BELLISSIMA TERRA COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Progetto di Start Up Innovativa Sociale BUSINESS PLAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BELLISSIMA TERRA COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Progetto di Start Up Innovativa Sociale BUSINESS PLAN"

Transcript

1 BELLISSIMA TERRA COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Progetto di Start Up Innovativa Sociale BUSINESS PLAN Verona, giugno 2014

2 2

3 Sommario 0. Perché questo documento L idea di business ed il suo livello attuale di elaborazione rispetto alla realizzazione dell impresa I progetti per il territorio, il loro stato di sviluppo ed i benefici per la società civile Il potenziale di valorizzazione economica e il rischio potenziale di insuccesso Individuazione del/i Campi di Applicazione e/o della/e Tecnologie Abilitanti Il processo produttivo/erogativo del servizio e le strategie di fund raising Le partnership che si intendono attivare Descrizione del team di lavoro e della struttura organizzativa che la start-up intende adottare Ostacoli e carenze (di natura umana, economica, organizzativa e strutturale) che si frappongono allo sviluppo del progetto Descrizione degli eventuali brevetti in possesso dell impresa/soggetti appartenenti alla compagine sociale e/o descrizione dell accordo/contratti/collaborazioni con centri di ricerca, laboratori di trasferimento tecnologico, università Piano economico finanziario triennale Analisi conclusiva dei punti di forza e dei fattori di rischio dell iniziativa

4 4

5 0. Perché questo documento La rivoluzione agricola e la rivoluzione industriale portarono, hanno portato e ancora porteranno, in taluni contesti, ad autentici salti quantici nello sviluppo socio economico di un territorio. Si può dire anzi oggi che questi processi sono alla radice della formazione stessa di un territorio come entità istituzionale. Con l agricoltura e con l industria un territorio assume una vocazione permanente, seppure dinamica, evolutiva, legata al rapporto dell uomo con la natura (rapporto primario) e con il capitale tecnico accumulato (rapporto secondario). Attorno a questi due fondamentali assi relazionali, il territorio si plasma come ambiente urbano, la città in senso lato, al di là di ogni categorizzazione in termini dimensionali e/o organizzativi. La comunità, una entità che precede ed ha preceduto l agricoltura e l industria, con il loro sviluppo diventa città, diventa nazione, fondata su un patto, più o meno esplicito, con il suo territorio. Il rapporto terziario è stato da taluni definito come il rapporto dell uomo con l uomo, ma è in vero concetto più complesso, perché incorpora tutte le relazioni sociali e istituzionali, comprese quelle che sono la risultante storica dell evoluzione del primario e del secondario, è ciò che unifica tutti i rapporti e sancisce il patto positivo che dà identità al territorio, gli dà valore. Fino al Medioevo abbiamo abitato un universo gerarchico, definito dal dogma come mezzo di conoscenza, e nell ambito del quale l elemento fulcro delle relazioni è stato il ruolo. Ogni dicotomia, ogni cambiamento, era visto con timore, quasi fosse una misteriosa punizione. L età moderna ha demolito questa concezione, focalizzando sull uomo come soggetto e riducendo l universo ad oggetto. Il mezzo di conoscenza è divenuto il determinismo scientifico, e nell età moderna l uomo ha conquistato la consapevolezza della possibilità della scalata sociale, della possibilità di ciascuno di mutare il suo destino, percorrendo una scala i cui pioli o gradini si salgono incrementando i propri diritti di proprietà. Tutto appariva possibile nell approccio micro, a livello individuale, sul sentiero di una proprietà fondata sul concetto di esclusione. A livello macro, lo sviluppo delle illimitate possibilità dell uomo doveva garantire a tutti, infine, pari opportunità. Oggi però il paradigma scientifico simbolo è il principio di indeterminazione, e anche in economia il valore è divenuto sempre più un concetto volatile. Non soltanto i fenomeni sociali, ma anche quelli legati alla materia e all energia si manifestano con le leggi sovrane della meccanica statistica. La forma di conoscenza è il relativismo, che chiamiamo anche pensiero debole, rimpiangendo le (infondate) certezze di ieri. Il fulcro delle relazioni è il concetto di identità. In modo diverso, tuttavia, l uomo è tornato al centro, con riferimento a una dinamica relazionale mobile di contesti dotati di un intorno ristretto. 5

6 Agricoltura e Industria sono in continua evoluzione, tuttavia oggi il motore dello sviluppo è il settore terziario, e nell ambito di esso, il privato sociale. L identità è l elemento al centro della nuova teoria del valore, senza una chiara definizione dell identità di un territorio le politiche agricole e industriali hanno un esito incerto in termini di valore, di ricchezza di una nazione (per dirla alla Adam Smith) ovvero di un territorio. Il successo di una politica di sviluppo, si sente spesso affermare oggi, dipende dalla fermezza degli intenti di chi la pone in essere, non soltanto perché foriera di efficacia ed efficienza, ma soprattutto in quanto capace di costruire identità territoriale, una chiara gerarchia di valori in grado di dare a chi li condivide una risposta autentica ai suoi bisogni e alle sue esigenze, alle sue scelte e alle sue aspirazioni. Il nuovo diritto di proprietà alla base della ricchezza si fonda sul concetto di inclusione. La frontiera dello sviluppo socio economico oggi è questa. I protagonisti saranno coloro capaci di costruire il capitale relazionale, di farlo ruotare più velocemente, producendo con esso identità e quindi valore. Vogliamo dare valore a ciò che ce l ha, al lavoro sociale mai riconosciuto di molte donne, per esempio, trasformabile in denaro sul mercato dei servizi con una visione chiara, calibrando gli sforzi nei diversi segmenti, definendo in corrispondenza di ciascun vettore di sforzo un adeguato portafoglio di prodotti/servizi innovativi identificati in relazione ai bisogni e alle esigenze del target istituzionale di riferimento. Il legame tra innovazione e impresa sociale stenta ad essere riconosciuto. Tutti fanno fatica a dare fiducia a chi in esso crede fermamente. Forse perché per troppo tempo il privato sociale si è sentito figlio di un dio minore, sempre struttura di serie b, troppo spesso creatura voluta dal Settore Pubblico quando si tratta di risparmiare denari. Noi non ci stiamo più. Vogliamo sentirci avanguardia dell Italia di domani. Crediamo nel nostro futuro, e in quello dei nostri figli. Ci proponiamo per guidare il paese fuori da questa crisi, non con le parole vuote di certa politica, ma con la ferma convinzione che sprigionando le infinite energie della persona umana pienamente realizzata, potremo realizzare la buona missione di crescere e di moltiplicare, di soggiogare, mediante un profondo rispetto, non solo la Terra ma l Universo intero. Questo breve documento è per chi non comprende, per chi non ci crede. Forse per chi non vuol vedere, leggere queste righe non cambierà molto le cose. Noi speriamo che presto saranno i fatti a parlare, tanto che anche le pietre non potranno non capire. 6

7 1. L idea di business ed il suo livello attuale di elaborazione rispetto alla realizzazione dell impresa L idea imprenditoriale nasce dalla collaborazione tra Veneto e Lombardia. A Verona il dott. Mirko Meneghelli, ricercatore del gruppo internazionale di ricerca coordinato da Federico Perali, professore ordinario del Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona, Paola Bissoli, insegnante ed imprenditrice estremamente radicata sul territorio, e Barbara Castellini, una vita per l arte e per la danza. A Varese Roberto Bulegato e il dottor Luca Solbiati, giornalista e grande comunicatore il primo, uomo del sociale il secondo, che stanno realizzando il sogno di una innovativa visione di gestione della cosa pubblica ed in particolare dell area sportiva, a due passi dalla Malpensa. Ad unirci, una progettualità di condivisione che partendo dalla conoscenza di entrambe le realtà ha definito un progetto strategico estremamente innovativo in quanto: esprime da subito un sistema organizzativo certificabile ISO 9001, che funziona grazie ad un software web accessibile ovunque in tempo reale INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA prevede di applicare in modo sistematico e imprenditoriale algoritmi e modellistiche normalmente utilizzate a livello accademico e professionale INNOVAZIONE TECNOLOGICA si propone di immettere sul mercato un nuovo sistema software per la mappatura socio economica del territorio e per il monitoraggio dello stesso INNOVAZIONE DI PRODOTTO Secondo il progetto, la generazione di valore deriva, oltre che dalle idee chiare, dalla sinergia tra efficienza di impresa ed elevato contenuto scientifico, tra organizzazione aziendale e capitale umano reso disponibile dal background di ricerca di base e applicata dal quale si parte. Riteniamo che nello scenario attuale il territorio, sia dal punto di vista pubblico che privato, abbia bisogno di nuovi strumenti per il governo delle informazioni a livello socio economico, in grado di gestire i c.d. big data e in particolare di tenere maggiormente in considerazione il livello locale, in una ottica glocal : territori che convivono nell arena globale. L idea di impresa è all inizio del suo processo di attuazione, tuttavia abbiamo le idee chiare e siamo pronti ad agire sul sistema socio economico. Il nostro ruolo sarà quello di un soggetto istituzionale importante per moltiplicare la raccolta di capitale, accendere e coordinare le risorse del volontariato, incrementare la diffusione delle progettualità nel web e sui social, estendere il progetto alle sacche più isolate o comunque svantaggiate della comunità (diversamente abili, casalinghe, anziani, bambini, disoccupati). 7

8 2. I progetti per il territorio, il loro stato di sviluppo ed i benefici per la società civile In generale le nostre progettualità rispondono al bisogno dei policy makers pubblici e privati, e dei singoli cittadini, di presidiare maggiormente le informazioni socio economiche, e si propongono di cogliere l opportunità di far lavorare assieme, nella misura massima possibile, tutti i soggetti istituzionali di un territorio. I soggetti istituzionali di un territorio possono essere ad esempio seguenti: - pubblica amministrazione locale; - altri enti pubblici rilevanti (università, scuole, ospedali, ); - famiglie, magari in forma di società cooperativa; - istituzioni sociali private (terzo settore); - aziende locali dei settori primario e secondario; - aziende locali del settore terziario (commercio, turismo, servizi); - banche; - fondi di investimento; - aziende esterne (nazionali o estere) che hanno un interesse sul territorio; - tour operators nazionali e internazionali; - turisti. Oggi possiamo erogare una serie di progettualità sotto forma di progetti spot, tuttavia il progetto di investimento prevede la razionalizzazione dei processi in un software dedicato, nonché la sperimentazione di nuovi modelli, nell ambito di nuove progettualità. La proposta si basa essenzialmente su un filone di ricerca che fa capo alla matrice di contabilità sociale, uno strumento consolidato in sè, ma la cui frontiera scientifica oggi è prevalentemente orientata alla estensione del modello contabile (e dei modelli econometrici connessi) dal livello nazionale e regionale fino al livello locale. Ma anche su un progetto socio economico parallelo a livello micro: dalla revisione del parametro isee (nonostante le recenti modifiche l'indicatore non è ancora affatto soddisfacente), al bilancio sociale dei comuni (e del privato sociale), bilancio di genere, di generazione, ambientale,.... Anche in questa ottica più micro, comunque, la disponibilità di una sam (social accounting matrix) locale è ciò che fa la differenza, mettendo a disposizione del territorio un potentissimo strumento di simulazione degli effetti in termini di benessere di qualunque politica o azione, pubblica o privata, in modo da comprendere e/o rendere trasparente (a un tavolo, in una amministrazione, o in una ideale agorà telematica) chi starà meglio e chi peggio, in che misura e quali possano essere i correttivi/modalità alternative possibili. Oltre all ambito principale della matrice di contabilità sociale, possiamo incorporare nei nostri servizi innovativi competenze quali la valutazione di impatto ambientale, la valutazione di impatto culturale, le inchieste sul valore e le stime sull utilità di determinati beni e servizi complessi, la valutazione delle componenti sociali dei costi legati al funzionamento del sistema sanitario, la valutazione dell impatto degli eventi sportivi, gli studi di fattibilità relativi alla implementazione di istituzioni innovative. Punto di partenza della strategia sarà la definizione di un portale web,da cui sarà possibile avere contezza di una serie di informazioni, relative: 8

9 ad un database di misurazione territoriale del benessere sociale, destinato ai policy maker locali, grado di completamento 60%; ad una analisi di benchmarking e di efficienza sociale, in ambito pubblico e privato, grado di completamento 40%; ad analisi di territorio locale e internazionale, basato sulla matrice di contabilità sociale, grado di completamento 90%. I principali benefici per la società civile sono riassumibili nella forza dell informazione. Finalmente i cittadini italiani avranno infatti a disposizione un cruscotto integrato nell ambito del quale non soltanto saranno accessibili e gestibili tutte le informazioni disponibili in un database reso omogeneo statisticamente, ma nel quale tali informazioni saranno organizzate in modelli preliminari alla simulazione delle politiche, per esempio della pubblica amministrazione locale, o di una importante riforma a livello statale. 3. Il potenziale di valorizzazione economica e il rischio potenziale di insuccesso Lo scenario propone l ingresso della nostra start up innovativa sociale in un contesto certamente grande ma concretamente sottile, caratterizzato da elevata specializzazione nei diversi ambiti della tecnologia. In questo contesto, la nuova iniziativa si propone di generare valore grazie alla ricchezza delle esperienze consolidate nei soggetti proponenti e nelle figure professionali e accademiche che collaborano nella loro rete, grazie alla quantità e qualità di modellistica e informazione disponibile, grazie al modello che si fonda essenzialmente sui territori per superare le barriere all ingresso. Abbiamo compiuto una analisi preliminare dello scenario, identificando alcuni soggetti che operano nel medesimo settore, con diverse dimensioni, scegliendo alcuni di loro come benchmark di riferimento. Il tasso di insuccesso nel settore è abbastanza importante, se si tiene conto che si tratta di un mercato di nicchia. Generalmente ciascuna realtà che riesce a ritagliarsi un ruolo o fa capo a grandi fondazioni internazionali oppure è collegata ad un ambiente universitario di ricerca in ambito statistico e di economia applicata. 4. Individuazione del/i Campi di Applicazione e/o della/e Tecnologie Abilitanti Il principale campo di applicazione è quello dei Servizi Innovativi. Tuttavia il nostro prodotto/servizio assume rilevanza anche con riferimento ad ulteriori due campi di applicazione, costituiti dalla Mobilità Sostenibile (una delle applicazioni dei nostri algoritmi riguarda i modelli logistici, con possibilità di applicare ottimizzazioni basate su big data di microdati in particolare sulla sicurezza stradale e sulle conseguenze socio economiche dei traumi causati da incidenti) e dalla inclusione sociale (nei servizi che proponiamo in particolare alla pubblica amministrazione locale ci sono aspetti di modellistica, quali la rimodulazione del parametro isee e i nostri schemi innovativi di bilancio sociale basati sulla centralità dei microdati che sono estremamente rilevanti per il tema dell inclusione sociale, con particolare riferimento alle dinamiche di genere e di generazione). 9

10 Per quanto riguarda le tecnologie abilitanti, sono essenzialmente quelle digitali, che sono il motore dei nostri servizi. Tuttavia alcuni aspetti del nostro prodotto/servizio riguardano anche la microelettronica e la sensoristica, in particolare per il fatto che i nostri progetti di intervento si baseranno tipicamente sulla integrazione delle nostre banche dati con rilevazioni sul campo attuate mediante sensori embedded. Per quanto riguarda la tipologia di tecnologie digitali, il nostro progetto abbina una dimensione interna (innovazione digitale nella comunicazione interna e nel team working) ad una esterna (innovazione digitale nella fruizione del prodotto/servizio, rigorosamente web-based e ulteriormente con grande enfasi sulla bidirezionalità dei flussi di informazione). 5. Il processo produttivo/erogativo del servizio e le strategie di fund raising La forma giuridica prescelta è quella della cooperativa sociale nel modello a responsabilità limitata, la cui snellezza e flessibilità statutaria ben si adattano alle caratteristiche dei soggetti partecipanti, del progetto, e del settore in cui si va ad operare. La struttura della governance è di tipo classico, con un organo amministrativo che sarà comunque relativamente snello, nella forma di un consiglio di amministrazione con un amministratore delegato per la sede secondaria in provincia di Varese. L organo sovrano sarà l assemblea dei soci, nell ambito della quale le decisioni sono normate secondo quanto disposto dal codice civile vigente, con le maggioranze ordinarie quivi previste. Gli assets più importanti della società, oggi come in futuro, saranno prevalentemente di tipo immateriale. Norme speciali sono previste per regolarne la valutazione analitica, importante per mantenere equa la misurazione del valore sociale tra i soci e in generale per gli stakeholders. Il processo di produzione prevede il coordinamento del lavoro di un numero di persone relativamente elevato che, pur condividendo uno standard di riferimento, operano in luoghi e contesti differenti tra loro. La figura centrale per la produzione è il responsabile operativo di area. In particolare a regime avremo le seguenti aree: 1) Area Planning & Cost Benefit analisys.. 2) Area Family & Society. 3) Area Environment.. 4) Area Cultural.. 5) Area Public Sector & Other Social Enterprises I processi operativi, nonché in generale tutti i processi (strategici e di supporto) sono governati da un sistema di gestione che sarà oggetto di certificazione secondo la ISO I tempi dei processi sono variabili in relazione alle aree e ai prodotti, e saranno tenuti sotto controllo con l impiego di un software di project appositamente sviluppato. La promozione dei progetti e le operazioni di fund raising avverranno generalmente via web. Verrà predisposta una pagina web dedicata. 10

11 La promozione sarà effettuata anche utilizzando brochure da distribuire ai potenziali stakeholders e presso le istituzioni potenzialmente interessate, secondo una matrice progetto/territorio/stakeholder già definita dall organo amministrativo. La credibilità viene assicurata dalla qualità e reputazione scientifica dei membri dello staff scientifico. Inoltre la credibilità dei progetti viene garantita anche dalla reputazione scientifica degli accademici coinvolti e dalla affidabilità operativa, anche internazionale, del nostro personale. 6. Le partnership che si intendono attivare Le relazioni con gli stakeholders esterni riguardano sia le relazioni con i fruitori e con la pubblica amministrazione, sia quelle con ulteriori soggetti del privato sociale, particolarmente importanti considerato il target. Dal punto di vista degli ambiti operativi, sono infatti molto importanti le relazioni con soggetti quali la Pubblica Amministrazione, gli enti associativi, le autorità di territorio e tutto il terzo settore, tanto più se si considera quanto sia fondamentale per questa iniziativa l approccio al livello locale. Dal punto di vista delle relazioni di filiera, è certamente rilevante la qualità e la quantità delle collaborazioni con strutture pubbliche e private al fine di rendere possibile l esecuzione di grandi progetti. La partnership più importante sarà quella con il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona, diretto dal prof. Diego Lubian, e in particolare nell ambito di tale struttura la relazione con il prof. Perali, con il quale il socio dott. Meneghelli ha un rapporto di collaborazione pluriennale nella ricerca. Ulteriori sinergie ci saranno certamente con il Dipartimento di Informatica della stessa università, e particolarmente con lo spin off EDALAB SRL, per quanto riguarda le applicazioni della sensoristica embedded. Inoltre fondamentale sarà la collaborazione con il C.I.D.E. (Centro Interdipartimentale di Documentazione Economica), per l accesso alle banche dati e per una consulenza specialistica nella omogeneizzazione del dato statistico. Un partner importante a livello di impresa sarà infine il Gruppo Volta, nel settore dello sviluppo software, e con MDS NET (a Milano), ovvero soggetti di grande esperienza e referenza nelle tecnologie digitali. 7. Descrizione del team di lavoro e della struttura organizzativa che la start-up intende adottare Il team imprenditoriale è costituito di tre elementi: per la parte accademica e di ricerca, il dott. Mirko Meneghelli; per la parte comunicazione,roberto Bulegato; per la parte operativa, Paola Bissoli, Luca Solbiati e Barbara Castellini. Il progetto prende forma grazie alla proficua collaborazione attuata dai soggetti proponenti su singoli progetti, che è stata possibile grazie all investimento di tempo, risorse e mezzi da parte dei protagonisti, a livello individuale come a livello di coordinamento. Insieme, i soggetti proponenti possiedono tutte le conoscenze necessarie per l implementazione della business idea, basate tanto sulla formazione accademica specifica, quanto sulla concreta esperienza lavorativa e sul presidio della tecnologia e del business di riferimento del progetto proposto. 11

12 La mission si traduce nel produrre modelli e software da trasferire per fare capacity transfer e building di persone e istituzioni, per fornire servizi a persone istituzioni e comunità, nell ambito di un approccio olistico nelle cinque aree. Tutti i soggetti proponenti avranno un elevato coinvolgimento nel progetto, anche nella parte operativa, Paola Bissoli e Luca Solbiati con la responsabilità amministrativa, gli altri per lo meno quali responsabili di area. Gli aspetti organizzativi riguardano i lineamenti dell organizzazione tracciati, in primo luogo gli aspetti statutari e di governance, quindi la specificazione del ruolo nella struttura dei differenti soggetti proponenti, l esplicitazione del modello operativo, ovvero la forma e la sequenza delle operazioni interne ed esterne che conducono alla generazione del valore sociale e alla realizzazione degli altri obiettivi, la precisazione delle responsabilità, della politica di gestione, la definizione dei ruoli e delle mansioni. In particolare, le scelte di struttura organizzativa sono già state delineate ai punti precedenti, e sono sintetizzabili nella scelta del sistema di governance, nella individuazione di cinque aree di intervento, nell utilizzo di uno strumento software dedicato di project, nello sviluppo di un sistema di gestione volto all efficacia e all efficienza, che sarà oggetto di certificazione ISO Ostacoli e carenze (di natura umana, economica, organizzativa e strutturale) che si frappongono allo sviluppo del progetto I principali ostacoli sono legati alla ambiziosità del progetto, con particolare riferimento alla industrializzazione delle conoscenze e del know how e alla capacità concreta di far convergere a livello operativo maestranze provenienti da mondi diversi (sociale, accademico, artistico e culturale, paesaggistico). Contiamo di poter accedere a finanziamenti pubblici e privati che possano porci nelle condizioni di affrontare tali ostacoli con strumenti software appositamente predisposti in grado di garantire precisi standard di operatività, nonché di offrire in tempi celeri alle controparti quel plus in termini di quantità, qualità e accessibilità dell informazione che costituisce a livello strategico il punto di forza del nostro progetto. 9. Descrizione degli eventuali brevetti in possesso dell impresa/soggetti appartenenti alla compagine sociale e/o descrizione dell accordo/contratti/collaborazioni con centri di ricerca, laboratori di trasferimento tecnologico, università Il dott. Meneghelli porterà in dote la contitolarità dei progetti di ricerca da lui condotti nell ambito della pluridecennale attività con il gruppo del prof. Perali, in tema di produzione e governo dell informazione socio economica territoriale a livello locale, nonché le relazioni con l università di Verona. In particolare, sarà attivata una commessa di ricerca con il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona avente ad oggetto lo studio di fattibilità del software SAM BASED (Social Accounting Matrix Based) per gli scenari di riferimento dei modelli di simulazione, con particolare riferimento alle problematiche della famiglia, del mercato del lavoro, dell accesso al credito. 12

13 Roberto Bulegato e Luca Solbiati l esperienza sviluppata nel progetto di ricerca RISVEGLI (www.risvegli.eu) come Modello gestionale di riqualificazione di aree pubbliche e strutture sportive che è il frutto di esperienze in attività di rete realizzato con il contributo di Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Ministero dello Sviluppo Economico,e che prevede l attivazione di una serie di attività culturali, sociali e di supporto per le quali indispensabile è la figura di una Cooperativa sociale. 10. Piano economico finanziario triennale Stato Patrimoniale Previsionale Triennale Stato Patrimoniale Immobil. immateriali Immobil. tecniche Immobil. finanziarie Magazzino Crediti verso clienti Crediti vari Liquidità e titoli Totale Attivo Patrimonio netto Obbligazioni - Fin. Soci Fondi e debiti vari a MLT Debiti fin. m/l termine Debiti fin. breve termine Debiti verso fornitori Debiti vari a breve termine Totale Passivo Nelle immobilizzazioni a fronte di investimenti complessivi nel triennio per Euro , abbiamo un valore netto di Euro , dopo aver effettuato ammortamenti per Euro Nell attivo circolante la voce principale riguarda i crediti, i quali nella prima annualità controbilanciano appena i debiti di fornitura. 13

14 Il capitale circolante netto successivamente si espande determinando comunque fabbisogno finanziario che risulta in ogni caso coperto dal capitale di rischio proveniente dai soci sovventori, pur eroso dalle perdite di start up. Conto Economico Previsionale Triennale Conto Economico Fatturato M.O.L Ammortamenti immateriali Ammortamenti materiali Gestione finanziaria Gestione straordinaria e fiscale EBIT (9.944) (9.832) (9.697) Indici (9.944) (14.327) (15.252) Dilazione media clienti Patrimonio netto / Attivo 65,1% 80,7% 90,9% Oneri finanz./ Fatturato 0,0% 0,0% 0,0% Margine di struttura CCN Operativo (1.918) ROI -19,87% -11,47% -8,05% ROE -19,87% -16,71% -12,66% Posizione Finanziaria Netta Il fatturato si basa su proiezioni derivanti dai piani di produzione e di diffusione. La marginalità lorda è erosa dalla necessità di tenere elevati gli investimenti in ricerca e sviluppo. Tutte le previsioni non tengono conto dell eventuale sostegno determinato da finanziamenti pubblici, che potrebbero rivelarsi molto importanti per mantenere il livello di equity nella fase di start up, nella quale peraltro è opportuno evitare l indebitamento finanziario, in quanto risulta prima necessario, ai fini della sostenibilità del progetto, completare la fase, stimabile in 5 anni, di completamento degli investimenti fondamentali in ricerca e sviluppo. Inoltre consideriamo poco praticabile la strada dell indebitamento finanziario nel settore no profit, in quanto si caratterizza per la sostanziale volatilità dei flussi in entrata. 14

15 Analisi conclusiva dei punti di forza e dei fattori di rischio dell iniziativa. In conclusione, è importante riepilogare da un lato i punti di forza del progetto: - disponibilità del know how per il trattamento statistico di big data e microdati, anche a livello locale; - disponibilità del know how per organizzare tutti i dati socio economici di un territorio in una unica piattaforma di base per la modellistica (local social accounting matrices); - possibilità di integrare i dati territoriali con rilevazioni sul campo in tempo reale, grazie all impiego della sensoristica embedded; - disponibilità del know how in termini di modellistica per la simulazione tale da permettere la soluzione di problemi di ottimizzazione specifici del singolo progetto; - capacità di unire nella prospettiva della operatività digitale il mondo dei presidi del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico, il mondo della ricerca socio economica e informatica, e quelli dei settori dell educazione e dell assistenza. Ma anche i fattori di rischio dell iniziativa: - difficoltà di integrare in modo efficace ed efficiente, a livello operativo, mondi così diversi, in particolare il mondo della ricerca con gli operatori sociali; - necessità di effettuare ingenti investimenti in beni immateriali, difficilmente comprensibili dai finanziatori e in ogni caso con discutibile valore monetario in caso di fallimento dell iniziativa; - necessità di coprire con il software almeno tutto il territorio nazionale; - necessità di integrare le progettualità offerte con quelle della pubblica amministrazione o comunque di altri soggetti, conciliando la sempre maggiore importanza dei vincoli sui costi con la necessità di effettuare investimenti che sono fondamentali per tenere elevata la qualità della modellistica. Riteniamo in questa prospettiva molto importante le possibilità offerte dai fondi europei, che rappresentano per il territorio uno strumento irrinunciabile. 15

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi LINEE GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN A cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale Consigliere Delegato: Marcello Danisi Consiglieri Co Delegati: Giosuè Boldrini e Enrico Maria Guerra 1 SOMMARIO

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014 Circolare n. 68032 del 10 dicembre 2014 INTRODUZIONE Questa guida è stata realizzata per facilitare la compilazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli