Pianificazione strategica e business plan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione strategica e business plan"

Transcript

1 START CUP CAMPANIA 2015 Pianificazione strategica e business plan Prof. Raffaele Fiorentino Università di Napoli Parthenope Napoli, 22 maggio 2015 Copyright Materiale depositato

2 The relationship between spin-off activities and research performance in universities (Abramo et al., 2012) La Start Cup, gli spin off accademici e un percorso formativo sul Business Plan? The contribution of academic research to economic growth (Vincett, 2010) Growth and performance of academic spin-offs (Ferretti et al., 2014)

3 Indice - LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA - IL BUSINESS PLAN - LE PROSPETIVE ECONOMICO-FINANZIARIE - LE VALUTAZIONI AZIENDALI

4 La pianificazione strategica «Il ponderare prima di accingersi ad un operazione o impresa quale si voglia, sulle probabili sue conseguenze per vedere se convenga tentarla, e il meditare, nel caso che il tentarla paia espediente, per quali vie e in quali modi si deva condurla a fine, è proprio di ogni persona saggia e che vuole riuscire bene nelle cose sue. Tale cautela deve essere costante in coloro che informano la gestione di un azienda» Besta, 1909

5 La pianificazione strategica Pianificazione strategica Processo Insieme di attività direzionali con cui Si definiscono gli obiettivi di fondo Gestione strategica Si formulano le principali scelte Decisioni di investimento Si formulano i piani d azione Business Plan

6 La pianificazione strategica STRATEGIA Dal greco antico e nella sua accezione originaria (riferita all arte della guerra) la conduzione delle forze armate da parte del generale (στρατηyεω), ovvero la perizia nell arte militare (στρατηyια)

7 La pianificazione strategica La gestione strategica Si occupa di determinare i caratteri di fondo del modello d interazione dell azienda con l ambiente (versante esternoposizionamento strutturale) nonché di realizzare la struttura materiale ed organizzativa idonea a fornire il miglior supporto a tale processo (versante interno-assetto strutturale) Traccia la rotta

8 La pianificazione strategica Attività caratteristiche della gestione strategica: - la Diagnosi strategica - la Generazione delle alternative - la Valutazione delle alternative - la Scelta dell alternativa da realizzare - l Implementazione della strategia - il Controllo strategico

9 La valutazione degli investimenti L analisi economico-finanziaria esamina, prescindendo dall adeguatezza tecnica dell investimento, la sua opportunità in termini di flussi finanziari ed economici È autonoma dal giudizio sull opportunità dell investimento dal punto di vista tecnico

10 La valutazione degli investimenti Qualunque sia la tipologia di decisione da affrontare, i singoli investimenti devono essere compatibili, da un lato, con le strategie aziendali esplicitate dal business plan e, dall altro, con le esigenze di economica liquidità della gestione La programmazione degli investimenti traduce in termini quantitativi i piani d azione predisposti in sede di pianificazione strategica contemperando i risultati dell analisi economico-finanziaria del singolo investimento con le strategie aziendali ed i conseguenti obiettivi pluriennali

11 La valutazione degli investimenti Un utile sostegno all analisi economico-finanziaria delle decisioni di investimento deriva dall utilizzo degli strumenti di capital budgeting Consentono la valutazione-selezione degli investimenti favorendo la pianificazioneprogrammazione degli stessi nel tempo

12 La valutazione degli investimenti TRE FASI PRINCIPALI 1) la quantificazione dei flussi economico-finanziari Acquisire le informazioni necessarie a stimare i flussi economicofinanziari positivi e negativi attesi dal singolo investimento 2) la valutazione dei flussi Utilizzare opportune e specifiche metodologie 3) la selezione degli investimenti Assumere la decisione o meno di realizzazione dell investimento: analisi della convenienza assoluta e relativa

13 Il business plan Pianificazione Controllo Comunicazione BUSINESS PLAN analizza e descrive un idea imprenditoriale ( la «business idea») consente una valutazione della fattibilità economico-finanziaria

14 Il business plan: Ruolo e obiettivi costringe gli uomini di azienda a meditare sull idea imprenditoriale e sulla validità della formula strategica in atto e da realizzare; costituisce una guida per la gestione e favorisce il processo di realizzazione della strategia; favorisce il grado di sistematicità e il coinvolgimento del sistema del management, attraverso l individuazione, la comunicazione e la condivisione di obiettivi articolati, ma coordinati a sistema; consente una verifica delle azioni poste in essere per la realizzazione della strategia e la valutazione della stessa; favorisce la comunicazione alle diverse classi di stakeholder dell idea imprenditoriale e della formula strategica dell azienda.

15 Il business plan: destinatari Founding team; Finanziatori; Destinatari Clienti/fornitori; Università; Pubbliche istituzioni e organismi di controllo; Altri soggetti.

16 Il business plan: requisiti realistico; chiaro; Requisiti al tempo stesso sintetico e analitico; coerente; flessibile.

17 Il business plan: errori da evitare sopravvalutare la propria idea imprenditoriale sottovalutandone i rischi; considerare il piano stesso un puro obbligo formale finendo per sottovalutarne le potenzialità gestionali; Errori da evitare delegare completamente a soggetti esterni la redazione del piano, non apportando le indispensabili conoscenze circa la propria idea e il business; eccedere nella ricerca e nella produzione di informazioni a discapito della chiarezza del documento; trascurare di supportare le informazioni fornite con adeguati riferimenti ed analisi; sopravvalutare alcune parti a discapito di altre e della complessiva organicità del documento.

18 Il business plan: struttura e contenuto Una parte qualitativa Struttura Una parte quantitativa Una pluralità di documenti Informazioni Tecnico-descrittive Economico-fin. Aspetti quali-quantitativi riferiti alle risorse aziendali, alle azioni, alle attività e ai processi che caratterizzano il sistema aziendale, alla composizione ed alla consonanza tra forze interne ed esterne Andamenti aziendali in valori monetari i fatti, si da consentire il loro apprezz. attraverso la stima sintetica del valore creato e dei key value driver nei quali si articola e che consentono una valutazione circa il suo raggiungimento

19 Il business plan: struttura e contenuto 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico dell idea e l Università di appartenenza 1.4 Collaborazioni attivate o da attivare per lo sviluppo dell idea imprenditoriale 1.4 Missione e obiettivi della costituenda società 2. GRUPPO PROPONENTE 2.1 Profili professionali e ruolo dei soggetti proponenti e di eventuali partner 2.2 Curricula dei soci 2.3 Persona di riferimento. 3. PRODOTTI E/O SERVIZI OFFERTI 3.1 Descrizione, caratteristiche e vantaggi dei prodotti e/o servizi offerti 3.2 Modalità di offerta e tempi di realizzazione. 3.3 Patrimonio brevettuale disponibile.

20 Il business plan: struttura e contenuto 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico dell idea e l Università di appartenenza 1.4 Collaborazioni attivate o da attivare per lo sviluppo dell idea imprenditoriale 1.4 Missione e obiettivi della costituenda società 2. GRUPPO PROPONENTE 2.1 Profili professionali e ruolo dei soggetti proponenti e di eventuali partner 2.2 Curricula dei soci 2.3 Persona di riferimento. 3. PRODOTTI E/O SERVIZI OFFERTI 3.1 Descrizione, caratteristiche e vantaggi dei prodotti e/o servizi offerti 3.2 Modalità di offerta e tempi di realizzazione. 3.3 Patrimonio brevettuale disponibile.

21 Il business plan: struttura e contenuto 4. ANALISI/STIMA DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA DEL MERCATO 4.1 Analisi della domanda 4.2 Analisi dei potenziali clienti 4.2 Analisi della concorrenza. 5. PIANO DI MARKETING 5.1 Analisi punti di forza/debolezza e opportunità/minacce per l iniziativa imprenditoriale 5.2 Segmentazione del mercato e scelte di marketing 5.3 Politica di prodotto, di promozione, di distribuzione e di prezzo 5.4 Piano delle vendite 5.5 Analisi economica delle commesse (se rilevante). 6. PIANI OPERATIVI. 6.1 Il piano degli investimenti di start up 6.2 Le scelte di produzione e/o di erogazione dei servizi 6.3 Il piano delle risorse umane 6.4 Le scelte di approvvigionamento

22 Il business plan: struttura e contenuto 7. STRUTTURA ORGANIZZATIVA E SOCIETARIA 7.1 Struttura organizzativa prescelta 7.2 Forma giuridica e capitale sociale 7.3 Compagine Societaria 7.4 Organi Societari. 7.5 Sede della società 8. PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 8.1 Conto economico previsionale 8.2 Prospetto previsionale fonti e impieghi 8.3 Analisi del Cash flow.

23 Le prospettive economico-finanziarie Strategie e piani di azione pluriennali Piano commerciale Piano della produzione Piano degli investimenti Piano delle strutture centrali e delle spese generali Documenti di sintesi Conto economico prospettico Rendiconto finanziario prospettico Stato patrimoniale prospettico

24 Le prospettive economico-finanziarie Principali variabili qualificanti dei programmi operativi volumi di output da ottenere tempi di ottenimento di tali output fabbisogni di risorse occorrenti

25 Le prospettive economico-finanziarie Piano delle vendite Piano dei costi commerciali Volumi di vendita Prezzi Ricavi Spese personale vendite Spese personale comm. non di vendita Spese pubblicità e promozione vendite Spese di assistenza clienti è/può essere articolato in una pluralità di dimensioni prevede una gran mole di informazioni spesso di natura esterna

26 Le prospettive economico-finanziarie i costi di prodotto e di area dipendono dal volume produttivo, senza conoscere il quale non si possono correttamente ripartire i costi a carattere costante per prodotti Per ripartire i costi a carattere costante devo conoscere il volume della produzione (l incidenza diminuisce all aumentare della quantità prodotta) KREISLAUF ma il volume della produzione dipende dalla politica dei prezzi (a prezzi più bassi corrisponde in generale una maggiore quantità venduta, e viceversa) ma la politica dei prezzi dipende dalla conoscenza dei costi (per fissare il prezzo di vendita remunerativo, devo conoscere evidentemente i costi sostenuti per prodotto o per area)

27 Le prospettive economico-finanziarie Il piano delle vendite Mese di riferimento Prezzo Volumi Fatturato lordo Sconti Fatturato netto Costi comm. Margine comm. Anno 1 Anno 2 Anno 3

28 Le prospettive economico-finanziarie Il piano della produzione degli acquisti di materie Costo standard unitario * volume produzione del personale da assumere n totale ore necessarie per realizzare i programmi Volume di produzione * ora uomo unitaria Dimensione organico a budget = n ore necessarie/ore presenza pro capite

29 Le prospettive economico-finanziarie Il piano degli investimenti Investimenti Totale Investimento Investimento Investimento Investimento n Totale

30 Le prospettive economico-finanziarie Il consolidamento dei valori e dei piani specifici I documenti di sintesi Conto economico previsionale Prospetto fonti-impieghi Prospetto del cash-flow

31 Le prospettive economico-finanziarie IL CONTO ECONOMICO PREVISIONALE Il budget economico assume la forma di un Conto Economico Preventivo CONSOLIDAMENTO DEI PIANI DELLE VENDITE E DEI COSTI Piano commerciale Piano della produzione Piano str. cen. e funz. gen. COSTI Costi commerciali Costi industriali (mano d opera, materie prime,...) Costi amministrativi, di ricerca e sviluppo, RICAVI Ricavi di vendita

32 Le prospettive economico-finanziarie BUDGET ECONOMICO Ricavi Variazione delle rimanenze di prodotti finiti e semilavorati. Totale della produzione complessiva Acquisto materie prime Consulenze fiscali, consulenze del lavoro Costi spedizioni Spese rappresentanza Spese carburante trasferte tecnici Spese vitto e alloggio per trasferte tecnici Costi struttura (Fitto, utenze ecc) Consulenza marketing Spese realizzazione sito e brochure Spese pubblicitarie Salari e stipendi personale impiegato nel piano Spese generali correlate al progetto Ammortamenti attrezzature relative al progetto Ammortamenti licenze Ammortamenti spese Sito Utenze Spese per Certificazioni e qualifiche TOTALE COSTO DELLA PRODUZIONE REDDITO OPERATIVO Oneri finanziari REDDITO Imposte e tasse RISULTATO NETTO DELL'ESERCIZIO Costi della produzione

33 Le prospettive economico-finanziarie BUDGET ECONOMICO Ricavi Variazione delle rimanenze di prodotti finiti e semilavorati. Totale della produzione complessiva

34 Le prospettive economico-finanziarie Costi della produzione Acquisto materie prime Consulenze fiscali, consulenze del lavoro Costi spedizioni Spese rappresentanza Spese carburante trasferte tecnici Spese vitto e alloggio per trasferte tecnici Costi struttura (Fitto, utenze ecc) Consulenza marketing Spese realizzazione sito e brochure Spese pubblicitarie Salari e stipendi personale impiegato nel piano Spese generali correlate al progetto Ammortamenti attrezzature relative al progetto Ammortamenti licenze Ammortamenti spese Sito Utenze Spese per Certificazioni e qualifiche TOTALE COSTO DELLA PRODUZIONE REDDITO OPERATIVO

35 Le prospettive economico-finanziarie Oneri finanziari REDDITO Imposte e tasse RISULTATO NETTO DELL'ESERCIZIO

36 Le prospettive economico-finanziarie IL BUDGET FONTI/IMPIEGHI CONSOLIDAMENTO DEGLI INVESTIMENTI E DEI FINANZIAMENTI: - Individuazione investimenti operativi; - Analisi del rimborso dei finanziamenti; - Individuazione dell autofinanziamento e del fabbisogno netto - Analisi delle fonti di copertura per il fabbisogno residuo Piano investimenti INVESTIMENTI Investimenti operativi (in capitale fisso o circolante) FINANZIAMENTI Finanziamenti An. Budget fonti/impieghi Rimborso debiti preesistenti Rimborso capitale proprio

37 Le prospettive economico-finanziarie FABBISOGNI ATTREZZATURE LICENZE SOFTWARE Il prospetto fonti-impieghi IMPORTI FONTI DI COPERTURA IMPORTI SITO ECC SPESE PER CERTIFICAZIONI E QUALIFICHE TOTALE PROGETTO SENZA IVA IVA TOTALE PROGETTO CON IVA TOTALE

38 Le prospettive economico-finanziarie IL PROPSETTO DEL CASH-FLOW I flussi finanziari si formano sia nell area reddituale che patrimoniale Area reddituale: è necessario eliminare dal risultato reddituale i costi e ricavi non monetari Il metodo indiretto, o bottom up, determina il flusso di cassa della gestione reddituale partendo dal basso del conto economico, ovvero dal risultato netto dell esercizio, aggiungendo tutte le poste che non hanno generato o assorbito liquidità Area patrimoniale: è necessario confrontare due prospsetti fontiimpieghi consecutivi tenendo conto delle variazioni delle fonti e degli impieghi: + attività = impiego di liquidità; + passività = fonte di liquidità; - attività = fonte di liquidità; - passività = impiego di liquidità.

39 Le prospettive economico-finanziarie Cassa iniziale Flusso gestione corrente Reddito operativo +/- costi e ricavi non monetari Totale +/- Investimenti tecnici Flusso gestione investimenti Flusso operativo Flusso gestione finanz. Imposte tributarie Flusso gestione tributaria Flusso netto Cassa finale Il prospetto del cash-flow

40 Le valutazioni aziendali Il valore delle strategie Attrattività del settore Posizionamento competitivo Risultante delle forze competitive In termini di prodotti/servizi offerti e prezzi praticati Marketing mix: - qualità/descrizione del prodotto in termini di funzioni d uso e caratteristiche fisico tecniche; - prezzo; - modalità di distribuzione; - comunicazione;

41 Le valutazioni aziendali - la creazione di valore associata alle strategie aziendali; - le modalità e l articolazione del valore generato; - la disaggregazione del valore generato in valori economici, patrimoniali e finanziari; - la qualità del valore generato; - il fabbisogno finanziario dell azienda e le sue modalità di copertura. Prospetti riguardanti: - i flussi economici previsti a piano; - i flussi finanziari; - la prevedibile evoluzione e struttura del capitale investito. Un sistema di indicatori

42 Le valutazioni aziendali 1) le dinamiche tipicamente competitive, quindi i flussi economico/finanziari sviluppati dalle aree di business nelle quali opera l azienda ed il rischio operativo ad esse riconducibile; 2) le dinamiche finanziarie, spesso gestite a livello corporate, ricollegabili alla struttura del debito, al rischio finanziario ed al correlato costo dei finanziamenti; 3) il valore del portafoglio strategico, quindi le sinergie caratteristiche, finanziarie e fiscali; 4) il valore delle opzioni reali; Variabili da apprezzare: 5) l estensione temporale della strategia e delle posizioni di vantaggio ipotizzate.

43 Le valutazioni aziendali 1) La redditività e la capacità competitiva Attrattività del settore Collocazione strategica Redditività media del settore Posizionamento strategico

44 Le valutazioni aziendali 2) Dinamica finanziaria Stima del tasso di attualizzazione/capitalizzazione Rendimento di investimenti alternativi Rischio insito nell attività aziendale Incertezza e variabilità dei risultati

45 Le valutazioni aziendali 3) Valore del portafoglio strategico Sinergie Interrelazioni positive o negative tra aree di business Caratteristiche Finanziarie Fiscali

46 Le valutazioni aziendali 4) Le opzioni reali le strategie non producono «soltanto ritorni diretti, ma altresì opportunità future capaci a loro volta di generare ritorni» i possibili sviluppi della formula imprenditoriale rispetto alla naturale evoluzione della stessa si precisano e divengono efficaci soltanto dopo che una decisione strategica è stata effettuata e sono strettamente correlate ad essa rappresentano ulteriori opportunità di crescita che un impresa può cogliere in un momento successivo all implementazione della prima azione strategica

47 Le valutazioni aziendali 5) Estensione temporale della strategia metodologie di stima analitiche dei flussi economico-finanziari associati ad una strategia, con durata definita nel tempo e valore residuo finale modalità che si ricollegano e si avvicinano alla stima di una rendita perpetua a) le condizioni economico-finanziarie che caratterizzano l impresa prima dell eventuale implementazione della strategia b) le risorse reddituali o finanziarie richieste e generate nel periodo di implementazione della strategia ed i tempi di manifestazione dei citati flussi reddituali/finanziari c) le condizioni economico-finanziarie che caratterizzeranno l impresa al termine della strategia in esame

48 non vi è nulla di più difficile da portar avanti, più incerto di successo, più pericoloso da gestire che iniziare un nuovo ordine di cose

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi LINEE GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN A cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale Consigliere Delegato: Marcello Danisi Consiglieri Co Delegati: Giosuè Boldrini e Enrico Maria Guerra 1 SOMMARIO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli