Attività dell Ordine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività dell Ordine"

Transcript

1 Attività dell Ordine

2 Indice TENUTA DELL ALBO...3 A chi deve essere inviato l' Albo...4 A chi puo essere inviato l'albo...6 Cancellazione...7 Contenuto dell Albo...11 Iscrizione cit. extracom...12 Iscrizione cit. UE...15 Iscrizione...18 Tassa di concessione governativa...24 Tesserini di iscrizione all'albo professionale...25 Trasferimento...27 OBBLIGHI, PROCEDURE, ADEMPIMENTI E COMPETENZE ORDINE...31 Acquisto immobili...32 Anagrafe prestazioni...33 Anagrafe tributaria...34 Comunicazione enti prev.ass.e assist...35 Comunicazione iscriz. cittad. extracom...36 Comunicazione spese pubblicitarie...37 Contributi all'aran...38 Rilevazione dati permessi, aspettative e distacchi...39 Scarto documenti d'archivio...40 DEONTOLOGIA E DISCIPLINA...41 Decorrenza delle sanzioni disciplinari e conseguenze...42 Esercizio abusivo della professione...43 Prescrizione della azione disciplinare...44 Pubblicità...46 Segretezza del voto e verbalizzazione nei giudizi disciplinari...47 PRIVACY...48 Privacy...48 ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI...62 Accesso ai documenti amministrativi...63 Il diritto di accesso in sintesi...71 Modulistica accesso documenti amministrativi...74 QUESITI...82 QUESITO 1-Indicazione della residenza nell'albo.pdf...83 QUESITO 2-Doppia iscrizione.pdf...84 QUESITO 3-Iscrizione all'albo,residenza estero-eserc.profes.nella circ.ordine.pdf...85 QUESITO 4-Registrazione diploma di abilitazione-deposito firma.pdf...86 QUESITO 5-Trasferimento iscrizione.pdf...87 QUESITO 6-Variazioni all'albo.pdf...88 QUESITO 7-Lavoro all'estero.pdf...89 QUESITO 8-AttivitO professionale e distintivo.pdf...90 QUESITO 9-Art. 22, comma1, Cod.Deont.pdf...92 QUESITO 10- Dati che possono essere riportati nell'albo.pdf...93 QUESITO 11-Patente di guida.pdf...94 QUESITO 12-Tesserini di iscrizione all'albo.pdf...95 QUESITO 13-Trasferimento estero e iscriz Albo Italia.pdf...96 QUESITO 14-farmacisti-Fallimento.pdf...97 QUESITO 15-Ordini-fallimento.pdf...98

3 Attività dell Ordine TENUTA DELL ALBO

4 A CHI DEVE ESSERE INVIATO L ALBO Entro il mese di febbraio di ogni anno ciascun Ordine deve provvedere, a proprie spese, alla stampa e alla pubblicazione dell Albo. Una copia dell Albo deve essere inviata, entro lo stesso mese di febbraio, a: - Ministero della salute (P.le dell Industria, ROMA) - Ministero della giustizia (Via Arenula, ROMA) - Ministero della pubblica istruzione (Viale Trastevere 76/a ROMA) - Ministero dell università e della ricerca (Piazza J.F. Kennedy, n ROMA) - Ministero del lavoro e della previdenza sociale (Via Veneto, ROMA) - Uffici Giudiziari della provincia - Federazione Ordini Farmacisti Italiani (Via Palestro, ROMA) - Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Farmacisti (Viale Pasteur, ROMA) Non è previsto che l Ordine invii di sua iniziativa, come adempimento obbligatorio, l Albo a soggetti diversi da quelli sopra elencati, quali ad esempio, tutti gli iscritti, gli altri Ordini dei Farmacisti, ASL e Comuni. La pubblicazione a stampa non implica e non impone che si debba necessariamente procedere a una stampa tipografica: può essere adottata qualsiasi altra forma o modalità tecnica. Essenziale è, infatti, soltanto che ogni anno sia pubblicato l Albo nuovo e completo. A chi deve essere inviato l Albo

5 Ai fini dell assolvimento dell obbligo dell invio annuale dell Albo non è sufficiente trasmettere le sole variazioni che intervengono tra una pubblicazione e l altra. (QUESITO 6) Si tenga presente, comunque, che le nuove iscrizioni e le cancellazioni intervenute durante l anno devono essere comunicate all interessato, al Ministero della salute e al Procuratore della Repubblica. A chi deve essere inviato l Albo

6 A CHI PUO ESSERE INVIATO L ALBO L Albo è pubblico e pertanto conoscibile da chiunque. I dati contenuti nell Albo possono essere comunicati e diffusi a soggetti pubblici e privati, anche senza il consenso degli interessati. Il Garante della privacy, infatti, ha più volte ribadito che gli Albi professionali sono ispirati per loro stessa natura e funzione ad un regime di piena pubblicità e sono collocati dalle norme vigenti tra i documenti pubblici conoscibili da chiunque. A chi puï essere inviato l'albo.doc

7 CANCELLAZIONE DALL ALBO La cancellazione dall Albo è pronunciata dal Consiglio direttivo nei seguenti casi previsti dall art. 11 del DLgsCPS n. 233/1946: perdita della cittadinanza italiana; Questa ipotesi ha perso attualmente rilievo a seguito dell evoluzione normativa essendo ora consentita anche l iscrizione dei cittadini comunitari e dei cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno. perdita del godimento dei diritti civili (QUESITO 15); La cancellazione non può essere pronunciata se non dopo sentito l interessato (art. 11 DLgsCPS 233/1946). trasferimento all estero della residenza dell iscritto (QUESITO 7); La cancellazione non può essere pronunciata se non dopo sentito l interessato (art. 11 DLgsCPS 233/1946). Il trasferimento all estero della residenza non comporta la cancellazione dall Albo nei seguenti casi: a) qualora l iscritto eserciti la professione nella circoscrizione dell Ordine (art. 9 DLgsCPS n. 233/1946 come modificato dall art. 9 della Legge 362/1991); b) Trasferimento nell ambito dell Unione Europea - il farmacista iscritto ad un Ordine provinciale italiano che si trasferisce in un altro Paese membro delle Comunità europee può, a domanda, conservare l iscrizione all Ordine stesso (art. 7 DLgs n. 258/1991); c) Trasferimento fuori dall Unione Europea - il farmacista che eserciti all estero la libera professione ovvero presti la sua opera alle dipendenze di ospedali, di enti o di privati, può mantenere, a sua richiesta l iscrizione all Albo dell Ordine dal quale è stato cancellato (art. 11 DLgsCPS n. 233/1946 come sostituito dall art. 1 L n. 1398/1964); Cancellazione.doc

8 d) i farmacisti italiani all estero, anche se non esercitano la professione, possono comunque iscriversi all Albo dell Ordine dei farmacisti di Roma (art. 2 L n. 1398/1964). Nei casi di cui alle precedenti lettere b), c) e d) l iscritto dovrà verificare se l iscrizione all Albo in Italia risulti compatibile con la normativa dello Stato in cui si trasferisce; trasferimento della residenza dell iscritto ad altra circoscrizione; La cancellazione dall Albo deve essere pronunciata entro un anno dall accertato trasferimento. La cancellazione non può essere pronunciata se non dopo sentito l interessato (art. 11 DLgsCPS 233/1946). Il trasferimento della residenza dell iscritto ad altra circoscrizione non comporta la cancellazione qualora l iscritto eserciti la professione nella circoscrizione dell Ordine (art. 9 DLgsCPS n. 233/1946 come modificato dall art. 9 della Legge 362/1991). rinuncia all iscrizione; L interessato deve presentare all Ordine un atto di rinuncia all'iscrizione (in bollo) e, sulla base di tale atto di rinuncia, il Consiglio Direttivo procederà d ufficio a pronunciare la cancellazione. Poiché l'art. 11 del DPR n. 221/1950 prevede che non si possa pronunciare la cancellazione qualora risulti, a carico dell'interessato/a, un procedimento penale o disciplinare, l'interessato/a dovrà comprovare la non sussistenza di alcun procedimento penale a suo carico con dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione di firma), e la non sussistenza di procedimenti disciplinari con dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (in carta semplice e senza autenticazione di firma) sottoscritta in presenza del dipendente addetto a ricevere la documentazione, oppure sottoscritta e presentata o inviata per Cancellazione.doc

9 posta o per fax, unitamente alla fotocopia di un documento di identità o di equipollente documento di riconoscimento. La cancellazione avrà effetto dalla data della relativa deliberazione. L interessato, può tuttavia, ove lo desideri, indicare, nell atto, che rinuncia all iscrizione a decorrere da una determinata data (naturalmente successiva all atto stesso) che dovrà ricadere nel medesimo anno solare in cui è presentata l istanza; in tal caso il Consiglio Direttivo procederà alla cancellazione con decorrenza dalla data indicata dall'interessato. La cancellazione dovrà comunque essere pronunciata nel termine massimo di novanta giorni. La cancellazione dall ENPAF, in base allo statuto di tale Ente, avrà comunque decorrenza dalla data di adozione della relativa deliberazione da parte dell Ordine (cfr circolare federale n del ). Ove non possa darsi seguito alla richiesta di cancellazione, l Ordine, prima della formale adozione del provvedimento negativo, dovrà comunicare all interessato i motivi che ostacolano l accoglimento della domanda. L interessato ha il diritto di presentare, entro 10 giorni dalla comunicazione dei motivi da parte dell Ordine, osservazioni eventualmente corredate di documenti. La comunicazione all interessato interrompe il termine di novanta giorni per concludere il procedimento. I termini ricominceranno a decorrere dalla data di eventuale presentazione delle osservazioni da parte dell interessato o, in mancanza di presentazione di osservazioni, comunque trascorsi dieci giorni. L eventuale mancato accoglimento delle osservazioni presentate dall interessato deve essere motivato nel provvedimento finale di diniego. morosità nel pagamento dei contributi all Ordine e all Ente di previdenza. La cancellazione per morosità non può essere pronunciata se non dopo sentito l interessato (art. 11 DLgsCPS 233/1946). Cancellazione.doc

10 * Qualora ai sensi dell art.11 del DLgsCPS 233/1946 debba essere sentito l interessato, il presidente gli notifica (con raccomandata a.r.) la data fissata per l audizione, specificando il provvedimento che si intende adottare ed i motivi di esso e avvertendolo che, ove non si presenti, si procederà alla cancellazione dall Albo in sua assenza (art. 11 DPR 221/1950). La cancellazione non può essere pronunciata quando sia in corso procedimento penale o disciplinare. Il procedimento di cancellazione deve essere concluso da parte dell Ordine nel termine massimo di novanta giorni (art. 2, comma 3, L n. 241/1990 come modificata dalla L n. 80/2005). In base all art. 11 del DPR 221/1950 il farmacista cancellato dall Albo è, a sua richiesta, reiscritto quando siano cessate le cause che hanno determinato la cancellazione. Cancellazione.doc

11 CONTENUTO DELL ALBO I dati che devono essere riportati nell Albo professionale sono quelli previsti dall art. 3 del DPR 221/1950; in base a tale articolo devono essere indicati i seguenti elementi: - il cognome; - il nome; - il luogo e la data di nascita; - la cittadinanza, ove si tratti di sanitario straniero; - il domicilio (si tratta di una definizione impropria da intendersi come residenza (QUESITO 1); - la data di iscrizione all Albo; - il titolo in base al quale ha avuto luogo l iscrizione con indicazione dell autorità, del luogo e della data del rilascio. (QUESITO 4) - oltre il numero progressivo è indicato per ogni iscritto il numero d ordine corrispondente all anzianità di iscrizione nell Albo della provincia. Lo stesso articolo prevede anche l indicazione della paternità, ma tale elemento, in base alla legge n. 1064/1955, non deve più essere riportato. - A richiesta dell iscritto - in base a quanto disposto dall art.61 del Codice in materia di protezione dei dati personali (DLgs 196/2003) - l Ordine può inserire nell Albo ulteriori dati, pertinenti e non eccedenti, relativi all attività professionale dell iscritto. - Inoltre può essere menzionata l esistenza di provvedimenti che dispongono la sospensione o che incidono sull esercizio della professione. (QUESITO 10) Contenuto dell' Albo.doc

12 ISCRIZIONE CITTADINI EXTRACOMUNITARI CITTADINI EXTRACOMUNITARI IN POSSESSO DI UN TITOLO ABILITANTE CONSEGUITO IN ITALIA Gli Ordini possono iscrivere all Albo professionale i cittadini extracomunitari che risultino forniti di permesso di soggiorno, rilasciato a qualunque titolo. Prima di procedere all iscrizione gli Ordini devono richiede il parere al Ministero della salute. I documenti che dovranno essere inviati dall Ordine al Ministero sono: diploma di abilitazione (che potrà essere anche autocertificato ); permesso di soggiorno (che non potrà essere autocertificato ). Ottenuto il parere favorevole dal Ministero della salute, gli Ordini possono procedere all iscrizione del cittadino extracomunitario. Gli Ordini devono rendere noto al cittadino extracomunitario che l iscrizione all Albo è efficace solo per il periodo di validità del permesso di soggiorno --- a tal fine è opportuno per l Ordine predisporre uno scadenzario ---- e che all atto del rinnovo, a pena di cancellazione dall Albo, gli interessati sono tenuti a comunicare all Ordine l avvenuto rinnovo del permesso stesso. Qualora il permesso di soggiorno presentato ai fini dell iscrizione non consenta l esercizio dell attività lavorativa, gli Ordini, contestualmente all iscrizione, devono informare il cittadino extracomunitario che dovrà, a pena di cancellazione dall Albo, far pervenire all Ordine, entro un anno dall iscrizione, la conversione del permesso di soggiorno che dovrà risultare conforme all attività effettivamente svolta (lavoro autonomo/lavoro dipendente). CITTADINI EXTRACOMUNITARI IN POSSESSO DI UN TITOLO ABILITANTE CONSEGUITO NON IN ITALIA (PAESE DELL UNIONE EUROPEA O PAESE EXTRACOMUNITARIO) Gli Ordini possono iscrivere all Albo professionale i cittadini extracomunitari che abbiano ottenuto il decreto di riconoscimento del titolo conseguito in un Paese extracomunitario da parte del Ministero della salute o il riconoscimento, da parte del medesimo Ministero, del titolo conseguito in un Paese dell Unione europea. In merito ai decreti di riconoscimento, il DPR 334/2004 ha previsto che perdano efficacia entro due anni; pertanto chi ha avviato la procedura per il riconoscimento e ha ottenuto il decreto dovrà iscriversi all Albo entro due anni altrimenti dovrà riavviare nuovamente la procedura per il riconoscimento stesso. Iscrizione cit. extracom.

13 Per ottenere il decreto di riconoscimento del titolo acquisito in un Paese extracomunitario o dell UE, l interessato dovrà fare domanda al Ministero della salute utilizzando l apposita modulistica a tal fine predisposta e reperibile su sito del Ministero stesso (www.ministerosalute.it). Per eventuali informazioni o chiarimenti gli interessati devono rivolgersi direttamente al Ministero della salute Direzione generale delle professioni sanitarie Piazzale dell Industria, Roma telefono: (centralino). Gli Ordini dovranno accertare la conoscenza della lingua italiana e delle speciali disposizioni che regolano l esercizio professionale in Italia. Tale accertamento deve essere svolto, con oneri a carico dell interessato, a cura degli Ordini. Per lo svolgimento di tale valutazione, il Presidente dell Ordine incaricherà un esperto o un iscritto all Ordine che qualora accerti l insufficiente conoscenza della lingua italiana o delle disposizioni sulla professione, su richiesta dell interessato, può fissare una ulteriore verifica, limitata anche alla sola lingua o alle disposizioni sulla professione, dopo che l interessato abbia ottemperato ad eventuali adempimenti formativi posti a carico dello stesso. Avverso l esito negativo della verifica definitiva, l interessato può chiedere al Presidente dell Ordine che l accertamento sia svolto da una apposita Commissione che dovrà essere formata dallo stesso Presidente e da due appartenenti alla categoria professionale dei farmacisti di cui uno designato dall interessato. L eventuale accertamento negativo da parte della Commissione precluderà, in via definitiva, l iscrizione all Albo professionale. Il permanere dell iscrizione all Albo è comunque subordinato al possesso di un permesso di soggiorno in corso di validità e gli interessati sono tenuti, a pena di cancellazione dall Albo, a comunicare all Ordine l avvenuto rinnovo del permesso stesso. * Va infine rammentato che gli extracomunitari possono avvalersi delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni ( autocertificazioni ) o dell atto di notorietà ma limitatamente alla dichiarazione di stati, qualità personali o fatti certificabili o attestabili dalle pubbliche amministrazioni Italiane. A tal fine l Ordine ha il dovere di informare gli interessati che la produzione di atti o documenti non veritieri è prevista come reato dalla legge Italiana. * TIPI DI PERMESSI DI SOGGIORNO PIU DIFFUSI PERMESSO DI SOGGIORNO RILASCIATO PER LAVORO SUBORDINATO NON STAGIONALE: consente l esercizio di lavoro autonomo, previa acquisizione del titolo abilitativo o autorizzatorio prescritto e sempre che sussistano gli altri requisiti o condizioni previste dalla normativa vigente per l'esercizio dell attività lavorativa in forma autonoma; Iscrizione cit. extracom.

14 PERMESSO DI SOGGIORNO RILASCIATO PER LAVORO AUTONOMO: consente l'esercizio di lavoro subordinato, per il periodo di validità dello stesso, previo inserimento nell'elenco anagrafico o, se il rapporto di lavoro e' in corso, previa comunicazione del datore di lavoro alla Direzione provinciale del lavoro; PERMESSO DI SOGGIORNO RILASCIATO PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE O PER INGRESSO AL SEGUITO DEL LAVORATORE, PER MOTIVI UMANITARI OVVERO PER INTEGRAZIONE MINORE NEI CONFRONTI DEI MINORI: consente l'esercizio del lavoro subordinato e del lavoro autonomo alle condizioni sopra riportate; PERMESSO DI SOGGIORNO RILASCIATO PER FORMAZIONE: MOTIVI DI STUDIO O consente, per il periodo di validità dello stesso, l'esercizio di attività lavorative subordinate per un tempo non superiore a 20 ore settimanali, anche cumulabili per cinquantadue settimane, fermo restando il limite annuale di ore. Il permesso di soggiorno per motivi di studio può essere convertito, prima della scadenza, in permesso di soggiorno per motivo di lavoro. * Attesa la complessità della materia, per ulteriori chiarimenti gli interessati possono rivolgersi alla competente Questura. Iscrizione cit. extracom.

15 ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI I cittadini degli Stati appartenenti all Unione Europea in possesso di titolo abilitante conseguito in Italia si iscrivono all Ordine con la medesima procedura prevista per i cittadini italiani in possesso di titolo abilitante conseguito in Italia. I cittadini degli stati appartenenti all Unione Europea che hanno ottenuto il titolo abilitante all esercizio della professione di farmacista in un Paese dell Unione Europea diverso dall Italia possono essere iscritti all Albo professionale nel rispetto della procedura che di seguito viene indicata (la procedura dovrà essere seguita anche dai cittadini italiani in possesso di un titolo abilitante conseguito in un Paese dell Unione Europea diverso dall Italia). La procedura si articola in due fasi: I FASE L interessato deve presentare domanda al Ministero della salute, redatta sull apposito modulo reperibile sul sito Internet del Ministero della salute (www.ministerosalute.it) e corredata dei documenti indicati nell allegato allo stesso modello. Il Ministero della salute, accertata la regolarità della domanda, provvede a trasmettere gli atti, entro due mesi dal ricevimento, all Ordine dei farmacisti della provincia indicata nella domanda dell interessato/a. II FASE Il competente Ordine provinciale dei farmacisti, entro un mese dalla data di ricevimento della domanda inviata dal Ministero della salute, completa la procedura di iscrizione all Albo. Iscrizione cit. UE.doc

16 A tal fine l interessato, dopo aver ottenuto l autorizzazione ministeriale all iscrizione all Albo professionale, dovrà fornire all Ordine la documentazione comprovante: a) il pagamento della tassa di concessione governativa; è comprovata mediante l esibizione della relativa ricevuta di versamento. L iscrizione all Albo, deliberata dal Consiglio direttivo, potrà essere eseguita soltanto dopo che l interessato/a avrà fornito tale prova; b) la residenza; a scelta dell interessato è comprovata con dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma), oppure mediante l esibizione di documento di identità personale o di equipollente documento di riconoscimento; c) l esercizio della professione nella circoscrizione dell Ordine; (il possesso di tale requisito è necessario soltanto nell ipotesi in cui l interessato abbia la residenza fuori dalla circoscrizione dell Ordine). E comprovato dall interessato con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sottoscritta in presenza del dipendente addetto a ricevere la documentazione, oppure sottoscritta e presentata o inviata per posta o per fax, unitamente alla fotocopia di un documento di identità o di equipollente documento di riconoscimento. Nel caso in cui l interessato ancora non eserciti la professione nella circoscrizione dell Ordine, ma dichiari nella domanda che ivi intenda esercitarla, potrà comunque ottenere l iscrizione, ma il requisito dovrà essere successivamente comprovato all Ordine entro il termine di un anno dall iscrizione stessa; in difetto sarà avviato il procedimento di cancellazione dall Albo. Qualora l interessato fornisca la documentazione di cui alle precedenti lettere a), b), e c) oltre il termine di un mese e fino a un massimo di sei mesi dopo che l Ordine abbia ricevuto dal Ministero della salute la domanda e la relativa documentazione, l iscrizione sarà comunque possibile, ma l Ordine dovrà richiedere all interessato stesso anche la produzione di un certificato, rilasciato dall Autorità competente del Paese di provenienza, attestante il buon comportamento professionale e che la sua abilitazione all esercizio della professione non è stata revocata o sospesa. Iscrizione cit. UE.doc

17 Qualora invece l interessato non provveda agli adempimenti richiesti entro il termine massimo di sei mesi dopo che l Ordine abbia ricevuto dal Ministero della salute la domanda e la relativa documentazione, l iscrizione non sarà più possibile, e l interessato dovrà pertanto ripetere l intera procedura attraverso il Ministero della salute. In occasione dell iscrizione del cittadino comunitario l Ordine, ove lo ritenga opportuno, cura, con spese a carico dell interessato, che l iscritto acquisisca esaurienti informazioni sulla legislazione sanitaria e sociale e sulle norme deontologiche vigenti in Italia nonché le conoscenze linguistiche necessarie all esercizio dell attività professionale. Iscrizione cit. UE.doc

18 ISCRIZIONE ALL ALBO Il farmacista, laureato e abilitato all esercizio della professione, che intenda iscriversi all Albo deve presentare domanda di iscrizione all Ordine nella cui circoscrizione ha la sua residenza o intende esercitare la professione. Va evidenziato che, a seguito di quanto disposto dall art. 5 della legge 248/2006, i titolari e i soci delle società che gestiscono farmacie non hanno più l obbligo di essere iscritti all Albo della provincia in cui ha sede la farmacia. Come per tutti gli iscritti, permane comunque il vincolo di iscriversi all Ordine della provincia ove risiedono o a quello nella cui circoscrizione esercitano la professione. REQUISITI I requisiti relativi all iscrizione all Albo, indicati nell art. 9 del DLgsCPS 233/1946, sono i seguenti: Cittadinanza italiana A seguito della evoluzione normativa è ora consentita anche l iscrizione dei cittadini comunitari e dei cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno. Pieno godimento dei diritti civili (QUESITO 15) Abilitazione all esercizio della professione Residenza o esercizio della professione nella circoscrizione dell Ordine L esercizio della professione nella circoscrizione dell Ordine è requisito necessario soltanto nell ipotesi in cui l interessato abbia la residenza fuori dalla circoscrizione dell Ordine. (QUESITO 3) Essere di buona condotta Iscrizione

19 Successivamente all entrata in vigore della legge 142/1990 e a seguito delle precisazioni a suo tempo fornite dal Ministero dell Interno (cfr circolari federali n del e n del ) il possesso di tale requisito non è più richiesto per l iscrizione all Albo e non deve essere accertato. Ogni riferimento normativo alla buona condotta deve ritenersi implicitamente abrogato. DIPENDENTI PUBBLICI Per quanto riguarda i pubblici dipendenti (cfr art. 10 DLgsCPS 233/1946) è opportuno rammentare che i sanitari impiegati in una pubblica amministrazione, ai quali non sia vietato l esercizio della libera professione, possono essere iscritti all Albo (ad esempio, il personale docente della scuola, i docenti e ricercatori universitari a tempo definito ); mentre alcune categorie sono tenute all iscrizione all Albo professionale (ad esempio, i farmacisti che operano nelle farmacie gestite in economia direttamente dai comuni). Infine, ad alcune categorie di pubblici dipendenti è consentita l iscrizione solo in un elenco speciale dell Albo professionale (si tratta dei docenti e ricercatori universitari a tempo pieno ). Gli iscritti in tale elenco speciale non possono esercitare attività libero-professionale, ma hanno comunque tutti i diritti connessi allo status di iscritto all Albo, ivi compresi l elettorato attivo e passivo. CONDIZIONI CHE PRECLUDONO L ISCRIZIONE Non possono essere iscritti nell Albo coloro che si trovano in una delle condizioni che, ai sensi degli articoli 42 o 43 importino la radiazione dall Albo o la sospensione dall esercizio professionale, salvo che sussistano le condizioni previste dall art. 50 ai fini della riammissione nell Albo (art. 6 DPR 221/1950). TERMINI E IMPUGNAZIONI Iscrizione

20 Sulla domanda di iscrizione il Consiglio deve deliberare nel termine di tre mesi (art. 8 DPR 221/1950). La deliberazione deve essere in ogni caso motivata. Prima della formale adozione di un eventuale provvedimento negativo l Ordine deve comunicare all interessato i motivi che ostacolano l accoglimento della domanda (art. 10- bis Legge 241/1990 come modificata dalla Legge 15/2005). L interessato ha il diritto di presentare, entro 10 giorni dalla comunicazione dei motivi da parte dell Ordine, osservazioni eventualmente corredate di documenti. La comunicazione all interessato interrompe il termine di tre mesi per concludere il procedimento. I termini ricominceranno a decorrere dalla data di eventuale presentazione delle osservazioni da parte dell interessato o, in mancanza di presentazione di osservazioni, comunque trascorsi dieci giorni. L eventuale mancato accoglimento delle osservazioni presentate dall interessato deve essere motivato nel provvedimento finale di diniego. L iscrizione all Albo è eseguita dopo che l interessato ha dato prova dell effettuato pagamento della tassa sulle concessioni governative (art. 8 DPR 221/1950). Avverso la deliberazione di rigetto della domanda di iscrizione nell Albo l interessato, entro trenta giorni dalla comunicazione del provvedimento, può ricorrere alla Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la quale decide in merito alla iscrizione. Decorso il termine di novanta giorni dalla data di presentazione della domanda senza che il Consiglio abbia deliberato, è dato ricorso alla stessa Commissione centrale ai fini dell iscrizione (art. 9 DPR 221/1950). Della eseguita iscrizione o del rigetto della domanda è data comunicazione, nel termine di quindici giorni, all interessato, al Ministero della salute e al procuratore della Repubblica. DOCUMENTAZIONE Per quanto riguarda la documentazione, della quale deve essere corredata la domanda, comprovante i requisiti necessari per iscrizione all Albo, si fa presente quanto segue: Nascita Iscrizione A scelta dell interessato, è comprovata con:

21 - esibizione di documento di identità personale o equipollente documento di riconoscimento; - dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Cittadinanza A scelta dell interessato, è comprovata con: - esibizione di documento di identità personale o equipollente documento di riconoscimento; - dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Residenza A scelta dell interessato, è comprovata con: - esibizione di documento di identità personale o equipollente documento di riconoscimento; - dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Esercizio della professione nella circoscrizione dell Ordine ( solo nell ipotesi di residenza fuori dalla circoscrizione dell Ordine). Deve essere comprovato dall interessato con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (in carta semplice e senza autenticazione della firma) sottoscritta in presenza del dipendente addetto a ricevere la documentazione, oppure sottoscritta e presentata o inviata per posta o per fax, unitamente alla fotocopia di un documento di identità o di equipollente documento di riconoscimento. Qualora l interessato non intenda avvalersi della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, e non presti la propria attività professionale presso una pubblica amministrazione (nel qual caso l Ordine dovrà procedere ad accertamento d ufficio), l interessato stesso dovrà produrre, a corredo della domanda, idonea documentazione atta a comprovare il possesso del requisito. Iscrizione

22 Nel caso in cui l interessato ancora non eserciti la professione nella circoscrizione dell Ordine, ma dichiari nella domanda che ivi intende esercitarla, potrà comunque ottenere l iscrizione, ma il requisito dovrà essere successivamente comprovato all Ordine (con una delle modalità sopra indicate) entro il termine di un anno dall iscrizione stessa; in difetto sarà avviato il procedimento di cancellazione dall Albo. Eventuali precedenti penali L interessato presenta: - nel caso in cui abbia dei precedenti penali, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (in carta semplice e senza autenticazione della firma) sottoscritta in presenza del dipendente addetto a ricevere la documentazione, oppure sottoscritta e presentata o inviata per posta o per fax, unitamente alla fotocopia di un documento di identità o di equipollente documento di riconoscimento; - nel caso in cui non abbia precedenti penali, dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Pieno godimento dei diritti civili E comprovato dall interessato con dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Abilitazione all esercizio della professione E comprovata dall interessato con dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Codice fiscale Deve essere obbligatoriamente indicato nella domanda ai sensi dell art.6 lettera f) del DPR 605/1973. E comprovato dall interessato con dichiarazione sostitutiva di certificato (in carta semplice e senza autenticazione della firma). Iscrizione

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Unione dei Comuni dell Anglona e della Bassa Valle del Coghinas Bulzi - Chiaramonti Erula Laerru Martis Nulvi - Perfugas S.M. Coghinas Sedini - Tergu - Valledoria - Viddalba

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice)

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) All Università degli Studi di Udine Ripartizione del personale Ufficio Concorsi Via Palladio 8 33100 UDINE Il sottoscritto...

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Al Dirigente Scolastico DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Il/La sottoscritto/a Cognome: Nome: -C.F. Luogo di nascita: (Prov. )- data di nascita: Luogo di residenza -Prov. - C.A.P. Indirizzo:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli