Intraprendendo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intraprendendo. www.intraprendendo.com"

Transcript

1 Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla bene sia oggi più di ieri possibile grazie alla disponibilità a prezzi contenuti di informazioni, conoscenze, risorse tecnologiche e possibilità di comunicazione che un tempo erano impensabili o inaccessibili se non alle grande aziende. Allo scopo di stimolare lo sviluppo di impresa abbiamo redatto questo documento che vuole spiegare come pensare un impresa e realizzare un Business Plan anche grazie agli strumenti disponibili in rete sia nel sito Intraprendendo che altrove. Questo documento è un documento vivo ed in evoluzione che verrà aggiornato regolarmente, anche grazie al Vostro contributo, con l emergere di nuove idee e la identificazione di nuovi strumenti utili alla redazione del Vostro Business Plan. Intraprendendo

2 Indice Cos è un Business Plan... 3 Il progetto imprenditoriale... 4 Analisi del Mercato... 4 Caratteristiche del Prodotto/Servizio offerto... 4 Struttura del mercato... 5 Analisi della domanda... 5 Analisi dell offerta... 6 Ciclo di Vita... 6 Analisi dei Competitors... 6 Fornitori... 6 Canali distributivi... 6 Strategia di marketing... 7 Piano Operativo... 8 Struttura Organizzativa... 8 Le Risorse di finanziamento... 9 Capitale investito e le fonti di copertura... 9 Piano degli Investimenti... 9 Le previsioni economico-finanziarie La previsione delle vendite Il forecast dei costi L analisi del Break Even Point Gli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico previsionali Il conto economico previsionale Lo Stato Patrimoniale previsionale Indicatori economico-finanziari

3 Cos è un Business Plan Il Business Plan, è il documento che serve a presentare lo sviluppo di un azienda nell arco di un determinato orizzonte temporale (in genere tra tre e cinque anni) consentendo di fornire una vera e propria fotografia di come si intende operare e far crescere l azienda in questo periodo e dei risultati economici e finanziari che ci attendiamo quali risultati della nostra impresa. Essendo la rappresentazione di cosa intendiamo fare la sua stesura deve essere particolarmente curata ed esaustiva, sia nel contenuto sia nella forma di presentazione: le notizie e le idee in esso contenute devono essere precise e dettagliate, ma al tempo stesso anche innovative ed accattivanti. Al Business Plan sono riconducibili almeno tre principali funzioni: i. pianificazione e gestione dell impresa; ii. verifica dei risultati di gestione; iii. analisi sulla fattibilità economico-finanziaria dell investimento. Nelle pagine che seguono abbiamo dato un indicazione delle parti che è importante inserire nel documento ma il modello dovrà poi essere adattato in funzione delle caratteristiche della specifica attività di business. Questa invece è una rappresentazione grafica di insieme delle diverse parti che devono essere coperte nel piano in quanto ciascuna integra o specifica una parte dell impresa. Business plan Idea di Business Organizzazione dell impresa Verifica della fattibilità economico-finanziaria dell investimento Analisi dei risultati Descrizione del progetto imprenditorial e che si vuole realizzare Analisi di mercato Struttura organizzativa Piano di Marketing Piano Operativo Piano degli investimenti Struttura delle fonti; CE e SP previsionale Piano degli indicatori Aggiornamento del BP con i dati a consuntivo Verifica degli scostamenti 3

4 Il progetto imprenditoriale Il Business Plan deve, innanzitutto, dare al lettore un idea chiara ma sintetica del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo rappresenta. In questo paragrafo è necessario riassumere i punti chiave del Business Plan che sarà sviluppato nelle pagine seguenti. Tale premessa deve indicare : i. in che cosa consiste il progetto imprenditoriale, la descrizione dei principali servizi/prodotti offerti ed i loro principali punti di forza rispetto ai prodotti concorrenti; ii. quali opportunità di mercato si intende cogliere; iii. quali sono i punti innovativi del progetto imprenditoriale; iv. obiettivi produttivi e di redditività perseguite (fatturato, redditività, capitale proprio). Come fare: La descrizione del progetto imprenditoriale deve far capire immediatamente che si hanno le idee chiare ma anche e soprattutto deve far emergere l entusiasmo dell imprenditore alla esecuzione dell impresa. Conoscere bene il settore in cui si intende operare è una tra le più importanti chiavi del successo e si è in grado di illustrare in modo chiaro e sintetico solo le cose che si conoscono bene. Suggeriamo quindi di scrivere un idea di massima del progetto imprenditoriale, fare la Vostra approfondita analisi del piano nelle sezioni seguenti e rivedere e riscrivere in modo chiaro e sintetico questa sezione quando il piano è quasi completo cercando di inserire nella descrizione del progetto imprenditoriale gli elementi distintivi delle singole sezioni. Analisi Mercato del Il Business Plan deve contenere un analisi del settore nel quale si vuole investire individuando i principali aspetti caratterizzanti dello stesso. Caratteristiche del Prodotto/Servizio offerto Il successo dell idea imprenditoriale è essenzialmente imputabile alle caratteristiche del prodotto/servizio offerto in rapporto allo specifico mercato di riferimento. A tal fine il Business Plan dovrà spiegare i seguenti elementi: i. il bisogno che si intende soddisfare in termini di utilità percepita dal consumatore; ii. le caratteristiche del prodotto/servizio offerto dall azienda (descrizione fisico tecnica, livello qualitativo, aspetti tecnologici, prezzo, condizioni di pagamento, gamma, servizi accessori e complementari, garanzia, ecc.); 4

5 iii. elementi innovativi del servizio/prodotto rispetto al mercato attuale; Struttura del mercato L analisi del settore dovrà fornire le informazioni concernenti le caratteristiche e le tendenze della domanda e dell offerta di prodotti e servizi, ed ancora le minacce (dovute ai cambiamenti generabili all interno del mercato) e le opportunità (ad esempio leggi di finanziamento agevolato, normativa favorevole, apertura di nuovi mercati, economie di scala, facile reperimento di materie prime ) presenti nel settore. Lo scopo è dare al potenziale investitore o finanziatore un idea della rete all interno della quale opererà l impresa, la sua posizione sul mercato e altri dati analoghi. Analisi della domanda Dal lato della domanda risulterà necessario descrivere il mercato di riferimento (Target market), attraverso: i. la definizione del mercato specifico cui ci si vuole rivolgere considerando gli aspetti geografici, demografici; ii. la definizione del target di clienti che si vuole raggiungere (comportamenti di consumo, propensione di spesa, influenze). Per definire questi aspetti è necessario svolgere preventivamente un analisi quantitativa e qualitativa (individuazione delle motivazioni e dei bisogni che attraversano le varie fasi di acquisto) della domanda. Aspetti quantitativi quanto acquista, per identificare i volumi di vendita dove acquista, per scegliere un buon sistema distributivo quando acquista, per un eventuale stagionalità nell acquisto chi e come effettua l acquisto chi interviene nell acquisto Aspetti qualitativi insorgere del bisogno raccolta delle informazioni, individuando le varie alternative di acquisto valutazione delle alternative, sulla base di giudizi soggettivi/oggettivi scelta tra le alternative, sulla base di gusti, esigenze, convenienze, ecc. valutazione post-acquisto, momento in cui il consumatore esprime giudizi di gradimento o meno Al termine dell analisi, i dati raccolti devono essere inseriti in uno schema logico di riferimento, in modo da ottenere una divisione in segmenti della 5

6 Analisi dell offerta Ciclo di Vita Analisi dei Competitors Fornitori Canali distributivi potenziale clientela. Possono quindi essere prese in considerazione, a questo fine, alcune variabili di segmentazione, come: - criteri demografici e geografici - criteri socio-economici - stili di vita e preferenze - comportamenti d acquisto e di consumo. Dopo aver esaminato il versante della domanda occorre spostare l analisi al settore di appartenenza, costituito dal gruppo di imprese che svolgono la medesima attività economica in un certo ambito geografico. Rispetto a tale ambito risulta utile fornire l informazione sul ciclo di vita del settore (nascita, sviluppo, maturità o declino) al fine di comprendere il grado di maturità del settore in cui il progetto si inserisce. Il Business Plan dovrà contenere le seguenti informazioni: - grado di concentrazione del settore; - profilo dei principali concorrenti (diretti e produttori di servizi/prodotti sostitutivi): quota di mercato posseduta, dove operano, a quali segmenti si rivolgono, con quale offerta, ecc.. Evidenziare, in particolare, i punti di forza e i punti di debolezza; - struttura economica del settore (barriere all entrata, economie di scala, importanza dell esperienza, economie di scopo/raggio d azione, ruolo della tecnologia, costi di passaggio da un fornitore all altro, livello di differenziazione del prodotto/servizio). Descrivere le principali fonti di approvvigionamento indicando: - quali sono i componenti principali del prodotto e dove vengono approvvigionati; - descrizione delle principali caratteristiche delle fonti di approvvigionamento (qualità costante dell offerta, affidabilità dei fornitori); - potere contrattuale dei fornitori: dimensione media dei fornitori, numero di fornitori, disponibilità di fonti di approvvigionamento alternative, livello di concorrenza tra i fornitori. Individuare la struttura dei canali distributivi: - scelta dei canali distributivi, organizzazione della forza vendita, distribuzione fisica dei prodotti; - accordi di commercializzazione/distribuzione; - costi di commercializzazione. 6

7 Strategia di marketing Dopo aver definito l obiettivo e analizzato gli aspetti del mercato, si potranno individuare le strategie ottimali per l acquisizione della quota di mercato desiderata e per un buon posizionamento rispetto alla concorrenza. Questo vuol dire descrivere quali sono i fattori sui quali puntare, in base al tipo di prodotto/servizio che si vuole offrire. In questo paragrafo occorrerà descrivere in dettaglio tutte le azioni di marketing mix scelte dall impresa per poter raggiungere gli obiettivi prefissati. Mercato Scelta della combinazione di offerta: Mercati attuali con prodotti attuali, cioè già esistenti, quindi è una soluzione consigliabile solo se vi sono ancora ampi spazi di crescita. Mercati nuovi con prodotti attuali, trovando cioè delle novità di presentazione dei prodotti attuali. Mercati attuali con prodotti nuovi, che permetterà di ottenere, almeno inizialmente, delle posizioni di monopolio. Mercati nuovi con prodotti nuovi, caratterizzato da un alto rischio, ma anche da grandi potenzialità. Prodotto Definire il modo attraverso il quale rispondere ai bisogni del mercato descrivendo tutti i molteplici aspetti che compongono l offerta: caratteristiche (qualità, affidabilità prestigio, eleganza, sicurezza, livello tecnologico) Modalità di applicazione del prezzo servizi collaterali (tempi di consegna, assistenza, altri servizi) condizioni di trasporto garanzie e assicurazioni Prezzo: Il Business Plan dovrà contenere la descrizione sulle modalità e logiche di determinazione del prezzo. A tal fine ci si può riferire alle seguenti strategie: prezzo orientato al mercato (in funzione del valore che i consumatori attribuiscono al prodotto); prezzo orientato ai costi (applicando al prezzo un ricarico - mark up - sufficiente per coprire tutti i costi generali e garantire un profitto sufficiente); prezzo orientato alla concorrenza (in genere utilizzato per i prodotti simili). Distribuzione: La strategia di marketing deve indicare la scelta dei canali distributivi prescelti adeguati alle caratteristiche proprie del prodotto/servizio offerto (ingrosso, grande distribuzione, dettaglio e vendita diretta). Promozione: In tale sezione sarà utile indicare la scelta dei canali di comunicazione e di promozione prescelti dall azienda. 7

8 Piano Operativo Il piano operativo riguarda le modalità con cui l impresa intende realizzare i propri prodotti e fornire i propri servizi. Dovranno pertanto essere approfonditi i problemi relativi all organizzazione del lavoro e del capitale, all approvvigionamento delle materie prime, alle tecniche di produzione, alle politiche da adottare con fornitori e venditori. Alla luce di quanto esposto, quindi, un piano operativo deve indicare: i. come si intende sviluppare o realizzare il prodotto/servizio offerto; ii. iii. iv. quali sono le tecnologie utilizzate ed i macchinari necessari; dove avviene la produzione. La scelta dell area di produzione sarà legata alle esigenze di approvvigionamento ed alla disponibilità di manodopera; la logistica riguardante la movimentazione in entrata ed in uscita delle merci, il loro stoccaggio e a distribuzione. Struttura Organizzativa Forma Giuridica In questa sezione sarà necessario indicare la forma giuridica scelta per Organizzazione lo svolgimento dell attività imprenditoriale. Nella definizione dell organizzazione occorre identificare delle funzioni aziendali coerenti con l attività che si vuole svolgere; alcune delle funzioni possono essere identificate: Funzione personale: selezionare e assumere le risorse umane, con criteri di coerenza; Funzione produzione: individuare la tecnologia più idonea a produrre, controllare le macchine e la struttura necessaria per garantire un buon processo di lavorazione; Funzione approvvigionamenti: assicurare gli acquisti delle materie prime e di tutto ciò che è necessario alla produzione, definire le scorte e i tempi di acquisto ottimali; Funzione marketing: definire le strategie di commercializzazione e promozione dei prodotti/servizi dell azienda; Funzione vendite: intesa non solo come distribuzione del prodotto ma anche come assistenza al cliente nella fase post-vendita; Funzione ricerca e sviluppo: assicurare un vantaggio competitivo continuo, individuando periodicamente nuovi processi e nuovi prodotti. Dopo aver individuato le varie funzioni, per ciascuna di esse occorre individuare le caratteristiche e le competenze che dovrebbero possedere le persone preposte. Composizione Management In questa sezione risulta utile inserire il curriculum vitae dei componenti principali del gruppo imprenditoriale, evidenziando: studi compiuti e qualifiche conseguite; esperienze di lavoro pregresse; ruolo da svolgere nell impresa. 8

9 Le Risorse di finanziamento Nella redazione di questo paragrafo l imprenditore deve illustrare le forme di finanziamento con cui prevede di sostenere la sua attività, sulla base del fabbisogno giudicato necessario. Capitale investito e le fonti di copertura Il capitale investito corrisponde al complessivo ammontare delle risorse necessarie per l avvio e la gestione corrente dell impresa. Determinati l ammontare e la natura del fabbisogno di capitale l imprenditore determina la struttura delle fonti di finanziamento, avendo cura di mantenere la giusta correlazione tra fonti a breve e attività correnti e fonti consolidate e attività fisse. A tal fine risulta utile redigere uno schema fonti/impieghi che consente di mettere in luce le predette correlazioni, nel quale dovranno essere riportati gli incrementi/decrementi previsti nel triennio di riferimento. Importi in /000 IMPIEGHI n n+1 n+2 TOTALE FONTI n n+1 n+2 TOTALE Attività Correnti Passività Correnti Cassa e banche - Banche c/c passivi - Crediti commerciali - Debiti verso fornitori - Inserire dettaglio crediti commerciali - Debiti verso agenti - (fondo svalutazione crediti) - Erario c/iva passivo - Titoli a breve - Altri debiti a breve - Scorte - Erario c.iva attivo - Altri crediti a breve - Attività Fisse Passivite Consolidate Immobilizzazioni materiali - Mutui bancari - - fabbricati: - Fondo TFR - - impianti e macchinari - Finanziamenti soci - -altre - Contributi in c/capitale - (fondo ammortamento Imm. Materiali) - Immobilizzazioni finanziarie - (f.do svalut. Imm. Finanziarie) - Immobilizzazioni immateriali - - marchi e brevetti, licenze, altri diritti di utilizzazione - - Ricerca e Sviluppo - Capitale Netto realizzazione sistemi di qualità e certificazione di qualità - Capitale Sociale - (f.do ammort.to Imm. Immateriali) - Riserve - fattibilità) - Utile d'esercizio - TOTALE IMPIEGHI TOTALE FONTI Capitale circolante netto Posizione finanziaria netta Piano degli Investimenti In questa sezione dovranno essere riportati in dettaglio gli investimenti che si intendono effettuare per l esercizio dell attività di impresa nell arco del triennio di riferimento. Di seguito si riporta un possibile schema da seguire: 9

10 IMPIEGHI n n+1 n+2 FONTI n n+1 n+2 Attività Correnti Passività Correnti Cassa e banche Crediti commerciali Inserire dettaglio crediti commerciali (fondo svalutazione crediti) Titoli a breve Scorte Erario c.iva attivo Altri crediti a breve Banche c/c passivi Debiti verso fornitori Debiti verso agenti Erario c/iva passivo Altri debiti a breve Attività Fisse Passivite Consolidate Immobilizzazioni materiali Mutui bancari - fabbricati: Fondo TFR - impianti e macchinari Finanziamenti soci -altre (fondo ammortamento Imm. Materiali) Immobilizzazioni finanziarie (f.do svalut. Imm. Finanziarie) Immobilizzazioni immateriali - marchi e brevetti, licenze, altri diritti di utilizzazione Contributi in c/capitale - Ricerca e Sviluppo Capitale Netto realizzazione sistemi di qualità e certificazione di qualità Capitale Sociale (f.do ammort.to Imm. Immateriali) Spese capitalizzate (ad es studi fattibilità) Riserve Utile d'esercizio TOTALE IMPIEGHI TOTALE FONTI Le previsioni economicofinanziarie La previsione delle vendite Il risultato delle considerazioni svolte sul mercato in termini di analisi della domanda e dell offerta, delle azioni di marketing e commerciali decise in funzione delle risorse finanziarie disponibili deve essere poi sviluppato in termini di flussi di ricavi, di costi e dei relativi effettivi patrimoniali e finanziari. Le vendite sono il Motore dell iniziativa, il nostro progetto viene creato per portare un prodotto od un servizio sul mercato e senza di esse ovviamente non c è impresa. In questa sezione dovranno essere riportati i dati sulle vendite previsionali in termini di fatturato e volumi per ciascuno dei prodotti e servizi che vogliamo produrre o erogare. Importi in /000 VENDITE FATTURATO n n+1 n+2 per tipo di prodotto/servizio

11 Valori unitari VENDITE VOLUMI Unità di misura n n+1 n+2 (es Kg, metri, unità, litri, ecc.) Totale Volumi di Vendita Come fare: La stima delle vendite visto il menzionato ruolo di motore dell iniziativa - è molto importante per la credibilità dell intero piano e deve quindi esserci una evidenza di fattibilità. Nel caso di un business plan di un azienda già operante sarà opportuno inserire nel piano i valori dell anno zero ovvero l ultimo anno del quale esiste un bilancio approvato. L aver già conseguito un volume di vendite pur se inferiore a quello atteso è ovviamente un elemento che corrobora la solidità del piano. Nel caso di una nuova impresa, ma anche per supportare l eventuale crescita di fatturato di un azienda esistente, dovremo invece supportare la nostra stima delle vendite con delle ricerche di mercato esterne. Se abbiamo disponibilità finanziarie per tale attività sarebbe opportuno chiedere una ricerca apposita ad una società di ricerche di mercato. In alternativa possiamo contattare le associazioni di categoria del settore specifico o reperire i dati stimati del mercato da altre fonti (Intraprendendo nella sezione riporta per alcuni settori un esempio di stima dei valori di mercato nei prossimi 3 o 5 anni) e adattare il proprio piano di sviluppo a queste evidenze di mercato. In alcuni recenti progetti Intraprendendo ha proiettato le stime di vendita nazionali di un certo settore all area geografica di attività della azienda in funzione della popolazione. Il forecast dei costi In questa sezione dovrà essere inserita la struttura dei costi suddividendoli in: - costi variabili: sono quelli che variano al variare della produzione come ad esempio materie prime, manodopera, utenze, provvigioni di vendita, trasporti; - costi fissi: sono quelli che l impresa deve sostenere per costituire e far funzionare l impresa. Essi non variano al variare della produzione, ad esempio affitti, ammortamenti, personale fisso, assicurazioni. Questo discorso vale ovviamente fin quando l aumento della produzione non è così marcato da richiedere dei nuovi investimenti; - costi totali: somma tra costi fissi e variabili. 11

12 I costi fissi possono essere riepilogati secondo lo schema seguente: Importi in /000 COSTI FISSI per classe e tipologia 1. Costi di struttura n - n+1 - n Salari e stipendi 1.2 Contributi e oneri 1.3 Accantonam. TFR 1.4 Compenso amministratori 1.5 Ammortamento Immob. Materiali 1.6 Ammortamento Immob. Immateriali 1.7 Manutenzioni 1.8 Canoni di locazione 1.9 Utenze 1.10 Consulenze amministrative e legali 1.11 Premi assicurativi 1.12 Altri 2. Costi di sviluppo Pubblicità e promozione 2.2 Ricerca e sviluppo 2.3 Altri costi di marketing 2.4 Formazione del personale 2.5 Sviluppo/manutenzione sito 2.06 Altri Totale Costi Fissi I costi variabili possono essere riepilogati secondo lo schema seguente: Importi in /000 COSTI VARIABILI per classe e tipologia 1. Acquisto di materie prime, semilavorati e prodotti finiti 2. Lavorazioni esterne 3. Provvigioni 4. Trasporti e dogane 5. Perdite su crediti 6. Spese per prestazioni di servizi variabili 7. Altri Totale Costi Variabili n - n+1 - n+2 - L analisi del Break Even Point L analisi di Break Even Point serve ad evidenziare in quale momento e per quale volume di vendita l azienda raggiunge il pareggio tra costi e ricavi. In tale paragrafo l azienda deve individuare il livello di vendita che la stessa deve raggiungere per riuscire coprire con i propri ricavi sia i costi fissi che i costi variabili connessi alla produzione. In formula vorrà dire: Q Break Even Point= CF PVU-CVU 12

13 Dove si intende: - CF totale dei costi fissi; - PVU prezzo di vendita unitario; - CVU costi variabili unitari. Gli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico previsionali Al fine di rappresentare poi l andamento economico, patrimoniale e finanziario prospettico devono essere redatti il Conto Economico e lo Stato Patrimoniale previsionali un esempio dei quali è di seguito riportato 13

14 Il conto economico previsionale Importi in /000 Conto Economico Previsionale n n+1 n+2 a) Fatturato per prodotto/servizio b) Costi variabili b.1 Rimanenze iniziali b.2 Acquisto materie prime, sem., prodotti finiti b.3 (-) Rimanenze finali b.4 Consumi vari b.5 Lavorazioni esterne b.6 Spese per prestazione servizi b.7 Provvigioni b.8 Perdite su crediti c) Margine di contribuzione (a-b) d) Costi Fissi (di struttura e di sviluppo) d.1 Costo del Lavoro d.2 Manutenzioni d.3 Ammortam. Immob. Materiali d.4 Ammortam. Immob. Immateriali d.5 Spese per servizi amministrativi d.6 Utenze, canoni locazione, premi assicurativi d.7 Spese generali d.8 Pubblicità, Promozione, Marketing d.9 Ricerca e Sviluppo d.10 Formazione e) Reddito operativo di gestione caratteristica (c-d) f) Oneri e proventi patrimoniali f.1 Affitti f.2 Interessi attivi f.3 Dividendi f.4 Oneri patrimoniali g) Reddito Operativo (e+/- f) h) Oneri Finanziari i) Reddito di competenza (g-h) l Componenti straordinari l.1 Plusvalenze e sopravvenienze l.2 Contributi in c.to gestione l.3 Minusvalenze e insussistenze m) Reddito ante imposte (l+/-m) n) Imposte e tasse o) Reddito netto (m-n)

15 Lo Stato Patrimoniale previsionale STATO PATRIMONIALE PREVISIONALE Importi in /000 ATTIVO PASSIVO n n+1 n+2 n n+1 n+2 A. Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti A. Patrimonio netto: B. Immobilizzazioni I. Capitale sociale. I. Immobilizzazioni immateriali : II. Riserva da sovrapprezzo delle azioni. 1. costi di impianto e di ampliamento; III. Riserve di rivalutazione. 2. costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità; IV. Riserva legale. 3. diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno; V. Riserve statutarie. 4. concessioni, licenze, marchi e diritti simili; VI. Riserva per azioni proprie in portafoglio. 5. avviamento; VII. Altre riserve, distintamente indicate. 6. immobilizzazioni in corso e acconti; VIII. Utili (perdite) portati a nuovo. 7. altre. IX. Utile (perdita) dell'esercizio. II. Immobilizzazioni materiali : B. Fondi per rischi e oneri terreni e fabbricati; 1. per trattamento di quiescenza e obblighi simili; 2. impianti e macchinari; 2. per imposte, anche differite; 3. attrezzature industriali e commerciali; 3. altri. C. Trattamento di fine rapporto di lavoro 4. altri beni; subordinato 5. immobilizzazioni in corso e acconti. D. Debiti: III. Immobilizzazioni finanziarie : obbligazioni emesse; 1. Partecipazioni in: 2. obbligazioni emesse convertibili; a. imprese controllate 3. debiti verso soci per finanziamenti; b. imprese collegate 4. debiti verso banche; c. imprese controllanti 5. debiti verso altri finanziatori; d. altre imprese 6. acconti; 2. Crediti: 7. debiti verso fornitori; a. verso imprese controllate 8. debiti rappresentati da titoli di credito; b. verso imprese collegate 9. debiti verso imprese controllate; c. verso imprese controllanti 10. debiti verso imprese collegate; d. verso altri 11. debiti verso controllanti; 3. Altri titoli; 12. debiti tributari; 4. Azioni proprie, con indicazione del valore nominale complessivo. C. Attivo circolante altri debiti. 13. debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale; I. Rimanenze E. Ratei e risconti II. Crediti Totale Passivo = A + B + C + D + E III. Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni IV. Disponibilità liquide: D. Ratei e risconti Totale Attivo = A + B + C + D

16 Indicatori economicofinanziari Di seguito si riportano i principali indicatori della situazione economicopatrimoniale prospettica. Indicatori di Liquidità Liquidità primaria= Attività correnti - Magazzino Passività correnti n n+1 n+2 Liquidità secondaria= Attività correnti Passività correnti Indicatori di Indebitamento Rapporto di Indebitamento Rapporto debiti capitale netto= Indebitamento di lungo periodo= Debiti Capitale Investito Debiti Capitale Netto Passività Consolidate Totale Attivo Indicatori di Redditività ROI= ROE= ROS= Rotazione degli investimenti= Reddito Operativo Capitale Investito Reddito Netto Capitale Proprio Reddito Operativo Ricavi Netti Ricavi Netti Capitale investito medio 16

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

A.L.E.R. PAVIA. Bilancio al 31/12/2013

A.L.E.R. PAVIA. Bilancio al 31/12/2013 A.L.E.R. PAVIA Sede in VIA PARODI 35-27100 PAVIA (PV) Bilancio al 31/12/2013 Stato patrimoniale attivo 31/12/2013 31/12/2012 A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (di cui già richiamati )

Dettagli

API - AZIENDA PER IL PATRIMONIO IMMOBILIARE ROZZANO S.R.L. IN LIQUIDAZIONE

API - AZIENDA PER IL PATRIMONIO IMMOBILIARE ROZZANO S.R.L. IN LIQUIDAZIONE API - AZIENDA PER IL PATRIMONIO Società con Socio Unico Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Rozzano Sede in Piazza Foglia 1-20089 Rozzano ( Mi) Capitale sociale

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO MEDIASET ATTIVO 1.999 2.000 2001

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO MEDIASET ATTIVO 1.999 2.000 2001 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO MEDIASET ATTIVO 1.999 2.000 2001 CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI - - B) IMMOBILIZZAZIONI: I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 costi di impianto ed ampliamento

Dettagli

AGENZIA PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE S.R.L. Sede in VIA CORCIANESE 218-06132 PERUGIA (PG) Capitale sociale Euro 45.198,00 i.v. Bilancio al 30/06/2013

AGENZIA PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE S.R.L. Sede in VIA CORCIANESE 218-06132 PERUGIA (PG) Capitale sociale Euro 45.198,00 i.v. Bilancio al 30/06/2013 AGENZIA PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE S.R.L. Sede in VIA CORCIANESE 218-06132 PERUGIA (PG) Capitale sociale Euro 45.198,00 i.v. Bilancio al 30/06/2013 Reg. Imp. 02227380546 Rea 202246 Stato patrimoniale attivo

Dettagli

ABBANOA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014. Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013

ABBANOA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014. Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 ABBANOA S.P.A. Sede in VIA STRAULLU 35-08100 NUORO (NU) Capitale sociale Euro 236.275.415 interamente versati Iscritta al Registro Imprese di Nuoro al numero e codice fiscale 02934390929 Numero Repertorio

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Capogruppo. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1

COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Capogruppo. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1 Pagina n 1 Capogruppo COOPERATIVA MURATORI REGGIOLO S.c.r.l. Sede Legale: Via G. di Vittorio, 2 Angolo Via Grandi, 1-42046 REGGIOLO Iscritta al Registro delle Imprese di R. E. Cod. Fisc. e N. iscrizione

Dettagli

ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata.

ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. B) Immobilizzazioni, con separata indicazione di quelle concesse in locazione finanziaria:

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE PERUGIASSISI 2019 Sede in Perugia - via Mazzini 21 Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA TERRITORIALE S.P.A. in liquidazione. Bilancio al 31/12/2013

AGENZIA PER LA MOBILITA TERRITORIALE S.P.A. in liquidazione. Bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 00205970320 Rea 74441 AGENZIA PER LA MOBILITA TERRITORIALE S.P.A. in liquidazione Sede in VIA D'ALVIANO 15-34144 TRIESTE (TS) Capitale sociale Euro 1.000.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2013 Stato

Dettagli

CASINO' S.P.A. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011

CASINO' S.P.A. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011 CASINO' S.P.A. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011 Sede legale: Corso degli Inglesi, 18 - Sanremo (Im) Capitale Sociale 120.000,00 i.v. Registro Imprese di Imperia 01297620088 - R.E.A. 114547 Codice fiscale 01297620088

Dettagli

COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA. Bilancio al 31/12/2014

COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA. Bilancio al 31/12/2014 COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI MODENA Sede in VIA SCAGLIA EST 144-41100 MODENA (MO) Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

SANITASERVICE AZIENDA POLICLINICO DI BARI SRL. Bilancio al 31/12/2014

SANITASERVICE AZIENDA POLICLINICO DI BARI SRL. Bilancio al 31/12/2014 SANITASERVICE AZIENDA POLICLINICO DI BARI SRL Società soggetta a direzione e coordinamento di AZ. OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI BARI Società unipersonale Sede in PIAZZA GIULIO CESARE 11 - BARI

Dettagli

FONDAZIONE OAT TORINO - Via Giolitti n. 1 CAPITALE SOCIALE: euro 77.468,53 interamente versato

FONDAZIONE OAT TORINO - Via Giolitti n. 1 CAPITALE SOCIALE: euro 77.468,53 interamente versato FONDAZIONE OAT TORINO - Via Giolitti n. 1 CAPITALE SOCIALE: euro 77.468,53 interamente versato BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2012 SITUAZIONE PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI VERSO SOCI B) IMMOBILIZZAZIONI I. IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO Sede in VIA TRIBUNALI SNC - 83031 ARIANO IRPINO (AV) Codice Fiscale 02318880644 - Numero Rea AVELLINO 150113 P.I.: 02318880644 Capitale Sociale Euro 1.067.566

Dettagli

G.IM S.r.l. con socio unico. Sede in Torino - Corso Dante 14. Capitale Sociale di 50.000 Euro i.v. Iscritta nel Registro delle Imprese di Torino

G.IM S.r.l. con socio unico. Sede in Torino - Corso Dante 14. Capitale Sociale di 50.000 Euro i.v. Iscritta nel Registro delle Imprese di Torino G.IM S.r.l. con socio unico Sede in Torino - Corso Dante 14 Capitale Sociale di 50.000 Euro i.v. Iscritta nel Registro delle Imprese di Torino al n. 08930370013 * * * BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Allegato 3 al Progetto di fusione. Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A. Situazione Patrimoniale Ex art. 2501 quatercodice Civile

Allegato 3 al Progetto di fusione. Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A. Situazione Patrimoniale Ex art. 2501 quatercodice Civile Allegato 3 al Progetto di fusione Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno S.p.A. Situazione Patrimoniale Ex art. 2501 quatercodice Civile PROSPETTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA -

Dettagli

AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SPA. Bilancio al 31/12/2014

AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SPA. Bilancio al 31/12/2014 AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SPA LOC. CASELLE 37060 SOMMACAMPAGNA (VR) CAPITALE SOCIALE: Sottoscritto Euro 52.317.408,00 i.v. Codice Fiscale e Partita IVA n.00841510233 Iscritta al Registro

Dettagli

PALERMO AMBIENTE S.P.A. IN LIQUIDAZIONE. Bilancio al 31/12/2012

PALERMO AMBIENTE S.P.A. IN LIQUIDAZIONE. Bilancio al 31/12/2012 Reg. Imp. (PA) 05158460823 Rea (PA) 238772 PALERMO AMBIENTE S.P.A. IN LIQUIDAZIONE Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte del socio unico Comune di Palermo Sede in Via Resuttana

Dettagli

SRR PALERMO PROVINCIA EST S.C.P.A.

SRR PALERMO PROVINCIA EST S.C.P.A. Registro Imprese 06258150827 Rea 309030 SRR PALERMO PROVINCIA EST S.C.P.A. Sede in Via Falcone e Borsellino 100/D - 90018 Termini Imerese (PA) Capitale Sociale Euro 120.000,00 di cui Euro 102.299,17 versati

Dettagli

Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.A.

Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.A. Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.A. LOC. CASELLE 37060 SOMMACAMPAGNA (VR) CAPITALE SOCIALE: Sottoscritto Euro 52.317.408,00 i.v. Codice Fiscale e Partita IVA n.00841510233 Iscritta al

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SPA. Bilancio al 31/12/2015

AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SPA. Bilancio al 31/12/2015 AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SPA LOC. CASELLE 37060 SOMMACAMPAGNA (VR) CAPITALE SOCIALE: Sottoscritto Euro 52.317.408,00 i.v. Codice Fiscale e Partita IVA n.00841510233 Iscritta al Registro

Dettagli

FERROVIA ADRIATICO SANGRITANA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014

FERROVIA ADRIATICO SANGRITANA S.P.A. Bilancio al 31/12/2014 FERROVIA ADRIATICO SANGRITANA S.P.A. Reg. Imp. 01935320695 Rea 139547 Sede in VIA DALMAZIA, N. 9-66034 LANCIANO (CH) Capitale sociale Euro 2.582.300,00 I.V. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo

Dettagli

Bilancio al 31/12/2004

Bilancio al 31/12/2004 A.AM.P.S. Azienda Ambientale di Pubblico Servizio s.p.a. Sede Legale Via G. Bandi 15 57122 Livorno CF/PI 01168310496 Capitale sociale Euro 16.476.400,00 i.v. Reg. Imp. 18305 Rea 103518 Bilancio al 31/12/2004

Dettagli

TEMPLATE DEL BILANCIO PER UNA STARTUP

TEMPLATE DEL BILANCIO PER UNA STARTUP TEMPLATE DEL BILANCIO PER UNA STARTUP Questo documento pdf è distribuito sotto licenza Creative Commons. Non sono ammesse modifiche e nemmeno utilizzo per fini commerciali. Sei libero di condividerlo,

Dettagli

ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Bilancio al 31/12/2014

ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Bilancio al 31/12/2014 ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.R.L. Reg. Imp. 01765610447 Rea 171608 Sede in PIAZZA ARRINGO, 1-63100 ASCOLI PICENO (AP) Capitale sociale Euro 20.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

LURA AMBIENTE S.P.A.

LURA AMBIENTE S.P.A. LURA AMBIENTE S.P.A. Sede in VIA LAINATE 1200-21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) Codice Fiscale 02259590129 - Numero Rea VA 000000242557 P.I.: 02259590129 Capitale Sociale Euro 120.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014

FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO. Bilancio al 31/12/2014 Sede in VIA SAN FRANCESCO DA PAOLA, 3-10123 TORINO (TO) Fondo di dotazione Euro 100.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A)

Dettagli

FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI. Bilancio al 31/12/2013

FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI. Bilancio al 31/12/2013 FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI Registro Imprese 640399 Rea 8508/87 Sede in via Plebiscito, 102-00186 Roma Fondo Consortile 439.916,51 Codice Fiscale 08060200584 Partita IVA 01951041001 Bilancio

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

SAV.NO SERVIZI AMBIENTALI VENETO NORD ORIENT.SRL. Bilancio al 31/12/2014

SAV.NO SERVIZI AMBIENTALI VENETO NORD ORIENT.SRL. Bilancio al 31/12/2014 SAV.NO SERVIZI AMBIENTALI VENETO NORD ORIENT.SRL Reg. Imp. 03288870276 Rea 288691 Sede in VIA MAGGIOR PIOVESANA N. 158/B - 31015 CONEGLIANO (TV) Capitale sociale Euro 540.000,00 I.V. Bilancio al 31/12/2014

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO

BILANCIO CONSOLIDATO Page 1 of 9 BILANCIO CONSOLIDATO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: MEP SPA 20121 MILANO (MI) - PIAZZA DEL Sede: LIBERTY, 2 Capitale Sociale: 10.372.791 Capitale Sociale

Dettagli

SALERNO MOBILITA' S.P.A. Bilancio al 31/12/2011

SALERNO MOBILITA' S.P.A. Bilancio al 31/12/2011 Reg. Imp. 03309020653 Rea 287251 SALERNO MOBILITA' S.P.A. Sede in PIAZZA PRIN. AMEDEO 6-84100 SALERNO (SA) Capitale sociale Euro 103.290,00 I.V. Bilancio al 31/12/2011 Stato patrimoniale attivo 31/12/2011

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI NUORO BILANCIO di previsione triennale per gli anni 2014/2016

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI NUORO BILANCIO di previsione triennale per gli anni 2014/2016 Allegato 22: Bilancio di Previsione Triennale Stato patrimoniale previsionale attivo 2014 2015 2016 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, di sviluppo

Dettagli

SERUSO S.P.A. Bilancio al 31/12/2014

SERUSO S.P.A. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. 02329240135 Rea 285893 SERUSO S.P.A. Società soggetta a direzione e coordinamento di SILEA S.P.A.. R. IMPRESE LECCO 83004000135 Sede in VIA PIAVE N. 89-23879 VERDERIO (LC) Capitale sociale Euro

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

IL GRATICOLATO SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

IL GRATICOLATO SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE IL GRATICOLATO SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Sede in SAN GIORGIO DELLE PERTICHE Codice Fiscale 02191560289 - Numero Rea PADOVA 214291 P.I.: 02191560289 Capitale Sociale Euro 72.800 Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2009 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

STATO PATRIMONIALE DELLA MALUCLA' & COMPANY AL 31-12-2005

STATO PATRIMONIALE DELLA MALUCLA' & COMPANY AL 31-12-2005 STATO PATRIMONIALE DELLA MALUCLA' & COMPANY AL 31-12- STATO PATRIMONIALE ATTIVO PASSIVO A) CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI A) PATRIMONIO NETTO ANCORA DOVUTI (TOTALE) I - Capitale 18.000.000 Parte da

Dettagli

PALERMO AMBIENTE S.P.A. IN LIQUIDAZIONE. Bilancio al 31/12/2014

PALERMO AMBIENTE S.P.A. IN LIQUIDAZIONE. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. (PA) 05158460823 Rea (PA) 238772 PALERMO AMBIENTE S.P.A. IN LIQUIDAZIONE Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte del socio unico Comune di Palermo Sede in Via Resuttana

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BILANCIO ESERCIZIO. Stato patrimoniale. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

BILANCIO ESERCIZIO. Stato patrimoniale. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Pagina 1 di 9 BILANCIO ESERCIZIO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici MERCOGLIANO Denominazione: SERVIZI S.R.L. CON UNICO SOCIO PIAZZA MUNICIPIO N. Sede: 1-83013 MERCOGLIANO (AV) Capitale

Dettagli

COSMO S.P.A. Bilancio al 31/12/2013

COSMO S.P.A. Bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 82005660061 Rea 179382 COSMO S.P.A. Sede in VIA ACHILLE GRANDI N. 45C - 15033 CASALE MONFERRATO (AL) Capitale sociale Euro 7.000.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2013 Stato patrimoniale attivo 31/12/2013

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Informazioni generali sull'impresa

Informazioni generali sull'impresa Informazioni generali sull'impresa Denominazione Sede Codice fiscale Codice CCIAA Partita iva Numero REA Forma giuridica Capitale Sociale Settore attività prevalente (ATECO) Numero albo cooperative Appartenenza

Dettagli

Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa Al 31 dicembre 2014 33

Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa Al 31 dicembre 2014 33 Stato Patrimoniale Conto Economico Nota integrativa Al 31 dicembre 2014 33 34 COOPERLAT SOC.COOP. AGRICOLA Sede in 60035 JESI (AN) VIA PIANDELMEDICO, 74 Codice Fiscale 00807560420 - Numero Rea AN 91950

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita C) VARIAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE -Riserve tecniche rami danni -Riserve

Dettagli

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014

ALER BERGAMO. Bilancio al 31/12/2014 Reg. Imp. 444145/1996 Rea 0293663 ALER BERGAMO Sede in VIA MAZZINI 32/A - 24128 BERGAMO (BG) Capitale sociale Euro 99.874,00 i.v. Bilancio al 31/12/2014 Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

BILANCIO ESERCIZIO. Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE. Stato patrimoniale.

BILANCIO ESERCIZIO. Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE. Stato patrimoniale. Pagina 1 di 8 BILANCIO ESERCIZIO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici Denominazione: VALMONTONE Sede: HOSPITAL S.P.A. PIAZZA UMBERTO PILOZZI N. 1-00038 VALMONTONE (RM) Capitale Sociale: 120.000

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

BARI MULTISERVIZI SPA. Bilancio al 31/12/2011

BARI MULTISERVIZI SPA. Bilancio al 31/12/2011 Reg. Imp. 05259640729 Rea 459549 BARI MULTISERVIZI SPA Società soggetta a direzione e coordinamento di COMUNE DI BARI Società unipersonale Sede in VIA VITERBO N. 6-70126 BARI (BA) Capitale sociale Euro

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione).

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione). Concetti base Tutti i beni che acquistiamo sono il risultato di un attività aziendale di produzione, cioè di ottenimento di prodotti e servizi attraverso l impiego di risorse. Le attività, tra loro integrate,

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Macroarea di Ingegneria ----------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Bilancio Anno: 2008 Anno: 2008 Anno: 2007

Bilancio Anno: 2008 Anno: 2008 Anno: 2007 CRAL POSTE VIALE EUROPA 190-00144 ROMA Codice Fiscale: 97150630586 P. Iva: 08240891005 Bilancio Anno: 2008 Anno: 2008 Anno: 2007 STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) Crediti Verso Soci per Versamenti Dovuti (Di

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

A - CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI I

A - CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI I BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31.12.2013 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/2013 31/12/2012 A - CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI I - Parte richiamata II - Parte non richiamata B - IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

FRATERNITA' GIOVANI. SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Sede in VIA 1 MAGGIO, 3-25035 OSPITALETTO (BS) Bilancio al 31/12/2006

FRATERNITA' GIOVANI. SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Sede in VIA 1 MAGGIO, 3-25035 OSPITALETTO (BS) Bilancio al 31/12/2006 Reg. Imp. 28016/2000 Rea 417480 FRATERNITA' GIOVANI SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Sede in VIA 1 MAGGIO, 3-25035 OSPITALETTO (BS) Bilancio al 31/12/2006 Stato patrimoniale attivo 31/12/2006 31/12/2005

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

ATTIVO: struttura finanziaria

ATTIVO: struttura finanziaria ATTIVO: Voci bilancio civilistico Riclassificazione SP secondo struttura finanziaria A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata - Quote non

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato

BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato BUSINESS PLAN Attraverso l'analisi dei dati degli ultimi due bilanci di esercizio e l'inserimento di alcuni dati previsionali, verrà elaborato un Business plan completo di Bilancio previsionale, Rendiconto

Dettagli