FIBRE MINERALI SALUTE E SICUREZZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIBRE MINERALI SALUTE E SICUREZZA"

Transcript

1 SALUTE E SICUREZZA

2 Cosa sono 1 La lana di roccia e la lana di vetro sono isolanti termo-acustici appartenenti ad un gruppo indicato generalmente lane minerali, che a sua volta è compreso in un gruppo più ampio, denominato FAV (Fibre Vetrose Artificiali), del quale fanno parte anche la lana di scoria e le FCR (Fibre Ceramiche Refrattarie). Le lane minerali si differenziano dalle FCR per via del contenuto di ossidi alcalini ed alcalino-terrosi; se questi sono superiori al 18%, le FAV sono classificate come lane minerali, altrimenti come FCR. Le FAV fanno infine parte del più ampio gruppo delle MMMF (Man Made Mineral Fibres). La lana di roccia e la lana di vetro sono proposte sotto forma di pannelli, feltri, coppelle, con o senza rivestimenti in funzione della specifica applicazione, o come lana sfusa. Grazie alle proprie caratteristiche, che le rendono in grado di garantire contemporaneamente isolamento termico e acustico, vengono utilizzate efficacemente in diversi settori, fra i quali: edilizia civile e industriale, per l isolamento termico ed acustico di pareti, pavimenti, coperture e per la protezione dal fuoco; industria, per l isolamento di impianti, incapsulaggio macchinari, silenziatori industriali e altre particolari applicazioni; trasporti, per l isolamento termoacustico di carrozze ferroviarie, navi, auto e barriere acustiche; elettrodomestici, per ottenere risparmio energetico e sicurezza.

3 Come si utilizzano 2 La lana di vetro e la lana di roccia sono costituite da un fitto intreccio di fibre legate tra loro con resine termoindurenti che creano una struttura costituita da una moltitudine di celle aperte contenenti aria. La struttura delle lana di roccia e delle lane di vetro conferisce ai prodotti tre prestazioni fondamentali: isolamento termico isolamento acustico protezione dal fuoco La lana di roccia e la lana di vetro sono inoltre idrorepellenti, non bruciano, non assorbono odori e umidità, mantengono inalterate le caratteristiche nel tempo. Le lane minerali accompagnano la nostra vita: dalle case ai mezzi di trasporto, dagli elettrodomestici alle strutture industriali. Sotto forma di pannelli o lana sfusa, per la realizzazioni di cappotti, controsoffitti o nelle intercapedini dei muri delle nostre case, le lane minerali non sono visibili ma ci proteggono, permettendoci anche di risparmiare in termini di consumo energetico. Inoltre, trovano grande applicazione nelle industrie, per l isolamento di impianti, e nei principali mezzi di trasporto, come i treni, le navi e le auto, per la coibentazione degli involucri.

4 materiali utilizzati in tutto il mondo 3 Le lane minerali sono il materiale isolante più utilizzato al mondo. Nei paesi del Nord Europa, come Danimarca, Norvegia e Svezia, dove da sempre c è molta sensibilità per le tematiche di risparmio energetico e comfort delle abitazioni, la percentuale di utilizzo di questi materiali varia dall 81% al 91%. In Italia la quota di mercato delle lane minerali si attesta attorno al 20%, come i treni, le navi e le auto, per la coibentazione degli involucri. nessun pericolo Le lane minerali prodotte in Europa non rappresentano un pericolo per la salute dell uomo o per la tutela dell ambiente. Sono create artificialmente e composte da fibre certificate, che rispondono ai criteri definiti dalla Nota Q della Direttiva 97/69/CE e del Regolamento 1272/2008, per garantire la totale sicurezza, dalla produzione alla fase di posa fino alla eventuale rimozione E assolutamente sbagliato associare lana di roccia e lana di vetro all amianto. Le lane minerali sono prodotte artificialmente, e quindi controllate e controllabili, mentre l amianto è un prodotto naturale. Da ciò ne deriva la pericolosità: le fibre dell amianto sono soggette a sfaldarsi e presentano un elevata biopersistenza. Le lane minerali, invece, sono composte da fibre biosolubili, non sono soggette a sfaldature, che, qualora aerodisperse, perdono la loro consistenza fibrosa.

5 Biopersistenza e biosolubilità 4 Cosa si intende per biopersistenza e biosolubilità? Per biopersistenza si intende la durata di permanenza delle fibre all interno dell organismo umano, qualora vengano inalate. La biosolubilità, al contrario, dimostra la capacità di tali fibre di sciogliersi all interno dei liquidi fisiologici. Questi due parametri, quindi, determinano l effetto potenziale delle fibre sulla salute dell uomo. Le fibre che, come l amianto, hanno lunga vita nei polmoni, quindi scarsamente biosolubili, possono risultare più pericolose per l organismo umano. Le fibre biosolubili si sciolgono facilmente nei polmoni e non rappresentano un pericolo per la salute. Gli addetti ai lavori, o coloro che realizzano in casa alcuni interventi di ristrutturazione, si devono semplicemente attenere in via cautelativa ad alcune basilari norme di sicurezza. Come avviene per altri prodotti normalmente utilizzati nei cantieri, è consigliabile aerare l ambiente, indossare una maschera anti-polvere e pulire i locali con un aspiratore I rifiuti costituiti da lana di roccia e lana di vetro possono essere smaltiti nelle discariche come rifiuti non pericolosi. Come per i rifiuti inerti, le lane minerali dismesse devono essere depositate in celle dedicate, che si trovano all interno della discarica. Questo aspetto verrà approfondito nelle pagine successive.

6 Salute e sicurezza 5 I manufatti in lana minerale sono stati approfonditamente studiati e vi sono più di pubblicazioni scientifiche dei massimi esperti che stabiliscono che sono sicure durante la produzione, l installazione e il normale esercizio degli edifici. La valenza di questi studi scientifici è stata riconosciuta dalle autorità sanitarie internazionali, europee e nazionali. Ad esempio, il REACH (Regolamento Europeo concernente la registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche) classifica le lane minerali come non pericolose. A livello internazionale, la IARC (Internation Agency for Research on Cancer) ha stabilito che le lane minerali non sono classificabili come cancerogeni per gli esseri umani. In aggiunta a ciò, l industria delle lane minerali, si affida a EUCEB, una certificazione indipendente che assicura la bio-solubilità di tutti i prodotti immessi sul mercato alle prescrizioni europee, Gli isolanti in lana di vetro e lana di roccia da diverse decine di anni sono i più utilizzati in molti Paesi, grazie al loro unico mix di proprietà termiche, acustiche e di incombustibilità. Sono oggetto di continua innovazione e miglioramenti per soddisfare i più severi requisiti tecnici e di sicurezza.

7 La IARC 6 Le lane minerali non sono classificabili come cancerogene per gli esseri umani. Questa è la conclusione a cui è arrivata la IARC (l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro), organismo dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con sede a Lione, che dal 1969 si occupa della classificazione di agenti chimici e fisici in base alla loro cancerogenicità. Tale Agenzia prevede l esistenza delle seguenti classi di sostanze: classe 1 cancerogeno per gli esseri umani ; classe 2A probabile cancerogeno per gli esseri umani ; classe 2B possibile cancerogeno per gli esseri umani ; classe 3 non classificabile come cancerogeno per gli esseri umani ; classe 4 probabile non cancerogeno per gli esseri umani. Nella sua ultima monografia del 2002, a seguito di molteplici studi epidemiologici pluri-decennali e dell analisi delle specifiche caratteristiche chimico-fisiche (composizione chimica, morfologia, dimensioni e reattività) delle FAV (Fibre Artificiali Vetrose), la IARC ha inserito le lane minerali in classe 3. Inoltre, la lana di vetro e la lana di roccia non sono considerate cancerogene neppure per gli animali, al contrario delle FCR (Fibre Ceramiche Refrattarie), che sono state classificate possibile cancerogeno proprio perché vi sono adeguate evidenze della cancerogenicità di queste ultime negli animali..

8 La IARC 7 Le lane minerali (lana di vetro e lana di roccia) sono ritenute sicure anche in merito agli effetti di natura non maligna sull apparato respiratorio (sintomi di irritazione delle alte vie respiratorie, ostruzione bronchiale, diminuzione della funzionalità polmonare, comparsa di placche pleuriche), per i quali gli studi hanno trovato una correlazione con l esposizione a fibre solo per lavoratori addetti alla produzione di FCR. Le conclusioni della IARC si basano non sui soli studi statistici (epidemiologici), ma anche sulle analisi delle caratteristiche chimico-fisiche (composizione chimica, morfologia, dimensioni e reattività) delle FAV. Ciò significa che l assegnazione della classe 3 non dipende dal numero di dati statistici attualmente disponibili; non vi è dunque alcun motivo per ritenere che la classificazione della IARC possa peggiorare con l aumento dei casi studiati.

9 Legislazione - nota Q e nota R 8 l giudizio della IARC non è vincolante dal punto di vista legislativo. L Unione Europea (e di conseguenza l Italia) ha scelto un approccio conservativo e ha introdotto una propria classificazione (cfr. Direttiva n. 97/69/CE, recepita in Italia dal DM 1 settembre 1998, e Regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele, successivamente aggiornato dal Regolamento (CE) 790/2009): Classe 1A: sostanze note per gli effetti cancerogeni sugli esseri umani; esistono prove sufficienti per stabilire un nesso causale tra l esposizione ad una sostanza e lo sviluppo dei tumori; Classe 1B: sostanze con un presunto potenziale cancerogeno sugli esseri umani, la classificazione si basa prevalentemente su dati ottenuti da esperimenti su animali; Classe 2: sostanze da considerare con sospetto per i possibili effetti cancerogeni sugli esseri umani. La UE ha inoltre deciso che non tutte le lane minerali sono escluse dalla definizione di cancerogeno, ma solo quelle che soddisfano la nota Q e/o la nota R (le rimanenti ricadono in classe 2).

10 Legislazione - nota Q e nota R 9 Nota Q: la classificazione "cancerogeno" non si applica se è possibile dimostrare che la sostanza in questione rispetta una delle seguenti condizioni: una prova di persistenza biologica a breve termine mediante inalazione ha mostrato che le fibre di lunghezza superiore a 20 μm presentano un tempo di dimezzamento ponderato inferiore a 10 giorni una prova di persistenza biologica a breve termine mediante instillazione intratracheale ha mostrato che le fibre di lunghezza superiore a 20 μm presentano un tempo di dimezzamento inferiore a 40 giorni un adeguata prova intraperitoneale non ha rilevato un eccessiva cancerogenicità una prova di inalazione appropriata a lungo termine ha portato alla conclusione che non ci sono effetti patogeni significativi o alterazioni neoplastiche. Nota R: la classificazione "cancerogeno" non si applica alle fibre il cui diametro geometrico medio ponderato rispetto alla lunghezza meno due errori standard risulti maggiore di 6 μm."tenere che la classificazione della IARC possa peggiorare con l aumento dei casi studiati.

11 10 Qualche esempio Al momento la IARC ha classificato 1001 agenti: classe 1 (cancerogeno per gli esseri umani): 144 agenti (es. amianto, benzene, gas di scarico del motore diesel, polveri sottili, fumo di tabacco, radiazione ultravioletta, raggi X, polvere di legno); classe 2a (probabile cancerogeno per gli esseri umani): 69 agenti (es. fritti ad alta temperatura, combustione della legna, mate caldo, modifiche del ciclo circadiano); classe 2b (possibile cancerogeno per gli esseri umani): 283 agenti (es. caffè, DDT, fibre ceramiche refrattarie, emissioni elettromagnetiche dei telefonini); classe 3 (non classificabile come cancerogeno per gli esseri umani): 504 agenti (es. caffeina, colesterolo, campi elettrostatici, luci a fluorescenza, lane minerali, campi magnetostatici, thè); classe 4 (probabile non cancerogeno per gli esseri umani): 1 agente (caprolattame).

12 11 Contatti utili Maggiori informazioni legate ai prodotti in lana di vetro e lana di roccia sono disponibili sul sito F.I.V.R.A. Fabbriche Isolanti Vetro Roccia Associate -

13 SALUTE E SICUREZZA ISOLMEC Srl Via Regina 42 FINO MORNASCO CO

Le FAV:.pologie di u.lizzo e se;ori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA]

Le FAV:.pologie di u.lizzo e se;ori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA] Sicurezza ed efficienza energe.ca: le Fibre Ar.ficiali Vetrose Presentazione delle Linee Guida sulle misure di prevenzione per la tutela della salute nell u5lizzo delle Fibre Ar5ficiali Vetrose Le FAV:.pologie

Dettagli

SEDE CENTRALE: STABILIMENTI PRODUTTIVI UFFICI VENDITE

SEDE CENTRALE: STABILIMENTI PRODUTTIVI UFFICI VENDITE SEDE CENTRALE: STABILIMENTI PRODUTTIVI UFFICI VENDITE Link Industries S.p.A. con Socio Unico, fondata nel 1995, è da anni impegnata nello sviluppo di prodotti e soluzioni nel campo dell isolamento termico

Dettagli

Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno

Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno XXXI Congresso Fonderia, Vicenza 26-27 Ottobre 2012 Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno RESPONSABILITA per i PRODUTTORI e per gli UTILIZZATORI di preformati isolanti e esotermici per

Dettagli

Lana di vetro. Isolamento ternico e/o acustico in edilizia. Via Pracelso, 16 20864 Agrate Brianza (MB) Italia

Lana di vetro. Isolamento ternico e/o acustico in edilizia. Via Pracelso, 16 20864 Agrate Brianza (MB) Italia Scheda tecnica di sicurezza per lana di vetro 1. Identificazione prodotto e società produttrice Nome generico del prodotto: Utilizzi raccomandati: Lana di vetro Isolamento ternico e/o acustico in edilizia

Dettagli

Informazioni sul prodotto e istruzioni relative alla lavorazione 1

Informazioni sul prodotto e istruzioni relative alla lavorazione 1 1 1 1. Elementi identificativi del prodotto e della società/impresa produttrice Denominazione del prodotto: materiale isolante in lana di roccia Uso e funzione: materiale isolante in lana di roccia per

Dettagli

Notizie e informazioni sulla casa su Quotidianocasa.it

Notizie e informazioni sulla casa su Quotidianocasa.it Page 1 of 5 Notizie e informazioni sulla casa su Quotidianocasa.it Ultimo aggiornamento: 06 Febbraio 2008 09:02 Ultime in Risparmio energetico login registrazione cerca nel sito scrivici rss Abitare sostenibile,

Dettagli

LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE (FAV)

LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE (FAV) Fabbriche Isolanti Vetro Roccia Associate Sintesi di LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE (FAV) Linee guida per l applicazione della normativa inerente ai rischi di esposizioni e le misure di prevenzione per la

Dettagli

FIBRANgysp AGeo edizione 1.0 (ITA) del 21/04/2011 revisione 0

FIBRANgysp AGeo edizione 1.0 (ITA) del 21/04/2011 revisione 0 SCHEDA DI SICUREZZA redatta in conformità al regolamento CE 1907/2006 (REACH) art. 31 FIBRANgysp AGeo edizione 1.0 (ITA) del 21/04/2011 revisione 0 1 Identificativi del prodotto e della società Nomi commerciali

Dettagli

Vi offriamo il servizio di presa visione delle schede di sicurezza

Vi offriamo il servizio di presa visione delle schede di sicurezza Vi offriamo il servizio di presa visione delle schede di sicurezza Vi invitiamo a visitare il nostro sito www.comedilgrazioli.it attraverso il quale potete accedere all area di acquisto on-line SEGUE SCHEDA

Dettagli

SCHEDA DI ISTRUZIONI SUL CORRETTO USO MATERIALE ISOLANTE URSA GLASSWOOL

SCHEDA DI ISTRUZIONI SUL CORRETTO USO MATERIALE ISOLANTE URSA GLASSWOOL SCHEDA DI ISTRUZIONI SUL CORRETTO USO MATERIALE ISOLANTE URSA GLASSWOOL Review: 0 Date: 01/12/2015 Done by: Reviewed by: Approved by: Sales Engineer - OU Mediterranean & SouthEast - OU Mediterranean &

Dettagli

1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA 2 COMPOSIZIONE/INFORMAZIONI SUGLI INGREDIENTI

1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA 2 COMPOSIZIONE/INFORMAZIONI SUGLI INGREDIENTI Pag.: 1 di 7 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 SOCIETA PRODUTTRICE me : Saint-Gobain Isover Italia SpA Indirizzo : Via E. Romagnoli, 6 20146 Milano Telefono : 02-4243.1 Fax

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97)

SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) ADVINROCK Pagina 1 di 6 SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) ADVINROCK Data di emissione Data aggiornamento 02/11/2002 01/09/2004 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA - LM70/LM100 -

SCHEDA DATI DI SICUREZZA - LM70/LM100 - SCHEDA DATI DI SICUREZZA - LM70/LM100-1--IIDENTIIFFIICAZIIONE DELL PPREPPARATO E DELLLLA SOCIIETA Identificazione del prodotto: Cod.: Lana di Vetro LM70/LM100 Società a cui rivolgersi per informazioni:

Dettagli

52&.:22/,7$/,$6S$ SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Aggiornamento del 3 Gennaio 2002)

52&.:22/,7$/,$6S$ SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Aggiornamento del 3 Gennaio 2002) SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Aggiornamento del 3 Gennaio 2002) 1) IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' Nome del prodotto : Produttore : Tipo di utilizzazione : Lana di roccia ROCKWOOL ITALIA SpA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ISOLVAL BOARD

SCHEDA DI SICUREZZA ISOLVAL BOARD SCHEDA DI SICUREZZA ISOLVAL BOARD 1 - IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ Nome commerciale: Tipo di prodotto e impiego: ISOLVAL BOARD Pannelli termoisolanti in perlite espansa. Questi prodotti

Dettagli

FIBRE ARTIFICIALI VETROSE NOVITA E MODIFICHE

FIBRE ARTIFICIALI VETROSE NOVITA E MODIFICHE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE NOVITA E MODIFICHE Rosanna Farioli Tecnico della Prevenzione ASL Milano FIBRE ARTIFICIALI VETROSE Il 22 dicembre 2010 la Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia, con

Dettagli

Potete trovare maggiori informazioni nel nostro sito www.impresaedileconti.it

Potete trovare maggiori informazioni nel nostro sito www.impresaedileconti.it Rimozione, bonifica e smaltimento Amianto compatto e friabile con fibre Vetrose Coperture civili ed industriali Coperture speciali per pannelli fotovoltaici L'Impresa Edile Geom. Conti Renato opera dal

Dettagli

Rassegna stampa Aprile 2015

Rassegna stampa Aprile 2015 Rassegna stampa Aprile 2015 Sommario Rassegna Stampa Testata Titolo Pag. 68/71 Ristruttura Case e Casali 01/04/2015 ISOLARE CON SICUREZZA 2 Architetto.info 13/04/2015 ISOVER: ONLINE IL NUOVO SITO DEDICATO

Dettagli

CHIMICI DATA Data aggiornamento: 29.10.10 Data precedente: 10.12.2009

CHIMICI DATA Data aggiornamento: 29.10.10 Data precedente: 10.12.2009 SCHEDA DI SICUREZZA MODULO INFORMATIVO PER PRODOTTI CHIMICI DATA Data aggiornamento: 29.10.10 Data precedente: 10.12.2009 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

Le FAV: tipologie di utilizzo e settori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA]

Le FAV: tipologie di utilizzo e settori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA] Le Fibre Artificiali Vetrose Linee Guida della Conferenza Stato/Regioni sui rischi e le misure di prevenzione per la tutela della salute Le FAV: tipologie di utilizzo e settori di impiego [Stefano Cera

Dettagli

Effe; delle fibre sulla salute e il controllo dell applicazione delle norme [Graziano Frigeri Presidente Assoprev]

Effe; delle fibre sulla salute e il controllo dell applicazione delle norme [Graziano Frigeri Presidente Assoprev] Sicurezza ed efficienza energe.ca: le Fibre Ar.ficiali Vetrose Presentazione delle Linee Guida sulle misure di prevenzione per la tutela della salute nell u5lizzo delle Fibre Ar5ficiali Vetrose Effe; delle

Dettagli

Lane minerali. Soluzioni acustiche per pareti perimetrali e divisorie

Lane minerali. Soluzioni acustiche per pareti perimetrali e divisorie Lane minerali. Soluzioni acustiche per pareti perimetrali e divisorie with ECOSE Technology Lane minerali with ECOSE Technology 07/0 Sostenibilità, performance termica ed acustica straordinaria, tutto

Dettagli

LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE:

LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE: LE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE: Linee guida della Conferenza Stato Regioni sui rischi da esposizione e le misure di prevenzione per la tutela della salute Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze

Dettagli

Comune di S. Paolo d Argon (BG)

Comune di S. Paolo d Argon (BG) Comune di S. Paolo d Argon (BG) Censimento della presenza di manufatti contenenti amianto negli immobili comunali ai sensi Legge Regionale n.17 del 29 sett. 2003 REDATTA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi VERIFICATA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SULLA SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA SULLA SICUREZZA Pagina 1 di 5 Il Regolamento Europeo sulle sostanze chimiche N. 1907/2006 (REACH) in vigore dal 1 Giugno 2007 richiede che siano redatte Schede di Sicurezza (MSDS) solo per sostanze e miscele/preparati

Dettagli

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore Pagina 1 di 7 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DEL FORNITORE Identificazione del preparato / nome commerciale Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA. FIRMAT (Feltri e materassini trapuntati) Isolante termoacustico.

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA. FIRMAT (Feltri e materassini trapuntati) Isolante termoacustico. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Nome del prodotto: Produttore: FIRMAT (Feltri e materassini trapuntati) F.I.R. S.r.l. Via dell Industria 8 37030 Roncà (VR) ITALIA Tel.

Dettagli

UNI LDR P. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 22/04/2014 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

UNI LDR P. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 22/04/2014 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Pag. 1 di 5 UNI LDR P SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 22/04/2014 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza o del

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS AMIANTO I rischi dell esposizione

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Sicurezza sul lavoro Cos è l amianto? Il termine «amianto» indica un gruppo di minerali a struttura fibrosa presenti in natura. L amianto è presente

Dettagli

PANNELLI IN FIBRA MINERALE edizione 1

PANNELLI IN FIBRA MINERALE edizione 1 SCHEDA DI SICUREZZA PANNELLI IN FIBRA MINERALE edizione 1 1 Identificativi del prodotto e della società Nomi commerciali: York / Boston / Boston Micro Utilizzo: Pannelli per controsoffitti modulari Produttore:

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 Perché parlare di Silice Libera Cristallina (SLC)? Presenza estremamente comune in natura Ampio utilizzo di materiali

Dettagli

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti 1. Identificazione del prodotto e della Società Nome del prodotto: PROMASPRAY P300 Impiego previsto: PROMASPRAY P300 è un intonaco applicato a spruzzo, adatto per la protezione passiva al fuoco di strutture

Dettagli

Conosci la nuova generazione?

Conosci la nuova generazione? Conosci la nuova generazione? GLI ISOLANTI MINERALI DI NUOVA GENERAZIONE www.isover.it CONOSCI LA NUOVA GENERAZIONE? Isover Saint-Gobain presenta G3, la nuova generazione di isolante minerale per tutto

Dettagli

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione)

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) E pericoloso quando si trova nelle condizioni di disperdere le sue fibre nell ambiente circostante

Dettagli

l amianto Varie forme di silicati fibrosi

l amianto Varie forme di silicati fibrosi L amianto l amianto minerale naturale a struttura fibrosa appartenente alla classe chimica dei silicati e alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli Varie forme di silicati fibrosi a) l'actinolite

Dettagli

Fibre vetrose artificiali

Fibre vetrose artificiali valutazione del rischio negli ambienti di lavoro Come integrare le varie normative per arrivare ad una coerente valutazione dei rischi ed individuare le misure di sicurezza da adottare di Danilo Terradura*,

Dettagli

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Agenti Chimici Pericolosi Dr. Sandro Sanna Dirigente Medico SPRESAL ASL

Dettagli

TEMI DI INTERESSE RELATIVI ALLA PUBBLICAZIONE DELLE

TEMI DI INTERESSE RELATIVI ALLA PUBBLICAZIONE DELLE TEMI DI INTERESSE RELATIVI ALLA PUBBLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA SULLE MISURE DI PREVENZIONE PER LA TUTELA DELLA SALUTE NELL UTILIZZO DELLE FIBRE ARTIFICIALI VETROSE 13 OTTOBRE 2015 LE FIBRE ARTIFICIALI

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. il Rischio Amianto

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. il Rischio Amianto Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro Spegnere il Telefonino!! il Rischio Amianto ai sensi dell art.37 del D.Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 e 22.02.2012 Ente Ligure di Formazione

Dettagli

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 MSDS - Scheda dati di Sicurezza Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 okite@okite.com www.okite.com 6 - MSDS - Scheda dati di Sicurezza

Dettagli

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Normativa di riferimento: Classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose - Ministero

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Rischio cancerogeno MODULO A Unità didattica A5.5 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

Dettagli

La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia

La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia Piacenza 30 Maggio 2007 A cura di Anna Bosi, Giorgio Passera e Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Piacenza

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 5.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 65/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive 92/58/CEE,

Dettagli

GENNAIO 2014 ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES PER L USO DELLE LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS

GENNAIO 2014 ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES PER L USO DELLE LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) PER L USO DELLE HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS 2 COS È WHAT LA ARE LANA ISOLANTE PER ALTA TEMPERATURA (HTIW)? HIGH TEMPERATURE

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO IN LANA DI ROCCIA

ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO IN LANA DI ROCCIA CELENIT LR LANA DI ROCCIA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO IN LANA DI ROCCIA GENERALITÀ La lana di roccia Celenit LR coercializzata da Celenit viene prodotta conformemente alla norma europea EN 112. È un

Dettagli

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati Le Fibre Artificiali Vetrose La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati ORIETTA SALA ARPA Emilia Romagna Milano, 3 dicembre 2015 PREMESSA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

Note. Sia alle lane minerali che alle fibre ceramiche refrattarie sono state assegnate le note A ed R.

Note. Sia alle lane minerali che alle fibre ceramiche refrattarie sono state assegnate le note A ed R. MINISTERO DELLA SANITA' CIRCOLARE 15 marzo 2000, n.4 Note esplicative del decreto ministeriale 1o settembre 1998 recante: "Disposizioni relative alla classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze

Dettagli

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02 WCOLCLASSGR pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23023/23101/23391/23291/23431 Nome commerciale : WEBER.COL CLASSIC PLUS PRESTIGE - PROGRES GRIGIO Natura del prodotto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

IL RISCHIO TUMORI PROVOCATI DA AMIANTO E ALTRI INQUINANTI. del dottor Giorgio Rossi (oncologo)

IL RISCHIO TUMORI PROVOCATI DA AMIANTO E ALTRI INQUINANTI. del dottor Giorgio Rossi (oncologo) IL RISCHIO TUMORI PROVOCATI DA AMIANTO E ALTRI INQUINANTI del dottor Giorgio Rossi (oncologo) GLI ULTIMI 50-60 ANNI SONO STATI CARATTERIZZATI DA UN'ECCEZIONALE ESPANSIONE DELLE ATTIVITA' INDUSTRIALI E

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualità della sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

CAPITOLO 16 - L AMIANTO

CAPITOLO 16 - L AMIANTO CAPITOLO 16 - L AMIANTO 16.1 IL PROBLEMA AMIANTO Il termine amianto (dal greco amiantos: incorruttibile) viene usato per indicare la forma fibrosa di alcuni minerali che in passato sono stati sfruttati

Dettagli

MISURE DA ADOTTARE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI (MMVF) E FIBRE CERAMICHE O REFRATTARIE (RF) (Bozza di documento del 1.10.

MISURE DA ADOTTARE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI (MMVF) E FIBRE CERAMICHE O REFRATTARIE (RF) (Bozza di documento del 1.10. MISURE DA ADOTTARE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI (MMVF) E FIBRE CERAMICHE O REFRATTARIE (RF) (Bozza di documento del 1.10.99) 1 PREMESSA Il Decreto del Ministero della Sanità del

Dettagli

INFORMAZIONE AI LAVORATORI/ UTENTI DEL COLLEGIO. PROCEDURE DI SICUREZZA: RISCHIO CHIMICO dovuto all uso di stampanti e toner

INFORMAZIONE AI LAVORATORI/ UTENTI DEL COLLEGIO. PROCEDURE DI SICUREZZA: RISCHIO CHIMICO dovuto all uso di stampanti e toner PROCEDURE DI SICUREZZA: RISCHIO CHIMICO dovuto all uso di stampanti e toner Procedure di sicurezza: RISCHIO CHIMICO DOVUTO ALL USO DI STAMPANTI E TONER Autore: IEC S.r.l. Revisione: settembre 2014 INDICE

Dettagli

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia Da decenni i pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia si rivelano estremamente efficaci

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Protezione da sostanze

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5

SCHEDA DI SICUREZZA RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5 RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5 1 Nome e/o marchio Azienda produttrice data compilazione :16.02.1998 SOSTANZA Data di revisione : 09.02.1998 Utilizzazione: RAME OSSIDO! mat.prima! solvente ROSSO! prod.intermedio!

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio di Prevenzione e Protezione Data: 03/03/2015

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale Siamo una società di ingegneri, consulenti, progettisti e installatori che opera in tutto il nord Italia con 5 sedi operative tra Veneto, Trentino Alto

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

ISOLARE CON LA LANA DI VETRO

ISOLARE CON LA LANA DI VETRO Saint Gobain Isover Italia S.p.A. ISOLARE CON LA LANA DI VETRO Gianluca Cavalloni Bologna, 29 Ottobre 2008 La lana di vetro è Ambiente Termica COMFORT Acustica un prodotto per l Ambiente Tipologie di prodotti

Dettagli

PAR G3 touch, l isolamento totale è soft

PAR G3 touch, l isolamento totale è soft Milano, 26 luglio 2012 Comunicato stampa PAR G3 touch, l isolamento totale è soft Acustica, termica, protezione dal fuoco al top e certificate, mentre l innovativo velo di vetro Soft Touch offre una migliore

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E USO DELLE FIBRE DI AMIANTO E DELLE FIBRE NATURALI E ARTIFICIALI

CLASSIFICAZIONE E USO DELLE FIBRE DI AMIANTO E DELLE FIBRE NATURALI E ARTIFICIALI CLASSIFICAZIONE E USO DELLE FIBRE DI AMIANTO E DELLE FIBRE NATURALI E ARTIFICIALI Riassunto Effettuare un censimento dei materiali fibrosi che sono e sono stati utilizzati nell industria è praticamente

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO POLICAR PRODUTTORE/FORNITORE MAFO S.R.L. INDIRIZZO Via A. Laterizio, 73-80035 NOLA (NA) TEL./FAX 081/8037226 E-mail: info@mafo.it PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A 081/8037226

Dettagli

LANA DI ROCCIA E LANA DI VETRO

LANA DI ROCCIA E LANA DI VETRO LANA DI ROCCIA E LANA DI VETRO COPERTINA LOGO FIVRA CORRETTA CLASSIFICAZIONE E SMALTIMENTO Costituita nel 2003 e socia di EURIMA (European Insulation Manufactures Association), FIVRA vanta tra i propri

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

Clima 80: un benessere sostenibile e certificato Finestra Qualità CasaClima

Clima 80: un benessere sostenibile e certificato Finestra Qualità CasaClima Clima 80: un benessere sostenibile e certificato Finestra Qualità CasaClima scegliere la giusta finestra Cosa si chiede a una finestra? Che offra sicurezza, durata, ma che soprattutto migliori il comfort

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO

I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO NELL AMBIENTE Gabriele Fornaciai AMIANTO: PANDEMIA O BOLLA MEDIATICA? 1 TIPI DI AMIANTO L A. E UN MINERALE COMPOSTO

Dettagli

BENEFICI PREVIDENZIALI BENEFICI PREVIDENZIALI E LIVELLI DI ESPOSIZIONE PER I LAVORATORI PER I LAVORATORI DELL AMIANTO DELL AMIANTO

BENEFICI PREVIDENZIALI BENEFICI PREVIDENZIALI E LIVELLI DI ESPOSIZIONE PER I LAVORATORI PER I LAVORATORI DELL AMIANTO DELL AMIANTO BENEFICI PREVIDENZIALI BENEFICI PREVIDENZIALI E LIVELLI DI E LIVELLI DI PER I LAVORATORI PER I LAVORATORI DELL AMIANTO DELL AMIANTO Fulvio d Orsi Direttore SPRESAL ASL RM C Fulvio d Orsi Direttore SPRESAL

Dettagli

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aggiornamenti in Medicina del Lavoro AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aldo Todaro U.O.C. Promozione e protezione salute lavoratori. Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

LANA DI ROCCIA MATERASSO IN LANA DI ROCCIA CB MATERASSO IN LANA DI ROCCIA CB

LANA DI ROCCIA MATERASSO IN LANA DI ROCCIA CB MATERASSO IN LANA DI ROCCIA CB LANA DI ROCCIA MATERASSO IN LANA DI ROCCIA CB BIOMAT CB è il materasso in lana di roccia a bassa biopersistenza prodotto con falde TERVOL S/F, esente da leganti organici e trapuntata su cartone bitumato

Dettagli

Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese

Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese Il Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese è organizzato in modo da formare contemporaneamente le imprese e gli operatori che intervengono

Dettagli

MASTIC 612 MASTIC 612 Tipo B DATA DI REDAZIONE 12/1998 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003

MASTIC 612 MASTIC 612 Tipo B DATA DI REDAZIONE 12/1998 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003 Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) MASTIC 612 MASTIC 612 Tipo B NUMERO SDS I-120-4-EURO DATA DI REDAZIONE 12/1998 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003 1. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Ing. Maurizio Villa Seminario Formativo APAC

Ing. Maurizio Villa Seminario Formativo APAC AMIANTO «Il Rischio di un Respiro» Ing. Maurizio Villa Seminario Formativo APAC Ing. Maurizio Villa MINUS ENERGY - NETWORKENERGIA Classificazione e Identificazione dell Amianto Dove Trovarlo e Pericoli

Dettagli

MISURE DA ADOTTARE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI (MMVF) e FIBRE CERAMICHE O REFRATTARIE (RF)

MISURE DA ADOTTARE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI (MMVF) e FIBRE CERAMICHE O REFRATTARIE (RF) MISURE DA ADOTTARE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DI FIBRE VETROSE ARTIFICIALI (MMVF) e FIBRE CERAMICHE O REFRATTARIE (RF) PREMESSA Il Decreto del Ministero della Sanità del 1 settembre 1998 G.U. del 19.11.1998

Dettagli

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI dott. ing. Salvatore Buffo, dirigente superiore Comando provinciale dei vigili del fuoco di Brescia dott. ing. Pier Nicola Dadone, Direttore vice

Dettagli

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Documento estratto dal Manuale interno di istruzione per la raccolta e la trasmissione di campioni per analisi di fibre: microscopia ottica ed elettronica. Contarp

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE:

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE: CIRFIBER ECO Pannello fonoassorbente in fibra di poliestere rigenerata. CAMPO DI UTILIZZO: CIRFIBER ECO è un prodotto specifico per l isolamento acustico di pareti e soffitti. Il materiale si presenta

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Impieghi principali dell amianto Panoramica senza lavorazione, pulizia, con lavorazione, pulizia, rimozione rimozione Pagina Amianto fortemente agglomerato

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

Vigilanza su rischio chimico e Regolamenti REACH/CLP

Vigilanza su rischio chimico e Regolamenti REACH/CLP Igiene del Lavoro e sorveglianza sanitaria in edilizia nei cantieri EXPO 2015: Vigilanza su rischio chimico e Regolamenti REACH/CLP Congresso nazionale SIMLI Milano, 26 novembre 2015 Rischio chimico in

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

Pagina di dati di sicurezza conforme Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH)

Pagina di dati di sicurezza conforme Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) Pagina di dati di sicurezza conforme Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) Pagina: 1 / 5 Pagina di dati di sicurezza conforme Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Fibra Ceramica. Catalogo generale

Fibra Ceramica. Catalogo generale Fibra Ceramica Catalogo generale La storia della società KERAUNION Nel 1, in Bohemia (oggi Repubblica Ceca) viene fondata la ditta Keraunion per produrre vasellame ed oggetti in vetro e cristallo. Dal

Dettagli

VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE

VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE Arch. Valentina Raisa Assegnista di ricerca dell Università di Ferrara (finanziamento di AldesItalia) Qual è l edificio ad elevate

Dettagli