BELLISSIMA TERRA COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Progetto di Start Up Innovativa Sociale BUSINESS PLAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BELLISSIMA TERRA COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Progetto di Start Up Innovativa Sociale BUSINESS PLAN"

Transcript

1 BELLISSIMA TERRA COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Progetto di Start Up Innovativa Sociale BUSINESS PLAN Verona, giugno 2014

2 2

3 Sommario 0. Perché questo documento L idea di business ed il suo livello attuale di elaborazione rispetto alla realizzazione dell impresa I progetti per il territorio, il loro stato di sviluppo ed i benefici per la società civile Il potenziale di valorizzazione economica e il rischio potenziale di insuccesso Individuazione del/i Campi di Applicazione e/o della/e Tecnologie Abilitanti Il processo produttivo/erogativo del servizio e le strategie di fund raising Le partnership che si intendono attivare Descrizione del team di lavoro e della struttura organizzativa che la start-up intende adottare Ostacoli e carenze (di natura umana, economica, organizzativa e strutturale) che si frappongono allo sviluppo del progetto Descrizione degli eventuali brevetti in possesso dell impresa/soggetti appartenenti alla compagine sociale e/o descrizione dell accordo/contratti/collaborazioni con centri di ricerca, laboratori di trasferimento tecnologico, università Piano economico finanziario triennale Analisi conclusiva dei punti di forza e dei fattori di rischio dell iniziativa

4 4

5 0. Perché questo documento La rivoluzione agricola e la rivoluzione industriale portarono, hanno portato e ancora porteranno, in taluni contesti, ad autentici salti quantici nello sviluppo socio economico di un territorio. Si può dire anzi oggi che questi processi sono alla radice della formazione stessa di un territorio come entità istituzionale. Con l agricoltura e con l industria un territorio assume una vocazione permanente, seppure dinamica, evolutiva, legata al rapporto dell uomo con la natura (rapporto primario) e con il capitale tecnico accumulato (rapporto secondario). Attorno a questi due fondamentali assi relazionali, il territorio si plasma come ambiente urbano, la città in senso lato, al di là di ogni categorizzazione in termini dimensionali e/o organizzativi. La comunità, una entità che precede ed ha preceduto l agricoltura e l industria, con il loro sviluppo diventa città, diventa nazione, fondata su un patto, più o meno esplicito, con il suo territorio. Il rapporto terziario è stato da taluni definito come il rapporto dell uomo con l uomo, ma è in vero concetto più complesso, perché incorpora tutte le relazioni sociali e istituzionali, comprese quelle che sono la risultante storica dell evoluzione del primario e del secondario, è ciò che unifica tutti i rapporti e sancisce il patto positivo che dà identità al territorio, gli dà valore. Fino al Medioevo abbiamo abitato un universo gerarchico, definito dal dogma come mezzo di conoscenza, e nell ambito del quale l elemento fulcro delle relazioni è stato il ruolo. Ogni dicotomia, ogni cambiamento, era visto con timore, quasi fosse una misteriosa punizione. L età moderna ha demolito questa concezione, focalizzando sull uomo come soggetto e riducendo l universo ad oggetto. Il mezzo di conoscenza è divenuto il determinismo scientifico, e nell età moderna l uomo ha conquistato la consapevolezza della possibilità della scalata sociale, della possibilità di ciascuno di mutare il suo destino, percorrendo una scala i cui pioli o gradini si salgono incrementando i propri diritti di proprietà. Tutto appariva possibile nell approccio micro, a livello individuale, sul sentiero di una proprietà fondata sul concetto di esclusione. A livello macro, lo sviluppo delle illimitate possibilità dell uomo doveva garantire a tutti, infine, pari opportunità. Oggi però il paradigma scientifico simbolo è il principio di indeterminazione, e anche in economia il valore è divenuto sempre più un concetto volatile. Non soltanto i fenomeni sociali, ma anche quelli legati alla materia e all energia si manifestano con le leggi sovrane della meccanica statistica. La forma di conoscenza è il relativismo, che chiamiamo anche pensiero debole, rimpiangendo le (infondate) certezze di ieri. Il fulcro delle relazioni è il concetto di identità. In modo diverso, tuttavia, l uomo è tornato al centro, con riferimento a una dinamica relazionale mobile di contesti dotati di un intorno ristretto. 5

6 Agricoltura e Industria sono in continua evoluzione, tuttavia oggi il motore dello sviluppo è il settore terziario, e nell ambito di esso, il privato sociale. L identità è l elemento al centro della nuova teoria del valore, senza una chiara definizione dell identità di un territorio le politiche agricole e industriali hanno un esito incerto in termini di valore, di ricchezza di una nazione (per dirla alla Adam Smith) ovvero di un territorio. Il successo di una politica di sviluppo, si sente spesso affermare oggi, dipende dalla fermezza degli intenti di chi la pone in essere, non soltanto perché foriera di efficacia ed efficienza, ma soprattutto in quanto capace di costruire identità territoriale, una chiara gerarchia di valori in grado di dare a chi li condivide una risposta autentica ai suoi bisogni e alle sue esigenze, alle sue scelte e alle sue aspirazioni. Il nuovo diritto di proprietà alla base della ricchezza si fonda sul concetto di inclusione. La frontiera dello sviluppo socio economico oggi è questa. I protagonisti saranno coloro capaci di costruire il capitale relazionale, di farlo ruotare più velocemente, producendo con esso identità e quindi valore. Vogliamo dare valore a ciò che ce l ha, al lavoro sociale mai riconosciuto di molte donne, per esempio, trasformabile in denaro sul mercato dei servizi con una visione chiara, calibrando gli sforzi nei diversi segmenti, definendo in corrispondenza di ciascun vettore di sforzo un adeguato portafoglio di prodotti/servizi innovativi identificati in relazione ai bisogni e alle esigenze del target istituzionale di riferimento. Il legame tra innovazione e impresa sociale stenta ad essere riconosciuto. Tutti fanno fatica a dare fiducia a chi in esso crede fermamente. Forse perché per troppo tempo il privato sociale si è sentito figlio di un dio minore, sempre struttura di serie b, troppo spesso creatura voluta dal Settore Pubblico quando si tratta di risparmiare denari. Noi non ci stiamo più. Vogliamo sentirci avanguardia dell Italia di domani. Crediamo nel nostro futuro, e in quello dei nostri figli. Ci proponiamo per guidare il paese fuori da questa crisi, non con le parole vuote di certa politica, ma con la ferma convinzione che sprigionando le infinite energie della persona umana pienamente realizzata, potremo realizzare la buona missione di crescere e di moltiplicare, di soggiogare, mediante un profondo rispetto, non solo la Terra ma l Universo intero. Questo breve documento è per chi non comprende, per chi non ci crede. Forse per chi non vuol vedere, leggere queste righe non cambierà molto le cose. Noi speriamo che presto saranno i fatti a parlare, tanto che anche le pietre non potranno non capire. 6

7 1. L idea di business ed il suo livello attuale di elaborazione rispetto alla realizzazione dell impresa L idea imprenditoriale nasce dalla collaborazione tra Veneto e Lombardia. A Verona il dott. Mirko Meneghelli, ricercatore del gruppo internazionale di ricerca coordinato da Federico Perali, professore ordinario del Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona, Paola Bissoli, insegnante ed imprenditrice estremamente radicata sul territorio, e Barbara Castellini, una vita per l arte e per la danza. A Varese Roberto Bulegato e il dottor Luca Solbiati, giornalista e grande comunicatore il primo, uomo del sociale il secondo, che stanno realizzando il sogno di una innovativa visione di gestione della cosa pubblica ed in particolare dell area sportiva, a due passi dalla Malpensa. Ad unirci, una progettualità di condivisione che partendo dalla conoscenza di entrambe le realtà ha definito un progetto strategico estremamente innovativo in quanto: esprime da subito un sistema organizzativo certificabile ISO 9001, che funziona grazie ad un software web accessibile ovunque in tempo reale INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA prevede di applicare in modo sistematico e imprenditoriale algoritmi e modellistiche normalmente utilizzate a livello accademico e professionale INNOVAZIONE TECNOLOGICA si propone di immettere sul mercato un nuovo sistema software per la mappatura socio economica del territorio e per il monitoraggio dello stesso INNOVAZIONE DI PRODOTTO Secondo il progetto, la generazione di valore deriva, oltre che dalle idee chiare, dalla sinergia tra efficienza di impresa ed elevato contenuto scientifico, tra organizzazione aziendale e capitale umano reso disponibile dal background di ricerca di base e applicata dal quale si parte. Riteniamo che nello scenario attuale il territorio, sia dal punto di vista pubblico che privato, abbia bisogno di nuovi strumenti per il governo delle informazioni a livello socio economico, in grado di gestire i c.d. big data e in particolare di tenere maggiormente in considerazione il livello locale, in una ottica glocal : territori che convivono nell arena globale. L idea di impresa è all inizio del suo processo di attuazione, tuttavia abbiamo le idee chiare e siamo pronti ad agire sul sistema socio economico. Il nostro ruolo sarà quello di un soggetto istituzionale importante per moltiplicare la raccolta di capitale, accendere e coordinare le risorse del volontariato, incrementare la diffusione delle progettualità nel web e sui social, estendere il progetto alle sacche più isolate o comunque svantaggiate della comunità (diversamente abili, casalinghe, anziani, bambini, disoccupati). 7

8 2. I progetti per il territorio, il loro stato di sviluppo ed i benefici per la società civile In generale le nostre progettualità rispondono al bisogno dei policy makers pubblici e privati, e dei singoli cittadini, di presidiare maggiormente le informazioni socio economiche, e si propongono di cogliere l opportunità di far lavorare assieme, nella misura massima possibile, tutti i soggetti istituzionali di un territorio. I soggetti istituzionali di un territorio possono essere ad esempio seguenti: - pubblica amministrazione locale; - altri enti pubblici rilevanti (università, scuole, ospedali, ); - famiglie, magari in forma di società cooperativa; - istituzioni sociali private (terzo settore); - aziende locali dei settori primario e secondario; - aziende locali del settore terziario (commercio, turismo, servizi); - banche; - fondi di investimento; - aziende esterne (nazionali o estere) che hanno un interesse sul territorio; - tour operators nazionali e internazionali; - turisti. Oggi possiamo erogare una serie di progettualità sotto forma di progetti spot, tuttavia il progetto di investimento prevede la razionalizzazione dei processi in un software dedicato, nonché la sperimentazione di nuovi modelli, nell ambito di nuove progettualità. La proposta si basa essenzialmente su un filone di ricerca che fa capo alla matrice di contabilità sociale, uno strumento consolidato in sè, ma la cui frontiera scientifica oggi è prevalentemente orientata alla estensione del modello contabile (e dei modelli econometrici connessi) dal livello nazionale e regionale fino al livello locale. Ma anche su un progetto socio economico parallelo a livello micro: dalla revisione del parametro isee (nonostante le recenti modifiche l'indicatore non è ancora affatto soddisfacente), al bilancio sociale dei comuni (e del privato sociale), bilancio di genere, di generazione, ambientale,.... Anche in questa ottica più micro, comunque, la disponibilità di una sam (social accounting matrix) locale è ciò che fa la differenza, mettendo a disposizione del territorio un potentissimo strumento di simulazione degli effetti in termini di benessere di qualunque politica o azione, pubblica o privata, in modo da comprendere e/o rendere trasparente (a un tavolo, in una amministrazione, o in una ideale agorà telematica) chi starà meglio e chi peggio, in che misura e quali possano essere i correttivi/modalità alternative possibili. Oltre all ambito principale della matrice di contabilità sociale, possiamo incorporare nei nostri servizi innovativi competenze quali la valutazione di impatto ambientale, la valutazione di impatto culturale, le inchieste sul valore e le stime sull utilità di determinati beni e servizi complessi, la valutazione delle componenti sociali dei costi legati al funzionamento del sistema sanitario, la valutazione dell impatto degli eventi sportivi, gli studi di fattibilità relativi alla implementazione di istituzioni innovative. Punto di partenza della strategia sarà la definizione di un portale web,da cui sarà possibile avere contezza di una serie di informazioni, relative: 8

9 ad un database di misurazione territoriale del benessere sociale, destinato ai policy maker locali, grado di completamento 60%; ad una analisi di benchmarking e di efficienza sociale, in ambito pubblico e privato, grado di completamento 40%; ad analisi di territorio locale e internazionale, basato sulla matrice di contabilità sociale, grado di completamento 90%. I principali benefici per la società civile sono riassumibili nella forza dell informazione. Finalmente i cittadini italiani avranno infatti a disposizione un cruscotto integrato nell ambito del quale non soltanto saranno accessibili e gestibili tutte le informazioni disponibili in un database reso omogeneo statisticamente, ma nel quale tali informazioni saranno organizzate in modelli preliminari alla simulazione delle politiche, per esempio della pubblica amministrazione locale, o di una importante riforma a livello statale. 3. Il potenziale di valorizzazione economica e il rischio potenziale di insuccesso Lo scenario propone l ingresso della nostra start up innovativa sociale in un contesto certamente grande ma concretamente sottile, caratterizzato da elevata specializzazione nei diversi ambiti della tecnologia. In questo contesto, la nuova iniziativa si propone di generare valore grazie alla ricchezza delle esperienze consolidate nei soggetti proponenti e nelle figure professionali e accademiche che collaborano nella loro rete, grazie alla quantità e qualità di modellistica e informazione disponibile, grazie al modello che si fonda essenzialmente sui territori per superare le barriere all ingresso. Abbiamo compiuto una analisi preliminare dello scenario, identificando alcuni soggetti che operano nel medesimo settore, con diverse dimensioni, scegliendo alcuni di loro come benchmark di riferimento. Il tasso di insuccesso nel settore è abbastanza importante, se si tiene conto che si tratta di un mercato di nicchia. Generalmente ciascuna realtà che riesce a ritagliarsi un ruolo o fa capo a grandi fondazioni internazionali oppure è collegata ad un ambiente universitario di ricerca in ambito statistico e di economia applicata. 4. Individuazione del/i Campi di Applicazione e/o della/e Tecnologie Abilitanti Il principale campo di applicazione è quello dei Servizi Innovativi. Tuttavia il nostro prodotto/servizio assume rilevanza anche con riferimento ad ulteriori due campi di applicazione, costituiti dalla Mobilità Sostenibile (una delle applicazioni dei nostri algoritmi riguarda i modelli logistici, con possibilità di applicare ottimizzazioni basate su big data di microdati in particolare sulla sicurezza stradale e sulle conseguenze socio economiche dei traumi causati da incidenti) e dalla inclusione sociale (nei servizi che proponiamo in particolare alla pubblica amministrazione locale ci sono aspetti di modellistica, quali la rimodulazione del parametro isee e i nostri schemi innovativi di bilancio sociale basati sulla centralità dei microdati che sono estremamente rilevanti per il tema dell inclusione sociale, con particolare riferimento alle dinamiche di genere e di generazione). 9

10 Per quanto riguarda le tecnologie abilitanti, sono essenzialmente quelle digitali, che sono il motore dei nostri servizi. Tuttavia alcuni aspetti del nostro prodotto/servizio riguardano anche la microelettronica e la sensoristica, in particolare per il fatto che i nostri progetti di intervento si baseranno tipicamente sulla integrazione delle nostre banche dati con rilevazioni sul campo attuate mediante sensori embedded. Per quanto riguarda la tipologia di tecnologie digitali, il nostro progetto abbina una dimensione interna (innovazione digitale nella comunicazione interna e nel team working) ad una esterna (innovazione digitale nella fruizione del prodotto/servizio, rigorosamente web-based e ulteriormente con grande enfasi sulla bidirezionalità dei flussi di informazione). 5. Il processo produttivo/erogativo del servizio e le strategie di fund raising La forma giuridica prescelta è quella della cooperativa sociale nel modello a responsabilità limitata, la cui snellezza e flessibilità statutaria ben si adattano alle caratteristiche dei soggetti partecipanti, del progetto, e del settore in cui si va ad operare. La struttura della governance è di tipo classico, con un organo amministrativo che sarà comunque relativamente snello, nella forma di un consiglio di amministrazione con un amministratore delegato per la sede secondaria in provincia di Varese. L organo sovrano sarà l assemblea dei soci, nell ambito della quale le decisioni sono normate secondo quanto disposto dal codice civile vigente, con le maggioranze ordinarie quivi previste. Gli assets più importanti della società, oggi come in futuro, saranno prevalentemente di tipo immateriale. Norme speciali sono previste per regolarne la valutazione analitica, importante per mantenere equa la misurazione del valore sociale tra i soci e in generale per gli stakeholders. Il processo di produzione prevede il coordinamento del lavoro di un numero di persone relativamente elevato che, pur condividendo uno standard di riferimento, operano in luoghi e contesti differenti tra loro. La figura centrale per la produzione è il responsabile operativo di area. In particolare a regime avremo le seguenti aree: 1) Area Planning & Cost Benefit analisys.. 2) Area Family & Society. 3) Area Environment.. 4) Area Cultural.. 5) Area Public Sector & Other Social Enterprises I processi operativi, nonché in generale tutti i processi (strategici e di supporto) sono governati da un sistema di gestione che sarà oggetto di certificazione secondo la ISO I tempi dei processi sono variabili in relazione alle aree e ai prodotti, e saranno tenuti sotto controllo con l impiego di un software di project appositamente sviluppato. La promozione dei progetti e le operazioni di fund raising avverranno generalmente via web. Verrà predisposta una pagina web dedicata. 10

11 La promozione sarà effettuata anche utilizzando brochure da distribuire ai potenziali stakeholders e presso le istituzioni potenzialmente interessate, secondo una matrice progetto/territorio/stakeholder già definita dall organo amministrativo. La credibilità viene assicurata dalla qualità e reputazione scientifica dei membri dello staff scientifico. Inoltre la credibilità dei progetti viene garantita anche dalla reputazione scientifica degli accademici coinvolti e dalla affidabilità operativa, anche internazionale, del nostro personale. 6. Le partnership che si intendono attivare Le relazioni con gli stakeholders esterni riguardano sia le relazioni con i fruitori e con la pubblica amministrazione, sia quelle con ulteriori soggetti del privato sociale, particolarmente importanti considerato il target. Dal punto di vista degli ambiti operativi, sono infatti molto importanti le relazioni con soggetti quali la Pubblica Amministrazione, gli enti associativi, le autorità di territorio e tutto il terzo settore, tanto più se si considera quanto sia fondamentale per questa iniziativa l approccio al livello locale. Dal punto di vista delle relazioni di filiera, è certamente rilevante la qualità e la quantità delle collaborazioni con strutture pubbliche e private al fine di rendere possibile l esecuzione di grandi progetti. La partnership più importante sarà quella con il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona, diretto dal prof. Diego Lubian, e in particolare nell ambito di tale struttura la relazione con il prof. Perali, con il quale il socio dott. Meneghelli ha un rapporto di collaborazione pluriennale nella ricerca. Ulteriori sinergie ci saranno certamente con il Dipartimento di Informatica della stessa università, e particolarmente con lo spin off EDALAB SRL, per quanto riguarda le applicazioni della sensoristica embedded. Inoltre fondamentale sarà la collaborazione con il C.I.D.E. (Centro Interdipartimentale di Documentazione Economica), per l accesso alle banche dati e per una consulenza specialistica nella omogeneizzazione del dato statistico. Un partner importante a livello di impresa sarà infine il Gruppo Volta, nel settore dello sviluppo software, e con MDS NET (a Milano), ovvero soggetti di grande esperienza e referenza nelle tecnologie digitali. 7. Descrizione del team di lavoro e della struttura organizzativa che la start-up intende adottare Il team imprenditoriale è costituito di tre elementi: per la parte accademica e di ricerca, il dott. Mirko Meneghelli; per la parte comunicazione,roberto Bulegato; per la parte operativa, Paola Bissoli, Luca Solbiati e Barbara Castellini. Il progetto prende forma grazie alla proficua collaborazione attuata dai soggetti proponenti su singoli progetti, che è stata possibile grazie all investimento di tempo, risorse e mezzi da parte dei protagonisti, a livello individuale come a livello di coordinamento. Insieme, i soggetti proponenti possiedono tutte le conoscenze necessarie per l implementazione della business idea, basate tanto sulla formazione accademica specifica, quanto sulla concreta esperienza lavorativa e sul presidio della tecnologia e del business di riferimento del progetto proposto. 11

12 La mission si traduce nel produrre modelli e software da trasferire per fare capacity transfer e building di persone e istituzioni, per fornire servizi a persone istituzioni e comunità, nell ambito di un approccio olistico nelle cinque aree. Tutti i soggetti proponenti avranno un elevato coinvolgimento nel progetto, anche nella parte operativa, Paola Bissoli e Luca Solbiati con la responsabilità amministrativa, gli altri per lo meno quali responsabili di area. Gli aspetti organizzativi riguardano i lineamenti dell organizzazione tracciati, in primo luogo gli aspetti statutari e di governance, quindi la specificazione del ruolo nella struttura dei differenti soggetti proponenti, l esplicitazione del modello operativo, ovvero la forma e la sequenza delle operazioni interne ed esterne che conducono alla generazione del valore sociale e alla realizzazione degli altri obiettivi, la precisazione delle responsabilità, della politica di gestione, la definizione dei ruoli e delle mansioni. In particolare, le scelte di struttura organizzativa sono già state delineate ai punti precedenti, e sono sintetizzabili nella scelta del sistema di governance, nella individuazione di cinque aree di intervento, nell utilizzo di uno strumento software dedicato di project, nello sviluppo di un sistema di gestione volto all efficacia e all efficienza, che sarà oggetto di certificazione ISO Ostacoli e carenze (di natura umana, economica, organizzativa e strutturale) che si frappongono allo sviluppo del progetto I principali ostacoli sono legati alla ambiziosità del progetto, con particolare riferimento alla industrializzazione delle conoscenze e del know how e alla capacità concreta di far convergere a livello operativo maestranze provenienti da mondi diversi (sociale, accademico, artistico e culturale, paesaggistico). Contiamo di poter accedere a finanziamenti pubblici e privati che possano porci nelle condizioni di affrontare tali ostacoli con strumenti software appositamente predisposti in grado di garantire precisi standard di operatività, nonché di offrire in tempi celeri alle controparti quel plus in termini di quantità, qualità e accessibilità dell informazione che costituisce a livello strategico il punto di forza del nostro progetto. 9. Descrizione degli eventuali brevetti in possesso dell impresa/soggetti appartenenti alla compagine sociale e/o descrizione dell accordo/contratti/collaborazioni con centri di ricerca, laboratori di trasferimento tecnologico, università Il dott. Meneghelli porterà in dote la contitolarità dei progetti di ricerca da lui condotti nell ambito della pluridecennale attività con il gruppo del prof. Perali, in tema di produzione e governo dell informazione socio economica territoriale a livello locale, nonché le relazioni con l università di Verona. In particolare, sarà attivata una commessa di ricerca con il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona avente ad oggetto lo studio di fattibilità del software SAM BASED (Social Accounting Matrix Based) per gli scenari di riferimento dei modelli di simulazione, con particolare riferimento alle problematiche della famiglia, del mercato del lavoro, dell accesso al credito. 12

13 Roberto Bulegato e Luca Solbiati l esperienza sviluppata nel progetto di ricerca RISVEGLI (www.risvegli.eu) come Modello gestionale di riqualificazione di aree pubbliche e strutture sportive che è il frutto di esperienze in attività di rete realizzato con il contributo di Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Ministero dello Sviluppo Economico,e che prevede l attivazione di una serie di attività culturali, sociali e di supporto per le quali indispensabile è la figura di una Cooperativa sociale. 10. Piano economico finanziario triennale Stato Patrimoniale Previsionale Triennale Stato Patrimoniale Immobil. immateriali Immobil. tecniche Immobil. finanziarie Magazzino Crediti verso clienti Crediti vari Liquidità e titoli Totale Attivo Patrimonio netto Obbligazioni - Fin. Soci Fondi e debiti vari a MLT Debiti fin. m/l termine Debiti fin. breve termine Debiti verso fornitori Debiti vari a breve termine Totale Passivo Nelle immobilizzazioni a fronte di investimenti complessivi nel triennio per Euro , abbiamo un valore netto di Euro , dopo aver effettuato ammortamenti per Euro Nell attivo circolante la voce principale riguarda i crediti, i quali nella prima annualità controbilanciano appena i debiti di fornitura. 13

14 Il capitale circolante netto successivamente si espande determinando comunque fabbisogno finanziario che risulta in ogni caso coperto dal capitale di rischio proveniente dai soci sovventori, pur eroso dalle perdite di start up. Conto Economico Previsionale Triennale Conto Economico Fatturato M.O.L Ammortamenti immateriali Ammortamenti materiali Gestione finanziaria Gestione straordinaria e fiscale EBIT (9.944) (9.832) (9.697) Indici (9.944) (14.327) (15.252) Dilazione media clienti Patrimonio netto / Attivo 65,1% 80,7% 90,9% Oneri finanz./ Fatturato 0,0% 0,0% 0,0% Margine di struttura CCN Operativo (1.918) ROI -19,87% -11,47% -8,05% ROE -19,87% -16,71% -12,66% Posizione Finanziaria Netta Il fatturato si basa su proiezioni derivanti dai piani di produzione e di diffusione. La marginalità lorda è erosa dalla necessità di tenere elevati gli investimenti in ricerca e sviluppo. Tutte le previsioni non tengono conto dell eventuale sostegno determinato da finanziamenti pubblici, che potrebbero rivelarsi molto importanti per mantenere il livello di equity nella fase di start up, nella quale peraltro è opportuno evitare l indebitamento finanziario, in quanto risulta prima necessario, ai fini della sostenibilità del progetto, completare la fase, stimabile in 5 anni, di completamento degli investimenti fondamentali in ricerca e sviluppo. Inoltre consideriamo poco praticabile la strada dell indebitamento finanziario nel settore no profit, in quanto si caratterizza per la sostanziale volatilità dei flussi in entrata. 14

15 Analisi conclusiva dei punti di forza e dei fattori di rischio dell iniziativa. In conclusione, è importante riepilogare da un lato i punti di forza del progetto: - disponibilità del know how per il trattamento statistico di big data e microdati, anche a livello locale; - disponibilità del know how per organizzare tutti i dati socio economici di un territorio in una unica piattaforma di base per la modellistica (local social accounting matrices); - possibilità di integrare i dati territoriali con rilevazioni sul campo in tempo reale, grazie all impiego della sensoristica embedded; - disponibilità del know how in termini di modellistica per la simulazione tale da permettere la soluzione di problemi di ottimizzazione specifici del singolo progetto; - capacità di unire nella prospettiva della operatività digitale il mondo dei presidi del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico, il mondo della ricerca socio economica e informatica, e quelli dei settori dell educazione e dell assistenza. Ma anche i fattori di rischio dell iniziativa: - difficoltà di integrare in modo efficace ed efficiente, a livello operativo, mondi così diversi, in particolare il mondo della ricerca con gli operatori sociali; - necessità di effettuare ingenti investimenti in beni immateriali, difficilmente comprensibili dai finanziatori e in ogni caso con discutibile valore monetario in caso di fallimento dell iniziativa; - necessità di coprire con il software almeno tutto il territorio nazionale; - necessità di integrare le progettualità offerte con quelle della pubblica amministrazione o comunque di altri soggetti, conciliando la sempre maggiore importanza dei vincoli sui costi con la necessità di effettuare investimenti che sono fondamentali per tenere elevata la qualità della modellistica. Riteniamo in questa prospettiva molto importante le possibilità offerte dai fondi europei, che rappresentano per il territorio uno strumento irrinunciabile. 15

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità:

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità: La società Esplora S.r.l. è una società di diritto italiano e sedi a Roma, Siena, Milano e Catania che opera nei settori del project management internazionale, per il governo di progetti complessi e in

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO Divisione Supporto alla Ricerca Scientifica e al Trasferimento Tecnologico MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO DI COSTITUZIONE DI SPIN OFF E START UP ACCADEMICI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Fasi

Dettagli

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO Divisione Supporto alla Ricerca Scientifica e al Trasferimento Tecnologico MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO DI COSTITUZIONE DI START UP E START UP DI RICERCA DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Fasi

Dettagli

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE Premessa La Fondazione Monte dei Paschi di Siena, soggetto giuridico di diritto privato senza fine di lucro e con piena autonomia statutaria e gestionale, in coerenza

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE IMPRESA GIA COSTITUITA PROMOTORE

TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE IMPRESA GIA COSTITUITA PROMOTORE Allegato B FORMULARIO Per la partecipazione all Avviso Pubblico peril sostegno e lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative - Art. 7 L.R. 13/2013 TIPOLOGIA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Centro servizi di Ateneo per la valorizzazione dei risultati della ricerca e la gestione

Dettagli

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative Agenda Approccio al processo innovativo Spin Off della ricerca e Start Up innovative Il Business Plan (analisi critica di un idea

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab 1 SINOPSIS LAB Ripensare politiche e programmi in ambito di Sostenibilità. Monitoraggio e valutazione per nuove strategie di investimento comune in ottica UE 2020. Metodi e strumenti innovativi. FASE srl

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Provvedimento n.1 Latina, 14 gennaio 2015

Provvedimento n.1 Latina, 14 gennaio 2015 Provvedimento n.1 Latina, 14 gennaio 2015 Oggetto: C.A.T. Confcommercio S.c.a.r.l., Latina.-Assemblea ordinaria: approvazione bilancio consuntivo 2013, approvazione bilancio preventivo 2015 e rinnovo organi

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

NewCo. Business Plan

NewCo. Business Plan NewCo Business Plan 1 NewCo... 1 Business Plan... 1 Executive Summary... 3 Customer Value Proposition... 4 Demand Pull... 4 Technology Push... 4 Enterpreneurial Team... 5 Market Analysis... 6 Macro analisi

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it BACKGROUND La definizione di una metodologia di studio e l analisi di buone pratiche sull utilizzo delle ICT in ambito regionale

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie L Ente Nazionale per il Microcredito L Ente nazionale per il Microcredito è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta all esclusione sociale

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism CONSULTING Trend, Strategy & Marketing in Tourism TSM Consulting vuole dare un contributo sostanziale al settore del turismo, migliorando la comprensione e la soddisfazione della domanda e aumentando la

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Guidizzolo, 25 novembre Contratto di Rete Descrizione Caratteristiche Obiettivi strategici

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Il contesto attuale Il sistema universitario italiano si trova oggi ad affrontare una serie di sfide di enorme portata.

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto Report Analitico RICLASSIFICAZIONI - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto PROFILI DI ANALISI PER INDICI - A) Analisi dello sviluppo, dei

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E L UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO PROTOTIPO PROGETTUALE RELATIVO ALL ARTICOLO 3 - LETTERA B) I SERVIZI INTEGRATI PER LA NUOVA

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA Nel settore culturale, è necessario introdurre un approccio di project management che non sia però solo una trasposizione dei

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8 - Business Plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA Schema_businessplan Schema di Business Plan 2/8 Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale Ente Nazionale per il Microcredito Presentazione Istituzionale L ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Smart&Start Italia. D.M. 24 settembre 2014

Smart&Start Italia. D.M. 24 settembre 2014 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 Febbraio 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento

Dettagli

L evento, gratuito, è previsto a Roma per il prossimo 10 novembre. In allegato troverà il programma e le modalità di iscrizione.

L evento, gratuito, è previsto a Roma per il prossimo 10 novembre. In allegato troverà il programma e le modalità di iscrizione. Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari IL SEGRETARIO GENERALE A TUTTI I SOCI Milano, 26 ottobre 2011 MM/dg Caro Socio, mi è molto gradito segnalarle un importante Seminario, sulla

Dettagli

Il futuro della Professione

Il futuro della Professione A.M.A. Sanremo 17 Ottobre 2014 Il futuro della Professione Relatore: Dott. Antonio Ortolani Studio Ortolani Milano Milano, Via A. Locatelli n 4 tel. 02 66986995 Email: antonio.ortolani@studioortolani.it

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R 3523267$',,17(51$/,==$=,21('(//(&203(7(1=( 5(*,21(38*/,$ ,QWURGX]LRQH Il presente documento costituisce una prima proposta di lavoro per attuare un processo di internalizzazione delle competenze. La Regione

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

PARTNER PER IL FUTURO

PARTNER PER IL FUTURO CHI SIAMO Dal 1995 forniamo servizi di consulenza strategica, con l obiettivo di accompagnare le aziende nel proprio percorso di crescita, attraverso modelli di project financing. Offriamo competenza e

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Art. 1 Finalità del Bando

Art. 1 Finalità del Bando CO-IMPRENDO BIOMEDICALE 2014 BANDO DELLA FONDAZIONE GIOVANNI ED ANNAMARIA COTTINO PER IL FINANZIAMENTO DELLA RICERCA SCIENTIFICA MEDIANTE LA CREAZIONE DI START UP INNOVATIVE O SPIN OFF ACCADEMICI Art.

Dettagli

Luciano Hinna, Ordinario di Economia delle aziende pubbliche e non profit Università degli studi di Roma Tor Vergata

Luciano Hinna, Ordinario di Economia delle aziende pubbliche e non profit Università degli studi di Roma Tor Vergata Seminario di studi Archivi della moda del 900: primi risultati del progetto a Firenze e in Toscana I sessione Memoria e valorizzazione del patrimonio della moda Firenze, 4-5 giugno 2009 Luciano Hinna,

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

PIANO D IMPRESA 2013-2015

PIANO D IMPRESA 2013-2015 PIANO D IMPRESA 2013-2015 Poca favilla, gran fiamma seconda Dante, Paradiso I, 37 Le cooperative ricordano alla comunità internazionale che è possibile conciliare la produttività economica con la responsabilità

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI Al fine di ottenere un rating sempre più rispondente alla concreta realtà aziendale l impresa può adottare correttivi in grado di modificare la PD. Se la netta specificazione

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli