORI DI INTERGAS MILANO (VERSIONE 1.5 GIUGNO 2012) Tipo di scheda: O Produttore O Trasformatore O Rivenditore (Segnare anche piu di una casella) Per la redazione della scheda, il compilatore

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 CHIARIMENTI SULLE

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli