Disinfezione e sterilizzazione in ospedale (ICI Bonfanti M., ICI Fanton C.)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disinfezione e sterilizzazione in ospedale (ICI Bonfanti M., ICI Fanton C.)"

Transcript

1 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale 3 Cso.. Svizzera, TORINO Telef.. 011/ Codice Fiscale UOa Prevenzione Rischio Infettivo A.S.L. 3 Disinfezione e sterilizzazione in ospedale (ICI Bonfanti M., ICI Fanton C.)

2 RACCOMANDAZIONI CIRCA LA DISINFEZIONE Vi sono insufficienti dati per giustificare la raccomandazione di disinfettare routinariamente le superfici nei presidi sanitari, eccetto aree di stretto isolamento. Firmato da 40 scienziati in infection control dal Mondo, Am J Infect Control, 2002;30: INEFFICACI Nebulizzazione di disinfettanti Utilizzo di soluzioni acquose disinfettanti a base di ammonio quaternario per la disinfezione di cute e attrezzature EFFICACIA NON DIMOSTRATA Disinfezione giornaliera del meato urinario I disinfettanti non vanno usati in modo indiscriminato. Essi vengono impiegati spesso dove non sono necessari, mentre altrettanto spesso non lo sono dove possono essere utili. (Principles and practice of disinfection, preservation and sterilization, Russell, Hugo, Ayliffe 1999)

3 L utilizzo di antisettici e disinfettanti è un reale problema per l ASL 3?

4 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale 3 Cso. Svizzera, TORINO Telef. 011/ Codice Fiscale COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE A.S.L. 3 Clorossidante elettrolitico Clorexidina Iodopovidone Polifenoli Acqua Ossigenata GUIDA ALL IMPIEGO DELLE SOLUZIONI ANTISETTICHE E DISINFETTANTI A cura di: Dott. A. Lombardi, Dott. G. Cinirella, ICI D. Ballardini Novembre 2000

5 Frequenza di applicazione nelle UU.OO di alcune raccomandazioni inerenti la DISINFEZIONE Giugno 2005 Indagine condotta su 18 reparti ASL 3 Criterio Standard % % Rilevata Scarto % Presenza protocollo 100 Dato omesso Dato omesso Corretta conservazione dei disinfettanti/antisettici 100 Dato omesso Dato omesso Gestione adeguata di antisettici/disinfettanti /non contaminati 100 Dato omesso Dato omesso Corretto utilizzo dei disinfettanti/antisettici (ad hoc, diluizione/stabilità) 100 Dato omesso Dato omesso

6

7 Frequenza di applicazione nelle UU.OO di alcune raccomandazioni inerenti la STERILIZZAZIONE Giugno 2005 Indagine condotta su 18 reparti Criterio Standard % % Rilevata Scarto % Presenza protocollo Corretta conservazione spaziale del materiale sterilizzato Dato omesso Dato omesso Dato omesso Dato omesso Materiale non scaduto, integro, ecc. 100 Dato omesso Dato omesso Corretto preparazione del materiale (DECONTAMINAZIONE) 100 Dato omesso Dato omesso

8 E un reale problema!!!!!!

9 I disinfettanti non vanno usati in modo indiscriminato. Essi vengono impiegati spesso dove non sono necessari, mentre altrettanto spesso non lo sono dove possono essere utili. (Principles and practice of disinfection, preservation and sterilization, Russell, Hugo, Ayliffe 1999) Disinfettante: Prodotto che permette, su superfici inerti contaminate, momentaneamente, di eliminare o uccidere microrganismi e/o di inattivare virus indesiderabili, in funzione di obiettivi prefissati Antisettico: Prodotto che permette, a livello di tessuti viventi, Non necessariamente deve uccidere tutti microrganismi: ma deve essere in grado di ridurli ad un livello tale che non sia pericoloso per la salute e per gli oggetti momentaneamente, con limiti di tolleranza relativi, di eliminare o uccidere microrganismi e/o di inattivare virus indesiderabili, in funzione di obiettivi prefissati

10 ASEPSI: Insieme delle misure atte ad impedire ogni apporto esogeno di microrganismi STERILIZZAZIONE: Totale rimozione o distruzione di tutte le forme di microrganismi viventi e dei virus. Pochi disinfettanti chimici sono in grado di ottenere la sterilità ed in genere richiedono tempi molto lunghi

11 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. Tutti i prodotti usati in disinfezione sono Presidi Medico Chirurgici irurgici (PCM), 1986 PRESIDI CHIMICI DI CLASSE I Disinfettanti destinati ad essere usati su uomo ed animale PRESIDI CHIMICI DI CLASSE II Disinfettanti destinati ad essere usati su oggetti ed ambienti 2. Tutti i prodotti usati in disinfezione ad uso esterno per il trattamento di lesioni cutanee o destinati a venire a contatto con mucose, devono d essere registrati come specialità medicinali,, 1991

12 ALCUNI PROBLEMI CONNESSI ALL USO DEI DISINFETTANTI Ne esiste un gran numero Si adoperano quando non necessari Spesso non sono adatti agli usi ospedalieri Vengono mal diluiti Gli oggetti e gli strumenti sono sempre più complessi Non sono valutati i rischi di HIV ed HBV Mancano strategie d uso corretto

13 ALTRI PROBLEMI CONNESSI ALL USO DEI DISINFETTANTI Livelli di disinfezione necessari Riuso dei dispositivi medici e delle attrezzature sanitarie Sterilizzazione a freddo (basse temperature) Antisepsi della cute e lavaggio delle mani Effetti corrosivi dei disinfettanti Smaltimento dei disinfettanti e dei loro residui Evoluzione della normativa Nazionale ed Internazionale Resistenze ai disinfettanti Nuove esigenze di disinfezione (HIV, Epatiti, MRSA, prioni, ecc..) Nuove esigenze tecniche (endoscopie, laparoscopie, ecc..)

14 IN OSPEDALE CI SONO ALMENO QUATTRO PRINCIPALI USI DI DISINFETTANTI ED ANTISETTICI 1. PER L IGIENE ALIMENTARE (ES. CLORODERIVATI) 2. PER LA PULIZIA DI SUPERFICI (ES. IPOCLORITI, POLIFENOLI, ALCOLI, OSSIDANTI) 3. PER LE SUPERFICI ED OGGETTI CONTAMINATI (ES. IPOCLORITI, POLIFENOLI, GLUTARALDEIDE) 4. PER LA CUTE E LE MEMBRANE MUCOSE (ES. CLORODERIVATI, IODOFORI, CLOREXIDINE)

15 AGENTI FISICI FILTRAZIONE CALORE RADIAZIONI DISINFEZIONE AGENTI NATURALI LUCE ESSICCAMENTO TEMPERATURA CONCORRENZA VITALE DILUIZIONE AGENTI CHIMICI INORGANICI ORGANICI

16 ANTISETTICI E DISINFETTANTI NELLA FARMACOPEA UFFICIALE ITALIANA ACIDO ACETICO DILUITO ACIDO BORICO ACIDO SALICILICO ALCOOL ETILICO ALCOOL ISOPROPILICO ARGENTO NITRATO ARGENTO PROTEINATO BENZALCONIO CLORURO CALCIO IDROSSIDO CETILPIRIDINIO CLORURO CETRIMIDE CLOREXIDINA DIACETATO CLOREXIDINA CLORIDRATO CLOREXIDINA SOLUZIONE FENILMERCURIO (CONSERVANTE) FENOLO FORMALDEIDE 35% DIGLUCONATO NITRATO SOLUZIONE IODIO IODIOFORMIO MERBROMINA PEROSSIDO 30% D IDROGENO PEROSSIDO D IDROGENO 3% POTASSIO PERGAMANATO POVIDONE IODIO SODIO METILMERCURO TIO- SALICILATO ( (MERTIOLATO)

17 CRITERI ORIENTATIVI NELLA SCELTA DEL PRODOTTO DA USARE COME DECIDO? 1. In base alla destinazione o all uso compiuto con l oggetto 2. In base alla popolazione microbica che ipotizzo contaminare il substrato 3. In base al livello di attività dei disinfettanti

18 1. In base alla destinazione o all uso compiuto con l oggetto

19 1.. TIPOLOGIA DI ARTICOLI, LIVELLI DI RISCHIO, RIDUZIONE MICROBICA RICHIESTA TIPOLOGIA ARTICOLI DEGLI OGGETTI RISCHIO INFETTIVO RIDUZIONE MICROBICA RICHIESTA ARTICOLI CRITICI: Per specifica natura Per indicazione d impiego Tipologia del paziente Aghi scalpelli, forcipi, cateteri cardiaci, materiale impiantabile, laparoscopi, artroscopi, ecc. ELEVATO Tutti i microrganismi comprese le spore STERILIZZAZIONE O DISINFEZIONE DI ALTO LIVELLO Articoli critici perché contaminati ELEVATO INTERMEDIO I microrganismi contaminanti ARTICOLI SEMICRITICI: Per indicazione d impiego Tipologia del paziente ARTICOLI CRITICI: NON Gastroscopi,, tubi endotracheali, aspiratori, circuiti respiratori, speculum, cateteri vescicali, cistoscopi,, ecc.. Maschere facciali, steatoscopi,, elettrodi riutilizzabili, termometri per uso esterno, ecc. INTERMEDIO STERILIZZAZIONE O ALTA DISINFEZIONE BASSO Tutti i microrganismi ad eccezione delle spore Almeno Stafilococco aureo e Pseudomonas DETERSIONE O DISINFEZIONE DI LIVELLO MEDIO BASSO

20 2. In base alla popolazione microbica che ipotizzo contaminare il substrato

21 2. ORDINE CRESCENTE DI RESISTENZA DEI MICRORGANISMI AI DISINFETTANTI CHIMICI SPORE MICOBATTERI VIRUS (SENZA RIVESTIMENTO LIPIDICO) FUNGHI BATTERI VEGETATIVI VIRUS (CON RIVESTIMENTO LIPIDICO)

22 3. In base al livello di attività dei disinfettanti

23 3. Livello di attività dei disinfettanti LIVELLO DI ATTIVITA ALTO LIVELLO Aldeide glutarica 2% Acido peracetico <1% Derivati del cloro > 1000 ppm LIVELLO INTERMEDIO Aldeide glutarica 2% Derivati del cloro 1000 ppm Alcool 70 Polifenoli detergenti Iodofori LIVELLO BASSO Derivati del cloro > 100 ppm Sali di ammonio quaternario in soluzione acquosa Polifenoli (alcune formulazioni) Iodofori (alcune formulazioni) CAMPO D AZIONE Spore, Virus, Funghi, Batteri (compreso Il Micobatterio ) Virus, Funghi, Batteri in fase vegetativa (compreso il Micobatterio ) Batteri in fase vegetativa, alcuni Virus e Funghi, (escluso il Micobatterio ) TEMPO D AZIONE >20 10 >20 >10

24 L EFFICACIA DELLA DISINFEZIONE DIPENDE DA: Fattori inerenti il disinfettante Concentrazione Stabilità della preparazione Tempo di contatto Ambiente o materiale da trattare Temperatura ph Caratteristiche del materiale Modalità di contatto Popolazione microbica da distruggere Caratteristiche delle singole specie Entità della flora microbica Resistenza ai singoli disinfettanti

25 REQUISITI DEL PRODOTTO IDEALE ampia ed elevata attività battericida rapidità d azione azione prolungata nel tempo stabilità nel tempo, in ogni condizione ambientale potere di penetrazione buona tollerabilità compatibilità con i vari materiali caratteri organolettici gradevoli costo non elevato Popolazione inquinante Requisiti nei confronti di: persone substrato gestione efficacia innocuità compatibilità Costo, ecc.

26 Presept Bionil 1. Agenti ossidanti: Acido peracetico Perossido di idrogeno Biossido di cloro Ecc. 4. Alogeno derivati: Composti del cloro Nadcc Cloramina T Iodio e iodofori Tintura di lugol Tintura di Iodio Betadine Braunol Alcune famiglie Principi attivi 2. Alcoli: Alcool etilico Alcool isopropilico Ecc. 3. Aldeidi: Formaldeide Glutaraldeide Ortoftaldeide (OPA) Cidex Diba 5. Biguanidi Nomi commerciali Clorexidine 6. Derivati fenolici Esoclorafene Fenolo Polifenoli Triclosan Hibiscrub Neoxinal Baxidin Fenplus HWP 7. Agenti tensioattivi cationici Bialcol, Citrosil Sali di ammonio quaternario

27 Identificata la necessità d uso Lo stato fisico La solubilità E NECESSARIO CONOSCERE PER OGNI PRODOTTO: L azione antibatterica La pericolosità La tossicità La tollerabilità Lo smaltimento

28 Antisettico ad uso esterno e su cute lesa Ottimo potere detergente Utilizzo anche su strumenti Attivo su: Gram + Gram (alcuni) Spore ad elevata concentrazione e tempo prolungato Perossido d Idrogeno Prodotto noto per essere dotato di attività battericida, virucida, fungicida e sporicida. Limitato l uso ospedaliero Azione sugli enzimi della cellula Conservare al riparo di luce e calore Composto in grado di liberare ossigeno nascente Blanda azione su batteri (anaerobi) alto potere detergente Acqua ossigenata al 3%

29 Antisettici Disinfettanti Detergenti Attivi su: Gram + e Gram - Funghi Virus (variabile) Inattivi su: Spore (lento sporicida) ALCOLI Liquidi incolori, solubili in acqua, che evaporano a temperatura ambiente senza lasciare residuo Coagulano e precipitano le proteine, aumentano la permeabilità della membrana cellulare Elevata volatilità Scarsamente inattivati da acque dure Inattivati da sostanze organiche Attività sinergica con altri disinfettanti Alcool denaturato = solvente, detergente Alcool etilico, Alcool isopropilico

30 Disinfezione ad alto livello di strumenti e di fibre ottiche Attiva su: Attività massima a ph alcalino su Gram + e Gram -,, bacillo Koch, Virus, Miceti, Spore Inattiva su: prioni Aldeide Liquido limpido, giallino, con Ph acido ed odore pungente Attività influenzata dalla temperatura Soluzioni acquose con reazione acida Scarsa inattivazione da parte del materiale organico Polimerizzano in dipendenza del ph e temperatura Soluzione Basica se attivata ha una validità di 14 gg. Tossica, irritante e allergenica (necessita di risciacquo) Cidex, Diba, Glutaster,, ecc.

31 Antisettici Disinfettanti per oggetti, superfici, acqua Attivi su: Gram +, Gram - Virus (per alcuni ad alte concentrazioni) Inattivi su: Spore ( (ad alte concentrazioni) Micobatterio ( (ad alte concentrazioni) Funghi ( (moderatamente sensibili) CLORODERIVATI Allo stato elementare è un gas estremamente tossico ed irritante; in soluzione acquosa ha elevato potere biocida Attaccano la parete cellulare; determinano danno irreversibile sul metabolismo cellulare La presenza di materiale organico ne riduce l attività Sono instabili (luce e temperatura) L attività è legata al ph (più attive le soluzioni a ph basso) Sono corrosivi Azione rapida 1% = ppm Sodio ipoclorito, Clorossidante elettrolitico (Amuchina Med,, Amuchina 10%, Amuchina HD, Dicloroisocianurato di sodio (Bionil( compresse)

32 Antisettico cutaneo e intraperitoneale Attivi su: Gram +, Gram - Miceti Virus Spore IODOFORI Elemento dotato di ampia reattività e potere biocida; in soluzione assume colore ambrato indicatore della attività della soluzione. Iodio libero entra attraverso il cell Wall batterico e provoca danno irreversibile alla sintesi proteica Inattivati da materiale organico (attività < del cloro) Causano dermatiti irritanti Interferiscono con la tiroide (precauzioni in gravidanza e lattanti) Corrosivi Aumento della temperatura > attività, (non > 40 C) Incompatibili con acqua ossigenata ed acetone Braunol soluzione, Braunol HP saponoso, Betadine, EsoJod, ecc.

33 Antisettico Disinfettante Attiva su: Gram + Gram (moderatamente) Miceti (moderatamente) Inattiva su: Spore Virus Micobatterio Clorexidina Denaturazione delle lipoproteine delle membrane batteriche ed aumento della permeabilità Azione residua Inattivata parzialmente da materiale organico Inattivata da sostanze anioniche, sughero, acqua dura Tossicità su SNC, occhio ed orecchio Soluzioni incolori, inodori, con sapore amarognolo Hibiscrub, Baxidin, Clorexan incolore, Farvicett buste, Neoxinal 0,05 buste, Neoxidina mani

34 Disinfettanti ambientali e per superfici di laboratorio Decontaminanti Attivi su: Gram +, Gram (alcuni) Funghi Micobatterio (variabile) Derivati Fenolici Inattivi su: Spore Virus (variabile) Il fenolo, capostipite di questa famiglia non è più utilizzato come disinfettante; sostituito dai derivati fenolici con più ampio spettro d azione e minori effetti collaterali Azione sulla parete batterica Tossici, irritanti, possono essere assorbiti da materiali porosi Sono inattivati in modo modesto dal materiale organico Incompatibili con detergenti cationici - non ionici, associazioni con emulsionanti-detergenti Stabili a temperatura elevata e compatibili con acqua dura Fenplus, Fenplus HWP, Colloidale gamma

35 Antisettici Disinfettanti per superfici ed attrezzi non critici Attivi su: Gram +. Gram (+/-) Inattivi su: Spore Virus Funghi (variabile) Micobatteri Sali di Ammonio quaternario Composti con attività detergente, emulsionante e biocida Azione sulla permeabilità della membrana Azione sinergica con attività aumenta associati ad alcool Inattivati da acque dure, saponi, sostanze organiche Attività limitata per assorbimento su cotone, garze, gomma, plastica, astica, sughero, ecc Facilità all inquinamento Basso costo Bialcol,

36 Disinfezione di arredi e superfici, oggetti Materiale dell oggetto (plastica, acciaio, vetro, ecc.) Tipo di contaminazione (batterica, virale) Destinazione d uso dell oggetto Baxidin concentrato bustine da 25 ml Contenitore per la diluizione Contenitore per l eventuale immersione DPI Diluizione estemporanea 1:10 = 25 ml di prodotto in 2500 ml di H 2 O potabile fredda Tempo di contatto = 30 oppure = sfregamento senza risciacquo Smaltimento del prodotto residuato

37 Corrisponde a quanto facciamo?

38 Decontaminazione piccoli strumenti chirurgici Materiale dell oggetto (acciaio) Tipo di contaminazione (batterica, virale) Destinazione d uso dell oggetto Normativa nazionale e locale Fenplus HWP, buste monodose da 50 ml Contenitore per la diluizione Contenitore per l eventuale immersione DPI Diluizione 1% oppure 0,5% = 50 ml di prodotto in 5000 ml di H 2 O potabile fredda (oppure 50 ml in 10 lt ) Tempo di contatto = 30 Stabilità del prodotto diluito = 7 gg Smaltimento del prodotto diluito/usato

39 Corrisponde a quanto facciamo?

40 STERILIZZAZIONE

41 STERILIZZAZIONE: Totale rimozione o distruzione di tutte le forme di microrganismi viventi e dei virus. Operazione che consente di inattivare, in modo duraturo, i microrganismi veicolati da mezzi inerti contaminati, senza alterazione definitiva del prodotto. Processo che conferisce la più grande probabilità statistica di sterilità DECONTAMINAZIONE LAVAGGIO ED ASCIUGATURA CONFEZIONAMENTO STERILIZZAZIONE CONSERVAZIONE

42 FASI DEL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE LAVAGGIO ED ASCIUGATURA CONFEZIONAMENTO STERILIZZAZIONE CONSERVAZIONE

43 DECONTAMINAZIONE: Primo trattamento da effettuare su oggetti e su materiali sporchi allo scopo di ridurre la popolazione dei microrganismi e di facilitare la successiva pulizia; serve anche per proteggere il personale durante la manipolazione degli strumenti ed a evitare la contaminazione ambientale. da norme ANFOR Non è sinonimo di disinfezione; dà un risultato temporaneo, eliminando inando microrganismi indesiderati in condizioni prefissate. I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante chimico di riconosciuta efficacia sull HIV prima delle operazioni di smontaggio o pulizia, da effettuare come preparazione alla sterilizzazione Decreto Ministeriale 28/09/1990, art. 2

44 . I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante chimico di riconosciuta efficacia sull HIV prima delle operazioni di smontaggio o pulizia, da effettuare come preparazione alla sterilizzazione Decreto Ministeriale 28/09/1990, art. 2 Disinfettanti attivi contro il virus HIV Cloroderivati Alcooli Aldeidi Fenoli e suoi derivati

45

46 FASI DEL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE - LAVAGGIO ED ASCIUGATURA CONFEZIONAMENTO STERILIZZAZIONE CONSERVAZIONE

47

48 FASI DEL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE LAVAGGIO ED ASCIUGATURA - CONFEZIONAMENTO - STERILIZZAZIONE CONSERVAZIONE

49

50

51

52 FASI DEL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE LAVAGGIO ED ASCIUGATURA CONFEZIONAMENTO - STERILIZZAZIONE CONSERVAZIONE

53 STERILIZZAZIONE: metodiche di impiego comune AGENTE APPARECCHIATURA TEMPERATURA TEMPO Calore umido Autoclave con rimozione forzata dell aria C 15 7 Calore secco Sterilizzatrice ad aria calda C Ossido di Etilene Sterilizzatore a gas C 4 5 h Glutaraldeide 2% Vaschetta o lavatrice con soluzione chimica pluriuso C 3 10 h 12 h Acido peracetico 0,2% Acido peracetico 0,35% Sterilizzatrice specifica C 12 Sterilizzatrice con soluzione chimica pluriuso T. ambiente 10 Perossido d idrogeno e gas plasma Sterilizzatrice specifica 46 C 45

54 I CONTROLLI DI STERILIZZAZIONE STERILIZZAZIONE INDICATORI FISICI: Prova di tenuta della camera (giornaliera/settimanale) Prova di penetrazione del vuoto BOWIE DICK (giornaliera) Registrazione parametri (ogni ciclo) Test umidità residua ( (trimestrale) Vapore Saturo sotto pressione CHIMICI: Indicatori di processo (ogni pacco) Indicatori di sterilizzazione (ogni ciclo) BIOLOGICI: Spore test con B. stearotermophilus (mensile/trimestrale, dopo ogni riparazione ed ad ogni ciclo per protesi impiantabili))

55 I CONTROLLI DI STERILIZZAZIONE STERILIZZAZIONE INDICATORI Calore secco Ossido di etilene FISICI: Registrazione parametri (ogni ciclo) CHIMICI: Indicatori di processo (ogni pacco) BIOLOGICI: Spore test con B. subtilis v. niger (mensile, dopo ogni riparazione) FISICI: Prova di tenuta della camera (giornaliera/settimanale) Registrazione parametri (ogni ciclo) CHIMICI: Indicatori di processo (ogni pacco) Indicatori di sterilizzazione (ogni ciclo) BIOLOGICI: Spore test con B. subtilis v. niger (ogni ciclo, dopo ogni riparazione )

56 FASI DEL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE LAVAGGIO ED ASCIUGATURA CONFEZIONAMENTO STERILIZZAZIONE - CONSERVAZIONE

57 Processo che conferisce la più grande probabilità statistica di sterilità Verifica dell avvenuta sterilizzazione Integrità della confezione Scadenza, durata del prodotto Luogo pulito, asciutto, protetto (prevedere rotazione)

58

59

60

61 Cosa ci portiamo a casa? Sappiamo che per quanto concerne la disinfezione - sterilizzazione: 1. Esistono procedura finita ed in cantiere 2. Esistono degli esperti disposti a confrontarsi sul problema 3. Possiamo fare di più

62 Raitano, Curti, Agolini Igiene e disinfezione clinica nelle strutture sanitarie ospedaliere, ere, 2004, II edizione M. Pontello,, C. Bonazzi,, E. Costa, F. Pregliasco,, P. Primatesta,, E. Torresani Igiene e Medicina Preventiva 1992 Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle,, Cuneo Prontuario delle sostanze antisettiche e disinfettanti Pier Luigi Viotti,, Dipartimento di Medicina Sperimentale; Sez. Biochimica - Genova Università di Vere e false novità nel panorama della disinfezione degli ultimi i anni;una revisione basata sull evidenza IID/ICI Rossana Reale Dott.ssa Emanuela Abbate VI// ICI Donatella Barberis Aspetti pratici della disinfezione: esiste una alternativa ai mezzi chimici? La Spezia, 05/06/2002 Oggetto: linee guida sulla disinfezione,sterilizzazione e stoccaggio dei presidi medico- chirurgici. Uso corretto degli antisettici e dei disinfettanti; Viterbo 2004 BIBLIOGRAFIA

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI Superfici pulite ( lavate e asciugate) Rispettare concentrazione e diluizione Modalità d uso e tempo di contatto Destinazioni d

Dettagli

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi.

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi. La Disinfezione Disinfettanti. Sostanze che combattono, con meccanismo specifico e mediante applicazione diretta, i microrganismi responsabili delle infezioni. Pulizia Rimozione meccanica dello sporco

Dettagli

Profilassi delle malattie infettive

Profilassi delle malattie infettive Profilassi delle malattie infettive SPECIFICA DIRETTA INDIRETTA Soggetto suscettibile IMMUNOPROFILASSI Sorgente/serbatoio di infezione Veicoli, Vettori NOTIFICA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA ISOLAMENTO DISINFEZIONE

Dettagli

Antisettici, Disinfettanti e Dispositivi utili nella pratica asettica

Antisettici, Disinfettanti e Dispositivi utili nella pratica asettica Antisettici, Disinfettanti e Dispositivi utili nella pratica asettica LOTTO N. 1 Cute e Mani ALL. 2 A) LAVAGGIO CHIRURGICO: sapone antisettico, battericida e fungicida per lavaggio chirurgico e disinfezione

Dettagli

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Rassegna di Patologia dell Apparato Respiratorio 2003, 18 (5) 376-390 Le Linee Guida rappresentano gli standard minimi

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE MATERIALE NON CRITICO Strumenti che vengono in contatto con la cute intatta ed hanno basso rischio di trasmissione delle infezioni. Garze Letterecci Stetoscopi Stoviglie,

Dettagli

DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI

DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI DECONTAMINAZIONE CON ANTISETTICI E DISINFETTANTI 1 INTRODUZIONE Le infezioni contratte in ambito professionale costituiscono un problema rilevante in termini sanitari, sociali ed economici. In relazione

Dettagli

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Corso di formazione TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI IGIENE E SICUREZZA Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Dott. Cagarelli Roberto Dipartimento sanità pubblica di Modena Modena, 22

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522. Lotto Descrizione Articolo CIG

PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522. Lotto Descrizione Articolo CIG PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522 Lotto Descrizione Articolo CIG ANTISETTICI PER CUTE INTEGRA 1 2 3 4 5 Clorexidina gluconato 4% soluzione detergente per lavaggio

Dettagli

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE PREVENZIONE complesso delle misure di profilassi volte ad evitare l insorgenza di una malattia in una popolazione. PROFILASSI complesso delle misure utili a prevenire la comparsa

Dettagli

IMPIEGO DI DISINFETTANTI E ANTISETTICI IN AMBIENTE OSPEDALIERO LINEE GUIDA / PROCEDURE

IMPIEGO DI DISINFETTANTI E ANTISETTICI IN AMBIENTE OSPEDALIERO LINEE GUIDA / PROCEDURE Ospedale Luigi Sacco U.O. FARMACIA IMPIEGO DI DISINFETTANTI E ANTISETTICI IN AMBIENTE OSPEDALIERO LINEE GUIDA / PROCEDURE LFA.P01 Rev. 3 del 14.03.2014 Pag. 1 /17 INTRODUZIONE La prevenzione delle infezioni

Dettagli

STERILIZZANTI FISICI CHIMICI

STERILIZZANTI FISICI CHIMICI Sterilizzazione Qualsiasi processo chimico o fisico che porti alla TOTALE ELIMINAZIONE di ogni forma microbica vivente, sia patogena che apatogena, comprese le forme di resistenza (spore) e i funghi. Un

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA

NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA DOTT. ALESSANDRO BARSOTTI U.O. DIREZIONE MEDICA DI PRESIDIO A.O.U.P. Sterilizzazione Qualsiasi processo,

Dettagli

Alcool etilico alcool isopropilico

Alcool etilico alcool isopropilico DISINFETTANTI DISINFETTANTI Detergenti: modifica tensione superficiale e rimozione dello sporco Decontaminazione: I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante

Dettagli

Concrete answers to real problems

Concrete answers to real problems Concrete answers to real problems PRESIDI MEDICO CHIRURGICI 01.2/14 CAPTOSIL P.M.C. Reg.M.S. n. 19090 Disinfettante detergente pronto all uso a base di aminopropildodecilammina Per la disinfezione di tutte

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

ALLEGATO II - SCHEDA TECNICA LH SEPTACETIC II. Polvere idrosolubile per la preparazione di soluzioni

ALLEGATO II - SCHEDA TECNICA LH SEPTACETIC II. Polvere idrosolubile per la preparazione di soluzioni Revisione n. 00 del 08-06-2012 pagina 1 di 4 LH SEPTACETIC II Polvere idrosolubile per la preparazione di soluzioni decontaminanti /disinfettanti/sterilizzanti di dispositivi medici invasivi e non invasivi

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI DISINFETTANTI ED ANTISETTICI è già stato scritto tutto?la nuova procedura aziendale Il Il punto di vista del Farmacista Dr.ssa Giacoma Cinnirella Responsabile U.O. U.O. Farmacia del del Comprensorio Ospedaliero

Dettagli

SANIFICAZIONE DETERSIONE ANTISEPSI

SANIFICAZIONE DETERSIONE ANTISEPSI SANIFICAZIONE DETERSIONE ANTISEPSI DISINFEZIONE MANI IODO 75 Antisettico per la detersione e disinfezione chirurgica delle Mani. P.M.C. Reg. 18929 Ministero Salute polivinilpirrolidone Iodio ( al 10% di

Dettagli

Disinfezione e sterilizzazione

Disinfezione e sterilizzazione Disinfezione e sterilizzazione DISINFEZIONE Distruzione dei microrganismi patogeni presenti su un substrato o in un determinato ambiente 1 STERILIZZAZIONE Distruzione di tutte le forme viventi, spore comprese,

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione PROCEDURA Procedure di disinfezione e sterilizzazione Paola Tomao Metodica di lavoro riguardante l insieme delle azioni da organizzare in uno spazio temporale definito e in cui si riconoscono le responsabilità,

Dettagli

Gianfranco Finzi Ugo Luigi Aparo Antonella Benvenuto Paolo Cantaro Paola Cugini Daniela D Alessandro Karl Kob Claudio Lazzari Antonio Montanile

Gianfranco Finzi Ugo Luigi Aparo Antonella Benvenuto Paolo Cantaro Paola Cugini Daniela D Alessandro Karl Kob Claudio Lazzari Antonio Montanile Linee guida per il corretto utilizzo degli antisettici - disinfettanti Gianfranco Finzi Ugo Luigi Aparo Antonella Benvenuto Paolo Cantaro Paola Cugini Daniela D Alessandro Karl Kob Claudio Lazzari Antonio

Dettagli

Questo ambiente viene disinfettato con i prodotti della Linea Bioform

Questo ambiente viene disinfettato con i prodotti della Linea Bioform D I S I N F E T TA N T E Questo ambiente viene disinfettato con i prodotti della Linea Bioform autorizzazione ministeriale richiesta il 24/02/05 SOAP Sapone liquido disinfettante per l antisepsi delle

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione

Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione Modalità e mezzi per la sterilizzazione e la disinfezione Dott.ssa Pamela Di Giovanni Definizioni Sterilizzazione Distruzione di tutte le forme microbiche presenti (batteri, virus e spore), che può essere

Dettagli

PRONTUARIO E PROTOCOLLI OPERATIVI ANTISETTICI/DETERGENTI E DISINFETTANTI

PRONTUARIO E PROTOCOLLI OPERATIVI ANTISETTICI/DETERGENTI E DISINFETTANTI Articolazione Aziendale DIREZIONE SANITARIA P.O. TERAMO Modulistica Prontuario e Protocolli Operativi Antisettici/Detergenti e Disinfettanti Documento: Mod. LG01 01 Revisione n.: 0 Data: 01/02/2014 PRONTUARIO

Dettagli

KPC Le domande piùfrequenti. Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza

KPC Le domande piùfrequenti. Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza KPC Le domande piùfrequenti Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza Perchédobbiamo adottare le misure di controllo? A parità di criticità aumento mortalità Lasciano poche

Dettagli

La disinfezione in ambito odontoiatrico

La disinfezione in ambito odontoiatrico La disinfezione in ambito odontoiatrico In questo capitolo tratteremo: Procedure di disinfezione e sterilizzazione Decontaminazione Detersione Risciacquo Asciugatura Sterilizzazione in autoclave Sterilizzazione

Dettagli

Approvato da 4 31/10/2011 Dr.ssa Infante L Dr. Riella F C.I.O.

Approvato da 4 31/10/2011 Dr.ssa Infante L Dr. Riella F C.I.O. Acinetobacter Aspergillus C. difficile Stafilococco Rotavirus Stafilococco Rev. Data Redatto da Valutato da Approvato da 4 31/10/2011 Dr.ssa Infante L Dr. Riella F C.I.O. INDICE GENERALE Glossario 3 Principi

Dettagli

Gianfranco Finzi Ugo Luigi Aparo Antonella Benvenuto Paolo Cantaro Paola Cugini Daniela D Alessandro Karl Kob Claudio Lazzari Antonio Montanile

Gianfranco Finzi Ugo Luigi Aparo Antonella Benvenuto Paolo Cantaro Paola Cugini Daniela D Alessandro Karl Kob Claudio Lazzari Antonio Montanile Linee guida per il corretto utilizzo degli antisettici - disinfettanti Gianfranco Finzi Ugo Luigi Aparo Antonella Benvenuto Paolo Cantaro Paola Cugini Daniela D Alessandro Karl Kob Claudio Lazzari Antonio

Dettagli

Antisepsi e disinfezione in ambito sanitario e socio-sanitario

Antisepsi e disinfezione in ambito sanitario e socio-sanitario Antisepsi e disinfezione in ambito sanitario e sociosanitario 6 Antisepsi e disinfezione in ambito sanitario e sociosanitario 6 La redazione della Guida è stata curata da Maria Mongardi Agenzia sanitaria

Dettagli

MADE IN ITALY CATALOGO PRODOTTI. Antisettici e disinfettanti

MADE IN ITALY CATALOGO PRODOTTI. Antisettici e disinfettanti MADE IN ITALY CATALOGO PRODOTTI Antisettici e disinfettanti LOMBARDA H Lombarda H nasce nel 1989 come Società commerciale dell Azienda logistica Lombarda Hospital sas. La nuova Azienda si occupa da subito

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI DISINFETTANTI CHIMICI

CLASSIFICAZIONE DEI DISINFETTANTI CHIMICI CLASSIFICAZIONE DEI DISINFETTANTI CHIMICI Inorganici Acidi Alcali Sali dei metalli pesanti Ossidanti Alogeni Organici Alcoli Aldeidi Derivati del fenolo Composti tensioattivi Essenze Acidi inorganici Sono

Dettagli

STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un

STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un STERILIZZAZIONE Procedimento in grado di uccidere tutti i microrganismi, patogeni e non, di inattivare tutti i virus, presenti in un oggetto o in un ambiente,comprese le spore. Sterilizzazione Si può ottenere

Dettagli

PRODOTTI LINEA LAVAGGIO BIANCHERIA SYNERGY STAR SN

PRODOTTI LINEA LAVAGGIO BIANCHERIA SYNERGY STAR SN PRODOTTI LINEA LAVAGGIO BIANCHERIA SYNERGY STAR SN Sistema modulare integrato per lavabiancheria professionale. * Fino a 6 dosatori di varia portata. * Circuito di risciacquo tubi modulare. * Pescanti

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere

Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Linee Guida per la gestione delle operazioni di pulizia e sanificazione nelle strutture ospedaliere Perché l esigenza delle linee guida: dati statistici In Italia su circa 9.500.000 pazienti ricoverati

Dettagli

Dott.ssa Alessandra Palmieri

Dott.ssa Alessandra Palmieri Università degli Studi di Sassari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dott.ssa Alessandra Palmieri Istituto di Igiene e Medicina Preventiva PROFILASSI Tutte quelle attività che hanno l obiettivo di impedire

Dettagli

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy & ECOLAB F&B Agri Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando Dott. D. Borella Application Manager F&B Italy Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando La mastite in sala mungitura Agenti

Dettagli

Guida al corretto uso delle soluzioni per ltantisepsi della cute integíàt lesa e mucose

Guida al corretto uso delle soluzioni per ltantisepsi della cute integíàt lesa e mucose pidemiologico Guida al corretto uso delle soluzioni per ltantisepsi della cute integíàt lesa e mucose REDATTO Goordlneton Dlredonl medbhe ASL Pescare Recpon3rbll. Gnrepo Operet{vo Epldenlologbo (G.O.E.}

Dettagli

PRESENTAZIONE PRODOTTI A MARCHIO Produttore: Dr. Weigert GmbH/Amburgo Distributore : Multi Medical Services Srl/Varese

PRESENTAZIONE PRODOTTI A MARCHIO Produttore: Dr. Weigert GmbH/Amburgo Distributore : Multi Medical Services Srl/Varese PRESENTAZIONE PRODOTTI A MARCHIO Produttore: Dr. Weigert GmbH/Amburgo Distributore : Multi Medical Services Srl/Varese Pre-trattamento prima del processo di pulizia manuale o in apparecchiature di lavaggio

Dettagli

IVANA MORANDO ASTI 20 febbraio 2007 06/03/2007 Ivana Morando 1 SANIFICAZIONE 06/03/2007 Ivana Morando 2 1 06/03/2007 Ivana Morando 3 SANIFICAZIONE Consiste nel risanamento dell ambiente e delle attrezzature

Dettagli

PRONTUARIO DISINFETTANTI

PRONTUARIO DISINFETTANTI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Unità Sanitaria Locale n. 5 Spezzino I COMMISSIONE INFEZIONI OSPEDALIERE UNITA' OPERATIVA FARMACEUTICA OSPEDALIERA PRONTUARIO DISINFETTANTI a cura

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive cos è la prevenzione la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Prevenzione: definizioni

Dettagli

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo DISINFETTANTE PER SUPERFICI Il principio attivo di PURE è l argento diidrato citrato (SDC), ovvero ioni d argento stabilizzati in acido

Dettagli

DISINFETTANTI CON PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO CATALOGO

DISINFETTANTI CON PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO CATALOGO DISINFETTANTI CON PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO CATALOGO 2 INDICE METAFORM PROFESSIONAL 3 AMBIENTI 4-6 TAYFORM 4 METASTERIL 5 KATIOSTERIL 6 STOVIGLIE 7 TAYSTOVIGLIE 7 BAGNO 8 TAY WC 8 BUCATO 9 TAY BUCATO

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE ATTIVITÀ DI ARBIERE PARRUCCHIERE ESTETISTA ED AFFINI. Servizio Igiene Pubblica - Distretto

PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE ATTIVITÀ DI ARBIERE PARRUCCHIERE ESTETISTA ED AFFINI. Servizio Igiene Pubblica - Distretto PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE ATTIVITÀ DI ARBIERE PARRUCCHIERE ESTETISTA ED AFFINI PULIZIA DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE LE OPERAZIONI DI PULIZIA / DISINFEZIONE / STERILIZZAZIONE FANNO PARTE

Dettagli

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Carlotta Annunziata ENDOSCOPI Specifiche apparecchiature che permettono di esplorare visivamente l interno di alcuni organi e cavità del corpo allo scopo di

Dettagli

PRONTUARIO DISINFETTANTI E ANTISETTICI IN OSPEDALE

PRONTUARIO DISINFETTANTI E ANTISETTICI IN OSPEDALE Presidio Ospedaliero Aosta PRONTUARIO DISINFETTANTI E ANTISETTICI IN OSPEDALE 1 a edizione Ottobre 2013 A cura della Direzione Medica di Presidio e della S.C. Farmacia Un elemento significativo nella prevenzione

Dettagli

Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza

Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza Corso di formazione ai sensi della DGR 465/2007 Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza Rimini, Via Coriano, 38 Sala Smeraldo - piano terra, scala G 15, 22 febbraio 2010-1 marzo 2010 Precauzioni

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Prontuario Antisettici

Prontuario Antisettici Prontuario Antisettici & Disinfettanti Rev. Data Redatto da Valutato da Approvato da 5 26/02/2015 Dr.ssa Castellino L Dr. Riella F C.I.O. INDICE GENERALE Glossario 3 Principi per un uso corretto di antisettici

Dettagli

Concrete answers to real problems

Concrete answers to real problems Concrete answers to real problems DETERGENTI E DISINFETTANTI PER DISPOSITIVI MEDICI 1.02/14 Rinwash FP Detergente liquido concentrato per il lavaggio meccanico di strumentario, accessori di dispositivi

Dettagli

LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE

LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE Obiettivi e sequenze operative prodotti chimici idonei Assicurare la sicurezza dei prodotti alimentari: a) eliminando i microrganismi patogeni potenzialmente

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

USO CORRETO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

USO CORRETO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI Pagina 1 di 40 REGIONE LAZIO REV. DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 1 2 01/2/2004 01/08/2004 L. Aquilani R. Barbanti D. Cappelli N. Ciccotosto G. Cimarello M. Curzi F. Sileoni S. Necciari E. Sesti Direttore

Dettagli

TITOLO SISTEMI DI BIODECONTAMINAZIONE. difendiamo la qualità

TITOLO SISTEMI DI BIODECONTAMINAZIONE. difendiamo la qualità TITOLO SISTEMI DI BIODECONTAMINAZIONE difendiamo la qualità BIODECONTAMINAZIONE AM INSTRUMENTS AM Instruments, azienda di riferimento nel settore della contaminazione controllata, presenta una gamma completa

Dettagli

VS2. JohnsonDiversey Delladet

VS2. JohnsonDiversey Delladet JohnsonDiversey Delladet Disinfettante ad azione detergente per applicazioni sulle superfici aperte Presidio Medico Chirurgico Reg.Min.San. n.18927 Descrizione Delladet è un disinfettante detergente concentrato,

Dettagli

Controllo della crescita microbica

Controllo della crescita microbica Controllo della crescita microbica I microrganismi sono praticamente ubiquitari. In un laboratorio possono contaminare: - aria - superfici e strumenti - operatori Sia che si lavori con colture pure, sia

Dettagli

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE U.O. DATA Rilevatori Sono presenti i seguenti DPI: PRECAUZIONI STANDARD ED ISOLAMENTI GENERALI SPECIFICI in rapporto alla prevalenza del rischio infettivo Mascherine chirurgiche triplo/quadruplo strato

Dettagli

PROGETTO DISINFETTANTI

PROGETTO DISINFETTANTI PROGETTO DISINFETTANTI SOMMARIO Disinfettanti e Antisettici 2 Definizioni 2 Classificazione di Antisettici e Disinfettanti 3-4 Sistemi di sterilizzazione e disinfezione 5 Resistenza dei microrganismi ai

Dettagli

Il primo requisito di un ospedale è che non deve nuocere all ammalato Florence Nightgale (1820-1910)

Il primo requisito di un ospedale è che non deve nuocere all ammalato Florence Nightgale (1820-1910) S. O. C. FARMACIA Settore disinfettanti Responsabile: E. Mantelli P. Clesi tel. 0131 206526 PRONTUARIO ANTISETTICI DISINFETTANTI Il primo requisito di un ospedale è che non deve nuocere all ammalato Florence

Dettagli

Gentile paziente, Il personale dello studio è a tua disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all argomento.

Gentile paziente, Il personale dello studio è a tua disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all argomento. Gentile paziente, Desideriamo informarti circa i rigorosi protocolli di disinfezione e sterilizzazione che vengono routinariamente adottati nel nostro studio, nell interesse tuo e di tutto il personale,

Dettagli

ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA" per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari

ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari ihp la TECNOLOGIA INNOVATIVA" per la STERILIZZAZIONE AMBIENTALE Relatori: L. Monaco, D. Lazzari SANITIZZAZIONE La cleaning di un ambiente a contaminazione controllata prevede tre step principali: Fase

Dettagli

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4

LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO. Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 LA DISINFEZIONE DEL MONITOR DOPO LA SEDUTA DI UN PAZIENTE INFETTO Filippo Lazzara Nefrologia e Dialisi Ciriè A.S.L. TO4 IMPORTANZA DELLA COMPONENTE TECNICA DISINFEZIONE DEL MONITOR OGNI SEDUTA DIALITICA

Dettagli

SCHEDE RIASSUNTIVE. www.oralfarm.it FARM RAL

SCHEDE RIASSUNTIVE. www.oralfarm.it FARM RAL SCHEDE RIASSUNTIVE RAL INDUSTRIA DISINFETTANTI GENERICI - EQUIVALENTI FARM www.oralfarm.it INDICE PRE - STERILIZZANTI e DISINFETTANTI DI LIVELLO INTERMEDIO STERILIZZANTI / DISINFETTANTI DI ALTO LIVELLO

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 CIO AZIENDA RM H Direttore Sanitario dr. Amedeo Cicogna DIPARTIMENTO DEL FARMACO Direttore dr.ssa Annamaria

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

PF209. Ingrediente Clorexidina digluconato Principi attivi Alcool etilico 96%

PF209. Ingrediente Clorexidina digluconato Principi attivi Alcool etilico 96% NEOXINAL ALCOLICO 0,5% + 70% Via W. Flemming, 7-37026 Settimo di Pescantina (VR) - ITALY Tel. +39 045 6767672 - Fax +39 045 6757111 Sito internet: www.farmec.it - e-mail: farmec@farmec.it Data emissione

Dettagli

Tecniche di sterilizzazione e disinfezione

Tecniche di sterilizzazione e disinfezione Tecniche di sterilizzazione e disinfezione Sistemi di controllo microbici Agenti fisici :calore e radiazioni Agenti chimici Metodi di rimozione meccanica sterilizzazione completa eliminazione di tutti

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA..

LAVORARE IN SICUREZZA.. LAVORARE IN SICUREZZA.. Non è un concetto assoluto. è la modalità per gestire il rischio: > conoscendolo > prevenendolo > intervenendo prontamente, quando capita l incidente E NECESSARIO AVERE UN METODO,

Dettagli

SIFO Milano 19 05-2014

SIFO Milano 19 05-2014 Settore Ricerca Dip.to Igiene del Lavoro Dip.to Tecnologie di Sicurezza Aspetti innovativi nella definizione e selezione delle misure di sicurezza nella gestione del rischio biologico da prodotti e formulazioni

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE INCONTRO 4 CHIACCHERE SUL LAGO UFFICIO IGIENE BARDOLINO (VR) MERCOLEDI 04/03/2015 LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO Il rischio di acquisizione della Legionellosi dipende

Dettagli

TACCUINO ANTISETTICI E DISINFETTANTI

TACCUINO ANTISETTICI E DISINFETTANTI pag. 1 di 27 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Cognome/Nome Data Funzione Cognome/Nome Data Funzione Cognome/Nome 01.02.2014 RdP Rosati Giuseppe Falconi Luigi De Plato Francesca Di Francesco

Dettagli

STERILIZZAZIONE CON PLASMA

STERILIZZAZIONE CON PLASMA STERILIZZAZIONE CON PLASMA CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2006-2007 GENERALITA LA STERILIZZAZIONE OSSIDATIVA A BASSA TEMPERATURA PER DISPOSITIVI MEDICI E STRUMENTI CHIRURGICI

Dettagli

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA STERILIZZAZIONE La necessità di operare in un ambiente ambulatoriale protetto che garantisca la corretta sterilizzazione degli strumenti è un problema attuale e urgente. L odontoiatria è una branca operativa

Dettagli

Assillati dai microbi

Assillati dai microbi DISINFETTANTI La pubblicità ci propone antibatterici di ogni tipo. Ma ci serve solo un flacone per le piccole ferite: l'acqua ossigenata costa poco e va bene. Assillati dai microbi Nella sfrenata guerra

Dettagli

Disinfezione di ambienti, oggetti, superfici in ospedale

Disinfezione di ambienti, oggetti, superfici in ospedale Cso. Svizzera, 64 049 TORINO Tel.0/4393 Disinfezione di ambienti, oggetti, superfici in ospedale PAG. TIPO DI DOCUMENTO Procedura tecnica ELABORAZIONE Dott. ssa Mazengo M., Dott. ssa Cinnirella G., Dott.

Dettagli

La tua igiene nelle nostre mani.

La tua igiene nelle nostre mani. Prodotti Macchine Attrezzature e Sistemi per la pulizia e l igiene professionale Monouso in carta e plastica Trattamento dell acqua delle piscine Servizi di Sanificazione Disinfestazione - Derattizzazione

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIBO VALENTIA Endoscopia Digestiva Diagnostica e Chirurgica Dr. A.Chirico Dr. V.Grasso Dr. L.Purita Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione

Dettagli

PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO REG. MIN. SAL. N. 18.410 SCHEDA TECNICA 01-09-2006

PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO REG. MIN. SAL. N. 18.410 SCHEDA TECNICA 01-09-2006 CLORMED DISINFETTANTE (Cloro Attivo 1,1%) CLORO OSSIDANTE ELETTROLITICO PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO REG. MIN. SAL. N. 18.410 SCHEDA TECNICA 01-09-2006 COMPOSIZIONE 100 g di prodotto contengono (p/p) Principi

Dettagli

www.cleprin.it IGIENIZZANTI

www.cleprin.it IGIENIZZANTI www.cleprin.it IGIENIZZANTI DISINFETTANTE DISINFETTANTE DISINFETTANTE DISINFETTANTE IGIENIZZANTI www.cleprin.it METHODO MULTIUSO ALCOLICO SANITIZZANTE PER SUPERFICI DURE Multiuso a base di alcool isopropilico

Dettagli

SURFANIOS SURFANIOS LIMONE. Detergente disinfettante dispositivi medici INDICAZIONI CARATTERISTICHE. PRODOTTO DA DILUIRE 20 ml > 8 L

SURFANIOS SURFANIOS LIMONE. Detergente disinfettante dispositivi medici INDICAZIONI CARATTERISTICHE. PRODOTTO DA DILUIRE 20 ml > 8 L SURFANIOS SURFANIOS LIMONE Detergente disinfettante dispositivi medici Prodotti di riferimento commercializzati dal 1990 Prodotti che associano l azione detergente e disinfettante in un unica operazione

Dettagli

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7 Scheda Tecnica EXT/ia/04 SCHEDA TECNICA ---------------------------------------- Exterior -------------------------------------- Intonaco Antico Qualità tecniche sez. 1 INTONACO ANTICO by OIKOS è un rivestimento

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida

L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida System 1 Express Sistema di sterilizzazione L evoluzione della sterilizzazione chimica liquida Per una rapida rotazione Eccellenza ed efficienza: SYSTEM 1 EXPRESS rispetta la tradizione SYSTEM 1 Efficienza

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI 50 IL TRATTAMENTO CHIMICO Il trattamento chimico dell acqua è spesso un indispensabile sistema per molteplici applicazioni a cui essa è destinata. Il trattamento chimico

Dettagli