Mobilità sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobilità sostenibile"

Transcript

1 DOPO L ATTO PRIMO Intervento cofinanziato dall U.E. - F.E.S.R. POR Puglia 2000/2006 Misura 6.2 Azione c) Progetto Avanzare - Codice 27 Mobilità sostenibile Business plan _it001_bpcar.doc uso documento: pubblico Redatto da: Bozzi Barbara - Osti Valentina Vicenti Domenico Verificato da: Ing. Petruzzi Gianluca approvato da: project manager vito manzari BPcar.doc Pagina 1 di 71

2 2

3 Sommario Premessa...5 Diritti di Autore e Clausole di Riservatezza...5 Executive summary...6 Grafici e risultati economico-finanziari... 8 Introduzione Sezione descrittiva L azienda Offerta del servizio Car pooling: descrizione del servizio Car pooling: il mercato e la segmentazione della domanda Car pooling: aree di affari Car pooling: la strategia Car sharing: descrizione del servizio Car sharing: il mercato e la segmentazione della domanda Car sharing: aree di affari Car sharing: la strategia Piani di finanziamento del business Organizzazione Forma legale e proprietà Struttura organizzativa Servizi esterni Licenze Analisi del mercato Analisi del settore: mobilità sostenibile Comparazione tra servizi alternativi e sostitutivi Posizionamento competitivo Mercato obiettivo Analisi SWOT del settore Piani operativi Piano di Localizzazione Localizzazione Il sito internet Piano di Logistica del sevizio Movimentazione dei veicoli Deposito dei veicoli Manutenzione dei veicoli Offerta dei veicoli Piano di Marketing Le fonti di guadagno Prodotto/servizio Prezzo Promozione Place Piano delle Vendite Car pooling Car sharing BPcar.doc Pagina 3 di 71

4 2.5 Piano del Personale Analisi e pianificazione economico-finanziaria Ipotesi di base sui parametri economici e operativi Piano dei Costi di struttura Piano del Personale Piano di Marketing Piano degli investimenti Analisi dei CF Conto economico previsionale Stato Patrimoniale previsionale Indici e valutazioni APPENDICI E ALLEGATI...58 Allegato 1: Indagine statistica Market Research Allegato 2: Calcolo parametri del servizio di car sharing Allegato 3: Job description- WEB MASTER Allegato 4: Form da compilare sul sito Internet - car pooling Allegato 5: Form da compilare sul sito Internet - car sharing Allegato 6: Modulo di feedback da compilare per il car sharing Allegato 7: Cartina di Bari e disposizione parcheggi Allegato 8: Curriculum dei soci BPcar.doc Pagina 4 di 71

5 Premessa Il presente documento costituisce materiale prodotto nell ambito dell iniziativa Avanzare finanziata dal POR Puglia Misura 6.2 c) promossa e realizzata dal Consorzio Costellazione Apulia, Sud Sistemi Srl e Harold Srl. Diritti di Autore e Clausole di Riservatezza Il presente documento è ad uso esclusivo del suddetto Progetto Avanzare. È vietata, pertanto, la riproduzione non autorizzata, per usi esterni al progetto BPcar.doc Pagina 5 di 71

6 Executive summary CarXFive è un azienda che si insedierà nella città di Bari, a partire da Gennaio 2007, e il suo obiettivo sarà quello di offrire servizi innovativi di trasporto in un territorio dove la mobilità sostenibile è ancora un concetto solo teorico. Il business di CarXFive si articola in due grandi attività: car-pooling e car-sharing. L idea del car-pooling nasce dalla constatazione che, attualmente, le nostre strade sono popolate di automobilisti che, in numero sempre maggiore, percorrono, senza esserne a conoscenza, lo stesso tragitto di altri per accompagnare, ad esempio, i propri figli a scuola, oppure, per recarsi sul posto di lavoro. Questa realtà appesantisce il traffico urbano automobilistico, contribuendo ad aggravarne gli effetti negativi che, nel loro insieme, costituiscono forse l emergenza più rilevante delle aree urbane nazionali ed europee. Qui si inserisce la proposta car pooling, la quale prevede che gli spostamenti su mezzo privato possano essere effettuati utilizzando una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto-itinerario contribuendo di conseguenza ad una riduzione del traffico stradale. L uso collettivo dell automobile è una realtà già praticata da molto anche nelle aziende, ma in forma spontanea e disarticolata da parte dei dipendenti e, quindi, con risultati modesti ai fini della riduzione delle percorrenze complessive. L idea del car-sharing, invece, nasce in risposta al desiderio di coloro che, stanchi dei vincoli imposti dal trasporto pubblico, vorrebbero godere dell autonomia fornita da un auto senza però doverla possedere. Il car sharing è una soluzione di mobilità che permette di disporre, tramite prenotazione, di un veicolo da utilizzare all'occorrenza. Il suo utilizzo è motivato da ragioni economiche: costa molto meno di un auto e aumenta le opportunità di scelta dell'utente, che potrà passare dall'economicità di una utilitaria alla praticità di una familiare. La società sarà costituita nella forma legale di società a responsabilità limitata e sarà composta da tre soci: Vicenti Domenico, Amministratore Delegato e Responsabile del personale, Osti Valentina, Responsabile Marketing e Bozzi Barbara, Responsabile Operativo. La CarXFive intende organizzare nel seguente modo il servizio di Car-pooling: richiesta da parte del cliente di un abbonamento per la stesura dei PSCL; BPcar.doc Pagina 6 di 71

7 predisposizione di un sito web come opportunità di contatto dei clienti potenziali (aziende, singoli dipendenti o cittadini privati che vogliano usufruire del servizio); creazione di una banca dati e gestione dei data base forniti dalle aziende; attività di matching service per incrociare gli spostamenti con le medesime caratteristiche; contattare gli utilizzatori del servizio per comunicare orari, luoghi e compagni di viaggio; aggiornamento della banca dati e delle tecniche di matching service. Il servizio di Car sharing sarà, invece, strutturato nelle seguenti semplici fasi: richiesta da parte del cliente di un abbonamento annuale; richiesta da parte del cliente dell autovettura tramite sito web o tramite contatto telefonico; verifica della disponibilità di un autovettura nei tempi richiesti; comunicazione al cliente della disponibilità, degli orari e dei parcheggi di prelievo e di rilascio dell auto; consegna delle chiavi e della smart card; calcolo della tariffa; feedback cartaceo o telematico di valutazione del servizio per il miglioramento dell attività dell azienda. Il settore a cui ascrivere i due servizi di car pooling e di car sharing, è quello dei trasporti. Il settore di riferimento è quello che include le attività e i servizi che sono strettamente sostitutivi, come i servizi di noleggio auto, di taxi e il trasporto pubblico. CarXFive, nel primo periodo di esercizio della sua attività, propone di dotarsi di un'unica sede situata nell immediata periferia di Bari (via Fanelli). Per il servizio di Car sharing si stipuleranno accordi contrattuali con tre parcheggi cui affidare in gestione servizi di noleggio, manutenzione e lavaggio delle auto. La scelta di tali parcheggi è stata fatta in modo da coprire tre zone strategiche del territorio cittadino. Per la logistica del servizio le scelte strategiche riguardano in particolare il servizio di car sharing per il quale sono state programmate opportune tecniche di manutenzione, movimentazione, deposito e offerta dei veicoli. Nel piano di Marketing sono state fatte analisi rispetto alle 4P del modello proposto da Kotler. Per quanto riguarda il prezzo dei servizi è stata adottata la tecnica del benchmarking in riferimento ai casi di successo del comune di Roma e della regione Toscana. Gli stessi dati sono stati utilizzati anche per dimensionare la domanda del servizio. Per il prodotto sono state analizzate le caratteristiche peculiari di entrambi i servizi al fine di individuare leve strategiche. Per la promozione sono state ipotizzate strategie di sconti e pubblicità per attrarre i clienti potenziali BPcar.doc Pagina 7 di 71

8 Infine, per il place ci si è concentrati sul dimensionamento del sito internet e sulla scelta accurata dei parcheggi per il car sharing. Per il Piano delle Vendite, come già detto, è stata usata la tecnica del benchmarking per la stima della domanda di entrambi i servizi. Infine, la parte economica finanziaria articolata nei vari piani operativi è stata redatta sulla base di ipotesi, stime di esperti e confronti con altri casi di successo. La determinazione dei costi per i singoli piani operativi ha consentito di stimare i flussi di cassa per i primi tre anni di attività dell azienda e di redigere Conto Economico e Stato Patrimoniale per lo stesso orizzonte temporale. Grafici e risultati economico-finanziari Fatturato [ ] Anno 1 Anno 2 Anno 3 Reddito netto [ ] Anno 1 Anno 2 Anno BPcar.doc Pagina 8 di 71

9 Posizione di cassa [ ] trim A trim A1 3 trim A1 4 trim A1 1 trim A2 2 trim A2 3 trim A2 4 trim A2 1 trim A3 2 trim A3 3 trim A3 4 trim A3 Composizione passività Fondo TFR Fondo ammortamenti Mutuo [ ] Debiti verso enti previdenziali Debiti tributari (Iva a debito) Anno 1 Anno 2 Anno BPcar.doc Pagina 9 di 71

10 Bilancio attivo-passivo Anno 1 Anno 2 Anno 3 [ ] Attività Correnti Immobilizzazioni Passività a Lungo Termine Capitale Netto Indici di redditività 50,00% 0,00% -50,00% -100,00% -150,00% -200,00% -250,00% -300,00% Anno 1 Anno 2 Anno 3 ROI Return On Investment ROE Return On Equity ROS Return On Sales BPcar.doc Pagina 10 di 71

11 Introduzione Il presente lavoro è finalizzato ad uno studio di fattibilità relativo a due servizi di trasporto entrambi afferenti nel nuovo mercato della mobilità sostenibile. I due servizi sui quali sono state elaborate le pagine di questo documento sono: Car pooling: sistema di trasporto effettuato con mezzo privato ed organizzato per i lavoratori di aziende situate nella medesima zona o privati con spostamenti omogenei, con l obiettivo di diminuire il numero delle vetture circolanti e di conseguenza ottenere vantaggi ambientali notevoli. Car sharing: servizio volto a soddisfare le esigenze di chi, pur non volendo rinunciare alla comodità di possedere un'auto propria, tuttavia, per l'utilizzo che ne intende effettuare, reputa assai poco conveniente far fronte a tutte le incombenze ed ai costi che ne conseguirebbero. L elaborato si articola in tre sezioni: Sezione descrittiva: descrizione dell azienda, dei servizi che intende offrire, dei settori di riferimento, delle strategia che l azienda intende adottare nel momento in cui farà ingresso nel mercato. Sezione operativa: piani operativi che l azienda realizzerà durante lo svolgimento della propria attività al fine di raggiungere gli obiettivi della propria strategia. In questa sezione sarà progettata la localizzazione fisica dell azienda attraverso scelte accurate di efficienza o flessibilità; la logistica del servizio con l obiettivo di garantire un elevato livello di servizio all utenza; la politica di marketing che nel tipo di azienda in esame, svolge un ruolo fondamentale sia nelle fasi di contatto e convincimento del cliente sia nella vera e propria erogazione del servizio; il piano delle vendite per definire e progettare l assetto degli introiti che l azienda intenderà perseguire e infine il piano del personale per elaborare una struttura organizzativa che sia compatibile con il tipo di attività dell azienda e che possa essere essa stessa mezzo per raggiungere gli obiettivi aziendali. Sezione economico-finanziaria: nella quale attraverso tabelle, previsioni, serie storiche e documenti economici saranno strutturate le previsioni di costo relative ai primi tre anni di attività dell azienda con l obiettivo di condurre un indagine di redditività per la CarXFive e delle migliori condizioni che potranno consentire il raggiungimento di tale equilibrio. Sarà premura in tale sezione riportare le voci di costo in riferimento ai singoli piani operativi esposti nella sezione precedente al fine di consentire una più facile interpretazione della struttura economica dell azienda. L obiettivo finale dell elaborato è valutare la convenienza economica dell iniziativa imprenditoriale attraverso un approfondita analisi di rischi, opportunità e dell ambiente socio-economico in cui CarXFive dovrà inserirsi. Per ottenere dati sui quali fare le dovute considerazioni sarà adottata principalmente la tecnica del benchmarking con riferimento ai principali comuni d Italia che hanno BPcar.doc Pagina 11 di 71

12 sperimentato questi servizi di mobilità sostenibile e che hanno aderito all iniziativa nazionale denominata ICS (Iniziativa di Car Sharing). Riuscendo a dimostrare la fattibilità del progetto CarXFive potrà collocarsi come azienda di servizi nel territorio barese e pugliese per essere la prima azienda ad erogare servizi di mobilità sostenibile. In realtà il Comune di Bari ha aderito all Iniziativa di Car Sharing ma il suo lavoro è ancora in fase progettuale. Tale documento ha allora anche la finalità di essere un ausilio al lavoro del comune e anche un punto di partenza per una collaborazione lavorativa tra il Comune di Bari e CarXFive. CarXFive intende collocarsi tra le imprese che nel nuovo millennio hanno dato vita a grandi progetti di green strategy. L obiettivo dell azienda è, infatti, quello di inserirsi in un settore, quello della mobilità sostenibile, che è in grado di contribuire alla riduzione dell inquinamento attraverso semplici soluzioni. La mission dell azienda è quella di sfruttare aspetti chiave come la pendolarità dei lavoratori e l utilità dell autonoleggio, per conferire loro caratteri di innovatività tutti improntati alla riduzione dell inquinamento e al benessere dell individuo. Tra gli obiettivi di redditività e di sostenibilità che costituiscono la missione aziendale, si muovono anche quelli di sviluppo del Sud. Con tale iniziativa, si farà in modo che anche la nostra Regione possa aderire a un piano di mobilità nazionale e possa mettere in essere azioni sensibili nei confronti dell ambiente, per adeguarsi a ciò che molte regioni del Centro-Nord già fanno da diversi anni. Gli obiettivi di tale iniziativa sono molteplici e pertanto, valutando la convenienza di tale idea ci sarà tutto l interesse da parte della Pubblica Amministrazione ad implementarla. 1. Sezione descrittiva 1.1 L azienda CarXFive è un azienda che si insedierà nella città di Bari, a partire da Gennaio 2007 e il suo obiettivo sarà quello di offrire servizi innovativi di trasporto in un territorio dove la mobilità sostenibile è ancora un concetto solo teorico. Il business di CarXFive si articola in due grandi attività: car-pooling e car-sharing. L idea del car-pooling nasce dalla constatazione che, attualmente, le nostre strade sono popolate di automobilisti che, in numero sempre maggiore, percorre, senza esserne a conoscenza, lo stesso tragitto di altri, ad esempio per accompagnare i propri figli a scuola oppure per recarsi sul posto di lavoro. Questa realtà appesantisce il traffico urbano automobilistico, contribuendo ad aggravarne gli effetti negativi che, nel loro insieme, costituiscono forse l emergenza più rilevante delle aree urbane nazionali ed europee. Qui si inserisce la proposta car pooling, che prevede che gli spostamenti su mezzo privato possano BPcar.doc Pagina 12 di 71

13 essere effettuati utilizzando una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto-itinerario contribuendo di conseguenza ad una riduzione del traffico stradale. L uso collettivo dell automobile è una realtà già praticata da molto anche nelle aziende, ma in forma spontanea e disarticolata da parte dei dipendenti e quindi con risultati modesti ai fini della riduzione delle percorrenze complessive. L idea del car-sharing, invece, nasce in risposta al desiderio di coloro che, stanchi dei vincoli imposti dal trasporto pubblico, vorrebbero godere dell autonomia fornita da un auto senza però doverla possedere. Il car sharing è una soluzione di mobilità che permette di disporre, tramite prenotazione, di un veicolo da utilizzare all'occorrenza. Il suo utilizzo è motivato da ragioni economiche: costa molto meno di un auto e aumenta le opportunità di scelta dell'utente, che potrà passare dall'economicità di una utilitaria alla praticità di una familiare. La società sarà costituita nella forma legale di società a responsabilità limitata e sarà costituita da tre soci: Vicenti Domenico, Amministratore Delegato e Responsabile del personale, Osti Valentina, Responsabile Marketing e Bozzi Barbara Responsabile Operativo. L iniziativa è ancora in fase progettuale e pertanto entro il mese di Luglio i soci provvederanno alla richieste delle autorizzazioni e delle licenze necessarie. 1.2 Offerta del servizio La CarXFive offrirà un servizio di mobilità sostenibile da erogare nella regione Puglia a partire da Gennaio Iniziative analoghe hanno riscosso successo in varie regioni dell Italia centrosettentrionale e in altre nazioni dell Europa e degli USA. La Market Research s.p.a. ha svolto nel Dicembre 2001, per conto della regione Toscana, un indagine in tredici città italiane tra cui Bari. Tali dati confermano la necessità per il nostro territorio dell erogazione di un servizio di mobilità sostenibile che possa essere rivolto a: coloro che, sensibili alle problematiche ambientali o comunque sensibilizzabili ad esse, vogliono collaborare alla riduzione delle emissioni di gas (Car- pooling); coloro che, avendo la patente senza la disponibilità di un auto, desiderano raggiungere l autonomia di spostamento liberandosi dai vincoli del trasporto pubblico. (Car-sharing). Per i dati numerici si rimanda al documento in allegato: Indagine Market Research Car pooling: descrizione del servizio Il servizio di car-pooling che l azienda intende offrire consiste fondamentalmente in un attività di consulenza. La CarXFive si propone, infatti, di predisporre un sito web attraverso il quale contattare BPcar.doc Pagina 13 di 71

14 le aziende o i privati che intendano usufruire del nostro servizio, creare una banca dati e cercare attraverso un attività di matching service di realizzare un incrocio fra le varie esigenze di spostamento degli utenti con l obiettivo di ottimizzare il numero delle autovetture coinvolte. Il Car Pooling è la risposta alla situazione che si riscontra quando nel traffico si osservano tutte o quasi le auto con a bordo una persona sola: è un sistema di trasporto effettuato con mezzo privato ed organizzato per i lavoratori di aziende situate nella medesima zona o privati con spostamenti omogenei che consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto. Il suo obiettivo è quello di diminuire il numero delle vetture circolanti e di conseguenza ottenere vantaggi ambientali notevoli. Ad oggi tale modalità risulta ampliamente utilizzata all'interno delle aziende o tra gruppi di vicini o amici, ma in modo spontaneo e non coordinato, non ottenendo quindi i risultati potenziali raggiungibili tramite una gestione unitaria ed efficiente, anche attraverso l'utilizzo di mezzi informatici e telematici. CarXFive si propone infatti di realizzare tale organizzazione. Nonostante l utilizzo del termine spostamenti casa-lavoro la nostra azienda intende fornire il servizio di car-pooling per tutti coloro che vogliano condividere gli spostamenti avendo tragitti analoghi. Quindi, il servizio sarà rivolto anche a coloro che vorranno condividere l auto per: accompagnare i propri figli a scuole o a luoghi ricreativi; raggiungere palestre; raggiungere luoghi caratterizzati da elevato traffico o presso i quali sono in corso eventi rilevanti che comportano una considerevole congestione stradale. La CarXFive intende organizzare nel seguente modo il servizio di Car-pooling: predisposizione di un sito web come opportunità di contatto dei clienti potenziali (aziende, singoli dipendenti o cittadini privati che vogliano usufruire del servizio); creazione di una banca dati e gestione dei data base forniti dalle aziende; attività di matching service per incrociare gli spostamenti con le medesime caratteristiche; contattare gli utilizzatori del servizio per comunicare orari, luoghi e compagni di viaggio; aggiornamento della banca dati e delle tecniche di matching service. L azienda prevede la possibilità di offrire alle aziende che ne facciano richiesta la realizzazione dell intero piano spostamenti casa-lavoro sulla base dei dati dei dipendenti da esse fornite. Il PSCL è, oggi, una condizione imprescindibile per quelle aziende che vogliano partecipare a bandi di mobilità sostenibile erogati dalle amministrazioni pubbliche in conformità con le norme ISO BPcar.doc Pagina 14 di 71

15 1.2.2 Car pooling: il mercato e la segmentazione della domanda La domanda degli enti e delle aziende che potrebbero richiedere la redazione dei Piani Spostamento Casa-Lavoro (PSCL) è segmentata sulla base delle seguenti variabili: 1. forma legale dell organizzazione, se privata (aziende) o pubblica (enti e scuole); 2. dimensione organizzativa, valutata attraverso il numero dei dipendenti; 3. vantaggi ricercati, quali miglioramento dell immagine organizzativa e della gestione delle aree adibite a parcheggio. Una segmentazione di tipo geografico è da ritenersi sterile ai fini della suddetta analisi, in quanto, la variabile forma legale dell organizzazione è già indice della possibile localizzazione del cliente. Infatti, si ritiene, a buon giudizio, che le aziende private siano localizzate in periferia, mentre gli enti o le pubbliche amministrazioni siano maggiormente concentrate in zone del centro cittadino. Una segmentazione del servizio di car pooling, in funzione della domanda di PSCL da parte dei privati, non dà alcuna ulteriore conoscenza sul mercato obiettivo, in quanto, la domanda da parte dei cittadini privati è guidata esclusivamente da motivazioni economiche, cioè di riduzione dei costi. Quindi, il mercato obiettivo del servizio di car pooling, orientato ai cittadini privati, comprende l intera popolazione cittadina. Piccola impresa Media impresa Grande impresa Azienda pubblica Gestione aree adibite a parcheggio e benefici sociali Azienda privata Gestione aree adibite a parcheggio e rispondenza alle normative Miglioramento dell immagine organizzativa Car pooling: aree di affari Il servizio di car-pooling è difficilmente differenziabile. Sebbene esso si rivolga a diverse categorie di utenti, l attività svolta dall azienda si articola sempre nelle fasi sopra descritte. Per tale ragione non sono individuabili particolari aree di affari BPcar.doc Pagina 15 di 71

16 1.2.4 Car pooling: la strategia La CarXFive ha l obiettivo di posizionarsi come un azienda che contribuisce alla riduzione dell inquinamento attraverso l erogazione di un servizio di mobilità sostenibile. Pertanto compito prioritario dell azienda sarà quello di comunicare innanzitutto all utente potenziale i vantaggi che possono derivare dall uso collettivo dell automobile, attraverso una approfondita politica di Marketing (vedi Piano di Marketing). Il risultato finale sarà quello di rappresentare l ente di riferimento per aziende e privati nell organizzare i propri percorsi di lavoro e per contribuire alla riduzione dell inquinamento atmosferico. Sotto questo profilo, CarXFive intende predisporre un sito Internet nella cui home page oltre a fornire gli strumenti per iscriversi e utilizzare il servizio, ci sarà una continua comunicazione di frasi che mettono in risalto l importanza dell impatto ambientale e della eco-sostenibilità. Il fine dell azienda è quello di convincere l utente dell importanza del servizio di car-pooling che in un primo approccio potrebbe risultare poco evidente. L azienda si pone, pertanto, come una capital intensive firm dato che la chiave strategica è nella gestione del sito internet e nell utilizzo di software per la realizzazione di matching service, servizio per incrociare le richieste degli utenti, le loro relative esigenze e per elaborare corretti piani di spostamento casa-lavoro. Nel settore di attività, la CarXFive, nonostante sia un impresa di nuova costituzione potrà fare affidamento sull esperienza intrinseca di un settore, quello dei trasporti, ormai maturo. Nel carpooling si cercherà di perseguire una strategia di differenziazione rispetto alla mobilità individuale. Come è possibile verificare in modo più dettagliato nell Analisi del settore, gli unici veri e propri servizi alternativi sono rappresentati dal trasporto individuale con la propria autovettura e il trasporto pubblico tramite i mezzi tradizionali (treno, autobus). Rispetto a tali alternative, la differenziazione che CarXFive intende proporre riguarderà: rispetto al trasporto individuale: - l opportunità di socializzazione con i propri colleghi o con gente estranea; - l opportunità di non essere sempre alla guida ma di fare talvolta il passeggero; - la possibilità di risparmiare sulle spese di utilizzo quotidiano dell auto. rispetto al trasporto pubblico: - flessibilità di orari; - la comodità di viaggiare in auto; - inizio del tragitto direttamente dalla propria abitazione BPcar.doc Pagina 16 di 71

17 1.2.4 Car pooling: strategie competitive nelle aree di affari Nel caso del car-pooling non è possibile analizzare le strategie competitive nel dettaglio delle singole aree di affari, dato che per questo servizio esse non sono state individuate Car sharing: descrizione del servizio Il Car Sharing è un servizio volto a soddisfare le esigenze di chi, pur non volendo rinunciare alla comodità di possedere un'auto propria, tuttavia - per l'utilizzo che ne intende effettuare - reputa assai poco conveniente far fronte a tutte le incombenze ed ai costi che ne conseguirebbero: non si paga più il "bene automobile", bensì solamente l'uso. Gli utenti interessati si devono abbonare al servizio e in base a questo hanno diritto ad utilizzare l'auto solo per il tempo di cui hanno bisogno (compresi i tempi molto brevi, un'ora ad esempio). Dopo averla utilizzata, la rimettono a disposizione di altri utenti nelle aree di parcheggio appositamente create pagando una tariffa proporzionata alla durata di utilizzo e ai chilometri percorsi. L'utente può scegliere, a seconda del tipo di spostamento che deve compiere, l'autovettura più idonea (dalla citycar alla monovolume). Le auto sono sempre controllate dal punto di vista meccanico e non si hanno problemi di parcheggio, data la capillarità con cui devono essere realizzate le aree di sosta riservate. CarXFive metterà a disposizione dei propri associati parchi autovetture di proprietà collettiva, disponibile 24 ore su 24, che possono essere utilizzate previa prenotazione del mezzo con una semplice telefonata o tramite l invio della richiesta sul sito, specificando l'orario e il luogo in cui si intende prelevare e rilasciare definitivamente l'auto. I costi per l'utenza sono costituiti da una quota annuale di partecipazione, una tariffa chilometrica e una oraria. Il servizio sarà, quindi, strutturato nelle seguenti semplici fasi: richiesta da parte del cliente di un abbonamento annuale; richiesta da parte del cliente dell autovettura tramite sito web o tramite contatto telefonico; verifica della disponibilità di un autovettura nei tempi richiesti; comunicazione al cliente della disponibilità, degli orari e dei parcheggi di prelievo e di rilascio dell auto; consegna delle chiavi e della smart card; calcolo della tariffa; feedback cartaceo o telematico di valutazione del servizio per il miglioramento dell attività dell azienda BPcar.doc Pagina 17 di 71

18 1.2.6 Car sharing: il mercato e la segmentazione della domanda La domanda potenziale di servizi di car sharing da parte dei cittadini è segmentabile sulla base delle seguenti variabili: 1. reddito familiare, il quale è una misura indiretta del numero di automobili disponibili nel nucleo familiare 2. numero di auto per patentati in famiglia, il quale è una misura del numero di auto disponibili per ogni componente familiare in possesso di patente. Numero di Auto N = Numero di Patenti famiglia N<1 N=1 N>1 Reddito familiare alto Reddito familiare medio Reddito familiare basso X X X La segmentazione in base al coefficiente N permette di riconoscere il settore che presenta maggiore predisposizione al servizio. Infatti, si presuppone che il car sharing trovi ampio consenso tra le famiglie che hanno un numero di auto minore del numero di componenti con patenti (N<1). La suddivisione in base al reddito, invece, pur essendo ridondante rispetto a quella effettuata in base al coefficiente N, permette di riconoscere tre diverse fasce di mercato: la fascia a reddito familiare elevato è quella meno numerosa, ma rimane nel nostro segmento perché il costo per raggiungere tale fascia è nullo; la fascia a reddito familiare medio, invece, è quella più numerosa e con maggiori margini di crescita; infine, la fascia a reddito familiare basso è raggiungibile attraverso un offerta di servizi di car sharing low-cost. In aggiunta a tale analisi, la ricerca Indagine Market Research-2001, presente in allegato, mette in luce l'esistenza di due nicchie potenziali di clientela con caratteristiche assai differenziate: I cosiddetti "clienti evoluti", cioè prevalentemente uomini, tra i 25 e i 44 anni, con un profilo professionale elevato (imprenditori, dirigenti, liberi professionisti, ma anche artigiani e commercianti), che hanno normalmente a disposizione un'auto, ma ormai tendono a farne un uso intelligente e, laddove possono, fanno ricorso a mezzi alternativi. Hanno un chilometraggio medio annuo lievemente superiore alla media e apprezzano i contenuti innovativi del Car Sharing, con minori problemi relativamente al costo. Si tratta BPcar.doc Pagina 18 di 71

19 in sostanza di chi è già abituato all'utilizzo di strumenti di credito avanzati e apprezza la possibilità di farsi addebitare i costi sul conto corrente. I cosiddetti "clienti low profile", cioè tendenzialmente donne o giovani, dai 18 ai 24 anni, che hanno a disposizione un'auto solo saltuariamente (o non ce l'hanno del tutto) e con un chilometraggio medio annuo sensibilmente inferiore alla media. Apprezzano il servizio soprattutto in funzione del risparmio rispetto all'ipotesi di acquisto di una prima o seconda auto; proprio per questo sono, però, molto sensibili al problema dei costi Car sharing: aree di affari In base alla configurazione del servizio di car sharing e del mercato obiettivo, si possono identificare due aree di affari: - micro-car e uso individuale (lavoro e commissioni sporadiche) - midi-car e uso collettivo (trasporto familiare o di gruppo) Car sharing: la strategia Per quanto riguarda il servizio di car sharing, CarXFive intende collocarsi come un azienda che offre un servizio di autonoleggio rivisitato in un ottica di innovatività e di efficienza. Compito primario della CarXFive sarà quello di comunicare all utente, sempre attraverso una opportuna politica di Marketing, quali sono i caratteri distintivi di questo nuovo servizio rispetto al noleggio tradizionale, in maniera da orientare la sua preferenza. Per l altro aspetto dell efficienza CarXFive dovrà realizzare un approfondita analisi dei costi per individuare quelle voci di bilancio che si prestano a riduzione senza influenze negative sul livello di sevizio. Il car sharing offerto da CarXfive sarà un servizio low cost che permetterà anche ad utenti con reddito modesto di poterne usufruire. Anche per tale servizio sarà fondamentale il ruolo del sito Internet che consentirà di raccogliere le richieste e che, attraverso la creazione di una banca dati, consentirà di programmare le autovetture e tutti gli altri sistemi di supporto necessari al servizio. Sarà previsto anche un recapito telefonico che potrà essere utilizzato dalla utenza solo negli orari di ufficio. Lo scopo è quello di garantire, rispetto all autonoleggio classico, una assoluta comodità di richiesta e di fruizione del servizio. Anche in questo caso l azienda si pone come una capital intensive dato che la strategicità del servizio dipende dalle caratteristiche delle autovetture, dalle modalità di richiesta del servizio e dai suoi costi. CarXFive nel nuovo mercato cercherà di sfruttare la maturità del settore dell autonoleggio, partendo proprio da tale situazione per apportare miglioramenti BPcar.doc Pagina 19 di 71

20 Contrariamente a quanto detto per il car-pooling, per il car sharing CarXfive intende perseguire una strategia di riduzione dei costi e, quindi, di efficienza. Il servizio low cost sarà incentrato sulla riduzione di costi: per l azienda: - outsourcing di attività non afferenti al core business - affidamento a terzi della gestione dei parcheggi per l utente: - eliminazione di costi di assicurazione, costi di carburante, costi di manutenzione del mezzo - riduzione dei costi di richiesta del servizio attraverso tecnologie user-friendly Car sharing: strategie competitive nelle aree di affari ASA/PRODOTTO Bisogno/motivazione Strategia di risposta MICROCAR MIDI-CAR Uso individuale Commissioni sporadiche Appuntamenti di lavoro Trasporto familiare o di gruppo Offrire un auto di piccole dimensioni per un uso individuale e per commissioni rapide e singole. Il piccolo ingombro delle auto consente un più facile parcheggio e una più ampia mobilità nel traffico Offrire un auto per equipaggi di cinque persone, per consentire trasporti collettivi, in genere non in zone affollate. Il volume più grande offre una maggiore comodità dell abitacolo e si presta meglio a tragitti di lungo percorso 1.3 Piani di finanziamento del business Finanziamenti e agevolazioni a livello legislativo Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'auto-imprenditorialità e all'auto-impiego Soggetti beneficiari: possono essere ammesse ai benefici le società, ivi comprese le cooperative di produzione e lavoro iscritte nel registro prefettizio, composte esclusivamente da soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, ovvero composte prevalentemente da soggetti di età compresa tra i BPcar.doc Pagina 20 di 71

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale

I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità. L esperienza italiana nel contesto internazionale I Forum Car Sharing Nuove Città, Nuova Mobilità Roma, martedi 27 aprile 2004 L esperienza italiana nel contesto internazionale Gestori Circuito I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il Car sharing in Italia è

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 1 di 8 26/02/2008 17.12 Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'autoimprenditorialita' e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144"

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher

Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1. Bando per l accesso agli Innovation Voucher Piano straordinario per l occupazione ASSE II Competitività MISURA II.1 Bando per l accesso agli Innovation Voucher DOMANDE FREQUENTI Modalità di presentazione delle domande 1. La marca da bollo ogni 4

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business. Parma, Gennaio 2015

Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business. Parma, Gennaio 2015 Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business Parma, Gennaio 2015 COSA È IL CAR SHARING Permette di avere a disposizione un auto solo quando se ne ha un effettivo bisogno, senza sostenere i costi di

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING

COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING Aziende Proposta Car Sharing Brescia con simulazione dei costi COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING Il car sharing è un servizio che permette di avere a disposizione un auto solo quando se ne ha un effettivo

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO

MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO ICS CAR SHARING Service Satisfaction Job 04- MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO Job 04- Relatore: Andrea Cimenti

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo Comune di Palermo Ufficio Traffico Progetto Car-pooling per la Città di Palermo 1 - Denominazione e referenti Il Progetto Car-pooling per la città di Palermo è sostenuto dal Comune di Palermo. 2 - Premesse

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1 Direzione Programmazione della Mobilità 1 Febbraio 2006 Carlo Gentile 1 ROMA CAR SHARING Il Car Sharing Una nuova concezione dell uso dell autovettura privata che mira al servizio e non più al possesso:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager CAGGIANIELLO Giorgio Direzione Risorse Umane\Amministrazione VAUDAGNA Marco

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA L'attività di supporto alla creazione di imprese innovative è resa possibile grazie

Dettagli

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2).

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). D.Lgs. 21 aprile 2000, n. 185 (1). Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 6

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento dott. Matteo Rossi La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso di decisioni

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Umbria Innovazione Programma di animazione per lo sviluppo di progetti aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Progetti di innovazione rivolti a cluster di imprese ------- AVVISO Nell ambito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL E MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 gennaio

Dettagli

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego Agevolazioni Pagina 1 di 6 INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego FONTI NORMATIVE D.Lgs 21/04/2000, n.185 G.U. 06/07/ 2000, n. 156 Decreto 28/05/2001, n. 295 G.U. 19/07/2001 n. 166

Dettagli

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO PROVINCIA LATINA Settore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale AVVISO PUBBLICO ATTIVITA FORMATIVE PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FINANZIAMENTO MODULI A, B, C 1. Premessa La Provincia

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Piano Spostamenti Casa Lavoro ed altre buone pratiche di mobilità sostenibile Massimo Boasso responsabile mobilità

Dettagli

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C6 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI Dott. Antonio Petruzzi Dottore commercialista Pesaro, Via Nitti 34 1 ARGOMENTI CHE TRATTEREMO Costruzione

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Stato: Definitivo 4 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARCO AUTO CENSITO AL 2012 Tabella 1 - Disponibilità di autovetture al 31/12/2012 - La disponibilità di

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli