IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI GIUSEPPE CATELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI GIUSEPPE CATELLI"

Transcript

1 IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO E LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO AI SENSI DELLA L. 604/1966, ARTT. 1-8, E DELLA L. 300/1970, ART. 18 COME MODIFICATI DALLA L. 92/2012 C.D. RIFORMA FORNERO GIUSEPPE CATELLI

2 COS È IL LICENZIAMENTO Modalità di RECESSO UNILATERALE del datore di lavoro dal rapporto di lavoro subordinato Il licenziamento deve... Essere intimato per scritto Rispettare la procedura dettata dalla legge in base al motivo che lo sorregge Essere sorretto da un motivo il quale ne definisce la tipologia

3 TIPOLOGIE DI LICENZIAMENTO 1. INDIVIDUALE per: - LIBERA RECEDIBILITÀ da contratto a tempo indeterminato (ex art c.c.) - GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO i.e. inadempimento contrattuale del lavoratore da consentire la prosecuzione provvisoria del rapporto di lavoro (ex art. 3 L. 604/66) NECESSARIO IL PREAVVISO - GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO i.e. determinato da ragioni inerenti all attività produttiva, all organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa (ex art. 3 L. 604/66) - GIUSTA CAUSA i.e. comportamento del lavoratore ovvero SENZA violazione del vincolo fiduciario talmente gravi PREAVVISO da non consentire la prosecuzione provvisoria del rapporto (ex art c.c.)

4 TIPOLOGIE DI LICENZIAMENTO 2. INDIVIDUALE PLURIMO (2 o più lavoratori in un tempo superiore ai 120 gg.) per GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO (ex art. 3 L. 604/66) 3. COLLETTIVO (5 o più lavoratori nell arco di 120 gg.) per RIDIMENSIONAMENTO, TRASFORMAZIONE AZIENDALE, CESSAZIONE DELL ATTIVITÀ (ex art. 24 L. 223/1991)

5 N.B. IN OGNI CASO, nel settore giornalistico, nelle ipotesi di crisi aziendale per le quali l azienda individua degli esuberi e intende richiedere l applicazione degli ammortizzatori sociali, l Editore è tenuto ad attenersi al Protocollo di Consultazione Sindacale di cui all All.to D del CCNLG che prevede la procedura di esame congiunto, con le Rappresentanze sindacali, del piano di risanamento e di ristrutturazione aziendale

6 LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO (G.M.O.) Licenziamento per G.M.O: - E determinato da ragioni inerenti all attività produttiva, all organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa (art. 3 L. 604/1966) - Richiede il preavviso (ex art. 3 L. 604/1966)

7 RAGIONI INERENTI ALL ATTIVITÀ PRODUTTIVA, ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E AL REGOLARE FUNZIONAMENTO DI ESSA IPOTESI COMUNI DI G.M.O.: Cessazione dell attività produttiva (C. 1994/7417) Soppressione del posto o del reparto di lavoro (C. 2003/10554) Ristrutturazione di reparti e/o diversa redistribuzione delle mansioni tra i reparti per motivi anche tecnologici (C. 2011/19616 e C. 2004/28) Terziarizzazione ed esternalizzazione di mansioni e attività (C. 2008/22535) P.S. Non costituisce G.M.O. il superamento del periodo di comporto ai sensi dell art c.c. ai sensi della Circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 16 gennaio 2013 n. 3.

8 CONDIZIONI DI LEGITTIMITÀ DEL LICENZIAMENTO PER G.M.O. Il licenziamento per G.M.O. è LEGITTIMO se: 1. IL G.M.O. È EFFETTIVO e cioè se il datore opera un riassetto organizzativo effettivo e non pretestuoso fondato su circostanze esistenti al momento della comunicazione del recesso: es. finalizzato ad una più economica gestione dell impresa, C. 2010/8237 e C. 2005/3848) 2. SUSSISTE IL C.D. NESSO CAUSALE (con le ragioni inerenti l attività produttiva, C. 1993/2595) 3. È OSSERVATO IL C.D. OBBLIGO DI REPECHAGE è cioè la possibilità di adibire il lavoratore a mansioni equivalenti (C. 2011/6623) o inferiori (C. 2011/14517) nell ambito dell organizzazione aziendale accertandone l impossibilità con riguardo all intera struttura aziendale (C. 2010/16579). Tale verifica si estende anche alle altre società dello stesso gruppo tali da costituire un unico centro di imputazione dei rapporti giuridici (C. 2003/7717) 4. È OSSERVATO IL PRINCIPIO DI CORRETTEZZA E BUONA FEDE DI CUI ALL ART C.C. e cioè il datore individua il dipendente da licenziare facendo riferimento ai criteri di scelta previsti, in via residuale, per i licenziamenti collettivi, C. 2011/7046 e C. 2002/6667) 5. È RISPETTATO IL PREAVVISO ovvero corrisposta la relativa indennità sostitutiva (art. 27 del CCNLG); L onere della prova della sussistenza del G.M.O. nonché delle suddette condizioni spetta al datore di lavoro (art. 5 L. 604/1966 e C. 2012/15258, C. 2011/19616)

9 LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO (1) AI SENSI DEGLI ARTT. 2 E 7 DELLA L. 604/1966 COME MODIFICATI DALL ART. 1 CO. 41 DELLA L. 92/2012 Il datore di lavoro non avente i requisiti di cui all art. 18 co. 8 della L. 300/1970*deve: comunicare per iscritto il licenziamento al lavoratore specificare i motivi che lo hanno determinato (art. 2 co. 1 e 2) Il datore di lavoro avente i requisiti di cui all art. 18 co. 8 della L. 300/1970*deve: dare comunicazione scritta del licenziamento alla Direzione Territoriale del Lavoro del luogo dove il lavoratore presta la sua opera e per conoscenza al lavoratore (art. 7 co. 1); dichiarare l intenzione di procedere al licenziamento per G.M.O.; indicare i motivi del licenziamento medesimo nonché le eventuali misure di assistenza alla ricollocazione del lavoratore (art. 7 co. 2) * Almeno 15 dipendenti nella stessa sede o più di 15 nello stesso comune o più di 60 complessivamente

10 LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO (2) 1. La DTL trasmette la convocazione al datore di lavoro e al lavoratore nel termine perentorio di 7 gg. dalla ricezione della richiesta; l incontro si svolge dinanzi alla commissione provinciale di conciliazione (art. 7 co. 3); 2. Le parti possono essere assistite dalle organizzazioni di rappresentanza, oppure da un componente della rappresentanza sindacale dei lavoratori, ovvero da un avvocato o un consulente del lavoro (art. 7 co. 5); 3. La procedura di conciliazione si conclude entro 20 gg. dal momento della trasmissione della convocazione, salvo che le parti decidano deliberatamente di proseguire la discussione (art. 7 co. 6);

11 LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO (3) Se la conciliazione ha esito negativo, il datore di lavoro può comunicare il licenziamento (art. 7 co. 6); Se la conciliazione ha esito positivo, (il rapporto di lavoro è risolto consensualmente), si applicano le disposizioni in materia di Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) e può essere previsto l affidamento ad agenzia di collocamento (art. 7. co. 7); N.B. Nel settore giornalistico si applicano le disposizioni in materia di trattamento di disoccupazione di cui agli artt del Reg. INPGI

12 CONTROLLO GIUDIZIALE Il giudice esercita il suo controllo: SULLA FORMA/PROCEDURA DEL LICENZIAMENTO PER G.M.O. intimazione per iscritto (art. 2 co. 1 L. 604/1966); motivazione (art. 2 co. 2 L. 604/1966); osservanza della procedura di cui all art. 7 L. 604/1966 SUL MERITO DEL G.M.O., nel rispetto del principio della libertà di iniziativa economica del datore di lavoro di cui all art. 41 Cost. Invero, il licenziamento per giustificato motivo oggettivo determinato da ragioni inerenti l attività produttiva è una scelta riservata all imprenditore, quale responsabile della corretta gestione dell azienda anche dal punto di vista economico ed organizzativo, sicché essa, quando sia effettiva e non simulata o pretestuosa, non è sindacabile dal giudice quanto ai profili della sua congruità ed opportunità (C. 2012/11645) Purché il principio della libertà di iniziativa economica non si svolga in contrasto con l utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana (art. 41 Cost.)

13 CONSEGUENZE DEL LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO NELLE AZIENDE CON MENO DI 15 DIPENDENTI AI SENSI DELL ART. 8 L. 604/1966 NON MODIFICATO DALLA L. 92/2012 Se il giudice accerta che non ricorrono gli estremi del licenziamento per G.M.O., condanna il datore di lavoro a: - riassumere il lavoratore entro il termine di tre giorni; - In alternativa, risarcire il danno versando al lavoratore un indennità di importo compreso tra un minimo di 2,5 ed un massimo di 6 mensilità dall ultima retribuzione globale di fatto (che può essere maggiorata fino a 10 mensilità per il prestatore di lavoro con anzianità superiore a 10 anni e fino a 14 mensilità per il lavoratore con anzianità superiore ai 20 anni di servizio)

14 CONSEGUENZE DEL LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO NELLE AZIENDE CON PIÙ DI 15 DIPENDENTI (1) AI SENSI DELL ART. 18 CO. 7 E 8 DELLA L.300/1970 COME MODIFICATI DALL ART. 1 CO. 42 lett. b) DELLA L. 92/2012 SE il giudice accerta la manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento per G.M.O., 1. ANNULLA il licenziamento; 2. CONDANNA il datore di lavoro: - alla reintegrazione; - al pagamento di un indennità risarcitoria non superiore a 12 mensilità (commisurata all ultima retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento fino a quello di effettiva reintegra, dedotto quanto percepito dal lavoratore nel periodo di estromissione nonché quanto avrebbe potuto percepire dedicandosi con diligenza ad una nuova occupazione); - al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali dal giorno del licenziamento fino a quello dell effettiva reintegra.

15 CONSEGUENZE DEL LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO NELLE AZIENDE CON PIÙ DI 15 DIPENDENTI (2) SE il giudice accerta l illegittimità del licenziamento per G.M.O. per qualsiasi altra ipotesi (di non manifesta infondatezza, es. mancato rispetto dell obbligo di repechage, inosservanza del principio di correttezza e buona fede nella scelta del lavoratore da licenziare), 1. Dichiara risolto il rapporto di lavoro con effetto dalla data del licenziamento; 2. Condanna il datore di lavoro al pagamento di un indennità onnicomprensiva compresa tra un minimo di 12 ed un massimo di 24 mensilità; N.B. In ogni caso, al giornalista spetta l indennità sostitutiva del preavviso di cui all art. 27 CCNLG

16 ESEMPI DI LICENZIAMENTO PER G.M.O. NEL SETTORE GIORNALISTICO 1. La società Alfa dichiara di voler procedere al licenziamento per motivo oggettivo del sig. Y per i seguenti motivi: Soppressione del ruolo ricoperto dal sig. Y di Giornalista Pubblicista Redattore con oltre 30 mesi di anzianità professionale per la Testata Beta a seguito del documentato calo del fatturato interessante la testata stessa e della riduzione complessiva dei fatturati del Gruppo. Tale riduzione comporta la soppressione della posizione del sig. Y nonché la redistribuzione delle mansioni dallo stesso esercitate all intera area Omega senza la possibilità di ricollocazione in diversa posizione nell organico della scrivente Società consona alla professionalità ad alle competenze del medesimo.

17 ESEMPI DI LICENZIAMENTO PER G.M.O. NEL SETTORE GIORNALISTICO 2. Con la presente siamo spiacenti di comunicarle che, a causa della recente crisi economica, è stata decisa la soppressione della Sua posizione lavorativa a causa della contestuale definitiva interruzione di qualsiasi attività relativa e/o comunque collegabile al reparto di Sua competenza. Rilevato che all interno dell azienda non è possibile reperire un altra posizione lavorativa dove poterla collocare, alla luce del fatto che Lei costituisce l unica unità operativa del reparto e non essendovi altre mansioni da poterle proporre, siamo costretti a licenziarla per giustificato motivo oggettivo ai sensi dell art. 3 L. 604/1966.

18 CONCLUSIONI IN SEGUITO ALLA RIFORMA FORNERO, I requisiti di legge per la legittimità e la procedura del licenziamento per G.M.O. sono maggiori; questo comporta un aumento delle ipotesi di illegittimità del licenziamento per G.M.O. Le conseguenze a carico del datore di lavoro sono più lievi. La reintegrazione non è obbligatoria, ma è rimessa alla discrezionalità del giudice nell individuare la gravità dell illegittimità del licenziamento.

19

Licenziamenti e Riforma Fornero

Licenziamenti e Riforma Fornero Licenziamenti e Riforma Fornero La legge n. 92/2012 un anno dopo Messina, 25.10.13 1 Il nuovo art. 18 La tutela del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo Reintegra e risarcimento pieno (5 min)

Dettagli

La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero

La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero Convenzione OIL n. 158/1982 Art. 4 Carta dei diritti fondamentali dell UE Art. 30 Art. 2118c.c. Art. 2119c.c. L. n. 604/1966 Art. 18

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE NELLA LEGGE DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE NELLA LEGGE DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE NELLA LEGGE DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (ART. 1 comma 42 ) 1) LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO (nullità) (anche licenziamento intimato in forma orale) applicabile a prescindere

Dettagli

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro;

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; Premessa Non mutano i concetti di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; di giustificato motivo soggettivo (cioè

Dettagli

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale

Licenziamento. per giustificato motivo. oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma. FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale FRANCESCO ROTONDI LABLAW Studio Legale Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla disciplina vigente al progetto di riforma La nozione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo è

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro Art. 1 Campo di applicazione Applicabile anche ai datori di lavoro non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione

Dettagli

Il licenziamento individuale: intimazione

Il licenziamento individuale: intimazione Il licenziamento individuale: intimazione Novembre 2013 Albini 1 Licenziamento individuale: nozione Atto con il quale il datore di lavoro manifesta unilateralmente la volontà di recedere dal contratto

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. ante D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com)

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. ante D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I Licenziamenti ante D.Lgs. 23/2015 Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) 10 aprile 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo

OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo OGGETTO: 197/CL = CCNL Ortofrutta. Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo 1. LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO Il licenziamento individuale è l atto con il quale il datore

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO

LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO LICENZIAMENTO DISCIPLINARE Conseguenze in caso di illegittimità tutela obbligatoria Articolo 8 legge 15 luglio 1966, n. 604 TUTELA OBBLIGATORIA-

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati Oggetto: JOB ACT Contratto a tutele crescenti. Borgo San Lorenzo, lì 03/04/2015 Alla Clientela in indirizzo Il Governo ha approvato definitivamente il D.Lgs. 23/2015 che introduce nel nostro ordinamento

Dettagli

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015 CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Ivrea, 8 maggio 2015 Art. 1 Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO

IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO FEMCA CISL Lombardia JOB ACTS IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO La disciplina dei licenziamenti Il D.lgs. n. 23/2015 sul contratto a tutele crescenti, attuativo del Jobs Act, in vigore dal 7 marzo 2015 riscrive

Dettagli

La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari

La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari Milano, 30 marzo 2015 La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari Presentazione a «Tutto Lavoro» Avv. Angelo Zambelli Licenziamento disciplinare espressione del potere disciplinare del datore di

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Forma, motivazione, impugnazione (si applica a tutti i datori di lavoro) FORMA: è necessaria la forma scritta (art. 2, Legge n. 604/1966). Il licenziamento orale è sanzionato con la tutela reintegratoria

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Vittorio De Luca avvocato e dottore commercialista Studio De Luca Avvocati Giuslavoristi Galleria Passarella, 2 Milano Milano - 17 Settembre

Dettagli

RIEPILOGO COMPLETO SU: TUTELE CRESCENTI E LICENZIAMENTO

RIEPILOGO COMPLETO SU: TUTELE CRESCENTI E LICENZIAMENTO Aggiornamento Aprile 2015 Allegato1 RIEPILOGO COMPLETO SU: CRESCENTI E LICENZIAMENTO Con la presente desideriamo informare che con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del del D.Lgs. n. 23 del 04.03.2015

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale FLESSIBILITà IN USCITA IL NUOVO ART.18 Le disposizioni sotto riportate rientrano in un decreto attuativo

Dettagli

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 A tutti i clienti luglio 2012 Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 Novità in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo(ragioni inerenti all'attività produttiva,

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 4 maggio

Dettagli

TICINIA CONSULTING SRL. Ai gentili Clienti Loro sedi. Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione

TICINIA CONSULTING SRL. Ai gentili Clienti Loro sedi. Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione TICINIA CONSULTING SRL Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione Il regime di tutela nel caso di licenziamento illegittimo è disciplinato dalle

Dettagli

Gli accordi nella procedura di licenziamento per gmo Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro

Gli accordi nella procedura di licenziamento per gmo Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Gli accordi nella procedura di licenziamento per gmo Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Licenziamenti individuali Motivi Comunicazione dei motivi Termini Il licenziamento, quale atto unilaterale

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro Decreto Poletti marzo 2014 I parte Jobs Act Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 Delega lavoro DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti Alberto Bosco La L. 10 dicembre 2014, n. 183, all art. 1, co. 7, lettera c) dispone che la delega va attuata,

Dettagli

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI NEWSLETTER n. 21 16 marzo 2015 JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RIFERIMENTI: Legge 10 dicembre 2014 n.183 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 Decreto Legislativo

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2013. L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro

Circolare Informativa n 1/2013. L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro Circolare Informativa n 1/2013 L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 11 INDICE Premessa pag. 3 1) Destinatari della norma

Dettagli

Procedura obbligatoria di conciliazione per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo: primi chiarimenti operativi

Procedura obbligatoria di conciliazione per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo: primi chiarimenti operativi Procedura obbligatoria di conciliazione per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo: primi chiarimenti operativi di Nicola Porelli Con la Circolare n. 3 del 16 gennaio 2013, il Ministero del

Dettagli

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali Articolo 18 La riforma dei licenziamenti individuali Torino, 11 ottobre 2012 Corso in materia giuslavoristica Dr. Giuseppe Goffi Studio Goffi Commercialisti Associati Riferimenti normativi di base Art.

Dettagli

Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015

Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015 Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015 Tutele crescenti: quali regimi si applicano in caso di licenziamento? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI Riflessioni sulla c.d. tutela reale del rapporto di lavoro. Ovvero, tanto rumore, forse, per nulla. Le polemiche scatenate intorno alla modifica dell art.18 della L.300/70 e della L.604/66 sui licenziamenti

Dettagli

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti 1 LA LEGGE DELEGA Il provvedimento noto come Jobs Act, approvato dal parlamento su iniziativa del governo Renzi, è una legge delega (L. 10 dicembre 2014

Dettagli

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI»

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» A cura dello studio legale Alberto Guariso Livio Neri Aggiornamento al 06.03.2015 A chi si applica il nuovo regime? 1) A tutti

Dettagli

Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte

Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte Licenziamento nullo perché discriminatorio intimato in concomitanza del matrimonio intimato in concomitanza della gravidanza, fruizione del congedo di

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Art.1. Art.2. Art.3. Art.4

Art.1. Art.2. Art.3. Art.4 Legge 15 luglio 1966, n. 604 - Norme sui licenziamenti individuali TESTO VIGENTE Art.1 Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con datori di lavoro privati o con enti pubblici, ove la

Dettagli

La tutela del lavoratore nelle norme vigenti

La tutela del lavoratore nelle norme vigenti Istituto Regionale di Studi sociali e politici Alcide De Gasperi - Bologna Disciplina dei licenziamenti La tutela del lavoratore nelle norme vigenti Documentazione Corso di formazione 2011/2012 su Lavoro

Dettagli

Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore.

Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore. Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore.com Speciale sulla riforma lavoro del Sole 24 Ore che dedica ampio spazio

Dettagli

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive di Flavia Pasquini Contratti certificati Licenziamento per giustificato motivo oggettivo Licenziamento di lavoratori di cui all art. 1 dello schema

Dettagli

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT Scheda sul licenziamento nel contratto a tutele crescenti TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, Reintegrazione: Il giudice, con la pronuncia NULLO E INTIMATO

Dettagli

JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti

JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Città Metropolitana di Torino 27 luglio 2015 DEFINIZIONE Il contratto a tempo

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015 Area Consulenza del Lavoro SOMMARIO: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato nel corso del 2015 (Pag.2) Contratto

Dettagli

LICENZIAMENTI E DIMISSIONI

LICENZIAMENTI E DIMISSIONI Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LICENZIAMENTI E DIMISSIONI TORINO, 6-9 maggio 2013 LA PRINCIPALE NOVITA : LE TUTELE DEL NUOVO ART. 18 STATUTO LAVORATORI

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma Avv. Sergio Passerini Avv. Evangelista Basile Studio legale Ichino - Brugnatelli e Associati Varese, 16 marzo 2015 I testi della riforma Decreto

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO

IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO JOBS ACT IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO CAMPO DI APPPLICAZIONE NEL CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LE NUOVE ASSUNZIONI

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 36/2015 Marzo/9/2015 (*) Napoli 17 Marzo 2015 Tanto tuonò che piovve!!!! Arrivano le tutele crescenti. I nuovi assunti dal 7 marzo scorso

Dettagli

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale.

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale. Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. Art. 1 Campo di applicazione.

Dettagli

COMPARATIVE LABOR LAW DOSSIER DISMISSALS DUE TO BUSINESS REASONS IN ITALY

COMPARATIVE LABOR LAW DOSSIER DISMISSALS DUE TO BUSINESS REASONS IN ITALY COMPARATIVE LABOR LAW DOSSIER DISMISSALS DUE TO BUSINESS REASONS IN ITALY Prof. Professore Ordinario di diritto del lavoro Università di Modena e Reggio Emilia Introduzione La Riforma del mercato del lavoro,

Dettagli

LA RIFORMA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: IL NUOVO ARTICOL0 18

LA RIFORMA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: IL NUOVO ARTICOL0 18 LA RIFORMA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: IL NUOVO ARTICOL0 18 Ancona, 19 luglio 2012 Avv. Leonardo Criscuoli Studio Legale, Commerciale e Tributario www.an.camcom.gov.it 1 La disciplina dei licenziamenti

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO A cura di Valerio Gastaldello, Coordinatore Uffici Vertenze Cisl del Veneto [3 luglio 2012] Presentazione La riforma del

Dettagli

Il contratto a tutele crescenti

Il contratto a tutele crescenti Il contratto a tutele crescenti Giampiero Falasca giampiero.falasca@dlapiper.com L impianto della riforma Servizi per agevolare la ricerca di una nuova occupazione Incentivi per assunzioni stabili Meno

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO E L ART.18 STATUTO DEI LAVORATORI. Prima e dopo la Legge Fornero e il Jobs Act

LA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO E L ART.18 STATUTO DEI LAVORATORI. Prima e dopo la Legge Fornero e il Jobs Act LA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO E L ART.18 STATUTO DEI LAVORATORI Prima e dopo la Legge Fornero e il Jobs Act L art. 18 dello Statuto dei Lavoratori è stato radicalmente modificato negli ultimi tre anni,

Dettagli

Licenziamento individuale

Licenziamento individuale Licenziamento individuale Riflessioni e novità Cristina Gariglio Licenziamento individuale: caratteristiche e tipologia Il termine licenziamento sta a indicare l atto unilaterale recettizio con il quale

Dettagli

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta 09.09.2015 Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta U.O. Relazioni Sindacali e Conflitti di Lavoro Dott.ssa Giulia De Paola Il presente lavoro, che non ha alcuna

Dettagli

CAPITOLO 5 LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO

CAPITOLO 5 LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO Capitolo 5 - CAPITOLO 5 LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO L art. 3 del D.Lgs. n. 23/2015 disciplina il licenziamento per giustificato motivo oggettivo (c.d. licenziamento economico), giustificato

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 2 Gennaio 2013, n 6 (Pres. P. Venuti; Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato - Licenziamento per

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 2 Gennaio 2013, n 6 (Pres. P. Venuti; Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato - Licenziamento per MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 2 Gennaio 2013, n 6 (Pres. P. Venuti; Rel. E. D Antonio) Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato - Licenziamento per giustificato motivo oggettivo Onere della

Dettagli

Licenziamenti individuali: tipologie e formule. Paola Salazar - Avvocato in Milano, Studio legale G. Ciampolini

Licenziamenti individuali: tipologie e formule. Paola Salazar - Avvocato in Milano, Studio legale G. Ciampolini I contratti dopo la Riforma Licenziamenti individuali: tipologie e formule Paola Salazar - Avvocato in Milano, Studio legale G. Ciampolini Come noto, il recesso dal rapporto di lavoro è regolato dalle

Dettagli

JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart»

JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart» JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart» Sergio Barozzi Sofia Bargellini Francesco Bacchini 15.07.2015 1 Tableau de travail Lavoro a orario ridotto e lavoro flessibile Il rapporto di

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

Legge 11 maggio 1990, n. 108 (Gazzetta Ufficiale 11 maggio 1990, n. 108)

Legge 11 maggio 1990, n. 108 (Gazzetta Ufficiale 11 maggio 1990, n. 108) Legge 11 maggio 1990, n. 108 (Gazzetta Ufficiale 11 maggio 1990, n. 108) Disciplina dei licenziamenti individuali Articolo 1 - Sostituzione dei primi due commi dell'art. 18 L. 300/1970 Articolo 2 - Applicazioni

Dettagli

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Novità sostanziali e processuali

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Novità sostanziali e processuali www.trifiro.it Trifirò & Partners Avvocati LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Novità sostanziali e processuali Licenziamenti individuali: novità sostanziali e processuali A cura di Trifirò & Partners Avvocati Novembre

Dettagli

(L. 300/70) modificato dalla L. 92/2012, (attuativo del c.d. Jobs Act): Tutela reale e tutela indennitaria

(L. 300/70) modificato dalla L. 92/2012, (attuativo del c.d. Jobs Act): Tutela reale e tutela indennitaria L.U.M.S.A. Corso di Diritto del Lavoro a.a. 2015-2016 Prof. Megna Maria Rosalia ART. 18 Statuto Lavoratori (L. 300/70) modificato dalla L. 92/2012, e d. lgs. n. 23/2015 del 4.03.2015 (attuativo del c.d.

Dettagli

Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo

Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo LA N ORMATIVA IN MATERIA DI LICENZIAMENTI INTRODOTTA DALLA LEGGE N. 183/2014 E DAL DECRETO LEGISLATIVO N. 23/2015 Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo previste dalla legge n.

Dettagli

Jobs act. Fisascat Cisl Milano Metropoli

Jobs act. Fisascat Cisl Milano Metropoli Jobs act Fisascat Cisl Milano Metropoli Licenziamenti illegittimi Prima della Fornero Fornero Si applica agli assunti prima del 7 marzo 2015 Tutele crescenti Licenziamento discriminatorio Tutela reale

Dettagli

LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO 2 aprile 2014 Prof. Francesco Rotondi LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO La forma più comune di estinzione del rapporto di lavoro subordinato, è costituita dal potere

Dettagli

contratto a tutele crescenti e licenziamenti

contratto a tutele crescenti e licenziamenti 16/02/15 contratto a tutele crescenti e licenziamenti 13 febbraio 2015 relatore: sarah barutti s.barutti@spolverato.com www.spolverato.com CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Il 24 dicembre 2014 il Consiglio

Dettagli

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Illecito assunti fino al 6 marzo 2015 assunti dal 7 marzo 2015 discriminatorio Per avere licenziato il prestatore di lavoro per

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura

I venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura Il contratto di lavoro a tutele crescenti D.Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015 13 marzo 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Il contratto di lavoro

Dettagli

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi lexform.it II.1 IL VECCHIO E IL NUOVO ARTICOLO 18 S.L.. In quali casi si applica il nuovo procedimento giudiziario specifico? In

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 4 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Jobs act: le novità in materia di tutele crescenti e ammortizzatori sociali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

La nuova riforma del lavoro

La nuova riforma del lavoro La nuova riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Prof. Avv. Massimo Lanotte Contratto a termine Contratto a termine acausale Primo rapporto Durata non superiore a 12 mesi Anche prima missione Divieto

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Piacenza, 09 marzo 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 09 marzo 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 09 marzo 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 33 Oggetto: Modifiche alle norme sui licenziamenti Il primo pacchetto di norme emanate ai sensi della Legge 183/2014, il

Dettagli

La flessibilita in uscita

La flessibilita in uscita Grosseto 30.10.12 Dimissioni e risoluzione consensuale La Riforma del Lavoro ha introdotto nuove misure in tema di dimissioni e risoluzioni consensuali, finalizzate a garantire la veridicità della data

Dettagli

Licenziamento collettivo dei manager

Licenziamento collettivo dei manager Legge europea 2013 bis Licenziamento collettivo dei manager Daniele Colombo - Avvocato Dal 25 novembre 2014 la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge n. 223/1991 interessa anche i dirigenti.

Dettagli

COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE

COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE La Legge n 183/14 (nota come Jobs Act) introduce, tramite il decreto legislativo n. 23 /2015, notevoli modifiche

Dettagli

RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI In data 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 23, attuativo della nota legge delega

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA. Art. 1. Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con. Art. 2.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA. Art. 1. Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con. Art. 2. LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. Vigente al: 17-6-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

LEGGE 15 luglio 1966, n. 604

LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. Vigente al: 28-11-2012 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: PRINCIPI GENERALI

CAPITOLO PRIMO LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: PRINCIPI GENERALI INDICE CAPITOLO PRIMO LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: PRINCIPI GENERALI 1. Evoluzione storico-giuridica delle principali fonti normative del licenziamento individuale... pag. 9 2. I requisiti formali del licenziamento:

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015 Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Art. 4 Vizi formali e procedurali 1. Nell ipotesi in cui il licenziamento sia intimato con violazione del

Dettagli

La Riforma del mercato

La Riforma del mercato LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Giacomo Picconeri* Una prima analisi delle disposizioni contenute nella cosiddetta Legge Fornero che interviene in moltissimi istituti contrattuali e legali, con evidenti

Dettagli

Le nuove regole per l estinzione del rapporto. 1) Breve panorama delle fonti.

Le nuove regole per l estinzione del rapporto. 1) Breve panorama delle fonti. Le nuove regole per l estinzione del rapporto. 1) Breve panorama delle fonti. La disciplina dei licenziamenti individuali è contenuta nelle seguenti leggi: la legge 604/1966, la legge 108/1990, la legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015 CIRCOLARE N. 1/2015 del 9 gennaio 2015 OGGETTO: SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

(4) Comma così sostituito dal comma 37 dell art. 1, L. 28 giugno 2012, n. 92.

(4) Comma così sostituito dal comma 37 dell art. 1, L. 28 giugno 2012, n. 92. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato disposto

Dettagli

SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI

SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI www.adapt.it, 3 novembre 2011 SCHEDE DI SINTESI DISEGNI DI LEGGE IN MATERIA DI LICENZIAMENTI di Stefano Salvato Progetto di legge n. 2224 Wilde, 13 marzo 1997 Modifica articolo 2, comma 1, legge 11 maggio

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Vademecum per le delegate e i delegati

Vademecum per le delegate e i delegati Vademecum per le delegate e i delegati CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE DI ROMA E PROVINCIA 00185- ROMA Via Cavour, 101 - tel. 0648029250 fax 064828857 00175 ROMA Via Ponzio Cominio, 56 tel.0676968412 fax

Dettagli

Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014. Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie

Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014. Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014 Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie Allegato alla presente, documento di OR.S.A. FERROVIE recante i contenuti e la prima analisi (in

Dettagli

Licenziamenti art.18. RIFORMA FORNERO: 3 i punti essenziali

Licenziamenti art.18. RIFORMA FORNERO: 3 i punti essenziali RIFORMA FORNERO: 3 i punti essenziali Licenziamenti art.18 Nel nostro ordinamento il l i c e n z i a m e n t o è disciplinato da norme codicistiche e da disposizioni di legge. L art. 2118 del codice Civile

Dettagli