Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan"

Transcript

1 Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, Maggio 2008

2 Agenda Gli spin-off accademici La struttura di un business plan L idea imprenditoriale L analisi di mercato e la stima della domanda L analisi di settore e della concorrenza Il prodotto/servizio e il valore per il cliente Le proiezioni economico-finanziarie La stima del fabbisogno finanziario Le opportunità offerte dall ARTI Puglia Spin-off accademici costituendi Spin-off accademici costituiti 2

3 Sono di due tipi: Spin-off aziendali Gli spin-off Spin-off accademici In entrambi i casi l obiettivo è sviluppare un nuovo business a partire dalle conoscenze accumulate in una precedente esperienza lavorativa o scientifica 3

4 Gli spin-off accademici Per spin-off accademico si intende un impresa finalizzata alla valorizzazione economica dei risultati della ricerca universitaria che abbia nella compagine sociale un docente o ricercatore che, sulla base di una più o meno lunga esperienza di attività di ricerca scientifica, decide di sfruttare in proprio uno o più risultati scientifici; basata sull identificazione di una idea imprenditoriale che metta a frutto tali risultati di ricerca e consenta: Un miglioramento di prodotti/servizi attuali, oppure Lo sviluppo di nuovi prodotti/servizi, oppure Il miglioramento dell efficienza di un processo produttivo 4

5 Cosa è un business plan Il business plan è uno degli output del processo di formulazione della strategia, oltre a piani strategici, piani operativi, budget. è un documento orientato al futuro ha per oggetto uno specifico business si mette a punto non in periodi di tempo predefiniti, ma quando serve con un orizzonte di medio termine (almeno fino a quando si va a regime) si compone di una parte qualitativa e di una quantitativa è frutto di un ottica orientata al processo e non all obiettivo 5

6 Le funzioni del business plan funzione interna esterna apprendimento riduzione del rischio integrazione organizzativa per ottenere risorse Tutto ciò non è sostitutivo della creatività e intuitività imprenditoriale necessarie per la messa a punto di un progetto imprenditoriale di successo 6

7 Modalità Fonti di idee imprenditoriali Prestare attenzione alle storie di successo Cercare di ricostruire la struttura economica di business innovativi/interessanti Lavorare sui propri interessi Innovare o imitare? Fonti di idee imprenditoriali Evoluzione scientifica e tecnologica Evoluzione demografica e sociale Evoluzione nelle risorse naturali e ambientali Gli anelli mancanti 7

8 1. Evoluzione scientifica e tecnologica Scienza Sviluppo di conoscenza astratta e non direttamente finalizzata Invenzione Nuovo sviluppo scientifico Tecnologia Traduzione del sapere scientifico a fini utili e obiettivi specifici Novità tecnologica non ancora realizzata tecnicamente o materialmente Tecnica Materializzazione della scienza e della tecnologia in prodotti e servizi Innovazione Design manufacturing - marketing Realizzazione dell invenzione scientifica e tecnologica in nuovi prodotti, servizi e processi e suo sfruttamento commerciale Spazio delle opportunità imprenditoriali 8

9 Altre fonti Evoluzioni demografiche e sociali fasce di età livelli di reddito istruzione occupazione immigrazione evoluzioni sociali Evoluzione nelle risorse naturali Inquinamento Costo materie prime Risorse energetiche Anelli mancanti tessere mancanti rispetto a grandi innovazioni 9

10 Dalla visione al progetto imprenditoriale Segmento di mercato Segmento di mercato Sistema di prodotto Struttura Sistema di prodotto Struttura Dalla visione alla formula imprenditoriale 10

11 Le domande critiche (1) Chi sono i clienti che intendo servire? Quali bisogni intendo soddisfare? Quali bisogni non intendo soddisfare? Con quale sistema di prodotto intendo soddisfarli? Come lo faccio conoscere? Con che canali lo distribuisco? Come lo produco? Come lo rinnovo? 11

12 Le domande critiche (2) Con quali concorrenti mi confronto? Quali sono le logiche competitive dei concorrenti? Come lo difendo? Qual è il ritmo di sviluppo della domanda? Su quale area geografica opero? Con quale dimensione? Qual è la struttura dei costi delle attività? Quali sono gli investimenti necessari? A quale prezzo lo vendo? 12

13 Struttura di un business plan Indice Sintesi del progetto imprenditoriale L impresa Il gruppo imprenditoriale La formula imprenditoriale Il mercato di sbocco Il sistema competitivo Il prodotto/servizio offerto e la sua commercializzazione La struttura tecnico-industriale Gli aspetti organizzativi Il network Fasi e tempi Le relazioni con altri business aziendali Le previsioni economico-finanziarie I rapporti con il destinatario del business plan 13

14 Formula imprenditoriale e business plan Indice Sintesi del progetto imprenditoriale L'impresa Il gruppo imprenditoriale e le posizioni chiave Il mercato di sbocco La concorrenza I mercati di approvvigionamento Il prodotto/servizio offerto Il piano di marketing La struttura tecnico-industriale Aspetti organizzativi Network Le previsioni economico-finanziarie I rapporti con il destinatario del business plan Sistema di prodotto Sistema competitivo Mercato obiettivo Proiezioni economicofinanziarie Struttura 14

15 L indice del BP Sintesi progetto imprenditoriale Descrizione Innovazione Risultati Proposta L impresa Storia Ubicazione Forma/composizione societaria Network Il gruppo imprenditoriale Componenti e loro esperienze Posizioni chiave 15

16 Il mercato di sbocco Descrizione mercato e segmenti Dimensioni mercato e prospettive di sviluppo Ricerche di mercato Descrizione segmenti prescelti Potere contrattuale dei clienti obiettivo Dimensioni segmenti prescelti e prospettive di sviluppo Attenzione 1. Evitare descrizioni astratte 2. Evitare dati statistici troppo aggregati e poco significativi 3. Dimostrare di conoscere a fondo sia i bisogni emergenti dai mercati prescelti sia la segmentazione del mercato e i meccanismi distributivi 16

17 Diversi mercati-obiettivo Mercato potenziale (consumatori interessati) Mercato disponibile qualificato (con reddito, possibilità d accesso e requisiti necessari) Mercato servito (il mercato disponibile qualificato cui l azienda decide di rivolgersi) Mercato penetrato (consumatori che effettivamente acquistano il prodotto) 17

18 Domanda complessiva Domanda globale La domanda di mercato di un prodotto è il volume totale che verrebbe acquistato da un determinato gruppo di acquirenti, in un area geografica e in un periodo di tempo definiti 100% Domanda potenziale 100% Domanda potenziale 10% Domanda disp. qualificata Domanda servita 20% 10% Domanda penetrata 5% 18

19 I fattori che incidono sulla domanda Domanda complessiva Evoluzione dei gusti e dei bisogni dei consumatori I prezzi medi di mercato, che risultano molto influenzati dalla diffusione del prodotto Il livello del reddito della popolazione, soprattutto nel caso di beni non di prima necessità La disponibilità ed il prezzo dei beni complementari La disponibilità e il prezzo dei beni sostitutivi Il grado di saturazione del mercato Domanda potenziale Le caratteristiche e i vantaggi del sistema di prodotto rispetto all offerta della concorrenza Il prezzo rispetto ai prezzi della concorrenza L intensità dello sforzo pubblicitario e distributivo 19

20 L analisi della concorrenza Il sistema competitivo Struttura dell offerta Profilo concorrenti Raggruppamenti strategici Barriere all entrata Concorrenti potenziali Prodotti sostitutivi Fornitori e struttura dei mercati di approvvigionamento Trend (evoluzione tecnologica, socio-economica, ) 20

21 Il settore e le 5 forze competitive Potenziali entranti Minaccia di nuovi entranti Potere contrattuale dei fornitori Fornitori Competizione indiretta da parte di fornitori di beni sostitutivi Concorrenti nel settore Competizione diretta Sostituti Potere contrattuale dei clienti Clienti Collaborazione/ competizione su appropriazione del valore Produttori beni complementari

22 L indice del BP Il prodotto/servizio Descrizione prodotto/servizio e sue prestazioni Elementi del sistema di prodotto Tempi e costi di messa a punto Vantaggi competitivi La commercializzazione La filosofia di marketing Le scelte del marketing mix (prezzo, comunicazione, canali) Accordi commerciali Internazionalizzazione 22

23 Il prodotto/servizio: l iceberg della soddisfazione del cliente Bisogni legati alle caratteristiche del prodotto CARATTERISTICHE FISICHE INFORMAZIONE - RASSICURAZIONE Bisogni non legati alle caratteristiche del prodotto SERVIZI GAMMA RELAZIONE VENDITORE- COMPRATORE DILAZIONI PAG. VALORE/PREZZO 23

24 Il prodotto/servizio: il valore per il cliente Qualità del bene Gamma BENEFICI Durata/Obsolescenza Disponibilità e qualità dei prodotti/servizi complementari Disponibilità e qualità dei prodotti/servizi accessori Garanzia Prestigio, accettazione sociale, sicurezza connessi Modalità di acquisto Diffusione Compatibilità con altri beni COSTI PER IL CLIENTE Costi di acquisto Costi informativi Costi di reperimento/ installazione Apprendimento Costi di conversione Costi di esercizio Manutenzione Aggiornamento Inutilizzabilità di beni complementari già in possesso dell acquirente Costo dei beni complementari e accessori

25 I bilanci previsionali La costruzione del conto economico previsionale La struttura dei costi La costruzione dello stato patrimoniale previsionale L identificazione del fabbisogno finanziario 25

26 Intuito vs. previsioni INTUITO IMPRENDITORIALE Fatturato di pareggio Determinanti della redditività Fabbisogno finanziario ANALISI E PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE

27 Le previsioni economicofinanziarie: finalità Evidenziare gli investimenti iniziali Valutare economicità Evidenziare i flussi di cassa netti Predisporre la copertura finanziaria Coinvolgere altri partner

28 Le previsioni economico-finanziarie L'importante non è tanto prevedere, quanto: fare simulazioni imparare a conoscere i numeri del business identificare i valori chiave da tenere sotto controllo prendere decisioni sulla base dei numeri pensare ad eventuali piani di emergenza identificare il punto di pareggio

29 Cosa includere nel business plan CONTI ECONOMICI STATI PATRIMONIALI FLUSSI FINANZIARI BUDGET DI CASSA Indici Punto di pareggio Analisi di sensitività Tecniche di capital budgeting ATTENZIONE ALLA CORRELAZIONE FRA LE DIVERSE VOCI

30 Formula imprenditoriale e previsioni economico-finanziarie Le decisioni relative a : Sistema competitivo mercato Sistema di prodotto Struttura aziendale

31 COMPORTANO IL SORGERE DI : Costi e ricavi Impieghi e fonti REDDITIVITA' OPERATIVA Convenienza economica Fattibilità finanziaria

32 Natura dei costi FISSI LEGATI ALLA CAPACITA PRODUTTIVA VALORI DI GESTIONE TIPICA LEGATI ALLO SVILUPPO LEGATI AI VOLUMI EFFETTIVI GESTIONE PATRIMONIALE EXTRA GESTIONE TIPICA FINANZIARI FISCALI STRAORDINARI

33 Conto economico: struttura a margine di contribuzione + Ricavi netti di vendita - Costi variabili = Margine di contribuzione - Costi fissi di struttura - Ammortamenti - Costi di sviluppo = Reddito operativo di gestione tipica + Proventi patrimoniali - Oneri patrimoniali = Reddito operativo - Oneri finanziari = Reddito di competenza + Proventi straordinari - Oneri straordinari = Reddito ante imposte - Imposte = Utile netto

34 RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE Criterio: liquidità/esigibilità ATTIVITA' (impieghi) Attività liquide Attività differite Scorte = Totale Attività Correnti Immobilizzazioni tecniche nette Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie = Totale Immobilizzazioni Nette = Totale Capitale Investito Netto PASSIVITA' (fonti) Passività correnti Passività consolidate = Totale Mezzi di Terzi Capitale sociale Utili non distribuiti = Totale Mezzi Propri = Totale Pareggio

35 Ciclo finanziario e capitale circolante netto operativo giorni permanenza scorte ciclo finanziario Acquisto Vendita Pagamento fornitori Giorni medi pagamento FORNITORI Giorni medi pagamento CLIENTI Incasso da clienti + Attività circolanti di gestione tipica (crediti vs. clienti, scorte, erario conto iva attivo,...) - Passività circolanti di gestione tipica (debiti vs. fornitori, erario conto IVA passivo,...) = Capitale circolante netto operativo

36 Decisioni di gestione tipica COSTI/RICAVI IMPIEGHI E FONTI DI GESTIONE TIPICA CONTO ECONOMICO Costi Acquisti Lavoro Altro Ricavi Vendite STATO PATRIMONIALE Attività Impieghi Scorte Crediti vs clienti Immobilizz.ni Passività Fonti Fornitori Fondo TFR Fabbisogno finanziario UTILI/PERDITE Decisioni di gestione finanziaria Necessità di copertura del fabbisogno finanziario Mezzi propri Mezzi di terzi

37 Le determinanti del fabbisogno finanziario Il fabbisogno finanziario dipende da: Investimenti in capitale fisso Investimenti in capitale circolante netto operativo (determinato da volume di affari e ciclo finanziario) Utile (riduzione di fabbisogno) oppure Perdita (incremento del fabbisogno) 37

38 La determinazione del flusso di cassa + Reddito netto + Ammortamenti + Interessi passivi = Flusso di circolante +/- Variazione crediti circolanti +/- Variazione scorte +/- Variazioni debiti circolanti = Flusso di cassa della gestione corrente - Investimenti + Disinvestimenti = Variazione del fabbisogno finanziario + Ottenimento mutui - Rimborso mutui - Interessi passivi + Aumenti di capitale - Distribuzione utili = Flusso di cassa della gestione complessiva

39 Fasi nella stesura dei bilanci previsionali Stimare le vendite Stimare i costi C.C.N. operativo Fabbisogno finanziario Stimare gli investimenti Coprire il fabbisogno Diminuire gli impieghi Interessi passivi Migliorare il rapporto ricavi/costi

40 Come coprire il fabbisogno finanziario PROBLEMI FINANZIARI CERCARE NUOVE FONTI RIDURRE IL FABBISOGNO FINANZIARIO Mezzi propri Mezzi di terzi Migliorare il rapporto costi/ricavi Ridurre gli investimenti CERCARE DI ESSERE CREATIVI NEL RIDURRE IL FABBISOGNO FINANZIARIO MA: Non risparmiare sulle spese e investimenti critici Prestare attenzione alle barriere all entrata

41 Esempi di business plan Sono liberamente scaricabili su questi siti: 41

42 Le opportunità offerte dall ARTI Puglia L ARTI Puglia ha recentemente pubblicato un bando per il sostegno agli spin-off accademici e universitari pugliesi attraverso l erogazione di un voucher da spendere in servizi Ogni spin-off può chiedere un voucher sino a 50 mila euro (erogazione a sportello fino ad esaurimento fondi) Soggetti ammissibili sono spin-off già costituiti (ovvero imprese formalmente riconosciute dai relativi regolamenti di Ateneo e già costituite) spin-off costituendi, ovvero imprese costituende nella cui compagine imprenditoriale potenziale figuri almeno una persona interna (professori, ricercatori, dottori di ricerca, dottorandi, assegnisti) ad uno degli Atenei pugliesi ed il cui possibile oggetto sociale sia legato a specifiche attività di ricerca degli stessi Atenei. 42

43 Attività ammissibili a finanziamento Verifica dello stato dell arte brevettuale di una tecnologia, di un prodotto o dei concorrenti Verifica della proteggibilità di un invenzione Predisposizione e deposito di una domanda di brevetto nazionale o internazionale, funzionale all idea o al piano imprenditoriale proposti Supporto al licensing di brevetti Realizzazione della prova di fattibilità tecnica di un invenzione e/o di un brevetto Realizzazione di una ricerca di mercato sui possibili sfruttamenti di un invenzione e/o di un brevetto o di una tecnologia Redazione o revisione di un business plan Progettazione del lancio dei nuovi prodotti/servizi e predisposizione di azioni di marketing e di comunicazione Consulenza su aspetti legale, contrattuali, finanziari, amministrativi, contabili, societari, fiscali e opportunità di incentivi e agevolazioni alle imprese 43

44 IDEA IMPRENDITORIALE SPIN-OFF COSTITUENDI Valorizzazione della ricerca Descrizione dell idea imprenditoriale (evidenziare l innovatività del business proposto) Area tecnologica dell impresa (ICT, multimedia, biotecnologie, nanotecnologie, meccatronica, ecc.) Area di applicazione / mercato di sbocco (ambiente, trasporti e logistica, energia, agroalimentare, salute, ICT, ecc.) Stadio di sviluppo dell idea PROGETTO DI IMPRESA A chi si rivolge (clienti) Mercato potenziale Bisogno che soddisfa il prodotto Benefici per i potenziali clienti Analisi della concorrenza Volume di investimenti COMPONENTI DEL TEAM (di cui almeno uno appartenente al corpo docente o di ricerca di uno degli atenei pugliesi) SCELTA DELLE ATTIVITA DA FINANZIARE 44

45 SPIN-OFF COSTITUITI (1) VALORIZZAZIONE DELLA RICERCA DESCRIZIONE DEL BUSINESS Descrizione del prodotto/servizio offerto Eventuale copertura brevettuale Obiettivi di quota di mercato ANALISI DI MERCATO Clienti Concorrenti Canali distributivi o commerciali PIANO OPERATIVO Localizzazione Piano di progetto (attività, fasi, ecc.) Risorse necessarie (know-how, beni strumentali, ecc.) Partner STRUTTURA E MANAGEMENT 45

46 SPIN-OFF COSTITUITI (2): Proiezioni economico-finanziarie Conto economico imprese di produzione CONTO ECONOMICO 2007 % 2008 % 2009 % 2010 % RICAVI DA VENDITE (A) Costo dei materiali Costo del lavoro Acquisti di beni e servizi da terzi Ammortamenti di produzione COSTO DEL VENDUTO (B) MARGINE LORDO (C=A-B) Costi commerciali Costi Generali e Amministrativi Costi di Ricerca e Sviluppo Ammortamenti non di produzione Altri costi COSTI DI PERIODO (D) RISULTATO OPERATIVO (E=C-D) Interessi passivi REDDITO ANTE IMPOSTE (F) Imposte REDDITO NETTO (G) 46

47 SPIN-OFF COSTITUITI (3): Proiezioni economico-finanziarie Conto economico imprese di servizi CONTO ECONOMICO 2007 % 2008 % 2009 % 2010 % RICAVI DA VENDITE (A) Costo del lavoro Acquisti di beni e servizi da terzi Ammortamenti Costi commerciali Costi Generali e Amministrativi Costi di Ricerca e Sviluppo Ammortamenti Altri costi COSTI OPERATIVI (B) RISULTATO OPERATIVO (C=A-B) Interessi passivi REDDITO ANTE IMPOSTE (D) Imposte REDDITO NETTO (E) 47

48 SPIN-OFF COSTITUITI (4): Proiezioni economico-finanziarie Stato Patrimoniale STATO PATRIMONIALE 2007 % 2008 % 2009 % 2010 % Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni non materiali Fondi di ammortamento (-) IMMOBILIZZAZIONI NETTE (A) Rimanenze Crediti commerciali Altre attività a breve Cassa e liquidità CAPITALE CIRCOLANTE (B) TOTALE ATTIVO (A+B) (*) Capitale sociale 2007 % 2008 % 2009 % 2010 % Riserve di utili CAPITALE NETTO (C ) Debiti finanziari a M/L Debiti finanziari a breve Debiti verso fornitori Altre passività TOTALE PASSIVITA (D) PASSIVITA E CN (C+D) 48

49 Riferimenti Prof. Antonello Garzoni Università LUM Jean Monnet Riferimenti bibliografici Parolini C., Come costruire un business plan, Paramond,

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Business Plan Legacoop Modena Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Il Business Plan è un mezzo di presentazione, analisi e apprendimento che consente all impresa nascente di pianificare

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

NewCo. Business Plan

NewCo. Business Plan NewCo Business Plan 1 NewCo... 1 Business Plan... 1 Executive Summary... 3 Customer Value Proposition... 4 Demand Pull... 4 Technology Push... 4 Enterpreneurial Team... 5 Market Analysis... 6 Macro analisi

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI INDICE 1. Sintesi del progetto imprenditoriale. In che cosa consiste il progetto proposto;

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data 1 Indice 1 La società

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN Prof. Alessandro Montrone Università degli Studi di Perugia Camerino, 26 giugno 2006 A. Montrone - Business Plan 1 La nuova impresa nasce da un'idea,

Dettagli

CONCORSO START CUP CAMPANIA EDIZIONE 2010 BANDO DI CONCORSO

CONCORSO START CUP CAMPANIA EDIZIONE 2010 BANDO DI CONCORSO CONCORSO START CUP CAMPANIA EDIZIONE 2010 BANDO DI CONCORSO Articolo 1 E' indetto il Concorso Start Cup Campania, competizione fra Progetti d'impresa che si propongono di sviluppare prodotti e/o processi

Dettagli

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN Avviso Pubblico 2 BANDO Invito a presentare proposte per progetti finalizzati alla creazione e sviluppo di imprese innovative attraverso l inserimento

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Pianificazione strategica e business plan

Pianificazione strategica e business plan START CUP CAMPANIA 2015 Pianificazione strategica e business plan Prof. Raffaele Fiorentino Università di Napoli Parthenope fiorentino@uniparthenope.it Napoli, 22 maggio 2015 Copyright Materiale depositato

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI Le linee guida esplicitate in questo documento vogliono rappresentare essenzialmente una traccia, per i fornitori iscritti ai cataloghi Lombardia Net

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN

GUIDA AL BUSINESS PLAN GUIDA AL BUSINESS PLAN G:\PROGETTI\GENERA\BUSPLAN\BUSPLAN1.DOC COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di

Dettagli

ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI

ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI: metodo di analisi semplificata della situazione economica di un impresa basato su poche variabili fondamentali, quali la quantità dei prodotti venduti, il prezzo unitario,

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER LO START UP

IL BUSINESS PLAN PER LO START UP IL BUSINESS PLAN PER LO START UP 5 maggio 2011 Giovanni Cristiano Piani Industrial Liaison Office Università degli Studi di Trieste cristiano.piani@amm.units.it AGENDA 1. Premessa 2. Che cos è 3. A cosa

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione).

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione). Concetti base Tutti i beni che acquistiamo sono il risultato di un attività aziendale di produzione, cioè di ottenimento di prodotti e servizi attraverso l impiego di risorse. Le attività, tra loro integrate,

Dettagli

LE PRINCIPALI CAUSE DI INSUCCESSO

LE PRINCIPALI CAUSE DI INSUCCESSO LE PRINCIPALI CAUSE DI INSUCCESSO Motivazioni personali insufficienti o economicamente non valide Incapacità di coalizzare un valido gruppo imprenditoriale Mancato coinvolgimento di collaboratori chiave

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Corso di FINANZIAMENTI DI AZIENDA anno accademico 2007/2008

Corso di FINANZIAMENTI DI AZIENDA anno accademico 2007/2008 Corso di FINANZIAMENTI DI AZIENDA anno accademico 2007/2008 Alcuni pre-requisiti Oggetto di attività di tutoraggio precedente l inizio delle lezioni 1 Riclassificazione dei dati di bilancio Il primo dei

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1 Dall'idea all'impresa BUSINESS PLAN Dott.ssa Zifaro Maria 1 Glossario dei principali termini economici e finanziari Ammortamento Saldo Attività Passività Bilancio d'esercizio Break-even point Profitto

Dettagli

PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.9

PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.9 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. Investiamo nel vostro futuro REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE ALLEGATO B PO FESR 2007-2013. Asse VI. Linea 6.1,

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA NATURAL...MENTE SCUOLA BUSINESS PLAN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e per la Campania Direzione Generale Cosa è? Criteri di I livello

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE DI LIQUIDITA' TO KIATOUR

SITUAZIONE PATRIMONIALE DI LIQUIDITA' TO KIATOUR SITUAZIONE PATRIMONIALE DI LIQUIDITA' TO KIATOUR ATTIVITA' PASSIVITA' e NETTO Attività Immobilizzate Capitale Netto Sistemi hardware e sofware 76.000 Capitale sociale 800.000 Immobili 990.000 Fondo di

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello operativo I bilanci previsionali

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria. Al fine della partecipazione all iniziativa di cui all oggetto il/la sottoscritto/a

UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria. Al fine della partecipazione all iniziativa di cui all oggetto il/la sottoscritto/a Domanda di ammissione all iniziativa: Il talento delle Idee UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria OGGETTO: Il talento delle idee Iniziativa per il sostegno alla nascita e alla crescita

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti Allegato 2 Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti A. L impresa e i suoi protagonisti * Presentazione dell impresa (forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MICHELE GRIMALDI A.A. 2010/2011 Analisi Strategica Analisi SWOT OBIETTIVI DELL ANALISI INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI ANALISI INDUSTRIALE: IL MODELLO

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli